Segugio Italiano I Parte: Lo stile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Segugio Italiano I Parte: Lo stile"

Transcript

1 Segugio Italiano I Parte: Lo stile Definizione di stile: modo abituale di essere, di comportarsi, di agire. Si dice stile impeccabile correttezza, distinzione, signorilità nel comportarsi e nell agire. Definizione di metodo: criterio e norma direttivi secondo i quali si fa, si realizza e si compie. Si potrebbe dire che lo stile fa parte dell essere, il metodo del fare. Comunque lo stile, il metodo e la morfologia sono correlati tra loro, per questo non si può parlare di uno di questi elementi senza coinvolgere l altro. Aggiungerei che lo stile è l espressione dell essere e questo permette al cane di comunicarci la sua personalità. In questo scritto mi propongo appunto di parlare dello stile, del metodo, di morfologia, risultato di continue selezioni, che, secondo me, caratterizzano il segugio italiano. Il metodo dipende da più fattori: dal carattere, dal tipo di intelligenza, dalla volontà, dalla passione. Penso che nel segugio italiano sia difficile trovarne una uniformità nella trasmissibilità genetica perché abbiamo mantenuto una buona variabilità. Si possono avere nella stessa razza diversi metodi o modi di comportarsi. Direi però che lo stile (come la morfologia) rimane abbastanza costante. Secondo il mio parere per mantenere lo stesso stile, e non incorrere in incroci strani, oppure nella degenerazione della consanguineità e dell ipertipo, dobbiamo rinsanguare la razza con i nostri lepraioli, un mio amico dice che parlano la stessa lingua hanno dietro una lunga storia, che non va trascurata. Penso a R. Strassoldo, che in Sociologia dell agricoltura, scrive: Nella cultura popolare e contadina troviamo dei substrati culturali molto più antichi e fondati di quella moderna. La selezione o la manipolazione genetica che sul cane originario è stata fatta nel corso dei millenni da un certo popolo, ha determinato un segugio con comportamenti particolari. Lo stile di un cane è in correlazione diretta con la gente con cui ha vissuto, direi che è un suo prodotto culturale. Scrive Girolamo Fracastoro: nel 1510 Per prima cosa, perché non ti venga mai meno una muta di cani di razza, che venga a garantirti una preda sicura, guardati dallo scegliere quelli nati da stirpe imbelle; preferisci quelli abituati a dura fatica nei boschi folti, in caccia di fieri animali. Non dovrai ritenere di poco conto la razza e la conformazione del cane; non tutti hanno la stessa indole e gli stessi caratteri, e i vari popoli hanno cani di razze diverse [ ]. Gli ostinati Britannici, i minacciosi Pannoni, i Celti attaccabrighe, i fieri Indiani. Se invece preferisci inseguire per sentieri fuori mano leprotti e caprioli in fuga, scegli gli agili Peoni e gli sfreccianti Sicambri. E ora come allora Pietro Rigoni riconferma: Se vogliamo, poi, con un po di riflessione analizzare certe ragioni complementari, si può affermare che il lavoro, lo stile, la dolcezza del

2 S.I. è quello che maggiormente rispecchia l indole dell uomo latino italiano, che a differenza di altri popoli ha marcatamente più fantasia, più grinta, più iniziativa, e perché no più allegria. Elementi che nel S.I. si possono riscontrare nell animosità della sua voce e nella dolcezza del suo sguardo. Da sempre dunque si è capito che una particolare tipologia dipende dal carattere, dalla morfologia, dal popolo che ha selezionato in funzione di specifici obiettivi. In effetti è l uomo che predispone gli accoppiamenti e la natura ne decide il risultato (che può essere migliorativo e divenire la base, per ulteriori selezioni). A questo punto capisco che per dare spiegazioni antropologiche, etologiche e psicologiche al comportamento di un segugio, occorrerebbero altre capacità e studi, ma un po di sincera ignoranza e trasparenti osservazioni, forse possono aiutare a farmi capire. Il carattere è il fattore determinante nella definizione dello stile. Un cane freddo potrà essere intelligente, ma non avrà un bello stile. Oltre a questo lo stile dipende da istintualità e intelligenza, trasmesse geneticamente, le quali ridestate con l addestramento, determinano il modo di comportarsi di un segugio a caccia. Per ultime non dobbiamo dimenticare la memoria e l esperienza, fattori che sviluppano i precedenti. L insieme di tutti questi elementi influiscono sulla metodologia comportamentale e intellettiva del cane. Il nostro segugio ha parecchie qualità, che talvolta possono creare dei problemi e che raramente risultano presenti in un unico esemplare. Ad esempio più il cane avrà personalità, intuito, indipendenza e meno sarà disposto a collaborare o a sottostare agli altri componenti della muta. Ne consegue come afferma anche Bruno Ottino che ogni soggetto ha un suo metodo per arrivare allo scovo e inseguire. Non ci resta che dire, nella maniera più realistica possibile: chi ti fa vedere la lepre ha quello giusto, gli altri hanno quello sbagliato Proseguendo con questo concetto, direi: il cane che corre per un giorno intero è quello bello. Forse il nostro concetto di muta si discosta da quello classico dei Francesi, in cui i diversi componenti sottostanno a leggi ferree, dettate dal canettiere, dalle trombe o dal capomuta. I nostri gruppi o branchi sono un insieme di soggetti completi e differenti il cui unico intento è quello di farti catturare il selvatico o di catturarlo loro stessi. Non bisogna trascurare di affermare che tra questi due opposti ci sono infinite variazioni in cui si collocano la maggior parte delle nostre mute. Un altro fattore che crea delle difficoltà nella composizione della muta, è il cambiamento di passo che riscontriamo nei nostri segugi. Essi trattano la pastura della notte per punti, spesso al galoppo, interpretare in velocità l usta non è da tutti, e trovare quattro o cinque cani allo stesso livello è difficile. Per questo l unica coesione che possiamo avere è quella sulla passata che porta al covo e sull inseguimento. Il fattore che più dovrebbe contraddistinguere il nostro segugio da altre razze, è la capacità di comunicarci con i movimenti e con la voce in che punto siamo delle diverse fasi della cacciata. Per fare questo però deve essere un cane completo. Anche Pesenti Gritti, parlando dell allevamento, mette il dito nella piaga, spiegando che è difficilissimo riprodurre l equilibrio di un soggetto, spesso frutto di combinazioni genetiche fortunose, ma alcuni allevatori molto sensibili e profondi conoscitori dei progenitori, riescono con più probabilità ad allevare soggetti validi. Anni or sono tenni un rapporto epistolare con il compianto Gildo Fioravanti. La cosa finì perché nessuno

3 dei due si spostava dalle proprie posizioni, o semplicemente perché non avevamo più niente da dirci. Tutti e due sapevamo che ci saremmo trovati d accordo su quale fosse il segugio bravo, ma la metodologia per arrivarci non era la stessa. Esperienze, o forse finalità diverse ci condizionavano. Per lui come per altri grandi segugisti la soluzione per poter migliorare, mantenere o recuperare il nostro cane, era quella di rinsanguarlo con altre razze da seguita. Invece io ero e sono tutt ora convinto che nella selezione bisogna usare dei porta innesti selvatici o al di fuori del gruppo di appartenenza. Per il Gascon Saintonge è stato usato il lupo, per il Setter il Border Collie e per il Pointer il mastino.. Il mescolare due razze simili, costruite con la manipolazione della selvaticità per un adattamento alle diverse forme di caccia, comporta deviazioni importanti nel comportamento e di conseguenza dello stile di razza. Forse mi condizionavano la cultura contadina e anche personaggi mitici della cultura veronese come Don Carlo Benedetti. Uno sospeso tra la figura di San Francesco e don Camillo, capace di usare allo stesso modo le candele della chiesa che i candelotti di dinamite. Mi diceva che i suoi principi erano mangio quando ho fame, dormo quando ho sonno. Minimalista convinto, affermava che per capire l esistenza devi partire dai suoi fondamentali. Forte appassionato della caccia alla lepre usava una varietà di lepraioli della zona, del colore del Briquet Griffon Vendèen, talmente di metodo, che qualcuno diceva che scrivevano poesie su una fatta. (Non dobbiamo dimenticare che le nostre montagne risentono tuttora di influenze culturali e etniche sia tedesche che austriache). La cosa più sorprendente era che riproducevano se stessi nel comportamento in maniera impressionante, fattore che spesso non avveniva nella selezione del segugio da esposizione. Mi confessò che le migliori cucciolate gli erano riuscite quando la cagna si era scelta il maschio. E difficile far meglio della natura e dell istinto animale. Mi parlava anche di un cucumerlo (cane con la testa rotonda come il cocomero, erano chiamati così quelli da pagliaio) del Ceschi di Alcenago VR, (da notare che senza aver letto le suddivisioni cinotecniche moderne, differenziavano le razze in base alla conformazione della testa, però nessuno è mai riuscito a trovare delle connessioni tra l intelligenza e la forma del cranio. (Il criminologo veronese Cesare Lombroso passò una vita a cercare correlazioni tra la somatica del viso e della testa con la propensione ad atti delittuosi, senza arrivare a dati certi). Quando non sapevano più come fare per trovare una lepre, dopo giorni di inutili ricerche, e la disputa non li faceva più dormire, andavano a prenderlo, perché la sua intelligenza superiore gli permetteva di andare allo scovo. Segugio Italiano II Parte: Il comportamento Mi piace comunque pensare ad un esemplare ideale, che riunisca in se le varie positività. Sarà un cane con una conformazione fisica perfetta, adeguata al lavoro da eseguire. Le sue continue variazioni di comportamento, pensieroso sulla pastura notturna, concentrato sulla passata, teso nello scovo, feroce nell inseguimento, esperto nel riannodo, ne faranno risultare uno stile, di uno che si muove come un ballerino, recita come un attore e ha una voce da cantante. Nel lavoro dovrebbe avere la cerca del

4 cane da ferma, l accostamento o il metodo di un Francese, l intraprendenza di un Inglese, la selvaticità o lo scovo di uno Slavo, l equilibrio di uno Svizzero, la caparbietà di un Tedesco e la maneggevolezza di un cane da pastore. (basta così??). Traducendo nel linguaggio degli addetti ai lavori direi: la continuità di traccia di un Fioravanti, l intelligenza e l essenzialità di un Armani, l inseguimento di un Villa, la maneggevolezza di un Angeli e la bellezza e le proporzioni di un Zanardi. Forse inconsciamente stiamo ripercorrendo a ritroso il cammino della suddivisione delle razze di segugi avvenuta probabilmente nell alta Saona, e andiamo a riscoprire il cane da corsa Nord Africano o Egizio che secondo gli antropologi Keller e Tschudy ci hanno portato i Fenici e i Romani. Ritrovamenti archeologici confermano la presenza a Malcesine nell alto lago di Garda, di un tempio dedicato alla dea egizia Iside o Romana Venere, simboli della maternità, della fertilità ma anche dell oltre tomba. Tra i nomi più ricorrenti nei nostri segugi, troviamo Stela, Stella, Strea, Stria, Stelo ma anche altri legati al soprannaturale come Lampo e Lampina. Sono solo coincidenze a con il culto di quelle divinità sono stati importati anche i cani?. In seguito anche i Longobardi mantennero viva questa razza, il loro impiego e il loro valore divinatorio. Si sono ritrovati in una tomba di un guerriero Longobardo alto quasi due metri, presso Povegliano Veronese, due scheletri di cani perfettamente conservati, sembra averli voluti con se nel suo viaggio dell aldilà. Il maestro Mario Quadri ed io ne abbiamo confrontato la testa con quella della Fiamma di Vaudetti, ed è risultata identica. Il Solaro su questo cranio e lo scheletro vi teneva lezioni di cinotecnica e gli servì per redigere lo standard del segugio italiano Oltre a questi significati spirituali dobbiamo aggiungere quelli artistici. Chi è innamorato dell arte di questa caccia ha imparato a gustare una delle più belle opere teatrali del mondo, messa in scena dal segugio e dalla lepre La lotta per la vita il predatore e il predato, fattori talmente concatenati, da essere alla base della nostra stessa esistenza. Questa è un opera d arte che si sostanzia di immagini sempre nuove, sempre diverse, che rielaborate nella mente, creano la perfezione del sublime, e quella ti comunica in maniera immediata, ti parla, ti colpisce totalmente. Non saprei spiegare in altro modo una sensazione che riaffiora tra i miei ricordi quando vidi per la prima volta il Lampo, lo aveva allevato il parroco di Magasa, paese al confine tra Brescia e Trento, purtroppo non l ho mai conosciuto (credo che avrei dovuto fare il prete per avere dei segugi bravi!!). Fu amore a prima vista, il cane mi comunicò subito cosa stava facendo, incontrata l usta, fermò la coda e dopo essersi sincerato del valore della stessa, la mosse lentamente, poi sempre più velocemente, spostò il posteriore per trovare la direzione della pesta e prima di fare un passo diede voce. Tutt oggi non riesco a capire come possa esserci una comunicazione così immediata tra due esseri, ma la tensione che traspariva sotto la sua pelle, i tendini, le vene, l ossatura, lo sguardo, la postura e le sue proporzioni mi mettevano in contatto con lui, con quell opera d arte viva. G. Solaro Il bello in zootecnia va oltre al piacere sensoriale, si orienta verso il piacere intellettuale. Comunque alla base di tanti pregi ci stanno l intelligenza e l esperienza. Il cane in generale e il segugio in particolare dimostra questa facoltà elaborando nozioni percepite attraverso il suo potente olfatto, riuscendo così a ricostruire il percorso notturno dei selvatici, specialmente quello più difficoltoso della lepre. Immagino che

