Patologia dell apparato respiratorio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Patologia dell apparato respiratorio"

Transcript

1 Patologia dell apparato respiratorio

2 Piccolo ripasso di anatomia

3

4

5

6 Le riniti Rinite acuta infettiva: il tipico raffreddore Eziologia: Eziologia virale, raramente batterica Sintomatologia: Sintomatologia rinorrea, ostruzione nasale, starnuti, febbricola Terapia: Terapia sintomatica Il quadro si risolve in 5-7 giorni; se si prolunga, probabile complicanze: sinusiti, adenoiditi

7 La rinite allergica Infiammazione della mucosa nasale da reazione IgE mediata. mediata stagionale: pollini perenne: muffe, acari, forfore animali Clinica: Clinica starnuti, prurito, congestione nasale, respirazione orale, rinorrea acquosa, con scolo retronasale che causa tosse. Spesso si associa a congiuntivite

8 Diagnosi: Diagnosi accertamenti allergologici (PRIST, RAST, prick test, esame citologico del secreto nasale Terapia: Terapia - profilassi ambientale - antiistaminici sistemici -cortisonici topici - ITS quando la farmacoterapia non funziona

9 Sinusite Processo infiammatorio dei seni paranasali; paranasali rappresenta la complicanza del 5-10% di tutte le infezioni delle vie aeree superiori. Si distinguono: forme acute: acute durata da 10 a 29 gg forme subacute da 10 a 29 gg forme croniche: croniche oltre 120 gg

10 Eziologia: Eziologia forme perlopiù batteriche Clinica: Clinica rinorrea mucosa o purulenta, tosse diurna, febbricola, alitosi, cefalea Diagnosi: Diagnosi clinica, Rx seni paranasali, TAC RMN Terapia: Terapia - antibiotico - lavaggi nasali - cortisonici topici

11 Sinusite La sinusite è l'infiammazione della mucosa che riveste i seni paranasali. paranasali Prima dei sei anni di età sono presenti solo i seni mascellari, mascellari mentre dopo questa età si sviluppano anche i seni frontali. frontali La scarsa vascolarizzazione dei seni paranasali rende molto difficile l'eradicazione dei germi responsabili anche mediante una terapia antibiotica, tanto da rendere necessario, in alcuni casi, l'intervento chirurgico. Le forme acute si manifestano con febbre, febbre anche piuttosto elevata, mal di testa che si accentua con le improvvise variazioni di temperatura e tosse catarrale irritante dovuta a secrezione mucopurolenta che, in posizione sdraiata, scende dai seni paranasali al naso e alla trachea. Le forme croniche possono dare una tosse irritante prevalentemente notturna, mal di testa e possono essere causa di ripetute rinofaringiti e anche di forme asmatiche

12 Adenoidismo Le adenoidi sono degli organi linfatici situati in fondo alla cavità nasale. In particolare per i bambini sono uno dei principali filtri di difesa contro le infezioni delle prime vie aeree e delle orecchie. Quando il loro ingrandimento diventa eccessivo, può creare un ostacolo alla respirazione nasale, costringendo la persona a respirare a bocca aperta. Possibile conseguenza: irritare la gola e trachea e favorire le malattie da raffreddamento. Una idonea integrazione alimentare con Vitamina C, Bioflavonoidi e Vitamina A o Betacarotene, in associazione alle terapie omeopatiche e naturali del caso, può portare alla riduzione marcata dei sintomi che ne derivano e alla normalizzazione delle adenoidi stesse.

13 Facies adenoidea

14 Faringite E l'infiammazione della gola determinata, nella maggior parte dei casi, da virus e più raramente da batteri, ma anche legata a fattori irritativi esterni quali lo smog o il fumo di sigaretta. Può essere anche cronica, cronica oppure recidivare con estrema frequenza nel periodo autunno-inverno. Se si tratta di una faringite cronica o recidivante con frequenza, soprattutto nell'adulto, occorre ricercare le cause determinanti, oltre a quelle favorenti; spesso si tratta di allergie ad agenti inalanti (come la polvere) o di intolleranze alimentari. alimentari I sintomi principali sono mal di gola, gola soprattutto durante la deglutizione o il parlare, spesso voce rauca e febbre; febbre la gola è in genere arrossata e il suo colore può variare dal roso rubino al violaceo, anche con presenza di piccole punteggiature bianche o colata di muco-pus nel retrofaringe; i linfonodi del collo possono essere aumentati di volume e dolenti

15 Tonsillite La tonsillite è un'infezione virale o batterica delle tonsille palatine, cioè gli organi linfatici posti in fondo alla gola. I sintomi principali sono rappresentati da mal di gola con dolore alla deglutizione, febbre, malessere generale, disfonia; spesso sono associati sintomi catarrali quali rinite o tosse e può essere presente un aumento di volume, di colore rosso, spesso con presenza di punteggiatura biancastra. Può essere presente muco e catarro nel retrofaringe.

16

17 Laringite Processo infiammatorio che si distingue, a seconda della localizzazione in: laringiti sopraglottiche (epiglottite) laringiti ipoglottiche

18 Laringite La laringite è l'infiammazione della laringe, laringe dovuta il più delle volte a infezione virale, e più raramente a infezione batterica. Di solito compare in seguito a raffreddamento, raffreddamento talvolta come complicanza o estensione di una rinite o di un'influenza. Il processo infiammatorio può estendersi verso trachea e bronchi. bronchi Nei bambini piccoli l'infezione virale laringea può essere particolarmente intensa con tosse abbaiante e stridore laringeo. laringeo La laringite può essere anche provocata da intossicazioni ambientali (inquinamento). inquinamento La raucedine, raucedine che può arrivare sino all'afonia, è il sintomo principale della laringite nell'adulto: in genere è presente un modico dolore alla parte bassa sella gola e all'inizio del torace, in particolare se è presente tosse.

19 Diagnosi: Diagnosi clinica Terapia: Terapia - umidificazione ambientale - aerosol con cortisonici inalatori - aerosol con adrenalina - Aerosol + cortisonici sistemici Forme più gravi

20 La Tosse La tosse è un riflesso di difesa del nostro organismo in risposta a un'azione irritante sulla trachea o sui bronchi; inizia con una profonda inspirazione cui segue un'espirazione forzata, esplosiva, che ha lo scopo di espellere o smuovere l'agente irritante. La tosse non è quindi una malattia, malattia ma un sintomo. sintomo Può trattarsi di una forma Infettiva da virus o da batteri Allergica da acari, da pollini, spesso anche da alimenti Infiammatoria da agenti chimici o termici Secondaria legata al cattivo funzionamento del cuore, come a volte avviene nei soggetti anziani.

21 Tosse secca tipica delle situazioni irritative delle alte vie aeree e dei bronchi; si presenta con assenza di catarro, senza espettorazione, con un rumore appunto secco, accompagnata spesso da fastidio o solletico in gola, da dolore al petto o da mal di testa; generalmente si presenta con accessi di tosse ripetuti e/o ravvicinati, respirando aria fredda o di notte, coricati; spesso gli accessi esitano in vomito.

22 Mucosa respiratoria ad alto ingrandimento

23 Tosse umida accompagnata da rumori umidi, di gorgoglio a livello della trachea o dei bronchi, che indicano la presenza di un eccesso di catarro; può essere produttiva, cioè dar luogo all'espettorazione, ovvero all'eliminazione del catarro, oppure no.

24 Bergamotto Il Bergamotto è un albero della famiglia delle Rutacee, genere Citrus, alto da tre a quattro metri - Il frutto è di tipo globulare poco più piccolo di un arancia media, il suo peso varia da 90 a 200 grammi. Il suo habitat più idoneo ed esclusivo è costituito dalla sottile striscia costiera lunga un centinaio di chilometri e profonda circa tre, che va da Villa San Giovanni a Locri. L essenza di bergamotto si ricava dagli otricoli che si trovano nella buccia. Possiede odore delicato e persistente; si caratterizza rispetto alle altre essenze agrumarie per il suo effetto fissativo: la capacità cioè di fissare ed evidenziare i componenti chimici degli olii essenziali con cui viene a contatto. contatto

25 La moderna ricerca ha dato fondamento scientifico agli usi tradizionali dell essenza di bergamotto. Studi recenti condotti presso importanti istituti e università italiane hanno dimostrato che l essenza di bergamotto (ricca di almeno 345 componenti chimici) possiede numerose ed importanti proprietà terapeutiche. Tra le più importanti per il mondo salutistico sottolineiamo le capacità antisettica ed antibatterica, che conferiscono a tale prodotto potenzialità d uso che richiamano gli antibiotici: grazie a queste proprietà, l essenza di bergamotto è utilizzata per il riequilibrio di parti dell organismo facilmente sottoposte a rischio di infezione da parte di parassiti, funghi, virus e batteri, quali ad esempio la cavità orale e le zone del viso affette da foruncolosi. L olio essenziale di bergamotto è di notevole importanza in farmacologia per la sua efficacia antivirale. Questo ne accresce le indicazioni nel campo della prevenzione e della cura di svariati disturbi infettivi. Recenti ricerche ne hanno, infatti, evidenziato sia la capacità antivirale che quella antifungina mettendone in risalto l attività contro 51 ceppi del genere Candida.

26 Il Bergamotto

27 INDICAZIONI PRINCIPALI Malattie ricorrenti dell apparato respiratorio Patologie infettive a decorso torpido Cistiti acute e croniche Sindromi da disadattamento Dermatiti a tendenza settica Astenia fisica Neurastenia ASSOCIAZIONI SINERGICHE Echinacea patologie infettive ricorrenti o croniche Propoli Ribes Nigrum Partenio Tanacetum Astragalo rinforzo delle difese immunitarie Antinfiammatorio a largo spettro blando analgesico sensibilità ai virus respiratori

28 ECHINACEA PROPRIETA ATTUALI Potenzia le difese immunitarie antimicrobiche tramite un azione provata di stimolo sulla produzione di granulociti neutrofili (sottopopolazione di globuli bianchi immunocompetenti) IN CORSO DI EVIDENZIAZIONE Possibilità di impiego incorso di malattie infettive a lungo decorso (artriti settiche, reumatismo articolare, uretriti). Sono interessanti gli studi circa la possibilità di impiegare l Echinacea come antineoplasatico, specie nelle forme leucemiche. INDICAZIONI PRINCIPALI Stimolo delle difese immunitarie antibatteriche Coadiuvante nella cura di patologie infettive subacute, croniche o recidivanti Nella profilassi delle patologie batteriche delle alte vie respiratorie dell infanzia Localmente, nel trattamento di lesioni dermiche impetiginizzate o trofiche Acne pustolosa Ferite superficiali (tagli, ustioni, abrasioni)

29 Echinacea Angustifolia

30 PROPOLI COMPONENTI ATTIVI Principi attivi, di varia natura, sono distribuiti in modo molto eterogeneo in tutte le frazioni e rappresentano il 10-20% sul totale. Una composizione così varia ci lascia immaginare che sono presenti molte sostanze, quali vitamine A, B, C, E, oligoelementi. oligoelementi La parte più studiata è sicuramente quella dei flavonoidi (flavonoidi, flavonoidi fenolacidi e loro esteri, alcoli e aldeidi con nucleo aromatico). Nella propoli ne sono stati trovati e studiati oltre una decina. PROPRIETA Sperimentazioni effettuate un po' in tutto il mondo hanno dimostrato in vivo ed in vitro le proprietà batteriostatiche della propoli. L'attività è stata provata sull'inibizione di crescita di ceppi batterici Gram-positivi come: Escherichia Coli, Mycobacterium tubercolosis, Proteus vulgaris, Bacillus alvei, B.larvaae, B.mesentericus, B.subtilis, nonché su ceppi Gram-negativi come le Salmonelle: choloerae, suis, enteriditis, typhii, ed ancora sullo Streptococcus faecalis.

31 Le proprietà antivirali della propoli sono da attribuirsi ai suoi componenti idrosolubili, che dimostrano un'attività antivirale di inibizione su herpes simplex, corona virus, influenza A e B, para-influenza 1, 2 e 3, adeno virus, ed altri virus respiratori. INDICAZIONI PRINCIPALI Patologie ORL ricorrenti Sinusiti Dermatomicosi Candidosi genitali Bronchiti acute, subacute e croniche Sindromi influenzali da raffreddamento Impetigine Deficit del sistema immunitario ASSOCIAZIONI SINERGICHE Echinacea Ribes nigrum Angelica Noce nera Manganese Rame patologie batteriche ricorrenti, Gram + e Gram deficit immunitari patologie flogistiche delle vie respiratorie dermatosi impetiginizzate e da funghi; candidosi flogosi ricorrenti; diatesi iporeattiva

32 PROPRIETA ASTRAGALO Studi eseguiti sia in vitro che in vivo hanno confermato l'efficacia dell'astragalo nella stimolazione del sistema immunitario. I polisaccaridi isolati dalla pianta sono in grado di aumentare l'indice di crescita in colture miste di linfociti e la granulopessia dei macrofagi o dei polimorfonucleati. Sono state evidenziate l'attivazione del sistema reticoloendoteliale, l'induzione di alfa- e gamma-interferone, l aumento dell'attività dei Thelper e della chemiotassi dei macrofagi, oltre ad altre azioni nell ambito della inibizione della moltiplicazione virale. In conclusione: i polisaccaridi dell'astragalo mostrano una notevole attività immunostimolante nei confronti sia del sistema umorale che di quello cellulo-mediato.

33

34

35 La Profilassi Siamo nel vero terreno di predilezione per le terapie naturali; è qui dove la differenza con i presidi tradizionali fa valere le proprietà riequilibratrici delle nostre essenze. È però necessario decidere cosa rinforzare, dovendo operare delle scelte di fondo. In pratica si deve differenziare tra 3 opzioni:

36 a. l Individuo Necessario in soggetti longilinei astenici, vagotonici, detti anche linfatici. Si usano: Lithotamnium: si caratterizza per la forte presenza di sostanze minerali altamente biodisponibili per il metabolismo del connettivo. Abies Pectinata favorisce il metabolismo dei Sali minerali costituenti la matrice ossea e dell ertitropoiesi Spirulina contiene elementi essenziali come la vitamina A, C ed E e i minerali. La sua ricchezza in proteine permette di sostenere lo sforzo fisico, mentre le vitamine e gli acidi grassi apportano tono e vitalità.

37 b. il Sistema Immunitario Soggetti picnici, brevilinei in sovrappeso, con ricorrenti patologie febbrili catarrali da sbalzi modesti di clima eo temperature Morinda C. azione di stimolo del sistema immunitario (frutto) Echinacea A. incrementa la sintesi di neutrofili Astragalo M. attivazione del sistema reticoloendoteliale, l'induzione di alfa- e gamma-interferone, inibizione della moltiplicazione virale.

38 c. le Mucose respiratorie Carpinus B. tropismo per le mucose sinusali, ove migliora la clearance mucociliare Viburnum L. in grado di ridurre gli spasmi bronchiali con un azione simil-b2-stimolante che permette il rilascio della muscolatura liscia circolare della parete bronchiolare Alnus Glutinosa migliora il microcircolo a livello delle mucose, potenziandone le naturali risorse in corso di flogosi acute e ricorrenti

39 Malattie dei bronchi Bronchite acuta Infiammazione acuta dell albero bronchiale a diversa eziologia, estensione e gravità. Quasi sempre si associa a tracheite Eziologia: Eziologia infettiva (batteri, virus), chimica (gas tossici, fumi e vapori) Sintomatologia: Sintomatologia tosse inizialmente secca e stizzosa, successivamente produttiva. Febbre, malessere generale

40 Diagnosi: essenzialmente clinica; quando il decorso è prolungato esami sierologici per ricerca di microorganismi particolari Terapia: - terapia sintomatica: mucolitici, antitosse, eventuali broncodilatatori - terapia antibiotica, se la sintomatologia non si risolve in 6-8gg.

41 Bronchite cronica processo infiammatorio cronico con tosse e catarro mucoso/mucopurulento per la maggior parte dei giorni di un periodo di almeno tre mesi e per almeno due anni consecutivi. Eziologia: Eziologia batteri virus, polveri gas, fumo di sigaretta, smog. Sintomatologia: Sintomatologia tosse con catarro filante, febbre nelle forme che si riacutizzano (soprattutto nei mesi invernali), dispnea

42 Terapia: Terapia - corretto stile di vita (alimentazione equilibrata, eliminare fumo di sigarette etc.) - mucolitici, corticosteroidi e broncodilatatori inalatori - antibiotici nelle forme riacutizzate L infiammazione cronica dell albero bronchiale può complicarsi con quadri più o meno estesi di enfisema polmonare

43 Malattie dei polmoni Polmoniti infettive Infezioni della porzione alveolare dei polmoni e degli spazi aerei circostanti (i bronchi sono quasi sempre interessati: broncopolmonite) Eziologia: Eziologia virus e batteri Clinica: Clinica le forme virali danno in genere una sintomatologia meno grave con febbre, tosse secca o produttiva,; nelle forme batteriche febbre elevata, tosse, dispnea, tachipnea, dolore addominale, anoressia

44 Diagnosi: Diagnosi - Clinica - Rx torace - Esami ematologici - Esami microbiologici Terapia: Terapia - Antibiotici - Aerosolterapia (di supporto)

45 Nei casi più severi il quadro si può complicare e il processo infiammatorio si può estendere alla pleura: pleurite Clinica: dolore toracico, dispnea, stato generale compromesso Diagnosi: Diagnosi rx torace Terapia: Terapia - cura della malattia di base - eventuale toracocentesi

46 Asma bronchiale Malattia infiammatoria cronica delle vie aeree respiratorie caratterizzata da ipereattività bronchiale. Eziopatogenesi: Eziopatogenesi l asma può essere allergico non allergico

47 Nell asma allergico gli allergeni più frequentemente in causa sono gli inalanti (pollini, muffe, acari, forfore di animali), più di rado gli alimenti Nell asma non allergico tra i fattori più importanti ricordiamo le infezioni, il reflusso GE, lo sforzo fisico, polveri e fumi (es. particolari attività lavorative)

48 Clinica: Clinica tosse, respiro sibilante, dispnea, rientramenti al giugulo ed intercostali di vario grado a seconda della gravità; vi sono forme lievi, moderate e gravi Diagnosi: Diagnosi - test di funzionalità respiratoria (spirometria, test da sforzo, test di broncoprovocazione etc.) - indagini allergologiche

49 Terapia: Terapia -profilassi ambientale: evitare contatto con gli allergeni e altre sostanze irritanti (es. fumo di sigaretta). La terapia farmacologica si basa essenzialmente sull uso farmaci per via inalatoria somministrati attraverso nebulizzatori, spray predosati o erogatori di polveri secche: - broncodilatatori - cortisonici topici - eventuali cortisonici per via sistemica e teofillinici, nei casi più gravi

50 Viburnum Lantana Il Viburnum lantana è il più importante rimedio dell asma allergica: si colloca tra l azione del Ribes nigrum (allergia acuta) e quella del Rosmarinus officinalis (allergia cronica scompensata). Questa essenza è in grado di ridurre gli spasmi bronchiali con un azione simil-b2-stimolante che permette il rilascio della muscolatura liscia circolare della parete bronchiolare; è così in grado di promuovere la normale funzione respiratoria. è spesso usato in medicina naturale per sostituire o affiancare l'uso dei dilatatori bronchiali come il salbutamolo (Ventolin) o prodotti analoghi.

51 Thymus vulgaris E' un piccolo arbusto, alto cm, legnoso nella parte inferiore, il fusto è abbondantemente ramificato con piccole foglie. E' comunemente coltivato negli orti, cresce qua e là in luoghi soleggiati e aridi d'italia dal mare alle regioni montane. E' consuetudine pensare al timo come condimento alimentare per le sue caratteristiche aromatiche e antisettiche che nei cibi ne prolunga la loro conservazione. Non è da sottovalutare però la sua proprietà medicinale che ne fa uno dei migliori antisettici naturali utile per disinfettare apparato respiratorio e intestino. Combatte le fermentazioni e infezioni intestinali e per la sua proprietà balsamica è fluidificante catarrale, benefico per pertosse e asma

52 Enfisema polmonare Abnorme o permanente aumento di volume degli spazi aerei con distruzione dei setti alveolari (azione di enzimi proteolitici endogeni). Eziopatogenesi: Eziopatogenesi fattori di ordine genetico (predisposizione), fattori ambientali (fumo di sigaretta e altri inquinanti), esiti di bronchiti croniche

53 Corilus Avellana ATTIVITA del Nocciolo antinfiammatorio, vasoprotettore, astringente, antiemorragico, rinfrescante, depurativo, utile nelle varici, edemi, disturbi circolatori, infiammazioni intestinali, enfisema, bronchite, epatopatie Si tratta di un antisclerotico che favorisce il mantemnimento del tono elastinico nelle membrane basali specie a livello delle basse vie respiratorie, contrastando la fibrosi che porta alla rottura della parete alveolare

54 Pneumotorace Penetrazione di aria nel cavo pleurico Eziologia: Eziologia creazione di una bolla di enfisema, apertura di un processo infettivo, oppure creazione di una comunicazione fra atmosfera e cavità pleurica (ferita penetrante). trattamento: da Pronto Soccorso immediato

55 Fitoterapia e drenaggi Si faranno delle toccature locali o degli sciacqui con Plantago major TM, indicatissima per le mucose boccali sofferenti. Può usarsi anche Propoli al 20% sempre per toccature locali. Foglie di Salvia e di Menta, oppure dei petali freschi di Rosa, tenuti in bocca direttamente sulle lesioni per un po' di tempo, riducono nettamente l'infiammazione locale. Si possono attuare anche dei gargarismi con decotto di Ortica (una manciata per mezzo litro di acqua, per 20 minuti di bollitura), che saranno utili anche in caso di mughetto.

56 A queste essenze dobbiamo poi abbinare tre grandi rimedi per uso topico, che si fanno apprezzare in situazioni specifiche: Phytolacca decandra, la cui T.M., diluita al 15-20% in soluzione fisiologica, è indicata come analgesico del cavo orale nelle stomatiti da chemioterapia o radioterapia; in questa direzione, naturali complementi sono ancora il Bergamotto, per la nota azione antimicotica (il famoso Mughetto da Candida Albicans), e che utilizzandosene l olio essenziale - viene addizionato con altri componenti vegetali e naturali che garantiscono freschezza e aiutano le naturali difese della cavità orale; per terminare la triade abbiamo la Calendula Officinalis, sempre T.M. al %, per l effetto cicatrizzante sulle mucose oltre che antibatterico ed antivirale che le vengono riconosciute.

57 Fitoterapia e drenaggi: le vie aeree Ribes nigrum in associazione con i due prodotti seguenti. Ha intensa azione antinfiammatoria. Rosa canina svolge più specificamente la sua azione antinfiammatoria sul distretto gola-bocca-naso. Carpinus betulus La sua è un'azione che favorisce la riparazione dei tessuti infiammati ed escoriati. Bergamotto azione di superficie, favorisce l equilibrio della flora batterica delle mucose respiratorie Echinacea ang. favorisce i processi immunocompetenti antibatterici, stimolando la produzione di neutrofili

58 Convalescenza Spirulina La caratteristica principale della sua composizione chimica è la ricchezza di proteine ed il tenore in aminoacidi, ma non meno importante è la presenza di carotenoidi e di acidi grassi essenziali (acido gammalinoleico). La spirulina contiene elementi essenziali come la vitamina A, C ed E e i minerali. La sua ricchezza in proteine permette di sostenere lo sforzo fisico, mentre le vitamine e gli acidi grassi apportano tono e vitalità. Ha azione antivirale, riduce le sostanze tossiche renali, ha effetti positivi anche sul SISTEMA IMMUNITARIO, protegge dalle infezioni virali e dall HERPES Simplex (frequente complicanza della febbre). Carpinus Rimedio delle mucose ORL, antitussigeno ed antispasmodico; favorisce la clearance mucociliare Betula verrucosa Valido antiflogistico, grazie all attivazione del sistema reticolenbdoloteliale

59 Morinda citrifolia (Noni ) è una pianta tropicale dalla quale si sviluppano frutti di consistenza granulosa, con sapore e odore poco gradevoli a maturazione. La pianta di Noni veniva e viene utilizzata dalle popolazioni tropicali sia come alimento sia come ricostituente, grazie alle sue qualità, genuinità e benefici. Incuriositi dai miracoli secolari compiuti dal Noni, i ricercatori hanno cominciato a fare studi sul Noni sperando di svelare i segreti ed i notevolissimi benefici che ha sul corpo umano. Da queste ricerche è emerso che il Noni contiene vitamine, minerali, enzimi, oligoelemeti e steroli; contiene inoltre l'intero spettro di aminoacidi, che fanno di essa una perfetta fonte di precursori proteici.

60 Anche la scienza occidentale moderna ha confermato la validità terapeutica del Noni, in particolare la sua azione di stimolo del sistema immunitario (frutto), e delle funzioni digestive (foglia). Oltre a ciò è stata dimostrata la sua attività analgesica, la stessa che era già conosciuta tra le popolazioni caraibiche che infatti chiamano il Noni "Albero Antidolorifico".

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario QUADERNI SULLE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE N. 2 Il sistema immunitario ASSOCIAZIONE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE ONLUS Quaderni pubblicati da AIP ONLUS N.1 La sindrome di Wiskott Aldrich (WAS) N.2 Il sistema

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC SOC REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) TOTALE PERC Esami diagnostici Pressione arteriosa ridotta 1 0.2% Patologie cardiache Cianosi 2 0.4% Bradicardia 1 0.2% Tachicardia 9 1.9% Extrasistoli

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

L asma bronchiale nel bambino raccomandazioni per la pratica clinica

L asma bronchiale nel bambino raccomandazioni per la pratica clinica L asma bronchiale nel bambino raccomandazioni per la pratica clinica Un modello per introdurre cambiamenti nel percorso diagnostico-assistenziale della malattia cronica Modena, Giugno 2004 Raccomandazioni

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

TERME DI BOARIO LA SALUTE VIEN DALL ACQUA. manuale di cure mediche alle Terme

TERME DI BOARIO LA SALUTE VIEN DALL ACQUA. manuale di cure mediche alle Terme TERME DI BOARIO LA SALUTE VIEN DALL ACQUA manuale di cure mediche alle Terme TERME DI BOARIO PREMIO QUALITÀ ACQUA TERMALE Il CERAM, Centro Europeo di Ricerca Acque Minerali, a seguito di un accurato studio

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

SNLG. Regioni LINEA GUIDA. Linee guida sull asma bronchiale. Consiglio Sanitario Regionale

SNLG. Regioni LINEA GUIDA. Linee guida sull asma bronchiale. Consiglio Sanitario Regionale SNLG Regioni 10 Linee guida sull asma bronchiale LINEA GUIDA Consiglio Sanitario Regionale Data di pubblicazione: agosto 2010 Data di aggiornamento: agosto 2014 Estensori delle linee guida sull asma bronchiale

Dettagli

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo.

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Ospedale Oncologico Armando Businco Cagliari. Le informazioni

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Ogni giorno dopo i pasti

Ogni giorno dopo i pasti Ogni giorno dopo i pasti Se si facesse un sondaggio su che cosa la gente porti, abitualmente, nella borsa, uno degli oggetti più quotati sarebbe: medicinali. Non dico gli anziani, ma sapete quanti adolescenti

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE Antisepsi - Asepsi ANTISEPSI: : mira a rallentare lo sviluppo dei germi (freddo) ASEPSI: consiste nell applicazione di una serie di norme atte a impedire che su un determinato

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

IL PARERE DELL ESPERTO

IL PARERE DELL ESPERTO IL PARERE DELL ESPERTO Nei giorni più caldi e afosi dell estate, molte condizioni di disagio o malessere fisico possono essere ridotte o prevenute mediante una corretta conoscenza dei rischi e sapendo

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli