OSSERVATORIO ENERGIA Giovedì, 22 ottobre 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OSSERVATORIO ENERGIA Giovedì, 22 ottobre 2015"

Transcript

1 OSSERVATORIO ENERGIA Giovedì, 22 ottobre 2015

2 OSSERVATORIO ENERGIA Giovedì, 22 ottobre 2015 Fonti Rinnovabili 22/10/2015 Italia Oggi Pagina 34 Aiuti alle fonti rinnovabili Decreto al vaglio dell' Ue 1 22/10/2015 Corriere del Trentino Pagina 11 Rtr: colosso del solare a Rovereto 3 22/10/2015 L'Eco di Bergamo Pagina 16 Fonti rinnovabili, convegno sulle novità normative 4 22/10/2015 La Nazione (ed. Arezzo) Pagina 13 GIORGIO GRASSI Impianti fotovoltaici: c' è un progetto per 5 scuole 5 22/10/2015 L'Arena Pagina 1 Il mini generatore eolico nato a Badia Calavena 6 22/10/2015 Il Sole 24 Ore Pagina 15 JACOPO GILIBERTO Via libera alla Shell in Mar Ionio 8 22/10/2015 Il Sole 24 Ore Pagina 42 SISSI BELLOMO Petrolio, l' Opec incontra di nuovo Russia e Messico ma non si parla di /10/2015 Il Gazzettino (ed. Rovigo) Pagina 35 Mai più trivelle nel Delta del Po 12 22/10/2015 La Nazione Pagina 25 Dai rifiuti il pieno di carburante Ecco l' auto di Ritorno al Futuro 13 22/10/2015 L'Arena Pagina 1, più consumi averona Così si risparmia sulla bolletta 14

3 Pagina 34 Italia Oggi Fonti Rinnovabili Aiuti alle fonti rinnovabili Decreto al vaglio dell' Ue Incentivo agli ex zuccherifici da eliminare, tariffa feed (tariffa onnicomprensiva costante indipendentemente dai prezzi zonali orari dell' elettricità) in premium da ridisegnare, incentivo più basso per chi utilizza componenti rigenerati rispetto ai nuovi. Sono queste alcune delle richieste contenute nel parere del 14 ottobre 2015 dell' autorità per l' energia elettrica, il gas e il sistema idrico in merito allo schema di decreto interministeriale per l' incentivazione dalla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili diverse dalla fonte solare fotovoltaica. Il provvedimento ha ricevuto due giorni fa il via libera della Conferenza unificata ma per entrare in vigore dovrà ottenere il via libera della Commissione europea. Le modifiche richieste. Tra le proposte di modifica, l' Aeegsi chiede la soppressione dell' articolo 4, commi 5 e 6, del decreto per consentire l' accesso agli incentivi anche agli impianti per i quali i lavori di realizzazione vengono avviati prima del loro inserimento nelle nuove graduatorie. Inoltre andrebbe soppresso anche l' articolo 19 sugli ex zuccherifici, che in base al decreto potranno accedere agli incentivi del decreto interministeriale 18 dicembre 2008 (cioè ai certificati verdi e allo strumento incentivante che ne prenderà il posto), con un contingente incentivabile di 120,5 mw elettrici. Per l' autorità questo comporterebbe una disparità di trattamento con le altre rinnovabili costrette, se di potenza superiore a 5 mw, a partecipare alle aste, e anche un aumento eccessivo degli oneri. I tecnici propongono anche di prevedere un incentivo più basso per chi utilizza componenti rigenerati rispetto ai nuovi. Quantificazione dell' incentivo. L' Aeegsi ritiene opportuno prevedere che, nel caso in cui vengano utilizzati componenti rigenerati, la tariffa base (riportata nell' allegato 1 allo schema di decreto) assuma un valore inferiore a quello spettante nel caso in cui vengano utilizzati componenti nuovi. È necessario puntualizzare meglio il significato del termine «componente rigenerato». Criteri di calcolo del feed in premium nei casi di prezzo zonale orario superiore rispetto alla tariffa base ovvero negativo. Al fine di evitare disparità di trattamento tra gli impianti di potenza fino a 500 kw (feed in tariff) e quelli di potenza superiore (feed in premium), è opportuno prevedere che l' incentivo di tipo feed in premium sia calcolato come differenza oraria, sia positiva che negativa, tra la tariffa base e il prezzo zonale orario, modificando in tal senso quanto riportato nell' allegato 1 allo schema di decreto. Criteri di calcolo del costo indicativo degli incentivi. Èopportuno modificare l' articolo 27, comma 1, punto v), dello schema di decreto, in modo tale che il costo indicativo massimo annuo degli incentivi contempli, per gli impianti che hanno aderito allo «spalmaincentivi» volontario (dl 145/2013), il valore Continua > 1

4 Pagina 34 < Segue Italia Oggi Fonti Rinnovabili dell' incentivo a valle e non antecedente dell' operazione di rimodulazione. 2

5 Pagina 11 Corriere del Trentino Fonti Rinnovabili Rtr: colosso del solare a Rovereto Il gruppo entra in Manifattura. «Silicon valley del verde» trento Altro insediamento importante negli spazi di Progetto Manifattura, l' incubatore green di Trentino sviluppo. Il gruppo Rtr, primo produttore in Italia di energia elettrica dal sole e uno dei più importanti in Europa, forte di un fatturato di 150 milioni di euro, ha scelto l' ex Manifattura tabacchi di Rovereto per aprire la sua prima sede in Trentino. «Già popolato da tante startup innovative, Progetto Manifattura si apre a gruppi di livello internazionale» ha detto l' assessore provinciale Alessandro Olivi alla firma del contratto di insediamento. Presenti Sergio Anzelini, consigliere delegato di Trentino sviluppo, e Paolo Lugiato, amministratore delegato della società. Con circa 318 megawatt picco di potenza complessiva, distribuiti in 119 impianti in tutta Italia, Rtr produce energia equivalente al consumo annuo di famiglie. Il gruppo collocherà a Rovereto le proprie attività direzionali, di ricerca e sviluppo e la sede legale. «Ho vissuto negli Stati Uniti nel , gli anni del boom della internet economy ha ricordato Lugiato e quello è lo spirito che rivivo oggi lavorando in Manifattura. Per questo abbiamo scelto questo polo, che è davvero una Silicon valley del verde. La nostra intenzione è proporre dei progetti formativi rivolti alle scuole e sviluppare progetti con ateneo, privati, centri di ricerca trentini». Con l' arrivo di Rtr salgono a 43 le aziende insediate, per un totale di 195 addetti. 3

6 Pagina 16 L'Eco di Bergamo Fonti Rinnovabili Fonti rinnovabili, convegno sulle novità normative La normativa regionale sugli impianti termici alimentati da fonti rinnovabili (a partire dall' obbligo formativo per installatori e manutentori) è al centro del convegno, in collaborazione con Regione Lombardia, «Dgr 3965/2015 disposizioni per l' esercizio, il controllo, la manutenzione e l' ispezione degli impianti termici», in programma il 5 novembre alle nell' Auditorium Calegari di via Torretta. L' incontro, che vedrà anche l' intervento dell' assessore regionale all' Ambiente, Claudia Terzi, è rivolto agli operatori del settore (termoidraulici, caldaisti, frigoristi, spazzacamini), con l' obiettivo di sciogliere dubbi e fornire chiarimenti sulle novità in materia di termoregolazione e contabilizzazione del calore, formazione e registrazione della documentazione nel catasto Curit. I lavori saranno aperti dal presidente di Confartigianato Bergamo, Angelo Carrara, a cui seguiranno gli interventi dell' assessore Terzi, di Mauro Brolis e Stefania Ghidorzi di Infrastrutture Lombarde. Moderatore sarà il vicepresidente di Confartigianato Bergamo e capo area Impiantistica, Giacinto Giambellini. Seguirà un dibattito. Intanto, nella sede di via Torretta, sono già partiti i corsi di aggiornamento per gli addetti delle imprese che operano sulle fonti di energia rinnovabili, necessari per poter continuare a mantenere l' abilitazione. Per iscrizioni: ufficio Formazione (tel ; e mail: 4

