MARIO MAFFI A NEW YORK, LUOGHI DELLA MODERNITÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MARIO MAFFI A NEW YORK, LUOGHI DELLA MODERNITÀ"

Transcript

1 A New York MARIO MAFFI A NEW YORK, LUOGHI DELLA MODERNITÀ Il 25 marzo 1911, un furioso incendio scoppiò a Manhattan, all angolo di Greene Street e Washington Place, a due passi dagli alberi e dagli scoiattoli di Washington Square. Subito avvolse i piani alti (il settimo, l ottavo e il nono) dell Asch Building, occupati dalla fabbrica di abbigliamento Triangle Shirtwaist Co., le cui maestranze avevano dato inizio al grande sciopero di due anni prima. Nel tentativo di sottrarsi al fuoco l unica scala antincendio divenne presto inservibile, mentre le porte erano state sbarrate per impedire assenze dal lavoro e ingresso di agitatori sindacali, le operaie, per lo più giovanissime immigrate italiane ed ebree, si gettarono dalle finestre nella via sottostante, gli abiti e i capelli già in fiamme. Nel giro di un ora, morirono in 146 e l incendio alla Triangle Shirtwaist Co. (pur non essendo stato come ancora si sente dire ogni tanto all origine della Festa dell 8 marzo, proclamata l anno prima dall Internazionale Socialista) rimase tragico simbolo del vivere, lavorare e morire a New York tragico simbolo di una modernità newyorkese fatta di alti edifici in pietra e di strade sottostanti, di scale antincendio e di balzi nel vuoto, di giovani donne catturate dal mondo del lavoro e di voci diverse aggrovigliate nelle cacofonie metropolitane. 1 A pochi metri di distanza dall Asch Building (oggi di proprietà della New York University), traversata Greene Street ma sempre su Washington Place, era nato sessantotto anni prima, nel 1843, Henry James, che a questa zona di Manhattan aveva dedicato uno dei suoi primi successi, il romanzo Washington Square (1880), ed era tornato più volte, nella realtà, nell immaginazione e nella scrittura: sempre rilevando che, nonostante i mutamenti anche profondi, quell area di New York conservava tuttavia qualcosa di simile a una storia sociale 2 una storia personale e collettiva, una vecchia New York che restava 21

2 MARIO MAFFI pur dentro alla nuova New York, matrioska di un Novecento imminente e poi dispiegatosi in tutte le sue sfaccettate potenzialità e ambiguità, ma non scisso dal suo passato. Proprio in occasione di uno di questi suoi ritorni a New York, nel 1904, dopo decenni trascorsi in Europa, James era rimasto sconvolto di fronte a quella che era ormai (come sarebbe stata fra non molto per un altro scrittore profondamente newyorkese, sebbene non d origine: F. Scott Fitzgerald) la sua città perduta. 3 I luoghi familiari, la rosa dei venti della sua infanzia, erano per lo più scomparsi nel vortice: la città era diventata qualcosa di fantastico e abracadabrante, 4 intrappolata nella sua maledizione topografica originaria. 5 A colpirlo sgradevolmente era stato soprattutto (ma non solo) il suo profilo: la skyline cittadina era una sorta di pettine colossale rivolto verso l alto e privo d una buona metà dei suoi denti, al punto che gli altri, a intervalli così irregolari, contano il doppio come spuntoni acuminati. 6 Un altro elemento che aveva poi disturbato profondamente James era l onnipresenza di colui/colei che lo scrittore chiama con scelta linguistica densa di implicazioni sociali e culturali alien. Che per James significava essenzialmente congestione dei quartieri downtown, mescolanza e ibridazione di costumi e abitudini, eccessiva contiguità dei corpi e delle voci, e un inglese che stava subendo trasformazioni decisive. Così, aveva scritto: L accento del futuro lontano negli Stati Uniti potrà anche essere destinato a divenire il più affascinante del globo, la musica stessa dell umanità [ ]; ma qualunque cosa potremo allora riconoscere in esso, non potremo certo riconoscervi l inglese almeno in nessuno dei sensi per i quali esiste oggi un metro letterario. 7 E per James, che torna a visitarla dopo più di vent anni, la città diviene straordinaria, indicibile New York. 8 Quei venti anni di lontananza contengono in effetti una sequenza epocale di trasformazioni che si può racchiudere simbolicamente entro due poli significativi. Nel 1883, l anno dopo la partenza di James da New York in occasione della sua visita precedente, era stato inaugurato il Brooklyn Bridge; nel 1902, due anni prima del suo ultimo ritorno a New York, era stato inaugurato il Flatiron Building due costruzioni in certo qual modo contigue, nonostante i venti anni di distanza, per l abile gioco di richiami alla tradizione europea (l arco gotico, il bugnato), per l armonico dialogo fra strutture in pietra e tensioni di ferro e acciaio, fra verticalità e orizzontalità. Ma entro quei due poli molto altro era cambiato. New York s era affermata davvero come futurista città che sale, e in più d un senso: verticalmente e topograficamente, socialmente e finanziariamente. S era irradiata tutt intorno, 22

3 A New York assimilando Brooklyn, Queens, il Bronx, Staten Island. Al Brooklyn Bridge s era affiancato, nel 1903, il Williamsburg Bridge, così come, nel 1902 e nel 1904, al Flatiron s erano affiancati, oltre alla fungaia di grattacieli di downtown, il Dorilton e l Ansonia, esempi recenti di una costante (e crescente) fascinazione per Parigi una Parigi che per il momento (prima di divenire, nel giro di qualche anno, irresistibile magnete che attrae per un intera generazione di esuli intellettuali) dalla Senna sembrava volersi trasportare, grazie all Ecole des Beaux Arts, in riva allo Hudson. Di lì a poco, nel 1913 (l anno anche del celebre Armory Show, che esplose letteralmente sulla scena culturale della città, aprendola a nuove contraddizioni e dinamiche culturali), sarebbero nati imponenti luoghi pubblici come il Grand Central Terminal e la Pennsylvania Station, crocevia di monumentalità metropolitane e modernità costruttive, all insegna di un fluire collettivo regolato. Sulla mappa di una città dominata per tre quarti dal grid, il reticolo regolare imposto dalla rendita fondiaria, ma destinata a conservare nella parte bassa di Manhattan, downtown, le tracce labirintiche della vecchia Nieuw Amsterdam, anche solo questi edifici creavano interessanti rotture e contraddizioni. Se infatti gli accessi ai ponti tagliavano rettilinei nella convulsa planimetria downtown, il Flatiron sembrava incidere quel grid, solcando con la sua prua la diagonalità di Broadway e aggiungendo altro movimento all antistante Madison Square Park con i suoi curvilinei sentieri. Quanto al Dorilton e all Ansonia, la fantasmagoria Beaux Arts dei loro volumi e delle loro facciate, la morbidezza di archi e bovindo, sembravano accompagnare e aiutare la rotazione incessante di uno dei più vivaci hubs, mozzi di ruota, della città: la piccola stazione della ferrovia sotterranea su Broadway e 72nd Street. D altra parte, il Grand Central Terminal e la Pennsylvania Station sovvertivano in altri modi il grid, occupando e ridisegnando gli spazi in superficie e alludendo a un dentro/fuori e sopra/sotto che si caricavano di notevoli implicazioni, smentendo gli stereotipi della pura facciata, della pura superficie : moderne cattedrali di un viaggio tutto laico e terreno, contenevano grandi spazi illuminati da tagli di luce, facendo ulteriormente dialogare la pietra e l acciaio. Infine, nell Armory Show (fra John Sloan e George Bellows da un lato e Cézanne e Duchamp dall altro) si ripresentavano e facevano sentire con forza quelle due tensioni contrastanti, fra tradizione e sperimentazione, fra uno sguardo rivolto all indietro e uno rivolto in avanti, fra linee curve e linee spezzate, fra aspirazione all armonia e registrazione del caos, fra ricomposizione e frammentazione. Già in tutto ciò abbiamo una serie di elementi fondanti di quella modernità che sarebbe inevitabilmente divenuta modernismo. Non solo quel senso di essere 23

4 MARIO MAFFI immersi come ha scritto Marshall Berman in un libro seminale su quest esperienza complessa in un vortice di disgregazione e rinnovamento perpetui, di conflitto e contraddizione, d angoscia e ambiguità. 9 Ma anche e lo stesso Berman lo ricorda attraverso tutto il suo libro quella coesistenza di elementi contrastanti, un passato e un presente in costante e irrisolta tensione reciproca, un presente che non può fare a meno della memoria nell atto stesso di proiettarsi verso il futuro, quella dialettica sempre rinnovata fra tradizione e innovazione (che, sul piano della storia sociale, Werner Sollors in un altro libro seminale Beyond Ethnicity o, in italiano, Alchimie d America individuerà come la dialettica fra descent e consent). 10 L immagine del vortice e quella della tensione fra due campi di forze stanno infatti alla base dell esperienza modernista, rappresentano le sue anime in equilibrio precario, destinato a rompersi intorno a metà anni Venti. Ma questo è un discorso che (per quanto necessario e urgente) ci porterebbe troppo lontani: è bene allora tornare alla nostra New York. Il fatto è che quelle contraddizioni si colgono con esattezza proprio nei luoghi della modernità cui si è accennato sopra. In quei luoghi pubblici, cioè, il tempo si contrae e si dilata in un movimento sistolico-diastolico, si rapprende e si diluisce, accelera e rallenta, si ferma e si prolunga, diventa insomma tempo malleabile ed elastico proprio per contenere la persistenza e il mutamento. Il luogo metropolitano (il Brooklyn Bridge, il Flatiron, il Dorilton, l Ansonia, il Grand Central Terminal, la Pennsylvania Station) è un vortice convulso, di passaggi, di partenze e di ritorni, di mutamenti e di trasformazioni: tuttavia, non solo contiene al proprio centro l occhio calmo del ciclone, ma si sviluppa turbinoso e avvolgente intorno a un perno fisso e stabile, sempre eguale a se stesso. Ponti, edifici, stazioni della New York fra Ottocento e Novecento si propongono allora come autentici, sintetici cronotopi bachtiniani, fisiche concrezioni di tempospazio che racchiudono dentro se stesse la traccia del passato e l intuizione del futuro, in un presente che non cessa di parlarci. E di ricordare. Forse, questo discorso (necessariamente abbozzato, ma parte di una riflessione più ampia sul modernismo, che andrebbe prima o poi inaugurata o approfondita) 11 risulta più chiaro, se ci si sofferma su una delle più evidenti dinamiche e tensioni all interno di questa New York: il contrasto fra verticalità e orizzontalità. Come hanno mostrato Thomas Bender e William R. Taylor in un breve saggio stimolante, 12 la New York fra Otto e Novecento vive con forza questo contrasto. Gli edifici pubblici citati lo racchiudono tutti, contengono queste due dimensioni contrastanti. Non sono ancora gli slanci prepotenti verso l alto che si affermeranno di lì a pochi anni o decenni, ma 24

5 A New York rappresentano uno stato di relativo, imperfetto eppure sempre ricercato, equilibrio. Sono l esemplificazione modernista delle due anime coesistenti nella modernità. E un analisi ravvicinata di ciascuno d essi, come pure di altri prodotti culturali dell epoca, mostrerebbe come quella tensione sia la loro vera ragion d essere. Esistono poi altri luoghi della metropoli di quegli anni in cui possiamo assistere al medesimo fenomeno di uno spazio-tempo concentrato in un luogo pubblico. Penso non solo a certi locali come la McSorley s Old Ale House, nata a metà Ottocento, ma divenuta celebre punto d incontro dell avanguardia artistica ai primi del Novecento da John Sloan a Eugene O Neill, nonostante il divieto d ingresso alle donne in vigore fino ai primi anni Settanta, e ancor oggi vero luogo di sospensione del tempo e di circolazione di storie urbane, come si può leggere negli scritti di Joseph Mitchell. 13 Penso anche e soprattutto a certi elementi dell arredo urbano che negli anni fra Otto e Novecento rinascono a nuove impensate destinazioni e utilizzazioni. Gli stoops, cioè i gradini davanti agli ingressi, le scale antincendio, i tetti piatti, divengono infatti nuovi spazi d aggregazione strappati alla convulsione, dove risulta possibile incontrarsi e riconoscersi nell anomia metropolitana, scambiare e organizzare dati e informazioni nel caos delle voci pubbliche e private, intessere relazioni di ogni tipo resistendo al vortice frettoloso della vita urbana. E in particolare vedere ed essere visti: dagli stoops, dalle scale antincendio, dai tetti, gli sguardi si proiettano infatti sulla strada, la scorrono e la contengono, fissano contorni e confini, disegnano un motivo conosciuto e rassicurante, una mappa familiare. E viceversa: perché questi luoghi dalla strada ricevono e assorbono sguardi, che, a loro volta, così facendo, così individuando punti cardinali, così inserendo volti noti nella varietà che fluisce, sistemano l esperienza, la reinventano in forme accettabili, la rendono afferrabile e vivibile. Altri cronotopi bachtiniani, che incontriamo in tanta parte della letteratura di questi decenni fra Otto e Novecento, con valenze che risultano diverse a seconda degli autori, in maniera significativa e rivelatrice del loro rapporto con la città, con la modernità, e dunque con il modernismo. Può essere utile, a questo punto, per meglio verificare questo rapporto fra basso e alto, tradizione e modernità, orizzontalità e verticalità, guardare due quadri che ci vengono da quei decenni e che c interessano non tanto dal punto di vista dei movimenti da cui provengono (un deciso orientamento modernista nella composizione e nelle linee, un realismo diretto e privo di preoccupazioni accademiche) o delle contraddizioni racchiuse, ma proprio per quel che ci dicono: la strada e la tecnologia, il sotto e il sopra, il villaggio nella metropoli, 25

6 MARIO MAFFI l orizzontale e il verticale. Si tratta del quadro di Louis Lozowick Allen Street (Under the El) (1929) e di quello di Jerome Myers Life on the East Side (1932). Nel primo, si coglie subito la complessa dialettica fra nuova tecnologia del ferro/acciaio (l incastellatura massiccia della ferrovia sopraelevata, le automobili) e tradizionali modi di vita (i vecchi edifici con i negozi sulla strada, i panni stesi, il bighellonare sui marciapiedi), fra luci e ombre alternate, fra livelli e tagli conflittuali, fra autentiche soglie di continuo varcate dallo sguardo e dall atto il tutto culminante in quel punto di fuga, proprio della prospettiva tradizionale e qui esaltato dalla sopraelevata, ma subito nascosto e bloccato dall auto posta di traverso. Nel secondo, il primo piano è interamente occupato da una scena da villaggio l atmosfera da mercato, le persone chine sulla merce, i bambini che toccano e assaggiano, gli adulti che parlano, il vecchio patriarca, i fazzoletti in testa e le stesse case che contornano la scena rimandano a dimensioni tradizionali, familiari, orizzontali. Ma ecco che dietro, quasi in una nebbia onirica, sovrastanti, si stagliano i simboli della verticalità moderna e modernista, le torri di Manhattan. In queste incessanti rifrazioni di sguardi sulla e dalla strada, dal basso e dall alto, da dentro e da fuori, la rigidità delle ripartizioni sociali urbane viene messa in discussione, intaccata, abbattuta, e la domanda centrale che si pone Hana Wirth-Nesher ( Dove siamo situati nella metropoli per vedere ciò che vediamo? ) 14 acquista nuova forza, nuove implicazioni. Se, per esempio, lo sguardo dei coniugi March nel primo grande romanzo urbano di questi decenni di trapasso, A Hazard of New Fortunes di William Dean Howells, del 1890, scorre dalla ferrovia sopraelevata sulle facciate dei tenements che, attraverso le finestre aperte nella notte estiva, svelano i propri interni in effimeri quadretti istantanei presto superati per la velocità del treno; e se lo sguardo dei protagonisti di Maggie. A Girl of the Street di Stephen Crane, del 1894, si posa sì sulle strade intorno alla Bowery, sui suoi interni compressi e sui suoi locali convulsi, ma come se fosse velato da una nebbiolina di colori, da una gelatina teatrale o da un filtro per macchina da presa, in una chiara deformazione preespressionista, tutto questo ci offre un potente strumento d indagine, una vitale metafora critica per cominciare a rispondere alla domanda di Wirth-Nesher e soprattutto alle sue implicazioni socio-culturali. Howells e Crane sono cioè entrambi, sia pure con atteggiamenti diversi e diversa scelta sociale, culturale e stilistica, insiders dal punto di vista nazionale (dal punto di vista cioè dell appartenenza sociale, del descent), ma outsiders dal punto di vista del loro radicamento in (e della loro familiarità con) certe zone della città che i due scrittori cercano di raccontare, in modi e con risultati diversi. 26

7 A New York E se poi la narrativa di Abraham Cahan, da Yekl (1896) a The Imported Bridegroom (1898), di Rose Cohen (Out of the Shadow, 1918) e di Anzia Yezierska (Hungry Hearts, 1920) e soprattutto di Michael Gold (Jews Without Money, 1930) e di Henry Roth (Call It Sleep, 1934), oltre che di Pietro Di Donato (Christ in Concrete, 1939), se questa narrativa contiene altri sguardi (o meglio: sguardi altri ) su New York, più intrecciati e articolati, più interni e più netti, più ampi e panoramici o più circoscritti e intimi, in grado di dissolvere partizioni e separatezze, di scomporre e ricomporre gli scenari urbani fino a renderli comprensibili, di appropriarsi sia dei luoghi privati che di quelli pubblici trasformandoli in maniera significativa, di stendere sul labirinto metropolitano il filo d Arianna dell esperienza, di tessere un disegno riconoscibile di lingua e di parola con le molte lingue e parole, allora la risposta a quella domanda si fa ancor più interessante. E forse punta anche al cuore del mistero modernista, di quel modernismo nato ricordava William Carlos Williams sulle labbra di madri polacche. Perché Cahan e gli altri e le altre erano sì outsiders dal punto di vista nazionale, del descent (nel senso che erano immigrati di fresco), ma insiders dal punto di vista del loro radicamento nelle zone che narrano. Il rapporto cioè viene precisamente rovesciato, rispetto a quello che vige per Howells e Cahan Così, in questi romanzi e racconti, che intrattengono una relazione tanto particolare con il modernismo, l esperienza metropolitana, nella New York straordinaria, indicibile di Henry James, è sì di spaesamento e perdita (d identità, d orientamento, di descent), ma anche di caparbia resistenza a ciò: di riorganizzazione degli spazi e della loro percezione e fruizione. Agli inizi di Call It Sleep, David Schearl si perde nelle strade e più cerca Boddeh Stritt più la reale Bardah Street s allontana; eppure, David non cesserà mai di proiettare il proprio sguardo sulle strade e sulla metropoli dalla finestra, dalla scala antincendio, dal tetto o di percorrere avanti e indietro quelle strade fino a costruirsi una propria mappa, fino ad abbracciarne (rischiosamente, quasi mortalmente) la babelica complessità/diversità (etnica, culturale, linguistica). La letteratura degli immigrati sembra cioè rimettere in discussione, costantemente, nella realtà e nella metafora, i confini fra dentro e fuori, fra privato e pubblico: appunto, sugli stoops, sulle scale antincendio, sui tetti, che divengono di volta in volta luoghi d incontro collettivo o estensioni degli appartamenti. E sembra difendere gelosamente quell orizzontalità calda e umana che contraddice (e al tempo stesso alimenta e trattiene in una spasmodica tensione) la verticalità della moderna metropoli, esattamente come il modernismo letterario si forma di tradizione e innovazione, comunicazione e sperimen- 27

8 MARIO MAFFI tazione, e soprattutto nella reciproca tensione fra queste. Nella celebre Prefazione a The Portrtait of a Lady (1882), Henry James scriveva: In breve, la casa della narrativa non ha una sola finestra, ma un milione o meglio, un numero imprecisabile di finestre, ciascuna delle quali è stata aperta, o è tuttora apribile, sulla sua ampia facciata, dal bisogno della visione individuale e dalla pressione della volontà individuale. 15 A ciascuna di queste finestre continuava James, diverse per forma, altezza, posizione, angolatura, s affaccia il narratore, s affacciano i narratori, per osservare l esistenza umana che si muove là sotto e poi tradurla nella forma e nella maniera che dalla finestra gli si presenta, che la posizione della finestra gli permette e gli stimola. Circa un secolo più tardi, forse Pedro Pietri aveva in mente (o forse no: ma non ha molta importanza) quest immagine di Henry James, quando scrisse uno dei suoi fotogrammi cittadini, assurdisti e upside down: in questa città sterminata di alti edifici e piccoli esseri umani quando guardi fuori della finestra Tutto quel che riesci a vedere è qualcun altro che guarda fuori da un altra finestra non c è nient altro da vedere quando si guarda fuori della finestra a meno che non ci sia qualcuno che si butta 16. Perché quella degli sguardi su New York e dei luoghi della modernità è tutta una storia di rifrazioni e rovesciamenti, di intrecci contraddittori e paradossali e anche, spesso, drammatici o tragici. Soprattutto, è una storia che continua. NOTE 1 Sulla tragedia della Triangle Shirtwaist Co., cfr. Leon Stein, The Triangle Fire, Philadelphia: J. B. Lippincott, Henry James, Washington Square, New York: The New American Library, 1964, p

9 A New York 3 Francis Scott Fitzgerald, My Lost City, in Francis Scott Fitzgerald, The Crack-Up, with Other Pieces and Stories, Harmondsworth, Middlesex: Penguin Books, Henry James, The American Scene, London: Granville Publishing, 1987, p Ivi, p Ivi, p Ivi, p Ivi, p Marshall Berman, L esperienza della modernità, Bologna: Il Mulino, 1985, p. 25. Com è noto, il titolo originale, All That Is Solid Melts Into Air, è una frase tratta dal Manifesto del partito comunista (1848). 10 Werner Sollors, Beyond Ethnicity. Consent and Descent in American Culture (New York: Oxford University Press, 1986), trad. it., Alchimie d America, Roma: Editori Riuniti, Un primo tentativo di far decantare tali suggestioni è contenuto nel mio saggio Il salotto e la strada (per non dir della gallina). Spazi pubblici e spazi privati nell esperienza del Lower East Side di New York, Ácoma, 21 (autunno 2001). 12 Thomas Bender and William R. Taylor, Culture and Architecture: Some Aesthetic Tensions in the Shaping of Modern New York City, in William Sharpe and Leonard Wallock, eds., Visions of the Modern City. Essays in History, Art, and Literature, Baltimore: The Johns Hopkins University Press, Ora anche in William R. Taylor, In Pursuit of Gotham. Culture and Commerce in New York (New York: Oxford University Press, 1992), trad. it., New York. Le origini di un mito, Venezia: Marsilio Editori, Cfr. Joseph Mitchell, McSorley s Wonderful Saloon (1943), New York: Pantheon Books, Hana Wirth-Nesher, City Codes. Reading the Modern Urban Novel, New York: Cambridge University Press, 1996, p Henry James, Preface to the New York Edition, in H. James, The Portrait of a Lady, Harmondsworth, Middlesex: Penguin Books, 1986, pp Pedro Pietri, Out of Order. Fuori servizio, Cagliari: CUEC Edizioni, 2001, p

10

Costruire il margine:

Costruire il margine: Costruire il margine: un nuovo approdo per l isola di Manhattan Relatore: Prof. ssa Guya Bertelli Correlatore: Prof. Juan Carlos Dall Asta Laureandi: Mattia Fornara 750322 Paolo Nordi 751911 POLITECNICO

Dettagli

testo di Roberto Mutti 10 aprile - 4 maggio 2008

testo di Roberto Mutti 10 aprile - 4 maggio 2008 F L O R E N C E D I B E N E D E T T O S T R E E T W I S E M A N H A T T A N testo di Roberto Mutti 10 aprile - 4 maggio 2008 I L S O L E A R T E C O N T E M P O R A N E A V O L U M E XI NEW YORK, UN PALCOSCENICO

Dettagli

Trento, novembre 2015. Alessandro Franceschini

Trento, novembre 2015. Alessandro Franceschini La storia delle città è molto spesso una storia di lente stratificazioni e l immagine che oggi abbiamo di esse non è altro che l ultima, provvisoria, tappa di un lungo lavoro di costruzione e ricostruzione.

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

Manhattan Premiere Hopping

Manhattan Premiere Hopping NEW YORK CITY MANHATTAN PREMIERE HOPPING Manhattan Premiere Hopping In viaggio attraverso Manhattan, da Wall Street e il cuore finanziario della città, attraverso le suggestive atmosfere del Gramercy Park,

Dettagli

Lucia Baldini immagini

Lucia Baldini immagini Lucia Baldini immagini www.luciabaldini.it MUSEI FIORENTINI Questo lavoro fotografico ha come soggetto uno sguardo in bianco e nero ai Musei Fiorentini. E stato un lavoro molto coinvolgente e appassionante

Dettagli

Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino

Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino PROGETTO PER IL CONCORSO PER IL CENTRO DIREZIONALE DI TORINO 1 Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino B63f/1 Terzo premio Operazione 70-1970 L area destinata dal P.R.G. di Torino

Dettagli

STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE

STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE 1 LIGHT PAINTING dipingere con la luce Il LIGHT PAINTING è una tecnica fotografica che permette di realizzare scatti ricercati e suggestivi attraverso l

Dettagli

Ponte dell'immacolata NEW YORK

Ponte dell'immacolata NEW YORK Ponte dell'immacolata NEW YORK 2-8 Dicembre Voli diretti Delta Airlines andata da Milano / ritorno su Roma New York, La Grande Mela Chiamata così per la prima volta in un libro pubblicato nel 1909 da Edward

Dettagli

L importanza delle cose semplici. La natura come maestra, risorsa, stimolo Cesena, 10 Maggio 2014

L importanza delle cose semplici. La natura come maestra, risorsa, stimolo Cesena, 10 Maggio 2014 L importanza delle cose semplici. La natura come maestra, risorsa, stimolo Cesena, 10 Maggio 2014 Partendo da lontano: appunti di viaggio di Beatrice Vitali Berlino è così: c è sempre qualcuno scalzo c

Dettagli

En plein air. Paolo Meoni

En plein air. Paolo Meoni En plein air Paolo Meoni Volume realizzato in occasione della mostra En Plein air PAOLO MEONI 19 aprile 19 giugno 2012 Die Mauer Arte Contemporanea, Prato Dryphoto Arte Contemporanea, Prato Ringraziamenti

Dettagli

INCONFONDIBILE EST 10 giorni/9 notti

INCONFONDIBILE EST 10 giorni/9 notti INCONFONDIBILE EST 10 giorni/9 notti UN EFFERVESCENTE E SEMPRE ALLA MODA NEW YORK DOVE LE LUCI NON TRAMONTANO MAI, CONTRAPPOSTA AL FASCINO TRANQUILLO E DISCRETO DELLE VILLE DI NEWPORT, AMBIENTAZIONE DE

Dettagli

Live it classic! 68 Scopri tutti i vantaggi e consulta il listino prezzi su besttours.italia.it

Live it classic! 68 Scopri tutti i vantaggi e consulta il listino prezzi su besttours.italia.it NEW YORK CITY live it classic Live it classic! Best New York Tutti i giorni. Trasferimenti da/per gli aeroporti di J.F. Kennedy, La Guardia e Newark e visita della città di 5.30 ore circa. Minimo 2 persone.

Dettagli

E un grande illusionista, Cees Nooteboom, un maestro nella creazione di effetti di rispecchiamento, di eco, di rifrazione. I suoi romanzi sono abili

E un grande illusionista, Cees Nooteboom, un maestro nella creazione di effetti di rispecchiamento, di eco, di rifrazione. I suoi romanzi sono abili POSTFAZIONE 389 390 E un grande illusionista, Cees Nooteboom, un maestro nella creazione di effetti di rispecchiamento, di eco, di rifrazione. I suoi romanzi sono abili costruzioni in cui il lettore viene

Dettagli

REGNO UNITO: UN GRANDE VIAGGIO

REGNO UNITO: UN GRANDE VIAGGIO REGNO UNITO: UN GRANDE VIAGGIO Le tappe del nostro viaggio saranno le città più importanti, cioè: Southampton, Bath, Londra, Oxford, Stratford, Cardiff, Edimburgo e Belfast. INGHILTERRA Southampton Dopo

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC)

Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC) Tesi di Laurea: Per un archivio scolastico della memoria. Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC) Lorena Maugeri Indice PREMESSA pag.4 PARTE PRIMA: MIGRAZIONI pag.12 Cap. I.

Dettagli

esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino

esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino Indice Esperienze naturali di gioco di Sabrina Bonaccini.6 Il rapporto tra bambino e natura: una convivenza da ritrovare di Federica Marani e

Dettagli

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE PROGETTO ANNUALE COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE ISTITUTO COMPRENSIVO SCIALOIA SCUOLE DELL INFANZIA SCIALOIA P. ROSSI ANNO SCOLASTICO 20115/2016 IL CURRICOLO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Il curricolo

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

gaetano grazia orizzonti SPAZIO ARTE DEI MORI Venice International

gaetano grazia orizzonti SPAZIO ARTE DEI MORI Venice International gaetano grazia orizzonti SPAZIO ARTE DEI MORI Venice International SPAZIO ARTE DEI MORI Venice International Cannaregio 3384/b Campo dei Mori 30121 Venezia www.spazioartedeimori.com info@spazioartedeimori.com

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche CMC CENTRO CULTURALE DI MILANO Inaugurazione mostra Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche Intervengono: Giovanni Chiaramonte fotografo Joel Meyerowitz fotografo Milano 10/11/1999 CMC CENTRO CULTURALE

Dettagli

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi IlCounselingMaieutico Orientamentiteoricieoperativi 1.IlconflittocomerisorsaperilCounselingMaieutico Dr.DanieleNovara Responsabilescientifico Il Counseling Maieutico è uno strumento innovativo nato dopo

Dettagli

Casa Cosmica del Sangha di Antonello Ruggieri

Casa Cosmica del Sangha di Antonello Ruggieri Per l aula di meditazione che ha sede in via Piranesi 14 a Milano abbiamo commissionato all artista Antonello Ruggieri una installazione che favorisca gli stati meditativi che intendiamo coltivare; tale

Dettagli

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI BARBARA PISCINA Animatrice pedagogica cell. 3286766227 e-mail barbara.piscina@fastwebnet.it PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI Il percorso di formazione vuole essere l occasione per riflettere

Dettagli

che ancora avvertivo in me e nell aria. Quanto visto continuava a punteggiare il nero delle palpebre e della stanza: forse impressioni nervose la cui

che ancora avvertivo in me e nell aria. Quanto visto continuava a punteggiare il nero delle palpebre e della stanza: forse impressioni nervose la cui Arturo Lini LUCI La casa dove da tanti anni abito è posta sulle prime pendici di una delle molte colline che fiancheggiano e si aprono sul paesaggio versiliese fatto di diverse cittadine, una accanto all

Dettagli

IL GIOCO. La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU)

IL GIOCO. La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU) IL GIOCO La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU) Il gioco insegna a muoversi, a immaginare, a pensare (M. LAENG) Lo sport ed il gioco sono elementi fondamentali

Dettagli

New York Wagner College 16 giorni / 14 notti

New York Wagner College 16 giorni / 14 notti New York Wagner College 16 giorni / 14 notti School and Vacation è un azienda certificata ISO 9001:2008 Stato/Nazione: Località: Età: Sistemazione: Corso di Lingua: Durata soggiorno: STATI UNITI NEW YORK

Dettagli

Scheda 2 «La gestione integrata dei rifiuti» COSA SONO I RIFIUTI: INQUADRAMENTO STORICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 2 «La gestione integrata dei rifiuti» COSA SONO I RIFIUTI: INQUADRAMENTO STORICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 2 «La gestione integrata dei rifiuti» COSA SONO I RIFIUTI: GREEN JOBS Formazione e Orientamento COSA SONO I RIFIUTI: In natura, gli scarti del processo vitale le deiezioni animali ritornano nel

Dettagli

Andrea Crisanti scenografo

Andrea Crisanti scenografo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea in Lettere Andrea Crisanti scenografo RELATORE Prof. Paolo Bertetto CORRELATORE Prof. Andrea Minuz LAUREANDA Elisa

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Info: www.cafferiver.com info@cafferiver.com www.giovannisanti.com

COMUNICATO STAMPA Info: www.cafferiver.com info@cafferiver.com www.giovannisanti.com COMUNICATO STAMPA Info: www.cafferiver.com info@cafferiver.com www.giovannisanti.com E in uscita il nuovo calendario Caffè River 2008 New York Frammenti Calendario 2008 AREZZO - NEW YORK Un viaggio nella

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

boy boy old Roberto Boccaccino

boy boy old Roberto Boccaccino boy old boy Roberto Boccaccino boy old boy Fotografie e testi di Roberto Boccaccino Islanda, 2013. Þingeyri A Þingeyri non ci sono ragazzi sopra i quindici anni. Non ce n è nemmeno uno. La ragione è precisa,

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Premio rina gatti 2013-2014. per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare

Premio rina gatti 2013-2014. per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare Premio rina gatti 2013-2014 per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VOLUMNIO PONTE SAN GIOVANNI A SPASSO NEL TEMPO Il premio è dedicato alla memoria

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino Sull inglese come lingua universale La decisione

Dettagli

Illuminazione ILLUMINAZIONE

Illuminazione ILLUMINAZIONE ILLUMINAZIONE ILLUMINAZIONE 293 Illuminazione Argomenti: Basi dell illuminazione Creazione della profondità Luci principali, luci di riempimento e luci di sfondo Intensità e decadenza Posizionamento delle

Dettagli

MATRIARCATO. La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno.

MATRIARCATO. La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno. MATRIARCATO La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno. Matriarcato: non passa giorno senza che qualcosa venga proposto su questo argomento, sia esso un articolo su una rivista

Dettagli

PER COMINCIARE TOCCA CON GLI OCCHI, NON CON LE MANI

PER COMINCIARE TOCCA CON GLI OCCHI, NON CON LE MANI PER COMINCIARE CERCA LE OPERE NELLE SALE Su ogni carta trovi il disegno di un dettaglio tratto da un opera in mostra. SCOPRI NUOVE COSE sull arte e gli artisti con le domande, i giochi e gli approfondimenti

Dettagli

Viaggio di Gruppo con accompagnatore dal 26 Giugno al 1 Luglio (6 giorni/5notti)

Viaggio di Gruppo con accompagnatore dal 26 Giugno al 1 Luglio (6 giorni/5notti) Viaggio di Gruppo con accompagnatore dal 26 Giugno al 1 Luglio (6 giorni/5notti) PIANO VOLI 26 Giugno Firenze Parigi CDG 13.05 15.05 26 Giugno Parigi CDG New York 16.35 18.45 01 Luglio New York Parigi

Dettagli

Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico. Piazza verdi Progetto degli arredi.

Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico. Piazza verdi Progetto degli arredi. Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico Piazza verdi Progetto degli arredi Relazione PIAZZA VERDI: UTILIZZAZIONE, TUTELA E ARREDO Descrizione tecnica

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE

CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE A14 371 Giovanni Tocci CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA IN ALCUNE CITTÀ MEDIE ITALIANE Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

LA REPUBBLICA DEI BAMBINI

LA REPUBBLICA DEI BAMBINI COMUNE DI PIACENZA ASSOCIAZIONE AMICI DEL TEATRO GIOCO VITA DIREZIONE GENERALE SPETTACOLO DAL VIVO 36 a RASSEGNA DI TEATRO SCUOLA Stagione Teatrale 2015/2016 Teatro delle Briciole Cantiere Nuovi Sguardi

Dettagli

Alcuni dati delle aree metropolitane su cui il sistema giudiziario si organizza.

Alcuni dati delle aree metropolitane su cui il sistema giudiziario si organizza. LA FUNZIONE SIMBOLICA E LA SCELTA URBANISTICA DEGLI INSEDIAMENTI GIUDIZIARI NEL CENTRO STORICO CITTADINO: ALTRE ESPERIENZE INTERNAZIONALI LONDRA, PARIGI, NEW YORK Questo intervento propone una brevissima

Dettagli

COMPRARE CASA A NEW YORK : 11 BUONI MOTIVI

COMPRARE CASA A NEW YORK : 11 BUONI MOTIVI COMPRARE CASA A NEW YORK : 11 BUONI MOTIVI Comprare casa a New York Financial District Flatiron District Gramercy Greenwich village MidtownWest Soho Upper east side Upper west side Midtown Est 1 / 9 Comprare

Dettagli

INCIDENDO LABORATORIO DIDATTICO

INCIDENDO LABORATORIO DIDATTICO INCIDENDO Incidendo è un progetto didattico rivolto alle classi della Scuola Primaria. Si propone di avvicinare il bambino al mondo dell incisione, tecnica artistica che ha radici lontane nel tempo ma

Dettagli

L organizzazione scientifica del lavoro

L organizzazione scientifica del lavoro L organizzazione scientifica del lavoro Con la seconda rivoluzione industriale, le macchine divennero più veloci e più grandi, come tutto l insieme degli impianti di manifattura. La tendenza all ingrandimento,

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE Conversazioni e consigli di dieci famiglie italiane Disegni di Alfredo Pompilio Dellisanti MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE (Conversazioni

Dettagli

Ogni anno, l 8 Marzo si celebra la "Festa della donna". Ma perché è stata istituita? E perché proprio l 8 Marzo? Questa data ricorda una terribile

Ogni anno, l 8 Marzo si celebra la Festa della donna. Ma perché è stata istituita? E perché proprio l 8 Marzo? Questa data ricorda una terribile Ogni anno, l 8 Marzo si celebra la "Festa della donna". Ma perché è stata istituita? E perché proprio l 8 Marzo? Questa data ricorda una terribile tragedia, avvenuta l 8 Marzo 1908, a New York, negli Stati

Dettagli

Percorso Linguistico Classe seconda elementare

Percorso Linguistico Classe seconda elementare Percorso Linguistico Classe seconda elementare A cura della dott.ssa Maria Piscitelli Insegnanti collaboratrici che hanno sperimentato in classe il Percorso Linguistico. Gianna Campigli ed Attilia Greppi

Dettagli

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di.

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. Vorrei partire da un assunto, o meglio una constatazione: è impossibile non comunicare: la comunicazione è una proprietà del

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Le due diverse facce di Shanghai, la parte moderna del Pudong e la parte tradizionale tra mercati e case in

Le due diverse facce di Shanghai, la parte moderna del Pudong e la parte tradizionale tra mercati e case in Più volte ho provato a descrivere la realtà cinese, la frenetica realtà cinese, con il suo progresso e con il suo attaccamento alla tradizione, con i suoi colori e i suoi odori. Più volte ho provato e

Dettagli

IL LAVORO SOCIALE NEL SETTORE DELL INFANZIA E DELLA FAMIGLIA: VERSO NUOVI SAPERI

IL LAVORO SOCIALE NEL SETTORE DELL INFANZIA E DELLA FAMIGLIA: VERSO NUOVI SAPERI IL LAVORO SOCIALE NEL SETTORE DELL INFANZIA E DELLA FAMIGLIA: VERSO NUOVI SAPERI FAMIGLIE : QUALI INTERVENTI VERSO UN MODELLO OPERATIVO INTEGRATO Architettura della scheda. Nelle famiglie multiproblematiche

Dettagli

SCUOLE BILINGUE MASSA. bilingue si cresce... Seguici su #bilinguesicresce

SCUOLE BILINGUE MASSA. bilingue si cresce... Seguici su #bilinguesicresce Seguici su #bilinguesicresce bilingue si cresce... Cari genitori, è con piacere che vi diamo il benvenuto alle Scuole Bilingue di Massa, questa breve presentazione vuole essere un assaggio del nostro modo

Dettagli

NOI CONTIAMO E RACCONTIAMO

NOI CONTIAMO E RACCONTIAMO Scuola dell infanzia e scuola primaria G. Marconi Istituto Comprensivo Carrara e Paesi a Monte NOI CONTIAMO E RACCONTIAMO PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO ALLE INDICAZIONI NAZIONALI RETE-POLO "SCUOLA DI CITTADINANZA

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

#BACKIES. un progetto (fotografico) di ago panini

#BACKIES. un progetto (fotografico) di ago panini #BACKIES un progetto (fotografico) di ago panini Esprimiamo quasi tutto attraverso i nostri visi. La nostra razza, la nostra fede, la nostra sessualità, il nostro stato d animo. Il viso e il nostro biglietto

Dettagli

NOTA BIOGRAFICA. Matteo Severini

NOTA BIOGRAFICA. Matteo Severini NOTA BIOGRAFICA Come in ogni buona pubblicazione di un libro di poesie si dovrebbe cominciare con una sintesi biografica dell autore, per raccontarne cronologicamente la storia e le opere; ma un po per

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Mimmo Jodice, perdersi a guardare

Mimmo Jodice, perdersi a guardare Professione Mimmo Jodice, perdersi a guardare Riflessioni sulla fotografia: cos è la fotografia? Cos è la luce? Perché la scelta del bianconero? Cosa cambia con la fotografia digitale? Come avvicinarsi

Dettagli

giulia riva IMMOBILI Viaggi

giulia riva IMMOBILI Viaggi giulia riva IMMOBILI Viaggi con il Patrocinio di Grafica, creatività e comunicazione: Giulia Riva Si ringraziano: L Amministrazione comunale di Trezzo sull Adda, nella persona dell Assessore Italo Mazza

Dettagli

Il teatro delle Muse di Ancona Storia, attualità e problemi di gestione

Il teatro delle Muse di Ancona Storia, attualità e problemi di gestione Il teatro delle Muse di Ancona Storia, attualità e problemi di gestione In epoca moderna la scelta dello spazio teatrale si è indirizzata verso la definizione e la creazione di edifici particolari, che

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

Estratto distribuito da Biblet. Abitare a. Giuseppe Molteni e Roberta Motta VENEZIA. Testi di Nicoletta del Buono. Estratto della pubblicazione

Estratto distribuito da Biblet. Abitare a. Giuseppe Molteni e Roberta Motta VENEZIA. Testi di Nicoletta del Buono. Estratto della pubblicazione Abitare a VENEZIA Giuseppe Molteni e Roberta Motta Testi di Nicoletta del Buono Abitare a VENEZIA Abitare a VENEZIA Giuseppe Molteni e Roberta Motta Testi di Nicoletta del Buono Estratto distribuito da

Dettagli

PARIGI 1850-1872 IL PIANO DELL HAUSSMANN

PARIGI 1850-1872 IL PIANO DELL HAUSSMANN PARIGI 1850-1872 IL PIANO DELL HAUSSMANN Eugène Hausmann (1809-91) Diviene Prefetto della Senna sotto l imperatore Napoleone III (1850) La legge (13.04.1850) gli consente di espropriare tutti gli immobili

Dettagli

A cura di Mario Fortunato

A cura di Mario Fortunato MILENA AGUS VINCENZO CONSOLO IVAN COTRONEO ANDREA DE CARLO PAOLO DI PAOLO DACIA MARAINI MARIA PACE OTTIERI SANDRA PETRIGNANI PULSATILLA ELISABETTA RASY L ATTESA A cura di Mario Fortunato 2010 Fondazione

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

Laboratorio di Paola Tonelli

Laboratorio di Paola Tonelli Laboratorio di Paola Tonelli dal libro: La Documentazione educativa di Paola Tonelli ed. ANICIA Roma In moltissime scuole italiane è ormai costume comune raccontare il proprio percorso, il proprio lavoro,

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Le Giornate del lavoro culturale

Le Giornate del lavoro culturale www.viveredicultura.it Sotto l Alto Patronato del Presidente della Repubblica Le Giornate del lavoro culturale con l adesione di Progetto di Roma, Auditorium - Parco della Musica 24-25 giugno 2011 con

Dettagli

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE PEDAGOGIA GENERALE E PEDAGOGIA INTERCULTURALE PROF.SSA ANGELA PERUCCA Indice 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 2 Intercultura:

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

PRESENTAZIONE. * Laboratori teatrali per bambini: Animazione teatrale Drammatizzazione della fiaba Lettura animata della fiaba

PRESENTAZIONE. * Laboratori teatrali per bambini: Animazione teatrale Drammatizzazione della fiaba Lettura animata della fiaba PRESENTAZIONE Le Acque compagnia teatrale, che svolge dal 1996 la propria attività in ambito artistico, formativo, scolastico e sociale, presenta dei progetti teatrali-educativi per la Scuola dell'infanzia.

Dettagli

ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre

ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre dietro gli oggetti, ne coglie la profondità. La luce, nella

Dettagli

La nostra luna di miele. Angeles, ci abbandoniamo al pensiero del nostro tanto sognato. E dopo il fatidico Sì. Il nostro Hotel Loews Santa Monica

La nostra luna di miele. Angeles, ci abbandoniamo al pensiero del nostro tanto sognato. E dopo il fatidico Sì. Il nostro Hotel Loews Santa Monica E dopo il fatidico Sì La nostra luna di miele Sognando California, le note di un famoso refrain ci tornano improvvisamente in mente mentre, in volo verso l eccentrica Los Angeles, ci abbandoniamo al pensiero

Dettagli

Ferrara City Branding: un marchio per la città

Ferrara City Branding: un marchio per la città Ferrara City Branding: un marchio per la città Il concetto di branding Brand. Espressione linguistica, parola, rappresentazione grafica, simbolo - o una combinazione di tali elementi - con cui si identificano

Dettagli

Dopo il Silenzio. Di Pietro Grasso. Presentazione di regia. Di Alessio Pizzech

Dopo il Silenzio. Di Pietro Grasso. Presentazione di regia. Di Alessio Pizzech Dopo il Silenzio Di Pietro Grasso Presentazione di regia Di Alessio Pizzech Dopo la significativa esperienza di Per non Morire di mafia, tratto dall omonimo libro, che dopo il fortunato battesimo Spoletino

Dettagli

Giacomo Corna Pellegrini giacomo.cornapellegrinis@tin.it Elogio della Geografia

Giacomo Corna Pellegrini giacomo.cornapellegrinis@tin.it Elogio della Geografia 1 Premio Internazionale Galileo Galilei dei Rotary Club Italiani per la Scienza Anno 2008 Giacomo Corna Pellegrini giacomo.cornapellegrinis@tin.it Elogio della Geografia Ringrazio i Rotay Clubs d Italia

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Scienze Livello: A2 Gruppo 3 Autori: Belfi Antonella, Bolzan Luana, Papi Michela Prerequisiti: comprensione linguistica livello A2 per alunni

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO LINGUA INGLESE CLASSE SECONDA Testo in adozione: SMART ENGLISH VOL. 1 e 2 Rob Nolasco Oxford

UNITA DI APPRENDIMENTO LINGUA INGLESE CLASSE SECONDA Testo in adozione: SMART ENGLISH VOL. 1 e 2 Rob Nolasco Oxford UNITA DI APPRENDIMENTO LINGUA INGLESE CLASSE SECONDA Testo in adozione: SMART ENGLISH VOL. 1 e 2 Rob Nolasco Oxford PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO UNITA DI APPRENDIMENTO E UNIT 9 - UNIT 10 Parlare di bailità.

Dettagli

LA CHIAVE D INGRESSO

LA CHIAVE D INGRESSO LA CHIAVE D INGRESSO Una personalità così ricca e così umanamente complessa quale quella che emerge dai manoscritti di Sandra Sabattini non poteva non essere analizzata da un punto di vista psico-grafologico.

Dettagli

Mapping Manhattan ; Mappa i tuoi ricordi: San Basilio come Manhattan (di Fabiola Fratini)

Mapping Manhattan ; Mappa i tuoi ricordi: San Basilio come Manhattan (di Fabiola Fratini) Mapping Manhattan ; Mappa i tuoi ricordi: San Basilio come Manhattan (di Fabiola Fratini) 1. Mapping Manhattan e Mappa i tuoi ricordi: San Basilio come Manhattan Mappa i tuoi ricordi: San Basilio come

Dettagli

Rimini Foto d autunno 2014 Cluster. New Jersey Counties Daniele Lisi

Rimini Foto d autunno 2014 Cluster. New Jersey Counties Daniele Lisi Rimini Foto d autunno 2014 Daniele Lisi di La lettura di un agglomerato urbano, come una sorta di grappolo, Cluster appunto, è diventata un progetto realizzato tra il 2012 e il 2014 su una zona compresa

Dettagli

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe.

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe. Laboratorio consigliato per la scuola primaria (II ciclo) Il grande mosaico dei diritti Hai diritto ad avere un istruzione/educazione. Art. 28 della CRC Hai diritto a essere protetto/a in caso di guerra

Dettagli

Progetti. donnelly turpin architects Complesso multifunzionale in Rathmines Square. Carmen Murua

Progetti. donnelly turpin architects Complesso multifunzionale in Rathmines Square. Carmen Murua Progetti Carmen Murua Il complesso multifunzionale progettato da Donnelly Turpin Architects si trova nel quartiere Rathmines, a sud del centro storico di Dublino, caratterizzato da edifici residenziali

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 ORGANIZZAZIONE La scuola accoglie i bambini da 3 a 6 anni. E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI ECONOMIA MARCO BIAGI. Corso di Laurea Specialistica in Economia

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI ECONOMIA MARCO BIAGI. Corso di Laurea Specialistica in Economia UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI ECONOMIA MARCO BIAGI Corso di Laurea Specialistica in Economia IL SISTEMA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE ALL ESTERO: RAPPORTO CON LA BUSINESS

Dettagli

Parte Terza Casi studio

Parte Terza Casi studio Parte Terza Casi studio In questo capitolo conclusivo vogliamo analizzare nel dettaglio due diverse tipologie di spazi retail. Abbiamo scelto un negozio monomarca e un department store proprio perché,

Dettagli

I CONTESTI DELL INFANZIA AGLI OCCHI DEI BAMBINI ANALISI DEI DISEGNI E DELLE INTERVISTE INDIVIDUALI. Vincenza Pellegrino

I CONTESTI DELL INFANZIA AGLI OCCHI DEI BAMBINI ANALISI DEI DISEGNI E DELLE INTERVISTE INDIVIDUALI. Vincenza Pellegrino I CONTESTI DELL INFANZIA AGLI OCCHI DEI BAMBINI ANALISI DEI DISEGNI E DELLE INTERVISTE INDIVIDUALI Vincenza Pellegrino Definire il costrutto di contesti ( sentirsi in relazione ) Il campo da calcio mentre

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli