COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE SALUTE & TUTELA DEL CONSUMATORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE SALUTE & TUTELA DEL CONSUMATORE"

Transcript

1 COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE SALUTE & TUTELA DEL CONSUMATORE Direzione D - Sicurezza dei prodotti alimentari: catena di produzione e distribuzione D2 - Rischi biologici SANCO/34/2004 rev. 3 Documento di lavoro 13 luglio 2004 STUDIO DI RIFERIMENTO SULLA DIFFUSIONE DI SALMONELLA TRA GLI ESEMPLARI OVAIOLI di Gallus Gallus NELL'UE CARATTERISTICHE TECNICHE PRESENTATO PRESSO LA RIUNIONE DEL COMITATO PERMANENTE PER LA CATENA ALIMENTARE E LA SALUTE DEGLI ANIMALI DEL 15 LUGLIO

2 STUDIO DI RIFERIMENTO SULLA DIFFUSIONE DI SALMONELLA TRA GLI ESEMPLARI OVAIOLI di Gallus Gallus NELL'UE CARATTERISTICHE TECNICHE Capitolo 1 Obiettivi dello studio L'obiettivo è stimare la diffusione di salmonella negli esemplari di galline ovaiole (Gallus Gallus) che producono uova da tavola alla fine del loro periodo di produzione negli Stati membri dell'unione europea. Considerando che lo studio si concentra sulle salmonelle zoonotiche, le salmonelle Pullorum e le salmonelle Gallinarum sono escluse dal suo campo d'applicazione. I gradi di diffusione riscontrati nei diversi Stati membri saranno comparabili. Lo studio dovrebbe coprire un periodo di un anno a partire dal 1 ottobre Capitolo 2 Base di campionamento: La base di campionamento dovrebbe coprire principalmente le aziende con almeno 1000 galline ovaiole. In paesi dove il numero di aziende con almeno 1000 galline è inferiore alla dimensione del campione calcolata (cfr. capitolo 3), verranno incluse anche aziende più piccole, concentrandosi di preferenza sulle aziende con più di 350 galline. Le aziende non soggette alle disposizioni del regolamento (CE) n. 2160/2003, conformemente al suo articolo 1, paragrafo 3 non devono essere sottoposte a prelievo di campioni. Le galline saranno sottoposte al prelievo alla fine del loro periodo di cova, un massimo di 9 settimane prima dello sfoltimento. Ciò non valer per i piccoli gruppi (tassativamente meno di 1000 galline) con età mista. Per organizzare tale raccolta di campioni, le autorità dovrebbero organizzare un sistema che permetta loro di visitare i gruppi al momento opportuno. Il prelievo dovrebbe limitarsi a un solo gruppo per azienda. In caso di presenza di gruppi di età diverse entro 9 settimane dallo sfoltimento, il prelievo dovrebbe concentrarsi sulle ovaiole più anziane. Nel caso di gruppi di volatili di età diverse in un unico gruppo, il prelievo si concentrerà sui gruppi più anziani. Nella selezione delle aziende si dovrebbe tenere conto del rischio rappresentato dal fatto che alcune delle aziende inizialmente scelte non potranno essere sottoposte a prelievo di campioni (p. 2

3 es. a causa di macellazioni anticipate); inizialmente si dovrebbe quindi partire da un numero di aziende leggermente superiore. Le definizioni sono fornite nell allegato 4A. Per quanto possibile, i prelievi di campioni dovrebbero essere distribuiti regolarmente nell arco dell'anno per coprire le diverse stagioni. La raccolta di campioni viene eseguita dall'autorità competente o, sotto la sua supervisione, dagli organismi ai quali ha delegato questa responsabilità. Capitolo 3 Dimensione del campione e selezione dei gruppi La dimensione primaria del campione rivela quante sono aziende da esaminare. È calcolato sulla base dei seguenti criteri: Diffusione del target: 20% Livello di fiducia desiderato: 95% Precisione: 3% I paesi prelevano campioni da un numero di gruppi calcolato sulla base dei criteri di cui sopra, a prescindere dalla diffusione conosciuta per il paese sulla base di altre misure preesistenti. In ogni Stato membro, la popolazione di galline ovaiole dovrebbe essere stratificata secondo la dimensione delle aziende. La stratificazione delle aziende dovrebbe essere eseguita sulla base della seguente ripartizione, per quanto possibile: > = All'allegato 1 si trova la ripartizione del numero di aziende negli Stati membri, basato sui dati forniti ai servizi della Commissione dalle autorità nazionali, nonché il numero e la ripartizione di aziende da sottoporre alla raccolta di campioni sulla base dei criteri statistici di cui sopra. La dimensione del campione è calcolata utilizzando la formula contenuta nell'allegato 2. I paesi possono utilizzare dati più recenti sulla loro popolazione di galline ovaiole, se disponibili, a condizione di ricorrere alla ripartizione e alla formula di cui sopra. I dati della popolazione e la dimensione del campione saranno comunicati alla Commissione. In totale, almeno 172 aziende dovrebbero essere soggette a prelievi per consentire l'individuazione di una riduzione della diffusione dal 20% al 10% con un potere del 95%. Per i paesi con meno di 172 aziende sopra 1000 galline, saranno addizionalmente selezionate delle aziende più piccole, concentrandosi preferibilmente sulle aziende con più di 350 galline. Per i paesi che hanno meno di 172 aziende (tutte le dimensioni incluse), si preleveranno campioni da tutte le aziende. Capitolo 4 Campioni Per ottimizzare la precisione della raccolta di campioni, verranno prelevati sia materiali fecali (pollina) che ambientali. 3

4 A seconda dal tipo di produzione/di impianti, si rispetteranno le seguenti disposizioni. Sono richiesti 7 campioni collettivi prelevati in una qualsiasi delle aziende selezionate, ossia: Gruppi da batteria 5 campioni di feci naturalmente miste prelevate dal nastro di raccolta delle uova, dal raschietto o dalla fossa, a seconda del tipo di batteria. Ciascuno dei 5 campioni raccolti all'azienda agricola dovrebbe pesare approssimativamente g. 2 campioni di materiale polveroso prelevato sotto le gabbie (2x250ml) Granai o pollai per polli ruspanti 5 paia di tamponi da stivali (1 paio = 1 pool); 1 campione di polvere prelevato dal nastro di raccolta delle uova (250 ml) 1 campione di polvere raccolto da diversi punti del pollaio (250 ml) I particolari relativi alla raccolta di campioni sono fissati nell'allegato 3 La raccolta di campioni nelle aziende che hanno meno di 1000 galline dovrebbe il più possibile seguire le procedure di cui sopra. Per i piccoli gruppi non in gabbia, i campioni di polvere possono essere sostituiti da campioni di pollina supplementari. Gli Stati membri possono raccogliere campioni supplementari, in qual caso comunicheranno i dati separatamente. Capitolo 5 Analisi I campioni saranno inviati per posta o corriere veloce al laboratorio competente. I laboratori nazionali di riferimento per le salmonelle sono i laboratori dove avranno luogo l'individuazione e la classificazione in base al sierotipo. Qualora il laboratorio nazionale di riferimento non abbia la capacità di eseguire tutte le analisi o non sia il laboratorio che di solito provvede all'individuazione, le autorità competenti possono decidere di designare un numero limitato di altri laboratori coinvolti nel controllo ufficiale di salmonelle per eseguire le analisi. Tali laboratori devono possedere un'esperienza comprovata nell utilizzo del metodo d'individuazione richiesto, disporre di un sistema di garanzia della qualità conforme allo standard ISO e sottoporsi al controllo del laboratorio nazionale di riferimento. Presso il laboratorio i campioni devono essere tenuti refrigerati fino all'esame, da effettuare entro 48 dalla ricezione dei campioni. Per la preparazione dei campioni: tamponi da stivali: svuotare accuratamente il paio di tamponi da stivale (detti anche "calze") per evitare di spostare il materiale fecale aderente e porre in una soluzione acquosa con tampone di peptone di 225ml preriscaldata a temperatura ambiente agitare per saturare interamente il campione, quindi continuare la cultura tramite il metodo approvato per l'indagine Altri campioni di materiale fecale e di polvere: 4

