I LAVORI DEL CONSIGLIO REGIONALE DI OGGI FULL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I LAVORI DEL CONSIGLIO REGIONALE DI OGGI FULL"

Transcript

1 Genova, 24 settembre 2013 I LAVORI DEL CONSIGLIO REGIONALE DI OGGI FULL Benzi e Rossi in Sinistra ecologia e libertà con Vendola Il presidente del Consiglio regionale Rosario Monteleone ha comunicato che dal primo ottobre Alessandro Benzi e Matteo Rossi aderiranno al gruppo Sinistra ecologia e libertà con Vendola. Alessandro Benzi sarà capogruppo. Ipotesi di un agenzia riscossioni unica per le Regioni del Nord Francesco Bruzzone (Lega Nord Liguria-Padania) ha presentato un interpellanza, sottoscritta anche da Maurizio Torterolo e Edoardo Rixi (Lega Nord Liguria-Padania) sul superamento di Equitalia in Liguria. «La riscossione locale dei tributi può permettere di adeguarsi in maniera più attinente ed efficace alle problematiche del territorio ed al tessuto sociale locale e la Regione Lombardia - ha spiegato - ha intenzione di istituire un agenzia regionale di riscossione dei tributi con l obbiettivo dichiarato di estenderla ad altre regioni del Nord quali Piemonte e Veneto. Tale soluzione può andare incontro alle esigenze di riduzione dei costi per la riscossione dei tributi ottimizzandola verso il servizio ai cittadini. Chiedo dunque alla giunta come valuti l iniziativa della Lombardia e se intenda manifestare interesse e disponibilità verso la creazione di un unica agenzia di riscossione per le Regioni del nord Italia o all ipotesi di sostituzione di Equitalia con una nostra agenzia di riscossione.». Per la giunta ha risposto l assessore alle risorse finanziarie Sergio Rossetti: «Come giunta la nostra posizione è di valutare nel merito la proposta anche perché teoricamente la vicinanza dell esattoria al territorio dovrebbe consentire di perseguire con maggior scrupolo il recupero crediti e allo stesso tempo garantire modalità di comportamento più vicine al cittadino. Insomma sarebbe l occasione per creare uno sportello efficiente ed amico. Da nostre notizie la Regione Lombardia non ha preso alcuna decisione e sta valutando varie ipotesi. L ostacolo fondamentale è il decreto sulla spending review che inibisce le Pubbliche amministrazioni a creare nuovi organismi. Anche il più recente decreto del fare ha la stessa filosofia. L altra ipotesi su cui si sta lavorando è di creare questa struttura di riscossione direttamente all interno della Regione in modo da gestire tutte le transazioni direttamente in house. Da questo punto di vista il nostro atteggiamento è di prudente valutazione. Infatti i nostri movimenti finanziari hanno un volume ben inferiore a quello della Regione Lombardia e se quest ultima potrebbe avere un vantaggio nel creare un organismo del genere 1/11

2 al suo interno, la stessa condizione potrebbe non verificarsi nella Regione Liguria. Con gli uffici stiamo valutando sia le norme nazionali che le varie altre ipotesi per non rischiare di fare scelte che potrebbero essere addirittura risultare controproducenti per i cittadini». Francesco Bruzzone ha ringraziato l assessore per l attenzione riservata a questo tipo di argomento: «Spero che avremo modo di parlarne più approfonditamente in un altra occasione». Lunedì seduta di Consiglio sul referendum per salvare i tribunali Marco Melgrati (capogruppo del Pdl) ha chiesto la sospensione della seduta per convocare una riunione dell Ufficio di presidenza integrato che, a sua volta, convocasse una riunione urgente del Consiglio regionale in cui esaminare rapidamente la Proposta di deliberazione 115 Referendum abrogativo delle disposizioni in materia di riorganizzazione degli uffici giudiziari, che si oppone alla prevista chiusura di alcuni tribunali, tra i quali Chiavari e Sanremo. La Proposta di deliberazione 115, che sarà esaminata dalla I Commissione-Affari Generali giovedì prossimo, richiede la successiva approvazione del Consiglio regionale prima di essere depositata alla Corte di Cassazione e avviare così l iter referendario, ma i termini per presentare a Roma le richieste di referendum da parte delle Regioni scadono il 30 settembre. Il Presidente del Consiglio Rosario Monteleone ha acconsentito alla richiesta, la seduta è stata quindi sospesa e subito dopo l Ufficio di presidenza ha deciso all unanimità di convocare una seduta del Consiglio lunedì prossimo. Melgrati ha ricordato in aula che Abruzzo, Basilicata e Calabria hanno già approvato delibere analoghe e che i Consigli regionali di Puglia e Campania si apprestano a farlo. L iter referendario può partire - ha spiegato - se viene richiesto da almeno cinque regioni. Solidarietà all assessore Vesco Il Consiglio ha approvato all unanimità un ordine del giorno, sottoscritto da tutti i gruppi, in cui l Assemblea esprime totale solidarietà nei confronti dell assessore regionale ai Trasporti Enrico Vesco per l aggressione subita il 17 settembre scorso e stigmatizza il ricorso all uso della violenza in ogni sua forma. Vesco ha ringraziato il Consiglio e i consiglieri per il sostegno dimostrato. Trasferimento dell Istituto idrografico della Marina Lorenzo Pellerano (Liste civiche per Biasotti presidente) ha presentato un interrogazione «per conoscere quali iniziative la Regione abbia adottato e adotterà, in sinergia con la Marina Militare, il Comune e l Autorità Portuale di Genova, per supportare e valorizzare la presenza a Genova dell Istituto idrografico della Marina, anche a seguito delle interrogazioni presentate dal sottoscritto in Consiglio regionale il 13 giugno 2011 e il 28 maggio 2012 e di quella presentata in Parlamento dall onorevole Sandro Biasotti». Pellerano ha rilevato che l istituto è l organo cartografico dello Stato, designato alla produzione della documentazione nautica ufficiale nazionale, e che è unico nel suo genere in Italia. L istituto ha sede nell edificio di Forte S. Giorgio, già sito dell Osservatorio Astronomico e conduce il rilievo sistematico dei mari italiani, avvalendosi delle navi idro - oceanografiche della Marina Militare e di proprie spedizioni, valorizza e controlla i dati raccolti per organizzarli e finalizzarli alla 2/11

3 produzione della cartografia e documentazione nautica, sia tradizionale sia in formato elettronico ed, infine, cura la diffusione delle informazioni nautiche in ambito nazionale ed internazionale. Pellerano ha auspicato che venga scongiurato il trasferimento dell Istituto alla Spezia come invece auspicato a suo tempo da Lorenzo Forcieri, presidente della locale Autorità Portuale. «La Marina Militare, l Autorità Portuale di Genova e il sindaco Doria si sono detti disponibile al dialogo e valutano favorevolmente il progetto di trasferire l Istituto Idrografico presso l edificio dell ex lavanderia industriale SELOM in area demaniale - ha spiegato Pellerano Se questa ipotesi andasse avanti, e se procedesse la logica del dialogo e della collaborazione, si potrebbe realizzare una nuova sede più funzionale sul mare e si aprirebbe la strada per un risegno del territorio e del porto antico. La partita dell idrografico può essere una casella di un dòmino molto importante per rivalutare Genova e migliorarne la vivibilità penso ad una pista ciclabile che colleghi Corso Italia al porto antico ma anche una migliore sistemazione delle riparazioni navali, realizzando un polo di eccellenza dedicato al mare nella parte storica della città». Per la giunta ha risposto Sergio Rossetti, assessore al patrimonio: «L Idrografico è una struttura scientifica importante a livello internazionale, ha un bilancio in attivo che contribuisce a quello della Marina, realizza scambi scientifici con l Università di Genova e rappresenta un anello importante della più complessiva filiera dell economia del mare. Grazie anche all interessamento del sottosegretario di Stato al Ministero della Difesa Roberta Pinotti, Regione, Marina militare, Comune, Autorità portuale e uffici del demanio militare stanno lavorando ad un articolato e complesso accordo che prevede scambi di edifici e valorizzazione degli immobili utilizzati dal demanio militare. La stipula del capitolato è a buon punto anche se la cautela è d obbligo perché si interviene su complesse questioni che insistono sulla pianificazione territoriale del Comune di Genova e del porto. La sede identificata per l Idrografico è quella delle lavanderie: un edificio che ha spazi adeguati alla produzione delle carte nautiche. Questa scelta è stata salutata con soddisfazione dai lavoratori e da quanti si sono battuti perché l Istituto rimanesse sul territorio prospiciente il porto antico di Genova. Confidiamo di arrivare a breve a dare un sì definitivo e auspichiamo di trovare le risorse affinché si realizzi tutto il progetto». Lorenzo Pellerano ha ringraziato l assessore per la risposta: «Sono contento che le cose finalmente procedano per il meglio: abbiamo lavorato in tanti per questo risultato nell interesse dei cittadini. Il ruolo della Regione deve essere quello di facilitatore dei rapporti fra enti autorità e ministeri. Vorrei che il futuro del capoluogo fosse discusso in Regione e che in commissione si possa incontrare presto il presidente Merlo». Record di pressione fiscale in Liguria Marco Scajola (Pdl) ha illustrato un interrogazione, sottoscritta anche da Marco Melgrati e Roberta Gasco del Pdl, che evidenzia i dati Istat, secondo i quali i liguri sono i più tartassati d Italia, con una media per contribuente di 819 euro, ben superiore a quella media italiana che è di 562 euro. A fronte della pressione fiscale più alta d Italia, secondo il consigliere, la Liguria deve fare i conti anche con servizi scadenti. Scajola ha chiesto, quindi, alla giunta cosa intenda fare per risolvere questo problema affinché la Liguria dia input a tutto il territorio per un rilancio sociale ed economico. «Il dato è allarmante ha sostenuto - in un momento di crisi come questo occorre trovare strategie 3/11

4 opportune per contrastare questo fenomeno e fare chiarezza sui dati: una differenza di 300 euro rispetto alla media nazionale non si spiega». Per la giunta ha risposto l assessore alle risorse finanziarie Sergio Rossetti: «La preoccupazione è giustificata: siamo di fronte a un dato vero, anche se deve essere chiarito che fa riferimento alle imposte comunali e non alla fiscalità regionale. I Comuni sono stati costretti a mettere in testa ai cittadini liguri una pressione fiscale senza precedenti per poter mantenere i servizi di qualità che offrono, nonostante i tagli frutto della spending review nazionale. Come Regione Liguria imponiamo l Irap, l addizionale Irpef, la tassa automobilistica e l accisa sulla benzina. L importo dell Irap è stabilito dalla legge statale, la maggiorazione regionale riguarda l 1% ed è stata limitata a categorie economiche come banche, impianti di produzione di energia, poste e assicurazioni. Di fatto il 90% delle aziende sono esentate da questa addizionale. L aliquota Irpef dipende dallo Stato e riguarda tutte le regioni italiane e non abbiamo modo di ridurla. Quello che potevamo fare era esentare le classi di reddito fino a 20 mila euro lordi l anno scorso e fino a 27 mila euro lordi quest anno. La tassa automobilistica dal 2007 ad oggi non ha subito incrementi nonostante si abbia la possibilità di aumentarla del 10%. Condividiamo la preoccupazione che sui cittadini liguri ci sia una pressione molto alta e abbiamo evitato, per quanto possibile che a questa si aggiungesse un ulteriore prelievo da parte del nostro ente. Sulla benzina siamo stati costretti a portare al massimo l accisa per finanziare gli interventi post alluvione». Marco Scajola ha ringraziato l assessore «per la risposta ampia e molto chiara, ma non riesco a capire come mai se tutti i comuni italiani hanno subito dei tagli, solo quello liguri hanno aumentato le imposte a questi livelli. Trecento euro in più rispetto alla media nazionale sono tanti e non si giustificano in nessun modo». Garantire anche ai disabili l accesso al Teatro della Gioventù Roberto Bagnasco (Pdl) con un interrogazione ha denunciato che il Teatro della Gioventù, struttura di proprietà della Regione Liguria, è dotato di un inidonea, e molto spesso fuori uso, apparecchiatura che dovrebbe consentire l accesso all edificio ai disabili. «Questo non consente loro di usufruire della struttura ledendo il loro diritto alla mobilità». Bagnasco ha chiesto alla Giunta se «abbia intenzione di attivare un intervento risolutivo e celere per dotare il Teatro della Gioventù di strumenti che consentano la reale fruizione da parte delle persone disabili e se sia volontà dell amministrazione avviare una verifica, coinvolgendo anche le associazioni delle persone disabili, e le strutture regionali per verificare quali tecnologie, se vi sono, vengono utilizzate per abbattere le barriere architettoniche». Per la Giunta ha risposto l assessore alle risorse finanziarie Sergio Rossetti. «Il tema è delicato: garantire il diritto alla mobilità a tutta la cittadinanza non rappresenta solo un imperativo di legge, ma un obbligo morale. Un incidente che si è verificato proprio sull impianto montascale ha fatto esplodere il problema. L impianto era stato certificato dalla ditta che ha l incarico della manutenzione straordinaria: quindi, sotto il profilo giuridico formale, la procedura seguita è regolare però l incidente c è stato e, durante il sopralluogo appositamente effettuato la Consulta dell handicap ha riscontrato che l impianto funziona in modo alterno. La soluzione potrebbe essere realizzare l accesso dalla parte esterna ed è in corso un confronto con la Sovrintendenza per poter 4/11

5 realizzare uno scivolo molto lungo che andrebbe, però, a incidere sulla fisionomia del palazzo che ha un pregio architettonico. Stiamo, quindi, lavorando per trovare le giuste soluzioni compatibili con il nostro bilancio». Roberto Bagnasco ha ribattuto: «Al di là dei fatti formali c è un dato indiscutibile: in molte occasioni il montascale non funziona. Si deve quindi andare ad un confronto serrato con la Sovrintendenza e prendere impegni precisi. La Regione è proprietaria dell immobile e deve garantirne l accesso ai disabili». Alluvione in Val di Vara Roberto Bagnasco (Pdl) con un interrogazione ha chiesto alla giunta con quali criteri siano stati ripartiti i contributi relativi all alluvione 2011 che ha colpito diverse zone del Levante, ed in particolare Brugnato e Borghetto Vara. A proposito di quest ultimo centro, Bagnasco ha chiesto se si stia procedendo alla sistemazione del crocevia al centro del paese, dove prima dell alluvione sorgeva la piazza. Il consigliere Bagnasco, inoltre, ha ricordato che ancora oggi, anche in occasione di eventi meteorologici di lieve entità, diverse famiglie di Borghetto sono costrette ad abbandonare le proprie case, situate in zone non ancora in sicurezza, a rischio idrogeologico. A tal proposito, Bagnasco ha chiesto il numero esatto delle famiglie che vivono questo disagio. Per la giunta hanno risposto prima l assessore all ambiente Renata Briano e poi l assessore alle infrastrutture Raffaella Paita. «Abbiamo attivato numerosi canali di finanziamento ha spiegato Briano perché i danni erano ingentissimi e uno solo non bastava. Abbiamo scelto di dare la priorità al sostegno delle famiglie evacuate dall abitazione principale, al ripristino dei servizi pubblici essenziali e risarcire tutte le spese di prima emergenza coperte dai soccorritori. I fondi derivanti dai cosiddetti SMS solidali sono stati destinati alla frazione di Cassano, una delle più colpite. Come comunicato dalla prefettura della Spezia, in occasione dell ultima allerta idrologica emessa, le famiglie evacuate sulla base dell ordinanza sindacale di allontanamento dalla propria abitazione sono dieci. Lavoriamo per superare anche il loro disagio». L assessore alle infrastrutture Raffaella Paita ha spiegato che a Borghetto ci sono due ponti: uno della Provincia e uno dell Anas. «Abbiamo convinto Anas a devolvere una parte di risorse per il rifacimento dell altro ponte andando oltre il milione e mezzo già concordato. Come Regione Liguria, da soli, non avremmo potuto affrontare il disastro. Abbiamo lavorato con una nostra società in house per ripristinare la rotatoria, ma la soluzione non è stata gradita dalla comunità locale che vuole mantenere in vita i due ponti separati. La soluzione non è semplice per le diverse quote e per la viabilità, ma l importante è che la cittadinanza gradisca il tipo di intervento che verrà messo in atto. Si va quindi verso il ripristino dei due ponti e, sulla base di un incontro già previsto con l Anas, si troverà il punto di incontro fra le esigenze della sicurezza e quelle della popolazione e dei commercianti». Roberto Bagnasco ha sottolineato che Borghetto non ha la valenza turistica di Vernazza e Monterosso nelle Cinque Terre e quindi fatica a superare i danni prodotti dall alluvione. La popolazione e i commercianti della zona sono in grandissima difficoltà e che occorre arrivare ad una soluzione il più rapidamente possibile». Gravi danni all immagine turistica creati dalle barriere fonoassorbenti 5/11

6 L installazione da parte di Autostrade per l Italia sulla A12 di barriere fonoassorbenti nei pressi della città di Rapallo che, a causa del materiale usato, comportano l'eliminazione della vista del mare e del panorama sia da parte di chi abita a monte dell'autostrada, sia di chi transita sulla stessa, ha suscitato tre interrogazioni di Armando Ezio Capurro (Noi con Burlando), Francesco Bruzzone (Lega Nord Liguria-Padania) e Roberto Bagnasco (Pdl). Capurro ha sottolineato che l installazione comporta, danni rilevanti ai cittadini e all immagine turistica. Il consigliere ha affermato: «Molti residenti nella zona di Rapallo interessata lamentano che nei tratti compresi fra le gallerie S. Agostino 1 e S. Agostino 2 - nonché per il viadotto San Francesco - è stata realizzata soltanto una barriera fonoassorbente a mare della canna autostradale. Tale intervento ha alleviato la situazione relativa al rumore per le abitazioni poste a livello stradale ed a circa a dieci metri dalla sede stradale stessa ma ha creato un ritorno del rumore per tutte le case poste sulla collina peggiorando, di fatto, la situazione». Capurro ha concluso chiedendo alla giunta un intervento nei confronti della Società Autostrade al fine di sostituire in alcuni tratti le barriere già collocate con altre trasparenti e, nel contempo, di completare gli interventi in quei tratti dove l installazione ha finito per peggiorare lo stato delle cose. In aula Capurro ha chiesto che vengano ripetuti gli accertamenti da Arpal in un giorno di transito normale, in quanto i precedenti sarebbero stati effettuati quando una corsia era chiusa al transito e, quindi, il traffico si snodava a velocità ridotta lungo una sola corsia. Analoga presa di posizione è venuta da Francesco Bruzzone (Lega Nord Liguria-Padania). «Le barriere fonoassorbenti - ha detto - sono indubbiamente importanti e in alcuni casi risolutorie per ridurre l impatto acustico che il traffico veicolare di un autostrada determina, tuttavia, dovrebbero essere installate, per quanto possibile, riducendo al minimo anche l impatto negativo sul paesaggio. Un attenzione che evidentemente non c è stata nel Tigullio tanto che la loro installazione lungo l autostrada A12, nei pressi di Rapallo, ha determinato disapprovazione e proteste da parte degli abitanti della cittadina». Roberto Bagnasco (Pdl) ha chiesto all Amministrazione di «sostituire i manufatti antirumore installati recentemente in tante parti della Liguria - ed in particolare sul tratto della Riviera di Levante - con strutture meno impattanti anche dal punto di vista visivo». Bagnasco ha sottolineato: «Il tentativo di limitare l inquinamento acustico è certamente positivo, ma in zone di straordinario pregio paesaggistico i manufatti ad oggi installati rappresentano un vero insulto ad un territorio che delle bellezze naturali fa una delle principali fonti attrattive e di sostentamento». Bagnasco ha affermato: «anche se questi pannelli sono stati realizzati con tutte le autorizzazioni, ciò non toglie che la Regione dovrebbe farsi carico di un confronto con la Società Autostrade per risolvere un problema straordinariamente evidente». Infatti, secondo Bagnasco, «la Regione, sicuramente colpevole di una mancata vigilanza», dovrebbe «farsi carico di un accordo con Società Autostrade per una graduale sostituzione di questi pannelli fono-isolanti con manufatti che non impediscano la fruizione di un territorio straordinario». In aula Bagnasco ha ribadito che alcune responsabilità a suo avviso vanno attribuite alla Regione Liguria che, a suo avviso, dovrebbe opporsi, a certe «brutture». Per la Giunta ha risposto l assessore all ambiente, Renata Briano che ha innanzitutto manifestato la sua disponibilità a verificare eventuali aspetti fuori norma e si è impegnata a chiedere ad Arpal di effettuare i rilievi acustici in una 6/11

7 giornata di regolare transito, come richiesto da Capurro. L assessore ha quindi spiegato: «Le opere di mitigazione acustica autostradale sono il risultato di un piano di risanamento realizzato da Autostrade per l Italia. Il piano relativo alle autostrade liguri era stato inviato il 13 giugno 2007 dalla Società Autostrade alla Regione Liguria, affinché la Regione potesse procedere ad una consultazione con i Comuni interessati per le valutazioni del piano stesso e per le eventuali proposte, motivate, di modifica delle priorità degli interventi di mitigazione del rumore. La Regione aveva invitato i Comuni della Riviera Ligure a formulare valutazioni e proposte. Le note di risposta dei Comuni si trovano agli atti degli uffici. Lo stesso piano è stato sottoposto all approvazione del ministero dell ambiente d intesa con la Conferenza unificata Stato, Regioni, Enti locali». Briano ha quindi precisato: «Per quanto concerne gli aspetti ambientali e paesaggistici, di norma le barriere fonoassorbenti vengono autorizzate in seno a specifiche conferenze o intese che non vedono coinvolti gli uffici del Dipartimento ambiente, volte a risolvere problematiche di tipo acustico e ambientale che, di solito, interessano tratti vincolati sotto il profilo paesaggistico. Le stesse barriere sono valutate preventivamente dal ministero che, tramite le Soprintendenze, produce uno specifico parere preventivo e vincolante. Risulta che spesso viene valutata la possibilità di inserire parti trasparenti nelle barriere, compatibilmente con le prestazioni acustiche stabilite dal piano di risanamento. I manufatti antirumore ad oggi installati sono pertanto frutto anche del risultato di consultazioni ed intese intercorse a più livelli tra le amministrazioni locali, la Regione Liguria ed Autostrade per l Italia, al fine di trovare un compromesso tra l inevitabile impatto visivo delle barriere e l esigenza di venire incontro alle istanze degli abitanti soggetti al disturbo del rumore autostradale». Capurro ha ringraziato l assessore in particolar per l impegno assunto a far nuovamente effettuare i rilievi in una normale giornata di transito. Ha quindi ribadito che sono stati massacrati 20 chilometri di territorio e per questo ha sollecitato l interessamento anche dell assessore al turismo. Bruzzone, pur riconoscendo l esistenza di un problema di competenze, ha ribadito che è nelle facoltà del Consiglio innescare un indagine conoscitiva sulla vicenda. Bagnasco si è detto non soddisfatto ed ha invocato un intervento più incessante e attento da parte della Regione. Degrado dell'area Parco Bozzi di Saudino a Sarzana (SP) Un area parco più degradata della zone circostante senza tutela. È questa la situazione paradossale denunciata da Francesco Bruzzone (Lega Nord Liguria-Padania) con un interrogazione (sottoscritta anche dai colleghi di gruppo Maurizio Torterolo ed Edoardo Rixi) sulle condizioni di degrado dell'area Parco Bozzi di Saudino a Sarzana (SP). Bruzzone ha chiesto alla Giunta come siano stati spesi i soldi pubblici investiti nell area parco, se l assessore competente sia a conoscenza dei motivi per i quali tale area parco sia in stato di degrado ambientale molto più elevato rispetto ad altre aree ove il parco non c è, se non ritenga opportuno escludere la zona dei Bozzi di Saudino dal Parco e chiedere alla Commissione europea di cancellare tale area dall elenco di SIC liguri. «Da molteplici segnalazioni ricevute e da informazioni attinte dagli organi di informazione ha detto Bruzzone - mi risulta che l Area Parco Bozzi di Saudino (Sarzana) è in condizioni di degrado assoluto. Le 7/11

8 stesse escursioni guidate organizzate dal Parco di Monte Marcello Magra finiscono per diventare visite guidate ad una sorta di discarica abusiva, ivi inclusi detriti tossici, all interno di una zona ove la vegetazione invasiva (rovi ed altro) la fa da padrona». Nel dicembre 2011 era stato annunciato un progetto di riqualificazione scaturito da una convenzione firmata dal Parco, dal Comune di Sarzana e dalla società proprietaria di parte dei Bozzi: 430mila euro di fondi pubblici con i lavori da concludersi entro fine estate e finalizzati ad opere di pulizia, ripristino vegetazionale, limitazione della diffusione delle specie invasive e riqualificazione dei sentieri già presenti. arredi in legno e cartellonistica. «Ma di tutto questo - denuncia Bruzzone - non si trova traccia e le tanto pubblicizzate iniziative di conservazione degli habitat alluvionali e azioni di educazione ambientali sono rimaste solo parole progettuali di un Parco fluviale che, da trent anni, è molto distante dalle logiche concrete della cultura ambientale. Ricordo che la zona è qualificata come Sito di Interesse Comunitario (SIC) e che ciò è da ritenersi una vergognosa aggravante. E non faccio commenti sul fatto che l area viene usata come sede delle feste estive dell Unità». Per la giunta ha risposto l assessore all'ambiente Renata Briano: «Il progetto realizzazione del parco naturalistico dei Bozzi di Saudino è stato finanziato al Parco di Montemarcello Magra con un finanziamento per un importo di 420 mila euro. Il crono programma progettuale allegato alla domanda di finanziamento prevede l inizio della progettazione nel 2012, l esecuzione delle opere negli anni , l entrata in funzione nel Ad oggi, terminata la fase progettuale, è stata affidata alla Stazione unica appaltante regionale la procedura di espletazione della gara. Non si registra, quindi, nessun ritardo nell esecuzione (procedurale e finanziaria) del progetto, così come certificato dai controlli di differente livello già effettuati. Il progetto è stato motivato anche dal degrado in cui versava la zona, peraltro di grande valore naturalistico, ma di proprietà privata. Il Parco, al fine di presentare la proposta progettuale, ha quindi stipulato, ed in seguito perfezionato, una convenzione con la proprietà con la quale ha acquisito la disponibilità delle aree per la durata dei lavori e per 10 anni successivi». L assessore ha precisato: «L importanza naturalistica dell areai, l occasione del finanziamento, l attuazione efficiente del progetto da parte del Parco e, quindi, la prospettiva di un reale risanamento e miglioramento della zona per il 2015 confermano l opportunità che l area rimanga inclusa nel perimetro del Parco. In merito all esclusione di zone dai SIC si ritiene ancora una volta di sottolineare che tal riperimetrazione è possibile solo se motivata da errori materiali (cioè quando l area non ha mai ospitato, dal 1992 ad oggi nessuno degli habitat segnalati negli allegati della Direttiva Habitat). Qualora invece ne venisse verificata la presenza ma anche il degrado nel tempo, la Commissione avrebbe la possibilità, come già successo, di aprire una procedura di infrazione» Bruzzone ha ribadito il disagio che si prova nel verificare condizioni di degrado in un area Parco. Ha poi sottolineato la necessità di rivedere i confini di diverse aree Sic. Piano di risanamento dell Atp, Azienda trasporti provinciale di Genova Con una interrogazione Armando Ezio Capurro (Noi con Burlando) ha denunciato «le difficoltà in cui versa l ATP, difficoltà confermate dalle organizzazioni sindacali, dal personale costretto a lavorare in un clima di 8/11

9 grande incertezza e dall utenza». Secondo Capurro, «il trasporto pubblico è un elemento indispensabile al fine di garantire ai cittadini la possibilità di spostarsi e nel contempo il personale deve poter confidare su una dirigenza attenta e puntuale che preveda il risanamento finanziario salvaguardando l occupazione. Purtroppo, con sempre maggiore frequenza, si parla di possibile fallimento dell azienda o di eventuali cessioni, tutti elementi destinati a creare incertezza tra le maestranze e l utenza». Per questi motivi Capurro ha chiesto alla Giunta «se non ritenga opportuno intervenire nei confronti della dirigenza di ATP per sapere se il piano di risanamento sia condivisibile e compatibile con gli sforzi finanziarie compiuti dalla Regione negli ultimi anni». Per la Giunta ha risposto l assessore ai trasporti, Enrico Vesco: «La situazione di Atp è precipitata in questi ultimi mesi. ha detto Il passivo, infatti, è superiore alle previsioni, evidentemente qualcosa non ha funzionato. Lo scorso anno l azienda aveva chiuso in attivo, quest anno, invece, ha cumulato o concentrato un notevole passivo, La Regione non ha alcuna responsabilità rispetto alla gestione societaria. Noi non abbiamo partecipazione nel capitale societario: possiamo intervenire soltanto sulla programmazione e sulla pianificazione dei servizi minimi. La società paga, quindi, le difficoltà finanziarie in cui si trova la Provincia. La Regione a luglio è stata coinvolta dalla Provincia, nel momento in cui si è compreso che la situazione non era più governabile e in quella occasione ci è stato prospettato un percorso per arrivare ad un bando che conduca alla cessione dell Azienda, attraverso la cessione del capitale che è in mano alla Provincia stessa e ad alcuni Comuni. Un percorso, quindi, che tenesse in piedi l Azienda, cercando di evitare la liquidazione o il fallimento. Più volte la Provincia ci ha chiesto di integrare il fondo regionale dei trasporti, ma questo non si può fare perché abbiamo già messo quanto era nella nostra disponibilità. Per evitare di giungere alla trattativa con i privati con un azienda debolissima, abbiamo però lavorato per individuare una possibile soluzione finanziaria. Si vorrebbe sostenere la Provincia tramite Filse, la Finanziaria della Regione, con un prestito garantito attraverso il patrimonio, nello specifico l attuale sede della direzione scolastica provinciale di via Assarotti, a Genova. Si parla di un milione e mezzo. E in atto una riunione, promossa da Filse proprio su questi aspetti, ma l operazione è soggetta al giudizio preventivo della Corte dei Conti e questo è fonte di preoccupazione». Capurro ha espresso apprezzamento per gli sforzi compiuti dall assessore Disciplina che regola le aperture domenicali dei negozi Aldo Siri (Liste civiche per Biasotti presidente) ha presentato un interrogazione per chiedere alla giunta chiarimenti e modifiche della disciplina che regola le aperture domenicali dei negozi. L articolo 31 del cosiddetto decreto Salva Italia, convertito nella legge n. 214 del 22 dicembre 2011, dà la possibilità agli esercizi commerciali di restare aperti 24 ore su 24, 7 giorni su 7. «Tuttavia questa liberalizzazione - ha spiegato Siri - ha dato risultati opposti a quelli attesi in quanto, l apertura domenicale e nei giorni festivi, ha favorito prevalentemente la grande distribuzione che, a differenza dei piccoli negozi a conduzione familiare, può favorire il turnover del personale. L apertura domenicale, secondo la denuncia di Confesercenti, in quasi un anno dall entrata in vigore della legge non ha aumentato né i consumi né l occupazione e tantomeno ha migliorato il servizio. Accanto alla questione economica emerge, quindi, la questione sociale, forse ancora più allarmante, in quanto i tantissimi 9/11

10 imprenditori che svolgono attività di commercio al dettaglio, ed i loro relativi dipendenti, rischiano di non avere più tempo e spazio per le proprie famiglie». Secondo il consigliere, infatti, i ritmi di lavoro che impediscono alle persone ed alle famiglie di stare insieme anche un solo giorno alla settimana possono rappresentare una minaccia all unità della famiglia ed al tentativo di ritrovare quei valori e principi fondamentali che, purtroppo, ai giorni nostri si stanno sempre di più sgretolando. Oltre a guardare all aspetto economico e sociale, occorre guardare all aspetto religioso della domenica e recuperarne quel significato originario che oggi pare scomparso. Siri ha ricordato la nota della Conferenza episcopale italiana Il Giorno del Signore datata 15 luglio 1984 in riferimento al tema Custodire la domenica: Astenersi dal lavoro e dalla fatica, deporre la tristezza delle cure quotidiane, oltre che costituire la condizione indispensabile per partecipare alla festa comune, diventa affermazione della vita, del primato della gioia e analoghe osservazioni del cardinale Bagnasco. «Non si intende vietare in assoluto l apertura domenicale ha spiegato - ma si vorrebbe, piuttosto, che questa venisse intesa non come una regola ma un eccezione, così come avviene in altri Paesi europei, ad esempio in Germania e in Francia, dove le domeniche di apertura nell anno sono 10 o in Olanda o Spagna dove si arriva ad un massimo di 12». Siri ha quindi chiesto alla giunta se intenda sollevare la questione dell illegittimità del provvedimento all interno della Conferenza Stato - Regioni e farsi promotrice di iniziative volte a ripristinare alle Regioni la potestà di disciplinare le aperture domenicali in modo da renderle compatibili con le esigenze degli imprenditori, dei lavoratori ma, soprattutto, delle famiglie. Per la giunta ha risposto l assessore allo sviluppo economico, Renzo Guccinelli: «Il tema è controverso. Ritengo che l apertura domenicale sia ormai indispensabile all interno del processo che regola l attività commerciale. Il modo di consumare delle famiglie è cambiato: spesso la famiglia ha bisogno di fare acquisti il sabato e la domenica. L errore, però, è stato quello di avere previsto l apertura domenicale in un decreto nazionale, citato dal consigliere Siri, senza tener conto dell esigenza dei singoli territori. Il provvedimento in questione consente l apertura sette giorni su sette, senza distinguo. Credo occorra tornare alla situazione ante provvedimento, che consenta alla Regione di fare norme sui territori. Un quadro normativo non può essere uguale per tutta Italia. Il provvedimento, voluto dal governo Monti, ha portato forti tensioni e contro questo stato di cose si sono schierate le Regioni che richiedono la possibilità di legiferare in materia. In passato noi avevamo costruito un quadro normativo che era compatibile con le esigenze dei differenti territori ed era studiato proprio sulle esigenze per i diversi territori. Credo che occorra tornare a questo tipo di programmazione». Siri si è detto parzialmente soddisfatto della risposta dell assessore ed ha insistito sulla rilevanza sociale ed umana del giorno festivo che, a suo avviso, dovrebbe superare gli interessi di pochi, delle strutture commerciali più grandi. Tutelare fiscalmente i lavoratori frontalieri E stato approvato all unanimità un ordine del giorno sottoscritto da tutti i gruppi, primo firmatario Sergio Scibilia del Pd, che impegna la giunta a sollecitare il parlamento e il governo affinché a livello nazionale si predisponga con urgenza un provvedimento che blocchi il pagamento della seconda rata di anticipo prevista a novembre 2013 per l anno 2014; si modifichi la redigenda legge di 10/11

11 stabilità per gli anni stabilendo: per gli anni la parte di reddito eccedente l importo corrispondente al 35% del reddito complessivo. Il limite massimo della quota di esenzione è di 25 mila euro; che si unifichino le proposte di legge già depositate a Camera e Senato per stabilire con legge ordinaria il definitivo trattamento e la definitiva franchigia fiscale; si provveda a approvare una legge che definisca in modo omogeneo per tutti gli oltre 100 mila lavoratori frontalieri italiani i diritti essenziali, sanitari e previdenziali. Nel documento si ricorda che la Finanziaria del 2003 aveva riconosciuto ai lavoratori frontalieri (in Liguria sono oltre 5 mila) una franchigia fiscale con una deduzione di 8 mila euro dall imponibile fiscale, poi prorogata fino al 2011 e confermata per euro nel 2012 e Tuttavia la legge di bilancio del 24 dicembre 2012 ha stabilito che i lavoratori frontalieri dovevano anticipare fiscalmente quanto dovuto per il 2014 facendo pagare un vero e proprio salasso e che dal gennaio 2014 non sono più previste franchigie. Non vendere Ansaldo Energia e Ansaldo Sts E stato approvato all unanimità un ordine del giorno sottoscritto da tutti i gruppi, primo firmatario Antonino Oliveri del Pd, che impegna la giunta a esercitare pressioni nei confronti del governo affinché Finmeccanica, di cui lo stesso Governo è azionista di riferimento, tragga le dovute conseguenze dalle dichiarazioni degli esponenti dell esecutivo preposti alle politiche economiche non procedendo alla vendita di pacchetti di maggioranza a investitori stranieri. Nel documento si ricorda la decisione assunta dalla dirigenza di Finmeccanica di vendere aziende del gruppo solide, produttive e ad alto potenziale tecnologico, come Ansaldo Energia e Ansaldo Sts a società straniere. Tale decisione persegue lo scopo di fare cassa per esigenze di risanamento finanziario al prezzo di un indebolimento del nostro patrimonio industriale, tale da compromettere il futuro economico e occupazionale dell intero paese. Nel testo si ricorda che la Regione si era già espressa a favore del mantenimento del controllo nazionale di Ansaldo Energia e Ansaldo Sts e che i ministri allo Sviluppo economico Zanonato e il viceministro dell Economia Fassina si sono dichiarati a favore di una soluzione che mantenga il controllo italiano su Ansaldo Energia, Ansaldo Sts e Ansaldo Breda. Assenti: Montaldo (motivi istituzionali) Quorum:20 voti 11/11

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

Roma, 05 novembre 2008

Roma, 05 novembre 2008 RISOLUZIONE N.423/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 novembre 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Deduzioni dalla base imponibile IRAP di

Dettagli

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole fare l intervento?. Ha chiesto la parola la consigliera Bosso, ne ha facoltà:

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole fare l intervento?. Ha chiesto la parola la consigliera Bosso, ne ha facoltà: CONSIGLIO COMUNALE DEL 18.12.2015 Interventi dei sigg. consiglieri Armonizzazione dei sistemi e degli schemi contabili di cui al D.Lgs. n.118/2011, rinvio al 2016 dell adozione del principio della contabilità

Dettagli

Comune, imprese, lavori pubblici: le opportunità possibili Ing. Walter Murru

Comune, imprese, lavori pubblici: le opportunità possibili Ing. Walter Murru Comune di Oristano Comuni de Aristanis SETTORE LAVORI PUBBLI CI E M ANUTENZIONI SECONDA GIORNATA - 10 DICEMBRE 2014 Comune, imprese, lavori pubblici: le opportunità possibili Ing. Walter Murru LA CRISI

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Oggetto: Osservazioni sul Progetto di regolamento generale di esenzione per categoria

Oggetto: Osservazioni sul Progetto di regolamento generale di esenzione per categoria European Commission Directorate General for Competition State aid Registry HT 364 B 1049 Brussels Prot. N. BLD/im 474/07 Milano, 1 giugno 2007 Oggetto: Osservazioni sul Progetto di regolamento generale

Dettagli

Istituto Galileo. CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO

Istituto Galileo. CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO Istituto Galileo CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO Approvato con delibera del Consiglio Comunale di Frosinone n. 6 del 2.3.2011 Art. 1 Costituzione e sede. Il Comune di Frosinone

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze)

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze) STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) É costituita una Federazione tra l Associazione bancaria italiana (ABI), l Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici (ANIA) e le Associazioni rappresentative

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

Modifiche al Regolamento per l individuazione delle. modalità di assegnazione degli alloggi E.R.P. e per la

Modifiche al Regolamento per l individuazione delle. modalità di assegnazione degli alloggi E.R.P. e per la Allegato 1) PUNTO N. 2 all O.d.G.: Modifiche al Regolamento per l individuazione delle modalità di assegnazione degli alloggi E.R.P. e per la gestione della mobilità dell utenza. Legge regionale n. 24/2001

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore a cura di Roberta De Pirro - Studio Sciumé e Associati roberta.depirro@sciume.net http://www.sciume.net/ Premessa Dopo un lungo e discusso

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 065 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO 15 dicembre 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

Interventi urgenti per le imprese e i contribuenti indebitati con Equitalia.

Interventi urgenti per le imprese e i contribuenti indebitati con Equitalia. Oggetto: Interventi urgenti per le imprese e i contribuenti indebitati con Equitalia. Il Presidente della Regione anche a seguito di diversi incontri e manifestazioni di protesta dei contribuenti regionali,

Dettagli

Deliberazione del Comitato di gestione n. 6 di data 6 maggio 2015.

Deliberazione del Comitato di gestione n. 6 di data 6 maggio 2015. Deliberazione del Comitato di gestione n. 6 di data 6 maggio 2015. Oggetto: Adozione dell aggiornamento del Programma pluriennale 2011-2015 da sottoporre alla Giunta provinciale. La legge provinciale 23

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

statuto Testo approvato dalla XXXI Assemblea Generale congressuale Roma, 1 dicembre 2004

statuto Testo approvato dalla XXXI Assemblea Generale congressuale Roma, 1 dicembre 2004 statuto Testo approvato dalla XXXI Assemblea Generale congressuale Roma, 1 dicembre 2004 Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE È costituita dal 1908 l Unione delle Province d Italia (U.P.I.). Essa ha sede in Roma.

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE PREAMBOLO Il presente Regolamento disciplina l attività del Consiglio dell Ordine Forense di Frosinone nell osservanza delle disposizioni legislative in materia

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DI LOLA

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DI LOLA STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DI LOLA ART. 1- l Associazione di volontariato AMICI DI LOLA più avanti chiamata per brevità associazione, con sede in _Cava dei Tirreni Via O. di Giordano

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BUBBICO e FIORONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 LUGLIO 2010 Modifiche al codice delle assicurazioni

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

ASSOCIAZIONE AMICI DELLE CASE DI GIACOMO PUCCINI STATUTO

ASSOCIAZIONE AMICI DELLE CASE DI GIACOMO PUCCINI STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DELLE CASE DI GIACOMO PUCCINI STATUTO Art. 1 COSTITUZIONE E SEDE E costituita un Associazione denominata: ASSOCIAZIONE AMICI DELLE CASE DI GIACOMO PUCCINI, con sede in Viareggio, Piazza

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE. ------------------------------------------------------------------------------------------------- 1 dicembre 2015

PROVINCIA DI UDINE. ------------------------------------------------------------------------------------------------- 1 dicembre 2015 PROVINCIA DI UDINE NOTIZIE PER LA STAMPA ------------------------------------------------------------------------------------------------- 1 dicembre 2015 Fondo Montagna 2015: distribuiti 555 mila euro,

Dettagli

Comune di Corbetta Provincia di Milano. Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio

Comune di Corbetta Provincia di Milano. Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio Comune di Corbetta Provincia di Milano Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio INDICE Articolo 1 Finalità e definizioni Articolo 2 Ambito di

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.125 del 28/09/2015 1 INDICE Articolo 1 Oggetto pag. 3 Articolo

Dettagli

Cantieri d Arte 2006 Restauro e tutela del patrimonio monumentale religioso in Piemonte e in Liguria

Cantieri d Arte 2006 Restauro e tutela del patrimonio monumentale religioso in Piemonte e in Liguria La Compagnia di San Paolo è una Fondazione italiana di diritto privato con sede a Torino. Essa persegue finalità di utilità sociale, allo scopo di favorire lo sviluppo civile, culturale ed economico. Informazioni

Dettagli

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL REGIONE TOSCANA Consiglio Regionale Gruppo Consiliare Gruppo Misto Firenze, 7 maggio 2013 Al Presidente del Consiglio della Regione Toscana On. Alberto Monaci MOZIONE (ai sensi dell art. 167 Reg. Interno)

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

GAMBA: Oggi noi ci troviamo ad approvare come stanno facendo in. moltissimi Comuni, visto che c è la scadenza prevista dalla

GAMBA: Oggi noi ci troviamo ad approvare come stanno facendo in. moltissimi Comuni, visto che c è la scadenza prevista dalla GAMBA: Oggi noi ci troviamo ad approvare come stanno facendo in moltissimi Comuni, visto che c è la scadenza prevista dalla legge al 30 di novembre, questi assestamenti al bilancio previsionale che abbiamo

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/5 MISSIONE IN CALABRIA 10 marzo 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 19.45. PRESIDENTE. Buonasera. Noi abbiamo già assunto una serie di notizie che riguardano la presenza

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

L anomalia dell offerta

L anomalia dell offerta L anomalia dell offerta Avv. Daniela Anselmi 8 maggio 2007 La verifica in contraddittorio dell offerta: procedimento e voci oggetto di verifica. Esclusione automatica delle offerte anormalmente basse:

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA

PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA Deliberazione della Giunta Provinciale Seduta n.1 del 29/08/2014 ore 09:00 delibera n. 102 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL PIANO REGOLATORE PORTUALE DI MANTOVA QUALE PIANO D'AREA DEL PTCP

Dettagli

A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA. Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense

A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA. Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense Art. 1 Disposizioni generali E costituita in Roma, con sede legale presso il Tribunale Civile,

Dettagli

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Intervento Convegno ANAV del 17 /2/2004. (Noleggio autobus ai sensi della l. 218/2003) Con la legge quadro n. 218/2003, entrata in vigore

Dettagli

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO REGOLAMENTO ISTITUTIVO E DI GESTIONE DEL FONDO DI ASSISTENZA, PREVIDENZA ED INCENTIVAZIONE DEI SERVIZI SVOLTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO del PRESIDENTE della REPUBBLICA 4 febbraio 2005, n. 78 - Esecuzione dell'intesa tra il Ministro per i beni e le attività culturali ed il Presidente della Conferenza episcopale italiana, firmata

Dettagli

LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI

LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI RITA BEVACQUA LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI L istituto della Mediazione civile quale strumento alternativo di giustizia è stato introdotto dal Decreto Legislativo 4 marzo 2010,

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

Disegno di Legge di stabilità 2016 A.C. 3444. Emendamenti

Disegno di Legge di stabilità 2016 A.C. 3444. Emendamenti Disegno di Legge di stabilità 2016 A.C. 3444 Emendamenti 26 novembre 2015 BILANCIO AUTORIZZATORIO SOLO ANNUALE 2016 UTILIZZO AVANZO LIBERO E DESTINATO ARTICOLO 1, COMMA 389 Dopo il comma 389 è inserito

Dettagli

E poi abbiamo anche visto che le Alpi, per la loro posizione naturale, sono particolarmente colpite dalle conseguenze del cambiamento climatico.

E poi abbiamo anche visto che le Alpi, per la loro posizione naturale, sono particolarmente colpite dalle conseguenze del cambiamento climatico. Le Alpi sono ancora lontane da una politica climatica sostenibile, ma una inversione di tendenza è possibile. Andreas Götz Questo era il bilancio della conferenza annuale della CIPRA Le Alpi oltre Kyoto

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A BARI 26 gennaio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA. La seduta inizia alle 18.29.

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A BARI 26 gennaio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA. La seduta inizia alle 18.29. MISSIONE A BARI 26 gennaio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA 1/6 La seduta inizia alle 18.29. PRESIDENTE. Siamo in audizione durante la seconda missione in Puglia come Commissione parlamentare

Dettagli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Approvata dal Consiglio d Europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 e ratificata dall Italia con la legge 20 marzo 2003 n. 77 Preambolo Gli Stati

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 5/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 5/E QUESITO RISOLUZIONE N. 5/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 gennaio 2011 OGGETTO: Consulenza Giuridica - Rapporto di concessione Beni realizzati dalla società concedente e beni realizzati dalla società concessionaria

Dettagli

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione Approvato dal Consiglio di Istituto con delibera n. 4 del 20/12/2012 Premessa Le uscite didattiche,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO. Risoluzione sui diritti delle persone disabili. Annunziata il 22 gennaio 1997

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO. Risoluzione sui diritti delle persone disabili. Annunziata il 22 gennaio 1997 Camera dei Deputati 1 Senato della Repubblica CAMERA DEI DEPUTATI Doc. XII N. 76 RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO APPROVATA NELLA SEDUTA DI VENERDÌ 13 DICEMBRE 1996 Risoluzione sui diritti delle persone

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

Contributo di Altroconsumo

Contributo di Altroconsumo Contributo di Altroconsumo Disegno di Legge 3221 di conversione del decreto-legge integrativo dei decreti liberalizzazioni e consolidamento conti pubblici X Commissione Senato Industria Commercio e turismo

Dettagli

STATUTO TIPO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO. Art. 1 (Costituzione)

STATUTO TIPO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO. Art. 1 (Costituzione) Il presente schema di Statuto viene proposto, a mero titolo indicativo, non potendo, né volendo, limitare la libertà delle Organizzazioni di darsi autonomamente le norme disciplinanti il proprio ordinamento.

Dettagli

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro Ingegneria ed Architettura, ha sviluppato un modulo didattico innovativo che ha previsto non solo lezioni frontali, ma un cospicuo numero di ore dedicato all attività di laboratorio ed all analisi di un

Dettagli

Contributo di Altroconsumo

Contributo di Altroconsumo Contributo di Altroconsumo Audizione sulla filiera dell automotive in Italia a seguito della grande crisi del gruppo Volkswagen presso la X Commissione (Attività produttive, commercio e turismo) della

Dettagli

BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011

BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011 BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011 Assessorato al Bilancio Comune di Ostra (AN) 1 - Premessa Con queste diapositive si vuol tentare di illustrare come funziona il bilancio di un comune

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE

STATUTO ASSOCIAZIONE STATUTO ASSOCIAZIONE TITOLO 1: DISPOSIZIONI GENERALI Art 1 Denominazione e sede. Ai sensi della legge 7 dicembre 2000, n. 383, e delle norme del codice civile in tema di associazioni è costituita l Associazione

Dettagli

CARTA SERVIZI. YouLiguria, Itinerari e turismo di qualità in Liguria

CARTA SERVIZI. YouLiguria, Itinerari e turismo di qualità in Liguria [ALLEGATO A] CARTA SERVIZI YouLiguria, Itinerari e turismo di qualità in Liguria Art. 1 Principi generali 1.1 Il sito internet realizzato da Confartigianato Liguria, si propone come portale interattivo

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 12 Presentata dai Consiglieri Ritossa, Di Natale Presentata

Dettagli

Mi risulta che si stiano già predisponendo gli atti amministrativi ed anche questo è di buon auspicio.

Mi risulta che si stiano già predisponendo gli atti amministrativi ed anche questo è di buon auspicio. La FILINS, nel comunicare che nei giorni scorsi è stato presentato il ricorso contro la richiesta del DURC in Campania, riporta di seguito la nota del Comitato Politico Scolastico in cui si annuncia il

Dettagli

Regolamento Disciplina dell analisi di impatto della regolamentazione (AIR) e della verifica dell impatto della regolamentazione (VIR)

Regolamento Disciplina dell analisi di impatto della regolamentazione (AIR) e della verifica dell impatto della regolamentazione (VIR) Regolamento Disciplina dell analisi di impatto della regolamentazione (AIR) e della verifica dell impatto della regolamentazione (VIR) [vedi allegato Relazione AIR Adozione del Regolamento Disciplina dell

Dettagli

RISOLUZIONE N. 251/E

RISOLUZIONE N. 251/E RISOLUZIONE N. 251/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 settembre 2007 Oggetto: Interpello - Alfa S.p.a. - Disciplina applicabile, ai fini IRES e IRAP, agli indennizzi assicurativi spettanti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 124/E. Roma 07 novembre 2006

RISOLUZIONE N. 124/E. Roma 07 novembre 2006 , Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 124/E Roma 07 novembre 2006 Oggetto: Istanza di interpello Articolo 152 del Testo Unico delle Imposte sul Reddito, approvato con Decreto del

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 30

Dettagli

Verbale incontro XV^ Consulta Sport Sala riunioni ANCI PIEMONTE - Piazza Palazzo di Città n. 1 Torino 17 maggio 2010 ore 10.00

Verbale incontro XV^ Consulta Sport Sala riunioni ANCI PIEMONTE - Piazza Palazzo di Città n. 1 Torino 17 maggio 2010 ore 10.00 Verbale incontro XV^ Consulta Sport Sala riunioni ANCI PIEMONTE - Piazza Palazzo di Città n. 1 Torino 17 maggio 2010 ore 10.00 Si veda foglio firme PRESENTI ORDINE DEL GIORNO 1) Insediamento della Consulta

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI.

OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI. N. 21 in data 21 aprile 2009 OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI. Introduce l argomento il Sindaco, evidenziando che all O.D.G.

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO E STATUTO STATUTO

ATTO COSTITUTIVO E STATUTO STATUTO ATTO COSTITUTIVO E STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE E VOLONTARIATO GIOVANI, ANZIANI INSIEME AGLI STRANIERI GAIAS 15020 Camino AL Via Roma 37 In data 17 luglio 2009 presso i locali della

Dettagli

PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO: Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. tantissimi anni quali sono catastalmente i confini

PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO: Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. tantissimi anni quali sono catastalmente i confini Prego Assessore. Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. PRESIDENTE: Passo la parola all Assessore DI CIAMPINO - APPARTENENZA TRA IL COMUNE DI MARINO E IL COMUNE - PIANO DI VARIAZIONE AMBITO

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA

COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA ART. 12 L. 7.8.1990 N. 241 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CESSIONE DI FINANZIAMENTI E DI BENEFICI ECONOMICI A PERSONE, AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI Approvato

Dettagli

LE ANALISI E LE PROPOSTE DEL SIAP SUI PRESTITI AGEVOLATI, CON RELAZIONE ALLE POLITICHE ABITATIVE IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLA POLIZIA DI STATO

LE ANALISI E LE PROPOSTE DEL SIAP SUI PRESTITI AGEVOLATI, CON RELAZIONE ALLE POLITICHE ABITATIVE IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLA POLIZIA DI STATO LE ANALISI E LE PROPOSTE DEL SIAP SUI PRESTITI AGEVOLATI, CON RELAZIONE ALLE POLITICHE ABITATIVE IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLA POLIZIA DI STATO I PRESTITI AGEVOLATI SONO DELLE FORME DI FINANZIAMENTO (

Dettagli

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO RISOLUZIONE N. 105/E Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Art. 19 bis 1,

Dettagli

Piobbico Corrado Componente ASSENTE. Bocchi Giancarlo Componente ASSENTE

Piobbico Corrado Componente ASSENTE. Bocchi Giancarlo Componente ASSENTE COMMISSIONE DI BILANCIO E FINANZA DEL 14/04/2015 Il giorno 14 del mese di Aprile dell anno 2015 si è riunita presso la sala sede municipale Villa Morando, la Commissione di Bilancio e Finanza, convocata

Dettagli

Interventi urgenti a sostegno della crescita

Interventi urgenti a sostegno della crescita Interventi urgenti a sostegno della crescita Misure di accelerazione dell utilizzo delle risorse della politica di coesione (Fondo Sviluppo e Coesione, Piano Azione Coesione e Programmi dei Fondi Strutturali

Dettagli

Circolare n. 84 del 2 dicembre 2011 SOMMARIO. Condominio: Cassazione, non commette spoglio l'amministratore che "restringe" i posti auto

Circolare n. 84 del 2 dicembre 2011 SOMMARIO. Condominio: Cassazione, non commette spoglio l'amministratore che restringe i posti auto Redazione a cura di Agostino Lombardi Francesco Venunzio Tutte le Newsletter sono pubblicate sul sito www.anacilombardia.net Circolare n. 84 del 2 dicembre 2011 SOMMARIO News Giurisprudenziali Condominio:

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

A tutti i Presidenti dei Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati. A tutti i componenti del CIG. A tutti i componenti del CdA

A tutti i Presidenti dei Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati. A tutti i componenti del CIG. A tutti i componenti del CdA PROT.81790/U/31.07.2012 A tutti i Presidenti dei Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati A tutti i componenti del CIG A tutti i componenti del CdA Roma, martedì 31 luglio 2012

Dettagli

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato.

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. Decreto 13 maggio 1999, n. 219 Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. IL MINISTRO DEL TESORO DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA Visto il decreto legislativo 24 febbraio 1998,

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Alle Aziende ed Enti Associati Loro Sedi FEDERCULTURE SERVIZIO LEGISLATIVO CIRCOLARE 3/14 Oggetto: Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale,

Dettagli

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI REGOLAMENTO Regolamento Forum dei Giovani Pag. 1 di 8 ART.1 Istituzione Il Consiglio Comunale della Città di Pollena Trocchia riconosciuto: l importanza

Dettagli

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori 26.10.2009 DOCUMENTO DI LAVORO relativo alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali

Dettagli

STATUTO ODV MIGRANTES SIENA

STATUTO ODV MIGRANTES SIENA STATUTO ODV MIGRANTES SIENA 1 ART. 1* (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: MIGRANTES SIENA assume la forma giuridica di associazione. E apartitica e aconfessionale. L organizzazione

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility.

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility. Giancarlo CREMONESI (Presidente nazionale di Confservizi) Buonasera. Confservizi Industria rappresenta le tre federazioni di Servizi Pubblici Locali industriali, quindi la Federazione dei trasporti Astra,

Dettagli

Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA)

Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) Come è nato e a cosa serve Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) Il Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) è stato istituito dall art. 1 ter del Decreto Legge n. 249/ 2004 convertito dalla

Dettagli

Artigiano che lavora da solo (reddito annuo di 35.000 euro)

Artigiano che lavora da solo (reddito annuo di 35.000 euro) TASSE RECORD: PER LE MICRO-IMPRESE PRESSIONE FISCALE FINO AL 63% Per le aziende con meno di 10 addetti, nel le tasse sono aumentate: colpito il 95% del totale delle imprese ===============================================================

Dettagli

analizzati Confrontati

analizzati Confrontati Gli Amministratori della scuola di ANCI, UPI e Legautonomie dell Emilia Romagna, riunitisi il 31 ottobre 2012 per affrontare il tema del sistema delle scuole d infanzia analizzati i dati regionali che

Dettagli

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA DEBITI P.A. decreto del fare Di Emanuele Bellano PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA L impegno che il Ministero dell Economia in particolare sta attuando con grande determinazione

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

Statuto dell Ente Bilaterale Nazionale delle Società Concessionarie Autostrade e Trafori

Statuto dell Ente Bilaterale Nazionale delle Società Concessionarie Autostrade e Trafori Statuto dell Ente Bilaterale Nazionale delle Società Concessionarie Autostrade e Trafori Art. 1 Costituzione, sede e durata Conformemente a quanto previsto dall art. 48 del Contatto Collettivo Nazionale

Dettagli

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale Premessa L Amministrazione Comunale di Mariglianella, riconosciuta l importanza: - del coinvolgimento dei giovani, quale presenza attiva e propositiva, nell ambito delle iniziative di carattere sociale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli

Protocollo d Intesa. per la costituzione di un Fondo di garanzia di finanza sociale e per l attivazione di convenzioni e strumenti di finanza solidale

Protocollo d Intesa. per la costituzione di un Fondo di garanzia di finanza sociale e per l attivazione di convenzioni e strumenti di finanza solidale Protocollo d Intesa per la costituzione di un Fondo di garanzia di finanza sociale e per l attivazione di convenzioni e strumenti di finanza solidale Il Comune di Reggio Emilia il Consiglio Notarile di

Dettagli