vita ad una nuova stagione di sequestri di persone nell'entro terra bresciano.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "vita ad una nuova stagione di sequestri di persone nell'entro terra bresciano."

Transcript

1 Senato della Repubblica Camera dei deputati vita ad una nuova stagione di sequestri di persone nell'entro terra bresciano. Le due cosche calabresi avevano le loro basi operative a Romano di Lombardia e in Val Calepio ed erano attive in diversi ambiti: traffico di droga e d'armi, usura, estorsione, caporalato, frode fiscale, rapine e furti. «Blitz contro i clan sbarcati nella Bergamasca» il titolo allarmato de «L'Eco di Bergamo» che ha registrato con dovizia di particolari l'ingente operazione delle Forze dell'ordine che ha visto impegnati ben circa 400 carabinieri. Al termine di un'indagine avviata nel 2001 dal ROS, la Direzione distrettuale antimafia di Brescia è riuscita a recidere i legami che i calabresi stavano stringendo sul territorio, per investire i ricchi proventi del traffico di droga: 200 le persone coinvolte nell'inchiesta a vario titolo, 42 le ordinanze di custodia cautelare emesse dal giudice per le indagini preliminari i capi d'imputazione - da eseguire in Calabria e nelle province di Bergamo e Brescia. Il boss della cosca dei Romano è Giuseppe, detto «Pino», Romano, un calabrese da anni residente a Romano di Lombardia (BG). Numerosi i capi d'imputazione a carico suo e dei familiari, alcuni dei quali residenti in provincia di Vibo Valentia e altri nella provincia bergamasca. Moltissimi gli episodi documentati di estorsione ai danni di locali notturni della zona e di piccole imprese edili. Una sorella del Romano era impiegata all'ispettorato del lavoro di Brescia e dovrà rispondere all'accusa di avere esercitato pressioni su alcuni colleghi per falsificare o evitare controlli a imprese edili indicate dal fratello. La cosca guidata da Romano aveva affiliati residenti a Pontoglio, Chiari, Orzinuovi, tutti comuni in provincia di Brescia, oltre che altri pericolosi elementi inseriti con professioni di copertura nell'area bergamasca. Oltre a rapine e furti, alcuni membri della cosca Romano stavano progettando di allargare i propri orizzonti criminali, inaugurando una nuova fase di sequestri di persona, il cui target principale sembra fosse costituito dagli imprenditori edili della provincia bresciana. L'altra cosca, quella dei Bellocco, era direttamente collegata al potente e omonimo clan di Gioia Tauro (RC). Anche in questo caso i reati contestati sono stati molti, dalle estorsioni al traffico di cocaina. Da segnalare anche l'infiltrazione operata ai danni di una rete di piccole imprese edili, successivamente gestite da prestanome della cosca che servivano, sempre stando alle accuse mosse dalla DDA di Brescia, da un lato a riciclare il denaro provento dei traffici illeciti, dall'altro a piazzare manodopera in nero nei molti cantieri della Lombardia. È quest'ultima un'autorevole ed ulteriore convalida del ruolo strategico delle organizzazioni mafiose nella costruzione di un moderno sistema di caporalato, operativo nella ricca Lombardia.

2 Senato della Repubblica Camera dei deputati USURA ED ESTORSIONI La recrudescenza in altri tenitori e province lombarde di episodi, apparentemente scollegati tra loro, ripropongono la questione dell'infiltrazione della criminalità organizzata nel tessuto sociale ed economico della regione: rapidi turn aver di licenze commerciali; fallimenti repentini di aziende a conduzione familiare; episodi di danneggiamento mirati a negozi; denuncia di casi sempre più frequenti di usura e di esercizio abusivo del credito. Eppure fenomeni come l'estorsione e l'usura non sembrano essere allarmanti, se dobbiamo dare credito alla lettura che alcune ricerche hanno fatto del contesto milanese e lombardo. La Camera di Commercio di Milano nel presentare il rapporto 2005 sul mercato dell'usura nella metropoli, ha sottolineato come ad essere colpiti sono soprattutto piccoli imprenditori, commercianti e artigiani, a differenza del sud dove sono le famiglie le vere vittime. Tra il 1999 ed il 2002, sono stati 40 i procedimenti conclusi a Milano, con 24 sentenze di condanna (il 60% dei casi). Quattro le tipologie di usurai individuate: individui autonomi (51,4%), piccoli gruppi (22,9%), società finanziarie di facciata (11,4%) e criminalità organizzata (14,3%). Nel rapporto 2005 di SOS Impresa di Confesercenti si circoscrive la presenza del fenomeno estorsivo nella periferia e nelle zone sud-ovest della provincia di Milano, nella Brianza, nel lecchese ad opera, per lo più, di affiliati alla 'ndrangheta. Si ipotizza che siano circa gli operatori commerciali vittime del racket delle estorsioni e cioè il 5% del totale dei commercianti. Il numero raddoppia quando si analizzano le vittime di usura: , pari al 7,6% del totale per un volume di affari stimato in 0,9 milioni di euro. L'epicentro del fenomeno usuraio sarebbe compreso tra le province di Varese, Como e Lecco. A conferma dei dati della Confesercenti, i quattro arresti che il 13 gennaio 2006 hanno segnato la chiusura dell'operazione «Cappio», condotta da Polizia e Guardia di finanza di Lecco. Ventisette le iscrizioni nel registro degli indagati per una serie di accuse che vanno dall'usura e l'estorsione allo sfruttamento della prostituzione, esercitate nelle province di Lecco e Como, compreso il comune di Campione, dove a finire nella mani degli strozzini erano i giocatori del casinò A finire sotto inchiesta insospettabili professionisti e imprenditori, ad eccezione di Antonio Schettini, «braccio destro» del boss Franco Coco Trovato. Una presenza che testimonia la continuità con il recente passato di predominio della 'ndrangheta su questi tenitori. Anche da altre fonti, si evince che racket dell'estorsione e usura sono fenomeni che si intrecciano in Lombardia e, pur essendo fenomeni molto sommersi e ancora non del tutto esplorati, sono diffusi a macchia d'olio soprattutto a Milano, Como e Varese. A rilanciare l'allarme in questa direzione è stato un recente reportage televisivo, intitolato «L'Italia del pizzo», realizzato dall'inviata del TG

3 Senato della Repubblica Camera dei deputati UNO Maria Grazia Mazzola e trasmesso lo scorso 16 dicembre 2005 nell'ambito della rubrica «TV 7», dove vengono avanzati seri dubbi sulla loro reale consistenza nella regione, considerata da sempre il motore economico del paese. Sempre nello stesso reportage, a conferma dell'interesse della mafia per la regione, si riprende un passaggio dell'intervista rilasciata qualche mese prima dal nuovo Procuratore nazionale antimafia Piero Grasso alla stessa giornalista e per la stessa rubrica televisiva «TV 7». In quella circostanza, il magistrato aveva evidenziato i rinnovati collegamenti di «Cosa Nostra» con regioni quali la Lombardia, il Veneto e la Toscana, in termini di investimenti e riciclaggio, sottolineando inoltre i sospetti scambi di imprese del sud chiamate ad operare al nord e viceversa, fenomeno questo giudicato «abbastanza strano». GLI APPALTI DELL'OSPEDALE DI VARESE Una ditta del sud in trasferta al nord: il quadro delineato dal Procuratore Grasso ha trovato una straordinaria conferma nell'inchiesta sugli appalti di ristrutturazione dell'ospedale di Varese, i cui atti dal settembre 2005 sono finiti sul tavolo della Direzione distrettuale antimafia di Milano. I reati ipotizzati in un primo momento dalla Procura della Repubblica di Varese, sulla scorta delle indagini della Guardia di finanza, sono stati abuso d'ufficio e truffa. Ora si cerca di capire la consistenza reale dei presunti favori concessi ad un'impresa di Gela. I fatti contestati risalgono all'estate 2001 e riguardano la ristrutturazione del reparto infettivi. I vertici dell'azienda ospedaliera di allora, tra cui 1''ex direttore generale Carlo Lucchina, oggi alla guida del servizio sanitario della regione Lombardia, decisero di far subentrare alla ditta Scurto di Catania, che all'epoca non versava in buone condizioni economiche, un'impresa di Gela, la Russello. La formula prevista in quella circostanza fu quella del contratto d'affitto di ramo di azienda: un'operazione contestata dagli inquirenti perché conclusa senza «indagare sulle capacità operative e sull'onorabilità dei subentranti». Se fosse stata portata a termine tale indagine sulla ditta gèlese, si sarebbe potuto appurare che «nella compagine subentrante militavano azionisti di riferimento sottoposti a procedimenti penali per il reato di associazione ma/iosa» (Corriere della Sera, 18 settembre 2005). Ad accrescere i sospetti anche una seconda delibera, incriminata per i suoi contenuti e intervenuta in data 31 dicembre 2002: fu deciso di aumentare il valore complessivo dell'appalto per la ristrutturazione del padiglione infettivi, passando da quattro a sei milioni di euro, ma contemporaneamente si stabilì di diminuire la volumetria richiesta. Anche in questo caso una variazione che, secondo gli inquirenti, non sarebbe stata accompagnata da opportune verifiche. Siamo solo nella fase delle indagini, ovviamente, ed è ancora presto per trarre ulteriori valutazioni. Può però destare una qualche preoccupa-

