PROTOCOLLO DI INTESA PER IL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA DINAMICA DEI LITORALI PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROTOCOLLO DI INTESA PER IL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA DINAMICA DEI LITORALI PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL"

Transcript

1 PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA TRA PROVINCIA DI GROSSETO PROVINCIA DI LIVORNO PROVINCIA DI LUCCA PROVINCIA DI MASSA - CARRARA PROVINCIA DI PISA COMUNE DI CECINA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE DELL UNIVERSITÀ DI FIRENZE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE DELL UNIVERSITA DI PISA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA DELL UNIVERSITÀ DI FIRENZE POLO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO DI MAGONA 1

2 Vista l attuazione dei trasferimenti dallo Stato agli Enti locali (Decreto Bassanini 112/1998 e Legge delega della Regione Toscana 91/1998) che hanno determinato nuove competenze nel campo della difesa costiera; Visto in particolare che con le leggi di cui sopra sono stati attribuiti alle Province i compiti di attuazione dei programmi regionali in materia di difesa degli abitati costieri e della costa in genere e la realizzazione delle opere, compresa la manutenzione delle stesse; Visto il Progetto di Piano Regionale di Gestione Integrata della Costa ai fini del riassetto idrogeologico approvato con Delibera G.R.T. n del 05/11/2001 contenente tra l altro un programma di interventi finalizzato al recupero delle principali criticità in materia di difesa delle coste; Visto il Protocollo d intesa relativo a Formazione progetto di Piano regionale di gestione integrata della Costa ai fini del riassetto idrogeologico ed attuazione del Programma di interventi prioritari di recupero e riequilibrio del litorale tra la Regione Toscana e le Province di Livorno, Massa Carrara, Lucca, Pisa e Grosseto sottoscritto in data 22 novembre 2002; Visto l Elenco degli interventi prioritari di recupero e riequilibrio del litorale e delle attività di formazione del Piano di Gestione Integrata della Costa approvato con deliberazione del Consiglio Regionale n. 47 dell 11 marzo 2003; Visto l impegno di tutte le Province costiere e della Regione Toscana, in collaborazione con l Università di Firenze, per lo studio e il monitoraggio dell evoluzione costiera negli ultimi trent anni, che si è tradotto in numerose pubblicazioni e organizzazione di convegni e corsi di formazione; Vista l esperienza e la conoscenza dell Università di Firenze, Dipartimento di Scienze della Terra e Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale, dei processi evolutivi della costa dei litorali toscani; Vista l esperienza e la conoscenza dell Università di Pisa, Dipartimento di Ingegneria Civile, dell idrodinamica della costa dei litorali toscani; Visto il ruolo del Comune di Cecina da anni impegnato nel problema della difesa del litorale e sede di numerosi interventi nel corso degli anni, anche a carattere sperimentale; Vista la disponibilità del Polo Scientifico e Tecnologico di Magona, consorzio fra enti Pubblici (Università di Pisa Dipartimento di Ingegneria Chimica, Provincia di Livorno, Comune di Cecina e Comune di Rosignano Marittimo) e privati, operante fin dal 1997 con bilanci in attivo e dotato di una struttura di oltre mq totalmente cablata ad alta velocità con collegamenti informatici, laboratori, impianti pilota e servizi di segreteria disponibili a livello di struttura complessiva; 2

3 Vista la volontà espressa dalla Regione Toscana attraverso l Assessorato all Ambiente e alla Tutela del Territorio e l Assessorato all Istruzione, alla Formazione e al Lavoro, di costituire centro di eccellenza nella materia della difesa e salvaguardia delle coste; Ritenuto pertanto, opportuno procedere alla sottoscrizione di uno specifico protocollo di intesa per la Costituzione del Centro Regionale per lo Studio della Dinamica dei Litorali tra La Provincia di Grosseto, rappresentata dal e dall Assessore alla Difesa del Suolo e delle Coste,, La Provincia di Livorno, rappresentata dal e dall Assessore alla Difesa del Suolo e delle Coste,, La Provincia di Lucca, rappresentata dal e dall Assessore alla Difesa del Suolo e delle Coste,, La Provincia di Massa-Carrara, rappresentata dal e dall Assessore alla Difesa del Suolo e delle Coste,, La Provincia di Pisa, rappresentata dal e dall Assessore alla Difesa del Suolo e delle Coste,, il Comune di Cecina, rappresentato dal Sindaco, e dall Assessore a, il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale dell Università di Firenze, rappresentato da e da, il Dipartimento di Scienze della Terra dell Università di Firenze, rappresentato da e da, il Dipartimento di Ingegneria Civile dell Università di Pisa, rappresentato da e da e il Polo Scientifico e Tecnologico di Magona, rappresentato dal Presidente Si conviene quanto segue 3

4 Art.1 Costituzione e denominazione del Centro Regionale per lo Studio della Dinamica dei Litorali 1. I soggetti individuati in premessa intendono procedere alla costituzione di un organismo di ricerca e sviluppo di sistemi di monitoraggio e analisi della dinamica costiera denominato CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA DINAMICA DEI LITORALI, operante all interno del Consorzio Polo Tecnologico Magona. Art.2 Sede del Centro Regionale per lo Studio della Dinamica dei Litorali 1. Il Centro Regionale per lo Studio della Dinamica dei Litorali avrà sede presso il Polo Tecnologico Magona di Cecina, posto in Cecina, via Magona. 2. Potranno essere istituite sedi secondarie, nei modi e nelle forme che verranno stabilite dal regolamento. Art.3 Oggetto e scopi sociali del Centro Regionale per lo Studio della Dinamica dei Litorali 1. Il Centro Regionale per lo Studio della Dinamica dei Litorali, che assumerà quale sede operativa centrale il Polo Scientifico e Tecnologico di Cecina, localizzato nell area ex-industriale di La Magona, si propone di diventare un punto di riferimento nazionale ed internazionale per tutte quelle attività di monitoraggio, ricerca e servizio che hanno come scopo un approfondimento delle conoscenze sulla dinamica dei litorali, con particolare riferimento alla protezione delle spiagge dal processo erosivo ed allo sviluppo ed alla validazione delle metodologie di difesa. 2. Le attività generali del Centro Regionale per lo Studio della Dinamica dei Litorali saranno le seguenti: monitoraggio dei processi costieri, aggiornamento della banca dati e diffusione delle informazioni; ricerca e definizione di accumuli di sedimenti da utilizzare per il ripascimento; formazione di una banca dati dei progetti di difesa della costa; definizione di linee guida per indirizzare le progettazioni autonomamente svolte dalle singole amministrazioni; raccolta, validazione, omogeneizzazione e diffusione dei dati relativi alla fascia costiera prodotti da altri soggetti; 4

5 supporto tecnico alle Amministrazioni ed alle Associazioni che operano nel campo della tutela e della gestione del territorio costiero ; costituzione di un punto d'incontro fra Amministrazioni, Tecnici, Associazioni e singoli Stakeholders interessati alla gestione della costa; attività tese a favorire il contatto e lo scambio di dati e informazioni fra operatori e ricercatori nazionali ed internazionali; fornire una base logistica a ricercatori italiani e stranieri che intendono svolgere ricerche sul nostro territorio; organizzare congressi, corsi e seminari sui problemi costieri; stimolare la ricerca sulle dinamiche costiere, costituendosi come soggetto promotore di progetti regionali e come partecipante (proponente o partner) a progetti nazionali ed internazionali. 3. Nelle attività di cui sopra, il Centro Regionale per lo Studio della Dinamica dei Litorali si prefigge di: Eseguire attività di ricerca per gli enti associati che lo richiedono; Acquisire commesse di ricerca da privati o da enti pubblici nazionali o internazionali, Sviluppare i progetti di ricerca acquisiti, Ripartire tra gli associati ed eventuali imprese, centri o enti esterni al consorzio, le attività necessarie alla realizzazione dei progetti acquisiti, pianificandone e coordinandone l esecuzione; Acquisire o noleggiare macchine ed attrezzature necessarie per lo sviluppo dei progetti; Predisporre siti web connessi alle attività del Centro Regionale per lo Studio della Dinamica dei Litorali; Autonomia d immagine; Predisporre aree attrezzate per le attività di ricerca applicata; Approntare laboratori d analisi finalizzati alle attività di ricerca; Gestire i centri di ricerca, i laboratori, i sistemi informatici e gli altri servizi comuni; Curare la ricaduta tecnologica delle attività di ricerca effettuate dalle strutture (laboratori, impianti, ecc.) realizzate, sulle imprese (associate e non) attraverso la fornitura di servizi e consulenze per il miglioramento dell organizzazione produttiva e del sistema di qualità, con particolare riguardo alle piccole e medie imprese. Favorire l accesso alle banche dati e ai collegamenti con sistemi informativi nazionali e internazionali 4. Da un punto di vista strettamente operativo, il Centro Regionale per lo Studio della Dinamica dei Litorali potrebbe svolgere efficacemente i seguenti compiti: Costituzione di una rete di capisaldi sulla fascia costiera cui riferire i rilievi periodici; Realizzazione di un protocollo standard a cui riferirsi per le varie operazioni di monitoraggio (verifiche stagionali e annuali sull evoluzione delle spiaggia emersa e sommersa, analisi del comportamento di interventi di difesa, 5

6 valutazioni sul trasporto solido, analisi della granulometria delle spiagge, rilievo delle opere rigide di difesa, ecc.), Realizzazione sul campo delle varie fasi di monitoraggio; Raccolta dei dati provenienti dai monitoraggi e da altri studi in genere (dati meteomarini al largo e sottocosta, cave sottomarine, mappatura delle biocenosi marine, emergenze naturalistiche, ecc); Validazione e analisi di tutti i dati meteomarini raccolti e definizione in maniera univoca delle onde di progetto associate ai vari periodi di ritorno per i paraggi più rappresentativi delle realtà locali; Costituzione e aggiornamento costante del catasto delle opere di difesa e marittime in genere ; Gestione di tutti i dati raccolti all interno di un Sistema Informativo Territoriale per lo studio della dinamica della costa e della dinamica fluviale; Analisi periodica dei dati di monitoraggio raccolti, finalizzata a rilevare le tendenze evolutive dei vari tratti di litorale; Verifica dell impatto e dei risultati degli interventi di difesa realizzati; Taratura e calibrazione dei modelli di simulazione numerica e delle comuni formule di ingegneria costiera sulle realtà locali delle spiagge toscane, in modo tale da costituire un archivio storico da usare ogni volta come punto di partenza per gli studi successivi; Realizzazione di un protocollo standard per la taratura e l utilizzo dei modelli matematici sulle varie realtà locali, a seconda degli obbiettivi e dell ampiezza dei tratti di studio. 5. Il Centro Regionale per lo Studio della Dinamica dei Litorali potrà adottare un proprio marchio. Art.4 Riconoscimento della Regione Toscana 1. Il Centro Regionale per lo Studio della Dinamica dei Litorali richiederà il riconoscimento della propria istituzione, come centro di eccellenza nel campo dello studio dell evoluzione e della difesa della costa, alla Regione Toscana, che costituirà l interlocutore preferenziale e di riferimento per i programmi di monitoraggio e di ricerca sulla dinamica dei litorali. 6

7 Art.5 Partecipazione dei soci 1. Le province di Grosseto, Livorno, Lucca, Massa-Carrara e Pisa metteranno a disposizione il proprio personale ai fini dell attivazione del Centro Regionale per lo Studio della Dinamica dei Litorali e per eventuali attività inerenti il PRGIC, oltre a strumentazione e/o software inerenti gli scopi del Centro e assicureranno inoltre per i primi tre anni di attività un finanziamento pari a euro all anno ciascuna; 2. Il comune di Cecina contribuisce alla fondazione del Centro Regionale per lo Studio della Dinamica dei Litorali con un finanziamento di euro per i primi tre anni di attività; 3. Il Dipartimento di Scienze della Terra dell Università di Firenze metterà a disposizione del Centro Regionale per lo Studio della Dinamica dei Litorali la propria esperienza e il proprio personale, le proprie attrezzature, l'archivio di dati morfologici e sedimentologici, la fototeca e realizzerà un laboratorio specifico presso il Centro Regionale per lo Studio della Dinamica dei Litorali, in cui svolgerà parte della propria attività di ricerca e analisi; 4. Il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale dell Università di Firenze metterà a disposizione del Centro Regionale per lo Studio della Dinamica dei Litorali la propria esperienza e il proprio personale, le proprie attrezzature, l'archivio di dati ondametrici e di modellistica idraulica, la fototeca e realizzerà un centro di elaborazioni dati specifico presso il Centro Regionale per lo Studio della Dinamica dei Litorali, in cui svolgerà parte della propria attività di studio e di modellistica marina; 5. Il Dipartimento di Ingegneria Civile dell Università di Pisa metterà a disposizione del Centro Regionale per lo Studio della Dinamica dei Litorali il proprio personale e le proprie attrezzature; 6. Il Polo Scientifico e Tecnologico di Magona metterà a disposizione del Centro Regionale per lo Studio della Dinamica dei Litorali i collegamenti informatici, i laboratori, gli impianti pilota e i servizi di segreteria, necessari all espletamento delle attività del Centro Regionale per lo Studio della Dinamica dei Litorali. 7

8 Art.6 Organi di gestione 1. Gli enti coinvolti nominano un gruppo tecnico con il compito di preparare e di provvedere alla stesura di quanto necessario per la costituzione del centro regionale per lo studio della dinamica dei litorali e un comitato di garanti, costituito dai rappresentanti politici degli enti locali, con compiti di coordinamento per il pieno raggiungimento degli obiettivi soprascritti e per i rapporti con la regione toscana. 2. il gruppo tecnico sarà così composto: o Le Province di Grosseto, Livorno, Lucca, Massa-Carrara e Pisa nominano e ; o Il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale dell Università di Firenze, il Dipartimento di Scienze della Terra dell Università di Firenze e il Dipartimento di Ingegneria Civile dell Università di Pisa nominano ; o Il Polo Scientifico e Tecnologico di Magona a Cecina nomina 3. L Assessore alla difesa del suolo e delle coste della Provincia di Livorno assume il ruolo di coordinatore del comitato dei garanti, per i primi due anni di attività Art.7 Risultati di gestione 1. Il Centro Regionale per lo Studio della Dinamica dei Litorali opererà in regime di autosufficienza economica e non avrà fini di lucro 8

9 Letto, firmato e sottoscritto il a La Provincia di Grosseto La Provincia di Livorno La Provincia di Lucca La Provincia di Massa-Carrara La Provincia di Pisa Il Comune di Cecina Sindaco, Il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale dell Università di Firenze Responsabile del dipartimento Responsabile scientifico Il Dipartimento di Ingegneria Civile dell Università di Pisa Responsabile del dipartimento Responsabile scientifico Il Dipartimento di Scienze della Terra dell Università di Firenze Responsabile del dipartimento Responsabile scientifico Il Polo Scientifico e Tecnologico di Magona Presidente Visto L Assessore all Ambiente della Regione Toscana, L Assessore all Istruzione, alla Formazione e al Lavoro della Regione Toscana, 9

Corso di Laurea in Ingegneria Civile, Edile e Ambientale

Corso di Laurea in Ingegneria Civile, Edile e Ambientale Ingegneria Civile, Edile e Ambientale Università degli Studi di Firenze Scuola di Ingegneria Prof. Gianni Bartoli Sbocchi professionali dell Ingegnere Civile, Edile e Ambientale Il Corso di Laurea è finalizzato

Dettagli

WebGIS Costa Toscana: stato di avanzamento e sviluppi futuri

WebGIS Costa Toscana: stato di avanzamento e sviluppi futuri Provincia di LIVORNO Unità di Servizio 2.1 Difesa e Protezione del Territorio Unità Organizzativa Risorse marine e Georisorse WebGIS Costa : stato di avanzamento e sviluppi futuri Enrica Mori* Giovanni

Dettagli

CURRICULUM VITAE. dati anagrafici: studi: dati professionali: percorso professionale: - presso il Ministero dell ambiente:

CURRICULUM VITAE. dati anagrafici: studi: dati professionali: percorso professionale: - presso il Ministero dell ambiente: CURRICULUM VITAE dati anagrafici: Giuseppe DAIDONE nato a NOTO (SR) il 28 ottobre 1962 residente a AUGUSTA, in via Siracusa, 14 mail: g.daidone@plemmirio.it cell.: 3357702907 studi: - ha conseguito la

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Celebre Pasquale Data di nascita 13/12/1976

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Celebre Pasquale Data di nascita 13/12/1976 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Celebre Pasquale Data di nascita 13/12/1976 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia REGIONE CALABRIA Dirigente - Servizio n.10, Sistema

Dettagli

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 SCHEMA DI ACCORDO Tra la PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE, l AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME

Dettagli

APPENDICE A: Tipologia delle opere

APPENDICE A: Tipologia delle opere APPENDICE A: Tipologia delle opere Le opere di difesa dall azione del mare possono suddividersi in due tipologie: opere di difesa passiva e attiva. Le prime assicurano la protezione dall impatto diretto

Dettagli

INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO

INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO corso di laurea INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO denominazione del corso classe 08 INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE allegato n. denominazione della classe Obiettivi formativi specifici 1. Profilo

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo PISTIS SALVATORE Servizio Geologico, via Cadello n 9 B 09121 Cagliari Telefono 070 4092214 Fax

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO DIREZIONE REGIONALE PER LA TOSCANA (d ora in avanti INAIL) con sede in Firenze, via Bufalini n. 7, rappresentato

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA DIREZIONE GENERALE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA POTENZA DIREZIONE GENERALE AZIENDA OSPEDALIERA POTENZA

PROTOCOLLO D INTESA DIREZIONE GENERALE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA POTENZA DIREZIONE GENERALE AZIENDA OSPEDALIERA POTENZA PROTOCOLLO D INTESA DIREZIONE GENERALE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA POTENZA DIREZIONE GENERALE AZIENDA OSPEDALIERA POTENZA AZIENDA SANITARIA UNITA SANITARIA LOCALE N. 4 DI MATERA COMUNE

Dettagli

Coordinatore alla sicurezza per i lavori all'ist. Magistrale "G. Carducci" di Pisa

Coordinatore alla sicurezza per i lavori all'ist. Magistrale G. Carducci di Pisa ELENCO DEGLI INCARICHI ESTERNI ANNO 2009 Incarichi Professionali di natura tecnica, progettazioni e direzioni lavori NOMINATIVO TIPO INCARICO Motivo dell'incarico FINE Romanini Amedeo Coordinatore alla

Dettagli

Provvedimento Organizzatlvo della Sezione

Provvedimento Organizzatlvo della Sezione Allegato alla deliberazione del Consiglio Direttivo n.. 6479/1999 doc.gen. n. 127811999 Provvedimento Organizzatlvo della Sezione I.N.F.N. di Pisa (ai sensi degli artt. 10, quarto comma, lett. h), e 20,

Dettagli

Sala Porta Soprana - Fondazione CARIGE 15 maggio 2006 Ripascimenti stagionali

Sala Porta Soprana - Fondazione CARIGE 15 maggio 2006 Ripascimenti stagionali Sala Porta Soprana - Fondazione CARIGE 15 maggio 2006 Ripascimenti stagionali Inquadramento generale LE COMPETENZE L.r. 28 aprile 1999 n.13 Disciplina delle funzioni in materia di difesa della costa, ripascimento

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. TRA Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale SAM SOCIETA AEROSPAZIALE MEDITERRANEA S.C.R.L.

PROTOCOLLO D INTESA. TRA Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale SAM SOCIETA AEROSPAZIALE MEDITERRANEA S.C.R.L. PROTOCOLLO D INTESA TRA Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale SAM SOCIETA AEROSPAZIALE MEDITERRANEA S.C.R.L. PER LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITA E PROGETTI PER LO SVILUPPO

Dettagli

La Rete regionale per la tutela delle tartarughe marine dell'emilia-romagna e il progetto di estensione della rete ad altre Regioni

La Rete regionale per la tutela delle tartarughe marine dell'emilia-romagna e il progetto di estensione della rete ad altre Regioni NetCet Workshop Città e Regioni per la conservazione e gestione di cetacei e tartarughe marine 8 ottobre 2015 - Arsenale Torre di Porta Nuova, Castello, 30122 Venezia La Rete regionale per la tutela delle

Dettagli

PROGETTO RESMAR SOTTOPROGETTO B Centro transfrontaliero per lo studio della dinamica dei litorali. Webgis Costa Toscana Costa Sarda

PROGETTO RESMAR SOTTOPROGETTO B Centro transfrontaliero per lo studio della dinamica dei litorali. Webgis Costa Toscana Costa Sarda PROGETTO RESMAR SOTTOPROGETTO B Centro transfrontaliero per lo studio della dinamica dei litorali Convegno conclusivo Livorno 28 maggio 2013 Webgis Costa Costa Sarda Giovanni Vitale* Claudio Kalb** * Università

Dettagli

PROGETTO DI MASSIMA DELLE OPERE MOBILI ALLE BOCCHE DI PORTO PER LA REGOLAZIONE DEI FLUSSI DI MAREA IN LAGUNA. STUDIO D IMPATTO AMBIENTALE *

PROGETTO DI MASSIMA DELLE OPERE MOBILI ALLE BOCCHE DI PORTO PER LA REGOLAZIONE DEI FLUSSI DI MAREA IN LAGUNA. STUDIO D IMPATTO AMBIENTALE * PROGETTO DI MASSIMA DELLE OPERE MOBILI ALLE BOCCHE DI PORTO PER LA REGOLAZIONE DEI FLUSSI DI MAREA IN LAGUNA. STUDIO D IMPATTO AMBIENTALE * PREMESSA Il progetto di massima delle opere alle bocche di porto

Dettagli

CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DOCUMENTARIO INTEGRATO DELL AREA FIORENTINA (SDIAF)

CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DOCUMENTARIO INTEGRATO DELL AREA FIORENTINA (SDIAF) CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DOCUMENTARIO INTEGRATO DELL AREA FIORENTINA (SDIAF) tra i Comuni di: Bagno a Ripoli, Barberino Val d Elsa, Calenzano, Campi Bisenzio, Fiesole, Figline Valdarno,

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA IDRAULICA, DEI TRASPORTI E DEL TERRITORIO

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA IDRAULICA, DEI TRASPORTI E DEL TERRITORIO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA IDRAULICA, DEI TRASPORTI E DEL TERRITORIO CLASSE DI APPARTENENZA Il Corso di Studio appartiene alla Classe n. 28/S, lauree specialistiche in INGEGNERIA CIVILE,

Dettagli

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000;

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000; PROTOCOLLO D INTESA PROGRAMMA DI ASSISTENZA SPECIALISTICA A SUPPORTO DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE DEGLI ALUNNI SORDI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA Richiamata la funzione attribuita alla Provincia

Dettagli

Regione Liguria Dipartimento Ambiente Settore Ecosistema Costiero Ilaria Fasce. Normativa e linee guida per gli interventi di difesa della costa

Regione Liguria Dipartimento Ambiente Settore Ecosistema Costiero Ilaria Fasce. Normativa e linee guida per gli interventi di difesa della costa Regione Liguria Dipartimento Ambiente Settore Ecosistema Costiero Ilaria Fasce Normativa e linee guida per gli interventi di difesa della costa Direttiva Habitat mantenere l habitat naturale prioritario

Dettagli

ACQUE MARINE E EROSIONE COSTIERA

ACQUE MARINE E EROSIONE COSTIERA FINALITÀ Gestire in maniera integrata la fascia costiera e il mare INDICATORE UNITÀ DI MISURA DPSIR FONTE DEI DISPONIBILITÀ DEI COPERTURA TEMPORALE LIVELLO MASSIMO DI DISAGGREGAZIONE DISPONIBILE TREND

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con Delibera del Commissario Straordinario n. 15 del 01/02/2002) Art. 1 Istituzione del Servizio E istituito

Dettagli

ESPERIENZE PROFESSIONALI

ESPERIENZE PROFESSIONALI CARLA GOBBETTI ESPERIENZE PROFESSIONALI 1 Dicembre 2006 a tutt oggi in servizio presso la Segreteria del Direttore Generale per lo Spettacolo dal Vivo con funzioni di Capo Segreteria. Mansioni: - gestione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA per la promozione, la realizzazione e lo sviluppo del progetto sperimentale

PROTOCOLLO D INTESA per la promozione, la realizzazione e lo sviluppo del progetto sperimentale PROTOCOLLO D INTESA per la promozione, la realizzazione e lo sviluppo del progetto sperimentale EQUILIBRI NATURALI Restituire la Natura ai Bambini e i Bambini alla Natura Tra - l Ente Parco Nazionale dei

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Centro di Eccellenza Tecnologie scientifiche innovative applicate alla ricerca archeologica e storico-artistica Scientific Methodologies for

Dettagli

Qualifica conseguita Maturità scientifica - corso sperimentale P.N.I. C.M. 295 - con voto 100/100

Qualifica conseguita Maturità scientifica - corso sperimentale P.N.I. C.M. 295 - con voto 100/100 Curriculum vitae e professionale INFORMAZIONI PERSONALI Nome AUGRUSO, Indirizzo 14, viale M. V. Frijia, 88022, Curinga (CZ) Telefono 0968 73421, 333 7539375 E-mail d.augruso@gmail.com Nazionalità italiana

Dettagli

Ordinanza del Commissario Delegato ai sensi dell'art. 1 comma 548 L.228 del 24 dicembre 2012

Ordinanza del Commissario Delegato ai sensi dell'art. 1 comma 548 L.228 del 24 dicembre 2012 REGIONE TOSCANA Ordinanza del Commissario Delegato ai sensi dell'art. 1 comma 548 L.228 del 24 dicembre 2012 Oggetto: L.228/2012-art. 1 c.548-o.c.d. n. 5/2013 e ss.mm.ii.-intervento cod. 2012EGR0244 Adeguamento

Dettagli

A STIPULARSI TRA. il MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA (di seguito MIUR ), rappresentato dal Capo Dipartimento, Marco MANCINI,

A STIPULARSI TRA. il MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA (di seguito MIUR ), rappresentato dal Capo Dipartimento, Marco MANCINI, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ACCORDO ATTUATIVO dell Accordo di collaborazione per la valorizzazione e l integrazione

Dettagli

Il Polo si dovrà configurare come una struttura di servizi volta a mettere a disposizione: Facilities alle imprese Stimoli alla definizione di

Il Polo si dovrà configurare come una struttura di servizi volta a mettere a disposizione: Facilities alle imprese Stimoli alla definizione di PIERRE Il Polo si dovrà configurare come una struttura di servizi volta a mettere a disposizione: Facilities alle imprese Stimoli alla definizione di obiettivi strategici per le imprese in tema di innovazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA INTER-ISTITUZIONALE PER IL COORDINAMENTO E IL

PROTOCOLLO D INTESA INTER-ISTITUZIONALE PER IL COORDINAMENTO E IL PROTOCOLLO D INTESA INTER-ISTITUZIONALE PER IL COORDINAMENTO E IL SUPPORTO DELLE ATTIVITÀ DELLA RETE DI INCUBAZIONE POLICENTRICA FIORENTINA Tra Università degli Studi di Firenze, con sede a Firenze, Piazza

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO STUDI INTERDIPARTIMENTALE SULLA CRIMINALITÁ INFORMATICA (CSICI)

REGOLAMENTO DEL CENTRO STUDI INTERDIPARTIMENTALE SULLA CRIMINALITÁ INFORMATICA (CSICI) REGOLAMENTO DEL CENTRO STUDI INTERDIPARTIMENTALE SULLA CRIMINALITÁ INFORMATICA (CSICI) Art. 1 (Costituzione) Il Centro Studi Interdipartimentale sulla Criminalità Informatica (CSICI) è costituito con Deliberazione

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA L Istituto Nazionale per gli Infortuni sul Lavoro, di seguito denominato INAIL, con sede in Roma Via IV Novembre, 144, codice fiscale 01165400589 e P. IVA 00968951004, rappresentato

Dettagli

Sezione Toscana. PROVINCIA DI PISA Assessorato Agricoltura, Forestazione, Turismo, Difesa Fauna. Organizzano:

Sezione Toscana. PROVINCIA DI PISA Assessorato Agricoltura, Forestazione, Turismo, Difesa Fauna. Organizzano: Sezione Toscana PROVINCIA DI PISA Assessorato Agricoltura, Forestazione, Turismo, Difesa Fauna Organizzano: Ingegneria Naturalistica applicata alle Coste e al Mare Corso introduttivo e interdisciplinare

Dettagli

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO ACCORDO QUADRO tra Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (di seguito denominato CNR), C.F. 80054330586, con sede in Roma, Piazzale Aldo Moro n. 7, rappresentato dal Prof. Luigi Nicolais, in qualità di

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

CAPITOLO 8 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO

CAPITOLO 8 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO CAPITOLO 8 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 207 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 8.1 Criteri generali di individuazione e valutazione degli interventi Gli

Dettagli

UNIVERSITÀ MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA Dipartimento di Ingegneria Civile, dell'energia, dell'ambiente e dei Materiali (DICEAM)

UNIVERSITÀ MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA Dipartimento di Ingegneria Civile, dell'energia, dell'ambiente e dei Materiali (DICEAM) ORARIO CORSI A.A. 15/16 I SEMESTRE DAL 5 OTTOBRE AL 18 DICEMBRE 2015 ---- CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE AMBIENTALE I ANNO Fisica Analisi matematica I Analisi matematica I Fisica Analisi matematica

Dettagli

CONDIZIONI ECONOMICO-SOCIALI E RENDIMENTO SCOLASTICO e/o in alternativa EVOLUZIONE DEL MERCATO DEL LAVORO NELL ULTIMO DECENNIO

CONDIZIONI ECONOMICO-SOCIALI E RENDIMENTO SCOLASTICO e/o in alternativa EVOLUZIONE DEL MERCATO DEL LAVORO NELL ULTIMO DECENNIO ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO A. VOLTA 70032 BITONTO (BA) Via Matteotti n. 197 Distretto scolastico n. 8 Codice Fiscale 80007640727 Indirizzi: MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA - ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA

Dettagli

RECUPERO AMBIENTALE E SALVAGUARDIA DEL LITORALE INDICE

RECUPERO AMBIENTALE E SALVAGUARDIA DEL LITORALE INDICE INDICE 1. Premesse...2 2. Manuale d uso delle opere...3 2.1. Descrizione delle opere...3 2.2. Modalità d uso delle opere progettate...4 3. Monitoraggio delle opere...5 4. Manutenzione...6 PROGETTO DEFINITIVO

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA E IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA PROGRAMMA SPECIALE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE NEGLI ISTITUTI PENITENZIARI 1 VISTO

Dettagli

ANALISI DEL DATABASE CITT SUGLI OPERATORI ECONOMICI DEL SETTORE ENERGETICO IN TOSCANA

ANALISI DEL DATABASE CITT SUGLI OPERATORI ECONOMICI DEL SETTORE ENERGETICO IN TOSCANA ANALISI DEL DATABASE CITT SUGLI OPERATORI ECONOMICI DEL SETTORE ENERGETICO IN TOSCANA A CURA DI CO.SVI.G. SRL Monterotondo Marittimo, Settembre 2009 Il Centro Internazionale per il Trasferimento dell Innovazione

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

SIMULAZIONE E PREVENZIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO

SIMULAZIONE E PREVENZIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO SIMULAZIONE E PREVENZIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO LA PREVENZIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO E IL NOSTRO MESTIERE Competenza, creatività, innovazione: scegli l eccellenza della ricerca italiana Sim Idra

Dettagli

INGEGNERIA PER LA TUTELA DELL AMBIENTE E DEL TERRITORIO

INGEGNERIA PER LA TUTELA DELL AMBIENTE E DEL TERRITORIO INGEGNERIA PER LA TUTELA DELL AMBIENTE E DEL TERRITORIO Riccardo Gori Delegato all orientamento GIORNATA DI ORIENTAMENTO SCUOLA DI INGEGNERIA La questione ambientale Maggio 2012 Nel 2013, secondo quanto

Dettagli

Comune di Lastra a Signa (Provincia di Firenze)

Comune di Lastra a Signa (Provincia di Firenze) ALLEGATO (A) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER ATTUAZIONE DELLA PROCEDURA SELETTIVA E COMPARATIVA PER INCARICHI DI RICERCA, STUDIO E CONSULENZA IL RESPONSABILE DELL AREA N. 2 SERVIZI ALLA PERSONA RENDE

Dettagli

Istituto Tecnico Superiore Energia e Ambiente

Istituto Tecnico Superiore Energia e Ambiente Istituto Tecnico Superiore Energia e Ambiente SCUOLA SPECIALE DI TECNOLOGIA NEL SETTORE DELLA EFFICIENZA ENERGETICA UNA NUOVA REALTÀ AL SERVIZIO DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL NOSTRO PAESE EMANUELA PIERGUIDI

Dettagli

Progetto Regionale Musica La scuola tra i suoni

Progetto Regionale Musica La scuola tra i suoni L Assessore all Istruzione, alla Formazione ed al Lavoro Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale Agenzia Nazionale per

Dettagli

L evento ha causato vari danni al litorale del comprensorio cesenate colpendo in particolare i seguenti tratti:

L evento ha causato vari danni al litorale del comprensorio cesenate colpendo in particolare i seguenti tratti: PREMESSA Tra il 31/10/2012 e il 01/11/2012 il litorale regionale è stato oggetto di un evento meteomarino di eccezionale rilevanza. La concomitanza sfavorevole dei massimi di marea astronomica, di acqua

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 19-02-2014 (punto N 21 ) Delibera N 113 del 19-02-2014 Proponente VITTORIO BUGLI GIANFRANCO SIMONCINI ANNA RITA BRAMERINI ANNA MARSON

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Specifiche tecniche per la redazione della relazione tecnica per interventi stagionali di ripascimento di quantitativo superiore a 1000 metri cubi

Specifiche tecniche per la redazione della relazione tecnica per interventi stagionali di ripascimento di quantitativo superiore a 1000 metri cubi Specifiche tecniche per la redazione della relazione tecnica per interventi stagionali di ripascimento di quantitativo superiore a 1000 metri cubi ovvero di quantitativo inferiore a 1000 metri cubi 1 Parte

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO:

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO: ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- RITORIALE DEL SISTEMA AMBIENTALE E CULTURALE DI [INSERIRE DENOMINAZIONE SAC] PREMESSO: che il Programma Operativo (PO)

Dettagli

tra la Regione Autonoma della Sardegna e il Consorzio di Bonifica. per lo svolgimento di attività

tra la Regione Autonoma della Sardegna e il Consorzio di Bonifica. per lo svolgimento di attività SCHEMA DI ACCORDO DI PROGRAMMA tra la Regione Autonoma della Sardegna e il Consorzio di Bonifica. per lo svolgimento di attività inerenti al servizio di piena e intervento idraulico e presidio territoriale.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI LUCCA REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera del Commissario Straordinario ai sensi dell art. 42 e 141 del D.lgs 267/00 n 33 del 06/03/2007 TITOLO

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE "Antonio Della Lucia" Istituto Prof.le Agricoltura e Ambiente Istituto Tecnico per l Agricoltura Loc.

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Antonio Della Lucia Istituto Prof.le Agricoltura e Ambiente Istituto Tecnico per l Agricoltura Loc. ISTITUTO TECNICO Settore tecnologico ad indirizzo AGRARIA, AGROALIMENTARE E AGROINDUSTRIA L indirizzo è finalizzato all acquisizione, per il settore agrario integrato, di un complesso di competenze relative

Dettagli

Dipartimento Città e Territorio Università degli Studi di Palermo

Dipartimento Città e Territorio Università degli Studi di Palermo Palermo 25/02/2005 Al Direttore del Dipartimento Città e Territorio Prof. Arch. Teresa Cannarozzo SEDE Oggetto: Convenzione tra l Assessorato Regionale Turismo Comunicazioni e Trasporti ed il Dipartimento

Dettagli

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Seduta del 23 LUGLIO 2007 OMISSIS

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Seduta del 23 LUGLIO 2007 OMISSIS CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Seduta del 23 LUGLIO 2007 OMISSIS N. 42 PROTOCOLLO D INTESA PER L ISTITUZIONE DEL PREMIO START CUP PALERMO 2007 TRA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO E CONSORZIO ARCA, IRFIS-

Dettagli

STATUTO. Centro Studi Comunicazione Istituzionale e Innovazione Tecnologica

STATUTO. Centro Studi Comunicazione Istituzionale e Innovazione Tecnologica STATUTO Centro Studi Comunicazione Istituzionale e Innovazione Tecnologica ARTICOLO 1 Costituzione E costituita l Associazione denominata Centro Studi Comunicazione Istituzionale e Innovazione Tecnologica

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento delle attività di consulenza e di ricerca

Regolamento per lo svolgimento delle attività di consulenza e di ricerca Regolamento per lo svolgimento delle attività di consulenza e di ricerca Indice Art. 1 Norme generali... 2 Art. 2 Strutture e personale coinvolti... 2 Art. 3 Sottomissione delle proposte di progetto e

Dettagli

Baffi Carefin Centre For Applied Research on International Markets, Banking, Finance and Regulation

Baffi Carefin Centre For Applied Research on International Markets, Banking, Finance and Regulation Centro di Ricerca Research Centre Acronimo BAFFI CAREFIN Denominazione Baffi Carefin Centre For Applied Research on International Markets, Banking, Finance and Regulation Oggetto di attività Economia e

Dettagli

STATUTO del Consorzio Interuniversitario per l Università Telematica della Sardegna

STATUTO del Consorzio Interuniversitario per l Università Telematica della Sardegna Università degli Studi di Cagliari Università degli Studi di Sassari STATUTO del Consorzio Interuniversitario per l Università Telematica della Sardegna ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE 1. Il Consorzio

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LUCCA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LUCCA INFORMAZIONI PERSONALI Nome Costabile Gennarino Data di nascita 05/08/1958 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LUCCA Dirigente

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO TECNOLGICO LEONARDO DA VINCI FOLIGNO RIORDINO DEGLI ISTITUTI TECNICI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA

ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO TECNOLGICO LEONARDO DA VINCI FOLIGNO RIORDINO DEGLI ISTITUTI TECNICI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO TECNOLGICO LEONARDO DA VINCI FOLIGNO RIORDINO DEGLI ISTITUTI TECNICI PREVISTO DALLA RIFORMA DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE ANNO SCOLASTICO 2010 2011 MECCANICA, MECCATRONICA

Dettagli

l.franceschi@provincia.livorno.it

l.franceschi@provincia.livorno.it C U R R I C U L U M V I T A E Pubblicazione ai sensi dell art. 11, c. 8 lettera f, del D.Lgs. n. 150 del 27/10/2009 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA 2011-2012 NELL AMBITO DEL PROTOCOLLO D INTESA FRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA 2011-2012 NELL AMBITO DEL PROTOCOLLO D INTESA FRA PROGRAMMA DI ATTIVITA 2011-2012 NELL AMBITO DEL PROTOCOLLO D INTESA FRA L ENTE DI GESTIONE DEL PARCO FLUVIALE DEL PO TRATTO TORINESE, L ENTE DI GESTIONE DEL PARCO NATURALE DELLA COLLINA TORINESE a cui

Dettagli

PROVINCIA DI COMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS

PROVINCIA DI COMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS PROVINCIA DI COMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A COMUNI PER INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIDUZIONE DEL RISCHIO

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL FORM., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIVER., DIR. STUDIO FORMAZIONE, RICERCA, SCUOLA, UNIVERSITA

DELIBERAZIONE N. DEL FORM., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIVER., DIR. STUDIO FORMAZIONE, RICERCA, SCUOLA, UNIVERSITA REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 154 14/04/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 5412 DEL 09/04/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: Area: FORM., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIVER., DIR. STUDIO Prot.

Dettagli

SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE

SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE CAMPANIA E L ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE DELLE SCUOLE E DEGLI ORGANISMI FORMATIVI PER LA PA

SCHEDE DESCRITTIVE DELLE SCUOLE E DEGLI ORGANISMI FORMATIVI PER LA PA SCHEDE DESCRITTIVE DELLE SCUOLE E DEGLI ORGANISMI FORMATIVI PER LA PA ALLEGATO I 8. SCUOLE REGIONALI SCUOLE INTERNE Solamente la Regione Marche dispone di una Scuola regionale di formazione, quale propria

Dettagli

CONVENZIONE PER LA COLLABORAZIONE, IN FORMA NON ESCLUSIVA, IN ATTIVITA DI GESTIONE DEL PARCO DELLE OROBIE BERGAMASCHE. tra

CONVENZIONE PER LA COLLABORAZIONE, IN FORMA NON ESCLUSIVA, IN ATTIVITA DI GESTIONE DEL PARCO DELLE OROBIE BERGAMASCHE. tra CONVENZIONE PER LA COLLABORAZIONE, IN FORMA NON ESCLUSIVA, IN ATTIVITA DI GESTIONE DEL PARCO DELLE OROBIE BERGAMASCHE. tra il Consorzio di gestione del Parco regionale delle Orobie Bergamasche, di seguito

Dettagli

IL RETTORE. Decreto n. 1041

IL RETTORE. Decreto n. 1041 Decreto n. 1041 IL RETTORE VISTO lo Statuto di questa Università, emanato con D.R. n. 2959 del 14.06.2012 e, in particolare, l art. 53, comma 5; VISTA la delibera del Senato Accademico, assunta nella riunione

Dettagli

Incidenti sulle spiagge toscane

Incidenti sulle spiagge toscane Incidenti sulle spiagge toscane Roma 27 maggio 2013 Dr. A. Nicolini U.O. Centrale Operativa 118 A.U.S.L. 12 Viareggio Monitoraggio La Regione Toscana inizia l attività di monitoraggio degli incidenti balneari

Dettagli

Ordinanza del Commissario Delegato ai sensi dell'art. 1 comma 548 L. 228 del 24 dicembre 2012

Ordinanza del Commissario Delegato ai sensi dell'art. 1 comma 548 L. 228 del 24 dicembre 2012 REGIONE TOSCANA Ordinanza del Commissario Delegato ai sensi dell'art. 1 comma 548 L. 228 del 24 dicembre 2012 Oggetto: L.228/2012-art.1 c. 548-O.C.D. n. 29/2013 Intervento cod. 2012EGR0245. Affidamento

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA Finalità: Obiettivo generale Rafforzare l attrattività e la competitività dell area-programma ASSI PRIORITARIE 1 Ambiente, trasporti e integrazione territoriale sostenibile

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara STATUTO DEL CENTRO DI RICERCA E SERVIZI DENOMINATO CENTRO PER LO SVILUPPO DI PROCEDURE AUTOMATICHE INTEGRATE PER IL RESTAURO DEI MONUMENTI D.I.A.P.RE.M. (DEVELOPMENT OF

Dettagli

1. Nota istituzionale

1. Nota istituzionale Allegato parte integrante ALLEGATO A) 1. Nota istituzionale Prima del D.P.R. 115/73 la titolarità del demanio idrico in Provincia di Trento era esclusivamente statale. Con l entrata in vigore del suddetto

Dettagli

PATTO LOCALE TRA ENTI LOCALI E ASSOLOMBARDA PER LA SICUREZZA URBANA DELLE AREE PRODUTTIVE DEL SUD MILANO

PATTO LOCALE TRA ENTI LOCALI E ASSOLOMBARDA PER LA SICUREZZA URBANA DELLE AREE PRODUTTIVE DEL SUD MILANO Cerro al Lambro Melegnano Opera Rozzano San Donato Milanese San Giuliano Milanese Vizzolo Predabissi PATTO LOCALE TRA ENTI LOCALI E ASSOLOMBARDA PER LA SICUREZZA URBANA DELLE AREE PRODUTTIVE DEL SUD MILANO

Dettagli

EROSIONE COSTIERA misure di gestione della fascia litoranea romana

EROSIONE COSTIERA misure di gestione della fascia litoranea romana Attività del centro di monitoraggio dell'osservatorio dei Litorali Laziali Ciro Riccardi Capo Settore Centro di Monitoraggio Osservatorio dei Litorali Laziali Regione Lazio Funzioni e compiti dell Osservatorio

Dettagli

REGOLAMENTO CENTRI DI RICERCA

REGOLAMENTO CENTRI DI RICERCA REGOLAMENTO CENTRI DI RICERCA (con la modifiche proposta al Senato Accademico nella seduta del 25 novembre 2014 e deliberate dal Comitato Esecutivo nella seduta del 10 dicembre 2014) Regolamento del Centro

Dettagli

Disciplinare Organizzativo della Sezione INFN di Bologna

Disciplinare Organizzativo della Sezione INFN di Bologna Allegato alla deliberazione del Consiglio Direttivo n. 12860/2013 Disciplinare Organizzativo della Sezione di Bologna (ai sensi dell art. 23, comma 1, lett. a), dello Statuto dell e dell art.1, comma 4,

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLE ATTIVITA' DI PROMOZIONE E SOSTEGNO DELLA RICERCA DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Approvato dal Consiglio direttivo nella seduta

Dettagli

SCHEDA TECNICA. ALLEGATO n. 2

SCHEDA TECNICA. ALLEGATO n. 2 ALLEGATO n. 2 REGIONE LIGURIA REPUBBLICA ITALIANA COMMISSIONE EUROPEA Programma Regionale di Sviluppo Rurale 2007-2013 della Regione Liguria Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi

Dettagli

ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco (di seguito denominato Corpo Nazionale), C.F. n. 80219290584,

Dettagli

c. alla realizzazione e gestione di strutture di servizio per la ricerca e il trasferimento dei risultati della ricerca;

c. alla realizzazione e gestione di strutture di servizio per la ricerca e il trasferimento dei risultati della ricerca; (ALLEGATO 1) Estratto dallo Statuto della Fondazione per la Ricerca e l Innovazione Art. 3 Finalità 1. La Fondazione non ha fini di lucro, e ha lo scopo di realizzare, in sintonia con le strategie e la

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO 1 STRALCIO

PROGETTO DEFINITIVO 1 STRALCIO Provincia di Livorno Unità di Servizio 2.1 Difesa e Protezione del Territorio Unità Organizzativa Risorse marine e Georisorse PROGETTO DEFINITIVO 1 STRALCIO ATTUAZIONE INTERVENTI P.R.G.I.C. (D.G.R.T. 1214

Dettagli

CURRICULUM PROFESSIONALE

CURRICULUM PROFESSIONALE CURRICULUM PROFESSIONALE Il sottoscritto Carlo Milani, nato a Massa il 15/12/49 residente in Massa, Via Venturini n 2, laureato in Ingegneria Civile Sez. Idraulica presso l università di Pisa il 12/12/1973

Dettagli

Premessa... 3. Obiettivi del progetto... 3. Partecipanti... 4. Fasi del progetto... 4. Metodologia di lavoro e iter della partecipazione...

Premessa... 3. Obiettivi del progetto... 3. Partecipanti... 4. Fasi del progetto... 4. Metodologia di lavoro e iter della partecipazione... PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO SPERIMENTALE VOLTO ALLA CREAZIONE E IMPLEMENTAZIONE DEL SISTEMA INFORMATIVO SULLA CURA E LAPROTEZIONE DEI BAMBINI E DELLA LORO FAMIGLIA PARTE DEL

Dettagli

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Allegato sub B) alla deliberazione C.C. n. 24 in data del 26.07.2011 COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI

Dettagli

Università degli Studi di Siena

Università degli Studi di Siena Università degli Studi di Siena Corsi di Laurea Magistrale per l insegnamento nella scuola secondaria di primo grado istituiti in base al D.M. 249 del 10 settembre 2010 Estratti dagli Ordinamenti Didattici

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI MARZOTTO GIAMPAOLO. Nome

INFORMAZIONI PERSONALI MARZOTTO GIAMPAOLO. Nome INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARZOTTO GIAMPAOLO Data di nascita 26/11/52 Qualifica Medico Veterinario Incarico attuale Veterinario Dirigente Numero telefonico 0586 223574 dell ufficio Fax dell ufficio 0586

Dettagli

Universitari nelle Imprese TRA

Universitari nelle Imprese TRA CONVENZIONE TRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE E L ASSOCIAZIONE DEGLI INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PER LA REALIZZAZIONE DI LABORATORI CONGIUNTI UNIVERSITA - IMPRESA E GRUPPI DI LAVORO MISTI

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Nazionalità RENATO SCRIVANO VIA DON CARLO DE CARDONA 19 COSENZA r.scrivano@regcal.it Italiana Data di

Dettagli

REGOLAMENTO SU OSSERVATORIO TURISTICO DI DESTINAZIONE DELLA PROVINCIA DI LIVORNO

REGOLAMENTO SU OSSERVATORIO TURISTICO DI DESTINAZIONE DELLA PROVINCIA DI LIVORNO PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO SU OSSERVATORIO TURISTICO DI DESTINAZIONE DELLA PROVINCIA DI LIVORNO (OTD) Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 168/22.12.2011 In vigore dal 1 febbraio

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. lami gabriele Data di nascita 10/04/1968 Qualifica Amministrazione. Nome

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. lami gabriele Data di nascita 10/04/1968 Qualifica Amministrazione. Nome INFORMAZIONI PERSONALI Nome lami gabriele Data di nascita 10/04/1968 Qualifica Amministrazione Dirigente ex art. 110 TUEL COMUNE DI FOLLONICA Incarico attuale Dirigente - V Settore Polizia Municipale -

Dettagli

Protocollo d intesa Per la formazione di esperti della Sicurezza nei luoghi di lavoro Safety Manager

Protocollo d intesa Per la formazione di esperti della Sicurezza nei luoghi di lavoro Safety Manager ALLEGATO A Protocollo d intesa Per la formazione di esperti della Sicurezza nei luoghi di lavoro Safety Manager tra: Regione Toscana, INAIL Toscana, Università degli Studi di Firenze, Pisa e Siena, Confindustria

Dettagli

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Codice fiscale Ciucci Filippo CCCFPP74H20L833M ESPERIENZA LAVORATIVA Famiglia professionale Profilo professionale 12/2011 - in corso

Dettagli

bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi

bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi riguardanti la storia della comunità, dell economia e delle istituzioni trentine budget complessivo 150.000 euro termine per la presentazione

Dettagli