Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna"

Transcript

1 Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEL FONDO INCENTIVANTE PER LA PROGETTAZIONE NONCHE MODALITA E CRITERI DI ATTRIBUZIONE AL PERSONALE Approvato con delib. GC. 126 in data 4 settembre 2007

2 ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina la costituzione del fondo incentivante per la progettazione di: a) opere o lavori b) atti di pianificazione urbanistica generali od attuativi e loro varianti generali o specifiche (es. P.S.C., P.A.E., P.U.T., Piani d Area, Piani Particolareggiati Pubblici, Piani di Recupero, Piani di Zona, Regolamento Urbanistico Edilizio) nonché la ripartizione e la liquidazione dello stesso. ART. 2 DEFINIZIONE E COSTITUZIONE DEL FONDO Nel Bilancio di Previsione del Comune è costituito apposito fondo interno ai sensi dell art. 92, c. 5-6 D.Lgs 163/2006 e successive modificazioni ed integrazioni, nella misura percentuale stabilita dalle vigenti disposizioni legislative: max 2% (compresi oneri riflessi) dell importo a base di gara delle opere e dei lavori (art. 1 lettera a), ovvero il 30% (compresi oneri riflessi) della tariffa professionale relativa ad atti di pianificazione generale, particolareggiata o esecutiva di cui all art. 1 punto b) fatto salvo quanto previsto dall art. 2 del. D.L. 223/2006 convertito con legge 248/2006 (abrogazione delle norme che prevedono l obbligatorietà di tariffe fisse o minime). Qualora, pur nel caso di progetto redatto internamente, fosse necessario ricorrere a prestazioni esterne il fondo incentivante relativo all opera o all intervento verrà decurtato in proporzione. La percentuale di incentivo viene stabilita in sede di programmazione d intesa con il Direttore Generale, in rapporto all entità e alla complessità dell opera da realizzare, con il supporto del NU.VA. e in relazione alla disponibilità finanziaria. In caso di perizia di variante o suppletiva e di conseguente variazione del valore dell opera la percentuale viene ridefinita con le modalità di cui al precedente comma 3. Ai fini del presente articolo, per oneri riflessi si intendono gli oneri previdenziali e assistenziali a carico dell Ente, ad eccezione dell IRAP. I relativi impegni sono assunti in relazione ad ogni singolo progetto, in sede di delibera di approvazione del progetto esecutivo o adozione dello strumento di pianificazione. ART. 3 PERSONALE PARTECIPANTE Le figure professionali ed operative da individuare tra il personale interno coinvolto nella redazione dei progetti e dei piani e quindi nella fruizione dell incentivo, sono tutte quelle che contribuiscono in vario modo (direttamente o indirettamente) all attività intellettuale e materiale volta alla predisposizione e definizione degli elaborati. Ai fini della ripartizione del fondo, il personale interessato viene identificato nelle seguenti categorie: a) Responsabile unico del procedimento: quale referente, ai sensi dell art. 10 del D.Lgs 163/2006, cui spetta il compito di espletare tutti gli atti necessari (dalla progettazione all affidamento e all esecuzione) per la compiuta e sollecita definizione dell opera nel rispetto dei termini prefissati e della normativa vigente.

3 b) Progettisti (Incaricati della redazione del progetto, del piano della sicurezza, della direzione dei lavori e collaudo) figure professionali abilitate alla progettazione secondo le vigenti disposizioni legislative ed in particolare dell art. 90 del D.Lgs 163/2006 e successive modificazioni ed integrazioni, che in veste di redattori diretti dei progetti e dei Piani, li sottoscrivono assumendo la responsabilità di quanto redatto e coordinano l attività di altre figure professionali impegnate nella progettazione. All interno del nucleo dei progettisti può essere nominato un capo progetto che coordina l équipe di progettazione, fornisce gli indirizzi progettuali e cura l intero procedimento di progettazione sottoscrivendo il progetto. c) Collaboratori tecnici dei soggetti di cui ai precedenti punti a) e b): figure specialistiche che, sulla base delle proprie professionalità, indipendentemente dal titolo di studio posseduto e dal possesso o meno della abilitazione professionale, intervengono nel processo progettuale attraverso la redazione di elaborati, studi, relazioni, grafici, rilievi, indagini, calcoli, misurazioni ecc. o che comunque mediante la propria prestazione d opera intellettuale producono apporti che concorrono alla definizione compiuta delle scelte progettuali. d) Collaboratori amministrativi dei soggetti di cui ai punti a), b), c): personale amministrativo che partecipa attivamente (direttamente o indirettamente) con modalità variamente distinte e valutabili, alla riuscita dell intervento, nonché personale che svolge attività di supporto (battitura, fotocopie, rilegature ecc.) alla progettazione o di attività integrativa o sostitutiva alle normali competenze degli addetti alla progettazione. A seconda del tipo di opera o piano le figure di cui sopra possono in tutto o in parte sovrapporsi. L affidamento della progettazione con l individuazione delle figure professionali, tecniche ed amministrative incaricate, sarà effettuato dal Dirigente sulla base delle professionalità presenti, dei carichi di lavoro e delle specifiche competenze con individuazione delle percentuali di partecipazione. Gli incaricati della progettazione sono responsabili dei tempi entro cui la stesura del progetto deve essere completata. Il personale incaricato ed in particolare il progettista ed il Direttore dei Lavori rispondono personalmente dell attività professionale svolta. Tutte le figure suddette o che comunque concorrono alla formazione del processo per la realizzazione di un opera pubblica anche se non compresi nelle figure di cui alle lettere b), c), d), rispondono al Responsabile Unico del procedimento dei risultati e delle proprie attività in relazione al progetto. ART. 4 ATTIVITA DI PROGETTAZIONE La progettazione si articola secondo tre livelli di successivi approfondimenti tecnici, in particolare: preliminare, definitivo ed esecutivo, così come definito dall art. 93 del D.Lgs 163/2006 e successive modificazioni ed integrazioni. Per i lavori pubblici, per i quali la soppressione della distinzione fra progetto definitivo ed esecutivo risponde a criteri di ragionevolezza, economicità ed efficienza, questi due livelli possono essere congiunti e porsi in un unico livello di progettazione successivo a quello preliminare. Tale facoltà si applica su indicazione del Responsabile Unico del procedimento, in conformità con la normativa vigente.

