Contratto di Fiume OLONA. Programma d Azione 2010

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Contratto di Fiume OLONA. Programma d Azione 2010"

Transcript

1 Contratto di Fiume OLONA Programma d Azione 2010

2 I N D I C E AZIONE 1 CARATTERIZZAZIONE DEI CARICHI INQUINANTI E MIGLIORAMENTO DELLE ACQUE DEL BACINO Completamento del quadro conoscitivo sui carichi inquinanti, definizione scenari di intervento e valutazione costi-benefici per l attuazione del PTUA, della direttiva 2000/60/CE e del Piano di Gestione Raccordo con le misure di sottobacino del Piano di Gestione del distretto idrografico del Fiume Po Rilievi aerei/laser scanner con ricerca scarichi, individuazione aree demaniali e loro usi Indagine tratti tombinati in Comune di Milano Attività di verifica stato degli impianti di depurazione e pianificazione opere da eseguire prioritariamente sugli impianti e analisi di dettaglio sistema di drenaggio urbano del sottobacino del Bozzente Monitoraggio attuazione interventi previsti dai Piani Stralcio ed inseriti nel primo programma d azione Realizzazione nuovi interventi sistemi di collettamento e depurazione già definiti a Collettamento Rho-Lainate b Collettamento agglomerato Gornate Olona c Impianto di depurazione di Bulgarograsso d Impianto di depurazione di Caronno Pertusella e Realizzazione di vasca di prima pioggia e sistemazione area drenante nell ambito del collettamento di Vanzago AZIONE 2 DEFINIZIONE, CO-PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE E DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO Realizzazione interventi vincitori del Bando per interventi di riqualificazione fluviale e altri finanziati con differenti strumenti a Interventi di riqualificazione e sistemazione idraulico forestale nei comuni del PLIS- Sorgenti del Torrente Lura Bando di Riqualificazione Fluviale b Sistema naturale di depurazione e laminazione delle acque di sfioro della rete fognaria comunale del Comune di Gorla Maggiore Bando di Riqualificazione Fluviale c Sperimentazione di modelli progettuali-tipo per la riqualificazione fluviale: il caso del fiume Olona a Nerviano Bando di Riqualificazione Fluviale d Lavori di riqualificazione e rinaturazione fluviale del torrente Fontanile nel comune di Tradate Bando di Riqualificazione Fluviale e Rinaturalizzazione dell alveo fluviale del Torrente Quadronna nonché relative sponde e fasce di pertinenza fluviale Bando di Riqualificazione Fluviale f Progetto per interventi di miglioramento delle condizioni di sicurezza idraulica di qualità paesaggistico ambientale e valorizzazione dell ambito fluviale di pertinenza del Torrente Lura Bando di Riqualificazione Fluviale g Sistemazione del torrente Fontanile in Comune di Gorla Minore /116

3 2.2 Definizione e co-progettazione di un quadro di riqualificazione del bacino e individuazione programma degli interventi prioritari Individuazione e realizzazione interventi di difesa idraulica contenuti nell AdP Area Metropolitana Milanese e loro coordinamento con gli interventi di riqualificazione fluviale Definizione di regole e limiti quantitativi per gli scarichi in corpo idrico superficiale Realizzazione sistema di monitoraggio e preannuncio piene sistema idraulico Nord Milano Monitoraggio attuazione interventi di difesa del suolo previsti dal primo programma d azione Definizione di quadro di prelievi in atto e limiti di sostenibilità dell uso della risorsa Sistemazione idraulica e valorizzazione del ramo Valganna dell Olona AZIONE 3 AZIONE STRATEGICA PILOTA RICONNESSIONE CORSI D ACQUA OLONA/BOZZENTE/LURA CON OLONA PAVESE Riqualificazione paesaggistico ambientale della porzione occidentale del sistema territoriale milanese (pianura cerealicola unità di sottobacino Olona/Bozzente/Lura) con individuazione del tracciato dei corsi d acqua, degli interventi principali di ricomposizione del sistema irriguo e più in generale, dell assetto territoriale Coinvolgimento della rete attoriale al fine della condivisione delle trasformazioni territoriali progettate Finanziamento delle opere Coordinamento con altre azioni finalizzate al raggiungimento degli obiettivi di qualità AZIONE 4 AZIONE PILOTA DI RIQUALIFICAZIONE SOTTOBACINO TORRENTE LURA Studio di fattibilità e definizione quadro conoscitivo di bacino Definizione di scenario di intervento quali - quantitativo Co-progettazione scenario di riqualificazione Definizione piano integrato di interventi prioritari Finanziamento, progettazione ed esecuzione delle opere a Esecuzione delle opere dei progetti pilota N 5 e N Monitoraggio degli effetti dell intervento di riqualificazione AZIONE 5 LABORATORIO DI PROGETTAZIONE E GESTIONE AMBIENTALE AMBITO 73 ATO VARESE Definizione di documento metodologico delle attività sperimentali per la Definizione delle Linee Guida relative alla progettazione e realizzazione degli interventi di adeguamento degli scarichi in corpo idrico dei collettori urbani nel corridoio fluviale dell Olona Organizzazione di incontri e confronti tra esperti e funzionari delle amministrazioni per l incremento della capacity building Definizione e condivisione di Linee Guida per la progettazione delle opere di adeguamento degli scarichi AZIONE 6 DIFFUSIONE E CONDIVISIONE DI INFORMAZIONI SUL BACINO Aggiornamento, sviluppo, gestione, promozione del sito e della relativa newsletter Attività di Ufficio Stampa del Contratto di Fiume e marketing Sistematizzazione e diffusione dei dati ambientali sul bacino /116

4 AZIONE 7 AUMENTO DELLA SENSIBILITA E REALIZZAZIONE DI STRUMENTI FORMATIVI E INIZIATIVE CULTURALI SUL TEMA DELL ACQUA Progetto Obiettivo Olona in collaborazione con Legambiente - Campagna di comunicazione ambientale Ciclo di incontri nelle biblioteche del bacino Olona Bozzente Lura Workshop delle associazioni di volontariato Percorsi didattici di sensibilizzazione e approfondimento nelle scuole del territorio Presentazione Azione Strategica Pilota Riconnessione corsi d acqua Olona Bozzente Lura all Olona Pavese Presentazione Azione Pilota Riqualificazione Bacino Torrente Lura Progetto C.A.R.O. Conoscere Amare Rispettare Operare nel Territorio Programma di Educazione Ambientale Parco Valle del Lura Percorsi didattici di approfondimento sul tema della fitodepurazione nel Parco Pineta Attività divulgative promosse dal Consorzio del Fiume Olona /116

5 Azione n. 1 AZIONE ambito vallivo OLONA Politica cui l azione concorre Obiettivi CARATTERIZZAZIONE DEI CARICHI INQUINANTI E MIGLIORAMENTO DELLE ACQUE DEL BACINO Tutela dei corpi idrici Riduzione dell inquinamento Obiettivi rispetto al contenimento dei potenziali fenomeni di degrado (rif. PTPR Parte IV Indirizzi di tutela) Dissesti idrogeologici Pressione antropica Produzione agricola e zootecnica Abbandono e dismissione Criticità ambientali 1. Completamento del quadro conoscitivo sui carichi inquinanti, definizione scenari di intervento e valutazione costi-benefici per l attuazione del PTUA, della direttiva 2000/60/CE e del Piano di Gestione 2. Definizione piano di dettaglio di sottobacino all interno del Piano di Gestione del distretto idrografico e individuazione obiettivi di qualità Attività 3. Rilievi aerei/laser scanner con ricerca scarichi, individuazione aree demaniali e loro usi 4. Indagine tratti tombinati in Comune di Milano 5. Attività di verifica stato degli impianti di depurazione e pianificazione opere da eseguire prioritariamente sugli impianti 6. Monitoraggio attuazione interventi previsti dai Piani Stralcio ed inseriti nel primo programma d azione Risultati attesi Criticità attese 7. Realizzazione nuovi interventi sistemi di collettamento/depurazione già definiti Miglioramento della qualità delle acque Coordinamento pluralità soggetti coinvolti Reperimento risorse per l attuazione Piani d Ambito Risorse complessive ,43 Soggetto coordinatore dell azione Regione Lombardia - D.G. Reti e Servizi di Pubblica Utilità e Sviluppo Sostenibile Carmelo Di Mauro Mila Campanini 4/116

6 ATTIVITA 1.1 u.p.a. TUTTE Completamento del quadro conoscitivo sui carichi inquinanti, definizione scenari di intervento e valutazione costi-benefici per l attuazione del PTUA, della direttiva 2000/60/CE e del Piano di Gestione Attività preliminari 1. Individuazione inquinanti rispetto ai quali effettuare l indagine (anche in funzione dei superamenti degli standard vigenti e tenuto conto di quelli previsti dalla direttiva 2008/105/CE) 2. Scelta del modello di qualità da applicare e individuazione di massima dei dati di input necessari 3. Valutazione delle informazioni già disponibili presso tutti i soggetti coinvolti Descrizione e sottoattività Sottoattività (con indicazione dei soggetti coinvolti) Scarichi in corso idrico superficiale (ATO, Gestori Servizio Idrico Integrato) 1. Censimento degli scarichi diretti in corso d acqua superficiale (CIS) 2. Caratterizzazione quali-quantitativa degli scarichi in CIS 3. Caratterizzazione degli scarichi di depuratori di acque reflue urbane Scarichi in fognatura (Province, ATO, Gestori Servizio Idrico Integrato) 4. Censimento degli scarichi industriali e indagine sulle fonti di emissione di sostanze pericolose nelle reti fognarie Impatti e scenari (Gestori degli impianti di depurazione, ATO, Università) 5. Integrazione delle attività di monitoraggio qualitativo delle acque superficiali 6. Integrazione delle attività di monitoraggio quantitativo delle acque superficiali (rete di monitoraggio idrografico) 7. Valutazione dei carichi inquinanti 8. Modellazione di qualità delle acque ed elaborazione di scenari di riduzione degli inquinanti 9. Analisi costi-benefici 10. Comunicazione finale dei risultati dell indagine Soggetto Responsabile Soggetti coinvolti Valeria Marchesi ARPA Lombardia Regione Lombardia DG Reti e SPUSS Attività 1.1 5/116

7 Risorse e soggetto finanziatore ATO di Varese, Como, Milano e Provincia di Milano Gestori Servizio Idrico Integrato Province di Varese, Como, Milano Università Milano Bicocca Politecnico di Milano Università Iuav di Venezia PLIS Valle del Torrente Lura Consorzio del Fiume Olona Tempi previsti per l attuazione Settembre 2009 Giugno contributo di Regione Lombardia ad ARPA costi di personale Provincia di Como costi di personale Provincia di Milano costi di personale Provincia di Varese contributo di Regione Lombardia al Parco delle Groane per il censimento scarichi Risultati/prodotti attesi Elaborazione di rapporti intermedi e di un rapporto finale contenente i risultati delle varie sottoattività e una proposta per la riduzione dell inquinamento delle acque dei bacini interessati dall indagine e per l attuazione della normativa in materia di tutela delle risorse idriche. Cartografia con georeferenziazione scarichi in CIS. Nel dettaglio il rapporto conterrà i seguenti risultati: - Caratterizzazione in termini qualitativi e quantitativi degli scarichi in fognatura - Caratterizzazione qualitativa e quantitativa della presenza di sostanze pericolose negli scarichi di terminali di fognatura non depurati - Definizione di un metodo di indagine per la valutazione della funzionalità degli sfioratori di piena e degli scaricatori di emergenza - Verifica del dimensionamento di sfioratori e/o scaricatori in uno o più bacini di raccolta pilota - Verifica del contributo degli scarichi di depuratori di acque reflue urbane relativamente alla presenza di sostanze pericolose nelle acque superficiali - Analisi della presenza e distribuzione di attività industriali potenzialmente fonte di scarichi di sostanze pericolose nelle reti fognarie - Messa a disposizione delle AATO di informazioni sulla base delle quali verificare la correttezza delle autorizzazioni rilasciate e provvedere a rettificare le situazioni non conformi - Raccolta di informazioni di maggior dettaglio rispetto a quelle messe a disposizione dalla Attività 1.1 6/116

8 MONITORAGGIO Aggiornamento del Situazione / Scostamenti rete ARPA - Valutazione dei carichi inquinanti - Elaborazione di scenari di riduzione dell inquinamento delle acque Scheda compilata da Valeria Marchesi, ARPA LOMBARDIA Tel Attività 1.1 7/116

9 ATTIVITA 1.2 u.p.a. TUTTE Descrizione e sottoattività Raccordo con le misure di sottobacino del Piano di Gestione del distretto idrografico del Fiume Po L attività prevede il raccordo tra le misure contenute nella monografia di sottobacino stabilite al fine di raggiungere gli obiettivi di qualità previsti dalla direttiva 2000/60 e nell allegato 7.9 all elaborato 7 denominato Elenco delle misure specifiche e l Atlante allegato al contratto di fiume Olona. Tale azione viene svolta tramite una verifica continua delle attività svolte nel bacino alla luce degli obiettivi di qualità previsti dal Piano e dalla criticità riscontrate. SI prevede inoltre la diffusione dell informazione dei contenuti del piano a livello locale. Soggetto Responsabile Soggetti coinvolti Risorse e soggetto finanziatore Nadia Chinaglia DG Reti e SPUSS, Regione Lombardia AdBPO Province ATO Tempi previsti per l attuazione Giugno 2010 Risultati/prodotti attesi MONITORAGGIO Aggiornamento del Situazione / Scostamenti Costi di personale Regione Lombardia Costi di personale IREALP Definizione specifica delle misure da applicare al sottobacino - Partecipazione attiva e coinvolgimento degli Enti Locali e dei diversi stakeholder Scheda compilata da Nadia Chinaglia, DG Reti e SPUSS Regione Lombardia, UO Attuazione Pianificazione Acque Tel Attività 1.2 8/116

10 ATTIVITA 1.3 u.p.a. OL-CM OLBL-CM OLL-AP1 OLB- AP1 OL-AP1 OL-AP2 OL-PC OL- CF Rilievi aerei/laser scanner con ricerca scarichi, individuazione aree demaniali e loro usi L attività riguarda, per complessivi 360km nel bacino dell Olona la realizzazione di: Descrizione e sottoattività - Rilievo aereo da elicottero con sistema scanner laser, che permette di produrre una nuvola di punti in 3D dell'area scansita, foto aeree digitali a colori ad alta risoluzione e relativi file di georeferenziazione e orientamento - Rilievo aereo da elicottero con sistema camera ad infrarossi termica che permette l'identificazione della posizione degli scarichi, foto aeree digitali a colori ad alta risoluzione e relativi file di georeferenziazione e orientamento - Restituzione del modello tridimensionale della porzione di bacino scansita con posizionamento degli scarichi individuati Soggetto Responsabile Soggetti coinvolti Risorse e soggetto finanziatore Tempi previsti per l attuazione Mario Siro Marin, Fabio Maria Piemonti DG Reti e SPUSS, Regione Lombardia Regione Lombardia DG Reti e SPUSS Sedi Territoriali di RL IREALP ,00 Regione Lombardia DG Reti e SPUSS Agosto Dicembre 2010 Da agosto 2009 (predisposizione capitolato bando di gara) ad aprile 2010 (restituzione prodotti finali). E previsto anche un accompagnamento formativo a copertura di un arco temporale di 12 mesi (intero anno 2010) Risultati / prodotti attesi Mappa delle aste principali del bacino interattiva e interrogabile ottenuta dalla sovrapposizione di mappe ottenute dal rilievo su mappe esistenti e digitalizzate (es. mappe del catasto) IT O R A G Aggiornamento del Attività 1.3 9/116

11 Situazione / Scostamenti Scheda compilata da IREALP Tel Attività /116

12 ATTIVITA 1.4 u.p.a. OL-MILANO OL-AP2 Descrizione e sottoattività Soggetto Responsabile Soggetti coinvolti Indagine tratti tombinati in Comune di Milano L attività di indagine riguarda la mappatura e diagnosi della tratta tombinata del fiume Olona in comune di Milano da via Alighieri a Pero a Piazza Santa Maria Nascente a Milano, per una lunghezza complessiva pari a 6 km. Il lavoro di mappatura comprende le seguenti sottoattività: - raccolta e studio della documentazione disponibile su supporto informatico e su supporto cartaceo inerente il fiume Olona relativamente al tratto tombinato sopra individuato; - trasferimento dal supporto cartaceo al supporto informatico delle informazioni di cui al punto precedente; - omogeneizzazione dei formati e proiezioni geografiche dei file cartografici e integrazione con le informazioni precedentemente trasferite dal supporto cartaceo. L'attività di indagine prevede le seguenti fasi: - ricognizione dei punti di accesso - video ispezione del tratto tombinato Per entrambe le fasi si prevede di richiedere l assistenza dei competenti uffici del Comune di Milano nell attività di apertura di pozzetti situati in corrispondenza della viabilità (Ufficio di Polizia Locale) o di punti di accesso da rialzare o riportare in quota, quando posizionati al di sotto di marciapiedi o interrati negli spazi destinati a verde pubblico (Servizio Manutenzione Strade e Settore Tecnico Arredo Urbano e Verde). Verrà successivamente realizzata una ispezione, per complessivi 70 metri circa di tratto combinato, in corrispondenza dell accesso nel Fiume Olona del Rio Merlata, dal pozzetto di ingresso al Merlata sino all ingresso dello stesso nell Olona. Marco Parini DG Reti e SPUSS, Regione Lombardia REGIONE LOMBARDIA DG Reti e SPUSS IREALP Comune di Milano ATO Città di Milano / Metropolitana Milanese Attività /116

13 Risorse e soggetto finanziatore Tempi previsti per l attuazione Risultati / prodotti attesi MONITORAGGIO Aggiornamento del Situazione / Scostamenti Regione Lombardia DG Reti e SPUSS Luglio 2009 Marzo 2010 (Restituzione delle video ispezioni Gennaio 2010 Accesso e video ispezione al Rio Merlata Marzo 2010) Elaborazioni cartografiche e fotografiche dei tratti di Fiume indagato compatibili con il SIT Regionale e interrogabili con gli strumenti previsti dai sistemi di gestione del portale. Per il tratto di Rio Merlata verificato non sono previste restituzioni topografiche ma soltanto la video ispezione. Scheda compilata da Marco Parini, DG Reti e SPUSS Regione Lombardia, Assistenza Tecnica Progetti Infrastrutturali Tel Attività /116

14 ATTIVITA 1.5 u.p.a. OL-CM OLBL-CM OLB-AP1 OL- AP1 OL-AP2 Descrizione e sottoattività Attività di verifica stato degli impianti di depurazione e pianificazione opere da eseguire prioritariamente sugli impianti e analisi di dettaglio sistema di drenaggio urbano del sottobacino del Bozzente L attività di ricognizione delle opere di depurazione nel bacino idrografico del Fiume Olona e Seveso, finalizzata alla pianificazione degli interventi è così articolata: 1. Campagna di rilievo di 11 depuratori secondo le seguenti modalità: - Identificazione e localizzazione degli impianti oggetto del rilievo; - Lista dei referenti da contattare per l organizzazione dei sopralluoghi; - Programmazione dell attività di ricognizione; - Acquisizione preliminare di dati tecnici, planimetrie e schemi funzionali già disponibili. Per ognuno dei depuratori si prevedono in particolare le seguenti attività: o Attività propedeutiche di rilievo o Rilievo impiantistico o Report sullo stato degli impianti 2. Pianificazione degli interventi sugli impianti di depurazione, sulla base dei risultati dell attività di ricognizione, attraverso il seguente schema: - Definizione della strategia di intervento - Stima dei fabbisogni depurativi - Analisi dei progetti esistenti - Definizione dei progetti di intervento - Stima dei costi di investimento - Cronoprogramma degli interventi - Report relativo al il piano degli interventi Elenco depuratori verificati nel bacino idrografico dell Olona: o Olgiate Olona o Varese Olona Attività /116

15 o Origgio o Cairate o Cantello o Viggiù Saltrio o Viggiù Bevera o Caronno Pertusella o Pero o Canegrate o Parabiago Sono inoltre stati verificati 4 ulteriori impianti in provincia di Como, per i quali si è fatto riferimento al piano degli interventi del comparto depurativo definito da Regione Lombardia nell ambito dell attività di redazione del Piano d Ambito Pilota dell ATO della Provincia di Como : o Bulgarograsso o Cagno o Castelnuovo Bozzente o Limido Comasco 3. Progetto Pilota Torrente Bozzente, finalizzato alla pianificazione degli interventi sulle reti fognarie e sugli sfioratori che ricadono nel bacino idrografico del Torrente Bozzente per il raggiungimento degli obiettivi di qualità previsti nel PTA della Regione Lombardia e articolato nelle seguenti fasi: - Fase preliminare di raccolta dati - Indagine di campo sfioratori - Studio di fattibilità interventi bacino Torrente Bozzente Soggetto Responsabile Soggetti coinvolti Mila Campanini, Laura Anna Corbetta DG Reti e SPUSS, Regione Lombardia Regione Lombardia DG Reti e SPUSS AICOM Engineering Systems IREALP Province di Como, Varese e Milano ATO di Como, Varese e Milano Soggetti Gestori: Lura Ambiente SpA, Sogeiva SpA, IANOMI SpA e Comune di Viggiù Attività /116

16 Risorse e soggetto finanziatore Regione Lombardia DG Reti e SPUSS Tempi previsti per l attuazione Gennaio 2008 Giugno 2010 Risultati / prodotti attesi Elaborazioni di rapporti in formato cartaceo e digitale Relativamente ai depuratori verificati nel bacino idrografico dell Olona in provincia di Varese: - Rapporto Fase 1 contenente tutte le informazioni relative alla campagna di rilievo: dati generali, comparti di trattamento, quantità e qualità delle acque allo scarico, stato di conservazione e funzionalità, considerazioni conclusive, documentazione fotografica, scheda tecnica dell impianto. - Rapporto Fase 2 contenente i dati relativi alla pianificazione degli interventi sugli impianti di depurazione: definizione delle strategie di intervento, stima dei fabbisogni depurativi, progetti esistenti, valutazione critica degli interventi proposti, interventi proposti pe conseguire gli obiettivi di qualità allo scarico conformi al Regolamento Regionale N 3/2006, interventi proposti per il periodo di pianificazione , quadro economico di sintesi Relativamente ai depuratori di Pero, Canegrate e Parabiago: - Rapporto Fase 1 contenente tutte le informazioni relative alla campagna sullo stato di fatto degli impianti di depurazione: dati generali, comparti di trattamento, quantità e qualità delle acque allo scarico, conclusioni. - Rapporto Fase 2 contenente i dati relativi alla pianificazione degli interventi sugli impianti di depurazione: definizione delle strategie di intervento, stima dei fabbisogni depurativi, interventi proposti per il periodo di pianificazione , quadro di sintesi e priorità di intervento Relativamente a tutti i depuratori verificati nei bacini idrografici del Fiume Olona: - Rapporto Fase 3 contenente la sintesi degli interventi previsti sugli impianti di depurazione relativamente a: strategie e agli obiettivi della pianificazione, scenario impiantistico attuale e criticità, definizione delle priorità di intervento, scenari impiantistici futuri a breve e lungo termine, piano degli interventi, crono programma degli interventi - Allegato 1: Approfondimento tecnico sugli 8 depuratori appartenenti alla Provincia di Varese e che ricadono nel bacino del Fiume Olona: Caronno Pertusella, Olgiate Olona, Varese Olona, Origgio, Cairate, Cantello, Viggiù Saltrio, Viggù Bevera Relativamente al Progetto Pilota Torrente Bozzente gli studi acquisiti nella fase preliminare di raccolta dei dati saranno analizzati al fine di ricavare tutte le informazioni ed i Attività /116

17 parametri tecnici necessari per la pianificazione degli interventi del sistema fognario e depurativo nel territorio oggetto di studio ed in particolare: - Stima del fabbisogno fognario e depurativo attuale e futuro - Stima dei parametri idrologici e dei carichi inquinanti - Individuazione delle criticità attuali e future Ciò consentirà di definire un elenco preliminare delle tipologie di interventi da prevedere nel territorio oggetto di studio. MONITORAGGIO Aggiornamento del Situazione / Scostamenti Scheda compilata da Laura Anna Corbetta, Regione Lombardia DG Reti e SPUSS Tel Attività /116

18 ATTIVITA 1.6 amiti vallivi OLONA e LAMBRO MERIDIONALE u.p.a. OL-CM OLL-AP1 OL-AP1 OL- AP2 LM-AP1 Descrizione e sottoattività Monitoraggio attuazione interventi previsti dai Piani Stralcio ed inseriti nel primo programma d azione L attività prevede il monitoraggio dello stato di avanzamento lavori degli interventi finanziati per gli Ambiti Territoriali Ottimali delle Province di Varese, Como e Milano Provincia di cui alle tabelle allegate. Soggetto Responsabile Soggetti coinvolti Risorse e soggetto finanziatore Tempi previsti per l attuazione MONITORAGGIO Aggiornamento del Situazione / Scostamenti Laura Rossi DG Reti e SPUSS, Regione Lombardia ATO di Milano Provincia, Varese e Como Soggetti gestori: Lura Ambiente Spa, Consorzio Nord Milano, Consorzio volontario per la Tutela il Risanamento e la Salvaguardia delle Acque del Fiume Olona La presente attività di monitoraggio riguarda la realizzazione di opere così finanziate all interno dell APQ Tutela delle Acque e gestione integrata delle Risorse idriche : ,07 Regione Lombardia ,00 ATO di Como ,00 ATO di Varese ,36 ATO di Milano Provincia Differente per ogni intervento. Si prevede un aggiornamento di SAL ogni 6 mesi Scheda compilata da Laura Rossi, DG Reti e SPUSS Regione Lombardia, UO Adeguamento Infrastrutture Tel Attività /116

19 INTERVENTI FINANZIATI NEL BACINO DELL OLONA: ATO COMO Finanziamento Soggetto attuatore Denominazione intervento Costo dell opera Contributo Cofinanziamento Stato Avanzamento Giugno ª fase AdPQ Cagno Adeguamento funzionale impianto di depurazione 2 lotto , , ,00 Entrata in funzione in data 13/01/2007 3ª fase AdPQ Cagno Realizzazione fognatura località Rocca di Sotto , , ,00 Entrata in funzione in data 14/04/2006 3ª fase AdPQ Lura Ambiente S.P.A. Adeguamento dorsale di Via Patrioti in Comune di Guanzate - Lura Ambiente S.p.A , , ,00 Entrata in funzione in data 15/08/ ª fase AdPQ Lura Ambiente S.P.A. Adeguamento tratto fognario Via Monte Bianco, Via Lombardia, 1 lotto in Comune di Lomazzo - Lura Ambiente S.p.A , , ,00 Data prevista di entrata in funzione dell'intervento 28/02/2010 3ª fase AdPQ Lura Ambiente S.P.A. Potenziamento tratto fognario Via don Ballabio in Comune di Rovello Porro - Lura Ambiente S.p.A , , ,00 Data prevista di entrata in funzione 30/11/2009. TOTALI COMPLESSIVI , , ,00 RISORSE ATTUALMENTE IN CORSO DI UTILIZZAZIONE , ,00 Attività /116

20 INTERVENTI FINANZIATI NEL BACINO DELL OLONA: ATO MILANO PROVINCIA Finanziamento Soggetto attuatore Denominazione intervento Costo dell opera Contributo Cofinanziamento Stato Avanzamento Giugno ª fase AdPQ Consorzio Nord Milano Completamento impianto di Pero (2ª linea 2 stralcio) , , ,00 Esecuzione lavori 3ª fase AdPQ Consorzio Nord Milano Collettore Asta Lura 3 lotto (Terrazzano Lainate) , , ,38 Progettazione esecutiva 3ª fase AdPQ Consorzio Nord Milano Collettore Asta Lura 4 lotto (RHO) , , ,09 In corso di aggiudicazione dei lavori 3ª fase AdPQ Cerro Maggiore Cons. Nord Milano Collettore di Canegrate Cerro Maggiore , , ,81 Esecuzione lavori L. 183/89 Consorzio Nord Milano Collettore E C 1 stralcio in comune di RHO , , ,08 Sostituito dall intervento collettore asta Lura - 2 lotto - (importo di Euro ) che è stato completato L. 183/89 Consorzio Nord Milano Costruzione collettore tra i comuni di Solaro e Cesate , ,45 0,00 Entrata in funzione TOTALI COMPLESSIVI , , ,36 RISORSE ATTUALMENTE IN CORSO DI UTILIZZAZIONE , ,36 Attività /116

21 INTERVENTI FINANZIATI NEL BACINO DELL OLONA: ATO VARESE Finanziamento Soggetto attuatore Denominazione intervento Costo dell opera Contributo Cofinanziamento Stato Avanzamento Giugno 2009 L. 135/97 L. 183/89 1ª e 3ª fase AdPQ Consorzio volontario per la Tutela il Risanamento e la Salvaguardia delle Acque del Fiume Olona Impianto di depurazione di Gornate Olona , , ,34 Fine lavori 02/07/2009. Data prevista di entrata in funzione del impianto 31/12/2009 3ª fase AdPQ Consorzio volontario per la Tutela il Risanamento e la Salvaguardia delle Acque del Fiume Olona Impianto di depurazione consortile del Pravaccio Varese , , ,00 Esecuzione lavori 3ª fase AdPQ Lura Ambiente S.P.A. Interventi di adeguamento impianto di depurazione di Caronno Pertusella (1 lotto) , , ,00 Data di entrata in funzione 30/11/2008 TOTALI COMPLESSIVI , , ,34 RISORSE ATTUALMENTE IN CORSO DI UTILIZZAZIONE , ,00 Attività /116

22 ATTIVITA 1.7 u.p.a. OL-AP2 OL-AP1 OLBL-CM OLL- AP1 Realizzazione nuovi interventi sistemi di collettamento e depurazione già definiti Si prevede la realizzazione delle seguenti opere a cura dei soggetti di seguito indicati: a) Collettamento Rho-Lainate (IANOMI SpA ATO Provincia Milano Comuni di Rho e Lainate) b) Collettamento agglomerato Gornate Olona (Società Tutela Ambientale Bacino Fiume Olona SpA ATO Varese Comuni dell agglomerato) Descrizione e sottoattività c) Impianto Depurazione di Bulgarograsso (Alto Lura srl ATO Como Comuni dell agglomerato) Soggetto Responsabile Soggetti coinvolti Risorse e soggetto finanziatore d) impianto di depurazione di Caronno Pertusella (Lura Ambiente SpA ATO Varese Comuni dell agglomerato) e) Realizzazione di vasca di prima pioggia e sistemazione area drenante nell ambito del collettamento di Vanzago (IANOMI SpA ATO Provincia Milano Comune di Vanzago) Mila Campanini, Laura Anna Corbetta DG Reti e SPUSS, Regione Lombardia ATO di Milano Provincia, Como e Varese Province di Milano, Como e Varese Soggetti gestori: IANOMI SpA, Società Tutela Ambientale Fiume Olona SpA, Lura Ambiente SpA, Alto Lura srl Comuni interessati Si veda il dettaglio delle schede successive Tempi previsti per l attuazione Settembre 2009 Dicembre 2013 MONITO RAGGIO Aggiornamento del Situazione / Scostamenti Scheda compilata da Laura Anna Corbetta, Regione Lombardia DG Reti e SPUSS Tel Attività /116

23 ATTIVITA 1.7a u.p.a. OL-AP2 Collettamento Rho-Lainate L intervento prevede la realizzazione di un sistema di collettori e opere idrauliche connesse, finalizzato all intercettazione degli scarichi che insistono nei torrenti Lura e Bozzente, nei comuni di Rho e Lainate, ed al convogliamento all impianto di depurazione consortile di Pero dei reflui provenienti dal bacino urbano in esame ed alla regimazione delle acque meteoriche drenate dagli stessi bacini, in conformità alle indicazioni del PRRA. Descrizione e sottoattività a) Eliminazione scarichi dal Bozzente e dal Lura nei comuni di Rho e Lainate: il sistema di collettamento del Lura rappresenta il risultato di un riassetto di precedenti previsioni di intervento che sono state aggiornate in conseguenza dei notevoli mutamenti urbanistici determinati dalla scelta di insediare il Nuovo Polo Fieristico nelle aree dell ex raffineria AGIP di Rho. In particolare, i presenti progetti sono integrati in un programma di interventi notevolmente estesi che prevedono la realizzazione del citato sistema di collettamento con una rete che dal recapito nell esistente ramo terminale, nei pressi del confine fra Milano e Pero, si snoda verso nord-ovest, intercettando gli scarichi fognari di Mazzo, Terrazzano e Passirana in comune di Rho, di tutto il capoluogo di Lainate esclusa Barbaiana, di parte di Garbatola e S. Ilario di Nerviano. L intervento è suddiviso in 2 lotti rispettivamente di lunghezza: m (4 lotto) e m (3 lotto). b) Collettore di intercettazione degli scarichi in Bozzente in comune di Rho: allo stato attuale il Bozzente, lungo il suo corso, raccoglie le acque civili dei comuni del milanese che attraversa e le recapita nel fiume Olona. Ciò che ne risulta è una compromissione della qualità delle acque del torrente stesso e del corpo idrico ricettore. I.A.No.Mi SpA ha provveduto alla progettazione del collettore Asta Lura, che avrà lo scopo di raccogliere le acque nere dei comuni a monte di Rho, attualmente scaricate nel Bozzente, per convogliarle all impianto di depurazione di Pero. I.A.No.Mi Spa ha in programma la progettazione di un collettore di lunghezza m per l intercettazione degli scarichi in Bozzente in comune di Rho che, a seguito della realizzazione del collettore, rimarrebbero quali unici scarichi di acque nere nel Bozzente. Soggetto Responsabile Soggetti coinvolti IANOMI SpA Regione Lombardia DG Territorio e Urbanistica Regione Lombardia DG Agricoltura Attività /116

24 Risorse e soggetto finanziatore AIPO Provincia di Milano Comuni di Rho e Lainate Amiacque srl ATO di Milano Provincia Tempi previsti per l attuazione Gennaio 2010 Giugno 2012 Risultati / prodotti attesi MONITORAGGIO Aggiornamento del Situazione / Scostamenti ATO Provincia di Milano così suddivisi: (4 lotto) (3 lotto) ATO P rovincia di Milano (intervento a) ATO Provincia di Milano (intervento b) Completamento del sistema di collettamento Scheda compilata da Geom. Battista Cucchi, IANOMI SpA Tel Attività /116

25 ATTIVITA 1.7b u.p.a. OL-AP1 OLB-AP1 OL-CM Descrizione e sottoattività Collettamento agglomerato Gornate Olona L attività è dettagliata come segue: lavori di completamento del collettore Solbiate Comasco Lozza con sigillatura del collettore esistente e posa del nuovo collettore Solbiate Lozza sigillatura del collettore esistente tratta Castiglione Olona Lozza sistemazione tratta collettore esistente Quadronna realizzazione del collettore intercomunale Lozza Varese Soggetto Responsabile realizzazione collettore intercomunale Venegono Inferiore Gornate Olona Società per la Tutela Ambientale del Bacino del Fiume Olona Soggetti coinvolti Risorse e soggetto finanziatore Tempi previsti per l attuazione Gennaio 2010 Dicembre 2010 Risultati / prodotti attesi ATO Provincia di Varese Comuni di Gornate Olona, Binago, Castiglione Olona, Gazzada-Schianno, Lozza, Malnate, Solbiate Comasco, Varese, Vedano Olona, Venegono Inferiore e Venegono Superiore La presente attività riguarda la realizzazione di opere finanziate all interno dell APQ Tutela delle Acque e gestione integrata delle Risorse idriche : ,88 Regione Lombardia ,12 Società Tutela Ambientale del Bacino del Fiume Olona ,00 Comuni attuatori Completamento del sistema di collettamento MONITORAGGI O Aggiornamento del Situazione / Scostamenti Scheda compilata da SOCIETA' PER LA TUTELA AMBIENTALE DEL BACINO DEL FIUME OLONA IN PROVINCIA DI VARESE S.p.A. Tel Attività /116

26 ATTIVITA 1.7c u.p.a. OLBL-CM Impianto di depurazione di Bulgarograsso L attività si articola nelle seguenti fasi: Riscatto impianto In data è stato sancito il diritto di ALTO LURA srl ad ottenere la devoluzione dell impianto a fronte del pagamento del suo valore industriale residuo ( ) Contestualmente si è stabilito che il fondo rinnovamento impianti ( accantonatio dal gestore Lariana Depur SpA), deve seguire l impianto. I tempi tecnici per il riscatto dell impianto si aggirano, presumibilmente, tra la fine dell anno 2009 e il primo trimestre Intervento di potenziamento e adeguamento ALTO LURA srl ha predisposto una progettazione preliminare dal titolo Opere di ampliamento dell impianto di Bulgarograsso (costo omnicomprensivo di ,00). I tempi stimati sono i seguenti: un anno per la progettazione definitiva-esecutiva, tre anni per i lavori. I fondi per l esecuzione di tali opere non sono a oggi nelle disponibilità di ALTO LURA srl Descrizione e sottoattività Ristrutturazione reti di collettamento e sfioratori : 1. Lavori di realizzazione di un tratto di fognatura consortile in zona Somaino Casletto nei territori dei Comuni di Olgiate Comasco e Beregazzo con Figliaro e rifacimento di un tratto di 360 mt. di collettore. Progettazione esecutiva del giugno 2008 con previsione di spesa ,00. Trattasi di Accordo di programma tra ALTO LURA srl e i Comuni di Olgiate Comasco e Beregazzo con Figliaro. Attualmente in stand-by, anche se già finanziato, a causa la particolare situazione economica attuale e della necessità di dare priorità al riscatto dell impianto di depurazione. 2. Lavori di rifacimento condotte zona nord. Progettazione definitiva del 2005, per il rifacimento di 10 Km di collettore, la realizzazione di 3 scolmatori e di 3 vasche di prima pioggia con previsione di spesa pari a ,00. Trattasi dell intero rifacimento del comparto di Olgiate Comasco. 3. Opere di sistemazione idraulica del Torrente Lura in Comune di Bulgarograsso. Progettazione definitiva anno 2009 con previsione di spesa: ,00 per lavori. Si tratta del progetto che ha partecipato al recente bando regionale di riqualificazione. 4. Lavori di ristrutturazione di alcuni scolmatori di piena lotto 1. Progettazione esecutiva anno Rifacimento di scolmatori in Comune di Lurate Caccivio e Bulgarograsso, con previsione di spesa pari a ,00. Attività /116

27 Soggetti coinvolti Risorse e soggetto finanziatore Risorse da reperire 5. Lavori di ristrutturazione di alcuni scolmatori di piena lotto 2. Progettazione esecutiva anno Rifacimento di scolmatori in Comune di Beregazzo con Figliaro e Lurate Caccivio con previsione di spesa pari a , Interventi di riqualificazione e sistemazione idraulico forestale nei comuni dei PLIS Sorgenti del Lura. Progettazione definitiva finanziato da Regione Lombardia nell ambito del recente bando, prevede la realizzazione di un nuovo scolmatore in Gironico, nonché la realizzazione di un impianto di fitodepurazione per affinamento delle acqua di scarico. ALTO LURA srl si rende sin d ora disponibile a mettere a disposizione tutte le informazioni di cui è in possesso, in particolare volumi delle aziende che scaricano nel collettore, analisi sulla rete e sulle aziende, valutazioni e studi selle misure di portata. Alto Lura srl ATO di Como Comuni di Beregazzo con Figliaro, Bulgarograsso, Gironico, Lurate Caccivio, Olgiate Comasco, Oltrona San Mamette, Parè, Solbiate, Villa Guardia Alto Lura srl per riscatto impianto per ampliamento impianto per ristrutturazione reti e scolmatori Tempi previsti per l attuazione Settembre 2009 Dicembre 2013 Risultati / prodotti attesi MONITORAGGI O Aggiornamento del Situazione / Scostamenti Realizzazione di un impianto più efficiente con miglioramento delle acque allo scarico Scheda compilata da P.i.e. Fulvio Macor, tecnico, ALTO LURA S.r.l. Tel Attività /116

28 ATTIVITA 1.7d ambiti vallivi OLONA LURA e SEVESO u.p.a. OLL-AP1 S-AP1 Descrizione e sottoattività Impianto di depurazione di Caronno Pertusella Tra gli interventi significativi previsti sull impianto nel breve periodo c è la realizzazione dell impianto di essiccamento termico dei fanghi che consentirà la riduzione da circa ton/a di fango al 25% di secco attuali a circa 1500 ton/a di fango al 90% di secc Soggetto Responsabile Soggetti coinvolti Risorse e soggetto finanziatore Lura Ambiente SpA ATO Provincia di Varese Comuni di Caronno Pertusella, Saronno, Rovello Porro, Rovellasca, Bregnano, Lomazzo, Cermenate, Cadorago, Guanzate contributo di Lura Ambiente SpA Tempi previsti per l attuazione Gennaio 2010 Dicembre 2013 Risultati / prodotti attesi MONITORAGGIO Aggiornamento del Situazione / Scostamenti Trattamenti per la riduzione dei fanghi di risulta Scheda compilata da Geom. Daniele Vanini, Lura Ambiente SpA Tel 02 / Attività /116

29 ATTIVITA 1.7e u.p.a. OL-AP2 Realizzazione di vasca di prima pioggia e sistemazione area drenante nell ambito del collettamento di Vanzago Il territorio del Comune di Vanzago è sprovvisto di un corso d acqua superficiale nel quale recapitare le acque di pioggia. Pur incluso nel bacino del fiume Olona, l abitato in argomento si trova a ragguardevole distanza dal corso d acqua. Dal 1999 il Comune ha aderito al servizio di collettamento e depurazione di I.A.No.Mi., che ha realizzato il collettore di magra per l adduzione al depuratore di Pero delle acque nere e di prima pioggia. Ad oggi tuttavia rimane irrisolto il problema della gestione delle acque bianche, attualmente inviate a recapito nel sottosuolo in loco con soluzione però insufficiente. Descrizione e sottoattività Il progetto di realizzazione di una Vasca Volano in Comune di Vanzago ha, quindi, per oggetto l analisi della problematica inerente lo smaltimento delle acque meteoriche dell ambito urbano di Vanzago capoluogo. La soluzione individuata è la realizzazione di una vasca impermeabilizzata destinata a raccogliere le acque di pioggia, secondo le indicazioni del P.R.R.A. e di una vasca disperdente, ottenuta per ampliamento dell esistente, destinata a ricevere e smaltire per infiltrazione nel terreno il volume raccolto. Soggetto Responsabile Soggetti coinvolti Risorse e soggetto finanziatore --- Allo scopo è stato ottenuto parere favorevole a scaricare le acque meteoriche nel C.S.N.O, dalla Provincia di Milano. I.A.No.Mi SpA Risorse da reperire Regione Lombardia DG Territorio e Urbanistica Regione Lombardia DG Agricoltura AIPO Provincia di Milano Comune di Vanzago Amiacque srl ATO di Milano Provincia Tempi previsti per l attuazione Gennaio 2010 Gennaio 2012 Attività /116

30 Risultati / prodotti attesi Corretto smaltimento delle acque meteoriche MONITORAGGIO Aggiornamento del Situazione / Scostamenti Scheda compilata da Geom. Battista Cucchi, IANOMI SpA Tel Attività /116

31 Azione n. 2 AZIONE ambito vallivo OLONA Politica cui l azione concorre Obiettivi DEFINIZIONE, CO-PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE E DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO Tutela dei corpi idrici e sicurezza idraulica Riduzione dell inquinamento Mitigazione del rischio idraulico Riqualificazione fluviale Obiettivi rispetto al contenimento dei potenziali fenomeni di degrado (rif. PTPR Parte IV Indirizzi di tutela) Dissesti idrogeologici Pressione antropica Utilizzo agricoltura e zootecnia Abbandono e dismissione Criticità ambientali 1. Realizzazione interventi vincitori del Bando per interventi di riqualificazione fluviale e altri finanziati con differenti strumenti 2. Definizione e co-progettazione di un quadro di riqualificazione del bacino e individuazione programma degli interventi prioritari Attività 3. Individuazione e realizzazione interventi di difesa idraulica contenuti nell AdP Area Metropolitana Milanese e loro coordinamento con gli interventi di riqualificazione fluviale 4. Definizione di regole e limiti quantitativi per gli scarichi in corpo idrico superficiale 5. Realizzazione sistema di monitoraggio e preannuncio piene sistema idraulico Nord Milano 6. Monitoraggio attuazione interventi di difesa del suolo previsti dal primo programma d azione 7. Definizione di quadro di prelievi in atto e limiti di sostenibilità dell uso della risorsa Risultati attesi Criticità attese 8. Sistemazione idraulica e valorizzazione del ramo Valganna dell Olona Miglioramento della qualità delle acque e rinaturalizzazione dei fiumi Riduzione del rischio idraulico Coordinamento pluralità soggetti coinvolti Reperimento risorse per il finanziamento delle opere Risorse complessive ,60 Soggetto coordinatore dell azione Regione Lombardia - D.G. Territorio e Urbanistica Dario Fossati 30/116

32 ATTIVITA 2.1 u.p.a. OLBL-CM OLB-AP1 OLL-AP1 OL- AP1 OL-AP2 Realizzazione interventi vincitori del Bando per interventi di riqualificazione fluviale e altri finanziati con differenti strumenti L attività prevede la realizzazione dei seguenti interventi finanziati dal bando nell ambito del Contratto di Fiume Olona: a) Interventi di riqualificazione e sistemazione idraulico forestale nei comuni del PLIS- Sorgenti del Torrente Lura; proponente: PLIS Sorgenti del Lura (si veda azione 4). b) Sistema naturale di depurazione e laminazione delle acque di sfioro della rete fognaria comunale; proponente: Comune di Gorla Maggiore c) Sperimentazione di modelli progettuali-tipo per la riqualificazione fluviale: il caso del fiume Olona a Nerviano; proponente: Comune di Nerviano Descrizione e sottoattività d) Lavori di riqualificazione e rinaturazione fluviale del torrente Fontanile nel comune di Tradate; proponente: Comune di Tradate e) Rinaturalizzazione dell alveo fluviale del Torrente Quadronna nonché relative sponde e fasce di pertinenza fluviale; proponente: Comune di Vedano Olona (Società Tutela Ambientale Fiume Olona) f) Progetto per interventi di miglioramento delle condizioni di sicurezza idraulica di qualità paesaggistico ambientale e valorizzazione dell ambito fluviale di pertinenza del Torrente Lura; proponente: Consorzio Parco Valle del Lura (si veda azione 4). g) Sistemazione del torrente Fontanile in Comune di Gorla Minore Soggetto Responsabile Soggetti coinvolti Risorse e soggetto finanziatore Enrico Sciesa DG Territorio e Urbanistica, Regione Lombardia Soggetti proponenti delle iniziative progettuali Regione Lombardia DG Reti e SPUSS contributo assegnato da Regione Lombardia ,39 cofinanziamento a cura dei Proponenti Attività /116

33 Tempi previsti per l attuazione Risultati attesi MONITORAGGIO Aggiornamento del Situazione / Scostamenti Variabile, a seconda degli interventi Si veda in seguito il dettaglio Realizzazione degli interventi con conseguente rinaturalizzazione del fiume e riqualificazione ambientale e forestale del territorio, miglioramento della qualità delle acque e mitigazione del rischio idraulico Scheda compilata da Enrico Sciesa, DG Territorio e Urbanistica Conoscenza per la difesa idrogeologica del territorio Tel Attività /116

34 ATTIVITA 2.1a u.p.a. OLBL-CM Descrizione e sottoattività Interventi di riqualificazione e sistemazione idraulico forestale nei comuni del PLIS- Sorgenti del Torrente Lura Bando di Riqualificazione Fluviale 2009 Il presente progetto presenta due interventi che aprono la via al percorso di riqualificazione locale con ottica di bacino nei Comuni di Lurate Caccivio e Gironico: Lurate Caccivio con la realizzazione di intervento di riduzione dei colmi di piena a valle di Lurate Caccivio mediante la formazione di una zona golenale attrezzata presso l area a sud del cimitero di Caccivio. Gli elementi principali del progetto sono: - una depressione naturale del terreno, che costituisce un primo comparto a cielo aperto - un laghetto permanente che costituisce un secondo comparto a cielo aperto separato dal primo tramite una soglia sfiorante lungo tutto il perimetro - ricollocazione del terreno movimentato a formare una lieve ondulazione che funga da elemento di base per l impianto di specie vegetali ed i camminamenti e da elemento di sicurezza rispetto ai livelli di esondazione del torrente Lura. Gironico con un intervento di miglioramento della qualità delle acque ed incremento delle quantità di deflusso mediante razionalizzazione del manufatto scolmatore sul collettore proveniente dai Comuni di Gironico e Parè. Gli elementi principali del progetto sono: - una vasca di prima pioggia totalmente interrata; - una modestissima depressione del terreno, che costituisce un primo comparto a cielo aperto di estensione complessiva pari a circa mq, costituente, in via ordinaria, un area di laminazione delle seconde piogge effluenti dal collettamento intercomunale proveniente dai Comuni di Gironico e Paré con finalità di alimentazione di subordine dell impianto di fitodepurazione realizzato nella porzione meridionale dell intervento e, tramite un opportuna derivazione dal corpo d acqua, in via straordinaria, un ulteriore laminazione del torrente Lura - un manto vegetale senza significative alterazione delle quote dello stato attuale destinato allarealizzazione di un sistema di fitodepurazione (impianto di tipo H-SSF) per l affinamento delle acque di prima e seconda pioggia derivate dal collettore consortile Soggetto Responsabile Soggetti coinvolti PLIS Sorgenti del Torrente Lura Regione Lombardia DG Territorio e Urbanistica Regione Lombardia DG Reti e SPUSS Comuni di Cadorago, Rovello Porro, Caronno Pertusella Attività /116

35 Alto Lura srl Comuni di Lurate Caccivio e Gironico Risorse e soggetto finanziatore ,00 contributo assegnato da Regione Lombardia ,00 cofinanziamento a cura del PLIS Sorgenti del Torrente Lura Tempi previsti per l attuazione Ottobre 2009 Giugno 2011 Risultati attesi Riqualificazione ambientale e miglioramento della qualità delle acque MONITORAGGIO Aggiornamento del Situazione / Scostamenti Scheda compilata da Enrico Sciesa, DG Territorio e Urbanistica Conoscenza per la difesa idrogeologica del territorio Tel Attività /116

36 ATTIVITA 2.1b u.p.a. OL-AP1 Descrizione e sottoattività Sistema naturale di depurazione e laminazione delle acque di sfioro della rete fognaria comunale del Comune di Gorla Maggiore Bando di Riqualificazione Fluviale 2009 Nell ambito dello studio AdBPO Regione Lombardia mirato alla valutazione dell applicabilità di tecniche di depurazione naturale per la riduzione degli impatti provocati dagli scolmatori delle reti fognarie miste, Gorla Maggiore è stato individuato come uno dei 3 siti pilota dove prevedere interventi di depurazione naturale con una logica di progettazione partecipata. L intervento proposto interessa uno sfioratore fognario situato lungo il fiume Olona nel comune di Gorla, individuato in base a criteri specifici quali l effettiva fattibilità dell intervento, la disponibilità di aree, i benefici attesi sul corpo idrico recettore, l idoneità alla realizzazione di interventi multifunzionali. La parte del progetto di riqualificazione e sistemazione del verde ricade anche nel comune di Fagnano Olona. Si prevede un sistema di fitodepurazione in grado di depurare sia le acque di prima pioggia tramite un sistema a flusso sommerso, sia quelle di seconda pioggia tramite un sistema a flusso libero, inserito all interno di una vasca volano in terra; quest ultima, in caso di eventi meteorici intensi, permette la laminazione dei picchi di piena generati dalla fognatura restituendo al fiume Olona una portata inferiore mentre l acqua depurata viene restituita al corpo idrico più a valle. L intervento si configura come un area verde in grado di ospitare iniziative per la fruizione e la didattica compatibili con le funzioni naturalistiche e ambientali. Soggetto Responsabile Soggetti coinvolti Risorse e soggetto finanziatore Comune di Gorla Maggiore Regione Lombardia DG Territorio e Urbanistica Regione Lombardia DG Reti e SPUSS Comune di Fagnano Olona Tempi previsti per l attuazione Ottobre 2009 Gennaio 2011 Risultati attesi IT O R A G Aggiornamento del ,00 contributo assegnato da Regione Lombardia ,39 cofinanziamento a cura del Comune di Gorla Maggiore Miglioramento della qualità delle acqua e valorizzazione fruitiva del territorio Attività /116

La politica regionale per la sicurezza idraulica e la riqualificazione paesaggistico - ambientale dei corsi d acqua del nord milano

La politica regionale per la sicurezza idraulica e la riqualificazione paesaggistico - ambientale dei corsi d acqua del nord milano La politica regionale per la sicurezza idraulica e la riqualificazione paesaggistico - ambientale dei corsi d acqua del nord milano D. Fossati U.O. Difesa del suolo Dalle esondazioni alla sicurezza idraulica

Dettagli

Coordinamento Contratti di Fiume e accordo di programma, tutela idraulica e riqualificazione fluviale area milanese

Coordinamento Contratti di Fiume e accordo di programma, tutela idraulica e riqualificazione fluviale area milanese Coordinamento Contratti di Fiume e accordo di programma, tutela idraulica e riqualificazione fluviale area milanese a cura di Dario Fossati U.O. Tutela e Valorizzazione Territorio Accordo di Programma

Dettagli

Indagine sui carichi inquinanti e relativi impatti sulle acque nei bacini Olona, Seveso, Lambro e Mella

Indagine sui carichi inquinanti e relativi impatti sulle acque nei bacini Olona, Seveso, Lambro e Mella Workshop CONTRATTI DI FIUME 12 giugno 2009 Indagine sui carichi inquinanti e relativi impatti sulle acque nei bacini Olona, Seveso, Lambro e Mella ARPA Lombardia Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia

Dettagli

PERCORSO PARTECIPATIVO AREE DI LAMINAZIONE BREGNANO-LOMAZZO

PERCORSO PARTECIPATIVO AREE DI LAMINAZIONE BREGNANO-LOMAZZO PERCORSO PARTECIPATIVO AREE DI LAMINAZIONE BREGNANO-LOMAZZO Le politiche di bacino ed il contesto nel quale si colloca l intervento di laminazione di Bregnano-Lomazzo Dario Fossati Regione Lombardia DG

Dettagli

Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive

Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive Sergio Canobbio Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive Caronno P., 09-04 04-2010 La problematica Ambientale ALTERAZIONI: 1. QUALITA DELL ACQUA 1 3 2. REGIME IDRAULICO 3. MORFOLOGIA DELL AMBIENTE

Dettagli

Il bacino imbrifero ALTO LURA. Informazioni sul territorio gravante sull impianto centralizzato di depurazione di Bulgarograsso

Il bacino imbrifero ALTO LURA. Informazioni sul territorio gravante sull impianto centralizzato di depurazione di Bulgarograsso Il bacino imbrifero ALTO LURA Informazioni sul territorio gravante sull impianto centralizzato di depurazione di Bulgarograsso ALTO LURA S.r.l. Alto Lura S.r.l., ex Consorzio per la raccolta e la depurazione

Dettagli

Contratto di Fiume SEVESO. Programma d Azione 2010

Contratto di Fiume SEVESO. Programma d Azione 2010 Contratto di Fiume SEVESO Programma d Azione 2010 I N D I C E AZIONE 1 CARATTERIZZAZIONE DEI CARICHI INQUINANTI E MIGLIORAMENTO DELLE ACQUE DEL BACINO... 2 1.1 Completamento del quadro conoscitivo sui

Dettagli

Organismo di Sorveglianza. Milano, 25giugno 2014

Organismo di Sorveglianza. Milano, 25giugno 2014 Organismo di Sorveglianza Milano, 25giugno 2014 PAR-FSC 2007-2013 Linea di azione 1.4.1 Infrastrutture e tecnologie per la sicurezza idraulica (priorità per la messa in sicurezza dell area Expo, con valorizzazione

Dettagli

Riepilogo documentazione

Riepilogo documentazione RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE - MODELLO AR9 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER SCARICHI PROVENIENTI DA IMPIANTI DI DEPURAZIONE DI ACQUE REFLUE URBANE, SFIORATORI IN TESTA ALL IMPIANTO, BY-PASS GENERALI E

Dettagli

EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE

EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE Maurizio Brown Si sviluppa a partire dalla seconda metà del XIX secolo

Dettagli

Progetto Definitivo Rev. Novembre 2013

Progetto Definitivo Rev. Novembre 2013 Accordo di Programma tra Ministero della Tutela del Territorio e del Mare e Regione Lombardia per la mitigazione del rischio idrogeologico Convenzione per la progettazione e realizzazione dell intervento

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1905 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROPOSTA DI RISOLUZIONE N. 5

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1905 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROPOSTA DI RISOLUZIONE N. 5 REGIONE LOMBARDIA X LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1905 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROPOSTA DI RISOLUZIONE N. 5 Risoluzione ai sensi dell art. 38 del Regolamento generale

Dettagli

Programma d Azione Contratto di Fiume Seveso aggiornamento. Mario Clerici D.G. Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile

Programma d Azione Contratto di Fiume Seveso aggiornamento. Mario Clerici D.G. Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile Programma d Azione Contratto di Fiume Seveso aggiornamento Mario Clerici D.G. Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile AZIONE 1 CARATTERIZZAZIONE DEI CARICHI INQUINANTI E MIGLIORAMENTO DELLE ACQUE DEL

Dettagli

Gestione integrata e partecipata delle risorse idriche

Gestione integrata e partecipata delle risorse idriche Gestione integrata e partecipata delle risorse idriche Quadro legislativo Direttiva 2000/60/CE D.Lgs 152/2006, riportante Norme in materia ambientale Piano di Gestione del distretto idrografico del Fiume

Dettagli

Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Università degli Studi di Milano - Bicocca. Sergio Canobbio

Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Università degli Studi di Milano - Bicocca. Sergio Canobbio Sergio Canobbio Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive Saronno, 16-11-2009 La problematica Ambientale ALTERAZIONI: 1. QUALITA DELL ACQUA 1 3 2. REGIME IDRAULICO 3. MORFOLOGIA DELL AMBIENTE FLUVIALE

Dettagli

I CONTRATTI DI FIUME in Lombardia

I CONTRATTI DI FIUME in Lombardia Governance e partecipazione per il bacino del Po Colorno 26 ottobre 2007 I CONTRATTI DI FIUME in Lombardia Mario Clerici Regione Lombardia mario_clerici@regione.lombardia.it PERCHE UN CONTRATTO DI FIUME

Dettagli

PROGETTO SEVESO acque pulite, acque sicure

PROGETTO SEVESO acque pulite, acque sicure PROGETTO SEVESO acque pulite, acque sicure Alluvioni del Seveso 03.08.1875 in Comune di Milano; 31.05.1917 in Comune di Milano 15.11.1934 in Comune di Milano 1944 in Comune di Cesano Maderno 26.09.1947

Dettagli

PROGETTO SEVESO acque pulite, acque sicure

PROGETTO SEVESO acque pulite, acque sicure PROGETTO SEVESO acque pulite, acque sicure Alluvioni del Seveso 03.08.1875 in Comune di Milano; 31.05.1917 in Comune di Milano 15.11.1934 in Comune di Milano 1944 in Comune di Cesano Maderno 26.09.1947

Dettagli

Indirizzi normativi per la riduzione dell impatto ambientale delle acque meteoriche urbane

Indirizzi normativi per la riduzione dell impatto ambientale delle acque meteoriche urbane Giornata di Studio GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE Milano - Palazzo Lombardia - Auditorium 21 novembre 2012 Indirizzi normativi per la riduzione dell impatto ambientale delle acque meteoriche

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore

Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore Dario Fossati UO Difesa del suolo ACQUA E SVILUPPO SOSTENIBILE - 20 MARZO 2015 I problemi delle aree urbanizzate (ridotta

Dettagli

5.2: Reti tecnologiche

5.2: Reti tecnologiche 5.2: Reti tecnologiche Presentazione: Il corretto funzionamento e l efficienza delle reti tecnologiche di distribuzione e depurazione delle acque è senza dubbio alla base di una gestione corretta e sostenibile

Dettagli

PROVINCIA DELL OGLIASTRA Servizio Urbanistica, Governo del Territorio, Informatizzazione, Ambiente, Rifiuti ed Energia

PROVINCIA DELL OGLIASTRA Servizio Urbanistica, Governo del Territorio, Informatizzazione, Ambiente, Rifiuti ed Energia BOLLO 14.42 Spett.le Provincia dell Ogliastra Ufficio Gestione acque via Pietro Pistis - 08045 LANUSEI (OG) Richiesta di autorizzazione allo scarico di acque reflue di tipo DOMESTICO non recapitanti in

Dettagli

IL CANALE VILLORESI I comuni e le province interessate

IL CANALE VILLORESI I comuni e le province interessate V arco Villoresi occasione di tutela e valorizzazione ecologico-fruitiva del territorio a Nord di Milano 1 Cos è un CONSORZIO DI BONIFICA (quadro normativo di riferimento: L.R. 31/2008) Il Consorzio di

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano 6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano Art. 1 Finalità generali del Piano 1. Il presente Piano costituisce piano stralcio di bacino ai sensi del c.6 ter dell art.17

Dettagli

Azioni volte alla mitigazione delle pressioni urbane nella Regione del Veneto

Azioni volte alla mitigazione delle pressioni urbane nella Regione del Veneto Azioni volte alla mitigazione delle pressioni urbane nella AZIONI STRUTTURALI La maggior parte delle azioni strutturali previste dalla normativa e pianificazione settoriale e messe in campo nella Regione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PROGRAMMATICO PER LA TUTELA E LA SALVAGUARDIA DEL FIUME CLITUNNO PRIMI INTERVENTI FRA

PROTOCOLLO D INTESA PROGRAMMATICO PER LA TUTELA E LA SALVAGUARDIA DEL FIUME CLITUNNO PRIMI INTERVENTI FRA PROTOCOLLO D INTESA PROGRAMMATICO PER LA TUTELA E LA SALVAGUARDIA DEL FIUME CLITUNNO PRIMI INTERVENTI FRA REGIONE UMBRIA AUTORITA DI AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N.3 AGENZIA REGIONALE PER L AMBIENTE (ARPA)

Dettagli

Scheda azione emergente - 10

Scheda azione emergente - 10 Scheda azione emergente - 10 Azione emergente Politica cui l azione concorre Obiettivo Strategico Obiettivi operativi Attività DEFINIZIONE E ADOZIONE DI PIANI DI EMERGENZA COMUNALI ED INTERCOMUNALI Riduzione

Dettagli

Riepilogo documentazione

Riepilogo documentazione RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE - MODELLO AR10 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER SFIORATORI DI PIENA LUNGO LE RETI FOGNARIE, SCARICATORI DI EMERGENZA PRESSO STAZIONE DI SOLLEVAMENTO E TERMINALI DI RETI METEORICHE

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE FUORI PUBBLICA FOGNATURA D.LGS. 152/1999 COSI COME MODIFICATO DAL D.LGS.

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE FUORI PUBBLICA FOGNATURA D.LGS. 152/1999 COSI COME MODIFICATO DAL D.LGS. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE FUORI PUBBLICA FOGNATURA D.LGS. 152/1999 COSI COME MODIFICATO DAL D.LGS. 258/2000 Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di Spazio riservato

Dettagli

Le violazioni alla direttiva si verificano quando un agglomerato > 2.000 Abitanti equivalenti presenta una o più delle seguenti criticità:

Le violazioni alla direttiva si verificano quando un agglomerato > 2.000 Abitanti equivalenti presenta una o più delle seguenti criticità: La Direttiva 91/271/CEE «concernente il trattamento delle acque reflue urbane» per tutelare le risorse idriche dispone che il territorio sia adeguatamente servito da reti fognarie e da impianti di depurazione.

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO IN MATERIA DI FOGNATURE E DEPURAZIONE

ATTO DI INDIRIZZO IN MATERIA DI FOGNATURE E DEPURAZIONE COMUNE di RIMINI ASSESSORATO MOBILITA, LAVORI PUBBLICI E QUALITA URBANA ATTO DI INDIRIZZO IN MATERIA DI FOGNATURE E DEPURAZIONE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 22 del 18/02/2010 TAVOLO

Dettagli

Riepilogo documentazione

Riepilogo documentazione RILASCIO AUTORIZZAZIONE - MODELLO AR1 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER SCARICHI DI TIPO DOMESTICO PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI RESIDENZIALI CON CARICO ORGANICO INFERIORE AI 50 A.E. Riepilogo documentazione

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

Integrare le politiche per tutelare e riqualificare le risorse idriche!

Integrare le politiche per tutelare e riqualificare le risorse idriche! Integrare le politiche per tutelare e riqualificare le risorse idriche! VIVIANE IACONE! DG AMBIENTE ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE! Strumenti di pianificazione per la tutela delle risorse idriche! E in

Dettagli

della ditta (1).. C H I E D E

della ditta (1).. C H I E D E .Data aggiornamento 16.02.09 rev. 5 DOMANDA PER L OTTENIMENTO DELL AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA/COLLETTORE INTERCOMUNALE DI ACQUE REFLUE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI INDUSTRIALI O DA

Dettagli

I regolamenti regionali sulle acque del 24 marzo 2006

I regolamenti regionali sulle acque del 24 marzo 2006 I regolamenti regionali sulle acque del 24 marzo 2006 Paolo Casciano Direzione Generale Reti e servizi di pubblica utilità e sviluppo sostenibile Regione Lombardia Ordine Ingg BG 26/11/2007 - ing. Casciano

Dettagli

Incontro pubblico Chiare Fresche dolci acque?

Incontro pubblico Chiare Fresche dolci acque? Incontro pubblico Chiare Fresche dolci acque? OPPORTUNITÀ OFFERTE DALLA DEPURAZIONE DEGLI SFIORI DELLE FOGNATURE MISTE TRAMITE SISTEMI DI DEPURAZIONE NATUTALE: LO STUDIO DELL AUTORITÀ DI BACINO DEL FIUME

Dettagli

Il Piano di Salvaguardia della Balneazione di Rimini:

Il Piano di Salvaguardia della Balneazione di Rimini: Il Piano di Salvaguardia della Balneazione di Rimini: un esempio virtuoso di collaborazione fra Istituzioni e Gestore per il miglioramento degli standard ambientali Luca Migliori Responsabile Ingegneria

Dettagli

Aspetti geologici nella pianificazione

Aspetti geologici nella pianificazione Associazione Nazionale Urbanisti e Pianificatori Territoriali e Ambientali con il patrocinio di Comune di Este Consorzio di Bonifica Adige Euganeo PREVENZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO: PREVENZIONE UN COMPITO

Dettagli

Progetto Definitivo Rev. Novembre 2013

Progetto Definitivo Rev. Novembre 2013 Accordo di Programma tra Ministero della Tutela del Territorio e del Mare e Regione Lombardia per la mitigazione del rischio idrogeologico Convenzione per la progettazione e realizzazione dell intervento

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NOTE TECNICHE RELATIVE ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO Tea acque srl assume ogni responsabilità per le attività e conduzione degli impianti oggetto del servizio. CONDUZIONE: intesa

Dettagli

Un piano d azione per Olona-Lura-Bozzente

Un piano d azione per Olona-Lura-Bozzente Un piano d azione per Olona-Lura-Bozzente Mario Clerici DG Reti e Servizi di Pubblica Utilità e Sviluppo Sostenibile Saronno, 16 Novembre 2009 AREE E AMBITI DI DEGRADO PROVOCATO DA CRITICITA AMBIENTALI

Dettagli

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997)

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) R e g i o n e L o m b a r d i a Provincia di Milano COMUNE DI NERVIANO Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) Marzo 2003 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER LE N.T.A. Studio Associato di

Dettagli

Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità

Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità Sergio Canobbio Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità Gerenzano,, 27 aprile 2011 37 km, dal Parco Pineta a Rho Sorgenti: (1) torrente Antiga (2) Vari rami interni al Parco Pineta Gradaluso (separato

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

Verso un drenaggio urbano sostenibile

Verso un drenaggio urbano sostenibile Verso un drenaggio urbano sostenibile Con il patrocinio di OGGETTO INTERVENTO IL DRENAGGIO URBANO SOSTENIBILE I sistemi di drenaggio urbano sono formati da reti di condotti e manufatti destinati alla raccolta

Dettagli

PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI

PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI COMUNE DI VIBO VALENTIA (VV) PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI PROGETTO ESECUTIVO Storia del progetto

Dettagli

La normativa regionale in materia di gestione delle acque meteoriche

La normativa regionale in materia di gestione delle acque meteoriche La normativa regionale in materia di gestione delle acque meteoriche Workshop Gestione, trattamento e riutilizzo delle acque meteoriche in ambito urbano Bologna, 7 marzo 2014 Dott. Francesco Tornatore

Dettagli

Il processo di partecipazione e le ricadute del Piano di gestione del rischio di alluvioni sulla pianificazione territoriale

Il processo di partecipazione e le ricadute del Piano di gestione del rischio di alluvioni sulla pianificazione territoriale Il processo di partecipazione e le ricadute del Piano di gestione del rischio di alluvioni sulla pianificazione territoriale D. Fossati D.G. Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo Valutazione e gestione

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2411 Seduta del 26/09/2014

DELIBERAZIONE N X / 2411 Seduta del 26/09/2014 DELIBERAZIONE N X / 2411 Seduta del 26/09/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

La TABELLA allegata riporta tutte le informazioni di riepilogo del Piano d Ambito organizzate per AGGLOMERATI.

La TABELLA allegata riporta tutte le informazioni di riepilogo del Piano d Ambito organizzate per AGGLOMERATI. La TABELLA allegata riporta tutte le informazioni di riepilogo del Piano d Ambito organizzate per AGGLOMERATI. In tabella sono stati inseriti i seguenti dati: 1) AGGLOMERATI Fabbisogno depurativo totale

Dettagli

Introduzione ai Programmi di intervento per l inquinamento diffuso

Introduzione ai Programmi di intervento per l inquinamento diffuso CONVEGNO Contaminazione delle acque sotterranee e tecnologie innovative di bonifica in Lombardia LUNEDÌ 28 SETTEMBRE 2015, ORE 8.45 17.00 REGIONE LOMBARDIA, PALAZZO PIRELLI AUDITORIUM "GIORGIO GABER«Introduzione

Dettagli

Valsat Sintesi non tecnica

Valsat Sintesi non tecnica Valsat Sintesi non tecnica Pagina 1 di 7 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 3 2 CONTENUTI ED OGGETTO... 3 3 VERIFICA DI COERENZA... 4 4 ANALISI AMBIENTALI... 5 5 CONCLUSIONI... 7 Pagina 2 di 7 1 INTRODUZIONE La

Dettagli

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT Capitolato Tecnico per le prestazioni professionali relative alla redazione di documentazione inerente la gestione delle terre e rocce da scavo DATA rev. 00 ottobre 2012 Elaborato N. 7-3-329 REDATTO VERIFICATO

Dettagli

IRIDRA S.r.l. Via La Marmora, 51-50121 Firenze tel. +39.055.470729 fax +39.055.475593. C E N T R O ST UDI T.A.T. Tecnologia A rchitettura Ter ritorio

IRIDRA S.r.l. Via La Marmora, 51-50121 Firenze tel. +39.055.470729 fax +39.055.475593. C E N T R O ST UDI T.A.T. Tecnologia A rchitettura Ter ritorio DI MILANO: via Vigilio Inama 7 tel. +39 02 70120918 fax +39 02 70120923 web: www.studiomaione.it e-mail: smia@studiomaione.it PARMA: via Felice Cavallotti 16 tel. +39 0521 508419 fax +39 0521 221022 IRIDRA

Dettagli

SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI

SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI Convegno SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI Prof. Ing. Alessandro Paoletti Presidente emerito CSDU 24 Ottobre 2014, Bologna Fiere H2O 2014 Indice 1. Evoluzione

Dettagli

NEL CASO SUSSUSTA SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE COMPILARE LA DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA DA PAG. 4 A PAG. 7

NEL CASO SUSSUSTA SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE COMPILARE LA DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA DA PAG. 4 A PAG. 7 ALLEGATI TECNICI NECESSARI ALL ISTANZA AUA AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN FALDA (acque derivanti dal lavaggio e dalla lavorazione degli inerti naturali in falda) Lo scarico in falda potrà essere esercitato

Dettagli

Le opere di difesa. Le opere di derivazione delle acque superficiali. Le opere di immissione nelle acque superficiali

Le opere di difesa. Le opere di derivazione delle acque superficiali. Le opere di immissione nelle acque superficiali Le opere di difesa Le opere di derivazione delle acque superficiali Le opere di immissione nelle acque superficiali I corsi d acqua ricevono svariati apporti liquidi derivanti dalle attività antropiche,

Dettagli

MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione

MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione DATI DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO Denominazione impianto Codice Impianto: Comune Indirizzo Località Gestore dell Impianto di trattamento: Coordinate

Dettagli

ALLA PROVINCIA DI NOVARA da bollo P.ZA MATTEOTTI, 1

ALLA PROVINCIA DI NOVARA da bollo P.ZA MATTEOTTI, 1 marca ALLA PROVINCIA DI NOVARA da bollo P.ZA MATTEOTTI, 1 28100 NOVARA OGGETTO:D.LGS. N. 152/06, L.R. 48/93, L.R. 13/90 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE. Il sottoscritto nato

Dettagli

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE Corso di Costruzioni idrauliche (E.A.) A.A. 2010/2011 FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE (Appunti tratti dalla lezione del 8/45/2011, non rivisti dal docente) Riferimenti

Dettagli

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Piano di Gestione delle Acque I Aggiornamento Rapporto tra PDGAcque e altri piani di indirizzo: PDGAlluvioni, Piano di Sviluppo Rurale, Piano di Indirizzo

Dettagli

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO Soluzioni per la tutela, la gestione e la valorizzazione del patrimonio naturale Pianificazione sostenibile significa individuare soluzioni per la gestione e la tutela delle

Dettagli

LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO

LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO MANUALE DI GESTIONE Gruppo di lavoro Gestione impianti di depurazione Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Coordinatore: Carlo Collivignarelli

Dettagli

Una Via d acqua per Expo 2015 Vie d acqua tematiche per tutta la Lombardia

Una Via d acqua per Expo 2015 Vie d acqua tematiche per tutta la Lombardia Una Via d acqua per Expo 2015 Vie d acqua tematiche per tutta la Lombardia Dighe del PANPERDUTO (Somma Lombardo) Museo dell irrigazione PARABIAGO CASSANO D ADDA MONZA EXPO 2015 ABBIATEGRASSO LODI PAVIA

Dettagli

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia Gli obiettivi del Piano energetico regionale Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia 1 Il progetto del PER Il Servizio Energia è attualmente impegnato, attraverso un

Dettagli

EXPO 2015 Il progetto Vie d Acqua

EXPO 2015 Il progetto Vie d Acqua EXPO 2015 Il progetto Vie d Acqua Antonio Acerbo L Aquila - 11 ottobre 2013 www.expo2015.org Expo Milano 2015 Dati di sintesi Tema: «Nutrire il pianeta, energia per la vita» Date: 1 Maggio 31 Ottobre 2015

Dettagli

Profilo climatico locale: risultati ed evidenze

Profilo climatico locale: risultati ed evidenze Profilo climatico locale: risultati ed evidenze Lucio Botarelli Servizio IdroMeteoClima ARPA - Emilia-Romagna www.arpa.emr.it/sim 7 aprile 2014 Bologna Cosa ha indagato il profilo climatico locale Variabilità

Dettagli

La Città di Milano al centro delle Valli dei Lamber

La Città di Milano al centro delle Valli dei Lamber Comune di Milano La Città di Milano al centro delle Valli dei Lamber Dott.ssa Annalisa Gussoni Settore Attuazione Politiche Ambientali Comune di Milano Necessità di passare da politiche di tutela delle

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTO la legge regionale n.1 del 5 gennaio 2001 recante Norme per la valorizzazione e lo sviluppo del litorale del Lazio ;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTO la legge regionale n.1 del 5 gennaio 2001 recante Norme per la valorizzazione e lo sviluppo del litorale del Lazio ; OGGETTO: PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTI PER LO SVILUPPO DEL LITORALE DEL LAZIO, DI CUI ALLA LEGGE REGIONALE N.1 DEL 5 GENNAIO 2001 - AZIONE I.1.4. RAFFORZAMENTO DEGLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE E CONTROLLO

Dettagli

PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI 11 PIANO DEGLI INTERVENTI CON INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI PRIORITA E DEI COSTI

PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI 11 PIANO DEGLI INTERVENTI CON INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI PRIORITA E DEI COSTI PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI 11 PIANO DEGLI INTERVENTI CON INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI PRIORITA E DEI COSTI 85 PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI IL

Dettagli

Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali alla rete fognaria urbana.

Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali alla rete fognaria urbana. ATTIVITA, ARTIGIANALI, Spett.le ACQUE DEL CHIAMPO SpA Servizio Clienti Via Ferraretta, 20 36071 ARZIGNANO Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali

Dettagli

ALTO TREVIGIANO SERVIZI s.r.l.

ALTO TREVIGIANO SERVIZI s.r.l. 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. IL CALCOLO DEI CARICHI IDRAULICI AFFERENTI ALL IMPIANTO DI SALVATRONDA. 4 2.1 I COMUNI INTERESSATI DALL INTERVENTO DI PROGETTO... 4 2.2 PORTATE NERE TEORICHE... 4 2.3 PORTATE

Dettagli

Spett.le Ufficio d Ambito della Città di MILANO Via Dogana n. 4 20123 MILANO

Spett.le Ufficio d Ambito della Città di MILANO Via Dogana n. 4 20123 MILANO Spett.le Ufficio d Ambito della Città di MILANO Via Dogana n. 4 20123 MILANO Il/La sottoscritto/a: in qualità di Legale Rappresentante e/o Titolare altro della Ditta con attività di: e con insediamento

Dettagli

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista Foglio n 1 di 9 CHECK LIST DI ASSEVERAZIONE DEI CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista delle opere fognarie comprese nel Piano Urbanistico denominato. in Comune

Dettagli

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali Relatore: SERGIO CANOBBIO Seriate,,

Dettagli

Settore Agricoltura Beni culturali e ambientali Turismo. X Gestione del territorio

Settore Agricoltura Beni culturali e ambientali Turismo. X Gestione del territorio REGIONANDO 2001 REGIONE LIGURIA Settore Assetto del territorio e Controllo Tecnico ATTIVITÀ REGIONALI PER LA QUALIFICAZIONE E SOSTEGNO DEGLI ENTI LOCALI LIGURI NELLA DIFESA DEL SUOLO E NELLA TUTELA DELLA

Dettagli

Parte B: anagrafica dell azienda

Parte B: anagrafica dell azienda DOMANDA DI NUOVA AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE O AMPLIAMENTO/ADEGUAMENTO DELL'IMPIANTO AI SENSI DEL D.LGS 152/2006 Bollo 14,62 Spett.le Provincia del Medio Campidano Assessorato all Ambiente

Dettagli

SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI

SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI A) IDENTIFICAZIONE DELLA DITTA SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI I Identificazione dell Azienda Denominazione Sede legale in via n CAP Comune Tel Fax Email Attività Codice ISTAT CF dell impresa Partita

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

1900 - BACINO DEL MARECCHIA

1900 - BACINO DEL MARECCHIA 19 - BACINO DEL MARECCHIA CARATTERISTICHE DEL BACINO IDROGRAFICO E IMPATTO DELL'ATTIVITÀ ANTROPICA Superficie del bacino Portata media alla foce Carico generato nel bacino Carichi sversati nei corpi idrici

Dettagli

Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art.

Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art. Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art. 12 del D.Lgs n. 4 del 16/01/2008, ai fini della VERIFICA

Dettagli

INCENTIVA L UTILIZZO DELLE TECNOLOGIE ALTERNATIVE (NO-DIG) E LA CREAZIONE DI UN CATASTO DELLE RETI DI SOTTOSERVIZI

INCENTIVA L UTILIZZO DELLE TECNOLOGIE ALTERNATIVE (NO-DIG) E LA CREAZIONE DI UN CATASTO DELLE RETI DI SOTTOSERVIZI LA POLITICA DEL SOTTOSUOLO IN REGIONE LOMBARDIA INCENTIVA L UTILIZZO DELLE TECNOLOGIE ALTERNATIVE (NO-DIG) E LA CREAZIONE DI UN CATASTO DELLE RETI DI SOTTOSERVIZI LA NORMATIVA REGIONALE DI RIFERIMENTO

Dettagli

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione PROVINCIA DI PISA Documentazione tecnica ed elaborati grafici necessari al rilascio dell autorizzazione allo scarico, non in pubblica fognatura, ai sensi del Decreto Legislativo 152/06 e successive modifiche

Dettagli

Nota tecnica in merito all area di laminazione a Senago

Nota tecnica in merito all area di laminazione a Senago Nota tecnica in merito all area di laminazione a Senago Le ripetute esondazioni dei corsi d acqua nell area milanese hanno portato a sviluppare, fin dagli anni 50 del secolo scorso, una serie di azioni

Dettagli

10.3.1.5 Piano di fattibilità per impianti che utilizzano biomasse. Comune: Comuni del P.I.S.L.

10.3.1.5 Piano di fattibilità per impianti che utilizzano biomasse. Comune: Comuni del P.I.S.L. P.I.S.L. N.A.Tu.R.A. Valorizzazione della rete ecologica del Parco Fluviale del Po (tratto vercellese/alessandrino) e dell Orba e del Monferrato casalese, tramite la riqualificazione ambientale e la promozione

Dettagli

della ditta (1).. C H I E D E

della ditta (1).. C H I E D E DOMANDA PER L OTTENIMENTO DELL AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA/COLLETTORE INTERCOMUNALE DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI INDUSTRIALI/COMMERCIALI Documentazione da

Dettagli

Insediamenti in cui viene svolta attività di gestione rifiuti.

Insediamenti in cui viene svolta attività di gestione rifiuti. INDICAZIONI PROGETTUALI PER DOMANDE DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE METEORICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI IN CUI VENGONO SVOLTE ATTIVITÀ DI GESTIONE RIFIUTI. Insediamenti in cui viene svolta attività

Dettagli

Michele Pisante Commissario Delegato CREA 02/03/2016 1

Michele Pisante Commissario Delegato CREA 02/03/2016 1 Michele Pisante Commissario Delegato CREA 02/03/2016 1 RISORSE IDRICHE: finalità e attività da svolgere 5 linee: Programmazione investimenti irrigui; Condizionalità Ex ante; Integrazione e sinergie con

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i.

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i. COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Allegato 1 Stima degli effetti ambientali attesi

Dettagli

ALLEGATO 1 NOTIZIE GENERALI

ALLEGATO 1 NOTIZIE GENERALI ALLEGATO 1 DATI TECNICI SULLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E/O ASSIMILABILI CHE RECAPITANO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE, SUL SUOLO E NEGLI STRATI SUPERFICIALI DEL SOTTOSUOLO. NOTIZIE GENERALI SCARICO

Dettagli

PRUSST Area urbana di Ancona Pagina 1 CRONOPROGRAMMA allegato all'accordo Quadro

PRUSST Area urbana di Ancona Pagina 1 CRONOPROGRAMMA allegato all'accordo Quadro 1 8.1 Sistemazione Fiume Esino e Fosso Acquaticcio 2 8.1 sub1 Sistemazione Fiume Esino 3 Progettazione definitiva 4 Progettazione esecutiva 5 Esecuzione lavori 6 8.1 sub2 Sistemazione Fosso Acquaticcio

Dettagli

STATUTO CONSORTILE. Art. 50, comma 4

STATUTO CONSORTILE. Art. 50, comma 4 STATUTO CONSORTILE Art. 50, comma 4 Entro due anni dall approvazione dello statuto da parte della Giunta regionale, il Consorzio provvede ad esplicitare nell avviso di pagamento lo specifico beneficio

Dettagli

Catasti digitali delle derivazioni e degli attingimenti dai corpi idrici superficiali della provincia di Piacenza.

Catasti digitali delle derivazioni e degli attingimenti dai corpi idrici superficiali della provincia di Piacenza. Amministrazione Provinciale di Piacenza Dipartimento Politiche di Gestione del territorio e Tutela dell ambiente. UOA Monitoraggio delle risorse territoriali e ambientali. Loc. Gariga, 29027 Podenzano

Dettagli

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione PROVINCIA DI PISA Documentazione tecnica ed elaborati grafici necessari al rilascio dell autorizzazione allo scarico, non in pubblica fognatura, ai sensi del Decreto Legislativo 152/06 e successive modifiche

Dettagli

Metodi di controllo dell impatto ambientale delle reti fognarie Bologna 24/10/2014

Metodi di controllo dell impatto ambientale delle reti fognarie Bologna 24/10/2014 Metodi di controllo dell impatto ambientale delle reti fognarie Bologna 24/10/2014 OPERE DI GESTIONE E CONTROLLO DEGLI SCARICHI: INTERVENTI LOCALIZZATI Carlo Ciaponi Dipartimento di Ingegneria Civile e

Dettagli