7 Pagina 13 La Nazione (ed. Arezzo) Fonti Rinnovabili SAN GIOVANNI Impianti fotovoltaici: c' è un progetto per 5 scuole di GIORGIO GRASSI SULLA SCIA dei raggi solari, il Comune di San Giovanni cerca il risparmio energetico. Ne saranno dotati cinque edifici comunali. L' azienda proponente effettuerà la messa in opera di cinque impianti fotovoltaici su altrettanti edifici scolastici. Nello specifico si tratta della Media Masaccio, Elementare don Milani, Media Marconi ed elementare del Bani. Il quinto impianto fotovoltaico inizialmente previsto nel palazzetto di via Genova, sarà in seguito riallocato su un' altra scuola. L' ufficio tecnico del Comune sta verificando se la Scuola La Pira del Ponte alle Forche ha il tetto compatibile col tipo d' installazione. Il Comune intende ottenere un notevole risparmio energetico con la messa a dimora dei pannelli solari. AL RIGUARDO l' assessore David Corsi riferisce: «Gli impianti si ripagheranno col risparmio energetico e con la vendita della corrente in eccesso. Il canone di riparto è calcolato in modo che il Comune, comunque, ottenga un risparmio, e nello stesso tempo il gestore sia economicamente ripagato dell' investimento». Corsi sulla tempistica dell' installazione afferma: «Stimiamo di poter installare i primi 4 impianti ad iniziare dalle prossime vacanze di fine anno. L' assessore aggiunge: «Dopo il fotovoltaico dell' edificio comunale, aumentiamo la quantità di energia rinnovabile prodotta sugli edifici pubblici». Infine annuncia: «E' solo l' inizio di un percorso che a brevissimo ci vedrà impegnati in un progetto molto più ampio di risparmio energetico, il cui lavoro di inziale censimento e studio, gratuito per il Comune, ci verrà presentato nei prossimi giorni dallo stesso partner che installerà i cinque impianti fotovoltaici». GIORGIO GRASSI 5

8 Pagina 1 L'Arena Fonti Rinnovabili FONTI RINNOVABILI. Presentata la turbina a sei anni dall' avvio del progetto della nota società Il mini generatore eolico nato a Badia Calavena Sono già una trentina le turbine eoliche dell' azienda Penta Wind di Badia Calavena, installate soprattutto nell' Italia meridionale e insulare. Così il progetto avviato sei anni fa da Mirco Perlati, con l' appoggio del padre Rino, cammina con le proprie gambe grazie all' aerogeneratore da 10 chilowatt ideato e costruito dall' azienda veronese. La società ha formato il personale interno, utilizza componenti di qualità, quasi tutti di fabbricazione italiana, si avvale della collaborazione di ingegneri esterni per l' aerodinamica e l' elettronica. Nel progetto, è coinvolta l' università di Trento che oltre a testare la durata della macchina, ha dato suggerimenti affinchè l' autonomia del prodotto sia garantita ed eventualmente migliorata. Il mini generatore eolico è stato presentato agli investitori veronesi, nella stessa officina dove nasce, da 10 kw di potenza con un rotore con cinque pale di 10 metri di diametro che viene posto a 24 metri d' altezza, capace di produrre da 35 a 37mila kwh annui nella versione base, ma che può essere moltiplicata con un' installazione multiturbina arrivando fino a 60 kw di potenza, gestiti con lo stesso impianto e con la stessa autorizzazione. I vantaggi per il minieolico sono diversi: da una parte sono ancora appetibili gli incentivi statali che finanziano per 0,2 centesimi di euro ogni chilowattora prodotto fino a 20 kw e 0,268 centesimi dai 20 ai 100 kw per vent' anni. «Sono allo studio delle riduzioni degli incentivi per il futuro che riguarderanno solo le nuove installazioni», avverte il direttore commerciale di PentaWind, Moreno Fabris, «ma abbiamo già calcolato che lo scostamento è minimo per chi resta sotto i 60 kw, che è l' opzione che noi suggeriamo per la semplificazione che comporta nell' iter burocratico». Inoltre le turbine lavorano a bassa tensione ed è più semplice il collegamento alla rete Enel, che non ha necessità di costruire una cabina, senza tener conto che su un basamento di cemento armato il palo di sostegno e la turbina possono essere installati con il semplice utilizzo di un camion gru. È un prodotto destinato anche all' esportazione nei paesi nordici dove l' associazione minieolico azienda agricola è una realtà consolidata «oltre al fatto che è anche una scelta etica per l' utilizzo di energia pulita e il coinvolgimento di un indotto che è tutto italiano e veronese», aggiunge Mirco Perlati. La proposta di PentaWind è un pacchetto chiavi in mano che fornisce diritto di superficie, autorizzazioni edilizie, posizionamento della macchina (di solito se ne consigliano due) e garanzia di manutenzione compresa, oltre a polizza assicurativa per danni vandalici, eventi atmosferici e mancata produttività. Il tutto per 135 mila euro (per due aerogeneratori) in un sito che garantisca 7 metri/secondo di vento e un Continua > 6

9 Pagina 1 < Segue L'Arena Fonti Rinnovabili guadagno netto annuo del 7 per cento (già calcolato sul possibile abbassamento degli incentivi statali per l' e olico), un investimento che non è possibile attingere a nessun' altra forma finanziaria se non ad alto rischio di volatilità. «Su trenta macchine in stallate metà sono di proprietà di PentaWind che ha scelto di investire su se stessa e per essere sicura di quanto propone ai futuri clienti», spiega Perlati. Salutando gli investitori arrivati alla presentazione in PentaWind, il consigliere regionale Stefano Valdegamberi, che da sindaco aveva portato a Badia Calavena il primo impianto eolico, ha ricordato come questo evento abbia contagiato positivamente l' imprenditoria locale «e stimolato la nascita di nuovi progetti come quello di PentaWind. Sono orgoglioso che produca turbine eoliche sempre più vendute nel nostro paese, sfidando con successo i colossi delle multinazionali». o. 7

10 Pagina 15 Il Sole 24 Ore. Il ministro dell' Ambiente Galletti ha firmato due decreti Via ai progetti della compagnia petrolifera Via libera alla Shell in Mar Ionio Ripartono i grandi programmi di esplorazione off shore dopo un lungo stop Via libera ambientale alla Shell per cercare giacimenti di metano e petrolio in una delle zone più lusinghiere per la scoperta di grandi riserve ma anche una delle aree a maggiore sensibilità contestativa del Mezzogiorno: il golfo di Taranto. Il ministro dell' Ambiente, Gian Luca Galletti, ha firmato due decreti di valutazione di impatto ambientale (Via) ai progetti della Shell nel mare Ionio fra Calabria, Basilicata e Puglia. Dopo il sì ecologico, ai cantieri manca solamente la formalità della firma dello Sviluppo economico. È forse il primo grande via libera dopo una lunghissima sosta: la lentezza con cui diverse amministrazioni pubbliche partecipano all' iter, il divieto temporaneo (poi cancellato) all' uso di strumenti di ricerca geologica, le sequenze di ricorsi al Tar hanno rallentato gran parte delle procedure per la ricerca e l' uso dei giacimenti nazionali. Sono stati espressi diversi decreti Via in questi mesi, ma non su progetti di tali dimensioni e in un' area costeggiata da regioni molto permalose. Le aree di ricerca Le zone in cui le navi della Shell ispezioneranno i fondali sono due, di forma irregolare. Una prima area di ricerca è vasta 730 chilometri quadri e dista 27 miglia nautiche da Taranto e una quindicina dalla Calabria. Non vi sono punti di particolare sensibilità ambientale. La seconda area da esaminare è di 617 chilometri quadri, più accostata alla costa calabrese (a 8 miglia dalla spiaggia di Trebisacce) e si avvicina a due aree di sensibilità ambientale. Le precauzioni ambientali Gli esperti della commissione Via del ministero hanno esaminato il progetto e hanno ritenuto che le prospezioni del colosso petrolifero nelle profondità sotto il mare si possano fare, a patto che vengano osservate alcune precauzioni per ridurne gli effetti sull' ambiente. Per esempio, sono state imposte alla Shell regole molto severe sull' uso dell' air gun, il "cannone" ad aria compressa che, sparando grandi bolle sotto il mare, produce sul fondale un colpo in cui eco permette di leggere le profondità del sottosuolo. È nel mondo la tecnica di ricerca geologica sottomarina più sostenibile, eppure anch' essa con i suoi colpi subacquei può disturbare la vita marina e suscita grandi timori ambientali. Per questo motivo ogni uso dell' air gun sarà preceduto da biologi che escludano la presenza di delfini e balene, avrà un suono gradualmente ascendente in modo da allontanare gli animali e così via. Continua > 8

11 Pagina 15 < Segue Il Sole 24 Ore Geologia e politica Il sottosuolo non è ancora stato esplorato, ma i geologi sospettano che in quel braccio di mar Ionio possano celarsi grandi giacimenti: parrebbe trattarsi della continuazione, sotto il fondo del mare, della stessa tipologia di sottosuolo che poco più a nord ha svelato le aree petrolifere della Val d' Agri (Eni) e Tempa Rossa (Total). Il progetto di ricerca di giacimenti risale a molti anni fa, al 2009, ma si è fermato mille volte fra cautele politiche e opposizione delle regioni prospicienti. In questi giorni i politici lucani insorgono contro l' approvazione del ministero e la Regione Basilicata ha annunciato l' ennesimo ricorso contro il progetto, in vista del referendum contro l' uso dei giacimenti nazionali proposto da dieci Regioni. In lista d' attesa Sono ancora in attesa di via libera i progetti per la ricerca di giacimenti in altre zone molto promettenti, cioè quelli dell' Eni nel Canale di Sicilia, della Tgs Nopec al largo della costa nordovest della Sardegna, della Schlumberger in tutto lo Ionio e nel mare fra la costa ragusana e Pantelleria. In questi mesi sono inoltre decollate le autorizzazioni ai progetti sul giacimento Ombrina Mare della Rockhopper, contestatissimo in Abruzzo, della Petroceltic a Trebisacce, dell' Edison per ampiare l' area petrolifera Vega nel Canale di Sicilia. RIPRODUZIONE RISERVATA. JACOPO GILIBERTO 9

12 Pagina 42 Il Sole 24 Ore. Nessun risultato al meeting voluto dal Venezuela Petrolio, l' Opec incontra di nuovo Russia e Messico ma non si parla di «tagli» Fmi: bilancio a rischio anche per l' Arabia Saudita Qualcuno ci aveva sperato, altri forse avevano frainteso. Ma di tagli della produzione di petrolio ieri all' Opec non si è neppure parlato: l' incontro con i Paesi non Opec, che il Venezuela aveva voluto ad ogni costo organizzare, si è concluso com' era prevedibile con un buco nell' acqua. A Vienna sono arrivati meno ospiti del previsto e gli unici ministri presenti erano il venezuelano Eulogio Del Pino e l' ecuadoriano Pedro Merizalde Pavòn. Gli altri Paesi erano rappresentati da oscuri funzionari ministeriali come si conviene in quello che l' Opec ha sempre definito un "incontro tecnico" oppure hanno snobbato l' appuntamento: Norvegia, Azerbaijan e Oman erano stati invitati, ma non si è presentato nessuno. C' erano invece la Russia, il Brasile, il Messico, la Colombia e il Kazakhstan. Ma non si è deciso nulla. O almeno, nulla che valesse la pena di annunciare al mondo: nel tardo pomeriggio di ieri, ore dopo la fine della riunione, l' Opec non aveva ancora diffuso nessuna dichiarazione, nemmeno il più scarno dei comunicati stampa. Non c' era stata una posizione ufficiale, del resto, nemmeno al termine di incontri analoghi che si erano svolti in maggio e, prima ancora, nel novembre 2014, alla vigilia dello storico vertice che segnò la svolta nelle strategie dell' Opec. Ieri, come ha riferito il ministro Del Pino, il Venezuela ha proposto di convocare tra un mese un vertice tra capi di Stato Opec e non Opec «per discutere la stabilità del mercato». Caracas vorrebbe inoltre reintrodurre una banda di oscillazione per i prezzi del petrolio, un riferimento che l' Opec ha abbandonato da anni, suggerendo 88 $/barile come «prezzo di equilibrio», necessario per contrastare il crollo degli investimenti e un conseguente declino del 10% della produzione globale. A Vienna nessuno sembra averlo preso sul serio, anche se nei giorni scorsi il ministro iraniano Bijan Zanganeh aveva invocato il ritorno ad un prezzo di riferimento, tra 70 e 80 $/barile. E il mercato ha ignorato del tutto la vicenda: il Wti è scivolato del 2,4% a 45,20 $/bbl, ma il maggior fattore ribassista è stato l' ulteriore forte aumento delle scorte di greggio Usa (+8 milioni di barili). Un cambio di rotta da parte dell' Opec era d' altra parte ben difficiele da immaginare, ora che le sue strategie hanno cominciato sia pure in ritardo a funzionare. In pratica gli Stati Uniti, patria dello shale oil, sono tornati alla casella di partenza: l' incremento della Continua > 10

13 Pagina 42 < Segue Il Sole 24 Ore produzione di greggio accumulato dallo scorso novembre a oggi è stato quasi competamente spazzato via. Oggi l' output Usa è sceso intorno a 9,1 milioni di barili al giorno, circa 500mila in meno rispetto al picco di giugno e promette di scendere ancora, forse addirittura più di quanto si attenda il Governo americano, che ora prevede un minimo di 8,86 mbg ad agosto La produttività per pozzo, dopo essere salita del 30% in reazione al crollo dei prezzi, da luglio ha infatti smesso di crescere nelle maggiori aree di shale del Paese, fa notare Drillinginfo. E il numero di trivelle è ai minimi dal Resta il fatto che il malessere dei produttori Opec è sempre più palpabile. Persino l' Arabia Saudita a oltre un anno dal crollo dei prezzi del greggio sta accusando contraccolpi: il Fondo monetario internazionale ieri ha avvertito che in meno di 5 anni le sue finanze rischiano di essere prosciugate se il Governo non tira drasticamente la cinghia. Kuwait, Qatar edemirati arabi uniti hanno ossigeno per i prossimi vent' anni almeno. Ma nell' insieme i Paesi del Golfo Persico hanno perso 36 miliardi di $ di entrate e avranno bilanci in deficit del 13% quest' RIPRODUZIONE RISERVATA. SISSI BELLOMO 11

14 Pagina 35 Il Gazzettino (ed. Rovigo) Mai più trivelle nel Delta del Po Unanimità in Consiglio regionale alla proposta di Azzalin che ha vietato la ricerca di idrocarburi Scampata per sempre la minaccia delle trivelle sul Delta del Po. Il consigliere regionale polesano del Pd, Graziano Azzalin, ispiratore della proposta di legge statale 11 approvata dal Consiglio regionale nel 2011 per vietare prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi nelle province di Venezia, Padova e Rovigo, poi arenatasi in Parlamento, ha espresso soddisfazione perl' esito positivo della decisione veneta. Con un unico rammarico: «Peccato che un simile atteggiamento non trovi riscontro sull' altra sponda del Po. «Il Delta ha continuato Azzalin è stato messo definitivamente al sicuro da ogni rischio di trivellazioni grazie al voto unanime del consiglio regionale che, per chiarire definitivamente ogni dubbio al riguardo, ha approvato all' unanimità la modifica della legge istitutiva del Parco nella quale si specifica che non solo non possono essere rilasciate autorizzazioni per l' estrazione di idrocarburi, ma nemmeno permessi di ricerca di alcun tipo. Anche i vibroseis, i mezzi di ricerca a vibrazione sismica, dunque, nel Delta non potranno entrare in funzione». Nella seduta dell' assemblea di Palazzo Ferro Fini sono arrivati 41 sì su 41 presenti sulla proposta di legge che vedeva Azzalin come primo firmatario. Soddisfazione anche per Patrizia Bartelle, consigliera regionale di Rovigo del M5S: «È stata una votazione unanime che ci dà soddisfazione. È solo l' ultimo capitolo di un lungo lavoro iniziato sul territorio a contatto con le associazioni e i cittadini. L' unica amarezza, per la quale continuiamo a lottare, è che non sia possibile inserire nel testo di legge le aree adiacenti perché non di competenza regionale, ma nazionale. Ricordiamo che anche il confinante comune di Cavarzere, nel veneziano, ha problemi molto gravi si subsidenza. Il nostro impegno continuerà». Già in commissione si era registrata l' unanimità e lo stesso capogruppo della Lega Nord Nicola Finco aveva sottoscritto la norma «Non avevo dubbi che anche il consiglio avrebbe risposto in modo affermativo a questa proposta ha concluso Azzalin perché è rivolta a chiarire ogni dubbio dopo la sentenza del Tar che aveva cassato la delibera con la quale la Regione aveva negato l' autorizzazione di ricerca di idrocarburi». riproduzione riservata. 12

15 Pagina 25 La Nazione Dai rifiuti il pieno di carburante Ecco l' auto di Ritorno al Futuro L' auto del film Ritorno al Futuro, con un motore alimentato a rifiuti, da fiction diventa realtà. Il Consorzio italiano compostatori ha mostrato come il biogas della parte organica dell' immondizia può generare combustibile. La macchina del tempo aveva un dispositivo (Mr. Fusion) che dal pattume traeva energia per mettersi in moto. Non sono più fantasie. 13

16 Pagina 1 L'Arena IL CONFRONTO. In base alle rilevazioni di Sostariffe, tutte le altre città venete, tranne Belluno, sono in calo, più consumi averona Così si risparmia sulla bolletta In Veneto solo due città vedono aumentare nel 2015 il costo dell' energia elettrica in bolletta: sono Verona con un +7% e Belluno addirittura con il +16%. Tutte le altre città venete vedono un calo dei costi. Lo studio è stato eseguito da SosTariffe.it che ha stimato i consumi e il costo delle bollette per l' energia elettrica in tutte le città del Veneto. Secondo l' osservatorio, Treviso è la città con i consumi più alti, ovvero 3341 kwh annui ( 10% dal 2014) che corrispondono a quasi 731 euro di spesa annua. Verona è in controtendenza perché aumenta i consumi di energia elettrica con una media pari a 3236 kw rispetto ai 3021 del 2014 (+7%) e un costo bolletta media che resta sotto i 700 euro, vale a dire 695,93 euro. Tuttavia con alcuni suggerimenti proposti da SosTariffe.it i costi possono essere tagliati in Veneto del 42%, ovvero 287 euro l' anno. Nei periodi autunnali e invernali i consumi di energia elettrica subiscono un incremento, gonfiando la bolletta della luce. Quali sono i fattori che incidono maggiormente sul costo finale dell' energia? Quali gli accorgimenti migliori per ridurre le spese? Sapere a quanto ammontano i costi per l' energia e dove agire per ridurli è utile per non ritrovarsi con un salasso in bolletta. Per quanto riguarda il Veneto, SosTariffe.it ha cercato di stimare i consumi medi di energia elettrica in ogni città della regione, la variazione rispetto ai consumi del 2014 e i costi finali che gli utenti si ritroveranno in bolletta a fine anno per il 2015 rispetto al 2014 (vedi tabella). Dall' analisi si evince che i consumi di energia nel 2015 in Veneto sono leggermente diminuiti dal 2014 di circa il 4%. Nel 2015 in regione si consumano in media circa 3187 kwh annui a nucleo familiare, contro i 3316 kwh dell' anno passato. Secondo questa stima, dunque, nel 2015 si spenderanno in media circa 679,65 euro per l' energia. A Belluno è stato rilevato l' aumento più alto dei consumi in regione (+16%). Oggi in questa città si consumano circa 2900 kwh contro i 2500 kwh del Nonostante questo dato Belluno è anche quest' anno la città con la bolletta meno cara di tutta la regione: annualmente si arriva a spendere circa 584 euro. Verona segue a ruota con un aumento dei consumi di energia elettrica pari al 7% e un costo bolletta che resta però sotto la soglia dei 700 euro. Vicenza è, invece, la città veneta più risparmiosa dato che in questa città si registra il calo maggiore di consumi in regione: dal 2014, infatti, la Continua > 14

17 Pagina 1 < Segue L'Arena diminuzione è stata del 15%. Oggi Vicenza si consumano circa 3032 kwh annui per una spesa di 628,17 euro in bolletta. A pesare maggiormente sui prezzi dell' energia elettrica ci sono alcuni cattivi comportamenti che possono essere tuttavia sostituite con alcuni consigli. Anche a Treviso la variazione del fabbisogno energetico dall' anno scorso è stata notevole: in questa città, infatti, nel 2015 si consumano mediamente circa il 10% in meno di kwh all' anno, ma questo non ha influito sul fatto che Treviso è la città con la bolletta più salata del Veneto. Qui nel 2015 si arriveranno a spendere in media quasi 731 euro per la luce. A pesare maggiormente sui prezzi dell' energia elettrica ci sono alcune cattive abitudini che possono essere tuttavia sostituite con alcuni consigli chefanno risparmiare. o. 15

KLIMAENERGY 2016 Il ruolo delle energie pulite dopo la Conferenza di Parigi COP21. Edoardo Zanchini Vicepresidente nazionale

KLIMAENERGY 2016 Il ruolo delle energie pulite dopo la Conferenza di Parigi COP21. Edoardo Zanchini Vicepresidente nazionale KLIMAENERGY 2016 Il ruolo delle energie pulite dopo la Conferenza di Parigi COP21 Edoardo Zanchini Vicepresidente nazionale Alla COP21 di Parigi è stato raggiunto uno storico accordo internazionale sul

Dettagli

Verona 15 Maggio 2008 SOLAREXPO. Luisa Calleri. APER Associazione Produttori di Energia da Fonti Rinnovabili

Verona 15 Maggio 2008 SOLAREXPO. Luisa Calleri. APER Associazione Produttori di Energia da Fonti Rinnovabili Verona 15 Maggio 2008 SOLAREXPO Workshop FIRE APER Fonti rinnovabili: guida per i decisori pubblici e i manager Luisa Calleri APER Associazione Produttori di Energia da Fonti Rinnovabili L Associazione

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO PARERE 14 OTTOBRE 2015 489/2015/I/EFR PARERE IN MERITO ALLO SCHEMA DI DECRETO INTERMINISTERIALE PER L INCENTIVAZIONE DELLA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI DIVERSE DALLA

Dettagli

In allegato trovi il numero di Ottobre di MyNews, la newsletter periodica di Myenergy con informazioni sulle energie rinnovabili.

In allegato trovi il numero di Ottobre di MyNews, la newsletter periodica di Myenergy con informazioni sulle energie rinnovabili. Mynews Ottobre 2008 In questo numero Gentile lettore, In allegato trovi il numero di Ottobre di MyNews, la newsletter periodica di Myenergy con informazioni sulle energie rinnovabili. Ecco le ultime novità:

Dettagli

INCENTIVI ALLE FONTI RINNOVABILI ELETTRICHE: COSA CAMBIA CON IL NUOVO DECRETO?

INCENTIVI ALLE FONTI RINNOVABILI ELETTRICHE: COSA CAMBIA CON IL NUOVO DECRETO? Rinnovabili: I nuovi incentivi per il settore elettrico Bolzano, 25 luglio 2012 INCENTIVI ALLE FONTI RINNOVABILI ELETTRICHE: COSA CAMBIA CON IL NUOVO DECRETO? Andrea Zaghi Centro Studi L Associazione Aper

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA Entrata in vigore: Il nuovo regime di incentivazione previsto dal V conto energia entrerà in vigore 45 giorni dopo il raggiungimento di un costo indicativo

Dettagli

Acqua, vento, terra, sole

Acqua, vento, terra, sole Acqua, vento, terra, sole Energie rinnovabili nella generazione elettrica in Italia Roberto Meregalli 12 agosto 2010 Il 2009 sarà ricordato a lungo come l annus horribilis 1 dell economia mondiale. A livello

Dettagli

I falsi miti sulle energie rinnovabili le rinnovabili nello scenario energetico. Andrea Zaghi a.zaghi@assorinnovabili.it

I falsi miti sulle energie rinnovabili le rinnovabili nello scenario energetico. Andrea Zaghi a.zaghi@assorinnovabili.it I falsi miti sulle energie rinnovabili le rinnovabili nello scenario energetico Andrea Zaghi a.zaghi@assorinnovabili.it Indice 1. Le rinnovabili nel settore elettrico tra integrazione e nuove sfide 2.

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO PARERE 14 OTTOBRE 2015 489/2015/I/EFR PARERE IN MERITO ALLO SCHEMA DI DECRETO INTERMINISTERIALE PER L INCENTIVAZIONE DELLA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI DIVERSE DALLA

Dettagli

Workshop Fonti Rinnovabili

Workshop Fonti Rinnovabili Workshop Fonti Rinnovabili Rinnovabili: vecchi vizi e nuove virtù. Una generazione sempre più al verde? Centro Studi SAFE Auditorium GSE Roma, 23 luglio 2012 Agenda Le rinnovabili nel mondo: quadro attuale

Dettagli

ENERGIE SENZA BUGIE. illustrazioni di Emilio Giannelli. a cura di APER - Associazione Produttori Energia da Fonti Rinnovabili

ENERGIE SENZA BUGIE. illustrazioni di Emilio Giannelli. a cura di APER - Associazione Produttori Energia da Fonti Rinnovabili ENERGIE SENZA BUGIE illustrazioni di Emilio Giannelli a cura di APER - Associazione Produttori Energia da Fonti Rinnovabili LO SAPEVI CHE RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI SULLE RINNOVABILI TI COSTERÀ SOLO UN

Dettagli

ALTRE FONTI RINNOVABILI POTENZIALMENTE INTERESSANTI PER L AGRICOLTURA VENETA

ALTRE FONTI RINNOVABILI POTENZIALMENTE INTERESSANTI PER L AGRICOLTURA VENETA Capitolo 4 ALTRE FONTI RINNOVABILI POTENZIALMENTE INTERESSANTI PER L AGRICOLTURA VENETA 4.1 Premessa All agricoltura viene da tempo riconosciuto, grazie alla multifunzionalità, il ruolo di gestione del

Dettagli

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI La riconfigurazione del mercato delle costruzioni Lo scenario delle costruzioni

Dettagli

ENERGIA FOTOVOLTAICA

ENERGIA FOTOVOLTAICA ENERGIA FOTOVOLTAICA Quinto Conto Energia Decreto Ministeriale del 05.07.2012 - G.U. 10.07.2012 Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti solari fotovoltaici 3 Meccanismo di finanziamento

Dettagli

Esempio di Conto Energia

Esempio di Conto Energia Esempio di Conto Energia Esempio di Conto Energia fotovoltaico Ecco un esempio di Conto Energia per un impianto fotovoltaico da 3kw con Scambio sul Posto. Supponiamo di installare sul tetto della nostra

Dettagli

V Conto Energia. Sintesi e novità

V Conto Energia. Sintesi e novità V Conto Energia Una sintesi del Decreto Ministeriale (c.d. V Conto Energia) che indica quali sono e potranno essere i criteri e le modalità di incentivazione attuali e futuri della produzione di energia

Dettagli

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5%

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% I dati definitivi sul bilancio elettrico del 2014 fanno registrare una riduzione

Dettagli

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori,

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori, Roma, 18 giugno 2008 INTERVENTO VIDEO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA ALL ASSEMBLEA ANNUALE DELL UNIONE PETROLIFERA Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore

Dettagli

Il Quinto Conto Energia

Il Quinto Conto Energia Nota di approfondimento Il Quinto Conto Energia E stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 10 luglio 2012, n. 159, il decreto 5 luglio 2012, cosiddetto Quinto Conto Energia, che ridefinisce le modalità

Dettagli

2011 Italian Upstream Forecast. Pietro Cavanna Presidente Settore Idrocarburi e Geotermia Assomineraria

2011 Italian Upstream Forecast. Pietro Cavanna Presidente Settore Idrocarburi e Geotermia Assomineraria 2011 Italian Upstream Forecast Pietro Cavanna Presidente Settore Idrocarburi e Geotermia Assomineraria 1 SETTORE IDROCARBURI E GEOTERMIA Assomineraria è l organizzazione confindustriale dell industria

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 TELEFONO 47531 1000 BRUXELLES TELEX 622425 TELEFONO 00322 / 2178838

Dettagli

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI Lo studio WETO-H2 ha elaborato una proiezione di riferimento del sistema energetico mondiale e due scenari di variazione,

Dettagli

VISTA la proposta formulata dal GSE in data 10 luglio 2014; VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e, in particolare, l articolo 1;

VISTA la proposta formulata dal GSE in data 10 luglio 2014; VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e, in particolare, l articolo 1; Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTO l articolo 26, comma 2, del decreto-legge n. 91 del 2014, convertito dalla legge 11 agosto 2014, n. 116, (di seguito: decreto-legge n. 91 del 2014) il quale dispone

Dettagli

Anche se nella Val Basento la chimica non esiste più, sono rimasti alcuni funghi di piccola industria.

Anche se nella Val Basento la chimica non esiste più, sono rimasti alcuni funghi di piccola industria. Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGiL della Provincia di Matera Soggetto: la Basilicata come laboratorio; la filiera 1 dell energia alternativa; fare in modo che i giovani rimangano

Dettagli

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico.

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Nocera Torinese ( Cz ) Intervento di Luigi Sbarra Segretario Generale Cisl Calabria. Quando si osservano i dati statistici riguardanti la

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Lo sviluppo dell eolico in Italia: incentivi e risultati

Lo sviluppo dell eolico in Italia: incentivi e risultati Lo sviluppo dell eolico in Italia: incentivi e risultati Matteo Giannì Unità Studi e Statistiche - 1 - GSE: monitoraggio e informazione Attività di monitoraggio previste dalla normativa assegnate al GSE

Dettagli

GSE: pubblicato rapporto attività 2009 su certificati verdi, CIP 6 e conto energia

GSE: pubblicato rapporto attività 2009 su certificati verdi, CIP 6 e conto energia http://www.ilsostenibile.it/2010/09/15/gse-pubblicato-rapporto-attivita-2009-su-certificati-verdi-cip-6-... Page 1 of 5 Home Mappa del sito Chi siamo Contatti Search... GO Pannelli Fotovoltaici Confronta

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: dal 1 gennaio bollette 2,2% per l elettricità, +2,8%per il gas Con i bonus, riduzioni superiori al 15% per le famiglie più bisognose Milano,

Dettagli

L ENERGIA: QUANTI E QUALI FALSI MITI DA SFATARE Non è vero che il fotovoltaico costa troppo

L ENERGIA: QUANTI E QUALI FALSI MITI DA SFATARE Non è vero che il fotovoltaico costa troppo Festival della Soft Economy - Symbola Università degli Studi di Camerino 25 Giugno 2014 L ENERGIA: QUANTI E QUALI FALSI MITI DA SFATARE Non è vero che il fotovoltaico costa troppo Andrea Zaghi Responsabile

Dettagli

I dati della ricerca

I dati della ricerca Relazioni con i Media Tel. 02/8515.5288/5224 Comunicati www.mi.camcom.it I dati della ricerca Il mercato fotovoltaico in Europa e nel mondo. È l Europa il mercato di sbocco principale per il fotovoltaico,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

Cominciando dai dati, va subito detto che l Italia non è più il motore della crescita europea (come risultava essere fino a pochi anni fa), ma resta

Cominciando dai dati, va subito detto che l Italia non è più il motore della crescita europea (come risultava essere fino a pochi anni fa), ma resta Home > Le 19/06/2014 rinnovabili cercano la salvezza all estero I tagli hanno fatto chiudere in molti. Chi è rimasto cambia si sposta di segmento o punta all estero 19 giugno 2014 Luigi dell Olio Published

Dettagli

Energia Solare per gli Hotel e il Turismo

Energia Solare per gli Hotel e il Turismo Avvocati, Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Energia Solare per gli Hotel e il Turismo Cagliari, 23 Marzo 2010 1 Incentivi al Fotovoltaico: il Conto Energia II Condizioni per l accesso alle tariffe

Dettagli

Il 2014 sarà l anno della pompa di calore? 2014 riscaldamento pompa di calor clienti tariffa dedicata risparmiare tariffazione calcolo

Il 2014 sarà l anno della pompa di calore? 2014 riscaldamento pompa di calor clienti tariffa dedicata risparmiare tariffazione calcolo Il 2014 sarà l anno della pompa di calore? di Maghdi Abo Abia - 12/01/2014 - L'Autorità per l'energia elettrica ed il gas ha dato il via libera ad una tariffa sperimentale studiata per questi sistemi con

Dettagli

1. Semplificazione dei Procedimenti Amministrativi

1. Semplificazione dei Procedimenti Amministrativi Osservazioni alla Bozza del Decreto Ministeriale in attuazione del DLgs 28/2011 sulle misure di sostegno alla produzione elettrica da fonti rinnovabili La Fondazione per lo sviluppo sostenibile accoglie

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE N. 5 LUGLIO 2012. detto anche Quinto conto energia. Guida alla lettura

DECRETO MINISTERIALE N. 5 LUGLIO 2012. detto anche Quinto conto energia. Guida alla lettura DECRETO MINISTERIALE N. 5 LUGLIO 2012 detto anche Quinto conto energia Guida alla lettura Premessa Il V Conto Energia aggiorna lo schema di incentivi previsti per incentivare la produzione di energia elettrica

Dettagli

PRIMA NOTA SULLE FONTI RINNOVABILI IN TOSCANA

PRIMA NOTA SULLE FONTI RINNOVABILI IN TOSCANA PRIMA NOTA SULLE FONTI RINNOVABILI IN TOSCANA Luglio 2009 A cura del Centro Studi Ance Toscana/Confindustria Toscana (Sara Pucci e Anna Taorchini) I confronti internazionali Negli ultimi anni le fonti

Dettagli

SINTESI per la STAMPA

SINTESI per la STAMPA Basilicata Basilicata e CdLT di Potenza Provinciale di Potenza SINTESI per la STAMPA L indotto industriale e di servizi del Centro Olio ENI di Viggiano e dei pozzi di estrazione petrolifera della Val d

Dettagli

Evoluzione del sistema degli incentivi delle energie rinnovabili

Evoluzione del sistema degli incentivi delle energie rinnovabili Evoluzione del sistema degli incentivi delle energie rinnovabili Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa Convegno FederUtility Fonti rinnovabili ed efficienza energetica Le prospettive per le Aziende

Dettagli

La certificazione energetica

La certificazione energetica COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Centro Idea Centro di Educazione Alla Sostenibilità PROVINCIA DI FERRARA La COS' E' L ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA (APE) Patto dei Sindaci Un impegno

Dettagli

IL CONTO ENERGIA IL REGIME FISCALE DEL FOTOVOLTAICO

IL CONTO ENERGIA IL REGIME FISCALE DEL FOTOVOLTAICO convegno nazionale & question time IL CONTO ENERGIA IL REGIME FISCALE DEL FOTOVOLTAICO Evoluzione del Conto Energia. Risultati e prospettive Gerardo Montanino, Direttore Divisione Operativa, GSE Fiera

Dettagli

incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili

incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili Incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili incentivi Sommario Incentivi alla Produzione di energia elettrica e termica da impianti

Dettagli

Il solare termico. Il solare fotovoltaico. Le pompe di calore. Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno?

Il solare termico. Il solare fotovoltaico. Le pompe di calore. Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno? Il solare fotovoltaico Il solare termico Le pompe di calore Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno? ENERGIE RINNOVABILI COME FUNZIONANO? QUANTO SI RISPARMIA? A COSA

Dettagli

A2Power Srl sviluppare una nuova concezione della produzione e gestione dell energia

A2Power Srl sviluppare una nuova concezione della produzione e gestione dell energia S.r.l. A2Power Srl è una realtà giovane e dinamica che opera nel settore delle energie rinnovabili, con lo scopo di costituire il punto di incontro tra l innovazione tecnologica e le esigenze di privati

Dettagli

INFORMAZIONI SUL SETTORE DELLE ENERGIE RINNOVABILI IN MACEDONIA

INFORMAZIONI SUL SETTORE DELLE ENERGIE RINNOVABILI IN MACEDONIA INFORMAZIONI SUL SETTORE DELLE ENERGIE RINNOVABILI IN MACEDONIA Premessa La Macedonia ha limitate risorse energetiche proprie. Si tratta prevalentemente di lignite che alimenta gli impianti termoelettrici.

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE VISTO il decreto legislativo n. 28 del 2011; CONSIDERATO che l Italia ha pienamente

Dettagli

Analisi del mercato delle auto

Analisi del mercato delle auto Analisi del mercato delle auto Le immatricolazioni ripartono grazie alla necessità di sostituire il vecchio parco di auto non catalizzate. La scomparsa imminente della benzina super fa crescere le vendite,

Dettagli

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia.

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. Le proposte degli Ecologisti Democratici Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. La predisposizione di un nuovo piano energetico nazionale rappresenta per l Italia non

Dettagli

Dibattito sull energia del futuro: incontro alla Fondazione Corriere Be Energia

Dibattito sull energia del futuro: incontro alla Fondazione Corriere Be Energia Pagina 1 di 8 NETWORK BE ALTRI BLOG CONTATTI PUBBLICITÀ cerca in archivio Invia query Professioni BEaeroporto.it BEagenteimmobiliare.it BEallenatore.it BEamministratorecondominio.it BEanalistafinanziario.it

Dettagli

Guida Autorizzazioni per impianti alimentati da fonti rinnovabili

Guida Autorizzazioni per impianti alimentati da fonti rinnovabili A cura del Punto Assistenza Risparmio Energetico Guida Autorizzazioni per impianti alimentati da fonti rinnovabili Pisa Ambiente Innovazione Via Benedetto Croce,62 56125 Pisa Tel. 050 503926 Fax 050 2207745

Dettagli

Crescono l eolico e l energia da rifiuti, il solare segna il passo Stefania Righi

Crescono l eolico e l energia da rifiuti, il solare segna il passo Stefania Righi Crescono l eolico e l energia da rifiuti, il solare segna il passo Stefania Righi Con 23.859 MW installati e 58.164 GWh prodotti nel 2008, con un incremento del 21 % rispetto all anno precedente: le energie

Dettagli

fotovoltaico SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO clima / comfort / risparmio Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE)

fotovoltaico SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO clima / comfort / risparmio Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE) SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO fotovoltaico clima / comfort / risparmio Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE) tel. 085 9771404 cell. 334 7205 930 MAIL energie@icaro-srl.eu WEB www.icaro-srl.eu

Dettagli

COMMENTARIO V CONTO ENERGIA

COMMENTARIO V CONTO ENERGIA COMMENTARIO V CONTO ENERGIA Premesse a) Incremento del costo indicativo cumulato annuo a 6.700 milioni di euro (il V C.E. termina 30 gg dopo il raggiungimento); b) Il V C.E. parte dopo 45 giorni dalla

Dettagli

Allegato B. Specifiche e requisiti tecnici minimi degli interventi

Allegato B. Specifiche e requisiti tecnici minimi degli interventi AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESONE DI FINANZIAMENTI DI INTERVENTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI ALTERNATIVE DESTINATA ALL AUTOCONSUMO A SERVIZIO DEL SETTORE COMMERCIALE - ARTIGIANALE - INDUSTRIALE -

Dettagli

Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico?

Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico? Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico? Ing. Paolo M. Rocco Viscontini Enerpoint S.r.l. IEFE Milano 29 Aprile 2005 Il fotovoltaico è ancora troppo costoso: non vale la

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Finanziaria 2008 (e modifiche del Gennaio 2009) - Nuovo Conto Energia per il Fotovoltaico (Febbraio 07) Indice: pagina 3: le diverse possibilità di intervento

Dettagli

V Conto Energia Le principali novità in 15 FAQ

V Conto Energia Le principali novità in 15 FAQ 1. Quando entra in vigore il DM 5 Luglio 2012, ovvero il Quinto Conto Energia? Il Quinto Conto Energia (il Decreto ) è entrato in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale,

Dettagli

Impianti eolici (produzione di energia elettrica)

Impianti eolici (produzione di energia elettrica) Autorizzazioni BOZZA Le procedure autorizzative da seguire per richiedere l installazione di un impianto, anche se semplificate al massimo, variano in base alla tipologia, alla sua grandezza e alla sua

Dettagli

LE OPPORTUNITÀ DEL CONTO ENERGIA

LE OPPORTUNITÀ DEL CONTO ENERGIA LE OPPORTUNITÀ DEL CONTO ENERGIA Il fotovoltaico conveniente PERCHÉ IL FOTOVOLTAICO Questione ambientale, il pianeta soffre degli effetti del surriscaldamento (effetto serra)ogni anno vengono immessi in

Dettagli

Energie nuove per l Italia

Energie nuove per l Italia con le amministrazioni locali per ridurre sprechi e bollette Fare Verde è impegnata da alcuni anni nella promozione di tecnologie e soluzioni per il contenimento dei consumi energetici e la diffusione

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici La ESCo del Sole nuove energie per risparmiare Impianti fotovoltaici Tecnologie per produrre energia rinnovabile Scheda - Impianti solari fotovoltaici (PV)* L impianto solare fotovoltaico Vi è una differenza

Dettagli

Produzione: crescono le rinnovabili (+11,1%), si conferma primato del gas nella produzione termica (67,1%)

Produzione: crescono le rinnovabili (+11,1%), si conferma primato del gas nella produzione termica (67,1%) Nota di sintesi Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2010 CRESCE LA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2010: +3,2% E il valore di crescita più alto del decennio 2001-2010, eguagliato l incremento

Dettagli

I riferimenti sono che ci pongono degli obiettivi da raggiungere sono:

I riferimenti sono che ci pongono degli obiettivi da raggiungere sono: INTRODUZIONE Questo opuscolo nasce dalla volontà dell Amministrazione Comunale di proseguire nelle azioni propositive per il risparmio energetico, e di rivolgere ai cittadini un riferimento per riflettere

Dettagli

Fotovoltaico e Sistemi Solari. Il Sole in Italia

Fotovoltaico e Sistemi Solari. Il Sole in Italia Il Sole in Italia L'energia elettrica che tutti noi consumiamo ogni giorno proviene per l'80%, da combustibili fossili mentre solo un esiguo 14% è riconducibile a fonti rinnovabili(principalmente idroelettrico).

Dettagli

RICARICANDO IL PIANETA

RICARICANDO IL PIANETA RICARICANDO IL PIANETA UN PENSIERO 100% GREEN La General Building - Energie rinnovabili nasce da un idea che risale al 2000 dell imprenditore Marco Maracci il quale, forte della sua lunga esperienza nel

Dettagli

ANAGRAFE EDILIZIA SCOLASTICA

ANAGRAFE EDILIZIA SCOLASTICA ANAGRAFE EDILIZIA SCOLASTICA Roma, 7 agosto 2015 #MutuiBei Anagrafe Nazionale Per la prima volta una fotografia completa degli edifici scolastici È prevista dall art. 7 della legge n. 23 del 1996, ma non

Dettagli

Sono 6.993 i Comuni rinnovabili italiani

Sono 6.993 i Comuni rinnovabili italiani Sono 6.993 i Comuni rinnovabili italiani Il rapporto racconta con numeri, tabelle, cartine il salto impressionante che si è verificato in Italia nel numero degli impianti installati. Attraverso nuovi impianti

Dettagli

Sicurezza e risparmio energetico

Sicurezza e risparmio energetico Sicurezza e risparmio energetico nell'edilizia edilizia residenziale pubblica Anna Maria Pozzo Federcasa Milano, 25 marzo 2010 Il contesto residenziale il settore residenziale vale il 40% dei consumi europei

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 19 DICEMBRE 2013 614/2013/R/EFR AGGIORNAMENTO DEL LIMITE MASSIMO PER LA RESTITUZIONE DEGLI ONERI GENERALI DI SISTEMA NEL CASO DI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI CHE ACCEDONO ALLO

Dettagli

Misure di incentivazione per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili

Misure di incentivazione per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni Università degli Studi di Palermo Misure di incentivazione per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Ing. Salvatore

Dettagli

Ren Italia. L energia che ti serve

Ren Italia. L energia che ti serve Ren Italia. L energia che ti serve La tua energia, il tuo futuro. La tua piccola centrale elettrica per un mondo più pulito Il mondo è cambiato, e continua a cambiare sempre più velocemente. Lo sviluppo

Dettagli

La nostra azienda. Liberenergia è un azienda che offre prodotti e soluzioni integrate per il risparmio e l efficienza energetica.

La nostra azienda. Liberenergia è un azienda che offre prodotti e soluzioni integrate per il risparmio e l efficienza energetica. La nostra azienda Liberenergia è un azienda che offre prodotti e soluzioni integrate per il risparmio e l efficienza energetica. I servizi proposti riguardano in special modo progettazione e installazione

Dettagli

L energia eolica è il prodotto della conversione dell energia cinetica del vento in altre forme di energia. Per lo più adesso viene convertita in

L energia eolica è il prodotto della conversione dell energia cinetica del vento in altre forme di energia. Per lo più adesso viene convertita in ENERGIA EOLICA: L energia eolica è il prodotto della conversione dell energia cinetica del vento in altre forme di energia. Per lo più adesso viene convertita in energia elettrica tramite una centrale

Dettagli

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013 Gentile famiglia Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Il Comune di Brivio ha sottoscritto il Patto dei Sindaci, iniziativa Europea nata

Dettagli

Modelli e politiche di valorizzazione energetica degli edifici

Modelli e politiche di valorizzazione energetica degli edifici Modelli e politiche di valorizzazione energetica degli edifici Gianluca Ruggieri Dipartimento di Scienze Teoriche e Applicate DiSTA Uninsubria Brescia, Scuola Edile Bresciana 9 maggio 2013 La dipendenza

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini: - La detrazione fiscale del 55% per rinnovabili e risparmio energetico nelle abitazioni - Il Conto Energia per il Fotovoltaico - La tariffa omnicomprensiva e i certificati

Dettagli

UniCredit Banca a sostegno del fotovoltaico Stefano Rossetti Direttore Regionale Emilia Est e Romagna UniCredit Banca

UniCredit Banca a sostegno del fotovoltaico Stefano Rossetti Direttore Regionale Emilia Est e Romagna UniCredit Banca UniCredit Banca a sostegno del fotovoltaico Stefano Rossetti Direttore Regionale Emilia Est e Romagna UniCredit Banca 30 settembre 2007 Agenda La situazione della produzione di energia rinnovabile in Italia

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

Contenuto del decreto ministeriale 28 luglio 2005 e della delibera n.188/05 dell Autorità per l Energia

Contenuto del decreto ministeriale 28 luglio 2005 e della delibera n.188/05 dell Autorità per l Energia Contenuto del decreto ministeriale 28 luglio 2005 e della delibera n.188/05 dell Autorità per l Energia In sintesi i contenuti del decreto e della delibera dell Autority L incentivazione per la produzione

Dettagli

Le principali novità del V Conto Energia

Le principali novità del V Conto Energia Vittorio Chiesa L entrata in vigore Le modalità di accesso all incentivazione Lo scambio sul posto Le principali novità del V Conto Energia Il limite ai volumi incentivabili Le tariffe incentivanti www.energystrategy.it

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA Entrata in vigore: Il nuovo regime di incentivazione previsto dal V conto energia entrerà in vigore 45 giorni dopo il raggiungimento di un costo indicativo

Dettagli

Petrolio 2.0. Di Roberto Meregalli 1 (meregalli.roberto@gmail.com) 22 luglio 2015

Petrolio 2.0. Di Roberto Meregalli 1 (meregalli.roberto@gmail.com) 22 luglio 2015 Petrolio 2.0 E passato un anno dall inatteso crollo delle quotazioni petrolifere che portò il prezzo del greggio dal valore di 116,7 dollari al barile del giugno 2014 a quello di 58 dollari del gennaio

Dettagli

Le energie rinnovabili nel contesto agro-zootecnico: analisi normativa e d investimento per impianti fotovoltaici e a biomasse/biogas

Le energie rinnovabili nel contesto agro-zootecnico: analisi normativa e d investimento per impianti fotovoltaici e a biomasse/biogas Centro per lo sviluppo del polo di Cremona Le energie rinnovabili nel contesto agro-zootecnico: analisi normativa e d investimento per impianti fotovoltaici e a biomasse/biogas Centro per lo sviluppo del

Dettagli

POMPE DI CALORE SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO. clima / comfort / risparmio. Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE)

POMPE DI CALORE SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO. clima / comfort / risparmio. Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE) SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO POMPE DI CALORE clima / comfort / risparmio Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE) tel. 085 9771404 cell. 334 7205 930 MAIL energie@icaro-srl.eu WEB www.icaro-srl.eu

Dettagli

Argomenti. Quali sono solare termico solare fotovoltaico eolico minieolico biomasse geotermia mare e moto ondoso

Argomenti. Quali sono solare termico solare fotovoltaico eolico minieolico biomasse geotermia mare e moto ondoso ENERGIE RINNOVABILI Argomenti Quali sono solare termico solare fotovoltaico eolico minieolico biomasse geotermia mare e moto ondoso Argomenti Perché le energie rinnovabili? Vantaggi Incentivi Esempi Formazione

Dettagli

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO Uno studio del GSE rivela che già nel 2010 l Italia sarebbe in grado di aumentare del settanta per cento il calore prodotto in cogenerazione

Dettagli

LA VERITÀ SULLE BOLLETTE ELETTRICHE

LA VERITÀ SULLE BOLLETTE ELETTRICHE LA VERITÀ SULLE BOLLETTE ELETTRICHE 10 anni di aumenti per le famiglie italiane a causa della dipendenza dalle fonti fossili! Telegiornali e quotidiani lo hanno raccontato con grande enfasi negli ultimi

Dettagli

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Audizione del Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato Roma, 3 luglio 2014 Indice Il Gruppo GSE Decreto-Legge 24

Dettagli

ASSOCIAZIONE PRODUTTORI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

ASSOCIAZIONE PRODUTTORI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI ASSOCIAZIONE PRODUTTORI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI L ASSOCIAZIONE DELLE RINNOVABILI PER LE RINNOVABILI aper.it CHE COS È APER L Associazione che da oltre 20 anni dà voce alle rinnovabili Fondata nel

Dettagli

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it FINANZIARIA 2007 Energia www.governo.it 1 Risparmio energetico per la bolletta e per l ambiente Agevolazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici Fondo per l incentivazione di edifici

Dettagli

ARIA S.R.L. nasce nel settembre 2008 consolidando anni di collaborazione tra i soci fondatori:

ARIA S.R.L. nasce nel settembre 2008 consolidando anni di collaborazione tra i soci fondatori: ARIA S.R.L. nasce nel settembre 2008 consolidando anni di collaborazione tra i soci fondatori: Solaris s.r.l., rl che dal 1995 ha sviluppato la maggior partedei grandi impianti eolici realizzati nell Italia

Dettagli

GENERAZIONE DISTRIBUITA + ELETTRIFICAZIONE DEI CONSUMI = EFFICIENZA ENERGETICA

GENERAZIONE DISTRIBUITA + ELETTRIFICAZIONE DEI CONSUMI = EFFICIENZA ENERGETICA ITALIA, PENSI DI AVERE GLI E FACTOR? Milano, 14 dicembre 2015 GENERAZIONE DISTRIBUITA + ELETTRIFICAZIONE DEI CONSUMI = EFFICIENZA ENERGETICA Agostino Re Rebaudengo Presidente assorinnovabili ASSORINNOVABILI

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

Scenari petroliferi ed energetici

Scenari petroliferi ed energetici Confindustria Siracusa Scenari petroliferi ed energetici A cura dell Area comunicazione ed organizzazione Ufficio studi e statistiche Elaborazione su dati dell Unione Petrolifera IL MERCATO PETROLIFERO

Dettagli

Spalma incentivi volontario

Spalma incentivi volontario Spalma incentivi volontario Guida alla lettura con esempi numerici Spalma incentivi volontario: guida alla lettura Riferimenti normativi: DECRETO LEGGE 23 dicembre 2013, n. 145 (c.d. Destinazione Italia

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE VISTO l articolo 1 del decreto legge n. 145 del 23 dicembre 2013, convertito, con

Dettagli

E NON RINNOVABILI. La Forza Della Natura. Ricerca Scolastica! 1

E NON RINNOVABILI. La Forza Della Natura. Ricerca Scolastica! 1 FONTI RINNOVABILI E NON RINNOVABILI La Forza Della Natura Ricerca Scolastica! 1 FONTI RINNOVABILI Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica

Dettagli

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014 Patrocinio Università degli Studi di Genova Facoltà di Architettura - Dipartimento di Scienze per l'architettura Dottorato di Ricerca in "Recupero Edilizio ed Ambientale" Provincia di Genova CONVEGNO FACILITY

Dettagli