DOSSIER LAGHI 2008 LAGO TRASIMENO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOSSIER LAGHI 2008 LAGO TRASIMENO"

Transcript

1 DOSSIER LAGHI 2008 LAGO TRASIMENO 1. Descrizione e inquadramento territoriale e naturale IlLagoTrasimeno,conunasuperficiedi124km²,èilpiùestesolagodell'Italiapeninsulare, quartotrailaghiitalianiappenadopoillagodicomo.e unlagolaminare(profonditàmediaa massimo invaso di 4.72 m). E privo di immissari naturali e i livelli lacustri dipendono quindi dall andamento stagionale delle piogge. Questa caratteristica, unitamente ai consistenti processi di evaporazione ed evapotraspirazione, determina persistenti crisi idriche che condizionano l ecologia lacustre(i tempi di ricambio del lago sono superiori a 24 anni). L ultima crisiidricarisalenteal2003havistoillivellodellagoraggiungereil-185cmeattualmente siamo a cm al di sotto dello zero idrometrico. Il paesaggio è caratterizzato da dolci colline coltivate prevalentemente ad olivi, dal susseguirsi di centri rivieraschi e i piccoli borghi di pescatori e dalla presenza di tre isole: l'isola Polvese, la più estesa, di proprietà della Provincia di Perugia, che è utilizzata come centro didattico e di studio ambientale; l'isola Maggiore, la seconda in ordine di grandezza, in cui è un grazioso borgo di pescatori risalente al '400; l'isola Minore, di proprietà privata. Le coltivazioni intensive, per lungo tempo, hanno costituito l indirizzo colturale prevalente, soltanto recentemente, a causa delle ripetute crisi idriche, si è optato per la valorizzazione di colture tipiche e meno idroesigenti, e per sistemi di irrigazione localizzati ed ad alta efficacia per ridurre i consumi idrici. 2. Dati sulla balneazione e condizione del sistema fognario e depurativo nei Comuni del bacino Dai periodici controlli effettuati dall ARPA risulta che i valori dei parametri rientrano generalmente tutti nei limiti normativi, fatta eccezione per quelli relativi a ph, ossigeno disciolto e trasparenza. Il superamento dei limiti, per questi parametri, è dovuto prevalentemente a cause del tutto naturali, legate ad alcune peculiarità ambientali del lago Trasimeno.LevariazionidipHsonodovuteaiforticonsumidiCO 2 dapartedelfitoplanctone dalle estese praterie di macrofite acquatiche. Sempre fitoplancton e piante acquatiche possono causare, soprattutto nel periodo estivo, sovrasutazione di ossigeno disciolto. L abbassamento dei valori di trasparenza dell acqua è invece determinato dalla bassa profondità dell acqua e dal conseguente rimescolamento del fondo dal parte del moto ondoso. Si tratta quindi di fenomeni caratteristici del lago Trasimeno, che tuttavia non arrecano pericoli dal punto di vista igienicosanitario. Va però messo in evidenza che, in occasione dell edizione 2007 di Goletta dei Laghi, dopo un abbondante precipitazione, il sistema fognario in sovraccarico ha provocato sversamenti tali da compromettere le qualità delle acque. Infatti, le analisi condotte nel mese di giugno dai tecnici di Legambiente nei 12 punti lungo il perimetro del Trasimeno ad una settimana da abbondanti precipitazioni, hanno evidenziato la presenza coliformi fecali e escherichia coli molto superiori ai limiti di legge. Altrettanto indicativo è il problema dell'eutrofizzazione nel Trasimeno, che determina il superamento dei valori di ossigeno in quasi tutti i campioni. Questo fenomeno ha costretto negli anni a Regione Umbria a chiedere al Ministero della Salute una deroga ai limiti dell'ossigeno, della torbidità e del ph. La deroga ha permesso comunque all'umbria di assegnare la balneabilità al Trasimeno, ma non risolve il problema della salute dell'ecosistema lago. Particolarmente delicato è l equilibrio trofico. In particolare l eccesso di sostanze minerali e biomassa organica di origine esterna ed interna (alghe e piante acquatiche) influenza i processi di mineralizzano che, come noto, comportano forti consumo di ossigeno. Da quest ultimo dipendono sia la qualità dell acqua che le possibilità di sopravvivenza delle componenti viventi(dal plancton ai pesci). 1

2 Il contenimento dei carichi esterni è affidato all efficacia degli impianti di depurazione. Di seguito l elenco degli impianti di depurazione (fonte Lago Blu 2004 pubblicazione del Comando dei Carabinieri per la Tutela Ambientale t.htm), dati aggiornati ad oggi con un intervista telefonica fatta da Legambiente Umbria a Antonio Pagnotta responsabile depuratori Umbria Acque spa, da cui si può rilevare che sono stati fatti negli ultimi anni interventi di manutenzione e miglioramento degli impianti, tali da raddoppiare quasi la capacità di depurazione degli impianti, fino a raggiungere una potenzialità per abitanti equivalenti di Se questo dato è assolutamente incoraggiante rispetto alla popolazione che è di abitanti, rimane comunque sottodimensionato se si considera il notevole numero di turisti che insistono nell area del Trasimeno soprattutto nel periodo estivo, quando i livelli del lago sono più critici. La presenza turistica al Trasimeno infatti supera un milione di presenze l anno. Vasegnalatocomunquecheil90%delleutenzeèservitodallaretefognariaecheèprevisto un intervento strutturale a tutta la rete circunlacustre che sarà convogliata al depuratore di Montesperello (Magione) in modo da rendere più efficace la depurazione delle acque e collegare anche le utenze non servite. Comune Abitanti Anno di entrata in funzione Potenzialità per abitanti equivalenti del depuratore anno 2004(Fonte Comando Carabinieri Tutela Ambientale) Potenzialità per abitanti equivalenti del depuratore anno 2008(dati rilevati tramite intervista) Recenti interventi migliorativi agli sugli impianti Panicale Manutenzione ordinaria Tuoro Manutenzione sistema areazione e grigliatura Castiglione del Lago Loc.Bonazzoli Madonna del Soccorso Loc.Bonazzoli Madonna del Soccorso Rifatto completamente impianto nel 2005 con abbattimento fosforo in base alle nuove normative 1986 Loc.Pineta Loc. Pineta Potenziato sistema delle griglie Magione Loc.Sant Arcangelo Loc.Montesperello Loc.Sant Arcangelo Loc. Montesperello Manutenzione grigliatura, areazione, ispessimento dei fanghi Nuovo impianto di depurazione ampliato e modificato, inserito sistema di 2

3 Passignano sul Trasimeno disinfestazione con raggi ultravioletti Modificato il sistema di grigliatura ed estrazione delle sabbie 3.Illegalità accertate e/o vertenze locali Nel corso di questi ultimi anni l attenzione di Legambiente Umbria è stata posta prevalentemente alle modalità di gestione da parte degli enti delle crisi idriche del bacino del Trasimeno, all urbanizzazione eccessiva che interessa soprattutto alcune aree di pregio ambientale e alla gestione e la manutenzione ordinaria del bacino lacustre. Di seguito il dettaglio di delle ultime e più importanti vertenze: Lottizzazione a Montalcino di S.Feliciano a Magione, progetto che va avanti dal 1994, primacon53.000mc.oradiventaticirca43.000mc,macondeiseminterratiche,in sostanza, fanno tornare la cubatura allo stesso livello precedente. Il progetto prevede che nella piccola frazione di S.Feliciano si costruiscano 10 palazzi e 32 casette a schiera, per un totale di 250 appartamenti. Contro la lottizzazione le tre associazioni Italia Nostra, WWF e Legambiente si sono ripetutamente opposte dapprima con una sottoscrizione che ha raccolto circa firme, poi presentando un esposto alla magistratura e agli enti locali preposti al controllo. Pare, ora, che dopo le numerose proteste e le decise prese di posizione, contrarie, il progetto verrà ridimensionato. Richiesta alla Provincia di Perugia di sospensione immediata degli interventi di dragaggio eseguiti nel mese di febbraio Legambiente Umbria ha rilevato che gli interventi in questione consistono in un vero e proprio decorticamento del fondo del lago-ilfondovienescavatoedilmaterialevienepoiaspiratoerigettatoinaltrearee del Lago e che gli effetti negativi prodotti sono tali da causare alterazioni gravi dell ecosistema con la distruzione degli habitat caratteristici del fondo, la scomparsa di specie vegetali ed animali, l alterazione della qualità dell'acqua e degli habitat di interesse ittico con gravi conseguenze sul pescato, oltre a quella della vegetazione acquatica litoranea. Nella richiesta di sospensione immediata dei lavori Legambiente Umbria ha ribadito inoltre la necessità che questo tipo di interventi debbano essere valutati e gestiti nell'ambito di quanto previsto dalla Rete Natura 2000, denunciando che, nonostante il Trasimeno sia contemporaneamente SIC e ZPS, tutte le norme in questione non sono applicate e peggio ancora le azioni negative esercitate su habitat e specie, sono considerate del tutto compatibili. 4. Studi ambientali sull ecosistema lacustre L unico studio effettuato sui sedimenti è piuttosto datato. L analisi di questa importante componente ambientale non rientra nell ambito delle attività di monitoraggio di ARPA Umbra e questa lacuna andrebbe rapidamente colmata soprattutto in considerazione dei dati allarmanti scaturiti dallo studio precedentemente citato. Analoga considerazione vale per le principali categorie ecologiche(fito e zooplancton, benthos). Diversa la situazione per la fauna ittica che è oggetto di sfruttamento intensivo (pesca sportiva e professionale) e per l avifauna. La Provincia di Perugia e la Regione Umbria promuovono studi specifici ai fini del monitoraggio ed il controllo delle specie ittiche e dell avifauna. La diffusione di specie esotiche, soprattutto del carassio dorato, costituisce un forte elemento di perturbazione della comunità ittica che arreca gravi danni all ecosistema e alla pesca professionale. 3

4 5. Turismo Il carico di turisti, nel periodo estivo, raggiunge dimensioni ragguardevoli (oltre 1 milione di presenze). I conseguenti benefici economici che ne derivano dovrebbero essere associati alle inevitabili sollecitazioni ambientali trasmesse all ecosistema acquatico. Si pensi soltanto al sistema di depurazione dimensionato per la popolazione locale e non per quella fluttuante (turismo). Analoga preoccupazione vale per la creazione di infrastrutture quali ad esempio darsene, moli, spiagge che finiscono per alterare in modo irreparabile gli habitat della fascia litoranea. Legambiente non si oppone alla valorizzazione turistica del lago ma ritiene che, come nel caso dei dragaggi, debbano essere messi a punti specifici protocolli di intervento per la regolamentazione di tali attività. In particolare debbano essere applicate in modo rigoroso (rispetto delle normative previste dalla rete Natura 2000) le procedure per la valutazione di incidenza. Sarebbe inoltre auspicabile che per tutti gli interventi in questione debba essere elaborato uno specifico piano di settore. Ciò permetterebbe di quantificare e qualificare gli interventi stabilendo un limite all uso delle risorse della fascia costiera e individuando quelle non disponibili in quanto ritenute di interesse prioritario. Va segnalato comunque che la Comunità Montana Monti del Trasimeno nell ambito dell Agenda 21 locale ha promosso il «Manifesto Ambientale e della qualità del servizio turistico», un marchio di garanzia e tutela per i turisti e i residenti. Viene assegnato, mediante la verifica da parte di un agenzia specializzata in certificazione, alle attività turistiche che garantiscono sistemi di gestione e servizi di qualità rispettosi dell ambiente. Ad ogni attività che supera positivamente la verifica vengono assegnati uno, due o tre aironi in relazione al livello di certificazione ottenuto. Attualmente hanno aderito al manifesto 18 strutture tra cui hotel, agriturismi, bed& breakfast e tutti i campeggi. 6.Presenza di zone di pregio naturale e paesaggistico, riserve naturali e parchi, Dal punto di vista zoologico tutto il territorio del Trasimeno è considerata"area regionale di particolare interesse faunistico", tutta la zona umida infatti è inserita in un area classificata come Sito di Importanza Comunitaria(SIC) e Zona di Protezione Speciale(ZPS), nonché zona umida di valore internazionale. Inoltre nel 1995 è stato Istituito il Parco Regionale del Trasimeno. Laboscagliaigrofilaconisalici,ipioppiegliontani,ipratiumidiedimpregnatid'acquaperla maggior parte dell'anno, il fitto canneto che si estende ancora per vaste aree, il lamineto formato dagli estesi tappeti delle foglie galleggianti delle piante acquatiche tra le quali ancora è possibile osservare qualche esemplare di Ninfea Bianca ed infine le piante acquatiche sommerse che costituiscono estese e fitte praterie che occupano tutto il lago: sono questi gli ambienti naturali, habitat ideali per la vita delle oltre 201 specie di uccelli che si trovano al Trasimeno. Di queste 84 specie sono nidificanti, mentre 96 sono svernanti: ogni anno fino a uccelli acquatici scelgono di trascorrere l'inverno nelle acque più miti del Trasimeno prima di partire per raggiungere le aree di nidificazione del Nord Europa. Tra i nidificanti si può osservare l Airone rosso, l'airone cenerino, la Sgarza ciuffetto, la Nitticora, l'airone guardabuoi, il Tarabusino, il Cavaliere d Italia e la Moretta tabaccata. Tra gli svernanti, tutti individui provenienti esclusivamente dal nord est europeo, sono state censite nell ultimo anno Folaghe, Germani reali, Moriglioni, Alzavole, Svassi maggiori e 300 Morette tabaccate. Quest ultima specie, in particolare, testimonia l importanza del lago come luogo di svernamento essendo rara, bastano infatti 100 individui presenti in una data area per decretarla di importanza internazionale. Oltre alla presenza di una grande varietà di specie di uccelli acquatici, al Trasimeno vivono anche22speciedimammiferi,tracuil'istriceètraquellepiùinteressanti dapuntodivista naturalistico; 7 specie di anfibi, la classe di vertebrati maggiormente vulnerabile e minacciata a causa della scomparsa e nella modificazione degli habitat da questi utilizzati, tra questi il più vulnerabile il tritone punteggiato. Abbastanza ricca è anche la fauna ittica, con 18 specie 4

5 presenti nel bacino lacustre di cui soltanto 5 sono autoctone: tinca, cavedano, scardola, luccio, anguilla. Le ultime due sono considerate parzialmente minacciate. le altre specie, sono state tutte introdotte negli ultimi settanta anni, con ripopolamenti per motivi legati allo sviluppo della pesca commerciale. Oasi naturalistica la valle L'area denominata la Valle è un'oasi di protezione Faunistica ricompresa nel Parco Naturale Regionale del Trasimeno che si trova nei pressi della frazione di San Savino di Magione, sulla sponda sud orientale del lago, dove più esteso è lo straordinario ambiente del canneto. Di proprietà della Provincia di Perugia, è gestita dal 1996 da Legambiente Umbria. Aperta al pubblico tutto l anno, rappresenta un accesso privilegiato per conoscere il Parco del Trasimeno e il suo patrimonio ambientale e culturale: la sua ricchezza naturale, gli aspetti geologici e morfologici, lo storico sistema di approvvigionamento del Lago. Muniti di binocolo o del cannocchiale, messi a disposizione di ogni visitatori, percorrendo la passerella che si inoltra nel canneto è possibile osservare la parata nuziale dello Svasso maggiore, il volo del Falco di palude, la mimetizzazione dell Airone rosso, o le decine di migliaia di uccelli svernanti. L Isola Polvese LaPolveseèunadelletreisolecheemergonodalleacquedelTrasimenoeconisuoi69,60 ettaridisuperficieèlapiùestesa.diproprietàdellaprovinciadiperugiaèstataoggettoda parte dell Ente di sperimentazione su scala reale di politiche di sviluppo sostenibile, di protezione e valorizzazione dell ambiente allo scopo di esportarle anche ad aree più vaste e critiche del territorio provinciale. Il processo di certificazione ha avuto inizio nel 2000 e, nel 2005 si è arrivati al conseguimento del certificato secondo la Norma ISO 14001/2004. L implementazione del Sistema di Gestione Ambientale secondo la Norma ISO 14001/2004 ha reso necessaria la redazione del documento di politica ambientale finalizzato all ottenimento di una migliore gestione delle problematiche ambientali, tecniche e amministrative. Nello specifico la Provincia di Perugia si è impegnata a: - rispettare le leggi, i regolamenti e gli standard applicabili nel campo ambientale, utilizzare le risorse al minimo richiesto adottando tutte le precauzioni per assicurarne la fruizione alle generazioni future; - stabilire traguardi ed obiettivi al fine di un miglioramento continuo dell efficienza ambientale; gestire e controllare i residui e gli scarichi delle attività al fine di ridurne l impatto ambientale; adottare le migliori tecnologie disponibili impiegando preferibilmente quelle che utilizzano fonti rinnovabili coinvolgere tutti gli operatori economici di Isola Polvese nell attivazione di tutte le misure per assicurare oltre al rispetto delle normative vigenti in campo ambientale, anche il rispetto degli obiettivi prefissati della Provincia per il raggiungimento della certificazione ambientale; - incrementare con corsi di formazione periodici la conoscenza di tutti i dipendenti riguardo la corretta gestione delle attività svolte nel sito della Polvese e riguardo le principali normative ambientali applicabili nel territorio; - diffondere e rendere pubblico il documento di Politica - estendere, entro tre anni dall ottenimento della certificazione ISO14001 dell Ufficio Isola Polvese, la certificazione all intero assessorato all Ambiente della Provincia di Perugia; - favorire la partecipazione della popolazione anche utilizzando metodologie e strumenti mutuati dai programmi di Agenda 21 e/o inserendo il progetto all interno dei percorsi di Agenda 21 già avviati; favorire la crescita di un turismo sostenibile, mirando ad un rapporto più equilibrato delle presenze turistiche durante l anno, sostendendo attività didatticoeducative, progetti scientifici e culturali soprattutto nel periodo autunno-inverno di minor afflusso, anche con la prevenzione e repressione di comportamenti scorretti ambientalmente e scoraggiando invece un turismo usa e getta ; - proseguire l impegno della Provincia nell ampliare l utilizzo sia di mezzi di navigazione a basso impatto ambientale sia ad intensificare, in collaborazione con la Capitaneria di Porto e la Polizia 5

6 Provinciale, le funzioni di controllo e vigilanza sulle limitazioni vigenti della navigazione privata amotore. 7. Attività realizzate da Legambiente e le nostre proposte per un modello alternativo e più sostenibile della risorsa lago. Gestione Oasi naturalistica la Valle Legambiente Umbria gestisce dal 1996 l Oasi Naturalistica la Valle, svolgendo oltre che ad attività di manutenzione e gestione ordinaria dell Oasi, attività scientifica e di monitoraggio faunistico. L Oasi inoltre ospita un Centro di educazione ambientale che propone alle scuole percorsi didattici, laboratori ed escursioni per comprendere gli ambienti naturali e viverli come luoghi di esperienze concrete per la conservazione e la valorizzazione della diversità biologica. Inanellamento scientifico degli uccelli è una delle attività che Legambiente svolge all interno dell Oasi la Valle. La stazione di inanellamento dell Oasi è l unica in Umbria ad effettuare catture in maniera regolare e standardizzata. La stazione di Inanellamento si occupa essenzialmente dello studio delle popolazioni di Passeriformi e opera in continuità lungo tutto il corso dell'anno, in un unico sito di cattura utilizzando 10 reti collocate all interno del canneto. Tutti gli individui catturati vengono contrassegnati con anelli forniti dall'istituto Nazionale per lafaunaselvaticadotatidiuncodicealfanumericoesudiessivengonoeseguitiirilieviqualila determinazione della specie, del sesso e dell'età, la lunghezza dell ala, della terza penna remigante primaria e del tarso, viene valutata l entità dell accumulo di grasso e lo sviluppo delle fasce muscolari. Infine, una volta pesati vengono rilasciati. La Mappa della Primavera Progetto supportato e patrocinato dal Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e realizzato da Federparchi, Legambiente e Coldiretti che ha previsto negli anni 2006 e 2007 la mappatura delle fioriture nelle aree protette italiana. Di seguito e proposte che Legambiente Umbria per un modello alternativo e più sostenibile della risorsa lago: Dalla condizioni di estrema fragilità in cui si trova il Lago Trasimeno non è pensabile si possa uscire con episodici interventi, pur costosi ed impegnativi. A nostro avviso occorre adottare misure coerenti di salvaguardia e di ripristino ambientale che riguardino l intero bacino imbrifero del lago. 1)Osservanza del blocco totale degli attingimenti, previsto dal Piano Stralcio per il Trasimeno a quota -120 cm. sotto lo zero idrometrico, senza alcuna possibilità di deroga né per le concessioni regionali,né per quelle statali, né per le licenze provinciali. Unica eccezione l approvvigionamento idropotabile di Castiglione, ma con garanzie di tempi certi per l allaccio agli acquedotti consortili. 2)Smantellamento immediato delle stazioni di pompaggio(con eliminazione dei relativi canali adduttori) per evitare il perdurare dei prelievi anche al di fuori della stagione irrigua. 3)Censimento di tutti i laghetti di accumulo presenti nel bacino, eliminazione di quelli abusivi (non autorizzati o non dichiarati) con restituzione delle loro acque al lago, blocco delle nuove autorizzazioni. 4)Censimento e chiusura di tutti i pozzi abusivi(non autorizzati o non dichiarati) presenti nel bacino. 7)Riconversione colturale immediata, a parità di reddito per gli agricoltori, e ripristino delle scoline eliminate dai latifondisti per accorpare i terreni. 8)Istituzione di una fascia di rispetto intorno alle rive, a partire dal termine della fascia demaniale, che andrebbe chiaramente determinata, in cui sia vietata ogni coltivazione, con il suo inevitabile corredo di pesticidi e fertilizzanti, e siano ripristinati canneto e prati umidi, essenziali per la salute di un lago laminare. 6

7 9)Creazione di una seconda fascia circumlacuale in cui siano possibili solo colture biologiche non idroesigenti, ricorrendo ad appositi incentivi. 10)Divieto di fertirrigazione in tutto il bacino imbrifero ed obbligo di smaltire i reflui degli allevamenti, alcuni dei quali non censiti né controllati, attraverso impianti di depurazione consortili appositamente costituiti con adeguati incentivi. 11)Creazione di un anello fognario circumlacuale che, collegando e completando le fognature già esistenti, raccolga e convogli fuori dal bacino i reflui sia civili che industriali, dotando nel contempo i Comuni interessati di depuratori efficienti, adeguati a sostenere il carico di presenze turistiche estive e sottoposti a periodica manutenzione ordinaria. 12)Effettuazione obbligatoria, ad intervalli regolari e frequenti, di analisi della qualità delle acque del lago da parte di un unico ente responsabile adeguatamente attrezzato con pubblicazione in tempi reali dei relativi risultati. 13)Sostituzione in tempi brevi dei motori a due tempi per la navigazione da diporto, ormai vietata sui laghi dalla normativa europea, con motori a quattro tempi notoriamente assai meno inquinanti. 14)Moratoria degli interventi edilizi sulle rive fino a che il livello delle acque non sia tornato normale, per evitare di ingessare il lago sui livelli attuali. Stop a nuovi porti, ora del tutto inutili, a nuovi campeggi od altre strutture ricettive sulle rive e pure agli ampliamenti di quelle già esistenti con ulteriore consumo delle sponde. Niente piscine sulla fascia demaniale né in posizioni tali da creare problemi al ripristino del livello delle acque. Nessuna spiaggia artificiale la cui sabbia, a causa del moto ondoso,andrebbe ad aggravare l interrimento. 15)Limitare le azioni di dragaggio esclusivamente alle aree lacustri di interesse per la navigazione pubblica considerando prioritaria la messa a punto di un protocollo di intervento (modalità di intervento, tempi e protezione degli habitat di interesse per la flora e per la fauna, modalità di stoccaggio). Per lo stocaggio del materiale dragato si potrebbero utilizzare le cave dismesse. 16)Non consentire attività estrattive nel bacino imbrifero del lago. 17)Dotare i corsi d acqua affluenti, di briglie, che trattengano i corpi solidi, e di colmate avanti lo sbocco nel lago, da svuotare regolarmente dai sedimenti, utilizzabili in luogo delle estrazioni da nuove cave. 18)Controllo del rispetto da parte dei privati dell obbligo loro imposto dalla legge di curare la manutenzione dei fossi e delle scoline di loro competenza per aumentare il coefficiente di deflusso delle acque meteoriche verso il lago. Regolare manutenzione di quelli di competenza pubblica. 19)Adeguamento sollecito dei P.R.G. alla normativa del Piano Stralcio per il Trasimeno con rigorosi controlli sulla sua attuazione. 20)Ridurre le cubature massime previste dai P.R.G. nelle zone vincolate paesaggisticamente a misure analoghe a quelle consentite nelle zone agricole di pregio. Scoraggiare l uso indiscriminato delle mobile home considerandole, come in realtà sono, cubature a tutti gli effetti. Incentivare il corretto recupero dei vecchi casali abbandonati e la riutilizzazione ragionata dei complessi monumentali. Vincolare l uso del suolo sulle aree collinari alle destinazioni storiche per evitare la distruzione di oliveti secolari e di boschi con ulteriori deturpanti lottizzazioni. 21)Revisione del Piano del Parco in senso prescrittivo, con indicazioni chiare di quello che si puòfareechenonsipuòfarealsuointerno:quelloattualmenteincorsodiapprovazionesi limita a discorsi generici pieni di buone intenzioni ed a fotografare l esistente. 22)Riforma degli organi dell Ente Parco con attribuzione di più incisivi poteri di indirizzo e di controllo su quanto attiene il lago. Affidamento della gestione a tecnici di comprovata esperienza nel settore. 23)Allargamento della perimetrazione del Parco del Trasimeno all intero bacino imbrifero come originariamente predisposto dalla Regione nel Sistema Parchi Ambiente. Perugia, giugno 2008 A cura di Legambiente Umbria 7

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali Relatore: SERGIO CANOBBIO Seriate,,

Dettagli

ASSESSORATO ALL AMBIENTE ED ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE. Servizio Risorse Idriche e Rischio Idraulico

ASSESSORATO ALL AMBIENTE ED ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE. Servizio Risorse Idriche e Rischio Idraulico REGIONE UMBRIA ASSESSORATO ALL AMBIENTE ED ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE La pianificazione regionale del Lago Trasimeno Ing. Angelo Viterbo Ing. Angelo Raffaele Di Dio (2 dicembre 2010) Obbiettivi di Piano

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Direttive

Dettagli

AL PRESIDENTE DELLA REGIONE LIGURIA AL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI IMPERIA AL SINDACO DI POMPEIANA

AL PRESIDENTE DELLA REGIONE LIGURIA AL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI IMPERIA AL SINDACO DI POMPEIANA AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI IMPERIA AL SINDACO DI POMPEIANA AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL CORPO FORESTALE DI IMPERIA ALLA POLIZIA PROVINCIALE DI IMPERIA Prot.n. 251/06

Dettagli

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO Nell ambito delle misura di conservazione obbligatorie per i Siti della Rete Natura 2000, la normativa

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna L Assessore della Difesa dell Ambiente

Regione Autonoma della Sardegna L Assessore della Difesa dell Ambiente Decreto n 34 / V Regione Autonoma della L Assessore della Difesa dell Ambiente OGGETTO: Azione di protezione delle produzioni ittiche negli stagni dell Oristanese dalla predazione degli uccelli ittiofagi.

Dettagli

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino.

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino. Legge regionale 21 aprile 2008, n. 11 Istituzione del Parco Marino Regionale Costa dei Gelsomini. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione) 1.

Dettagli

Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta

Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta 1 PARCO DEL TREBBIA - Legge Regionale n. 19/2009 2 PARCO DEL TREBBIA - Legge Regionale n. 19/2009 Art. 1 Istituzione del Parco regionale, finalità e obiettivi gestionali

Dettagli

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011 Bando con scadenza 22 aprile 2011 BANDI 2011 26 Piano di azione Promuovere la sostenibilità ambientale a livello locale Tutelare e valorizzare la biodiversità Il problema Lo sviluppo umano è oggi causa

Dettagli

OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso.

OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso. OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso. DITTA: Minà Adalgisa PREMESSA La seguente relazione integrativa, si è resa necessaria per integrare la valutazione

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE 5 DETTAGLI E MISURE Direttiva 79/409/CEE sugli uccelli selvatici e successivi atti

Dettagli

3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO

3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO 3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO 3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA Polizia Provinciale Il presidio e controllo del

Dettagli

Lunedì 24 marzo -Passeggiando tra canneti e specchi d acqua- Le Torbiere del Sebino: una Riserva Naturale a pochi passi da casa

Lunedì 24 marzo -Passeggiando tra canneti e specchi d acqua- Le Torbiere del Sebino: una Riserva Naturale a pochi passi da casa Lunedì 24 marzo -Passeggiando tra canneti e specchi d acqua- Le Torbiere del Sebino: una Riserva Naturale a pochi passi da casa Attività presso il Centro Accoglienza Visitatori Riserva Naturale Torbiere

Dettagli

COMUNE DI CUPRA MARITTIMA

COMUNE DI CUPRA MARITTIMA GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNEDICUPRAMARITTIMA Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW DAVANTI FOSSO DELL'ACQUA ROSSA DAVANTI TORRENTE

Dettagli

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano 6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano Art. 1 Finalità generali del Piano 1. Il presente Piano costituisce piano stralcio di bacino ai sensi del c.6 ter dell art.17

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE AL LAGO TRASIMENO

SVILUPPO SOSTENIBILE AL LAGO TRASIMENO L E G A M B I E N T E U M B R I SVILUPPO SOSTENIBILE AL LAGO TRASIMENO Perugia, 3 giugno 2008 A : iniziative e proposte Le proposte elaborate da Legambiente fanno riferimento al Piano di sviluppo sostenibile

Dettagli

- che attualmente il Lazio è interessato da 6 aree protette nazionali e da 69 aree protette regionali

- che attualmente il Lazio è interessato da 6 aree protette nazionali e da 69 aree protette regionali OGGETTO: PROPOSTA DI ISTITUZIONE DEL MONUMENTO NATURALE ''LAGHETTO IN LOC. SEMBLERA MONTEROTONDO SCALO'' AI SENSI DELL'ART. 6 DELLA LEGGE REGIONALE 6 OTTOBRE 1997 N. 29 E SS.MM.II. - APPROVAZIONE DELLA

Dettagli

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS Buone pratiche di gestione e conservazione degli habitat agricoli Stefania Mandrone ISPRA Settore Gestione Agroecosistemi Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS L Aquila 7 Marzo

Dettagli

Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto

Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto L'acqua inquinata Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto il suolo (falde acquifere). Va tenuto

Dettagli

18 Motoincontro Internazionale. 6 7-8 giugno 2014 Isola Polvese Lago Trasimeno (PG) Italia

18 Motoincontro Internazionale. 6 7-8 giugno 2014 Isola Polvese Lago Trasimeno (PG) Italia 6 7-8 giugno 2014 Isola Polvese Lago Trasimeno (PG) Italia Organizzato dal Moto Club Jarno Saarinen di Petrignano d Assisi Perugia (Italia) In occasione di questo grande appuntamento di Amicizia Internazionale,

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

La conservazione dell ambiente naturale nella Regione Lombardia: le garzaie e le aree protette della bassa pianura

La conservazione dell ambiente naturale nella Regione Lombardia: le garzaie e le aree protette della bassa pianura La conservazione dell ambiente naturale nella Regione Lombardia: le garzaie e le aree protette della bassa pianura A cura di U. Bressan, L. Canova, M. Fasola. Regione Lombardia Università di Pavia INTRODUZIONE

Dettagli

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Azioni di valorizzazione turistica e culturale e strategie di tutela ambientale e paesaggistica lungo il fiume Ticino

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE UMBRIA PARTE PRIMA. Sezione II ATTI DELLA REGIONE

REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE UMBRIA PARTE PRIMA. Sezione II ATTI DELLA REGIONE Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 38 del 7 settembre 2005 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI AMB/SDL/2005/000 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata Regionale Palude del Conte e duna costiera 1 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata

Dettagli

QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLA PERCEZIONE AMBIENTALE

QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLA PERCEZIONE AMBIENTALE Progetto Ideazione e realizzazione di un modello di gestione integrata delle acque dei bacini Lago di Varese, Lago di Comabbio e Palude Brabbia QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLA PERCEZIONE AMBIENTALE La

Dettagli

Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Università degli Studi di Milano - Bicocca. Sergio Canobbio

Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Università degli Studi di Milano - Bicocca. Sergio Canobbio Sergio Canobbio Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive Saronno, 16-11-2009 La problematica Ambientale ALTERAZIONI: 1. QUALITA DELL ACQUA 1 3 2. REGIME IDRAULICO 3. MORFOLOGIA DELL AMBIENTE FLUVIALE

Dettagli

Lombardia in nomi e cifre

Lombardia in nomi e cifre Stato dell acqua Lombardia in nomi e cifre I grandi fiumi Po, Ticino, Adda, Oglio, Cherio,, Chiese, e Mincio Olona, Lambro, Brembo,, Serio e Mella Regime di deflusso stabile Regime di deflusso stabile

Dettagli

Sez. 1 Informazioni generali

Sez. 1 Informazioni generali Sez. 1 Informazioni generali Informazioni di carattere generale sull acqua di balneazione volte a consentirne l'identificazione univoca, l'individuazione rispetto al territorio su cui insiste e la collocazione

Dettagli

PROPOSTE PER L EDUCAZIONE

PROPOSTE PER L EDUCAZIONE CONSORZIO PARCO REGIONALEDEI LAGHI DI SUVIANA EBRAS PROPOSTE PER L EDUCAZIONE AMBIENTALE DEL PARCO REGIONALE DEI LAGHI DI SUVIANA E BRASIMONE PER L ANNO SCOLASTICO 2008/2009 Le proposte del Parco dei Laghi

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO Soluzioni per la tutela, la gestione e la valorizzazione del patrimonio naturale Pianificazione sostenibile significa individuare soluzioni per la gestione e la tutela delle

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 I Siti Natura 2000: esperienze a confronto Dott. Giorgio Occhipinti Task Force Rete Ecologica Regione Siciliana Il Piano

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive

Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive Sergio Canobbio Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive Caronno P., 09-04 04-2010 La problematica Ambientale ALTERAZIONI: 1. QUALITA DELL ACQUA 1 3 2. REGIME IDRAULICO 3. MORFOLOGIA DELL AMBIENTE

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 18_SML

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 18_SML a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) -Zoagli 0701001018 * Punta Punta Chiappe 29,6 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale

David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Parco Regionale dei Gessi Bolognesi e Calanchi dell Abbadessa Parchi e Riserve dell Emilia Romagna David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Che cosa fa un Parco naturale?

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) 0700800803 Capo Sant Ampelio Capo Verde 31,2 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale Fase 2 La valle del Lura: co-progettare il paesaggio Elementi emersi dal percorso partecipativo: Presentazione e discussione di indicazioni per la revisione del progetto 19 Febbraio 2014 Bregnano, centro

Dettagli

I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12. Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001

I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12. Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001 I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12 Un Paese spaesato Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001 A cura del Comitato per la Bellezza e del Centro Studi TCI I libri bianchi del Touring

Dettagli

PROPOSTE DIDATTICHE E DI LABORATORIO PER L OASI DI GABBIANELLO

PROPOSTE DIDATTICHE E DI LABORATORIO PER L OASI DI GABBIANELLO ----------------------- ISCHETUS Società Cooperativa a r.l. Partita IVA 02263210482 Iscrizione Albo mutualità prevalente n A111841 Azienda con Sistema di Gestione per la Qualità certificato da Dasa-Rägister

Dettagli

PROGETTO LIFE09 NAT/IT/000093 ECORICE AZIONE D8 Seminari locali

PROGETTO LIFE09 NAT/IT/000093 ECORICE AZIONE D8 Seminari locali Criticità relative alla diminuz ione di biodive rsità in area risicola MATRICE ARGOMENTAZIONI Soluzioni/Interventi Prassi comuni Prassi proponibili Carenze conoscitive Strumenti finanziari Attori principali

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

MISURA DI SALVAGUARDIA DI CUI ALL' ART. 12 DEL DECRETO LEGGE 5 OTTOBRE 1993, N.

MISURA DI SALVAGUARDIA DI CUI ALL' ART. 12 DEL DECRETO LEGGE 5 OTTOBRE 1993, N. Pag. 1 su 10 MISURA DI SALVAGUARDIA DI CUI ALL' ART. 12 DEL DECRETO LEGGE 5 OTTOBRE 1993, N. 398, COSI' COME MODIFICATO ED INTEGRATO DALLA LEGGE DI CONVERSIONE 4 DICEMBRE 1993, N. 493 - VINCOLO DI NON

Dettagli

Profilo climatico locale: risultati ed evidenze

Profilo climatico locale: risultati ed evidenze Profilo climatico locale: risultati ed evidenze Lucio Botarelli Servizio IdroMeteoClima ARPA - Emilia-Romagna www.arpa.emr.it/sim 7 aprile 2014 Bologna Cosa ha indagato il profilo climatico locale Variabilità

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

VERBALE SINTETICO DEL I INCONTRO GRUPPO TEMATICO Acqua

VERBALE SINTETICO DEL I INCONTRO GRUPPO TEMATICO Acqua PROVINCIA DI PRATO Ufficio Agenda 21 Via Giovanni Pisano, 12-59100 Prato Tel.: 0574 534260 Fax: 0574 534329 E-mail: agenda21@provincia.prato.it Web: http:\\www.provincia.prato.it PTC 2008 Variante di adeguamento

Dettagli

GLI INQUINANTI DI ORIGINE TERRESTRE NELL ADRIATICO (Marine pollution from land based source in the Adriatic)

GLI INQUINANTI DI ORIGINE TERRESTRE NELL ADRIATICO (Marine pollution from land based source in the Adriatic) GLI INQUINANTI DI ORIGINE TERRESTRE NELL ADRIATICO (Marine pollution from land based source in the Adriatic) Ferdinando De Rosa Direttore Tecnico Scientifico ARPAM Hotel Sporting, Torrette di Ancona, 4

Dettagli

Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian Luigi Rossi ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS-ECO - Centro Ricerche ENEA di Saluggia

Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian Luigi Rossi ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS-ECO - Centro Ricerche ENEA di Saluggia Sperimentazione di Linee guida per la valutazione della compatibilità ambientale degli impianti idroelettrici sull ecosistema fluviale in ambiente montano Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian

Dettagli

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 VERIFICA DI COERENZA ESTERNA: Compatibilità dell intervento con le previsioni del PTCP VERIFICA DELLA VINCOLISTICA E DEGLI

Dettagli

Azioni di conservazione. Pagina 1

Azioni di conservazione. Pagina 1 realizzabili (= Prati Pr 1 Tutelare i prati da fieno e gestire i prati con modalità attente alle esigenze di tutela della fauna senza costo; a carico dei privati che accedono ai fondi PSR Pr 2 Controllare

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PROGRAMMATICO PER LA TUTELA E LA SALVAGUARDIA DEL FIUME CLITUNNO PRIMI INTERVENTI FRA

PROTOCOLLO D INTESA PROGRAMMATICO PER LA TUTELA E LA SALVAGUARDIA DEL FIUME CLITUNNO PRIMI INTERVENTI FRA PROTOCOLLO D INTESA PROGRAMMATICO PER LA TUTELA E LA SALVAGUARDIA DEL FIUME CLITUNNO PRIMI INTERVENTI FRA REGIONE UMBRIA AUTORITA DI AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N.3 AGENZIA REGIONALE PER L AMBIENTE (ARPA)

Dettagli

Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008

Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008 Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008 COSA SONO Il D.Lgs. 152/99 e s.m.i. definisce corpi idrici "significativi" i corpi idrici, superficiali e sotterranei,

Dettagli

PERCENTUALE LAGHI IN CLASSE DI QUALITÀ BUONA O ELEVATA NELLA REGIONE LAZIO (LTLeco)

PERCENTUALE LAGHI IN CLASSE DI QUALITÀ BUONA O ELEVATA NELLA REGIONE LAZIO (LTLeco) PERCENTUALE LAGHI IN CLASSE DI QUALITÀ BUONA O ELEVATA NELLA REGIONE LAZIO (LTLeco) Classificazione sulla base degli elementi di qualità fisico chimica: LTLeco 100 80 Percentuale 60 40 20 0 2008 2009 2010

Dettagli

Conservazione e valorizzazione della biodiversità nel Parco Naturale Regionale di Montemarcello-Magra

Conservazione e valorizzazione della biodiversità nel Parco Naturale Regionale di Montemarcello-Magra Genova, 20-21 novembre 2008 Convegno Internazionale La gestione di Rete Natura 2000 Esperienze a confronto Conservazione e valorizzazione della biodiversità nel Parco Naturale Regionale di Montemarcello-Magra

Dettagli

sis i tema m o ga g ni n c i o o d i d i a ree p r p ot o ette

sis i tema m o ga g ni n c i o o d i d i a ree p r p ot o ette La Lombardia è stata la prima regione a dotarsi di un sistema organico di aree protette (l.r. 86/1983), che comprende: 24 Parchi regionali, 13 Parchi naturali, 65 Riserve naturali, 32 Monumenti naturali.

Dettagli

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Fulvio CERFOLLI, PhD Che cos e un PIANO DI GESTIONE di un sito Natura 2000? E uno strumento di pianificazione del territorio

Dettagli

Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona.

Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona. LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 22-12-2009 REGIONE PIEMONTE Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 51 del 24 dicembre 2009 ARTICOLO 1 (Istituzione)

Dettagli

Piano di Gestione delle Acque: uso efficiente e sostenibile delle acque per uso agricolo

Piano di Gestione delle Acque: uso efficiente e sostenibile delle acque per uso agricolo Piano di Gestione delle Acque: uso efficiente e sostenibile delle acque per uso agricolo Andrea Braidot Autorità di Bacino fiumi Alto Adriatico San Vito al Tagliamento, 12 maggio 2015 Cosa ci chiede la

Dettagli

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997)

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) R e g i o n e L o m b a r d i a Provincia di Milano COMUNE DI NERVIANO Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) Marzo 2003 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER LE N.T.A. Studio Associato di

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI AMB/SDL/2005/000 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione del Parco Naturale Regionale Porto Selvaggio e Palude del Capitano 1 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione del Parco Naturale Regionale Porto Selvaggio

Dettagli

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE In base all art. 19 del TUEL approvato con D. Lgs. 267 del 18 agosto 2000 spettano alla provincia le funzioni amministrative di interesse provinciale

Dettagli

CATASTO DEGLI SCARICHI SCHEDA 1

CATASTO DEGLI SCARICHI SCHEDA 1 CATASTO DEGLI SCARICHI SCHEDA 1 1.1 SEDE INSEDIAMENTO RAGIONE SOCIALE _ INDIRIZZO N. COMUNE PROVINCIA C.A.P. CODICE FISCALE P.IVA TEL. _ FAX _ E.MAIL _ RESPONSABILE DATA INIZIO ATTIVITÀ 1.2 SEDE LEGALE

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Fruizione e sviluppo sostenibile

Fruizione e sviluppo sostenibile CONTRATTO DI FIUME DEL BACINO DEL TORRENTE PELLICE TAVOLO DI PROGETTAZIONE PARTECIPATA Fruizione e sviluppo sostenibile VILLAR PELLICE 14/07/2014 RESTITUZIONE SINTETICA A CURA DI S&T E CORINTEA REVISIONE

Dettagli

Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno

Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno Scenario di riferimento Il sistema irriguo della pianura lombarda è costituito da un sistema idraulico

Dettagli

ALLA PROVINCIA DI NOVARA da bollo P.ZA MATTEOTTI, 1

ALLA PROVINCIA DI NOVARA da bollo P.ZA MATTEOTTI, 1 marca ALLA PROVINCIA DI NOVARA da bollo P.ZA MATTEOTTI, 1 28100 NOVARA OGGETTO:D.LGS. N. 152/06, L.R. 48/93, L.R. 13/90 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE. Il sottoscritto nato

Dettagli

LEGAMBIENTE SCRIVE ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI DI ARONA E DORMELLETTO

LEGAMBIENTE SCRIVE ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI DI ARONA E DORMELLETTO COMUNICATO STAMPA INQUINAMENTO DELLE ACQUE DEL LAGO LEGAMBIENTE SCRIVE ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI DI ARONA E DORMELLETTO Se non si risolvono queste gravi criticità, si pregiudicano eventuali miglioramenti

Dettagli

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A INQUINAMENTO IDRICO Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A L inquinamento idrico è la contaminazione dei mari e delle acque interne superficiali (fiumi e laghi) e di falda tramite l immissione, da parte

Dettagli

L ACQUA IN UMBRIA CLASSE QUINTA ANNO SCOLASTICO 2013-14

L ACQUA IN UMBRIA CLASSE QUINTA ANNO SCOLASTICO 2013-14 L ACQUA IN UMBRIA CLASSE QUINTA ANNO SCOLASTICO 2013-14 UMBRIA IS A REGION RICH IN WATER: THERE ARE SPRINGS, HOT SPRINGS AND MINERAL WATERS AS WELL AS MANY MANY STREAMS, RIVERS AND LAKES. WE HAVE DESIGNED

Dettagli

Art. 1 PRINCIPI GENERALI

Art. 1 PRINCIPI GENERALI ENTE PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI Regolamentazione dell'attività di pesca Premessa: Tra le finalità dell'ente Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi (di seguito denominato Parco) vi sono degli importanti

Dettagli

COMUNE DI CASALBUTTANO Provincia di Cremona. STUDIO GEOLOGICO DEL TERRITORIO COMUNALE (L.R. 24.11.97 N. 41, art. 2)

COMUNE DI CASALBUTTANO Provincia di Cremona. STUDIO GEOLOGICO DEL TERRITORIO COMUNALE (L.R. 24.11.97 N. 41, art. 2) COMUNE DI CASALBUTTANO Provincia di Cremona STUDIO GEOLOGICO DEL TERRITORIO COMUNALE (L.R. 24.11.97 N. 41, art. 2) NORME GEOLOGICHE DI ATTUAZIONE (N.G.T.) IL GEOLOGO Dr Giovanni Bassi Settembre 2004 RIC-40-04

Dettagli

Oasi naturalistica del Parco del Roccolo

Oasi naturalistica del Parco del Roccolo AMICI DEL PARCO DEL ROCCOLO Organizzazione di volontariato - C.F. : 93034320163 Sede Legale: via San Martino 11, 24047 Treviglio (BG). Sede operativa: Parco del Roccolo, Via del Bosco, Treviglio (BG).

Dettagli

Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi

Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi (Criteri esaminati dal Cds con procedura scritta n. 2/2012) Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi Azione a) - Ripristino di spazi naturali e seminaturali e del paesaggio agrario Ripristino

Dettagli

PROGRAMMA 13 CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE

PROGRAMMA 13 CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE PROGRAMMA 13 CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE Assessore Fausto Carrara Responsabile Alberto Cigliano Risorse umane impiegate: 1 Dirigente 2 D5 - Ufficiale 1 D4 - Ufficiale 1 D4 - Specialista di Vigilanza 1

Dettagli

Art. 1 (Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri )

Art. 1 (Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri ) Legge regionale 21 aprile 2008, n. 9 Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione del Parco

Dettagli

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA TAVOLO TECNICO INTERAGENZIALE GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE IDRICHE RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA Enio Decorte (Referente di ARPA Friuli Venezia Giulia nel Tavolo Tecnico) Quadro storico

Dettagli

Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità

Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità Sergio Canobbio Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità Gerenzano,, 27 aprile 2011 37 km, dal Parco Pineta a Rho Sorgenti: (1) torrente Antiga (2) Vari rami interni al Parco Pineta Gradaluso (separato

Dettagli

Comune. Santa Maria Maggiore. Siti RN2000. ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande. PRGC vigente

Comune. Santa Maria Maggiore. Siti RN2000. ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande. PRGC vigente Comune Siti RN2000 Santa Maria Maggiore ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande PRGC vigente Varchi SM1 INCONTRO CON IL COMUNE Comune di Santa Maria Maggiore 21/12/2010 L espansione edilizia

Dettagli

Struttura della Città Rurale.

Struttura della Città Rurale. Sine Putimu. Città Rurale_ALLEGATI In occasione del quinto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico Generale)

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Articolo 1 Finalità ed oggetto

REGIONE PUGLIA. Articolo 1 Finalità ed oggetto Regolamento attuativo del Decreto del Ministero del Ministero per lo Sviluppo Economico del 10 settembre 2010, Linee Guida per l'autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili, recante la

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE ECOLOGIA Tutela e Uso Risorse Idriche Integrate

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE ECOLOGIA Tutela e Uso Risorse Idriche Integrate REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA Tutela e Uso Risorse Idriche Integrate Proposta nr. 29 del 18/03/2011 - Determinazione nr. 642 del 18/03/2011 OGGETTO: D.Lgs. 152/06 Ditta VINOPERA

Dettagli

LEGGE REGIONALE 15 maggio 2006, n. 10. Istituzione del Parco naturale regionale Bosco Incoronata. Art. 2 (Finalità) PARTE PRIMA

LEGGE REGIONALE 15 maggio 2006, n. 10. Istituzione del Parco naturale regionale Bosco Incoronata. Art. 2 (Finalità) PARTE PRIMA 8119 PARTE PRIMA Leggi e Regolamenti Regionali LEGGE REGIONALE 15 maggio 2006, n. 10 Istituzione del Parco naturale regionale Bosco Incoronata La seguente legge: IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL

Dettagli

sensi dell art. 208 del D.Lgs. 152/2006 e dell art. 25 della L.R. 83/2000).

sensi dell art. 208 del D.Lgs. 152/2006 e dell art. 25 della L.R. 83/2000). Provincia dell Aquila Settore Ambiente Genio Civile Protezione Civile Modulo Deposito Temporaneo di rifiuti ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE, IN N. 3 ESEMPLARI IN ORIGINALE, ALLA DOMANDA

Dettagli

COMUNE DI GAMBUGLIANO PROVINCIA DI VICENZA P.R.C. P.I. ALLEGATO II alle NTO del PI CONI VISUALI. Il Sindaco ZENERE LINO

COMUNE DI GAMBUGLIANO PROVINCIA DI VICENZA P.R.C. P.I. ALLEGATO II alle NTO del PI CONI VISUALI. Il Sindaco ZENERE LINO COMUNE DI GAMBUGLIANO PROVINCIA DI VICENZA 2011 P.R.C. P.I. ALLEGATO II alle NTO del PI CONI VISUALI Il Sindaco ZENERE LINO Il Segretario Generale MICHELANGELO PELLÈ GENNAIO 2011 ALLEGATO CONI VISUALI

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Relazione al disegno di legge: ISTITUZIONE DEI PARCHI NATURALI REGIONALI DELL OASI DI TEPILORA, DELLEFORESTEDI GUTTURU MANNU E DEL MONTE ARCI presentato dall Assessore della Difesa dell Ambiente dr Antonio

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROGRAMMA REGIONALE INVESTIMENTI 2009/2011 AZIONE C

REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROGRAMMA REGIONALE INVESTIMENTI 2009/2011 AZIONE C ALLEGATO 2 REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROGRAMMA REGIONALE INVESTIMENTI 2009/2011 AZIONE C SCHEDA DI CANDIDATURA DELL'INTERVENTO Ente proponente Consorzio del Parco del Trebbia Area protetta Parco Regionale

Dettagli

4.3 Acque marino-costiere

4.3 Acque marino-costiere 4.3 Acque marino-costiere La Provincia di Viterbo ha un estensione di costa di circa 55 Km di cui circa il 75% con vocazione balneare mentre la restante è destinata ad usi differenti (militari, industriali,

Dettagli

Associazione Pescatori Sportivi e Subacquei Lodigiani P.le degli Sports,1 26900 Lodi 0371 432700 0371 30499 @ apssl@fipsaslodi.it

Associazione Pescatori Sportivi e Subacquei Lodigiani P.le degli Sports,1 26900 Lodi 0371 432700 0371 30499 @ apssl@fipsaslodi.it Cause di alterazione delle comunità ittiche VARIAZIONE ARTIFICIALE DEI LIVELLI IDRICI Le variazioni artificiali dei livelli idrici rappresentano uno dei principali problemi a carico delle comunità ittiche

Dettagli

Raccolta informazioni per Analisi dei Rischi Assicurativi. dell'amministrazione Comunale di Magnago

Raccolta informazioni per Analisi dei Rischi Assicurativi. dell'amministrazione Comunale di Magnago Raccolta informazioni per Analisi dei Rischi Assicurativi dell'amministrazione Comunale di Magnago A cura della DIVISIONE PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ASSITECA S.p.A. Sede di Milano Anno 2014 Pag. 1 Generalità

Dettagli

COMUNE DI NUMANA. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione.

COMUNE DI NUMANA. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI NUMANA Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW HOTEL FIOR DI MARE NUMANA BASSA NORD "NUMANA PALACE"

Dettagli

Art. 1 (Modifica all articolo 140 della L.R. 15/2004)

Art. 1 (Modifica all articolo 140 della L.R. 15/2004) Riserva naturale guidata "Sorgenti fiume Vera": attuazione dell articolo 140 della L.R. 26 aprile 2004, n. 15 "Legge finanziaria regionale 2004" e modifiche alle LL.RR. nn. 42/2011 e 25/2011 Art. 1 (Modifica

Dettagli

PROGETTI EDUCATIVI PRESSO IL CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PELOBATES DI SPINEA

PROGETTI EDUCATIVI PRESSO IL CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PELOBATES DI SPINEA PROGETTI EDUCATIVI PRESSO IL CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PELOBATES DI SPINEA Il progetto prevede la valorizzazione delle strutture del CEA Pelobates e degli aspetti naturalistici ed ambientali dell

Dettagli

Individuazione, sperimentazione e divulgazione di modalità di gestione più sostenibile dei corsi d acqua in stretto rapporto con il mondo agricolo

Individuazione, sperimentazione e divulgazione di modalità di gestione più sostenibile dei corsi d acqua in stretto rapporto con il mondo agricolo 2 Convegno Italiano sulla Riqualificazione Fluviale Bolzano, 5 8 novembre 2012 Individuazione, sperimentazione e divulgazione di modalità di gestione più sostenibile dei corsi d acqua in stretto rapporto

Dettagli

BOZZA PER LA NORMATIVA ANTINCENDIO NEI CAMPEGGI

BOZZA PER LA NORMATIVA ANTINCENDIO NEI CAMPEGGI testo aggiornato al giorno 8 settembre 2011 BOZZA PER LA NORMATIVA ANTINCENDIO NEI CAMPEGGI L Associazione Nazionale Coordinamento Camperisti interviene affinché il Governo, i Ministeri, le Regioni, le

Dettagli

Aree protette della Lombardia

Aree protette della Lombardia 16. Aree protette della lombardia La Lombardia è stata la prima regione in Italia a dotarsi di un sistema organico di aree protette. Già nel 1973, con la legge regionale n.58, venivano dettate le prime

Dettagli

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Per il terzo anno il Consorzio Brenta arriva al prestigioso traguardo dell approvazione del Bilancio Ambientale, introdotto in modo innovativo

Dettagli

Il sottoscritto. nato a il. residente a in via n. del fabbricato ad uso civile abitazione e/o laboratorio, sito in. via n. chiede

Il sottoscritto. nato a il. residente a in via n. del fabbricato ad uso civile abitazione e/o laboratorio, sito in. via n. chiede Marca da bollo Euro 10,33 AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS OGGETTO: Tutela delle acque dall inquinamento. D.Lgs. 11.05.1999, n. 152. Richiesta di autorizzazione allo scarico di

Dettagli

COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena

COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena Parisi e Associati studio di progettazione Giannelli, Parisi, Rondini Via S. Saloni n. 49 53024 Montalcino (SI) Tel /Fa +39 0577 849245 posta@studio-progetti.com P.I. C.F. 01308570520 COMUNE DI MONTALCINO

Dettagli