Art. 1: Oggetto dell appalto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Art. 1: Oggetto dell appalto"

Transcript

1

2

3 Art. 1: Oggetto dell appalto CAPO I NATURA E OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l esecuzione di tutti i lavori edili e impiantistici necessari per la ristrutturazione edilizia dell edificio denominato Palazzo degli Stemmi sito nel Comune di Torino, in Via Po per la porzione di VIA MONTEBELLO n.1 dove saranno insediati gli alloggi residenza per gli studenti. Sono comprese nell appalto opere edili ed impiantistiche di finitura e/o completamento e tutti i lavori, le prestazioni, le forniture e le provviste necessarie per dare il lavoro completamente compiuto e secondo le condizioni stabilite dal presente capitolato d appalto, con le caratteristiche tecniche, qualitative e quantitative previste dal progetto esecutivo con i relativi allegati, dei quali l appaltatore dichiara di aver preso completa ed esatta conoscenza. L esecuzione dei lavori è sempre e comunque effettuata secondo le regole dell arte e l appaltatore deve conformarsi alla massima diligenza nell adempimento dei propri obblighi; è tenuto inoltre a dare esecuzione all oggetto dell appalto nel modo più completo ed estensivo anche se la descrizione dell oggetto stesso si limita ad indicare gli elementi essenziali per la sua determinazione. Interpretazioni elaborati In caso di discordanza, incongruenza o difformità di documentazioni, disegni o tra i vari elaborati di progetto, vale l interpretazione più aderente alle finalità per le quali il lavoro è stato progettato e comunque quella meglio rispondente ai criteri di ragionevolezza e di buona tecnica esecutiva; e comunque tale interpretazione deve essere sempre a vantaggio delle esigenze e corrispondere agli interessi della Stazione Appaltante. In caso di mancanza totale di documentazione il Direttore dei lavori provvederà tempestivamente a fornire qualsiasi informazione all Appaltatore. Elenco dei lavori I lavori che formano oggetto dell'appalto possono riassumersi come appresso indicato, salvo più precise indicazioni che possono trovarsi nel proseguo del documento e/o che all'atto esecutivo potranno essere impartite dalla D.L.. Le indicazioni seguenti si intendono successive alle demolizioni delle pareti interne non portanti laddove esistenti e previste in demolizione dalla sovrapposizione del progetto con la situazione attuale. Quale lavorazione preventiva a tutte le lavorazioni si intende lo sgombero e pulizia dei piani da macerie e materiale di risulta esistente compresa la pulizia dei cunicoli di collegamento tra la centrale tecnologica e i locali, compresa la rimozione di impiantistica superflua con lo stoccaggio alle discariche. Piano Interrato lato via Montebello: i locali sono direttamente accessibili dall ascensore e dalla scala, dall ingresso di via Montebello. Il progetto prevede la realizzazione di: un locale per attività fisica che sarà successivamente attrezzata dal gestore, il locale è completo di spogliatoi e servizi igienici con docce, locali tecnici, una parete con vano porta, sistemazione della scala di accesso al piano 1 interrato, ricostruzione di una parte di soletta. In tutti questi locali è prevista la realizzazione di opere di finitura, rinzaffo delle nuove murature, intonaco, decorazione, pavimenti e rivestimenti in gres porcellanato in tutti i locali tranne la palestra dove il pavimento sarà in gomma, porte e serramenti in metallo, sistema di controllo dei fumi, impianto di riscaldamento, idrico e di illuminazione. Si dovranno prevedere opere strutturali per la ricostruzione della soletta e dove saranno necessarie aperture di vani porta, oltre alle necessarie lavorazioni per la riquadratura della stessa. Il locale è dotato di uscita di sicurezza verso l esterno attraverso una scala a cielo libero già realizzata. Piano Interrato lato via Po: Il progetto prevede la realizzazione di: locali di servizio per gli alloggi ed in particolare una lavanderiastireria, dei magazzini biancheria e deposito bagagli, servizio igienico e deposito materiali per le pulizie generali e un deposito per materiale di manutenzione. Questi locali saranno raggiungibili attraverso la scala raggiungibile dal cortile interno o attraverso la scala 4 del palazzo. 1

4 In tutti questi locali è prevista la realizzazione di opere di finitura, rinzaffo delle nuove murature, intonaco, decorazione, pavimenti e rivestimenti in gres porcellanato, porte e serramenti in metallo, sistema di controllo dei fumi, impianto di riscaldamento, idrico e di illuminazione. Dove sarà necessario l apertura di un vano porta si dovranno prevedere le opere strutturali di consolidamento, oltre alle necessarie lavorazioni per la riquadratura della stessa. Piano terreno: Il progetto prevede: rimozione,revisione e posa del montascale elettrico per disabili, rimozione della pavimentazione esistente in ceramica, rimozione del rivestimento ceramico esistente alle pareti, realizzazione della sala per la lettura e consultazione riviste e giornali, realizzazione della Reception con annesso l ufficio del responsabile, locale destinato al servizio di controllo della sicurezza dotato di telecamere a circuito interno, servizi igienici, accesso alla scala esterna di sicurezza dal lato cortile. Dove sarà necessario l apertura di un vano porta si dovranno prevedere le opere strutturali di consolidamento, oltre alle necessarie lavorazioni per la riquadratura della stessa. In tutti questi locali è prevista la realizzazione di opere di finitura, rinzaffo, intonaco delle nuove murature, ripristini di intonaci esistenti ammalorati ed esecuzione degli intonaci dove sono stati rimossi i rivestimenti in ceramica, la decorazione di tutte le superfici murarie, pavimenti e rivestimenti in gres porcellanato, pavimento in pietra all ingresso, sistema di controllo dei fumi, impianto di riscaldamento, idrico, elettrico e di illuminazione. Sono previsti controsoffitti come da tavola di progetto. Revisione degli infissi esistenti, fornitura e posa di nuovi serramenti interni. Piano ammezzato: Il progetto prevede: rimozione pavimenti e rivestimenti delle pareti esistenti, rimozione del rivestimento in pietra delle spallette dei vani di passaggio ai vani scala, apertura di vani porta e relative opere strutturali di consolidamento, riquadrature delle stesse, creazione di rampa di collegamento tra il corpo di fabbrica di via Montebello e il corpo di fabbrica di via Po, realizzazione di nuove tramezzature per la realizzazione di: camere doppie e singole e relativi servizi igienici, locale soggiorno, locale scaldavivande. In tutti questi locali è prevista la realizzazione di opere di finitura, rinzaffo e intonaco delle nuove murature, ripristini di intonaci esistenti ammalorati ed esecuzione degli intonaci dove sono stati rimossi i rivestimenti in ceramica, decorazione di tutte le superfici murarie, nuova pavimentazione e rivestimenti in gres porcellanato, sistema di controllo dei fumi, impianto di riscaldamento, idrico, elettrico e di illuminazione. Sono previsti controsoffitti come da tavola di progetto. Revisione degli infissi esistenti, fornitura e posa di nuovi serramenti interni. Piani primo secondo e terzo: Il progetto prevede: demolizione di muri e relative opere strutturali di consolidamento della struttura esistente, rimozione pavimenti e rivestimenti delle pareti esistenti, rimozione del rivestimento in pietra delle spallette dei vani di passaggio alle scale, apertura di vani porta e relative opere strutturali di consolidamento, riquadrature delle stesse, creazione di rampa di collegamento tra il corpo di fabbrica di via Montebello e il corpo di fabbrica di via Po, realizzazione di nuove tramezzature per la realizzazione di: camere doppie e singole e relativi servizi igienici, locali per attività didattiche e creative, locali scaldavivande. In tutti questi locali è prevista la realizzazione di opere di finitura, rinzaffo e intonaco delle nuove murature, ripristini di intonaci esistenti ammalorati ed esecuzione degli intonaci dove sono stati rimossi i rivestimenti in ceramica, decorazione di tutte le superfici murarie, nuova pavimentazione e rivestimenti in gres porcellanato, sistema di controllo dei fumi, impianto di riscaldamento, idrico, elettrico e di illuminazione. Revisione degli infissi esistenti, fornitura e posa di serramenti interni. Sono previsti controsoffitti come da tavola di progetto. Piano Sottotetto lato via Montebello: Il progetto prevede la sola decorazione dei locali esistenti. Tutte le scale verranno protette tramite l inserimento di porte REI a due battenti, a chiusura del pianerottolo. Piano Sottotettolato lato via Po: Il progetto prevede: realizzazione di un blocco servizi con locale ripostiglio, 11 monolocali composti da camera-soggiorno con angolo cottura e bagno. Saranno realizzate nuove tramezzature per la delimitazioni 2

5 degli alloggi e dei servizi igienici. In tutti i locali è prevista la realizzazione di opere di finitura, rinzaffo delle murature, intonaco, decorazione, pavimenti e rivestimenti in gres porcellanato, sistema di controllo dei fumi, impianto di riscaldamento, idrico elettrico e di illuminazione. Fornitura e posa di serramenti interni costituiti da porte in legno per i locali e porte in legno di accesso al sottottetto per opere di manutenzione. Sono previsti controsoffitti nelle parti di corridoio e disimpegno agli alloggi e all interno degli alloggi come da elaborati di progetto. Sono previste porte REI a due battenti, a protezione delle scale di accesso al piano e dei locali tecnici. Il vano scala di Via Montebello, a tutti i piani verrà protetto e isolato dai fumi e dal fuoco mediante l inserimento di porte REI a due battenti. L intervento generale oggetto del presente progetto esecutivo permetterà di ottenere un impianto di ricezione a servizio degli studenti con una capacità di 62 posti letto, articolati in 14 camere singole e 24 doppie di cui 11 monolocali, articolate tra il piano ammezzato, primo, secondo, terzo e sottotetto. La creazione delle camere avverrà attraverso la totale o parziale demolizione dei tramezzi esistenti, tutti i locali avranno pavimento in ceramica e porte in legno, mentre I dislivelli di quota tra i due corpi del fabbricato verranno compensati con la creazione di piccole rampe e di scale, affiancate da montascale, in maniera tale da permettere l accessibilità ad i portatori di handicap. Tutte le scale verranno protette tramite l inserimento di porte REI a due battenti a chiusura del pianerottolo. Tutti gli interventi edilizi saranno completati con illuminazione, telefonia, e impiantistica generale e tutte le dotazioni tecniche di base per il completo e totale utilizzo degli spazi. L esecuzione dei lavori è sempre e comunque effettuata secondo le regole dell arte e l appaltatore deve conformarsi alla massima diligenza nell adempimento dei propri obblighi; è tenuto inoltre a dare esecuzione all oggetto dell appalto nel modo più completo ed estensivo anche se la descrizione dell oggetto stesso si limita ad indicare gli elementi essenziali per la sua determinazione. Nel seguito e negli altri documenti contrattuali l Università degli Studi di Torino sarà indicata come Stazione Appaltante, l Impresa esecutrice delle opere come Appaltatore. Art. 2: Qualità e accettazione dei materiali in genere I materiali da impiegare per i lavori compresi nell appalto devono corrispondere, come caratteristiche, a quanto stabilito nelle leggi e nei regolamenti ufficiali vigenti in materia; in mancanza di particolari prescrizioni, devono essere delle migliori qualità esistenti in commercio, in rapporto alla funzione cui sono stati destinati; in ogni caso i materiali, prima della posa in opera, devono essere riconosciuti idonei e accettati dalla Direzione lavori, anche a seguito di specifiche prove di laboratorio o di certificazioni fornite dal produttore. Qualora la direzione dei lavori rifiuti una qualsiasi provvista di materiali in quanto non adatta all impiego, l impresa deve sostituirla con altra che corrisponda alle caratteristiche volute; i materiali rifiutati devono essere allontanati immediatamente dal cantiere a cura e a spese della stessa impresa. In materia di accettazione dei materiali, qualora eventuali carenze di prescrizioni comunitarie (dell Unione europea) nazionali e regionali, ovvero la mancanza di precise disposizioni nella descrizione contrattuale dei lavori possano dare luogo a incertezze circa i requisiti dei materiali stessi, la direzione lavori ha facoltà di ricorrere all applicazione di norme speciali, ove esistano, siano esse nazionali o estere. Entro 60 giorni dalla consegna dei lavori o, in caso di materiali o prodotti di particolare complessità, entro 60 giorni antecedenti il loro utilizzo, l Appaltatore presenta alla Direzione dei lavori, per l approvazione, la campionatura completa di tutti i materiali, manufatti, prodotti, ecc. previsti o necessari per dare finita in ogni sua parte l opera oggetto dell appalto. L accettazione dei materiali da parte della direzione dei lavori non esenta l Appaltatore dalla totale responsabilità della riuscita delle opere, anche per quanto può dipendere dai materiali stessi. 3

6 CAPO II DESCRIZIONE, FORMA E PRINCIPALI DIMENSIONI DELLE OPERE Art. 3: Interpretazioni elaborati. In caso di discordanza, incongruenza o difformità di documentazioni, disegni o tra i vari elaborati di progetto, vale l interpretazione più aderente alle finalità per le quali il lavoro è stato progettato e comunque quella meglio rispondente ai criteri di ragionevolezza e di buona tecnica esecutiva; e comunque tale interpretazione deve essere sempre a vantaggio delle esigenze e corrispondere agli interessi della Stazione Appaltante. In caso di mancanza totale di documentazione il Direttore dei lavori provvederà tempestivamente a fornire qualsiasi informazione all Appaltatore. Art. 4: Elenco Tavole e documenti che compongono il progetto esecutivo DOC. DESCRITTIVA DOC. 0.1 DOC. 0.2 DOC. 0.3 DOC. 0.4 DOC. 0.5 DOC. 0.6 REL. 0.1 REL. 0.2 RELAZIONE GENERALE E CRONOPROGRAMMA SCHEMA DI CONTRATTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ELENCO PREZZI UNITARI COMPUTO METRICO ESTIMATIVO PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO - FASCIOLO TECNICO RELAZIONE E CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI RELAZIONE E CALCOLO IMPIANTI TERMICO-FLUIDICO PROGETTO ARCHITETTONICO OPERE EDILI RESIDENZA PER STUDENTI ESE. 01 ESE. 02 ESE. 03 ESE. 04 ESE. 05 ESE. 06 ESE. 07a ESE. 07b ESE. 07c ESE. 08 ESE. 09 ESE. 10 PIANTA PIANO INTERRATO PIANTA PIANO TERRA PIANTA PIANO AMMEZZATO PIANTA PIANO PRIMO PIANTA PIANO SECONDO PIANTA PIANO TERZO PIANTA PIANO SOTTOTETTO -A- PIANTA PIANO SOTTOTETTO -B- PIANTA PIANO SOTTOTETTO -C- ABACO SERRAMENTI INTERNI ABACO SERRAMENTI ESTERNI ABACO MURATURE TAVOLE IMPIANTO TERMICO RESIDENZA PER STUDENTI TER. 01 TER. 02 TER. 03 TER. 04 TER. 05 TER. 06 TER. 07 TER. 08 PIANTE PIANO INTERRATO PIANTE PIANO TERRA PIANTE PIANO AMMEZZATO PIANTE PIANO PRIMO PIANTE PIANO SECONDO PIANTE PIANO TERZO PIANTE PIANO SOTTOTETTO SCHEMA CENTRALE TERMICA 4

7 TER. 09 TER. 10 TER. 11 TER. 12 SCHEMA FUNZIONALE SCHEMA SANITARIO UTA PALESTRA EDISU SCHEMI IMPIANTO TELEGESTIONE TAVOLE IMPIANTO SANITARIO RESIDENZA PER STUDENTI SAN. 01 SAN. 02 SAN. 03 SAN. 04 SAN. 05 SAN. 06 SAN. 07 SCA. 01 SCA. 02 SCA. 03 SCA. 04 SCA. 05 SCA. 06 SCA. 07 SCA 08 SCA 09 PIANTE PIANO INTERRATO PIANTE PIANO TERRA PIANTE PIANO AMMEZZATO PIANTE PIANO PRIMO PIANTE PIANO SECONDO PIANTE PIANO TERZO PIANTE PIANO SOTTOTETTO PIANTE PIANO INTERRATO PIANTE PIANO TERRA PIANTE PIANO AMMEZZATO PIANTE PIANO PRIMO PIANTE PIANO SECONDO PIANTE PIANO TERZO PIANTE PIANO SOTTOTETTO SEZIONE SCARICHI PARTICOLARI DEGLI SCARICHI IMPIANTI ELETTRICI CANALIZZAZIONI - F.M. LUCE SERVIZI GENERALI CANALIZZAZIONI E DISTRIBUZIONE PRINCIPALE IE-C01B PIANO INTERRATO LATO RESIDENZE CANALIZZAZIONI E DISTRIBUZIONE PRINCIPALE IE-C02B PIANO TERRA LATO RESIDENZE CANALIZZAZIONI E DISTRIBUZIONE PRINCIPALE IE-C03B PIANO AMMEZZATO LATO RESIDENZE CANALIZZAZIONI E DISTRIBUZIONE PRINCIPALE IE-C04B PIANO PRIMO LATO RESIDENZE CANALIZZAZIONI E DISTRIBUZIONE PRINCIPALE IE-C05B PIANO SECONDO LATO RESIDENZE CANALIZZAZIONI E DISTRIBUZIONE PRINCIPALE IE-C06B PIANO TERZO LATO RESIDENZE CANALIZZAZIONI E DISTRIBUZIONE PRINCIPALE IE-C07A PIANO SOTTOTETTO CANALIZZAZIONI E DISTRIBUZIONE PRINCIPALE IE-C07B PIANO SOTTOTETTO CANALIZZAZIONI E DISTRIBUZIONE PRINCIPALE IMPIANTO F.M. RETE TD/TEL TV ALLARMI IE-F01B PIANO INTERRATO LATO RESIDENZE IMPIANTO F.M. RETE TD/TEL TV ALLARMI IE-F02B PIANO TERRA LATO RESIDENZE IMPIANTO F.M. RETE TD/TEL TV ALLARMI IE-F03B PIANO AMMEZZATO LATO RESIDENZE IMPIANTO F.M. RETE TD/TEL TV ALLARMI IE-F04B PIANO PRIMO LATO RESIDENZE IMPIANTO F.M. RETE TD/TEL TV ALLARMI IE-F05B PIANO SECONDO LATO RESIDENZE IMPIANTO F.M. RETE TD/TEL TV ALLARMI IE-F06B PIANO TERZO LATO RESIDENZE IMPIANTO F.M. RETE TD/TEL TV ALLARMI IE-F07A PIANO SOTTOTETTO IMPIANTO F.M. RETE TD/TEL TV ALLARMI IE-F07 B PIANO SOTTOTETTO IMPIANTO F.M. RETE TD/TEL TV ALLARMI ILLUMINAZIONE NORMALE E D EMERGENZA IE-I01B PIANO INTERRATO LATO RESIDENZE ILLUMINAZIONE NORMALE E D EMERGENZA IE-I02B PIANO TERRA LATO RESIDENZE ILLUMINAZIONE NORMALE E D EMERGENZA IE-I03B PIANO AMMEZZATO LATO RESIDENZE ILLUMINAZIONE NORMALE E D EMERGENZA IE-I04B PIANO PRIMO LATO RESIDENZE ILLUMINAZIONE NORMALE E D EMERGENZA IE-I05B PIANO SECONDO LATO RESIDENZE ILLUMINAZIONE NORMALE E D EMERGENZA IE-I06B PIANO TERZO LATO RESIDENZE ILLUMINAZIONE NORMALE E D EMERGENZA IE-I07A PIANO SOTTOTETTO ILLUMINAZIONE NORMALE E D EMERGENZA IE-I07 B PIANO SOTTOTETTO ILLUMINAZIONE NORMALE E D EMERGENZA 5

8 SERVIZI GENERALI IE-G01B SCHEMA A BLOCCHI SISTEMA DI ALIMENTAZIONE IE-G02B SCHEMA A BLOCCHI DISTRIBUZIONE PRIMARIA IE-G03B SCHEMA A BLOCCHI ILLUMINAZIONE EMERGENZA IE-G04 SCHEMA A BLOCCHI IMPIANTO ANTENNA TV-SAT IE-G05B LATO RESIDENZE IMPIANTO DI TERRA IE-G06B SCHEMA A BLOCCHI CABLAGGIO RETE TD-FONIA RACCOLTA QUADRI ELETRICI SCH-D0 QUADRO EDIFICIO SCH-D1 QUADRO PIANO INTERRATO SCH-D2 QUADRO PIANO TERRA E COMANDI E CONTROLLO CENTRALIZZATO SCH-D3 QUADRO PIANO AMMEZZATO SCH-D4 QUADRO PIANO PRIMO SCH-D5 QUADRO PIANO SECONDO SCH-D6 QUADRO PIANO TERZO SCH-D7 QUADRO PIANO SOTTOTETTO SCH-D8 QUADRO ZONA DEPOSITI SCH-D9 QUADRO BLOCCO SERVIZI IGIENICI PIANO SCH-D10 QUADRO LOCALE LAVANDERIA SCH-D11 QUADRO CAMERA TIPO SCH-D12 QUADRO SOGGIORNO TIPO SCH-D13 QUADRO SALA PC SCH-D14 QUADRO CUCINA SCH-D15 QUADRO BIBLIOTECA SCH-D16 QUADRO ESTRAZIONE SERVIZI IGIENICI SCH-D17 QUADRO ESPULSIONE FUMI IMPIANTI ANTINCENDIO RIVELAZIONE INCENDI IR-01B PIANO INTERRATO LATO RESIDENZE RIVELAZIONE INCENDI IR-02B PIANO TERRA LATO RESIDENZE RIVELAZIONE INCENDI IR-03B PIANO AMMEZZATO LATO RESIDENZE RIVELAZIONE INCENDI IR-04B PIANO PRIMO LATO RESIDENZE RIVELAZIONE INCENDI IR-05B PIANO SECONDO LATO RESIDENZE RIVELAZIONE INCENDI IR-06B PIANO TERZO LATO RESIDENZE RIVELAZIONE INCENDI IR-07A - B PIANO SOTTOTETTO RIVELAZIONE INCENDI SISTEMI ANTINCENDIO IK-01B PIANO INTERRATO LATO RESIDENZE SISTEMI ANTINCENDIO IK-02B PIANO TERRA LATO RESIDENZE SISTEMI ANTINCENDIO IK-03B PIANO AMMEZZATO LATO RESIDENZE SISTEMI ANTINCENDIO IK-04B PIANO PRIMO LATO RESIDENZE SISTEMI ANTINCENDIO IK-05B PIANO SECONDO LATO RESIDENZE SISTEMI ANTINCENDIO IK-06B PIANO TERZO LATO RESIDENZE SISTEMI ANTINCENDIO IK-07A-B PIANO SOTTOTETTO SISTEMI ANTINCENDIO IK-08 LATO RESIDENZE SCHEMI A BLOCCHI SISTEMI ANTINCENDIO 6

9 Art. 5: Descrizione dei lavori. I lavori che formano oggetto dell'appalto possono riassumersi come appresso indicato, salvo più precise indicazioni che all'atto esecutivo potranno essere impartite dalla D. L.: Piano interrato: Demolizione del battuto di cemento e rimozione dell eventuale pavimento e rivestimenti. Scrostamento di intonaco su pareti esistenti. Demolizione di muri e rimozione di serramenti interni. Realizzazione battuto in cemento Taglio a sezione obbligata per l inserimento di serramenti interni. Fornitura e posa di serramenti interni in metallo sia normali sia tagliafuoco. Realizzazione di blocchi servizi, con fornitura e posa di apparecchi sanitari, pavimenti e rivestimenti Chiusura porzione di solaio nel locale palestra (vedi tavola ESE.01) Fornitura e posa di pavimento in ceramica. Fornitura e posa di pavimento gomma per palestre. Realizzazione di pavimento in cls. Fornitura e posa di serramenti esterni in metallo. Rinzaffo e intonaci su tutti i muri di nuova costruzione e quelli ammalorati. Decorazioni su corridoi, bagni e tutti i locali a disposizione della foresteria. Lisciatura di tutti i solai. Realizzazione delle reti di smaltimento di acque bianche e acque nere. Realizzazione dell impianto idrosanitario. Realizzazione dell impianto di ventilazione. Realizzazione dell impianto termico. Realizzazione dell impianto di rilevazione e spegnimento incendi. Realizzazione dell impianto elettrico, compresi il quadro generale e il quadro di piano; distribuzione dell impianto luce esterno ed interno, della forza motrice e degli impianti speciali. Piano terra: Demolizione di muri esistenti Rimozione di pavimento in ceramica Rimozione di rivestimento esistente Rimozione di parete divisoria in alluminio e vetro Rimozione, revisione e posa del montascale per disabili Taglio a sezione obbligata per l inserimento di serramenti interni Scrostamento di intonaco su pareti esistenti Rimozione di serramenti interni Revisione di tutti i serramenti esterni esistenti Battuto in cemento nei vani tecnici Lisciatura di tutti i solai Fornitura e posa di serramenti interni sia normali sia tagliafuoco. Realizzazione di blocchi servizi, con fornitura e posa di apparecchi sanitari sia normali che per disabili, pavimenti e rivestimenti, porte interne in laminato o in legno. Fornitura e posa pavimento in ceramica. Rinzaffo e intonaco su tutti muri di nuova realizzazione e quelli ammalorati Decorazione in tutti i locali Realizzazione delle reti di smaltimento di acque bianche e acque nere. Realizzazione dell impianto idrosanitario. Realizzazione dell impianto di ventilazione. Realizzazione dell impianto termico. Realizzazione dell impianto di rilevazione e spegnimento incendi. Realizzazione dell impianto elettrico, compresi il quadro generale ubicato nel piano interrato e il quadro di piano; distribuzione dell impianto luce esterno ed interno, della forza motrice e degli impianti speciali. Realizzazione di controsoffitto in laterogesso come da tavole di progetto Piano ammezzato, primo, secondo e terzo: Demolizione di muri esistenti 7

10 Rimozione del pavimento in ceramica esistente Rimozione del rivestimento in ceramica esistente Taglio a sezione obbligata per l inserimento di serramenti interni. Scrostamento di intonaco su pareti esistenti Rimozione di serramenti interni Revisione di tutti i serramenti esterni esistenti Battuto in cemento nei vani tecnici. Lisciatura di tutti i solai Creazione di rampe di collegamento tra la manica dell edificio di via Montebello e la manica dell edificio di via Po Fornitura e posa di serramenti interni sia normali sia tagliafuoco Realizzazione di blocchi servizi, con fornitura e posa di apparecchi sanitari sia normali che per disabili, pavimenti e rivestimenti, porte interne in laminato o in legno Realizzazione di sottofondo con iglù nei piani primo e secondo come evidenziato nei disegni Fornitura e posa pavimento in ceramica Fornitura e posa di pavimento in pietra di Lucerna dove evidenziato nei disegni Rinzaffo e intonaco su tutti muri di nuova realizzazione e quelli ammalorati Decorazione in tutti i locali Realizzazione delle reti di smaltimento di acque bianche e acque nere Realizzazione dell impianto idrosanitario Realizzazione dell impianto di ventilazione Realizzazione dell impianto termico Realizzazione dell impianto di rilevazione e spegnimento incendi Realizzazione dell impianto elettrico, compresi il quadro generale ubicato nel piano interrato e il quadro di piano; distribuzione dell impianto luce esterno ed interno, della forza motrice e degli impianti speciali Realizzazione di controsoffitto in laterogesso come da tavole di progetto Sottotetto: Fornitura e posa di serramenti interni sia normali sia tagliafuoco. Realizzazione di pareti in muratura e in laterogesso per suddivisione dei locali. Realizzazione di blocchi servizi, con fornitura e posa di apparecchi sanitari, pavimenti e rivestimenti, porte interne in legno. Fornitura e posa pavimento in ceramica Fornitura e posa di serramenti esterni Creazione di rampe di collegamento che permettono di superare i dislivelli tra i vari locali Rinzaffo e intonaco in tutti i locali Decorazioni in tutti i locali Realizzazione battuto in cemento nei vani tecnici Realizzazione delle reti di smaltimento di acque bianche e acque nere. Realizzazione dell impianto idrosanitario. Realizzazione dell impianto di ventilazione. Realizzazione dell impianto termico. Realizzazione dell impianto di rilevazione e spegnimento incendi. Realizzazione dell impianto elettrico, compresi il quadro generale ubicato nel piano interrato e il quadro di piano; distribuzione dell impianto luce esterno ed interno, della forza motrice e degli impianti speciali. Realizzazione di controsoffitto in laterogesso come da tavole di progetto Facciata lato cortile su Via Montebello: Intervento di restauro della facciata del cortile: lavaggio, rimozione intonaco ammalorato, stuccatura, e decorazione finale. 8

11 Art. 6: Forma e principali dimensioni delle opere. La forma e le dimensioni delle opere, che formano oggetto dell'appalto, risultano dai disegni allegati al contratto. Il progetto ha l obiettivo di ricuperare l edificio; i lavori oggetto dell appalto consistono nelle opere edili ed impiantistiche utili e necessarie ad ospitare la sede degli Uffici Amministrativi dell Università degli Studi di Torino e della Foresteria. Le opere previste contemplano interventi di tipo strutturale, impiantistico e funzionale per adeguare l edificio alla nuova destinazione d uso. Tutti i materiali installati saranno conformi a quanto stabilito dal punto 6.2 del D.Min.Int. 9 aprile Impianto di cantiere L Impresa è tenuta ad installare e predisporre tutte le attrezzature, i mezzi d opera e le protezioni idonee e previste dalle normative vigenti affinché il cantiere sia in regola. In considerazione del fatto che i lavori avvengono in edificio non occupato, l Impresa è tenuta a delimitare con mezzi idonei l area d intervento e di cantiere in ordine alle indicazioni contenute nel Piano di sicurezza ed a quelle impartite dalla D. L., in modo da non interferire con il regolare svolgersi delle attività in regime di sicurezza. All uopo sarà comunque delimitata, in accordo con la D. L., un area per il carico e scarico dei materiali, ubicata nei pressi del cortile. Sarà creato un ponteggio in adiacenza al fabbricato. Avranno sviluppo in altezza dal piano di campagna al tetto, saranno completati da debita protezione alla quota del cornicione e serviranno ad effettuare la pulizia e la decorazione delle facciate esterne e i lavori nel sottotetto. Il loro sviluppo in pianta sarà quello utile per permettere la salita e la discesa delle maestranze e dei materiali, e il tempo di installazione e di posa non dovrà essere superiore a quello necessario alla realizzazione degli interventi. L andamento dei lavori e la perimetrazione dell area del cantiere dovranno garantire il regolare svolgimento delle attività esistenti. Il cantiere e gli spazi limitrofi eventualmente coinvolti dai lavori dovranno essere quotidianamente puliti dall Impresa. Non è concesso per alcun motivo il deposito, anche provvisorio, di materiali ed attrezzature al di fuori dell area di cantiere all uopo delimitata. L impresa provvederà a suo proprio carico alle spese per gli allacciamenti di cantiere di tutte le utenze necessarie e delle eventuali spese di occupazione del suolo pubblicoalla fornitura di luce e forza motrice per le esigenze del cantiere. Lo spogliatoio/locale per i dipendenti potrà essere ricavato nei locali oggetto dei lavori; per i servizi igienici destinati ai lavoratori l Impresa provvederà inoltre all installazione di servizi igienici prefabbricati. 9

12 CAPO III MODALITA DI ESECUZIONE DELLE OPERE Art. 7: Demolizioni e rimozioni Descrizione Generale Le demolizioni di murature, calcestruzzi, ecc., sia parziali che complete, devono essere eseguite con ordine e con le necessarie precauzioni, in modo da non danneggiare le residue murature, da prevenire qualsiasi infortunio agli addetti al lavoro e da evitare incomodi o disturbo. Rimane pertanto vietato gettare dall'alto i materiali in genere, che invece devono essere trasportati o guidati in basso, e di sollevare polvere, per cui tanto le murature quanto i materiali di risulta dovranno essere opportunamente bagnati. Nelle demolizioni e rimozioni l'appaltatore deve inoltre provvedere alle eventuali necessarie puntellature per sostenere le parti che devono restare e disporre in modo da non deteriorare i materiali risultanti, i quali devono ancora potersi impiegare nei limiti concordati con la Direzione dei lavori, sotto pena di rivalsa di danni a favore della stazione appaltante. Le demolizioni dovranno limitarsi alle parti ed alle dimensioni prescritte. Quando, anche per mancanza di puntellamenti o di altre precauzioni, venissero demolite altre parti od oltrepassati i limiti fissati, saranno pure a cura e spese dell'appaltatore, senza alcun compenso, ricostruite e rimesse in ripristino le parti indebitamente demolite. Tutti i materiali riutilizzabili, a giudizio insindacabile della Direzione dei lavori, devono essere opportunamente puliti, custoditi, trasportati ed ordinati nei luoghi di deposito che verranno indicati dalla direzione stessa, usando cautele per non danneggiarli sia nella pulizia, sia nel trasporto, sia nei loro assestamento e per evitarne la dispersione. I materiali di scarto provenienti dalle demolizioni e rimozioni devono sempre dall'appaltatore essere trasportati fuori del cantiere nei punti indicati od alle pubbliche discariche. Prescrizioni esecutive Demolizione di pavimenti di qualsiasi tipo e spessore e/o relativo sottofondo, in qualunque piano di fabbricato, compresa la discesa o la salita a terra dei materiali, lo sgombero dei detriti le superfici prima della demolizione, compreso il trasporto dei detriti alle discariche. Eventuale svuotamento, pulitura delle volte e sostituzione del riempimento. Queste operazioni dovranno essere eseguite con cautela per evitare danneggiamenti ai mattoni. Le operazioni di svuotamento comprendono, dopo la rimozione del pavimento e del sottofondo, l eliminazione del materiale inerte di riempimento e rinfianco. L asportazione di tale materiale verrà eseguita manualmente e con la dovuta cautela: si avrà cura di procedere per strati successivi (gradualità) e mantenere sempre bilanciato (uniformità al fine di non generare carichi asimmetrici) il carico sulla volta e sui solai. Il nuovo materiale di riempimento sarà costituito da cls alleggerito (peso specifico 1200 kg/mc). Nel caso di rilievi nel corso di svolgimento di queste attività di situazioni statiche non buone (per es. in corrispondenza di fori di passaggio impianti e canalizzazioni); i ripristini con interventi localizzati di adeguamento statico saranno valutati ed indicati caso per caso a cura del Direttore dei Lavori. Localizzazioni: Demolizione di pavimenti in ceramica. La demolizione dei pavimenti e relativo sottofondo è circoscritta al fabbricato prospicente via Montebello. Tale demolizione serve per la formazione di nuovi pavimenti e per permetere il passaggio degli impianti nel sottofondo. Demolizioni di tramezzi interni E prevista la demolizione dei tramezzi in tutti i piani per diversa distribuzione interna. Rimozione di tutti i rivestimenti ceramici. Su tutti i piani e in tutti i locali, compresi i bagni, è prevista la rimozione di tutti i rivestimenti. Rimozione serramenti interni 10

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI DEMOLIZIONE EDIFICI 1. DEMOLIZIONI MANUALI E1 DEMOLIZIONI STRUTTURE RAFFORZAMENTI E UNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OERE ADIACENTI DEMOLIZIONE VOLTE; DEMOLIZIONE SOLAI IN LEGNO; DEMOLIZIONE SOLAI LATERO-

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

kerabuild jet Code E591 2008/08 pagina 1/5

kerabuild jet Code E591 2008/08 pagina 1/5 recupero calcestruzzo MALTE TECNOLOGICHE STRUTTURALI ad alta resistenza chimica LINEA costruzioni kerabuild Malta tecnologica strutturale colabile monocomponente per inghisaggi a rapida messa in servizio.

Dettagli

6.1 6.2 6.3 STAGIONATURA E DISARMO DISARMO E TEMPISTICHE MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE FINITURE SUPERFICIALI

6.1 6.2 6.3 STAGIONATURA E DISARMO DISARMO E TEMPISTICHE MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE FINITURE SUPERFICIALI Il calcestruzzo e le strutture armate Stagionatura e disarmo INDICE 6.1 6.3 DISARMO E TEMPISTICHE FINITURE SUPERFICIALI 6 STAGIONATURA E DISARMO 6.2 MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE STAGIONATURA E DISARMO

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE

Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE Il Ripristino DELLE Strutture Interrate NIDI DI GHIAIA E DISTANZIATORI PLASTICI RIPRESE DI GETTO Strutture Interrate RIPRESE

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm CT LISCIATURE C40-F10 A2 fl CONFORME ALLA NORMA EUROPEA Nivorapid EN 13813 Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne DESCRIZIONE DI-CLASS è un sistema composito a base resina caratterizzato da elevata flessibilità di intervento ed

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 n ordine codice descrizione un. mis. quantità pr. unit. importo 1 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE TOP SOL TOP BRIDGE E S S E D I V I S I O N E INFRASTRUTTURE E D INF IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI giulianedmp SOLUZIONI COSTRUTTIVE PER L EDILIZIA giulianedmp TOP SOL / TOP BRIDGE Impalcati

Dettagli

LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Presentazione La sicurezza strutturale e l affidabilità dei materiali e dei relativi sistemi costruttivi investono direttamente la competenza istituzionale

Dettagli

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici Allegato 1 Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici 1. Premessa 1.1 Ambito di applicazione ed efficacia. Ai sensi dell art. 9, comma 3, della legge regionale n. 19 del 2008,

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo EDIZIONE 1 / Volume 1 Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo Sezione Blocchi e Pavimenti Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI ALLEGATO A Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI Provincia Area Edilizia di Scolastica Na Ufficio Specialistico Tecnico Edilizia Scolastica 1 DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

Solai osservazioni generali

Solai osservazioni generali SOLAI Struttura orizzontale posta ad ogni piano di un edificio. Ha lo scopo di sostenere il proprio peso, dei pavimenti, delle pareti divisorie e dei carichi di esercizio. Per orizzontamento si intende

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

BENVENUTI. Introduzione alla norma SIA 118/262. CFP-SSIC TI: martedì 30 maggio 2006

BENVENUTI. Introduzione alla norma SIA 118/262. CFP-SSIC TI: martedì 30 maggio 2006 BENVENUTI Introduzione alla norma SIA 118/262 CFP-SSIC TI: martedì 30 maggio 2006 PROGRAMMA INTRODUZIONE NORMA SIA 118/262 Introduzione generale 10 Ing. Anastasia Confronto diretto SIA 220 SIA 118/262

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

Il ripristino. delle facciate

Il ripristino. delle facciate Il ripristino delle facciate C.P. MK 715110 (I) 10/10 Il ripristino delle facciate SEDE MAPEI SpA Via Cafiero, 22-20158 Milano Tel. +39-02-37673.1 Fax +39-02-37673.214 Internet: www.mapei.com E-mail: mapei@mapei.it

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

ALLEGATO R ELENCO PREZZI

ALLEGATO R ELENCO PREZZI A r c h i t e t t o R i n a l d i n i E t t o r e R a v e n n a, V i a l e d e l l a L i r i c a n. 4 3 T e l 0 5 4 4 405979 F a x 0 5 4 4 272644 comm. part. Emissione Spec foglio di Mar2014 COMMITTENTE:

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

MANUALE POSA IN OPERA E MANUTENZIONE FINESTRE, PORTEFINESTRE, PORTE, SCORREVOLI

MANUALE POSA IN OPERA E MANUTENZIONE FINESTRE, PORTEFINESTRE, PORTE, SCORREVOLI MANUALE POSA IN OPERA E MANUTENZIONE FINESTRE, PORTEFINESTRE, PORTE, SCORREVOLI Premessa 1. I materiali per la posa. 2. Il falso telaio. 3. Il fissaggio del serramento. 4. Istruzioni per la posa in opera

Dettagli

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica 1 Ambito operativo e inquadramento normativo Tenuto conto del rilevante impatto che gli eventi sismici,

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE 1 CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DI ELEMENTI COSTRUTTIVI SECONDO NORME, LEGGI E DIRETTIVE IN VIGORE 2 1. CLASSIFICAZIONE DELLA RESISTENZA AL FUOCO 2. CERTIFICAZIONE

Dettagli

CHE COS E IL CALCESTRUZZO

CHE COS E IL CALCESTRUZZO Il calcestruzzo e le strutture armate Che cos'è il calcestruzzo INDICE 1. CHE COS'È IL CALCESTRUZZO 1.1 DEFINIZIONE DEL CALCESTRUZZO 1.3 IL LEGANTE 1.5 L'ACQUA 1.7 IL CALCESTRUZZO ARMATO 1.2 LA RICETTA

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera Pag. 1 SOMMARIO 1 MANUALE D USO...3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE...3

Dettagli

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Cornedo Vic.no lì 08 aprile 2013

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Cornedo Vic.no lì 08 aprile 2013 S T U D I O D I P R O G E T T A Z I O N E C I V I L E E D I N D U S T R I A L E D O T T. I N G. P R E T T O F L A V I O COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA Oggetto: SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO

Dettagli

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2 MIT-SE Plus 300 e 400 Ancorante Chimico Strutturale Vinilestere/Epossiacrilato certificato ETA/CE DESCRIZIONE Mungo MIT-SE Plus è un ancorante chimico strutturale ad alte prestazioni e rapido indurimento,

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1

REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1 REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1 Gli inquilini sono tenuti oltre che all osservanza delle disposizioni contenute nel contratto di locazione anche a quelle del

Dettagli