Le comunicazioni seriali RS232

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le comunicazioni seriali RS232"

Transcript

1 Le comunicazioni seriali Le comunicazioni seriali richiedono un minimo di due connessioni elettriche per comunicare dati in una direzione. Una linea dati (generalmente o di trasmissione o di ricezione) ed una linea per la massa. Lo standard più diffuso storicamente per le comunicazioni seriali è la RS232 anche se recentemente diversi standard elettronici più veloci ed affidabili si sono affermati. RS232 Lo standard RS-232 è uno degli standard storici per la comunicazione seriale tra periferiche e nasce dalla necessità di far comunicare telescriventi con sistemi modem. La sua specifica iniziale del 1962 prevedeva connessioni a bit al secondo su cavi di lunghezza di 20 mt, seguita nel 1969 dallo standard più diffuso chiamato RS-232C. Questo standard ha visto la sua diffusione principale con l introduzione nel primo PC dell IBM, e le sue evoluzioni più recenti del RS422/449 permettono di arrivare fino a 10Mbps su cavi di 2km. I livelli elettrici della RS232 sono compresi tra i 5 ed i 25 volt, ma i valori codificati assumono 5,10,12 e 15V. I bit vengono codificati con valori negativi per l 1 logico (marking) e valori positivi per lo 0 logico (spacing), mentre i valori vicini allo zero non sono associati a valori logici. Il numero di cavi dello standard è costituito da 22 con un connettore 25-pin D ma nella normale comunicazione tra personal computer solo 9 vengono usati e per questa ragione si è diffuso il connottore a 9 pin. Nella denominazione della RS232 si parla di DTE per Data Terminal Equipment e di DCE Data Communications Equipment, dove il DTE corrisponde al personal computer evoluzione dell antico typewriter ed il DCE corrisponde al modem.

2 Il circuito elettrico equivalente è Poichè I segnali elettrici (livelli di tensione) utilizzati sono molto maggiori rispetto ai livelli utilizzati nei dispositi digitali quali microcontrollori per poter adoperare correttamente la comunicazione seriale tra dispositivi integrati sono nati In genere i segnali utilizzati dai sistemi digitali variano tra 0 e 5 V e non sono quindi direttamente compatibili con la standard EIA RS-232. In commercio esistono appositi traslatori di livello che hanno il compito di fornire sia in trasmissione che in ricezione gli opportuni livelli pur non modificando la forma del segnale trasmesso. Alcuni integrati (per esempio i classici MC1488 e MC1489, introdotti sul mercato dalla Motorola, rispettivamente un trasmettitore ed un ricevitore, ambedue a quattro canali) sono molto usati in sistemi in cui è presente (oltre all'alimentazione logica di 5 V o 3.3 V) un'alimentazione duale a +/- 12 V. Questo integrato, come praticamente tutti i circuiti di questo tipo, contiene un inverter per ciascun canale e quindi nel segnale in uscita o in ingresso uno zero logico appare come 0 volt, cioè in quella che a molti sembra essere la rappresentazione ovvia dei segnali digitali. L'uso di questi integrati è semplice ma non è sempre attuabile a causa della necessità di disporre di tre alimentazioni: si pensi per esempio alle apparecchiature alimentate a batteria. Il MAX232 (ed integrati simili, fu introdotto dalla Maxim ma è attualmente prodotto da molte ditte di semiconduttori) è un circuito integrato che permette il collegamento tra logica TTL o CMOS a 5 V e le tensioni EIA RS-232, partendo solo da un'alimentazione a 5 V.

3 I segnali fondamentali sono: 2 TD 3 3 RD 2 4 RTS 7 5 CTS 8 6 DSR 6 7 GND 5 20 DTR 4 DB25 DB9 25 Pin Connector on a DTE device (PC connection) Male RS232 DB25 Pin Number Direction of signal: 1 Protective Ground 2 Transmitted Data (TD) Outgoing Data (from a DTE to a DCE) 3 Received Data (RD) Incoming Data (from a DCE to a DTE) 4 Request To Send (RTS) Outgoing flow control signal controlled by DTE 5 Clear To Send (CTS) Incoming flow control signal controlled by DCE 6 Data Set Ready (DSR) Incoming handshaking signal controlled by DCE 7 Signal Ground Common reference voltage 8 Carrier Detect (CD) Incoming signal from a modem

4 20 Data Terminal Ready (DTR) Outgoing handshaking signal controlled by DTE 22 Ring Indicator (RI) Incoming signal from a modem Male RS232 DB9 9 Pin Connector on a DTE device (PC connection) Pin Number Direction of signal: 1 Carrier Detect (CD) (from DCE) Incoming signal from a modem 2 Received Data (RD) Incoming Data from a DCE 3 Transmitted Data (TD) Outgoing Data to a DCE 4 Data Terminal Ready (DTR) Outgoing handshaking signal 5 Signal Ground Common reference voltage 6 Data Set Ready (DSR) Incoming handshaking signal 7 Request To Send (RTS) Outgoing flow control signal 8 Clear To Send (CTS) Incoming flow control signal 9 Ring Indicator (RI) (from DCE) Incoming signal from a modem Nel protocollo esteso di comunicazione seriale si possono usare i cavi aggiuntivi: RTS messo ad 1 dal DTE per inviare CLS è la risposta del DCE al RTS del DTE DTR è proposta del terminale per indicare di essere pronto a ricevere DSR è la risposta del DCE Il baud rate è la velocità di trasmissione che vale per l UART 8250 e per il dipendente però dal clock utilizzato per pilotare il chip. La soluzione più semplice per l invio in RS232 consiste nell uso di soli tre fili RD/TD/GND Attesa del bit di start uguale a 0 Campionamento dei valori T0 + TB/2 + n TB Controllo del bit di parità 1 Controllo del bit di stop (1,1.5,2) di valore pari a 0 La configurazione tipica è 8 bit di dati, nessuna parità ed un bit di stop per un totale di 10 bit

5 Accuratezza di trasmissione Uno dei problemi possibili nel caso della comunicazione seriale è costituito dalla precisione del baud rate. Si supponga che sorgente e destinazione abbiano due fonti di clock diverse che si discostano per un errore percentuale pari a delta. Sarà pertanto (1+delta) = T2/T1. I campionamenti del segnale sul ricevente (effettuati ai tempi T2, 2T2, 3T2, ) prvocheranno un errore di allineamento rispetto alla trasmissione pari a: T2-T1 =delta*t1 2*T2-2*T1 = 2* delta*t1 3*T2-3*T1 = 3* delta*t1 4*T2-4*T1 = 4* delta*t1 5*T2-5*T1 = 5* delta*t1 Errori via via crescenti man mano che il frame procede. E chiaro che l errore massimo sara` raggiunto sull ultimo bit (N=lunghezza del frame). E perche sia rispettata la condizioni di integrita` di ricezione dovra essere delta * N* < T/2 da cui delta <.5/N Nel caso dei microcontrollori tale errore va conteggiato per assicurarsi che sia trascurabile poichè il baudrate è stabilito attraverso una formula analitica collegata al timer (MCU) del controllore. Nel caso di una trasmissione tipo 8N1 (8bit no parity, 1 bit di stop) delta<5%. Inoltre per tener conto che anche la sorgente di trasmissione possa avere un errore percentuale bisognera tenersi lontano dal limite del 5%. Controllo del flusso Il controllo del flusso della RS232 può avvenire secondo tre diverse modalità: Nessuno: in questo caso si cerca l inizio del bit di start sul canale di ricezione. Con questo sistema si usano solo 3 fili. Hardware: vengono usati i fili RTS/CTS per l invio dal DTE al DCE e DTR/DSR per la ricezione dal DCE Software XON/XOFF: si usano due caratteri 17 (CTRL+Q) e 19 (CTRL+S) per iniziare la

6 comunicazione Quando si vuol connettere due periferiche (ad esempio due PC) si può procedere ad una configurazione Null-modem. La configurazione Null-modem può essere effettuata in vari modi a seconda del tipo di handshaking scelto, che può essere assente o completo, sulla base del tipo di comunicazione scelta e della velocità massima. La soluzione minimale senza handshaking è la seguente Nei microcontrollori o in altri dispositivi di elaborazione solitamente si ha una interfaccia che si chiama UART o USART che si occupa della trasmissione seriale e parallela. L'acronimo sta rispettivamente per Universal asynchronous receiver/transmitter e Universal synchronous/asynchronous receiver/transmitter ad indicare che la trasmissione effettuata può essere sincrona o asincrona. Una unità UART solitamente contiene le seguenti componenti: un generatore di clock, tipicamente ad un multiplo del bit rate per garantire il campionameno a metà del periodo di bit. shift registers di ingresso e di uscita controllo di trasmissione/ricezione logica di controllo di lettura/scrittura transmit/receive buffers (optional) parallel data bus buffer (optional) First-in, first-out (FIFO) buffer memory (optional) Le porte seriali nel AVR L atmega169 mette a disposizione diverse porte seriali (sia sincrone che asincrone) per le comunicazioni con dispositivi remoti. In particolari due tipi principali di perficeriche sono disponibli: le porte seriali sincrone (che non tratteremo in questo corso) e le porte seriali asincrone. Siccome la Butterfly mette a disposizione un traslatore di livello per la comunicazione sui livelli elettrici RS232 questa porta ci consentirà di connettere direttamente personal computer e schede butterfly senza la necessità di interporre altra elettronica.

7 Per attivare il modulo delle perte seriali assicurarsi che il relativo bit (PRRUSARTx) di risparmio energetico sia posto a zero. Il funzionamento della porta e del protocollo seriale è stato già visto precedentemente, nel seguito dettaglieremo come impiegare la periferica messa a disposizione dall Atmega per controllare gli stream di input e output. In primo luogo rivediamo lo schema della periferica: Lo schema prevede due moduli (uno di trasmissione e uno di ricezione) affiancati ad un generatore di temporizzazione. Lo schema di temporizzazione è in sostanza un divisore di frequenza il cui comportamento è regolato sia dal calore del registro UBRR che da alcuni bit di controllo. Valgono le seguenti relazioni tra il BAUDRATe e il Valore di UBRR.

8 Ovviamente il procedimento per calcolare la frequenza di comunicazione (data l approssimazione intera del valore di UBRR) è doppio. Dapprima dal BAUDRATE calcolo il valore del UBRR seguendo la formula nella seconda colonna, quindi utilizzando la prima colonna calcolo il BAUDRATE effettivamente realizzato. Ovviamente dovrò accertare che l errore di frequenza commesso, confrontato con la lunghezza del FRAM sia accettabile per non incorrere in errori di comunicazione (OVERRUN/UNDERRUN). Utilizzando le risorse disponibili possiamo quindi comporre dei frame socondo lo standard della comunicazione seriale, ed in particolare: 1 bit di start; 5, 6, 7, 8, o 9 bit di dati; 1 bit di parità (pari o dispari); 1 o 2 bit di stop. Tra quadre i campi opzionali. Ovviamente i setting per la trasmissione e la ricezione sono identici, quindi una sola copia dei bit di configurazione permette di controllare entrambi i moduli. Prima di vedere i valori ed i significati dei registri ci configurazione, esaminiamo un esempio di operazione in codice C. #define FOSC // Frequenza dell oscillatore RC #define BAUD // frequenza di comunicazione #define MYUBRR FOSC/8/BAUD-1 // Usare delle define per questi valori che sono // poi costanti nel codice aiuta a diminuire spazio e ottimizzare il codice oggetto #define MYUBRRH (MYUBRR/256) #define MYUBRRL (MYUBRR&255) void main( void ) {... /* Imposto il baud rate */ UCSRA = 0x02; // Abilito modalità trasmissione veloce UBRRH = MYUBRRH;

9 UBRRL = MYUBRRL; /* Abilito moduli di ricezione e trasmissione */ UCSRB = (1<<RXEN) (1<<TXEN); /* Imposto il formato del frame: 8data, 2stop bit */ UCSRC = (1<<USBS) (3<<UCSZ0);... } Descrizione dei registri Reg Mode BIT7 BIT6 BIT5 BIT4 BIT3 BIT2 BIT1 BIT UDR RD Rxb7 Rxb6 Rxb5 Rxb4 Rxb3 Rxb2 Rxb1 Rxb0 UDR WR Txb7 Txb6 Txb5 Txb4 Txb3 Txb2 Txb1 Txb0 UCSRA RW RXC TXC UDRE FE DOR UPE U2X MPCM UCSRB RW RXCIE TXCIE UDRIE RXEN TXEN UCSZ2 Rxb8 Txb8 UCSRC RW - UMsel UPM1 UPM0 USBS UCSZ1 UCSZ0 UCpol UBRRH RW UBR11 UBR10 UBR9 UBR8 UBRRL RW UBR7 UBR6 UBR5 UBR4 UBR3 UBR2 UBR1 UBR0 RxbX: bit in ricezione dalla porta seriale TxbX: bit in trasmissione dalla porta seriale RXC: Rx Complete, dati disponibili nel buffer di ricezione (controllo in poll); TXC: Tx Complete, trasmissione completata (per spegnere il device); UDRE: UDR empty. Il registro di trasmissione è pronto per accettare nuovi dati; FE: Frame Error, gli stop bit non tornano DOR: Data Overrun, dati in arrivo e buffer pieno UPE: Parity error (in ricezione ovviamente) U2X: trasmissione a velocità doppia MPCM: Multiprocesso Com Mode, abilita la USART a ricevere solo frame che iniziano con un indirizzo preimpostato. RXCIE, TXCIE, UDRIE: abilitazione interrupt relativi RXEN: abilitazione del ricevitore TXEN: abilitazione del trasmettitore UCSZXXX: numero dei bit di dati 5, 6, 7, 8, 9 Umsel: Modo di operazione: = = Asincrono (default), 1 == sincrono UPMX: Parity mode 0= disabilitato, 1= riservato, 2 = pari, 3= dispari; USBS: numero di stop bit. =0= 1bit stop, 1=2bit stop; UCSZX: 0=> 5, 1=>6, 2=>7, 3=>8, 7 =>9 bit 4,5,6 non permessi UCPOL: in modo sincrono definisce se i campioni vanno prelevati sui fronti in salita. Ovvero sui fronti in discesa (0 = discesa, 1= salita); La tabella di fianco riporta i valori tipici ottenibili con la

10 butterfly una volta che l oscillatore interno sia stato calibrato per poter funzionare a 8MHz. In alternativa alla programmazione del oscillatore potremo calibrare i valori di UBRR con la frequenza effettiva (non calibrata).

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Corso di Strumentazione e Misure per l Automazione (Studenti Ingegneria Meccanica II anno Laurea Magistrale curr. Automazione e Produzione) I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Andrea Bernieri bernieri@unicas.it

Dettagli

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Comunicazione Seriale Prof. Antonino Mazzeo Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica UART/USART Intel 8251A Standard Universal Synchronous/Asynchronous Receiver/Trasmitter (USART) Progettata

Dettagli

Ing. Gabriele MONTI 1996-2005 Seriali www.ingmonti.it

Ing. Gabriele MONTI 1996-2005 Seriali www.ingmonti.it Ing. Gabriele MONTI 1996-2005 Seriali www.ingmonti.it 1 Interfacce seriali Quando la distanza fra un computer ed il dispositivo che gli si vuole collegare è maggiore di 7-8 m, oppure quando si vuole realizzare

Dettagli

Le linee seriali. Nomenclatura. Linee Seriali. M. Parvis 1

Le linee seriali. Nomenclatura. Linee Seriali. M. Parvis 1 Le linee seriali Marco Parvis Politecnico di Torino Dipartimento di Elettronica Corso Duca degli Abruzzi, 24 10129 Torino Tel. + 39 11 564 4114 Fax + 39 11 564 4099 E-mail: marco.parvis@polito.it 1 Nomenclatura

Dettagli

per(il(corso(di(architetture(dei(sistemi(di(elaborazione(

per(il(corso(di(architetture(dei(sistemi(di(elaborazione( Esercizi(Assembler(8086(e(ARM( per(il(corso(di(architetture(dei(sistemi(di(elaborazione( Prof.(Mezzalama,(Ing.(Bernardi( v1.0marzo2013 Autore:MaggioLuigi E6mail:luis_may86@libero.it Portfolio:http://www.luigimaggio.altervista.org

Dettagli

Progetto e realizzazione di un sistema che rileva la temperatura a distanza

Progetto e realizzazione di un sistema che rileva la temperatura a distanza Progetto e realizzazione di un sistema che rileva la temperatura a distanza Obiettivo e specifiche del progetto 1. Monitoraggio in tempo reale della temperatura in una stanza (Tacq= 4 sec, Input range=

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

USART PIC 16F876. R/W-0 R/W-0 R/W-0 R/W-0 U-0 R/W-0 R-1 R/W-0 CSRC TX9 TXEN SYNC _ BRGH TRMT TX9D Bit 7 Bit 6 Bit 5 Bit 4 Bit 3 Bit 2 Bit 1 Bit 0

USART PIC 16F876. R/W-0 R/W-0 R/W-0 R/W-0 U-0 R/W-0 R-1 R/W-0 CSRC TX9 TXEN SYNC _ BRGH TRMT TX9D Bit 7 Bit 6 Bit 5 Bit 4 Bit 3 Bit 2 Bit 1 Bit 0 USART PIC 16F876 L USART (Universal Synchronous Asynchronous Receiver Trasmitter) è uno dei due moduli di I/O seriali, esso è conosciuto anche come Serial Comunications Interface (SCI). L USART può essere

Dettagli

ACCESSO A DRIVE REMOTO TRAMITE MODEM

ACCESSO A DRIVE REMOTO TRAMITE MODEM ACCESSO A DRIVE REMOTO TRAMITE MODEM Autore: Giulio Sassetti Indice revisione Data Descrizione modifica V01.0000 14/6/2006 Emissione V01.1000 29/6/2006 Aggiunti link sommario e ingrandite immagini V01.2000

Dettagli

Resuscitare un router DLink-604+

Resuscitare un router DLink-604+ Resuscitare un router DLink-604+ Vincenzo La Spesa 2006 Copyright (c) 2006 by Vincenzolaspesa@gmail.com.This material may be distributed only subject to the terms and conditions set forth in the Open Publication

Dettagli

Tecniche di Comunicazione Digitale

Tecniche di Comunicazione Digitale Tecniche di Comunicazione Digitale Sommario Problematiche Generali Comunicazioni Parallele Varianti Trasmissione Isocrona, Asincrona e Sincrona Segnali, codifica e modulazione Gestione degli errori - 2-1

Dettagli

Resuscitare un router DLink-604+

Resuscitare un router DLink-604+ Resuscitare un router DLink-604+ v1.1.0 Copyright (c) 2006 by Ahasvero@users.sourceforge.net.This material may be distributed only subject to the terms and conditions set forth in the Open Publication

Dettagli

MODULO 5.4 RETI PER L AUTOMAZIONE

MODULO 5.4 RETI PER L AUTOMAZIONE MODULO 5.4 RETI PER L AUTOMAZIONE 1 RETI PER L AUTOMAZIONE Docente Federico Tramarin, PhD Consiglio Nazionale delle Ricerche CNR-IEIIT via Gradenigo 6/b, Padova email: tramarin@dei.unipd.it tel: 049 827

Dettagli

http://ennius.interfree.it/vba/vba89.htm Stampa questa pagina

http://ennius.interfree.it/vba/vba89.htm Stampa questa pagina 1 of 7 26/02/2007 18.09 Stampa questa pagina Controllo comunicazioni MSCOMM32.OCX per comunicare col Modem e/o chiamare numeri telefonici. Premetto che non ho nè provato, nè intendo farlo, ad usare le

Dettagli

Controllo comunicazioni

Controllo comunicazioni Controllo comunicazioni Il controllo comunicazioni consente di aggiungere nell'applicazione funzioni semplici per comunicazioni attraverso porte seriali nonché funzioni avanzate per la creazione di uno

Dettagli

Il sottosistema di I/O (Richiamo)

Il sottosistema di I/O (Richiamo) Il sottosistema di I/O (Richiamo) Il sottosistema di I/O consente la comunicazione fra il calcolatore ed il mondo esterno. Fanno parte del sottosistema i dispositivi (Unità di I/O) per la comunicazione

Dettagli

MTU155 Manuale di Attivazione MTU155 Modem per telettura convertitore EK220/230 Istruzioni per l attivazione

MTU155 Manuale di Attivazione MTU155 Modem per telettura convertitore EK220/230 Istruzioni per l attivazione MTU155 Manuale di Attivazione MTU155 Modem per telettura convertitore EK220/230 Istruzioni per l attivazione Istruzioni per l uso: 2010 Edizione 24.06.2010 (1.0) MTU155_it_attivazione_02.doc 2 Elster S.r.l.

Dettagli

Un semplice programmatore per microcontrollori PIC per porta seriale

Un semplice programmatore per microcontrollori PIC per porta seriale TECNICHE DIGITALI di Stefano Barbanti IV3LZQ Un semplice programmatore per microcontrollori PIC per porta seriale Programma tutti i PIC esistenti 1ª parte Introduzione I microcontrollori PIC della Microchip,

Dettagli

PXG80-WN. Siemens Building Technologies Building Automation. DESIGO PX Controllore Web. con porta Ethernet

PXG80-WN. Siemens Building Technologies Building Automation. DESIGO PX Controllore Web. con porta Ethernet 9 233 DESIGO PX Controllore Web con porta Ethernet PXG80-WN Per remotizzare le operazioni e la visualizzazione di uno o più DESIGO PX tramite un Internet browser standard.? Operazioni e visualizzazione

Dettagli

Controllori di Sistema

Controllori di Sistema 9 771 DESIGO PX-OPEN Controllori di Sistema PXE-CRS Il controllore di sistema PXE-CRS è usato per integrare dispositivi e sistemi di terze parti nei controllori e nel sistema DESIGO Funzioni Integrazione

Dettagli

Cavo VGA (9 Pin / 15 Pin)

Cavo VGA (9 Pin / 15 Pin) Cavo VGA (9 Pin / 15 Pin) Questo cavo serve per la connessione della scheda video con uscita tramite connettore a 9 Pin al monitor VGA. Connettore 9 Pin D-Sub Maschio (Connessione alla VGA) Connettore

Dettagli

sms per AUTO Allarme Il problema dei ladri d auto è uno dei più

sms per AUTO Allarme Il problema dei ladri d auto è uno dei più progettare & costruire di LUCA STANZANI In questo articolo cerchiamo di progettare un sistema di antifurto per automobili in grado di avvertire il proprietario del mezzo del tentativo di furto, ma non

Dettagli

Controllori di Sistema

Controllori di Sistema 9 23 DESIGO PX Controllori di Sistema PXR11 PXR12? Integrazione dei regolatori ambienti della gamma DESIGO RXC nel sistema di Building Automation DESIGO? Creazione di gruppi per la gestione ambienti? Implementazione

Dettagli

DS100: COLLEGAMENTI E SEGNALAZIONI

DS100: COLLEGAMENTI E SEGNALAZIONI di Davide Ferrario Il Tibbo DS100 è un Server di Periferiche Seriali, consente cioè di collegare un dispositivo munito di porta seriale ad una LAN Ethernet, permettendo quindi l accesso a tutti i PC della

Dettagli

Guida all hardware di rete

Guida all hardware di rete !"##$% Guida all hardware di rete ad uso degli Studenti del Corso di RETI DI CALCOLATORI CdL I livello in Ingegneria Informatica Versione 0.5 Autore: Davide Mazza Mantova, li 16/03/2004 GUIDA ALL HARDWARE

Dettagli

Controllori Modulari. con moduli I/O

Controllori Modulari. con moduli I/O 9 221 PXC64-U DESIGO PX Controllori Modulari con moduli I/O PXC-U PXA Controllori modulari liberamente programmabili per impianti tecnologici, HVAC e sistemi di gestione edifici Il P-bus permette configurazioni

Dettagli

Serial to Ethernet Converter STE02W

Serial to Ethernet Converter STE02W Serial to Ethernet Converter STE02W MANUALE UTENTE V. 1.2 INDICE 1 Introduzione 4 1.1 Dichiarazione di Conformità 4 1.2 Contenuto della Confezione 4 1.3 Caratteristiche Tecniche 4 2 Descrizione 5 3 Specifiche

Dettagli

Hardware di I/O Agilent per il collegamento di strumenti ai PC Scheda tecnica

Hardware di I/O Agilent per il collegamento di strumenti ai PC Scheda tecnica Hardware di I/O Agilent per il collegamento di strumenti ai PC Scheda tecnica Scegliete il modo migliore per collegare il vostro PC agli strumenti GPIB e RS-232 Sfruttate i vantaggi offerti dalle interfacce

Dettagli

COMUNICAZIONE SERIALE

COMUNICAZIONE SERIALE LA COMUNICAZIONE SERIALE Cod. 80034-02/2000 1 INDICE GENERALE Capitolo 1 Introduzione alla comunicazione seriale Pag. 3 Capitolo 2 Protocollo CENCAL Pag. 19 Capitolo 3 Protocollo MODBUS Pag. 83 2 CAPITOLO

Dettagli

Manuale per gli utenti di Bluetooth

Manuale per gli utenti di Bluetooth Manuale per gli utenti di Bluetooth (RIF-BT10) Indice 1. Che cosa è Bluetooth?... 3 2. Funzioni dell adattatore Bluetooth (RIF-BT10)... 4 3. Descrizione del prodotto... 5 4. Configurazione del sistema...

Dettagli

Sistema domotico MassaBus. Marco Massari

Sistema domotico MassaBus. Marco Massari Istituto Tecnico Industriale per l Elettronica e le Telecomunicazioni Istituto Salesiano "Beata Vergine di San Luca - Via Jacopo della Quercia, 1 - Bologna Sistema domotico MassaBus Di Marco Massari Anno

Dettagli

Serial To Ethernet Converter STE02 Manuale Utente. Ver. 1.1

Serial To Ethernet Converter STE02 Manuale Utente. Ver. 1.1 Serial To Ethernet Converter STE02 Manuale Utente Ver. 1.1 1 Indice 1 Introduzione 4 1.1 Dichiarazione di Conformità.............................. 4 1.2 Contenuto della Confezione..............................

Dettagli

Input/Output: bus, interfacce, periferiche

Input/Output: bus, interfacce, periferiche Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 29 Input/Output: bus, interfacce, periferiche A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L

Dettagli

Manuale d uso e manutenzione

Manuale d uso e manutenzione PORTE SERIALI ISOLATE RS,RS Manuale d uso e manutenzione Codice ordine: Data: / - Rev:. Sommario. Generalità............................................ Caratteristiche tecniche.................................

Dettagli

1. INTRODUZIONE ETH-BOX

1. INTRODUZIONE ETH-BOX Software ETH-LINK 10/100 Manuale d uso ver. 1.0 1. INTRODUZIONE Il Convertitore Ethernet/seriale ETH-BOX, dedicato alla connessione Ethernet tra PC (TCP/IP e UDP) e dispositivi di campo (RS-232, RS-485),

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

FPGA alla portata di tutti

FPGA alla portata di tutti di ANTONIO ACQUASANTA Igloo nano Starter kit FPGA alla portata di tutti Questo articolo presenta nel dettaglio l IGLOO nano STARTER KIT di ACTEL, dal costo contenuto, per FPGA, che potrà essere usato come

Dettagli

GENERALITÀ. Unità: Canali di comunicazione:

GENERALITÀ. Unità: Canali di comunicazione: GENERALITÀ L'apparecchiatura CON232E è una unità a microprocessore equipaggiata di un canale ethernet e due canali seriali rs232c. Il dispositivo trasmette i dati ricevuti dal canale Ethernet con protocollo

Dettagli

Introduzione: uso della rete telefonica pubblica

Introduzione: uso della rete telefonica pubblica Il livello fisico Parte VI TRASMISSIONE DATI... 1 Introduzione: uso della rete telefonica pubblica... 1 Rete ISDN (cenni)... 5 Disturbi di trasmissione e necessità della ridondanza... 6 Rete commutata

Dettagli

Architettura Hardware di un Router

Architettura Hardware di un Router - Laboratorio di Servizi di Telecomunicazione Architettura Hardware di un Router Slide tratte da Cisco Press CCNA Instructor s Manual ed elaborate dall Ing. Francesco Immè Wide Area Network (WAN) Le principali

Dettagli

Progetto di un circuito a microcontrollore per la gestione del ricetrasmettitore impiegato nel satellite Atmocube

Progetto di un circuito a microcontrollore per la gestione del ricetrasmettitore impiegato nel satellite Atmocube UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTA DI INGEGNERIA Dipartimento di Elettronica, Elettrotecnica ed Informatica TESI DI LAUREA TRIENNALE in ELETTRONICA Progetto di un circuito a microcontrollore per

Dettagli

Corso di. Strumentazione e Misure per l Automazione (Studenti Ingegneria Meccanica II anno Laurea Magistrale curr. Automazione e Produzione)

Corso di. Strumentazione e Misure per l Automazione (Studenti Ingegneria Meccanica II anno Laurea Magistrale curr. Automazione e Produzione) Corso di Strumentazione e Misure per l Automazione (Studenti Ingegneria Meccanica II anno Laurea Magistrale curr. Automazione e Produzione) Interfacciamento Andrea Bernieri bernieri@unicas.it Gruppo Misure

Dettagli

Trasmissione dati e reti telematiche

Trasmissione dati e reti telematiche Trasmissione dati e reti telematiche Per trasmissione dati s'intende un sistema di comunicazione che permette di trasferire l'informazione, in forma binaria, tra due terminali, uno trasmittente (Tx) e

Dettagli

Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO)

Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) - Arduino è orientato all'applicazione, - Permette di provare, partendo dal piccolo e crescendo pezzo per pezzo (sviluppo modulare); - Lo sviluppo è aiutato da una enorme community online con esempi e

Dettagli

Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors)

Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors) Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors) Il microprocessore è un dispositivo integrato digitale che può essere programmato con una serie di istruzioni per effettuare una specifica

Dettagli

Per la corretta comunicazione tra PC e apparato, è necessario:

Per la corretta comunicazione tra PC e apparato, è necessario: 765HPRWH&RQWUROOHU 0DQXDOHXWHQWH 1 6RPPDULR 1 Introduzione... 3 1.1 Scopo del programma e filosofia di funzionamento... 3 1.2 Scarico di responsabilità... 3 1.3 Requisiti hardware... 3 1.4 Condizioni di

Dettagli

TEMA TELECOMUNICAZIONI S.r.l. Telecomunicazioni - Elettronica - Microapplicazioni Audiotelefoniche AL-232. Serial to Ethernet Converter

TEMA TELECOMUNICAZIONI S.r.l. Telecomunicazioni - Elettronica - Microapplicazioni Audiotelefoniche AL-232. Serial to Ethernet Converter TEMA TELECOMUNICAZIONI S.r.l. Telecomunicazioni - Elettronica - Microapplicazioni Audiotelefoniche AL-232 MANUALE TECNICO INSTALLAZIONE Avvertenze 1. Usare per questo apparecchio solo ed esclusivamente

Dettagli

INTERFACCIA SERIALE RS232PC

INTERFACCIA SERIALE RS232PC PREVENZIONE FURTO INCENDIO GAS BPT Spa Centro direzionale e Sede legale Via Cornia, 1/b 33079 Sesto al Reghena (PN) - Italia http://www.bpt.it mailto:info@bpt.it STARLIGHT INTERFACCIA SERIALE RS232PC STARLIGHT

Dettagli

ACE SL7000 Lettura remota con interfaccia Ethernet Nota Applicativa

ACE SL7000 Lettura remota con interfaccia Ethernet Nota Applicativa ACE SL7000 Lettura remota con interfaccia Ethernet Nota Applicativa Questo documento illustra la modalità di lettura remota del contatore SL7000 utilizzando un server di porta seriale collegato ad una

Dettagli

Manuale di installazione

Manuale di installazione LMLM-IP Manuale di installazione Le informazioni incluse in questo manuale sono di proprietà APICE s.r.l. e possono essere cambiate senza preavviso. APICE s.r.l. non sarà responsabile per errori che potranno

Dettagli

Manuale di installazione del software di Controllo Surv-Controller Ver.3.0

Manuale di installazione del software di Controllo Surv-Controller Ver.3.0 Manuale di installazione del software di Controllo Surv-Controller Ver.3.0 1 Indice Indice... 2 Introduzione... 3 Specifiche tecniche... 3 Installazione del software... 4 Collegamenti della porta seriale

Dettagli

Automobile Bluetooth

Automobile Bluetooth Automobile Bluetooth Ivancich Stefano 17 Maggio 2015 SOMMARIO Di seguito s illustra un progetto di un automobile comandata da uno smartphone tramite la connessione Bluetooth. E stata presa una automobilina

Dettagli

Raspberry Pi: Hardware Programming. Rossi Pietro Alberto

Raspberry Pi: Hardware Programming. Rossi Pietro Alberto Rossi Pietro Alberto Agenda Introduzione Hardware Software Programmazione, primi passi Protocolli di comunicazione Programmazione Conclusioni Introduzione Il Raspberry Pi è una scheda elettronica impementante

Dettagli

ARI SEZIONE VERONA IQ3VO

ARI SEZIONE VERONA IQ3VO ARI SEZIONE VERONA IQ3VO APRS serata neo-patentati IZ3HAE Davide Melchiori APRS Cos'è APRS? In breve un navigatore TOMTOM al contrario, invece di dire a noi dove siamo, lo comunica agli altri... Inventato

Dettagli

Uno dei metodi più utilizzati e

Uno dei metodi più utilizzati e TEORIA MHZ RISORSE SPECIALE PRATICA Quinta parte n 257 - Novembre 2006 Realizzazione di un timer digitale programmabile Sesta parte n 258 - Dicembre 2006 Uso delle interfacce seriali Settima parte n 259

Dettagli

Protocollo USB Elementi di un sistema USB Comunicazione USB

Protocollo USB Elementi di un sistema USB Comunicazione USB Protocollo USB Elementi di un sistema USB HOST: dispositivo master (PC), l unico autorizzato ad avviare una comunicazione sul bus HUB: come nelle reti di computer, l hub fornisce un punto di connessione

Dettagli

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 Applicazione Integrazione di tutta la gamma di Centrali Techno (Technodin, Techno32, Techno88 e Techno200)

Dettagli

Interfaccia Area51 verso RCH / MCT in passività

Interfaccia Area51 verso RCH / MCT in passività Ultimo aggiornamento: 10 febbraio 2015 Interfaccia Area51 verso RCH / MCT in passività Il produttore indica di utilizzare il MULTIDRIVER_SERVER (alla data la versione più recente è la 1.4.0) come driver

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009

Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009 Università di Ferrara Facoltà di Ingegneria Docente: Ing. Massimiliano Ruggeri Mail: m.ruggeri@imamoter.cnr.it mruggeri@ing.unife.it Tel. 0532/735631 Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009 Durata:

Dettagli

Analizzatore Larson-Davis

Analizzatore Larson-Davis Analizzatore Larson-Davis System 824 MANUALE di RIFERIMENTO Versione 1.22 Pagina lasciata vuota intenzionalmente Indice Introduzione 2 Gestione dei Setup 3 Aprire un Setup 3 Salvare un Setup 3 Lettura

Dettagli

8 Microcontrollori PIC

8 Microcontrollori PIC 8 Microcontrollori PIC 8.1 Descrizione generale Un microcontrollore è un dispositivo elettronico che opportunamente programmato è in grado di svolgere diverse funzioni in modo autonomo. Essenzialmente

Dettagli

Antonio Cianfrani. Fondamenti di Reti - Prof. Marco Listanti - A.A. 2010/2011. INFOCOM Dept

Antonio Cianfrani. Fondamenti di Reti - Prof. Marco Listanti - A.A. 2010/2011. INFOCOM Dept Antonio Cianfrani Laboratorio Fondamenti di Reti 1. Introduzione ai Router IP Funzioni svolte dai Router I router operano allo strato 3 della pila protocollare OSI Individuano il cammino dei pacchetti

Dettagli

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE CE1_AD/P2 Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione Versione 01.10/12 CE1_AD/P2: dispositivo elettronico programmabile

Dettagli

RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica. Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto

RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica. Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica ISDN ADSL RAS Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto ATM Reti wireless

Dettagli

Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Programmare i PIC in C. Timers Interrupts Prerequisiti: Lezione7 Lezione8.

Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Programmare i PIC in C. Timers Interrupts Prerequisiti: Lezione7 Lezione8. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008 Programmare i PIC in C Prerequisiti: Lezione7 Lezione8 Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net NA L15 1 Timers - Interrupts I timers e gli Interrupts

Dettagli

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools MANUALE D USO WEB CONTROLLI NETOOLS Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools Rev.1401 Pag.1 di - 114 - www.carrideo.it INDICE 1. I WEB CONTROLLI NETOOLS... 3 1.1. INTRODUZIONE... 3 1.2. DESCRIZIONE

Dettagli

KIT SUPERVISORE INSTALLAZIONE ED USO

KIT SUPERVISORE INSTALLAZIONE ED USO KIT SUPERVISORE INSTALLAZIONE ED USO Indice 1 DESCRIZIONE GENERALE 1.1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE 1.2 COLLEGAMENTO AL PC 2 INSTALLAZIONE 2.1 INSTALLAZIONE DEI CAVI DI COLLEGAMENTO 2.2 SCELTA DEL SOFTWARE

Dettagli

Il sensore ad ultrasuoni

Il sensore ad ultrasuoni Il sensore ad ultrasuoni Caratteristiche elettriche Alimentazione: 5 Vcc Il sensore rileva oggetti da 0 cm fino a 6,45 metri. Tre diverse possibiltà per leggere il dato di uscita del sensore: 1. lettura

Dettagli

L esclusiva tecnologia N.A.A.W. Mesh per realizzare reti dinamiche in grado di modulare i servizi presenti nell ambiente.

L esclusiva tecnologia N.A.A.W. Mesh per realizzare reti dinamiche in grado di modulare i servizi presenti nell ambiente. L esclusiva tecnologia N.A.A.W. Mesh per realizzare reti dinamiche in grado di modulare i servizi presenti nell ambiente. N.A.A.W. Sense Il N.A.A.W. Sense è un apparato Wi-Fi Mesh di nuova generazione

Dettagli

Le unità di ingresso/uscita (Input/Output)

Le unità di ingresso/uscita (Input/Output) Le unità di ingresso/uscita (Input/Output) Le unità di ingresso/uscita (anche dette periferiche), permettono di realizzare l'interazione tra il computer e l'ambiente (compreso l'utente umano) La loro funzione

Dettagli

Il Personal Computer

Il Personal Computer Il Personal Computer 18 Hardware 1 Hardware: componenti fisiche dell elaboratore; la forma e le prestazioni dell hardware variano in funzione del tipo di elaboratore Principali componenti hardware: unità

Dettagli

CLASSE 5^D A.S. 2008/2009 BONASSI ANDREA, MARCA ANDREA, RESCONI DANIELE VIDEOCAMERA MOBILE PILOTATA A DISTANZA. Pagina 1 di 60

CLASSE 5^D A.S. 2008/2009 BONASSI ANDREA, MARCA ANDREA, RESCONI DANIELE VIDEOCAMERA MOBILE PILOTATA A DISTANZA. Pagina 1 di 60 Pagina 1 di 60 Pagina 2 di 60 INDICE - INTRODUZIONE [PAG.3] - SCHEMA A BLOCCHI [PAG.4] - SEZIONE DIGITALE DI TRASMISSIONE DEI COMANDI DA PC: - Prima modalità di trasmissione dei comandi da PC: [PAG.5]

Dettagli

SCHEDA DI INTERFACCIA SERIALE PCI

SCHEDA DI INTERFACCIA SERIALE PCI SCHEDA DI INTERFACCIA SERIALE PCI Manuale Utente DS-33003 Caratteristiche e Vantaggi Compatibile con la specifica PCI Local Bus, Revisione 2.3 Supporta 2 x porta seriale UART Plug and Play Semplice Seleziona

Dettagli

Si compone di: SI-Prog supporta: Le tre principali famiglie di..

Si compone di: SI-Prog supporta: Le tre principali famiglie di.. Se stai cercando un potente programmatore, semplice ed intuitivo e decisamente economico in ambiente Windows, SI-Prog è una ottima soluzione alla portata di tutti per stare al passo con le nuove tecnologie.

Dettagli

Sezione di PWM e Generatore di D/A Converter.

Sezione di PWM e Generatore di D/A Converter. Corso di BASCOM AVR - (34) Corso Teorico/Pratico di programmazione in BASCOM AVR. Autore: DAMINO Salvatore. Sezione di PWM e Generatore di D/A Converter. La struttura interna dei Mini Moduli è composta

Dettagli

cablaggi, distanze, connettori v1 (nov. 07)

cablaggi, distanze, connettori v1 (nov. 07) Guida d approfondimento ORDERMAN cablaggi, distanze, connettori v1 (nov. 07) Pagina2 Cablaggi e distanze La connessione tra porta seriale del PC/cassa e della stazione base RF Orderman avviene tramite

Dettagli

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microcontrollori Microchip PIC 8 bit. namoroso@mrscuole.

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microcontrollori Microchip PIC 8 bit. namoroso@mrscuole. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net NA L2 1 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit PIC: Peripheral Interface

Dettagli

Estensore su CAT5 per VGA, USB, AUDIO, RS232 E IR MODELLO: VKM03

Estensore su CAT5 per VGA, USB, AUDIO, RS232 E IR MODELLO: VKM03 Estensore su CAT5 per VGA, USB, AUDIO, RS232 E IR MODELLO: VKM03 Il VKM03 è un estensore su cavo CAT5 per: VGA, USB con audio stereo, RS232, e IR. Questo dispositivo permette distanze di trasmissione fino

Dettagli

Controllo di processo

Controllo di processo I.T.I.S E.Majorana - Avezzano Ing. C.M.Seritti Ver.1.1 Controllo di processo Con il termine di Acquisizione dati si deve intendere qualsiasi sistema in grado di rilevare e memorizzare grandezze analogiche

Dettagli

Relazione di elettronica

Relazione di elettronica ANTINORO ANGELO 5IA 16/04/2007 Relazione di elettronica I MODEM INDICE Premessa Le telecomunicazione Il significato di modem Tipi di modem Modem in banda base I modem fonici La modulazione La modulazione

Dettagli

2010 Ing. Punzenberger COPA-DATA Srl. Tutti i diritti riservati.

2010 Ing. Punzenberger COPA-DATA Srl. Tutti i diritti riservati. 2010 Ing. Punzenberger COPA-DATA Srl Tutti i diritti riservati. Tutti i diritti riservati la distribuzione e la copia - indifferentemente dal metodo - può essere consentita esclusivamente dalla dittacopa-data.

Dettagli

EMI1 CONVERTITORE SERIALE MULTIFUNZIONE EIA RS-232 / RS 422-485

EMI1 CONVERTITORE SERIALE MULTIFUNZIONE EIA RS-232 / RS 422-485 MANUALE ISTUZIONI IM60-I v. EMI CONVETITOE SEIALE MULTIFUNZIONE EIA S- / S -85 GENEALITA Il convertitore seriale multifunzione EMI trova applicazione in tutti i casi in cui necessita convertire o gestire

Dettagli

ADuC: Questa serie di articoli si

ADuC: Questa serie di articoli si TEORIA MHZ RISORSE SPECIALE PRATICA n 261 - Marzo 2007 Introduzione Seconda parte n 262 - Aprile 2007 Assembler e tools applicativi Terza parte n 263 - Maggio 2007 Sistema di trasmissione wireless ADuC:

Dettagli

pic32obd wireless scanner soluzioni per «meccanici» dell era digitale

pic32obd wireless scanner soluzioni per «meccanici» dell era digitale pic32obd wireless scanner soluzioni per «meccanici» dell era digitale Il progetto: cos è uno scanner diagnostico? Il sistema realizzato permette al meccanico di ottenere rapidamente e in modo centralizzato

Dettagli

DIAGNOSTICA DEI MATERIALI IN SITU ULTRASONIC SYSTEM CMS V.3.1 APPLICAZIONE

DIAGNOSTICA DEI MATERIALI IN SITU ULTRASONIC SYSTEM CMS V.3.1 APPLICAZIONE DIAGNOSTICA DEI MATERIALI IN SITU ULTRASONIC SYSTEM CMS V.3.1 APPLICAZIONE Le indagini ultrasoniche e soniche consentono la determinazione delle caratteristiche elastico-dinamiche dei materiali. In particolare

Dettagli

progettare & costruire di GIOVANNI DI MARIA

progettare & costruire di GIOVANNI DI MARIA progettare & costruire di GIOVANNI DI MARIA Interfacciare il PC con il mondo esterno LA PORTA SERIALE DEL PC in uscita con il PIC In questa puntata interfacceremo il Personal Computer con le nostre apparecchiature

Dettagli

1 Vademecum per lettore ACR-1001 (Rosslare AC-215): installazione hardware

1 Vademecum per lettore ACR-1001 (Rosslare AC-215): installazione hardware 1 Vademecum per lettore ACR-1001 (Rosslare AC-215): installazione hardware Il seguente diagramma è un esempio di sistema di controllo accessi con il software Veritrax AS-215 e i controllori AC- 215. 1.1

Dettagli

STATE CERCANDO LA CONNESSIONE GIUSTA? MARCONNECT E QUELLA IDEALE

STATE CERCANDO LA CONNESSIONE GIUSTA? MARCONNECT E QUELLA IDEALE STATE CERCANDO LA CONNESSIONE GIUSTA? MARCONNECT E QUELLA IDEALE Ulteriori informazioni sui prodotti MARCONNECT sono disponibili al sito: www.mahr.com, WebCode 213 Gli strumenti di misura manuali a lettura

Dettagli

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica D.Gamba,P.P.Trapani April 9, 2004 1 1 Circuiti Digitali Integrati: Timer, ADC e DAC In questo Lab. si imparera ad usare alcuni circuiti integrati

Dettagli

Manuale per l uso. SPORTSTER VOICE 33.600 e 28.800 Faxmodem

Manuale per l uso. SPORTSTER VOICE 33.600 e 28.800 Faxmodem Manuale per l uso SPORTSTER VOICE 33.600 e 28.800 Faxmodem U.S. Robotics e il logo U.S. Robotics sono marchi registrati di U.S. Robotics. Qualsiasi marchio, nome commerciale, marchio o nome di servizio

Dettagli

ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI

ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI A09 139 Graziano Frosini Giuseppe Lettieri ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI VOLUME II STRUTTURA DEL PROCESSORE, DEL BUS, DELLA MEMORIA E DELLE INTERFACCE, E GESTIONE DELL I/O CON RIFERIMENTO AL PERSONAL COMPUTER

Dettagli

R.T.S. Engineering s.n.c. MANUALE D USO. Valido per:

R.T.S. Engineering s.n.c. MANUALE D USO. Valido per: MANUALE D USO Valido per: Stampante fiscale 3I FTP-FAST e per tutti i modelli 3I dotati di protocollo XonXoff, tramite RS-232, USB o Rete Ethernet COMPATIBILE WINDOWS VISTA / 7 / 8 (1): Protocollo XonXoff

Dettagli

PROGRAMMI ACCESSORI A CORREDO CON EUREKA

PROGRAMMI ACCESSORI A CORREDO CON EUREKA PROGRAMMI ACCESSORI A CORREDO CON EUREKA Oltre al programma di gestione EUREKA contenuto nel CD di installazione, altri software complementari vengono installati quando si installa il programma EUREKA.

Dettagli

Sistemi di Elaborazione a Microprocessore 8259. (Controllore Program m abile delle Interruzioni) M. Rebaudengo - M. Sonza Reorda

Sistemi di Elaborazione a Microprocessore 8259. (Controllore Program m abile delle Interruzioni) M. Rebaudengo - M. Sonza Reorda 8259 (Controllore Program m abile delle Interruzioni) M. Rebaudengo - M. Sonza Reorda Politecnico di Torino Dip. di Automatica e Informatica 1 M. Rebaudengo, M. Sonza Reorda Generalità L'8259 è stato progettato

Dettagli

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica Programmazione Dipartimento di Matematica Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Matematica 25 febbraio 2015 1 / 42 INFORMATICA Varie definizioni: Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science)

Dettagli

SOMMARIO 1. Descrizione Generale 2. Caratteristiche 3. Versioni 4. Operazioni Preliminari 5. Modifica dei Parametri 6. Allarmi 7.

SOMMARIO 1. Descrizione Generale 2. Caratteristiche 3. Versioni 4. Operazioni Preliminari 5. Modifica dei Parametri 6. Allarmi 7. SOMMARIO 1. Descrizione Generale Pagina 1 2. Caratteristiche Pagina 1 3. Versioni Pagina 1 4. Operazioni Preliminari Pagina 2-3 5. Modifica dei Parametri Pagina 4 5.1. Dati di Calibrazione Pagina 4 5.2.

Dettagli

Introduzione ai Microcontrollori Workshop 08/06/2011 Dott.Ing.Marco Frosini Qprel srl Dott.Ing.Lorenzo Giardina Qprel srl Slide 1 di 27 L'elettronica digitale PRIMA dei microcontrollori Elemento base:

Dettagli

Registri. «a2» 2013.11.11 --- Copyright Daniele Giacomini -- appunti2@gmail.com http://informaticalibera.net

Registri. «a2» 2013.11.11 --- Copyright Daniele Giacomini -- appunti2@gmail.com http://informaticalibera.net «a2» 2013.11.11 --- Copyright Daniele Giacomini -- appunti2@gmail.com http://informaticalibera.net Registri Registri semplici....................................... 1823 Registri a scorrimento..................................

Dettagli

Istruzioni di messa in servizio rapida per. Flying shear Taglio al volo lineare

Istruzioni di messa in servizio rapida per. Flying shear Taglio al volo lineare Istruzioni di messa in servizio rapida per Flying shear Taglio al volo lineare FLYING SHEAR Programmare la scheda UD7x con l applicazione Per poter caricare l applicatione Flying Shear nella scheda ud70

Dettagli

SISTEMA DI COLLAUDO PER DECODIFICATORI IMPLEMENTATI SU FPGA

SISTEMA DI COLLAUDO PER DECODIFICATORI IMPLEMENTATI SU FPGA SISTEMA DI COLLAUDO PER DECODIFICATORI IMPLEMENTATI SU FPGA RELATORE: Prof. Daniele Vogrig LAUREANDO: Daniele Caliolo A. A. 2009-2010 - 1 - - 2 - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA

Dettagli