Segugio Italiano I Parte: Lo stile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Segugio Italiano I Parte: Lo stile"

Transcript

1 Segugio Italiano I Parte: Lo stile Definizione di stile: modo abituale di essere, di comportarsi, di agire. Si dice stile impeccabile correttezza, distinzione, signorilità nel comportarsi e nell agire. Definizione di metodo: criterio e norma direttivi secondo i quali si fa, si realizza e si compie. Si potrebbe dire che lo stile fa parte dell essere, il metodo del fare. Comunque lo stile, il metodo e la morfologia sono correlati tra loro, per questo non si può parlare di uno di questi elementi senza coinvolgere l altro. Aggiungerei che lo stile è l espressione dell essere e questo permette al cane di comunicarci la sua personalità. In questo scritto mi propongo appunto di parlare dello stile, del metodo, di morfologia, risultato di continue selezioni, che, secondo me, caratterizzano il segugio italiano. Il metodo dipende da più fattori: dal carattere, dal tipo di intelligenza, dalla volontà, dalla passione. Penso che nel segugio italiano sia difficile trovarne una uniformità nella trasmissibilità genetica perché abbiamo mantenuto una buona variabilità. Si possono avere nella stessa razza diversi metodi o modi di comportarsi. Direi però che lo stile (come la morfologia) rimane abbastanza costante. Secondo il mio parere per mantenere lo stesso stile, e non incorrere in incroci strani, oppure nella degenerazione della consanguineità e dell ipertipo, dobbiamo rinsanguare la razza con i nostri lepraioli, un mio amico dice che parlano la stessa lingua hanno dietro una lunga storia, che non va trascurata. Penso a R. Strassoldo, che in Sociologia dell agricoltura, scrive: Nella cultura popolare e contadina troviamo dei substrati culturali molto più antichi e fondati di quella moderna. La selezione o la manipolazione genetica che sul cane originario è stata fatta nel corso dei millenni da un certo popolo, ha determinato un segugio con comportamenti particolari. Lo stile di un cane è in correlazione diretta con la gente con cui ha vissuto, direi che è un suo prodotto culturale. Scrive Girolamo Fracastoro: nel 1510 Per prima cosa, perché non ti venga mai meno una muta di cani di razza, che venga a garantirti una preda sicura, guardati dallo scegliere quelli nati da stirpe imbelle; preferisci quelli abituati a dura fatica nei boschi folti, in caccia di fieri animali. Non dovrai ritenere di poco conto la razza e la conformazione del cane; non tutti hanno la stessa indole e gli stessi caratteri, e i vari popoli hanno cani di razze diverse [ ]. Gli ostinati Britannici, i minacciosi Pannoni, i Celti attaccabrighe, i fieri Indiani. Se invece preferisci inseguire per sentieri fuori mano leprotti e caprioli in fuga, scegli gli agili Peoni e gli sfreccianti Sicambri. E ora come allora Pietro Rigoni riconferma: Se vogliamo, poi, con un po di riflessione analizzare certe ragioni complementari, si può affermare che il lavoro, lo stile, la dolcezza del

2 S.I. è quello che maggiormente rispecchia l indole dell uomo latino italiano, che a differenza di altri popoli ha marcatamente più fantasia, più grinta, più iniziativa, e perché no più allegria. Elementi che nel S.I. si possono riscontrare nell animosità della sua voce e nella dolcezza del suo sguardo. Da sempre dunque si è capito che una particolare tipologia dipende dal carattere, dalla morfologia, dal popolo che ha selezionato in funzione di specifici obiettivi. In effetti è l uomo che predispone gli accoppiamenti e la natura ne decide il risultato (che può essere migliorativo e divenire la base, per ulteriori selezioni). A questo punto capisco che per dare spiegazioni antropologiche, etologiche e psicologiche al comportamento di un segugio, occorrerebbero altre capacità e studi, ma un po di sincera ignoranza e trasparenti osservazioni, forse possono aiutare a farmi capire. Il carattere è il fattore determinante nella definizione dello stile. Un cane freddo potrà essere intelligente, ma non avrà un bello stile. Oltre a questo lo stile dipende da istintualità e intelligenza, trasmesse geneticamente, le quali ridestate con l addestramento, determinano il modo di comportarsi di un segugio a caccia. Per ultime non dobbiamo dimenticare la memoria e l esperienza, fattori che sviluppano i precedenti. L insieme di tutti questi elementi influiscono sulla metodologia comportamentale e intellettiva del cane. Il nostro segugio ha parecchie qualità, che talvolta possono creare dei problemi e che raramente risultano presenti in un unico esemplare. Ad esempio più il cane avrà personalità, intuito, indipendenza e meno sarà disposto a collaborare o a sottostare agli altri componenti della muta. Ne consegue come afferma anche Bruno Ottino che ogni soggetto ha un suo metodo per arrivare allo scovo e inseguire. Non ci resta che dire, nella maniera più realistica possibile: chi ti fa vedere la lepre ha quello giusto, gli altri hanno quello sbagliato Proseguendo con questo concetto, direi: il cane che corre per un giorno intero è quello bello. Forse il nostro concetto di muta si discosta da quello classico dei Francesi, in cui i diversi componenti sottostanno a leggi ferree, dettate dal canettiere, dalle trombe o dal capomuta. I nostri gruppi o branchi sono un insieme di soggetti completi e differenti il cui unico intento è quello di farti catturare il selvatico o di catturarlo loro stessi. Non bisogna trascurare di affermare che tra questi due opposti ci sono infinite variazioni in cui si collocano la maggior parte delle nostre mute. Un altro fattore che crea delle difficoltà nella composizione della muta, è il cambiamento di passo che riscontriamo nei nostri segugi. Essi trattano la pastura della notte per punti, spesso al galoppo, interpretare in velocità l usta non è da tutti, e trovare quattro o cinque cani allo stesso livello è difficile. Per questo l unica coesione che possiamo avere è quella sulla passata che porta al covo e sull inseguimento. Il fattore che più dovrebbe contraddistinguere il nostro segugio da altre razze, è la capacità di comunicarci con i movimenti e con la voce in che punto siamo delle diverse fasi della cacciata. Per fare questo però deve essere un cane completo. Anche Pesenti Gritti, parlando dell allevamento, mette il dito nella piaga, spiegando che è difficilissimo riprodurre l equilibrio di un soggetto, spesso frutto di combinazioni genetiche fortunose, ma alcuni allevatori molto sensibili e profondi conoscitori dei progenitori, riescono con più probabilità ad allevare soggetti validi. Anni or sono tenni un rapporto epistolare con il compianto Gildo Fioravanti. La cosa finì perché nessuno

3 dei due si spostava dalle proprie posizioni, o semplicemente perché non avevamo più niente da dirci. Tutti e due sapevamo che ci saremmo trovati d accordo su quale fosse il segugio bravo, ma la metodologia per arrivarci non era la stessa. Esperienze, o forse finalità diverse ci condizionavano. Per lui come per altri grandi segugisti la soluzione per poter migliorare, mantenere o recuperare il nostro cane, era quella di rinsanguarlo con altre razze da seguita. Invece io ero e sono tutt ora convinto che nella selezione bisogna usare dei porta innesti selvatici o al di fuori del gruppo di appartenenza. Per il Gascon Saintonge è stato usato il lupo, per il Setter il Border Collie e per il Pointer il mastino.. Il mescolare due razze simili, costruite con la manipolazione della selvaticità per un adattamento alle diverse forme di caccia, comporta deviazioni importanti nel comportamento e di conseguenza dello stile di razza. Forse mi condizionavano la cultura contadina e anche personaggi mitici della cultura veronese come Don Carlo Benedetti. Uno sospeso tra la figura di San Francesco e don Camillo, capace di usare allo stesso modo le candele della chiesa che i candelotti di dinamite. Mi diceva che i suoi principi erano mangio quando ho fame, dormo quando ho sonno. Minimalista convinto, affermava che per capire l esistenza devi partire dai suoi fondamentali. Forte appassionato della caccia alla lepre usava una varietà di lepraioli della zona, del colore del Briquet Griffon Vendèen, talmente di metodo, che qualcuno diceva che scrivevano poesie su una fatta. (Non dobbiamo dimenticare che le nostre montagne risentono tuttora di influenze culturali e etniche sia tedesche che austriache). La cosa più sorprendente era che riproducevano se stessi nel comportamento in maniera impressionante, fattore che spesso non avveniva nella selezione del segugio da esposizione. Mi confessò che le migliori cucciolate gli erano riuscite quando la cagna si era scelta il maschio. E difficile far meglio della natura e dell istinto animale. Mi parlava anche di un cucumerlo (cane con la testa rotonda come il cocomero, erano chiamati così quelli da pagliaio) del Ceschi di Alcenago VR, (da notare che senza aver letto le suddivisioni cinotecniche moderne, differenziavano le razze in base alla conformazione della testa, però nessuno è mai riuscito a trovare delle connessioni tra l intelligenza e la forma del cranio. (Il criminologo veronese Cesare Lombroso passò una vita a cercare correlazioni tra la somatica del viso e della testa con la propensione ad atti delittuosi, senza arrivare a dati certi). Quando non sapevano più come fare per trovare una lepre, dopo giorni di inutili ricerche, e la disputa non li faceva più dormire, andavano a prenderlo, perché la sua intelligenza superiore gli permetteva di andare allo scovo. Segugio Italiano II Parte: Il comportamento Mi piace comunque pensare ad un esemplare ideale, che riunisca in se le varie positività. Sarà un cane con una conformazione fisica perfetta, adeguata al lavoro da eseguire. Le sue continue variazioni di comportamento, pensieroso sulla pastura notturna, concentrato sulla passata, teso nello scovo, feroce nell inseguimento, esperto nel riannodo, ne faranno risultare uno stile, di uno che si muove come un ballerino, recita come un attore e ha una voce da cantante. Nel lavoro dovrebbe avere la cerca del

4 cane da ferma, l accostamento o il metodo di un Francese, l intraprendenza di un Inglese, la selvaticità o lo scovo di uno Slavo, l equilibrio di uno Svizzero, la caparbietà di un Tedesco e la maneggevolezza di un cane da pastore. (basta così??). Traducendo nel linguaggio degli addetti ai lavori direi: la continuità di traccia di un Fioravanti, l intelligenza e l essenzialità di un Armani, l inseguimento di un Villa, la maneggevolezza di un Angeli e la bellezza e le proporzioni di un Zanardi. Forse inconsciamente stiamo ripercorrendo a ritroso il cammino della suddivisione delle razze di segugi avvenuta probabilmente nell alta Saona, e andiamo a riscoprire il cane da corsa Nord Africano o Egizio che secondo gli antropologi Keller e Tschudy ci hanno portato i Fenici e i Romani. Ritrovamenti archeologici confermano la presenza a Malcesine nell alto lago di Garda, di un tempio dedicato alla dea egizia Iside o Romana Venere, simboli della maternità, della fertilità ma anche dell oltre tomba. Tra i nomi più ricorrenti nei nostri segugi, troviamo Stela, Stella, Strea, Stria, Stelo ma anche altri legati al soprannaturale come Lampo e Lampina. Sono solo coincidenze a con il culto di quelle divinità sono stati importati anche i cani?. In seguito anche i Longobardi mantennero viva questa razza, il loro impiego e il loro valore divinatorio. Si sono ritrovati in una tomba di un guerriero Longobardo alto quasi due metri, presso Povegliano Veronese, due scheletri di cani perfettamente conservati, sembra averli voluti con se nel suo viaggio dell aldilà. Il maestro Mario Quadri ed io ne abbiamo confrontato la testa con quella della Fiamma di Vaudetti, ed è risultata identica. Il Solaro su questo cranio e lo scheletro vi teneva lezioni di cinotecnica e gli servì per redigere lo standard del segugio italiano Oltre a questi significati spirituali dobbiamo aggiungere quelli artistici. Chi è innamorato dell arte di questa caccia ha imparato a gustare una delle più belle opere teatrali del mondo, messa in scena dal segugio e dalla lepre La lotta per la vita il predatore e il predato, fattori talmente concatenati, da essere alla base della nostra stessa esistenza. Questa è un opera d arte che si sostanzia di immagini sempre nuove, sempre diverse, che rielaborate nella mente, creano la perfezione del sublime, e quella ti comunica in maniera immediata, ti parla, ti colpisce totalmente. Non saprei spiegare in altro modo una sensazione che riaffiora tra i miei ricordi quando vidi per la prima volta il Lampo, lo aveva allevato il parroco di Magasa, paese al confine tra Brescia e Trento, purtroppo non l ho mai conosciuto (credo che avrei dovuto fare il prete per avere dei segugi bravi!!). Fu amore a prima vista, il cane mi comunicò subito cosa stava facendo, incontrata l usta, fermò la coda e dopo essersi sincerato del valore della stessa, la mosse lentamente, poi sempre più velocemente, spostò il posteriore per trovare la direzione della pesta e prima di fare un passo diede voce. Tutt oggi non riesco a capire come possa esserci una comunicazione così immediata tra due esseri, ma la tensione che traspariva sotto la sua pelle, i tendini, le vene, l ossatura, lo sguardo, la postura e le sue proporzioni mi mettevano in contatto con lui, con quell opera d arte viva. G. Solaro Il bello in zootecnia va oltre al piacere sensoriale, si orienta verso il piacere intellettuale. Comunque alla base di tanti pregi ci stanno l intelligenza e l esperienza. Il cane in generale e il segugio in particolare dimostra questa facoltà elaborando nozioni percepite attraverso il suo potente olfatto, riuscendo così a ricostruire il percorso notturno dei selvatici, specialmente quello più difficoltoso della lepre. Immagino che

5 non sia semplice valutare l intensità di una traccia a distanza di ore e riuscire a capire se sia stata percorsa, poco prima, o poco dopo, oppure quanto vicina o lontana dal covo. Pur potendo far risalire ad una certa istintualità di cui il cane ne è ancora fornito, (comportamento codificato geneticamente, infatti notiamo che le cagne puliscono i cuccioli dalla placenta e gli staccano il cordone ombelicale con i denti, senza che nessuno glielo abbia insegnato). Però gli addestratori, o più semplicemente un buon cacciatore si sarà accorto che i cani riescono a risolvere degli enigmi falli con più precisione, continuità e sicurezza con le esperienze fatte sul terreno. I nostri vecchi dicevano che un cane segugio, per essere bravo, deve avere un anno per gamba e magari uno per la coda. Per poter meglio conoscere lo stile e il metodo del segugio nel nostro caso italiano, dobbiamo prima sapere per cosa è stato selezionato. Il segugio attuale è stato usato soprattutto per la caccia alla lepre con il fucile, spesso in areali antropizzati e limitati. Per questo motivo deve in egual modo cercare, scovare e inseguire. Questi areali ristretti spesso ne hanno ridotto l andatura al passo. Un territorio con presenza di coltivazioni diverse: arato, mais, frutteti, prati ecc..; provoca continue variazioni di olfattazione e la sua sagacia dovrà rasentare la testardaggine, soprattutto per avere il tempo di farsi il naso ad ogni cambiamento Il suo carattere, potremmo dire la sua personalità, visto che sono stati usati a volte a singolo oppure in mute poco numerose, saranno più spiccate e indipendenti, soprattutto in alcuni ceppi selezionati in luoghi dove il cane non può essere seguito e le poste sono di una o due persone. Ma torniamo nuovamente al nostro argomento specifico. Lo Stile del segugio Italiano emergerà soprattutto nella fase dello scovo, la selvaticità scritta nel D.N.A. trasparirà nel suo comportamento. Lo vedremo soffermarsi, guardare nel vuoto ragionare fiutare, sentire, ricordare e riassumere esperienze precedenti, i dati raccolti con il naso, avrà lo sguardo distaccato pur essendo tremendamente presente, assomiglierà più a un gatto od a una volpe. Ne deriverà che i suoi movimenti non saranno meccanici ma soggetti a continue variazioni dimostranti i vari stati d animo. Questo modo di essere lo potremmo notare anche nel suo comportamento usuale, il suo sguardo vi lascerà intendere che è qui con voi, ma pensa alle lepri.. Segugio Italiano III Parte: La morfologia Anche l aspetto morfologico è particolare. Uno dei nostri grandi predecessori il Solaro, ci ha lasciato un disegno di segugio che sta nel quadrato, con un garrese alto (premetto che non è mia intenzione criticare uno dei padri della cinofilia italiana, ma fare solamente delle osservazioni, frutto di anni di pratica segugistica). Un soggetto del genere sarà portato a galoppare e ad inseguire velocemente, mentre negli ultimi tempi, noi vogliamo una andatura moderata e lo usiamo quasi esclusivamente nella caccia alla lepre. Di conseguenza alcuni aspetti morfologici sono venuti a modificarsi, come del resto è successo in molte altre razze,

6 pur rimanendo uguale nel tipo di ossatura leggera, muscolatura saliente e pelle sottile,(a me ricorda un po il cavallo arabo). Ho l impressione che soprattutto nelle femmine si debbano riscontrare queste diversità: un gomito più lungo e piegato, cioè un punto di bilanciere cerebro-dorsale più centrale, che permette al segugio di cambiare direzione più facilmente, il garrese più basso ed il rene più lungo e leggermente cifotico, un cane che sta nel rettangolo, in movimento darà l impressione di non fare nessuna fatica a tenere il naso incollato al terreno. Ho parlato delle femmine perché nel nostro segugio è rimasto un certo dimorfismo sessuale, a me sono capitate più tracciatrici femmine e inseguitori maschi. Questi ultimi hanno ancora una morfologia più da attacco. Ho trovato una descrizione interessante in Senofonte, nella sua opera La Caccia.400 a. C. Per cominciare, devono essere di grossa taglia. Serve poi che abbiano la testa snella, camusa, ben articolata, muscolosa sotto la fronte occhi prominenti, neri e brillanti fronte ampia e profondamente discriminata; orecchie piccole, sottili e glabre nella parte posteriore; il collo lungo, flessuoso e arrotondato; il petto ampio e carnoso; le scapole leggermente discoste dalle spalle; gli arti anteriori corti, diritti arrotondati e ben fermi; giunture diritte; le costole non abbassate verso terra ma inclinate obliquamente, i lombi carnosi, di media lunghezza, ne troppo molli ne troppo rigidi; i fianchi di taglia media; le anche rotonde, carnose nella parte posteriore, non ravvicinate verso l alto ma aderenti alla parte interna, l anguinaia e il ventre sottili; la coda lunga, diritta e flessibile; le cosce forti; gli stinchi lunghi, rotondi e solidi; gli arti posteriori molto più lunghi degli anteriori e magri. Cani come questi daranno già con l aspetto l dea della forza, saranno agili, proporzionati e veloci, ed avranno espressione vivace e buone fauci. Sono arrivato alla conclusione che per cacciare la lepre vada benissimo un cane che gli assomigli. Ebbene certo, la linea di demarcazione tra i pugnaces e i sagaces (i disegni che troviamo nei mosaici Romani ci possono essere di aiuto per capirne la differenza) nei segugi odierni non è poi così netta. Infatti mi sembra che anche i Maremmani di adesso e i Beagle Harrier siano più da attacco e da seguita a testa alta,con il garrese alto, il collo corto e gomiti diritti; segugi portati ad inseguire grossa selvaggina molto velocemente. Ecco allora un altro fattore determinante nel movimento: la taglia. Infatti aumenta o diminuisce in modo inversamente proporzionale, cioè più il cane è grande e meno si muove velocemente, mentre più è piccolo e più è frenetico. La migliore nella sua espressività, funzionalità e resistenza per la caccia alla lepre a mio parere è sui 50 cm X 18 kg. Concordo in ciò con quello che scrive P. Garnier nel 1879: Noi ammetteremo nella nostra piccola muta, solamente dei briquets dai quaranta ai cinquanta cm di taglia. Di cui il reclutamento sarà facile; perché grazie a Dio, noi abbiamo in Francia un po dappertutto degli eccellenti cani di paese che cacciano adorabilmente la lepre. Noi citeremo les briquets D Artois, i cani leggeri dei Vosges, delle Ardenne, del Jura, de la Burgogna e della Alta Marne e nell alta Saone, i graziosi cani conosciuti col nome di chiens de porcelaine. Il portamento della coda è un fattore importantissimo nella definizione dello stile, parallela alla groppa, avrà quasi sempre dei movimenti ondulatori, che si

7 propagheranno a tutto il rene fino a farla sbattere sul costato, solo saltuariamente saranno ammessi movimenti rotatori, la sua elasticità, non rigida ne molle, assomiglierà ad un giunco di salice e darà a tutto il cane un aspetto elastico, elegante e leggero ne scattante, ne pesante. Soprattutto sarà parte integrante di tutto il corpo, assolutamente non dovremmo avere la sensazione che sia indipendente da esso. Come diceva il compianto cav. Ciceri la testa e la coda, io aggiungo il loro movimento, sono i fattori più importanti nelle definizione della razza. Osservando il nostro segugio al lavoro, dovremmo avere la sensazione che compia una danza, dove tutti i movimenti vengono fusi in un insieme consequenziale di eleganza, fluidità, plasticità, naturalezza e di vibrazioni di bellezza interiore. Sto usando toni lirici, ma un po di poesia non fa male!! La trovo nel poemetto La caccia delle lepri dell Abate di Thiene VI Cristoforo Muzani 1789: D otto coppie elettissime di Bracchi. Quel si raro drappello era composto, Che pregi tutti raccoglie dei cani: Odorato, artifizio, ardire, arguzia [ ] Di lei nel corpo si volante, e snella [ ] Di Lei per senno sì ingegnosa e scaltra, che qual portento, e onor di tutti i bracchi. A vivaci color fu pinta in tela. Io la vidi e conobbi, e il ver dipingo. Amorosa era il nome: alto, e sottile stendeva il piede celere, ed alato. Di stirpe bracca, al passo era Levriera. (molto importante). Morbide nari, e all odorato vaste, Di fibra gentilissima tessute, collo soave e capo altero, e vago, Tinti, e picchiati, e giù cadenti orecchi; E sotto un ciglio maestoso, e ardito. Vivaci gli occhi, e folgoranti un dolce Amabile seren misto di foco, Che del genio del cuor cortese e fido facea sede non dubbia. Il lungo corpo. Tutto leggiero e sempre presto al volo. Il fino pelo di color cilestro. Emulatore d un velluto azzurro. Con lattee fasce al petto, al fianco, al dorso; Coda vezzosa, e al corteggiar gentile, Nitida e stesa, e al fin curvata in arco, E in sulla cima un bel fiocco di neve. Parea dipinta con divin pennello [ ] E scopertala a covo entro al ginepro, Benchè sospinta dal nativo ardore. Solea cheta aggirarsi, e a piè sospeso. Toccante appena il suol salir sull erta. Di quel proclive dosso, e allor di piombo. Sulla preda anelar, scagliarsi ratta. Col favor della china: Il prode dente, insanguinato ne sagace assalto. Liberal era a ridonar la preda, Benchè tutto Trofeo del valor suo. Nel perseguir la lepre era saetta. Al primo escir dell arco vibratore, Che tutto serba l impeto e il volo. Braccava allora si sottile, e dolce, che in mezzo all armonia dell altre voci. Alte, grosse, rotonde, gonfie, rauche. Qual campana, o di tamburo, o tromba, pianto parea di tremolo flautino. Che dolcemente il cuor ti molce, e bea. Torniamo a considerazioni sulla struttura fisica, che condiziona lo stile, riportando un passo di Fioravanti: Lo stile è l effetto di queste componenti (cause) che lo producono: conformazione fisica, temperamento, voce, comportamento sull emanazione. E evidente, quindi, che il modo di trattare il sentore è l elemento più caratterizzante per fissare lo stile nel cane da seguita, perché sullo stesso impegna il suo temperamento, l olfatto e i

8 movimenti. E altrettanto evidente la dipendenza dalla struttura fisica: un collo lungo, le linee della testa divergenti, il tartufo sporgente, gli arti piuttosto contenuti in altezza da terra facilitano il compito a lavorare col muso sfiorante la pista. Infatti anche la conformazione del naso influisce notevolmente nel portamento del cranio, il nostro segugio dovrebbe averlo a becco d anatra, ne consegue che la testa sarà tenuta con una inclinazione di ca. 45 dal terreno consentendogli di sfiorare le superfici mantenendo una andatura discreta e di non respirare molta rugiada, però ho notato che alcuni ceppi, selezionati in ambienti più siccitosi, abbiano un tartufo più squadrato, il quale costringe il cane a tenere la testa perpendicolare al terreno, limitandone l andatura, ma consentendogli di sentire anche in assenza di umidità. Inoltre in quelli che provengono da zone sassose, rocciose o dove il terreno è secco e duro il metacarpo è più scivoloso, cioè con una leggera inclinazione in avanti e il piede ha una conformazione più allungata, come quello della lepre. Mentre in quelli che provengono da zone con terreno più molle, il metacarpo è più diritto e il piede più rotondo. Questo tipo di conformazione dipende anche dall uso a cui è adibito il cane. Segugio Italiano IV Parte: Il lavoro Vediamo ora il nostro segugio al lavoro: Alla sciolta il segugio italiano darà inizio ad una cerca al galoppo sciolto o al trolotto, però lo vedremo soffermarsi nei punti dove l esperienza gli ha fatto reperire l usta in altre occasioni, attorno ad una roccia o ad un palo, in mezzo ad un prato, su un ponticello, su un ciglio della strada su dei crocicchi. Anche questa fase non deve essere fatta con frenesia o con troppo impeto, ma con ponderatezza, accortezza e meticolosità. Percepite le prime effusioni di odorato di lepre dal terreno il cane dovrà fermarsi e concentrandosi qualche volta fermerà la coda, darà qualche squittio incerto, fino a che, sinceratosi definitivamente comincerà ad abbaiare sonoramente con le vocali a, o, i, si dice che ha un bel incontro quando ci comunicherà la sua gioia. Il cane diritto (come dice bene Marcel Saint Jean) sinceratosi da che parte va la pista al suolo, inizierà un accostamento lineare fatto di piccole annusate, porterà avanti la traccia nella maniera più continua possibile, ma dopo essersi accorto che non riesce più a proseguire, dovrà con cerchi concentrici cercare di riannodarla, in questa fase non dovremmo penalizzare i soggetti che fidandosi del lavoro dei cani di centro, bordano il territorio cercando la via d uscita. I soggetti più anziani ed esperti cercheranno in maniera abbastanza autonoma sulla pastura della notte. Il rintraccio della passata al covo verrà fatto con voce e movimenti più marcati ed intensi, tanto da comunicare agli altri l importanza del ritrovamento. A questo punto il lavoro si farà più corale e l odorato servirà da collante per la coesione della muta. I componenti diventeranno più meticolosi, precisi e concentrati, una certa tensione trasparirà dai loro movimenti, si avrà l impressione che stanno risolvendo un problema importante. Alcuni comportamenti nelle diverse fasi varieranno da individuo a individuo secondo le esperienze acquisite, dal dialogo e

9 dall affiatamento tra i compagni e dal carattere del cane,. Inoltre ho notato che la quantità di voce emessa spesso è in relazione al carattere del soggetto. Per esempio, quelli che trovano la via d uscita, gli scovatori e gli indipendenti in genere sono più parchi di voce dei segugi che tengono molto la traccia e hanno più spirito di muta, ci sono cani innamorati dell odore della lepre e altri della stessa, forse con più il cane ha conservato il suo istinto di predatore e meno abbaia. Ricordo di essere stato in disaccordo su questo punto con il compianto dott. Antonio Tonali, il quale metteva la quantità di voce in relazione inversamente proporzionale all intelligenza, infatti secondo me le capacità intellettive in rapporto alla voce hanno meccanismi più complessi, in cui confluiscono diverse componenti, tra le quali non ultima l emotività. Personalmente essendo sempre stato attratto dai realizzatori, pur avendo selezionato segugi italiani usciti campioni dalle prove di lavoro, ho sempre avuto grosse difficoltà nel farli abbaiare la pastura. Come tutte le qualità che si discostano da quelle predatorie, sono da tenere sempre presenti nella selezione. Torniamo ora al comportamento a caccia. Nelle vicinanze della lepre alcuni si fermeranno a guardarsi attorno per vederla fuggire, altri procederanno a balzi per farla saltare o annuseranno gli steli della vegetazione, l eccitazione che li pervade sembrerà allontanarli dal mondo che li circonda (i cinofili lo chiamano il senso del selvatico). Lo scovo a vista avverrà con un urlo fatto spesso con la iii nelle femmine con la aaa oppure la ooo nei maschi ( i nostri vecchi dicevano vanno via con il fiato, perdono il fiato non inspirano più). Dei soggetti lo fanno anche non vedendo la preda, altri di consenso (in questa fase ci può stare) L inseguimento avverrà con muso ne alto ne radente al terreno, ma ad una altezza che consentirà al segugio di seguire sia la via al suolo che quella del campo odorante (Vedi Marcel S. Jean) Nella risoluzione dei falli o quando la lepre prenderà terreno vedremo il nostro segugio applicare il tartufo a terra e seguire fedelmente la traccia. La risoluzione del fallo verrà eseguita con sagacia, cioè senza perdersi d animo, insistendo nella risoluzione, e ognuno con il suo metodo, marcherà l ultima pesta, farà cerchi concentrici oppure tornerà indietro per capire se è stato fatto un raddoppio (questa ultima operazione dovrà essere fatta senza abbaiare, altrimenti incorreremo nel rebuffo, imballando così la muta). Un'altra situazione in cui il cane sarebbe opportuno che stesse zitto, è il riscovo. Il segugio accortosi che la traccia è diventata fredda, cioè che la lepre si è allontanata molto, naso a terra con passo allegro, a volte soffermandosi su una pedata, a volte bordando i cigli delle strade, dei forteti o delle siepi, sommessamente andrà a ritrovarla. Dei segugi nel pieno della seguita a fiato tengono la coda ferma e sembrano degli archi che si tendono e distendono in continuazione, è uno spettacolo coinvolgente anche per i neofiti. Vorrei a questo punto ribadire un concetto già espresso in precedenza cioè che il comportamento del cane varia in rapporto alle esperienze fatte. Ricordo della Margherita che non abbaiava più nelle vicinanze della lepre dopo averne catturate alcune e aveva poi cambiato modo di lavorare con la morte del compagno Filippo, segugio avvinto alla traccia. Finché lui era in vita, lei boschettava nei dintorni, in seguito iniziò a fare il suo lavoro. Margherita, in presenza di molte lepri, le cercava direttamente al covo, una, la rintracciava passo, passo. In coppia con la figlia Mia si

10 scambiava ad inseguire, mentre una rimaneva sull odorato l altra riannodava con tagli concentrici. Più di una volta mi accorsi che rifiutava la compagnia dei cani chiacchieroni e bugiardi o con poca valutazione dell odorato. Ma per sapere veramente se un cane è segugio, deve dirtelo lui, sembra una battuta, mentre è la verità. Diverse generazioni e anni dopo la Margherita, nacque il Mambo. Un giorno a caccia uscì da una piantagione di kiwi, ci guardò, e tutti e tre i presenti capimmo dalla sua espressione, che aveva qualcosa da dirci o da farci vedere. Lo seguimmo all interno del frutteto, ad un tratto si fermò a ispezionare e annusare un ciuffo di erba secca attorno ad una pianta, poi con la zampa estrasse un leprotto, e con il muso iniziò a spingerlo per farlo correre. Di una lepre che stava ferma non sapeva che farsene. Penso che altri cinofili potranno portare esempi simili. L accenno a questa mia mitica cagna mi induce a riproporre il discorso della selezione, dopo anni che io la pratico, avendo mantenuto come punto fermo il ceppo della Margherita, ho la presunzione di capire cosa hanno apportato altri cani nel nucleo originario. Per farmi capire meglio, se sono tipo Don Nando o Fioravanti. Chi è riuscito a fissarli nel cane ha impiegato tempo, intelligenza e ha avuto fortuna. Per dirla in breve, se accoppi con famiglie di segugi in cui è stata fatta una selezione oculata puoi progredire o mantenere un buon livello nei tuoi cani. Se invece incappi con l accoppiamento in un soggetto bravo, ma uscito per caso, o torni indietro, o non sai più dove sei finito. Il buono è un equilibrio instabile che si deve ricercare in continuazione e che è più facile trovare presso chi questa ricerca la pratica da molto tempo Se prendi un gatto da un contadino è facile che mangi i topi, ma quelli da salotto al massimo ti fregano la bistecca dal piatto. Spero in conclusione, di aver presentato molti aspetti che definiscono la specificità del segugio italiano, anche se è difficile definire le caratteristiche di differenziazione preminenti. Ad esempio Don Nando A. differisce il segugio italiano dagli altri perché in diversi soggetti possiamo riscontrare il metodo di cerchiare per riannodare la traccia. Zacchetti parla di iniziativa, fattore che lo differenzia specialmente dai Segugi Francesi. Pesenti Gritti dal giusto equilibrio esistente nello stesso soggetto, che ora usa il metodo sulla passata, ora avanza a memoria (cerca dove pensa che ci sia l odorato) o a istinto, o a intelligenza toccando i punti più significativi ma continui cioè dello stesso animale. Tutti e tre sono d accordo che nella fase di scovo, il cane deve saperti dire cosa sta facendo (un mio amico ha una cagna che prima di scovare si gira a guardarlo). Inoltre due dei fattori che possono contraddistinguere ulteriormente il comportamento del nostro cane quindi anche lo stile, risultano, secondo Mario Quadri, il S.I. ha un movimento ondulatorio del cranio più o meno marcato che evidenzia ogni singola annusata. Secondo me dal fatto che molti soggetti puntualizzano la traccia, in pratica soffermandosi sui punti significativi e manifestando con aumento della voce e dei movimenti danno importanza a quello che hanno rilevato. Questo metodo di comportarsi da il tempo ai compagni di recepire la valutazione fatta dai singoli, aumentando di fatto il dialogo e la comprensione tra i componenti della muta, infatti bisognerebbe avere, guardandoli, la sensazione o la certezza che esista un dialogo, e non un accozzaglia meccanica che a volte fa partire una lepre. E qui conviene ribadire un concetto fondamentale: non si ritengono validi i sistemi del gatto, della volpe, dei cani da ferma o da cerca, che si basano su alcune probabilità e situazioni meccaniche o

11 fortuite. Però i modi di agire del cane intelligente e esperto (Dante Alighieri Cagne studiose e conte ) spesso differiscono dal lavoro classico ma fanno concludere la cacciata in maniera proficua. E anche Colombi ha detto: Non si può penalizzare un comportamento positivo per la caccia, nelle prove di lavoro. Voglio infine toccare per ultimo, riportando una mia esperienza, l argomento: bellezza nel segugio. Era il 1980, e stavo partecipando ad una prova di lavoro in quel di Casina (RE). Avevo un cane bassetto tipo Giura, i miei amici lo chiamavano Tir. Appena liberato rilevò sulla carraia, e iniziò un bel lavoro con molta continuità di traccia. Il giudice Don Nando, esclamò: Questo, Artegiani, è un bello, bello cane. Usò persino una licenza poetica per descriverlo, però pensai che mi prendesse in giro, di solito me lo squalificavano. Solo quando conobbi a fondo don Nando capii che il suo concetto di bellezza si riferiva quasi esclusivamente allo stile, e alla capacità di avanzare in maniera sicura sulla traccia. Lo stesso Solaro definiva la bellezza armonica come il risultato di una unicità di stile di costruzione del cane, per conseguire questa rara forma di bellezza debbono concorrere una serie di fattori non sempre facili a riscontrarsi contemporaneamente in un animale. Da allora le mie osservazioni critiche sui cani da esposizione aumentarono maggiormente. Ho sempre riscontrato molte difficoltà nel far combaciare il lavoro e lo stile del nostro segugio con la lunghezza delle orecchie, con le canne nasali lunghe e montanine, con taglie superiori ai 55 cm o più di 20 kg di peso, con l assenza di bianco sia nel fulvo, che nel nero focato, con la mancanza di speroni, con cani che stanno nel quadrato, con garresi importanti. Inoltre nei soggetti da esposizione spesso ho trovato: poca passione venatoria, scarsa resistenza alle malattie, fisico debole e alcune difficoltà nella riproduzione. Per questi motivi ho sempre cercato di preservare solamente lo stile. Purtroppo mi ritrovo a tutt oggi ad iscrivere i miei cani come lepraioli dell Appennino, anche se sono simili ai segugi di Zacchetti o ai campioni di 60 anni fa, oppure assomigliano più al disegno di Del Vecchio che a quello del Solaro In questo scritto ho messo troppa carne al fuoco, e sembra che la mia ricerca non approdi a nulla. Può darsi che la razza come la verità non esista, e possiamo solo pensarla come divenire, come ricerca, come studio sulla morfologia funzionale e sulla trasmissibilità genetica comportamentale. Tuttavia penso che ne sia scaturito un fattore importante; cioè che lo stile mantiene la sua incolumità attraverso i secoli, che lo stile è il filo conduttore che unisce tutte le componenti che hanno creato il segugio italiano ed è l unico modo d essere con il quale può farsi sentire come nostro. Gianni Artegiani Abitazione: Cellulare:

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE VERIFICHE ZOOTECNICHE PER CANI DA SEGUITA

REGOLAMENTO DELLE VERIFICHE ZOOTECNICHE PER CANI DA SEGUITA REGOLAMENTO DELLE VERIFICHE ZOOTECNICHE PER CANI DA SEGUITA approvato dal Consiglio Direttivo del 30 novembre 2009 su parere conforme della Commissione Tecnica Centrale del 4 marzo 2009 in vigore dal 1

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!!

Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!! SEZIONE PROGETTI AVAB Amici del Volo Aeromodellistico di Bovolone Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!! Di Federico Fracasso In questo articolo spiegherò a grandi passi

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO-

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Liliana Jaramillo Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)?

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Molti di voi avranno sentito parlare di gare in cui i cani concorrono in esercizi di olfatto, come la ricerca, o gare di agility e di

Dettagli

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi DOLCE FAR NIENTE IN NATUZZI SOGNIAMO UN MONDO PIÙ CONFORTEVOLE. CHIAMATELA PASSIONE, MA È IL NOSTRO IMPEGNO PER DONARVI BENESSERE. PER NOI, UNA POLTRONA NON È UN SEMPLICE OGGETTO, ESSA HA UNA PRESENZA

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica Il carnevale degli animali di Camille Saint Saёns Grande fantasia zoologica Per due pianoforti e piccola orchestra Obiettivi del nostro lavoro Imparare a riconoscere il timbro di alcuni strumenti musicali.

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli