Art. 1: Oggetto dell appalto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Art. 1: Oggetto dell appalto"

Transcript

1

2

3 Art. 1: Oggetto dell appalto CAPO I NATURA E OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l esecuzione di tutti i lavori edili e impiantistici necessari per la ristrutturazione edilizia dell edificio denominato Palazzo degli Stemmi sito nel Comune di Torino, in Via Po per la porzione di VIA MONTEBELLO n.1 dove saranno insediati gli alloggi residenza per gli studenti. Sono comprese nell appalto opere edili ed impiantistiche di finitura e/o completamento e tutti i lavori, le prestazioni, le forniture e le provviste necessarie per dare il lavoro completamente compiuto e secondo le condizioni stabilite dal presente capitolato d appalto, con le caratteristiche tecniche, qualitative e quantitative previste dal progetto esecutivo con i relativi allegati, dei quali l appaltatore dichiara di aver preso completa ed esatta conoscenza. L esecuzione dei lavori è sempre e comunque effettuata secondo le regole dell arte e l appaltatore deve conformarsi alla massima diligenza nell adempimento dei propri obblighi; è tenuto inoltre a dare esecuzione all oggetto dell appalto nel modo più completo ed estensivo anche se la descrizione dell oggetto stesso si limita ad indicare gli elementi essenziali per la sua determinazione. Interpretazioni elaborati In caso di discordanza, incongruenza o difformità di documentazioni, disegni o tra i vari elaborati di progetto, vale l interpretazione più aderente alle finalità per le quali il lavoro è stato progettato e comunque quella meglio rispondente ai criteri di ragionevolezza e di buona tecnica esecutiva; e comunque tale interpretazione deve essere sempre a vantaggio delle esigenze e corrispondere agli interessi della Stazione Appaltante. In caso di mancanza totale di documentazione il Direttore dei lavori provvederà tempestivamente a fornire qualsiasi informazione all Appaltatore. Elenco dei lavori I lavori che formano oggetto dell'appalto possono riassumersi come appresso indicato, salvo più precise indicazioni che possono trovarsi nel proseguo del documento e/o che all'atto esecutivo potranno essere impartite dalla D.L.. Le indicazioni seguenti si intendono successive alle demolizioni delle pareti interne non portanti laddove esistenti e previste in demolizione dalla sovrapposizione del progetto con la situazione attuale. Quale lavorazione preventiva a tutte le lavorazioni si intende lo sgombero e pulizia dei piani da macerie e materiale di risulta esistente compresa la pulizia dei cunicoli di collegamento tra la centrale tecnologica e i locali, compresa la rimozione di impiantistica superflua con lo stoccaggio alle discariche. Piano Interrato lato via Montebello: i locali sono direttamente accessibili dall ascensore e dalla scala, dall ingresso di via Montebello. Il progetto prevede la realizzazione di: un locale per attività fisica che sarà successivamente attrezzata dal gestore, il locale è completo di spogliatoi e servizi igienici con docce, locali tecnici, una parete con vano porta, sistemazione della scala di accesso al piano 1 interrato, ricostruzione di una parte di soletta. In tutti questi locali è prevista la realizzazione di opere di finitura, rinzaffo delle nuove murature, intonaco, decorazione, pavimenti e rivestimenti in gres porcellanato in tutti i locali tranne la palestra dove il pavimento sarà in gomma, porte e serramenti in metallo, sistema di controllo dei fumi, impianto di riscaldamento, idrico e di illuminazione. Si dovranno prevedere opere strutturali per la ricostruzione della soletta e dove saranno necessarie aperture di vani porta, oltre alle necessarie lavorazioni per la riquadratura della stessa. Il locale è dotato di uscita di sicurezza verso l esterno attraverso una scala a cielo libero già realizzata. Piano Interrato lato via Po: Il progetto prevede la realizzazione di: locali di servizio per gli alloggi ed in particolare una lavanderiastireria, dei magazzini biancheria e deposito bagagli, servizio igienico e deposito materiali per le pulizie generali e un deposito per materiale di manutenzione. Questi locali saranno raggiungibili attraverso la scala raggiungibile dal cortile interno o attraverso la scala 4 del palazzo. 1

4 In tutti questi locali è prevista la realizzazione di opere di finitura, rinzaffo delle nuove murature, intonaco, decorazione, pavimenti e rivestimenti in gres porcellanato, porte e serramenti in metallo, sistema di controllo dei fumi, impianto di riscaldamento, idrico e di illuminazione. Dove sarà necessario l apertura di un vano porta si dovranno prevedere le opere strutturali di consolidamento, oltre alle necessarie lavorazioni per la riquadratura della stessa. Piano terreno: Il progetto prevede: rimozione,revisione e posa del montascale elettrico per disabili, rimozione della pavimentazione esistente in ceramica, rimozione del rivestimento ceramico esistente alle pareti, realizzazione della sala per la lettura e consultazione riviste e giornali, realizzazione della Reception con annesso l ufficio del responsabile, locale destinato al servizio di controllo della sicurezza dotato di telecamere a circuito interno, servizi igienici, accesso alla scala esterna di sicurezza dal lato cortile. Dove sarà necessario l apertura di un vano porta si dovranno prevedere le opere strutturali di consolidamento, oltre alle necessarie lavorazioni per la riquadratura della stessa. In tutti questi locali è prevista la realizzazione di opere di finitura, rinzaffo, intonaco delle nuove murature, ripristini di intonaci esistenti ammalorati ed esecuzione degli intonaci dove sono stati rimossi i rivestimenti in ceramica, la decorazione di tutte le superfici murarie, pavimenti e rivestimenti in gres porcellanato, pavimento in pietra all ingresso, sistema di controllo dei fumi, impianto di riscaldamento, idrico, elettrico e di illuminazione. Sono previsti controsoffitti come da tavola di progetto. Revisione degli infissi esistenti, fornitura e posa di nuovi serramenti interni. Piano ammezzato: Il progetto prevede: rimozione pavimenti e rivestimenti delle pareti esistenti, rimozione del rivestimento in pietra delle spallette dei vani di passaggio ai vani scala, apertura di vani porta e relative opere strutturali di consolidamento, riquadrature delle stesse, creazione di rampa di collegamento tra il corpo di fabbrica di via Montebello e il corpo di fabbrica di via Po, realizzazione di nuove tramezzature per la realizzazione di: camere doppie e singole e relativi servizi igienici, locale soggiorno, locale scaldavivande. In tutti questi locali è prevista la realizzazione di opere di finitura, rinzaffo e intonaco delle nuove murature, ripristini di intonaci esistenti ammalorati ed esecuzione degli intonaci dove sono stati rimossi i rivestimenti in ceramica, decorazione di tutte le superfici murarie, nuova pavimentazione e rivestimenti in gres porcellanato, sistema di controllo dei fumi, impianto di riscaldamento, idrico, elettrico e di illuminazione. Sono previsti controsoffitti come da tavola di progetto. Revisione degli infissi esistenti, fornitura e posa di nuovi serramenti interni. Piani primo secondo e terzo: Il progetto prevede: demolizione di muri e relative opere strutturali di consolidamento della struttura esistente, rimozione pavimenti e rivestimenti delle pareti esistenti, rimozione del rivestimento in pietra delle spallette dei vani di passaggio alle scale, apertura di vani porta e relative opere strutturali di consolidamento, riquadrature delle stesse, creazione di rampa di collegamento tra il corpo di fabbrica di via Montebello e il corpo di fabbrica di via Po, realizzazione di nuove tramezzature per la realizzazione di: camere doppie e singole e relativi servizi igienici, locali per attività didattiche e creative, locali scaldavivande. In tutti questi locali è prevista la realizzazione di opere di finitura, rinzaffo e intonaco delle nuove murature, ripristini di intonaci esistenti ammalorati ed esecuzione degli intonaci dove sono stati rimossi i rivestimenti in ceramica, decorazione di tutte le superfici murarie, nuova pavimentazione e rivestimenti in gres porcellanato, sistema di controllo dei fumi, impianto di riscaldamento, idrico, elettrico e di illuminazione. Revisione degli infissi esistenti, fornitura e posa di serramenti interni. Sono previsti controsoffitti come da tavola di progetto. Piano Sottotetto lato via Montebello: Il progetto prevede la sola decorazione dei locali esistenti. Tutte le scale verranno protette tramite l inserimento di porte REI a due battenti, a chiusura del pianerottolo. Piano Sottotettolato lato via Po: Il progetto prevede: realizzazione di un blocco servizi con locale ripostiglio, 11 monolocali composti da camera-soggiorno con angolo cottura e bagno. Saranno realizzate nuove tramezzature per la delimitazioni 2

