LAVORI PUBBLICI o - - -

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LAVORI PUBBLICI. - - - o - - -"

Transcript

1 LAVORI PUBBLICI o ALLEGATO 1 ALLE LINEE GUIDA EDIZIONE N 3 AGGIORNATA AL 02/01/2008 1

2 Vademecum per la ripartizione dell incentivo alla progettazione (l. 109/94 coord. con l.r. 7/02 e con l.r. 7/03: art. 18) A. Lavoro pubblico: opera programmata A.1 Calcolo dell incentivo... pag. 3 A.2 Calcolo delle parcelle... pag. 4 A.3 Ripartizione delle competenze tecniche nelle fasi. pag. 10 A.4 Ripartizione delle competenze tecniche ai componenti il gruppo della singola fase pag. 12 A.5 Ripartizione delle competenze tecniche ai componenti il gruppo di project management pag. 13 B. Lavoro pubblico: manutenzione ordinaria edilizia B.1 Calcolo dell incentivo... pag. 15 B.2 Calcolo delle parcelle... pag. 16 B.3 Ripartizione delle competenze tecniche nelle fasi. pag. 19 B.4 Ripartizione delle competenze tecniche ai componenti il gruppo della singola fase pag. 20 B.5 Ripartizione delle competenze tecniche ai componenti il gruppo di project management pag. 21 C. Lavoro pubblico: manutenzione ordinaria stradale C.1 Calcolo dell incentivo... pag. 23 C.2 Calcolo delle parcelle... pag. 24 C.3 Ripartizione delle competenze tecniche nelle fasi. pag. 27 C.4 Ripartizione delle competenze tecniche ai componenti il gruppo della singola fase pag. 28 C.5 Ripartizione delle competenze tecniche ai componenti il gruppo di project management pag. 29 D. Lavoro pubblico: manutenzione a contratto aperto D.1 Calcolo dell incentivo... pag. 31 D.2 Calcolo delle parcelle... pag. 32 D.3 Ripartizione delle competenze tecniche nelle fasi. pag. 35 D.4 Ripartizione delle competenze tecniche ai componenti il gruppo della singola fase pag. 36 D.5 Ripartizione delle competenze tecniche ai componenti il gruppo di project management pag. 37 E. Atto di pianificazione E.1 Calcolo dell incentivo... pag. 39 E.2 Ripartizione delle competenze tecniche ai componenti il gruppo della singola fase pag. 40 E.3 Ripartizione delle competenze tecniche ai componenti il gruppo di project management pag. 41 Il presente vademecum è redatto in conformità al Regolamento per il conferimento di incarichi a personale interno all Ente approvato con deliberazione di Giunta Provinciale n. 100 del 28/09/04 che, nel seguito, per brevità, verrà indicato come regolamento. edizione dicembre

3 A. Lavoro pubblico: opera programmata, opera edile, importo lordo dei lavori , 00 A.1 Calcolo dell incentivo opera pubblica programmata opera edile importo lordo dei lavori ,00 incentivo per la progettazione (reg: art. 12, comma 1) 1,50% di = ,00 fondo di solidarietà (reg: art. 12, c. 3, 1^ alinea) 15% di = 2.250,00 progettazione e D.L. (reg: art. 4, punto 1 ed art. 12, c. 3, 2^ a.) 75% di = 9.563,00 project management (reg: art. 4, punto 2 ed art. 12, c. 3, 3^ a.) 25% di = 3.187,00 il Rudp propone al Dirigente l'invio al fondo di 2.250,00 (reg.: art.17) il Rudp redige le parcelle (reg.: art. 13) il Rudp ripartisce l'incentivo (reg.: art. 14) il Dirigente determina l'invio al fondo (Reg.: art.17) A.2 Calcolo delle parcelle A.2.1 Parcella per progettazione esecutiva Opera edile Imp. lavori ,00 Classi e categorie I c (istituto scolastico superiore) per ,00 I g (struttura c.a. antisismica) per ,00 III c (impianti) per ,00 Classe I c (istituto scolastico superiore): importo La percentuale p, da applicare all importo dei lavori I per determinare l ammontare dell onorario della parcella di progettazione, si calcola mediante la formula che si legge nel decreto 4 aprile 2001 (pag. 57. Tabella A Corrispettivi a percentuale relativi alle varie classi e categorie di lavori): 3

4 p = I n x 10 q + x 3 i coefficienti (n; q; x 3 ) si calcolano con le formule del citato decreto 04/04/2001: Classe I c (istituto scolastico superiore) per ,00 a) dal decreto 04/04/2001 si leggono i coefficienti: I 1 = I 2 = x 1 = 18,9434 x 2 = 3,8575 x 3 = 2,9689 b) si calcolano (n; q): n = log ((x 1 - x 3 ) / (x 2 - x 3 )) / log (I 1 - I 2 ) = = log ((18,9434-2,9689)/(3,8575-2,9689))/log(50/ ) = - 0,380 q = log((x 1 -x 3 )/(I 1 ) n )= log ((18,9434 2,9689) / ^- 0, ) = 2,9895 c) si risolve la formula per il calcolo del coefficiente p: p = , x 10 2, ,9689 = 9,6266% Classe I g (struttura c.a. antisismica): importo a) dal decreto 04/04/2001 si leggono i coefficienti : l 1 = l 2 = x 1 = 20,1015 x 2 = 3,7664 x 3 = 2,9689 b) si calcolano (n; q): n = log ((x 1 - x 3 ) / (x 2 - x 3 )) / log (l 1 - l 2 ) = = log ((20,1015-2,9689)/(3,7664-2,9689))/log (50/ ) = - 0,403 q = log ((x 1 - x 3 ) / (l 1 ) n ) = log ((20,1015-2,9689) / ^- 0,403538) = 3,1300 c) si risolve la formula per il calcolo del coefficiente p: p = , x 10 3, ,9689 = 11,9176% Classe III c (impianti): importo a) dal decreto 04/04/2001 si leggono i coefficienti: l 1 = l 2 = x 1 = 23,5555 x 2 = 4,4820 x 3 = 3,5316 b) si calcolano (p; q): n = log ((x 1 - x 3 ) / (x 2 - x 3 )) / log (l 1 - l 2 ) = = log ((23,5555-3,5316)/( 4,482-3,5316))/log (50/ ) = - 0,4009 q = log ((x 1 - x 3 ) / (l1)n) = log ((23,5555-3,5316) / ^- 0, ) = 3,1857 c) si risolve la formula per il calcolo del coefficiente p: p = , x 10 3, ,5316 = 14,0337% 4

5 Coefficienti tab. B Classe I c : 0,65 >>> 0,65 Classe I g : 0,55 >>> 0,55 Classe III c : 0,65 >>> 0,65 Calcolo dell onorario della parcella per la progettazione esecutiva x 9,6266% x 0, x 11,9176% x 0, x 14,0337% x 0,65 = ,00 Nel calcolo della parcella si tralasciano i compensi accessori e/o maggiorazioni e/o diritti vari perché ininfluenti nel contesto della ripartizione dell incentivo alla progettazione art. 18 legge 109/94. A.2.2 Parcella per piano di sicurezza in fase di progettazione Imp ,00 Classi e categorie I c (istituto scolastico superiore) per ,00 p = 9,6266% I g (struttura c.a. antisismica) per ,00 p = 11,9176% III c (impianti) per ,00 p = 14,0337% ( x 9,6266% x 11,9176% x 14,0337%) x 0,15 x 1,50 = ,00 Si tralasciano i compensi accessori e/o maggiorazioni e/o diritti vari perché ininfluenti nel contesto della ripartizione dell incentivo alla progettazione art. 18 legge 109/94. A.2.3 Parcella per piano di sicurezza in fase di esecuzione Imp ,00 Classi e categorie I c (istituto scolastico superiore) per ,00 p = 9,6266% I g (struttura c.a. antisismica) per ,00 p = 11,9176% III c (impianti) per ,00 p = 14,0337% ( x 9,6266% x 11,9176% x 14,0337%) x 0,25 x 1,70 = ,00 Si tralasciano i compensi accessori e/o maggiorazioni e/o diritti vari perché ininfluenti nel contesto della ripartizione dell incentivo alla progettazione art. 18 legge 109/94. A.2.4 Parcella per direzione lavori, misura e contabilità Imp ,00 Classi e categorie I c (istituto scolastico superiore) per ,00 p = 9,6266% I g (struttura c.a. antisismica) per ,00 p = 11,9176% III c (impianti) per ,00 p = 14,0337% Calcolo dell onorario per la direzione lavori x 9,6266% x 0, x 11,9176% x 0, x 14,0337% x 0,35 = ,00 Calcolo dell onorario per la misura e contabilità Fino a ,69 (pari a lire ): 7.332,21 Sul di più e fino ad ,00: ,31 x 1,073% = ,00 Calcolo della parcella per la direzione lavori, misura e contabilità 5

6 42.533, , ,00 = ,00 Si tralasciano i compensi accessori e/o maggiorazioni e/o diritti vari perché ininfluenti nel contesto della ripartizione dell incentivo alla progettazione art. 18 legge 109/94. A.2.5 Parcella per collaudo statico Importo lordo dei lavori ,00 Classi e categorie I g (struttura c.a. antisismica) per ,00 per ,45 >>> 0,667019% per ,76 >>> 0,70740% per ,00 >>> 0,70740% - (0, ,66701) x 8.228,45 / ( , ,76) = 0,70096% Calcolo della parcella per il collaudo statico x 0,70096% x 2 = 3.505,00 Si tralasciano i compensi accessori e/o maggiorazioni e/o diritti vari perché ininfluenti nel contesto della ripartizione dell incentivo alla progettazione art. 18 legge 109/94. A.2.6 Parcella per collaudo tecn. amm.vo Importo lordo dei lavori ,00 Classi e categorie Calcolo della parcella per il collaudo amministrativo x 0,15023% x 1,30 = 3.906,00 Si tralasciano i compensi accessori e/o maggiorazioni e/o diritti vari perché ininfluenti nel contesto della ripartizione dell incentivo alla progettazione art. 18 legge 109/94. Sommano le parcelle: = ,00 Calcolo del coefficiente di riduzione : incentivo/parcelle = / = 0,04524 Si nota che l inverso del coefficiente di riduzione appena calcolato rappresenta per difetto (perché non tiene conto di compensi accessori e/o maggiorazioni e/o diritti vari) quanto l Ente spenderebbe in caso di affidamento delle stesse attività a tecnici esterni liberi professionisti. In questo specifico caso, se l Ente affidasse l incarico all esterno spenderebbe una cifra maggiore di almeno 22 volte, cioè del 2.200%. 6

7 Riepilogo del calcolo delle parcelle il Rudp redige le parcelle (Reg.: art. 13) progettazione esecutiva euro ,00 sicurezza in fase di progettazione euro ,00 sicurezza in fase di esecuzione euro ,00 direzione lavori, misura e contabilità euro ,00 collaudo statico euro 3.505,00 collaudo tecn. ammin. euro 3.906,00 sommano le parcelle euro ,00 coefficiente di riduzione / = 0,

8 A.3 Ripartizione delle competenze tecniche nelle fasi Giusto art. 17 del Regolamento approvato con delibera di G.P. n. 100/2004, alla fine di ogni fase il Rudp propone al Dirigente la liquidazione del compenso spettante ai dipendenti per avere completato quella singola fase. Il Dirigente provvede a determinare la liquidazione della somma al gruppo. La progettazione si compone di quattro fasi distinte: studio di fattibilità, progetto preliminare, progetto definitivo, progetto esecutivo. L incentivo alla progettazione relativo a tutt e quattro queste fasi è compreso nell incentivo all progettazione esecutiva come sopra calcolato. Il Rudp provvede alla liquidazione di queste singole fasi di progettazione applicando l art. 15 del regolamento G.P. n. 100/2004. studio di fattibilità = 0,07 x = 4.933,00 progetto preliminare = 0,10 x = 7.048,00 progetto definitivo = 0,63 x = ,00 progetto esecutivo = 0,20 x = ,00 Pertanto il riepilogo delle parcelle è il seguente progettazione euro ,00 studio di fattibilità euro 4.933,00 progettazione definitiva euro ,00 progettazione preliminare euro 7.048,00 progettazione esecutiva euro ,00 sicurezza in fase di progettazione euro ,00 in fase di esecuzione euro ,00 direzione lavori, misura e contab. euro ,00 collaudo statico euro 3.505,00 collaudo tecn. ammin. euro 3.906,00 coefficiente di riduzione / = 0,

9 La quota di incentivo alla progettazione (art. 12) da assegnare a ciascuna fase, si calcola applicando alle parcelle sopra determinate il coefficiente di riduzione (art. 13): progettazione x 0,04524= euro 3.189,00 studio di fattibilità 4.933,00 x 0,04524= euro 223,00 progettazione preliminare 7.048,00 x 0,04524 = euro 319,00 progettazione definitiva ,00 x 0,04524= euro 2.009,00 progettazione esecutiva ,00 x 0,04524 = euro 638,00 sicurezza in fase di progettazione ,00 x 0,04524 = euro 1.150,00 in fase di esecuzione ,00 x 0,04524 = euro 2.173,00 direzione lavori, misura e contab ,00 x 0,04524 = euro 2.716,00 collaudo statico 3.505,00 x 0,04524 = euro 158,00 collaudo tecn. ammin ,00 x 0,04524 = euro 177,00 A.4 Ripartizione delle competenze tecniche ai componenti il gruppo della singola fase Ipotizziamo di dovere dividere l incentivo alla progettazione relativo alla sola fase denominata progetto definitivo (perché, evidentemente, le altre fasi sono state liquidate in precedenza) ad un gruppo di lavoro composto da: - tecnico, cat. D6, 297 (Progettista e Direttore dei lavori) - tecnico, cat. D6, 297 (progettazione e Direttore operativo) - tecnico D.1, 224 (progettazione e Ispettore di cantiere) - tecnico B.5, 173 (progettazione e Ispettore di cantiere) - tecnico B.1, 151 (progettazione e Direttore operativo) - non tecnico, D.4, 297 (progettazione) 9

10 - non tecnico, B.2, 151 (progettazione) L incentivo relativo alla fase progetto definitivo, da ripartire al gruppo di lavoro formato dai sette dipendenti con le qualifiche di cui sopra, ammonta ad 2.009,00. Applichiamo l art. 13 del regolamento: M 1 = 0,10 x incentivo della fase = 0,10 x 2.009,00 = 200,90 M 2 = 0,90 x incentivo della fase = 0,90 x 2.009,00 = 1.808,10 Quota del progettista, tecnico D.6 = 200, ,10 x ( 0,50 x 297/( ) + 0,50 x 1 /( )) = 550,58 Quota del tecnico D.6 = 1.808,10 x ( 0,50 x 297/( ) + 0,50 x 1/( )) = 349,68 Quota del tecnico D.1 = 1.808,60 x ( 0,50 x 224/( ) + 0,50 x 1/( )) = 308,17 Quota del tecnico B.5 = 1.808,10 x ( 0,50 x 173/( ) + 0,50 x 1/( )) = 279,17 Quota del tecnico B.1 = 1.808,10 x ( 0,50 x 151/( ) + 0,50 x 1/( )) = 266,67 Quota del non tecnico D.1 = 1.808,10 x 0,50 x 297 /( ) = 168,87 Quota del non tecnico B.2 = 1.808,10 x 0,50 x 151 /( ) = 85,86 Verifica: 550, , , , , , ,86 = 2.009,00 A.5 Ripartizione delle competenze tecniche ai componenti il gruppo di project management Si applica la Tabella relativa a lavori ed opere programmate art. 12 lettera a.1 riportata nell art. 14 del regolamento approvato con delibera G.P. 100/2004: incaricati formula di calcolo incentivo in Responsabile unico del procedimento 3.187,00 x 0, ,37 Collaboratore pre progetto e fattibilità 3.187,00 x 0, ,77 Collaboratore supervisione, ecc. progettazione 3.187,00 x 0, ,63 Collaboratore supervisione alla D.L ,00 x 0, ,63 Collaboratore supervisione alla sicurezza 3.187,00 x 0, ,48 Collaboratore per funzioni amministrative 3.187,00 x 0, ,35 Collaboratore per validazione progetto 3.187,00 x 0, ,77 Si ricorda che quando non sono stati nominati uno o più collaboratori del Rudp, l indennità loro spettante come sopra calcolata risulta attribuita a beneficio del Rudp. 10

11 project management (Reg: art. 4 punto 2, art. 12) 0,25 x = euro 3.187,00 il Rudp ripartisce l'incentivo tra i componenti il proprio gruppo secondo le apposite tabelle (Reg.: art. 14) Rudp 0,51 x = euro 1.625,37 Coll. pre progetto e fattibilità 0,095 x = euro 302,77 Coll. supervisione progettazione 0,105 x = euro 334,63 Coll. supervisione D.L. 0,105 x = euro 334,63 Coll. supervisione sicurezza 0,04 x = euro 127,48 Coll. funzioni amministrative 0,05 x = euro 159,35 Coll. validazione progetto 0,095 x = euro 302,77 alla ultimazione delle singole fasi il Rudp propone al Dirigente la liquidazione delle competenze agli aventi diritto (regolamento: art. 17) il Dirigente determina la liquidazione delle competenze A.6 Ripartizione delle competenze tecniche ai componenti il gruppo di Direzione lavori Ipotizziamo di dovere dividere l incentivo alla Direzione lavori, già calcolato pari ad 2.715,00, ai sensi dell art. 13 ultimo periodo del regolamento, ad un gruppo di lavoro composto da: - tecnico, cat. D6, 297 (Direttore dei lavori) - tecnico, cat. D6, 297 (Direttore operativo) - tecnico D.1, 224 (Ispettore di cantiere) - tecnico B.5, 173 (Ispettore di cantiere) - tecnico B.1, 151 (Direttore operativo) tecnico, cat. D6, 297 (Direttore dei lavori) = 0.50 X = 1.357,50 tecnico, cat. D6, 297 (Direttore operativo) = 0.25 X X ( 297 / ) = 449,97 tecnico D.1, 224 (Ispettore di cantiere) = 0.25 X X ( 224 / ) = 392,97 tecnico B.5, 173 (Ispettore di cantiere) = 0.25 X X ( 173 / ) = 295,78 tecnico B.1, 151 (Direttore operativo) = 0.25 X X ( 151 / ) = 228,77 11

12 B. Lavoro pubblico: manutenzione ordinaria edilizia, importo lordo dei lavori , 00 B.1 Calcolo dell incentivo manutenzione ordinaria edilizia importo lordo dei lavori ,00 incentivo per la progettazione (reg: art. 12, comma 1) 1,50% di = 1.500,00 quota per il fondo di solidarietà (reg.: art. 12, c. 4) 0,10% x = 100,00 quota per il personale incaricato (reg.: art. 12, c. 2, lett. a.2) 1,40% di = 1.400,00 fondo di solidarietà (reg: art. 12, c.3, 1^ alinea) 15% di = 210,00 progettazione e D.L. (reg: art. 4, punto 1 ed art. 12, c. 3, 2^ alinea) 75% di = 892,00 project management (reg: art. 4, punto 2 ed art. 12, c. 3, 3^ alinea) 25% di = 298,00 il Rudp propone al Dirigente l'invio al fondo di 310,00 (reg.: art.17) il Rudp redige le parcelle (reg.: art. 13) il Rudp ripartisce l'incentivo (reg.: art. 14) il Dirigente determina l'invio al fondo (Reg.: art.17) B.2 Calcolo delle parcelle B.2.1 Parcella per progettazione esecutiva Opera edile Imp. lavori ,00 Classi e categorie I c (istituto scolastico superiore) per ,00 Classe I d : importo La percentuale, da applicare all importo dei lavori per determinare l ammontare della parcella di progettazione, si può leggere nel decreto 04/04/2001 (pag. 59 Tabella A Esemplificazione per scaglioni di importo lavori) si calcola mediante la formula: p = I n x 10 q + x 3 12

13 i coefficienti (n; q; x 3 ) si calcolano con le formule del decreto 04/04/2001 (pag 57. Tabella A Corrispettivi a percentuale relativi alle varie classi e categorie di lavori); a) si leggono i coefficienti: b) si calcola (n; q): I 1 = I 2 = x 1 = 18,9434 x 2 = 3,8575 x 3 = 2,9689 n = log ((x 1 - x 3 ) / (x 2 - x 3 )) / log (I 1 - I 2 ) = log ((18,9434-2,9689)/(3,8575-2,9689))/log (50/ ) = - 0, q = log ((x 1 - x 3 ) / (I 1 ) n ) = log ((24,9135-3,6743) / ^- 0, ) = 2,9895 c) si risolve la formula per il calcolo del coefficiente p: p = , x 10 2, ,9895 = 15,2434 Coefficienti tab. B riferita alla Classe I c : 0,65 Calcolo della parcella per la progettazione definitiva x 15,2432% x 0,65 = 9.908,00 Si tralasciano i compensi accessori e/o maggiorazioni e/o diritti vari perché ininfluenti nel contesto della ripartizione dell incentivo alla progettazione art. 18 legge 109/94. B.2.2 Parcella per piano di sicurezza in fase di progettazione Imp ,00 Classi e categorie I c (istituto scolastico superiore) per ,00 p = 15,2434% x 15,2434% x 0,15 x 1,50 = 3.430,00 Si tralasciano i compensi accessori e/o maggiorazioni e/o diritti vari perché ininfluenti nel contesto della ripartizione dell incentivo alla progettazione art. 18 legge 109/94. B.2.3 Parcella per piano di sicurezza in fase di esecuzione Imp ,00 Classi e categorie I c (istituto scolastico superiore) per ,00 p = 15,2434% x 15,2434% x 0,25 x 1,70 = 6.478,00 Si tralasciano i compensi accessori e/o maggiorazioni e/o diritti vari perché ininfluenti nel contesto della ripartizione dell incentivo alla progettazione art. 18 legge 109/94. 13

14 B.2.4 Parcella per direzione lavori, misura e contabilità Imp ,00 Classi e categorie I c (istituto scolastico superiore) per ,00 p = 15,2434% Calcolo dell onorario per la direzione lavori x 15,2434% x 0,35 = 5.335,00 Calcolo dell onorario per la misura e contabilità Fino a ,69 (pari a lire ): 7.332,21 Sul di più e fino ad ,00: ,31 x 1,073% = 518,84 Calcolo della parcella per la direzione lavori, misura e contabilità 5.335, , ,84 = ,00 Si tralasciano i compensi accessori e/o maggiorazioni e/o diritti vari perché ininfluenti nel contesto della ripartizione dell incentivo alla progettazione art. 18 legge 109/94. B.2.5 Parcella per collaudo tecn. amm.vo Importo lordo dei lavori ,00 p = 0, x (0,279 0,236) / ( ) = 0,24148% x 0,24148% x 1,30 x 1,50 = 471,00 Si tralasciano i compensi accessori e/o maggiorazioni e/o diritti vari perché ininfluenti nel contesto della ripartizione dell incentivo alla progettazione art. 18 legge 109/94. Sommano le parcelle: = ,00 Calcolo del coefficiente di riduzione : incentivo/parcelle = 892 / = 0,0266 Si nota che l inverso del coefficiente di riduzione appena calcolato rappresenta per difetto (perché non tiene conto di compensi accessori e/o maggiorazioni e/o diritti vari) quanto l Ente spenderebbe in caso di affidamento delle stesse attività a tecnici esterni liberi professionisti. In questo specifico caso, se l Ente affidasse l incarico all esterno spenderebbe una cifra maggiore di almeno 37 volte, cioè del 3.700%. 14

15 Riepilogo del calcolo delle parcelle progettazione esecutiva euro 9.908,00 sicurezza in fase di progettazione euro 3.430,00 sicurezza in fase di esecuzione euro 6.478,00 direzione lavori, misura e contabilità euro ,00 collaudo tecn. ammin. euro 471,00 sommano le parcelle euro ,00 coefficiente di riduzione 892 / = 0,0266 B.3 Ripartizione delle competenze tecniche nelle fasi Giusto art. 17 del Regolamento approvato con delibera di G.P. n. 100/2004, alla fine di ogni fase il Rudp propone al Dirigente la liquidazione del compenso spettante ai dipendenti per avere completato quella singola fase. Il Dirigente provvede a determinare la liquidazione della somma al gruppo. 15

16 La progettazione si compone di quattro fasi distinte: studio di fattibilità, progetto preliminare, progetto definitivo, progetto esecutivo. L incentivo alla progettazione relativo a tutt e quattro queste fasi è compreso nell incentivo alla progettazione esecutiva come sopra calcolato. Il Rudp provvede alla liquidazione di queste singole fasi di progettazione applicando l art. 15 del regolamento G.P. n. 100/2004. Nel caso di lavori di manutenzione ordinaria, la fase di progettazione è unica e coincide con quella esecutiva. La quota di incentivo alla progettazione (art. 12) da assegnare a ciascuna fase, si calcola applicando alle parcelle sopra determinate il coefficiente di riduzione (art. 13): progettazione x 0,0266 = euro 264,00 sicurezza in fase di progettazione 3.430,00 x 0,0266 = euro 91,00 in fase di esecuzione 6.478,00 x 0,0266 = euro 172,00 direzione lavori, misura e contab ,00 x 0,0266 = euro 351,00 collaudo tecn. ammin. 471,00 x 0,0266= euro 14,00 Verifica: = 892,00 B.4 Ripartizione delle competenze tecniche ai componenti il gruppo della singola fase Ipotizziamo di dovere dividere l incentivo alla progettazione relativo alla sola fase denominata direzione lavori (perché, evidentemente, le altre fasi sono state liquidate in precedenza) ad un gruppo di lavoro composto da: - tecnico, cat. D6, 297 (Direttore dei lavori) - tecnico C.3, 191 ((Direttore operativo) - tecnico B.5, 173 (Ispettore di cantiere) L incentivo per la direzione lavori da ripartire al gruppo di lavoro formato dai tre dipendenti, con le qualifiche di cui sopra, ammonta ad 353,00.Applichiamo l art. 13 del regolamento: Quota del Direttore dei lavori = 0,50 X 353,00 = 176,50 Quota del tecnico C.3, 191 (Direttore operativo) = 0,25 X 353,00 = 88,25 Quota del tecnico B.5, 173 (Ispettore di cantiere)= 0,25 X 353,00 = 88,25 16

17 Verifica 176, , ,25 = 353,00 B.5 Ripartizione delle competenze tecniche ai componenti il gruppo di project management Si applica la Tabella relativa a lavori di manutenzione ordinaria edile art. 12 lettera a.2 riportata nell art. 14 del regolamento approvato con delibera G.P. 100/2004: incaricati formula di calcolo incentivo in Responsabile unico del procedimento 298,00 x 0, ,98 Collaboratore pre progetto e fattibilità 298,00 x 0,095 28,31 Collaboratore supervisione, ecc. progettazione 298,00 x 0,105 31,29 Collaboratore supervisione alla D.L. 298,00 x 0,105 31,29 Collaboratore supervisione alla sicurezza 298,00 x 0,040 11,92 Collaboratore per funzioni amministrative 298,00 x 0,050 14,90 Collaboratore per validazione progetto 298,00 x 0,095 28,31 Si ricorda che, quando non sono stati nominati uno o più collaboratori del Rudp, l indennità loro spettante come sopra calcolata risulta a beneficio del Rudp; project management (Reg: art. 4 punto 2, art. 12) 0,25 x = euro 298,00 il Rudp ripartisce l'incentivo tra i componenti il proprio gruppo secondo le apposite tabelle (Reg.: art. 14) Rudp 0,51 x 298 = euro 151,98 Coll. pre progetto e fattibilità 0,095 x 298 = euro 28,31 Coll. supervisione progettazione 0,105 x 298 = euro 31,29 Coll. supervisione D.L. 0,105 x 298 = euro 31,29 Coll. supervisione sicurezza 0,04 x 298 = euro 11,92 Coll. funzioni amministrative 0,05 x 298 = euro 14,90 Coll. validazione progetto 0,095 x 298 = euro 28,31 alla ultimazione delle singole fasi il Rudp propone al Dirigente la liquidazione delle compentenze agli aventi diritto (regolamento: art. 17) il Dirigente determina la liquidazione delle competenze 17

18 Verifica: 151, , , , , , ,31 = 298,00 C. Lavoro pubblico: manutenzione ordinaria stradale, importo lordo dei lavori , 00 C.1 Calcolo dell incentivo manutenzione ordinaria stradale importo lordo dei lavori ,00 incentivo per la progettazione (reg: art. 12, comma 1) 1,50% di = 1.500,00 quota per il fondo di solidarietà (reg.: art. 12, c.4) 0,15% di = 150,00 quota per il personale incaricato (reg.: art. 12, c.2, lett. a.3) 1,35% di = 1.350,00 fondo di solidarietà (reg: art. 12, c. 3, 1^ a.) 15% di = 202,50 progettazione e D.L. (reg: art. 4, punto 1 ed art. 12, c. 3, 2^ a.) 75% di 1.147,50 = 860,50 project management (reg: art. 4, punto 2 ed art. 12, c. 3, 3^ a.) 25% di 1.147,50 = 287,00 il Rudp propone al Dirigente l'invio al fondo di 352,50 (reg.: art.17) il Rudp redige le parcelle (Reg.: art. 13) il Rudp ripartisce l'incentivo (Reg.: art. 14) il Dirigente determina l'invio al fondo (Reg.: art.17) C.2 Calcolo delle parcelle C.2.1 Parcella per progettazione esecutiva Opera stradale Imp ,00 Classi e categorie VI a (strada ordinaria) per ,00 Classe VI a : importo

19 La percentuale, da applicare all importo dei lavori per determinare l ammontare della parcella di progettazione, si può leggere nel decreto 04/04/2001 (pag. 59 Tabella A Esemplificazione per scaglioni di importo lavori) si calcola mediante la formula: p = I n x 10 q + x 3 i coefficienti (n; q; x 3 ) si calcolano con le formule del decreto 04/04/2001 (pag 57. Tabella A Corrispettivi a percentuale relativi alle varie classi e categorie di lavori); a) si leggono i coefficienti: l 1 = l 2 = x 1 = 7,9619 x 2 = 2,7513 x 3 = 2,1335 b) si calcola (n; q): n = log ((x 1 - x 3 ) / (x 2 - x 3 )) / log (l 1 - l 2 ) = log ((7,9619-2,1335)/(2,7513-2,1335))/log (50/ ) = - 0,2952 q = log ((x 1 - x 3 ) / (l 1 ) n ) = log ((7,9619 2,1335) / ^- 0,2952) = 2,1530 c) si risolve la formula per il calcolo del coefficiente p: p = ,2952 x 10 2, ,1335 = 6,883 Coefficienti tab. B riferita alla Classe VI a : 0,55 Calcolo della parcella per la progettazione definitiva x 6,883% x 0,55 = 3.785,00 Si tralasciano i compensi accessori e/o maggiorazioni e/o diritti vari perché ininfluenti nel contesto della ripartizione dell incentivo alla progettazione art. 18 legge 109/94. C.2.2 Parcella per piano di sicurezza in fase di progettazione Imp ,00 Classi e categorie VI a (strada ordinaria) per ,00 p = 6,883% x 6,883% x 0,15 x 1,50 = 1.548,00 Si tralasciano i compensi accessori e/o maggiorazioni e/o diritti vari perché ininfluenti nel contesto della ripartizione dell incentivo alla progettazione art. 18 legge 109/94. C.2.3 Parcella per piano di sicurezza in fase di esecuzione Imp ,00 Classi e categorie VI a (strada ordinaria) per ,00 p = 6,883% x 6,883% x 0,25 x 1,70 = 2.925,00 19

20 Si tralasciano i compensi accessori e/o maggiorazioni e/o diritti vari perché ininfluenti nel contesto della ripartizione dell incentivo alla progettazione art. 18 legge 109/94. C.2.4 Parcella per direzione lavori, misura e contabilità Imp ,00 Classi e categorie VI a (strada ordinaria) per ,00 p = 6,883% Calcolo dell onorario per la direzione lavori x 6,883% x 0,45 = 3.097,35 Calcolo dell onorario per la misura e contabilità Fino a ,69 (pari a lire ): 7.332,21 Sul di più e fino ad ,00: ,31 x 1,073% = 518,84 Calcolo della parcella per la direzione lavori, misura e contabilità 3.097, , ,84 = ,00 Si tralasciano i compensi accessori e/o maggiorazioni e/o diritti vari perché ininfluenti nel contesto della ripartizione dell incentivo alla progettazione art. 18 legge 109/94. C.2.5 Parcella per collaudo tecn. amm.vo Importo lordo dei lavori ,00 Calcolo della parcella per il collaudo amministrativo p = 0, x (0,279 0,236) / ( ) = 0,24148% x 0,24148% x 1,30 x 1,50 = 471,00 Si tralasciano i compensi accessori e/o maggiorazioni e/o diritti vari perché ininfluenti nel contesto della ripartizione dell incentivo alla progettazione art. 18 legge 109/94. Sommano le parcelle: = ,00 Calcolo del coefficiente di riduzione : incentivo/parcelle = 860,50 / ,00 = 0,04373 Si nota che l inverso del coefficiente di riduzione appena calcolato rappresenta per difetto (perché non tiene conto di compensi accessori e/o maggiorazioni e/o diritti vari) quanto l Ente spenderebbe in caso di affidamento delle stesse attività a tecnici esterni liberi professionisti. In questo specifico caso, se l Ente affidasse l incarico all esterno spenderebbe una cifra maggiore di almeno 23 volte, cioè del 2.300%. 20

21 Riepilogo del calcolo delle parcelle progettazione esecutiva euro 3.785,00 sicurezza in fase di progettazione euro 1.548,00 sicurezza in fase di esecuzione euro 2.925,00 direzione lavori, misura e contabilità euro ,00 collaudo tecn. ammin. euro 471,00 sommano le parcelle euro ,00 coefficiente di riduzione 860 / = 0,04373 C.3 Ripartizione delle competenze tecniche nelle fasi Giusto art. 17 del Regolamento approvato con delibera di G.P. n. 100/2004, alla fine di ogni fase il Rudp propone al Dirigente la liquidazione del compenso spettante ai dipendenti per avere completato quella singola fase. Il Dirigente provvede a determinare la liquidazione della somma al gruppo. La progettazione si compone di quattro fasi distinte: studio di fattibilità, progetto preliminare, progetto definitivo, progetto esecutivo. L incentivo alla progettazione relativo a tutt e 21

22 quattro queste fasi è compreso nell incentivo alla progettazione esecutiva come sopra calcolato. Il Rudp provvede alla liquidazione di queste singole fasi di progettazione applicando l art. 15 del regolamento G.P. n. 100/2004. Nel caso di lavori di manutenzione ordinaria, la fase di progettazione è unica e coincide con quella esecutiva. La quota di incentivo alla progettazione (art. 12) da assegnare a ciascuna fase, si calcola applicando alle parcelle sopra determinate il coefficiente di riduzione (art. 13): progettazione x 0,04373 = euro 165,50 sicurezza in fase di progettazione 1.548,00 x 0,04373 = euro 68,00 in fase di esecuzione 2.925,00 x 0,04373 = euro 128,00 direzione lavori, misura e contab ,00 x 0,04373 = euro 479,00 collaudo tecn. ammin. 471,00 x 0,04373 = euro 20,00 Verifica: 165, , , , ,00 = 860,50 C.4 Ripartizione competenze tecniche ai componenti il gruppo della singola fase di progettazione Ipotizziamo di dovere dividere l incentivo alla progettazione relativo alla sola fase denominata progettazione ad un gruppo di lavoro composto da: - progettista, tecnico, cat. D6, tecnico, cat. C.2, non tecnico, C.3, 191 Applichiamo l art. 13 del regolamento approvato con delibera G.P. 100/2004: M 1 = 0,10 x incentivo della fase = 0,10 x 165,50 = 16,55 M 2 = 0,90 x incentivo della fase = 0,90 x 165,50 = 148,95 Quota del progettista = 16, ,95 x ( 0,50 x 297/( ) + 0,50 x 1 /(1+1)) = 86,36 22

23 Quota del tecnico C.2 = 148,95 x ( 0,50 x 297/( ) + 0,50 x 1 /(1+1)) = 58,19 Quota del non tecnico C.3 = 148,95 x 0,50 x 191 /( ) = 20,95 Verifica 86, , ,95 = 165,50 C.5 Ripartizione delle competenze tecniche ai componenti il gruppo di project management Si applica la Tabella relativa a lavori di manutenzione ordinaria stradale art. 12 lettera a.3 riportata nell art. 14 del regolamento approvato con delibera G.P. 100/2004: incaricati formula di calcolo incentivo in Responsabile unico del procedimento 298,00 x 0, ,98 Collaboratore pre progetto e fattibilità 298,00 x 0,095 28,31 Collaboratore supervisione, ecc. progettazione 298,00 x 0,105 31,29 Collaboratore supervisione alla D.L. 298,00 x 0,105 31,29 Collaboratore supervisione alla sicurezza 298,00 x 0,040 11,92 Collaboratore per funzioni amministrative 298,00 x 0,050 14,92 Collaboratore per validazione progetto 298,00 x 0,095 28,31 Si ricorda che, quando non sono stati nominati uno o più collaboratori del Rudp, l indennità loro spettante come sopra calcolata risulta a beneficio del Rudp; project management (Reg: art. 4 punto 2, art. 12) 0,25 x = euro 298,00 il Rudp ripartisce l'incentivo tra i componenti il proprio gruppo secondo le apposite tabelle (Reg.: art. 14) Rudp 0,51 x 298 = euro 151,98 Coll. pre progetto e fattibilità 0,095 x 298 = euro 28,31 Coll. supervisione progettazione 0,105 x 298 = euro 31,29 Coll. supervisione D.L. 0,105 x 298 = euro 31,29 Coll. supervisione sicurezza 0,04 x 298 = euro 11,92 Coll. funzioni amministrative 0,05 x 298 = euro 14,90 Coll. validazione progetto 0,095 x 298 = euro 28,31 alla ultimazione delle singole fasi il Rudp propone al Dirigente la liquidazione delle compentenze agli aventi diritto (regolamento: art.17) il Dirigente determina la liquidazione delle competenze 23

24 Verifica: 151, , , , , , ,31 = 287,00 D. Lavoro pubblico: manutenzione a contratto aperto, impianto di illuminazione, importo lordo dei lavori , 00 D.1 Calcolo dell incentivo manutenzione a contratto aperto importo lordo dei lavori ,00 incentivo per la progettazione (reg: art. 12, comma 1) 1,50% di = 1.500,00 quota per il fondo di solidarietà (reg.: art. 12, c. 4) 0,30% di = 300,00 quota per il personale incaricato (reg.: art. 12, c. 2, lett. a.4) 1,20% di = 1.200,00 fondo di solidarietà (reg: art. 12, c. 3, 1^ a.) 15% di = 180,00 progettazione e D.L. (reg: art. 4, punto 1 ed art. 12, c.3, 2^ alinea) 75% di = 765,00 project management (reg: art. 4, punto 2 ed art. 12, c.3, 3^ alinea) 25% di = 225,00 il Rudp propone al Dirigente l'invio al fondo di 480,00 (reg.: art.17) il Rudp redige le parcelle (Reg.: art. 13) il Rudp ripartisce l'incentivo (Reg.: art. 14) il Dirigente determina l'invio al fondo (Reg.: art.17) D.2 Calcolo delle parcelle D.2.1 Parcella per progettazione esecutiva Imp. Illuminazione ,00 Classi e categorie III c (impianti) per ,00 24

25 a) dal decreto 04/04/2001 si leggono: l 1 = l 2 = x 1 = 23,5555 x 2 = 4,4820 x 3 = 3,5316 b) si calcolano (p; q): n = log ((x 1 - x 3 ) / (x 2 - x 3 )) / log (l 1 - l 2 ) = log ((23,5555-3,5316)/( 4,482-3,5316))/log (50/ ) = - 0, q = log ((x 1 - x 3 ) / (l 1 ) n ) = log ((23,5555-3,5316) / ^- 0, ) = 3,1857 c) si risolve la formula per il calcolo del coefficiente p: p = , x 10 3, ,5316 = 18,6965% Coefficienti tab. B riferita alla Classe III c : 0,65 Calcolo della parcella per la progettazione definitiva x 18,6965% x 0,65 = ,00 Si tralasciano i compensi accessori e/o maggiorazioni e/o diritti vari perché ininfluenti nel contesto della ripartizione dell incentivo alla progettazione art. 18 legge 109/94. D.2.2 Parcella per piano di sicurezza in fase di progettazione Imp ,00 Classi e categorie III c (impianti) per ,00 p = 18,6965% x 18,6965% x 0,15 x 1,50 = 4.207,00 Si tralasciano i compensi accessori e/o maggiorazioni e/o diritti vari perché ininfluenti nel contesto della ripartizione dell incentivo alla progettazione art. 18 legge 109/94. D.2.3 Parcella per piano di sicurezza in fase di esecuzione Imp ,00 Classi e categorie III c (impianti) per ,00 p = 18,6965% x 18,6965% x 0,25 x 1,70 = 7.946,00 25

26 Si tralasciano i compensi accessori e/o maggiorazioni e/o diritti vari perché ininfluenti nel contesto della ripartizione dell incentivo alla progettazione art. 18 legge 109/94. D.2.4 Parcella per direzione lavori, misura e contabilità Imp ,00 Classi e categorie III c (impianti) per ,00 p = 18,6965% Calcolo dell onorario per la direzione lavori x 18,6965% x 0,35 = 6.544,00 Calcolo dell onorario per la misura e contabilità Fino a ,69 (pari a lire ): 7.332,21 Sul di più e fino ad ,00: ,31 x 1,073% = 518,84 Calcolo della parcella per la direzione lavori, misura e contabilità 6.544, , ,84 = ,00 Si tralasciano i compensi accessori e/o maggiorazioni e/o diritti vari perché ininfluenti nel contesto della ripartizione dell incentivo alla progettazione art. 18 legge 109/94. D.2.5 Parcella per collaudo tecn. amm.vo Importo lordo dei lavori ,00 p = 0, x (0,279 0,236) / ( ) = 0,24148% x 0,24148% x 1,30 x 1,50 = 471,00 Si tralasciano i compensi accessori e/o maggiorazioni e/o diritti vari perché ininfluenti nel contesto della ripartizione dell incentivo alla progettazione art. 18 legge 109/94. Sommano le parcelle: = ,00 Calcolo del coefficiente di riduzione : incentivo/parcelle = 765 / = 0,01953 Si nota che l inverso del coefficiente di riduzione appena calcolato rappresenta per difetto (perché non tiene conto di compensi accessori e/o maggiorazioni e/o diritti vari) quanto l Ente spenderebbe in caso di affidamento delle stesse attività a tecnici esterni liberi professionisti. In questo specifico caso, se l Ente affidasse l incarico all esterno spenderebbe una cifra maggiore di almeno 51 volte, cioè del 5.100%. 26

27 Riepilogo del calcolo delle parcelle progettazione esecutiva euro ,00 sicurezza in fase di progettazione euro 4.207,00 sicurezza in fase di esecuzione euro 7.946,00 direzione lavori, misura e contabilità euro ,00 collaudo tecn. ammin. euro 471,00 sommano le parcelle euro ,00 coefficiente di riduzione 765 / = 0,01953 D.3 Ripartizione delle competenze tecniche nelle fasi 27

28 Giusto art. 17 del Regolamento approvato con delibera di G.P. n. 100/2004, alla fine di ogni fase il Rudp propone al Dirigente la liquidazione del compenso spettante ai dipendenti per avere completato quella singola fase. Il Dirigente provvede a determinare la liquidazione della somma al gruppo. La progettazione si compone di quattro fasi distinte: studio di fattibilità, progetto preliminare, progetto definitivo, progetto esecutivo. L incentivo alla progettazione relativo a tutt e quattro queste fasi è compreso nell incentivo alla progettazione esecutiva come sopra calcolato. Il Rudp provvede alla liquidazione di queste singole fasi di progettazione applicando l art. 15 del regolamento G.P. n. 100/2004. Nel caso di lavori a contratto aperto, la fase di progettazione è unica e coincide con quella esecutiva. La quota di incentivo alla progettazione (art. 12) da assegnare a ciascuna fase, si calcola applicando alle parcelle sopra determinate il coefficiente di riduzione (art. 13): progettazione x 0,01953 = euro 237,00 sicurezza in fase di progettazione 4.207,00 x 0,01953 = euro 82,00 in fase di esecuzione 7.946,00 x 0,01953 = euro 155,00 direzione lavori, misura e contab ,00 x 0,01953 = euro 281,00 collaudo tecn. ammin. 471,00 x 0,01953 = euro 10,00 Verifica: = 765,00 D.4 Ripartizione delle competenze tecniche ai componenti il gruppo della singola fase Ipotizziamo di dovere dividere l incentivo alla progettazione relativo alla sola fase denominata progetto esecutivo (perché, evidentemente, le altre fasi sono state liquidate in precedenza) ad un gruppo di lavoro composto da: - progettista, tecnico, cat. D.1, non tecnico, D.6,

29 Applichiamo l art. 13 del regolamento approvato con delibera G.P. 100/2004: M 1 = 0,10 x incentivo della fase = 0,10 x 237,00 = 23,70 M 2 = 0,90 x incentivo della fase = 0,90 x 237,00 = 213,30 Quota del progettista D.1 = 23, ,30 x ( 0,50 x 297/( ) + 0,50 x (1/(1+1))) = 183,67 Quota del non tecnico D.6 = 213,30 x 0,50 x 297 /( ) = 53,33 D.5 Ripartizione delle competenze tecniche ai componenti il gruppo di project management Si applica la Tabella relativa a lavori di manutenzione a contratto aperto art. 12 lettera a.4 riportata nell art. 14 del regolamento approvato con delibera G.P. 100/2004: incaricati formula di calcolo incentivo in Responsabile unico del procedimento 255,00 x 0, ,05 Collaboratore pre progetto e fattibilità 255,00 x 0,095 24,23 Collaboratore supervisione, ecc. progettazione 255,00 x 0,105 26,77 Collaboratore supervisione alla D.L. 255,00 x 0,105 26,77 Collaboratore supervisione alla sicurezza 255,00 x 0,040 10,20 Collaboratore per funzioni amministrative 255,00 x 0,050 12,75 Collaboratore per validazione progetto 255,00 x 0,095 24,23 Si ricorda che, quando non sono stati nominati uno o più collaboratori del Rudp, l indennità loro spettante come sopra calcolata risulta a beneficio del Rudp; 29

30 project management (Reg: art. 4 punto 2, art. 12) 0,25 x = euro 255,00 il Rudp ripartisce l'incentivo tra i componenti il proprio gruppo secondo le apposite tabelle (Reg.: art. 14) Rudp 0,51 x 255 = euro 130,05 Coll. pre progetto e fattibilità 0,095 x 255 = euro 24,23 Coll. supervisione progettazione 0,105 x 255 = euro 26,77 Coll. supervisione D.L. 0,105 x 255 = euro 26,77 Coll. supervisione sicurezza 0,04 x 255 = euro 10,20 Coll. funzioni amministrative 0,05 x 255 = euro 12,75 Coll. validazione progetto 0,095 x 255 = euro 24,23 alla ultimazione delle singole fasi il Rudp propone al Dirigente la liquidazione delle compentenze agli aventi diritto (regolamento: art. 17) il Dirigente determina la liquidazione delle competenze Verifica: 130, , , , , , , ,23 = 255,00 E. Atto di pianificazione E.1 Calcolo dell incentivo L art. 12 del regolamento stabilisce che per gli incarichi di pianificazione si stabilisce una somma pari al 30% (trenta per cento) della corrispondente tariffa professionale. Le tariffe professionali per le prestazioni urbanistiche, q quindi per gli atti di pianificazione, si calcolano ai sensi della circolare del Ministero dei lavori pubblici Direzione Generale Urbanistica 01 dicembre 1969, n e s.m.i.. Qui si ipotizza che la corrispondente tariffa professionale, nel caso di incarico a tecnico esterno all Ente, ammonti ad ,00. 30

31 atto di pianificazione incentivo per la progettazione (reg: art. 12, comma 1) 30% di = 3.000,00 fondo di solidarietà (reg: art. 12, c. 3. 1^ a.) 15% di = 450,00 progettazione e D.L. (reg: art. 4, punto 1 ed art. 12, c. 3, 2^ alinea) 75% di = 1.912,50 project management (reg: art. 4, punto 2 ed art. 12, c. 3, 3^ alinea) 25% di = 637,50 il Rudp propone al Dirigente l'invio al fondo di 450,00 (reg.: art.17) il Rudp redige le parcelle (Reg.: art. 13) il Rudp ripartisce l'incentivo (Reg.: art. 14) il Dirigente determina l'invio al fondo (Reg.: art.17) E.2 Ripartizione delle competenze tecniche ai componenti il gruppo della singola fase La redazione di un atto di pianificazione si compone di un unica fase progettuale, pertanto tutti i dipendenti incaricati della progettazione di tale atto hanno diritto alla quota parte di incentivo. Ipotizziamo il seguente gruppo di lavoro: - progettista tecnico D.6, tecnico, cat. D6, tecnico D.1, tecnico B.5, tecnico B.1, non tecnico, D.1, non tecnico, B.2, 151 Applichiamo l art. 13 del regolamento approvato con delibera G.P. 100/2004: M 1 = 0,10 x incentivo della fase = 0,10 x 1.912,50 = 191,25 M 2 = 0,90 x incentivo della fase = 0,90 x 1.912,50 = 1.721,25 Quota del progettista capogruppo D.6 = 191, ,25 x ( 0,50 x 297/( ) + 0,50 x 1 /( )) = 524,13 Quota del tecnico D.6 = 1.721,25 x ( 0,50 x 297/( ) + 0,50 x 1 /( )) = 332,88 31

32 Quota del tecnico D.1 = 1.721,25 x ( 0,50 x 224/( ) + 0,50 x 1 /( )) = 293,37 Quota del tecnico B.5 = 1.721,25 x ( 0,50 x 173/( ) + 0,50 x 1 /( )) = 265,77 Quota del tecnico B.1 = 1.721,25 x ( 0,50 x 151/( ) + 0,50 x 1 /( )) = 253,86 Quota del non tecnico D.1 = 1.721,25 x 0,50 x 297 /( ) = 160,76 Quota del non tecnico B.2 = 1.721,25 x 0,50 x 151 /( ) = 81,73 Verifica 524, , , , , , ,73 = 1.912,50 E.3 Ripartizione delle competenze tecniche ai componenti il gruppo di project management Si applica la Tabella relativa a lavori ed opere programmate art. 12 lettera a.1 riportata nell art. 14 del regolamento approvato con delibera G.P. 100/2004: incaricati formula di calcolo incentivo in Responsabile unico del procedimento 637,50 x 0, ,12 Collaboratore pre progetto e fattibilità 637,50 x 0,095 60,56 Collaboratore supervisione, ecc. progettazione 637,50 x 0,105 66,94 Collaboratore supervisione alla D.L. 637,50 x 0,105 66,94 Collaboratore supervisione alla sicurezza 637,50 x 0,030 19,12 Collaboratore per funzioni amministrative 637,50 x 0,030 19,12 Collaboratore per validazione progetto 637,50 x 0,093 59,29 Collaboratore a staff per rapporti con altri Enti 637,50 x 0,032 20,41 Si ricorda che, quando non sono stati nominati uno o più collaboratori del Rudp, l indennità loro spettante come sopra calcolata risulta a beneficio del Rudp. 32

33 project management (Reg: art. 4 punto 2, art. 12) 0,25 x = euro 637,50 il Rudp ripartisce l'incentivo tra i componenti il proprio gruppo secondo le apposite tabelle (Reg.: art. 14) Rudp 0,510 x 637,50 = euro 325,12 Coll. pre progetto e fattibilità 0,095 x 637,50 = euro 60,56 Coll. supervisione progettazione 0,105 x 637,50 = euro 66,94 Coll. supervisione D.L. 0,105 x 637,50 = euro 66,94 Coll. supervisione sicurezza 0,030 x 637,50 = euro 19,12 Coll. funzioni amministrative 0,030 x 637,50 = euro 19,12 Coll. validazione progetto 0,093 x 637,50 = euro 59,29 Col. a staff per rapporti con altri Enti 0,032 x 637,50 = euro 20,41 dopo l'approvazione dell'atto di pianificazione il Rudp propone al Dirigente la liquidazione delle competenze agli aventi diritto il Dirigente determina la liquidazione delle competenze 33

34 34

CAPO I PROGETTAZIONE DI OPERE E LAVORI PUBBLICI

CAPO I PROGETTAZIONE DI OPERE E LAVORI PUBBLICI DISCIPLINA PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO PER LA PROGETTAZIONE O PER LA REDAZIONE DI ATTI DI PIANIFICAZIONE EX. ART. 18 LEGGE 109/94 E SUCCESSIVE INTEGRAZIONI AGGIORNATO ALLA LEGGE 415/98 e s.m.i.

Dettagli

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006.

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006. COMUNE DI Provincia di CONEGLIANO Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DELLA SOMMA INCENTIVANTE DI CUI ALL ARTICOLO 18 DELLA LEGGE 11 FEBBRAIO 1994, N. 109 e successive modifiche

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ENTITA, MODALITA E CRITERI DI RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PREVISTI DALL ART.92, COMMA 5 DEL D. LGS

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ENTITA, MODALITA E CRITERI DI RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PREVISTI DALL ART.92, COMMA 5 DEL D. LGS 65 REGOLAMENTO RELATIVO ALL ENTITA, MODALITA E CRITERI DI RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PREVISTI DALL ART.92, COMMA 5 DEL D. LGS. 163/06 PER LE OPERE, I LAVORI E GLI ATTI DI PIANIFICAZIONE DI COMPETENZA

Dettagli

CONTENUTO DEL REGOLAMENTO

CONTENUTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO DISCIPLINANTE GLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI OPERE O LAVORI PUBBLICI PER LA REDAZIONE DI ATTI DI PIANIFICAZIONE DA PARTE DI DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE ARTICOLO 1:

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL FONDO PER L INCENTIVAZIONE ALLA PROGETTAZIONE DI OPERE PUBBLICHE E PIANIFICAZIONE URBANISTICA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL FONDO PER L INCENTIVAZIONE ALLA PROGETTAZIONE DI OPERE PUBBLICHE E PIANIFICAZIONE URBANISTICA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL FONDO PER L INCENTIVAZIONE ALLA PROGETTAZIONE DI OPERE PUBBLICHE E PIANIFICAZIONE URBANISTICA Art. 1 Finalità Il presente regolamento ha come finalità l incentivazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE DI CUI AL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE DI CUI AL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE DI CUI AL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI Art. 1: Ambito di applicazione. CAPO 1 Oggetto e soggetti Il presente Regolamento definisce

Dettagli

Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna

Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEL FONDO INCENTIVANTE PER LA PROGETTAZIONE NONCHE MODALITA E CRITERI DI ATTRIBUZIONE AL PERSONALE Approvato con delib.

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

ALLEGATO A) SCHEMA DI PARCELLA

ALLEGATO A) SCHEMA DI PARCELLA ALLEGATO A) SCHEMA DI PARCELLA OGGETTO: I.T.I.S. "E. MAJORANA" di Martina Franca (TA) Incarichi di: Progettazione definitiva ed esecutiva - Coord. Sicurezza in fase di pr Direzione lavori - assistenza

Dettagli

Provincia Regionale di Agrigento

Provincia Regionale di Agrigento Provincia Regionale di Agrigento REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE SPETTANTE AI TECNICI INTERNI INCARICATI DELLA PROGETTAZIONE, DIREZIONE DEI LAVORI E COLLAUDO ED AL R.U.P., DI CUI ALL ART. 18 DELLA LEGGE

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA DELIBERA N. 1702 23 FEBBRAIO 2005 DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI P.P.C. DI VICENZA ATTO DI INDIRIZZO

Dettagli

COMUNE DI BRUSASCO (Provincia di Torino) CAP. 10020 Tel. (011) 91.51.101 Fax (011) 91.56.150

COMUNE DI BRUSASCO (Provincia di Torino) CAP. 10020 Tel. (011) 91.51.101 Fax (011) 91.56.150 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BRUSASCO (Provincia di Torino) CAP. 10020 Tel. (011) 91.51.101 Fax (011) 91.56.150 REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DEI CRITERI PER LA RIPARTIZIONE

Dettagli

8! " # $ % & '# ( % ) % # " " " " *

8!  # $ % & '# ( % ) % #     * !"#$!%&'%!&&()$(*)+,-($).)+-$$!/!&&.)+-+""+$**/!&&.0 11+-2+3++-44-+5$(6+-&!&7!&& 8!"# $ % & '# ( % ) % #" "" " * ++##9 + #, " # ( " -)-)).% #//," # # ))-$-%* ))-&-%*0,"# "" "1""#/ 2 +(,, #//.#" "# 3 +/"

Dettagli

COMUNE DI VARESE LIGURE PROVINCIA DI LA SPEZIA

COMUNE DI VARESE LIGURE PROVINCIA DI LA SPEZIA COMUNE DI VARESE LIGURE PROVINCIA DI LA SPEZIA REGOLAMENTO PER L INDIVIDUAZIONE DEI CRITERI PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO DI CUI ALL ART. 18, COMMA 1 DELLA LEGGE 11.02.1994, N. 109 E SEGUENTI MODIFICHE.

Dettagli

Corso di estimo D 2004/2005

Corso di estimo D 2004/2005 Corso di estimo D 2004/2005 Il calcolo della parcella professionale per servizi di progettazione e direzione lavori IL QUADRO NORMATIVO LEGGE 2 MARZO 1949 N.143 Approvazione della tariffa professionale

Dettagli

DEGLI INCENTIVI ALLA PROGETTAZIONE

DEGLI INCENTIVI ALLA PROGETTAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE Per la nomina del Responsabile Unico del Procedimento nei Lavori Pubblici, dei supporti al R.U.P. e RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI ALLA PROGETTAZIONE SCHEMA TESTO COORDINATO Con gli

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL FUNZIONAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI PER L'UTILIZZAZIONE DEL FONDO DI CUI ALL'ART. 93, COMMA 7 bis, DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 OBIETTIVI E FINALITÀ.

PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 OBIETTIVI E FINALITÀ. Regolamento degli incentivi per la progettazione e la gestione interna di lavori pubblici e strumenti urbanistici (Approvato con deliberazione n. 3/GM del 5.1.2012) PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO

Dettagli

Determina Lavori pubblici/0000021 del 09/02/2015

Determina Lavori pubblici/0000021 del 09/02/2015 Comune di Novara Determina Lavori pubblici/0000021 del 09/02/2015 Area / Servizio Servizio Edilizia Pubblica (21.UdO) Proposta Istruttoria Unità Servizio Edilizia Pubblica (21.UdO) Proponente EN Nuovo

Dettagli

COMUNE DI RIETI. Il Dirigente del IV Settore arch. Broggi Claudio. Il Dirigente del v settore ing. Peron Maurizio. Le Rappresentanze Sindacal

COMUNE DI RIETI. Il Dirigente del IV Settore arch. Broggi Claudio. Il Dirigente del v settore ing. Peron Maurizio. Le Rappresentanze Sindacal COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEI COMPENSI PER LA PROGETTAZIONE INTERNA DI LAVORI ED OPERE PUBBLICHE E PER LA REDAZIONE DI ATTI DI PIANIFICAZIONE (EX ART. 18 L. 109/94 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI).

Dettagli

SCHEMA GENERALE DI PARCELLA ESEMPI. 1.5 Calcolo dell onorario: Onorario base: 154.937,07 x 8,2784% x 0,65... = 8.337,10

SCHEMA GENERALE DI PARCELLA ESEMPI. 1.5 Calcolo dell onorario: Onorario base: 154.937,07 x 8,2784% x 0,65... = 8.337,10 GEN SCHEMA GENERALE DI PARCELLA ESEMPI SCHEMA GENERALE PARCELLA GEN 2010 1. SOLA PROGETTAZIONE 1.1 Classe e categorie dell opera (art.14) I c 1.2 Importo delle opere desunto da attendibile preventivo (V.

Dettagli

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO INTERNO PER PROGETTAZIONE O ATTI DI PIANIFICAZIONE (Art.18, commi 1 e 2, Legge 11 febbraio 1994

Dettagli

P R O V I N C I A D I C A G L I A R I

P R O V I N C I A D I C A G L I A R I Approvato con delibera della Giunta Comunale n. 85 del 12/07/2012 COMUNE DI VILLASOR P R O V I N C I A D I C A G L I A R I REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI CUI ALL ART 92 DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

PROVINCIA DI POTENZA Piazza Mario Pagano 85100 Potenza. Lavori di completamento della strada di collegamento tra Forenza e la SS.

PROVINCIA DI POTENZA Piazza Mario Pagano 85100 Potenza. Lavori di completamento della strada di collegamento tra Forenza e la SS. PROVINCIA DI POTENZA Piazza Mario Pagano 85100 Potenza Lavori di completamento della strada di collegamento tra Forenza e la SS. 658 Potenza/Melfi GARA PER DIREZIONE LAVORI, MISURAZIONE E CONTABILITA,

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 30 NOVEMBRE 2011 D.R. REP. 187/11 PROT. 4678 DEL 01 MARZO 2011 STRUTTURA COMPETENTE RIPARTIZIONE SERVIZIO TECNICO ENTRATA IN VIGORE 1 MARZO 2011 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO D INCENTIVAZIONE PER LA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL PIANO DELLA SICUREZZA, DELLA DIREZIONE DEI LAVORI E DEL COLLAUDO. Emanato con D.R. n. 6197 del 13/02/2004 Ultime

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE (art.93, commi 7-bis e seguenti, del D.Lgs. n.163/2014,

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE IN MATERIA DI CONFERIMENTO AL PERSONALE DIPENDENTE E/O AI COLLABORATORI DI INCARICHI TECNICI DI NATURA PROFESSIONALE

REGOLAMENTO AZIENDALE IN MATERIA DI CONFERIMENTO AL PERSONALE DIPENDENTE E/O AI COLLABORATORI DI INCARICHI TECNICI DI NATURA PROFESSIONALE REGOLAMENTO AZIENDALE IN MATERIA DI CONFERIMENTO AL PERSONALE DIPENDENTE E/O AI COLLABORATORI DI INCARICHI TECNICI DI NATURA PROFESSIONALE 22 settembre 2014 Premesso: che l Amministrazione comunale di

Dettagli

CAPO 1 OGGETTO E SOGGETTI. Art. 1 Ambito di applicazione

CAPO 1 OGGETTO E SOGGETTI. Art. 1 Ambito di applicazione CAPO 1 OGGETTO E SOGGETTI Art. 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento definisce le modalità e i criteri cui riferirsi per l assegnazione e la ripartizione, tra il personale dipendente dell Ente,

Dettagli

Approvato con deliberazione di G.C. n. 4 del 07/01/2015

Approvato con deliberazione di G.C. n. 4 del 07/01/2015 Approvato con deliberazione di G.C. n. 4 del 07/01/2015 Regolamento comunale recante norme per la ripartizione del fondo per la progettazione e l innovazione di cui all'art. 93, comma 7 bis e ss., del

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

ART. 1. PRINCIPI CARATTERE GENERALE. NORMATIVA.

ART. 1. PRINCIPI CARATTERE GENERALE. NORMATIVA. ART. 1. PRINCIPI CARATTERE GENERALE. NORMATIVA. L Amministrazione Comunale nel rispetto della normativa vigente, intende determinare con il presente regolamento le modalità ed i criteri di conferimento

Dettagli

UNITA DI DIREZIONE GESTIONE PATRIMONIO E RISORSE

UNITA DI DIREZIONE GESTIONE PATRIMONIO E RISORSE AZIEND A TERRI TORI ALE PER L EDILIZI A RESIDE NZI ALE DI POTENZ A Via Manhes, 33 85100 POTENZA tel. 0971413111 fax. 0971410493 www.aterpotenza.it URP NUMERO VERDE 800291622 fax 0971 413201 UNITA DI DIREZIONE

Dettagli

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 496 di data 4 novembre 2015

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 496 di data 4 novembre 2015 COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 496 di data 4 novembre 2015 OGGETTO: Lavori di ristrutturazione dell acquedotto del centro abitato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i.

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i. REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i. Premessa Ai sensi dell art. 93, comma 7 bis del D.Lgs. 163/2006, l Università

Dettagli

COMUNE DI ORTA DI ATELLA ( Caserta ) Ufficio Tecnico Comunale Settore Lavori Pubblici

COMUNE DI ORTA DI ATELLA ( Caserta ) Ufficio Tecnico Comunale Settore Lavori Pubblici COMUNE DI ORTA DI ATELLA ( Caserta ) Ufficio Tecnico Comunale Settore Lavori Pubblici AVVISO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI PROGETTAZIONE PRELIMINARE DI UN COMPLESSO SCOLASTICO COSTITUITO DA 15 AULE

Dettagli

CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI PROGETTAZIONE, PRELIMINARE, DEFINITiVA ED ESECUTIVA E ATTIVITA DI SUPPORTO ALLA

CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI PROGETTAZIONE, PRELIMINARE, DEFINITiVA ED ESECUTIVA E ATTIVITA DI SUPPORTO ALLA REP. N.... CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI PROGETTAZIONE, PRELIMINARE, DEFINITiVA ED ESECUTIVA E ATTIVITA DI SUPPORTO ALLA DIREZIONE LAVORI RELATIVO AI LAVORI DI ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI

Dettagli

CITTA DI CAVA DE TIRRENI PROVINCIA DI SALERNO. DETERMINAZIONE Sett. 4 Area Lavori Pubblici

CITTA DI CAVA DE TIRRENI PROVINCIA DI SALERNO. DETERMINAZIONE Sett. 4 Area Lavori Pubblici CITTA DI CAVA DE TIRRENI PROVINCIA DI SALERNO DETERMINAZIONE Sett. 4 Area Lavori Pubblici OGGETTO: LAVORI DI PRONTO INTERVENTO DELLA RETE STRADALE COMUNALE ANNO 2013 - CUP J77H13001780004. LIQUIDAZIONE

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

COMUNE DI MUGGIA PROVINCIA DI TRIESTE Servizio Lavori Pubblici Prot. n. Da citare sempre nella risposta

COMUNE DI MUGGIA PROVINCIA DI TRIESTE Servizio Lavori Pubblici Prot. n. Da citare sempre nella risposta COMUNE DI MUGGIA PROVINCIA DI TRIESTE Servizio Lavori Pubblici Prot. n. Da citare sempre nella risposta MUGGIA 2/3/2006 Oggetto: Lavori di straordinaria manutenzione della casa di Riposo di Salita Ubaldini

Dettagli

AREA LAVORI PUBBLICI SERVIZIO EDIL. SCOLASTICA E SPORTIVA, PROJECT FINANCING, COORD. PTO E AMM.VO LAV. PUBBLICI

AREA LAVORI PUBBLICI SERVIZIO EDIL. SCOLASTICA E SPORTIVA, PROJECT FINANCING, COORD. PTO E AMM.VO LAV. PUBBLICI Pag. 1 / 9 comune di trieste piazza Unità d'italia 4 34121 Trieste www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA LAVORI PUBBLICI SERVIZIO EDIL. SCOLASTICA E SPORTIVA, PROJECT FINANCING, COORD. PTO

Dettagli

COMUNE DI LACONI. Provincia di Oristano IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

COMUNE DI LACONI. Provincia di Oristano IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO COMUNE DI LACONI Provincia di Oristano SETTORE : Responsabile: UFFICIO TECNICO COMUNALE Dott. Ing. Massimo Dessanai COPIA DETERMINAZIONE N. 99 DEL 24/02/2015 PROPOSTA DETERMINAZIONE N. 100 DEL 24/02/2015

Dettagli

Ordine degli ingegneri della Provincia di Parma VARIAZIONI TARIFFARIE

Ordine degli ingegneri della Provincia di Parma VARIAZIONI TARIFFARIE Ordine degli ingegneri della Provincia di Parma VARIAZIONI TARIFFARIE D.L. 24/1/2012 n. 1 convertito in Legge 24/03/12 n. 27: art. 9 comma 1: ha abrogato le tariffe professionali regolamentate. art. 9

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO Area Pianificazione e Gestione del Territorio Servizio Opere Pubbliche

PROVINCIA DI PRATO Area Pianificazione e Gestione del Territorio Servizio Opere Pubbliche Area Pianificazione e Gestione del Territorio Servizio Opere Pubbliche Via Giovanni Pisano, 12-59100 Prato Tel. 0574 5341 Fax 0574 534329 Determinazione del Direttore dell Area Pianificazione e Gestione

Dettagli

Compensi redazione bilancio d esercizio

Compensi redazione bilancio d esercizio Compensi redazione bilancio d esercizio L articolo 24 del dm 20 luglio 2012, n. 140 fissa i parametri per il calcolo dei compensi spettanti per la redazione del bilancio d esercizio. Secondo la nuova norma

Dettagli

PRESTAZIONI PROFESSIONALI

PRESTAZIONI PROFESSIONALI PRESTAZIONI PROFESSIONALI fascicolo di supporto alla valutazione delle tariffe dei Revisori Contabili Iscritti all Istituto Nazionale Revisori Contabili Presentazione La prima formazione del Registro dei

Dettagli

PARCELLA QUADRO GENERALE ALLEGATO C

PARCELLA QUADRO GENERALE ALLEGATO C AFFIDAMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE PER PRESTAZIONE DI SERVIZI ATTINENTI ALL INGEGNERIA E ALL ARCHITETTURA PER I LAVORI DI REALIZZAZIONE DI UNA SCUOLA DELL INFANZIA IN COMUNE DI AOSTA FRAZ. POROSSAN

Dettagli

DETERMINAZIONE N. DEL i IL DIRETTORE

DETERMINAZIONE N. DEL i IL DIRETTORE Area Pianificazione e Gestione del Territorio Servizio Opere Pubbliche Via Giovanni Pisano, 12-59100 Prato Tel. 0574 5341 Fax 0574 534329 DETERMINAZIONE N. DEL i OGGETTO: SERVIZIO OPERE PUBBLICHE Determinazione

Dettagli

INSERIRE QUI IL LOGO DEL COMUNE Centro di responsabilità BR LL.PP. Dirigente responsabile BELLAFRONTE TARABORRELLI

INSERIRE QUI IL LOGO DEL COMUNE Centro di responsabilità BR LL.PP. Dirigente responsabile BELLAFRONTE TARABORRELLI INSERIRE QUI IL LOGO DEL COMUNE INSERIRE QUI IL LOGO DEL COMUNE Centro di responsabilità BR LL.PP. Dirigente responsabile BELLAFRONTE TARABORRELLI ATTO DI DETERMINAZIONE Numero 272 Del 12-07-10 Oggetto:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli

Prot. n. 105 Reg. n. 105 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE

Prot. n. 105 Reg. n. 105 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE Prot. n. 105 Reg. n. 105 Strembo, 21 settembre 2015 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE Oggetto: Affidamento all ing. Luciano Weiss dell incarico di collaudo statico del Ponte Gabbiolo in Val Genova, C.c. Strembo

Dettagli

CONTRATTO D'APPALTO PER LAVORI PRIVATI

CONTRATTO D'APPALTO PER LAVORI PRIVATI CONTRATTO D'APPALTO PER LAVORI PRIVATI Committente: Appaltatore: Ance Como Associazione Nazionale Costruttori Edili Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati della Provincia di Como Collegio dei Periti

Dettagli

COMUNE DI CAIRANO ( PROVINCIA di AVELLINO) allegato al DISCIPLINARE DI GARA

COMUNE DI CAIRANO ( PROVINCIA di AVELLINO) allegato al DISCIPLINARE DI GARA COMUNE DI CAIRANO ( PROVINCIA di AVELLINO) allegato al DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA APERTA artt. 90, 91 D.Lgs 12/04/06 n. 163 e ss.mm.ii., art. 252 e 261 D.P.R. 207/2010 PER AFFIDAMENTO SERVIZI TECNICO-PROFESSIONALI

Dettagli

IL DIRETTORE PREMESSO CHE :

IL DIRETTORE PREMESSO CHE : OGGETTO:Incarico professionale per affidamento di prestazione di servizio inerente a certificazione energetica a verifica di conformità dei dati censuari e della planimetria catastale della CASA DI RIPOSO

Dettagli

L.R. 26 Giugno 1980, n. 88

L.R. 26 Giugno 1980, n. 88 L.R. 26 Giugno 1980, n. 88 Norme in materia di opere e lavori pubblici (1). TITOLO I OPERE INCLUSE NEI PROGRAMMI REGIONALI Capo I PROGRAMMAZIONE Art. 1 (Ambito di applicazione della legge) I programmi

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 88 DEL 26-06-1980 REGIONE LAZIO. Norme in materia di opere e lavori pubblici.

LEGGE REGIONALE N. 88 DEL 26-06-1980 REGIONE LAZIO. Norme in materia di opere e lavori pubblici. LEGGE REGIONALE N. 88 DEL 26-06-1980 REGIONE LAZIO Norme in materia di opere e lavori pubblici. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO N. 21 del 30 luglio 1980 Il Consiglio regionale ha approvato.

Dettagli

COMUNE DI SANT'ANTIOCO Provincia Carbonia Iglesias

COMUNE DI SANT'ANTIOCO Provincia Carbonia Iglesias COMUNE DI SANT'ANTIOCO Provincia Carbonia Iglesias OGGETTO: PARCELLA PROFESSIONALE (D.M. 4 aprile 2001). RECUPERO PATRIMONIO EDILIZIO PER LA REALIZZAZIONE ALLOGGGI A CANONE SOCIALE NELL'EX MATTATOIO ED

Dettagli

COMUNE DI RIMINI Determinazione Dirigenziale n. 331 del 02.03.09

COMUNE DI RIMINI Determinazione Dirigenziale n. 331 del 02.03.09 Centro di Responsabilita' 86 Centro di Costo 145 Pratica n. 1911236 Oggetto: Conferimento di incarico professionale all Ing. Roberto Buda per il collaudo statico e tecnico amministrativo in corso d opera

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEI FONDI PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE E DEFINIZIONE DEI CRITERI DI RIPARTO

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEI FONDI PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE E DEFINIZIONE DEI CRITERI DI RIPARTO REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEI FONDI PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE E DEFINIZIONE DEI CRITERI DI RIPARTO 1 Indice: Capo I Disposizioni generali Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO INCENTIVANTE DI CUI ALL'ART. 18 - COMMA 1 - LEGGE 11.02.1994, N. 109

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO INCENTIVANTE DI CUI ALL'ART. 18 - COMMA 1 - LEGGE 11.02.1994, N. 109 REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO INCENTIVANTE DI CUI ALL'ART. 18 - COMMA 1 - LEGGE 11.02.1994, N. 109 INDICE PREMESSA 2 Capo I - Disposizioni generali 2 Art. 1.1- Oggetto del

Dettagli

COMUNE DI GRADO Provincia di Gorizia AREA TECNICA SERVIZIO LL PP DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

COMUNE DI GRADO Provincia di Gorizia AREA TECNICA SERVIZIO LL PP DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE COMUNE DI GRADO Provincia di Gorizia AREA TECNICA SERVIZIO LL PP DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Determinazione nr. 249 Data adozione: 03/04/2014 OGGETTO: Opere di messa in sicurezza stradale delle rive: interventi

Dettagli

Centro di Responsabilità n. 68 Centro di costo n. 61 Pratica n. 2768827 del 30.10.2012

Centro di Responsabilità n. 68 Centro di costo n. 61 Pratica n. 2768827 del 30.10.2012 Centro di Responsabilità n. 68 Centro di costo n. 61 Pratica n. 2768827 del 30.10.2012 Oggetto: Soluzioni per la messa in sicurezza dell'imboccatura e il miglioramento della navigazione in prossimità del

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE. n. 50 del 26 gennaio 2012

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE. n. 50 del 26 gennaio 2012 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE n. 50 del 26 gennaio 2012 OGGETTO: INCARICO PROFESSIONALE DI IMPORTO INFERIORE A 100.000,00 EURO PER PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI DI REALIZZAZIONE IMPIANTI

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Catanzaro Piazza Rossi,1-88100 Catanzaro

Amministrazione Provinciale di Catanzaro Piazza Rossi,1-88100 Catanzaro \ Amministrazione Provinciale di Catanzaro Piazza Rossi,1-88100 Catanzaro PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE ISTITUTO SCOLASTICO OGGETTO D INTERVENTO LICEO SCIENTIFICO L. SICILIANI - CATANZARO CODICE MECCANOGRAFICO:

Dettagli

Comune di Carmagnola

Comune di Carmagnola Comune di Carmagnola PROGETTO PRELIMINARE OPERE DI URBANIZZAZIONE Piano Esecutivo Convenzionato Area AD1a Comparto 2 Allegato 3 QUADRO ECONOMICO DI PROGETTO Carmagnola, 19/02/2014 Il Progettista PIANO

Dettagli

DETERMINAZIONE N.104 DEL 28/11/2011

DETERMINAZIONE N.104 DEL 28/11/2011 Settore n 2 Servizi di Gestione Economico-Finanziaria DETERMINAZIONE N.104 DEL 28/11/2011 N. Registro generale 463 OGGETTO: Conferimento incarichi professionali di consulenza in materia di partecipate.

Dettagli

Allegato alla deliberazione della Giunta Comunale n. 256 di data 07.10.2014 S C H E M A D I C O N V E N Z I O N E

Allegato alla deliberazione della Giunta Comunale n. 256 di data 07.10.2014 S C H E M A D I C O N V E N Z I O N E Allegato alla deliberazione della Giunta Comunale n. 256 di data 07.10.2014 IL SINDACO F.F. F.to Lucia Vicentini IL SEGRETARIO COMUNALE F.to dott.ssa Tiziana Angeli S C H E M A D I C O N V E N Z I O N

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

PROVINCIA DI CAGLIARI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE PROVINCIA DI CAGLIARI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 1 9 3 Del 22 Ottobre 2015 OGGETTO Interventi di riparazione danni subiti alle infrastrutture viarie, idriche, idrauliche, fognarie

Dettagli

COMUNE DI SICIGNANO. Provincia di Salerno

COMUNE DI SICIGNANO. Provincia di Salerno COMUNE DI SICIGNANO DEGLI ALBURNI Provincia di Salerno REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME E CRITERI PER LA RIPARTIZIONE DELL'INCENTIVO DI CUI ALL'ARTICOLO 93, COMMA 7 BIS E SS., DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Determinazione dirigenziale

Determinazione dirigenziale n 204/ED del 09.08.2010 pagina n. 1 SERVIZIO EDILIZIA E IMPIANTI CENTRO DI COSTO EDILIZIA E IMPIANTI Prot. n. 158877/13-B3-00-42 Arezzo, 02.09.2010 OGGETTO Lavori di ristrutturazione e ampliamento ITIS

Dettagli

Riproduzione informale

Riproduzione informale OGGETTO: lavori di sistemazione ed adeguamento del complesso scolastico Centro Studi di Pordenone, IV intervento. Incarico del collaudo tecnico amministrativo in corso d'opera. Ricalcolo onorario, modifica

Dettagli

V SETTORE TECNICO E TECNICO-MANUTENTIVO

V SETTORE TECNICO E TECNICO-MANUTENTIVO COMUNE DI CALTABELLOTTA PROVINCIA DI AGRIGENTO N. Reg. Gen. 127 dell 11/05/2012 Impegno n. del V SETTORE TECNICO E TECNICO-MANUTENTIVO Determinazione del responsabile di settore Oggetto: Lavori di Consolidamento

Dettagli

DETERMINAZIONE N. DEL i IL DIRETTORE

DETERMINAZIONE N. DEL i IL DIRETTORE Area Pianificazione e Gestione del Territorio Servizio Opere Pubbliche DETERMINAZIONE N. DEL i Via Giovanni Pisano, 12-59100 Prato Tel. 0574 5341 Fax 0574 534228 OGGETTO: SERVIZIO OPERE PUBBLICHE - Manutenzione

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna

Città di Minerbio Provincia di Bologna Città di Minerbio Provincia di Bologna 2 SETTORE PIANIFICAZIONE GESTIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO C O P I A Determinazione n. 36 del 13/04/2013 Oggetto: LAVORI DI RISANAMENTO E MIGLIORAMENTO STRUTTURALE

Dettagli

Decreto 20 marzo 2003, n.108

Decreto 20 marzo 2003, n.108 Decreto 20 marzo 2003, n.108 Ministero delle Attività Produttive. Regolamento recante norme per la ripartizione degli incentivi previsti dall'articolo 18, comma 1, della legge quadro in materia di lavori

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE NELL AMBITO DI PROGRAMMI E PROGETTI FINALIZZATI ART.1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente Regolamento definisce e disciplina

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO per attività di progettazione preliminare, definitiva ed

DISCIPLINARE D INCARICO per attività di progettazione preliminare, definitiva ed DISCIPLINARE D INCARICO per attività di progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva, direzione dei lavori, collaudo, espletamento pratiche Enel e GSE per la realizzazione dell impianto fotovoltaico

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA DELIBERA N. 1680-28 APRILE 2004 - DEL CONSIGLIO DELL ORDINE ARCHITETTI P.P.C. DI VICENZA ATTO DI INDIRIZZO

Dettagli

ALBO REGIONALE DEI PERITI, DEGLI ISTRUTTORI E DEI DELEGATI TECNICI

ALBO REGIONALE DEI PERITI, DEGLI ISTRUTTORI E DEI DELEGATI TECNICI L.R. 08 Gennaio 1986, n. 8 Istituzione dell' albo regionale dei periti, degli istruttori e dei delegati tecnici per il conferimento di incarichi connessi ad operazioni in materia di usi civici (1) TITOLO

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Pubblicità/Pubblicazione: Atto soggetto a pubblicazione integrale (sito internet)

Pubblicità/Pubblicazione: Atto soggetto a pubblicazione integrale (sito internet) Decreto del Direttore generale nr. 64 del 13/04/2015 Proponente: Alessandra Bini Carrara Gestione Risorse Umane Pubblicità/Pubblicazione: Atto soggetto a pubblicazione integrale (sito internet) Visto per

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Progettazione ed Esecuzione Interventi Edilizia Scolatica

Determinazione del Dirigente del Servizio Progettazione ed Esecuzione Interventi Edilizia Scolatica Determinazione del Dirigente del Servizio Progettazione ed Esecuzione Interventi Edilizia Scolatica SERVIZIO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE N. 1-45329 / 2010 OGGETTO: COMPLESSO SCOLASTICO DEL BAROCCHIO GRUGLIASCO.

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE. del 18/01/2010 n. 13

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE. del 18/01/2010 n. 13 D I P A R T I M E N TO II Governance, Progetti e Finanza DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE del 18/01/2010 n. 13 Oggetto: P.A. 2008 - EDILIZIA SCOLASTICA - IMPIANTI PRODUZIONE ENERGIA RINNOVABILE COPERTURA BLOCCO

Dettagli

Comune di Prato. Concorso di progettazione in fase unica: Parco Cimiteriale e Tempio Crematorio a Chiesanuova, nel Comune di Prato

Comune di Prato. Concorso di progettazione in fase unica: Parco Cimiteriale e Tempio Crematorio a Chiesanuova, nel Comune di Prato Comune di Prato Servizio Edilizia Pubblica e Cimiteri Concorso di progettazione in fase unica: Parco Cimiteriale e Tempio Crematorio a Chiesanuova, nel Comune di Prato Allegato 11 - Schema disciplinare

Dettagli

Articolo 1- Obiettivi e finalità

Articolo 1- Obiettivi e finalità Regolamento Comunale recante norme per la ripartizione dell'incentivo di cui all'art. 93, comma 7 bis e ss., del d.lgs. 12.04.2006, n. 163 come introdotto dal decreto legge 24.06.2014, n. 90 e convertito

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO IN RIO Provincia di Reggio Emilia COPIA DI DETERMINAZIONE SERVIZI TECNICI

COMUNE DI SAN MARTINO IN RIO Provincia di Reggio Emilia COPIA DI DETERMINAZIONE SERVIZI TECNICI COMUNE DI SAN MARTINO IN RIO Provincia di Reggio Emilia COPIA DI DETERMINAZIONE SERVIZI TECNICI Numero 154 Del 22-12-03 Reg. generale 610 Oggetto: ROCCA ESTENSE. SISTEMA ANTINCENDIO E SISTEMA DI SICUREZZA.

Dettagli

I rappresentanti dell Agenzia delle Dogane e delle Organizzazioni sindacali nazionali del comparto Agenzie fiscali,

I rappresentanti dell Agenzia delle Dogane e delle Organizzazioni sindacali nazionali del comparto Agenzie fiscali, Roma, 23 giugno 2011 Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività dell anno 2010 Revisione della costituzione e integrazione dell ipotesi di accordo del 30 dicembre 2010

Dettagli

COMUNE DI MASAINAS PROVINCIA DI CARBONIA-IGLESIAS

COMUNE DI MASAINAS PROVINCIA DI CARBONIA-IGLESIAS COMUNE DI MASAINAS PROVINCIA DI CARBONIA-IGLESIAS C O P I A DETERMINAZIONE N. 430 Area Tecnica Registro Settore: 448 Data: 14/08/2015 Servizio: Ufficio Tecnico DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE

Dettagli

DETERMINAZIONE N. DEL i IL DIRETTORE

DETERMINAZIONE N. DEL i IL DIRETTORE Area Pianificazione e Gestione del Territorio Servizio Opere Pubbliche Via Giovanni Pisano, 12-59100 Prato Tel. 0574 5341 Fax 0574 534329 DETERMINAZIONE N. DEL i OGGETTO: SERVIZIO OPERE PUBBLICHE Assistenza

Dettagli

Determinazione dirigenziale

Determinazione dirigenziale N 283/ED del 12.11.2010 Pagina 1 Prot. n. 244840/13-C6-00-19 Arezzo lì 30.12.2010 Servizio: Edilizia e Impianti OGGETTO: Lavori di manutenzione straordinaria per l adeguamento alla L. 13/89 e D.M. 26/08/92

Dettagli

COMUNE DI CANICATTINI BAGNI-PROVINCIA DI SIRACUSA UFFICIO TECNICO COMUNALE

COMUNE DI CANICATTINI BAGNI-PROVINCIA DI SIRACUSA UFFICIO TECNICO COMUNALE COMUNE DI CANICATTINI BAGNI-PROVINCIA DI SIRACUSA UFFICIO TECNICO COMUNALE OGGETTO: COSTRUZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI ASSERVITI AD IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE LOCAZIONE FINANZIARIA. PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli

DISCIPLINA PER LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI AGLI AVVOCATI DELLA PROVINCIA

DISCIPLINA PER LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI AGLI AVVOCATI DELLA PROVINCIA DISCIPLINA PER LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI AGLI AVVOCATI DELLA PROVINCIA Approvata con Deliberazione della Giunta Provinciale n. 3 del 14.1.2013 INDICE: Art. 1 Oggetto della disciplina

Dettagli

Esempio redazione di notula ex L.143/1949 per prestazioni professionali antecedenti al DL 24 gennaio 2012 n. 1

Esempio redazione di notula ex L.143/1949 per prestazioni professionali antecedenti al DL 24 gennaio 2012 n. 1 Esempio redazione di notula ex L.143/1949 per prestazioni professionali antecedenti al DL 24 gennaio 2012 n. 1 Arch. Maurizio Merciai, membro C.C.T.N. 1 C A R T A I N T E S T A T A Spett.le. via n.c. cod.

Dettagli

COMUNE DI CAVAION VERONESE PROVINCIA DI VERONA UFFICIO TRIBUTI ECOLOGIA - RISORSE UMANE

COMUNE DI CAVAION VERONESE PROVINCIA DI VERONA UFFICIO TRIBUTI ECOLOGIA - RISORSE UMANE COMUNE DI CAVAION VERONESE PROVINCIA DI VERONA UFFICIO TRIBUTI ECOLOGIA - RISORSE UMANE DETERMINA N. 145 DEL 17.04.2014 OGGETTO: Risorse per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività.

Dettagli

D.M. 140/2012 Parametri per la determinazione dei compensi per le professioni

D.M. 140/2012 Parametri per la determinazione dei compensi per le professioni D.M. 140/2012 Parametri per la determinazione dei compensi per le professioni arch. paolo papini (Consigliere OAPPC PT e responsabile Commissione Consultiva Tariffe e Notule) 1 DALLE TARIFFE AI PARAMETRI

Dettagli

PRESTAZIONI PROFESSIONALI PER I COLLAUDI STATICI

PRESTAZIONI PROFESSIONALI PER I COLLAUDI STATICI Via Giovanni Giolitti, 1-10123 Torino - Tel. 011 562.24.68 - Fax 011 562.13.96 e-mail: ordine.ingegneri@ording.torino.it - sito internet: www.ording.torino.it Cod. Fisc. 80089290011 Allegato A alla Circolare

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI AGENTI CONTABILI

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI AGENTI CONTABILI COMUNE DI SPOTORNO Provincia di Savona REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI AGENTI CONTABILI 1 Sommario Art. 1 FINALITA DEL REGOLAMENTO Art. 2 ATTRIBUZIONE DELLE FUNZIONI Art. 3 INCASSI E VERSAMENTI EFFETTUATI DIRETTAMENTE

Dettagli

Comune di Spoleto www.comune.spoleto.pg.it

Comune di Spoleto www.comune.spoleto.pg.it 1/5 Unità proponente: PIT - Direzione Progettazione Interventi Territorio Oggetto: Estensione affidamento incarico di Ingegnere Responsabile della diga S. Felice di Giano per l anno 2011 all ing. Fabrizio

Dettagli