5 in laboratorio prelevare 200g da ciascun campione di feci o 50g da ciascun campione di polvere e porre delicatamente in una soluzione acquosa con tampone di peptone di peso uguale. lasciare ammorbidire il campione per minuti, quindi mescolare delicatamente a mano, assicurandosi che la polvere sia interamente saturata. immediatamente dopo avere mescolato, togliere 50 g del miscuglio ed aggiungere 200 ml soluzione acquosa con tampone di peptone preriscaldata a temperatura ambiente. Continuare la cultura del campione con il metodo approvato per l'indagine. Metodo d'individuazione Utilizzare il metodo raccomandato dal laboratorio comunitario di riferimento per le salmonelle di Bilthoven, Paesi Bassi,: il metodo è una modifica di ISO 6579 ( 2002), in cui è utilizzato un terreno semisolido (MSRV) come terreno di arricchimento selettivo unico. Il terreno semisolido dovrebbe essere incubato a 41,5 +/- 1 C per 2x (24+/-3) ore. Classificazione in base al sierotipo: Almeno un isolato di ogni campione positivo deve essere sottoposto a tipizzazione presso un laboratorio nazionale di riferimento per le salmonelle. Il laboratorio nazionale di riferimento seguirà il sistema Kaufmann-White. Per la garanzia della qualità, una quota dei ceppi tipizzabili e degli isolati non tipizzabili deve essere inviata al CRL, con un massimo di 16 ceppi tipizzabili e di 16 ceppi non tipizzabili. Una quota di tali isolati dovrebbe essere inviata al CRL con scadenza trimestrale. Stoccaggio dei ceppi: I ceppi isolati sono immagazzinati utilizzando il normale metodo per la raccolta delle culture NRL, a condizione di poter assicurare l'integrità dei ceppi per un minimo di 2 anni. Tipizzazione dei fagi: Si raccomanda vivamente di tipizzare almeno un isolato di S. Enteritidis e S. Typhimurium di ciascun campione positivo, utilizzando il protocollo definito da HPA Colindale, Londra. Test di suscettibilità agli antimicrobici: A scopi epidemiologici, si raccomanda che, per quanto possibile, un isolato per sierotipo per gruppo sia utilizzato per il test di suscettibilità agli antimicrobici. Nei limiti del possibile dovrebbero essere adottati i metodi quantitativi e utilizzati gli standard NCCLS. Capitolo 6 Relazione: Un gruppo è considerato positivo ai fini di questo studio se la presenza di Salmonella spp. è individuata in almeno uno dei campioni. Tuttavia, tutti i sierotipi saranno riferiti separatamente, compresi i sierotipi non tipizzabili. Le definizioni sono fornite nell allegato A. Conformemente all'articolo 9 della direttiva 2003/99/CE, l'autorità nazionale responsabile per l elaborazione della relazione nazionale annuale sul controllo delle salmonelle negli animali raccoglierà e valuterà i risultati e riferirà alla Commissione. 5

6 I dati completi per tutte le aziende saranno comunicati dagli Stati membri alla Commissione, compresi i dati sottomenzionati. Il formato secondo il quale questi dati dovrebbero essere presentati viene debitamente stabilito dalla Commissione in consultazione con gli Stati membri e le parti in causa (CRL salmonelle, CRL per epidemiologia delle zoonosi a Berlino ed EFSA). I dati pertinenti raccolti ai fini dello studio saranno forniti all'autorità europea per la sicurezza dei prodotti alimentari, su richiesta dalla Commissione. Qualsiasi utilizzo dei dati presentati dagli Stati membri per scopi esulanti dell'obiettivo di questo studio sarà soggetto all'accordo preliminare degli Stati membri. I dati ed i risultati aggregati nazionali saranno resi disponibili pubblicamente in formato tale da garantirne la riservatezza. La relazione comunitaria verrà preparata in consultazione con la Commissione, l EFSA, il CRL salmonella e gli Stati membri. Una relazione sullo stato di avanzamento dell'esecuzione dello studio per il periodo di raccolta di campioni ottobre-dicembre 2004, menzionante anche le difficoltà incontrate, verrà trasmessa alla Commissione entro la fine di gennaio La relazione finale verrà fornita entro il 15 ottobre 2005, insieme ai documenti finanziari di sostegno. Le seguenti informazioni devono essere riferite alla Commissione: 1. Descrizione globale sull'attuazione del programma Descrizione della popolazione studiata stratificata in base alle dimensioni delle aziende Descrizione della procedura di randomizzazione, compreso il sistema di notifica e la distribuzione regionale delle aziende sottoposte ai prelievi, Dimensione del campione calcolata e realizzata Particolari sulle autorità ed i laboratori partecipanti alla raccolta dei campioni, ai test e alla tipizzazione Risultati globali dello studio (in base ai prelievi richiesti) in particolare: diffusione di salmonelle spp.; diffusione di Salmonella typhimurium, Salmonella Enteritidis ed altri sierotipi Se vengono prelevati campioni supplementari, dovrebbero essere forniti dettagli sui campioni ed i metodi di test nonché osservazioni sui risultati 2. Dati completi su ciascun azienda/gruppo in cui sono stati effettuati prelievi e risultati dei test corrispondenti: Riferimento dell azienda Tipo di produzione dell azienda: tutti i tipi presenti nell azienda, (gruppi da batteria/gruppi da granaio/ gruppi ruspanti convenzionali/ gruppi ruspanti biologiche) Misura (categoria) della aziende Numero di galline nell azienda, Numero di gruppi nell azienda Numero di galline nel gruppo esaminato Tipo di produzione del gruppo: tipo del gruppo esaminato, (gruppi da batteria/gruppi da granaio/ gruppi ruspanti convenzionali/ gruppi ruspanti biologiche) Data e luogo della raccolta dei campioni Età delle galline al momento della raccolta dei campioni (per gruppi di età mista specificare l arco d'età delle galline) 6

7 Data prevista dello sfoltimento Riferimento dei campioni Tipo di campioni prelevati: tampone da stivale; campioni collettivi di feci (pollina) provenienti dal nastro di raccolta delle uova caduta; feci prelevate dal raschietto; campioni collettivi di feci provenienti dalla fossa; materiale polveroso raccolto sotto le gabbie; polvere raccolta sul nastro di raccolta delle uova; polvere raccolta in luoghi diversi (gruppi da granaio o ruspanti); Nel caso di raccolta di campioni supplementare, precisare i particolari separatamente Stato della vaccinazione; natura del vaccino (inattivato/vivo); tempo d'applicazione Farmaco utilizzato durante le 2 settimane precedenti Le seguenti informazioni dovrebbero essere raccolte negli Stati membri per ogni campione sottoposto a test in laboratorio: Identificazione del laboratorio (qualora siano coinvolti diversi laboratori) Riferimento dell azienda/del gruppo da cui sono stati prelevati i campioni Mezzo di trasporto dei campioni Data del test Tipo di esemplare Peso/volume dell'esemplare Risultato per il singolo campione sottoposto a test (negativo o Salmonella serovar o non tipizzabile) Nel caso di prelievo di campioni supplementari, precisare i particolari separatamente, compreso i(l) metodo(i) utilizzato(i) Per ceppi sottoposti a test di suscettibilità agli antimicrobici e/o tipizzazione dei fagi: risultati 7

8 Allegato 1 Paese Anno > = Totale aziende da sottoporre a prelievo Austria AT Belgio - BE Cipro - CY 2003? Danimarca DK Estonia - EE Finlandia FI Francia - FR Germania - DE Grecia - GR Ungheria - HU Irlanda IE Italia IT Lettonia - LV Lituania - LT Lussemburgo - LU Paesi Bassi - NL Polonia - PY Portogallo PT Slovenia SI Spagna ES Svezia SE Regno Unito UK 2002/ Malta - MT > = > Totale aziende da sottoporre a prelievo > Repubblica slovacca - SK > Totale aziende da sottoporre a prelievo > Repubblica ceca CZ

9 *: comprese alcune aziende sotto 1000 galline 9

10 Il numero di aziende da sottoporre a prelievo per ogni paese è stato calcolato considerando il numero totale di aziende con più di capi, una diffusione prevista del 20% ed una precisione del 3%, con i limiti di confidenza del 95%. I campioni sono stati successivamente distribuiti proporzionalmente al numero di aziende in ciascuna categoria dimensionale. Per ottenere una serie di aziende da sottoporre a prelievo sufficiente per accertare i cambiamenti nella diffusione nel tempo, tutti i paesi dovrebbero sottoporre a prelievo almeno 172 aziende, permettendo così di accertare una diminuzione nella diffusione di almeno il 10% se la diffusione prevista è del 20%, alfa=0,05 e la test potency=0,95. Per tale ragione nei paesi in cui il numero di aziende da sottoporre a prelievo è < 172, è necessario aumentare il numero di aziende da sottoporre a prelievo per raggiungere 172 aziende. Le aziende > 1000 saranno sottoposte a prelievo in base allo schema precedente; si sottoporranno a prelievo ulteriori aziende (< 1000) per raggiungere il numero di 172 (Irlanda, Portogallo). Se del caso i paesi che hanno un numero totale di aziende < 172, dovranno sottoporre a prelievo tutte le aziende rilevanti esistenti: Cipro (33), Repubblica ceca (ca. 90), Estonia (ca ), Lettonia (intorno 20), Lituania (ca. 20), Lussemburgo (ca ), Malta (ca. 20), Repubblica slovacca (ca. 40), Slovenia (104). 10

11 Allegato 2 Frankena K, Noordhuizen JP, Willeberg P, van Voorthuysen PF, GU Goelema. EPISCOPE: computer programs in veterinary epidemiology (programmi informatici in epidemiologia veterinaria). Vet Rec 1990; 126: Dimensione approssimativa necessaria per i campioni Lo scopo è stimare la dimensione necessaria per i campioni entro la gamma desiderata per i limiti di confidenza: x+w Utilizzando l'approssimazione normale per una popolazione infinita: w = z α p( 1 p) n con p=prevalenza e z α = valore della distribuzione normale standardizzata che corrisponde alla probabilitàα. Risolvendo per n otteniamo n = 2 zα w p(1 p). Per una popolazione limitata: 1 n = 1 n + 1 N con N = dimensione reale della popolazione n = campione con popolazione infinita n = campione semplice con popolazione finita 11

12 Allegato 3 TIPI DI CAMPIONE PER INDIVIDUARE LA SALMONELLOSI SPP. DEI GRUPPI DA COVA ANTEFATTO Vari studi hanno dimostrato che il controllo ambientale di feci e polveri naturalmente miste è più efficace della raccolta di singoli campioni di feci ai fini dell'individuazione delle salmonelle nei gruppi commerciali da cova. Questo documento intende descrivere i metodi che possono essere utilizzati per la raccolta di campioni nei diversi tipi di gruppi. È importante non solo prelevare i campioni in un modo rappresentativo, utilizzando un protocollo il più possibile standardizzato, ma anche prelevarli dalle sezioni dell azienda a più forte rischio di risultati positivi a causa della concentrazione di contaminazione. Alla fine del documento si trovano delle linee guida per la procedura di raccolta dei campioni. TIPI DI CAMPIONE SINGOLI Pur dovendo eventualmente adattare il modo di raccolta dei tipi di campione alle condizioni riscontrate nel gruppo da sottoporre a prelievo, il prelevatore dovrebbe sforzarsi di seguire le seguenti regole. Aziende con galline in granaio o ruspanti 1. Tamponi da stivale nelle aziende con galline in granaio o ruspanti 1.1. Il tampone serve alla raccolta di campioni fecali/ rifiuti umidi dalle superfici del pavimento. Può essere applicato anche mentre si prelevano altri campioni nell azienda I tamponi per stivale utilizzati dovrebbero essere sufficientemente assorbenti per assorbire l'umidità. Si possono utilizzare anche calze del tipo Tubegauze Entrare nell'azienda da sottoporre a prelievo e indossare un paio di copristivali nuovi - normalmente ciò è più facile che indossarli sopra a dei vecchi copristivali. Applicare i tamponi o le calze sui copristivali Umidificare la superficie del tampone dello stivale utilizzando diluente a massimo recupero (0,8% cloruro di sodio, 0,1% di peptone in acqua deionizzata sterile) A seconda dalla quantità di paia di campioni da tampone da stivale da prelevare, suddividere la superficie pavimentata dell azienda e camminare in modo da calpestare almeno 100 m per paio di tamponi da stivale nel settore scelto. Muoversi in maniera tale da raccogliere un campione rappresentativo di tutte le parti del settore, compresi i settori imbrattati e ricoperti di assi, a condizione ce le assi consentano di camminarvi in sicurezza. Qualora sia specificato un numero sufficiente di campioni di tampone da stivale, raccogliere campioni separatamente dai settori imbrattati e da quelli ad assi. Assicurarsi che tutti i distinti recinti di un azienda siano inclusi nella raccolta di campioni Alla fine della raccolta di campioni nel settore prescelto prelevare con attenzione i tamponi da stivale per non spostare il materiale aderente, inserire nel sacco o nel barattolo ed assicurarsi che esso sia etichettato. Se è previsto il prelievo di un altro paio di tamponi da nella stessa azienda, procedere come ai punti nel settore successivo dell azienda. 12

13 2. Polvere da aziende con galline allevate in granaio o ruspanti 2.1. Usare maschere antipolvere, possibilmente durante l intero processo di raccolta dei campioni, ma in ogni caso nel raccogliere i campioni di polvere Individuare insieme al gestore i punti migliori per la raccolta della polvere nell azienda, di norma i deflettori del ventilatore aspirante, evt. anche bordi, travi, schermi divisori o condutture adiacenti Potrebbe essere necessario prendere in prestito una scala agricola per raggiungere i posti migliori per raccogliere campioni di polvere, ma è preferibile raccogliere polvere a basso livello laddove possibile Non toccare ventilatori in movimento per raccogliere la polvere Evitare di raccogliere la polvere dai settori intorno ai sistemi di fornitura del mangime, poiché conterrà meno materiale fecale Se si utilizzano i deflettori del ventilatore aspirante per la raccolta di polvere raccogliere quattro sottocampioni di polvere, per riempire - dopo la compressione del campione un barattolo di plastica o sacco da 250 ml. Assicurarsi che i sottocampioni siano distribuiti in maniera da essere rappresentativi di tutta l azienda Se l azienda è suddivisa in recinti, assicurarsi che nel campione sia compresa polvere proveniente da tutti i recinti Se non vi sono deflettori del ventilatore aspirante, o se questi non sono accessibili, raccogliere la polvere da bordi, travi e condutture - raccogliere sottocampioni da dieci diverse sezioni dell azienda, assicurandosi che tutti i distinti recinti siano inclusi nel campione Se la polvere è molto sparsa, ad esempio nei piccoli edifici naturalmente arieggiati per galline ruspanti, raccogliere la polvere dovunque sia reperibile. Se necessario utilizzare un raschietto per agevolare la raccolta. Se non vi è polvere adatta, raccogliere un campione in più di tampone da stivale o da lettiera Una volta completato il campione, assicurarsi che sia correttamente etichettato. 3. Polvere raccolta dal nastro di raccolta delle uova in aziende con galline allevate in granaio o ruspanti 3.1. I nastri per la raccolta delle uova da box di cova automatici normalmente scaricano nell'anticamera della batteria, dove la polvere caduta dai nastri viene raccolta in un vassoio o sul pavimento posto sotto l'estremità del nastro. Inoltre spesso è possibile raccogliere il materiale dalle spazzole poste all'estremità del nastro all interno del capannone Chiedere al gestore di azionare i nastri da uova, ma di non togliere la polvere, prima che i campioni siano prelevati In caso di nastri multipli raccogliere materiale da ciascuno di essi Non tentare di raccogliere campioni quando i nastri sono in funzione Utilizzando guanti di plastica nuovi, raccogliere dai nastri materiale polveroso sufficiente per riempire un barattolo di 250 ml o un sacchetto di plastica, dopo compressione. Se il volume di campione è inferiore, raccogliere quanto disponibile Una volta completato il campione, assicurarsi che sia correttamente etichettato. Gruppi da batteria 4. Pollina mista da nastri a caduta, raschietti o fosse 4.1. La pollina proveniente da batterie viene rimossa in tre modi principali: (a) Nastri a caduta sotto ogni fila di gabbie, regolarmente messi in funzione e scaricati con un sistema a succhiello o a trasporto. 13

14 (b) Sistema a caduta in fosse, con deflettori posti sotto le gabbie, raschiati per provocare la caduta in una profonda fossa sotto la batteria. (c) Sistema a caduta in fosse in batteria a piattaforme, con sbilanciamento delle gabbie e caduta della pollina direttamente nel pozzo Normalmente una batteria contiene diverse pile di gabbie; assicurarsi che nel campione misto globale sia rappresentata pollina mista da ogni pila. 5 campioni misti devono essere prelevati da ogni gruppo nel modo seguente: Nei sistemi con nastri o raschietti chiedere al gestore di metterli in funzione il giorno della raccolta dei campioni prima e dopo la raccolta Nei sistemi con deflettori sotto le gabbie e raschietti raccogliere pollina mista che si trovava sul raschietto dopo la messa in funzione. Includere materiale da ciascuna pila di gabbie, per un totale di circa g per campione Nei sistemi di gabbie a piattaforma senza sistema a nastro o a raschietto è necessario raccogliere la pollina mista dalla fossa profonda. Miscelare a mano la superficie dei pilastri del concime e raccogliere 40 mucchietti distinti di materiale misto, per avere campioni di tutte le file della gabbia per un totale per campione di circa g Sistemi di nastro a caduta: raccogliere per ogni campione circa g di pollina mista dalle estremità dello scarico dei nastri. La pollina si preleva dalle barre del raschietto all estremità del nastro, dove può essere raccolta agevolmente. Utilizzando un nuovo paio di guanti di plastica per ogni campione raccogliere almeno 20 mucchietti da diversi raschietti del nastro, se possibile, ed assicurarsi che tutte le pile siano comprese nel campione misto finale Quando il campione è completato assicurarsi che sia correttamente etichettato. 5. Materiale polveroso sotto le gabbie 5.1 Se la batteria ha più di un piano di raccolta raccogliere solo i campioni dal piano inferiore Utilizzando un nuovo paio di guanti di plastica per ogni campione raccogliere il materiale polveroso da sotto le gabbie in 20 posizioni distinte della batteria, proveniente da tutte le pile di gabbie A mano inguantata o utilizzando un raschietto mescolare il materiale sul pavimento e porne una grande manciata nel barattolo o nel sacco dei campioni Raccogliere campioni da tutte le estremità delle pile - a circa un quarto della lunghezza della pila a partire dall'estremità di ciascuna pila prescelta. = punto della raccolta di campioni sotto pile di gabbie 5.5. Il campione totale dovrebbe riempire per intero un barattolo o un sacco di 250 ml Quando il campione è completato assicuratevi che sia correttamente etichettato. GUIDA PER LE PROCEDURE DI RACCOLTA DEI CAMPIONI CONSIGLI PER L ATTREZZATURA Veicolo per visite dell'azienda agricola in buone condizioni Stivali di gomma disinfettati Copristivali usa e getta Tuta da lavoro usa e getta 14

15 Maschera antipolvere Cuffia Istruzioni per la raccolta dei campioni Bloc-notes e modulo per registrare i campioni Biro, matita, pennarello impermeabile Piccola torcia Barattoli o sacchi sterili per campioni Guanti sterili usa e getta Raschietti sterili usa e getta (ad esempio spatole di legno sterilizzate in autoclave) Tamponi da stivale Diluente a recupero massimo Cassa/scatola per contenere attrezzatura Spay disinfettante Attrezzatura per imballare e spedire i campioni Il personale addetto alla raccolta dei campioni deve prendere le precauzioni del caso per evitare l'introduzione o la trasmissione di qualsiasi malattia da un azienda all'altra. I dettagli sottostanti sono volti a fornire orientamenti sulla raccolta dei campioni. 1. Concordare la visita presso l'azienda agricola 1.1. Consultare l'elenco delle aziende selezionate per la raccolta di campioni Contattare l'agricoltore per identificare età, dimensione, tipo e date di sfoltimento dei gruppi presenti Scegliere il gruppo più vicino allo sfoltimento per la raccolta dei campioni, fino a quando questo è tipico del sito nel suo insieme Se tale gruppo non è tipico (per esempio, piccolo gruppo da granaio o ruspante in una grande azienda principalmente a batteria), scegliere il gruppo successivo più adatto per essere sfoltito Ai fini della progettazione della raccolta di campioni ottenere i particolari sul sistema di ventilazione, raccolta delle uova, smaltimento della pollina adottati nell azienda prescelta. 1.6 Accordarsi preventivamente con il gestore sulla raccolta e confermare per iscritto Verificare le precauzioni sanitarie richieste dal gestore ai visitatori Chiedere al gestore di azionare i nastri o i raschietti di buon ora nel giorno di raccolta e non togliere la polvere dai carrelli da uova e da sotto le gabbie fino al completamento della raccolta Verificare telefonicamente con l agricoltore - alcuni giorni prima della visita - che la data e l'ora prevista per la raccolta dei campioni sia ancora adeguata e per rammentare il summenzionato punto Preparazione per la raccolta di campioni dell'azienda agricola 2.1 Raccogliere l'attrezzatura richiesta. Pensare ad alcuni recipienti, guanti, tamponi da stivale di riserva, ecc., nel caso di contrattempi. I barattoli ed i sacchi per i campioni possono essere preetichettati per avere un riscontro al modulo relativo al campione. 2.2 Assicurarsi che il veicolo utilizzato per la raccolta di campioni sia pulito sia all interno che all esterno. 15

16 2.3 Controllare che tutta l'attrezzatura sia accuratamente riunita e che l'abbigliamento protettivo sia di taglia e tipo adeguato. 3. Arrivo presso l'azienda agricola 3.1. Assicurarsi che le precauzioni sanitarie precisate dagli agricoltori siano osservate Arrivare all'azienda agricola al tempo precisato Parcheggiare il veicolo su un terreno pulito lontano dai sistemi d'estrazione dell'aria polverosa o dalle correnti polverose provenienti dagli edifici o dai rifiuti conservati Disinfettare le ruote e gli alloggiamenti delle ruote del veicolo Attirare l'attenzione dell'agricoltore tramite la campanella o il sistema telefonico fornito, o con il clacson dell'automobile o il cellulare e non entrare nelle batterie senza permesso del gestore o del direttore Utilizzare l'abbigliamento protettivo se fornito. Se non è fornito portare tuta da lavoro, guanti, stivali impermeabili disinfettati e copristivali usa e getta Chiedere al gestore di identificare la batteria da sottoporre a prelievo, di illustrare la pianta dell azienda e di accendere le luci della azienda Se necessario chiedere al gestore in prestito una scala a pioli o simile per raccogliere la polvere dai luoghi più adatti Registrare i dati richiesti sull'azienda nel registro dell'azienda. (particolari ancora da definire, ma sicuramente bisogna indicare la dimensione del gruppo, il tipo di gruppo, il tipo di batteria, lo status ed il tipo di vaccinazione, l età del gruppo, la ventilazione, la raccolta delle uova ed i particolari sullo smaltimento della pollina). 4. Prelievo dei campioni 4.1 Controllare la scheda di istruzioni per il tipo di campioni da prelevare nell azienda prescelta. 4.2.Prelevare i campioni nel modo più rappresentativo possibile, includendo sottocampioni provenienti dalle diverse parti della azienda Cambiare i guanti tra ogni campione Assicurarsi che il numero di identificazione dell'azienda agricola, il numero del campione ed il tipo di campione siano chiaramente indicati sul recipiente del campione o interamente specificati sul modulo relativo al campione Una volta presi tutti i campioni dall'azienda agricola sono controllo verificare che siano etichettati correttamente e che tutti i moduli siano stati compilati. 5. Lasciare l'azienda agricola 5.1.Se possibile eliminare tutte le attrezzature usa e getta nell'azienda agricola Se sono stati usati stivali propri pulirli e disinfettarli a fondo Lavare a fondo le mani ed usare gel a base di alcool dopo averle asciugate Dopo avere lasciato l'azienda agricola disinfettare di nuovo le ruote e gli alloggiamenti delle ruote del veicolo. Se l'automobile si è visibilmente sporcata o impolverata lavarla prima della visita all'azienda agricola successiva. 6. Spedizione dei campioni al laboratorio 6.1. Riporre i sacchi o i barattoli contenenti i campioni in un sacco a perfetta tenuta stagna ed in un recipiente esterno, riporre la documentazione di accompagnamento nel sacco esterno Assicurarsi che il l involucro sia ben avvolto e chiaramente contrassegnato con l'indirizzo del laboratorio e l etichettatura di sicurezza richiesta. 16

17 6.3. Spedire per via postale il pacchetto del campione il giorno stesso di raccolta al laboratorio che analizza i campioni. Informare per telefono il laboratorio della loro spedizione. 17

18 Allegato 4A Definizioni Azienda Impianto utilizzato per l'allevamento o la tenuta di pollame di riproduzione. Gruppo Insieme del pollame con uguale status sanitario tenuto nello stesso locale o recinto e che costituisce un'unità epidemiologica. Nelle batterie, questo termine include tutti i volatili che condividono la stessa cubatura d'aria.. Gruppi positivi per le salmonelle La quantità di gruppi risultati positivi per qualsiasi tipo di salmonella nel tipo di produzione, nel livello di produzione e nella classe d'età indicata, indipendentemente dal serotipo isolato. Qualora nello stesso gruppo vengano isolati più serotipi, allegare tale informazione come commento. Gruppi positivi per il singolo sierotipo La quantità di gruppi che potrebbero essere positivi per il serotipo nel tipo di produzione, nel livello di produzione e nella classe d'età indicata. La quantità di gruppi positivi deve essere precisata per ciascun serotipo. 18

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni 2004R0911 IT 01.01.2007 001.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 911/2004 DELLA COMMISSIONE del 29 aprile

Dettagli

COMMISSIONE. 6.10.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 275/51. (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità)

COMMISSIONE. 6.10.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 275/51. (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) 6.10.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 275/51 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) COMMISSIONE DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 29 settembre 2006 relativa

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 27.1.2009 COM(2009) 9 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Monitoraggio delle emissioni di CO2 delle automobili

Dettagli

ATTO DI CANDIDATURA. Posizione professionale attuale

ATTO DI CANDIDATURA. Posizione professionale attuale LOGO MLPS/MIUR ALLEGATO B N di Protocollo ATTO DI CANDIDATURA ESPERTI INDIPENDENTI NEL QUADRO DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME: NOME(I): DATA DI NASCITA (GG/MM/AAAA): / /

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI ALLEGATO B Compilare l atto di candidatura, stamparlo, firmarlo ed inviarlo all Agenzia Nazionale LLP Italia per posta, o a mezzo fax nelle modalità specificate nell Invito a presentare candidature ESPERTI

Dettagli

Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium, nei tacchini da ingrasso e nei tacchini riproduttori anno 2013

Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium, nei tacchini da ingrasso e nei tacchini riproduttori anno 2013 In tabella è indicato il numero di punti da cui prelevare il materiale fecale in funzione del numero di capi del gruppo campionato per costituire un campione composito. N. CAPI Per gruppo di riproduttori

Dettagli

Commissione europea PROGRAMMA SOCRATES. Modulo di candidatura per PROPOSTE PRELIMINARI

Commissione europea PROGRAMMA SOCRATES. Modulo di candidatura per PROPOSTE PRELIMINARI Riservato alla Commissione Numero Data del timbro postale Commissione europea PROGRAMMA SOCRATES Modulo di candidatura per PROPOSTE PRELIMINARI Barrare la casella corrispondente all Azione cui si riferisce

Dettagli

Commissione Europea Eurobarometro DONAZIONI E TRASFUSIONI DI SANGUE

Commissione Europea Eurobarometro DONAZIONI E TRASFUSIONI DI SANGUE Commissione Europea Eurobarometro DONAZIONI E TRASFUSIONI DI SANGUE L'obiettivo di questa ricerca speciale sugli atteggiamenti degli europei nei confronti della donazione e della trasfusione di sangue

Dettagli

Salute: Preparativi per le vacanze viaggiate sempre con la vostra tessera europea di assicurazione malattia (TEAM)?

Salute: Preparativi per le vacanze viaggiate sempre con la vostra tessera europea di assicurazione malattia (TEAM)? MEMO/11/406 Bruxelles, 16 giugno 2011 Salute: Preparativi per le vacanze viaggiate sempre con la vostra tessera europea di assicurazione malattia (TEAM)? Non si sa mai. Pensate di recarvi in un paese dell'ue,

Dettagli

Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nei polli da carne della specie Gallus gallus anno 2013

Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nei polli da carne della specie Gallus gallus anno 2013 Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nei polli da carne della specie Gallus gallus 2013 Approvato con Decisione 2012/761/UE 1 PARTE A DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA E OBIETTIVI

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 24 febbraio 2014 Dicembre 2013 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI A partire dal mese corrente, l Istat avvia la diffusione mensile degli indici dei prezzi all importazione dei prodotti industriali.

Dettagli

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c.

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c. CIRCOLARE N 2/2007 Tivoli, 29/01/2007 Oggetto: NOVITA MODELLI INTRASTAT. Spett.le Clientela, dal 1 gennaio 2007 la ROMANIA e la BULGARIA sono entrate a far parte dell Unione Europea, pertanto le merci

Dettagli

COME EFFETTUATE I PAGAMENTI? COME LI VORRESTE EFFETTUARE?

COME EFFETTUATE I PAGAMENTI? COME LI VORRESTE EFFETTUARE? COME EFFETTUATE I PAGAMENTI? COME LI VORRESTE EFFETTUARE? 2/09/2008-22/10/2008 329 risposte PARTECIPAZIONE Paese DE - Germania 55 (16.7%) PL - Polonia 41 (12.5%) DK - Danimarca 20 (6.1%) NL - Paesi Bassi

Dettagli

Sondaggio d'opinione paneuropeo sulla salute e la sicurezza sul lavoro

Sondaggio d'opinione paneuropeo sulla salute e la sicurezza sul lavoro Sondaggio d'opinione paneuropeo sulla salute e la sicurezza sul lavoro Risultati in Europa e Italia - Maggio 2013 Risultati rappresentativi in 31 Paesi europei partecipanti per l'agenzia europea per la

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 giugno 2015 Aprile 2015 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di aprile 2015 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali aumenta dello 0,5% rispetto al mese precedente

Dettagli

Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi

Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi CHE COS È Il RASFF, Rapid Alert System for Food and Feed (Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi) è stato istituito per fornire un efficace

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 febbraio 2015 Dicembre 2014 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di dicembre 2014 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali diminuisce dell 1,8% rispetto al

Dettagli

Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nelle ovaiole anno 2012

Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nelle ovaiole anno 2012 Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium, nelle galline ovaiole della specie Gallus gallus Anno 2012 Approvato con Decisione 2011/807/UE 1 PARTE A DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

Dettagli

Note esplicative sul modulo di opposizione

Note esplicative sul modulo di opposizione UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (UAMI) (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) Note esplicative sul modulo di opposizione 1. Osservazioni generali 1.1 Uso del modulo Si può ottenere questo modulo

Dettagli

Centro Studi Confagricoltura Digital Divide: diffusione delle infrastrutture di comunicazione a banda larga in Italia 17 marzo 2014 Bollettino Flash

Centro Studi Confagricoltura Digital Divide: diffusione delle infrastrutture di comunicazione a banda larga in Italia 17 marzo 2014 Bollettino Flash Centro Studi Confagricoltura Digital Divide: diffusione delle infrastrutture di comunicazione a banda larga in Italia Bollettino Flash 17 marzo 2014 Confagricoltura ha espresso più volte la propria preoccupazione

Dettagli

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso,

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso, Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 213 Presentazione di J.M. Barroso, Presidente della Commissione europea, al Consiglio europeo del 14-1 marzo 213 La ripresa economica

Dettagli

Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nelle ovaiole - anno 2013

Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nelle ovaiole - anno 2013 Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium, nelle galline ovaiole della specie Gallus gallus Anno 2013 Approvato con Decisione 2012/761/UE 1 PARTE A DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO IT IT IT COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 11.3.2011 COM(2011) 116 definitivo RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO Qualità della benzina e del combustibile diesel utilizzati per

Dettagli

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave MEMO/08/XXX Bruxelles, 16 ottobre 2008 La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave La Commissione europea pubblica oggi il resoconto annuale delle tendenze sociali negli Stati

Dettagli

Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium, nei tacchini da ingrasso e nei tacchini riproduttori

Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium, nei tacchini da ingrasso e nei tacchini riproduttori Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium, nei tacchini da ingrasso e nei tacchini riproduttori Anno 2013 Approvato con Decisione 2012/761/UE 1 PARTE A DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

Dettagli

1. Da quanto tempo conduce ispezioni nel campo della certificazione biologica?

1. Da quanto tempo conduce ispezioni nel campo della certificazione biologica? Spettabile bio ispettore, Grazie dell'interesse mostrato nei confronti del nostro progetto e di aver preso parte al nostro questionario on line. Il suo contributo ci darà preziose indicazioni per il nostro

Dettagli

La rintracciabilità nel settore delle uova e degli ovoprodotti

La rintracciabilità nel settore delle uova e degli ovoprodotti La rintracciabilità nel settore delle uova e degli ovoprodotti EUWEP ASSEMBLEA GENERALE 2010 VERONA, 4 GIUGNO Dr. Silvio Borrello Direttore Generale della sicurezza degli alimenti e della nutrizione Ministero

Dettagli

Agenzia Nazionale LLP Italia Sistema di Gestione Qualità Certificato UNI EN ISO 9001:2000 - CSICERT N SQ062274

Agenzia Nazionale LLP Italia Sistema di Gestione Qualità Certificato UNI EN ISO 9001:2000 - CSICERT N SQ062274 Programma di Apprendimento Permanente Allegato all Invito Generale a presentare proposte 2007 Disposizioni finanziarie e importi dei contributi comunitari definiti dall Agenzia LLP Italia 1. Comenius Partenariati

Dettagli

LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO

LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO 1 Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nei polli da carne della specie Gallus gallus LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO Con il presente documento si intende fornire una

Dettagli

REGIONE CAMPANIA. Istruzioni Operative. Piano Regionale Integrato dei Controlli Ufficiali 2011 2014

REGIONE CAMPANIA. Istruzioni Operative. Piano Regionale Integrato dei Controlli Ufficiali 2011 2014 REGIONE CAMPANIA Istruzioni Operative Piano Regionale Integrato dei Controlli Ufficiali 2011 2014 2013 Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis, Typhimurium, Hadar, Virchow e Infantis nei

Dettagli

(GU L 164 del 14.7.1995, pag. 1)

(GU L 164 del 14.7.1995, pag. 1) 1995R1683 IT 18.10.2013 005.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1683/95 DEL CONSIGLIO del 29 maggio

Dettagli

Nota metodologica. Definizioni: Imposte ambientali

Nota metodologica. Definizioni: Imposte ambientali Nota metodologica Definizioni: Imposte ambientali La Commissione Europea fornisce una definizione di imposte ambientali nel volume "Environmental taxes a statistical guideline" (2001), come una imposta

Dettagli

LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO

LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO 1 Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nei polli da carne della specie Gallus gallus LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO Il presente documento si intende fornire una traccia

Dettagli

II OSSERVATORIO EUROPEO DEGLI INTERMEDIARI ASSICURATIVI

II OSSERVATORIO EUROPEO DEGLI INTERMEDIARI ASSICURATIVI II OSSERVATORIO EUROPEO DEGLI INTERMEDIARI ASSICURATIVI Un confronto tra Italia e resto d Europa alla luce dei cambiamenti del modello di distribuzione Milano, 29 giugno 2015 Contenuti Osservatorio 2015

Dettagli

Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis, Typhimurium, Hadar, Virchow e Infantis nei gruppi di riproduttori della specie Gallus gallus

Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis, Typhimurium, Hadar, Virchow e Infantis nei gruppi di riproduttori della specie Gallus gallus Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis, Typhimurium, Hadar, Virchow e Infantis nei gruppi di riproduttori della specie Gallus gallus Anno 2013 Approvato con Decisione 2012/761/UE 51 PARTE

Dettagli

NOTIFICA DI NON RICONOSCIMENTO O DI CESSAZIONE DELL'INABILITÀ AL LAVORO

NOTIFICA DI NON RICONOSCIMENTO O DI CESSAZIONE DELL'INABILITÀ AL LAVORO COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 118 CH (1) NOTIFICA DI NON RICONOSCIMENTO O DI CESSAZIONE DELL'INABILITÀ AL LAVORO Regolamento (CEE) n. 1408/71: articolo 19,

Dettagli

Ho chiesto asilo nell UE Quale paese gestirà. la mia domanda?

Ho chiesto asilo nell UE Quale paese gestirà. la mia domanda? IT Ho chiesto asilo nell UE Quale paese gestirà la mia domanda? A Informazioni sul regolamento Dublino per i richiedenti protezione internazionale, a norma dell articolo 4 del Regolamento (UE) n. 604/2013

Dettagli

European Payment Index 2010. In Europa la perdita su crediti ha raggiunto 300 miliardi di Euro, l equivalente del debito nazionale della Grecia.

European Payment Index 2010. In Europa la perdita su crediti ha raggiunto 300 miliardi di Euro, l equivalente del debito nazionale della Grecia. European Payment Index 2010 In Europa la perdita su crediti ha raggiunto 300 miliardi di Euro, l equivalente del debito nazionale della Grecia. Intrum Justitia Unica multinazionale quotata in borsa leader

Dettagli

ATTENZIONE: LA PRESENTE SCHEDA RIGUARDA LA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO

ATTENZIONE: LA PRESENTE SCHEDA RIGUARDA LA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO ATTENZIONE: LA PRESENTE SCHEDA RIGUARDA LA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO SI PREGA DI LEGGERE LE SEGUENTI ISTRUZIONI CON LA MASSIMA ATTENZIONE Anche per il 2016 è prevista la raccolta di informazioni

Dettagli

NOTE INFORMATIVE CAMPIONAMENTO PRELIEVO

NOTE INFORMATIVE CAMPIONAMENTO PRELIEVO Pag. 1 di 5 PRELIEVO Il campione portato in laboratorio deve essere RAPPRESENTATIVO dell intera massa da cui è tratto. Esistono al riguardo, a seconda dei prodotti e delle finalità per cui vengono effettuate

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER IL TRASPORTO DI MATERIALE BIOLOGICO

RACCOMANDAZIONI PER IL TRASPORTO DI MATERIALE BIOLOGICO Pag. 1/13 RACCOMANDAZIONI PER IL TRASPORTO DI MATERIALE BIOLOGICO File Rev. 02 Revisione Stefania Bertoldo Servizio Prevenzione Protezione Paolo Ronconi Direzione Medica Ospedaliera Data applicazione 10/09/13

Dettagli

CONSULTAZIONE SUL TRASFERIMENTO TRANSFRONTALIERO DELLA SEDE SOCIALE - Consultazione della DG MARKT

CONSULTAZIONE SUL TRASFERIMENTO TRANSFRONTALIERO DELLA SEDE SOCIALE - Consultazione della DG MARKT CONSULTAZIONE SUL TRASFERIMENTO TRANSFRONTALIERO DELLA SEDE SOCIALE - Consultazione della DG MARKT Introduzione Avvertenza preliminare: Il documento che segue è stato redatto dai servizi della direzione

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER IL TRASPORTO DI MATERIALE BIOLOGICO

RACCOMANDAZIONI PER IL TRASPORTO DI MATERIALE BIOLOGICO Pag. 1/13 RACCOMANDAZIONI PER IL TRASPORTO DI MATERIALE BIOLOGICO File Rev. 01 Redazione Stefania Bertoldo Servizio Prevenzione Protezione Maria Teresa Ferrari Dirigenza Medica Ospedaliera Giovanni Marchi

Dettagli

TRASPORTO DEL SANGUE E DEI CAMPIONI BIOLOGICI MEDIANTE CONTENITORI IDONEI

TRASPORTO DEL SANGUE E DEI CAMPIONI BIOLOGICI MEDIANTE CONTENITORI IDONEI TRASPORTO DEL SANGUE E DEI CAMPIONI BIOLOGICI MEDIANTE Via San Carlo, 13 Arluno (Milano) 4 marzo 2014 2 Introduzione Le attività connesse con la spedizione ed il trasporto di sostanze infettive o potenzialmente

Dettagli

PIANO NAZIONALE DI CONTROLLO DELLE SALMONELLOSI NEGLI AVICOLI

PIANO NAZIONALE DI CONTROLLO DELLE SALMONELLOSI NEGLI AVICOLI PIANO NAZIONALE DI CONTROLLO DELLE SALMONELLOSI NEGLI AVICOLI ANNO 2015 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. LISTA ABBREVIAZIONI ED ALCUNE DEFINIZIONI 1.1 Lista abbreviazioni 1.2 Alcune definizioni 2. OBIETTIVO E

Dettagli

Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento?

Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento? Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento? Rispondo in qualità di : % Consumatore 41 ( 31.1%) Organizzazione rappresentativa 30 ( 22.7%) Impresa 26 ( 19.7%) Organismo pubblico nazionale/regionale

Dettagli

INDICAZIONI SULLE MODALITA COMPILAZIONE RICETTA E RENDICONTAZIONE ALL ASL PRESTAZIONI PRESCRITTE A CITTADINI COMUNITARI - Aggiornamento giugno 2013 -

INDICAZIONI SULLE MODALITA COMPILAZIONE RICETTA E RENDICONTAZIONE ALL ASL PRESTAZIONI PRESCRITTE A CITTADINI COMUNITARI - Aggiornamento giugno 2013 - INDICAZIONI SULLE MODALITA COMPILAZIONE RICETTA E RENDICONTAZIONE ALL ASL PRESTAZIONI PRESCRITTE A CITTADINI COMUNITARI - Aggiornamento giugno 2013 - Premessa A far data dal 1 maggio 2010 sono entrati

Dettagli

29.2.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 57/5

29.2.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 57/5 29.2.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 57/5 TRADUZIONE PROTOCOLLO tra l Unione europea e il governo della Federazione russa sulle modalità tecniche in applicazione dell accordo in forma di

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12.7.2012 COM(2012) 385 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI sull attuazione

Dettagli

IP/10/1602. Bruxelles, 25 novembre 2010

IP/10/1602. Bruxelles, 25 novembre 2010 IP/10/1602 Bruxelles, 25 novembre 2010 Nel luglio 2010 circa un terzo delle linee europee a banda larga viaggiava a velocità superiori a 10 Mbps (15% nel luglio 2009). Velocità maggiori di trasmissione

Dettagli

Circolare n. 3 dell 8 maggio 2003. Raccomandazioni per la sicurezza del trasporto di materiali infettivi e di campioni diagnostici

Circolare n. 3 dell 8 maggio 2003. Raccomandazioni per la sicurezza del trasporto di materiali infettivi e di campioni diagnostici Circolare n. 3 dell 8 maggio 2003 Raccomandazioni per la sicurezza del trasporto di materiali infettivi e di campioni diagnostici 1-Introduzione Le attività connesse con la spedizione ed il trasporto di

Dettagli

[notificata con il numero C(2015) 3745] (Il testo in lingua portoghese è il solo facente fede)

[notificata con il numero C(2015) 3745] (Il testo in lingua portoghese è il solo facente fede) 11.6.2015 L 146/11 DECISIONE DI ESECUZIONE (UE) 2015/892 DELLA COMMISSIONE del 9 giugno 2015 relativa all'approvazione di un piano di vaccinazione preventiva contro l'influenza aviaria a bassa patogenicità

Dettagli

RIESAME DELLA POLITICA DELL'UE IN MATERIA DI AGRICOLTURA BIOLOGICA - LEGISLAZIONE E PIANO D'AZIONE

RIESAME DELLA POLITICA DELL'UE IN MATERIA DI AGRICOLTURA BIOLOGICA - LEGISLAZIONE E PIANO D'AZIONE RIESAME DELLA POLITICA DELL'UE IN MATERIA DI AGRICOLTURA BIOLOGICA - LEGISLAZIONE E PIANO D'AZIONE È obbligatorio rispondere alle domande contrassegnate con un asterisco. 1. INFORMAZIONI SUI PARTECIPANTI

Dettagli

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca LA SICUREZZA IN LABORATORIO di F. Luca IN LABORATORIO NORME DI COMPORTAMENTO X. NON correre. NON ingombrare con gli zaini lo spazio intorno ai banconi di lavoro o in prossimità delle uscite X. NON mangiare

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 4 febbraio 2013. Condizioni e modalità di abbattimento di cui al Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis, Typhimurium, Hadar, Virchow e Infantis nei riproduttori

Dettagli

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri. 20.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 364/25 REGOLAMENTO (CE) N. 1882/2006 DELLA COMMISSIONE del 19 dicembre 2006 che stabilisce metodi di campionamento ed analisi per il controllo ufficiale

Dettagli

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Premessa La crisi economica è ancora argomento d attualità. Lungi dal perdersi nell analisi approfondita di indici economici e nella ricerca di una verità nei

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE L 318/20 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 1.12.2011 DECISIONI DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 25 novembre 2011 relativa ad una partecipazione finanziaria aggiuntiva ai programmi di

Dettagli

ELABORAZIONE Fanton C,, Bonfanti M. Data: 27/06/2003. Dott. ssa M.T. Sensale

ELABORAZIONE Fanton C,, Bonfanti M. Data: 27/06/2003. Dott. ssa M.T. Sensale RACCOMANDAZIONI PER LA SICUREZZA DEL TRASPORTO DI MATERIALI INFETTIVI E DI I.O.1/Ds Pag. 1 di Pag. 6 TIPO DI DOCUMENTO ISTRUZIONE OPERATIVA ELABORAZIONE Fanton C,, Bonfanti M. Data: 27/06/2003 INDICE 1.

Dettagli

La Confederazione Svizzera, di seguito denominata «la Svizzera», da una parte, l Unione europea,

La Confederazione Svizzera, di seguito denominata «la Svizzera», da una parte, l Unione europea, Questo Protocollo III è stato tradotto in lingua italiana ai fini di informazione e non ha validità formale giuridica. Determinante e la versione siglato del Protocollo III in versione francese e inglese.

Dettagli

CONTENUTO DELLE RELAZIONI DI RICERCA NAZIONALI E COMUNITARIE - Situazione al 1 aprile 2000 -

CONTENUTO DELLE RELAZIONI DI RICERCA NAZIONALI E COMUNITARIE - Situazione al 1 aprile 2000 - CONTENUTO DELLE RELAZIONI DI RICERCA NAZIONALI E COMUNITARIE - Situazione al 1 aprile 2000 - La presente rassegna su contenuto e forma delle relazioni di ricerca riguarda le relazioni di ricerca comunitarie

Dettagli

L 143/18 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 7.6.2005

L 143/18 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 7.6.2005 L 143/18 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 7.6.2005 DIRETTIVA 2005/38/CE DELLA COMMISSIONE del 6 giugno 2005 relativa ai metodi di campionamento e di analisi per il controllo ufficiale del tenore

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE IT 12.3.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 63/7 DECISIONI DECISIONE DELLA COMMISSIONE dell 11 marzo 2010 che esclude dal finanziamento dell Unione europea alcune spese dagli Stati membri nell

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

RACCOMANDAZIONI. RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 2 giugno 2010 sul monitoraggio dei tenori di acrilammide negli alimenti

RACCOMANDAZIONI. RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 2 giugno 2010 sul monitoraggio dei tenori di acrilammide negli alimenti L 137/4 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 3.6.2010 RACCOMANDAZIONI RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 2 giugno 2010 sul monitoraggio dei tenori di acrilammide negli alimenti (Testo rilevante ai

Dettagli

MARKETING. Vi proponiamo gli indirizzi giusti per il Vs. Direct Marketing

MARKETING. Vi proponiamo gli indirizzi giusti per il Vs. Direct Marketing MARKETING Provvediamo allo sviluppo dei vostri affari Vi proponiamo gli indirizzi giusti per il Vs. Direct Marketing Nel Direct Marketing, è fondamentale avere l indirizzo di un impresa solvibile, presupposto

Dettagli

visto il trattato che istituisce la Comunità europea,

visto il trattato che istituisce la Comunità europea, REGOLAMENTO (CE) N. 2076/2005 DELLA COMMISSIONE del 5 dicembre 2005 che fissa disposizioni transitorie per l attuazione dei regolamenti del Parlamento europeo e del Consiglio (CE) n. 853/2004, (CE) n.

Dettagli

Audit dell efficacia del sistema di controlli ufficiali

Audit dell efficacia del sistema di controlli ufficiali Il presente documento rappresenta la traduzione in italiano di un documento prodotto dai partecipanti al National Audit System (NAS) Network, costituito da funzionari delle Autorità Competenti degli Stati

Dettagli

IL PASSAPORTO. Dipartimento di Prevenzione Servizio Veterinario Area C Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche

IL PASSAPORTO. Dipartimento di Prevenzione Servizio Veterinario Area C Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche IL PASSAPORTO Dal 1 ottobre 2004 è entrata in vigore la nuova normativa sanitaria dell Unione Europea che disciplina il trasporto, anche senza scopo commerciale, di cani, gatti e furetti accompagnati dal

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA

ISTRUZIONE OPERATIVA LT 0 Pag. : 1 di 6 Redatta da: Giancarlo Paganico Verificata da: Giancarlo Paganico Approvato da: DUO COPIA N... N. REV. PAGG. PRINCIPALI MODIFICHE DATA 1 2 3 4 5 Pag. : 2 di 6 INDICE 1. PREMESSA 3 2.

Dettagli

Procedura di campionamento per clienti esterni

Procedura di campionamento per clienti esterni Procedura di campionamento per clienti esterni Rev Data emissione Motivo/Modifica 00 30/04/2013 Prima emissione 01 28/02/2014 Aggiunti riferimenti normativi sul campionamento, come da oss. ACCREDIA del

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 20... - 20...

ANNO SCOLASTICO 20... - 20... Please add your file reference number here:... Please return all documents, signed and completed, to: Acerta Kinderbijslagfonds vzw, Groenenborgerlaan 16, B-2610 Wilrijk COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER

Dettagli

NOTIFICA DI NON RICONOSCIMENTO O DI CESSAZIONE DELL INABILITA AL LAVORO

NOTIFICA DI NON RICONOSCIMENTO O DI CESSAZIONE DELL INABILITA AL LAVORO COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 118 I (1) NOTIFICA DI NON RICONOSCIMENTO O DI CESSAZIONE DELL INABILITA AL LAVORO Reg. 1408/71: art. 19.1.b; art. 22.1.a.ii,

Dettagli

GUIDA TEMATICA I MODELLI INTRASTAT

GUIDA TEMATICA I MODELLI INTRASTAT GUIDA TEMATICA I MODELLI INTRASTAT La gestione fiscale Iva del Mercato Unico Europeo sta ancora vivendo una fase transitoria, durante la quale la tassazione delle operazioni avviene (di regola) nel paese

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO, AL PARLAMENTO EUROPEO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO, AL PARLAMENTO EUROPEO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 19.1.2010 COM(2010)3 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO, AL PARLAMENTO EUROPEO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI relativa

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 401/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 401/2006 DELLA COMMISSIONE IT L 70/12 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 9.3.2006 REGOLAMENTO (CE) N. 401/2006 DELLA COMMISSIONE del 23 febbraio 2006 relativo ai metodi di campionamento e di analisi per il controllo ufficiale

Dettagli

Decisione 1999/568/CE (criteri ecologici per l'assegnazione del marchio comunitario di qualità ecologica alle lampade elettriche - Testo vigente)

Decisione 1999/568/CE (criteri ecologici per l'assegnazione del marchio comunitario di qualità ecologica alle lampade elettriche - Testo vigente) Reteambiente Normativa vigente - qualità Decisione 1999/568/CE (criteri ecologici per l'assegnazione del marchio comunitario di qualità ecologica alle lampade elettriche - Testo vigente) N.d.R.: il testo

Dettagli

Internet@Italia. La popolazione italiana e l uso di Internet. Viale del Policlinico, 147 00161 Roma tel +39 06 5480 1 fax +39 06 5480 4400 www.fub.

Internet@Italia. La popolazione italiana e l uso di Internet. Viale del Policlinico, 147 00161 Roma tel +39 06 5480 1 fax +39 06 5480 4400 www.fub. fub_istat_copertina_01_copertina 13/11/14 11.06 Pagina 1 Internet@Italia 2013 Internet@Italia 2013 La popolazione italiana e l uso di Internet Viale del Policlinico, 147 00161 Roma tel +39 06 5480 1 fax

Dettagli

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA 22.9.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 286/23 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA Invito a presentare proposte Programma Cultura (2007-2013) Implementazione del programma:

Dettagli

GUIDA A.A. 2009/2010

GUIDA A.A. 2009/2010 MIUR Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Programma LLP/ ERASMUS Consortia placement On-Line ERASMUS DYNERS (DYNamic ERASMUS System) GUIDA A.A. 2009/2010 La presente Guida è predisposta

Dettagli

L assicurazione di qualità nella formazione degli insegnanti in Europa

L assicurazione di qualità nella formazione degli insegnanti in Europa Direzione Generale Istruzione e Cultura L assicurazione di qualità nella formazione degli insegnanti in Europa Commissione europea L assicurazione di qualità nella formazione degli insegnanti in Europa

Dettagli

ALLEGATO III REGOLE FINANZIARIE E CONTRATTUALI

ALLEGATO III REGOLE FINANZIARIE E CONTRATTUALI ALLEGATO III REGOLE FINANZIARIE E CONTRATTUALI I. INTRODUZIONE Il presente Allegato integra le regole relative all uso del contributo nell ambito delle differenti categorie di spesa applicabile al Progetto

Dettagli

EFFETTI DELLA RIDUZIONE DELL IVA NEI

EFFETTI DELLA RIDUZIONE DELL IVA NEI Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro Direttore responsabile: Edi Sommariva Numero 35-09 EFFETTI DELLA RIDUZIONE DELL IVA NEI PUBBLICI ESERCIZI A cura di L. Sbraga e G. Erba Il processo

Dettagli

Approfondimento su Schengen

Approfondimento su Schengen Approfondimento su Schengen INFORMAZIONI SUL DIRITTO COMUNITARIO INTRODUZIONE Le disposizioni dell accordo di Schengen prevedono l abolizione dei controlli alle frontiere interne degli Stati membri facenti

Dettagli

NOI E L UNIONE EUROPEA

NOI E L UNIONE EUROPEA VOLUME 1 PAGG. IX-XV MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE NOI E L UNIONE EUROPEA 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: paese... stato... governo...

Dettagli

L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO

L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO Consultazione della Commissione Europea L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO Lanciata dalla Commissione Europea lo scorso 17 febbraio, la consultazione ha lo scopo di

Dettagli

Sondaggio paneuropeo d'opinione sulla salute e la sicurezza sul lavoro

Sondaggio paneuropeo d'opinione sulla salute e la sicurezza sul lavoro Sondaggio paneuropeo d'opinione sulla salute e la sicurezza sul lavoro Risultati rappresentativi nei 2 Stati membri dell'unione europea Blocco comprensivo dei risultati per l'eu2 e per l'italia Struttura

Dettagli

UNIONE EUROPEA DOMANDA DI INTERVENTO

UNIONE EUROPEA DOMANDA DI INTERVENTO COPIA PER IL SERVIZIO DOGANALE COMPETENTE UNIONE EUROPEA DOMANDA DI INTERVENTO 1 1 1. Richiedente Riservato all'amministrazione N. EORI: N. TIN: N. nazionale di registrazione: Telefono: (+) Cellulare:

Dettagli

EURES vi aiuta ad assumere in Europa

EURES vi aiuta ad assumere in Europa EURES vi aiuta ad assumere in Europa Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES vi aiuta ad assumere in Europa State cercando di formare una forza lavoro

Dettagli

BONIFICO E RID LASCIANO IL POSTO AI NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO SEPA. Sai cosa cambia? Informati, ti riguarda! Bancaria Editrice 2013 - Bozza.

BONIFICO E RID LASCIANO IL POSTO AI NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO SEPA. Sai cosa cambia? Informati, ti riguarda! Bancaria Editrice 2013 - Bozza. BONIFICO E RID LASCIANO IL POSTO AI NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO SEPA Sai cosa cambia? Informati, ti riguarda! logo 2 QUALI PAESI FANNO PARTE DELLA SEPA 3 La SEPA include 33 Paesi: 17 Paesi della UE che

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope LIFELONG LEARNING PROGRAMME (LLP) ERASMUS - A.A. 2012/2013 BANDO DI MOBILITA PER ATTIVITA DIDATTICA

Università degli Studi di Napoli Parthenope LIFELONG LEARNING PROGRAMME (LLP) ERASMUS - A.A. 2012/2013 BANDO DI MOBILITA PER ATTIVITA DIDATTICA Art. 1- Indizione della selezione 1. Con il presente Bando l Università degli Studi di Napoli Parthenope indice una procedura di selezione per assegnare n. 2 borse di Mobilità per attività didattica (Mobilità

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista REGIME DELLE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE E MODELLI INTRASTAT

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista REGIME DELLE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE E MODELLI INTRASTAT 1/8 OGGETTO CLASSIFICAZIONE REGIME DELLE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE E MODELLI INTRASTAT DT IVA ESPORTAZIONI RIFERIMENTI NORMATIVI Artt. da 7 ter a 7 septies, D.P.R 26.10 1972 N. 633;Artt. da 38 a 60,

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

Parte 2 Approfondimenti settoriali dedicati alle singole filiere del riciclo e recupero

Parte 2 Approfondimenti settoriali dedicati alle singole filiere del riciclo e recupero .1 Valutazione del contesto di mercato internazionale.1.1 La gestione dei PFU nei Paesi europei Un analisi esaustiva e aggiornata dei flussi di pneumatici usati e in Europa, riferita a statistiche ufficiali

Dettagli

La Sicurezza delle Macchine. Tecnico della Prevenzione Dott. Tieri Sperduti

La Sicurezza delle Macchine. Tecnico della Prevenzione Dott. Tieri Sperduti La Sicurezza delle Macchine Tecnico della Prevenzione Dott. Tieri Sperduti Passaggio dalla vecchia alla nuova normativa di sicurezza Vecchio sistema : Macchine rivestite di Sicurezza: Si utilizzano le

Dettagli

DOMANDA LIQUIDAZIONE MISSIONE

DOMANDA LIQUIDAZIONE MISSIONE DOMANDA LIQUIDAZIONE MISSIONE N. DOCUMENTO TIPO ESERCIZIO N. DOCUMENTO TIPO ESERCIZIO N. DOCUMENTO TIPO ESERCIZIO Al Responsabile del Centro Gestionale Il sottoscritto qualifica/categoria in servizio presso

Dettagli

TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI

TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI A. Cosa dice la Legge? Articolo della DGR 464/2007 E opportuno che gli ambienti destinati a 1. sala d attesa 2.

Dettagli