5 degli alloggi e dei servizi igienici. In tutti i locali è prevista la realizzazione di opere di finitura, rinzaffo delle murature, intonaco, decorazione, pavimenti e rivestimenti in gres porcellanato, sistema di controllo dei fumi, impianto di riscaldamento, idrico elettrico e di illuminazione. Fornitura e posa di serramenti interni costituiti da porte in legno per i locali e porte in legno di accesso al sottottetto per opere di manutenzione. Sono previsti controsoffitti nelle parti di corridoio e disimpegno agli alloggi e all interno degli alloggi come da elaborati di progetto. Sono previste porte REI a due battenti, a protezione delle scale di accesso al piano e dei locali tecnici. Il vano scala di Via Montebello, a tutti i piani verrà protetto e isolato dai fumi e dal fuoco mediante l inserimento di porte REI a due battenti. L intervento generale oggetto del presente progetto esecutivo permetterà di ottenere un impianto di ricezione a servizio degli studenti con una capacità di 62 posti letto, articolati in 14 camere singole e 24 doppie di cui 11 monolocali, articolate tra il piano ammezzato, primo, secondo, terzo e sottotetto. La creazione delle camere avverrà attraverso la totale o parziale demolizione dei tramezzi esistenti, tutti i locali avranno pavimento in ceramica e porte in legno, mentre I dislivelli di quota tra i due corpi del fabbricato verranno compensati con la creazione di piccole rampe e di scale, affiancate da montascale, in maniera tale da permettere l accessibilità ad i portatori di handicap. Tutte le scale verranno protette tramite l inserimento di porte REI a due battenti a chiusura del pianerottolo. Tutti gli interventi edilizi saranno completati con illuminazione, telefonia, e impiantistica generale e tutte le dotazioni tecniche di base per il completo e totale utilizzo degli spazi. L esecuzione dei lavori è sempre e comunque effettuata secondo le regole dell arte e l appaltatore deve conformarsi alla massima diligenza nell adempimento dei propri obblighi; è tenuto inoltre a dare esecuzione all oggetto dell appalto nel modo più completo ed estensivo anche se la descrizione dell oggetto stesso si limita ad indicare gli elementi essenziali per la sua determinazione. Nel seguito e negli altri documenti contrattuali l Università degli Studi di Torino sarà indicata come Stazione Appaltante, l Impresa esecutrice delle opere come Appaltatore. Art. 2: Qualità e accettazione dei materiali in genere I materiali da impiegare per i lavori compresi nell appalto devono corrispondere, come caratteristiche, a quanto stabilito nelle leggi e nei regolamenti ufficiali vigenti in materia; in mancanza di particolari prescrizioni, devono essere delle migliori qualità esistenti in commercio, in rapporto alla funzione cui sono stati destinati; in ogni caso i materiali, prima della posa in opera, devono essere riconosciuti idonei e accettati dalla Direzione lavori, anche a seguito di specifiche prove di laboratorio o di certificazioni fornite dal produttore. Qualora la direzione dei lavori rifiuti una qualsiasi provvista di materiali in quanto non adatta all impiego, l impresa deve sostituirla con altra che corrisponda alle caratteristiche volute; i materiali rifiutati devono essere allontanati immediatamente dal cantiere a cura e a spese della stessa impresa. In materia di accettazione dei materiali, qualora eventuali carenze di prescrizioni comunitarie (dell Unione europea) nazionali e regionali, ovvero la mancanza di precise disposizioni nella descrizione contrattuale dei lavori possano dare luogo a incertezze circa i requisiti dei materiali stessi, la direzione lavori ha facoltà di ricorrere all applicazione di norme speciali, ove esistano, siano esse nazionali o estere. Entro 60 giorni dalla consegna dei lavori o, in caso di materiali o prodotti di particolare complessità, entro 60 giorni antecedenti il loro utilizzo, l Appaltatore presenta alla Direzione dei lavori, per l approvazione, la campionatura completa di tutti i materiali, manufatti, prodotti, ecc. previsti o necessari per dare finita in ogni sua parte l opera oggetto dell appalto. L accettazione dei materiali da parte della direzione dei lavori non esenta l Appaltatore dalla totale responsabilità della riuscita delle opere, anche per quanto può dipendere dai materiali stessi. 3

6 CAPO II DESCRIZIONE, FORMA E PRINCIPALI DIMENSIONI DELLE OPERE Art. 3: Interpretazioni elaborati. In caso di discordanza, incongruenza o difformità di documentazioni, disegni o tra i vari elaborati di progetto, vale l interpretazione più aderente alle finalità per le quali il lavoro è stato progettato e comunque quella meglio rispondente ai criteri di ragionevolezza e di buona tecnica esecutiva; e comunque tale interpretazione deve essere sempre a vantaggio delle esigenze e corrispondere agli interessi della Stazione Appaltante. In caso di mancanza totale di documentazione il Direttore dei lavori provvederà tempestivamente a fornire qualsiasi informazione all Appaltatore. Art. 4: Elenco Tavole e documenti che compongono il progetto esecutivo DOC. DESCRITTIVA DOC. 0.1 DOC. 0.2 DOC. 0.3 DOC. 0.4 DOC. 0.5 DOC. 0.6 REL. 0.1 REL. 0.2 RELAZIONE GENERALE E CRONOPROGRAMMA SCHEMA DI CONTRATTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ELENCO PREZZI UNITARI COMPUTO METRICO ESTIMATIVO PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO - FASCIOLO TECNICO RELAZIONE E CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI RELAZIONE E CALCOLO IMPIANTI TERMICO-FLUIDICO PROGETTO ARCHITETTONICO OPERE EDILI RESIDENZA PER STUDENTI ESE. 01 ESE. 02 ESE. 03 ESE. 04 ESE. 05 ESE. 06 ESE. 07a ESE. 07b ESE. 07c ESE. 08 ESE. 09 ESE. 10 PIANTA PIANO INTERRATO PIANTA PIANO TERRA PIANTA PIANO AMMEZZATO PIANTA PIANO PRIMO PIANTA PIANO SECONDO PIANTA PIANO TERZO PIANTA PIANO SOTTOTETTO -A- PIANTA PIANO SOTTOTETTO -B- PIANTA PIANO SOTTOTETTO -C- ABACO SERRAMENTI INTERNI ABACO SERRAMENTI ESTERNI ABACO MURATURE TAVOLE IMPIANTO TERMICO RESIDENZA PER STUDENTI TER. 01 TER. 02 TER. 03 TER. 04 TER. 05 TER. 06 TER. 07 TER. 08 PIANTE PIANO INTERRATO PIANTE PIANO TERRA PIANTE PIANO AMMEZZATO PIANTE PIANO PRIMO PIANTE PIANO SECONDO PIANTE PIANO TERZO PIANTE PIANO SOTTOTETTO SCHEMA CENTRALE TERMICA 4

7 TER. 09 TER. 10 TER. 11 TER. 12 SCHEMA FUNZIONALE SCHEMA SANITARIO UTA PALESTRA EDISU SCHEMI IMPIANTO TELEGESTIONE TAVOLE IMPIANTO SANITARIO RESIDENZA PER STUDENTI SAN. 01 SAN. 02 SAN. 03 SAN. 04 SAN. 05 SAN. 06 SAN. 07 SCA. 01 SCA. 02 SCA. 03 SCA. 04 SCA. 05 SCA. 06 SCA. 07 SCA 08 SCA 09 PIANTE PIANO INTERRATO PIANTE PIANO TERRA PIANTE PIANO AMMEZZATO PIANTE PIANO PRIMO PIANTE PIANO SECONDO PIANTE PIANO TERZO PIANTE PIANO SOTTOTETTO PIANTE PIANO INTERRATO PIANTE PIANO TERRA PIANTE PIANO AMMEZZATO PIANTE PIANO PRIMO PIANTE PIANO SECONDO PIANTE PIANO TERZO PIANTE PIANO SOTTOTETTO SEZIONE SCARICHI PARTICOLARI DEGLI SCARICHI IMPIANTI ELETTRICI CANALIZZAZIONI - F.M. LUCE SERVIZI GENERALI CANALIZZAZIONI E DISTRIBUZIONE PRINCIPALE IE-C01B PIANO INTERRATO LATO RESIDENZE CANALIZZAZIONI E DISTRIBUZIONE PRINCIPALE IE-C02B PIANO TERRA LATO RESIDENZE CANALIZZAZIONI E DISTRIBUZIONE PRINCIPALE IE-C03B PIANO AMMEZZATO LATO RESIDENZE CANALIZZAZIONI E DISTRIBUZIONE PRINCIPALE IE-C04B PIANO PRIMO LATO RESIDENZE CANALIZZAZIONI E DISTRIBUZIONE PRINCIPALE IE-C05B PIANO SECONDO LATO RESIDENZE CANALIZZAZIONI E DISTRIBUZIONE PRINCIPALE IE-C06B PIANO TERZO LATO RESIDENZE CANALIZZAZIONI E DISTRIBUZIONE PRINCIPALE IE-C07A PIANO SOTTOTETTO CANALIZZAZIONI E DISTRIBUZIONE PRINCIPALE IE-C07B PIANO SOTTOTETTO CANALIZZAZIONI E DISTRIBUZIONE PRINCIPALE IMPIANTO F.M. RETE TD/TEL TV ALLARMI IE-F01B PIANO INTERRATO LATO RESIDENZE IMPIANTO F.M. RETE TD/TEL TV ALLARMI IE-F02B PIANO TERRA LATO RESIDENZE IMPIANTO F.M. RETE TD/TEL TV ALLARMI IE-F03B PIANO AMMEZZATO LATO RESIDENZE IMPIANTO F.M. RETE TD/TEL TV ALLARMI IE-F04B PIANO PRIMO LATO RESIDENZE IMPIANTO F.M. RETE TD/TEL TV ALLARMI IE-F05B PIANO SECONDO LATO RESIDENZE IMPIANTO F.M. RETE TD/TEL TV ALLARMI IE-F06B PIANO TERZO LATO RESIDENZE IMPIANTO F.M. RETE TD/TEL TV ALLARMI IE-F07A PIANO SOTTOTETTO IMPIANTO F.M. RETE TD/TEL TV ALLARMI IE-F07 B PIANO SOTTOTETTO IMPIANTO F.M. RETE TD/TEL TV ALLARMI ILLUMINAZIONE NORMALE E D EMERGENZA IE-I01B PIANO INTERRATO LATO RESIDENZE ILLUMINAZIONE NORMALE E D EMERGENZA IE-I02B PIANO TERRA LATO RESIDENZE ILLUMINAZIONE NORMALE E D EMERGENZA IE-I03B PIANO AMMEZZATO LATO RESIDENZE ILLUMINAZIONE NORMALE E D EMERGENZA IE-I04B PIANO PRIMO LATO RESIDENZE ILLUMINAZIONE NORMALE E D EMERGENZA IE-I05B PIANO SECONDO LATO RESIDENZE ILLUMINAZIONE NORMALE E D EMERGENZA IE-I06B PIANO TERZO LATO RESIDENZE ILLUMINAZIONE NORMALE E D EMERGENZA IE-I07A PIANO SOTTOTETTO ILLUMINAZIONE NORMALE E D EMERGENZA IE-I07 B PIANO SOTTOTETTO ILLUMINAZIONE NORMALE E D EMERGENZA 5

8 SERVIZI GENERALI IE-G01B SCHEMA A BLOCCHI SISTEMA DI ALIMENTAZIONE IE-G02B SCHEMA A BLOCCHI DISTRIBUZIONE PRIMARIA IE-G03B SCHEMA A BLOCCHI ILLUMINAZIONE EMERGENZA IE-G04 SCHEMA A BLOCCHI IMPIANTO ANTENNA TV-SAT IE-G05B LATO RESIDENZE IMPIANTO DI TERRA IE-G06B SCHEMA A BLOCCHI CABLAGGIO RETE TD-FONIA RACCOLTA QUADRI ELETRICI SCH-D0 QUADRO EDIFICIO SCH-D1 QUADRO PIANO INTERRATO SCH-D2 QUADRO PIANO TERRA E COMANDI E CONTROLLO CENTRALIZZATO SCH-D3 QUADRO PIANO AMMEZZATO SCH-D4 QUADRO PIANO PRIMO SCH-D5 QUADRO PIANO SECONDO SCH-D6 QUADRO PIANO TERZO SCH-D7 QUADRO PIANO SOTTOTETTO SCH-D8 QUADRO ZONA DEPOSITI SCH-D9 QUADRO BLOCCO SERVIZI IGIENICI PIANO SCH-D10 QUADRO LOCALE LAVANDERIA SCH-D11 QUADRO CAMERA TIPO SCH-D12 QUADRO SOGGIORNO TIPO SCH-D13 QUADRO SALA PC SCH-D14 QUADRO CUCINA SCH-D15 QUADRO BIBLIOTECA SCH-D16 QUADRO ESTRAZIONE SERVIZI IGIENICI SCH-D17 QUADRO ESPULSIONE FUMI IMPIANTI ANTINCENDIO RIVELAZIONE INCENDI IR-01B PIANO INTERRATO LATO RESIDENZE RIVELAZIONE INCENDI IR-02B PIANO TERRA LATO RESIDENZE RIVELAZIONE INCENDI IR-03B PIANO AMMEZZATO LATO RESIDENZE RIVELAZIONE INCENDI IR-04B PIANO PRIMO LATO RESIDENZE RIVELAZIONE INCENDI IR-05B PIANO SECONDO LATO RESIDENZE RIVELAZIONE INCENDI IR-06B PIANO TERZO LATO RESIDENZE RIVELAZIONE INCENDI IR-07A - B PIANO SOTTOTETTO RIVELAZIONE INCENDI SISTEMI ANTINCENDIO IK-01B PIANO INTERRATO LATO RESIDENZE SISTEMI ANTINCENDIO IK-02B PIANO TERRA LATO RESIDENZE SISTEMI ANTINCENDIO IK-03B PIANO AMMEZZATO LATO RESIDENZE SISTEMI ANTINCENDIO IK-04B PIANO PRIMO LATO RESIDENZE SISTEMI ANTINCENDIO IK-05B PIANO SECONDO LATO RESIDENZE SISTEMI ANTINCENDIO IK-06B PIANO TERZO LATO RESIDENZE SISTEMI ANTINCENDIO IK-07A-B PIANO SOTTOTETTO SISTEMI ANTINCENDIO IK-08 LATO RESIDENZE SCHEMI A BLOCCHI SISTEMI ANTINCENDIO 6

9 Art. 5: Descrizione dei lavori. I lavori che formano oggetto dell'appalto possono riassumersi come appresso indicato, salvo più precise indicazioni che all'atto esecutivo potranno essere impartite dalla D. L.: Piano interrato: Demolizione del battuto di cemento e rimozione dell eventuale pavimento e rivestimenti. Scrostamento di intonaco su pareti esistenti. Demolizione di muri e rimozione di serramenti interni. Realizzazione battuto in cemento Taglio a sezione obbligata per l inserimento di serramenti interni. Fornitura e posa di serramenti interni in metallo sia normali sia tagliafuoco. Realizzazione di blocchi servizi, con fornitura e posa di apparecchi sanitari, pavimenti e rivestimenti Chiusura porzione di solaio nel locale palestra (vedi tavola ESE.01) Fornitura e posa di pavimento in ceramica. Fornitura e posa di pavimento gomma per palestre. Realizzazione di pavimento in cls. Fornitura e posa di serramenti esterni in metallo. Rinzaffo e intonaci su tutti i muri di nuova costruzione e quelli ammalorati. Decorazioni su corridoi, bagni e tutti i locali a disposizione della foresteria. Lisciatura di tutti i solai. Realizzazione delle reti di smaltimento di acque bianche e acque nere. Realizzazione dell impianto idrosanitario. Realizzazione dell impianto di ventilazione. Realizzazione dell impianto termico. Realizzazione dell impianto di rilevazione e spegnimento incendi. Realizzazione dell impianto elettrico, compresi il quadro generale e il quadro di piano; distribuzione dell impianto luce esterno ed interno, della forza motrice e degli impianti speciali. Piano terra: Demolizione di muri esistenti Rimozione di pavimento in ceramica Rimozione di rivestimento esistente Rimozione di parete divisoria in alluminio e vetro Rimozione, revisione e posa del montascale per disabili Taglio a sezione obbligata per l inserimento di serramenti interni Scrostamento di intonaco su pareti esistenti Rimozione di serramenti interni Revisione di tutti i serramenti esterni esistenti Battuto in cemento nei vani tecnici Lisciatura di tutti i solai Fornitura e posa di serramenti interni sia normali sia tagliafuoco. Realizzazione di blocchi servizi, con fornitura e posa di apparecchi sanitari sia normali che per disabili, pavimenti e rivestimenti, porte interne in laminato o in legno. Fornitura e posa pavimento in ceramica. Rinzaffo e intonaco su tutti muri di nuova realizzazione e quelli ammalorati Decorazione in tutti i locali Realizzazione delle reti di smaltimento di acque bianche e acque nere. Realizzazione dell impianto idrosanitario. Realizzazione dell impianto di ventilazione. Realizzazione dell impianto termico. Realizzazione dell impianto di rilevazione e spegnimento incendi. Realizzazione dell impianto elettrico, compresi il quadro generale ubicato nel piano interrato e il quadro di piano; distribuzione dell impianto luce esterno ed interno, della forza motrice e degli impianti speciali. Realizzazione di controsoffitto in laterogesso come da tavole di progetto Piano ammezzato, primo, secondo e terzo: Demolizione di muri esistenti 7

10 Rimozione del pavimento in ceramica esistente Rimozione del rivestimento in ceramica esistente Taglio a sezione obbligata per l inserimento di serramenti interni. Scrostamento di intonaco su pareti esistenti Rimozione di serramenti interni Revisione di tutti i serramenti esterni esistenti Battuto in cemento nei vani tecnici. Lisciatura di tutti i solai Creazione di rampe di collegamento tra la manica dell edificio di via Montebello e la manica dell edificio di via Po Fornitura e posa di serramenti interni sia normali sia tagliafuoco Realizzazione di blocchi servizi, con fornitura e posa di apparecchi sanitari sia normali che per disabili, pavimenti e rivestimenti, porte interne in laminato o in legno Realizzazione di sottofondo con iglù nei piani primo e secondo come evidenziato nei disegni Fornitura e posa pavimento in ceramica Fornitura e posa di pavimento in pietra di Lucerna dove evidenziato nei disegni Rinzaffo e intonaco su tutti muri di nuova realizzazione e quelli ammalorati Decorazione in tutti i locali Realizzazione delle reti di smaltimento di acque bianche e acque nere Realizzazione dell impianto idrosanitario Realizzazione dell impianto di ventilazione Realizzazione dell impianto termico Realizzazione dell impianto di rilevazione e spegnimento incendi Realizzazione dell impianto elettrico, compresi il quadro generale ubicato nel piano interrato e il quadro di piano; distribuzione dell impianto luce esterno ed interno, della forza motrice e degli impianti speciali Realizzazione di controsoffitto in laterogesso come da tavole di progetto Sottotetto: Fornitura e posa di serramenti interni sia normali sia tagliafuoco. Realizzazione di pareti in muratura e in laterogesso per suddivisione dei locali. Realizzazione di blocchi servizi, con fornitura e posa di apparecchi sanitari, pavimenti e rivestimenti, porte interne in legno. Fornitura e posa pavimento in ceramica Fornitura e posa di serramenti esterni Creazione di rampe di collegamento che permettono di superare i dislivelli tra i vari locali Rinzaffo e intonaco in tutti i locali Decorazioni in tutti i locali Realizzazione battuto in cemento nei vani tecnici Realizzazione delle reti di smaltimento di acque bianche e acque nere. Realizzazione dell impianto idrosanitario. Realizzazione dell impianto di ventilazione. Realizzazione dell impianto termico. Realizzazione dell impianto di rilevazione e spegnimento incendi. Realizzazione dell impianto elettrico, compresi il quadro generale ubicato nel piano interrato e il quadro di piano; distribuzione dell impianto luce esterno ed interno, della forza motrice e degli impianti speciali. Realizzazione di controsoffitto in laterogesso come da tavole di progetto Facciata lato cortile su Via Montebello: Intervento di restauro della facciata del cortile: lavaggio, rimozione intonaco ammalorato, stuccatura, e decorazione finale. 8

11 Art. 6: Forma e principali dimensioni delle opere. La forma e le dimensioni delle opere, che formano oggetto dell'appalto, risultano dai disegni allegati al contratto. Il progetto ha l obiettivo di ricuperare l edificio; i lavori oggetto dell appalto consistono nelle opere edili ed impiantistiche utili e necessarie ad ospitare la sede degli Uffici Amministrativi dell Università degli Studi di Torino e della Foresteria. Le opere previste contemplano interventi di tipo strutturale, impiantistico e funzionale per adeguare l edificio alla nuova destinazione d uso. Tutti i materiali installati saranno conformi a quanto stabilito dal punto 6.2 del D.Min.Int. 9 aprile Impianto di cantiere L Impresa è tenuta ad installare e predisporre tutte le attrezzature, i mezzi d opera e le protezioni idonee e previste dalle normative vigenti affinché il cantiere sia in regola. In considerazione del fatto che i lavori avvengono in edificio non occupato, l Impresa è tenuta a delimitare con mezzi idonei l area d intervento e di cantiere in ordine alle indicazioni contenute nel Piano di sicurezza ed a quelle impartite dalla D. L., in modo da non interferire con il regolare svolgersi delle attività in regime di sicurezza. All uopo sarà comunque delimitata, in accordo con la D. L., un area per il carico e scarico dei materiali, ubicata nei pressi del cortile. Sarà creato un ponteggio in adiacenza al fabbricato. Avranno sviluppo in altezza dal piano di campagna al tetto, saranno completati da debita protezione alla quota del cornicione e serviranno ad effettuare la pulizia e la decorazione delle facciate esterne e i lavori nel sottotetto. Il loro sviluppo in pianta sarà quello utile per permettere la salita e la discesa delle maestranze e dei materiali, e il tempo di installazione e di posa non dovrà essere superiore a quello necessario alla realizzazione degli interventi. L andamento dei lavori e la perimetrazione dell area del cantiere dovranno garantire il regolare svolgimento delle attività esistenti. Il cantiere e gli spazi limitrofi eventualmente coinvolti dai lavori dovranno essere quotidianamente puliti dall Impresa. Non è concesso per alcun motivo il deposito, anche provvisorio, di materiali ed attrezzature al di fuori dell area di cantiere all uopo delimitata. L impresa provvederà a suo proprio carico alle spese per gli allacciamenti di cantiere di tutte le utenze necessarie e delle eventuali spese di occupazione del suolo pubblicoalla fornitura di luce e forza motrice per le esigenze del cantiere. Lo spogliatoio/locale per i dipendenti potrà essere ricavato nei locali oggetto dei lavori; per i servizi igienici destinati ai lavoratori l Impresa provvederà inoltre all installazione di servizi igienici prefabbricati. 9

12 CAPO III MODALITA DI ESECUZIONE DELLE OPERE Art. 7: Demolizioni e rimozioni Descrizione Generale Le demolizioni di murature, calcestruzzi, ecc., sia parziali che complete, devono essere eseguite con ordine e con le necessarie precauzioni, in modo da non danneggiare le residue murature, da prevenire qualsiasi infortunio agli addetti al lavoro e da evitare incomodi o disturbo. Rimane pertanto vietato gettare dall'alto i materiali in genere, che invece devono essere trasportati o guidati in basso, e di sollevare polvere, per cui tanto le murature quanto i materiali di risulta dovranno essere opportunamente bagnati. Nelle demolizioni e rimozioni l'appaltatore deve inoltre provvedere alle eventuali necessarie puntellature per sostenere le parti che devono restare e disporre in modo da non deteriorare i materiali risultanti, i quali devono ancora potersi impiegare nei limiti concordati con la Direzione dei lavori, sotto pena di rivalsa di danni a favore della stazione appaltante. Le demolizioni dovranno limitarsi alle parti ed alle dimensioni prescritte. Quando, anche per mancanza di puntellamenti o di altre precauzioni, venissero demolite altre parti od oltrepassati i limiti fissati, saranno pure a cura e spese dell'appaltatore, senza alcun compenso, ricostruite e rimesse in ripristino le parti indebitamente demolite. Tutti i materiali riutilizzabili, a giudizio insindacabile della Direzione dei lavori, devono essere opportunamente puliti, custoditi, trasportati ed ordinati nei luoghi di deposito che verranno indicati dalla direzione stessa, usando cautele per non danneggiarli sia nella pulizia, sia nel trasporto, sia nei loro assestamento e per evitarne la dispersione. I materiali di scarto provenienti dalle demolizioni e rimozioni devono sempre dall'appaltatore essere trasportati fuori del cantiere nei punti indicati od alle pubbliche discariche. Prescrizioni esecutive Demolizione di pavimenti di qualsiasi tipo e spessore e/o relativo sottofondo, in qualunque piano di fabbricato, compresa la discesa o la salita a terra dei materiali, lo sgombero dei detriti le superfici prima della demolizione, compreso il trasporto dei detriti alle discariche. Eventuale svuotamento, pulitura delle volte e sostituzione del riempimento. Queste operazioni dovranno essere eseguite con cautela per evitare danneggiamenti ai mattoni. Le operazioni di svuotamento comprendono, dopo la rimozione del pavimento e del sottofondo, l eliminazione del materiale inerte di riempimento e rinfianco. L asportazione di tale materiale verrà eseguita manualmente e con la dovuta cautela: si avrà cura di procedere per strati successivi (gradualità) e mantenere sempre bilanciato (uniformità al fine di non generare carichi asimmetrici) il carico sulla volta e sui solai. Il nuovo materiale di riempimento sarà costituito da cls alleggerito (peso specifico 1200 kg/mc). Nel caso di rilievi nel corso di svolgimento di queste attività di situazioni statiche non buone (per es. in corrispondenza di fori di passaggio impianti e canalizzazioni); i ripristini con interventi localizzati di adeguamento statico saranno valutati ed indicati caso per caso a cura del Direttore dei Lavori. Localizzazioni: Demolizione di pavimenti in ceramica. La demolizione dei pavimenti e relativo sottofondo è circoscritta al fabbricato prospicente via Montebello. Tale demolizione serve per la formazione di nuovi pavimenti e per permetere il passaggio degli impianti nel sottofondo. Demolizioni di tramezzi interni E prevista la demolizione dei tramezzi in tutti i piani per diversa distribuzione interna. Rimozione di tutti i rivestimenti ceramici. Su tutti i piani e in tutti i locali, compresi i bagni, è prevista la rimozione di tutti i rivestimenti. Rimozione serramenti interni 10

Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quinquies

Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quinquies REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici Prezzario Regionale dei lavori pubblici Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quinquies Anno: 2008 Indice Voci finite i Indice D.0012 - RESTAURO..............................................

Dettagli

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la costruzione di un edificio residenziale, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, composto da n.. alloggi, da realizzare nella zona di, in via, denominata. Ditta: Soc...a r.l.,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI OPERE CIVILI 1 PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 OPERE CIVILI...6 SCAVI, DEMOLIZIONI E RIMOZIONI... 6 OPERE IN CEMENTO ARMATO - SCALE METALLICHE... 7 SOTTOFONDI...

Dettagli

ALLEGATO B PROGRAMMA DEI LAVORI E DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE

ALLEGATO B PROGRAMMA DEI LAVORI E DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE ALLEGATO B PROGRAMMA DEI LAVORI E DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE PROGRAMMA LAVORI E DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE Lavorazione e disposizioni organizzative ALLESTIMENTO DEL CANTIERE Formazione recinzioni di delimitazione

Dettagli

MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE

MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE Al termine della fase di classificazione (o suddivisione in capitoli), è possibile redigere l elenco delle voci (o articoli) che rappresentano la lavorazione da

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI... 6 NORME DI RIFERIMENTO... 8 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 8 NORME RELATIVE

Dettagli

Voci di capitolato e prescrizioni contrattuali

Voci di capitolato e prescrizioni contrattuali Voci di capitolato e prescrizioni contrattuali VOCI DI CAPITOLATO SINTETICHE Voce sintetica per la fornitura di mattoni estrusi Fornitura di mattoni faccia a vista estrusi semipieni Smorlesi di colore..

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI...6 NORME DI RIFERIMENTO...7 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 7 NORME RELATIVE

Dettagli

Quantità Prezzo Unit. Importo Costo Sicur. Inc. %

Quantità Prezzo Unit. Importo Costo Sicur. Inc. % Pag. 1 Quantità Prezzo Unit. Importo Costo Sicur. Inc. % 1 2 DEMOLIZIONE TETTOIA IN FERRO 21.1.15 Rimozione di opere in ferro, quali ringhiere, grate, cancelli, ecc., compresi Lamiera grecata di copertura

Dettagli

RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA STUDIO DI FATTIBILITA PER LA RISTRUTTURAZIONE E RIFUNZIONALIZZAZIONE DELLA SCUOLA MEDIA AZZARITA RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA L immobile oggetto dello studio di fattibilità è ubicato in Via Barisano

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di adeguamento alle norme di igiene e sicurezza e realizzazione di dotazioni impiantistiche presso il Sant

Dettagli

CAMPI DA TENNIS - VIA DEI VELINI LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELLE SCALINATE ESTERNE

CAMPI DA TENNIS - VIA DEI VELINI LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELLE SCALINATE ESTERNE CAMPI DA TENNIS - VIA DEI VELINI LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELLE SCALINATE ESTERNE Progettista: Responsabile del Procedimento: ing. Giorgio Gregori ing. Giorgio Gregori Macerata li Luglio 2014

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI Codice DESCRIZIONE U.m. PREZZO N 06 RISTRUTTURAZIONE DI MURATURE ESISTENTI. Compreso il disserbamento e la soffiatura con acqua ed aria compressa, previa raschiatura e pulitura delle connessure e successiva

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE FABBRICATO RESIDENZIALE Oneri per la sicurezza dorante tutta la durata del cantiere. ONERI SICUREZZA % 1,5 187.791,84 2.

RISTRUTTURAZIONE FABBRICATO RESIDENZIALE Oneri per la sicurezza dorante tutta la durata del cantiere. ONERI SICUREZZA % 1,5 187.791,84 2. RISTRUTTURAZIONE FABBRICATO RESIDENZIALE Oneri per la sicurezza dorante tutta la durata del cantiere. ONERI SICUREZZA % 1,5 187.791,84 2.816,88 MAT 270 MATERIALI DA COSTRUZIONE NOLEGGI E TRASPORTI 270.

Dettagli

COMUNE DI CHIOGGIA. AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n.

COMUNE DI CHIOGGIA. AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n. COMUNE DI CHIOGGIA AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n.300 OSSARI PROGETTO ESECUTIVO PIANO DI MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE (ELABORATO

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

MESSA IN OPERA 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 INTERRUZIONI, RIPRESE, MESSA IN OPERA CASSEFORME PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE GETTO

MESSA IN OPERA 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 INTERRUZIONI, RIPRESE, MESSA IN OPERA CASSEFORME PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE GETTO Il calcestruzzo e le strutture armate Messa in opera INDICE 5 MESSA IN OPERA 5.1 5.3 CASSEFORME GETTO 5.2 PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE 5.4 COMPATTAZIONE DEL GETTO MESSA IN OPERA 5.5 INTERRUZIONI,

Dettagli

A.S.P. San Domenico - Pescia Restauro del portale e di parte della facciata della Chiesa di San Domenico

A.S.P. San Domenico - Pescia Restauro del portale e di parte della facciata della Chiesa di San Domenico A.S.P. San Domenico - Pescia Restauro del portale e di parte della facciata della Chiesa di San Domenico N art. DESCRIZIONE Unità di Misura PREZZI UNITARI 1 2 3 4 5 6 Opere di installazione di cantiere

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO Progetto: PROGETTO PER LAVORI DI ADEGUAMENTO FUNZIONALE, ANTINCENDIO E DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE DELLA SCUOLA ELEMENTARE RODARI IN VIA

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO DESCRITTIVO COMMERCIALE. Residenze in LAINATE via Rho. pag. 1

CAPITOLATO TECNICO DESCRITTIVO COMMERCIALE. Residenze in LAINATE via Rho. pag. 1 CAPITOLATO TECNICO DESCRITTIVO COMMERCIALE Residenze in LAINATE via Rho pag. 1 STRUTTURE - La struttura portante del fabbricato è costituita da un intelaiatura di travi e pilastri in cemento armato gettati

Dettagli

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE Il Manuale della Presagomatura 49 5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE La posa in opera delle armature è un operazione di grande importanza dal punto di vista della qualità, durabilità

Dettagli

INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO

INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO SPECIALISTICA OPERE INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE

Dettagli

COMUNITA' MONTANA DELL'ALTO CHIASCIO VIA G. MATTEOTTI 17 06024 GUBBIO (PG) 12/04/2011 ELENCO PREZZI UNITARI. Codice DESCRIZIONE U.m.

COMUNITA' MONTANA DELL'ALTO CHIASCIO VIA G. MATTEOTTI 17 06024 GUBBIO (PG) 12/04/2011 ELENCO PREZZI UNITARI. Codice DESCRIZIONE U.m. 2.1.30.1 Scavi fino alla profondità di m 1,50. ( Euro novevirgolanovanta ) 2.3.40.1 Con l uso di mezzo meccanico. ( Euro settantaquattrovirgolazerozero ) mc 9,90 mc 74,00 2.6.70.1 ( Euro dodicivirgolasessanta

Dettagli

INDICE GENERALITÀ... 2

INDICE GENERALITÀ... 2 INDICE GENERALITÀ... 2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO... 2 DATI GENERALI... 2 ACCESSI AL FABBRICATO... 2 STRUTTURE PORTANTI... 3 COPERTURA... 3 DESCRIZIONE INTERVENTO PROPOSTO... 3 IMPIANTO TERMICO.... 3 ISOLAMENTO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI OPERE CIVILI PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 OPERE CIVILI... 6 SCAVI, DEMOLIZIONI E RIMOZIONI... 6 OPERE IN CEMENTO ARMATO - SCALE METALLICHE... 7 SOTTOFONDI...

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO BENFER SCHOMBURG INTERNATIONAL

SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO BENFER SCHOMBURG INTERNATIONAL SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO CARATTERISTICHE TECNICHE: Solidone è un legante idraulico formulato con cementi speciali ad alta resistenza

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Comune di Noto Provincia di Siracusa PROGETTO ESECUTIVO DEI LOCULI ZONA AREA LIBERA CIMITERO 11 Blocco M 11 Blocco M 1 Strutture edifici 1 3.1.1 Conglomerato cementizio per qualsiasi destinazione diversa

Dettagli

Tecnico per l edilizia. Figura professionale:

Tecnico per l edilizia. Figura professionale: Tecnico per l edilizia Disegnatore ed aiuto progettista CAD Tecnico di gestione commessa Tecnico di conduzione cantiere e di contabilità dei lavori Progettazione, conduzione tecnica e contabile dei cantieri

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 sexies

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 sexies REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici Prezzario Regionale dei lavori pubblici Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 sexies Anno: 2008 Indice Voci finite i Indice D.0013 - EDILIZIA................................................

Dettagli

AMPLIAMENTO EDIFICIO SCOLASTICO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

AMPLIAMENTO EDIFICIO SCOLASTICO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO COMUNE DI GRAVEDONA ED UNITI AMPLIAMENTO EDIFICIO SCOLASTICO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ART. DESCRIZIONE U.M. PREZZO IMPORTO 1 DEMOLIZIONE MURI DI CONTENIMENTO piazzale (6,00+40,00)*1,50*0,40 27,60

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Comprensorio ospedale San Luigi Gonzaga di Orbassano. Laboratori C/O ex lavanderie Caratteristiche generali dell intervento Dimensioni degli spazi Normative - Tipi di opere - Materiali RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

DESCRIZIONE TECNICA E FOTOGRAFICA LAVORI VILLAGGIO 5

DESCRIZIONE TECNICA E FOTOGRAFICA LAVORI VILLAGGIO 5 DESCRIZIONE TECNICA E FOTOGRAFICA LAVORI VILLAGGIO 5 REV. 06/2009 VILLAGGIO 5 CAPITOLATO DEI LAVORI REV. 06/2009 PREMESSE L intervento in oggetto prevede la costruzione di ville ad un piano composte da

Dettagli

CITTA' DI SPINEA Provincia di Venezia

CITTA' DI SPINEA Provincia di Venezia CITTA' DI SPINEA Provincia di Venezia PROGRAMMA INTERVENTI PALESTRA BENNATI LAVORI IMPIANTI TECNOLOGICI E MESSA A NORMA SERVIZI IGIENICI COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DESCRIZIONE 1 INTERVENTO RIQUALIFICAZIONI

Dettagli

PRODOTTI e SOLUZIONI in argilla espansa Leca

PRODOTTI e SOLUZIONI in argilla espansa Leca PRODOTTI e SOLUZIONI in argilla espansa Leca 1RIEMPIMENTI, ALLEGGERIMENTI, ISOLAMENTI Argilla espansa a Argilla espansa basso assorbimento antirisalita di Argilla espansa. d acqua. umidità. Leca Lecapiù

Dettagli

TD13C. Betoncino strutturale di consolidamento e collaborazione statica

TD13C. Betoncino strutturale di consolidamento e collaborazione statica pag. 1 di 6 DESCRIZIONE è un betoncino pronto strutturale, reoplastico, antiritiro, ad alta resistenza meccanica, di calce idraulica naturale NHL 5 ed inerti selezionati. è ideale negli interventi di consolidamento,

Dettagli

CALCESTRUZZO INTRINSECAMENTE IMPERMEABILE PER STRUTTURE INTERRATE

CALCESTRUZZO INTRINSECAMENTE IMPERMEABILE PER STRUTTURE INTERRATE CALCESTRUZZO INTRINSECAMENTE IMPERMEABILE PER STRUTTURE INTERRATE Prescrizioni e schemi da evidenziare sin dalle prime fasi progettuali e per inserimento nei disegni esecutivi 1) Approntamento del cantiere

Dettagli

LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA STAZIONE MARITTIMA DI PESCARA E SISTEMAZIONE DELLE AREE CIRCOSTANTI PREMESSA

LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA STAZIONE MARITTIMA DI PESCARA E SISTEMAZIONE DELLE AREE CIRCOSTANTI PREMESSA PREMESSA La Stazione Marittima del Porto di Pescara è un edificio a pianta centrale di forma decagonale, dell altezza totale di m 6,00, ad un piano dell altezza interna di m 5,00, della superficie complessiva

Dettagli

COMUNE DI PORTO SANT'ELPIDIO Ufficio Tecnico Lavori Pubblici

COMUNE DI PORTO SANT'ELPIDIO Ufficio Tecnico Lavori Pubblici COMUNE DI PORTO SANT'ELPIDIO Ufficio Tecnico Lavori Pubblici Realizzazione di loculi sull area di risulta tra le tre cappelline poste sul recinto nord e a sud del blocco A RELAZIONE TECNICA e QUADRO ECONOMICO

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE 13 - EDILIZIA

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE 13 - EDILIZIA PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE 13 - EDILIZIA SERVIZIO PROGETTAZIONE OPERE DI EDILIZIA SCOLASTICA ED ISTITUZIONALE I.S.I.S. "DON MILANI" ROMANO DI LOMBARDIA - BG REALIZZAZIONE NUOVA SEDE - 1 LOTTO FUNZIONALE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO Interventi urgenti finalizzati alla messa in sicurezza, alla prevenzione e alla riduzione del rischio connesso

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO ONERI DELLA SICUREZZA

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO ONERI DELLA SICUREZZA COMPUTO METRICO ESTIMATIVO ONERI DELLA SICUREZZA (importi espressi in Euro) N 1 Allestimento di Cantiere Allestimento di cantiere comprensivo di parapetti di sicurezza, servizio igienico di cantiere, box

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 2 - ZONA 9 - SCUOLA N 1277 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E CENTRALE TERMICA NELLA

Dettagli

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Le opere oggetto del presente incarico saranno realizzate in tre distinti interventi funzionali nel capoluogo con la possibilità

Dettagli

STIMA DEI COSTI DI INTERVENTO

STIMA DEI COSTI DI INTERVENTO STIMA DEI COSTI DI INTERVENTO A) OPERE EDILI E STRUTTURALI DESCRIZIONE INTERVENTO COSTO PREVISTO ( ) A.1. Autorimessa interrata Demolizione basso fabbricato lato via Moretta e fabbricato d'angolo fra via

Dettagli

Comune di ERICE. Provincia TRAPANI

Comune di ERICE. Provincia TRAPANI Comune di ERICE Provincia TRAPANI COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OGGETTO IMPERMEABILIZZAZIONE SOLAIO DI COPERTURA DELLA SCUOLA ELEMENATRE G. PASCOLI DI VIA CASERTA E RIFACIMENTO DI NUOVI W.C. NELLA SCUOLA

Dettagli

Il computo metrico estimativo: le norme di misurazione. Seminario di approfondimento - II parte A cura di dott.ssa Ing.

Il computo metrico estimativo: le norme di misurazione. Seminario di approfondimento - II parte A cura di dott.ssa Ing. Il computo metrico estimativo: le norme di misurazione Seminario di approfondimento - II parte A cura di dott.ssa Ing. Sara Domini Venezia, 29 Aprile 2010 Norme di misurazione Definizione Sono delle convenzioni

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI"DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERIDI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 13 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE

Dettagli

CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO

CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO La confezione del calcestruzzo, cioè l esecuzione dell impasto dei vari elementi, è una operazione molto importante, dalla quale dipende l omogeneitl omogeneità del calcestruzzo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PREMESSA Nell ambito dell incarico ricevuto dall Amministrazione Comunale con Determinazione del Responsabile n.976 del 23/08/2005, è stato redatto il progetto esecutivo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA 1 PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 OPERE CIVILI...6 SCAVI, DEMOLIZIONI E RIMOZIONI... 6 OPERE IN CEMENTO ARMATO - SCALE METALLICHE... 7 SOTTOFONDI... 7 IMPERMEABILIZZAZIONI...

Dettagli

CONTRATTO 1. DISPOSIZIONI GENERALI

CONTRATTO 1. DISPOSIZIONI GENERALI CONTRATTO tra il Sig... codice fiscale... residente in... proprietario di (*)...di cui dispone dei libero uso, sito in... e il Sig... residente in... nella qualifica di... dell impresa... codice fiscale...

Dettagli

ANALISI PREZZO ACCESSORI, IMBALLI, SFRIDI E TRASPORTI

ANALISI PREZZO ACCESSORI, IMBALLI, SFRIDI E TRASPORTI AREA VIABILITA' - Servizio Grandi Infrastrutture Viabilità - NP 05 SCAPITOZZATURA PALI Scapitozzatura di pali di fondazione in cemento armato, per un'altezza di 1,00 m circa, eseguita mediante martello

Dettagli

* * * * * Pratica VV.F. 4996

* * * * * Pratica VV.F. 4996 Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena ******** ADEGUAMENTO ANTINCENDIO AL PROGETTO GUIDA DEGLI ATRI E DEI VANI SCALA DEL POLICLINICO DI MODENA RELAZIONE TECNICA * * * * * Pratica VV.F. 4996 L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO ENAV S.p.A. ROMA ACC CIAMPINO pag. 1 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OGGETTO: Ristrutturazione Uffici, Piastra, Hall, Centro servizi, Foresteria e Sala Convegni - PROGETTO DEFINITIVO OPERE STRUTTURALI - STECCA

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Comune di Ancona Lavori di: Ristrutturazione e manutenzione di edificio in zona centrale Esecutore: Impresa Bianchi Costruzioni COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Il Progettista: Bianchi Mario Computo: Descrizione:

Dettagli

RILIEVO DI MASSIMA DEGLI IMMOBILI

RILIEVO DI MASSIMA DEGLI IMMOBILI COMUNE DI CISLIANO Provincia di Milano OGGETTO: Ampliamento scuola primaria di Cisliano - CUP J81E15001290004 PROGETTO PRELIMINARE PER APPALTO INTEGRATO COMPLESSO ai sensi dell art. 53 comma 2 lett. C)

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE EDILIZIA Processo Costruzione di edifici e di opere di ingegneria civile/industriale Sequenza

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di miglioramento sismico dell ex convento di San Biagio Importo intervento 120.000,00 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE

Dettagli

RELAZIONE QUALITA E DOSATURA DEI MATERIALI

RELAZIONE QUALITA E DOSATURA DEI MATERIALI Comune di Villa Castelli Provincia di Brindisi RELAZIONE QUALITA E DOSATURA DEI MATERIALI (ai sensi dell art. 4 della legge n 1086 del 5/11/1971) OGGETTO: ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ED IGIENE

Dettagli

INDICE ANALITICO. AVVERTENZE GENERALI pag. 3 COSTO MEDIO ORARIO DELLA MANO D'OPERA 5 PARTE I NUOVA COSTRUZIONE 7

INDICE ANALITICO. AVVERTENZE GENERALI pag. 3 COSTO MEDIO ORARIO DELLA MANO D'OPERA 5 PARTE I NUOVA COSTRUZIONE 7 INDICE ANALITICO AVVERTENZE GENERALI pag. 3 COSTO MEDIO ORARIO DELLA MANO D'OPERA 5 PARTE I NUOVA COSTRUZIONE 7 AVVERTENZE PARTE I 9 1. SCAVI E DEMOLIZIONI 11 1.1. Scavi 11 1.2. Demolizioni 14 1.3. Adempimenti

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Analisi dei prezzi Volume 9

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Analisi dei prezzi Volume 9 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici Prezzario Regionale dei lavori pubblici Voci finite: Analisi dei prezzi Volume 9 Anno: 2008 Indice Voci finite i Indice D.0012 - RESTAURO..............................................

Dettagli

Indice GUIDA ALLA PROGETTAZIONE Scopo della ''Guida Alla Progettazione...2 Organizzazione della Guida...2 Campo di Applicazione della Guida...3 Riferimenti Legislativi...3 Elenco Schede Tecniche...4 Sezione

Dettagli

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI]

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] 2014 PROGETTARE BIOEDILE Giovanni Tona [LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] Analisi delle cause delle più frequenti lesioni presenti negli edifici con struttura in cemento armato, e metodi di

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Attidium: l area archeologica diviene luogo di fruibilità turistica Importo dell opera 133.000,00 Importo del cofinanziamento

Dettagli

STIMA INCIDENZA MANODOPERA

STIMA INCIDENZA MANODOPERA Comune di ROCCABRUNA Provincia di CUNEO pag. 1 STIMA INCIDENZA MANODOPERA OGGETTO: COMMITTENTE: DECRETO 6000 CAMPANILI LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE TRAMITE PAVIMENTAZIONE ARE BORGATE COMUNALI

Dettagli

Pag.1 N N.E.P. D E S C R I Z I O N E Quantita' Prezzo Unit. Importo

Pag.1 N N.E.P. D E S C R I Z I O N E Quantita' Prezzo Unit. Importo Pag.1 Lavori di rifacimento prospetti 1 25 21.1.11 Rimozione di intonaco interno od esterno, di spessore non superiore a 3 cm, eseguito con qualsiasi mezzo, compreso l'onere del carico del materiale di

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. A fronte delle esigenze e delle criticità riscontrate la soluzione progettuale adottata consente di ricavare:

RELAZIONE TECNICA. A fronte delle esigenze e delle criticità riscontrate la soluzione progettuale adottata consente di ricavare: Pagina 2 RELAZIONE TECNICA PREMESSA L intervento è ubicato in alcune zone distinte del piano seminterrato del fabbricato Istituti Biologici del complesso di via Volturno. Con la necessità di portare in

Dettagli

Inserimento di un nuovo solaio

Inserimento di un nuovo solaio Inserimento di un nuovo solaio DIRETTIVE TECNICHE Regioni Basilicata, Calabria e Campania, sisma del 9/9/1998 [ ] Cordoli in c.a.: verificare preliminarmente la fattibilità e l'efficienza di interventi

Dettagli

Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali

Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali Definizione di norma tecnica Le norme sono documenti prodotti mediante

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI Codice DESCRIZIONE U.m. PREZZO N 14 Sabbiatura a metallo bianco di apparecchi mobili di appoggio metallici di grado Sa 2.5 delle norme standard svedesi SIS 05.59.00-1967, con successiva protezione con

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Edilizia Provinciale Grossetana S.p.A.!"#$!%""&'" ($!)" "% "%%" *+*,-*,-*,-*,-,-./"01$02./"01$02"01$0/%"1%'%2 "01$0/%"1%'%2 Nuova costruzione di n 1 fabbricato ERP per n 12 alloggi in Castiglione della

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI OPERE CIVILI PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 OPERE CIVILI... 6 SCAVI, DEMOLIZIONI E RIMOZIONI... 6 OPERE IN CEMENTO ARMATO - SCALE METALLICHE... 7 SOTTOFONDI...

Dettagli

LA POSA IN OPERA CON i VIBRAPAC

LA POSA IN OPERA CON i VIBRAPAC LA POSA IN OPERA CON i VIBRAPAC 2 la posa in opera - 1. operazioni preliminari 1 Operazioni preliminari 1.1 deposito in cantiere Il materiale deve essere stoccato in un area predisposta, in modo da evitare

Dettagli

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona UFFICIO TECNICO COMUNALE V Settore - Servizio Lavori Pubblici LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DI ALCUNI TRATTI DELLA SEDE STRADALE DI VIA MEDIA PROGETTO

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO SU LEGNANO 7 LOTTO DELL AMPLIAMENTO DEL CIMITERO TOMBE DI FAMIGLIA A POZZO (n 5 a 4 e n 2 a 6 posti) PROGETTO ESECUTIVO

COMUNE DI SAN GIORGIO SU LEGNANO 7 LOTTO DELL AMPLIAMENTO DEL CIMITERO TOMBE DI FAMIGLIA A POZZO (n 5 a 4 e n 2 a 6 posti) PROGETTO ESECUTIVO Dott. Ing. FRANCO VALLEGRA 20015 PARABIAGO - Via Mari, 23 Tel. e Fax. 0331-553387 COMUNE DI SAN GIORGIO SU LEGNANO 7 LOTTO DELL AMPLIAMENTO DEL CIMITERO TOMBE DI FAMIGLIA A POZZO (n 5 a 4 e n 2 a 6 posti)

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PREMESSA Lo scrivente Ufficio Lavori Pubblici è stato incaricato dall Amministrazione Comunale della progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva dei lavori di ristrutturazione

Dettagli

Comune di Savigliano Provincia di Cuneo COMPUTO ESTIMATIVO. progetto muro di recinzione per impianti sportivi. Amministrazione comunale di Savigliano

Comune di Savigliano Provincia di Cuneo COMPUTO ESTIMATIVO. progetto muro di recinzione per impianti sportivi. Amministrazione comunale di Savigliano Comune di Savigliano Provincia di Cuneo pag. 1 COMPUTO ESTIMATIVO OGGETTO: progetto muro di recinzione per impianti sportivi COMMITTENTE: Amministrazione comunale di Savigliano Savigliano, 04/12/2013 IL

Dettagli

OGGETTO DELL'APPALTO DESIGNAZIONE SOMMARIA DELLE OPERE DA ESEGUIRE ED IL LORO IMPORTO

OGGETTO DELL'APPALTO DESIGNAZIONE SOMMARIA DELLE OPERE DA ESEGUIRE ED IL LORO IMPORTO OGGETTO DELL'APPALTO Il presente Appalto ha per oggetto, l esecuzione di opere edili presso l Ospedale Oftalmico di Torino, in via Juvarra 19. Tali opere sono finalizzate allo smantellamento dell ex montacarichi

Dettagli

Il piano di manutenzione è costituito dai seguenti documenti operativi: il manuale di manutenzione comprensivo del programma di manutenzione.

Il piano di manutenzione è costituito dai seguenti documenti operativi: il manuale di manutenzione comprensivo del programma di manutenzione. PREMESSA: Il piano di manutenzione è il documento complementare al progetto esecutivo che prevede, pianifica e programma, tenendo conto degli elaborati progettuali esecutivi effettivamente realizzati,

Dettagli

Muratore / Muratrice Direttiva scuole professionali

Muratore / Muratrice Direttiva scuole professionali 1 Materie L insegnamento professionale viene dispensato nelle scuole professionali e si basa sulla griglia oraria riportata nella parte B del piano di. Le materie d insegnamento sono suddivise come indicato

Dettagli

1. PREMESSE 2. TIPI DI INTERVENTO

1. PREMESSE 2. TIPI DI INTERVENTO 1. PREMESSE L Amministrazione Comunale di San Giovanni La Punta, al fine di mettere in sicurezza l edificio comunale ormai fatiscente per la vetustà dell immobile, ha dato incarico di redigere un progetto

Dettagli

ANALISI DEI PREZZI. Nei prezzi relativi ai lavori da compensarsi a misura o a corpo sono sempre

ANALISI DEI PREZZI. Nei prezzi relativi ai lavori da compensarsi a misura o a corpo sono sempre ANALISI DEI PREZZI Nei prezzi relativi ai lavori da compensarsi a misura o a corpo sono sempre comprese tutte le spese per la fornitura, carico, trasporto, scarico manipolazione e posa in opera dei vari

Dettagli

CERTIFICATO DI COLLAUDO delle strutture in conglomerato cementizio armato (Legge 5.11.1971, n. 1086 - Legge 2.2.1974, n. 64 - Legge Regionale...

CERTIFICATO DI COLLAUDO delle strutture in conglomerato cementizio armato (Legge 5.11.1971, n. 1086 - Legge 2.2.1974, n. 64 - Legge Regionale... CERTIFICATO DI COLLAUDO delle strutture in conglomerato cementizio armato (Legge 5.11.1971, n. 1086 - Legge 2.2.1974, n. 64 - Legge Regionale...) Il progetto architettonico delle opere in collaudo per

Dettagli

COMUNE DI TARANTO DIREZIONE AMBIENTE, SALUTE E QUALITA DELLA VITA COMUNE DI TARANTO. Direzione Ambiente, Salute e Qualità della Vita

COMUNE DI TARANTO DIREZIONE AMBIENTE, SALUTE E QUALITA DELLA VITA COMUNE DI TARANTO. Direzione Ambiente, Salute e Qualità della Vita COMUNE DI TARANTO Direzione Ambiente, Salute e Qualità della Vita RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI ABBANDONATI IN AREE DI PROPRIETA COMUNALE SPECIFICHE TECNICHE Pag. 1 Titolo 1 Norme generali

Dettagli

DA OGGI È FACILE DAVVERO. RISTRUTTURA! PICCOLI INTERVENTI GRANDI RISULTATI

DA OGGI È FACILE DAVVERO. RISTRUTTURA! PICCOLI INTERVENTI GRANDI RISULTATI TUTTO COMPRESO 585mq iva inclusa E CON LE DETRAZIONI INVESTI LA METÀ! PICCOLI INTERVENTI GRANDI RISULTATI RESTYLING FACILE TI PERMETTE DI DARE UNA NUOVA IMMAGINE ALLA TUA CASA SENZA MODIFICARNE GLI SPAZI.

Dettagli

muratore/muratrice ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di Delibera n. 748 del 24.06.2014

muratore/muratrice ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di Delibera n. 748 del 24.06.2014 Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di muratore/muratrice 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni del

Dettagli

DISEGNO dell ARCHITETTURA II

DISEGNO dell ARCHITETTURA II 1 DISEGNO dell ARCHITETTURA II Il disegno delle strutture portanti. Le diapositive costituiscono unicamente una base per lo sviluppo della lezione e, come tali, non sostituiscono in alcun modo i testi

Dettagli

DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO.

DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO. DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO. Verifica statica della struttura esistente, al fine di determinare la portata del solaio esistente; redazione

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA CASA EX-NORBIATO PRESSO LA DISCARICA DI PONTE SAN NICOLO

RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA CASA EX-NORBIATO PRESSO LA DISCARICA DI PONTE SAN NICOLO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA CASA EX-NORBIATO PRESSO LA DISCARICA DI PONTE SAN NICOLO I lavori indicati in questa relazione riguardano la ristrutturazione di un fabbricato

Dettagli

Leganti - malte pronte - colle - sabbie CEMENTO DIVERSI FORNITORI

Leganti - malte pronte - colle - sabbie CEMENTO DIVERSI FORNITORI Scheda Prodotto: ST01.000.11.03 Data ultimo agg.: 15 marzo 2005 Leganti - malte pronte - colle - sabbie CEMENTO DIVERSI FORNITORI Classificazione 01 Leganti/malte pronte/colle/sabbie 01.000 Cemento 01.000.11

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI SESTRI LEVANTE PROGETTO DEFINITIVO DI RISTRUTTURAZIONE DEL PALAZZO FASCIE ROSSI POLO CULTURALE E MUSEALE PER LA CITTA E PER IL TIGULLIO ORIENTALE IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico. (art. 55 LRT n. 1/05) Variante parziale. Allegato 8

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico. (art. 55 LRT n. 1/05) Variante parziale. Allegato 8 Allegato E COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico (art. 55 LRT n. 1/05) Norme Tecniiche dii Attuaziione Variante parziale Allegato 8 Elenco dei materiali da impiegare

Dettagli

COMPUTO METRICO. Comune di Provincia di OGGETTO: COMMITTENTE: Data, 20/01/2011 IL TECNICO. pag. 1

COMPUTO METRICO. Comune di Provincia di OGGETTO: COMMITTENTE: Data, 20/01/2011 IL TECNICO. pag. 1 Comune di Provincia di pag. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: Data, 20/01/2011 IL TECNICO PriMus by Guido Cianciulli - copyright ACCA software S.p.A. pag. 2 R I P O R T O LAVORI A MISURA 1 Formazione di impianto

Dettagli

Chiusure verticali. (Chiusure con intercapedine)

Chiusure verticali. (Chiusure con intercapedine) Chiusure verticali (Chiusure con intercapedine) generalità tamponamenti perimetrali infissi esterni attrezzature di completamento Sistemi in grado di regolare il rapporto tra le situazioni ambientali,

Dettagli

INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICIO VIA SEBASTIANO DEL PIOMBO 6 MILANO

INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICIO VIA SEBASTIANO DEL PIOMBO 6 MILANO INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICIO VIA SEBASTIANO DEL PIOMBO 6 MILANO CAPITOLATO D APPALTO E DESCRIZIONE LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE PARTI COMUNI I render grafici hanno scopo puramente indicativo

Dettagli

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale zaccari. Progetto Esecutivo. Capitolato tecnico impianti

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale zaccari. Progetto Esecutivo. Capitolato tecnico impianti Ing. Fabio Gramagna Via V. Emanuele, 131-18012 Bordighera (IM) - Tel./Fax. 0184/26.32.01 fgramagna@gmail.com - fabio.gramagna@ingpec.eu Comune di Bordighera Provincia di Imperia Interventi di manutenzione

Dettagli

CHIUSURE VER VER ICALI PORTATE

CHIUSURE VER VER ICALI PORTATE CHIUSURE VERTICALI PORTATE CHIUSURE VERTICALI PORTATE Hanno funzione portante t secondaria cioè non garantiscono la sicurezza statica complessiva dell edificio ma devono assicurare la protezione e l incolumità

Dettagli