5 non sia semplice valutare l intensità di una traccia a distanza di ore e riuscire a capire se sia stata percorsa, poco prima, o poco dopo, oppure quanto vicina o lontana dal covo. Pur potendo far risalire ad una certa istintualità di cui il cane ne è ancora fornito, (comportamento codificato geneticamente, infatti notiamo che le cagne puliscono i cuccioli dalla placenta e gli staccano il cordone ombelicale con i denti, senza che nessuno glielo abbia insegnato). Però gli addestratori, o più semplicemente un buon cacciatore si sarà accorto che i cani riescono a risolvere degli enigmi falli con più precisione, continuità e sicurezza con le esperienze fatte sul terreno. I nostri vecchi dicevano che un cane segugio, per essere bravo, deve avere un anno per gamba e magari uno per la coda. Per poter meglio conoscere lo stile e il metodo del segugio nel nostro caso italiano, dobbiamo prima sapere per cosa è stato selezionato. Il segugio attuale è stato usato soprattutto per la caccia alla lepre con il fucile, spesso in areali antropizzati e limitati. Per questo motivo deve in egual modo cercare, scovare e inseguire. Questi areali ristretti spesso ne hanno ridotto l andatura al passo. Un territorio con presenza di coltivazioni diverse: arato, mais, frutteti, prati ecc..; provoca continue variazioni di olfattazione e la sua sagacia dovrà rasentare la testardaggine, soprattutto per avere il tempo di farsi il naso ad ogni cambiamento Il suo carattere, potremmo dire la sua personalità, visto che sono stati usati a volte a singolo oppure in mute poco numerose, saranno più spiccate e indipendenti, soprattutto in alcuni ceppi selezionati in luoghi dove il cane non può essere seguito e le poste sono di una o due persone. Ma torniamo nuovamente al nostro argomento specifico. Lo Stile del segugio Italiano emergerà soprattutto nella fase dello scovo, la selvaticità scritta nel D.N.A. trasparirà nel suo comportamento. Lo vedremo soffermarsi, guardare nel vuoto ragionare fiutare, sentire, ricordare e riassumere esperienze precedenti, i dati raccolti con il naso, avrà lo sguardo distaccato pur essendo tremendamente presente, assomiglierà più a un gatto od a una volpe. Ne deriverà che i suoi movimenti non saranno meccanici ma soggetti a continue variazioni dimostranti i vari stati d animo. Questo modo di essere lo potremmo notare anche nel suo comportamento usuale, il suo sguardo vi lascerà intendere che è qui con voi, ma pensa alle lepri.. Segugio Italiano III Parte: La morfologia Anche l aspetto morfologico è particolare. Uno dei nostri grandi predecessori il Solaro, ci ha lasciato un disegno di segugio che sta nel quadrato, con un garrese alto (premetto che non è mia intenzione criticare uno dei padri della cinofilia italiana, ma fare solamente delle osservazioni, frutto di anni di pratica segugistica). Un soggetto del genere sarà portato a galoppare e ad inseguire velocemente, mentre negli ultimi tempi, noi vogliamo una andatura moderata e lo usiamo quasi esclusivamente nella caccia alla lepre. Di conseguenza alcuni aspetti morfologici sono venuti a modificarsi, come del resto è successo in molte altre razze,

6 pur rimanendo uguale nel tipo di ossatura leggera, muscolatura saliente e pelle sottile,(a me ricorda un po il cavallo arabo). Ho l impressione che soprattutto nelle femmine si debbano riscontrare queste diversità: un gomito più lungo e piegato, cioè un punto di bilanciere cerebro-dorsale più centrale, che permette al segugio di cambiare direzione più facilmente, il garrese più basso ed il rene più lungo e leggermente cifotico, un cane che sta nel rettangolo, in movimento darà l impressione di non fare nessuna fatica a tenere il naso incollato al terreno. Ho parlato delle femmine perché nel nostro segugio è rimasto un certo dimorfismo sessuale, a me sono capitate più tracciatrici femmine e inseguitori maschi. Questi ultimi hanno ancora una morfologia più da attacco. Ho trovato una descrizione interessante in Senofonte, nella sua opera La Caccia.400 a. C. Per cominciare, devono essere di grossa taglia. Serve poi che abbiano la testa snella, camusa, ben articolata, muscolosa sotto la fronte occhi prominenti, neri e brillanti fronte ampia e profondamente discriminata; orecchie piccole, sottili e glabre nella parte posteriore; il collo lungo, flessuoso e arrotondato; il petto ampio e carnoso; le scapole leggermente discoste dalle spalle; gli arti anteriori corti, diritti arrotondati e ben fermi; giunture diritte; le costole non abbassate verso terra ma inclinate obliquamente, i lombi carnosi, di media lunghezza, ne troppo molli ne troppo rigidi; i fianchi di taglia media; le anche rotonde, carnose nella parte posteriore, non ravvicinate verso l alto ma aderenti alla parte interna, l anguinaia e il ventre sottili; la coda lunga, diritta e flessibile; le cosce forti; gli stinchi lunghi, rotondi e solidi; gli arti posteriori molto più lunghi degli anteriori e magri. Cani come questi daranno già con l aspetto l dea della forza, saranno agili, proporzionati e veloci, ed avranno espressione vivace e buone fauci. Sono arrivato alla conclusione che per cacciare la lepre vada benissimo un cane che gli assomigli. Ebbene certo, la linea di demarcazione tra i pugnaces e i sagaces (i disegni che troviamo nei mosaici Romani ci possono essere di aiuto per capirne la differenza) nei segugi odierni non è poi così netta. Infatti mi sembra che anche i Maremmani di adesso e i Beagle Harrier siano più da attacco e da seguita a testa alta,con il garrese alto, il collo corto e gomiti diritti; segugi portati ad inseguire grossa selvaggina molto velocemente. Ecco allora un altro fattore determinante nel movimento: la taglia. Infatti aumenta o diminuisce in modo inversamente proporzionale, cioè più il cane è grande e meno si muove velocemente, mentre più è piccolo e più è frenetico. La migliore nella sua espressività, funzionalità e resistenza per la caccia alla lepre a mio parere è sui 50 cm X 18 kg. Concordo in ciò con quello che scrive P. Garnier nel 1879: Noi ammetteremo nella nostra piccola muta, solamente dei briquets dai quaranta ai cinquanta cm di taglia. Di cui il reclutamento sarà facile; perché grazie a Dio, noi abbiamo in Francia un po dappertutto degli eccellenti cani di paese che cacciano adorabilmente la lepre. Noi citeremo les briquets D Artois, i cani leggeri dei Vosges, delle Ardenne, del Jura, de la Burgogna e della Alta Marne e nell alta Saone, i graziosi cani conosciuti col nome di chiens de porcelaine. Il portamento della coda è un fattore importantissimo nella definizione dello stile, parallela alla groppa, avrà quasi sempre dei movimenti ondulatori, che si

7 propagheranno a tutto il rene fino a farla sbattere sul costato, solo saltuariamente saranno ammessi movimenti rotatori, la sua elasticità, non rigida ne molle, assomiglierà ad un giunco di salice e darà a tutto il cane un aspetto elastico, elegante e leggero ne scattante, ne pesante. Soprattutto sarà parte integrante di tutto il corpo, assolutamente non dovremmo avere la sensazione che sia indipendente da esso. Come diceva il compianto cav. Ciceri la testa e la coda, io aggiungo il loro movimento, sono i fattori più importanti nelle definizione della razza. Osservando il nostro segugio al lavoro, dovremmo avere la sensazione che compia una danza, dove tutti i movimenti vengono fusi in un insieme consequenziale di eleganza, fluidità, plasticità, naturalezza e di vibrazioni di bellezza interiore. Sto usando toni lirici, ma un po di poesia non fa male!! La trovo nel poemetto La caccia delle lepri dell Abate di Thiene VI Cristoforo Muzani 1789: D otto coppie elettissime di Bracchi. Quel si raro drappello era composto, Che pregi tutti raccoglie dei cani: Odorato, artifizio, ardire, arguzia [ ] Di lei nel corpo si volante, e snella [ ] Di Lei per senno sì ingegnosa e scaltra, che qual portento, e onor di tutti i bracchi. A vivaci color fu pinta in tela. Io la vidi e conobbi, e il ver dipingo. Amorosa era il nome: alto, e sottile stendeva il piede celere, ed alato. Di stirpe bracca, al passo era Levriera. (molto importante). Morbide nari, e all odorato vaste, Di fibra gentilissima tessute, collo soave e capo altero, e vago, Tinti, e picchiati, e giù cadenti orecchi; E sotto un ciglio maestoso, e ardito. Vivaci gli occhi, e folgoranti un dolce Amabile seren misto di foco, Che del genio del cuor cortese e fido facea sede non dubbia. Il lungo corpo. Tutto leggiero e sempre presto al volo. Il fino pelo di color cilestro. Emulatore d un velluto azzurro. Con lattee fasce al petto, al fianco, al dorso; Coda vezzosa, e al corteggiar gentile, Nitida e stesa, e al fin curvata in arco, E in sulla cima un bel fiocco di neve. Parea dipinta con divin pennello [ ] E scopertala a covo entro al ginepro, Benchè sospinta dal nativo ardore. Solea cheta aggirarsi, e a piè sospeso. Toccante appena il suol salir sull erta. Di quel proclive dosso, e allor di piombo. Sulla preda anelar, scagliarsi ratta. Col favor della china: Il prode dente, insanguinato ne sagace assalto. Liberal era a ridonar la preda, Benchè tutto Trofeo del valor suo. Nel perseguir la lepre era saetta. Al primo escir dell arco vibratore, Che tutto serba l impeto e il volo. Braccava allora si sottile, e dolce, che in mezzo all armonia dell altre voci. Alte, grosse, rotonde, gonfie, rauche. Qual campana, o di tamburo, o tromba, pianto parea di tremolo flautino. Che dolcemente il cuor ti molce, e bea. Torniamo a considerazioni sulla struttura fisica, che condiziona lo stile, riportando un passo di Fioravanti: Lo stile è l effetto di queste componenti (cause) che lo producono: conformazione fisica, temperamento, voce, comportamento sull emanazione. E evidente, quindi, che il modo di trattare il sentore è l elemento più caratterizzante per fissare lo stile nel cane da seguita, perché sullo stesso impegna il suo temperamento, l olfatto e i

8 movimenti. E altrettanto evidente la dipendenza dalla struttura fisica: un collo lungo, le linee della testa divergenti, il tartufo sporgente, gli arti piuttosto contenuti in altezza da terra facilitano il compito a lavorare col muso sfiorante la pista. Infatti anche la conformazione del naso influisce notevolmente nel portamento del cranio, il nostro segugio dovrebbe averlo a becco d anatra, ne consegue che la testa sarà tenuta con una inclinazione di ca. 45 dal terreno consentendogli di sfiorare le superfici mantenendo una andatura discreta e di non respirare molta rugiada, però ho notato che alcuni ceppi, selezionati in ambienti più siccitosi, abbiano un tartufo più squadrato, il quale costringe il cane a tenere la testa perpendicolare al terreno, limitandone l andatura, ma consentendogli di sentire anche in assenza di umidità. Inoltre in quelli che provengono da zone sassose, rocciose o dove il terreno è secco e duro il metacarpo è più scivoloso, cioè con una leggera inclinazione in avanti e il piede ha una conformazione più allungata, come quello della lepre. Mentre in quelli che provengono da zone con terreno più molle, il metacarpo è più diritto e il piede più rotondo. Questo tipo di conformazione dipende anche dall uso a cui è adibito il cane. Segugio Italiano IV Parte: Il lavoro Vediamo ora il nostro segugio al lavoro: Alla sciolta il segugio italiano darà inizio ad una cerca al galoppo sciolto o al trolotto, però lo vedremo soffermarsi nei punti dove l esperienza gli ha fatto reperire l usta in altre occasioni, attorno ad una roccia o ad un palo, in mezzo ad un prato, su un ponticello, su un ciglio della strada su dei crocicchi. Anche questa fase non deve essere fatta con frenesia o con troppo impeto, ma con ponderatezza, accortezza e meticolosità. Percepite le prime effusioni di odorato di lepre dal terreno il cane dovrà fermarsi e concentrandosi qualche volta fermerà la coda, darà qualche squittio incerto, fino a che, sinceratosi definitivamente comincerà ad abbaiare sonoramente con le vocali a, o, i, si dice che ha un bel incontro quando ci comunicherà la sua gioia. Il cane diritto (come dice bene Marcel Saint Jean) sinceratosi da che parte va la pista al suolo, inizierà un accostamento lineare fatto di piccole annusate, porterà avanti la traccia nella maniera più continua possibile, ma dopo essersi accorto che non riesce più a proseguire, dovrà con cerchi concentrici cercare di riannodarla, in questa fase non dovremmo penalizzare i soggetti che fidandosi del lavoro dei cani di centro, bordano il territorio cercando la via d uscita. I soggetti più anziani ed esperti cercheranno in maniera abbastanza autonoma sulla pastura della notte. Il rintraccio della passata al covo verrà fatto con voce e movimenti più marcati ed intensi, tanto da comunicare agli altri l importanza del ritrovamento. A questo punto il lavoro si farà più corale e l odorato servirà da collante per la coesione della muta. I componenti diventeranno più meticolosi, precisi e concentrati, una certa tensione trasparirà dai loro movimenti, si avrà l impressione che stanno risolvendo un problema importante. Alcuni comportamenti nelle diverse fasi varieranno da individuo a individuo secondo le esperienze acquisite, dal dialogo e

9 dall affiatamento tra i compagni e dal carattere del cane,. Inoltre ho notato che la quantità di voce emessa spesso è in relazione al carattere del soggetto. Per esempio, quelli che trovano la via d uscita, gli scovatori e gli indipendenti in genere sono più parchi di voce dei segugi che tengono molto la traccia e hanno più spirito di muta, ci sono cani innamorati dell odore della lepre e altri della stessa, forse con più il cane ha conservato il suo istinto di predatore e meno abbaia. Ricordo di essere stato in disaccordo su questo punto con il compianto dott. Antonio Tonali, il quale metteva la quantità di voce in relazione inversamente proporzionale all intelligenza, infatti secondo me le capacità intellettive in rapporto alla voce hanno meccanismi più complessi, in cui confluiscono diverse componenti, tra le quali non ultima l emotività. Personalmente essendo sempre stato attratto dai realizzatori, pur avendo selezionato segugi italiani usciti campioni dalle prove di lavoro, ho sempre avuto grosse difficoltà nel farli abbaiare la pastura. Come tutte le qualità che si discostano da quelle predatorie, sono da tenere sempre presenti nella selezione. Torniamo ora al comportamento a caccia. Nelle vicinanze della lepre alcuni si fermeranno a guardarsi attorno per vederla fuggire, altri procederanno a balzi per farla saltare o annuseranno gli steli della vegetazione, l eccitazione che li pervade sembrerà allontanarli dal mondo che li circonda (i cinofili lo chiamano il senso del selvatico). Lo scovo a vista avverrà con un urlo fatto spesso con la iii nelle femmine con la aaa oppure la ooo nei maschi ( i nostri vecchi dicevano vanno via con il fiato, perdono il fiato non inspirano più). Dei soggetti lo fanno anche non vedendo la preda, altri di consenso (in questa fase ci può stare) L inseguimento avverrà con muso ne alto ne radente al terreno, ma ad una altezza che consentirà al segugio di seguire sia la via al suolo che quella del campo odorante (Vedi Marcel S. Jean) Nella risoluzione dei falli o quando la lepre prenderà terreno vedremo il nostro segugio applicare il tartufo a terra e seguire fedelmente la traccia. La risoluzione del fallo verrà eseguita con sagacia, cioè senza perdersi d animo, insistendo nella risoluzione, e ognuno con il suo metodo, marcherà l ultima pesta, farà cerchi concentrici oppure tornerà indietro per capire se è stato fatto un raddoppio (questa ultima operazione dovrà essere fatta senza abbaiare, altrimenti incorreremo nel rebuffo, imballando così la muta). Un'altra situazione in cui il cane sarebbe opportuno che stesse zitto, è il riscovo. Il segugio accortosi che la traccia è diventata fredda, cioè che la lepre si è allontanata molto, naso a terra con passo allegro, a volte soffermandosi su una pedata, a volte bordando i cigli delle strade, dei forteti o delle siepi, sommessamente andrà a ritrovarla. Dei segugi nel pieno della seguita a fiato tengono la coda ferma e sembrano degli archi che si tendono e distendono in continuazione, è uno spettacolo coinvolgente anche per i neofiti. Vorrei a questo punto ribadire un concetto già espresso in precedenza cioè che il comportamento del cane varia in rapporto alle esperienze fatte. Ricordo della Margherita che non abbaiava più nelle vicinanze della lepre dopo averne catturate alcune e aveva poi cambiato modo di lavorare con la morte del compagno Filippo, segugio avvinto alla traccia. Finché lui era in vita, lei boschettava nei dintorni, in seguito iniziò a fare il suo lavoro. Margherita, in presenza di molte lepri, le cercava direttamente al covo, una, la rintracciava passo, passo. In coppia con la figlia Mia si

10 scambiava ad inseguire, mentre una rimaneva sull odorato l altra riannodava con tagli concentrici. Più di una volta mi accorsi che rifiutava la compagnia dei cani chiacchieroni e bugiardi o con poca valutazione dell odorato. Ma per sapere veramente se un cane è segugio, deve dirtelo lui, sembra una battuta, mentre è la verità. Diverse generazioni e anni dopo la Margherita, nacque il Mambo. Un giorno a caccia uscì da una piantagione di kiwi, ci guardò, e tutti e tre i presenti capimmo dalla sua espressione, che aveva qualcosa da dirci o da farci vedere. Lo seguimmo all interno del frutteto, ad un tratto si fermò a ispezionare e annusare un ciuffo di erba secca attorno ad una pianta, poi con la zampa estrasse un leprotto, e con il muso iniziò a spingerlo per farlo correre. Di una lepre che stava ferma non sapeva che farsene. Penso che altri cinofili potranno portare esempi simili. L accenno a questa mia mitica cagna mi induce a riproporre il discorso della selezione, dopo anni che io la pratico, avendo mantenuto come punto fermo il ceppo della Margherita, ho la presunzione di capire cosa hanno apportato altri cani nel nucleo originario. Per farmi capire meglio, se sono tipo Don Nando o Fioravanti. Chi è riuscito a fissarli nel cane ha impiegato tempo, intelligenza e ha avuto fortuna. Per dirla in breve, se accoppi con famiglie di segugi in cui è stata fatta una selezione oculata puoi progredire o mantenere un buon livello nei tuoi cani. Se invece incappi con l accoppiamento in un soggetto bravo, ma uscito per caso, o torni indietro, o non sai più dove sei finito. Il buono è un equilibrio instabile che si deve ricercare in continuazione e che è più facile trovare presso chi questa ricerca la pratica da molto tempo Se prendi un gatto da un contadino è facile che mangi i topi, ma quelli da salotto al massimo ti fregano la bistecca dal piatto. Spero in conclusione, di aver presentato molti aspetti che definiscono la specificità del segugio italiano, anche se è difficile definire le caratteristiche di differenziazione preminenti. Ad esempio Don Nando A. differisce il segugio italiano dagli altri perché in diversi soggetti possiamo riscontrare il metodo di cerchiare per riannodare la traccia. Zacchetti parla di iniziativa, fattore che lo differenzia specialmente dai Segugi Francesi. Pesenti Gritti dal giusto equilibrio esistente nello stesso soggetto, che ora usa il metodo sulla passata, ora avanza a memoria (cerca dove pensa che ci sia l odorato) o a istinto, o a intelligenza toccando i punti più significativi ma continui cioè dello stesso animale. Tutti e tre sono d accordo che nella fase di scovo, il cane deve saperti dire cosa sta facendo (un mio amico ha una cagna che prima di scovare si gira a guardarlo). Inoltre due dei fattori che possono contraddistinguere ulteriormente il comportamento del nostro cane quindi anche lo stile, risultano, secondo Mario Quadri, il S.I. ha un movimento ondulatorio del cranio più o meno marcato che evidenzia ogni singola annusata. Secondo me dal fatto che molti soggetti puntualizzano la traccia, in pratica soffermandosi sui punti significativi e manifestando con aumento della voce e dei movimenti danno importanza a quello che hanno rilevato. Questo metodo di comportarsi da il tempo ai compagni di recepire la valutazione fatta dai singoli, aumentando di fatto il dialogo e la comprensione tra i componenti della muta, infatti bisognerebbe avere, guardandoli, la sensazione o la certezza che esista un dialogo, e non un accozzaglia meccanica che a volte fa partire una lepre. E qui conviene ribadire un concetto fondamentale: non si ritengono validi i sistemi del gatto, della volpe, dei cani da ferma o da cerca, che si basano su alcune probabilità e situazioni meccaniche o

11 fortuite. Però i modi di agire del cane intelligente e esperto (Dante Alighieri Cagne studiose e conte ) spesso differiscono dal lavoro classico ma fanno concludere la cacciata in maniera proficua. E anche Colombi ha detto: Non si può penalizzare un comportamento positivo per la caccia, nelle prove di lavoro. Voglio infine toccare per ultimo, riportando una mia esperienza, l argomento: bellezza nel segugio. Era il 1980, e stavo partecipando ad una prova di lavoro in quel di Casina (RE). Avevo un cane bassetto tipo Giura, i miei amici lo chiamavano Tir. Appena liberato rilevò sulla carraia, e iniziò un bel lavoro con molta continuità di traccia. Il giudice Don Nando, esclamò: Questo, Artegiani, è un bello, bello cane. Usò persino una licenza poetica per descriverlo, però pensai che mi prendesse in giro, di solito me lo squalificavano. Solo quando conobbi a fondo don Nando capii che il suo concetto di bellezza si riferiva quasi esclusivamente allo stile, e alla capacità di avanzare in maniera sicura sulla traccia. Lo stesso Solaro definiva la bellezza armonica come il risultato di una unicità di stile di costruzione del cane, per conseguire questa rara forma di bellezza debbono concorrere una serie di fattori non sempre facili a riscontrarsi contemporaneamente in un animale. Da allora le mie osservazioni critiche sui cani da esposizione aumentarono maggiormente. Ho sempre riscontrato molte difficoltà nel far combaciare il lavoro e lo stile del nostro segugio con la lunghezza delle orecchie, con le canne nasali lunghe e montanine, con taglie superiori ai 55 cm o più di 20 kg di peso, con l assenza di bianco sia nel fulvo, che nel nero focato, con la mancanza di speroni, con cani che stanno nel quadrato, con garresi importanti. Inoltre nei soggetti da esposizione spesso ho trovato: poca passione venatoria, scarsa resistenza alle malattie, fisico debole e alcune difficoltà nella riproduzione. Per questi motivi ho sempre cercato di preservare solamente lo stile. Purtroppo mi ritrovo a tutt oggi ad iscrivere i miei cani come lepraioli dell Appennino, anche se sono simili ai segugi di Zacchetti o ai campioni di 60 anni fa, oppure assomigliano più al disegno di Del Vecchio che a quello del Solaro In questo scritto ho messo troppa carne al fuoco, e sembra che la mia ricerca non approdi a nulla. Può darsi che la razza come la verità non esista, e possiamo solo pensarla come divenire, come ricerca, come studio sulla morfologia funzionale e sulla trasmissibilità genetica comportamentale. Tuttavia penso che ne sia scaturito un fattore importante; cioè che lo stile mantiene la sua incolumità attraverso i secoli, che lo stile è il filo conduttore che unisce tutte le componenti che hanno creato il segugio italiano ed è l unico modo d essere con il quale può farsi sentire come nostro. Gianni Artegiani Abitazione: Cellulare:

ANALISI DELLO STILE E DEL METODO DELLE RAZZE DA SEGUITA PIU RAPPRESENTATE IN ITALIA IN PROVE

ANALISI DELLO STILE E DEL METODO DELLE RAZZE DA SEGUITA PIU RAPPRESENTATE IN ITALIA IN PROVE Bentivoglio, 1 dicembre 2012 ANALISI DELLO STILE E DEL METODO DELLE RAZZE DA SEGUITA PIU RAPPRESENTATE IN ITALIA IN PROVE GIAN CARLO BOSIO IO NON CONOSCO VERITA ASSOLUTE, MA SONO UMILE DI FRONTE ALLA MIA

Dettagli

ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria

ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria Commento di Luisa Salinas UTILIZZAZIONE: questo cane robusto e resistente alle intemperie viene utilizzato dal cacciatore in

Dettagli

FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO. L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza.

FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO. L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. 2 LINGUA ORIGINALE FCI DI TRADUZIONE: inglese. ORIGINE: Brasile DATA DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

FCI Standard N 8 / 05.09.2013 AUSTRALIAN TERRIER. La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza.

FCI Standard N 8 / 05.09.2013 AUSTRALIAN TERRIER. La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. FCI Standard N 8 / 05.09.2013 AUSTRALIAN TERRIER La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. 2 LINGUA ORIGINALE FCI DI TRADUZIONE: tedesco ORIGINE: Australia DATA DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza.

L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. FCI Standard N 296 / 19.09.2013 CANE DA PASTORE SCOZZESE A PELO CORTO (Collie Smooth) L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. 2 LINGUA ORIGINALE FCI DI TRADUZIONE: tedesco

Dettagli

Traduzione in italiano a cura del sig. Pietro Paolo Condo CANE CORSO

Traduzione in italiano a cura del sig. Pietro Paolo Condo CANE CORSO Traduzione in italiano a cura del sig. Pietro Paolo Condo FCI Standard N 343 pubblicazione del 17.12.2015 in vigore dal 1 gennaio 2016 CANE CORSO Questa illustrazione non è necessariamente a dimostrazione

Dettagli

Testo redatto dal Dott. Vincenzo Ferrara STANDARD DEL SEGUGIO MAREMMANO

Testo redatto dal Dott. Vincenzo Ferrara STANDARD DEL SEGUGIO MAREMMANO Testo redatto dal Dott. Vincenzo Ferrara STANDARD DEL SEGUGIO MAREMMANO NOME DELLA RAZZA SEGUGIO MAREMMANO ORIGINE: ITALIA UTILIZZAZIONE Cane da caccia da seguita utilizzato prevalentemente nella caccia

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 05.03.1998

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 05.03.1998 FCI Standard N 97 / 05.03.1998 SPITZ TEDESCHI ORIGINE: Germania DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 05.03.1998 UTILIZZAZIONE: Cane da guardia e da compagnia CLASSIFICAZIONE F.C.I. Gruppo

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 06.03.07

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 06.03.07 FCI Standard N 183 / 18.04.2007 ZWERGSCHNAUZER ORIGINE: Germania DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 06.03.07 UTILIZZAZIONE: Cane di casa e di compagnia CLASSIFICAZIONE F.C.I. Gruppo

Dettagli

FCI Standard N 287 / 05.09.2013 AUSTRALIAN CATTLE DOG. La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza.

FCI Standard N 287 / 05.09.2013 AUSTRALIAN CATTLE DOG. La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. FCI Standard N 287 / 05.09.2013 AUSTRALIAN CATTLE DOG La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. 2 LINGUA ORIGINALE FCI DI TRADUZIONE: tedesco ORIGINE: Australia DATA DI

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 13.03.2001. UTILIZZAZIONE: Cane per la caccia a vista, la corsa e il coursing.

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 13.03.2001. UTILIZZAZIONE: Cane per la caccia a vista, la corsa e il coursing. FCI Standard N 193 / 02.04.2001 LEVRIERO RUSSO (Borzoi) ORIGINE: Russia DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 13.03.2001 UTILIZZAZIONE: Cane per la caccia a vista, la corsa e il coursing.

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO Sommario Nel primo capitolo di questo quaderno lei ha ritenuto che il gioco d azzardo sta causando problemi nella sua vita. Si è posto obiettivi

Dettagli

Sandro Fabbri È GIUNTA L ALBA

Sandro Fabbri È GIUNTA L ALBA È giunta l alba Sandro Fabbri È GIUNTA L ALBA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Sandro Fabbri Foto dell autore Tutti i diritti riservati A mia moglie Martina Introduzione È passato quasi

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Fulvo di Borgogna (direttive d allevamento svizzere)

Fulvo di Borgogna (direttive d allevamento svizzere) Fulvo di Borgogna (direttive d allevamento svizzere) Redatto da: Urban Hamann Storia della razzahte Nascita relativamente sconosciuta Conigli selvatici giallo rossi furono incrociati con diverse razze

Dettagli

L a b c dell addestramento del cane da ferma e da cerca

L a b c dell addestramento del cane da ferma e da cerca L a b c dell addestramento del cane da ferma e da cerca Luca Gamba L A B C DELL ADDESTRAMENTO DEL CANE DA FERMA E DA CERCA riflessioni e ricordi di un addestratore www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1

34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1 34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1 Posizione preparatoria 2 : con entrambi i piedi ravvicinati parallelamente, ergersi con naturalezza mantenendo ferma la {posizione di} attenti; ambedue

Dettagli

UN MODELLO PER L OSSERVAZIONE E LA DESCRIZIONE A CURA DELL EQUIPE TUTORIALE

UN MODELLO PER L OSSERVAZIONE E LA DESCRIZIONE A CURA DELL EQUIPE TUTORIALE UN MODELLO PER L OSSERVAZIONE E LA DESCRIZIONE A CURA DELL EQUIPE TUTORIALE L OSSERVAZIONE NON È MAI BANALE L OSSERVAZIONE PUÒ ESSERE: spontanea o mirata/sistemica globale o analitica volta a cogliere

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015)

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) Da circa otto mesi sto svolgendo un percorso di letture ad alta

Dettagli

I primi passi con un cucciolo

I primi passi con un cucciolo I primi passi con un cucciolo 15 I primi passi con un cucciolo Abbiamo preso Metchley dal canile quando aveva nove settimane. Già durante il suo primo giorno da noi ho iniziato l addestramento con il tocco

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

GUARDIE ECOZOOFILE PROTEZIONE CIVILE

GUARDIE ECOZOOFILE PROTEZIONE CIVILE American bulldog Origine: USA. Classificazione F.C.I.: RAZZA NON RICONOSCIUTA Cane di media taglia. E un cane che da l impressione di grande potenza e dinamicità. Grande forza. Razza dalla costruzione

Dettagli

2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8. 4.Conclusione... 9

2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8. 4.Conclusione... 9 1.Introduzione... 2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8 4.Conclusione... 9 Elisa Boffi 2009/2010 Opzione Storia 2 1) Introduzione In questo lavoro parlerò del mio sport, il nuoto sincronizzato.

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Il mio nuovo cucciolo: cosa fare ma soprattutto cosa non fare! COME COMUNICARE

Il mio nuovo cucciolo: cosa fare ma soprattutto cosa non fare! COME COMUNICARE Il mio nuovo cucciolo: cosa fare ma soprattutto cosa non fare! Dott. Simone Agostini, Medico Veterinario Ambulatorio Veterinario San Giorgio in Bosco tel. 0499450520-3478941059 Come sicuramente moltissimi

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE 01.04.2008

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE 01.04.2008 FCI Standard N 144 / 09.07.2008 DEUTSCHER BOXER ORIGINE: Germania DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE 01.04.2008 UTILIZZAZIONE: Cane di utilità e di compagnia CLASSIFICAZIONE F.C.I.

Dettagli

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Matteo SIMONE Silvio Trivelloni sceglie l Atletica Leggera alla scuola media con il Concorso Esercito Scuola e poi diventa un Atleta

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

F.C.I. Standard Nr. 235/ 02 04 2001 Alano Tedesco (Deutsche Dogge) Traduzione Italiana Dott. A. Bottero, Dott. M.L. Marchese, Dott. A.

F.C.I. Standard Nr. 235/ 02 04 2001 Alano Tedesco (Deutsche Dogge) Traduzione Italiana Dott. A. Bottero, Dott. M.L. Marchese, Dott. A. Lo Standard F.C.I. Standard Nr. 235/ 02 04 2001 Alano Tedesco (Deutsche Dogge) Traduzione Italiana Dott. A. Bottero, Dott. M.L. Marchese, Dott. A. Murante Origini: Germania Data della pubblicazione dello

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Ciao a tutti! Volevo come scritto sul gruppo con questo file spiegarvi cosa è successo perché se non ho scelto la cucciola senza pedigree e controlli (e come sto per spiegare non solo) è anche grazie ai

Dettagli

LA SINDROME DI X FRAGILE

LA SINDROME DI X FRAGILE LEZIONE: ALCUNE SINDROMI (SECONDA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE -------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LA

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Tecniche di presenza Lightin. Tecniche di Presenza. Associazione Culturale Lightin

Tecniche di presenza Lightin. Tecniche di Presenza. Associazione Culturale Lightin Tecniche di Presenza Associazione Culturale Lightin 1 L energia della Natura Si dice che la Natura sia in perfetto equilibrio e di conseguenza anche noi che ne facciamo parte, dovremmo esserlo. L albero

Dettagli

Državni izpitni center LINGUA ITALIANA PROVA SCRITTA. lunedì 10 maggio 2010 / 60 minuti. VERIFICA DELLE COMPETENZE alla fine del secondo triennio

Državni izpitni center LINGUA ITALIANA PROVA SCRITTA. lunedì 10 maggio 2010 / 60 minuti. VERIFICA DELLE COMPETENZE alla fine del secondo triennio C o d i c e d e l l' a l u n n o: Državni izpitni center *N10111121* SESSIONE ORDINARIA 2 triennio LINGUA ITALIANA PROVA SCRITTA lunedì 10 maggio 2010 / 60 minuti All'alunno è consentito l'uso della penna

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

LA COMUNICAZIONE CAPIRSI PER EVITARE GLI ERRORI PIU COMUNI

LA COMUNICAZIONE CAPIRSI PER EVITARE GLI ERRORI PIU COMUNI LA COMUNICAZIONE CAPIRSI PER EVITARE GLI ERRORI PIU COMUNI Il comportamento di un individuo influenza quello di un altro individuo Conoscere i segnali utilizzati dai cani ci permette di evitare errori

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Il muro nel settore giovanile

Il muro nel settore giovanile 1 Il muro nel settore giovanile Il muro nel settore giovanile Parliamo del fondamentale più trascurato dagli allenatori delle squadre giovanili (e che nessuno si offenda per questa affermazione! Basta

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

CONVEGNO 22 NOVEMBRE 2014 - VIGNOLA UN CERCHIO CHE CI UNISCE ESPERIENZE DI CONTINUITA

CONVEGNO 22 NOVEMBRE 2014 - VIGNOLA UN CERCHIO CHE CI UNISCE ESPERIENZE DI CONTINUITA CONVEGNO 22 NOVEMBRE 2014 - VIGNOLA UN CERCHIO CHE CI UNISCE ESPERIENZE DI CONTINUITA Buongiorno. Sono Antonella Barbieri, educatrice dell'unione Terre di Castelli, e sono stata chiamata a collaborare

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

http://www.infinitoteatrodelcosmo.it/2015/04/08/le-basi-della-relativita-ristretta-o-speciale/

http://www.infinitoteatrodelcosmo.it/2015/04/08/le-basi-della-relativita-ristretta-o-speciale/ Salve a tutti è un po che vedo e leggo su internet discussioni infinite sulla RR e sul paradosso dei gemelli, ma alla fine si gira sempre intorno al problema senza mai risolverlo e capirlo. Io non sono

Dettagli

1. perché per il bambino è un bene avere in casa un cane? Quali sinergie si sviluppano all interno del gruppo famigliare?

1. perché per il bambino è un bene avere in casa un cane? Quali sinergie si sviluppano all interno del gruppo famigliare? Intervista all educatore cinofilo E. Buoncristiani 1. perché per il bambino è un bene avere in casa un cane? Quali sinergie si sviluppano all interno del gruppo famigliare? Gli aspetti positivi di questa

Dettagli

Italia 27.11.1989. Cane da compagnia. Gruppo 9: Cani da compagnia Sezione 1: Bichon e affini Senza prova di lavoro

Italia 27.11.1989. Cane da compagnia. Gruppo 9: Cani da compagnia Sezione 1: Bichon e affini Senza prova di lavoro BOLOGNESE fci-standard n 196 Con commenti allo standard di francesco cochetti giudice all rounder ENCI fci / italia origine Italia DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE 27.11.1989 UTILIZZAZIONE

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

GIOCHI DI SOCIALIZZAZIONE

GIOCHI DI SOCIALIZZAZIONE GIOCHI DI SOCIALIZZAZIONE CHI HA AVUTO, HA AVUTO Ciascun giocatore riceve cinque rettangoli di cartoncino delle dimensioni di una carta da gioco, su un lato dei quali scrive, in bella evidenza, il proprio

Dettagli

IL DISTURBO AUTISTICO

IL DISTURBO AUTISTICO LEZIONE: DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

LA FELICITÀ Istruzioni d uso per comuni mortali. Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita

LA FELICITÀ Istruzioni d uso per comuni mortali. Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita INTRODUZIONE Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita Quando hai 27 anni un bimbo di 8 mesi, un buon lavoro, una casa un buon marito, cosa ti manca?

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE 6 CAPITOLO I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE Quando sento narrare la mia infanzia mi sembra di ascoltare un racconto di fantasia con un personaggio, che poi sarei io, al centro di tante attenzioni

Dettagli

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO INSEGNAMENTO IL MIO CUORE CANTA LE TUE LODI a cura di Carlo Arditi, Responsabile del Servizio Musica e Canto Nel preparare questa condivisione mi sono accorto che, pur non avendolo fatto apposta, anche

Dettagli

Progetto . Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza.

Progetto <L Apprendista Cittadino >. Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza. Progetto . Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza. Le tematiche offerte, gli spunti di riflessione, gli argomenti trattati sono risultati interessanti

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

PROVA PER CANI E PADRONI BUONI CITTADINI PRECEDUTA DA TEST COMPORTAMENTALE

PROVA PER CANI E PADRONI BUONI CITTADINI PRECEDUTA DA TEST COMPORTAMENTALE BH PROVA PER CANI E PADRONI BUONI CITTADINI PRECEDUTA DA TEST COMPORTAMENTALE approvato dal Consiglio Direttivo del 24.2.2011 su parere conforme della Commissione Tecnica Centrale del 14.1.2011 in vigore

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

Unità III Gli animali

Unità III Gli animali Unità III Gli animali Contenuti - Fattoria - Zoo - Numeri Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto racconta L Orsoroberto si presenta e racconta ai bambini un poco di sé. L Orsoroberto ama mangiare il miele,

Dettagli

LA RANA HA TRE MOTORI? di gabriele salvadori (aprile 2007)

LA RANA HA TRE MOTORI? di gabriele salvadori (aprile 2007) LA RANA HA TRE MOTORI? di gabriele salvadori (aprile 2007) Vi presento il fedele resoconto di una seduta di allenamento da me tenuta che è stata filmata e trascritta a partire dalle immagini video da Davide

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

Michele Arcangelo Carbone VITA CONTADINA

Michele Arcangelo Carbone VITA CONTADINA Vita contadina Michele Arcangelo Carbone VITA CONTADINA Poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Michele Arcangelo Carbone Tutti i diritti riservati Richiesta permesso al comandante di compagnia

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

STRUMENTI DI AUTOSSERVAZIONE

STRUMENTI DI AUTOSSERVAZIONE STRUMENTI DI AUTOSSERVAZIONE Si allegano alcuni strumenti che potranno essere utilizzati nell ambito del percorso Il formatore li proporrà ai partecipanti fornendo step by step le istruzioni per l uso.

Dettagli

Luisa Signorelli offre le risposte alle lettere che arrivano in redazione.

Luisa Signorelli offre le risposte alle lettere che arrivano in redazione. Lettere alla redazione In questa pagina Luisa Signorelli offre le risposte alle lettere che arrivano in redazione. Se avete qualche domanda o qualche dubbio sul mondo della danza scrivete a danza classica@danzaclassica.net

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce Venerdì 18 luglio 2014 dalle ore 19 alle ore 20 nella sala meeting di Palazzo Gattini a Matera l artista Smerakda Giannini presenta Entità. Una personale di opere che ritraggono il lavoro di una fotografa

Dettagli

durante lo scorrere delle giornate, sono di tipo: comunicativo (parlare con l animale e parlare con gli altri dell animale); ludico; affettivo

durante lo scorrere delle giornate, sono di tipo: comunicativo (parlare con l animale e parlare con gli altri dell animale); ludico; affettivo INSERTO: La regione Veneto è stata la prima regione italiana ad emanare una specifica legge (L.R. 3/05) che promuovesse lo studio, la conoscenza, la diffusione e l utilizzo di nuovi trattamenti di supporto

Dettagli

Appendice situata all estremo superiore del tronco con la quale termina la colonna vertebrale. Vertebre coccigee (18-22) CARATTERE DI RAZZA

Appendice situata all estremo superiore del tronco con la quale termina la colonna vertebrale. Vertebre coccigee (18-22) CARATTERE DI RAZZA CODA Appendice situata all estremo superiore del tronco con la quale termina la colonna vertebrale Vertebre coccigee (18-22) CARATTERE DI RAZZA coda Funzioni: -timone direzionale ed organo di equilibrio

Dettagli

L educazione del cucciolo

L educazione del cucciolo L educazione del cucciolo Quando portiamo a casa un cucciolo (l età ideale è 2 mesi) dobbiamo, ), ovviamente, occuparci della sua educazione. Ciò non significa solamente insegnargli a non sporcare in casa

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DLELO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 23.03.1991. UTILIZZAZIONE: Cane di utilità, cane da pastore e cane di servizio polivalente

DATA DI PUBBLICAZIONE DLELO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 23.03.1991. UTILIZZAZIONE: Cane di utilità, cane da pastore e cane di servizio polivalente FCI Standard N 166 / 30.08.1991 CANE DA PASTORE TEDESCO ORIGINE: Germania DATA DI PUBBLICAZIONE DLELO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 23.03.1991 UTILIZZAZIONE: Cane di utilità, cane da pastore e cane di servizio

Dettagli

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA C A N I D A S S I S T E N Z A F I D E S LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA r Mirjam Spinnler e Bayou Caro Bayou, che cosa farei senza di te? Con te la mia vita è più semplice, allegra e colorata.

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 13.03.2001. UTILIZZAZIONE: cane da caccia sopra e sotto il terreno

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 13.03.2001. UTILIZZAZIONE: cane da caccia sopra e sotto il terreno FCI Standard N 148 / 09.05.2001 BASSOTTI ORIGINE: Germania DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 13.03.2001 UTILIZZAZIONE: cane da caccia sopra e sotto il terreno CLASSIFICAZIONE F.C.I.-

Dettagli

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais)

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) Quando la notte scende giu devo mi fidare Mi fidare su sta luce se ci sei E se ci sei tu in

Dettagli