SULLA TRASGRESSIONE DEI DOVERI MATRIMONIALI E LA INTOLLERABILITA DELLA CONVIVENZA. SEPARAZIONE GIUDIZIALE DEI CONIUGI SENZA ADDEBITO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SULLA TRASGRESSIONE DEI DOVERI MATRIMONIALI E LA INTOLLERABILITA DELLA CONVIVENZA. SEPARAZIONE GIUDIZIALE DEI CONIUGI SENZA ADDEBITO"

Transcript

1 SULLA TRASGRESSIONE DEI DOVERI MATRIMONIALI E LA INTOLLERABILITA DELLA CONVIVENZA. SEPARAZIONE GIUDIZIALE DEI CONIUGI SENZA ADDEBITO TRIBUNALE DI MILANO - Sez. IX 14 novembre Pres. Dell Arciprete - Est. Ortolan - P.M. (concl. parz. diff.) - P. D. (Avv. Dileo) c. L. R. M. Coniugi - Deterioramento rapporti personali - Intollerabilità della convivenza - Marito - Allontanamento dalla casa residenziale - Relazione extraconiugale - Separazione giudiziale - Addebito della separazione - Non sussiste (C.c., artt. 151, 155) L alta conflittualità tra i coniugi, le reciproche doglianze sul comportamento e la intollerabile convivenza, poste in essere l uno verso l altro, giustificano la pronunzia di separazione coniugale. Le contrapposte domande di addebito della separazione richiedono, invece, la valutazione dei comportamenti, secondo i princìpi della costante giurisprudenza, e non solo l accertamento della violazione dei doveri nascenti dal matrimonio, ma l esame comparativo delle condotte, come, pure, l efficienza delle stesse rispetto alla rottura del vincolo. Al fine dell addebito non vale rilevare trattarsi di coppia molto conflittuale sin dagli inizi del matrimonio, l estraneazione progressiva del marito dalla vita familiare con l allontanamento dall abitazione, né l avere egli intessuto un rapporto extraconiugale in conseguenza della rottura del legame con la moglie. Il carattere aggressivo e dominante di questa, poi, contraddistintasi per gelosia morbosa, trascuratezza verso i figli e la casa, pure, non depongono a favore della pronunzia di addebito della separazione. [In senso conforme: Cass. 27 giugno 2013 n Cass. 17 dicembre 2010 n Cass. 27 giugno 2006 n Trib. Benevento 30 aprile 2009] (Omissis) Rilevato in diritto che: la domanda di separazione personale è fondata e va accolta. Nel caso di specie, dal contenuto degli atti difensivi, dall alta conflittualità tra i coniugi e dalle reciproche doglianze sul comportamento tenuto dall altro coniuge, dalla separazione di fatto intervenuta tempo prima del deposito del ricorso per separazione giudiziale, è da ritenersi accertato senza ombra di dubbio che la convivenza tra i coniugi è divenuta ormai intollerabile. Ricorrono pertanto gli estremi per pronunciare la separazione dei coniugi, a norma dell art. 151, 1 comma, c.c. Quanto alle contrapposte domande di addebito, le stesse vanno valutate secondo i princìpi della costante giurisprudenza, che richiede, per fondare la

2 - 2 - domanda di addebito, non soltanto l accertamento della sussistenza di una violazione dei doveri del matrimonio, ma l esame comparativo delle condotte el efficienza causale delle stesse rispetto alla rottura del vincolo; così la fondamentale Cass. 2740/2008, la cui massima non è stata superata (Omissis) e preceduta da Cass /2005 e 14840/2006: Sulla parte, la quale richiede l addebito della separazione all altro coniuge, grava l onere di provare sia la contrarietà del comportamento di questi ai doveri che derivano dal matrimonio e sia l efficacia causale di questi comportamenti nel rendere intollerabile la prosecuzione della convivenza. Nel caso di specie, l esame comparato delle condotte dei coniugi porta all esclusione dell addebito della separazione in capo ad entrambi. La valutazione del materiale probatorio in atti è costituita principalmente dalle allegazioni delle parti, supportate da 3 certificati medici, due successivi al deposito del ricorso per separazione (datati agosto 2011) e coevi alle discussioni tra i coniugi circa le sorti dell impresa familiare di panetteria esercitata insieme; uno rilasciato a nome della moglie appena antecedente e (il) deposito del ricorso e comunque riportante lesioni refertate alcuni giorni dopo l episodio allegato; infatti, nessun altro elemento poteva ricavarsi dalle prove dedotte, escluse dal giudice istruttore con giudizio condivisibile, in quanto non efficaci ai fini della dimostrazione degli assunti nel merito e comunque non riproposte in sede di precisazione delle conclusioni. Nessuna valutazione complessiva di quanto raccolto in atti è stata effettuata dalle parti in quanto non sono stati depositati gli atti conclusivi. Dalle allegazioni iniziali emerge una coppia molto conflittuale sin dagli inizi del matrimonio. La ricorrente sostiene a (la) causa del carattere del marito, freddo e ostile anche con i parenti della moglie e ha segnalato in particolare la sua progressiva estraneazione dalla vita familiare sin dal gennaio del 2010 quando ha cominciato a rientrare dal lavoro sempre più tardi, a dormire spesso fuori casa e ad appartarsi per delle telefonate private, sino alla scoperta da parte sua dell esistenza di una relazione extraconiugale che avrebbe determinato l allontanamento nell agosto del Il resistente sostiene invece che il vero carattere dominante all interno della famiglia era sempre stato quello della moglie la quale aveva indotto il trasferi-

3 - 3 - mento del marito al Nord per ragioni lavorative dove, con il suo lavoro di panettiere, aveva sempre rappresentato l unica fonte di reddito della famiglia. Ancora la moglie si era sempre contraddistinta per una gelosia morbosa nei confronti del marito, per un eccessiva petulanza e aggressività e per reiterati comportamenti di trascuratezza nei confronti della casa e dei figli e per non averlo sostenuto nel proprio lavoro. Non ha negato la sussistenza di una relazione extraconiugale, ma ha sostenuto essere intervenuta quale conseguenza della rottura del rapporto che lo legava alla moglie avvenuta ben prima dell instaurazione di detto legame che, anzi, avrebbe colmato un vuoto d affetti. La moglie, invero, non ha contestato le affermazioni relative ai tratti caratteriali e, nelle prove dedotte, oltre a formulare capitoli assolutamente generici sull esistenza della relazione extraconiugale, si è limitata a concentrare l attenzione su tutta una serie di capitoli volti a dimostrare l esistenza dell impresa familiare e del suo apporto lavorativo in essa. Come già anticipato nessun argomento di prova può essere tratto dai due certificati medici successivi al deposito del ricorso, mentre l unico antecedente (doc. 3 fasc. ric.) referta uno strattonamento avvenuto due giorni prima con l insorgenza di cervicobrachicalgia a destra e prognosi di cinque giorni, unico certificato prodotto a prova di violenze asseritamente durevoli da tempo e invece compatibile con le modalità aggressive reciproche di rapportarsi derivanti dai reciproci tratti caratteriali. In questo contesto di rapporti personali ormai degradati e compromessi, anche l allontanamento dall abitazione familiare non può essere letto come violazione di uno dei fondamentali doveri del matrimonio e avente efficacia causale rispetto alla rottura dell unione, quanto piuttosto come comportamento giustificato dalla predetta situazione di rottura della comunione familiare. Non emergono quindi elementi sufficienti né per fondare una pronuncia di addebito della separazione nei confronti della moglie né di analoga pronuncia nei confronti del marito e le relative domande devono pertanto essere respinte. Due dei figli, nelle more del procedimento, hanno raggiunto la maggiore età e uno di loro è andato a convivere con il padre, per cui nessuna statuizione deve essere più pronunciata nei loro confronti mentre con riguardo all unico figlio minore, F., non sono emersi elementi di pregiudizio, per cui può essere confermato l affido condiviso ai genitori con collocamento presso la madre e

4 - 4 - libere facoltà di visita con il padre secondo accordi diretti e previa comunicazione alla madre affidataria. Quanto agli aspetti economici della presente vicenda, pur avendo le parti impegnato gran parte delle udienze a recriminare il rispettivo contributo al lavoro nell impresa familiare e al tenore di vita della famiglia, gli elementi acquisiti al procedimento sono alquanto scarni, risalenti nel tempo e non aggiornati (gli ultimi modelli fiscali fatti risalgono al 2011); l unico documento a dimostrazione della peggiorata situazione economica familiare complessiva è rappresentata dall intimazione di sfratto dalla casa familiare. In assenza di elementi aggiornati nonché delle relative allegazioni negli atti conclusivi, il Collegio non può che confermare i provvedimenti presidenziali oggi in vigore che vedono la previsione di un assegno di 500 mensili per i due figli conviventi con la madre, oltre ad un contributo alle spese. Come pure non vi sono elementi per modificare la previsione di un contributo di mantenimento a favore della moglie nella misura quantificata dall istruttore in 200 mensili in quanto dalle allegazioni iniziali dello stesso resistente è risultato che egli rappresentava l unica fonte di reddito familiare e che la moglie per lungo tempo si era dedicata alla cura prevalente dei figli, per cui sussistono tutti gli elementi per la previsione di un contributo di mantenimento a suo favore. Anche quando ella si era riaffacciata sul mondo del lavoro aveva cominciato a contribuire con la propria prestazione d opera nell attività familiare: quindi, venuta meno l unione coniugale è venuta anche meno la possibilità lavorativa. Per il basso grado di istruzione deve essere ritenuta difficile la sua ricollocazione nel mondo del lavoro, per cui il contributo a suo favore viene ulteriormente confermato anche sotto questo aspetto. Va dichiarata l inammissibilità di tutte le domande relative agli oneri di locazione e alla ripartizione delle spese condominiali o alla diversa modulazione dell assegno a seconda che il padre paghi o meno le spese di locazione familiare. In considerazione dell andamento della causa, della prevalente e reciproca soccombenza in punto di addebito, della necessità di provvedere alla modifica dei provvedimenti presidenziali in conseguenza delle scelte abitative del figlio maggiorenne, sussistono le giuste ragioni per procedere alla compensazione totale delle spese di lite. (Omissis)

5 - 5 - IL COMMENTO di Vittorio Santarsiere Sommario: 1. Nozione Norme di legge Oggetto Tutela giurisdizionale 1. Nozione. - Le questioni, che caratterizzano essenzialmente la disputa fra i coniugi, sono l alta conflittualità, le reciproche doglianze sul comportamento di essi, la relazione extraconiugale, intrapresa dal marito, ed il graduale allontanamento di costui dalla vita familiare. I coniugi, di fatto già separati, hanno richiesto la separazione giudiziale con addebito l uno all altro. La domanda di separazione, com è noto, si fonda sulla intollerabilità della convivenza, che, si è spiegato in giurisprudenza, non sopravviene solo in presenza di situazione di conflitto riconducibile alla volontà dei due coniugi, ma, la frattura dell unione bene potrebbe dipendere dalla disaffezione e distacco spirituale anche di una sola delle parti (1). Nel caso polarizza speciale attenzione l addebito della separazione, peraltro, non posto a carico di alcuno dei coniugi. E, come rilevato in dottrina, la dichiarazione di addebito è un accertamento giudiziale imputabile ad uno o ad entrambi i coniugi, posta la violazione dei doveri afferenti al matrimonio, dovuti dai coniugi, l uno verso l altro e verso i figli. Occorre che l inosservanza sia intenzionale o ascrivibile a negligenza del coniuge, il quale non si è adeguato al criterio del normale impegno diligente. Né basta riscontrare una condotta di esso contraria ai doveri del matrimonio, necessita verificare se la stessa contribuì a determinare, con la sua gravità, la convivenza intollerabile (2). La pur accertata violazione dei doveri matrimoniali resta irrilevante, ai fini della dichiarazione di addebito della separazione, se risulti che essa non ha avuto efficacia causale nella determinazione della crisi coniugale. Perché vi sia l addebito è necessario che sussista un nesso causale tra violazioni e crisi, nel (1) Trib. Potenza 10 agosto 2011, in Guida dir., 2011, 43, 70. (2) C. M. Bianca, Diritto civile, 2, La famiglia le successioni, Giuffrè, Milano, 2005, 206.

6 - 6 - senso che la seconda deve essere stata effetto delle prime (3). Quando faccia difetto la prova che uno od entrambi i coniugi abbiano tenuto un comportamento, volontario e consapevole, avverso i doveri nascenti dal matrimonio, se la condotta degli stessi, per la sua gravità, renda intollerabile la ulteriore convivenza, può pronunziarsi la separazione senza l addebito. Per quanto concerne i figli della coppia di che trattasi ne fu disposto l affidamento condiviso ad entrambi i genitori e furono collocati presso la madre, con facoltà per il padre di vederli e tenerli con sé previo avviso alla ex coniuge. Determinato a carico del padre, l assegno di mantenimento dei tre figli nella entità di 200 mensili per ognuno, più le spese mediche e scolastiche. Fu stabilito, inoltre, un contributo di mantenimento di 200 mensili, da corrispondere dal marito alla moglie. L assetto venne modificato dal g.i. quando il primo figlio divenuto maggiorenne fu collocato presso il padre, con a carico di questo l integrale mantenimento, mentre il contributo per il mantenimento degli altri due figli fu portato ad 500. Queste condizioni sono rimaste invariate alla emanazione della sentenza in commento, stante la mancanza di allegazioni circa gli aspetti economici degli ex coniugi. 2. Norme di legge. - La disciplina predisposta dall ordinamento concerne la separazione dei coniugi, l addebito eventuale di essa, i provvedimenti verso i figli. La separazione può essere chiesta quando si verificano, anche indipendentemente dalla volontà di uno o di entrambi i coniugi, fatti tali da rendere intollerabile la prosecuzione della convivenza o da recare grave pregiudizio all educazione della prole (art. 151, comma 1, c.c.). Il giudice, pronunziando la separazione, dichiara, ove ne ricorrano le circostanze e ne sia richiesto, a quale dei coniugi sia addebitabile la separazione, in considerazione del suo comportamento contrario ai doveri che derivano dal matrimonio (art. 151, comma 2, c.c.). (3) B. De Filippis, La separazione personale dei coniugi ed il divorzio, Cedam, Padova, 2012, 564.

7 - 7 - La lettera di questo articolo fu apportata dalla novella n. 151 del 1975 ed è rimasta invariata dopo la legge n. 219 del 2012 e D. lgs. n. 154 del 2013, sicché la separazione giudiziale può chiedersi da ciascun coniuge senza l allegazione della colpa dell altro. Allo stato, per la domanda di separazione basta che, indipendentemente dalla colpa di uno od entrambi i coniugi, si verifichino fatti da rendere: intollerabile la prosecuzione della convivenza; grave pregiudizio alla educazione della prole. L azione del coniuge per la pronunzia della separazione si fonda sulla idoneità dei fatti addotti ad incidere sulla prosecuzione della convivenza. Per il secondo comma, la separazione può essere addebitata, ove richiesta e se ne ricorressero le circostanze, con riferimento al comportamento avverso ai doveri scaturiti dal matrimonio. L addebito fu inserito nell articolo stesso con un emendamento sul finire dell iter parlamentare. Conseguono all addebito della separazione ripercussioni patrimoniali come, pure, l estinzione di ogni solidarietà, quale il diritto all assistenza morale e materiale. Sopravviene la perdita del diritto di ricevere dall altro coniuge quanto necessario per il mantenimento (art. 156 c.c.). Ancora, il coniuge cui fosse addebitata la separazione perde i diritti della successione legittima. Egli ha diritto soltanto ad un assegno vitalizio se, all apertura della successione, godeva degli alimenti a carico del coniuge deceduto (art. 548 c.c.). Le condotte in violazione dei doveri coniugali non sono tipizzate come ante legem n. 151 del 1975, quando erano individuate nell adulterio, volontario abbandono, eccessi, sevizie, minacce, ingiurie gravi. Il fondamento giuridico dell addebito sarebbe di tutelare il coniuge danneggiato dalla rottura del vincolo matrimoniale, che dopo la pronunzia viene esentato da alcuni doveri, che rimarrebbero, invece, a suo carico sebbene separato. Quanto ai provvedimenti riguardo ai figli della coppia, si applica l art. 155 c.c., testo scaturito dalle novelle al codice nn. 151 del 1975 e 54 del La sentenza in commento fu depositata il 14 novembre 2013, impensabile, quindi, sussumere la fattispecie, per il principio tempus regit actum, alla normativa delegata dalla legge n. 219 del 2012, che ha portato il D. lgs. 28 dicembre 2013

8 - 8 - n. 154, in vigore dal 7 febbraio E, per l art. 155 c.c. vigente al tempo del giudizio di che trattasi, il figlio minore ha diritto ad un rapporto equilibrato e continuativo con entrambi i genitori. Il giudice, che pronunzia la separazione dei coniugi, adotta i provvedimenti relativi ai figli e valuta in via prioritaria l affidamento condiviso ad entrambi i genitori. Nello stesso contesto determina tempi e modalità della loro presenza presso ciascuno, fissa la misura, il modo con cui ogni genitore deve contribuire al mantenimento, cura, istruzione ed educazione. Il genitore provvede al mantenimento della prole, proporzionalmente al suo reddito. La corresponsione di un assegno periodico viene stabilito dal giudice sulla base di 5 considerazioni dettate dalla legge. La somma stessa è automaticamente adeguata, se non fosse indicato altro parametro, agli indici ISTAT. L articolo, come riformato nel 2006, enuncia il diritto del minore alla bigenitorialità, estrinsecantesi nel rapporto equilibrato e continuativo con ciascun genitore anche dopo dissolta l unione coniugale. Col che si intende sdrammatizzare l astio tra i genitori dopo il trauma della separazione, impedendo che le questioni afferenti ai figli vengano utilizzate dai genitori l un contro l altro. Il legislatore ha cercato di sancire un diritto alla continuità degli affetti, affinché l assetto di vita dei figli risulti meno possibile alterato dopo la crisi matrimoniale. 3. Oggetto. - Il Tribunale giudicante conferma la dazione di un contributo di mantenimento a carico del marito ed a favore della moglie di 200 mensili, come quantificato dal giudice istruttore. L entità è modesta in quanto fanno difetto elementi per una quantificazione diversa, del resto la ricollocazione lavorativa per la signora, non è di facile realizzazione. Costei si è presa cura dei figli per molti anni, tanto che due di essi sono divenuti maggiorenni. Nella determinazione del quantum si dovrebbe tenere in buon conto che la corresponsione della somma volge a riequilibrare la situazione del coniuge in stato di inferiorità economica, quando vi è stata comunione di vita matrimoniale, alla quale il coniuge bisognoso abbia collaborato con la sua attività ovvero rinunziando a possibili propri sbocchi professionali. La natura assistenziale del contributo di mantenimento postconiugale è prevalsa su quelle

9 - 9 - risarcitoria e compensativa (4). Secondo un orientamento degli interpreti, la disciplina della separazione volgerebbe ad assicurare al coniuge lo stesso tenore di vita goduto durante il rapporto di matrimonio. E se prima della separazione i coniugi concordarono che uno di loro non svolgesse attività, questi avrebbe diritto di vedere confermata la decisione stessa. Certo, non indurre il coniuge, che apportava lavoro casalingo, a cercare altro lavoro convince ad intravedere un menage familiare diverso quando è cambiato il precedente stato. La corresponsione del mantenimento, rispondente al tenore di vita del tempo del matrimonio, potrebbe configurare una rendita ingiustificata e parassitaria, quale proiezione di un rapporto sciolto, non secondata in giurisprudenza (5). Affermato in dottrina che il giudice chiamato a pronunciare la dichiarazione di addebito deve svolgere una valutazione complessiva e comparativa del rapporto matrimoniale, confrontando i comportamenti con le norme giuridiche sui doveri coniugali. Ove accerti chiaramente ed univocamente che la condotta trasgressiva dei doveri coniugali abbia reso intollerabile la prosecuzione della convivenza potrà dichiarare che la separazione è addebitabile ad uno od entrambi i coniugi (6). La dichiarazione di addebito della separazione implica la prova che la irreversibile crisi coniugale sia esclusivamente ricollegabile al comportamento, volontario e consapevole contrario ai doveri nascenti dal matrimonio, di uno od entrambi i coniugi ovverosia che sussiste un nesso di causalità tra i comporta- (4) V. Santarsiere, Assetti post matrimoniali: addebito separazione; casa familiare, revoca dell assegnazione; mantenimento, in Giur. merito, 2009, 907. Cfr. Coniugi separati, riconciliati e nuova frattura del rapporto. Sorte del nesso causale - Violazione del dovere di fedeltà - Convivenza intollerabile. Obliterazione dell addebito della separazione, in Quest. dir. fam., 2010, 78. Separazione dei coniugi agiati, senza prole. Determinazione degli assetti economici, in Quest. dir. fam., 2010, 95. Separazione dei coniugi appena sposati e comunione di intenti frustrata. Addebito a quello comportatosi in maniera opportunista, in Giur. merito, 2013, (5) Cass. - Sez. un. 29 novembre 1990 n , in Foro it., 1991, I, 87. (6) M. Calogero, La separazione giudiziale, in Trattato diritto di famiglia diretto da Zatti, v. I, Famiglia e matrimonio a cura di Ferrando, Fortino, Ruscello, t. 2, Separazione divorzio, Milano, 2011, 1412.

10 menti addebitati ed il determinarsi dell intollerabilità della ulteriore convivenza; pertanto, in caso di mancato raggiungimento della prova che il comportamento contrario ai predetti doveri, tenuto da uno dei coniugi o da entrambi, sia stato la causa efficiente del fallimento della convivenza, legittimamente viene pronunciata la separazione senza addebito (7). Per la pronunzia di addebito della separazione, occorre accertare se la violazione dei doveri a carico dei coniugi abbia assunto efficacia causale nella determinazione della crisi coniugale ovvero sia intervenuta quando era già maturata una situazione di intollerabilità della convivenza (8). Osservato che il carattere davvero eccezionale del provvedimento di addebito si comprende ove si consideri la gravità degli effetti, che l ordinamento vi collega, perdita dei diritti successori e del diritto al mantenimento, che presuppongono necessariamente l estinzione di ogni solidarietà coniugale. La posizione del coniuge, cui fosse addebitata la separazione, risulta deteriore rispetto a quella del divorziato (9). 4. Tutela giurisdizionale. - La sentenza in epigrafe riconosce un modesto contributo di mantenimento a favore della moglie, 200 al mese. Ciò in quanto la medesima, dedita prevalentemente alla cura dei figli, da poco aveva ripreso a lavorare nell attività familiare, venuta meno con la rottura del rapporto di coniugio. Il basso grado di istruzione lascia inferire molto improbabile la sua ricollocazione lavorativa in altro contesto. D altra parte, come osservato in dottrina, l estinzione del vincolo coniugale e dei doveri, che vi ineriscono, non cancella il fatto che i due sono stati marito e moglie. L unione realizzata pone una esigenza di solidarietà postconiugale, tanto più intensa quanto maggiore è stata l attuazione dell impegno di vita matrimoniale. Questa solidarietà postconiugale costituisce il fondamento degli effetti di ordine patrimoniale a favore del coniuge (10). (7) Cass. 27 giugno 2006 n , in Rep. Giust. civ., 2006, v. Separazione coniugi n. 16. (8) App. Roma 9 luglio 2008, in Guida dir., 2009, 5, 78 (sm). (9) A. Morace Pinelli. La crisi coniugale tra separazione e divorzio, Milano, 2001, 203. (10) Bianca, in op. cit., 257.

11 In sede di separazione coniugale compete alla parte, che chieda l accoglimento della domanda di addebito, di assolvere l onere della prova non solo che la irreversibile crisi del rapporto di coniugio sia ascrivibile in via esclusiva alla violazione cosciente e volontaria dei doveri del matrimonio da parte dell altro coniuge, ma soprattutto deve dimostrare che tra detto comportamento e la crisi matrimoniale vi sia un rapporto di causa ad effetto. Consegue che la mancanza di elementi da cui desumere la sussistenza anche di uno solo di tali presupposti comporta il rigetto della richiesta (11). Nel caso di coniuge infedele, si è osservato in giurisprudenza che bisogna verificare se la infedeltà del coniuge determinò l incidenza causale sulla crisi del matrimonio. Il presupposto dell addebito della separazione si individua nel rapporto causale, che deve intercorrere tra la violazione dei doveri coniugali e la crisi dell unione matrimoniale. L accertamento del presupposto si compie verificando se la relazione fuori dal matrimonio risulti o meno priva di efficienza causale siccome intervenuta in un menage già compromesso. Ancora, la inosservanza dell obbligo di fedeltà non costituisce circostanza sufficiente per giustificare l addebito della separazione quando sia sopravvenuta in un contesto di disgregazione della comunione spirituale e materiale, quale rispondente al dettato normativo e al comune sentire, in una situazione stabilizzata di reciproca, sostanziale autonomia di vita, non caratterizzata da affectio coniugalis (12). La intollerabilità della convivenza matrimoniale, la determinazione del contesto in cui si realizza non sono di facile risultanza. Come osservato in dottrina, se violazioni dei doveri matrimoniali vi fossero da entrambe le parti, sarebbe arduo, se non impossibile, separare le singole responsabilità ed accertare quando quella posta in essere da un coniuge sia giustificata o meno dal comportamento dell altro. Quasi sempre in questi casi la realtà è un miscuglio di azioni e reazioni, che richiamano alla intollerabilità della convivenza, senza che sia possibile isolare singole responsabilità (13). (11) Trib. Benevento 30 aprile 2009, in Guida dir, 2009, 31, 75 (sm). (12) Cass. 20 aprile 2011 n. 9074, in Rep. Foro it., 2011, v. Separazione coniugi n (13) M. Dogliotti, La separazione giudiziale, in Trattato Bonilini, Cattaneo, Il diritto di famiglia, 1, Famiglia e matrimonio, Torino, 2007, 525.

12 Il giudizio sulla intollerabilità della convivenza si riduce alla constatazione della frattura intervenuta nella convivenza familiare, mentre complesso e delicato è l accertamento delle colpe dei coniugi, che a tale frattura diedero causa. Spesso il fallimento della unione coniugale è il risultato di un complesso di cause. Rimane arduo stabilire con precisione se le vicende che hanno portato al fallimento della convivenza matrimoniale siano da ricondurre alla responsabilità dell uno o dell altro coniuge, oltre tutto c è il rischio che i giudici si addentrino in ambiti della vita personale e familiare, talvolta imperscrutabili (14). La richiesta di addebito della separazione deve proporsi necessariamente con la domanda di separazione, si fonda su causa petendi, volge ad un petitum autonomi. Nella sola domanda di separazione causa petendi e petitum vanno ritrovati nella intollerabilità della convivenza o pregiudizio per la prole e nella richiesta di separazione. La domanda di addebito, invece, si fonda sulla violazione dei doveri nascenti dal matrimonio (causa petendi) e ambisce (petitum) alle conseguenze di ordine patrimoniale, di cui alla legge, l addebito. Il rapporto extraconiugale come, pure, l allontanamento dal domicilio familiare possono determinare o no l addebito della separazione dei coniugi a seconda che preesista o meno la intollerabilità della convivenza. Quando la crisi familiare sia pregressa e continuasse il rapporto di coniugio meramente formale a cessato affectio coniugalis, la intollerabilità della convivenza è palese, sicché il partner è dispensato dai doveri scaturenti dal matrimonio. In questa evenienza la intollerabilità non è effetto delle condotte trasgressive, ma preesiste, così non ne consegue l addebito della separazione. Si potrebbe spuntare l addebito della separazione sol che la stessa si domandi appena realizzata la condotta intollerabile per la prosecuzione della convivenza. (14) Calogero, in op. cit., 1410.

13 Il quesito La separazione dei coniugi ha oggi motivo di esistere? La risposta Non vi è uniformità di vedute. Per una tesi dottrinale, la separazione giudiziale andrebbe abrogata. Venuto meno il principio di indissolubilità del matrimonio, il rimedio alla crisi della convivenza è unicamente lo scioglimento di esso. La separazione configurerebbe una sorta di doppione, che rende il recupero dello stato libero una vera e propria via crucis. La giurisprudenza, in attesa dell auspicata abrogazione dell addebito, interpreta restrittivamente tale istituto (A. Morace Pinelli, Violazione dei doveri matrimoniali e responsabilità civile, in Giust. civ., 2006, I, 102). Altra tesi evidenzia che i coniugi potrebbero ambire la soluzione interlocutoria della separazione, che non preclude la possibilità di una ricostruzione del nucleo familiare, dispensando, nel frattempo, dalla osservanza degli obblighi della convivenza, fedeltà, collaborazione (C. M. Bianca, Diritto civile, 2, La famiglia le successioni, Milano, 2005, 192). Nelle passate Legislature vari conati di riforma hanno riguardato non l abrogazione della separazione, ma, più modestamente, l abbreviazione della durata di essa, senza giungere a buon fine. Le prevalenti resistenze ideologiche non hanno permesso modifiche migliorative della materia, sebbene una opportuna rivisitazione ci porterebbe nell alveo della cultura europea. Durante la XVII Legislatura sono state ripresentate all esame del Parlamento varie proposte di legge (6) concernenti la modifica dell art. 3, comma 1, n. 2, sub lett. b), cpv. per ridurre ad uno i tre anni di separazione ininterrotta dei coniugi onde adìre il giudice al fine del divorzio. Il relativo iter è pervenuto alla redazione di un unico testo, approvato dalla Camera dei Deputati il 29 maggio L articolato è stato trasmesso al Senato per il prosieguo verso l approvazione definitiva (A. S. 1504). I capisaldi previsti dalle proposte permangono nel testo unificato e, segnatamente, la durata della separazione ininterrotta dei coniugi per la domanda di scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio è diminuita da tre anni a dodici mesi. Nelle separazioni consensuali, il termine stesso è ridotto a sei mesi dal deposito del ricorso. La comunione legale tra i coniugi si scioglie nel momento in cui il Presidente del tribunale autorizza i coniugi a vivere separati ovvero alla data di sottoscrizione

14 del verbale di separazione consensuale dei coniugi omologato. E debbono comunicarsi all ufficiale dello stato civile la domanda di separazione dei coniugi in comunione legale e l ordinanza con la quale i coniugi sono autorizzati a vivere separati per l annotazione a margine dell atto di matrimonio. Lo scioglimento della comunione, come delineato, non avverrebbe più al passaggio in giudicato della sentenza di separazione, ma sin dalla udienza presidenziale di autorizzazione a vivere separati (Corte Cost. 7 luglio 1988 n. 795). Il quesito Un vincolo extraconiugale intrapreso dal coniuge influisce sull addebito della separazione? La risposta L obbligo reciproco alla fedeltà dei coniugi è sancito dall art. 143 c.c., tuttavia, è un dovere oggi non coartato penalmente. L evoluzione socio - culturale ha dilatato la nozione di fedeltà, sicché il coniuge non dovrebbe intraprendere rapporti con altra persona, che, per la valutazione sociale, fossero lesivi della esclusività del vincolo derivante dal matrimonio. Normalmente determina la intollerabilità della prosecuzione della convivenza la reiterata violazione dell obbligo di fedeltà coniugale, attuata mediante una stabile relazione con altra persona, che costituisce grave trasgressione dei doveri matrimoniali. Come rilevato in dottrina, la violazione del dovere di fedeltà richiede la prova del nesso causa - effetto con la intollerabilità della convivenza. L addebito, pur a fronte di tale violazione, non si configura in re ipsa, esso richiede la prova che la irreversibile crisi coniugale sia ricollegabile al comportamento consapevole e volontario del coniuge. Occorre un preciso nesso di causalità tra tale comportamento e la intollerabilità della convivenza. Il mancato raggiungimento della prova che tale comportamento sia causa efficiente della intollerabilità esclude dunque la pronuncia di addebito ( G. Casaburi, in Foro it., 2012, I, 2438). In giurisprudenza si è rilevato che la inosservanza dell obbligo di fedeltà rappresenta grave violazione, determinante la intollerabilità della prosecuzione della convivenza. Deve ritenersi circostanza sufficiente a giustificare l addebito della separazione al coniuge responsabile, sempre che non si constati la mancanza di nesso causale tra infedeltà e crisi coniugale. Se dall accertamento risultasse una crisi preesistente, caratterizzata da convivenza meramente

15 formale, l infedele comportamento successivo non è rilevante e non può giustificare una pronunzia di addebito (Cass. 12 aprile 2006 n. 8512). Il quesito E rilevante per l addebito della separazione l allontanamento del coniuge dall abitazione coniugale? La risposta L art. 143, comma 2, c.c. prescrive l obbligo della coabitazione dei coniugi. Quello di essi, che se ne sottraesse, abbandonando la casa matrimoniale, trasgredirebbe il comando della legge, rendendo anche impossibile la coabitazione all altro coniuge. Ora, l abbandono del tetto coniugale non estrinsecherebbe condotta incompatibile con i doveri del matrimonio quando intervenisse in una situazione già irrimediabilmente compromessa, anche per ragioni obiettive, che prescindono dall addebitabilità ad uno dei coniugi (Cass. 8 maggio 2013 n ). L allontanamento dalla casa familiare non costituisce causa di addebito della separazione quando sia stato determinato dal comportamento dell altro coniuge ovvero l abbandono sia avvenuto nel momento in cui l intollerabilità della prosecuzione della convivenza si fosse già verificata (Cass. 11 agosto 2000 n ). Una disputa originale in materia, concernente il procedimento di separazione dei coniugi, è pervenuta in Cassazione. Si è provato e non contestato che la moglie ha lasciato il tetto coniugale nel difetto di allegazioni dell abbandono conseguente al comportamento dell altro coniuge o a disaffezione e distacco spirituale tra i due. Con la novella del 1975, la separazione dei coniugi è stata esentata dal presupposto della colpa di uno di essi e consentita sol che si verifichino fatti tali da rendere intollerabile la prosecuzione della convivenza. La intollerabilità può costituire un fatto psicologico squisitamente individuale, così la frattura può dipendere dalla disaffezione, distacco spirituale anche di uno solo dei coniugi. E, nel caso, viene respinto l addebito della separazione alla moglie settantenne, che ha lasciato il tetto coniugale. La disaffezione maturata da costei è ritenuta dal giudice indice di unione non felice, che per la stessa ha superato il limite della tollerabilità, considerando che in avanzata età si ha bisogno di stringersi ai propri cari (Cass. 30 gennaio 2013 n. 2183).

16 Il quesito L addebito della separazione giudiziale consegue a violazioni gravi? La risposta Potrebbe conseguire a violazioni anche lievi considerate isolatamente, che rileverebbero, invece, se valutate nell insieme. Separazione addebitata al marito è scaturita per abuso di sostanze alcooliche - alimentari, essendosi egli sottratto ad uno stile di vita ordinato; dedito al gioco, dilapidò il modesto patrimonio familiare, ingiuriava il coniuge, lasciò il proprio lavoro ed evitò di cercarne un altro (Trib. Perugia 22 gennaio 2009). E stata ritenuta addebitabile la separazione al coniuge responsabile di un solo episodio accertato di percosse a danno dell altro, trattandosi di comportamento idoneo a sconvolgere definitivamente l equilibrio relazionale della coppia, poiché lesivo della pari dignità di ogni persona (Cass. 14 gennaio 2011 n. 817). Sono queste violazioni dei reciproci doveri dei coniugi non eclatanti, di possibile emendamento, che, tuttavia, hanno recato l addebito della separazione. Per altra sentenza, supportata da una legge settoriale, non può pronunciarsi l addebito della separazione a carico della moglie che, senza aver preventivamente ottenuto il consenso del marito, abbia deciso di interrompere la gravidanza, dal momento che la l. n. 194 del 1978 attribuisce siffatto diritto esclusivamente alla donna, senza limitarlo in alcun modo nel caso che ella fosse coniugata (Trib. Monza 26 gennaio 2006). Si consideri che la domanda di addebito è divenuta la regola nei procedimenti di separazione, configurabile merce di scambio, arma di repressione, che viene abbandonata senza rimpianto appena le parti si accordano sui rapporti economici. La classe forense richiede sempre l addebito, quale malintesa forma di garanzia per la parte, la magistratura spesso ne riconosce l esistenza sebbene non dovrebbe esservene traccia (M. Dogliotti, in op. cit., 520).

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Maria Monteleone Anche i figli maggiorenni hanno diritto a essere mantenuti dai propri genitori fino a quando non siano completante

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Nel lento e accidentato percorso verso un diritto penale minimo, l opportunità di introdurre anche nel procedimento ordinario,

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

POSIZIONE MATRIMONIALE

POSIZIONE MATRIMONIALE Mod. I Prot. n. DIOCESI DI PARROCCHIA Via Comune Cap Provincia POSIZIONE MATRIMONIALE GENERALITÀ Fidanzato Fidanzata Cognome e nome 1 Luogo e data di nascita Luogo e data di battesimo Religione Stato civile

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 Daniela Turci Avvocato del Foro di Verona La normativa

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

Gli ordini di protezione

Gli ordini di protezione Gli ordini di protezione di Germano Palmieri Ricorrenti fatti di cronaca ripropongono pressoché quotidianamente il problema della violenza fra le pareti domestiche; non passa giorno, infatti, che non si

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

SEGNI DA COGLIERE, ARGINE DA EDIFICARE, FUTURI DA COSTRUIRE I MINORI NELLA CRISI DELLA FAMIGLIA LEGITTIMA E DI FATTO

SEGNI DA COGLIERE, ARGINE DA EDIFICARE, FUTURI DA COSTRUIRE I MINORI NELLA CRISI DELLA FAMIGLIA LEGITTIMA E DI FATTO SEGNI DA COGLIERE, ARGINE DA EDIFICARE, FUTURI DA COSTRUIRE I MINORI NELLA CRISI DELLA FAMIGLIA LEGITTIMA E DI FATTO Avv. Claudio Bossi Avv. Elena Buscaglia Bambino Armato e disarmato in una foto Senza

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Bologna, 24 febbraio 2014 I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Il P.O.F. La DIAGNOSI Il PDP Il GIUDIZIO

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Il recesso dal contratto collettivo nel diritto civile

Il recesso dal contratto collettivo nel diritto civile Capitolo I nel diritto civile SOMMARIO: 1. Il recesso dal contratto: i termini della questione. 2. Il principio della temporaneità dei vincoli contrattuali e la questione del recesso dal contratto. 3.

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

ai sensi del D.Lgs 231/2001

ai sensi del D.Lgs 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO GASPARINA DI SOPRA Società Cooperativa Sociale Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Sistema Disciplinare 1 ELENCO DELLE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli