L opinione dell ANTA sul teleriscaldamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L opinione dell ANTA sul teleriscaldamento"

Transcript

1 L opinione dl ANTA sul riscaldamento In generale, per riscaldamento si intende un sistema che cede calore a terzi. Nla deinizione uiciale di riscaldamento sono stati introdotti concetti come servizio pubblico e non discriminazione, concetti che ben poco hanno a che vedere con la tecnica. All ANTA interessa capire se una soluzione è vantaggiosa o meno per il Cittadino Sovrano, dal punto di vista energetico, economico ed ambientale, senza arsi distrarre da considerazioni di altro tipo. E chiaro che il trasporto d calore, sotto qualsiasi orma, introduce dei costi energetici per dispersioni di calore ed energia ettrica per pompaggio. Al giorno d oggi si ottengono le medesime prestazioni, in termini di rendimento energetico, da un buon impianto autonomo e da un buon impianto centralizzato. Anzi, l estensione di un impianto di riscaldamento tradizionale a servire utenze di vani scala diversi o peggio ancora, di abbricati distinti, porta ad un decadimento dle prestazioni energetiche in quanto si aggiungono solo maggiori costi energetici a causa dle dispersioni termiche dle reti di distribuzione e d consumo di energia ettrica dei circolatori. Reti mal progettate possono causare anche autentici disastri energetici, soprattutto nei periodi di basso prievo, per esempio se si ornisce con reti estese anche il servizio di produzione dl acqua calda sanitaria. Preso atto di questo atto oggettivo (il costo energetico dl estensione di una rete), un sistema di riscaldamento può convenire quando si disponga di energia di scarto o di risorse locali non utilizzabili altrimenti. Esempi tipici di queste situazioni sono impianti di cogenerazione, inceneritori o utilizzo di biomassa di produzione locale (scarti di segheria). Dove ci sia cascame termico può darsi che convenga sventrare le strade e posare chilometri di tubazioni per distribuire un po di calore. Il rischio in questo settore è che prolierino impianti in cui l impianto di riscaldamento non sia inalizzato prevalentemente alla distribuzione d calore di scarto ma soprattutto alla vendita di calore prodotto con caldaie ordinarie. Ciò è acilitato da una norma iscale che da un vantaggio notevole a chi gestisce reti di riscaldamento in cui una parte dl energia sia prodotta da cogenerazione: è suiciente che venga prodotta energia ettrica per un quantitativo pari solo al 10% dl energia termica venduta per riconoscere anche a tutto il gas utilizzato dalle caldaie di integrazione e soccorso l accisa agevolata per gli impieghi industriali (Decreto legge 331/93, convertito con legge 427/93, cr. Circolare d 17/05/1995 n Min. Finanze - Dip. Dogane Imposizione Indiretta Ispet. II). Un gestore può quindi costruire una rete di riscaldamento e piazzare un piccolo cogeneratore. Nla stagione invernale e nle ore vuote (ore di basso abbisogno ettrico, che comprendono anche il sabato, la domenica ed i estivi) è costretto ad integrare con dle normali caldaie, che non saranno certo a condensazione visto le usuali temperature di esercizio di una rete di riscaldamento. Però siccome il suo impianto è di tipo cogenerativo, paga tutto il metano (e non solo qulo d cogeneratore) ad un prezzo ineriore rispetto ai privati cittadini perché soggetto ad accisa agevolata (0,0125 /m³ anziché 0,17 0,186 /m³). In questo modo riesce ad essere competitivo anche sulla pura energia termica, godendo di un vantaggio, IVA compresa, di 0,20 0,22 /m³ n costo dla materia prima. Si noti che questo vantaggio non deriva da una maggiore eicienza energetica ma da una riduzione dle accise. Ciò produce di ato una distorsione dla concorrenza ra impianti a generazione locale ed impianti di riscaldamento (poco) cogenerativi. Il riscaldamento beneicia anche di un aiutino extra: è l unico sistema di ornitura d calore per il quale vige l obbligo per legge di predisposizione all allacciamento. Se poi il gestore dl impianto di riscaldamento è in qualche modo collegato col locale distributore di altri vettori energetici a rete, si innesca un evidente problema di conlitto di interesse. E chiaro quindi che il riscaldamento è uno strumento di risparmio energetico quando distribuisca prevalentemente d calore di risulta, povero o non utilizzabile altrimenti. Diventa un operazione negativa sotto il proilo energetico quando invece distribuisca molto calore generato per ustione in caldaie ordinarie. Come are a distinguere un riscaldamento ove si usino realmente cascami termici, da uno che genera il calore prevalentemente con caldaie? 1

2 Una prima evidenza, che dovrebbe essere un dovere prima ancora che una operazione di trasparenza, è la dichiarazione d attore di conversione in energia primaria da parte d gestore. Ciò rientra nei criteri di veriicabilità che l ANTA ritiene indispensabile applicare per evitare la prolierazione di risparmi teorici. Come noto, la progettazione termotecnica e la certiicazione energetica degli ediici richiedono la valutazione d abbisogno di energia primaria degli ediici. Il progettista/certiicatore eettua il calcolo dle quantità di energia richieste dall'ediicio per i servizi riscaldamento e produzione di acqua calda sanitaria, suddivise per vettori energetici (ustibile ossile, energia ettrica, calore da riscaldamento). Successivamente ne eettua la conversione in energia primaria, che è una somma pesata dei vari vettori energetici in base al rispettivo attore di conversione in energia primaria. In Italia viene usato come unità dl'energia primaria il ustibile ossile disponibile all'impianto. Per l'energia ettrica, la deinizione d attore di conversione, ai ini dla certiicazione energetica degli ediici, è demandata all AEEG e vale attualmente 2,17 (ciò corrisponde al atto che si ritiene che per disporre di 1 kwh di energia ettrica all'ediicio, occorre rende disponibili 2,17 kwh di energia da ustibile ossile alle centrali ettriche italiane). Il attore di conversione rativo al calore da riscaldamento deve essere dichiarato dal ornitore, così come stabilito dall'art. 3 d D.M. 11 marzo 2008 e da altre legislazioni. Ciò è logico ed inevitabile, in quanto l'energia primaria necessaria per rendere disponibile un kwh sotto orma di energia termica all'utenza dipende dalla tipologia di impianto di produzione e dalla sua gestione, ementi noti solo al gestore dl impianto di riscaldamento. La norma tecnica europea EN stabilisce il principio generale di calcolo per determinare il attore di conversione in energia primaria di un sistema di riscaldamento. Si tratta di un bilancio di energia primaria. Le ipotesi di base sono: il sistema di riscaldamento utilizza vettori energetici il cui attore di conversione in energia primaria è noto; le uscite di energia sono solo due: energia ettrica netta alla rete ed energia termica netta consegnata agli utenti; all'energia ettrica netta ornita alla rete si attribuisce il attore di conversione in energia primaria ordinario(2,17); l'energia primaria restante viene distribuita sul calore netto ceduto all'utenza. Con rierimento allo schema seguente: se si assume: 2

3 quantitativo di ustibile ossile consumato, espresso in kwh. Deve essere conteggiato tutto il ustibile impiegato dal sistema per ornire l energia ettrica e termica alle utenze, anche qulo di eventuali caldaie di integrazione. attore di conversione in energia primaria d ustibile energia ettrica netta ceduta alla rete, espresso in kwh. Deve essere conteggiata solo l energia ettrica venduta alle utenze, al netto di tutti i consumi per gli ausiliari dla centrale e per il unzionamento dla rete di riscaldamento. attore di conversione in energia primaria dl'energia ettrica energia termica netta ceduta alle utenze, espresso in kwh, misurato al punto di consegna attore di conversione in energia primaria d calore da riscaldamento E il attore indispensabile al progettista per poter determinare l'energia primaria consumata dall'ediicio. Il bilancio dl'energia primaria si scrive: da cui si ricava: che è l'espressione d attore di conversione in energia primaria d calore ornito dal sistema di riscaldamento. Alcuni esempi di applicazione di questo principio sono i seguenti: + Metano kwh 1 1, kwh Elettricità alla rete 30 kwh 2,5 75 kwh 40 kwh 0, kwh 1 100kWh 75kWh 25kWh 25kWh 40kWh 0,625 Esempio di sistema di riscaldamento da cogenerazione 3

4 Metano kwh 1 1, kwh Elettricità alla rete 40 kwh 2,17 87 kwh Riiuti kwh 2 0, kwh 70 kwh 0, kwh kWh + 20kWh 87kWh 53kWh 53kWh 70kWh 0,757 Esempio di sistema di riscaldamento da termovalorizzazione riiuti Metano kwh 1 1, kwh 75 kwh 1, kwh kwh 100kWh 75kWh 1,333 Esempio di riscaldamento con centrale termica di quartiere Come si può constatare, il attore di conversione in energia primaria d calore ceduto alle utenze termiche, oltre ad essere un dato necessario per la corretta certiicazione energetica dei sistemi ediicio/impianto serviti, è un ottimo indicatore d reale beneicio energetico d sistema di riscaldamento. Sarebbe un operazione di notevole trasparenza la pubblica dichiarazione d attore di conversione in energia primaria dle reti di riscaldamento, sia di qulo di progetto sia di qulo in esercizio, di anno in anno. Non si tratta certo di un onere signiicativo. Anzi, se un gestore di un impianto obiettasse di non conoscere: i ustibili acquistati; il calore venduto alle utenze termiche; l energia ettrica venduta alle utenze ettriche; il tutto a preventivo ed a consuntivo, ci chiederemmo come abbia potuto redigere rispettivamente il suo piano inanziario ed i bilanci iscali di esercizio. Da ultimo, il attore di conversione in energia primaria d calore ceduto alle utenze termiche è anche un dato molto acilmente veriicabile, perché sono richieste solo quantità acquistate/vendute a preventivo/consuntivo e non complicate ucubrazioni matematiche. 4

5 Un secondo indicatore semplice ed utile è il prezzo d calore ceduto. Il prezzo d kwh termico prodotto da una centrale termica a gas si calcola come segue: costo gas C gas 0,70 /m³ potere caloriico gas Hi 9,6 kwh/m³ rendimento di generazione η H,gen 98%...105% con caldaie a condensazione da cui si ricava che il costo d MWh prodotto dalla centrale C MWht è di: Cgas CMWht 69,4 74,4 /MWh H η i H, gen con i valori ipotizzati. Lasciamo a ciascuno il compitino di correggere i dati, ripetere il calcolo e conrontare il costo speciico risultante con quanto addebitato in bolletta. Conclusione L ANTA è avorevole al riscaldamento quando ciò sia inalizzato all utilizzo di cascami termici. La mera produzione centralizzata di calore con sistemi a ustione non sembra invece conveniente. Ai gestori dovrebbe essere esplicitamente richiesto il calcolo annuale e la pubblica dichiarazione dei attori di conversione in energia primaria d calore venduto, dato necessario per qualsiasi valutazione dla prestazione energetica dle utenze servite. Il Presidente ANTA 5

L Indagine Conoscitiva AGCM sul Teleriscaldamento

L Indagine Conoscitiva AGCM sul Teleriscaldamento L Indagine Conoscitiva AGCM sul Teleriscaldamento Alessandro Noce Responsabile Direzione Energia e Industria di Base Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Milano 20 maggio 2014 1 Il punto di

Dettagli

Titoli di efficienza energetica: opportunità per le imprese. TEE per CAR (Cogenerazione Alto Rendimento)

Titoli di efficienza energetica: opportunità per le imprese. TEE per CAR (Cogenerazione Alto Rendimento) Mod. E03 Certificati bianchi TEE Titoli di efficienza energetica: opportunità per le imprese. TEE per CAR (Cogenerazione Alto Rendimento) ing. Fabio Minchio, Ph.D. 4 giugno 2013 Richiami fondamentali sulla

Dettagli

COMUNE ACQUI TERME (AL)

COMUNE ACQUI TERME (AL) COMUNE ACQUI TERME (AL) INTEGRAZIONE SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO CITTADINO CON ANNESSO POLO TECNOLOGICO PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA ED ELETTRICA, A SERVIZIO DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA O PERTINENZA

Dettagli

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.)

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) 2 LA MISSION DI MENOENERGIA ORIGINE DI MENOENERGIA Menoenergia è una società controllata dal Gruppo

Dettagli

TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ.

TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ. 27-09-2013 Comunicato stampa TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ. Per contatti e ulteriori informazioni:

Dettagli

Teleriscaldamento a biomasse: i risultati dell Indagine Conoscitiva

Teleriscaldamento a biomasse: i risultati dell Indagine Conoscitiva Teleriscaldamento a biomasse: i risultati dell Indagine Conoscitiva Fabio Massimo Esposito (*) Direzione Energia e Industria di Base, Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Convegno Annuale FIPER,

Dettagli

Modelli e politiche di valorizzazione energetica degli edifici

Modelli e politiche di valorizzazione energetica degli edifici Modelli e politiche di valorizzazione energetica degli edifici Gianluca Ruggieri Dipartimento di Scienze Teoriche e Applicate DiSTA Uninsubria Brescia, Scuola Edile Bresciana 9 maggio 2013 La dipendenza

Dettagli

Le potenzialità economiche della microcogenerazione: aspetti normativi ed economici

Le potenzialità economiche della microcogenerazione: aspetti normativi ed economici Le potenzialità economiche della microcogenerazione: aspetti normativi ed economici La micro cogenerazione cogenerazione: : produzione combinata di elettricità e calore Un micro cogeneratore è un sistema

Dettagli

Latina 23 Giugno 2014

Latina 23 Giugno 2014 Latina 23 Giugno 2014 ORDINE DEGLI INGEGNERI DI LATINA Cogenerazione: incentivi e normative: opportunità, vincoli, stato dell arte e sviluppi del settore UN PROGRAMMA COMPLETO Viessmann Werke UN PROGRAMMA

Dettagli

MICRO COGENERAZIONE CAR e INCENTIVI

MICRO COGENERAZIONE CAR e INCENTIVI Technical Day MICRO COGENERAZIONE CAR e INCENTIVI FAENZA 26 MARZO 2015 Ing. Michele Balducci michele.balducci@studioseta.it COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Fonte: Rapporto statistico sulla cogenerazione,

Dettagli

Potenza efficiente Produzione lorda di lorda energia elettrica. Figura 1: situazione degli impianti di cogenerazione nel 2005 (fonti GSE e Terna).

Potenza efficiente Produzione lorda di lorda energia elettrica. Figura 1: situazione degli impianti di cogenerazione nel 2005 (fonti GSE e Terna). Scheda D Analisi e valutazioni relative al decreto legislativo 8 febbraio 2007, n. 20 di attuazione della Direttiva 2004/8/CE del Parlamento europeo e del Consiglio e altre norme in materia di cogenerazione

Dettagli

Guida per realizzare un impianto di teleriscaldamento. Opuscolo tecnico

Guida per realizzare un impianto di teleriscaldamento. Opuscolo tecnico Guida per realizzare un impianto di teleriscaldamento Opuscolo tecnico Che cos è il teleriscaldamento Il Gruppo Hera, una delle più importanti multiutility italiane che opera nei servizi dell ambiente,

Dettagli

MIGLIORA LA TUA ENERGIA EFFICIENZA E RISPARMIO

MIGLIORA LA TUA ENERGIA EFFICIENZA E RISPARMIO MIGLIORA LA TUA ENERGIA EFFICIENZA E RISPARMIO EFFICIENZA ENERGETICA Utilizzare le risorse energetiche e idriche in modo corretto e responsabile, ridurre gli sprechi e le perdite, ottimizzare il ciclo

Dettagli

Guida alla lettura delle bollette del teleriscaldamento per uso domestico. Quartiere Giardino (Modena)

Guida alla lettura delle bollette del teleriscaldamento per uso domestico. Quartiere Giardino (Modena) Guida alla lettura delle bollette del teleriscaldamento per uso domestico Quartiere Giardino (Modena) Sommario Acqua calda Il calcolo degli importi per l acqua calda Acqua calda singole unità Acqua calda

Dettagli

ISTITUTI RELIGIOSI BENEFICI ECONOMICI DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO

ISTITUTI RELIGIOSI BENEFICI ECONOMICI DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO C.N.E.C. CENTRO NAZIONALE ECONOMI DI COMUNITA 00167 ROMA VIA CARDINAL MASTRANGELO, 59 TELEFONO 06.66.04.33.73 FAX AUTOMATICO 06.66.04.28.83 ADERENTE ALLA CONSULTA NAZIONALE DELLE AGGREGAZIONI LAICALI e-mail:

Dettagli

F. Fortuna A. Montanaro. con noi. plus IN AZIENDA. Economia aziendale per il primo biennio Istituti tecnici settore economico

F. Fortuna A. Montanaro. con noi. plus IN AZIENDA. Economia aziendale per il primo biennio Istituti tecnici settore economico F. Fortuna A. Montanaro con noi IN AZIENDA plus Economia aziendale per il primo biennio Istituti tecnici settore economico Aggiornato alle Linee Guida sommario sommario sommario sommario sommario sommario

Dettagli

Normativa LEGGI, DELIBERE E REGOLAMENTI REGIONALI. DIRETTIVA 2012/27/UE del 25 ottobre 2012 sull efficienza energetica nell Unione Europea

Normativa LEGGI, DELIBERE E REGOLAMENTI REGIONALI. DIRETTIVA 2012/27/UE del 25 ottobre 2012 sull efficienza energetica nell Unione Europea NORMATIVA Release 01/03/2015 LEGGI, DELIBERE E REGOLAMENTI REGIONALI Il D.P.R. 59, la Direttiva 2012/27/UE e i regolamenti regionali attualmente in vigore, dove esistenti, prevedono che l installazione

Dettagli

1) Seguendo l'approccio LCCA, come possono essere suddivisi i costi associati ad un motore elettrico:

1) Seguendo l'approccio LCCA, come possono essere suddivisi i costi associati ad un motore elettrico: 10 QM I 5 1) Seguendo l'approccio LCCA, come possono essere suddivisi i costi associati ad un motore elettrico: 75% en. consumata; 22,3% costo d'acquisto; 2,3% costi di manutenzione 80% en. consumata;

Dettagli

ENERGIA CHECK-UP. energetico CASA. I love my. house. Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa

ENERGIA CHECK-UP. energetico CASA. I love my. house. Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa CHECK-UP energetico CASA I love my house Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa Livello globale di efficienza energetica Esistono diverse soluzioni tecniche per

Dettagli

www.termal.it TERMAL ZEB. LE PROPOSTE AL MONDO EDILE PER REALIZZARE EDIFICI ENERGETICAMENTE AUTOSUFFICIENTI.

www.termal.it TERMAL ZEB. LE PROPOSTE AL MONDO EDILE PER REALIZZARE EDIFICI ENERGETICAMENTE AUTOSUFFICIENTI. www.termal.it TERMAL ZEB. LE PROPOSTE AL MONDO EDILE PER REALIZZARE EDIFICI ENERGETICAMENTE AUTOSUFFICIENTI. MINDFUL. MOVING. MODERN. Quando si effettua una scelta si cambia il futuro. Deepak Chopra CHI

Dettagli

CERTIFICATI BIANCHI:

CERTIFICATI BIANCHI: Divisione CERTIFICATI BIANCHI: UNO STRUMENTO PER FINANZIARE L EFFICIENZA ENERGETICA Ing. Alessio Schiavon Edilvi spa Divisione ESCO schiavon@edilvi.it Forum Green Economy 2014 Roma, 4/5 giugno 2014 EDILVI

Dettagli

Microcogenerazione. Cogenerazione

Microcogenerazione. Cogenerazione Microcogenerazione Ing. Emilio Ghiani Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica Università di Cagliari Cogenerazione Cogenerazione: generazione simultanea in un unico processo di energia termica

Dettagli

www.termal.it TERMAL ZEB. LE PROPOSTE AL MONDO EDILE PER REALIZZARE EDIFICI ENERGETICAMENTE AUTOSUFFICIENTI.

www.termal.it TERMAL ZEB. LE PROPOSTE AL MONDO EDILE PER REALIZZARE EDIFICI ENERGETICAMENTE AUTOSUFFICIENTI. www.termal.it TERMAL ZEB. LE PROPOSTE AL MONDO EDILE PER REALIZZARE EDIFICI ENERGETICAMENTE AUTOSUFFICIENTI. LA RIVOLUZIONE ENERGETICA è un processo in atto in tutto il mondo. Herman Van Rompuy, Presidente

Dettagli

Termotecnica Pompe di Industriale

Termotecnica Pompe di Industriale Termotecnica Pompe di Industriale Calore Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile TECNOLOGIA A POMPA DI CALORE Milano, 24/05/2013 C.R. ENEA di CASACCIA Referente

Dettagli

Indice. Obiettivi dello studio. Premesse generali. Il metodo. Analisi delle utenze. Analisi dei sistemi produttivi

Indice. Obiettivi dello studio. Premesse generali. Il metodo. Analisi delle utenze. Analisi dei sistemi produttivi Workshop AEEG Sviluppo della generazione diffusa in Italia Analisi tecnico-economica delle modalità di gestione dell'energia nei contesti urbani ed industriali Milano 30-04-2009 Indice 2 2 Obiettivi dello

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA PER L'AMBIENTE E IL TERRITORIO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE TESI DI LAUREA ANALISI

Dettagli

Valvole termostatiche per termosifoni

Valvole termostatiche per termosifoni Valvole termostatiche per termosifoni La valvola termostatica è un dispositivo, che installato sui radiatori (termosifoni), permette di regolare il flusso di acqua calda. In base alla temperatura che si

Dettagli

LA GENERAZIONE COMBINATA DI ENERGIA ELETTRICA E CALORE

LA GENERAZIONE COMBINATA DI ENERGIA ELETTRICA E CALORE LA GENERAZIONE COMBINATA DI ENERGIA ELETTRICA E CALORE Per soddisfare i fabbisogni di energia elettrica e termica si può pensare ad una fornitura che prevede il ricorso a due servizi distinti oppure attraverso

Dettagli

CERTIFICATI BIANCHI e EFFICIENZA ENERGETICA requisiti - potenziali - esempi pratici

CERTIFICATI BIANCHI e EFFICIENZA ENERGETICA requisiti - potenziali - esempi pratici CERTIFICATI BIANCHI e EFFICIENZA ENERGETICA requisiti - potenziali - esempi pratici Bolzano 28.03.2015 sulla strada dell efficienza energetica Molti concetti! Energia sostenibile Energy Management Aziendale

Dettagli

Consulenza e Gestione TEE - Generare valore economico dall efficienza energetica

Consulenza e Gestione TEE - Generare valore economico dall efficienza energetica JPE2010 ha ottenuto la certificazione secondo la UNI CEI 11352, la norma italiana che stabilisce i requisiti per le società che svolgono il ruolo di Energy Service Company Jpe 2010 S.c.r.l. E.S.Co. Via

Dettagli

D.B.S. PROGETTI I SISTEMI IBRIDI A POMPA DI CALORE

D.B.S. PROGETTI I SISTEMI IBRIDI A POMPA DI CALORE I SISTEMI IBRIDI A POMPA DI CALORE Integrare pompa di calore ad aria e caldaia in un unico sistema di riscaldamento può portare a drastiche riduzioni dei consumi di energia primaria. Un sistema di controllo

Dettagli

Complessi ricettivi-alberghieri Case di cura Complessi produttivi Complessi sportivi

Complessi ricettivi-alberghieri Case di cura Complessi produttivi Complessi sportivi Progetti di ristrutturazione energetica con impianti di Cogenerazione e Trigenerazione ad alto rendimento di Complessi ricettivi-alberghieri Case di cura Complessi produttivi Complessi sportivi STUDIO

Dettagli

Energia elettrica o metano? Confronto economico tra due diverse fonti energetiche

Energia elettrica o metano? Confronto economico tra due diverse fonti energetiche Articolo pubblicato da Michele Vio su da, marzo 2002 E più conveniente utilizzare il metano o l energia elettrica per la climatizzazione dell aria? E una domanda di difficile risposta, perché le variabili

Dettagli

Il fabbisogno di acqua calda. E = 1.16 V dt (Wh) (es: vasca da bagno di 160 l scaldata di 30 C assorbe 5.56 kwh)

Il fabbisogno di acqua calda. E = 1.16 V dt (Wh) (es: vasca da bagno di 160 l scaldata di 30 C assorbe 5.56 kwh) Il fabbisogno di acqua calda Il fabbisogno di acqua calda si valuta in termini energetici per scaldare 1 l di acqua di 1 C occorrono 1.16 Wh determinato il volume di acqua da scaldare (V in litri) e l'innalzamento

Dettagli

APPLICAZIONI IMPIANTISTICHE dott. ing. Luca Micheletti

APPLICAZIONI IMPIANTISTICHE dott. ing. Luca Micheletti APPLICAZIONI IMPIANTISTICHE dott. ing. Luca Micheletti PERCHE LE POMPE DI CALORE A SERVIZIO DEGLI IMPIANTI SONO RITENUTE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI? In una centrale termoelettrica bruciando circa 2,5

Dettagli

TELERIMBORSATI 1. RIMBORSO 2. RIDUZIONE DELLE TARIFFE OBIETTIVO

TELERIMBORSATI 1. RIMBORSO 2. RIDUZIONE DELLE TARIFFE OBIETTIVO TELERIMBORSATI OBIETTIVO 1. RIMBORSO 2. RIDUZIONE DELLE TARIFFE 1 COMMISSIONE DEL 3/11/2014 Fonti slide HERA commissione del 3/11/2014 75 % 61,7% 75% 38% La Tariffa Le tariffe teleriscaldamento applicate

Dettagli

Art. 1 "A partire dal 1 giugno 2014, gli impianti termici sono muniti di un libretto di impianto per la climatizzazione"

Art. 1 A partire dal 1 giugno 2014, gli impianti termici sono muniti di un libretto di impianto per la climatizzazione Art. 1 "A partire dal 1 giugno 2014, gli impianti termici sono muniti di un libretto di impianto per la climatizzazione" QUESITO N. 2 Quali impianti devono essere muniti del libretto? Ad esempio se ho

Dettagli

2) Quale unità di misura si utilizza per misurare il consumo di fonti primarie di energia?

2) Quale unità di misura si utilizza per misurare il consumo di fonti primarie di energia? 28 QM 4 1) Non è una tecnologia di cogenerazione: Turbina a vapore con spillamento di vapore Turbina a vapore in contropressione Ciclo combinato gas-vapore Motore alternativo con recupero sui gas di scarico

Dettagli

menoenergia LE ENERGIE RINNOVABILI DEFINITE DAL DLgS 28/3/2011 MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE BUSINESS CASE

menoenergia LE ENERGIE RINNOVABILI DEFINITE DAL DLgS 28/3/2011 MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE BUSINESS CASE LE ENERGIE RINNOVABILI DEFINITE DAL DLgS 28/3/2011 menoenergia MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE BUSINESS CASE 1 LE COSA LE ENERGIE RICHIESTE E UNA COSA RINNOVABILI POMPA DI E RINNOVABILE

Dettagli

3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali. Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano

3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali. Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano 3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano PERCHE LA COGENERAZIONE? È la produzione combinata di calore e di

Dettagli

Energy management. Il ruolo dell energy manager attraverso lo studio di un caso reale

Energy management. Il ruolo dell energy manager attraverso lo studio di un caso reale Energy management Il ruolo dell energy manager attraverso lo studio di un caso reale Obiettivo dell energy manager Ottimizzare dal punto di vista energetico economico i consumi della propria azienda, sia

Dettagli

Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Dal 1 gennaio 2003, i clienti

Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Dal 1 gennaio 2003, i clienti Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Mercato libero Dal 1 gennaio 2003, i clienti possono liberamente scegliere da quale fornitore

Dettagli

L energia geotermica

L energia geotermica Sistemi geotermici: l'energia naturale 20156 MILANO - Via B. De Rolandi, 7 Tel. 02.39273134-39200007 Fax 02.39200007 - E-mail: soildata@soildata.it - C.F. e P.IVA 11425920151 L energia geotermica Per il

Dettagli

A.O. Ospedale di Circolo di Busto Arsizio Piazza Solaro 3 21052 BUSTO ARSIZIO (VA)

A.O. Ospedale di Circolo di Busto Arsizio Piazza Solaro 3 21052 BUSTO ARSIZIO (VA) Il Direttore Generale Dott. ARMANDO GOZZINI Il Responsabile del Procedimento e Responsabile Ufficio Tecnico Dott. Ing. MASSIMILIANO MASTROIANNI I Progettisti Dott. Ing. Giancarlo Cerveglieri Dott. Arch.

Dettagli

Edifici ad alte prestazioni energetiche

Edifici ad alte prestazioni energetiche Edifici ad alte prestazioni energetiche Gli edifici della residenza il Sole sono progettati e costruiti secondo i più moderni standard in fatto di risparmio energetico e sfruttamento delle energie rinnovabili,

Dettagli

Attualità dei sistemi ibridi a pompa di calore

Attualità dei sistemi ibridi a pompa di calore TECNOLOGIA Attualità dei sistemi ibridi a pompa di calore Integrare pompa di calore ad aria e caldaia in un unico sistema di riscaldamento può portare a drastiche riduzioni dei consumi di energia primaria.

Dettagli

RIDUZIONE DEI COSTI ENERGETICI PER GLI IMPIANTI SPORTIVI Ancona, 8 Ottobre 2010

RIDUZIONE DEI COSTI ENERGETICI PER GLI IMPIANTI SPORTIVI Ancona, 8 Ottobre 2010 RIDUZIONE DEI COSTI ENERGETICI PER GLI IMPIANTI SPORTIVI Ancona, 8 Ottobre 2010 Procedure di controllo tecnico amministrativo ai fini della verifica della giusta spesa energetica e della corretta conduzione

Dettagli

IL GLOSSARIO DELLA BOLLETTA

IL GLOSSARIO DELLA BOLLETTA IL GLOSSARIO DELLA BOLLETTA Il Glossario della bolletta è uno strumento per semplificare e facilitare la comprensione dei termini più utilizzati nelle bollette. E diviso in tre sezioni: il Quadro sintetico;il

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE 1 SEMESTRE 2014

CORSI DI FORMAZIONE 1 SEMESTRE 2014 CORSI DI FORMAZIONE 1 SEMESTRE 2014 Personale La iscalità nei rapporti con i dipendenti Gestire al meglio le relazioni industriali in azienda Programmazione e controllo Il bilancio d esercizio: vademecum

Dettagli

D.P.R. n. 74/2013. Impianti termici: Esercizio e manutenzione; Controlli di efficienza energetica; Accertamenti ed ispezioni

D.P.R. n. 74/2013. Impianti termici: Esercizio e manutenzione; Controlli di efficienza energetica; Accertamenti ed ispezioni D.P.R. n. 74/2013 Impianti termici: Esercizio e manutenzione; Controlli di efficienza energetica; Accertamenti ed ispezioni Domenico Prisinzano ENEA CCEI Sicilia Milano, 03 giugno 2014 Ing. Domenico Prisinzano

Dettagli

ENEA. Ufficio Territoriale Regione Marche. LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74

ENEA. Ufficio Territoriale Regione Marche. LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74 LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74 ENEA UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA Ufficio Territoriale Regione Marche Ufficio Territoriale Regione Marche Palazzo Leopardi

Dettagli

Quanto consuma la nostra casa?

Quanto consuma la nostra casa? Quanto consuma la nostra casa? La bolletta del gas naturale 1 SINTESI 2 DETTAGLIO 3 COMUNICAZIONI LA BOLLETTA PREVALENTEMENTE E COMPOSTA DA TRE PARTI TIPO DI MERCATO POTERE CALORIFICO = Quanto calore contiene

Dettagli

Contabilizzazione del calore

Contabilizzazione del calore 14 Contabilizzazione del calore La nuova UNI 10200 Lo scorso febbraio è stata pubblicata la UNI 10200, norma tecnica dal titolo Impianti termici centralizzati di climatizzazione invernale e produzione

Dettagli

Cogenerazione e teleriscaldamento urbano a Mirandola

Cogenerazione e teleriscaldamento urbano a Mirandola Cogenerazione e teleriscaldamento urbano a Mirandola IL TELERISCALDAMENTO Il teleriscaldamento è una soluzione del servizio di riscaldamento per edifici residenziali ed industriali basata su un fluido

Dettagli

GLOSSARIO BOLLETTE GAS QUADRO SINTETICO

GLOSSARIO BOLLETTE GAS QUADRO SINTETICO GLOSSARIO BOLLETTE GAS Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) che intende rendere più comprensibili i termini utilizzati nelle bollette di

Dettagli

COMPLESSO SCOLASTICO VALUSSI, UDINE ANALISI DELLE CRITICITA DI INVOLUCRO E IMPIANTO

COMPLESSO SCOLASTICO VALUSSI, UDINE ANALISI DELLE CRITICITA DI INVOLUCRO E IMPIANTO COMPLESSO SCOLASTICO VALUSSI, UDINE ANALISI DELLE CRITICITA DI INVOLUCRO E IMPIANTO 1 PROJECT WORK 1 REPORT RACCOLTA DATI Dati generali: Ubicazione dell edificio: via Francesco Petrarca n 19, Udine Anno

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Città di Saronno (Varese) TELERISCALDAMENTO CITTADINO. Aspetti normativi, energetici ed ambientali. Sintesi

Città di Saronno (Varese) TELERISCALDAMENTO CITTADINO. Aspetti normativi, energetici ed ambientali. Sintesi Città di Saronno (Varese) TELERISCALDAMENTO CITTADINO Aspetti normativi, energetici ed ambientali Sintesi Saronno 11/03/2013 Redatto da : Andrea Bauchiero ABSE STUDIO srl Cos è il teleriscaldamento (TLR)

Dettagli

Cogenerazione. UNIVERSITA DI FIRENZE Facoltà di Ingegneria. Dipartimento di Energetica S.Stecco Sezione di Macchine

Cogenerazione. UNIVERSITA DI FIRENZE Facoltà di Ingegneria. Dipartimento di Energetica S.Stecco Sezione di Macchine Cogenerazione La cogenerazione di energia elettrica e calore è considerata come una delle forme più efficaci di risparmio energetico Gran parte dell'energia termica viene utilizzata a temperature relativamente

Dettagli

Termotecnica Pompe di Industriale

Termotecnica Pompe di Industriale Termotecnica Pompe di Industriale Calore QUARTA CONFERENZA SULL EFFICIENZA ENERGETICA Milano, 24/05/2012 Il ruolo delle pompe di calore alla luce degli obiettivi al 2020 e dell attuale situazione economica

Dettagli

I sistemi di incentivazione: finalità, funzionamento, efficacia, proposte

I sistemi di incentivazione: finalità, funzionamento, efficacia, proposte I sistemi di incentivazione: finalità, funzionamento, efficacia, proposte Daniela Vazio (RIE) I dati contenuti nella presentazione si riferiscono a metà novembre 2009 1 Introduzione Alcuni spunti di riflessione

Dettagli

TARIFFA D1. Tariffa elettrica speciale per pompe di calore

TARIFFA D1. Tariffa elettrica speciale per pompe di calore TARIFFA D1 Tariffa elettrica speciale per pompe di calore DELIBERA AEEG 607/2013/R/EEL Lo scorso 23/12 l AEEG ha emesso una delibera relativa al rilascio di una nuova tariffa di rete per la fornitura di

Dettagli

elettricità il quadro sintetico della bolletta Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale

elettricità il quadro sintetico della bolletta Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale IL Glossario della bolletta L Autorità per l energia ha reso disponibile per tutti i clienti finali di energia elettrica, alimentati in bassa tensione, e di gas, con consumi fino a 200.000 standard metro

Dettagli

PRESTAZIONI TERMICHE DI INFISSI IN LEGNO: ANALISI NUMERICA E RISULTATI SPERIMENTALI

PRESTAZIONI TERMICHE DI INFISSI IN LEGNO: ANALISI NUMERICA E RISULTATI SPERIMENTALI XXVIII Congresso UIT sulla Trasmissione del Calore Brescia, -3 Giugno PRESTAZIONI TERMICHE DI INFISSI IN LEGNO: ANALISI NUMERICA E RISULTATI SPERIMENTALI R. Mariani*, E. Moretti*, M. Barbanera* * Dipartimento

Dettagli

CONVEGNO :COGENERAZIONE processi, applicazioni, agevolazioni e risparmi comonext 27/03/2014

CONVEGNO :COGENERAZIONE processi, applicazioni, agevolazioni e risparmi comonext 27/03/2014 CONVEGNO :COGENERAZIONE processi, applicazioni, agevolazioni e risparmi comonext 27/03/2014 ENERGY 4 YOU SRL La Storia Energy 4 You è una società fondata nel 2005 e attiva nella vendita di energia elettrica

Dettagli

L'innovazione che fa la differenza

L'innovazione che fa la differenza L'innovazione che a la dierenza le opportunità oerte dall'impianto elettrico evoluto all'edilizia moderna Hotel Salerno 17 APRILE 2008 Domotica e Risparmio Energetico AIGRENE srl Azienda di Ingegneria

Dettagli

GLOSSARIO Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale

GLOSSARIO Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale GLOSSARIO Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di energia elettrica (alimentati in Bassa tensione) e di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) per rendere più comprensibili i termini

Dettagli

menoenergia IMPIANTI PER IL RISCALDAMENTO

menoenergia IMPIANTI PER IL RISCALDAMENTO menoenergia IMPIANTI PER IL RISCALDAMENTO Il riscaldamento degli edifici avviene tradizionalmente mediante impianti di combustione ( gas metano, gasolio, carbone ). Recentemente sono stati introdotti sistemi

Dettagli

Risultati Gara Calore NOVEMBRE 2014

Risultati Gara Calore NOVEMBRE 2014 NOVEMBRE 2014 1 Perché dobbiamo riqualificare? 2 Obiettivi della gara calore 3 Selezione soluzione tecnica 4 Selezione azienda 5 Contratto offerto 6 Alternative 1.Perché dobbiamo riqualificare? Perché

Dettagli

Caldaia a condensazione e pompa di calore

Caldaia a condensazione e pompa di calore 065_TER_gen_magri:46-48_TER_mar_profilo 8-02-2010 12:51 Pagina 65 efficienza energetica 65 C. Di Perna, G. Magri Caldaia a condensazione e pompa di calore confronto delle prestazioni stagionali Come ben

Dettagli

Indice Errore. Il segnalibro non è definito.

Indice Errore. Il segnalibro non è definito. COGENERAZIONE Indice 1. Definizione e normativa di riferimento... 3 1.1. Indice di risparmio di energia (IRE):... 4 1.2. Limite termico (LT):... 4 2. Descrizione generale degli impianti di cogenerazione...

Dettagli

MODULI TECHEM PER LA CONTABILIZZAZIONE DEI CONSUMI NEGLI IMPIANTI IDROTERMOSANITARI CENTRALIZZATI

MODULI TECHEM PER LA CONTABILIZZAZIONE DEI CONSUMI NEGLI IMPIANTI IDROTERMOSANITARI CENTRALIZZATI MODULI TECHEM PER LA CONTABILIZZAZIONE DEI CONSUMI NEGLI IMPIANTI IDROTERMOSANITARI CENTRALIZZATI Premessa: il riscaldamento nei condomini Negli ultimi decenni, anche grazie alla diffusione del gas metano,

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini: - La detrazione fiscale del 55% per rinnovabili e risparmio energetico nelle abitazioni - Il Conto Energia per il Fotovoltaico - La tariffa omnicomprensiva e i certificati

Dettagli

Kit integrazione solare

Kit integrazione solare Per il tecnico abilitato Istruzioni per l'installazione Kit integrazione solare N. art. 0020095736 IT Indice Avvertenze sulla documentazione Indice Avvertenze sulla documentazione...2 Avvertenze per la

Dettagli

Analisi dell applicazione di impianti trigenerativi e riduzione delle emissioni di CO2 per i Campus di Bovisa del Politecnico di Milano

Analisi dell applicazione di impianti trigenerativi e riduzione delle emissioni di CO2 per i Campus di Bovisa del Politecnico di Milano 24 maggio 2016 Giornate della Sostenibilità Analisi dell applicazione di impianti trigenerativi e riduzione delle emissioni di CO2 per i Campus di Bovisa del Politecnico di Milano Tesi di laurea di: Alessia

Dettagli

Capitolo III. La normativa comunitaria. 3.1 Introduzione. Capitolo III

Capitolo III. La normativa comunitaria. 3.1 Introduzione. Capitolo III Capitolo III La normativa comunitaria 3.1 Introduzione La promozione della cogenerazione a livello comunitario è stata oggetto di provvedimenti fin dalla metà degli anni 90; tuttavia l armonizzazione della

Dettagli

Il futuro della distribuzione del gas naturale in Italia: Le gare d ambito. 04 Dicembre 2012

Il futuro della distribuzione del gas naturale in Italia: Le gare d ambito. 04 Dicembre 2012 Il futuro della distribuzione del gas naturale in Italia: Le gare d ambito Uno sforzo comune per un servizio migliore 04 Dicembre 2012 Focus Quadro normativo Procedura di gara Preparazione Svolgimento

Dettagli

ENERGIA DETRAZIONI E CONTRIBUTI ASPETTI FISCALI

ENERGIA DETRAZIONI E CONTRIBUTI ASPETTI FISCALI ENERGIA DETRAZIONI E CONTRIBUTI ASPETTI FISCALI Convegno negli edifici produttivi e terziari esistenti: il ruolo della progettazione integrata tecnico/economica 30 Settembre 2010 Rag. Antonella Carati

Dettagli

Distacco dall' impianto di riscaldamento centralizzato

Distacco dall' impianto di riscaldamento centralizzato Note a cura dell'architetto Paolo Cortesi Socio ANACI 15831 uffici: via Bulgaria, 36-00196 Roma amministrazione: via di S. Maria dell'anima, 55-00186 Roma telefono: 06 393.66.577 - mobile: 335 611.33.77

Dettagli

nuovi libretti di impianto in vigore dal 15 Ottobre 2014

nuovi libretti di impianto in vigore dal 15 Ottobre 2014 I nuovi libretti di impianto in vigore dal 15 Ottobre 2014 nutenzione di cui necessita l'impianto da loro installato o in manutenzione, per garantire la sicurezza delle persone e delle cose; b. con quale

Dettagli

POMPE DI CALORE A.C.S.

POMPE DI CALORE A.C.S. GUIDA PRATICA POMPE DI CALORE A.C.S. Sintesi delle cose da sapere Rev. 02 06 Nov. 2013 Pagina : 1/6 Pompe di Calore per Acqua Calda Sanitaria (ACS) Generalità Le pompe di calore per Acqua Calda Sanitaria

Dettagli

Certificati bianchi e cogenerazione industriale

Certificati bianchi e cogenerazione industriale 31_TER_giu_iora-chiesa 31-05-2007 11:50 Pagina 31 di P. Iora, P. Chiesa Certificati bianchi e industriale Due casi concreti Nomenclatura E EL energia elettrica prodotta annualmente dal cogeneratore F COG

Dettagli

Impianto Solare Termico

Impianto Solare Termico Impianto Solare Termico La ING DG&R è in grado di progettare, fornire e realizzare impianti solari termici di qualsiasi dimensione, con accesso agli incentivi del Conto Energia Termico. A titolo di esempio

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO: UN GRANDE VALORE CON UN PICCOLO INVESTIMENTO

RISPARMIO ENERGETICO: UN GRANDE VALORE CON UN PICCOLO INVESTIMENTO RISPARMIO ENERGETICO: UN GRANDE VALORE CON UN PICCOLO INVESTIMENTO Contributi fino al 65% destinati alle imprese trentine che decidono di investire nei settori dell efficienza energetica e dell energia

Dettagli

IMPIANTI SOLARI TERMICI

IMPIANTI SOLARI TERMICI Bolzano, 10.10.2008 IMPIANTI SOLARI TERMICI IN QUALI CASI CONVENGONO E QUALI RISPARMI CONSENTONO? Energytech S.r.l. Dott. Ing. Georg Felderer Dott. Ing. Norbert Klammsteiner Via Negrelli 13-39100 Bolzano

Dettagli

Hera SpA - Teleriscaldamento. Analisi tariffaria del servizio di TLR per la Città di Ferrara

Hera SpA - Teleriscaldamento. Analisi tariffaria del servizio di TLR per la Città di Ferrara Advisory - Strategy Hera SpA - Teleriscaldamento Analisi tariffaria del servizio di TLR per la Città di Ferrara AVVISO Importanti informazioni destinate a qualsivoglia soggetto che non sia stato autorizzato

Dettagli

COGENERAZIONE E TRIGENERAZIONE A GAS

COGENERAZIONE E TRIGENERAZIONE A GAS COGENERAZIONE E TRIGENERAZIONE A GAS Risparmio energetico attraverso la realizzazione di impianti per la produzione di energia termica/frigorifera ed elettrica 1 Cogenerazione e Trigenerazione La cogenerazione

Dettagli

La convenienza economica di produrre energia termica con il legno

La convenienza economica di produrre energia termica con il legno La convenienza economica di produrre energia termica con il legno Vittorio Rossi Compagnia delle Foreste Arezzo vittoriorossi@compagniadelleforeste.it Combustibili a confronto Tipo di combustibil e Prezzo

Dettagli

CONSIDERAZIONI E PROPOSTE RELATIVE AL

CONSIDERAZIONI E PROPOSTE RELATIVE AL AUDIZIONE PRESSO LE COMMISSIONI 6 a E 10 a DEL SENATO 18 GIUGNO 2013 CONSIDERAZIONI E PROPOSTE RELATIVE AL DDL CONVERSIONE DECRETO LEGGE N. 63/2013 RECANTE RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2010/31/UE DEL PARLAMENTO

Dettagli

Istruzioni per la compilazione della scheda

Istruzioni per la compilazione della scheda Istruzioni per la compilazione della scheda Chi deve compilare la scheda? Solo i responsabili delle comunicazioni statistiche degli impianti appartenenti alle seguenti tipologie: Fotovoltaici e termodinamici

Dettagli

Modulo 10 Impianti per la cogenerazione di energia

Modulo 10 Impianti per la cogenerazione di energia Corso di Impianti Meccanici Laurea Triennale Modulo 10 Impianti per la cogenerazione di energia Prof. Ing. Cesare Saccani Prof. Ing. Augusto Bianchini Dott. Ing. Marco Pellegrini Dott. Ing. Michele Gambuti

Dettagli

POMPE DI CALORE. Riscaldamento, produzione ACS istantanea e Raffrescamento con pompe di calore abbinate a un impianto fotovoltaico

POMPE DI CALORE. Riscaldamento, produzione ACS istantanea e Raffrescamento con pompe di calore abbinate a un impianto fotovoltaico POMPE DI CALORE La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia termica da una sorgente a temperatura più bassa ad una sorgente a temperatura più alta o viceversa. Questi dispositivi permettono

Dettagli

Consulenza e Gestione TEE Generare valore economico dall efficienza energetica

Consulenza e Gestione TEE Generare valore economico dall efficienza energetica Consulenza e Gestione TEE Generare valore economico dall efficienza energetica Chi siamo Siamo una società dinamica e flessibile con esperienza pluriennale nel settore delle energie rinnovabili. La nostra

Dettagli

CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO. Museo del Patrimonio Industriale 7 marzo 2014 - BOLOGNA

CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO. Museo del Patrimonio Industriale 7 marzo 2014 - BOLOGNA CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Museo del Patrimonio Industriale 7 marzo 2014 - BOLOGNA Ottenere e valorizzare i Certificati Bianchi per i propri progetti di Efficienza Energetica

Dettagli

Ordine degli Architetti P. P. e C. della Provincia di Bergamo

Ordine degli Architetti P. P. e C. della Provincia di Bergamo Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER ENERGY MANAGERS ( ai sensi della Legge 10/91, art. 19) SETTORE:

Dettagli

PROGRAMMA COGENERAZIONE Tecnologia Consulenza Installazione - Servizio

PROGRAMMA COGENERAZIONE Tecnologia Consulenza Installazione - Servizio PROGRAMMA COGENERAZIONE Tecnologia Consulenza Installazione - Servizio .. RefComp S.p.A. Thermokey S.p.A. Solarkey Srl. Shanghai Brasil Shanghai Deutschland Shareholding ( 33% ) Stabilimento Lonigo 20.000m²

Dettagli

Dalla terra l energia ecologica per il comfort ambientale

Dalla terra l energia ecologica per il comfort ambientale Dalla terra l energia ecologica per il comfort ambientale EDILCUSIO s.r.l. da sempre in prima linea nelle soluzioni innovative costruisce ed edifica nel pieno rispetto dell ambiente Gli appartamenti sono

Dettagli

GLOSSARIO. Allegato A

GLOSSARIO. Allegato A Allegato A GLOSSARIO Elettricità Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Mercato libero Dal 1 luglio 2007 il mercato dell energia è

Dettagli

Detrazioni fiscali. -Ristrutturazione edilizia (50%) -Riqualificazione energetica (65%)

Detrazioni fiscali. -Ristrutturazione edilizia (50%) -Riqualificazione energetica (65%) Detrazioni fiscali -Ristrutturazione edilizia (50%) -Riqualificazione energetica (65%) Interventi di carattere impiantistico -50%- Manutenzione ordinaria: Opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione

Dettagli