4 Nei casi in cui l Amministrazione Comunale conferisca un incarico di progettazione parziale, la quota da accantonare per incentivi al personale interno è definita d intesa col Direttore Generale, in relazione al valore della quota della partecipazione interna al progetto complessivo, con le stesse modalità di cui all art. 2. ART. 5 RIPARTO PER CATEGORIE DEGLI INCENTIVI E QUOTE RELATIVE AL LIVELLO DI PROGETTAZIONE/PIANIFICAZIONE Ai fini del riparto degli incentivi in oggetto si fa riferimento alle seguenti definizioni e quote: INCENTIVO= fino a 2% (progetto esecutivo) 30% (tariffa professionale Atto di Pianificazione generale, particolareggiata o esecutiva) SISTEMA DI ASSEGNAZIONE= Regolamento Amministrazione aggiudicatrice con Contrattazione Decentrata FIGURE 1) Responsabile unico del procedimento 2) Incaricati della redazione del progetto 3) Incaricati della redazione del piano della sicurezza 4) Incaricati della direzione lavori 5) Incaricati del collaudo 6) Collaboratori di tutte le figure 7) Dipendenti dell Amministrazione aggiudicatrice che ha redatto l atto di pianificazione CATEGORIE DI RIPARTO INCENTIVI OPERA PUBBLICA progetto preliminare 12% progetto definitivo 25% progetto esecutivo 28% direzione lavori 25% piano sicurezza 6% collaudo 4% Qualora l opera progettata non ricada in regime 494/96 (piano di sicurezza redatto dall Impresa) la quota del 6% verrà associata a quella del progetto esecutivo. Nel caso in cui al Collaudo faccia posto il Certificato di Regolare esecuzione a firma della D.L. la quota del 4% verrà associata a quella della direzione lavori. CATEGORIE DI RIPARTO ATTO DI PIANIFICAZIONE piano di massima 15% piano adottato 35% piano approvato 50% COMPETENZE PER OGNI CATEGORIA Responsabile Unico fino a 20% Responsabile Professionale (Progettista, D.L., ecc.) fino a 30% Redattori/collaboratori la percentuale rimanente (Tutte le figure possono anche essere rivestite da un unico soggetto; la % attribuita a ciascun redattore/collaboratore non potrà mai superare quella del Responsabile Professionale, ed il Responsabile professionale potrà figurare anche fra i redattori). Le percentuali relative a categorie e/o competenze che non vengano assegnate andranno a costituire economie nel piano finanziario dell opera.

5 Nel caso in cui l organo politico, per motivi non imputabili al progettista, richieda varianti significative al progetto che comportino il rifacimento di alcuni elaborati, i compensi verranno proporzionalmente ricalcolati in base alla percentuale di variazione da stimare in rapporto alla quota di cui sopra. ART. 6 PROGRAMMAZIONE Preliminarmente all approvazione del Bilancio di Previsione, l organo politico in conformità agli strumenti programmatici e pianificatori vigenti, individuerà le opere da realizzare. Di concerto con il Dirigente dell area verranno definite le necessità prestazionali dell opera da progettare, le priorità di progettazione e indicate le metodologie (progettazione interna o esterna o altro). Il Dirigente provvederà a trasmettere all Amministrazione Comunale il programma dei lavori con la tempistica del progetto e della sua esecuzione. Detta tempistica, eventualmente negoziata, sarà assunta negli atti di programmazione dell Ente. L erogazione degli incentivi è correlata al rispetto dei tempi indicati, per le diverse fasi di progettazione/esecuzione OO.PP e/o strumenti urbanistici, negli strumenti di programmazione condivisi (programma triennale, elenco annuale e schede di dettaglio del PEG). ART. 7 GRUPPO DI LAVORO E RIPARTO DEL FONDO Per ciascun progetto o atto di pianificazione richiesto dall Amministrazione Comunale viene costituito un gruppo di lavoro formato da personale disponibile a cui, in relazione alle diverse professionalità, vengono attribuite le mansioni di cui all art. 3. Di ogni intervento oggetto di pianificazione/progettazione l Ufficio Tecnico tiene apposita scheda. Il personale viene individuato con disposizioni di servizio dal dirigente dell area tecnica, sentito il R.U.O., tenuto conto del numero dei partecipanti e dei profili richiesti in relazione all opera da progettare e del piano da definire. Nella composizione dei gruppi di lavoro si tiene conto dell apporto di ogni singola professionalità che interviene, soprattutto in materia di opere pubbliche, alla realizzazione del progetto, in considerazione sia delle dimensioni dell Ente, presso il quale le competenze non sono sempre rigidamente ripartite, sia della forte interscambiabilità tra i ruoli all interno dell Ufficio Tecnico Comunale, sia della collaborazione di altri responsabili di procedimento esterni allo stesso Ufficio Tecnico e di loro collaboratori, che con il loro intervento facilitano la possibilità di realizzare progetti interni. In tali casi il concetto di ufficio tecnico, correlato a quello di collaborazione, non esaurisce la gamma delle ipotesi e può estendersi a soggetti che appartengono ad altri uffici dell ente. Nella disposizione di servizio che individua l opera da progettare o il piano da realizzare nelle sue caratteristiche fondamentali, indicando i tempi per la consegna degli elaborati, può determinarsi con una previsione l ammontare percentuale dell incentivo attribuito a ciascun membro del gruppo di lavoro, in modo da assicurare un compenso omogeneo rispetto alle diverse professionalità coinvolte, entro i limiti di cui all art. 2. Il fondo complessivo viene ripartito, in riferimento ad ogni singolo progetto/piano, tra il personale coinvolto di cui all articolo precedente, sulla base delle percentuali indicate nella tabella di cui all art. 5 per ogni specifico periodo di riferimento, entro i limiti di cui all art. 2.

6 La ripartizione di cui sopra può essere modificata dal Dirigente dell Area a consuntivo, in rapporto ai singoli apporti prestati alla progettazione. La graduazione degli incentivi è determinata in base ai seguenti elementi: Tipologia e complessità del progetto Competenze e professionalità richieste per il compito affidato Quadro di responsabilità Impegno da tempo prestato Qualora un soggetto si trovi a ricoprire più di uno dei citati ruoli, partecipa alla ripartizione in modo cumulativo. Ove la particolare natura del progetto/piano non richieda tutte le professionalità indicate, le percentuali sono adeguate in modo proporzionale. E prevista in sede di liquidazione la riduzione del compenso in caso di ritardi o inadempienze commisurata in proporzione agli stessi. L attività di progettazione/pianificazione viene espletata durante il normale orario di lavoro e le spese necessarie per la produzione e l esecuzione degli elaborati rientrano nelle normali spese di funzionamento degli uffici. La delibera/determinazione di approvazione del progetto inerente un opera o un lavoro ovvero la delibera di adozione di un atto di pianificazione equivale a positivo riscontro della verifica inerente l espletamento degli incarichi di progettazione affidati, salvo espressa menzione contraria. Qualora un progetto inerente un opera o un lavoro non venga approvato ovvero un atto di pianificazione non venga adottato, la verifica circa l espletamento dell incarico è effettuata dal Nu.Va. entro 60 giorni dalla consegna degli elaborati. In caso di positivo riscontro di tale verifica i dipendenti di cui al precedente art. 3 hanno egualmente diritto alle quote di loro spettanza. ART. 8 LIQUIDAZIONE COMPENSI Conclusa l attività di progettazione o pianificazione, dopo l approvazione del progetto (o del piano) da parte degli organi competenti, il Responsabile dell Area Servizi al Territorio inoltra al Direttore Generale proposta di liquidazione, evidenziando i seguenti elementi: Raggiungimento degli obiettivi fissati e rispetto dei tempi previsti in sede di programmazione; Individuazione dei dipendenti partecipanti al progetto, secondo quanto previsto dagli artt. 3 e 7 del presente regolamento; Compensi individuali spettanti, secondo quanto previsto agli artt. 2 e 7 del presente regolamento. La determina di liquidazione sarà adottata dal Direttore Generale con il supporto del Nucleo di valutazione. ART. 9 ENTRATA IN VIGORE Il presente Regolamento si applica alle attività di progettazione/pianificazione avviate dalla data di esecutività del presente regolamento, ad eccezione di quanto disposto all art. 2-4^ c. e. all art. 8, che sarà applicato alle proposte di liquidazione successive all approvazione del presente regolamento.

PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 OBIETTIVI E FINALITÀ.

PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 OBIETTIVI E FINALITÀ. Regolamento degli incentivi per la progettazione e la gestione interna di lavori pubblici e strumenti urbanistici (Approvato con deliberazione n. 3/GM del 5.1.2012) PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO

Dettagli

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006.

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006. COMUNE DI Provincia di CONEGLIANO Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DELLA SOMMA INCENTIVANTE DI CUI ALL ARTICOLO 18 DELLA LEGGE 11 FEBBRAIO 1994, N. 109 e successive modifiche

Dettagli

CAPO I PROGETTAZIONE DI OPERE E LAVORI PUBBLICI

CAPO I PROGETTAZIONE DI OPERE E LAVORI PUBBLICI DISCIPLINA PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO PER LA PROGETTAZIONE O PER LA REDAZIONE DI ATTI DI PIANIFICAZIONE EX. ART. 18 LEGGE 109/94 E SUCCESSIVE INTEGRAZIONI AGGIORNATO ALLA LEGGE 415/98 e s.m.i.

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ENTITA, MODALITA E CRITERI DI RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PREVISTI DALL ART.92, COMMA 5 DEL D. LGS

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ENTITA, MODALITA E CRITERI DI RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PREVISTI DALL ART.92, COMMA 5 DEL D. LGS 65 REGOLAMENTO RELATIVO ALL ENTITA, MODALITA E CRITERI DI RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PREVISTI DALL ART.92, COMMA 5 DEL D. LGS. 163/06 PER LE OPERE, I LAVORI E GLI ATTI DI PIANIFICAZIONE DI COMPETENZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE DI CUI AL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE DI CUI AL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE DI CUI AL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI Art. 1: Ambito di applicazione. CAPO 1 Oggetto e soggetti Il presente Regolamento definisce

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEI FONDI PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE E DEFINIZIONE DEI CRITERI DI RIPARTO

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEI FONDI PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE E DEFINIZIONE DEI CRITERI DI RIPARTO REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEI FONDI PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE E DEFINIZIONE DEI CRITERI DI RIPARTO 1 Indice: Capo I Disposizioni generali Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 Finalità

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO D INCENTIVAZIONE PER LA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL PIANO DELLA SICUREZZA, DELLA DIREZIONE DEI LAVORI E DEL COLLAUDO. Emanato con D.R. n. 6197 del 13/02/2004 Ultime

Dettagli

CONTENUTO DEL REGOLAMENTO

CONTENUTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO DISCIPLINANTE GLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI OPERE O LAVORI PUBBLICI PER LA REDAZIONE DI ATTI DI PIANIFICAZIONE DA PARTE DI DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE ARTICOLO 1:

Dettagli

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO INTERNO PER PROGETTAZIONE O ATTI DI PIANIFICAZIONE (Art.18, commi 1 e 2, Legge 11 febbraio 1994

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

8! " # $ % & '# ( % ) % # " " " " *

8!  # $ % & '# ( % ) % #     * !"#$!%&'%!&&()$(*)+,-($).)+-$$!/!&&.)+-+""+$**/!&&.0 11+-2+3++-44-+5$(6+-&!&7!&& 8!"# $ % & '# ( % ) % #" "" " * ++##9 + #, " # ( " -)-)).% #//," # # ))-$-%* ))-&-%*0,"# "" "1""#/ 2 +(,, #//.#" "# 3 +/"

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE (art.93, commi 7-bis e seguenti, del D.Lgs. n.163/2014,

Dettagli

P R O V I N C I A D I C A G L I A R I

P R O V I N C I A D I C A G L I A R I Approvato con delibera della Giunta Comunale n. 85 del 12/07/2012 COMUNE DI VILLASOR P R O V I N C I A D I C A G L I A R I REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI CUI ALL ART 92 DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL FONDO PER L INCENTIVAZIONE ALLA PROGETTAZIONE DI OPERE PUBBLICHE E PIANIFICAZIONE URBANISTICA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL FONDO PER L INCENTIVAZIONE ALLA PROGETTAZIONE DI OPERE PUBBLICHE E PIANIFICAZIONE URBANISTICA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL FONDO PER L INCENTIVAZIONE ALLA PROGETTAZIONE DI OPERE PUBBLICHE E PIANIFICAZIONE URBANISTICA Art. 1 Finalità Il presente regolamento ha come finalità l incentivazione

Dettagli

COMUNE DI VARESE LIGURE PROVINCIA DI LA SPEZIA

COMUNE DI VARESE LIGURE PROVINCIA DI LA SPEZIA COMUNE DI VARESE LIGURE PROVINCIA DI LA SPEZIA REGOLAMENTO PER L INDIVIDUAZIONE DEI CRITERI PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO DI CUI ALL ART. 18, COMMA 1 DELLA LEGGE 11.02.1994, N. 109 E SEGUENTI MODIFICHE.

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 30 NOVEMBRE 2011 D.R. REP. 187/11 PROT. 4678 DEL 01 MARZO 2011 STRUTTURA COMPETENTE RIPARTIZIONE SERVIZIO TECNICO ENTRATA IN VIGORE 1 MARZO 2011 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

COMUNE DI BRUSASCO (Provincia di Torino) CAP. 10020 Tel. (011) 91.51.101 Fax (011) 91.56.150

COMUNE DI BRUSASCO (Provincia di Torino) CAP. 10020 Tel. (011) 91.51.101 Fax (011) 91.56.150 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BRUSASCO (Provincia di Torino) CAP. 10020 Tel. (011) 91.51.101 Fax (011) 91.56.150 REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DEI CRITERI PER LA RIPARTIZIONE

Dettagli

CAPO 1 OGGETTO E SOGGETTI. Art. 1 Ambito di applicazione

CAPO 1 OGGETTO E SOGGETTI. Art. 1 Ambito di applicazione CAPO 1 OGGETTO E SOGGETTI Art. 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento definisce le modalità e i criteri cui riferirsi per l assegnazione e la ripartizione, tra il personale dipendente dell Ente,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i.

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i. REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i. Premessa Ai sensi dell art. 93, comma 7 bis del D.Lgs. 163/2006, l Università

Dettagli

Approvato con deliberazione di G.C. n. 4 del 07/01/2015

Approvato con deliberazione di G.C. n. 4 del 07/01/2015 Approvato con deliberazione di G.C. n. 4 del 07/01/2015 Regolamento comunale recante norme per la ripartizione del fondo per la progettazione e l innovazione di cui all'art. 93, comma 7 bis e ss., del

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL FUNZIONAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI PER L'UTILIZZAZIONE DEL FONDO DI CUI ALL'ART. 93, COMMA 7 bis, DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

COMUNE DI RIETI. Il Dirigente del IV Settore arch. Broggi Claudio. Il Dirigente del v settore ing. Peron Maurizio. Le Rappresentanze Sindacal

COMUNE DI RIETI. Il Dirigente del IV Settore arch. Broggi Claudio. Il Dirigente del v settore ing. Peron Maurizio. Le Rappresentanze Sindacal COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEI COMPENSI PER LA PROGETTAZIONE INTERNA DI LAVORI ED OPERE PUBBLICHE E PER LA REDAZIONE DI ATTI DI PIANIFICAZIONE (EX ART. 18 L. 109/94 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI).

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO INCENTIVANTE DI CUI ALL'ART. 18 - COMMA 1 - LEGGE 11.02.1994, N. 109

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO INCENTIVANTE DI CUI ALL'ART. 18 - COMMA 1 - LEGGE 11.02.1994, N. 109 REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO INCENTIVANTE DI CUI ALL'ART. 18 - COMMA 1 - LEGGE 11.02.1994, N. 109 INDICE PREMESSA 2 Capo I - Disposizioni generali 2 Art. 1.1- Oggetto del

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 88 DEL 26-06-1980 REGIONE LAZIO. Norme in materia di opere e lavori pubblici.

LEGGE REGIONALE N. 88 DEL 26-06-1980 REGIONE LAZIO. Norme in materia di opere e lavori pubblici. LEGGE REGIONALE N. 88 DEL 26-06-1980 REGIONE LAZIO Norme in materia di opere e lavori pubblici. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO N. 21 del 30 luglio 1980 Il Consiglio regionale ha approvato.

Dettagli

COMUNE DI LIMONE PIEMONTE REGOLAMENTO RELATIVO ALLA

COMUNE DI LIMONE PIEMONTE REGOLAMENTO RELATIVO ALLA COMUNE DI LIMONE PIEMONTE REGOLAMENTO RELATIVO ALLA VALUTAZIONE DEL PERSONALE E FUNZIONAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27-02-2007 Modificato con deliberazione

Dettagli

DEGLI INCENTIVI ALLA PROGETTAZIONE

DEGLI INCENTIVI ALLA PROGETTAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE Per la nomina del Responsabile Unico del Procedimento nei Lavori Pubblici, dei supporti al R.U.P. e RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI ALLA PROGETTAZIONE SCHEMA TESTO COORDINATO Con gli

Dettagli

C O M U N E D I S A N S I R O Provincia di Como

C O M U N E D I S A N S I R O Provincia di Como C O M U N E D I S A N S I R O Provincia di Como SERVIZIO AMMINISTRATIVO E CONTABILE N. 65 del 27-03-2012 Oggetto: AFFIDAMENTO INCARICO PER LA COMPILAZIONE E TRASMISSIONE MODELLO 770 - TRIENNIO FISCALE

Dettagli

N. 125 Sezione regionale di controllo per l Umbria: parere 23. ottobre 2013: Pres. Sfrecola Rel. Di Stazio -Comune di Gualdo

N. 125 Sezione regionale di controllo per l Umbria: parere 23. ottobre 2013: Pres. Sfrecola Rel. Di Stazio -Comune di Gualdo N. 125 Sezione regionale di controllo per l Umbria: parere 23 ottobre 2013: Pres. Sfrecola Rel. Di Stazio -Comune di Gualdo Cattaneo Comune e provincia Compenso incentivante a funzionari tecnici per progettazione

Dettagli

COMUNE DI SICIGNANO. Provincia di Salerno

COMUNE DI SICIGNANO. Provincia di Salerno COMUNE DI SICIGNANO DEGLI ALBURNI Provincia di Salerno REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME E CRITERI PER LA RIPARTIZIONE DELL'INCENTIVO DI CUI ALL'ARTICOLO 93, COMMA 7 BIS E SS., DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Decreto 20 marzo 2003, n.108

Decreto 20 marzo 2003, n.108 Decreto 20 marzo 2003, n.108 Ministero delle Attività Produttive. Regolamento recante norme per la ripartizione degli incentivi previsti dall'articolo 18, comma 1, della legge quadro in materia di lavori

Dettagli

L.R. 26 Giugno 1980, n. 88

L.R. 26 Giugno 1980, n. 88 L.R. 26 Giugno 1980, n. 88 Norme in materia di opere e lavori pubblici (1). TITOLO I OPERE INCLUSE NEI PROGRAMMI REGIONALI Capo I PROGRAMMAZIONE Art. 1 (Ambito di applicazione della legge) I programmi

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) I N D I C E TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Sistema dei controlli interni. Art. 2 controllo delle sezioni regionali della Corte

Dettagli

ART.2 COMPETENZA E PRESUPPOSTI PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI

ART.2 COMPETENZA E PRESUPPOSTI PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE, DI STUDIO, DI RICERCA E DI CONSULENZA AD ESPERTI ESTERNI. ART.1 OGGETTO, FINALITA E AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA AREA PROGRAMMAZIONE E GESTIONE TERRITORIO COPIA DETERMINAZIONE N. 101 del 17/09/2012 OGGETTO AFFIDAMENTO INCARICO PER LA REDAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE

Dettagli

CITTA DI CAVA DE TIRRENI PROVINCIA DI SALERNO. DETERMINAZIONE Sett. 4 Area Lavori Pubblici

CITTA DI CAVA DE TIRRENI PROVINCIA DI SALERNO. DETERMINAZIONE Sett. 4 Area Lavori Pubblici CITTA DI CAVA DE TIRRENI PROVINCIA DI SALERNO DETERMINAZIONE Sett. 4 Area Lavori Pubblici OGGETTO: LAVORI DI PRONTO INTERVENTO DELLA RETE STRADALE COMUNALE ANNO 2013 - CUP J77H13001780004. LIQUIDAZIONE

Dettagli

Procedure di conferimento degli incarichi professionali

Procedure di conferimento degli incarichi professionali Regolamento sull'ordinamento degli uffici e dei servizi Parte II Procedure di conferimento degli incarichi professionali Approvato con delibera della Giunta dell Unione di Comuni n. 88 del 23/10/2012 Modificato

Dettagli

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA CRITERI DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE ESTRATTO DAL REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPROVATO CON ATTO

Dettagli

C O M U N E D I L A V I S (Provincia di Trento)

C O M U N E D I L A V I S (Provincia di Trento) C O M U N E D I L A V I S (Provincia di Trento) REGOLAMENTO PER L AFFIDO DI INCARICHI DI CONSULENZA, STUDIO, RICERCA E COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE Approvato con deliberazione consiliare numero

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to. COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it Approvato con deliberazione G.C. n. 103/29.12.2010 INDICE

Dettagli

Comune di San Sperate

Comune di San Sperate Comune di San Sperate Provincia di Cagliari web: www.sansperate.net e-mail: protocollo@pec.comune.sansperate.ca.it Proposta N.1576 del DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE SETTORE UFFICIO TECNICO N 271 DEL

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA

COMUNE DI CIVITAVECCHIA COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma REGOLAMENTO SULLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DEL COMUNE DI CIVITAVECCHIA Parte I (ATTIVITÀ FORMATIVA) Art. 1 (Campo

Dettagli

ART. 1 (finalità ed ambito applicativo)

ART. 1 (finalità ed ambito applicativo) OGGETTO: Approvazione Regolamento recante disciplina per il conferimento di incarichi di collaborazione, di studio di ricerca, di consulenze, ovvero ogni altra tipologia di collaborazione autonoma, a soggetti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUL PIANO DELLA PERFORMANCE E SUI SISTEMI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUL PIANO DELLA PERFORMANCE E SUI SISTEMI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n. 132 del 13.07.2011 REGOLAMENTO PROVINCIALE SUL PIANO DELLA PERFORMANCE E SUI SISTEMI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE ART. 1 FINALITÀ La Provincia di Brindisi,

Dettagli

Provincia Regionale di Agrigento

Provincia Regionale di Agrigento Provincia Regionale di Agrigento REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE SPETTANTE AI TECNICI INTERNI INCARICATI DELLA PROGETTAZIONE, DIREZIONE DEI LAVORI E COLLAUDO ED AL R.U.P., DI CUI ALL ART. 18 DELLA LEGGE

Dettagli

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE VISTA la legge 11 febbraio 1994, n. 109, recante Legge quadro in materia di lavori pubblici, nel testo aggiornato pubblicato nel supplemento

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

LAVORI PUBBLICI. - - - o - - -

LAVORI PUBBLICI. - - - o - - - LAVORI PUBBLICI - - - o - - - ALLEGATO 1 ALLE LINEE GUIDA EDIZIONE N 3 AGGIORNATA AL 02/01/2008 1 Vademecum per la ripartizione dell incentivo alla progettazione (l. 109/94 coord. con l.r. 7/02 e con l.r.

Dettagli

PROGRAMMA DELLE ATTIVITA PER LE QUALI E PREVISTO IL RICORSO A CONTRATTI DI COLLABORAZIONE AUTONOMA ASSESTATO

PROGRAMMA DELLE ATTIVITA PER LE QUALI E PREVISTO IL RICORSO A CONTRATTI DI COLLABORAZIONE AUTONOMA ASSESTATO PROGRAMMA DELLE ATTIVITA PER LE QUALI E PREVISTO IL RICORSO A CONTRATTI DI COLLABORAZIONE AUTONOMA ASSESTATO ART. 3 COMMA 55 LEGGE 24 DICEMBRE 2007, N. 244 A INDIVIDUAZIONE AREE E MATERIE NELLE QUALI E

Dettagli

C O M U N E D I P O L I S T E N A (PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA)

C O M U N E D I P O L I S T E N A (PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA) DELIBERAZIONE N 184 C O M U N E D I P O L I S T E N A (PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE del 17-06-2011 Oggetto: Proposta documento preliminare alla redazione

Dettagli

Provincia di Frosinone REGOLAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE

Provincia di Frosinone REGOLAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE Provincia di Frosinone REGOLAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE Approvato con deliberazione di G. P. n. 448 del 20.11.2002 ART 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento, nell ambito della normativa

Dettagli

COMUNE DI CASTENEDOLO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CASTENEDOLO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CASTENEDOLO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 2 del 06.02.2013 1 Articolo 1 OGGETTO

Dettagli

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI FASE 0 IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELL ENTE FASE 1 DEFINIZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE FASE 2 MONITORAGGIO IN CORSO DI

Dettagli

Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale

Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale PRINCIPI GENERALI Il presente Regolamento individua principi, criteri e modalità per il conferimento di incarichi di consulenza,

Dettagli

COMUNE DI SERIATE CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO AREA DIRIGENZA ANNO 2010

COMUNE DI SERIATE CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO AREA DIRIGENZA ANNO 2010 COMUNE DI SERIATE CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO AREA DIRIGENZA ANNO 2010 TRA Il Direttore Generale, dottor Michele Luccisano, presidente di parte pubblica della Delegazione Trattante; I rappresentanti

Dettagli

COMUNE DI LACONI. Provincia di Oristano IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

COMUNE DI LACONI. Provincia di Oristano IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO COMUNE DI LACONI Provincia di Oristano SETTORE : Responsabile: UFFICIO TECNICO COMUNALE Dott. Ing. Massimo Dessanai COPIA DETERMINAZIONE N. 99 DEL 24/02/2015 PROPOSTA DETERMINAZIONE N. 100 DEL 24/02/2015

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE. n. 50 del 26 gennaio 2012

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE. n. 50 del 26 gennaio 2012 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE n. 50 del 26 gennaio 2012 OGGETTO: INCARICO PROFESSIONALE DI IMPORTO INFERIORE A 100.000,00 EURO PER PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI DI REALIZZAZIONE IMPIANTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI ESTERNI DI STUDIO, RICERCA, CONSULENZA E COLLABORAZIONE

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI ESTERNI DI STUDIO, RICERCA, CONSULENZA E COLLABORAZIONE REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI ESTERNI DI STUDIO, RICERCA, CONSULENZA E COLLABORAZIONE APPROVATO CON DELIBERA DI G.C. N. 222 DEL 29/11/2011 Articolo 1 Finalità ed ambito applicativo 1. Il presente

Dettagli

AREA DI COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE. PERSONALE. SISTEMI INFORMATIVI SETTORE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GALEOTTI UGO

AREA DI COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE. PERSONALE. SISTEMI INFORMATIVI SETTORE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GALEOTTI UGO REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE ORGANIZZAZIONE AREA DI COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE. PERSONALE. SISTEMI INFORMATIVI SETTORE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Il Dirigente Responsabile: GALEOTTI UGO Decreto

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE NELL AMBITO DI PROGRAMMI E PROGETTI FINALIZZATI ART.1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente Regolamento definisce e disciplina

Dettagli

Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance. Finalità e principi

Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance. Finalità e principi Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance Finalità e principi Art. 1 - Finalità Il presente regolamento disciplina il sistema di misurazione e valutazione della

Dettagli

PROCESSO DI BUDGET PARTE AMMINISTRATIVA,TECNICA E PROFESSIONALE METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET

PROCESSO DI BUDGET PARTE AMMINISTRATIVA,TECNICA E PROFESSIONALE METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET PROCESSO DI BUDGET PARTE AMMINISTRATIVA,TECNICA E PROFESSIONALE METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET Il budget è un importante strumento operativo per la gestione aziendale,

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA AREA DEL PERSONALE DEL COMPARTO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA

COMUNE DI PERUGIA AREA DEL PERSONALE DEL COMPARTO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA COMUNE DI PERUGIA AREA DEL PERSONALE DEL COMPARTO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Approvato con atto G.C. n. 492 del 07.12.2011 1

Dettagli

C O M U N E D I G U A S T A L L A Provincia di Reggio Emilia DETERMINAZIONE N. 388 DEL 06/10/2011

C O M U N E D I G U A S T A L L A Provincia di Reggio Emilia DETERMINAZIONE N. 388 DEL 06/10/2011 DETERMINAZIONE N. 388 DEL 06/10/2011 OGGETTO ASSEGNAZIONE DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO OCCASIONALE PER SVOLGERE ATTIVITA' DI RILEVAZIONE DEL 15ー CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI.

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale - REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONTROLLO DI GESTIONE

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONTROLLO DI GESTIONE COMUNE DI CORMANO PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO INTERNO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (approvato con deliberazione C.C. n. 58 del 01/12/2003) 1 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 AMBITO DI

Dettagli

SISTEMA METODOLOGICO DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE

SISTEMA METODOLOGICO DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE CATANZARO *** SISTEMA METODOLOGICO DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE INDICE 1) Sistema degli incentivi 2) Sistema di valutazione 3) Misurazione della performance

Dettagli

PREMESSO CHE: DATO ATTO CHE PRESO ATTO

PREMESSO CHE: DATO ATTO CHE PRESO ATTO ACCORDO ex art. 15 legge 241/90 e s.m.i fra i comuni di BALZOLA, CAMAGNA MONFERRATO, CONZANO, CUCCARO MONFERRATO, FRASSINELLO MONFERRATO, LU, MIRABELLO MONFERRATO, MORANO SUL PO, OCCIMIANO, OLIVOLA, OTTIGLIO,

Dettagli

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del TUELL 267/2000, modificato dal D.L. 174/2012 convertito nella legge 213/2012) INDICE Parte 1^ Premesse generali Art. 1 Finalità e ambito

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO Area Pianificazione e Gestione del Territorio Servizio Opere Pubbliche

PROVINCIA DI PRATO Area Pianificazione e Gestione del Territorio Servizio Opere Pubbliche Area Pianificazione e Gestione del Territorio Servizio Opere Pubbliche Via Giovanni Pisano, 12-59100 Prato Tel. 0574 5341 Fax 0574 534329 Determinazione del Direttore dell Area Pianificazione e Gestione

Dettagli

Regolamento per il conferimento degli incarichi di studio, ricerca e consulenza

Regolamento per il conferimento degli incarichi di studio, ricerca e consulenza G Gruppo A.S.Mortara S.p.A. Regolamento per il conferimento degli incarichi di studio, ricerca e consulenza via Tiziano Vecellio, 540-27036 - Mortara (PV) telefono 0384.338020 - fax 0384.338017 numero

Dettagli

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE ALLEGATO A PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE CAPO I NUCLEO DI VALUTAZIONE ART. 92 - NUCLEO DI VALUTAZIONE

Dettagli

Città di Medicina Via Libertà, 103 40059 Medicina (BO)

Città di Medicina Via Libertà, 103 40059 Medicina (BO) Città di Medicina Via Libertà, 103 40059 Medicina (BO) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE AREA LL.PP. E PROT.CIV. NUMERO 262 DEL 07/05/2009 OGGETTO: RISTRUTTURAZIONE TOTALE EX CASA COLONICA AREA PASI PER

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture

Ministero delle Infrastrutture Ministero delle Infrastrutture DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE STATALI, L EDILIZIA E LA REGOLAZIONE DEI LAVORI PUBBLICI Direzione generale per la regolazione dei lavori pubblici CIRCOLARE N. 24734 Del

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014 Allegato A Indirizzi applicativi in materia di valutazione di incidenza di piani, progetti e interventi 1. Definizioni Procedimento di valutazione di

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo Titolo I Classe 3 Fascicolo N. 50374 del 23/07/2010 Decreto n 2572/2010 UOR AREA 2 CC RPA P. VALENTI Palermo, 23 luglio 2010 IL RETTORE VISTA la legge 9 Maggio 1989 n. 168 ed in particolare l articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO (emanato con D.R. n. 280 2013, prot. n. 6837 I/3 del 12.03.2013) Articolo 1 (Scopo e ambito di applicazione) 1. Il presente regolamento ha

Dettagli

CITTÀ di AVIGLIANA. Provincia di TORINO. DETERMINAZIONE N. 409 del 11/11/2013. Proposta n. 409

CITTÀ di AVIGLIANA. Provincia di TORINO. DETERMINAZIONE N. 409 del 11/11/2013. Proposta n. 409 DETERMINAZIONE N. 409 del 11/11/2013 Proposta n. 409 Oggetto: VARIANTE N. 47 AL P.R.G.C. VIGENTE. AFFIDAMENTO INCARICO PER RILIEVI TOPOGRAFICI. C.I.G.: Z020C4AC97 Area Urbanistica ed Edilizia Privata Proposta

Dettagli

COMUNE DI MONTEBELLO JONICO

COMUNE DI MONTEBELLO JONICO COMUNE DI MONTEBELLO JONICO CAPO X SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE ART.57 -FINALITA DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE 1. Le disposizioni contenute nel presente Titolo

Dettagli

PIANO DELLA PERFORMANCE

PIANO DELLA PERFORMANCE PIANO DELLA PERFORMANCE PROGRAMMI E PROGETTI DELL AMMINISTRAZIONE PER IL PERIODO 2011-2012 - 2013 L Albero della Performance Consiglio Comunale Piano di mandato Sindaco e Giunta Comunale Piano della Performance

Dettagli

Comune di Prato. Concorso di progettazione in fase unica: Parco Cimiteriale e Tempio Crematorio a Chiesanuova, nel Comune di Prato

Comune di Prato. Concorso di progettazione in fase unica: Parco Cimiteriale e Tempio Crematorio a Chiesanuova, nel Comune di Prato Comune di Prato Servizio Edilizia Pubblica e Cimiteri Concorso di progettazione in fase unica: Parco Cimiteriale e Tempio Crematorio a Chiesanuova, nel Comune di Prato Allegato 11 - Schema disciplinare

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA. Disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA. Disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA Disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance APPROVATO CON DELIBERA 58 CG 2013 E MODIFICATO ED INTEGRATO CON DELIBERE 59 E 149CG/2013

Dettagli

Relazione Tecnico Finanziaria

Relazione Tecnico Finanziaria UNIONEDEI COMUNI DEL DISTRETTO CERAMICO Provincia di Modena Relazione Tecnico Finanziaria al Contratto Integrativo Anno 2014 (articolo 40, comma 3-sexies, Decreto Legislativo n. 165 del 2001) Parte II

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI INCARICHI INTERNI PER I SERVIZI DI ARCHITETTURA E INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI INCARICHI INTERNI PER I SERVIZI DI ARCHITETTURA E INGEGNERIA REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI INCARICHI INTERNI PER I SERVIZI DI ARCHITETTURA E INGEGNERIA Sede Legale ed Amministrativa: Via Biagio di Montluc 2, 53100 Siena (SI) - Tel 0577 48154 Fax 0577 42449

Dettagli

REGOLAMENTO. Città di Follonica

REGOLAMENTO. Città di Follonica Città di Follonica per l affidamento di incarichi professionali e di collaborazione di elevata professionalità di cui al Decreto Legislativo 165/2001 e per incarichi di prestazione di servizi di cui al

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Approvato con delibera assembleare nr. 10 del 11.02.2014 REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Art. 1 - Ambito di applicazione e modalità di controllo Le disposizioni

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA AREA PROGRAMMAZIONE E GESTIONE TERRITORIO COPIA DETERMINAZIONE N. 289 del 31/12/2009 OGGETTO APPROVAZIONE DISCIPLINARE D'INCARICO PER LA REDAZIONE DI

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

REGOLAMENTO ITER PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ITER PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO ITER PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina l iter dei procedimenti amministrativi dell Agenzia Forestale Regionale dell Umbria. 2. In particolare

Dettagli

SOMMARIO. Art. 1 - Finalità della valutazione -------------------------------------------------------------------------- 3

SOMMARIO. Art. 1 - Finalità della valutazione -------------------------------------------------------------------------- 3 REGOLAMENTO SISTEMA PREMIANTE - AREA DEL COMPARTO - Adottato con Deliberazione n. 280 del 22/04/2015 1 SOMMARIO Art. 1 - Finalità della valutazione --------------------------------------------------------------------------

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE COMUNE DI GHISALBA (Provincia di Bergamo) Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 111 del 13/10/2014 REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE 1 Sommario Art. 1 -

Dettagli

Il Dirigente sottoscritto sottopone a codesto organo l opportunità di adottare l atto che segue in uno con la relazione illustrativa:

Il Dirigente sottoscritto sottopone a codesto organo l opportunità di adottare l atto che segue in uno con la relazione illustrativa: Settore n 6 Manutenzione Ambiente Il Dirigente sottoscritto sottopone a codesto organo l opportunità di adottare l atto che segue in uno con la relazione illustrativa: Relazione del Dirigente: Premesso

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE SCHEMA CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE L anno il giorno del mese di TRA Il Comune di con sede in via n., Codice

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli