Le strategie di sicurezza antincendio. ed allarme incendio. Come si applica la normativa sugli impianti di rivelazione. Piergiacomo Cancelliere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le strategie di sicurezza antincendio. ed allarme incendio. Come si applica la normativa sugli impianti di rivelazione. Piergiacomo Cancelliere"

Transcript

1 Come si applica la normativa sugli impianti di rivelazione ed allarme incendio Piergiacomo Cancelliere L abstract Gli impianti di rivelazione degli incendi nascono con l obiettivo principale di rivelare un incendio quanto prima possibile e di lanciare l allarme al fine di attivare le strategie tecniche - impianti automatici di spegnimento, di compartimentazione, di evacuazione dei fumi e del calore, etc. - e procedurali - piano e procedure di emergenza e di esodo - progettate e programmate in relazione all incendio rivelato ed all area ove tale principio di incendio si è sviluppato rispetto all intera attività sorvegliata. Il presente articolo ha lo scopo di illustrare un metodo per la corretta applicazione della normativa sugli impianti di rivelazione ed allarme incendio. 14 antincendio Le strategie di sicurezza antincendio per la protezione delle persone e dei beni sono una combinazione di misure di prevenzione e di protezione nei confronti del rischio incendio. Le misure di protezione si dividono, inoltre, in misure di protezione passiva ed in misure di protezione attiva. Queste ultime sono formate da quell insieme di sistemi, attrezzature, impianti e mezzi antincendio che, con la loro attivazione, che può essere automatica o manuale, consentono di limitare gli effetti di un incendio attraverso il controllo o l estinzione della combustione, la gestione o lo smaltimento dei prodotti della stessa ed, infine, la diffusione di segnali di allarme agli occupanti dell attività. Tutte le misure di protezione attiva necessitano, pertanto, di un elemento sensibile che sia in grado di rivelare la presenza di un principio di incendio in un ambiente, in modo da poter esercitare l azione di mitigazione in relazione al grado di protezione previsto in fase di progettazione della sicurezza antincendio. L elemento sensibile per le attrezzature ed i mezzi di protezione attiva di tipo manuale, come ad esempio l estintore o la stessa rete idranti, è rappresentato dall uomo, mentre nei sistemi ed impianti automatici l elemento sensibile, tranne che per gli impianti sprinkler, è svolto dall impianto di rivelazione ed allarme incendio. Per questo motivo i sistemi di rivelazione ed allarme incendio rappresentano l elemento imprescindibile da cui dipendono tutte le misure di protezione attiva di tipo automatico. Nelle attività soggette, la recente emanazione del D.M. 20/12/2012 [1], ha stabilito come e dove deve essere considerata la misura di rivelazione ed allarme incendio [2]. In linea con le previsioni del D.M. 20/12/2012, ogni volta che una regola tecnica verticale prevede la misura di rivelazione ed allarme incendio, sarà necessario proteggere l attività con il relativo impianto. Per le attività prive di regola tecnica, sarà cura del progettista antincendio stabilire, sulla base delle indicazioni del titolare dell attività ed a valle della valutazione del rischio, la necessità di installare un impianto di rivelazione ed allarme incendio. In questa ultima circostanza, in una eventuale fase di approvazione del progetto antincendio (attività di tipo B e C presenti nell alsettembre 2014

2 L Autore Piergiacomo Cancelliere - Ingegnere elettrotecnico, dottore di ricerca in conversione dell energia elettrica. Dopo le prime esperienze lavorative in industrie del settore elettrico e di automazione, entra nel 2001, nel gruppo di ricerca Convertitori, Macchine ed Azionamenti elettrici dell Università degli Studi di Cassino. Nel 2006 è nel C.N.VV.F. e viene assegnato alla Direzione Centrale per la Prevenzione e Sicurezza Tecnica, Area VI Protezione Attiva, dove si occupa di impianti e sistemi per la rivelazione incendi e impianti elettrici nelle attività soggette. Nel 2008 è assegnato al Comando di Frosinone, dove si interessa di attività industriali a Rischio di Incidente Rilevante. Nel 2010 torna all Area VI, dedicandosi ai sistemi ed impianti di rivelazione incendi e impianti elettrici nei luoghi a maggior rischio in caso di incendio ed esplosione. Svolge attività di formazione nel settore della prevenzione incendi. Partecipa alla stesura delle regole tecniche e degli atti di indirizzo di prevenzione incendi per le attività soggette alle visite ed ai controlli dei VV.F. È autore di più di 30 pubblicazioni su atti di convegni internazionali, riviste nazionali ed internazionali ed è membro del CT72 Rivelazione Incendi dell UNI e dei CT 82, CT 64C e CT 31 del CEI. legato I al D.P.R. 151/2011), il competente Comando Provinciale dei Vigili del fuoco, in fase istruttoria, potrà richiedere l installazione dell impianto di rivelazione ed allarme. Questa prescrizione, dovrebbe essere, di norma, giustificata da parte del funzionario istruttore del Comando che, in relazione alla valutazione del rischio effettuata dal professionista, sulla base di elementi di analisi del rischio incendio, quale la complessità della attività, la presenza di inneschi efficaci, la necessità di allertare un gran numero di persone, richiederà al progetto antincendio la necessaria presenza della misura di un impianto di rivelazione e segnalazione di allarme ed incendio. Pertanto, lo strumento della valutazione del rischio incendio sta alla base della scelta di installazione di una misura di protezione antincendio ed, in particolare, della previsione di un impianto di rivelazione ed allarme incendio a protezione di un attività. Lo strumento della valutazione del rischio incendio ( fire risk assesment ), costituito da un processo documentato organizzato, in grado di consentire al professionista antincendio che lo sviluppa, sulla base delle indicazioni del titolare dell attività, di identificare sia i pericoli di incendio sia gli occupanti che potrebbero coinvolti da un incendio, tenendo altresì conto della geometria e della complessità dei luoghi e dell edificio ove l attività a rischio di incendio viene svolta, permette di stabilire la previsione di una misura di protezione ed, in particolare, la necessità di installare un impianto di rivelazione ed allarme incendio. Di conseguenza, solo dopo il processo di fire risk assesment, il professionista antincendio avendo individuato come misura di mitigazione del rischio incendio l installazione a servizio dell attività di un impianto di rivelazione ed allarme incendio, si rivolge alla regola dell arte per la corretta progettazione, esecuzione e manutenzione dell impianto stesso. In Italia, cosi come indicato anche nel D.M. 20/12/2012, la norma tecnica di riferimento per la progettazione, esecuzione e manutenzione degli impianti di rivelazione ed allarme incendio è la UNI 9795:2013 Sistemi fissi automatici di rivelazione e di segnalazione allarme d incendio - Progettazione, installazione ed esercizio [3]. Nel prosieguo, dopo una sezione dedicata ad illustrare la struttura delle norma UNI 9795 e le modalità per la corretta interpretazione ed utilizzo nelle fasi di progettazione, realizzazione e manutenzione di un impianto di rivelazione incendi, verranno analizzate, nello specifico, le modalità per la corretta realizzazione delle funzioni di rivelazione e della funzione di diffusione degli allarme incendio. Struttura della norma UNI 9795 A livello Europeo, la norma per gli impianti di rivelazione ed allarme incendio (di seguito IRAI) non è ancora stata armonizzata: per questi impianti, contrariamente a quanto verificatosi per gli impianti sprinkler con la norma UNI EN [4], ciascuna nazione stabilisce le modalità e le caratteristiche che devono possedere i sistemi di rivelazione ed allarme incendio. rilevazione e allarme antincendio 15

3 Figura 1 - Funzioni di base di un IRAI In ogni modo, alla base di ciascuna norma di impianto non possono non essere considerate le disposizioni sui componenti e su alcune modalità di realizzazione espresse dalle norme armonizzate della serie EN 54. Anche la norma UNI 9795 nell ultima edizione dell ottobre del 2013, tiene conto, nella sua revisione, degli aggiornamenti normativi delle norme armonizzate europee ed, in particolare, della norma UNI EN 54-1 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d incendio - Parte 1: Introduzione [5]. La norma UNI EN 54-1, identifica e stabilisce tutte le funzione cui è chiamato a rispondere un impianto di rivelazione ed allarme incendi. La norma n. 1 della serie EN-54 fissa la configurazione base di un IRAI, stabilendo che sia sempre costituita dagli elementi che Figura 2 - Funzioni ed azioni di controllo effettuate da un IRAI assolvono alle 4 funzioni principali di un impianto di rivelazione ed allarme incendio, segnatamente: Funzioni A: rivelazione Automatica dell incendio Funzione B: Funzione di Controllo e segnalazione (La Centrale) Funzione D: Rivelazione Manuale dell incendio Funzione L: Funzione di Alimentazione di sicurezza. Le relazioni che devono intercorrere fra le funzioni di base sono riportate nella Figura 1. La norma UNI 9795 prevede che la rivelazione di un incendio possa essere affidata anche alla sola funzione D, ovvero alla rivelazione manuale dell incendio; per contro, se la configurazione dell impianto prevede la rivelazione automatica, dovranno essere sempre presenti anche pulsanti per la rivelazione manuale dell incendio. L impianto IRAI, rappresenta il cuore di un Sistema di Sicurezza Antincendio che, nella sua configurazione estesa, deve essere completato con gli elementi di attuazione delle funzioni di messa in sicurezza richieste, come il comando di eventuali serrande tagliafuoco, la chiusura di elementi di compartimentazione, l attivazione di sistemi per l evacuazione di fumi e di calore, l invio dell allarme incendio, l attivazione di impianti di spegnimento. La norma EN 54-1, raggruppa le funzioni di un IRAI in quattro livelli, il primo livello è rappresentato dalla configurazione 16 antincendio

4 di base (rivelazione e segnalazione), al livello immediatamente superiore, il livello 2, vengono individuate le azioni di controllo, al livello 3 sono raggruppate le funzioni Locali ed, infine, al livello 4 le funzioni Remote, così come rappresentato nella Figura 2. Il raggruppamento in quattro livelli delle funzioni ed azioni di controllo di un IRAI operato dalla norma EN 54-1, riflette il ruolo di primaria importanza svolta da un impianto di rivelazione ed allarme incendio, la centrale è chiamata a coordinare tutte le azioni di Controllo, e, fra queste la funzione C di diffusione degli allarmi, per passare a tutte quelle funzioni che consentono di verificare ed attivare sistemi di spegnimento automatici, attivare i sistemi di evacuazione di fumo e calore, comandare gli elementi di compartimentazione come le serrande tagliafuoco o i magneti di rilascio per le porte resistenti al fuoco, senza trascurare le funzioni di sorveglianza che la centrale di un IRAI è chiamata a svolgere attraverso le funzioni per il controllo della presenza di eventuali guasti e la trasmissione sia locale sia remota dei guasti stessi, per arrivare ad impianti complessi e distribuiti che necessitano delle funzioni di buiding managment al fine di riportare lo stato e la gestione di tutti gli impianti tecnologici e di servizio presenti in un edificio complesso alla verifica ed al controllo operato dalla centrale dell impianto IRAI. La Tabella 1, estratta dalla norma EN 54-1, riporta la descrizione delle funzioni e delle azioni di controllo di un impianto di rivelazione e segnalazione allarme incendio.

5 C E F G H J K M N O Funzione di allarme incendio Funzione di trasmissione dell allarme incendio Funzione di ricezione dell allarme incendio Funzione di comando del sistema o attrezzatura di protezione contro l incendio Sistema o impianto automatico di protezione contro l incendio Funzione di trasmissione dei segnali di guasto Funzione di ricezione dei segnali di guasto Funzione di controllo e segnalazione degli allarmi vocali Funzione di ingresso e uscita ausiliaria Funzione di gestione ausiliaria (building management) Scambio di informazioni tra funzioni Tabella 1 - Descrizione delle Funzioni ed azioni di controllo di un IRAI La configurazione e l articolazione delle funzioni che devono essere assegnate ad un IRAI per la sorveglianza e la protezione di una attività non sono prescritte nella norma UNI 9795, la quale si limita solo a stabilire le configurazioni minime con le 4 funzioni fondamentali. Il fire risk assessment effettuato sull attività, consentirà al progettista dell impianto di individuare la configurazione e la stratificazione di tutte le funzioni richiesta dall IRAI in relazione agli obiettivi ed alle prestazioni di sicurezza dell attività che si deve proteggere: le norme contengono le indicazioni tecniche per realizzare a regola d arte le funzioni che l impianto è chiamato a svolgere, ma non stabiliscono quali debbano essere le funzioni che devono essere implementate, questa informazione deve scaturire dall analisi del rischio incendio dell attività. Scelta ed implementazione della funzione di rivelazione automatica d incendio La funzione di rivelazione automatica si basa sulla capacità offerta da un sensore di percepire gli effetti di un incendio, quali, ad esempio, il fumo, il calore ed altri prodotti della combustione, in modo da rivelare il prima possibile la presenza di un incendio. Il sensore deve offrire, inoltre, una affidabilità nei confronti della caratteristica che rileva, in modo da non generare falsi allarmi rispondendo a fenomeni legati al normale funzionamento dell attività. Il campo delle tecnologie di rivelazione incendi è in continua evoluzione, sia per le modalità di realizzazione dei sensori che per l effetto cui rispondono per la rivelazione di un principio di incendio [6], si passa da sensori puntiformi multi criterio, sensibili sia alla temperature che al fumo o ai prodotti della combustione come la CO 2, a sensori distribuiti come le barriere lineari, i sistemi ad aspirazione ASD ed i cavi termosensibili. Sono presenti, inoltre, sensori specifici per le fiamme degli incendi, orientati maggiormente alla protezione di ambienti industriali, che basano il loro funzionamento su tecnologie tradizionali (Optical Fire Detector OFD) o su tecnologie innovative basate sull analisi video delle immagini (Video Image Detection VID) il cui stato di sviluppo è riportato, ad esempio, in [7], [8] e [9]. Si può affermare, pertanto, che non tutti i sensori rivelano i possibili principi di incendio ed alla stessa maniera. La EN 54-1, per la funzione di rivelazione automatica, riporta una descrizione delle tecnologie di rivelazione e delle relative norme di prodotto cui riferirsi per la scelta dei prodotti da utilizzare. L estratto delle informazioni contenute nella 18 antincendio

6 EN 54-1 per la funzione A di rivelazione automatica è riportata nella Tabella 2. Per una lista sempre aggiornata della revisione delle norme di prodotto della serie EN54 e dei nuovi progetti di norma si rimanda alla pagina del Comitato Tecnico CEN/TC 72 - Fire detection and fire alarm systems, disponibile sul sito del Comitato Europeo per la Standardizzazione, CEN (http://standards.cen.eu/). La norma UNI 9795, per la progettazione della funzione di rivelazione automatica dell incendio, al punto 5.3, afferma che: Nella scelta dei rivelatori devono essere presi in considerazione i seguenti elementi basilari: le condizioni ambientali (moti dell aria, umidità, temperatura, vibrazioni, presenza di sostanze corrosive, presenza di sostanze infiammabili che possono determinare rischi di esplosione, ecc.) la natura dell incendio nella sua fase iniziale, mettendola in relazione con le caratteristiche di funzionamento dei rivelatori, dichiarate dal fabbricante e attestate dalle prove la configurazione geometrica dell ambiente in cui i rivelatori operano, tenendo presente i limiti specificati nella presente norma le funzioni particolari richieste al sistema (per esempio: azionamento di una installazione di estinzione d incendio, esodo di persone, ecc.). Ancora una volta, la regola dell arte indica quali devono essere i criteri ed il processo da seguire per la corretta individuazione dei sensori di incendio a protezione dell attività, senza imporre o limitare le scelte progettuali. Gli elementi indicati sopra, possono trovare una descrizione compiuta solo attraverso rilevazione e allarme antincendio 19

7 Funzione Esempio di prodotti Norme che svolgono la Funzione di prodotto Rivelatori di Fumo puntiformi (smoke detectors) EN 54-7 Rivelatori lineari che utilizzano EN un raggio ottico luminoso Rivelatori di fumo ad aspirazione (Aspirating Smoking Devices ASD) EN Sensori di fumo per condotte (Duct Smoke Detector) EN Sensori puntiformi di temperatura EN 54-5 Sensori lineari di temperatura EN Sensori lineari di temperatura non resettabili EN A Rivelazione Automatica Rivelatori puntiformi di fiamma EN dell incendio (Automatic Fire Rivelatori di CO 2 EN Detection Function) Multi-Sensor Fire Detectors: Sensori puntiformi sensibili ai fumi ed al calore EN Sensori puntiformi sensibili al calore ed alla CO 2 EN Sensori puntiformi di calore sensibili al fumo, EN alla CO 2 ed al calore Dispositivi di ingresso per funzioni EN di rivelazione ausiliare tipo: Attivazione impianti sprinkler Dispositivi di ingresso per la connessione di dispositivi secondari di rivelazione ai circuiti principali di rivelazione Tabella 2 - Funzione A rivelazione automatica secondo la EN antincendio una conoscenza approfondita dell attività da proteggere e dalla imprescindibile presenza del documento di valutazione dei rischi di incendio dell attività: questi elementi condurranno ad una scelta corretta della funzione di rivelazione. Ad esempio, stabilito che un reparto dell edificio da proteggere debba essere sorvegliato da rivelatori puntiformi, se nella valutazione del rischio è presente l informazione che in quel reparto saranno prodotti fumi legati alle normali attività di processo, il progettista dovrà orientarsi verso la scelta di sensori puntiformi di calore, al fine di evitare segnalazioni intempestive di incendio. Stabilita la tecnologia e la tipologia della rivelazione, la norma UNI 9795 va ad indicare i criteri per la corretta predisposizione dei sensori, come i raggi di copertura per i rivelatori puntiformi di fumo o temperatura, che sono funzione dell altezza e della configurazione della copertura del locale da proteggere, i criteri per il dimensionamento dei sensori lineari ottici, le cosiddette barriere lineari rispondenti alla norma UNI EN 54-12, oppure i sistemi di rivelazione ad aspirazione, ASD, rispondenti invece alla norma UNI EN Altri criteri e modalità di installazione vengosettembre 2014

8 no forniti nella sezione della norma UNI 9795 per i Rivelatori lineari di calore di tipo non resettabile, ovvero i cavi lineari termosensibili ad azione unica, coperti ancora da un progetto di norma Europeo, la pren che risulta essere ad un livello avanzato di condivisione e maturazione, tanto che è possibile reperire sul mercato prodotti che rispondono ai requisiti richiesti dal progetto di norma stesso. La UNI 9795 contiene, inoltre, anche una sezione interamente dedicata alle modalità di scelta ed installazione dei rivelatori di fiamma, segnatamente il paragrafo 5.4.7, oltre alla sezione dove vengono trattati i criteri per i Rivelatori puntiformi che utilizzano fenomeni di rivelazione combinati. Scelta ed implementazione della funzione di diffusione degli allarmi incendio Un recente studio condotto dalla UL [10], riporta una sperimentazione effettuata su due stanze che, a parità di carico di incendio, sono state allestite una con mobilia ed elementi di arredo tradizionali (fibre di legno e fibre naturali quali la lana o il cotone per i mobili imbottiti), e l altra, sempre delle stesse dimensioni, allestita invece, utilizzando mobili ed arredi costituiti da materiali plastici non aventi alcuna caratteristica di reazione al fuoco. Dal confronto degli esperimenti condotti, si è osservato che il tempo al Flashover della stanza tradizionale risulta essere di circa 30 minuti contro i soli 4 minuti della stanza allestita con materiale plastico non classificato ai fini della reazione al fuoco (un ordine di grandezza di differenza). L analisi di questo dato conferma, ancora una volta, che la riduzione del tempo al Flashover dovuto all utilizzo sempre più diffuso di arredi e complementi d arredo di derivazione plastica, richieda all impianto di rivelazione incendi di accorgersi velocemente della presenza di un incendio e, soprattutto, di riuscire a diffondere in maniera efficace l allarme incendio in modo che tutti gli occupanti possano percepirlo ed attivarsi per l esodo in sicurezza. La norma n.1 della EN 54, come riportato nella Tabella 1, per la diffusione dei segnali di allarme incendio, offre la funzione C e la più recente funzione M Funzione di controllo e segnalazione degli allarmi vocali. La funzione C, ripresa e trattata dalla norma UNI 9795, deve essere realizzata tenendo conto, oltre che della geometria degli ambienti e dei luoghi ove diffondere il segnale di allarme incendio, anche della natura e della capacità di percezione degli occupanti. Per trasmettere gli allarmi, pertanto, si potrà ricorrere alle cosiddette sirene, coperte dalla norma Europea EN 54-3, oppure da diffusori ottici di allarme che invece devono rispondere alla più recente e molto severa norma EN Dispositivi visuali di allarme incendio. Non sono da escludere poi elementi innovativi di trasmissione dei segnali di allarme rivolti a persone con ridotte capacità sensoriali, uditive o visive, ricorrendo a dispositivi che, vibrando, possano allarmare gli occupanti dell attività. Tutte le misure di protezione attiva hanno bisogno di un elemento sensibile capace di rivelare la presenza di un principio di incendio in un ambiente, in modo da esercitare l azione di mitigazione in relazione al grado di protezione previsto in fase di progettazione 22 antincendio

9 Figura 3 - Visual Alarm Device (VAD) rispondente alla norma UNI EN Sino alla emanazione nell aprile del 2010 della norma EN relativa ai dispositivi visuali di allarme incendio, l unico riferimento normativo di prodotto era rappresentato dalla norma EN 54-3 Dispositivi sonori di allarme incendio. I produttori, pertanto, hanno sviluppato dispositivi, denominati targhe acusto-ottiche per allarme incendio dove le prestazioni certificate risultavano essere solo quelle relative alle prestazioni sonore della funzione di diffusione dell allarme, mentre le prestazioni ottiche venivano stabilite da ciascuno, sulla base del proprio expertice e know-how tecnologico. L entrata in vigore della norma EN per i Visual Allarm Devices (VAD), ha comportato un adeguamento in termini di prestazioni ottiche dei dispositivi visuali di allarme, in quanto lo standard va a stabilire il livello di intensità luminoso che il dispositivo è chiamato a diffondere introducendo il concetto di volume di copertura oltre che le caratteristiche della radiazione luminosa diffusa. La norma EN definisce, inoltre, tre categorie di VAD, la prima relativa a dispositivi montati a soffitto, la seconda per quelli montati a parete e la terza categoria destinata ai dispositivi montati all aperto. Questi dispositivi, essendo destinati a funzionare dopo la rivelazione dell incendio, richiedono ai materiali che li costituiscono prestazioni di resistenza all incendio medesimo. La norma EN prescrive, dunque che le Flammability of materials, debbano essere determinate attraverso le prove della norma IEC Fire hazard testing - Part 11-10: Test flames - 50 W horizontal and vertical flame test methods. Questa procedura di prova classifica le prestazioni di partecipazione all incendio di un materiale con un grado crescente indicato dalla lettera V, seguita da un numero che va da 1 a 3; per i VAD viene richiesta la Classe V-2 se il dispositivo è alimentato da una tensione minore o uguale a 30 V RMS o 42,4 V DC (corrente continua) con un assorbimento inferiore ai 15 W. Se le tensioni di alimentazioni o gli assorbimenti di potenza risultano superiori, il test di flammability diventa EN Fire hazard testing - Part 11-20: Test flames W flame test methods, e la classe richiesta per i materiali del VAD non devono essere inferiori a 5VB. La Figura 3 riporta un VAD rispondente alla norma UNI EN Per attività complesse, svolte all interno di aree molto ampie e distribuite in diversi edifici, come ad esempio policlinici, parchi di divertimento, centri commerciali, le funzioni di diffusione di allarme incendio possono essere svolte ricorrendo alla funzione M della EN 54-1 Funzione di controllo e segnalazione 24 antincendio

10 degli allarmi vocali. È stato dimostrato, infatti, che la progettazione e l attuazione delle procedure di esodo in edifici complessi mediante la diffusione vocale degli allarmi comporta una riduzione del tempo necessario per la consapevolezza della situazione di emergenza degli occupanti da 11 minuti (diffusione tradizionale acustica o visiva) a 30 secondi. La norma UNI 9795 per la progettazione, installazione, esercizio e manutenzione dei sistemi di allarme vocali, richiama la UNI ISO :2010 Sistemi di allarme Vocale per scopi di Emergenza. Lo scopo di questa norma di impianto è quello di definire i requisiti di prestazione per i sistemi elettroacustici al fine di consentire, in caso di emergenza, la diffusione di informazioni a tutela dell incolumità degli individui in una o più aree specifiche. Il sistema audio, pertanto, in situazioni di emergenza deve consentire la diffusione delle informazioni comprensibili sulle azioni che devono essere intraprese al fine di proteggere gli occupanti nell ambito di una o più aree specifiche. Il sistema di emergenza vocale deve essere sempre in grado di trasmettere simultaneamente segnali di attenzione e messaggi vocali ad una o più aree contemporaneamente; il primo messaggio dovrà essere preceduto da un segnale di attenzione di durata compresa tra i 4 e i 10 secondi mentre i segnali o messaggi successivi dovranno continuare fino a quando saranno modificati secondo le procedure di evacuazione, oppure silenziati manualmente. L intervallo tra i messaggi successivi non dovrà superare i 30 secondi. I messaggi trasmessi dovranno avere prestazioni specifiche in termini di Intelligibilità vocale e della comprensibilità del parlato, oltre che riferirsi alle specifiche aree di copertura. La norma di impianto prescrive, inoltre, che i prodotti impiegati per le funzioni richieste dall impianto vocale in emergenza siano rispondenti ai requisiti contenti nella norma Figura 4 - Altoparlante per sistemi di allarme vocale d emergenza rispondente alla norma UNI EN (gentile concessione dell azienda FBT Elettronica, ) EN per gli altoparlanti, ed alla norma EN Apparecchiatura di controllo e segnalazione per i sistemi di allarme vocale per le centrali. La norma di prodotto EN stabilisce che gli altoparlanti facenti parte di un sistema di allarme vocale, devono essere in grado di fornire un avvertimento intelligibile agli occupanti che si trovano all interno o nelle vicinanze di un edificio nel quale si è verificata un emergenza dovuta a un incendio e di consentire, nel contempo, a tali persone di prendere misure appropriate rispetto a un piano di evacuazione predeterminato. Nella norma, quindi, si richiede agli altoparlanti per allarme vocale di raggiungere una prestazione acustica minima, unitamente a requisiti di costruzione e ambientali, per essere idonei all utilizzo in sistemi di rivelazione e di segnalazione di incendio. Infine, gli altoparlanti conformi alla EN 54-24, vengono classificati secondo la categoria ambientale di applicazione: altoparlante di tipo A: Altoparlante previsto principalmente per applicazioni al chiuso altoparlante di tipo B: Altoparlante previsto principalmente per applicazioni all aperto. 26 antincendio

11 Figura 5: VACIE conforme alla norma UNI EN (gentile concessione dell azienda FBT Elettronica, rilevazione e allarme Anche per questo componente per il quale è richiesto un funzionamento ed una garanzia di prestazione anche dopo la rivelazione dell incendio da parte dell IRAI, devono essere previste le stesse prestazioni al fuoco dei materiali richieste anche per i VAD: Classe V-2 secondo la norma IEC EN , se il dispositivo è alimentato da una tensione minore o uguale a 30 V RMS o 42,4 V DC (corrente continua) con un assorbimento inferiore ai 15 W Classe 5VB secondo la IEC EN , per altoparlanti alimentati a tensioni superiori ai livelli indicati sopra o con assorbimenti maggiori ai 15 W. La Figura 4 riporta un esempio di altoparlante conforme alla norma UNI EN Idranti a muro Materiale pompieristico Idranti sopra e sottosuolo Impianti Sprinkler Raccorderia scanalata Materiali intumescenti Tranquilli, c è Ziggiotto. Ziggiotto & C. srl Viale del Lavoro Ronco all'adige (VR) ITALY tel fax web: antincendio 27

12 Le Apparecchiature di controllo e segnalazione per i sistemi di allarme vocale (voice alarm control and indicating equipment, VA- CIE) rispondenti ai requisiti della norma EN 54-16, devono svolgere funzioni di coordinamento, supervisione, controllo e convogliamento dei messaggi da trasmettere in caso di emergenza. Esse risultano essere dispositivi elettronici molto complessi, cui è spesso richiesto l assolvimento di funzioni ausiliarie alla stessa stregua delle centrali degli impianti IRAI, che, come noto, rispondono alla norma EN I VACIE possono infatti essere realizzati in configurazione autonoma separata, oppure essere integrati nella centrale IRAI; in ogni caso deve essere garantito il collegamento e lo scambio di informazioni fra la centrale dell impianto di rivelazione e la VACIE. La Figura 5 riporta una centrale VACIE rispondente alla norma UNI EN Negli ultimi anni, la letteratura di settore ha approfondito, non solo aspetti legati alla early detection, ma anche tutti gli elementi salienti per una efficace ed efficiente comunicazione e diffusione di un allarme incendio. Per questo motivo, i sistemi di comunicazione vocale in emergenza, sono pienamente considerati sistemi di protezione attiva e per essi è possibile progettare la tipologia più appropriata rispetto alla attività da proteggere e realizzare configurazioni con componenti certificati e qualificati per poter diffondere messaggi di evacuazione ed allarme in condizioni di emergenza. Le conclusioni Nell articolo sono stati illustrati gli strumenti necessari alla corretta applicazione ed interpretazione della norma UNI 9795 per la progettazione ed installazione degli impianti di rivelazione ed allarme incendio. È stato messo in evidenza come la norma di impianto prenda in considerazione le norme europee della serie EN 54, elaborate dal Comitato Tecnico 72 del CEN Fire detection and fire alarm systems, ed in particolare, sviluppi ed implementi la stratificazione in funzioni fondamentali ed accessorie cui è chiamato a rispondere un impianto di rivelazione ed allarme incendio. Infine sono state analizzate le modalità ed il processo progettuale necessario alla corretta predisposizione della funzione di rivelazione automatica d incendio e della funzione di diffusione degli allarmi, approfondendo, per quest ultima, anche gli impianti di diffusione sonora dei messaggi di allarme attraverso sistemi ad altoparlante da utilizzare al posto o in combinazione con i tradizionali diffusori sonori o visivi. Bibliografia Decreto Ministeriale 20 dicembre 2012 Regola tecnica di prevenzione incendi per gli impianti di protezione attiva contro l incendio installati nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale N. 3 del 4 Gennaio 2013, entrato in vigore il 04 aprile 2013 Gli impianti di protezione attiva: come incidono nel procedimento di prevenzione incendi, Piergiacomo Cancelliere, Rivista Antincendio - edizione Dicembre 2013 UNI 9795:2013 Sistemi fissi automatici di rivelazione e di segnalazione allarme d incendio - Progettazione, installazione ed esercizio UNI EN 12845:2009 Installazioni fisse antincendio - Sistemi automatici a sprinkler - Progettazione, installazione e manutenzione UNI EN 54-1:2011 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d incendio - Parte 1: Introduzione Review of Recent Developments in Fire Detection Technologies, Zhigang Liu & Andrew K. Kim, Journal of Fire Protection Engineering May 2003 vol. 13 no Video Image Detection and Optical Flame Detection for Industrial Applications, Daniel T. Gottuk, Joshua B. Dinaburg, Fire Technology, n. 49 pag , 2013 Video-based smoke detection with histogram sequence of LBP and LBPV pyramids, Feiniu Yuan, Fire Safety Journal, Volume 46, Issue 3, April 2011, Pages Fire detection in video sequences using a generic color model, Turgay Çelik, Hasan Demirel, Fire Safety Journal, Volume 44, Issue 2, February 2009, Pages Analysis of Changing Residential Fire Dynamics and Its Implications on Firefighter Operational Timeframes, by Stephen Kerber, 28 antincendio

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

DICHIARA LA CORRETTA POSA IN OPERA

DICHIARA LA CORRETTA POSA IN OPERA mod. DICH. POSA OPERA-2004 pag. 1 Rif. Pratica VV.F. n. DICHIARAZIONE DI CORRETTA POSA IN OPERA DEI MATERIALI CLASSIFICATI AI FINI DELLA REAZIONE AL FUOCO (COMPRESI I PRODOTTI VERNICIANTI IGNIFUGHI), DELLE

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

AUTORIZZAZIONE ED ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO DI CUI ALL ART. 16 DEL d.lgs. 139/2006

AUTORIZZAZIONE ED ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO DI CUI ALL ART. 16 DEL d.lgs. 139/2006 DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI AUTORIZZAZIONE ED ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI

Dettagli

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO Parma 16 novembre 2012 S.D.A.C. Arch. Fabrizio Finuoli L evoluzione della Prevenzione Incendi 2 Panorama normativo della Prevenzione incendi

Dettagli

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Sistemi di Rivelazione Incendio MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Proprietà del rivelatore adatte all'utilizzo in ambienti interni Regolazione

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE Ing. Enrico Perfler Eudax s.r.l. Milano, 23 Gennaio 2014 Indice 2 Il concetto di rischio nei dispositivi medici

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO Nel rispetto dei diritti di copyright che tutelano le norme tecniche UNI la presente versione della Linea Guida è stata redatta in forma

Dettagli

Corso di Progettazione di Impianti Elettrici. Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche

Corso di Progettazione di Impianti Elettrici. Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche Corso di Progettazione di Impianti Elettrici Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche Norme Tecniche e Norme di Legge La progettazione di un opera ha come scopo la definizione delle caratteristiche

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI LARGO SANTA BARBARA, 2-00178 ROMA TEI..

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE 1 CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DI ELEMENTI COSTRUTTIVI SECONDO NORME, LEGGI E DIRETTIVE IN VIGORE 2 1. CLASSIFICAZIONE DELLA RESISTENZA AL FUOCO 2. CERTIFICAZIONE

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Altoparlante da soffitto LC4 ad ampio angolo Massima compattezza, maggior impatto.

Altoparlante da soffitto LC4 ad ampio angolo Massima compattezza, maggior impatto. Altoparlante da soitto LC4 ad ampio angolo Massima compattezza, maggior impatto. 2 Altoparlante da soitto LC4 ad ampio angolo Compatto, dalla qualità e copertura senza uguali Ampio angolo di apertura per

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti??

Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti?? Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti?? Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti?? CEI 64-8 -CAP. 563. CIRCUITI DI ALIMENTAZIONE DEI SERVIZI DI SICUREZZA Parte 563.3: La protezione

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

PCS7 PROCESS CONTROL FOR SITE EMISSION CONTAINMENT

PCS7 PROCESS CONTROL FOR SITE EMISSION CONTAINMENT P.M.S. S.r.l. Via Migliara 46 n 6 04010 B.go S.Donato Sabaudia (LT) Tel. 0773.56281 Fax 0773.50490 Email info@pmstecnoelectric.it PROGETTO: PCS7 PROCESS CONTROL FOR SITE EMISSION CONTAINMENT Dalla richiesta

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Guida alla protezione passiva dal fuoco. Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain

Guida alla protezione passiva dal fuoco. Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain Guida alla protezione passiva dal fuoco Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain ED. FEBBRAIO 2012 Guida alla protezione passiva dal fuoco Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain Nell ambito edile, la protezione dal

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione...

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Parte I Introduzione Capitolo 1 IMPIANTI ELETTRICI, DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E NORME TECNICHE

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 dell 8.04.2013 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici Decreto Ministeriale del 18/05/1999 Norme armonizzate in materia di compatibilita' elettromagnetica. Doc. 499H18MG.900 di Origine Nazionale emanato/a da : Ministro per l'industria, il Commercio e l'artigianato

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv Riccardo Bucci ANIE - AICE Associazione Italiana Industrie Cavi e Conduttori Elettrici Elementi costituivi i cavi elettrici

Dettagli

Non brucia. Lana di roccia la naturale protezione antincendio. www.flumroc.ch

Non brucia. Lana di roccia la naturale protezione antincendio. www.flumroc.ch Non brucia. Lana di roccia la naturale protezione antincendio. www.flumroc.ch Ogni giorno si registrano più di 50 allarmi incendio Pagina 4 Ecco cosa blocca la propagazione di un incendio Pagina 7 Combustibile

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

HDQ 2K40. Manuale per la sicurezza

HDQ 2K40. Manuale per la sicurezza HDQ 2K40 Manuale per la sicurezza R5905304IT/02 02/03/2015 Barco nv Noordlaan 5, B-8520 Kuurne Phone: +32 56.36.82.11 Fax: +32 56.36.883.86 Supporto: www.barco.com/en/support Visitate il web: www.barco.com

Dettagli

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano AMICO CI SENTO Manuale di istruzioni - Italiano 1. Per iniziare 1.1 Batteria 1.1.1 Installare la batteria Rimuovere il coperchio della batteria. Allineare i contatti dorati della batteria con i relativi

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Legga attentamente questo manuale prima di utilizzare o installare il prodotto!

Legga attentamente questo manuale prima di utilizzare o installare il prodotto! MANUALE GENERALE Gentile cliente, benvenuto nella famiglia NewTec e grazie per la fiducia dimostrata con l acquisto di questi altoparlanti. Optando per un sistema audio di altissimo design ha dimostrato

Dettagli