4 Senato della Repubblica Camera dei deputati zione la sconcertante identità riscontrata nella realtà varesina con le parole del Procuratore nazionale antimafia, che acquistano ulteriore rilievo, visti anche i recenti sviluppi delle indagini sulla malasanità in terra di Sicilia, dalle quali emergono le ramificate infiltrazioni delle cosche mafiose all'interno del sistema sanitario, anche e soprattutto a partire dal sistema degli appalti e della restauro delle fatiscenti strutture sanitarie. SANITÀ A MANTOVA: L'AMICO DI PIPPO CALÒ A questo punto occorre dar conto di una vicenda che rischia di passare sotto silenzio e sembra invece confermare il pericoloso interesse delle cosche mafiose per la sanità in Lombardia. Il 6 marzo 2004 due quotidiani pubblicati in città molto lontane geograficamente - Palermo e Mantova - riportano la stessa notizia: la confisca ad opera della DIA di beni per un valore di venticinque milioni di euro. Destinatario del provvedimento, disposto dai giudici della sezione misure di prevenzione del Tribunale di Palermo, è l'imprenditore Luigi Faldella, indicato da diversi collaboratori di giustizia come uno dei prestanome di Pippo Calò, già boss di Porta Nuova e considerato il cassiere di «Cosa Nostra». La notizia rimbalza da un capo all'altro del Paese, perché tra gli immobili confiscati c'è anche un edificio che ospita la casa di riposo per anziani «Villa Azzurra» di Borgoforte, in provincia proprio di Mantova e alcune quote di partecipazione della Techne costruzioni con sede sempre a Mantova. Già coinvolto vent'anni fa nel primo maxi processo alla mafia siciliana e condannato a sei anni di reclusione, Faldella, attualmente in liberlà, sembra abbia continualo ad essere un «riferimento sicuro e affidabile per diversi affari illeciti orditi da Calò che lo riteneva ancora utilizzabile quale riciclatore di denaro sporco. Compito assolto grazie alla collaborazione di persone a lui vicine». Oggi «Villa Azzurra» è convenzionala con la regione Lombardia per 146 posti letto ed è geslila dalla cooperativa sociale «Solidarietà». Sul finire degli anni Novanla, ad indagini già in corso, la slrullura, allora in fase di realizzazione, fu sottoposte a sequeslro cautelativo e affidala ad un amminislralore giudiziario. Le polemiche continuarono anche in occasione dell'inaugurazione, avvenula nel dicembre 1998, presente lo slesso Luigi Faldella e i figli, che sarebbero risullali inleslalari di alcuni beni confiscali, Ira cui la slessa casa di riposo. Quando nel maggio 1997, l'inchiesla della DIA fu aperta e «Villa Azzurra» sequestrala, la cooperativa «Orizzonti», che doveva gestire la slrullura, venne sospesa dall'albo prefettizio. In seguilo a lale provvedimento - definito «immotivato» dal suo vicepresidente di allora, il dollor Guerrino Nicchio - la slessa cooperativa fu sciolla, in modo del lutto rapido ma non senza alimenlare qualche dubbio. Il suo posto, infalli, venne preso da un'altra cooperativa, la «Solidarietà», presidente lo slesso Nicchio,

5 Senato della Repubblica Camera dei deputati che iniziò fin da subito a pagare il canone pattuito al custode giudiziario nominato dal Tribunale di Palermo. L'interrogativo più pressante è quindi capire se «Villa Azzurra» sia un caso isolato nel panorama sanitario lombardo o se vi siano altre strutture e/o servizi dove le cosche, così come è stato documentato essere già avvenuto in Sicilia, abbiano deciso di investire i loro denari, vista l'alta redditività del capitale investito e le connesse possibilità di stringere legami e clientele con esponenti della politica, delle pubbliche amministrazioni, delle imprese private operanti nel settore. CAMPIONE E L'INCHIESTA SUL RICICLAGGIO Passando ad affrontare la questione del riciclaggio del denaro sporco, non si può certo dimenticare che a Campione d'italia, un'enclave italiana in terra svizzera, la Direzione investigativa antimafia di Reggio Calabria ha disposto delle perquisizione nel casinò e nella sede dell'amministrazione comunale, nell'ambito di un filone dell'inchiesta denominata «Gioco d'azzardo» avviata dalla Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria. Nel frattempo il sindaco di Campione è stato raggiunto da un avviso di garanzia, in relazione al periodo in cui ricopriva la carica di amministratore delegato del casinò, in rappresentanza del comune, dal dicembre 2001 al giugno L'ipotesi di reato per cui si sta indagando è molto grave: concorso esterno in associazione mafiosa finalizzata al riciclaggio di denaro proveniente da traffici illeciti. E il secondo avviso di garanzia che raggiunge un amministratore comunale di Campione: il precedente era indirizzato al consigliere di minoranza Alfio Balsamo per favoreggiamento. La stampa elvetica, a differenza di quella italiana, è tornata più volte sulla vicenda, denunciando il coinvolgimento degli uomini delle cosche per riciclare il denaro sporco tramite il casinò di Campione. Nel mirino sono finiti anche alcuni piani di lottizzazione realizzati negli anni in Sicilia, ma anche Campione e in Polonia. La presente inchiesta si inserisce in un contesto ambientale a dir poco esplosivo: senza entrare nel merito delle forti polemiche tra maggioranza e opposizione, che pur hanno superato il limite fisiologico, si deve dar conto delle preoccupazioni legate al grave indebitamento raggiunto dal comune. 32 «Nel maggio scorso l'autorità giudiziaria di Reggio Calabria ha emesso, sulla base di complesse e prolungate indagini svolte dalla DIA, sedici provvedimenti cautelari in carcere nei confronti di altrettanti soggetti ritenuti, a vario titolo, responsabili di associazione di tipo mafioso, corruzione, concussione, peculato, favoreggiamento personale e rivelazione di segreti d'ufficio. Tra i destinatari figurano anche esponenti delle istituzioni pubbliche e dell'imprenditoria messinese. Particolare rilievo assume la figura dell'imprenditore Rosario Spadaro, ritenuto responsabile di riciclaggio, compiuto mediante l'apertura in vari Paesi esteri di case da gioco e la gestione di complessi turistico-alberghieri, dei beni della famiglia Santapaola» (DIA, 2005).

6 Senato della Repubblica Camera dei deputati A fronte di una riduzione degli introiti delle giocate al casinò - la cui gestione è stata assicurata negli ultimi anni da ben quattro consigli di amministrazione succedutisi in rapida successione - si attende, quasi come se fosse l'ultima spiaggia, la prossima apertura della nuova casa da gioco che, fino ad oggi, ha soltanto assorbito sempre più risorse. A riprova dei pesanti condizionamenti ambientali presenti nel territorio comunale, nel 2005 le associazioni Libera e ARCI hanno dovuto rinunciare alla tappa, in origine prevista, della «Carovana internazionale antimafie» non trovando alcun partner locale disposto a promuovere l'iniziativa. È stato spiegato che la ragione è data dal fatto che la gran parte dei cittadini ha legami di reddito diretti e indiretti con la casa da gioco e, pertanto, difficilmente si trovano singoli e/o associazioni disposti a correr rischi di censure o penalizzazioni, o a essere vittime di mobbing, come è già capitato. TERRA DI RIFIUTI, TERRA DI ECOMAFIE Un altro business redditizio per le cosche presenti in Lombardia sarebbe stato in questi ultimi anni lo sfruttamento dei cosiddetti cicli del cemento e dello smaltimento dei rifiuti, così come certificato dalla nona posizione nella speciale classifica delle regioni in materia di illegalità ambientale occupato dalla Lombardia, nel tradizionale «Rapporto Ecomafia» redatto da Legambiente. Per quanto concerne le attività illegali connesse al settore edilizio e urbanistico, hanno valore innanzitutto le considerazioni svolte in precedenza su Buccinasco, ma non vanno trascurate due ulteriori indicazioni. La prima la ricaviamo dall'analisi della relazione sull'ordine e la sicurezza pubblica, presentata in Parlamento nel dicembre 2005 dal Ministro dell'interno: nel testo si parla di possibili pressioni criminali dovute all'incremento degli investimenti nelle zone turistiche in provincia di Brescia. Le aree lungo i laghi, considerate ad alta redditività per gli investimenti in atto nel settore turistico ed edilizio, sarebbero perciò stesso «particolarmente esposte all'infiltrazione dei sodalizi criminali». In secondo luogo, dall'operazione coordinata dalla DDA di Brescia esce confermato l'interesse per il settore degli appalti pubblici da parte di esponenti della famiglia Bellocco di Rosario (RC), attivi nelle province di Bergamo e Brescia. Nell'edizione 2005 del Rapporto, Legambiente torna a lanciare l'allarme sul livello di organizzazione raggiunto dal traffico illegale di rifiuti, ipotizzando una sorta di «devolution» criminale: a partire dalle regioni a tradizionale presenza mafiosa, oggi le cosche starebbero utilizzando l'intero territorio nazionale per il traffico e lo smaltimento dei rifiuti, molti 33 Camera Deputati, 2005.

7 Senato della Repubblica Camera dei deputati dei quali speciali e perciò stesso altamente nocivi per la salute dell'uomo 34. Il rischio che corre la Lombardia è senz'altro sottostimato dalla classifica regionale delle infrazioni nel ciclo dei rifiuti: il sedicesimo posto non rende giustizia alle molte inchieste aperte soprattutto nel bresciano e nella bergamasca dal Corpo forestale dello Stato, dal Nucleo operativo ecologico dei Carabinieri e dalla Finanza. Alcune di queste sono già state chiuse con successo, mentre altre sono tuttora in corso e inaugurano nuovi filoni di indagini. La Commissione parlamentare d'inchiesta sulle ecomafie ha sottolineato il rischio che la Lombardia possa già essere oggi una delle stazioni di partenza e di transito delle scorie provenienti dalle produzioni delle regioni a vocazione industriale; tali scorie finirebbero in alcune regioni del sud, sotto il controllo dei clan, come la Murgia barese o l'entroterra casertano. Ulteriore elemento di preoccupazione deriverebbe dall'andamento dei sequestri operati dalle Forze dell'ordine, a partire dal 2004 che certificherebbero un'inversione di tendenza, consistente nel realizzare lo smaltimento dei rifiuti speciali in siti collocati nei pressi dei luoghi di produzione, per abbattere i costi connessi «La "rete" degli ecocriminali infatti è ormai attiva su tutto il territorio nazionale: le 37 inchieste per traffico illecito di rifiuti infatti sono state condotte da ben 25 procure in tutta Italia. A cominciare da quelle in prima linea da anni contro l'ecomafia nel meridione, come quelle di Napoli e di Bari. Altre che nel sud Italia erano state attive contro altri settori d'attività del crimine organizzato ma mai contro il traffico di rifiuti, come quella di Palermo, Trapani, Tarante, Paola (CS), Siracusa e Trani (BA). Che il problema non sia più un'esclusiva del Sud Italia lo dimostrano anche i numeri. Le 10 procure del meridione attive contro gli ecocriminali sono state "messe in minoranza" dalle 15 del centro nord, a testimonianza che la criminalità ambientale italiana agisce al di là dei confini ritenuti storici, dando corpo ad una devolution sui generis. E allora basta ricordare le procure del centro Italia come quelle di Spoleto, Larino (CB), Rieti, Viterbo, Firenze e Livorno. Ma anche quelle del nord ovest, come Milano, Busto Arsizio, Bergamo, Alessandria e Mondovì (CN), e quelle del nord est, come Forlì, Venezia, Vicenza e Udine» (Legambiente, 2005). 35 «In Lombardia sono oltre mille i siti inquinati da rifiuti tossici e chimici: la stima proviene da un censimento effettuato dalla stessa Regione, che per il risanamento prevede un costo complessivo di 274 milioni di euro. «Dal punto di vista del business criminale i rifiuti oggi sono più redditizi della droga - ha commentato il capitano del Noe di Milano, Stefano Bosi - Se la droga economicamente rende di più, il rapporto tra rischi e ricavi è tutto a favore del trafficante di rifiuti» (Legambiente, 2005).

8 Senato della Repubblica Camera dei deputati IL CICLO DEI RIFIUTI - LE PRINCIPALI OPERAZIONI DI POLIZIA AMBIENTALE Fonte: elaborazione Legambiente su dati Ansa (2004) LOCALITÀ PROV. DATA TIPOLOGIA FORZA DI POLIZIA Sondrio SO Arma dei Carabinieri Oriolo a Vogherà.. PV Rifiuti speciali Arma dei Carabinieri Trezzo D'Adda... MI Rifiuti speciali Arma dei Carabinieri Vogherà PV Rifiuti speciali Arma dei Carabinieri Settimo Milanese.. MI Rifiuti speciali Enpa di Milano Cremona CR Ponte San Pietro.. BG Arma dei Carabinieri Baranzate di Bollate MI Trenzano Desio Loreo Roncadelle Verolanuova Curnasco di Treviolo BS MI RO SO BS BG Guardia di finanza Guardia di finanza Corpo forestale Stato Arma dei Carabinieri Guardia di finanza Arma dei Carabinieri CONCLUSIONI A distanza di un decennio da quella positiva fase in cui lo Stato sembrava aver ridotto ai minimi termini la presenza delle cosche in Lombardia, oggi la situazione si è evoluta, anche se non è ancora del tutto chiarito il quadro di riferimento, vista anche la drastica riduzione del numero dei collaboratori di giustizia. La fase di stallo, che ancora oggi interessa le inchieste della DDA milanese, fu del resto già annunciata all'inizio del 2003 dall'allora Procuratore della Repubblica Gerardo D'Ambrosio. «Va evidenziata la notevole contrazione delle indagini per il reato di cui all'articolo 476-bis del codice penale (associazione di tipo mafioso NdR) risultando iscritti solo 3 nuovi procedimenti per detto reato. Questo dato potrebbe anche essere attribuito all'intensa attività posta in essere da questa DDA negli anni pregressi, che ha consentito sicuramente di sgominare gran parte delle associazioni mafiose già operanti sul territorio; si impone peraltro particolare cautela nella sua interpretazione, non potendosi certamente affermare la avvenuta totale eliminazione di siffatto fenomeno criminale, di cui si appalesano invece inquietanti segnali nel campo del cosiddetto «narcotraffico» Va allora evidenziato che tale contrazione appare contestuale a quella dei nuovi collaboratori di giustizia, secondo un fenomeno che appare ormai inarrestabile; il dato statistico appare infatti di palese evidenza in quanto, a fronte di 214 complessive proposte di ammissione a programma di protezione avanzate da questa

9 Senato della Repubblica Camera dei deputati DDA dalla sua costituzione, solo 1 risulta presentata nel periodo » (D'Ambrosio in Corte d'appello di Milano, 2003). La situazione non è da allora cambiata in meglio, visto che nella sua relazione presentata durante l'inaugurazione dell'ultimo anno giudiziario (2005), il nuovo Procuratore Manlio Minale ha riferito dell'iscrizione di dieci provvedimenti per il reato di cui all'articolo 416-bis del codice penale. Ad integrazione dei dati forniti nel 2003 da D'Ambrosio, il suo successore ha ricordato che le domande di ammissione al programma di protezione (a fronte delle 223 complessive richieste dalla DDA milanese dalla sua costituzione) sono state 4 nel periodo e 5 in quello Un dato numerico su cui è necessario riflettere sicuramente, poiché, come abbiamo cercato di documentare, la pressione delle organizzazioni mafiose nel territorio lombardo e nel distretto milanese non è affatto diminuita. Recentemente Alberto Nobili, magistrato tornato in forza alla Direzione distrettuale antimafia di Milano dopo l'allontanamento previsto dalla circolare del Consiglio superiore della magistratura, una delle «memorie storiche» della lotta dello Stato contro le cosche in Lombardia, ha dichiarato ai microfoni della RAI che c'è il rischio che al silenzio della mafia corrisponda la normalizzazione dell'attività investigativa. Sembrerebbe quasi una dichiarazione di capitolazione, se non si conoscesse il valore e l'impegno di chi l'ha resa, ma è un segnale che allarma ancora di più alla luce dell'enorme dispendio di energie profuso dallo Stato in un passato recente e oggi vanificato dall'azzeramento del patrimonio conoscitivo accumulato, vuoi per la «rotazione» dei magistrati in DDA imposta dal Consiglio superiore della magistratura, vuoi per la destinazione degli investigatori più competenti nel contrasto alle mafie alla repressione dei fenomeni di microcriminalità urbana. La Lombardia non può certo vincere da sola il silenzio che sembra incombere sul fenomeno mafioso in questo decennio. Cittadini, associazioni, istituzioni, Forze dell'ordine sono chiamate a compiere un salto in avanti nell'analisi e nel contrasto alle mafie. Possibilmente non in ordine sparso... // Veneto Al Veneto, diversamente dalla Lombardia, la Commissione ha dedicato una impegnativa missione. L'occasione è stata utile per acquisire informazioni e spunti sulla presenza di organizzazioni di tipo mafioso, la cui consistenza è stata dimostrata dalla recentissima operazione «Ghost dog». Essa ha svelato il preoccupante tentativo di ricostruire la cosiddetta «mala del Brenta»: sono state arrestate 33 persone ritenute responsabili di 8 omicidi, 24 tentati omicidi, 16 assalti a furgoni portavalori e 60 rapine alle banche. Le indagini hanno permesso di scoprire che la banda aveva progettato, tra l'altro, tre attentati: uno contro l'attuale capo della squadra

10 Senato della Repubblica Camera dei deputati mobile di Venezia Alessandro Giuliano, figlio del capo della squadra mobile di Palermo, Boris Giuliano, assassinato dalla mafia 25 anni fa; uno contro il dirigente della Digos di Venezia, Diego Parente; ed uno contro l'ex capo della banda, Felice Maniero. In dieci anni l'organizzazione criminale aveva accumulato una ventina di milioni di euro, denaro utilizzato per acquistare beni di lusso, pagare gli avvocati per i componenti della banda arrestati, e proprio per finanziare la ricostituzione della mala del Brenta. La prima organica analisi della Commissione sulle manifestazioni della criminalità organizzata in Veneto risale agli inizi del passato decennio («relazione Smuraglia» del relativa alla missione a Venezia del giugno 1993). All'epoca, il fenomeno era alimentato dall'intreccio delle attività svolte da aggregazioni, non sempre omogenee, di esponenti dei vecchi sodalizi autoctoni, delle tradizionali organizzazioni di tipo mafioso meridionali e dei primi gruppi di matrice straniera. Successivamente, un concorso di cause contingenti ha fatto registrare nuovi sviluppi che hanno costituito fondato motivo di allarme sociale. L'ulteriore miglioramento della situazione economica e del benessere della popolazione da un canto e dall'altro l'arrivo di massicci flussi migratori - provenienti da Paesi afflitti da povertà, conflitti etnici e crisi politica ed istituzionale - hanno infatti influito notevolmente sulla realtà della regione facendo registrare la comparsa e/o la crescita di tipologie di reato proprie delle aree più progredite e degli ambienti di frontiera. In questo contesto, le progressive infiltrazioni nel territorio delle varie province di formazioni malavitose di matrice eurasiatica ed africana sono state facilitate: - dall'obiettiva impossibilità di un'adeguata azione di contrasto dovuta all'annosa insufficienza di uomini e mezzi, denunciata con insistenza da Magistratura e Forze dell'ordine anche in relazione alle esigenze operative di normale amministrazione e dalla mancanza di condizioni analoghe a quelle delle regioni del Meridione, dove le consolidate forme della criminalità organizzata, mantenendo il controllo del territorio, impediscono la penetrazione di gruppi criminali esterni di qualsiasi tipo. In verità, in Veneto, una situazione analoga esisteva quando nello scenario della malavita si muoveva da protagonista assoluta la Mafia del Brenta, che si era rivelata, di fatto, in grado di limitare le attività svolte da soggetti o gruppi criminali provenienti da altre aree geografiche (relazione del Prefetto di Venezia, 31 marzo Doc. 533). Dopo la sua disgregazione, verificatasi attorno alla metà degli anni Novanta, la regione è invece diventata «terra di conquista» da parte di altri gruppi ed organizzazioni: le opportunità offerte dal «vuoto» venutosi a creare nella gestione dei traffici illeciti, sono state infatti sfruttate dalla criminalità di matrice extracomunitaria, divenuta prevalente rispetto alle altre.

11 Senato della Repubblica Camera dei deputati Stando così le cose, anche per la particolare posizione geografica, la regione è risultata fra le più colpite del Centronord dalla criminalità straniera - proveniente dall'europa balcanica ed orientale, ma anche dal Sudamerica, dall'africa e dall'asia - che hanno alimentato o accentuato la sviluppo e la diffusione della criminalità predatoria, del traffico e dello spaccio di stupefacenti, dello sfruttamento della prostituzione e di lavoratori immigrati clandestinamente e del commercio di armi favorito principalmente dagli accadimenti politici e militari verificatisi nei Paesi dell'est. Attività più sofisticate hanno dato luogo anche ad episodi di riciclaggio e reinvestimento di capitali di origine illecita nell'economia legale. Ovviamente non mancano casi di collaborazione con esponenti della criminalità proveniente dal Meridione ed autoctona che sia nella parte orientale (Veneziano e Padovano) che in quella occidentale (Vicentino e Veronese) della regione tendono ad adattarsi alle mutevoli situazioni. Nel territorio della regione il fenomeno della criminalità si presenta piuttosto uniforme, anche se nelle sette province le sue manifestazioni assumono connotazioni particolari a seconda delle diverse posizioni geografiche, delle tipiche attività economiche che in esse si svolgono e delle tendenze della tradizionale malavita locale. Posizione geografica: Venezia e Verona come aree di grandi transiti; Venezia e Rovigo per la frontiera costiera; Belluno per la frontiera austriaca. Attività economiche: particolarmente ricche le province di Venezia, Vicenza, Padova e Verona. Settori tipici: Venezia: turismo, vetrerie e casinò; Vicenza: aziende di lavorazione di metalli e pietre preziose; Verona: turismo nel capoluogo e nella Riviera del Garda; Belluno: turismo ed occhialerie; Rovigo: discariche. Malavita tradizionale locale: Venezia e Padova per la parte orientale della regione; Vicenza e Verona per la parte occidentale. LA MAFIA DEL BRENTA La mafia del Brenta, intesa come organizzazione unitaria, piramidale e verticistica capace di esercitare il controllo del territorio nelle aree di maggiore influenza, situate tra le province di Venezia e di Padova, e dei traffici illeciti in buona parte dell'intera regione, è stata in un primo tempo disarticolata grazie alle efficaci operazioni svolte dalle Forze dell'ordine a partire, soprattutto, dalla primavera del 1987 ed al conseguente processo - conclusosi con sentenza di condanna di capi, gregari e collaboratori per associazione per delinquere di tipo mafioso - e successivamente neutralizzata verso la metà degli anni Novanta a seguito della collaborazione con l'autorità giudiziaria dello stesso capo Felice Maniero e di altri componenti del sodalizio criminale che hanno dato luogo ad ulteriori processi, alcuni celebrati e definiti con sentenza irrevocabile, altri ancora in corso.

12 Senato della Repubblica Camera dei deputati In proposito va però sottolineato che la disarticolazione e la neutralizzazione dell'organizzazione non devono lasciar pensare a un tramonto definitivo dell'attività dei suoi componenti e che la malavita della Riviera del Brenta e del Piovese - come quella operante in altre province - sia scomparsa del tutto. Anche durante l'azione collaborativa, la disgregazione dell'organigramma della banda non ha infatti impedito a quanti si erano sottratti al rigore della legge di commettere gravi delitti. Lo dimostra il fatto che proprio in quel periodo sono stati registrati persino omicidi scaturiti da regolamenti di conti interni e punizioni di «traditori». Fra gli ultimi, il caso più importante per i riflessi negativi che ha avuto nelle indagini per l'accertamento di tante verità, è stato rappresentato dall'uccisione di Giancarlo Ortes, il quale, dopo aver contribuito alla liberazione di Felice Maniero dal carcere di massima sicurezza di Padova nel giugno del 1994, aveva iniziato di fatto a collaborare con gli inquirenti lasciando capire di essere disposto a fornire nuovi interessanti elementi di conoscenza idonei a far luce su alcuni misteri di certe vicende che non sembra siano poi stati chiariti. L'omicidio troncò il filone investigativo basato sulle rivelazioni dei «pentiti». Frange residue della banda Maniero Negli ultimi anni, le frange superstiti dell'organizzazione, formate da latitanti e da soggetti tornati in libertà - dopo avere scontato la pena inflitta e soprattutto per essere stati scarcerati per decorrenza dei termini di custodia cautelare a causa, spesso, della lentezza dei tempi di gestione dei procedimenti giudiziari dovuta alla scarsezza numerica di magistrati e di personale amministrativo degli uffici giudiziari - hanno ricominciato a collaborare tra loro per riprendere alcune delle tradizionali attività (rapine a mano armata e traffico di droga) ed a manifestare disponibilità ad allacciare rapporti con i nuovi protagonisti stranieri e con «vecchie conoscenze»: esponenti di bande emergenti della malavita comune che in passato erano stati tenuti a bada, gruppi di giostrai nomadi esperti in sequestri di persona, «pendolari del crimine» e latitanti provenienti dal Sud. I legami con la criminalità extracomunitaria, da tempo accertati, sono stati imposti dalla necessità di poter contare su fonti di approvvigionamento di droga di prima mano, rappresentate da trafficanti originari di Paesi di produzione e di distribuzione di stupefacenti. // primo processo e la collaborazione di Felice Maniero All'epoca del citato sopralluogo del Comitato della Commissione dell'undicesima legislatura (giugno 1993) era ancora in corso l'istruttoria sfociata nel processo denominato «Riviera del Brenta 1», iniziato nel novembre del La relativa sentenza di condanna per associazione di tipo mafioso della maggior parte dei principali imputati, emessa il primo luglio

13 Senato della Repubblica Camera dei deputati del 1994, è stata confermata in appello (9 dicembre 1996) e in Cassazione (29 aprile 1998). Felice Maniero fu condannato in contumacia a causa dell'evasione dal carcere di massima sicurezza di Padova avvenuta nel giugno del Dopo la cattura, la scelta di collaborare con gli inquirenti - condivisa da altri esponenti del sodalizio - ha arricchito le conoscenze sulla struttura organizzativa e sull'attività delinquenziale della Mafia del Brenta consentendo una ricostruzione più esauriente del quadro complessivo anche sotto il profilo storico: le rivelazioni, che costituiscono la base del processo «Riviera del Brenta 2» in corso di svolgimento a Venezia, hanno infatti fornito una valida chiave di interpretazione dell'origine e dello sviluppo del fenomeno nella regione, che si rivela utile anche per una migliore comprensione della sua configurazione attuale. In tal senso, di fondamentale importanza rimane però - come ha rilevato il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Venezia (Procedimento 216/95 R DDA - 680/95 R GIP) - l'affermazione, da parte della Corte d'assise con la sentenza del 1994 confermata dalla Cassazione, dell'«avvenuta integrazione di tutte le caratteristiche necessarie a definire la società criminale facente capo a Felice Maniero una associazione a delinquere di stampo mafioso» che «non ha rilievo soltanto nominalistico o sociologico». Tale affermazione, infatti, «implica il riconoscimento di quelle caratteristiche strutturali e funzionali che l'articolo 416-bis del codice penale pretende perché si possa individuare il requisito della mafiosità, di quel connotato, comunque localmente denominato, che modifica in profondità l'essenza di una qualsivoglia associazione per delinquere e la rende corpo sociale altro e diverso, dotato di peculiarità interne ed esterne che valgono a definirne in maniera autonoma la logica strutturale, l'atteggiamento psicologico adesivo da parte dei suoi membri e la condizione di omertà ed intimidazione dell'ambiente esterno». Le successive indagini Le successive indagini, oltre a «definire la carica ed il potenziale criminale che è espresso dai reati di volta in volta consumati dagli associati o comunque da soggetti ruotanti attorno all'associazione criminale», sono state rivolte soprattutto a «comprendere e valutare il comportamento di quanti (professionisti, appartenenti alle Forze di polizia, funzionari di banca, imprenditori, commercianti e semplici incensurati cittadini) si sono fatti attrarre dalle logiche di guadagno e di potere» perché proprio grazie ad esso «l'organizzazione si è sviluppata e si è sempre più radicata nel territorio, forte, ormai, di una estesissima ragnatela di rapporti di connivenza, complicità e collusione in ogni settore della società, che per anni non ha nemmeno consentito di comprendere appieno la gravita e l'estensione del fenomeno». Gravita, pericolosità ed estensione che sono emerse chiaramente «anche grazie all'opera disvelatrice che deriva dalla collaborazione di quel

14 Senato della Repubblica Camera dei deputati Felice Maniero, capo riconosciuto ed indiscusso della banda, e da molti altri suoi accoliti che, anche in questa occasione, hanno voluto seguire il «capo» in una scelta processuale ed esistenziale di totale ribaltamento delle prospettive sino ad allora coltivate». «Quando si afferma che la scaltrezza del Maniero è stata uno dei cardini per l'organizzazione ed il consolidamento dell'associazione, si intende riferirsi anche alla drammatica intuizione che il crescere e l'espandersi del sodalizio avrebbe comportato fatalmente maggiori rischi di penetrazione investigativa stante la costante pressione delle Forze di polizia giudiziaria». «Di qui la scelta «politica» di catturare alla causa alcuni pubblici ufficiali i quali, non tanto per il grado delle funzioni svolte quanto per la strategica posizione occupata, erano in condizioni di garantire una informazione tempestiva sulle iniziative delle forze istituzionali e di neutralizzare il pericolo». «D'altra parte questa corruzione tipica non costituiva che il completamento di un sistema variegato e compiuto di collusioni intessute con istituzioni economiche, bancarie, mediche, eccetera». (Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Venezia - Procedimento 216/95 R ODA - 680/95 R GIP - Pagine e ). Origine e sviluppo del fenomeno In Veneto, le prime forme di quella delinquenza comune piuttosto diffusa che con l'andar del tempo si trasformerà in una criminalità sempre più organizzata raggiungendo alla fine connotazioni di tipo mafioso risalgono agli anni Sessanta epoca in cui nella regione, tradizionalmente agricola, si assiste alla nascita ed al progressivo sviluppo di numerosi laboratori artigianali e di consistenti insediamenti commerciali ed industriali: si tratta di una miriade di bande giovanili che, intravedendo nella crescente ricchezza l'opportunità di dare sfogo all'ansia di ricerca delle vie più sbrigative per conseguire facili ed immediati guadagni, si dedicano prevalentemente a delitti contro il patrimonio. Il problema si manifesta con maggiore intensità soprattutto nella Riviera del Brenta e nelle aree geografiche vicine, caratterizzate all'inizio dalla presenza di una malavita endemica tipica delle zone economicamente meno fortunate e successivamente dalla permanenza di soggiornanti obbligati di un certo livello, appartenenti ad organizzazioni mafiose del Meridione. Le cause del fenomeno sono pertanto più antiche di quanto si vorrebbe far credere perché vanno ricercate nell'influenza esercitata sulle «giovani leve» non soltanto dai soggiornanti obbligati, sicuramente responsabili del «contagio» del metodo mafioso, ma anche da quei vecchi malavitosi locali che, offrendo modelli di comportamento non sempre adeguatamente censurati e contrastati attraverso incisive iniziative di carattere sia repressivo che culturale ed educativo, avevano creato nella zona una

15 Senato della Repubblica Camera dei deputati certa predisposizione ambientale. Sia pure in tempi diversi il ruolo di «maestri del crimine», è stato quindi svolto sia dagli uni che dagli altri. A un certo punto soggiornanti obbligati - inizialmente a causa della disattenzione generale e successivamente per la sottovalutazione dei primi allarmi da parte dell'opinione pubblica e dei pubblici poteri - sono stati le «persone giuste» che nel «momento giusto» del decollo del traffico e dello spaccio di stupefacenti e nella «zona giusta», toccata dalla prosperità, sono stati determinanti per l'avvio delle attività delittuose che hanno fatto compiere ad altre «persone giuste» della delinquenza locale un vero e proprio «salto di qualità». Molto indicativo in tal senso uno studio realizzato per confrontare lo sviluppo della criminalità organizzata in alcune zone del Veneto, della Lombardia e dell'emilia Romagna - condotto da una équipe di specialisti del settore su incarico dell'amministrazione provinciale di Venezia - i cui risultati furono resi di pubblico dominio nel maggio del 1987, proprio nei giorni successivi all'emissione dei primi mandati di cattura, quaranta in tutto, per associazione di stampo mafioso nei confronti di Felice Maniero e degli esponenti della sua banda. «Abbiamo raccolto - spiegò all'epoca il presidente della provincia Orlando Minchio che aveva partecipato personalmente alla realizzazione della ricerca - dati sufficienti per cercare di capire perché la mafia si è installata in Riviera. Questa è un'area fertile per la criminalità organizzata» per la presenza di «tutte le condizioni necessarie per svilupparsi fino al punto di cambiare il modo di vivere della gente della zona»: «se un mafioso o un camorrista viene inviato al soggiorno obbligato a Cavarzere o a Portogruaro non succede nulla. Quelli spediti qui, invece, hanno fatto attecchire il seme mafioso». L'allusione, ovviamente, si riferisce alla presenza dell'antica e diffusa malavita locale. L'influenza reale dei soggiornanti obbligati Una «dimostrazione matematica» di quanto rilevato in quel rapporto del 1987, d'altra parte, esisteva già da una quindicina di anni. I dati sulla distribuzione territoriale dei soggiornanti obbligati nel periodo , riportati negli atti della Commissione Carraro della sesta legislatura, indicavano infatti 17 soggetti nel Veneziano; 17 nel Trevigiano, 25 nel Padovano; e 27 nel Vicentino. Se nelle quattro province lo sviluppo della criminalità organizzata avesse avuto come unica causale la «densità» di malavitosi del Sud, avrebbe dovuto essere massimo nel Vicentino e minimo proprio nel Veneziano: 27 contro 17. In provincia di Treviso avrebbe dovuto essere uguale a quello registrato in provincia di Venezia: 17 e 17. Allargando le aree di riferimento, nel Trevigiano (17) e nel Vicentino (27) avrebbe dovuto essere superiore o pressoché uguale a quello manifestatosi nel Veneziano (17) e nel Padovano (25): 44 contro 42.

16 Senato della Repubblica Camera dei deputati Invece il fenomeno si è sviluppato soltanto nell'area della Riviera del Brenta (Venezia), anche se ha avuto inevitabili diramazioni nelle zone limitrofe. Altra considerazione: non è mancato chi ha sostenuto che nelle zone maggiormente interessate furono mandati mafiosi di «grosso calibro», capaci di «pesare» di più di semplici gregari. Obiezione: anche nelle migliori scuole, i più qualificati insegnanti non riescono a fare un gran che se non si trovano alle prese con bravi allievi. Quale la soluzione emersa dalla ricerca? «Una società civile unita - spiegò il Presidente della provincia - respinge da sé la criminalità». Positiva in tal senso la costituzione di parte civile di tutti i comuni della Riviera nel processo svoltosi tra il 1993 e il A distanza di meno di un anno, però, la presa di posizione unitaria sul fronte giudiziario non corrisponde altrettanta compattezza quando arrivò il momento di parlare pubblicamente della vicenda Maniero inserita all'interno dello scenario sociale ed economico e nel contesto culturale che l'avevano resa possibile. La contraddizione esplode nel marzo del 1995, in occasione della pubblicazione del libro «II bandito Felice Maniero» di Maurizio Dianese, giornalista de «II Gazzettino», con una introduzione del sostituto Procuratore della Repubblica, dottor Francesco Saverio Pavone, che aveva curato l'istruttoria del processo alla Mafia del Brenta. Alla proposta di presentarlo a Campolongo Maggiore, paese natio del «bandito», l'amministrazione comunale oppone un netto rifiuto. LE ALTRE FORME DI CRIMINALITÀ AUTOCTONA Nell'ambito della regione, le altre forme di criminalità autoctona sono rappresentate dalle frange residue degli noti sodalizi storici - i cosiddetti «intromettitori» turistici irregolari di Venezia, raggruppamenti di giostrai nomadi e cambisti del Casinò di Venezia - e da nuovi gruppi costituiti da pescatori abusivi della costa lagunare che negli ultimi tempi hanno assunto comportamenti tali da indurre ad ipotizzare nei loro confronti il reato di associazione di tipo mafioso. «Intromettitori» abusivi Gli intromettitori abusivi, assoggettati in passato alla banda Maniero, sono attivi a Venezia nella zona dei parcheggi situata tra l'isola Nuova del Tronchetto e Piazzale Roma e spesso anche nei pressi delle rotonde stradali di Mestre che rappresentano passaggi d'obbligo dei flussi turistici. Gli intromettitori regolari, presenti anche in Piazza San Marco, sono motoscafisti, gondolieri, incaricati di agenzie di viaggio e portieri d'albergo, figure tipiche di operatori della città lagunare che agiscono quali intermediari tra i turisti ed il mondo economico veneziano nel senso che agevolano i visitatori nella ricerca di alberghi, ristoranti e negozi

Mafie in Veneto Dati statistici

Mafie in Veneto Dati statistici Mafie in Veneto Dati statistici Raccolta di dati a cura di Avviso Pubblico Le mafie Scheda informativa sintetica 1 Diverse sono le ipotesi etimologiche del termine mafia. La più accreditata ritiene che

Dettagli

LE ECOMAFIE. Il ruolo delle organizzazioni criminali nel ciclo illegale dei rifiuti. Stefano Ciafani Responsabile scientifico nazionale di Legambiente

LE ECOMAFIE. Il ruolo delle organizzazioni criminali nel ciclo illegale dei rifiuti. Stefano Ciafani Responsabile scientifico nazionale di Legambiente LE ECOMAFIE Il ruolo delle organizzazioni criminali nel ciclo illegale dei rifiuti Stefano Ciafani Responsabile scientifico nazionale di Legambiente Che cosa s intende per ecomafia? Coniato da Legambiente

Dettagli

Piano straordinario contro le mafie. Reggio Calabria, 28 gennaio 2010

Piano straordinario contro le mafie. Reggio Calabria, 28 gennaio 2010 Piano straordinario contro le mafie Reggio Calabria, 28 gennaio 2010 Piano straordinario contro le mafie 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Agenzia per la gestione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata

Dettagli

ULTIMI SVILUPPI NELLA LOTTA CONTRO LA MAFIA E CORRELATE ATTIVITA DELLA D.I.A.

ULTIMI SVILUPPI NELLA LOTTA CONTRO LA MAFIA E CORRELATE ATTIVITA DELLA D.I.A. INTERVENTO DEL CAPO CENTRO OPERATIVO D.I.A. DI PALERMO COL. GIUSEPPE D AGATA PRESSO LA COMMISSIONE SPECIALE SULLA CRIMINALITA ORGANIZZATA, LA CORRUZIONE E IL RICICLAGGIO DI DENARO - (CRIM) DEL PARLAMENTO

Dettagli

Le osservazioni di Libera sul Codice delle leggi antimafia

Le osservazioni di Libera sul Codice delle leggi antimafia Le osservazioni di Libera sul Codice delle leggi antimafia Premessa La definizione e l approvazione in tempi rapidi di un testo unico della legislazione antimafia, capace di superare le attuali disfunzioni

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO

RESOCONTO STENOGRAFICO 1/5 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI E SU ILLECITI AMBIENTALI AD ESSE CORRELATI RESOCONTO STENOGRAFICO

Dettagli

RASSEGNA STAMPA REGIONALE

RASSEGNA STAMPA REGIONALE Il volto economico delle mafie. Focus sul nord est 15 aprile 2015, ore 9.00-16.00, Vicenza RASSEGNA STAMPA REGIONALE La Prima Pagina 13 aprile 2015 Vicenza, il volto economico delle mafie Focus sul Nord

Dettagli

2. Lei dice che la mafia oggi sia più discreta che nel passato. Secondo Lei: La Mafia e più potente o meno potente che diciamo dieci anni fa?

2. Lei dice che la mafia oggi sia più discreta che nel passato. Secondo Lei: La Mafia e più potente o meno potente che diciamo dieci anni fa? 1. In Germania c'è l'impressione che in Italia il periodo degli grandi assassini della mafia sia passato: Non si vede più grandi attentati come quellineglianninovanta.comemai?egiustoquestaimpressione?

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE A CROTONE 17 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE A CROTONE 17 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle MISSIONE A CROTONE 17 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle PRESIDENTE. Signor sindaco, la ringraziamo per la presenza. Stiamo completando l inchiesta sulla Calabria.

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI..

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI.. P.P. n. / R.G.N.R. D.D.A. N. Rog. Est. PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI.. DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA Ufficio del P.M. - tel. uff. +39 ALLA COMPETENTE AUTORITA GIUDIZIARIA CANADESE

Dettagli

Workshop Economia e Legalità

Workshop Economia e Legalità Workshop Economia e Legalità 31 maggio 2013 Direttore Generale Giuliano Palagi L usura è un problema in costante crescita, favorito dall attuale crisi economica sul quale occorre agire con velocità e comprensione.

Dettagli

Gli investimenti delle mafie

Gli investimenti delle mafie Progetto PON Sicurezza 2007-2013 I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento della criminalità all impiego di

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato: IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge:

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato: IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge: LEGGE 19 luglio 2013, n. 87: Istituzione di una Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali, anche straniere. (13G00130) (Gazzetta Ufficiale n. 175

Dettagli

ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S.

ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S. ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S. Tipo di attività dal 01/05/2012 al 30/04/2013 Persone controllate 52.598 Persone sottoposte ad obblighi 19.349

Dettagli

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio.

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. Gen. B. Stefano Screpanti Nel porgere un sentito saluto agli illustri Deputati

Dettagli

LE INFORMATIVE PREFETTIZIE

LE INFORMATIVE PREFETTIZIE LE INFORMATIVE PREFETTIZIE Il Consiglio di Stato con la pronuncia n. 444/2012 si è espresso sull appello, avverso una sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale per la Campania, sede di Napoli, presentato

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario) Giugliano 5, 2001-02 PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento. - Numeri di registro:2057/02 R.G.N.R. 4322/03

Dettagli

Indice. Introduzione... Pag. 5 CAPITOLO PRIMO LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA

Indice. Introduzione... Pag. 5 CAPITOLO PRIMO LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA Indice Introduzione... Pag. 5 CAPITOLO PRIMO LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA Premessa... «17 La criminalità organizzata nel mondo...» 20 Stati Uniti Cosa Nostra...» 22 Cina - Le Triadi...» 24 Cina - I Tong...»

Dettagli

ECOMAFIE DEL NORD. Sergio Cannavò, Legambiente Lombardia

ECOMAFIE DEL NORD. Sergio Cannavò, Legambiente Lombardia ECOMAFIE DEL NORD Sergio Cannavò, Legambiente Lombardia La parola ecomafia è un termine coniato da Legambiente nel 1994 per indicare le organizzazioni criminali e altri soggetti che commettono reati arrecanti

Dettagli

www.dirittoambiente.net

www.dirittoambiente.net La lotta alle ecomafie attraverso la legge n. 136 del 13 agosto 2010 recante il Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al governo in materia di normativa antimafia (G.U. n. 196 del 23.08.2010)

Dettagli

RASSEGNA STAMPA (AGGIORNATA AL 29 LUGLIO 2014)

RASSEGNA STAMPA (AGGIORNATA AL 29 LUGLIO 2014) CONOSCERE LE MAFIE: COSTRUIRE LA LEGALITÀ Conferenza Stampa Venezia, 22 luglio 2014 RASSEGNA STAMPA (AGGIORNATA AL 29 LUGLIO 2014) 1 Agenzie di Stampa AdnKronos DA REGIONE VENETO INIZIATIVE PER CONTRASTARE

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA. Nucleo Polizia Tributaria Roma G.I.C.O. PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA

GUARDIA DI FINANZA. Nucleo Polizia Tributaria Roma G.I.C.O. PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA MODUS OPERANDI LE CONDOTTE ILLECITE Imprenditori diretta espressione del clan dei casalesi; Costituzione di società

Dettagli

indipendentemente dal conseguimento di un profitto o dal verificarsi di un danno,

indipendentemente dal conseguimento di un profitto o dal verificarsi di un danno, L'indebita utilizzazione a fini di profitto della carta di credito da parte di chi non ne sia titolare integra il reato di cui alla Legge n. 143 del 1991, articolo 12, indipendentemente dal conseguimento

Dettagli

Caso Studio: Criminalità e Sicurezza. Corso di Statistica Sociale Anno Accademico 2012-2013 Anna Freni Sterrantino

Caso Studio: Criminalità e Sicurezza. Corso di Statistica Sociale Anno Accademico 2012-2013 Anna Freni Sterrantino Caso Studio: Criminalità e Sicurezza Corso di Statistica Sociale Anno Accademico 2012-2013 Anna Freni Sterrantino Sommario Dimensioni dello studio della criminalità Omicidi volontari Rapine Furti Persone

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO SINTESI OSSERVATORIO MEDIA NIMBY FORUM - III EDIZIONE Dall analisi dell Osservatorio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014

COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014 COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014 GUARDIA DI FINANZA: TUTELA DEI MERCATI FINANZIARI, CONTRASTO AL RICICLAGGIO, AGGRESSIONE AI PATRIMONI DELLA CRIMINALITA ORGANIZZATA, LOTTA AL CONTRABBANDO ED AL

Dettagli

Il comma 7 7) I commi 9, 10 e 11 I commi 13, 14 e 15, Il comma 18

Il comma 7 7) I commi 9, 10 e 11 I commi 13, 14 e 15, Il comma 18 ALLEGATO 2 Innovazioni introdotte in materia di contrasto alla criminalità organizzata dall articolo 2 della legge 15 luglio 2009, n. 94, recante Disposizioni in materia di sicurezza pubblica, 1) Il comma

Dettagli

Seduta Plenaria del 17 dicembre 2014 Nomina del Procuratore della Repubblica di Palermo Intervento del Cons. Piergiorgio Morosini

Seduta Plenaria del 17 dicembre 2014 Nomina del Procuratore della Repubblica di Palermo Intervento del Cons. Piergiorgio Morosini Seduta Plenaria del 17 dicembre 2014 Nomina del Procuratore della Repubblica di Palermo Intervento del Cons. Piergiorgio Morosini Oggi siamo chiamati a un supplemento di attenzione verso le regole della

Dettagli

NDRANGHETA HOLDING DOSSIER 2008

NDRANGHETA HOLDING DOSSIER 2008 NDRANGHETA HOLDING DOSSIER 2008 Il fatturato della Ndrangheta Holding: 2,9% del Pil nel 2007 Ammonta a quasi 44 miliardi di euro il giro d affari della Ndrangheta stimato dall Eurispes per il 200 7. Un

Dettagli

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all Indagine Fort Knox Roma, 08 aprile 2014 Indagine Fort Knox Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

Provinciale di Napoli CAMERA DI COMMERCIO DI NAPOLI PROGETTO SICUREZZA E LEGALITÀ Strumenti operativi per prevenire e contrastare efficacemente il racket e l usura, liberare le imprese da tutti i condizionamenti

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE.

PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE. COMUNICATO STAMPA Crotone, 14 aprile 2015 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE. 1. Contrasto alle frodi fiscali e all economia sommersa. Il contrasto alle

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA Proposta di legge. Titolo: Strumenti di prevenzione dell usura ed educazione all uso consapevole del denaro

RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA Proposta di legge. Titolo: Strumenti di prevenzione dell usura ed educazione all uso consapevole del denaro RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA Proposta di legge Titolo: Strumenti di prevenzione dell usura ed educazione all uso consapevole del denaro I. Analisi della compatibilità con l ordinamento costituzionale, statutario

Dettagli

Protocollo di Legalità tra la. PREFETTURA Ufficio Territoriale del Governo di T R I E S T E. l AUTORITÀ PORTUALE di T R I E S T E

Protocollo di Legalità tra la. PREFETTURA Ufficio Territoriale del Governo di T R I E S T E. l AUTORITÀ PORTUALE di T R I E S T E Protocollo di Legalità tra la PREFETTURA Ufficio Territoriale del Governo di T R I E S T E e l AUTORITÀ PORTUALE di T R I E S T E ai fini della prevenzione dei tentativi di infiltrazione della criminalità

Dettagli

ASPETTI DELL ECONOMIA MAFIOSA. Reggio Calabria, 2 aprile 2013

ASPETTI DELL ECONOMIA MAFIOSA. Reggio Calabria, 2 aprile 2013 ASPETTI DELL ECONOMIA MAFIOSA Reggio Calabria, 2 aprile 2013 DOVE OPERANO LE MAFIE IN ITALIA L INDICE DI PRESENZA MAFIOSA Per conoscere come le organizzazioni mafiose si distribuiscono sul territorio italiano

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO

RESOCONTO STENOGRAFICO 1/6 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI E SU ILLECITI AMBIENTALI AD ESSE CORRELATI RESOCONTO STENOGRAFICO

Dettagli

Gli investimenti delle mafie

Gli investimenti delle mafie . Gli investimenti delle mafie Ernesto Savona ernesto.savona@unicatt.it Transcrime - Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano www.transcrime.it Milano, 16 gennaio 2013 Da dove partiamo Background

Dettagli

3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate

3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate 339 3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate Osservando lo sviluppo strutturale di Limbiate dal punto di vista storico, urbano e sociale

Dettagli

Guardia di Finanza COMANDO INTERREGIONALE DELL ITALIA NORD-ORIENTALE Cannaregio, 2176 Venezia Tel. 041/719666 Fax 041/2202415

Guardia di Finanza COMANDO INTERREGIONALE DELL ITALIA NORD-ORIENTALE Cannaregio, 2176 Venezia Tel. 041/719666 Fax 041/2202415 Guardia di Finanza COMANDO INTERREGIONALE DELL ITALIA NORD-ORIENTALE Cannaregio, 2176 Venezia Tel. 041/719666 Fax 041/2202415 CONSUNTIVO DELL ATTIVITA OPERATIVA DEI REPARTI DEL TRIVENETO (periodo 1 gennaio

Dettagli

GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE. Reggio Calabria, 5 aprile 2013

GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE. Reggio Calabria, 5 aprile 2013 GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE Reggio Calabria, 5 aprile 2013 Introduzione L obiettivo della lezione odierna è individuare: i motivi per cui le mafie investono nell

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI Direzione Distrettuale Antimafia COMUNICATO STAMPA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI Direzione Distrettuale Antimafia COMUNICATO STAMPA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI Direzione Distrettuale Antimafia COMUNICATO STAMPA OPERAZIONE ARCOBALENO In data odierna, sono state eseguite ordinanze di custodia cautelare e sequestri

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE N 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.; n 122/13 R.G.Sent. (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE N 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.; n 122/13 R.G.Sent. (rito ordinario) PROCEDIMENTO PENALE N 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.; n 122/13 R.G.Sent. (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento penale: Numeri di registro: n. 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.;

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib. (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE n. 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib. (rito ordinario) Napoli, Chiaia, 2001-05 PROCEDIMENTO PENALE n. 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib. (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento. - Numeri di registro: 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib.

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Sabato 10 ottobre 2015

RASSEGNA STAMPA. Sabato 10 ottobre 2015 RASSEGNA STAMPA Sabato 10 ottobre 2015 Via Gervasoni, 19 60129 Ancona - tel.071.2288.417 fax 071.54.655 web: www.siulpancona.it e-mail: ancona@siulp.it Criminalità in provincia, il Siulp: Problematiche

Dettagli

I CAMPI DELLA LEGALITA'

I CAMPI DELLA LEGALITA' COMPRENSORIO PIANA DI GIOIA TAURO 89013 Gioia Tauro (RC) Via Bellini n 48 tel.0966-52396 spi@cgilgioiatauro.it I CAMPI DELLA LEGALITA' Diario Polistena, 1-31 luglio 2013 COMPRENSORIO PIANA DI GIOIA TAURO

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 25 marzo 2011, n. 12034 - Infortunio sul lavoro e responsabilità del cantiere

Cassazione Penale, Sez. 4, 25 marzo 2011, n. 12034 - Infortunio sul lavoro e responsabilità del cantiere Cassazione Penale, Sez. 4, 25 marzo 2011, n. 12034 - Infortunio sul lavoro e responsabilità del cantiere Responsabilità del titolare di una impresa edile individuale ed assegnatario dei lavori di ristrutturazione

Dettagli

ORDINANZA N. 378 ANNO 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente -

ORDINANZA N. 378 ANNO 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - ORDINANZA N. 378 ANNO 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - Giovanni Maria FLICK Giudice - Francesco AMIRANTE " -

Dettagli

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano.

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano. -5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano., 43 anni, 27 ore di lavoro a settimana per un totale di 35 dichiarate con

Dettagli

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno PATTO PER LA SICUREZZA TRA LA PREFETTURA - UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO DI ASCOLI PICENO E IL COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO finalizzato alla realizzazione di iniziative per un governo complessivo

Dettagli

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia I dati della statistica ufficiale confermano che il contesto locale della provincia di Napoli e dell intera regione Campania si trovano ad affrontare in questi anni una crisi economica e sociale ancora

Dettagli

COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA

COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA REGOLAMENTO PER INTERVENTI DI SOLIDARIETÀ E MISURE DI SOSTEGNO A FAVORE DELLE VITTIME DEI REATI ESTORSIONE E DI USURA. (Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012

COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012 COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012 NON SOLO CONTRASTO ALL EVASIONE FISCALE E AGLI SPRECHI DI DENARO PUBBLICO. LA GUARDIA DI FINANZA È ANCHE LOTTA ALLE MAFIE, AL RICICLAGGIO DI DENARO SPORCO, ALL USURA,

Dettagli

Preliminari di compravendita: occultarli è reato

Preliminari di compravendita: occultarli è reato Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 08 07.02.2013 Preliminari di compravendita: occultarli è reato Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Reati tributari In tema di reati tributari,

Dettagli

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA Doc. XXII n. 16 PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE d iniziativa della senatrice RICCHIUTI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 GIUGNO 2014 Istituzione di una Commissione

Dettagli

Provincia di Milano, al via unità di crisi per casi di emergenza

Provincia di Milano, al via unità di crisi per casi di emergenza 27 novembre 2012, al via unità di crisi per casi di emergenza La ha approvato in giunta l istituzione dell Unità di crisi provinciale (Ucp), una sorta di coordinamento in grado di coordinare risorse umane

Dettagli

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3).

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3). IITALIAN PENAL CODE Art. 416 Codice Penale. Associazione per delinquere. 416. Associazione per delinquere (1). Quando tre o più persone si associano allo scopo di commettere più delitti [c.p. 576, n. 4],

Dettagli

Indagine conoscitiva sulla immigrazione e l'integrazione. Audizione dell Istituto Nazionale di Statistica

Indagine conoscitiva sulla immigrazione e l'integrazione. Audizione dell Istituto Nazionale di Statistica Indagine conoscitiva sulla immigrazione e l'integrazione Audizione dell Istituto Nazionale di Statistica Roma, 21 febbraio 2007 Camera dei Deputati Senato della Repubblica Comitato Parlamentare di Controllo

Dettagli

Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia

Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia Università degli Studi di Lecce Soprintendenza Archeologica della Puglia Provincia di Lecce Inaugurazione della Mostra Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia Intervento

Dettagli

Criminalità transfrontaliera. Piano sicurezza transfrontaliera per Expo 2015. Rapporto in adempimento del postulato Romano 14.3324

Criminalità transfrontaliera. Piano sicurezza transfrontaliera per Expo 2015. Rapporto in adempimento del postulato Romano 14.3324 Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di polizia fedpol 22 aprile 2015 Criminalità transfrontaliera. Piano sicurezza transfrontaliera per Expo 2015 Rapporto in adempimento

Dettagli

La qualità della vita a Bologna

La qualità della vita a Bologna La qualità della vita a Bologna Confronti con le altre grandi province italiane nel periodo 1998-2012 Elaborazione dei dati sulla qualità della vita nelle province italiane pubblicati dal Sole 24 Ore dal

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/5 MISSIONE IN CALABRIA 10 marzo 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 18.10. PRESIDENTE. Buongiorno. Vi ringraziamo per la vostra presenza e per la collaborazione che

Dettagli

SINTESI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGIONE LOMBARDIA TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BRESCIA E DI MILANO

SINTESI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGIONE LOMBARDIA TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BRESCIA E DI MILANO SINTESI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGIONE LOMBARDIA TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BRESCIA E DI MILANO Il protocollo operativo tra Ministero della Giustizia, e Tribunali di Sorveglianza

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE Fasc. 1808/2013 COMMISSIONE SPECIALE 'RAPPORTI TRA LOMBARDIA, CONFEDERAZIONE ELVETICA E PROVINCE AUTONOME

CONSIGLIO REGIONALE Fasc. 1808/2013 COMMISSIONE SPECIALE 'RAPPORTI TRA LOMBARDIA, CONFEDERAZIONE ELVETICA E PROVINCE AUTONOME REGIONE LOMBARDIA X LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE Fasc. 1808/2013 COMMISSIONE SPECIALE 'RAPPORTI TRA LOMBARDIA, CONFEDERAZIONE ELVETICA E PROVINCE AUTONOME PROPOSTA DI RISOLUZIONE N. 4 concernente Indennità

Dettagli

Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi. Sintesi e Conclusioni

Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi. Sintesi e Conclusioni Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi Sintesi e Conclusioni Due le questioni emergenti su cui l Osservatorio si è soffermato: la condizione di sfruttamento

Dettagli

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE Le presenze straniere in regione I residenti Secondo i dati Istat, a fine 2010 i residenti stranieri in Lombardia sono 1.064.447,

Dettagli

Prefettura di Agrigento Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Agrigento Ufficio Territoriale del Governo PROTOCOLLO DI INTESA tra la Prefettura-U.T.G. di Agrigento, la Unione Provinciale degli Industriali di Agrigento ed il Consorzio A.S.I. di Agrigento per la realizzazione di un sistema di videosorveglianza

Dettagli

ATTI PARLAMENTARI. Interrogazioni - Nuove direttive sui reparti investigativi speciali

ATTI PARLAMENTARI. Interrogazioni - Nuove direttive sui reparti investigativi speciali ATTI PARLAMENTARI Interrogazioni - Nuove direttive sui reparti investigativi speciali DOCUMENTI COMMISSIONE I MERCOLEDÌ 22 MARZO 2000 Presidenza del Presidente ROSA JERVOLINO RUSSO Interviene il Ministro

Dettagli

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE DISEGNO DI LEGGE RECANTE MODIFICHE ALLA NORMATIVA PENALE, SOSTANZIALE E PROCESSUALE, E ORDINAMENTALE PER IL RAFFORZAMENTO DELLE GARANZIE DIFENSIVE E LA DURATA RAGIONEVOLE DEI PROCESSI E PER UN MAGGIORE

Dettagli

Ministero della Giustizia UFFICIO LEGISLATIVO SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE CONCERNENTE SQUADRE INVESTIGATIVE COMUNI RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Ministero della Giustizia UFFICIO LEGISLATIVO SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE CONCERNENTE SQUADRE INVESTIGATIVE COMUNI RELAZIONE ILLUSTRATIVA Ministero della Giustizia UFFICIO LEGISLATIVO Prot. n. 9/4-150 AD SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE CONCERNENTE SQUADRE INVESTIGATIVE COMUNI RELAZIONE ILLUSTRATIVA Premessa Il disegno di legge è diretto a disciplinare

Dettagli

IL RITORNO ALLA LEGALITÀ. ANALISI DI TRE AZIENDE «RICONVERTITE».

IL RITORNO ALLA LEGALITÀ. ANALISI DI TRE AZIENDE «RICONVERTITE». IL RITORNO ALLA LEGALITÀ. ANALISI DI TRE AZIENDE «RICONVERTITE». CALCESTRUZZI ERICINA LIBERA SOCIETÀ COOPERATIVA GRAND HOTEL GIANICOLO SPIAGGIA LIBERA S.P.Q.R. PREMESSA METODOLOGICA. IMPOSTAZIONE DELLA

Dettagli

ed autonomie locali presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, con nota di merito finale; - In data 27.09.2000 ha conseguito il diploma di

ed autonomie locali presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, con nota di merito finale; - In data 27.09.2000 ha conseguito il diploma di CURRICULUM VITAE Il sottoscritto dr. Pietro ERREDE, magistrato in servizio al Tribunale di Bari con funzione di giudice, si pregia di esporre quanto segue: - Nel mese di luglio 1985 ha conseguito il diploma

Dettagli

Allegato 1. Visualizza la Dgr n.451 del 22/04/2014 al link: http://bur.regione.veneto.it/burvservices/pubblica/dettagliodgr.aspx?

Allegato 1. Visualizza la Dgr n.451 del 22/04/2014 al link: http://bur.regione.veneto.it/burvservices/pubblica/dettagliodgr.aspx? Allegato 1 La Regione Veneto, in collaborazione con ANCI Veneto e con l associazione Avviso Pubblico. Enti locali e Regioni per la formazione civile contro le mafie ha approvato, con Dgr n.451 del 22 aprile

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER I LIVELLO in Prevenzione e contrasto dei fenomeni di criminalità organizzata di tipo mafioso e della corruzione politico-amministrativa N. Modulo. DEFINIZIONE, Obiettivi formativi

Dettagli

Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP.

Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Procedimento penale: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Rito ordinario 1. Dati identificativi del procedimento penale: Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Imputati:

Dettagli

Sequestro Confisca Lavoro: conversazione sulla legalità alla presenza del Ministro Alfano

Sequestro Confisca Lavoro: conversazione sulla legalità alla presenza del Ministro Alfano Sequestro Confisca Lavoro: conversazione sulla legalità alla presenza del Ministro Alfano Il convegno, svoltosi ad Acireale il 27 febbraio 2015 per iniziativa della Diocesi di Acireale assieme alla Associazione

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

L ultima classifica di Transparency International, che misura la percezione della corruzione, ci vede scivolare al 69 posto. Tale graduatoria segnala

L ultima classifica di Transparency International, che misura la percezione della corruzione, ci vede scivolare al 69 posto. Tale graduatoria segnala L ultima classifica di Transparency International, che misura la percezione della corruzione, ci vede scivolare al 69 posto. Tale graduatoria segnala un guaio molto grave: godiamo di una pessima reputazione.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA in materia di contrasto dei fenomeni di sfruttamento, riduzione in schiavitù e tratta di esseri umani

PROTOCOLLO D INTESA in materia di contrasto dei fenomeni di sfruttamento, riduzione in schiavitù e tratta di esseri umani PROTOCOLLO D INTESA in materia di contrasto dei fenomeni di sfruttamento, riduzione in schiavitù e tratta di esseri umani tra Regione Emilia-Romagna Direzione Distrettuale Antimafia Emilia-Romagna Procura

Dettagli

D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 (1). (commento di giurisprudenza) Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali.

D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 (1). (commento di giurisprudenza) Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali. Page 1 of 9 Leggi d'italia D.Lgs. 18-8-2000 n. 267 Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali. Pubblicato nella Gazz. Uff. 28 settembre 2000, n. 227, S.O. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

Dettagli

Testi tratti da: Cent anni di Mafia Storia criminale. G. Lo Schiavo E. Ciconte. N. Dalla Chiesa La convergenza

Testi tratti da: Cent anni di Mafia Storia criminale. G. Lo Schiavo E. Ciconte. N. Dalla Chiesa La convergenza 3^asl 4^bs STORIA DELLA MAFIA Testi tratti da: G. Lo Schiavo E. Ciconte Cent anni di Mafia Storia criminale N. Dalla Chiesa La convergenza Antecedenti storici Agli inizi dell 800 vi era ancora in Sicilia

Dettagli

Le segnalazioni di operazioni sospette: ambito dell analisi finanziaria e nuove aree di approfondimento

Le segnalazioni di operazioni sospette: ambito dell analisi finanziaria e nuove aree di approfondimento Claudio Clemente Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF) Le segnalazioni di operazioni sospette: ambito dell analisi finanziaria e nuove aree di approfondimento Convegno «Economia illegale

Dettagli

I REFERENDUM PER UNA GIUSTIZIA GIUSTA

I REFERENDUM PER UNA GIUSTIZIA GIUSTA 515 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com I REFERENDUM PER UNA GIUSTIZIA GIUSTA 12 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 I referendum per una giustizia giusta Responsabilità civile

Dettagli

Stefano Ciafani Vice presidente di Legambiente

Stefano Ciafani Vice presidente di Legambiente Stefano Ciafani Vice presidente di Legambiente Le bonifiche: i ritardi in cifre 180mila ettari di superficie contaminate (oggi con la riduzione del numero dei SIN da 57 a 39 grazie al decreto ministeriale

Dettagli

399ª Seduta Pubblica

399ª Seduta Pubblica SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA Martedì 20 maggio 2003 alle ore 9,30 399ª Seduta Pubblica ORDINE DEL GIORNO Discussione della mozione 1-00115 sulla vicenda della società Viola Basket di Reggio

Dettagli

IL LAVORO OFFESO Indagine sul difficile percorso per il riconoscimento dei diritti delle vittime di infortuni sul lavoro nelle costruzioni

IL LAVORO OFFESO Indagine sul difficile percorso per il riconoscimento dei diritti delle vittime di infortuni sul lavoro nelle costruzioni IL LAVORO OFFESO Indagine sul difficile percorso per il riconoscimento dei diritti delle vittime di infortuni sul lavoro nelle costruzioni La prima ricerca realizzata in Italia sul tema del post infortunio:

Dettagli

Formazione. Corsi di. Anno Accademico 2014/2015. Criminologia Sicurezza Pubblica Security Privata Intelligence. e-learning. www.unised.it.

Formazione. Corsi di. Anno Accademico 2014/2015. Criminologia Sicurezza Pubblica Security Privata Intelligence. e-learning. www.unised.it. Dipartimento di Scienze Criminologiche Dipartimento di Scienze della Security e Intelligence Corsi di Formazione e Master Anno Accademico 2014/2015 Criminologia Sicurezza Pubblica Security Privata Intelligence

Dettagli

PROTOCOLLO QUADRO NAZIONALE TRA MINISTERO DELL INTERNO ED ENEL contro le infiltrazioni della criminalità organizzata e per la tutela della legalità

PROTOCOLLO QUADRO NAZIONALE TRA MINISTERO DELL INTERNO ED ENEL contro le infiltrazioni della criminalità organizzata e per la tutela della legalità PROTOCOLLO QUADRO NAZIONALE TRA MINISTERO DELL INTERNO ED ENEL contro le infiltrazioni della criminalità organizzata e per la tutela della legalità Le Parti: Ministero dell Interno in persona del Ministro

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP. rito ordinario

PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP. rito ordinario [Portici 5, 2008-2010] PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP rito ordinario 1. Dati identificativi del procedimento. Numeri di registro: 47391/10 R.G. N.R. 9716/11 R.G. GIP- 14175/11 R.G.Dib..

Dettagli

Prefazione, di Giovanni Chinnici p. 11. Introduzione. Gli obiettivi e i risultati della ricerca, di Giacomo Di Gennaro e Antonio La Spina 17

Prefazione, di Giovanni Chinnici p. 11. Introduzione. Gli obiettivi e i risultati della ricerca, di Giacomo Di Gennaro e Antonio La Spina 17 Prefazione, di Giovanni Chinnici p. 11 Introduzione. Gli obiettivi e i risultati della ricerca, di Giacomo Di Gennaro e Antonio La Spina 17 1. Le ragioni di un programma di ricerca 17 2. Le differenti

Dettagli

Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero

Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero Cod. ISTAT INT 00066 Settore di interesse: Industria, costruzioni e servizi: statistiche settoriali Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero Titolare: Dipartimento

Dettagli

Legalità e credito. L'investimento in sicurezza per la libera attività d'impresa

Legalità e credito. L'investimento in sicurezza per la libera attività d'impresa Legalità e credito. Contrastare i costi del crimine organizzato Bologna, 5 novembre 2013 Legalità e credito. L'investimento in sicurezza per la libera attività d'impresa Giovanni Maria Mazzanti Università

Dettagli

TRIBUNALE DI MESSINA. Felice Cultrera nato a Catania il 24.9.1938, elettivamente domiciliato a Messina

TRIBUNALE DI MESSINA. Felice Cultrera nato a Catania il 24.9.1938, elettivamente domiciliato a Messina TRIBUNALE DI MESSINA Atto di citazione per Felice Cultrera nato a Catania il 24.9.1938, elettivamente domiciliato a Messina via C.Battisti n. 191 (avv. Giuseppe Maria Orlando), recapito professionale dell

Dettagli

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*)

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) Claudio SCAJOLA È la prima volta che ho l occasione di incontrare tutti i Prefetti della Repubblica e ritengo

Dettagli

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo LE ESPORTAZIONI ITALIANE A LIVELLO TERRITORIALE Nel corso dei primi nove mesi del 2015, l 80% delle regioni italiane ha conosciuto incrementi su base tendenziale delle proprie esportazioni. % 150 130 110

Dettagli

DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE SUL REQUISITO DI ONORABILITÀ PER L ISCRIZIONE ALL ALBO AUTOTRASPORTATORI DI COSE PER CONTO DI TERZI

DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE SUL REQUISITO DI ONORABILITÀ PER L ISCRIZIONE ALL ALBO AUTOTRASPORTATORI DI COSE PER CONTO DI TERZI DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE SUL REQUITO DI ORABILITÀ PER L ISCRIZIONE ALL ALBO AUTOTRASPORTATORI DI COSE PER CONTO DI TERZI AVVERTENZA. L interessato può demandare l accertamento sui requisiti di onorabilità

Dettagli

N. 03759/2014REG.PROV.COLL. N. 04510/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato

N. 03759/2014REG.PROV.COLL. N. 04510/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato N. 03759/2014REG.PROV.COLL. N. 04510/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA

Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA 6 aprile 2013 Indice rassegna - Gazzetta di Modena pag. / - Il Resto del Carlino pag. 2, 23 - Prima Pagina pag. / - Modena Qui pag. 15 Sezione: Pianura Data:

Dettagli

Direzione Distrettuale Antimafia ROMA

Direzione Distrettuale Antimafia ROMA Assssoocci iaazzi ioonnee ppeerr laa l loottttaa l ccoonnttrroo lee l ili lleeggaal littàà ee lee l maaffi iee Annttoonni innoo Caappoonnnneettttoo www.comitato-antimafia-lt.org info@comitato-antimafia-lt.org

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli