MARIO MAFFI A NEW YORK, LUOGHI DELLA MODERNITÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MARIO MAFFI A NEW YORK, LUOGHI DELLA MODERNITÀ"

Transcript

1 A New York MARIO MAFFI A NEW YORK, LUOGHI DELLA MODERNITÀ Il 25 marzo 1911, un furioso incendio scoppiò a Manhattan, all angolo di Greene Street e Washington Place, a due passi dagli alberi e dagli scoiattoli di Washington Square. Subito avvolse i piani alti (il settimo, l ottavo e il nono) dell Asch Building, occupati dalla fabbrica di abbigliamento Triangle Shirtwaist Co., le cui maestranze avevano dato inizio al grande sciopero di due anni prima. Nel tentativo di sottrarsi al fuoco l unica scala antincendio divenne presto inservibile, mentre le porte erano state sbarrate per impedire assenze dal lavoro e ingresso di agitatori sindacali, le operaie, per lo più giovanissime immigrate italiane ed ebree, si gettarono dalle finestre nella via sottostante, gli abiti e i capelli già in fiamme. Nel giro di un ora, morirono in 146 e l incendio alla Triangle Shirtwaist Co. (pur non essendo stato come ancora si sente dire ogni tanto all origine della Festa dell 8 marzo, proclamata l anno prima dall Internazionale Socialista) rimase tragico simbolo del vivere, lavorare e morire a New York tragico simbolo di una modernità newyorkese fatta di alti edifici in pietra e di strade sottostanti, di scale antincendio e di balzi nel vuoto, di giovani donne catturate dal mondo del lavoro e di voci diverse aggrovigliate nelle cacofonie metropolitane. 1 A pochi metri di distanza dall Asch Building (oggi di proprietà della New York University), traversata Greene Street ma sempre su Washington Place, era nato sessantotto anni prima, nel 1843, Henry James, che a questa zona di Manhattan aveva dedicato uno dei suoi primi successi, il romanzo Washington Square (1880), ed era tornato più volte, nella realtà, nell immaginazione e nella scrittura: sempre rilevando che, nonostante i mutamenti anche profondi, quell area di New York conservava tuttavia qualcosa di simile a una storia sociale 2 una storia personale e collettiva, una vecchia New York che restava 21

2 MARIO MAFFI pur dentro alla nuova New York, matrioska di un Novecento imminente e poi dispiegatosi in tutte le sue sfaccettate potenzialità e ambiguità, ma non scisso dal suo passato. Proprio in occasione di uno di questi suoi ritorni a New York, nel 1904, dopo decenni trascorsi in Europa, James era rimasto sconvolto di fronte a quella che era ormai (come sarebbe stata fra non molto per un altro scrittore profondamente newyorkese, sebbene non d origine: F. Scott Fitzgerald) la sua città perduta. 3 I luoghi familiari, la rosa dei venti della sua infanzia, erano per lo più scomparsi nel vortice: la città era diventata qualcosa di fantastico e abracadabrante, 4 intrappolata nella sua maledizione topografica originaria. 5 A colpirlo sgradevolmente era stato soprattutto (ma non solo) il suo profilo: la skyline cittadina era una sorta di pettine colossale rivolto verso l alto e privo d una buona metà dei suoi denti, al punto che gli altri, a intervalli così irregolari, contano il doppio come spuntoni acuminati. 6 Un altro elemento che aveva poi disturbato profondamente James era l onnipresenza di colui/colei che lo scrittore chiama con scelta linguistica densa di implicazioni sociali e culturali alien. Che per James significava essenzialmente congestione dei quartieri downtown, mescolanza e ibridazione di costumi e abitudini, eccessiva contiguità dei corpi e delle voci, e un inglese che stava subendo trasformazioni decisive. Così, aveva scritto: L accento del futuro lontano negli Stati Uniti potrà anche essere destinato a divenire il più affascinante del globo, la musica stessa dell umanità [ ]; ma qualunque cosa potremo allora riconoscere in esso, non potremo certo riconoscervi l inglese almeno in nessuno dei sensi per i quali esiste oggi un metro letterario. 7 E per James, che torna a visitarla dopo più di vent anni, la città diviene straordinaria, indicibile New York. 8 Quei venti anni di lontananza contengono in effetti una sequenza epocale di trasformazioni che si può racchiudere simbolicamente entro due poli significativi. Nel 1883, l anno dopo la partenza di James da New York in occasione della sua visita precedente, era stato inaugurato il Brooklyn Bridge; nel 1902, due anni prima del suo ultimo ritorno a New York, era stato inaugurato il Flatiron Building due costruzioni in certo qual modo contigue, nonostante i venti anni di distanza, per l abile gioco di richiami alla tradizione europea (l arco gotico, il bugnato), per l armonico dialogo fra strutture in pietra e tensioni di ferro e acciaio, fra verticalità e orizzontalità. Ma entro quei due poli molto altro era cambiato. New York s era affermata davvero come futurista città che sale, e in più d un senso: verticalmente e topograficamente, socialmente e finanziariamente. S era irradiata tutt intorno, 22

3 A New York assimilando Brooklyn, Queens, il Bronx, Staten Island. Al Brooklyn Bridge s era affiancato, nel 1903, il Williamsburg Bridge, così come, nel 1902 e nel 1904, al Flatiron s erano affiancati, oltre alla fungaia di grattacieli di downtown, il Dorilton e l Ansonia, esempi recenti di una costante (e crescente) fascinazione per Parigi una Parigi che per il momento (prima di divenire, nel giro di qualche anno, irresistibile magnete che attrae per un intera generazione di esuli intellettuali) dalla Senna sembrava volersi trasportare, grazie all Ecole des Beaux Arts, in riva allo Hudson. Di lì a poco, nel 1913 (l anno anche del celebre Armory Show, che esplose letteralmente sulla scena culturale della città, aprendola a nuove contraddizioni e dinamiche culturali), sarebbero nati imponenti luoghi pubblici come il Grand Central Terminal e la Pennsylvania Station, crocevia di monumentalità metropolitane e modernità costruttive, all insegna di un fluire collettivo regolato. Sulla mappa di una città dominata per tre quarti dal grid, il reticolo regolare imposto dalla rendita fondiaria, ma destinata a conservare nella parte bassa di Manhattan, downtown, le tracce labirintiche della vecchia Nieuw Amsterdam, anche solo questi edifici creavano interessanti rotture e contraddizioni. Se infatti gli accessi ai ponti tagliavano rettilinei nella convulsa planimetria downtown, il Flatiron sembrava incidere quel grid, solcando con la sua prua la diagonalità di Broadway e aggiungendo altro movimento all antistante Madison Square Park con i suoi curvilinei sentieri. Quanto al Dorilton e all Ansonia, la fantasmagoria Beaux Arts dei loro volumi e delle loro facciate, la morbidezza di archi e bovindo, sembravano accompagnare e aiutare la rotazione incessante di uno dei più vivaci hubs, mozzi di ruota, della città: la piccola stazione della ferrovia sotterranea su Broadway e 72nd Street. D altra parte, il Grand Central Terminal e la Pennsylvania Station sovvertivano in altri modi il grid, occupando e ridisegnando gli spazi in superficie e alludendo a un dentro/fuori e sopra/sotto che si caricavano di notevoli implicazioni, smentendo gli stereotipi della pura facciata, della pura superficie : moderne cattedrali di un viaggio tutto laico e terreno, contenevano grandi spazi illuminati da tagli di luce, facendo ulteriormente dialogare la pietra e l acciaio. Infine, nell Armory Show (fra John Sloan e George Bellows da un lato e Cézanne e Duchamp dall altro) si ripresentavano e facevano sentire con forza quelle due tensioni contrastanti, fra tradizione e sperimentazione, fra uno sguardo rivolto all indietro e uno rivolto in avanti, fra linee curve e linee spezzate, fra aspirazione all armonia e registrazione del caos, fra ricomposizione e frammentazione. Già in tutto ciò abbiamo una serie di elementi fondanti di quella modernità che sarebbe inevitabilmente divenuta modernismo. Non solo quel senso di essere 23

4 MARIO MAFFI immersi come ha scritto Marshall Berman in un libro seminale su quest esperienza complessa in un vortice di disgregazione e rinnovamento perpetui, di conflitto e contraddizione, d angoscia e ambiguità. 9 Ma anche e lo stesso Berman lo ricorda attraverso tutto il suo libro quella coesistenza di elementi contrastanti, un passato e un presente in costante e irrisolta tensione reciproca, un presente che non può fare a meno della memoria nell atto stesso di proiettarsi verso il futuro, quella dialettica sempre rinnovata fra tradizione e innovazione (che, sul piano della storia sociale, Werner Sollors in un altro libro seminale Beyond Ethnicity o, in italiano, Alchimie d America individuerà come la dialettica fra descent e consent). 10 L immagine del vortice e quella della tensione fra due campi di forze stanno infatti alla base dell esperienza modernista, rappresentano le sue anime in equilibrio precario, destinato a rompersi intorno a metà anni Venti. Ma questo è un discorso che (per quanto necessario e urgente) ci porterebbe troppo lontani: è bene allora tornare alla nostra New York. Il fatto è che quelle contraddizioni si colgono con esattezza proprio nei luoghi della modernità cui si è accennato sopra. In quei luoghi pubblici, cioè, il tempo si contrae e si dilata in un movimento sistolico-diastolico, si rapprende e si diluisce, accelera e rallenta, si ferma e si prolunga, diventa insomma tempo malleabile ed elastico proprio per contenere la persistenza e il mutamento. Il luogo metropolitano (il Brooklyn Bridge, il Flatiron, il Dorilton, l Ansonia, il Grand Central Terminal, la Pennsylvania Station) è un vortice convulso, di passaggi, di partenze e di ritorni, di mutamenti e di trasformazioni: tuttavia, non solo contiene al proprio centro l occhio calmo del ciclone, ma si sviluppa turbinoso e avvolgente intorno a un perno fisso e stabile, sempre eguale a se stesso. Ponti, edifici, stazioni della New York fra Ottocento e Novecento si propongono allora come autentici, sintetici cronotopi bachtiniani, fisiche concrezioni di tempospazio che racchiudono dentro se stesse la traccia del passato e l intuizione del futuro, in un presente che non cessa di parlarci. E di ricordare. Forse, questo discorso (necessariamente abbozzato, ma parte di una riflessione più ampia sul modernismo, che andrebbe prima o poi inaugurata o approfondita) 11 risulta più chiaro, se ci si sofferma su una delle più evidenti dinamiche e tensioni all interno di questa New York: il contrasto fra verticalità e orizzontalità. Come hanno mostrato Thomas Bender e William R. Taylor in un breve saggio stimolante, 12 la New York fra Otto e Novecento vive con forza questo contrasto. Gli edifici pubblici citati lo racchiudono tutti, contengono queste due dimensioni contrastanti. Non sono ancora gli slanci prepotenti verso l alto che si affermeranno di lì a pochi anni o decenni, ma 24

5 A New York rappresentano uno stato di relativo, imperfetto eppure sempre ricercato, equilibrio. Sono l esemplificazione modernista delle due anime coesistenti nella modernità. E un analisi ravvicinata di ciascuno d essi, come pure di altri prodotti culturali dell epoca, mostrerebbe come quella tensione sia la loro vera ragion d essere. Esistono poi altri luoghi della metropoli di quegli anni in cui possiamo assistere al medesimo fenomeno di uno spazio-tempo concentrato in un luogo pubblico. Penso non solo a certi locali come la McSorley s Old Ale House, nata a metà Ottocento, ma divenuta celebre punto d incontro dell avanguardia artistica ai primi del Novecento da John Sloan a Eugene O Neill, nonostante il divieto d ingresso alle donne in vigore fino ai primi anni Settanta, e ancor oggi vero luogo di sospensione del tempo e di circolazione di storie urbane, come si può leggere negli scritti di Joseph Mitchell. 13 Penso anche e soprattutto a certi elementi dell arredo urbano che negli anni fra Otto e Novecento rinascono a nuove impensate destinazioni e utilizzazioni. Gli stoops, cioè i gradini davanti agli ingressi, le scale antincendio, i tetti piatti, divengono infatti nuovi spazi d aggregazione strappati alla convulsione, dove risulta possibile incontrarsi e riconoscersi nell anomia metropolitana, scambiare e organizzare dati e informazioni nel caos delle voci pubbliche e private, intessere relazioni di ogni tipo resistendo al vortice frettoloso della vita urbana. E in particolare vedere ed essere visti: dagli stoops, dalle scale antincendio, dai tetti, gli sguardi si proiettano infatti sulla strada, la scorrono e la contengono, fissano contorni e confini, disegnano un motivo conosciuto e rassicurante, una mappa familiare. E viceversa: perché questi luoghi dalla strada ricevono e assorbono sguardi, che, a loro volta, così facendo, così individuando punti cardinali, così inserendo volti noti nella varietà che fluisce, sistemano l esperienza, la reinventano in forme accettabili, la rendono afferrabile e vivibile. Altri cronotopi bachtiniani, che incontriamo in tanta parte della letteratura di questi decenni fra Otto e Novecento, con valenze che risultano diverse a seconda degli autori, in maniera significativa e rivelatrice del loro rapporto con la città, con la modernità, e dunque con il modernismo. Può essere utile, a questo punto, per meglio verificare questo rapporto fra basso e alto, tradizione e modernità, orizzontalità e verticalità, guardare due quadri che ci vengono da quei decenni e che c interessano non tanto dal punto di vista dei movimenti da cui provengono (un deciso orientamento modernista nella composizione e nelle linee, un realismo diretto e privo di preoccupazioni accademiche) o delle contraddizioni racchiuse, ma proprio per quel che ci dicono: la strada e la tecnologia, il sotto e il sopra, il villaggio nella metropoli, 25

6 MARIO MAFFI l orizzontale e il verticale. Si tratta del quadro di Louis Lozowick Allen Street (Under the El) (1929) e di quello di Jerome Myers Life on the East Side (1932). Nel primo, si coglie subito la complessa dialettica fra nuova tecnologia del ferro/acciaio (l incastellatura massiccia della ferrovia sopraelevata, le automobili) e tradizionali modi di vita (i vecchi edifici con i negozi sulla strada, i panni stesi, il bighellonare sui marciapiedi), fra luci e ombre alternate, fra livelli e tagli conflittuali, fra autentiche soglie di continuo varcate dallo sguardo e dall atto il tutto culminante in quel punto di fuga, proprio della prospettiva tradizionale e qui esaltato dalla sopraelevata, ma subito nascosto e bloccato dall auto posta di traverso. Nel secondo, il primo piano è interamente occupato da una scena da villaggio l atmosfera da mercato, le persone chine sulla merce, i bambini che toccano e assaggiano, gli adulti che parlano, il vecchio patriarca, i fazzoletti in testa e le stesse case che contornano la scena rimandano a dimensioni tradizionali, familiari, orizzontali. Ma ecco che dietro, quasi in una nebbia onirica, sovrastanti, si stagliano i simboli della verticalità moderna e modernista, le torri di Manhattan. In queste incessanti rifrazioni di sguardi sulla e dalla strada, dal basso e dall alto, da dentro e da fuori, la rigidità delle ripartizioni sociali urbane viene messa in discussione, intaccata, abbattuta, e la domanda centrale che si pone Hana Wirth-Nesher ( Dove siamo situati nella metropoli per vedere ciò che vediamo? ) 14 acquista nuova forza, nuove implicazioni. Se, per esempio, lo sguardo dei coniugi March nel primo grande romanzo urbano di questi decenni di trapasso, A Hazard of New Fortunes di William Dean Howells, del 1890, scorre dalla ferrovia sopraelevata sulle facciate dei tenements che, attraverso le finestre aperte nella notte estiva, svelano i propri interni in effimeri quadretti istantanei presto superati per la velocità del treno; e se lo sguardo dei protagonisti di Maggie. A Girl of the Street di Stephen Crane, del 1894, si posa sì sulle strade intorno alla Bowery, sui suoi interni compressi e sui suoi locali convulsi, ma come se fosse velato da una nebbiolina di colori, da una gelatina teatrale o da un filtro per macchina da presa, in una chiara deformazione preespressionista, tutto questo ci offre un potente strumento d indagine, una vitale metafora critica per cominciare a rispondere alla domanda di Wirth-Nesher e soprattutto alle sue implicazioni socio-culturali. Howells e Crane sono cioè entrambi, sia pure con atteggiamenti diversi e diversa scelta sociale, culturale e stilistica, insiders dal punto di vista nazionale (dal punto di vista cioè dell appartenenza sociale, del descent), ma outsiders dal punto di vista del loro radicamento in (e della loro familiarità con) certe zone della città che i due scrittori cercano di raccontare, in modi e con risultati diversi. 26

7 A New York E se poi la narrativa di Abraham Cahan, da Yekl (1896) a The Imported Bridegroom (1898), di Rose Cohen (Out of the Shadow, 1918) e di Anzia Yezierska (Hungry Hearts, 1920) e soprattutto di Michael Gold (Jews Without Money, 1930) e di Henry Roth (Call It Sleep, 1934), oltre che di Pietro Di Donato (Christ in Concrete, 1939), se questa narrativa contiene altri sguardi (o meglio: sguardi altri ) su New York, più intrecciati e articolati, più interni e più netti, più ampi e panoramici o più circoscritti e intimi, in grado di dissolvere partizioni e separatezze, di scomporre e ricomporre gli scenari urbani fino a renderli comprensibili, di appropriarsi sia dei luoghi privati che di quelli pubblici trasformandoli in maniera significativa, di stendere sul labirinto metropolitano il filo d Arianna dell esperienza, di tessere un disegno riconoscibile di lingua e di parola con le molte lingue e parole, allora la risposta a quella domanda si fa ancor più interessante. E forse punta anche al cuore del mistero modernista, di quel modernismo nato ricordava William Carlos Williams sulle labbra di madri polacche. Perché Cahan e gli altri e le altre erano sì outsiders dal punto di vista nazionale, del descent (nel senso che erano immigrati di fresco), ma insiders dal punto di vista del loro radicamento nelle zone che narrano. Il rapporto cioè viene precisamente rovesciato, rispetto a quello che vige per Howells e Cahan Così, in questi romanzi e racconti, che intrattengono una relazione tanto particolare con il modernismo, l esperienza metropolitana, nella New York straordinaria, indicibile di Henry James, è sì di spaesamento e perdita (d identità, d orientamento, di descent), ma anche di caparbia resistenza a ciò: di riorganizzazione degli spazi e della loro percezione e fruizione. Agli inizi di Call It Sleep, David Schearl si perde nelle strade e più cerca Boddeh Stritt più la reale Bardah Street s allontana; eppure, David non cesserà mai di proiettare il proprio sguardo sulle strade e sulla metropoli dalla finestra, dalla scala antincendio, dal tetto o di percorrere avanti e indietro quelle strade fino a costruirsi una propria mappa, fino ad abbracciarne (rischiosamente, quasi mortalmente) la babelica complessità/diversità (etnica, culturale, linguistica). La letteratura degli immigrati sembra cioè rimettere in discussione, costantemente, nella realtà e nella metafora, i confini fra dentro e fuori, fra privato e pubblico: appunto, sugli stoops, sulle scale antincendio, sui tetti, che divengono di volta in volta luoghi d incontro collettivo o estensioni degli appartamenti. E sembra difendere gelosamente quell orizzontalità calda e umana che contraddice (e al tempo stesso alimenta e trattiene in una spasmodica tensione) la verticalità della moderna metropoli, esattamente come il modernismo letterario si forma di tradizione e innovazione, comunicazione e sperimen- 27

8 MARIO MAFFI tazione, e soprattutto nella reciproca tensione fra queste. Nella celebre Prefazione a The Portrtait of a Lady (1882), Henry James scriveva: In breve, la casa della narrativa non ha una sola finestra, ma un milione o meglio, un numero imprecisabile di finestre, ciascuna delle quali è stata aperta, o è tuttora apribile, sulla sua ampia facciata, dal bisogno della visione individuale e dalla pressione della volontà individuale. 15 A ciascuna di queste finestre continuava James, diverse per forma, altezza, posizione, angolatura, s affaccia il narratore, s affacciano i narratori, per osservare l esistenza umana che si muove là sotto e poi tradurla nella forma e nella maniera che dalla finestra gli si presenta, che la posizione della finestra gli permette e gli stimola. Circa un secolo più tardi, forse Pedro Pietri aveva in mente (o forse no: ma non ha molta importanza) quest immagine di Henry James, quando scrisse uno dei suoi fotogrammi cittadini, assurdisti e upside down: in questa città sterminata di alti edifici e piccoli esseri umani quando guardi fuori della finestra Tutto quel che riesci a vedere è qualcun altro che guarda fuori da un altra finestra non c è nient altro da vedere quando si guarda fuori della finestra a meno che non ci sia qualcuno che si butta 16. Perché quella degli sguardi su New York e dei luoghi della modernità è tutta una storia di rifrazioni e rovesciamenti, di intrecci contraddittori e paradossali e anche, spesso, drammatici o tragici. Soprattutto, è una storia che continua. NOTE 1 Sulla tragedia della Triangle Shirtwaist Co., cfr. Leon Stein, The Triangle Fire, Philadelphia: J. B. Lippincott, Henry James, Washington Square, New York: The New American Library, 1964, p

9 A New York 3 Francis Scott Fitzgerald, My Lost City, in Francis Scott Fitzgerald, The Crack-Up, with Other Pieces and Stories, Harmondsworth, Middlesex: Penguin Books, Henry James, The American Scene, London: Granville Publishing, 1987, p Ivi, p Ivi, p Ivi, p Ivi, p Marshall Berman, L esperienza della modernità, Bologna: Il Mulino, 1985, p. 25. Com è noto, il titolo originale, All That Is Solid Melts Into Air, è una frase tratta dal Manifesto del partito comunista (1848). 10 Werner Sollors, Beyond Ethnicity. Consent and Descent in American Culture (New York: Oxford University Press, 1986), trad. it., Alchimie d America, Roma: Editori Riuniti, Un primo tentativo di far decantare tali suggestioni è contenuto nel mio saggio Il salotto e la strada (per non dir della gallina). Spazi pubblici e spazi privati nell esperienza del Lower East Side di New York, Ácoma, 21 (autunno 2001). 12 Thomas Bender and William R. Taylor, Culture and Architecture: Some Aesthetic Tensions in the Shaping of Modern New York City, in William Sharpe and Leonard Wallock, eds., Visions of the Modern City. Essays in History, Art, and Literature, Baltimore: The Johns Hopkins University Press, Ora anche in William R. Taylor, In Pursuit of Gotham. Culture and Commerce in New York (New York: Oxford University Press, 1992), trad. it., New York. Le origini di un mito, Venezia: Marsilio Editori, Cfr. Joseph Mitchell, McSorley s Wonderful Saloon (1943), New York: Pantheon Books, Hana Wirth-Nesher, City Codes. Reading the Modern Urban Novel, New York: Cambridge University Press, 1996, p Henry James, Preface to the New York Edition, in H. James, The Portrait of a Lady, Harmondsworth, Middlesex: Penguin Books, 1986, pp Pedro Pietri, Out of Order. Fuori servizio, Cagliari: CUEC Edizioni, 2001, p

10

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Catturare una nuova realtà

Catturare una nuova realtà (Interviste "di LuNa" > di Nadia Andreini Strive - 2004 Catturare una nuova realtà L opera di Ansen Seale (www.ansenseale.com) di Nadia Andreini (www.nadia-andreini.com :: nadia@nadia-andreini.com) Da

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Tu non ricordi la casa dei doganieri

Tu non ricordi la casa dei doganieri Percorso L autore Eugenio Montale 4. Le occasioni, La bufera e altro, Satura e l ultima produzione testi 13 13 Eugenio Montale Le occasioni La casa dei doganieri in Tutte le poesie, Mondadori, Milano,

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Indessicalità / Indexicality William F. Hanks

Indessicalità / Indexicality William F. Hanks Indessicalità / Indexicality William F. Hanks Il termine indessicalità indica l onnipresente dipendenza dal contesto degli enunciati di qualunque lingua naturale, e comprende fenomeni diversissimi come

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA C V A M O S T R E Mostre in Centrale 2010 Doppio appuntamento a Maën A Valtournenche, in occasione dei dieci anni

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario!

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Manuale del Trader Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Questo manuale spiega esattamente cosa sono le opzioni binarie, come investire e familiarizzare con il nostro sito web. Se avete delle

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010

Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010 Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010 La capacità di godere richiede cultura, e la cultura equivale poi sempre alla capacità di godere. Thomas Mann 1 Oggetto Il progetto consiste nella creazione

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si Università degli studi di Roma La Sapienza, Dipartimento di Economia e Diritto, 17 dicembre 2013. Seminario organizzato nell ambito del Dottorato di Diritto pubblico dell economia dell Università degli

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 4

1^A - Esercitazione recupero n 4 1^A - Esercitazione recupero n 4 1 In un cartone animato, un gatto scocca una freccia per colpire un topo, mentre questi cerca di raggiungere la sua tana che si trova a 5,0 m di distanza Il topo corre

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

by marktgerecht.jm.ohg strategische markenführung www.marktgerecht.com ADIOS VENTILOS! Perché si sono estinte le valvole. www.schiel.

by marktgerecht.jm.ohg strategische markenführung www.marktgerecht.com ADIOS VENTILOS! Perché si sono estinte le valvole. www.schiel. www.schiel.biz by marktgerecht.jm.ohg strategische markenführung www.marktgerecht.com ADIOS VENTILOS! Perché si sono estinte le valvole. Adios Ventilos! o Perché si sono estinte le valvole. Editore: Schiel

Dettagli

PROBLEMI SUL MOTO RETTILINEO UNIFORMEMENTE ACCELERATO

PROBLEMI SUL MOTO RETTILINEO UNIFORMEMENTE ACCELERATO PROBLEMI SUL MOTO RETTILINEO UNIFORMEMENTE ACCELERATO 1. Un auto lanciata alla velocità di 108 Km/h inizia a frenare. Supposto che durante la frenata il moto sia uniformemente ritardato con decelerazione

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

MODI, TONALITA E SCALE

MODI, TONALITA E SCALE Teoria musicale - 2 MODI, TONALITA E SCALE MODO MAGGIORE E MODO MINORE Parafrasando il titolo di un celebre libro di Thomas Merton, No man is an island - Nessun uomo è un isola, mi piace affermare subito

Dettagli

Sole. Instante 0. Rotazione della Terra

Sole. Instante 0. Rotazione della Terra AP 1 Misura della durata del giorno solare Scuola primaria secondo ciclo - MATERIALE OCCORRENTE Un solarscope Un cronometro o un orologio indicante ore, minuti e secondi Un foglio quadrettato (opzionale)

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Le Udienze Rinunce e nomine Attività del Santo Padre nel periodo estivo: alcune informazioni Avviso di Conferenza Stampa

Le Udienze Rinunce e nomine Attività del Santo Padre nel periodo estivo: alcune informazioni Avviso di Conferenza Stampa N. 0438 Sabato 14.06.2014 Pubblicazione: Immediata Sommario: Le Udienze Rinunce e nomine Attività del Santo Padre nel periodo estivo: alcune informazioni Avviso di Conferenza Stampa Le Udienze Il Santo

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Il valore dell equilibrio nell arte. Dalla classicità al modernismo astrattista di Kandinsky e Mondrian Alessandro Alfieri *

Il valore dell equilibrio nell arte. Dalla classicità al modernismo astrattista di Kandinsky e Mondrian Alessandro Alfieri * Il valore dell equilibrio nell arte. Dalla classicità al modernismo astrattista di Kandinsky e Mondrian Alessandro Alfieri * Che l equilibrio possa venire considerato come una delle categorie essenziali

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA ILTESTO NARRATIVO Testi narrativi sono definiti tutti quelli che hanno per oggetto la narrazione di una storia: racconti, romanzi, fiabe ecc. Gli elementi fondamentali del testo narrativo sono: storia,

Dettagli

a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. RSB0002 a) 20. b) 18. c) 16. d) 22. c

a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. RSB0002 a) 20. b) 18. c) 16. d) 22. c RSB0001 In quale/i dei disegni proposti l area tratteggiata é maggiore dell area lasciata invece bianca? a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. b) In nessuno dei due. c) Nel disegno contrassegnato

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

Scheda n.?? Traccia dell intervento di Mauro Magatti

Scheda n.?? Traccia dell intervento di Mauro Magatti Scheda n.?? I VOLTI DI UN TERRITORIO CHE CAMBIA Traccia dell intervento di Mauro Magatti 1 Voglio tenere l equivoco contenuto nel titolo, che mi sembra fecondo: si parla del volto del territorio che cambia

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli