INFORMATIVE SPESE PER ADOZIONE DI MINORI STRANIERI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INFORMATIVE SPESE PER ADOZIONE DI MINORI STRANIERI"

Transcript

1 Servizio SEAC S.p.A. - Trento - Via Solteri, 7 Internet: - Tel Fax 06/ maggio 05 Informativa n. SPESE PER ADOZIONE DI MINORI STRANIERI Nella Informativa che segue si analizza la disciplina agevolativa che consente di dedurre dal proprio reddito il 50% delle spese sostenute per l espletamento delle procedure di adozione di minori stranieri. Per fruire del beneficio il contribuente deve rispettare una serie di condizioni: da ultimo, la Circolare Agenzia delle Entrate aprile 05, n. 7, si è pronunciata definendo le modalità di ripartizione delle spese tra i coniugi. EDITORIA FISCALE

2 Informativa n. INFORMATIVA N. DATA Settore: Oggetto: Riferimenti: DICHIARAZIONI Spese per adozione di minori stranieri Circolare aprile 05, n. 7; Risoluzioni Agenzia delle Entrate maggio 00, n. 77 e maggio 000, n. 55. La disciplina che prevede la deducibilità delle spese sostenute dai genitori adottivi per l espletamento delle procedure di adozione di minori stranieri risulta particolarmente articolata. L esame delle condizioni necessarie a garantire l agevolazione deve tener conto di quanto precisato dall Agenzia delle Entrate con apposite Circolari e Risoluzioni, e, da ultimo con la Circolare aprile 05, n. 7 relativamente alla ripartizione delle spese sostenute da ciascun coniuge. Ai sensi dell articolo 0, comma, lett. l-bis), TUIR, sono deducibili dal reddito complessivo: l-bis) il cinquanta per cento delle spese sostenute dai genitori adottivi per l espletamento della procedura di adozione disciplinata dalle disposizioni contenute nel Capo I del Titolo III della Legge maggio 9, n.. Si noti che il Capo I del Titolo III della Legge maggio 9, n. (a cui il TUIR fa espresso riferimento) è rubricato Dell adozione di minori stranieri ; ciò significa che le disposizioni di seguito commentate non sono applicabili alle adozioni di minori italiani. CONDIZIONI NECESSARIE Condizione fondamentale affinché possano essere considerate deducibili le tipologie di oneri di cui sopra, è che la procedura di adozione sia stata curata da un Ente autorizzato, ovvero appartenente all apposito Albo approvato dalla Commissione per le adozioni internazionali della Presidenza del Consiglio dei Ministri, con Delibera ottobre 000 e successive modificazioni. ATTENZIONE: L elenco degli Enti autorizzati all espletamento delle procedure di adozione di minori stranieri, costantemente aggiornato, è reperibile anche sul sito internet www. commissioneadozioni.it. Inoltre, con Risoluzione maggio 00, n. 77, l Agenzia delle Entrate ha chiarito che la deducibilità spetta per le spese sostenute dagli aspiranti genitori adottivi, a condizione che le stesse siano: finalizzate all adozione del minore; certificate dall Ente autorizzato; debitamente documentate. Trento - Via Solteri, 7 - Tel Internet: - pagina

3 Informativa n. Finalizzate all adozione minore Spese sostenute da aspiranti genitori Deducibili se Certificate dall Ente autorizzato Debitamente documentate SOGGETTI INTERESSATI Per usufruire della deduzione delle spese sostenute per la procedura di adozione internazionale, non è necessario aver acquisito lo status di genitore adottivo. Gli aspiranti genitori possono, quindi, beneficiare della deduzione in esame anche nel caso in cui la procedura di adozione: si interrompa; si concluda con esito negativo. TIPOLOGIA DI SPESA DEDUCIBILE Risultano deducibili, nella misura del 50%, le spese sostenute dai genitori (o aspiranti genitori) adottivi per l adozione dei minori stranieri, come opportunamente certificate dall Ente autorizzato, incaricato di seguire la pratica. Come precisato dalla Risoluzione maggio 000, n. 55, tra le spese deducibili al 50% rientrano quelle sostenute per: l assistenza ricevuta dagli adottanti; la legalizzazione dei documenti e la traduzione degli stessi; la richiesta di visti; i trasferimenti ed il soggiorno nel paese di provenienza del minore; la quota associativa all ente che si è occupato delle pratiche di adozione; l espletamento di adempimenti vari, finalizzati all adozione. Al fine di individuare il periodo nel corso del quale le spese sostenute risultano effettivamente deducibili, si deve considerare che la procedura di adozione: inizia con il conferimento all Ente autorizzato del mandato all adozione; si conclude con la pronuncia dell adozione da parte del tribunale dei minorenni, se l adozione si perfeziona dopo l arrivo del minore in Italia, oppure con il Provvedimento dell autorità straniera, in caso contrario. Procedura di adozione Inizio Fine Conferimento del mandato all adozione all Ente autorizzato Pronuncia dell adozione da parte del Tribunale dei minori Provvedimento dell autorità straniera Trento - Via Solteri, 7 - Tel Internet: - pagina

4 Informativa n. ATTENZIONE: All interno di questo lasso di tempo, la deducibilità delle spese segue l ordinario principio di cassa. DOCUMENTAZIONE NECESSARIA L Ente autorizzato preposto a seguire la procedura di adozione è tenuto, come detto, a certificare le spese sostenute dagli aspiranti genitori annualmente: sia con riferimento alle spese relative all espletamento delle pratiche connesse alla procedura e successivamente rimborsate dagli aspiranti genitori adottivi; sia quelle sostenute dai genitori stessi, anche nei confronti di soggetti diversi dall Ente autorizzato. A tal fine, per tutela dell Ente autorizzato, gli aspiranti genitori sono tenuti alla presentazione allo stesso: della documentazione inerente le spese sostenute direttamente; di un autocertificazione o di una dichiarazione sostitutiva di atto notorio, nella quale attestino che le spese indicate sono riferibili esclusivamente alla procedura di adozione. ATTENZIONE: Nel caso in cui le spese sostenute in valuta estera, gli importi vanno convertiti in base al cambio del giorno antecedente più prossimo e in mancanza, secondo il cambio del mese in cui sono stati sostenuti. RIPARTIZIONE DELLE SPESE PER L ADOZIONE TRA I CONIUGI: I CHIARIMENTI DELL AGENZIA Il Legislatore non si è espresso relativamente alla percentuale di ripartizione tra i coniugi della deduzione in commento. ATTENZIONE: L Agenzia, in risposta al quesito. della Circolare n. 7/05, specifica che la deduzione spettante deve essere proporzionalmente suddivisa tra i due genitori in relazione alle spese effettuate. Inoltre, qualora le spese per l adozione siano state sostenute da un solo genitore, in quanto l altro coniuge è a suo carico, la deduzione spetta esclusivamente al coniuge che si è accollato interamente l onere. ATTENZIONE: Per semplificare l attribuzione della titolarità del sostenimento della spesa, ai coniugi è consentito specificare nella dichiarazione presentata all Ente autorizzato (analizzata nel paragrafo precedente) la quota di spesa sostenuta da ciascuno. Pertanto, per quanto riguarda le modalità di ripartizione tra i coniugi della deduzione, l Agenzia ha specificato che: qualora l Ente autorizzato, sulla base delle dichiarazioni rilasciate dai coniugi, abbia certificato che le spese per l adozione siano state sostenute nella stessa misura da entrambi i genitori, ciascuno di essi potrà beneficiare della deduzione nella misura del 5% della spesa sostenuta; diversamente, solo nel caso in cui dal certificato rilasciato dall Ente autorizzato risulti che le spese siano state sostenute in misura differenziata da parte dei due coniugi, ciascuno di essi potrà portare in deduzione la quota di spesa che gli è stata certificata. Trento - Via Solteri, 7 - Tel Internet: - pagina

5 Informativa n. Ripartizione della deduzione Ente autorizzato certifica Spese per l adozione sostenute: Nella stessa misura da entrambi i coniugi In misura differenziata da parte dei due coniugi Per ciascun coniuge è ammessa Per ciascun coniuge è ammessa Deduzione solo nella misura del 5% della spesa sostenuta Deduzione della quota di spesa che gli è stata attestata ATTENZIONE: L Agenzia, infine, ha chiarito che, relativamente alle spese sostenute durante il 0, i coniugi potranno rendere specifica autocertificazione di sostenimento delle spese di adozione anche in sede di presentazione della dichiarazione dei redditi, a condizione che la stessa non contraddica quanto già certificato all Ente. Si noti che, stante la precisazione fornita dalla Circolare n. 7/05, l autocertificazione della spesa sostenuta da ciascuna coniuge in dichiarazione dei redditi è ammessa solo per il 0, limitatamente alle casistiche in cui la ripartizione della spesa non sia stata già comunicata all Ente; dal 05 in poi la percentuale di sostenimento delle spese potrà essere attestata solo tramite la certificazione rilasciata dall Ente autorizzato. SPESE ESCLUSE Non sono deducibili le spese sostenute dai genitori adottivi negli anni successivi al completamento della procedura di adozione, definiti reports post adottivi. Infatti, secondo l Agenzia (Risoluzione n. 77/00), concludendosi la procedura di adozione con la dichiarazione del Tribunale dei minorenni in Italia o del corrispondente Provvedimento emanato nello Stato estero di appartenenza del minore, i costi sostenuti per gli incontri post adottivi: costituiscono, invece, un onere per la coppia di genitori adottivi, necessario per verificare il corretto inserimento del bambino nell ambito sociale e familiare e per il quale sono già riconosciute dal nostro ordinamento tributario apposite detrazioni (art. del Tuir). Trento - Via Solteri, 7 - Tel Internet: - pagina 5

6 E E E E E5 Editoria Fiscale Informativa n. ATTENZIONE: Spese Inoltre, patologie esenti come chiarito SPESE dalla SANITARIECircolare Ministeriale maggio 000, n. 95/E, INTERESSI PER MUTUI IPOTECARI SPESE SANITARIE Rateazione E7 PER LʼACQUISTO DELLʼABITAZIONE PRINCIPALE non rientrano nell ambito applicativo (barrare della norma in esame, le somme versate per le cosiddette SPESE SANITARIE adozioni PATOLOGIE ESENTI a distanza. E ALTRE SPESE vedi elenco Codici spesa la casella) PER FAMILIARI NON A CARICO nella Tabella delle istruzioni In questo caso, però, il contribuente può beneficiare della detrazione d imposta riconosciuta per le erogazioni liberali in denaro a favore delle organizzazioni non lucrative che si oc- SPESE SANITARIE PER PERSONE CON DISABILITAʼ E9 ALTRE SPESE Numero rata cupano di questa specifica forma di adozione. INDICAZIONE NEL MODELLO 70/05 E6 SPESE VEICOLI PER PERSONE CON DISABILITAʼ SPESE PER LʼACQUISTO DI CANI GUIDA SPESE SANITARIE RATEIZZATE IN PRECEDENZA Le spese SEZIONE sostenute II - SPESE per E ONERI l adozione PER I QUALI di SPETTA minori LA stranieri DEDUZIONE trovano DAL REDDITO collocazione COMPLESSIVO nel Mod. 70/05, nel Contributi per previdenza complementare quadro E, rigo E6, Altri oneri deducibili. E È necessario indicare: E E0 ALTRE SPESE E ALTRE SPESE E ALTRE SPESE colonna : codice 6, che individua il tipo di spesa; E E CONTRIBUTI PER ADDETTI AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI colonna : 50% delle spese sostenute nel 0 per l adozione. E9 E SEZIONE III A - SPESE PER INTERVENTI DI RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO (DETRAZIONE DEL 6%, %, 50% o 65%) 006/0/ SITUAZIONI PARTICOLARI NUMERO RATA ANNO 0/0 Interventi Rideterminazione 5 0 IMPORTO SPESA N. dʼordine antisismico particolari Codice Anno decidano di presentare la dichiarazione dei redditi disgiuntamente, rate l importo da indicare a immobile E colonna, rigo E6 per ciascun coniuge sarà così calcolato: E QUADRO E ONERI E SPESE SEZIONE I - SPESE PER LE QUALI SPETTA LA DETRAZIONE DʼIMPOSTA DEL 9% o 6% CONTRIBUTI PREVIDENZIALI ED ASSISTENZIALI ASSEGNO AL CONIUGE EROGAZIONI LIBERALI A FAVORE DI ISTITUZIONI RELIGIOSE E5 SPESE MEDICHE E DI ASSISTENZA DI PERSONE CON DISABILITAʼ E6 ALTRI ONERI DEDUCIBILI Codice fiscale del coniuge CODICE E SPESE PER ACQUISTO O COSTRUZIONE DI ABITAZIONI DATE IN LOCAZIONE E7 DEDUCIBILITA ORDINARIA E0 FAMILIARI A CARICO E Mod. N. E QUADRO ESEMPIO E ONERI N. E SPESE SEZIONE SEZIONE I - SPESE III PER B - DATI LE QUALI CATASTALI SPETTA IDENTIFICATIVI LA DETRAZIONE DEGLI DʼIMPOSTA IMMOBILI DEL E ALTRI 9% DATI o 6% PER FRUIRE DELLA DETRAZIONE Spese patologie esenti N. ord. immobile Condominio SPESE SANITARIE CODICE COMUNE SEZ. URB./COMUNE CATAST. FOGLIO PARTICELLA SUBALTERNO Nel 0, i coniugi T/U Rossi hanno attivato le pratiche per INTERESSI l adozione PER MUTUI IPOTECARI di un figlio minore straniero. E SPESE SANITARIE E5 Rateazione E7 PER LʼACQUISTO DELLʼABITAZIONE PRINCIPALE (barrare la casella) Le spese per l espletamento delle procedure di adozione di minore straniero, pari CODICE ad SPESA.50, sono SPESE SANITARIE PATOLOGIE ESENTI E E5 E ALTRE SPESE vedi elenco Codici spesa PER FAMILIARI NON A CARICO state sostenute interamente da un solo coniuge, come risulta dalla nella certificazione Tabella delle istruzioni rilasciata dall Ente CONDUTTORE (estremi registrazione contratto) DOMANDA ACCATASTAMENTO Eautorizzato. SPESE SANITARIE PERN. PERSONE dʼordine CON ALTRI Condominio DISABILITAʼ E9 NUMERO ALTRE SPESE PROVINCIA UFFICIO immobile CODICE UFFICIO DATA SERIE E SOTTONUMERO DATA NUMERO AGENZIA ENTRATE E5 AGENZIA ENTRATE DATI Numero rata Il rigo E6, Mod. 70/05 sarà così compilato: E SPESE VEICOLI PER PERSONE CON DISABILITAʼ E0 ALTRE / SPESE SEZIONE III C - SPESE PER LʼARREDO DEGLI IMMOBILI RISTRUTTURATI (DETRAZIONE DEL 50%) nella colonna, va riportato l importo di.50 x 50% =.75 (importo deducibile); NUMERO RATA SPESA ARREDO IMMOBILE NUMERO RATA SPESA ARREDO IMMOBILE E5 SPESE PER LʼACQUISTO DI CANI GUIDA E ALTRE SPESE E57 SPESE ARREDO IMMOBILI RISTRUTTURATI nella colonna, va inserito il codice 6 corrispondente agli Altri oneri deducibili tra cui rientrano SPESE anche SANITARIE SEZIONE le RATEIZZATE spese IV - SPESE IN PRECEDENZA sostenute PER INTERVENTI per DI l espletamento RISPARMIO ENERGETICO E di ALTRE procedure (DETRAZIONE SPESE DEL di adozione 55% o 65%) di minori stranieri. E6 TIPO CASI PERIODO 00 NUMERO INTERVENTO ANNO PERIODO RATEAZIONE IMPORTO SPESA 0 PARTICOLARI Rideterminazione rate RATA SEZIONE E6 II - SPESE E ONERI PER I QUALI SPETTA LA DEDUZIONE DAL REDDITO COMPLESSIVO Contributi per previdenza complementare E CONTRIBUTI PREVIDENZIALI ED ASSISTENZIALI Dedotti dal sostituto Non dedotti dal sostituto E6 Codice fiscale del coniuge E7 DEDUCIBILITA ORDINARIA ASSEGNO AL CONIUGE E6 E LAVORATORI DI PRIMA OCCUPAZIONE E CONTRIBUTI PER ADDETTI AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI SEZIONE V - DETRAZIONE PER GLI INQUILINI CON CONTRATTO E9 DI LOCAZIONE FONDI IN SQUILIBRIO FINANZIARIO TIPOLOGIA GIORNI PERCENTUALE GIORNI PERCENTUALE INQUILINI DI ALLOGGI ADIBITI LAVORATORI DIPENDENTI E EROGAZIONI LIBERALI A FAVORE ISTITUZIONI RELIGIOSE E7 E7 CHE TRASFERISCONO LA RESIDENZA AD ABITAZIONE PRINCIPALE PER MOTIVI DI LAVORO E0 FAMILIARI A CARICO SEZIONE VI - ALTRE DETRAZIONI DʼIMPOSTA E5 SPESE MEDICHE E DI ASSISTENZA DI PERSONE CON DISABILITAʼ (Barrare la casella) FONDO PENSIONE NEGOZIALE DIPENDENTI PUBBLICI CODICE DETRAZIONE PER SPESE DETRAZIONE AFFITTO TERRENI AGRICOLI E CODICE E Dedotti dal sostituto E Quota DI MANTENIMENTO DEI CANI GUIDA AI GIOVANI ALTRE TFR DETRAZIONI Non dedotti dal sostituto E E6 ALTRI ONERI DEDUCIBILI 6.75 Data stipula locazione Spesa acquisto/costruzione Interessi mutuo E SPESE PER ACQUISTO O COSTRUZIONE DI ABITAZIONI DATE IN LOCAZIONE SEZIONE III A - SPESE PER INTERVENTI DI RECUPERO DEL RIPRODUZIONE PATRIMONIO EDILIZIO VIETATA (DETRAZIONE DEL 6%, %, 50% o 65%) 006/0/ SITUAZIONI PARTICOLARI Trento ANNO - Via 0/0 Solteri, 7 - Tel Internet: Interventi - NUMERO RATA Rideterminazione pagina IMPORTO SPESA N. dʼordine antisismico particolari Codice Anno rate immobile E E E 6 LAVORATORI DI PRIMA OCCUPAZIONE FONDI IN SQUILIBRIO FINANZIARIO FONDO PENSIONE NEGOZIALE DIPENDENTI PUBBLICI Dedotti dal sostituto Data stipula locazione Dedotti dal sostituto 50% delle spese sostenute per adozione minore straniero Quota TFR Spesa acquisto/costruzione Mod. N. Non dedotti dal sostituto Non dedotti dal sostituto ATTENZIONE: Qualora le spese siano state sostenute da entrambi i coniugi e gli stessi Importo spesa per adozione sostenuta da ciascun coniuge x 50% (percentuale di deducibilità) Interessi mutuo

7 Informativa n. ESEMPIO N. Nel 0, i coniugi Rossi hanno attivato le pratiche per l adozione di un figlio minore straniero. Le spese per l espletamento delle procedure di adozione del minore, ammontano ad.50. La certificazione rilasciata dall Ente autorizzato non indica in che misura ciascun coniuge ha contribuito al sostenimento della spesa. In sede di dichiarazione dei redditi, i contribuenti, tramite autocertificazione (modalità ammessa solo per il Mod. 70/05), comunicano che le spese sono state così sostenute: O O.50 Maria Viola; O O.000 Eugenio Rossi. Di conseguenza, i coniugi dovranno indicare a colonna, rigo E6, Mod. 70/05 rispettivamente i seguenti importi: Maria:.50 x 50% = 675; Eugenio:.000 x 50% =.500 TABELLA RIASSUNTIVA Percentuale deducibilità Limite deducibilità Normativa di riferimento Prassi Requisiti soggettivi 50% delle spese sostenute e certificate Non è previsto alcun limite di deducibilità Articolo 0, comma, lettera l-bis), TUIR Legge n. /9 Legge n. 76/99 Circolare Agenzia delle Entrate aprile 05, n. 7 (quesito n..) Circolare Agenzia delle Entrate giugno 00, n. 55 (quesito n..6.) Circolare Agenzia delle Entrate 9 maggio 000, n. 0 (quesito n..) Risoluzioni Agenzia delle Entrate maggio 00, n. 77 Risoluzioni Agenzia delle Entrate maggio 000, n. 55 Soggetti che hanno iniziato le pratiche per l adozione (indipendentemente dal fatto che l adozione si interrompa o abbia esito negativo) L onere è deducibile da parte del/i genitore/i che ha pagato la spesa Soggetti beneficiari Documentazione ATTENZIONE: La deduzione del 50% deve essere proporzionalmente suddivisa tra i due genitori in relazione alle spese effettuate, come risulta dalla certificazione rilasciata dall Ente autorizzato. Per le sole dichiarazioni relative al 0 (Mod. 70/05) è consentito definire la percentuale di sostenimento delle spese con autocertificazione del contribuente, in assenza di diversa ripartizione attestata dall Ente autorizzato. Ai fini della deducibilità, le spese devono essere certificate dall Ente autorizzato che ha ricevuto l incarico di curare la procedura di adozione internazionale Trento - Via Solteri, 7 - Tel Internet: - pagina 7

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale Mod. N. MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale genzia ntrate Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONTRIBUENTE Dichiarante

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015)

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015) GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ (edizione per il 730/2015) Premessa La presente GUIDA si prefigge lo scopo di dare istruzioni a tutti gli operatori dei CAF aderenti

Dettagli

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative.

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 giugno 2002 CIRCOLARE N. 50/E OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO

DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO Riferimenti normativi Testo Unico in materia di spese

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 aprile 2015 OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale e da altri

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2014)

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2014) GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ (edizione per il 730/2014) Premessa La presente GUIDA si prefigge lo scopo di dare istruzioni a tutti gli operatori dei CAF aderenti

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/2014 redditi dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. 1 Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 maggio 2014 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli Uffici dell Agenzia delle entrate OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE Prot. n. 2012/74461 Approvazione del modello di versamento F24 Semplificato per l esecuzione dei versamenti unitari di cui all articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997 n. 241 e successive modificazioni

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Art. 1. Norme generali 1.1 Come stabilito dal D.Lgs 252/2005, l Associato può richiedere un anticipazione sulla posizione individuale maturata: a)

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

ATTRIBUZIONE/AGGIORNAMENTO CLASSAMENTO CATASTALE. COMUNICAZIONE ADESIONE DEFINIZIONE AGEVOLATA I.C.I. art. 16 bis del regolamento comunale ICI

ATTRIBUZIONE/AGGIORNAMENTO CLASSAMENTO CATASTALE. COMUNICAZIONE ADESIONE DEFINIZIONE AGEVOLATA I.C.I. art. 16 bis del regolamento comunale ICI ATTRIBUZIONE/AGGIORNAMENTO CLASSAMENTO CATASTALE COMUNICAZIONE ADESIONE DEFINIZIONE AGEVOLATA ICI art 16 bis del regolamento comunale ICI Il sottoscritto Nato a il CF Residente a in via tel con riferimento

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale

Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale Mauro Porcelli 1 I fringe benefits sono emolumenti aggiuntivi della retribuzione costituiscono vantaggi accessori servono a motivare

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI Gli aggiornamenti più recenti proroga della maggiore detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione agevolazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI Gli aggiornamenti più recenti proroga della maggiore detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione agevolazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI Gli aggiornamenti più recenti proroga della maggiore detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione agevolazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Ministero delle Finanze DIPARTIMENTO DELLE ENTRATE DIR.CENTRALE: AFFARI GIURIDICI E CONTENZ. TRIBUTARIO Circolare del 12/05/2000 n. 95 Oggetto: Videoconferenza modello 730/2000. Risposte a quesiti vari.

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI l agenzia inf orma aggiornamento gennaio 2014 RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI INDICE INTRODUZIONE... 2 1. LA DETRAZIONE IRPEF PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE... 4 Chi può fruire della

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli