//L Editoriale L Editoriale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "//L Editoriale L Editoriale"

Transcript

1

2

3 //L Editoriale L Editoriale di Maria Luisa Mastrogiovanni informazione sotto accusa DOPO TRE ANNI DALL INCHIESTA PAGLIARO, L IMPERO VIRTUALE, PER CUI CHI DIRIGE QUESTO GIORNALE È STATA RINVIATA A GIUDIZIO PER DIFFAMAZIONE, IL TACCO RITORNA UN PO SUI FATTI. ECCO CHE COSA È ACCADUTO NEL FRATTEMPO. ECCO I CAPI D IMPUTAZIONE Rieccoci. Il Tacco d Italia e chi scrive sono stati rinviati a giudizio dal gup di Lecce Carlo Cazzella, su richiesta del pm Antonio De Donno per il reato di diffamazione a mezzo stampa nel procedimento penale intentato dall editore di TeleRama, costituitosi parte civile con richiesta di risarcimento danni di circa mezzo miliardo di vecchie lire. Torno quindi a parlarne sulla cronaca dei fatti recenti, ossia del mio rinvio a giudizio. Dall inchiesta del mensile che dirigo, uscita nel dicembre 2005, da quanto scritto e detto dalla sottoscritta come persona informata dei fatti, sarebbero germogliati non solo i fascicoli su cui verterà il processo per diffamazione ma altri filoni di indagine e altri fascicoli della cui esistenza abbiamo appreso dai verbali delle udienze preliminari. La prima udienza si celebrerà l 11 novembre prossimo e ovviamente vi terremo informati. Dall ultima volta che abbiamo scritto del signor Pagliaro - ops!, dottor Pagliaro, giacché il nostro nel frattempo ha conquistato una laurea ed è approdato all insegnamento universitario, pubblicando anche un libro - dall ultima volta che abbiamo scritto di lui, dicevamo, cose gravi e imbarazzanti che lo riguardano ne sono successe tante. DICEMBRE NOVEMBRE 2008: CHE COSA È ACCADUTO NEL FRATTEMPO // GLI ARRESTI DOMICILIARI L ultima volta il Tacco l ha lasciato appena liberato dopo una settimana di arresti domiciliari, coinvolto in un filone secondario della maxi inchiesta della Procura di Bari su presunte tangenti tra Fitto e l imprenditore romano Angelucci. Quello che veniva contestato a Pagliaro e Fitto dal gip Giuseppe De Benedictis era il reato di corruzione e concorso in corruzione, con aggravanti. Da quanto ci risulta è stato poi prosciolto. Come emergeva dalle intercettazioni telefoniche Fitto aveva interceduto presso i vertici della Seap, la società che gestisce l aeroporto di Bari Palese, affinché acquistasse pubblicità sulle reti di Pagliaro. Sempre dalle intercettazioni risultava che era stato Pagliaro a chiedere di fare una chiamata alla Seap. Da quel giugno del 2006 non abbiamo più potuto scrivere nulla sulle attività e la vita del personaggio pubblico Pagliaro e sulle sue emittenti, perché ad ogni fiato abbiamo ricevuto diffide e relative integrazioni di querela (ne abbiamo perso il conto) in cui si lamentava un intento persecutorio nei suoi confronti. Persecuzione, dicevano le diffide, sebbene ci fosse sempre un forte elemento di cronaca, da cui discende il diritto-dovere di informare (noi non siamo l Espresso e questo editore non è Berlusconi, ma ci domandiamo che ne sarebbe della libertà di stampa se un uomo di potere riuscisse ad azzittire un giornale libero). Non abbiamo più potuto informare i lettori dei fatti che riguardano un personaggio pubblico, dunque. Il tentativo di intimidazione è andato a segno, insieme a quello di indurre il giornale all autocensura, che è la peggiore punizione per un giornalista libero. Dopo tre anni da quell inchiesta, ritornando ai fatti di cronaca e al processo imminente e a i capi d imputazione attribuitici, riteniamo doveroso nei confronti dei nostri lettori, ritornarci un po su. I lettori che si persero a suo tempo la nostra indagine, che fu cronologicamente anteriore al sequestro delle attrezzature televisive e agli arresti del dottor Pagliaro, troveranno più avanti i punti salienti della stessa, che hanno dato corpo all azione giudiziaria contro il Tacco e chi lo dirige, con una richiesta di danni di quasi mezzo miliardo di vecchie lire. Non ci è mai pervenuta però, richiesta di rettifica: è un diritto previsto dalla legge che Pagliaro non ha ritenuto di esercitare. Se qualche fatto fosse stato non vero, se qualche virgola fosse stata fuori posto, avremmo chiesto volentieri scusa, ma il dottor Pagliaro non ce l ha mai chiesto. Le richieste di pubblicazione di rettifiche sono state invece recapitate (e, come detta la legge, pubblicate) al direttore de Il Sole- 24 ore, il quotidiano economico al quale collaboro, all indomani di una mia inchiesta e di alcuni articoli lì pubblicati sulla vicenda Fitto-Angelucci-Pagliaro. In realtà non rettificavano nulla, erano lamentazioni sui presunti intenti persecutori di questo giornale. // PROVINCIA 2005: A TELERAMA 140MILA EURO IN UN MESE In quell occasione, oltre a ricostruire la vicenda della pubblicità della Seap a Telerama, allargavo il raggio d indagine per capire quale fosse il meccanismo di attribuzione delle pubblicità alle televisioni salentine da parte delle pubbliche amministrazioni. A tal proposito si era levata forte la protesta di Forza Italia, del consigliere Antonio Gabellone e del suo capogruppo provinciale, Raffaele Baldassarre, per i soldi spesi dalla Provincia di Lecce in pubblicità televisive: con le carte alla mano ricostruii per il Sole- 24 ore la mappa degli investimenti pubblicitari della Provincia: ben 140mila euro spesi nel solo mese di dicembre 2005 in pubblicità a Telerama, briciole sparse per le altre tv. Questo, a mio avviso, in contraddizione con almeno due leggi: quella che fissa la quota che le pubbliche amministrazioni devono spendere in pubblicità sulla carta stampata, cioè il 60% dell intero importo calcolato su base annua; quella sugli appalti di servizi che fissa in 200mila euro in un anno il tetto da non superare, superato il quale, si deve indire un bando pubblico. Perché quel tetto, dimenticavo di dire, la Provincia l aveva di gran lunga superato. Non tedierò i miei lettori con i riferimenti normativi. Roba da giornale economico nazionale. Giacinto Urso, difensore civico della Provincia, si espresse dicendo che l Ente si trova in una situazione di anomia, cioè di assenza del regolamento che fissi quanto, come, a chi dare. (continua a pag. 9) il mensile del salento Anno V - n Novembre 2008 Iscritta al numero 845 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 27 gennaio 2004 EDITORE: Nerò Comunicazione - Casarano - P.zza A. Diaz, 5 DIRETTORE RESPONSABILE: Maria Luisa Mastrogiovanni HANNO COLLABORATO: Mario Maffei, Laura Leuzzi, Guido Picchi, Enzo Schiavano, Mario De Donatis, Antonio Lupo, Francesco Ria, Donato Nuzzaci, Flavia Serravezza, Luisa Ruggio, Margherita Tomacelli, Valentina Chittano FOTO: Dove non segnalato archivio del Tacco d Italia REDAZIONE: p.zza Diaz, Casarano - Tel./Fax: PUBBLICITÁ: - tel Unione Stampa Periodica Italiana Tessera n STAMPA: Stab. grafico della CARRA EDITRICE Z. I. - Casarano (Le) DISTRIBUZIONE: Italian Services Group - Lecce ABBONAMENTI: 15,00 Euro per 12 numeri c/c n. postale intestato a Nerò Comunicazione P.zza Diaz, Casarano - IL PROSSIMO NUMERO IN EDICOLA IL 1º DICEMBRE 2008

4 // Opinioni dal Tacco GOLEM Eugenio Ozza, 66 anni compiuti pochi giorni fa, single o come si diceva ai suoi tempi scapolo, dottore commercialista in pensione, esponente storico dell MSI eletto deputato con AN nel 1994, battendo a sorpresa nel collegio Tricase-Ugento il Ppi Serrano e il deputato uscente del Pds Abbaterusso; confermato onorevole per la legislatura seguente. Sempre molto presente in Aula e in Commissione Bilancio, ha il merito di esprimere concetti politici anche sofisticati in maniera chiara e diretta; tra le sue parole d ordine: la difesa della famiglia e la sicurezza dei cittadini. Da due mandati è anche sindaco di Ugento. Nelle ultime amministrative sbaraglia la debole concorrenza di centrosinistra, incapace di esprimere un alternativa credibile. L affluenza alle urne è però solo del 63,5%, tra le più basse nel Salento. Nel consiglio comunale seggono solo uomini: neanche una donna è stata eletta. Ugento è una cittadina di poco più di 10mila abitanti con un elevato tasso di criminalità, alcuni gravi problemi (come la dispersione scolastica e la carenza d acqua) e una potenzialità turistica largamente inespressa (a causa dell approccio mordi e fuggi per tre o quattro settimane all anno e l atroce tendenza alla cementificazione). Ma da quella maledetta notte del 15 giugno 2008 molte cose sono cambiate. L omicidio di Giuseppe Basile, esponente dell Italia dei Valori, ucciso con varie coltellate al torace mentre rientrava a casa dopo una cena con la sua compagna e i suoi amici ha scosso le coscienze. Non se n è avveduto però Eugenio Ozza che a poche ore dalla tragedia affermava: Un fatto che ha sconvolto tutto il paese, talmente grave ed efferato che non ha nessuna spiegazione logica e non può essere collegato all attività politica e amministrativa di Basile. ( ) I suoi interventi in consiglio comunale e i suoi comizi erano attacchi LETTERE AL DIRETTORE foto protesta Com è Marx aveva ragione: quando la Storia si ripete è una tragedia, quando continua a ripetersi sembra che sia la farsa di quella tragedia. Bomba al nostro Comune, auto del sindaco Eugenio Ozza incendiata, tragico omicidio dell amico e collega Peppino Basile, minacce di morte al parroco dell Oratorio di Ugento, auto del sottoscritto danneggiata e col vetro frantumato. Da oltre un anno ad Ugento spirano forti venti di malcontento diffuso, povertà, esclusione sociale accompagnati da interessi ed appetiti vecchi e nuovi. Enormi sacche di povertà, lavoro stagionale alli villaggi sottopagato, lavoro nero, per lo più nell edilizia, giovani che emigrano e che tornano l estate, laureati che dopo aver preso la laurea sono spariti dalla città non diretti a qualcuno in particolare ma espressi a livello generale. Anche perché non ci sono fatti amministrativi particolari, come appalti o opere pubbliche, che possono spiegare questo gesto. Concetto poi ribadito fino alla nausea, fino allo scontro frontale con don Stefano Rocca. L augurio del Golem è che Ozza abbandoni questo approccio e ascolti la voglia di reazione dei suoi concittadini, i quali non vogliono più accettare con fatalismo le bombe davanti alla porta del Municipio (come quella del luglio 2007) o la macchina del sindaco bruciata e dal sindaco stesso liquidata come un episodio di autocombustione o gli alberghi sulla sabbia (come il progetto della Orex denunciato dal Tacco molto prima che i lavori, oggi bloccati, iniziassero) o i tanti piccoli e grandi abusi denunciati da Basile (vedi Tacco di luglio 2008). Lo invitiamo pertanto a leggersi gli oltre 170 post lasciati dagli ugentini su per commentare la morte di Peppino: li legga e cerchi di comprenderli. Com era capipopolo bugiardi. si faccia quadrato attorno alle istituzioni dall altro lato un territorio con una Storia, delle potenzialità uniche. Un terreno dove si è innestata la pianta dell antipolitica. I comunisti di Ugento, inascoltati, da mesi hanno lanciato un grido d allarme nei confronti dell intera classe politica ugentina e dell intero Consiglio comunale: qualcuno vuole creare tensioni, cavalcare l onda del momento, destabilizzare la democrazia e, infine, porsi come il principe in grado di risolvere i problemi. In questo scenario, si innestano i ruoli di cittadini già recidivi alle sirene dell antipolitica, vicini alla maggioranza di destra, talmente spregiudicati da buttare a mare il sindaco attuale, per poi prenderne il posto essi stessi in nome di una rinata politica. Questo Consiglio comunale deve discutere di Piano Eugenio Ozza, sindaco di Ugento La croce che una volta dominava il Casale di Ugento, collocata nella campagna ugentina subito dopo la nomina di papa Giovanni Paolo II, era identica ad una croce innalzata dal pontefice polacco nella sua terra natale. Per un quarto di secolo ha illuminato le costole del Casale e ha indicato la via ai marinai e turisti. Essa è stata demolita immotivatamente per una corrosione alla base, che, a parere di onorevoli tecnici, poteva essere salvata togliendo la parte marcia oppure incamiciando il tutto con verzelle di ferro battuto, come viene fatto per i pali cadenti della pubblica illuminazione. Si dice che sia stata venduta al migliore offerente per 150 squallidi euro. La croce che l ha sostituita risulta eseguita con orrende e fredde travi in ferro a doppia T, imbullonate ai due bracci con supporti, mentre l originale era stata realizzata (da Clemente Dimo, artigiano ugentino)in ferro battuto lavorato con simboli religiosi. Ancora una volta: Ugento, né fede né sacramento. Lettera firmata Urbanistico Generale, di come gestire il parco naturale e i finanziamenti che arriveranno, di zona artigianale, di distretti turistici, di porto, di piano delle coste. Ad Ugento deve arrivare una fiumana di denari; ecco perché qualcuno vorrebbe defenestrare l attuale classe politica, per gestire quelle risorse. Al PdCi questo non piace. In un momento così delicato occorre fare quadrato intorno alle Istituzioni, riportare il confronto negli ambiti degli assetti democratici e non fidarsi di seducenti e sedicenti capipopolo, i quali fanno da spalla alla strategia appena descritta. Angelo Minenna Consigliere comunale PdCi Ugento il tacco d Italia 4 Novembre 2008 Leggi sul Tacco on-line l intervista ad Angelo Minenna:

5 //Opinioni dal Tacco terzo grado di FRANCESCO RIA Una delle competenze maggiori in materia di edilizia della Provincia riguarda gli edifici scolastici. Solo a Lecce si spende un milione e mezzo di euro l anno per affitti. Non è forse il caso di cambiare strategia? Non solo spendiamo così tanto, ma abbiamo anche edifici non a norma. Immobili vecchi che non rispettano alcuna normativa e anche quelli più recenti, che comunque sono tutti antecedenti al 2000, sono nelle stesse condizioni. Avete già in mente qualcosa? La strada migliore per fare economia, ad iniziare proprio dalla città di Lecce, è quella di realizzare un campus di tutti gli istituti superiori. Stiamo predisponendo un bando di evidenza pubblica per un indagine sul sito più idoneo per realizzare una struttura dove gli studenti possano trovare un luogo per studiare, ma anche tanti servizi comuni: penso alle infermerie, gli impianti sportivi, foresterie per chi viene dai paesi più lontani della provincia. E sicuramente un buon modo per ottimizzare e rendere più funzionali le strutture; su questo abbiamo già avuto l assenso anche di Roberto Marti, assessore del Comune di Lecce, perché è una soluzione che potrebbe contribuire a razionalizzare maggiormente il traffico cittadino. Quale tipo di siti state cercando? Serve un area di 12 ettari all interno della città. Ci sono proprietari che hanno queste superfici che possono essere destinate all edilizia scolastica in cambio di una locazione. Sembra parte della storia già vista con l ipotesi del Polo Umanistico dell Università. Non c è il rischio che si scatenino speculazioni su questo progetto? Le aree devono già essere inse- INDOVINA CHI E? La soluzione a pag. 46 flavio fasano Flavio Fasano, assessore ai Lavori pubblici e all Edilizia della Provincia di Lecce rite nel piano regolatore come aree a servizi; non si può verificare che qualcuno acquisti terreni agricoli e che successivamente si cambi la loro destinazione. Non ci sarà alcuna speculazione. Altra nota dolente è quella degli impianti sportivi. Tante piccole realtà potrebbero esprimere al meglio le loro potenzialità se solo avessero a disposizione un palazzetto o un impianto attrezzato nel loro Comune. Abbiamo appena fatto una proposta rivoluzionaria in questo senso: un affidamento di credito sportivo per interventi dove i Comuni contraggono mutui a 25 anni per la costruzione di impianti di qualità; la Provincia si accolla gli interessi del finanziamento. Le nostre strade paiono inadeguate al volume di traffico che sopportano, soprattutto nei mesi estivi. State pensando di intervenire per migliorare la sicurezza stradale? Spesso si dimentica che la Provincia di Lecce gestisce 2mila 400 kilometri di strade; spesso questo rappresenta un problema perché non sono tutte messe benissimo. Va detto, però, che molti degli incidenti che si verificano dipendono dall imprudenza. Un esempio su tutti: sulla Lecce Vernole, di recente messa in sicurezza, si verificano ancora più incidenti rispetto a prima. Ciò accade perché chi guida si sente più sicuro e schiaccia sull acceleratore. L altro problema è dato dall abusivismo edilizio. La Galatone Santa Maria al Bagno, che ha vissuto tragici episodi quest estate, è una strada che non si può allargare a causa delle tante abitazioni che, abusivamente, sono sorte proprio sul ciglio della carreggiata. commenti e opinioni da I professori dovrebbero fare i prof prima come missione e poi anche con passione. Purtroppo, la maggior parte lo fa per godere di uno stipendio fisso (sia che nevichi, che tiri vento o cada giù la pioggia!) e di tante altre agevolazioni, ma della formazione dell allievo gli importa quasi un fico secco. E diciamo la verità almeno una volta! la scuola l hanno rovinata i prf e i 11: commento all approfondimento PON(ti) d oro Prima distruggono la costa permettendo la cementificazione con case abusive, strutture in cemento, causa principale dell erosione, poi esultano perché portano via la sabbia ad altre località. I principali responsabili sono gli amministratori della città di Lecce che hanno permesso questi scempi e sono sempre lì seduti sulle loro poltrone a pontificare. salento 12: commento alla news Manca la sabbia? Lecce la prenda da Brindisi Avanti un altro. ha dichiarato che non si candida più. Poi però ha aggiunto che prima bisogna fare la coalizione. E lui è a disposizione per aiutare Capone. Poi si vedrà: quindi, fuori dal politichese, dice: io faccio la coalizione come dico io, poi, se la coalizione è come piace a me, voi mi candidate. Così si può sperare di vincere, altrimenti, caos e zuffe e lotte intestine nel centro sinistra! 11: commento all approfondimento Sì, no, forse sulla candidatura di Giovanni Pellegrino alle Provinciali Eccoli qua! [ ] Sempre pronti a gettare fango, comodi, a casa loro, dietro una scrivania o un computer, denigrando chi sta sempre in trincea, come mio figlio Angelo, a nascondersi dietro un vigliacco anonimato: proprio come hanno fatto l altra sera, prendendo di mira solo la nostra auto, sperando forse di intimidire un ragazzo di 26 anni che fa politica per pura passione, cercando, anche con i suoi limiti ed i suoi errori COMUNI ALL ESSERE UMANO, di portare uno spicchio di luce in un territorio che, al di là di convegni, discorsi, parole, mostre e passerelle varie aspetta da decenni il suo definitivo decollo. Smettetela! Abbiate un po di rigore e di onestà intellettuale: scendete in campo, mettetevi in gioco ed in discussione!!! Mio figlio, tralasciando l appartenenza politica, lo fa: ma quanti sono i giovani e le persone come lui che lo fanno? Silvana 22: Commento alla news di cronaca Tensione ad Ugento. Giannuzzi chiede un consiglio urgente nel box In evidenza dedicato all omicidio Basile Gli accademici ne sanno d impresa, eccome! Perché gli imprenditori di oggi e di domani studiano all Università come fare BUONA impresa. E gli accademici ne sanno di ricerca, perché l impresa di oggi e di domani ha bisogno di innovazione tecnologica, nuovi prodotti, nuovi processi. E pur sempre un punto di partenza. 9: commento alla news New technology per il Tac il tacco d Italia 5 Novembre 2008

6 //Opinioni dal Tacco BOLLETTINO DEI NAVIGANTI di MARIO DE DONATIS A novembre, con alcuni amici, anche statunitensi, ci ritroveremo per la festa del ringraziamento, festa istituzionale che ricorda gli inglesi sopravvissuti al primo sbarco ed approdati nel nuovo continente. Non è la prima volta. Sento la ricorrenza come mia, perché ho un legame profondo con gli americani. Da piccolo risentivo dei discorsi dei miei nonni tarantini, che parlavano della Liberazione, dell arrivo delle truppe americane, della fine di un incubo, di un regime che aveva nascosto tante verità, dello stesso andamento della guerra. E, poi, i discorsi della ripresa. Vivevo a Taranto e percepivo la speranza delle famiglie - all epoca, tutte rigorosamente monoreddito - ma tutte coinvolte dal circolo virtuoso del Piano Marshall. A Taranto fiorivano i cantieri navali e l Arsenale militare. Lavoro, risparmio e investimento nelle abitazioni. La vita veniva scandita da queste modalità comportamentali. Vedevo le periferie crescere, anche disordinatamente, ma con questa crescita si percepiva la sicurezza delle nuove famiglie, che amarcord di un amore per l america che deve essere rivissuto oggi. con obama veniva rafforzata dalla casa in proprietà e dalla speranza di partecipare al gioco della mobilità sociale. Poi, negli anni 60, l arrivo a Taranto degli americani impegnati nella base Nato, ed il dilagare, con la loro presenza, di luci e alberi di natale, esposti sui balconi. Nella mia famiglia c era già la tradizione dell albero di Natale - ovviamente insieme al Presepe - ma l entusiasmo fu grande nell osservare l uso esterno di alberi e luminarie. Forse erano le prime tappe di un consumismo poco educativo. Ma gli Stati Uniti, per noi ragazzi, erano il Paese che ci aveva liberato, aveva creato le condizioni per lo sviluppo ed ora arricchiva il nostro immaginario con luci e colori, donandoci anche la sicurezza, perché protetti dalla presenza delle navi, con le caratteristiche lettere e cifre bianche impresse sugli scafi, alla fonda in Mar Grande. Poi, con la giovinezza, fu il fascino di J. F. Kennedy che fece sviluppare, su molti di noi, la percezione di far parte di un unico mondo, quello occidentale. Quest anno parteciperò alla festa del ringraziamento con più convinzione. Perché sento di amare l America più di prima. Perché amo la democrazia, quel sistema che tanto ci fa soffrire, ma che è, anche, l unica possibilità di essere liberi, per chi vuol esserlo. Ed oggi, dopo i fatti della Georgia, si dica quel che si vuole, sarò sempre dalla parte di una Democrazia che può, anche, sbagliare, mai dalla parte di un sistema non democratico, anche quando sembra possa avere ragione. Per quello che ho detto, mi auguro che si possa rivivere una rinnovata stagione, con un Barach Obama in grado di far innamorare la sua America, la nostra America, anche recuperando quei delusi che hanno smesso di amarla. Il mondo ha bisogno dell America e l America ha bisogno di essere amata, come il giorno dopo l 11 settembre 2001, cercando di rimediare agli errori ed agli orrori della guerra di Iraq, contro cui si levò, inascoltata, la voce di Giovanni Paolo II. E tanto per favorire la cultura della democrazia, che non può essere imposta, ma che deve poter affascinare. P U B B L I C A L O S U L TA C C O Inviate i vostri inediti (poesie, racconti brevi) a Il Tacco d Italia, p.zza Diaz 5 Casarano; oppure a Verranno selezionati e pubblicati sul nostro giornale. Tenera isola di stelle lungo il cielo fuggita slega il fuoco dall eterno sole cocente nel mio sangue perché venga a dissipare i confini dell universo che rendono la notte più nera. Al mio amico Ercole Ugo d Andrea Eugenio Giustizieri di GUIDO PICCHI bolle di sapere Sassi. Un conto è stato raccoglier sassi dalla terra e ammucchiarli. Altra storia è disporre di credito e investirlo nel mattone. L attualità cerca di dirci ogni giorno che il sistema è andato già oltre il suo limite sebbene molti siano indaffarati ad agitar le braccia nel tentativo di rassicurare il mercato (cioè il popolo) (o viceversa?). Poche cose sono certe in questa tragica vita: la morte, la fame e la sete e il fatto che il denaro sia un allucinazione collettiva (Franco Battiato). Gia due secoli fa ci si era resi conto che la proprietà è un furto. Dunque con quale spirito mi appresto a comprare o costruire una casa? Meglio esser razionali e lasciar perdere il sentimento. Ciò nonostante se proprio vi state sbilanciando nell acquisto così come nella costruzione di una casa abbiate almeno a cuore lo spirito dei vostri figli e optate per soluzioni che riducano l inquinamento e l abbruttimento di questo povero pianeta: - L estetica dell architettura dovrebbe sempre esser subordinata a quella del paesaggio. - L abitabilità ed i comfort connessi non possono più essere subordinati all uso del petrolio. Infine ricordatevi che ancor prima della casa andrete ad abitare una terra: rispettatela come se fosse il vostro giardino. LO STRANIERO il tacco d Italia 6 Novembre 2008

7 //Opinioni dal Tacco l aria che tira di LUISA RUGGIO salentini su facebook. poke e quantiere Eppure deve esistere una livella. Un non luogo dove tutte le strade si incrociano e le persone rendono possibile la spettacolarità del saluto multiplo e compulsivo, come nella piazza di una volta. Ed ecco spiegato Facebook, ed ecco il profilo salentino del Libro delle Facce. C é persino la direttora di questo giornale, ci sono financo io, pensa tu. E il fenomeno virtuale del momento, persino Vendola sta al gioco del social network acchiappa proseliti, ma il dubbio è che la sua homepage - come quella di tutti i vip mescolati al popolo nel grandangolo della Rete - sia una specie di sagoma di cartone, ecco. Il sindaco di Lecce ha annunciato che pure lui pensa di aggiustarsi un suo profilo su Facebook, l ha confessato a una mia collega che lo intervistava circa l importanza di mantenere alto l effetto sorpresa, dopo quella campagna elettorale che lo vide sorridere nudo e con le mani sul pacco. Facebook è come una rubrica del telefono piena di numeri di gente che se incontri per strada non saluti, epperò on line gli mandi un poke. Che cos è un poke? E una pacca sulla spalla virtuale, un trillo notificato dal pc. Assurdo no? E delirante. Ma qualcosa significa, malgrado tutto. Forse che Internet è diventato la nostra coda. Possiede doti riunite che riescono a compensare gli scompensi che potrebbe creare. Chi storce il naso è come quelli che si lamentarono, ai tempi, dell invenzione del telefono che rese meno romantiche le finestre. Non saprei dire se i salentini su Facebook in realtà siano più ammiccanti del resto dell utenza mondiale, certo è un bel termometro, non so nemmeno se faciliti la comunicazione perché poi funziona anche come una segreteria telefonica che tu lasci a testimoniare per te. E di colpo ci sono un mucchio di segreterie telefoniche che si azionano e parlano tra loro. C è dentro quella indispensabile frivolezza che serve alla vita di tutti i giorni per non prendersi troppo sul serio, ed è sorprendente scoprire quanti professionisti si colleghino dai posti di lavoro per una pausa cazzeggio. E il tributo che l umanità salentina paga al progresso, essendo noi un popolo di pettegoli non potevamo mancare da un agorà del genere. E anche un modo per evitare il disagio di reggere a certi strani revival tra amici e compagni di scuola che non vedevi da un pezzo e di cui fai fatica a ricordare il nome o il cognome, ma quelle facce ti parlano ancora benissimo. Così ti aggiorni, invece del caffè ti scambi un link e adesso la comunità dei facebookati salentini ha messo a punto pure un offerta gastronomica di doni virtuali da spedire come si faceva una volta col cosidetto presente, ovvero la quantiera (n.d.r.) di dolcetti che ti salva dal presentarti con le mani in mano come un miserrimo. Devo dire con costernazione che so di gente che attraverso Facebook, tra le altre cose, si accoppia. Credo avvenga perché siamo al triste punto di godere del razionalissimo privilegio del ritrovarci senza alcun costo e senza alcun rischio elementare. Il mio lato Nikita mi fa respingere le chat, il mio lato Amelie Poulain mi ha fatto digitare il nome di Jean-Paul Belmondo nel cerca persone di Facebook. Tu pensa Romeo e Giulietta, su Facebook. Maisia. Tutto quel dramma si risolverebbe in una banale complicità tecnica tra un uomo e una donna. E incredibile come il progresso conservi quel retrogusto di evoluzione regressiva. Ci vediamo su Facebook. Luisa Ruggio sta per concludere questo articolo. Luisa Ruggio si è scollegata. E vi manda un poke. di ENZO SCHIAVANO area vasta e pit9: casarano come una provincia La tornata elettorale della primavera del 2009, che rinnoverà i consigli comunali di decine di Comuni della nostra provincia, mette la città di Casarano al centro dell attenzione generale. Casarano, infatti, oltre ad essere uno dei Comuni più popolosi del Salento, e quindi decisivo per l elezione del presidente della Provincia, negli ultimi anni si è ritagliato un ruolo molto importante: il capoluogo di una sub-provincia che gestisce ingenti fondi pubblici. Un ruolo che, se non è riconosciuto a livello istituzionale, esiste però nei concreti atti amministrativi e nel passaggio dei fondi strutturali nell ambito del Pit9 e, nei prossimi anni, nel progetto dell area vasta del Sud Salento. Lasciamo perdere per un momento le controversie che hanno accompagnato la gestione delle risorse del Pit9. Proprio queste polemiche hanno messo in secondo piano un fatto non certo trascurabile: che il Comune di Casarano ha avuto la stessa funzione che la Provincia di Lecce ricopre quando deve deliberare per le materie di sua competenza. Proprio come un amministrazione provinciale, infatti, Palazzo dei Domenicani ha distribuito risorse pubbliche verso 68 Comuni, e tra questi ci sono città importanti come Nardò (il secondo Comune per numero di abitanti dopo Lecce), Gallipoli, Tricase, Maglie. Il Pit9 è giunto ormai alla scadenza, ma nei prossimi anni sentiremo parlare di Area vasta. In provincia di Lecce sono state già attivate due di queste aree: una nel nord Salento, che ha come Comune capofila il capoluogo; l altra nel sud Salento, che ha Casarano come Comune di riferimento. Anche Area vasta può essere definita una sub-provincia che ha la gestione su oltre 60 enti locali, più o meno gli stessi del Pit9. Questo grande progetto gestirà i fondi strutturali necessari a realizzare, tra gli altri, i punti qualificanti del Piano strategico e della mobilità denominato Salento Ecco perché la nostra città sarà sotto i riflettori nella prossima tornata elettorale. il tacco d Italia 7 Novembre 2008

8

9 // Copertina // Lecce e l articolo 21 //Pagliaro porta il Tacco alla sbarra ENTRA ANCHE TU NELLA COMMUNITY DEL TACCO D ITALIA E DISCUTI DI QUESTO ARGOMENTO SU La copertina del Tacco d Italia nº 21, dicembre 2005 (continua da pag. 3) In realtà la legge dello Stato c è. Sarebbe stato sufficiente applicare quella. Per quanto ne sappiamo più nessuno di Forza Italia si è poi rivolto alla Corte dei Conti per vederci chiaro, come avevano annunciato, Fitto in primis; il regolamento non è stato fatto e son passati tre anni. E la pubblicità va. E tanta. Ma questa era solo una digressione per stigmatizzare che l editore di Telerama non ha chiesto rettifiche al Tacco. Al Sole sì, ma per non rettificare nulla. Andiamo avanti, cercando di ricostruire i fatti da dove li avevamo lasciati quel giugno Paolo Pagliaro è inquisito in più di un procedimento, accusato, da solo e in concorso, di vari reati. I due incartamenti più pesanti, al momento, riguardano due procure diverse. // LA 488 A Lecce per aver tentato di frodare lo Stato gli sono state sequestrate (lasciandogli la facoltà d uso) delle attrezzature tecniche di TeleRama ed ha dovuto restituire oltre un milione di euro che evidentemente non gli competevano in base alla ormai famigerata legge 488: secondo l accusa voleva proprio truffarli quei denari e lui si è affrettato a sbarazzarsene prima che le cose peggiorassero; a Bari, come detto, gli venne contestato il reato di corruzione e concorso in corruzione, con aggravanti. Per questo nel giugno 2006 gli fu notificata un ordinanza di custodia cautelare: il pm gli risparmiò il transito per l ufficio matricola del carcere, disponendo la detenzione al domicilio dell inquisito. Ci risulta come detto che sia stato poi prosciolto. // INDAGINI SU FALLIMENTO IL CORSIVO C è poi un altro procedimento in corso, avviato nel frattempo, che non è ancora approdato al tavolo del giudice delle indagini preliminari, che vede Pagliaro sotto la lente di un pm. Ci limitiamo solo a citare il titolo del faldone aperto da un paio d anni: fallimento dell Editoriale il Corsivo spa, la società per azioni che pubblicava il settimanale omonimo fondato e diretto nel 1994 dal giornalista Adolfo Maffei. Dopo quattro mesi di presidenza del padrone di TeleRama, nel gennaio 2004 le pubblicazioni si interruppero, Pagliaro si fece nominare liquidatore della sua società (salvo poi mettere al suo posto un ragioniere) e alla fine di quell anno il Tribunale ne decretò il fallimento. Velocemente accenniamo anche alle vicende civilistiche che lo riguardano. Ne conosciamo almeno tre. // LA CAUSA PER LA PROPRIETÀ DI RTS (ORA TELERAMA1) Prima: i destini della seconda rete del Gruppo Mixer Media Management di Pagliaro, ex Tele Salento, ex RTS, recentemente rinominata TeleRama 1, sono legati all esito di una causa civile in corso, la cui udienza del prossimo 5 novembre potrebbe essere determinante per l assegnazione della proprietà. Pagliaro, a quanto ne sappiamo, rischia di vedersi togliere questa emittente dal giudice civile; se la terrà, potrebbe sborsare alla società che gli ha fatto causa una cifra importante. // LA DIASPORA DI GIORNALISTI Seconda: i giornalisti della redazione di TeleRama, qualche mese dopo la nostra inchiesta (ma questa è solo un annotazione temporale) se ne andarono dall oggi al domani approdando alla prestigiosa Telenorba che stava per lanciare il primo Tg del Grande Salento, fra essi la stessa direttora, Gabriella Della Monaca. E alcuni fecero vertenza di lavoro. A due tra quelli che andarono via l Ordine dei giornalisti riconobbe il praticantato d ufficio, cioè il rapporto di lavoro di praticante giornalista svolto di fatto ma non contrattualizzato dall editore e il diritto a sostenere gli esami di Stato per diventare giornalista professionista. Forte di questo importante riconoscimento da parte dell Ordine, per Mimmo Carulli si partì, per transigere di fronte al giudice del lavoro, da 10 anni di contributi arretrati per un totale di circa 180mila euro. Sia Carulli, sia Paola Ancora, la prima di quel gruppo a lasciare la redazione per approdare al prestigioso incarico di addetta stampa del Ministero delle politiche agricole, sono in attesa che si chiuda il tentativo obbligatorio di conciliazione con la CCC, la cooperativa cui Pagliaro delega, tra le altre cose, anche il lavoro giornalistico. // AFFITTI STRACCIATI E LAVORI NON PAGATI Terza: il Nuovo Quotidiano di Puglia ha recentemente scoperto un altra imbarazzante vicenda. Le redazioni e gli studi televisivi di il tacco d Italia 9 Novembre 2008 Telerama si trovano in locali nati per accogliere una scuola materna per i figli dei lavoratori e delle lavoratrici della zona industriale di Lecce. Era un idea di grande significato civile tenere i bambini ben assistiti nella stessa area lavorativa dei genitori. Di proprietà del consorzio Sisri, i locali furono ceduti in locazione per una cifra che a stento basta per prendere in affitto un bilocale arredato in centro: diecimila euro l anno più ottomila in pubblicità (il mitico scambio merce di Pagliaro) mai trasmessa. Adesso pare che l emittente stia trattando con il Cda e con il presidente del Sisri, Carlo Benincasa, per una cifra più congrua euro al mese è l offerta dell emittente - ma comunque ritenuta dal Cda dell Ente ancora al di sotto del valore di mercato. Ci risulta che vi sia più di una società che richiede di poter affittare quei locali qualora si liberassero. I cronisti del Nuovo Quotidiano hanno anche indagato su un altra storia (questa apparentemente ancora più brutta) di lavori assegnati alla società mista Lupiae Servizi per ristrutturare la scuola materna, pardon, ex scuola materna, insomma la sede di Telerama. Lavori (oltre 170 mila euro) non pagati, a quanto ha scritto il quotidiano leccese. Ancora una volta da tutte queste vicende emerge la coincidenza, la sovrapposizione tra la C.C.C., la cooperativa di giornalisti a cui l emittente affida il lavoro (anche) giornalistico, con la stessa proprietà di Telerama, come ha sottolineato il Nuovo Quotidiano di Puglia. Siamo arrivati alla fine del dove eravamo rimasti. Ed ecco un paio di ultim ora. Una riguarda i contributi da versare ai vari Enti previdenziali Inpgi, Enpals, Inps con cui ogni emittente ha a che fare. L altra le interferenze prodotte da Telerama sulle frequenze Rai. Entrambe le questioni sono tecniche ma vale la pena di seguire per un momento il filo del discorso perché di entrambi gli argomenti non possiamo prevedere gli esiti ma ne stiamo seguendo gli sviluppi, già noti ai lettori dei quotidiani locali. // LA 448 E I FINANZIAMENTI ALLE TV La prima. Ne avevamo sinteticamente tracciato il profilo nell inchiesta Pagliaro, l impero virtuale e ne abbiamo riferito alla polizia giudiziaria come persona informata dei fatti. Riguarda i finanziamenti che spettano alle tv private ai sensi della legge 448/98. Probabilmente questo numero, 448, diventerà familiare ai cittadini come un altro, la 488, perché l inchiesta di cui stiamo per parlarvi ha avuto dei risvolti a livello nazionale e potrebbe provocare degli effetti a cascata in tutte le Regioni, tanto che mentre scriviamo sono stati arrestati gli editori di una tv campana, Italiamia, e sono indagati l attuale presidente del Corecom campano, il suo predecessore e un giornalista, direttore della rete televisiva. Cominciamo a sfilare la matassa dicendo che le tv possono attingere ai fondi della 448 presentando domanda al Corecom della regione

10 di appartenenza. Il Corecom, Comitato regionale delle comunicazioni con sede presso il Consiglio regionale, riceve le domande, analizza i documenti e stila le graduatorie immettendo i dati delle tv in un software che calcola i punteggi in base a una serie di parametri tra cui il fatturato (più è alto, più si sale nella graduatoria) e il numero di dipendenti (punteggi più alti per chi ha più dipendenti, più giornalisti professionisti e pubblicisti). Per presentare domanda è necessario possedere alcuni requisiti, tra cui i più importanti: mandare in onda un telegiornale regolarmente registrato al tribunale ai sensi della legge sulla stampa (la 47/48) ed essere in regola con il versamento dei contributi previdenziali ai dipendenti. Questo secondo requisito è autocertificabile: all atto della presentazione della domanda si può presentare una autodichiarazione in cui si dice di essere in regola con i contributi. Se non si ha il primo, si rischia addirittura di perdere la concessione governativa delle frequenze; se non si possiede il secondo, non si entra in graduatoria. Ma il requisito di correttezza contributiva deve essere dimostrato con documenti all atto della presentazione della domanda o al momento dell erogazione del finanziamento, cosa che può avvenire anche due anni dopo per le lungaggini burocratiche? Questa è una trattazione al centro del fitto carteggio che negli ultimi due mesi è intercorso tra Ministero dello sviluppo economico e delle comunicazioni, istituti previdenziali (Enpals, Inpgi, Inps) e di due interrogazioni a risposta scritta (risposta ad oggi non pervenuta) indirizzate al presidente del Consiglio dei ministri e al Ministero dello sviluppo economico, firmate da Adriana Poli, senatrice di An ed ex sindaca di Lecce. Infatti, come stabilisce il regolamento, per accedere ai finanziamenti le televisioni ogni anno devono presentare una domanda con allegata una dichiarazione di essere in regola con il versamento dei contributi previdenziali relativi all anno precedente: secondo la senatrice Poli «è evidente che per regolarità si intenda che l emittente sia in regola all atto della presentazione della autodichiarazione». E questo perché, dice la parlamentare leccese: «Laddove la regolarizzazione dovesse avvenire successivamente all atto della presentazione della domanda, si avrebbe come effetto una dichiarazione mendace ed una distorsione del mercato perché attraverso una indebita erogazione di fondi pubblici si sanerebbe una situazione debitoria precedente che, se onestamente dichiarata, avrebbe impedito l accesso alla fruizione dei fondi stessi». A quale distorsione del mercato, a quale situazione debitoria precedente si riferisce la senatrice? DA GIUGNO 2006 NON ABBIAMO PIÙ POTUTO INFORMARE I LETTORI DEI FATTI CHE RIGUARDANO IL PERSONAGGIO PUBBLICO PAGLIARO PERCHÉ AD OGNI FIATO ABBIAMO RICEVUTO DIFFIDE E RELATIVE INTEGRAZIONI DI QUERELA // CHI È E CHE COSA FA IL CORECOM Adesso è il momento di spiegare come funziona quel software del Corecom, con cui si stilano le graduatorie e quali controlli il Corecom metta in atto: i quattro quinti dei fondi della legge 448 sono distribuiti in base ad una classifica che considera il fatturato dei tre anni precedenti e il numero di dipendenti; il restante quinto del totale dei fondi annuali è suddiviso in parti uguali tra i richiedenti. Lo Stato paga a chi è ai primi posti in classifica una cifra pari a circa il 50% del fatturato. E evidente che l obiettivo delle televisioni è rientrare nei posti alti della classifica, per accedere a quei quattro quinti del totale. C è chi, per schizzare in alto, è disposto a gonfiare il fatturato e il numero di dipendenti dichiarati: è quanto viene contestato all emittente campana. Ma, come detto, per accedere ai fondi della 448 è indispensabile possedere il requisito di regolarità contributiva, anche autocertificabile all atto della presentazione della domanda. E qui si casca. Ragionando per assurdo, si può autocertificare di essere in regola con i contributi, essere ammessi in graduatoria, con la graduatoria in mano (una vera e propria promessa ministeriale che quei soldi arriveranno) presentarsi in una banca, farsi fare un fido, pagare i contributi arretrati, richiedere il certificato di correttezza contributiva agli Enti previdenziali, e con questo battere cassa: prendere i soldi dallo Stato e pagare il fido. Rimane però il neo di quell autocertificazione di correttezza contributiva presentata all atto della domanda e quindi prima di aver sanato i contributi. Ma chi controlla che le autodichiarazioni siano veritiere e chi chiede i certificati che lo comprovino? Dovrebbe farlo il Corecom, entro sessanta giorni dalla presentazione della domanda. Ma se invece le indagini sono fatte a campione, per qualcuno particolarmente fortunato quei controlli potrebbero non arrivare mai e non ci sarebbe neanche bisogno di presentare i certificati di sanatoria ex post. Qualcuno potrebbe accedere ai fondi pubblici con una semplice autodichiarazione e trovarsi in alto nella classifica grazie ai fatturati gonfiati. Perché il meccanismo è contorto e chi riesce a infilarsi nelle pieghe dell interpretazione della legge, la spunta. E lo stesso Domenico Giotta, direttore del Corecom della Puglia, scrive al presidente del consiglio regionale Pietro Pepe: Chi ha reso dichiarazioni mendaci dovrà pagare. La verifica delle autocertificazioni è partita e per il 2008 saranno motivi di esclusione la mancata e inadeguata certificazione cartacea della correntezza della regolarità contributiva. Delegheremo alla Guardia di Finanza il controllo. Ora, tornando alle interrogazioni della Poli: queste hanno innescato un processo ispettivo: gli agenti del comando provinciale della Guardia di finanza di Lecce hanno acquisito tutti i documenti presso la sede barese del Corecom e a Roma presso il Ministero dello sviluppo economico e delle comunicazioni. Pare che presso la Procura di Bari siano stati aperti due fascicoli e almeno due a Lecce. Ancora una volta non entro nel dettaglio dei riferimenti normativi, ma sul quotidiano on line troverete gli articoli del Sole-24 ore dove analizzo gli articoli di legge. Tra le 42 emittenti che l anno scorso hanno presentato domanda ben 22 non hanno fornito tutti i documenti, sostituendoli con autocertificazioni. Le tv di quegli elenchi tuttavia erano state ammesse in graduatoria per aver presentato autodichiarazioni di correttezza contributiva relative al 2006, autodichiarazioni che pure, ripeto, sono ammesse dalla legge. Ora arriviamo all oggetto di questa ultim ora : il 3 settembre scorso l Enpals comunicava al Ministero che Telerama aveva sanato i contributi previdenziali spettanti all Ente per i mesi di luglio e agosto 2006 solo quattro mesi prima, nell aprile In virtù di questo a Telerama, postazione numero 4 in classifica, spetterebbero un milione e 100mila euro di soldi dello Stato. // FREQUENZE RAI OSCURATE Ultimo aggiornamento: frequenze Rai. Il 17 ottobre la Rai Way, società che si occupa di tutti gli aspetti relativi ai ripetitori Rai e alle frequenze, presentava al solito Ministero dello sviluppo economico e delle comunicazioni la terza denuncia in sette mesi in cui rilevava «un comportamento dell emittente privata Telerama al limite della legalità». Telerama, scrive Rai Way al ministero, opera «impropriamente su un canale e una frequenza dove dovrebbe trovarsi la Rai», a Trazzonara, in provincia di Taranto. Dai verbali allegati alla denuncia, dice Rai way, si evince come «Telerama dopo i sopralluoghi congiunti con l Ispettorato territoriale, aumenta la potenza del trasmettitore, oscurando la ricezione di Rai 1 a circa 7500 utenti residenti in Calabria». Rai way chiede perciò che venga tutelato il servizio pubblico e scrive che in caso contrario adirà all autorità penale. Su questo problema è depositata un altra interrogazione di Adriana Poli. // I CAPI D IMPUTAZIONE DEL TACCO E siamo arrivati all inchiesta Pagliaro, l impero virtuale del In quella sede, supportata da documenti, così sintetizzavo i risultati della mia indagine fin dal suo incipit: «I direttori dei telegiornali di Paolo Pagliaro La copertina del Tacco d Italia nº 27, luglio 2006 il tacco d Italia 10 Novembre 2008

11 non sono responsabili davanti alla legge ma soltanto, nella migliore delle ipotesi, coordinatori del lavoro giornalistico; una delle due testate televisive (leggi tg) addirittura non esiste in base alle norme lì mi riferivo ad RTS, ma nel frattempo avrei verificato che anche Trnews all epoca non era in regola con le norme sulla registrazione e i mutamenti delle testate previste dalla legge sulla stampa -; la proprietà effettiva di una televisione è messa in discussione in un processo in corso che si annuncia molto complicato per l attuale editore; la cooperativa dei giornalisti e di quasi tutti i dipendenti è controllata dall editore-cliente tramite le nomine dei suoi vertici, la pattuizione e l erogazione dei compensi individuali; i locali di una rete tv e di tutte le radio del gruppo non rispettano le basilari norme sulla sicurezza sul lavoro, sono subissate da carte bollate e sono l obiettivo di prossime ispezioni da parte di Asl e dei Vigili del fuoco, perché in odore di inagibilità». I capi d imputazione a mio carico riguardano l aver scritto: 1) «Rts è clandestina», un opinione di Franco Abruzzo che analizzava il rispetto della legge sulla stampa da parte di quella tv; 2) «nel 2003 nessun dipendente dichiarato», tanto risultava da una visura Cerved; 3) una serie di circostanze su pignoramenti esattoriali di Max Persano, il vero direttore responsabile di tutte le sue reti; 4) un accenno allo scandalo delle false fatturazioni di Telerama, che per giorni aveva occupato le prime pagine dei quotidiani locali, più di 10 anni fa; 5) l aver parlato dei debiti che l ex proprietario di Rts lamenta, in un giudizio civile in corso, nei confronti della Broker PR, la concessionaria di pubblicità di Pagliaro; 6) l aver parlato del processo relativo ai finanziamenti presi ai sensi della 488 e del rischio di prescrizione; 7) l aver riportato il pittoresco episodio della sparizione di due serrature degli uffici di via Marugi, poi restituite dalle Autorità al legittimo proprietario, Fabio Chiarelli; 8) l aver commentato come la citazione civile sia un tentativo di intimidazione, mentre la querela permette al pm di indagare e all imputato di esprimere le proprie ragioni nel dibattimento; 9) l aver dettagliato il non rispetto delle più basilari norme sulla sicurezza del lavoro in alcune sue sedi di via Marugi; 10) l aver scritto che la Guardia di finanza potrebbe accertare a quanto ammonti il debito previdenziale accumulato nei confronti dei dipendenti in anni e anni; 11) l aver scritto, a proposito dell iniziativa benefica Cuore Amico, che mi sarebbe piaciuto sapere (domande inviate via fax al Comitato dei garanti, ma su cui non ho avuto risposta) a quanto ammonti il contributo totale degli sponsor; se gli spot di Cuore Amico su tutte le sue reti sono gratuiti o, diononvoglia, a pagamento. E mi chiedevo come mai non vadano in onda a tappeto su tutte le tv e i giornali, visto che obiettivo è promuovere il più possibile l iniziativa. Scrivevo diononvoglia perché se fossero a pagamento, Pagliaro, proprietario delle reti e della concessionaria di pubblicità, prenderebbe soldi per un iniziativa della cui onlus è presidente e questo aumenterebbe il suo fatturato; mi TEMA DEL MESE chiedevo quanto personale viene impiegato per la macchina amministrativa e promozionale di Cuore amico e quanto viene pagato. 12) Infine sono imputata per aver scritto che la citazione per danni è un infamità che tende oggettivamente ad intimidire la libertà di stampa. PER IL DOTTOR PAGLIARO LE NOTIZIE PUBBLICATE ERANO DIFFAMANTI, PER NOI ERANO SOLO FATTI, ACCADUTI. IL GIUDICE DECIDERÀ SE A LECCE CI SONO FATTI CHE SI POSSONO SCRIVERE E FATTI CHE SI DEVONO TACERE il tacco d Italia 11 Novembre 2008 // CHI È IL TACCO D ITALIA Ora, al di là delle virgole fuori posto, che in un inchiesta così complessa possono sempre scappare, il processo dovrà stabilire se di questi argomenti in Italia (cioè a Lecce, Italia) si può ancora scrivere, se i cittadini hanno ancora diritto di sapere, se i giornalisti hanno ancora il dovere di fare cronaca e critica, fatta salva la buona fede e la verifica delle fonti. I colleghi che vorranno seguire questo processo ci troveranno nelle aule del tribunale, per la prima volta dietro al banco degli imputati e non nel settore dei cronisti. E la prima volta e forse non sarà l ultima perché chi fa giornalismo d inchiesta lavora sempre sul confine sottilissimo che separa il diritto di cronaca dal diritto del cittadino alla propria onorabilità. Inchieste ne abbiamo fatte tante e non abbiamo ricevuto querele: citiamo tra le altre quella sul mega albergo Orex nel Parco di Ugento, sulla statale 275, l acquedotto, le ferrovie Sud est, il gasdotto di Otranto, la sanità e gli stipendi d oro. La giovane storia del Tacco d Italia ha già registrato, purtroppo, qualche colpo proibito, furti con scasso, minacce, danneggiamenti vari, ostruzionismo esercitato nelle stanze dei bottoni, che non frequentiamo, esclusione dai budget pubblicitari. Quanti potenti si sono scomodati per tagliare le gambe a questo piccolo giornale, con sede nel basso Salento, a Casarano, editato dalla sottoscritta, iniziato cinque anni or sono con spiccioli risparmiati sui compensi di giornalista precaria, senza potentati economici alle spalle (è bene ricordarlo, ogni tanto), ma alimentato solo da una grande passione civile per questa professione ed una buona scuola? Quanti fossero i potenti e quanto potenti fossero, ce ne siamo accorti quando sono spariti alcuni inserzionisti, alcuni personaggi pubblici e politici disposti a farsi intervistare. Eppure non abbiamo fatto grottesche manifestazioni perché si era interrotto il dialogo con un partito o con un deputato (ricordate il sit in del direttore Giuseppe Vernaleone contro Forza Italia davanti alla sede del partito in via Oberdan?). Solo chi racconta la realtà con gli occhi del manovratore, a qualunque categoria esso appartenga, non corre rischi e, anzi, farà carriera: il Parlamento è pieno di ex giornalisti molto capaci in questa attitudine. Con tutta la sproporzionata distanza, non solo geografica, da Lecce, anche Berlusconi e D Alema querelano quando vengono attaccati perché il potere non ammette critiche. // PERCHÉ L INCHIESTA SU PAGLIARO Ma se ci allontaniamo da faldoni giudiziari, vertenze di lavoro, sigilli alle telecamere e arresti domiciliari, e tentiamo di capire che cosa possa significare questa situazione per Lecce ed il Salento, scopriremo ciò che ci ha spinto a redigere un inchiesta così scottante: capire come viene gestita l informazione televisiva nel Salento, capire quanto l informazione sia incarnata con il potere politico e quanto questo scellerato matrimonio produca finta informazione, informazione manipolata, manipolazione dell opinione pubblica attraverso lo strumento televisivo, creazione di consenso politico basato su informazione manipolata. Dal processo sapremo se a Lecce esiste ancora la libertà di informazione e di opinione, se la costituzione italiana che sancisce tali diritti a Lecce è valida o siamo in una zona franca, se i giornalisti hanno ancora il dovere e il diritto di scrivere quello che interessa ai cittadini e se i cittadini hanno ancora il diritto di sapere. Per quanto ci riguarda, nonostante la fatica, le lacrime e il sangue che abbiamo versato su questa vicenda, siamo convinti di aver fatto il nostro dovere e sempre in buona fede, di averlo fatto al servizio dei cittadini e di essere stati semplicemente un tramite tra loro e la notizia che, ricordiamolo, se c è, hanno il diritto di conoscere. Notizie ne abbiamo date tante e secondo noi tutte di prima scelta e provate. Per il dottor Pagliaro erano diffamanti, per noi erano solo fatti, realmente accaduti. Il giudice deciderà se e quanta libertà di stampa c è ancora a Lecce, se ci sono fatti che si possono scrivere e fatti di interesse pubblico, perché riguardano un bene prezioso come l informazione televisiva e l uso di fondi pubblici, che si devono invece tacere. In questo momento convivo con due Maria Luisa Mastrogiovanni: la giornalista onesta che soffre e freme per questa condizione di imputata e la cittadina che non vede l ora che inizi il processo. Il Gruppo Mixer Media Management in un illustrazione di Paolo Guido che reinterpreta il Narciso di Caravaggio (pubblicata sul Tacco nº 21, dicembre 2005)

12 // Inchiesta Speciale EDILIZIA //Infrastrutture //La bolla è ENTRA ANCHE TU NELLA COMMUNITY DEL TACCO D ITALIA E DISCUTI DI QUESTO ARGOMENTO SU il traino non tira più Il dieci per cento del prodotto interno lordo della provincia di Lecce deriva dal settore edile. E un dato in linea con quello regionale e nazionale. Ma è un dato destinato a colare a picco. I dati nazionali parlano di una diminuzione del 14% negli investimenti in infrastrutture in Italia. E il settore delle costruzioni, da sempre traino dell economia, rischia di andare in tilt. La bolla edilizia, che ha spinto migliaia di italiani ad investire nel mattone, è scoppiata. Le cause legate alla congiuntura internazionale, come l aumento dei prezzi delle materie prime, si innestano su una burocrazia e su un sistema d appalti farraginoso che induce in molti casi le imprese ad indebitarsi per anticipare le spese degli appalti vinti e i cittadini a pagare di più (anche se sempre indirettamente) perché lo Stato a sua volta paga in ritardo e con gli interessi i lavori agli imprenditori. La soluzione sembrerebbe l uovo di Colombo: se si rispettassero i tempi di pagamento le imprese potrebbero rispettare i tempi di consegna, andrebbero meno incontro al rischio di aumento dei prezzi delle materie prime, lo Stato dovrebbe sostenere meno costi, i cittadini avrebbero servizi più efficienti. Perché di servizi alle persone, stiamo parlando. Strade, scuole, ospedali, fognature, depuratori, acquedotti, ponti. Servizi primari. In questo sistema in stallo si è levata, forte, la protesta degli edili di Confindustria Lecce, che nel luglio scorso e recentemente in un convegno hanno avanzato proposte a partire da alcune criticità riscontrate nella loro prassi quotidiana. Il sistema degli appalti, dicono gli industriali, è così farraginoso che le aziende sono costrette a lavorare in perdita: per legge dopo 45 giorni dalla presentazione dello stato di avanzamento dei lavori la pubblica amministrazione dovrebbe pagare alle aziende appaltatrici la prima trance delle somme. Passati i 45 giorni e fino a 60 scattano gli interessi legali a carico della pubblica amministrazione. E dal 61esimo giorno subentrano gli interessi di mora. Sempre a carico dello Stato. A questi si aggiungono penalità per il mancato pagamento. La media nazionale di realizzazione di un opera pubblica è di 750 giorni. In Puglia vi sono opere finanziate con i fondi europei (Por) in ritardo di oltre nove mesi. A quel punto, chi paga? Come abbiamo chiarito, il prezzo lo pagano tutti. I cittadini, però lo pagano due volte. il tacco d Italia 12 Novembre 2008

13 scoppiata // SEI REGOLE CHIARE 1. Reintrodurre la revisione dei prezzi, eliminata da Merloni. Significa che quando il costo dei materiali supera il 10% di quanto stabilito, all azienda si riconosce un adeguamento del prezzo. E quanto già succede nel settore dei servizi e delle forniture. 2. In caso di mancato pagamento da parte dell ente appaltante (ad esempio la pubblica amministrazione) degli stati di avanzamento lavori, il responsabile unico del procedimento è obbligato a sospendere i lavori per colpa dell ente appaltante. 3. Obbligatorietà per l ente appaltante ad adottare ogni anno prezziari aggiornati. 4. Predeterminazione di LE PROPOSTE DI SERGIO GOFFREDO, PRESIDENTE DELLA SEZIONE EDILI DI CONFINDUSTRIA LECCE, PER USCIRE DALLA CRISI parametri certi per la verifica della anomalia delle offerte. 5. Abolizione delle Soa, le società per azioni che certificano la qualità delle aziende edili. E una certificazione necessaria per partecipare agli appalti pubblici. Essendo società private, legate al profitto, hanno maglie troppo larghe nel certificare le aziende di qualità. 6. La validazione dei progetti ad opera di soggetti terzi dai professionisti. Spesso infatti succede che i progetti esecutivi non siano realmente tali. Ci sono esempi di progetti di messa a norma delle scuole senza scala antincendio, regolarmente appaltati. A COLPI DI TACCO //MONTINARI: I NODI STORICI DELLA CRISI Piero Montinari presidente Confindustria Lecce L attuale situazione di crisi, secondo Piero Montinari, presidente di Confindustria Lecce, deriva da nodi storici ed emergenze contingenti. Sebbene il prezzo delle materie prime stia scendendo per Montinari il problema del prezzo congruo rimane. Perché dice quando si verificano oscillazione nei prezzi dal 60 al 100 % significa che chi specula lo fa a danno delle aziende, che comunque non riescono a far fronte ad una forbice così ampia. Inoltre per Montinari è sbagliato pensare che il criterio del prezzo più basso nell aggiudicazione degli appalti vada incontro alla pubblica utilità, perché è necessario considerare parametri qualitativi. Le imprese registrano poi il problema delle validazioni progettuali : I progetti quasi mai sono esecutivi e realizzabili. I direttori dei lavori dovrebbero stare sul cantiere e timbrare il cartellino. Montinari passa in rassegna altri capitoli della crisi. Edilizia privata: la casa non è più un bene rifugio, in Italia, l 82% dei cittadini ne possiede una. Il settore deve essere quindi riposizionato sul comparto dei risanamenti e della riqualificazione dei quartieri. Infrastrutture: si registra il sistemico ritardo nei pagamenti. Derivati: a furia di ridurre i trasferimenti dallo Stato agli Enti locali questi sono stati costretti a ricorrere ai famigerati derivati, di cui perdono il controllo. Spiega Montinari: Se dovesse scoppiare la bolla dei derivati insieme gli Enti locali sarebbero affossate le imprese edili. Si è pensato, erroneamente, di poter ricorrere a questi strumenti finanziari con leggerezza, tanto la patata bollente sarebbe stata di qualcun altro. Nelle pubbliche amministrazioni non ci sono competenze adeguate che permettano di ricorrere alla finanza creativa con cognizione di causa. // L EDILIZIA IN NUMERI E tradizionalmente stato uno dei settori trainanti dell economia salentina. Quello che ha sempre reagito alle crisi e rappresentato l oasi di sicurezza per gli investitori. Eppure negli ultimi mesi anche l edilizia ha avvertito in provincia di Lecce una battuta d arresto rispetto al trend positivo di crescita cui il territorio era abituato; un dato non eccessivo e non allarmante, per il momento, che però se dovesse essere confermato nei trimestri a venire, potrebbe essere sentore di una condizione di stallo economico più generale. Negli ultimi dieci anni (dal 1998 al 2007) il settore delle costruzioni aveva sempre fatto registrare risultati positivi, con l eccezione di un anno, il 2003, quando si era fermato al -0,26% di crescita; segno negativo, ma non troppo preoccupante, dal momento che già l anno successivo recuperò la defaillance con un 2,19% che non lasciò spazio ad equivoci. Tra l altro, l anno precedente si era chiuso con una crescita consistente (5,49%), di cui la successiva flessione può anche essere stata una conseguenza fisiologica. Tornando ai giorni nostri, il settore edile è diventato il terzo in provincia di Lecce per numero di imprese. Nel 2006 esso era il quarto, dopo il commercio (all ingrosso e al dettaglio), l agricoltura ed il manifatturiero; il tacco d Italia 13 Novembre 2008 ma, la crisi, divenuta cronica, di quest ultimo ha reso possibile il sorpasso del In quell anno il settore edile aveva chiuso con un 2%: imprese registrate; attive; 985 iscrizioni a fronte di 798 cessazioni (saldo 187 unità). Eppure il 2008 si è aperto male. Il segno meno ha infatti caratterizzato il trend del primo trimestre (-0,6%), quando le cessazioni di attività impegnate nell edilizia hanno superato di 55 unità le nuove iscrizioni. I tre mesi successivi hanno portato una timida boccata d ossigeno al ramo costruzioni: 0,4%. Forse ancora troppo timida per poter avanzare previsioni ottimistiche. (Fonte: Camera di commercio Lecce)

14 mattoni nostri di ENZO SCHIAVANO Tra le pubbliche amministrazioni che finanziano opere pubbliche, la Provincia di Lecce è, secondo Confindustria Lecce, la più virtuosa: applica il prezzario e paga ragionevolmente in tempo. Flavio Fasano e Giovanni Pellegrino, rispettivamente assessore ai Lavori pubblici e presidente della Provincia, hanno proposto che, per risolvere i problemi evidenziati nel settore degli appalti pubblici, la Provincia potrebbe essere unico ente appaltante, configurarsi cioè come erogatrice di servizi e di supporto nella stesura nei bandi e in tutte le procedure. Questo però comporterebbe un problema nell identificazione della responsabilità nel caso di contenziosi nell eventualità in cui i Comuni rimanessero responsabili di fronte all impresa, dell appalto e dunque dei pagamenti. La Provincia è anche l ente che spende più soldi in opere di edilizia pubblica sul nostro territorio. Il Piano triennale dei lavori pubblici , l ultimo programma elaborato nel dicembre dell anno scorso (in attesa che si definisca quello per il triennio ), prevede una spesa complessiva di oltre un quarto di miliardo di euro, e precisamente ,60 euro. Soldi pubblici da spendere in tre anni, comprese le risorse già assegnate negli anni precedenti. Molte opere, però, come ad esempio quasi tutta l edilizia scolastica, sono finanziate con mutui a carico della Provincia, il cui andamento, come stiamo apprendendo in queste settimane, è incerto e verosimilmente al rialzo. Per le opere stradali invece, che costituiscono la voce di intervento più consistente, la Provincia ha ritenuto di non aumentare le spese di investimento a suo carico, decidendo di intercettare i cospicui finanziamenti a valere su alcune misure del Por Puglia 2000/2006, destinate al finanziamento di opere stradali e beni culturali. In questo settore, dal 2008 al 2010, la Provincia ha previsto una spesa complessiva Il presidente operaio. Giovanni Pellegrino posa la prima pietra della circonvallazione di Casarano SECONDO CONFINDUSTRIA LA PROVINCIA DI LECCE È L ENTE PIÙ VIRTUOSO IN TEMA DI APPALTI: PAGA IN TEMPO E APPLICA IL PREZZARIO. E ANCHE QUELLO CHE SPENDE DI PIÙ IN EDILIZIA PUBBLICA di ,17 euro. Il progetto più costoso riguarda la realizzazione della nuova Circonvallazione di Casarano (I e II lotto) per un ammontare di ,00 euro (più del 10% dell intera previsione per le opere stradali). Tra gli altri interventi qualificanti, che superano almeno il milione di euro come previsione di spesa (a parte il piano di manutenzione straordinaria delle strade provinciali), ci sono altre tangenziali, a cominciare dalla costruzione della Circonvallazione di Nardò, per la quale Palazzo dei Celestini ha stimato una spesa di 4 milioni e mezzo di euro, metà dei quali finanziati dai fondi Por Notevole anche la spesa prevista per la Circonvallazione sud-ovest di Galatina (3 milioni di euro), finanziata con fondi Por e Cipe e con il contributo (500mila euro) dell amministrazione diretta da Sandra Antonica, che collegherà le provinciali SP 41 e SP 18. I fondi strutturali Por finanzieranno anche la tangenziale di Collepasso ( euro) sulla provinciale Gallipoli- Maglie e i lavori di allargamento e rettifica della Lecce-Torre Chianca ( euro). Le opere più significative finanziate con fondi Cipe sono: la costruzione della circonvallazione di Novoli (3 milioni di euro) e l eliminazione delle interferenze tra le strade provinciali e la ferrovia della Fse (7 milioni di euro). Importante e significativo, soprattutto per il carattere politico dell azione, è il finanziamento previsto per il progetto relativo ai lavori di adeguamento e ammodernamento della Nardò-Avetrana, arteria vitale per il collegamento del sud Salento con il porto di Taranto e la Calabria. L opera è finanziata per euro con i fondi inseriti nel progetto Grande Salento. il tacco d Italia 14 Novembre 2008

15

16 grandi opere salentine IL SETTORE EDILE È TENUTO IN PIEDI SOPRATTUTTO DAI FINANZIAMENTI PUBBLICI. ABBIAMO SELEZIONATO ALCUNE OPERE SIGNIFICATIVE, REALIZZATE ATTINGENDO A VARIE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO STATALE O EUROPEO, CHE NEL PROSSIMO FUTURO CAMBIERANNO IL PAESAGGIO SALENTINO // BORGO TERRA RINASCE Dai ruderi del XVII secolo, ormai decadenti e pericolosi, sorgerà una struttura ricettiva con annesso un auditorium da 137 posti. Così rinascerà Borgo Terra, il nucleo più antico della città, oggetto nei mesi scorsi di una diatriba tra l amministrazione comunale e l opposizione di centro-destra, con un appendice da carte bollate. La vicenda giurisdizionale si è definitivamente conclusa e il progetto, proposto dalla società Borgo Terra srl, è in fase avanzata di realizzazione. L idea è quella di ristrutturare le case a corte presenti nel degradato rione per farne un albergo diffuso, idoneo anche al turismo congressuale. Ristrutturare o abbattere per ricostruire: questo era il dilemma di Borgo Terra che le varie amministrazioni civiche e le forze politiche si sono posto per 14 anni. Finché non è giunta la proposta giusta che ha convinto il governo cittadino ad agire, anche se ha trovato la resistenza delle opposizioni. Nel dettaglio, il progetto, finanziato per ,00 euro (rivenienti in gran parte dal Por Puglia , misura 4.14, Supporto alla competitività ed all innovazione delle imprese e dei sistemi di imprese turistiche ) prevede la realizzazione di un attività alberghiera secondo la formula dell albergo diffuso: le antiche case a corte si trasformeranno in una struttura alberghiera di 29 camere doppie, 2 singole e 2 mini alloggi (per un totale di 68 posti letto); saranno realizzate inoltre sale per ristorazione e una sala per conferenze dotata di 137 posti a sedere, con la possibilità di utilizzare gli spazi per attività culturali. I benefici per la comunità deriveranno dal recupero e dalla riqualificazione degli antichi immobili, restituendo ai casaranesi un pezzo importante della città, e dalla riapertura al pubblico dell intera area che, com è noto, è chiusa al traffico veicolare e dei pedoni dal novembre 1994 quando, a seguito di eccezionali fenomeni piovosi, gli immobili del quartiere furono dichiarati pericolanti e quindi pericolosi per la pubblica incolumità. // CIRCONVALLAZIONE A TEMPO DI RECORD La prima pietra per la realizzazione della Circonvallazione di Casarano è stata posata dal presidente della Provincia, sen. Giovanni Pellegrino, il 16 luglio scorso. L opera è tra le più costose appaltate negli ultimi anni dall ente di Palazzo dei Celestini e dovrebbe dare respiro al complesso sistema della viabilità di Casarano. Il costo dell opera, relativa solo al I e II lotto, ossia ad una parte, pur consistente, dell intervento è finanziato per l 83% con fondi ministeriali (Cipe 20/2004 e 35/2005), la cui erogazione è regolata da apposita convenzione con la Regione Puglia, e per il restante 17% con mutuo a carico della Provincia di Lecce, l ente pubblico proprietario dell opera. Circa due mesi prima dell avvio dei lavori, si era giunti all approvazione del progetto esecutivo e all indizione dell incanto pubblico per l appalto dei lavori, con bando europeo, per l importo a base d asta di euro ,41, oltre euro ,70 per oneri di sicurezza non soggetti a ribasso d asta, per un importo complessivo di euro ,11, poi aggiudicati, sulla base della qualità dei diversi progetti proposti, all Ati (associazione temporanea d imprese) formata da Co.Ce.Mer. spa e Pal Strade srl con sede in Soleto. Il criterio di aggiudicazione ha consentito di ottenere, come era nelle intenzioni della Provincia, un considerevole miglioramento progettuale col medesimo impegno di spesa, nonché una riduzione del tempo di realizzazione da 730 a 630 giorni. A norma del capitolato d appalto, quindi, l ultimazione dei lavori è prevista per il 25 marzo La prima fase dei lavori interesserà tre chilometri della tangenziale e collegherà la statale per Taurisano (SS 475) alla provinciale per Taviano (SP 321). Questo tratto comprende cinque rotatorie e tre viadotti nei pressi della linea ferroviaria delle Ferrovie Sud-Est. In questi punti l altezza dei cavalcavia previsti arriverebbe a sfiorare i 9 metri d altezza. // UNA PIATTAFORMA PER LE IMPRESE Per ora si vede un desolante piazzale in cemento, in un area incolta compresa tra la statale Gallipoli-Leuca e la zona industriale di Melissano. Tra qualche mese, se il progetto confermerà le prescrizioni, diventerà un interporto a supporto di tir, autoarticolati, autocarri e di ogni mezzo di trasporto che potrebbe cambiare il volto economico del sud Salento. Si tratta del Centro Logistico Polifunzionale di Casarano (questa la denominazione ufficiale) una delle opere pubbliche più importanti del Pit 9, il grande progetto di rilancio dell economia salentina. il tacco d Italia 16 Novembre 2008 La piattaforma intermodale è destinata al riordino del traffico delle merci di un vasto territorio intercomunale, con particolare riferimento alla conservazione, movimentazione, imballaggio, spedizione e commercializzazione delle produzioni locali. Questo intervento permetterà, inoltre, di esaudire la domanda di trasporto dei prodotti ottenuti dalle lavorazioni locali in forma moderna, efficace ed efficiente, soddisfacendo, allo stesso tempo, le esigenze di consegna rapida delle merci, di flessibilità, di sicurezza e di contenimento dei costi di trasporto. Il 4 aprile scorso la giunta municipale di Casarano comune capofila del Pit 9 ha approvato il progetto definitivo del centro logistico localizzato nel Comune di Melissano. L importo relativo alla prima fase dei lavori ammonta a euro ma, secondo le previsioni del 2003 quando partì il primo studio, l intero investimento dovrebbe raggiungere almeno i 7 milioni di euro. Le risorse finanziarie provengono da quelle assegnate nell ambito della misura 4.2 del Por Puglia , relativi agli Interventi di completamento e miglioramento delle infrastrutture di supporto e qualificazione dei bacini logistici dei sistemi produttivi locali. L interporto di Melissano è stato concepito anche con l obiettivo di interagire con il porto di Gallipoli e con il sistema informativo della Capitaneria di Porto (altro progetto in via di realizzazione), che possa permettere la tracciabilità delle merci che transitano da Gallipoli e che sono dirette nei porti del Mediterraneo orientale. La piattaforma intermodale, infatti, sarà collegata con una linea ferroviaria diretta con il porto della città jonica. 268 MILIONI IN EDILIZIA PUBBLICA PER I PROSSIMI TRE ANNI, DI CUI 140 MILIONI PER LE STRADE. L OPERA PIÙ COSTOSA: 14 MILIONI PER LA CIRCONVALLAZIONE DI CASARANO

17 Nuovo look alle zone industriali. Ben 24 Comuni salentini hanno usufruito di contributi Por per la infrastrutturazione delle aree industriali o artigianali // ZONE INDUSTRIALI A NUOVO La misura 4.2 dei fondi rivenienti dal Por ( Interventi di completamento e miglioramento delle infrastrutture di supporto e qualificazione dei bacini logistici e dei sistemi produttivi locali ) è il sostegno più diffuso tra quelli proposti dall Ufficio del Pit9. Sono infatti ben 24 i Comuni (singoli o associati) che hanno usufruito o che stanno per usufruire dei contributi specifici per infrastrutturare le varie zone industriali o artigianali, per un importo pari a ,00 euro. Da alcune settimane, i relativi lavori sono già stati completati nelle zone industriali di Sanarica, Supersano e Taurisano. I lavori nel Comune di Sanarica hanno interessato la zona Pip intercomunale Sanarica-Giuggianello, con la realizzazione di opere stradali, la formazione di marciapiedi, l installazione dei sistemi di pubblica illuminazione e l allestimento di aree a verde. Un intervento praticamente identico è stato realizzato nella zona Pip di Supersano. Nel Comune di Taurisano, invece, è stata finalmente realizzata la fognatura nera e sono state completate alcune strade dell area Pip. Stanno per concludersi, invece, i lavori di infrastrutturazione nei Comuni di Alessano (lavori di pubblica illuminazione e di rete idrica), Alliste, Botrugno (lavori per l ultimazione della rete del metano), Collepasso, Martano e Specchia. Il progetto è in dirittura d arrivo e può già vantare i risultati dei lavori cantierizzati anche negli insediamenti produttivi dei Comuni di Calimera, Cursi, Minervino, Racale, Sannicola, Tuglie e l Unione dei Comuni dell entroterra idruntino (i lavori si stanno svolgendo nel sub comparto della zona industriale di Cursi). Di recente, inoltre, sono stati indetti i bandi di gara per il completamento e miglioramento delle infrastrutture delle zone industriali di Nardò (la base d asta è di ,11 euro), Diso ( ,06 euro) e Neviano-Seclì (contributo Por di ,00 euro). A Nardò saranno realizzate nuove strade, la rete idrica e la pubblica illuminazione; a Diso, infine, saranno sistemate le strade. // LA STRADA NON SI MUOVE Niente di nuovo sul fronte 275. La strada statale che da Maglie porta a Santa Maria di Leuca ha sempre avuto vita tormentata. I numerosi incidenti stradali, alcuni dei quali mortali, di cui l arteria è stata teatro nel corso degli anni, hanno spinto l opinione pubblica e le istituzioni a chiedere una sua riprogettazione che garantisse agli utenti standard di sicurezza più alti. Niente di più difficile: la delicata conciliazione tra sicurezza stradale e tutela dell ambiente ha rallentato, e di molto, i giochi. Di 21 anni, per la precisione. Si iniziò a discutere di una nuova 275, infatti, nel 1987 quando il Dipartimento del Mezzogiorno inserì l infrastruttura tra le opere prioritarie per la viabilità salentina. Il progetto preliminare all epoca venne affidato ad Angelo Sticchi Damiani ma non venne approvato. Serviva un nuovo progetto, che fosse meno invasivo per l ambiente circostante. Nel frattempo la 275 divenne una strada statale, di competenza dell Anas; l incarico della sua ridefinizione restò a Sticchi Damiani e alla società Pro.Sal di Lecce che realizzarono diverse varianti al progetto fino ad ottenere, nel 2005, l approvazione di tutti gli organi preposti. Nel frattempo però anche il costo del progetto era variato: da 165 a 201 milioni di euro di fondi Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica). Esso prevedeva due differenti ordini di intervento: un allargamento dell infrastruttura esistente fino a Montesano e la realizzazione di una strada ex novo nel tratto Montesano- Leuca. Contro l intervento progettato sul secondo tronco si sono levate, da allora, numerose proteste: troppo cemento era stato previsto in una zona troppo delicata. Finalmente l anno scorso si è deciso di realizzare, in un primo momento, solo un lotto del progetto, quello fino a San Dana (tra Montesardo e Gagliano del Capo) e riservarsi per il futuro la discussione sull ultima parte dell infrastruttura. Tutti d accordo, dunque. Eppure la nuova 275 ancora non c è. Non solo: i lavori non sono ancora stati appaltati. Lo scorso gennaio Onofrio Introna, assessore regionale alle Opere pubbliche, ha inviato una lettera ad Alfonso Pecorario Scanio, allora ministro all Ambiente, e alla direzione generale dell Anas, perché sbloccassero le procedure e accelerassero l affidamento dei lavori. Ma i governi cambiano in pochi mesi. Tutto il resto, evidentemente, no. E la Maglie-Leuca ancora aspetta di essere rimodernata. 13 febbraio Il taglio del nastro della tangenziale di Lecce // ETERNA TANGENZIALE Lato Est. La tangenziale Est di Lecce (il progetto originario è del 1989 poi adeguato più volte fino al 1997) si sviluppa su quattro corsie per circa 14 chilometri: un primo lotto di 6,5 km congiunge la statale Lecce-Maglie alle statale per San Cataldo, passando per le provinciali per Lizzanello, Merine, Melendugno; il secondo lotto, lungo 7,5 km, va dalla strada per San Cataldo alla superstrada Lecce-Brindisi con uscite per le provinciali che portano a Frigole, Torre Chianca, Casalabate. L'appalto del primo lotto ( euro) fu affidato nel 1998, dietro regolare gara, alla ditta Leadri- Cocemer che, a trattativa privata, ottenne anche il secondo lotto ( euro). Ai costi per la realizzazione della tangenziale est vanno aggiunti euro che servirono per realizzare lo svincolo definitivo della statale Lecce-Maglie secondo le indicazioni fornite dall'anas che ha provveduto al finanziamento. Lato Ovest. Della tangenziale Ovest di Lecce si cominciò a parlare nel Ma di modifica in modifica solo nel 1989 si arrivò all'approvazione del tracciato e si diede il via alla gara d'appalto. Nel 1992 venne approvata una nuova variante in zona Condò. Ma quando nel 1993, le ruspe tentarono di entrare nella proprietà di Carmelo Pascià, egli le fermò col fucile in mano, uscendo poi assolto dal processo penale che ne seguì. L'anno successivo il Tribunale di Lecce (presidente Alfredo Mantovano) emise sentenza di censura nei confronti di chi operò illegittimamente per l'approvazione della variante in zona Condò, salvando le proprietà di alcuni proprietari a danno di altri; al termine di una battaglia che si combatté a suon di carte bollate la variante in zona Condò venne bocciata. L'Anas fu dunque costretto a rivederla e propose ai proprietari una transazione che venne accettata. Via libera ai lavori, dunque. Oggi, dopo anni di blocchi ai lavori e di ricorsi al Tar ed al Consiglio di Stato e dopo lunghe lotte in tribunale, l'intera infrastruttura è stata completata Ferma da 20 anni. Una nuova 275 Maglie-Leuca è stata progettata ma i lavori non hanno ancora avuto inizio il tacco d Italia 17 Novembre 2008

18

19

20 // Inchiesta //Edilizia scolastica //Caschi gialli in Provincia In questa nostra ricognizione nel settore edile, riscontriamo come il comparto dell edilizia scolastica sia il più dolente. Perché tutti i meccanismi burocratici causa di ritardi e slittamenti nella consegna dei lavori, che abbiamo illustrato nelle pagine precedenti, amplificano una situazione di partenza già drammatica. La Provincia di Lecce è quella con il più alto numero di edifici scolastici in Puglia: 754 scuole in tutto, di ogni ordine e grado, di cui solo 77 possiedono il certificato di prevenzione incendi (Fonte: comando provinciale dei Vigili del fuoco). Significa che solo 77 scuole, il 10%, sono a norma e rispettano i basilari requisiti di sicurezza. Ma il dato non è definitivo, perché è sufficiente che un aula cambi destinazione d uso, che per accogliere più studenti si apportino elementari modifiche, che la scuola non possa più essere considerata a norma. Ce lo spiega Rocco Merico, dirigente del settore edilizia scolastica della provincia. UNA RICOGNIZIONE DELLO STATO DELL EDILIZIA SCOLASTICA IN PROVINCIA DI LECCE. QUELLA MENO A NORMA IN PUGLIA scuole fuori norma Lo scenario. Secondo il rapporto di Legambiente sullo stato delle scuole italiane, la maggior parte di quelle pugliesi è stata costruita tra il 1965 e il 1990 (le restanti sono precedenti e una insignificante percentuale è posteriore), cioè prima dell entrata in vigore delle norme sulla sicurezza. I dirigenti. Il capo d istituto è tenuto, in quanto datore di lavoro, a controllare che le scuole siano in regola e a chiedere formalmente agli Enti locali di eseguire i lavori. I lavori spettano ai Comuni, dagli asili nido alle scuole medie, e alla Provincia, per le scuole superiori. Tuttavia, anche a seguito della trasformazione dei Provveditorati agli studi e della modifica delle loro competenze, non esiste un organo di coordinamento che monitori lo stato degli edifici scolastici. I dirigenti scolastici si trovano a essere responsabili del rispetto di una normativa che non possono applicare, perché non hanno i mezzi finanziari, che dovrebbero provenire dagli Enti locali. Il dirigente scolastico nomina anche il referente per la sicurezza, di solito un tecnico, nella maggior parte dei casi un ingegnere, che predispone i piani di evacuazione, la segnaletica ed è anche responsabile delle simulazioni di evacuazione della scuola. I costi. Ogni intervento di adeguamento OLTRE 42 MILIONI DI EURO. E LA CIFRA SPESA DALLA PROVINCIA IN TRE ANNI, IN MANUTENZIONI, ADEGUAMENTI, AMPLIAMENTI. MA NON BASTA. GLI ISTITUTI SCOLASTICI SONO TROPPO VECCHI richiede opere strutturali per una media stimata di circa 400mila euro per istituto: uscite di sicurezza, porte antipanico, scale di sicurezza, materiali ignifughi, piani di evacuazione, segnaletica, simulazioni, formazione sui docenti e gli alunni I lavori della Provincia. Sono sotto la responsabilità della Provincia di Lecce 130 scuole. Su queste, dal 2004 ad oggi, l ente guidato da Giovanni Pellegrino, ha speso 42milioni 210mila euro in ristrutturazioni, adeguamenti, ampliamenti, completamenti. Altri nove milioni e 100mila in manutenzioni d ufficio. La maggior parte di queste opere (come abbiamo illustrato a pag. 12 e segg.), sono finanziate tramite mutui a carico dell Ente. Però come hanno spiegato Flavio Fasano, assessore ai Lavori pubblici e all Edilizia scolastica (si legga Terzogrado a pag. 5) e Guido il tacco d Italia 20 Novembre 2008 I lavori in corso. Nel piano delle opere pubbliche , Palazzo dei Celestini ha destinato grandi risorse alle scuole con indirizzo turistico e professionale. Per Ugento: il completamento dell attuale istituito alberghiero di Ugento ( euro) e la programmazione, dal 2010, del nuovo alberghiero (altri 3 milioni di euro); a Santa Cesarea Terme, invece, sono stati previsti euro per i lavori di completamento dell alberghiero (4 lotto). Nel 2009 è stato programmato, infine, il finanziamento dell alberghiero di Otranto (2 lotto euro). Nel prossimo numero: monitoreremo nel dettaglio i lavori in corso più significativi. Scoditti, in riferimento agli ospedali, è acqua gettata nel mare: gli edifici sono vecchi, si rompono in continuazione, costa troppo metterli a norma. Per questo Fasano sta pensando ad un Campus per la sola città di Lecce, dove accorpare tutti gli istituti superiori.

21 // Inchiesta //Ospedali, lavori infiniti //Le mappe degli interventi ENTRA ANCHE TU NELLA COMMUNITY DEL TACCO D ITALIA E DISCUTI DI QUESTO ARGOMENTO SU cantiere salute di FLAVIA SERRAVEZZA COME SARANNO SPESI I SOLDI STATALI E REGIONALI PER GLI OSPEDALI SALENTINI. TRA TAPPE CHE SI INCEPPANO E TOPPE DA METTERE. PERCHÉ L EDILIZIA SANITARIA FA MALE ALLA SALUTE. DEGLI IMPRENDITORI EDILI E DEI PAZIENTI Gli ospedali leccesi non godono di buona salute. Lavori di ristrutturazione e ammodernamento interessano oggi gran parte delle strutture della Asl ma il più delle volte procedono a singhiozzo. Da diversi anni. I motivi dei rallentamenti risiedono nell attuale sistema di appalti, che porta le aziende edili ad indebitarsi per poter far fronte ai lavori che saranno pagati con comodo dallo Stato. Accade quindi che, ritardando troppo i pagamenti, l azienda sia costretta a sospendere i lavori in attesa che vengano accreditate le somme. Tra l incudine e il martello è il cittadino, che vede negarsi il diritto ad essere curato in strutture quantomeno dignitose. In Salento la situazione è cronica in quanto, denuncia alla collega Serrravezza Guido Scoditti, direttore generale della Asl di Lecce, i lavori in corso, che pure sono sempre in ritardo, servono solo come toppe a strutture vecchie e fuori norma. Attualmente sulle strutture sanitarie salentine ci sono cantieri aperti per 29 milioni e ne saranno attivati altri per 166 milioni. Ma il rischio è che i pazienti vengano comunque curati in strutture obsolete. A COLPI DI TACCO il tacco d Italia 21 Novembre 2008

22 cantieri infiniti. ecco perché I lavori in corso attualmente negli ospedali della provincia di Lecce sono stati finanziati grazie all Accordo di programma Stato- Regioni del 2004, con un importo pari a 29 milioni 698mila 741 euro. Tanti i cantieri avviati nei vari presidi ospedalieri, diversi quelli fermi da mesi a causa di intoppi burocratici. Così è accaduto per la ristrutturazione dei nuovi locali che ospiteranno il day hospital dell Unità operativa di Oncologia e l Unità di Pediatria del Ferrari di Casarano. Un caso esemplare, lo ha definito Guido Scoditti, direttore generale della Asl di Lecce, per capire perché le tempistiche dei lavori difficilmente vengono rispettate dalle ditte che si sono aggiudicate l appalto. Abbiamo chiesto il perché di tanti intoppi e ritardi a Guido Scoditti che ci ha mostrato le carte dei lavori in corso e il piano dei futuri interventi di edilizia sanitaria finanziati dallo Stato e dalla Regione Puglia per 166 milioni 463mila 800 euro. Soldoni di cui si parla da circa un anno in attesa del completamento dei vari, tanti, passaggi burocratici. A tutto questo si aggiungono le novità previste dal Piano regionale della Salute , approvato di recente, e che prevede, nel mediolungo termine, la nascita di due nuovi ospedali nei quali far confluire le strutture di Maglie-Poggiardo-Scorrano e Copertino- Galatina-Nardò. Tutti da dismettere. La prima cosa da comprendere - spiega il direttore - è che i finanziamenti assegnati per i lavori di edilizia sanitaria non arrivano direttamente alla Asl. Piuttosto è la ditta che si aggiudica l appalto a dover anticipare il denaro che gli viene restituito man mano, ogni volta che viene completato uno stato di avanzamento dei lavori, firmato dal direttore dei lavori. Succede spesso però che le imprese non ce 166 MILIONI SARANNO SPESI PER RISTRUTTURARE GLI OSPEDALI SALENTINI. MA LA CIFRA È VIRTUALE: NON SI SA NÉ QUANDO FINIRANNO I LAVORI NÉ QUANTO SI SPENDERÀ IN PIÙ PER L AUMENTO DEI PREZZI E PER GLI INTERESSI A CAUSA DEI RITARDI NEI PAGAMENTI la fanno a sostenere tutte le spese, che nel frattempo possono anche aumentare. Magari quelle stesse imprese avevano chiesto un prestito in banca. Poniamo che l avanzamento dei lavori previsto è di 140mila euro ma la ditta lavora per 100mila euro: ecco l intoppo. L impresa non può continuare perché non ha più i soldi e il direttore dei lavori non può firmare lo stato di avanzamento da inviare al Ministero che poi eroga il finanziamento tramite la Banca d Italia. Un caso del genere è quello che si è verificato per i lavori di ristrutturazione fermi da mesi nell ospedale di Casarano. La situazione si è sbloccata di recente solo dopo un mio incontro con i titolari della ditta e il direttore dei lavori. Spesso faccio il cantierista per verificare come procedono gli interventi nei diversi ospedali. Insomma, considerata la difficoltà delle imprese ad anticipare ingenti somme di denaro per portare a termine i lavori, anche alla luce della recente crisi economica che non facilita i prestiti bancari, il vero problema resta sempre quello dei tanti, lunghi e complicati passaggi burocratici. nuovi finanziamenti Nel mese di luglio del 2007, la Conferenza Stato-Regioni ha sancito l intesa sull accordo di programma per gli investimenti in sanità (ex art.20 legge 67/2008) della Puglia predisposto dal Ministero della Salute e della Regione. Per la Puglia si è trattato della prima integrazione dell Accordo di programma del 2004 con uno stanziamento di 432,7 milioni di euro (oltre 166 milioni dei quali destinati al Salento). Una somma che si aggiunge ai 224 milioni del precedente accordo per un totale di 656,7 milioni di euro di investimenti dello Stato nella sanità pugliese. I finanziamenti assegnati alla Asl di Lecce ammontano a 166milioni 463mila 800 euro (di cui euro a carico dello Stato e euro a carico della Regione) e saranno destinati alla costruzione della nuova palazzina all interno del Fazzi (117 milioni di euro per quello che viene impropriamente definito nuovo Fazzi ), a lavori di ristrutturazione del Fazzi (nove milioni e mezzo), al completamento dell Oncologico ( ), alla realizzazione della sede del distretto di Campi Salentina ( ), alla ristrutturazione dell ospedale di Copertino ( ), al completamento dell ospedale di Nardò ( ), alla ristrutturazione dell ospedale di Galatina ( ), alla ristrutturazione dell ospedale di Casarano ( ), alla ristrutturazione dell ospedale di Poggiardo ( ). Sono già stati pubblicati i bandi per l assegnazione degli appalti e c è tempo fino a dicembre per la presentazione di tutti i progetti che dovranno essere esaminati e approvati dalla Regione Puglia e poi inviati al Ministero dei lavori pubblici. Ecco nel dettaglio che cosa accadrà nei prossimi mesi negli ospedali interessati dai lavori finanziati, secondo lo schema riepilogativo degli interventi approvato con delibera regionale 73 dell 8 febbraio del 2007 e la delibera del commissario straordinario Rodolfo Rollo del 27 settembre Guido Scoditti, direttore generale Asl Lecce SCODITTI: OSPEDALI OBSOLETI. I FINANZIAMENTI SONO SOLO PEZZE DI APPOGGIO Guido Scoditti, neo-direttore generale Asl Lecce nominato il 9 maggio scorso (ma in attività dalla fine di giugno a causa di problemi di salute) non usa mezzi termini nel descrivere il quadro dell edilizia sanitaria leccese. Gli ospedali di questa Asl sono vecchi e difficilmente accreditabili a norma di legge. Tutti questi finanziamenti sono solo pezze di appoggio per adeguarli alle norme di sicurezza. L individuazione nel nuovo Piano regionale della Salute di due nuovi ospedali nei quali far confluire Copertino-Nardò-Galatina e Maglie-Poggiardo-Scorrano, mi auguro che si possa realizzare in futuro. Soldi non ce ne sono, bisognerà sfruttare altri fondi, ma è l unica cosa utile da fare. Le strutture ospedaliere di questa Asl sono state realizzate negli anni Sessanta, naturalmente secondo le conoscenze e la logica di allora. Sono passati 40 anni, non basta sostituire le sale operatorie, l edilizia sanitaria oggi è totalmente cambiata. Per il momento, tra le mie priorità c è la ristrutturazione del pronto soccorso del Vito Fazzi per la quale prevedo circa due anni di lavori. Nel frattempo il Pronto soccorso sarà spostato provvisoriamente nell attuale sede di Fisioterapia e Riabilitazione, mentre quest ultimo reparto sarà collocato nell ospedale di San Cesario, pensato come un vero e proprio centro riabilitativo. Il 118, invece, sarà collocato all ingresso del Fazzi dove rimarrà stabilmente. il tacco d Italia 22 Novembre 2008

23 OSPEDALE TUTTI I LAVORI CHE VERRANNO TIPOLOGIA DI INTERVENTO FINANZIAMENTO ONCOLOGICO DI LECCE VITO FAZZI DI LECCE NUOVO FAZZI DI LECCE CAMPI SALENTINA OSPEDALE DI COPERTINO OSPEDALE DI NARDÒ OSPEDALE DI GALATINA OSPEDALE DI CASARANO OSPEDALE DI POGGIARDO Opere necessarie all attivazione completa del padiglione medico oncologico: realizzazione dell area di Ematologia e trapianti; adeguamento degli ambienti di Medicina, Medicina nucleare e Medicina antalgica con diagnostica per immagine dedicata; adeguamento a norma e completamento dell area Day Surgery; realizzazione dell impianto di climatizzazione Adeguamento alle norme di prevenzione incendi; ristrutturazione di reparti ubicati nel plesso principale; acquisto arredi ed attrezzature, anche per attività libero professionale Realizzazione di un nuovo plesso ospedaliero all interno del Vito Fazzi dove collocare le aree: emergenza urgenza, chirurgica, trauma center, Terapia intensiva-rianimazione, medica iperbarica, patologia cardiovascolare, dipartimento di diagnostica per immagine ed interventistica, centro ustionati e centro trapianti; realizzazione delle opere impiantistico-strutturali di collegamento tra i plessi. Spostamento nel nuovo plesso di 490 posti letto (su un totale di 844 presenti oggi nel Presidio ospedaliero Vito Fazzi di cui fa parte anche l ospedale di San Cesario) Realizzazione della sede del Distretto di Campi Salentina, del poliambulatorio distrettuale e ospedaliero all interno del presidio ospedaliero di Campi; spostamento in nuovi ambienti dei servizi di prevenzione, riabilitazione territoriale, consultorio familiare e servizi al pubblico; collegamento strutturale con l ospedale di Campi; adeguamento di un ala di degenza a servizi di degenza connessi all ospedale di comunità; acquisto di arredi ed attrezzature elettromedicali Adeguamento alle norme sulla prevenzione incendi ed impiantistica; riorganizzazione e ricollocazione delle unità operative di Medicina, Servizi diagnostici, Urgenza- Emergenza; acquisto di arredi; ampliamento del corpo centrale per adeguamento a norma del blocco operatorio con area di osservazione intensiva post chirurgica. Sopraelevazione dell attuale palazzina destinata a Pediatria per la realizzazione di ambienti destinati all attività libero professionale Adeguamento alle norme sulla prevenzione incendi ed impiantistica; riorganizzazione logistico-strutturale dei reparti; acquisto arredi Adeguamento a norma antincendi; ristrutturazione e riorganizzazione di vari reparti per lo spostamento dell unità operativa di Medicina; messa a norma della nuova sede di Nefrologia e Dialisi e realizzazione di area critica; collegamento strutturale tra il padiglione De Maria ed il plesso principale. Acquisto di arredi ed attrezzature Completamento ed adeguamento impianti; restauro strutturale; sopraelevazione del terzo piano nel terzo monoblocco per la collocazione di Ortopedia; acquisto di arredi ed attrezzature sanitarie Adeguamento dei locali di deposito nei vani interrati; completamento della messa a norma dei reparti; restauro strutturale; costruzione dell impianto centralizzato di climatizzazione con controsoffittatura dei corridoi; adeguamento degli impianti; acquisto di arredi e attrezzature sanitarie euro ( euro a carico dello Stato e euro a carico della Regione) euro ( euro a carico dello Stato e 475mila euro a carico della Regione) 117 milioni di euro (111milioni 150mila euro a carico dello Stato e 5milioni 850mila euro a carico della Regione) euro ( euro a carico dello Stato e euro a carico della Regione) euro ( euro a carico dello Stato e euro a carico della Regione) ( euro a carico dello Stato e euro a carico della Regione) euro ( euro a carico dello Stato e euro a carico della Regione) euro ( euro a carico dello Stato e euro a carico della Regione) euro ( euro a carico dello Stato e euro a carico della Regione) il tacco d Italia 23 Novembre 2008

24

25 // Inchiesta // // La faccia sporca dell edilizia Abusi ENTRA ANCHE TU NELLA COMMUNITY DEL TACCO D ITALIA E DISCUTI DI QUESTO ARGOMENTO SU APPROFONDIMENTI Bari, 2 aprile L abbattimento di Punta Perotti, uno degli ecomostri pugliesi divenuto simbolo dell abusivismo edilizio. La gente assiste con partecipazione alla vittoria della legalità sulla speculazione ambientale ARRIVANO gli ecomostri ABUSI SCOPERTI, SVENTATI, AUTORIZZATI. QUANDO EDILIZIA NON FA RIMA CON TUTELA AMBIENTALE di LAURA LEUZZI Nel dossier Ecomafie 2008, pubblicato da Legambiente, la Puglia è sul podio. La nostra regione è la terza su scala nazionale nella classifica dei reati nel ciclo del cemento perpetrati nell ultimo anno. Con 721 infrazioni (il 9% del totale italiano), 941 persone denunciate e 292 sequestri, è preceduta solo da Campania (1346 reati) e Calabria (972 reati). La banda del mattone negli ultimi mesi ha dunque rialzato la testa, dopo un declino fatto registrare subito dopo l abbattimento di Punta Perotti a Bari nell aprile del Il mattone selvaggio in Puglia Con 721 infrazioni, 941 persone denunciate e 292 sequestri, la Puglia è terza dopo Campania e Calabria nella classifica nazionale dei reati nel ciclo del cemento perpetrati nell ultimo anno. E quanto emerge dal dossier Ecomafie 2008 pubblicato da Legambiente il tacco d Italia 25 Novembre 2008 è diffuso ovunque. Il Salento non smentisce la tendenza regionale. Sulla costa o nell entroterra, in aree più o meno vaste, i crimini ai danni dell ambiente sono diffusissimi. In molti casi si tratta di progetti di tipo turistico, che spesso hanno grandi estensioni, numerosissimi posti letto ed un target di riferimento medio-alto. Nella maggior parte dei casi tali strutture sono pensate per clienti dai borsellini pieni e dalle esigenze raffinate; a questi offrono servizi di prima classe quali centri benessere, strutture sportive, campi da golf. Prevedendo

26 al proprio interno spazi differenti, questi centri turistici provocano una eccessiva frammentazione dell area nella quale sorgono, attraggono migliaia di persone con relativi mezzi di trasporto in un territorio caratterizzato da un delicato equilibrio, causano inquinamento, anche acustico e luminoso (la manutenzione dei campi da golf di cui spesso sono dotati, in particolare, richiede un elevato consumo d acqua, circa due milioni di litri al giorno per un 18 buche). L economia del villaggio vacanze, inoltre, non porta effettivo beneficio al territorio circostante, in quanto è un economia chiusa, che mira a mantenere il turista nella struttura (molti villaggi sostituiscono addirittura il denaro con fiche da spendere al proprio interno). Ma irregolarità edilizie riguardano anche progetti di minore entità, in molti casi destinati ad abitazioni civili: immobili che sorgono a pochi metri dalla costa o che oltrepassano l estensione consentita per legge. Individuarli non è sempre semplice. E, anche una volta individuati, è difficile correggerli. In molti casi essi sono sorti in un periodo di Medioevo legislativo, gli anni 80, in cui l edilizia non era sottoposta a vincoli restrittivi come oggi. La liste di ecomostri salentini stilata da Legambiente conta circa 40 casi di abusivismo edilizio, tra strutture turistiche e civili abitazioni. Alcuni di questi progetti sono stati bloccati da anni di battaglie da parte di ambientalisti, cittadini ed istituzioni. Altri sono riusciti a passare sancendo la vittoria delle ragioni del cemento sulle ragioni della tutela ambientale. Altri ancora sono stati realizzati in passato con tipologie costruttive oggi considerate invasive per il territorio e ritornano periodicamente alla ribalta quando si discute della riqualificazione dell area in cui sorgono. E questo il caso del porto turistico di Leuca, additato dagli ambientalisti come un esempio negativo di edilizia. Esso è stato dato in gestione cinquantennale alla Porto Turistico Marina di Leuca Spa, la società mista composta dal Comune di Castrignano del Capo (49%) e dalla Igeco (51%), la ditta che l ha realizzato. Le motivazioni per cui il porto viene annoverato tra gli ecomostri non vanno ricercate esclusivamente nella quantità di cemento utilizzata (sembra che il progetto sia stato sovradimensionato per giustificare l impiego di una quantità di materiali superiore al necessario), ma anche in fattori di godibilità visiva del paesaggio: così com è, esso precluderebbe la piena fruizione di un luogo che, per posizione e conformazione geografica, è unico in Italia. // L ECOMOSTRO SVENTATO La vittoria. Il parco di Punta Pizzo, a Gallipoli, è salvo da speculazioni edilizie. Le battaglie di ambientalisti e cittadini hanno sventato la nascita di ecomostri La storia di Punta Pizzo è emblematica. E lunga 20 anni (ha avuto inizio negli anni 80) ed è stata caratterizzata dal nascere contemporaneo di progetti di tutela ambientale e di progetti di speculazione edilizia. Ovvero: man mano che venivano individuati elementi, vegetali e animali, da proteggere venivano a galla progetti di investimenti da realizzare proprio in quell area (tra questi un eliporto, un villaggio, una serie di campeggi e lottizzazioni di varia natura). L intento dei privati che avevano interessi economici nella zona era concluderli al più presto, prima che il territorio si dotasse di strumenti di tutela che avrebbero di fatto posto il veto su ogni ambizione speculativa. Risalgono agli anni 80 infatti scempi di proporzioni immense, come la realizzazione del parcheggio di Lido Pizzo (circa due ettari di sbancamento e relativa viabilità di accesso), il riempimento di altri cinque ettari di area umida con scarto di cava e rifiuti nell area retrostante gli alberghi, ed infine l eliminazione di 50 ettari di area umida li Paduli, tramite l incendio del canneto (venne constatato l uso di benzina), l aratura profonda con asportazione dei bulbi di piante rare, il successivo livellamento della zona con scarto di cava. Fortunatamente nel decennio successivo una mutata sensibilità per i temi ambientali fece in modo che si acquisissero dati e si conoscesse il sito più a fondo. Gli studi condotti dall Università di Lecce, dalla Bocconi di Milano e da un gruppo di tecnici del posto permisero di inserire l area tra le località protette (legge regionale 19/97) e in vari registri europei contenenti l elenco delle zone da sottoporre a tutela. I progetti nel Parco. I principali erano quattro: Praia del Sud, Santa Maria di Leuca, il porto turistico. Legambiente annovera l infrastruttura tra gli ecomostri per quantità di cemento utilizzata e perché essa preclude la piena godibilità del paesaggio un villaggio vacanze con campo da golf, attrezzature sportive, balneari e per il tempo libero Il Parco di Punta Pizzo, a Gallipoli, è salvo. I progetti previsti al suo interno non verranno realizzati. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale dichiarando legittimo, una volta per tutte, l iter di istituzione dell area protetta. E il primo caso, nel Salento, di ecomostro bloccato sul nascere (superficie territoriale ettari; volumetria mc); Immobiliare S. Anna, un villaggio turistico dotato di attrezzature sportive, per lo spettacolo ed il tempo libero, percorsi fitness e centro benessere (superficie ettari; volumetria mc); Gallipoli Beach Club, una struttura turistico-balneare costituita da 150 mini-bungalow, chioschi, parcheggio e servizi (superficie ettari); Torre Pizzo Investimenti, un villaggio turistico di proprietà Valtur con campo da golf, attrezzature sportive, balneari, per lo spettacolo ed il tempo libero (estensione ettari; volumetria mc). La conferenza di servizi convocata per discutere dei progetti (38 in tutto) in deroga al prg si concluse negativamente per i privati; anche la Soprintendenza per i beni ambientali diede parere negativo. Ma fatto il parco, presentato il ricorso. Subito dopo l istituzione del parco Punta Pizzo Isola di Sant Andrea, si susseguirono una serie di ricorsi al Tar da parte delle proprietà private che avevano interesse nei territori inseriti nel perimetro del parco; gli imprenditori dichiaravano illegittima la legge istitutiva dell area protetta perché, a loro dire, essa non avrebbe tenuto conto dei principi di partecipazione e di pubblicità previsti per legge. Insomma i privati lamentavano di non essere stati coinvolti a sufficienza nel processo di realizzazione del parco regionale. La battaglia a suon di carte bollate ha avuto fine sono la scorsa estate, quando la Corte Costituzionale ha giudicato legittimo il percorso legislativo della Regione Puglia. Parco salvo, dunque. Ed ecomostro sventato. Il primo, nel Salento, ad essere stato bloccato sul nascere. il tacco d Italia 26 Novembre 2008

27 // LA SCONFITTA DELL AMBIENTE Iberotel Apulia, ex Orex. Ovvero: il villaggio nel parco 800 posti letto su 160mila metri quadrati. La Iberotel Apulia, ex Orex, della Ugento Srl è un esempio di ecomostro realizzato senza intoppi. In pieno parco naturale Litorale di Ugento. Come è stato possibile? E bastato riconsiderare il perimetro del nascente parco Se quella di Punta Pizzo è la storia di un ecomostro sventato, quella del complesso turistico-ricettivo Iberotel Apulia (ex Orex) è la storia di una sconfitta. E la storia di interessi economici privilegiati a discapito della tutela ambientale. Anche in questo caso, infatti, l ecomostro sorge in un area di elevato interesse paesaggistico. Anche in questo caso, le ragioni del cemento e quelle della tutela ambientale sono andate avanti di pari passo. L ecomostro, però, è arrivato prima. Prima, cioè, che venisse istituito ufficialmente il parco naturale regionale Litorale di Ugento (maggio 2007). Il progetto. Il progetto originale della struttura turistico ricettiva chiamata Orex, di proprietà della società Ugento Srl (amministratore Damiano Reale), prevede 800 posti letto su un area di 160mila metri quadrati. Il piano di lottizzazione della zona è regolarmente inserito nel Piano regolatore generale del Comune di Ugento come insediamento dei servizi turistici. Pare che successivamente il progetto sia stato ampliato (sarebbe stato addirittura raddoppiato); abbiamo chiesto conto al Comune di Ugento di eventuali varianti al progetto di partenza ma, ad oggi, non abbiamo ottenuto risposta. Al Settore Urbanistica e Territorio del Comune abbiamo inoltre chiesto (anche in questo caso senza ottenere risposta) se la struttura si sia dotata di tutte le autorizzazioni necessarie. Nel 2005, infatti, quando ci occupammo del mega albergo che stava nascendo in area protetta (il parco non era ancora stato istituito), esso non aveva ancora ottenuto la concessione edilizia (la pratica era in itinere) né autorizzazione paesaggistica da parte della Sovrintendenza. Aveva avuto però il nulla osta da parte di Luca Limongelli, responsabile del Settore Ecologia della Regione Puglia, in seguito a valutazione di impatto ambientale (Via) realizzata dalla Ecosystem Srl di Bari. Nonostante la mancanza di tali permessi, i lavori di infrastrutturazione primaria (quelli per la realizzazione delle strade) erano stati autorizzati dal Comune di Ugento ed affidati dalla proprietà alla Damiani costruzioni (titolare Rinaldo Damiani). Eppure, nonostante la celerità con cui sono andati avanti i lavori di realizzazione della struttura, dopo il giorno di inaugurazione (quest estate) essa non ha mai funzionato. Ma come è stato possibile realizzare un albergo di tal portata in un ambiente così delicato? Semplice: è bastato escludere dal perimetro del nascente parco l area lottizzata e destinata a villaggio. Nella perizia presentata dal Comune nel 2002 l area nella quale sarebbe dovuto sorgere l albergo venne infatti indicata come terreno utilizzato a seminativo, ovvero una zona franca da vincoli ambientali. Il 26 giugno 2006 la Regione stilò un disegno di legge istitutiva del parco naturale e diede il via alla conferenza dei servizi. In una delle riunioni di conferenza il Comune di Ugento presentò una nuova perimetrazione dell area che escludeva dai confini diverse zone interessate da progetti di nuovi insediamenti abitativi con la motivazione di tutelare gli interessi di chi aveva avviato i procedimenti per realizzare nuove strutture prima del 26 giugno (data del disegno di legge). Ci sono voluti diversi mesi per vedere giungere a conclusione l iter di istituzione del parco Litorale di Ugento. Dallo scorso gennaio una piscina ed un anfiteatro della Iberotel sono state poste sotto i sigilli da parte della Polizia Municipale che ha ritenuto di dover fare chiarezza sui nulla osta degli Enti preposti e della Soprintendenza ai beni ambientali. La vera pericolosità di Orex è che essa costituisce il presupposto perché anche altri privati, titolari di lottizzazioni approvate prima dell istituzione del parco naturale, avanzino le loro pretese. Intanto, la scorsa estate la Ugento Srl, proprietaria del mega-albergo, ha ricevuto la bandiera nera di Legambiente, vessillo che ogni anno viene attribuito ai nuovi pirati del mare.

28 // Inchiesta // // Impianti Sport per tutti ENTRA ANCHE TU NELLA COMMUNITY DEL TACCO D ITALIA E DISCUTI DI QUESTO ARGOMENTO SU APPROFONDIMENTI TRA PROGETTI REALIZZATI E DA REALIZZARE, ECCO COME LA PROVINCIA DI LECCE TIENE IN FORMA LE STRUTTURE SPORTIVE DEL TERRITORIO. SIANO ESSE DESTINATE A DISCIPLINE MAGGIORI O MINORI UN NUOVO SPORT ai DI PARTENZA di DONATO NUZZACI La dinamica degli investimenti negli impianti sportivi della Provincia mostra un sempre più consistente giro di soldi dirottati verso la ristrutturazione o la costruzione di nuove strutture: si va da un minimo di un milione ad un massimo di tre milioni di euro all anno. Ciò significa che negli anni va crescendo l interesse che l Ente provinciale riserva alla pratica sportiva. Palazzo dei Celestini non partecipa quasi mai in toto all investimento predisposto dai vari Comuni salentini; piuttosto tende a sobbarcarsi la metà o un terzo della spesa complessiva per la realizzazione di un progetto. Palestre semplici e polivalenti, impianti sportivi, piscine comunali, campi di bocce, calcio e calcetto, impianto natatori, altri complessi sportivi, impianti per centri termali, piste di ciclismo, campi da tennis, parchi attrezzati. Le opere messe in cantiere (in alcuni casi già portate a termine) dall ente provinciale nel periodo che va dal 2001 al 2007 soddisfano praticamente tutti gli appassionati di sport, anche chi si diletta nelle discipline meno diffuse. il tacco d Italia 28 Novembre 2008 Flavio Fasano, assessore provinciale allo Sport LO SPORT È DI TUTTI L era Fasano ha avuto inizio. Il neoassessore provinciale allo Sport la chiama rivoluzione. E un nuovo modo di intendere lo sport nella Provincia di Lecce e consiste nel chiamare tutti gli amministratori comunali alla cooperazione. Anche per ciò che riguarda gli impianti sportivi. La nostra rivoluzionaria idea - spiega Fasano - va nella direzione di dividere il territorio provinciale in tre macro aree, nord, centro e sud Salento, in cui possano trovare spazio strutture sportive di eccellenza. Tali strutture devono poter accogliere un numero cospicuo di utenti provenienti da ciascuna area. L intuizione di Fasano consiste, in pratica, nel considerare lo sport come affare di tutti, non del singolo Comune che ospita in senso fisico l impianto sportivo. Ciò può portare risultati positivi in termini di partecipazione delle istituzioni, dei cittadini e, perché no?, anche dei privati e di qualificazione delle strutture sportive. Insomma, non piccoli edifici in cui si pratica lo sport, ma contenitori culturali più vasti e meglio attrezzati che possano offrire un servizio di alto livello. Tre macro aree sovacomunali dotate, ognuna, di strutture sportive di alto livello, in grado di contenere tanti appassionati. E questa la rivoluzione di Flavio Fasano, neoassessore provinciale allo Sport, che per metterla in pratica chiama tutti i Comuni a collaborare

29 PIÙ SPAZIO ALLE DUE RUOTE Due milioni e 400mila euro. A tanto ammontano i fondi che la Provincia di Lecce ha messo a disposizione del Comune di Monteroni per il progetto di riqualificazione del Velodromo degli Ulivi, collocato sulla provinciale per Porto Cesareo, che stando alle ultime notizie dovrebbe partire ufficialmente entro marzo prossimo. Non più solo calcio o i cosiddetti sport maggiori ; le attenzioni della Provincia si rivolgono anche verso sport solitamente poco considerati in passato. Le novità tecniche del Velodromo del terzo millennio, come è stato già denominato, in cui, a lavoro concluso troveranno grande spazio il ciclismo agonistico e specialistico ma anche la pratica sportiva in un area polifunzionale ed attrezzata, riguardano una pista ciclistica in cemento lunga esattamente quanto quella attuale, cioè 333 metri; la realizzazione di una nuova tribuna ad est del circuito in cui si prevedono 15 gradinate e circa posti a sedere e una ad ovest che incrementerà a posti la sua capienza. Dalla Provincia si avverte fiducia per questo grande progetto. Una volta avuta una visione complessiva di come funzionerà il nuovo velodromo, Palazzo dei Celestini si attiverà per ricercare ed attivare un partenariato con altri enti pubblici (Regione, Università degli Studi, Comuni) e privati per la gestione dell impianto. Un progetto ambizioso. Il velodromo di Monteroni diventerà presto una struttura per il ciclismo di alto livello Ph: Daniele De Pascalis Due milioni e 440mila euro. La Provincia di Lecce ha avviato il progetto di riqualificazione del Velodromo degli Ulivi di Monteroni. L impianto, destinato al ciclismo agonistico e specialistico, dovrebbe essere attivo già a marzo prossimo I NUMERI DELLO SPORT Gli investimenti provinciali nel settore dello sport sono numerosi. Ecco a quali opere sono destinati i principali: palestra di Aradeo ( ,56 euro); impianto sportivo di Alezio ( ,50 euro); impianto polisportivo di San Donato ( ,23 euro); palestra polivalente di Corsano ( ,31 euro); palestra polifunzionale di Campi Salentina ( ,31 euro); palestra polivalente di Casarano (77.468,54 euro); piscina comunale di San Cesario ( ,20 euro); Centro sportivo polivalente di Galatone (49.063,41 euro); Impianto sportivo polivalente di Sogliano ( ,21 euro); campi da bocce e calcetto di Vernole (49.063,41 euro); Complesso sportivo di Matino (405mila euro); impianto natatorio di Specchia ( ,88 euro); Centro sportivo polivalente di Sannicola (235mila euro); impianti del Centro termale di Santa Cesarea ( ,74 euro); campo sportivo di Trepuzzi ( ,37 euro), palestra polifunzionale di Alessano ( ,13 euro). IN PROVINCIA E ancora: impianto polisportivo ad Ortelle (228mila euro); impianto sportivo a Castrì (36.151,98 euro); pista ciclismo di Tuglie (130mila euro); campo sportivo di Cutrofiano ( euro); campi da tennis di Calimera (85mila euro); Palazzetto dello sport di Corigliano ( ,21 euro); campo sportivo di Leverano (75mila euro); impianto sportivo di Martignano (35mila euro); impianto sportivo di Salice ( ,90 euro); tensostruttura polivalente di Racale (250mila euro); campo sportivo di Taurisano (175mila euro); impianto sportivo di Lizzanello (75mila euro); Palazzetto dello sport di Scorrano ( ,77 euro); impianto sportivo di Carpignano (150mila euro); impianto sportivo di Melissano (180mila euro); impianto polisportivo di Collepasso (150mila euro); sistemazione del parco attrezzato di Diso (40mila). A Casarano la Provincia si è impegnata finanziariamente per l ampliamento della copertura geodetica della palestra polifunzionale (44.820,71 euro); a Corsano, per il completamento dell area esterna del palazzetto dello sport (40.419,48 euro); a Gagliano, per il completamento dell impianto di illuminazione dei campi da calcio e tennis (35.928,43 euro); a Lequile, per l adeguamento alle norme di sicurezza del campo di calcio comunale ( ,91 euro); a Martignano per mettere in sicurezza l impianto sportivo comunale ( euro); interventi di completamento ed adeguamento alle norme sono stati realizzati anche a Melpignano (messa a norma, recupero e completamento dell impianto sportivo polivalente di via Annunziata per ,79 euro), a Racale (completamento dell impianto natatorio comunale per ,52 euro), a San Cassiano (realizzazione del tappeto in erbetta sintetica del campo di calcetto; 8.624,04 euro), a Sogliano Cavour (completamento e adeguamento del complesso sportivo comunale; ,39 euro), a Specchia (completamento dell impianto natatorio coperto comunale; ,74 euro), a Tricase (completamento del campo di pallavolo e basket per un importo di ,07 euro), a Zollino (rifacimento della superficie di gioco del campo sportivo polifunzionale; ,27 euro), ad Arnesano (recinzione del campo sportivo comunale; ,16 euro). A Castrignano dei Greci è stata finanziata la realizzazione di un campo polivalente (11.227,63 euro); a Leverano la sistemazione di campi di calcetto (76.347,91 euro); a Cutrofiano il completamento ed il miglioramento dei campi da tennis (38.173,95 euro); a Maglie la copertura di un campo da tennis (79mila euro); a Giuggianello la realizzazione del tappeto in erba sintetica per il campo di calcetto (10mila euro); a Seclì il completamento del campo di calcio (35mila euro). Altri fondi sono serviti per l adeguamento del campo di calcetto di Sternatia (22mila euro), la manutenzione straordinaria del bocciodromo di Nociglia (20mila euro) e la sistemazione di campi da calcetto e tennis a Cannole (34mila euro). Sono state finanziate, inoltre, tre grosse piscine a Lecce, Poggiardo e Salve ed un campo da calcio alle spalle di zona Salesiani a Lecce (900mila euro), che sarà sede di raduni sportivi e arbitrali. il tacco d Italia 29 Novembre 2008

30

31 // Società //Amarcord // Parlano i mesci ENTRA ANCHE TU NELLA COMMUNITY DEL TACCO D ITALIA E DISCUTI DI QUESTO ARGOMENTO SU Indietro nel tempo. I vagnoni di un cantiere salentino degli anni 60 I mesci di oggi ricordano i primi passi in un cantiere. Tra la voglia di imparare e la difficile scalata dei gradi del mestiere quando ERAVAmO i vagnoni de la conza di VALENTINA CHITTANO APPROFONDIMENTI il tacco d Italia 31 Novembre 2008 Contro la teoria dei libri la concretezza delle mani sporche e callose. Cinquant anni fa si iniziava fin da piccoli a respirare l aria di un cantiere. Era il tempo in cui i genitori, per sottrarre i figli dal vagabondaggio per le strade, li mandavano ad imparare un mestiere, affiancandoli alli mesci. Oggi sono quei bambini di una volta ad esser chiamati mesci, un titolo raggiunto non senza sacrifici ed impegno. Nei loro racconti il ricordo si lega alla malinconia del passato, alla soddisfazione di un buon presente, in cui tirano le somme del lavoro effettuato, e a qualche dubbio sui giovani che raccoglieranno la loro eredità.

32 mesciu, ma COL PALLINO DEL DISEGNO Vittorio Maglio, 73 anni, Casarano Mi reputo nu mesciu scalpellinu. Mio padre avrebbe voluto che io diventassi geometra ma la scuola non faceva per me. Così mi sono ritrovato in un cantiere ad imparare l arte del fabbricatore. Era il 1948 quando iniziai a fare qualcosa. Ricordo ancora quando mi misero a fare conza per Palazzo Vantaggiato, a Cutrofiano. Tutti i ragazzi iniziavano così. Io però dimostrai fin da subito di non essere fisicamente molto forte e, per quelli che si dicevano essere i lavori forzati, non ero molto adatto. Ero invece particolarmente portato per il disegno, cosa ereditata da mio padre. Mesciu Nuzzu, di Soleto, notò i miei lavori e mi definì futuro intagliatore. Nonostante ciò, però, anch io mi sono dedicato alla scalata dei gradi del muratore perché, con l avvento del cemento, il lavoro di scalpellino ha iniziato un forte declino. Così ho fatto il fabbricatore, lavorando insieme a mio padre e prendendo la strada dei miei fratelli. Per un certo periodo siamo stati tutti insieme, in società. Poi sei fratelli e sei imprese diverse, a causa delle piccole incomprensioni che a volte si creavano. Ho dato spesso una mano a mio fratello maggiore, morto nel 1963 per incidente stradale. Quando aveva dei lavori particolarmente importanti lo accompagnavo. Tra questi ricordo il tabacchificio di Galatina, vicino alla stazione. Lavorando in famiglia non c era paga, al massimo si sperava in 200 lire la domenica per poter uscire un po. Ricordo che in cantiere mio zio ed un certo Angiulillo preparavano tutti i materiali, mentre mio padre, molto attivo per queste cose, faceva la costruzione vera e propria. Nel ho intuito che avrei potuto mettermi per conto mio. Allora, facendo anche dei lavoretti grazie alla gente che, per risparmiare, non chiamava le imprese ma i ragazzi come me, più economici, sono arrivato il 18 ottobre del 1960 ad aprire la mia impresa. Ho anche ricevuto un diploma perché la mia era la più giovane impresa d Italia (avevo 25 anni). Da allora ho fatto decine e decine di costruzioni, nonostante soprattutto in quel periodo la concorrenza fosse moltissima. Rozzulu e pala si usavano per fare la conza mentre la calce si vendeva a zolle. Era Quando al cantiere si andava in bici. Vittorio Maglio qualche anno fa necessario quindi curarla, cioè farla sciogliere in acqua bollente. Una volta, durante una costruzione, uno dei miei fratelli è caduto nella calce bollente e si è ustionato. Ma questo è l unico incidente sul lavoro che io ricordi in tanti anni. Prima, infatti, la sicurezza era all ordine del giorno. Non capisco come mai oggi, con tutti i mezzi a disposizione, ci siano così tante tragedie nei cantieri. Non ho mai abbandonato la mia passione per il disegno, anzi l ho messa anche a disposizione per altre occupazioni, come la creazione di immagini per ricamatrici. Oggi non si trovano più i veri intagliatori o se c è qualche lavoretto di questo genere non è fatto in maniera precisa come dovrebbe. Da quando sono a riposo, per non farmi prendere troppo dalla nostalgia, ho continuato a tenere in mano lo scalpello nel mio laboratorio. CHE GUSTO LI CAPUCANALI Aldo Lisi, 72 anni, Galatina Era il 1952 quando ho cominciato. Facevo la quinta elementare. Eru nu vagnone della conza de nome e de fattu. Il fabbricatore era una vera e propria arte perché i conci venivano manipolati. La conza si faceva a mano cu la rozzula. Ora invece si trova nei sacchetti già pronta. A quell età lavoravo gratis perché la cosa più preziosa era imparare ed evitare di stare per strada. Tra i miei primi mesci ricordo Luigi Faraone. Quanti sacrifici si facevano! Per un periodo andavamo addirittura a lavorare a Lecce in due su una bicicletta. Impiegavamo quasi due ore per arrivare, a seconda del vento. Una volta lì ci costruivamo una capanna con l eternit sul cantiere in modo da dormire senza affrontare la sfacchinata di fare avanti e indietro troppe volte. La scalata del muratore (malta, conci, cornice, cucchiara) si percorre con soddisfazione fino all ultimo gradino, quello dove mi trovo oggi che sono socio insieme ai miei fratelli della Ditta Lisi. Ci siamo riuniti intorno al 1955 e abbiamo fatto il primo lotto di case popolari a Scorrano. Allora per la certificazione (cioè per l iscrizione all albo dei fabbricatori, ndr) era necessario dimostrare di aver fatto dei lavori a regola d arte. Grande orgoglio per me, Gino, Piero, Ninì, Pippi, Benito e Vittorio quando alla nostra ditta è stato affidato un importante lavoro in Colacem. Erano gli anni Col tempo però siamo stati messi fuori perchè i nostri prezzi erano diventati un po più alti rispetto agli altri ma chi è subentrato non ha garantito le norme di sicurezza come facevamo noi e ci sono stati degli incidenti. In cose come queste bisognerebbe usare il cervello. Noi Il piacere del cantiere. Aldo Lisi al lavoro in una foto d epoca non accettavamo mai nessuno che non fosse completamente in regola. Tra i ricordi più spensierati c è sicuramente quello de li capucanali, dopo l ultima gettata. Si mangiava su enormi tavolate di legno preparate dal proprietario. Sono contentissimo di aver imparato questo mestiere e fiero di tutto quello che ho fatto. Ogni volta che sto in mezzo ad un cantiere godo, nel vero senso della parola.

33

34 IL LAVORO, UNA PALESTRA DI VITA Rocco Sabato, 56 anni, Casarano Ho cominciato a lavorare ad undici anni, appena ho terminato la scuola elementare. Ho preferito trovare una fatica anziché proseguire gli studi. Ricordo ancora il mio primo maestro, mesciu Lupo. Lo guardavo con ammirazione e rispetto. A quei tempi il cantiere era una vera famiglia. Ognuno di noi operai aveva il suo compito e non si sarebbe mai sognato di non portarlo a termine. Il mio, quando ho iniziato, era raddrizzare i chiodi che erano serviti per costruire l impalcatura. Era una faticaccia! Una volta terminato il lavoro, bisognava togliere, uno per uno, tutti i chiodi e poi raddrizzarli per poterli utilizzare nuovamente. Si occupavano di questa mansione i più giovani: io ed un mio coetaneo. Il maestro mi dava 50 o 100 lire, era più che altro un regalo. Ricordo che li mettevo da parte per pagare il cinema, la domenica, l unico sguario dell epoca. I primi tempi nel cantiere servono a responsabilizzare u tiscipulu (l apprendista). Ricordo che il mio maestro una volta mi regalò un metro rigido per premiarmi dell impegno e della buona volontà. Eravamo un gruppo molto affiatato anche se c erano segreti del mestiere che preferiva tenere per sé. Piano piano ho imparato a svolgere mansioni sempre più complesse; ho lavorato con la macchina squadratufi: tagliavo i tufi di pietra che servivano per le volte a stella ed un mio collega, poi, li passava con la mannara che li rendeva ancora più precisi. Anche se ho maneggiato strumenti pericolosi non mi sono mai infortunato; credo che gli incidenti sul lavoro capitino a chi non è concentrato. Quando si lavora su un cantiere non bisogna pensare a nient altro che al lavoro che si sta facendo, altrimenti è la fine. Se non ti concentravi il maestro o il capocantiere ti cridava (rimproverava); a volte non era poi così gentile e non si limitava alla critata. Ma erano modi di fare che accettavi senza lamentarti perché facevano parte di quell ambiente. Dopo varie avventure (sono stato anche a Bruxelles), ho deciso di mettermi in proprio perché ho capito di essere più bravo di tanti capi-cantiere. Così nel 2004 ho fatto il salto. Non lo rimpiango. In tanti anni me ne sono successi di fatti strani, ho lavorato sotto il sole a 50 gradi e sotto i temporali improvvisi. Il lato positivo è che ho sempre un abbronzatura perfetta e non ho bisogno di lampade! I tempi passati mi mancano. Mi manca soprattutto il bel rapporto che si instaurava con i colleghi. Oggi i giovani vengono solo a dire Quantu me tai? ed avanzano pretese sin dal primo giorno. Prima il lavoro era come una palestra dove si imparavano due mestieri: fare le case e vivere. I tempi di Bruxelles. Rocco Sabato al lavoro sul tetto di un edificio. Erano gli anni 70 Ho iniziato all età di 15 anni. Ho lavorato a Noha, ad Aradeo, a Santa Maria al Bagno, cangiando sempre mesciu pe la panella, pe la sciurnata. Era il periodo in cui la conza si faceva con i piedi e che per far bene dovevi essere ideatu: fare il muratore è qualcosa che ti devi sentire dentro. Ricordo che la mia prima paga, nel 1958, è stata di 200 UNA SCIURNATA DA SOLE A SOLE Paolo Esposito, 65 anni, Noha lire al giorno, ma non sempre si riceveva il compenso. Si aspettava la domenica per andare a casa dellu mesciu e si sperava di essere pagati ma spesso ti ritrovavi solo a carisciare acqua per la moglie dellu mesciu e ritornavi a casa a mani vuote. Lavoravamo alle lammie a squadre; le volte si facevano con il tufo di Cutrofiano mentre per le porte si usava la pietra leccese. Dopo che cu lu trainu ni purtavanu cagge e rena, lavoravamo tutti alla conza, anche dieci ore al giorno. La nostra giornata si contava da sole a sole. Il mio primo mesciu è stato Ntoni Lagna di Noha. A Corigliano sono stato sotto mesciu Luigi Tundo che mi dava 800 lire al giorno. Sono diventato caposquadra alla fine degli anni Settanta. Con Michele Tundo, che aveva circa 17 operai, io seguivo setteotto persone. Ci dedicavamo quasi sempre alle costruzioni di piano terra, quindi lavoravamo abbastanza in sicurezza. Tra i miei ricordi più belli ci sono certamente li capucanali dopo la gettata. Il proprietario organizzava una tavola e se mangiava e se vivia comu li dannati. Ma du pocu dhe crassu ca ivi pijatu lu lassavi allu cantiere lu giurnu dopu. Oggi che sono capu cucchiara ripenso alla mia gioventù e a quanta passione ho dovuto mettere per arrivare al punto in cui sono adesso. I giovani di oggi non hanno più quell ardore, non vengono per imparare ma solo per la sciurnata. Bisogna quindi stare sempre attenti con loro. Solo il vero desiderio di apprendere può far nascere le cucchiare. Ora sto tentando di insegnare qualcosa a mio figlio, piano piano. Ma non voglio andare in pensione perché mi sento ancora in grado di lavorare bene.

35 ENTRA ANCHE TU NELLA COMMUNITY DEL TACCO D ITALIA E DISCUTI DI QUESTO ARGOMENTO SU APPROFONDIMENTI Casa dolce La casa è dove posso stare in pace, cantava anni fa Lorenzo Jovanotti. Ecco dove e quando si sentono a casa i vip di casa nostra casa di LAURA LEUZZI Vincenzo Barba, deputato PdL, Gallipoli A volte basta un piatto di spaghetti per sentirsi a Lo ha affermato per anni anche una nota marca di pasta italiana che ha costruito la sua fortuna propr attorno ad una tavola imbandita e a commensali - sorri denti. Soddisfatti di essere l. Il sentirsi a casa uno stato prettamente fisico. E? pi uno stato menta Ci si sente a casa quando ci si trova esattamente l dove si vorrebbe essere, quando si prova la sensazio di assoluto benessere, quando la compagnia quella giusta. La situazione ideale, ovviamente, del tutt personale: ognuno ha la sua. Abbiamo chiesto ad alcu Quanto torno a casa e accosto la porta alle spalle, allora sì che mi sento veramente e finalmente a casa. Chiudo dietro di me i frastuoni di un intera giornata trascorsa tra la gente e nei miei uffici, a colloquio telefonico con ogni parte del mondo, e, inizio a dedicarmi a me stesso. Ciò significa togliere la giacca e appenderla sull attaccapanni, snodarmi la cravatta e dirigermi a passi veloci in cucina, alzare i coperchi delle pentole che le mie collaboratrici hanno lasciato coperte dopo aver preparato pietanze come ho suggerito loro al mattino, e lasciarmi inebriare dai profumi. E lì comincia un momento di gusto e, al contempo, di vero relax. Sì, perché è necessario che prima di sedere a tavola dia il mio tocco nel condimento o nel giusto riscaldamento delle pietanze. E poi mi piace preparare i piatti e portarli in tavola agli ospiti con cui di giorno mi accompagno, perché non c è niente di più bello di una mensa genuina condivisa con i propri amici. Prima di andare via, amo fare un altro gesto che mi fa sentire veramente a casa: fermarmi in cucina dinanzi alle buste della spesa e riporre quanto acquistato nella dispensa. Poi una sistematina alla cravatta, alla giacca e via nuovamente in strada, aspettando una cena in compagnia di chi? Teresa Bellanova, deputata Pd, Ceglie Messapica Sono a casa quando ho la possibilità di stare con le persone; non con la gente, ma con le persone. Con chi ha voglia di costruire, di dialogare, di confrontarsi su certi temi. Quella che ho in mente non è la casa del Mulino Bianco, ma la casa del confronto, dove si possono anche accendere i toni del dibattito, ma sempre in vista di un obiettivo comune e della concreta voglia di risolvere i problemi. Teresa BELLANOVA: Sono a casa quando ho la possibilità di stare con chi ha voglia di costruire, di dialogare. Quella che ho in mente non è la casa del Mulino Bianco, MA LA CASA DEL CONFRONTO

36 Sara Alemanno, campionessa italiana assoluta Pesistica cat. 63 Kg, Copertino Mi sento a casa quando ho la possibilità di dedicarmi ai miei pensieri. Questo, in genere, avviene nella mia stanza, ma può accadere anche in palestra, durante gli allenamenti, se riesco a ritagliarmi degli spazi solo miei di riflessione. Maurizio Buttazzo, presidente Manifatture Knos, Lecce Non mi sento a casa da nessuna parte. Il mio modello di casa corrisponde ad un sentimento di tolleranza e di rispetto tra la gente e l ambiente circostante. Cosa alquanto rara. Diciamo che il profumo e il gusto di una cozza pelosa appena aperta mi fa sentire quasi a casa. Alessia Tondo, voce Notte della Taranta, Merine Quando creo mi sento a casa. Avverto una sensazione di benessere quando posso dare forma alle mie emozioni. Così aspetto che casa sia vuota e che i miei siano fuori per mettermi all opera. Provo una sensazione di euforia; viceversa, se non sono euforica non riesco a creare nulla di buono. Posso sentirmi a casa anche in un pub o in una dance hall, se con me ci sono i miei amici. Quello è il mio habitat naturale. Mamadou Lamine TOURÈ: A Lecce mi sento a casa. Non posso dire, per, di non - sen Vittorio Tapparini, tirmi straniero, in certe - occa sioni: quando sento discorsi di intolleranza e di discrimi - SONO I POLITICI artista, San Pietro in Lama Mi sento a casa quando sono a casa. A casa ho i miei luoghi, le mie cose. A casa mi sento bene. La casa per me è il rifugio, il luogo della tranquillità, dove sono me stesso senza freni. La casa è il luogo dove dipingo, dove ritrovo gli strumenti del mio lavoro. Lì non potrei non essere a mio agio. Mamadou Lamine Tourè, 41esimo consigliere del Comune di Lecce, Senegal A Lecce mi sento a casa. In questa città ho la mia famiglia, una moglie e due bambini; in questa città ho il mio lavoro e pago le tasse. In Senegal ci torno solo in vacanza, circa una volta ogni due anni. A Lecce mi trovo bene, rivesto anche un ruolo di rappresentanza della popolazione extracomunitaria. Non posso dire, però, di non sentirmi straniero, in certe occasioni: quando sento discorsi di intolleranza e di discriminazione, soprattutto se a pronunciarli sono i politici che dovrebbero battersi per una convivenza armonica tra etnie. In quelle circostanze mi rendo conto di quanta strada si debba ancora percorrere per svecchiare le mentalità. il tacco d Italia 36 Novembre 2008

37 Raffaele Fitto, ministro Affari regionali, Maglie Pierluigi Piscopo, maestro internazionale di scacchi, Copertino Da giocatore professionista di scacchi, ogniqualvolta il mio sguardo si posa su una scacchiera mi sento a casa. Ogni altro tipo di imbarazzo o di preoccupazione quotidiana sparisce. Da salentino che viaggia per gran parte dell anno, mi sento a casa ogni volta che scopro il mare dove non me lo aspetto o quando il sole appare improvviso. Mi sento a casa in maniera del tutto fisica quando dopo mille giri raggiungo finalmente il divano della mia casa... Io penso che una parte di noi si trovi nelle cose e nei luoghi a prescindere da noi stessi. Quando riconosciamo questa parte di noi nel mondo, siamo felici. Perché è facile sentirsi a casa ovunque, benché solo un posto sia concesso di chiamare propriamente casa. Che io mi senta a casa a Maglie è naturale. Sono i luoghi dell infanzia, della giovinezza, degli affetti più profondi. I luoghi dei quali si riconoscerebbero gli odori anche a occhi chiusi e, a occhi aperti, si riconosce la luce, i colori, il paesaggio così come il modo di parlare, l accento, l espressione dialettale. Ci si sente a casa dove la memoria corre facilmente nell orientarsi tra il dedalo delle strade salentine e ogni campanile, anche da lontano, rimanda al nome di un paese. Poi la vita e le scelte portano altrove, in altre città e in altri paesi e la casa magliese e otrantina diventa la casa pugliese fatta di luoghi differenti e modi di parlare diversi e, via via, fino a Roma dove ora lavoro. Ma una casa non scaccia l altra. E la casa originaria che si allarga, si arricchisce di altre stanze. Il punto è dare un senso ai luoghi nei quali si vive. Attraversarli e lasciarsi attraversare, coglierne le particolarità e fare in modo che restino nella memoria. E inevitabile, in tempi di globalizzazione diventare cittadini di mondi diversi e in tutti sentirsi un po a casa. Ugo Lisi, deputato PdL, Lecce Sandro Rielli, amministratore Joy Division e titolare Kalì, Maglie Mi sento a casa sulla tavola da windsurf di fronte all onda giusta. Nell istante in cui capisci che è quella l onda che aspettavi, per determinate caratteristiche anche piuttosto tecniche, ti senti bene. In quei momenti provo una sensazione di libertà estrema, di ricerca e di raggiungimento dell assoluto. I windsurfisti sono alla continua ricerca della condizione giusta. Serve un determinato vento, una determinata inclinazione; non è facile che tutte queste variabili si verifichino, assieme. Per questa ragione, quando accade è bellissimo. E il raggiungimento di un traguardo inseguito a lungo ed anche la condivisione di un momento con un ristretto numero di compagni. Questa gioia mi sorprende ancora oggi, dopo tanti anni. Si tratta di un euforia che, appena trovata, svanisce perché vengono meno le giuste condizioni atmosferiche e la ricerca ricomincia. Il rapporto così ravvicinato con la natura è un emozione difficile da spiegare. Quando la provo mi sento a casa. Loredana Capone, vicepresidente Provincia di Lecce Due sono le situazioni che mi fanno sentire completamente a mio agio, anche se diverse tra loro: stare a casa, in libertà, tra le mie figlie e mio marito; e stare tra la gente in luoghi aperti o ristretti, sempre, a chiacchierare o a discutere di questioni importanti. Avverto molto l emozione di un buon rapporto con le persone. Il colloquio con i giovani poi mi dà una piacevole allegria. Luigi Marrella, docente Storia e Filosofia, storico, Casarano Mi sento a casa tra le quattro mura di casa mia ma anche in un territorio più aperto come quello dell intero Salento. In particolar modo mi sento a casa nella mia Lecce, ma anche nel mio mare, purissimo e dai colori inconfondibili, quello dello Ionio tra Gallipoli e Porto Cesareo. Sono un salentino nostalgico della proprio terra. Che mi è mancata da ragazzo, quando per studio le sono stato lontano (vivevo a Bologna), e che mi manca oggi che per lavoro mi trovo spesso a Roma. Ogni volta che torno nella mia terra capisco che è quello il mio habitat naturale e che non potrei mai sentirmi a casa se non lì. Mi è difficile non sentirmi a casa; in genere mi sento a casa quando sono in sintonia con la gente che ho intorno e con l ambiente in cui vivo, quando sono con la mia famiglia e sto bene con i miei amici. Ma, più che in ogni altro luogo, mi sentivo a mio agio a scuola. Quella è sempre stata la mia casa, dove sono riuscito a stringere rapporti diretti con gli studenti, che ho considerato miei figli. Ero a mio agio quando potevo respirare l atmosfera di complicità che ci legava. I miei studenti mi hanno mantenuto giovane. A volte ne re-incontro qualcuno e rivivo le situazioni di tanti anni fa. In quei momenti mi sembra di fare ritorno a casa.

38 Sebastiano Schito, presidente del consiglio di amministrazione Ergho Sas, Lecce Per me casa vuol dire famiglia e il momento in cui riesco a rilassarmi e a sentirmi veramente libero è quando gioco con le mie figlie. Raffaele Baldassarre, consigliere regionale PdL Per me la casa è sempre stata un luogo di passaggio. Sia da giovane sia da adulto ho avuto molti impegni che mi hanno spesso allontanato da casa. Da giovane, cercavo di star fuori più tempo possibile; da adulto, tra impegni di lavoro e impegni politici, sono costretto a farlo. Mi sento a casa, però, quando mi concedo una pausa tra le incombenze della giornata, e mi dedico per qualche minuto ai miei pensieri. Non ho un luogo specifico per questa attività; mi basta fermarmi, chiudere il mondo fuori dalla porta e riprendere fiato. A volte mi accade anche in viaggio. Nel bel mezzo della gita ho bisogno di tornare in albergo, ritagliarmi i miei minuti di riflessione e poi ricominciare. E un ritorno alla base che per me è necessario, sia nelle giornate particolarmente fitte di impegni sia in quelle più leggere. Per la stessa ragione, ogni sera prima di andare a dormire, anche quando è tardi, accendo la tv ed inseguo i miei pensieri. E poi, ancora, prima di chiudere gli occhi, mi dedico alla lettura di un libro. Luciana Delle Donne, amministratrice unica Made in carcere, Officina creativa, Lecce Mi sento a casa quando sono al lavoro mentre quando sono a casa mi sento in vacanza. Trascorro talmente tanto tempo al lavoro, che ormai l azienda è la mia prima casa. Mi ci trovo bene per il clima di armonia che ho instaurato con i miei collaboratori e anche perché ho cercato di rendere gli ambienti il più confortevole possibile. Stare al lavoro deve essere un piacere, oltre che un dovere, quindi se si entra in contatto stretto con i propri colleghi al punto di considerarli una famiglia, allora è tutto più semplice. Al lavoro mi sento a casa anche perché mi è assolutamente congeniale accettare sempre nuove sfide, programmare nuovi investimenti, non fermarmi mai. Trascorro a casa così poco tempo, che quando ci torno mi sento in vacanza. Raffaele FITTO: Ci si sente a casa dove la memoria corre facilmente nell'orientarsi tra il dedalo delle strade salentine e ogni campanile, anche da lontano, rimanda al nome di un paese Cesare Liaci, amministratore Cooclub, Lecce Mi sento a casa quando mi trovo tra quattro pareti. Non importa che siano le pareti di casa o di casa di un amico intimo o del mio ufficio, l importante è che siano delle pareti familiari. Quando mi trovo in un luogo con il quale ho confidenza, allora mi sento perfettamente a mio agio. Leonardo Scollato, amministratore delegato centro olistico Casarano, Cutrofiano Mi trattengo talmente tante ore nel mio centro olistico, che è lì che mi sento a casa. Oggigiorno la gente ha bisogno di prendersi i suoi tempi, di concedersi dei momenti di relax e di cura della propria persona. Per questa ragione, noi cerchiamo di dare ai nostri clienti tutto ciò di cui essi hanno bisogno, ricreando un clima di perfetta armonia. E un atmosfera che si avverte in ogni angolo della nostra struttura e della quale beneficiamo anche noi soci. Mi sento a casa quando vedo le persone soddisfatte di aver ritrovato se stesse, di essersi concesse del tempo per ricaricare le energie. Quando ritornano a trovarci, sento di aver fatto il mio dovere. In quei momenti mi sento perfettamente in pace con me stesso. Non potrei sentirmi a casa in altro luogo. Dunja Zajec, coltivatrice diretta, Lubiana (Slovenia) Mi sento a casa mia dappertutto. Vivo a Lecce da 35 anni ed ormai sono perfettamente inserita in quel contesto; mi considero leccese a tutti gli effetti. Sono a mio agio con i contadini della grandi campagne del Capo di Leuca o in altri ambienti della città di Lecce, con la gente semplice e con quella più impegnativa. Mi sento a casa a San Gregorio. Ci sono delle situazioni, però, in cui non mi sento a casa: nei salotti o nei circoli chiusi della città bene, nelle situazioni tutte apparenza e frasi di circostanza. Per fortuna sono sempre stata molto libera ed indipendente ed ho sempre saputo evitarle. Preferisco scegliere con chi trascorrere il mio tempo.

39 // Cultura // // Il fenomeno è salentino Pop porno ENTRA ANCHE TU NELLA COMMUNITY DEL TACCO D ITALIA E DISCUTI DI QUESTO ARGOMENTO SU quando si diceil GENIO APPROFONDIMENTI VIENE DAL SALENTO IL NUOVO FENOMENO INDIE-POP. ALZI LA MANO CHI NON HA MAI CANTICCHIATO, NELLE ULTIME SETTIMANE, IL SINGOLO POP PORNO di FLAVIA SERRAVEZZA Da tempo la produzione musicale indipendente non guarda alla Francia degli anni Sessanta. Quella di Delon e Gainsbourg, della Bardot e di Anouk Aimèe, del pop di France Gall e le mossette di Françoise Hardy (Tous les garçons et les filles ). I Baustelle ne attingono a piene mani da anni shakerando atmosfere romantiche da tardo bianco e nero e amori languidi consumati su auto lanciate a tutta velocità. Alcune di queste suggestioni sono state riprese anche dal duo salentino che si fa chiamare Il genio. Attivi dai primi mesi del 2007 e arrivati ai clamori mediatici con sorprendente velocità, Gianluca De Rubertis (tastierista Studiodavoli), di Matino, e Alessandra Prima gli accessi su MySpace, poi l apparizione in tv, ospiti di Simona Ventura. E dopo l album d esordio per l etichetta indipendente Disastro records si è fatta avanti anche la major Universal. Il successo de Il Genio non ha tardato ad arrivare. Merito di ironia, originalità e sonorità vintage-parigine che, SORPRESA, HANNO RADICI NEL SALENTO Contini, di Supersano, hanno dichiarato la cifra trasgressivamente ironica del loro progetto con l accattivante cavallo di battaglia Pop porno. Singolo che li ha portati di recente alla ribalta sugli schermi di Rai 2, ospiti di un entusiasta Simona Ventura. Dopo un album d esordio dalle sonorità vintage-parigine e dall iconografia Nouvelle vague, uscito per l indipendente Disastro records (ultima creazione di una label di culto come la Cramps), ha fatto presto ad arrivare anche un contratto con la major Universal. il tacco d Italia 39 Novembre 2008

40 Il Foxy tour, ovvero il tour de Il Genio (che riprende il nome del rotolone di carta igienica più lungo del mondo, di reminiscenza hendrixiana) toccherà tutta Italia ma nella prima fase si concentrerà da Roma in su. Non si escludono delle date nel Salento, DURANTE LE FESTIVITÀ NATALIZIE Gianluca, si può dire che il vostro successo arriva da MySpace? Direi proprio di sì, superpotere di internet. Sul nostro profilo c erano giusto alcune canzoni divertenti nate quasi per gioco, in casa. Vivo a Milano da un paio di anni e in un primo periodo è stata proprio Alessandra ad ospitarmi. Siamo amici da più di un decennio. Le nostre canzoni e il numero di accessi al Myspace hanno incuriosito un etichetta storica come la Cramps. Ci hanno contattato per proporci di fare un disco che abbiamo registrato con la collaborazione di diversi musicisti tra i quali due salentini, Osvaldo Piliego e Francesco Sanfrancesco. Poi c è stata la spinta del singolo Pop porno, una canzoncina ironica nata con un bicchiere di vino in mano in una serata leccese. Naturalmente i passaggi del brano su Mtv e dalla Ventura ci hanno aiutato molto. Di recente avete firmato un contratto con Universal, una major che vi può assicurare ancora più visibilità. Confermo, conviviamo con due etichette discografiche. A novembre uscirà per Universal questa nuova edizione dell album Il Genio realizzata in digipack, che conterrà due nuove tracce: un inedito, intitolato Aria, e una cover di I wanna be your lover dei fratelli La Bionda. Dalla copertina e dalle vostre foto che circolano sul web, o ancora dal video La Pathetique girato da voi, si nota un certo amore per le atmosfere retrò. Immagini in bianco e nero, sigaretta in bocca, gonna e caschetto nero. Un immaginario musicale che accompagna sonorità sixties dall erotismo soffuso appoggiate su basi elettroniche Abbiamo sempre avuto un approccio ironico e divertito al progetto. In fondo siamo un po malinconici, il bianco e nero ci sta bene Ascoltate molta musica francese di quegli anni? Sicuramente ne abbiamo ascoltata tanta, soprattutto Alessandra. Personalmente ascolto pochissima musica pop ma le influenze sono moltissime, comprese quelle che vengono dall ascolto passivo derivante dal bombardamento mediatico. Se devo scegliere un disco da ascoltare in casa metto su musica classica, io vengo da lì. Ho studiato al Conservatorio di Lecce, pianoforte, ma ho sempre lavorato a progetti musicali abbastanza diversi. Ho iniziato a suonare seriamente nel 1999, durante gli anni dell Università. Tra le varie esperienze, sono passato da un gruppo rock come gli Psycho Sun agli Studiodavoli. Avete iniziato un tour ricco di date. Quando sarete nel Salento? L abbiamo battezzato Foxy tour, come il rotolone di carta igienica più lungo del mondo. Che è anche un po hendrixiano come nome. A Lecce abbiamo suonato in estate. In questa prima fase, i concerti si concentrano da Roma in su, ma da gennaio gireremo un po tutta l Italia. Forse faremo qualcosa nel Salento durante le festività natalizie ma è tutto da decidere. Anche se avete ancora poche date alle spalle, vi siete fatti un idea di come reagisce il pubblico alla vostra musica? Sta rispondendo davvero bene. L approccio per noi è devastante. Molta gente viene ai nostri concerti perché conosce il singolo, tanti altri perché hanno sentito il disco. Che alla fine mette insieme sonorità un po indie con dei testi in italiano che credo abbiano un richiamo diverso per il pubblico di questo Paese. Ci si ritrova molto più facilmente. Insomma, le reazioni sono buone, e noi ci divertiamo.

41 // Cultura // // Personaggi Helmut Dirnaichner IL DEmIURGO HELMUT DIRNAICHNER, HELMUT DIRNAICHNER E LE TERRE DEL SALENTO, CHIESA DI SAN FRANCESCO DELLA SCARPA, LECCE. 18 OTTOBRE 30 NOVEMBRE, ORE della terra Helmut Dirnaichner ROSSA di ANTONIO LUPO TerraeMundi E stata inaugurata lo scorso 18 ottobre, nel capoluogo (chiesa di San Francesco della Scarpa), l esposizione di 20 opere di Helmut Dirnaichner, tutte realizzate con elementi naturali dell habitat salentino, un repertorio attinto come sempre al mondo della natura, nell inconfondibile stile dell artista bavarese. Un suggestivo percorso a ritroso che riporta all essenza originaria della materia, suggerendo nuove percezioni in una originalissima sintassi di forme e colori tenuti insieme dalla cellulosa. Nato a Kolbemoor nel 1942, Helmut divide il suo tempo tra Monaco, la Brianza ed il Salento. Fin da quando, negli anni Ottanta, ha messo piede nell estremo lembo di Finisterrae, ha deciso di mettervi le radici, organizzando nei vecchi locali con volta a Apulisches Feld 2000 DOPO VARIE ESPOSIZIONI IN EUROPA, HELMUT DIRNAICHNER RITORNA NEL SALENTO CON LA SUE INSTALLAZIONI REALIZZATECON ELEMENTI DALLA NATURA botte di una masseria nei pressi di Gemini, l ambiente ideale per dare vita alle sue installazioni, alla creatività delle sue opere, frutto del silenzio e della meditazione. Del capo di Leuca lo hanno attratto subito la terra rossa, le pietre, l erba palustre, le conchiglie, le rocce, i minerali e la luce. Tanto che ha deciso di farne opere d arte: i colori puri e le essenziali forme archetipiche, sia che provengano da ceneri d ulivo, sia da alghe marine, sprigionano la loro bellezza e la loro essenziale autenticità. Sono nate così le performance che lo hanno fatto conoscere non solo all estero, ma anche al pubblico locale, la sua partecipazione a Crocevia (Casarano, 1992), le mostre che lo hanno visto collaborare in sintonia con lo scultore Norman Mommens a Casarano e a Matera (Materia Sorgente, Costellazioni terra e pietre). A distanza di qualche anno, dopo la produttiva esperienza didattica con gli studenti Bauxit 2003 dell Accademia delle Belle Arti di Lecce, dove è stato invitato qualche anno fa a tenere un seminario, Helmut ritorna a testimoniare il suo amore per il Salento, con l intento di offrire un omaggio ad una terra che ha ispirato molta parte delle sue opere. Una mostra dedicata a chi vive nel nostro territorio e può godere delle meraviglie del paesaggio, della cultura, delle tradizioni. Asche

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Qui voglio fare un esempio per capire dove siamo arrivati col denaro: Ammettiamo che io non abbia a disposizione quasi nulla come denaro, ma voglio

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. LA CENTRALE RISCHI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. Noi volevamo avere qualche informazione per un mutuo. Allora

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA DEBITI P.A. decreto del fare Di Emanuele Bellano PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA L impegno che il Ministero dell Economia in particolare sta attuando con grande determinazione

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA Il sottoscritto Gianni Montali consigliere comunale di Forza Italia,

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Grazie davvero al Presidente Guzzetti e grazie a tutti voi, al. Sindaco di Lucca, al Presidente della Fondazione per questo invito

Grazie davvero al Presidente Guzzetti e grazie a tutti voi, al. Sindaco di Lucca, al Presidente della Fondazione per questo invito Testo dell intervento del Presidente dell Anci Piero Fassino Grazie davvero al Presidente Guzzetti e grazie a tutti voi, al Sindaco di Lucca, al Presidente della Fondazione per questo invito e, per non

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

I "veri" retroscena sull'arresto del finanziere-estorsore Piero Stabile

I veri retroscena sull'arresto del finanziere-estorsore Piero Stabile I "veri" retroscena sull'arresto del finanziere-estorsore Piero Stabile Come sempre il CORRIERE DEL GIORNO non si è fermato agli spifferi di corridoio, attività in cui alcuni ventriloqui sotto mentite

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Sportelli al Comune: "non mi avete invitato alla conferenza stampa". Ma Agromed cosa ha fatto in tutti questi anni?

Sportelli al Comune: non mi avete invitato alla conferenza stampa. Ma Agromed cosa ha fatto in tutti questi anni? Sportelli al Comune: "non mi avete invitato alla conferenza stampa". Ma Agromed cosa ha fatto in tutti questi anni? Il presidente della Camera di Commercio di Taranto, rag. Luigi Sportelli ha inviato ai

Dettagli

Esercizi pronomi accoppiati

Esercizi pronomi accoppiati Esercizi pronomi accoppiati 1. Rispondete secondo il modello: È vero che regali una casa a Marina?! (il suo compleanno) Sì, gliela regalo per il suo compleanno. 1. È vero che regali un orologio a Ruggero?

Dettagli

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA 25 Novembre 2015 IL CITTADINO Lodi Codogno Sant Angelo Lodigiano Casalpusterlengo

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA 25 Novembre 2015 IL CITTADINO Lodi Codogno Sant Angelo Lodigiano Casalpusterlengo Pagina 1 di 6 rassegna stampa 25 Novembre 2015 IL CITTADINO Lodi Ecco la pagella dei nostri ospedali Codogno Sant Angelo Lodigiano Morta per l intervento estetico, il dramma in diretta dalla D Urso Casalpusterlengo

Dettagli

SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA)

SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA) SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA) DOSSIER A CURA DEL CENTRO NUOVO MODELLO DI SVILUPPO CON LA COLLABORAZIONE DI LUCA FERRINI (NOVEMBRE 2012) Prologo Ci vantiamo di vivere in un paese

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir DA DUE A TRE dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ Voglio poterti amare senza aggrapparmi, apprezzarti senza giudicarti, raggiungerti senza invaderti, invitarti senza insistere, lasciarti senza

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Giornalismo investigativo strumento di verità

Giornalismo investigativo strumento di verità colophon editore delos store Ordinaria Follia a cura di ARIANNA E SELENA MANNELLA Giornalismo investigativo strumento di verità di ARIANNA E SELENA MANNELLA Oggi il problema non è la mancanza di informazione

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Ciao a tutti! Volevo come scritto sul gruppo con questo file spiegarvi cosa è successo perché se non ho scelto la cucciola senza pedigree e controlli (e come sto per spiegare non solo) è anche grazie ai

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A TARANTO 14 settembre 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 16.45.

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A TARANTO 14 settembre 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 16.45. 1/6 MISSIONE A TARANTO 14 settembre 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 16.45. PRESIDENTE. Vi ringrazio della vostra presenza, voi sapete naturalmente, anche per l impegno

Dettagli

1. Come è nata l esperienza

1. Come è nata l esperienza Storia di una collaborazione di Maurizio Cattaneo, docente di sostegno pedagogico e Antonella Frezza, docente di matematica Rivista del Servizio di sostegno pedagogico della Scuola media, no. 12, marzo

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze)

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) È un piacere per il Comune di Firenze ospitare questo bellissimo incontro ricco di contenuti. Ho partecipato anche ai lavori di stamani. È

Dettagli

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di ECONOMIA Disoccupazione mai così alta nella storia d Italia La serie storica dell Istat si ferma al 1977, ma guardando i dati del collocamento e i vecchi censimenti si scopre che nella crisi del 1929 e

Dettagli

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso.

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Anna Contardi Ass.Italiana Persone Down www.aipd.it Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Esperienze di educazione sessuale per adolescenti con disabilità intellettiva Premessa Esisteun diritto alla

Dettagli

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci Qualcosa che va nella direzione giusta ogni tanto c è. Domenica scorsa avevamo parlato del Cavalier Tanzi e del suo presunto tesoro nascosto. GIORNALISTA Io

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito

SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito Vediamo adesso i conti di due operazioni immobiliari che ho fatto con la strategia degli immobili gratis a reddito. Via Nevio Via Nevio è stata la

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE Le immagini contenute in questa presentazione sono estratte da pagine web, se qualcuno dovesse trovare immagini coperte da copyright,

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008 Μάθημα: Ιταλικά Ημερομηνία και ώρα εξέτασης: Σάββατο, 14 Ιουνίου 2008 11:00 13:30

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Rischia di slittare la proclamazione degli eletti al Consiglio Regionale della Puglia a causa della scorretta trascrizione e conseguente

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013

MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 1 CHE COS È INTERNET? INTERNET (connessione di rete) E' la "rete delle reti" perché collega fra

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Nota importante all'articolo!

Nota importante all'articolo! Nota importante all'articolo! In seguito alla pubblicazione della seguente intervista ci sono giunte diverse segnalazioni attendibili che, contrariamente a quanto lasciato intendere nell intervista stessa,

Dettagli

Benvenuti a Sezze Rumeno

Benvenuti a Sezze Rumeno Facoltà di Scienze Politiche Sociologia Comunicazione Corso di Laurea Magistrale Scienze Sociali Applicate Sociologia e management della sicurezza Tesi di Laurea Anno accademico 2011/2012 Benvenuti a Sezze

Dettagli

Nel nome. I libri di S. Novantacento edizioni

Nel nome. I libri di S. Novantacento edizioni Nel nome del padre sono 23 gli interrogatori di massimo ciancimino, il figlio di don vito. E una valanga i pizzini che riscrivono la storia dei misteri d italia da gladio, alle stragi del 92, sino ai politici

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

SIGFRIDO RANUCCI E come no? Non mi dica che è la prima volta, perché non ci credo. Galluccio perché si rivolge a Lei?

SIGFRIDO RANUCCI E come no? Non mi dica che è la prima volta, perché non ci credo. Galluccio perché si rivolge a Lei? THE SPECIALIST di Sigfrido Ranucci MILENA GABANELLI FUORI CAMPO E adesso torniamo decisamente a casa nostra. Come tutte le settimane marchiamo stretto una nostra battaglia. Avevamo denunciato i controlli

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Tutto ciò che sappiamo di noi due

Tutto ciò che sappiamo di noi due Colleen Hoover Tutto ciò che sappiamo di noi due Traduzione di Giulia De Biase Proprietà letteraria riservata Copyright 2012 by Colleen Hoover Italian language rights handled by Agenzia Letteraria Italiana,

Dettagli

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia Da oltre 40 anni la vita in Colombia è dominata dalla paura e dai conflitti. Migliaia di colombiani che vivono in zone remote o negli slum

Dettagli

Introduzione. Gentile lettore,

Introduzione. Gentile lettore, Le 5 regole del credito 1 Introduzione Gentile lettore, nel ringraziarti per aver deciso di consultare questo e-book vorrei regalarti alcune indicazioni sullo scopo e sulle modalità di lettura di questo

Dettagli

Qualche magistrato e "sindacalista" vuole metterci a tacere. Ma non ci riusciranno.

Qualche magistrato e sindacalista vuole metterci a tacere. Ma non ci riusciranno. Qualche magistrato e "sindacalista" vuole metterci a tacere. Ma non ci riusciranno. L Editore ed i giornalisti del Corriere del Giorno Cari lettori, come avrete letto e saputo la macchina del fango diffamatoria

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

2. Lei dice che la mafia oggi sia più discreta che nel passato. Secondo Lei: La Mafia e più potente o meno potente che diciamo dieci anni fa?

2. Lei dice che la mafia oggi sia più discreta che nel passato. Secondo Lei: La Mafia e più potente o meno potente che diciamo dieci anni fa? 1. In Germania c'è l'impressione che in Italia il periodo degli grandi assassini della mafia sia passato: Non si vede più grandi attentati come quellineglianninovanta.comemai?egiustoquestaimpressione?

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

VERBALE N. 94 del 22.12.2014

VERBALE N. 94 del 22.12.2014 VERBALE N. 94 del 22.12.2014 . Prego Assessore Mauro Scroccaro. Ancora grazie. Anche questo

Dettagli

ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO

ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO 1 PERCHÉ CONOSCERE L ITALIANO È UN PLUSVALORE? 2 Italiano lingua del cuore Feten Fradi - esperta comunicazione audiovisiva Copeam La mia esperienza personale

Dettagli

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte.

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte. FRANCESCA CORSO di Edoardo Di Lorenzo FRANCESCA CORSO FONDATRICE Ho lavorato come assistente sociale al carcere di San Vittore e ho trovato dei bambini carcerati assieme alle mamme in un regime carcerario

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Guida didattica all unità 15 Un compleanno importante

Guida didattica all unità 15 Un compleanno importante Guida didattica all unità 15 Un compleanno importante 1. Proposta di articolazione dell unità Presentiamo qui di seguito un ipotesi di articolazione dell unità 15, indicando una possibile scansione delle

Dettagli

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese della Riviera. L intervento del nostro leader in 20

Dettagli

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Enzo De Maio, datore di lavoro Nella mia funzione di case manager e consulente HR della Direzione generale delle dogane, ho ricevuto una comunicazione

Dettagli

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Febbraio 2008 La nazionale egiziana è in finale: domenica si giocherà la Coppa d Africa. Non serve certo che io mi registri all evento su facebook, per ricordarmi

Dettagli

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Un altra speranza Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Riccardo Dossena Tutti i diritti riservati Progetto scrivere di Riccardo Dossena. Con il mio

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A Doc. IV-bis n. 10 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE A PROCEDERE IN GIUDIZIO A I S E N S I D E L L A R T I C O L O 9 6 D E L L A C O S T I

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Livello A2. Unità 10. La costituzione. Chiavi. Lavoriamo sulla comprensione. Testo 1 1. Ascolta il dialogo. Vero o falso?

Livello A2. Unità 10. La costituzione. Chiavi. Lavoriamo sulla comprensione. Testo 1 1. Ascolta il dialogo. Vero o falso? Livello A2 Unità 10 La costituzione Chiavi Lavoriamo sulla comprensione Testo 1 1. Ascolta il dialogo. Vero o falso? - Ciao Carlo, in questi giorni l Italia festeggia i 150 anni di unità e naturalmente

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Comune di Agrigento Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Ordine del Giorno 1. Designazione scrutatori; 2. Relazione previsionale e programmatica 2013 2015. Bilancio di Previsione 2013. Bilancio

Dettagli

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Scopri come i grandi investitori hanno posto le basi per il loro successo. Tutto quello che devi assolutamente conoscere prima

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli