STANLEY KUBRICK CAMPOBASSO DEI MISTERI JAZZ RADICALE IN FRIULI RECENSIONI ON THE ROAD

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STANLEY KUBRICK CAMPOBASSO DEI MISTERI JAZZ RADICALE IN FRIULI RECENSIONI ON THE ROAD"

Transcript

1 STANLEY KUBRICK CAMPOBASSO DEI MISTERI JAZZ RADICALE IN FRIULI RECENSIONI ON THE ROAD REPORTAGE DA UNO DEGLI ULTIMI PAESI AFRICANI A RAGGIUNGERE L INDIPENDENZA, GOVERNATO A LUNGO DAL FRELIMO ED ORA IN MANO ALLO SFRUTTAMENTO DEL LIBERISMO E DEGLI INTERESSI ECONOMICI INTERNAZIONALI

2 (2) ALIAS MILLE INTERESSI ECONOMICI INTERNAZIONALI È stato uno degli ultimi paesi africani a raggiungere la completa indipendenza nel 1975 dopo dieci anni di guerriglia condotta dal Frelimo. Da dieci anni la svolta è liberista di ALESSANDRA VANZI* MAPUTO «I want to spend sometimes in Mozambique» cantava Dylan e Paolo Conte gli rispondeva con «Monzambique fantasy» «its a green dream Mozambique, Mozambique my Mozambique comes, my Mozambique dances and lives». Come doveva essere bella Maputo e tutto il paese verde e rigoglioso. Sono passati poco più di 8 mesi dal mio ritorno dal Mozambico dove sono stata a ottobre, per la prima volta nella vita, durante le elezioni presidenziali, parlamentari e amministrative, di cui ho scritto sul quotidiano Il manifesto. Questo è stato uno strano viaggio nell infernale paradiso africano. Paradiso, perché se lo si potesse immaginare, solo all Africa assomiglierebbe, infernale, perché sullo sfruttamento e il possesso di questo immenso Eden s avventa, da sempre, il peggio, rarissime volte il meglio, ahimè, dell umanità. Perché l Africa è uno degli ultimi polmoni della terra, perché madre natura l ha rifornita d immense ricchezze, perché è ancora selvaggia e la vita umana non vale quasi niente. I suoi abitanti sono stati sottomessi, schiavizzati, colonizzati, indottrinati, sfruttati, spesso snaturati delle proprie tradizioni, per secoli e secoli, e poi armati fino ai denti dagli stessi paesi colonizzatori che così hanno di cercato di mantenere il controllo, tentativo impossibile, ed è, se faccio un paragone con la rivoluzione francese, relativamente pochissimo che l Africa s è scrollata di dosso i suoi troppi padroni. Non volendo considerare come «padrone» le multinazionali mondiali attivissime nell intero continente. Mozambico è un sogno verde finanziano e armano la Renamo (Resistenza Nazionale Mozambicana), movimento armato anticomunista anche detto dei Regoli (Capi tribù), che trascina il paese in una guerra civile durata più di 10 anni con di morti. Il Frelimo è riuscito a rimanere costantemente il partito di governo anche dopo la morte di Samora Machel, ancora mai chiarita, la presidenza di Chissano, durante la guerra civile, e dopo la pace del 92, firmata a Roma a Sant Egidio e mediata da Don Matteo Zuppi (Vescovo ausiliario di Roma centro, tra i fondatori della Comunità di Sant Egidio) e dall ex sottosegretario del governo Craxi, Raffaelli (socialista lombardiano). Pace che produsse una nuova costituzione di stampo multi-partitico, da cui fu eliminata la dicitura «marxista» presente nella precedente. formato un nuovo governo nel quale ha accorpato diversi ministeri, confermando alcuni vecchi ministri (sei) ma introducendo molti volti nuovi. Capo dell opposizione resta Dhlakama (storico leader della Renamo non ha mai riconsegnato le armi, non accetta il risultato elettorale e denuncia brogli che però non è stato in grado di provare, e prima di settembre 2014, quando ha firmato un secondo accordo di pace con Guebuza, aveva ricominciato a sparacchiare qua e là bloccando il nord del paese, adesso, dice di non volere lo scontro ma fa comunque capire che potrebbe sempre riaccendersi la scintilla. Gli italiani hanno partecipato anche questa volta al processo di pace necessario per le elezioni e lo hanno materialmente riportato a Maputo dove, dopo aver stabilito accordi e regolamenti elettorali, s è candidato alla presidenza. Il terzo partito MDM (Movimento Democratico Mozambicano) capeggiato da Daviz Simango (il terzo dei candidati alla presidenza) è anch esso d origine tribale, ma non è armato, considerato da molti membri della società civile mozambicana il possibile partito del futuro e della pace, aveva ottenuto buoni risultati nelle ultime amministrative (autarchiche) ma è rimasto in qualche modo schiacciato dal ritorno di Dhlakama che, solo col La Storia Il 25 giugno si celebrano 40 anni della Repubblica del Mozambico, INCONTRI OSCAR MONTEIRO uno degli ultimi paesi africani a raggiungere la completa indipendenza, nel 1975, dopo 10 anni di guerriglia condotta dal Frelimo (fronte di liberazione del «Un fantasma redivivo Mozambico), quasi conseguentemente alla rivoluzione dei garofani in Portogallo, che, a fa molta presa» quel punto, si ritirò Dopo la pace completamente dal paese che colonizzava dal XV secolo. Una colonizzazione brutale e feroce che lascia il Mozambico con poche infrastrutture e piagato dalla miseria. Il presidente Samora Machel, leader del Frelimo, successore di Eduardo Mondlane (ucciso in un attentato in Tanzania nel 1969), si allinea politicamente all Unione Sovietica e dà luogo a un economia di stampo socialista, sostiene l African National Congress, questo gli costa l ostilità dei governi bianchi di Sudafrica, Rhodesia e Stati Uniti che sotto la spada di Damocle di una ripresa degli scontri continuamente minacciata. Gli ultimi 10 anni sono stati guidati dal presidente Guebuza, figura potente e discussa, fortemente sospettato di corruzione, sostenitore della negritudine, che ha dato una svolta liberista alla politica economica del paese. Guebuza ha lasciato la presidenza della Repubblica a febbraio, e dopo forti pressioni anche la presidenza del Frelimo. Nyusi (nuovo Presidente e capo del Frelimo), ha di A.V. Ho incontrato l ex primo ministro Oscar Monteiro, un bell uomo colto e amabile, nel giardino pieno di piante e sculture della sua bella casa a Matola, Monteiro è stato uno dei fondatori del Frelimo, è stato ministro nel governo di transizione e nel primo governo indipendente di Samora Machel, insegna Diritto Costituzionale all università Eduardo Mondane, nel 2012 ha pubblicato De todos se faz um pais, in cui racconta il processo di liberazione dal colonialismo. «Io non sono più un dirigente del Frelimo, dice, non faccio più parte del comitato centrale quindi ci sono delle cose di cui non posso parlare. Posso fare delle analisi e questo è importante, c è una nuova generazione di analisti televisivi, che però non ha peso politico, perché Dhlakama (Renamo) fa quello che gli pare, Simango (MDM) anche il modello dei partiti non permette di giocare un ruolo, questo è il problema, a questa nuova generazione di analisti che dovrebbe avere maggiore influenza sui partiti noi, nel vecchio Frelimo, che non è mai stato un partito intellettuale, facevamo dibattiti, c era uno REPORTAGE passaparola e in pochi giorni, ha raccolto migliaia di persone ai suoi comizi. I capigruppo dei 3 maggiori partiti sono: Margarina Talapa (Frelimo, ricopre lo stesso ruolo avuto nel precedente governo), Ivona Soares (per Renamo, nipote di Dhlakama), Lutero Simango (per MDM, fratello del leader Daviz Simango). Intimidazioni l Africa è l Africa e ha i suoi tempi i suoi linguaggi, i suoi riti e le sue magie, che nessun «occidente colonizzatore» è stato in grado di cancellare, le trattative segrete possono precipitare da un momento all altro, il sangue scorre sempre facilmente in Africa perché subito viene assorbito dalla sabbia. Così il 3 marzo scorso di mattina, uscito dal bar dove abitualmente faceva colazione, è stato ucciso nel centro di Maputo Gilles Cistac, mozambicano di origine francese, costituzionalista, professore all università Mondlane. Era stato consigliere di vari ministri, recentemente accusato su FB di essere «una spia francese» e minacciato; tutto ciò era cominciato dopo che il professore si era espresso pubblicamente, in televisione, definendo costituzionalmente accettabili le richieste della Renamo, inaccettabili per il Frelimo, di costituire delle provincie autonome nelle aree in cui aveva ottenuto la maggioranza dei voti. spazio per fare delle analisi, degli studi, avere una creatività, c erano degli intellettuali organici, ci vorrebbero delle avanguardie anche ora» Cosa pensi del nuovo presidente Nyusi? Credo che sarà meglio di Guebuza, è molto esigente e capisce i problemi del paese, mi ha chiamato nella campagna pre-elettorale, è stato un segnale (Monteiro è di origine indiana goana quindi non è nero) un apertura rispetto al tema della negritudine caro a Guebuza ma bisognerà vedere quanta indipendenza avrà Secondo te qual è la ragione del successo dei comizi di Dhlakama? Un mio amico mi ha spiegato che è tipico della mistica bantù, credere nei redivivi e andarli a vedere, Dhlakama ha passato anni nascosto nella foresta di Gorongosa, e nessuno lo aveva più visto, per questo i suoi comizi sono stati così affollati, ma questo non vuol dire che lo stesso numero di persone che è andato a vederlo l abbia poi votato, alcuni non si sono neanche iscritti (è necessario iscriversi al voto) io conosco il lavoro elettorale, l ho fatto, ma non è la stessa cosa che fare politica, adesso che nessuno fa più politica, tutti credono che farla, sia fare la campagna elettorale, ma non è così in queste elezioni tutti erano sicuri di vincere il problema sono i soldi, reali e inventati, sono tanti, Google pensa che ci fa vedere, con Google Earth, il mondo reale, ma non è così, perché sopra questo mondo, Himalaia compreso, c è una cappa di soldi che ricoprono tutto e noi ci siamo affogati dentro, la mancanza di contrappeso, escluso il Papa, a questo liberismo-capitalismo sfrenato, ci ha bloccato, a noi tutti, e può condurre a situazioni molto gravi

3 ALIAS (3) Si tratta di un omicidio politico, e probabilmente di un segnale per il nuovo presidente Nyusi che ha comunque intavolato un dialogo con Dhlakama, ed è riuscito a convincere i parlamentari della Renamo a prendere i loro posti in parlamento, cosa che fino all inizio di febbraio si erano rifiutati di fare impedendo lo svolgersi dei lavori. Purtroppo, al momento, nessun tentativo è andato a buon fine, il paese è in stallo totale. Interessi economici Alcune delle regioni, centro-nord (Sofala, Zambezia, Tete e Nampula), che la Renamo vorrebbe governare autonomamente, tradizionalmente povere, sono al centro di mille interessi economici internazionali, uno per tutti Eni-Anadarko (Italia-Usa) che hanno scoperto il terzo (o quarto) giacimento di gas più grande del mondo, che una volta liquefatto sarà destinato al commercio con l Asia. «Gas city», immaginata per abitanti, centro dell estrazione e della lavorazione del gas, sorgerà dalla foresta nel Ma l Africa si dibatte nelle sue stesse contraddizioni, tra modernità, crescita del Pil dell 8% immagini di Maputo nelle foto di Mario Martinozzi all anno, e tribalismo, una popolazione giovane e bellissima (età media di 17,3 anni, mortalità infantile altissima 74.3 bambini muoiono ogni 1000) che ha una speranza di vita che non supera i 50 anni (nel Principato di Monaco è di 89 anni, in Italia di 82,3) e un potere sempre troppo corruttibile preda di debolezze dinastiche e familistiche, sulle cui basi, non bisogna dimenticarlo, si poggia, peraltro, la struttura sociale tradizionale africana. Serve stabilità. Bisogna dare tempo al tempo e il tempo africano, si sa, va per conto suo Noi e il Mozambico, intervista a don Matteo Zuppi Chiediamo a don Matteo Zuppi perché il Mozambico è importante per l Italia: «Tutta l Africa lo è per l Italia e per l Europa, il Mozambico in particolare perché ha avuto con noi un rapporto intenso fin dall indipendenza, e perché è stato l unico accordo di pace firmato qui a Roma e l Italia ha una responsabilità verso di loro, e anche per le opportunità economiche» Cosa pensi accadrà? Il futuro è incerto, spero che si scelga la via del dialogo e della dinamica parlamentare. I maggiori interrogativi sono due: all interno del FRELIMO, sul ruolo del partito all interno del paese e sull autonomia del Presidente Nyusi; l altro che Dhlakama continui a seguire la via democratica Abbiamo ancora un ruolo di mediazione? In senso diretto no, ma come facilitazione e come garanti senz altro sì. Purtroppo non è stata riconfermata la missione EMOCHM che avrebbe dovuto garantire l applicazione dell accordo che aveva posto fine alla pericolosa ripresa di violenza da parte della RENAMO, del resto non aveva funzionato. Cosa pensi della richiesta di autonomia di Dhlakama? Può essere una via, ma va identificato molto bene l equilibrio tra il necessario centralismo dello Stato, ancora debole in realtà, e le autonomie provinciali evitando che ciò dia luogo a incontrollabili divisionismi. Riporto qui parte della dichiarazione dei Vescovi Mozambicani: Maputo, «si assiste alla palese ingiustizia di una maggioranza di poveri schiacciata da una minoranza arricchitasi disonestamente, che vive nel lusso; alla mancanza di trasparenza nello sfruttamento delle risorse naturali e al disprezzo totale dell ambiente; alla sottrazione della terra agli agricoltori locali per l attuazione di megaprogetti che favoriscono solo le multinazionali straniere e una minoranza insignificante di cittadini mozambicani; all ambizione eccessiva dei funzionari pubblici che fanno della corruzione, del saccheggio e del riciclaggio di denaro il loro modusvivendi; all uso della forza, dell arroganza e dell intolleranza per imporre le proprie idee». Da città delle acacie a città del cemento Eppure Maputo è una città bellissima piena di giovani accarezzata dal vento dell oceano, i teli colorati che sventolano al sole, la sabbia fine copre il cemento ancora caldo, la marea è lunga e lascia le barche da pesca in letargo insabbiate per ore. E sulla costa cresce la «città di cemento», come viene chiamata la città delle acacie, Maputo appunto, con le sue avenida Mao Tse Dong e Karl Marx e Nyerere e Mondlane sulle quali si ergono ville circondate dai fili spinati che affacciano sul mare, e grattaceli con centri commerciali cinesi e sudafricani e anche uno, fonte di scandali, di un tale faccendiere libanese, le cui fondamenta, si mormora, sono state erette sul cemento impastato alle scorie del traffico di droga pesante; e il muro che circonda la casa del presidente sul cui marciapiede non possono camminare i comuni mortali e c è tanto di cartello con figurina disegnata a ricordarlo: se ne vedono di divieti dipinti sui muri di tutti i tipi anche quello con l omino e la donnina impegnati a pisciare imprigionati da una grande X, la vecchia stazione ferroviaria costruita da Eiffel, il Centro Culturale Francese, il Museo di Storia Naturale e poi sui marciapiedi sventrati e sabbiosi ci sono i poveri che ti vendono tutto quello che possono, dalle scarpe usate agli orologi tarocchi cinesi, e gli operai che dormono stremati nella stretta ombra delle lamiere e le donne che gli vendono la minestra che scodellano, là nella strada, da enormi pentoloni, per pochi meticails, a quegli schiavi che lavorano 12 ore al giorno per un turismo di lusso che si prevede arriverà ben protetto e blindato ad usufruire delle piscine, i centri benessere e i casinò di questa nuova Beirut Australe. Nonostante l ombra della violenza aleggi nel cielo, nonostante il mare sia tutto inquinato, e le acacie siano state divelte dai cinesi che freneticamente costruiscono strade senza corsie laterali destinate a creare ingorghi mostruosi. Ma la notte scende dolce in città e i ragazzi si muovono e danzano e danzano e sentono musica e vanno a teatro e fanno l amore a Maputo. Le scimmie inseguono il vecchio gatto nero del campo sanitario che viene a rifugiarsi da me le sere aperitivo di rito con una cara amica, al tramonto, di fronte all oceano. Arte Ho visitato la bella e grande mostra di Naguib Abdul, importante artista mozambicano, pittore e scultore, autore del lungo mosaico sul lungomare. In una delle stanze della mostra c è un installazione di alcuni camici di medici irrigiditi e dipinti su cui sono segnati i numeri assurdi della realtà: provincia di Maputo 1 pediatra per abitanti, provincia di Zambezia 2 pediatri per abitanti e così via con le stesse proporzioni per tutte le 11 provincie. Impressionante. INCONTRI FERNANDO LIMA POETITALY AL PALLADIUM Al teatro Palladium di Roma (piazza Bartolomeo Romano 8) si tiene lunedì 8 giugno a ingresso gratuito il quinto e ultimo incontro di PoetItaly, rassegna curata da Simone Carella con Andrea Cortellessa e Lidia Riviello, poesia ed arti performative che da febbraio ha portato a teatro i grandi nomi della poesia. Questo appuntamento si intitola «Desideri», indirizzato a indagare la dimensione psicosomatica del sentimento amoroso. Alle ore 17,30 incontro di approfondimento con un omaggio a Sandro Penna con la partecipazione del professor Giuseppe Leonelli, degli studiosi Claudia Crocco, Paolo Gervasi e dello psicanalista Alessandro Guidi. Alle ore letture di Patrizia Valduga, Milo De Angelis, Maria Grazia Calandrone, Sara Ventroni, Myra Jara, giovane poetessa peruviana e Carlo Bordini. Info: Il teatro La giovane amica Timi Gaspari, trentenne antropologa, insegna all università, e teatrante, che avevo conosciuto solo via mail in occasione del bel documentario Maputo a low budget dream di Mario Martinozzi da lei prodotto con l associazione Luarte, di cui è membro, mi ha portato due volte a teatro e a sentire un concerto del grande Chico Antonio al bellissimo Centro Culturale Francese. Il teatro è molto vivace in Mozambico, è molto seguito, anzi direi partecipato dal pubblico che letteralmente tifa per gli attori in scena, incita, suggerisce, canta e si contiene a stento dall invadere la scena. L unica similarità che ho trovato con la nostra tradizione teatrale è con la sceneggiata napoletana. Gli attori sono dotati di estrema naturalezza e bravura, sanno cantare e ballare, le storie riguardano la quotidianità, sono semplici e divertenti e il pubblico eterogeneo partecipa divertendosi moltissimo. SEGUE A PAGINA 4 Savana, settimanale indipendente GERENZA Il manifesto direttore responsabile: Norma Rangeri a cura di Silvana Silvestri (ultravista) Francesco Adinolfi (ultrasuoni) in redazione Roberto Peciola redazione: via A. Bargoni, Roma Info: ULTRAVISTA e ULTRASUONI fax tel e impaginazione: il manifesto ricerca iconografica: il manifesto concessionaria di pubblicitá: Poster Pubblicità s.r.l. sede legale: via A. Bargoni, 8 tel fax sede Milano viale Gran Sasso Milano tel fax tariffe in euro delle inserzioni pubblicitarie: Pagina ,00 (320 x 455) Mezza pagina ,00 (319 x 198) Colonna ,00 (104 x 452) Piede di pagina 7.058,00 (320 x 85) Quadrotto 2.578,00 (104 x 85) posizioni speciali: Finestra prima pagina 4.100,00 (65 x 88) IV copertina ,00 (320 x 455) stampa: LITOSUD Srl via Carlo Pesenti 130, Roma LITOSUD Srl via Aldo Moro Pessano con Bornago (Mi) di A.V. Doveva essere la mia prima intervista, ma il giorno prima delle elezioni Fernando Lima, direttore del settimanale indipendente Savana ha subito una rapina, stranamente solo dei suoi computer e quindi è diventata l ultima. Credo che dopo l omicidio Cistac, sia vittima di forti pressioni Cosa ne pensi dei risultati e delle contestazioni a queste elezioni? Sembrava che l MDM prendesse più voti perché era considerato come il maggiore avversario del Frelimo, perché si pone come partito del futuro mentre la Renamo è un partito vecchio l aspetto organizzativo sul conteggio dei voti è una disgrazia perché dopo 20 anni siamo più incompetenti della prima volta, questa è un incompetenza e una disorganizzazione organizzata, anche in un contesto africano è triste che le cose vadano così io credo che le strutture mozambicane siano in grado di fare un buon lavoro, ci sono persone che hanno girato il mondo per studiare tutti gli aspetti della macchina elettorale, dalla informatizzazione alla sicurezza, quindi non c è giustificazione per questo disastro in questo momento la cosa più importante per dare una fiducia al processo di crescita è non estremizzare le posizioni dei partiti politici. Savana è un giornale indipendente che peso ha sull opinione pubblica? Anche se non vendiamo tantissime copie penso che il peso e l influenza che abbiamo sulla società civile sia molto grande, anche politicamente, perché le notizie che noi pubblichiamo vengono lette sia da membri del governo, con le sue istituzioni, che dalla società civile, la cui opinione ha un peso non indifferente. Allora, se un giornale è serio, l influenza è molto grande, per esempio noi pubblicammo la foto, scattata in una cena per cercare fondi per il partito, di un importante dirigente del Frelimo con una persona dichiarata dal governo degli Stati Uniti un barone della droga. Abbiamo inferto un colpo duro al Frelimo ma la notizia era vera non l avevamo mica costruita noi naturalmente pubblicare queste cose ci espone a grandi ritorsioni di tutti i tipi, ma non tutto il Frelimo è disonesto, e c è una grande parte della società che lavora, cerca di lavorare, seriamente. Io partecipo tutte le domeniche ad un programma televisivo visto da più di di mozambicani e questo mi dà molta visibilità e mi espone a parecchi rischi televisivo visto da più di di mozambicani e questo mi dà molta visibilità e mi espone a parecchi rischi. diffusione e contabilità, rivendite e abbonamenti: REDS Rete Europea distribuzione e servizi: viale Bastioni Michelangelo 5/a Roma tel Fax In copertina: un opera senza titolo (2004) di Naguib Elias Abdula

4 (4) ALIAS ABBIAMO FATTO TEATRO DELL OPPRESSO SEGUE DA PAGINA 3 Intervista a Felix Manbucho Incontriamo Felix Manbucho, giovane attore e regista membro fondatore dell Associazione culturale Luarte: «Il mio nome Felix Mambucho è un nome d arte, come tutti i giovani sognatori volevo fare molte cose attore, drammaturgo, regista poi mi sono concentrato soprattutto sulla regia. Ho un progetto teatrale che si chiama «dez fogos» (gioco di parole tra sfocato e 10 fuochi) in cui prendiamo, ad esempio, 10 tematiche che dovrebbero essere importanti per i giovani, per loro prioritarie, e vedere come invece si sfocano su altre cose». Ci sono finanziamenti pubblici per la cultura? C è un fondo per le arti e la cultura ma è molto scarso e deve rispondere a molte richieste, per tutte le discipline, inoltre ci sono alcuni centri culturali stranieri che finanziano (non gli italiani, non hanno fondi) Similitudini col teatro contemporaneo europeo o americano, se ce ne sono? Prima lavoravamo molto sull improvvisazione corporea, sul movimento, ultimamente abbiamo cominciato a scrivere dei testi dei canovacci c è questo dibattito tra fare un teatro «africano» o «internazionale» qui i registi lavorano molto sul teatro nudo abbiamo fatto teatro dell oppresso, è una tecnica brasiliana: si fa un piccolo spettacolo breve che mostra un problema della comunità, generalmente un conflitto, poi a un certo punto si blocca tutto e si invita qualcuno degli spettatori a proporre una soluzione al conflitto «a mostrarla teatralmente». Una specie di psicodramma? Si, ma su problemi concreti Gli attori qui sono considerati professionisti? Qui non c è professionalità riconosciuta, è tutto molto disorganizzato, adesso c è un corso di scuola superiore che rilascia un diploma in cui c è scritto attore, che poi qui non significa nulla, perché nessuno ci vive qui il teatro è il modo più facile per chiedere soldi per le ONG: dicono che si tratta di teatro d informazione sociale, è un fenomeno molto diffuso, fanno piccole cose amatoriali, e questo non è sempre un bene per noi che cerchiamo un altra qualità Il gruppo teatrale con la storia più importante é la Mutumbela Gogo, fondata da Manuela Soeiro e che risiede nel Teatro Avenida. Il direttore artistico è, credo già dagli anni '80, Henning Mankell, lo scrittore svedese, il quale ha scritto e diretto molti spettacoli per la Mutumbela. Ci sono o ci sono stati altri buoni gruppi di teatro: Mbeu, Girassol, Galaga azul, Luarte, Gungu... gli autori che sono molto usati per spettacoli di teatro sono: Mia Couto, Luis Bernardo Honwana e Paulina Chiziane. Intervista a Domenico Liuzzi fondatore di Kulima Domenico Liuzzi mi accoglie nel suo studio pieno di arte Makonde, sculture tradizionali, a volte grandi come interi tronchi, che riproducono i riti, i sogni e gli incubi, e le tradizioni del popolo Makonde. «Kulima, dice, è una ONG completamente mozambicana, lavoriamo soprattutto nello sviluppo rurale, abbiamo licenza di credito, partecipiamo ai concorsi europei, giapponesi e degli Stati Uniti, ogni anno seminiamo proposte, abbiamo lavoratori. Siamo «Si fa un breve spettacolo che mostra un problema della comunità, e si invitano gli spettatori a proporre una soluzione teatrale» tra i più avanzati sull ambiente così ci chiedono di fare proposte per ridurre la deforestazione. Facciamo delle cucine economiche d argilla per risparmiare carbone anche sull acqua ci chiedono di essere consulenti, abbiamo cominciato nell 84 durante la guerra civile la caratteristica forte di Kulima è che si è radicata nel paese, presente in tutte le province e si avvale di cooperatori stranieri solo per competenze MOZAMBICO MARIA SALGHETTI eccezionali che possano integrare i nostri tecnici che conoscono il terreno. Noi concediamo microcredito soprattutto alle donne, perché gli uomini fanno i minatori e scappano, l unica eccezione maschile sono i pescatori, loro non se ne vanno, hanno la casa davanti al mare e la barca, il progetto pesca funziona. Il termine «kulima», in lingua bantu, significa «arare». Le attività principali sono: la situazione sanitaria fra attività delle ong e scelte politiche di A. V. Maria Salghetti è una donna alta e ossuta, lavora nella Sanità da sempre, sguardo attento e aperto di chi ha visto, vissuto e capito molto. Vive in città, al secondo piano di una palazzina, senza fili spinati, un appartamento di media taglia, in un quartiere misto di case basse, come la sua, e palazzoni da venti piani, che le nascondono la vista dell oceano non lontano. «Gli ascensori sono quasi sempre rotti e l acqua c è un giorno sì e due no, e in ogni appartamento ci vivono in tantissimi, pensa che fatica!» mi dice. Anche la sua casa è affollata dalla sua famiglia mista, sua figlia Timi, con il di lei compagno Nelson Faquir, e i di lui 3 figli, in un allegra confusione, regolata da inevitabili turni, i bambini sono molto educati e tutto sembra funzionare, lavaggi piatti e docce compresi. Quanti anni fa sei arrivata qui? Io sono arrivata in Tanzania con il Frelimo nel 1971 e poi sono passata dai campi della Tanzania a qui, nel gennaio 1975, prima dell indipendenza durante il governo di transizione. Sono infermiera sviluppo rurale (sviluppo della produzione agricola, commercializzazione di prodotti locali, sostegno di piccole imprese, microcredito, sviluppo di infrastrutture, creazione e supporto di associazioni di produttori, formazione); salute (campagneper la prevenzione dell Aids, sensibilizzazione per l igiene personale e ambientale, formazione di ostetriche nelle aree rurali); educazione (costruzione di caposala e all inizio lavoravo come infermiera responsabile e docente del corso infermieri. Poi ho lavorato molto nella formazione a Maputo e a Beira, abbiamo dovuto ristrutturare l ospedale che durante la colonizzazione era diviso in due parti, per bianchi e per neri, e abbiamo dovuto riunificare e trattare tutti nello stesso modo: tutti erano coinvolti e c è stato un grande sforzo poi ho lavorato all Istituto del Centro della Salute e dopo sono passata alla medicina preventiva. A Manica ero responsabile del programma di nutrizione, durante la guerra eravamo un équipe formidabile Tirando le somme di tutti questi anni come vedi il paese? Il problema è politico, sono state fatte scelte sbagliate, attualmente il governo ha scelto la politica dei grandi investimenti, soprattutto stranieri, pensando che il capitale scivolasse lungo la piramide gerarchica verso il basso, ma questo accade con grande lentezza, magari nelle città, ma in gran parte del paese non arriva nulla e la povertà persiste. C è un grande sfruttamento delle risorse, i cinesi infrastrutture scolastiche, supporto scolastico a bambini e ragazzi indigenti, alfabetizzazione della popolazione adulta); emergenze (distribuzioni di cibo e assistenza ai produttori colpiti da siccità e carestie); supporto ai gruppi vulnerabili (orfani, bambini emarginati, donne, giovani disoccupati). L'associazione si avvale di uno staff composto da 70 operatori fissi e circa 350 tecnici assunti per seguire specifiche soprattutto, troppe multinazionali che spingono via le popolazioni dai loro territori. Il governo dovrebbe stimolare i piccoli contadini ad allargarsi per poter commerciare i loro prodotti, qui la terra appartiene solo allo Stato, quindi spesso i contadini per sopravvivere si vendono gli alberi, c è un grande sfruttamento del legno prezioso, all inizio il governo non chiedeva di ripiantare, adesso lo fa, però, per esempio, a Niassa hanno ripiantato gli eucalipti al posto dell ebano, e poi c è un grande commercio illegale molti bracconieri li lasciano fare si sono estinti i rinoceronti ci sono molti coccodrilli hanno trovato 300 carcasse di elefanti il corno di rinoceronte e l avorio degli elefanti hanno un grande commercio illegale con la Cina e l India Purtroppo la colonizzazione portoghese non ha lasciato nessuna cultura della conservazione dell ambiente. La popolazione vive in mezzo ai parchi, è difficile, ho curato bambini attaccati dai coccodrilli o dai leopardi con la faccia distrutta a Cabo Delgado è dura per i contadini lavorare un campo tutto l anno e poi vederselo distrutto in un attimo dagli elefanti invece agli ippopotami non sopravvive nessuno bè, certo, con quella bocca che hanno il conflitto uomo animale è difficile, eh! Qui la forbice tra ricchi e poveri aumenta, gli stipendi base non servono a nulla, il costo della vita è altissimo, gli stessi medici e perfino gli infermieri, anche i tecnici di laboratorio, fanno il doppio lavoro, pubblico e privato, con il risultato che sono tutti stanchissimi e la qualità dell assistenza è molto bassa. Che opinione hai del lavoro di tutte queste ONG esterne? Non tutte, ma alcune ONG, vengono qui, creano delle isole felici, in cui l assistenza è migliore, le medicine ci sono sempre, e poi, quando il progetto finisce, vanno via e l unità sanitaria ripiomba nel disastro. Il ministero della sanità ha dei protocolli per tutte le malattie più comuni ma a volte i medici stranieri fanno fatica ad adattarsi a questi protocolli. Adesso c è un grande sforzo per integrare queste ONG ma non sempre funziona Che mi dici della medicina tradizionale? Qui ci sono i curandeiros che praticano un misto di magia e medicina tradizionale e tutti ci vanno. Che rapporti avete? Ora c è un grande sforzo per includerli che prima non c era, perché il vecchio Frelimo li collegava troppo con i riti magici e gli avvelenamenti, adesso si cerca di collaborare. Con la loro conoscenza delle erbe, per esempio curano l asma, e poi, soprattutto, per i problemi psicologici sono molto meglio degli psichiatri, ovviamente adessova meglio certo bisogna stare attenti che non si sentano sfuggireil terreno sotto ai piedi, bisogna iniziative: nella maggior parte si tratta di cittadini mozambicani in possesso di una formazione universitaria o superiore. *Ringrazio con tutto il cuore gli amici A e M, che preferiscono non essere nominati, molte delle cose che ho visto e fatto nelle due settimane di permanenza a Maputo non sarebbero state possibili senza il loro aiuto e la loro generosa ospitalità. «Ho curato bambini attaccati dai coccodrilli o dai leopardi con la faccia distrutta. Invece agli ippopotami non sopravvive nessuno» trovare un sistema di reciprocità ma questo ancora non entra nella testa di tutti i medici Ong: Dream Gabriella Bortolot della Comunità di Sant Egidio mi ha portato a vedere il centro Dream di Maputo, la sede era anticamente un convento, mi spiega, mentre mi fa girare tra gli ambulatori e il cortile (sala d attesa) dove attendono il loro turno pazientemente le donne, mi racconta alcune delle loro storie, che si sono curate, che si sono messe a studiare, che si sono diplomate e ora fanno parte del personale dei Centri. Poi mi ha portato a Matola a vedere un nuovo centro appena inaugurato, dedicato a Annamaria Muhai (deceduta nell aprile 2013), la loro prima attivista, la prima in Mozambico a dichiarare pubblicamente di essere HIV positiva e a mostrarsi in prima persona; nel giugno del 2011 è intervenuta all Assemblea delle Nazioni Unite a New York per sostenere l accesso universale alla cura ed è diventata una delle testimonal più conosciute e rappresentative del programma DREAM ed un icona indiscutibile della lotta all HIV. Sempre a Matola ho visitato una scuola collegata al Centro, i bambini, bellissimi, hanno cantato e suonato, Zelia, Calcida e le altre attiviste, tutte mozambicane, farmaciste, biologhe, maestre che ho conosciuto, mi hanno sorriso, abbracciato accolto come se fossi una di loro. A volte in Africa si annullano le distanze con uno sguardo limpido. Numeri cumulativi di DREAM in Mozambico dal 2002: persone assistite dal pazienti attualmente in follow-up (di cui bambini) più di bambini nati sani da madri HIV+ circa 1,6 milioni di visite mediche effettuate circa campioni di sangue analizzati (in totate) circa esami di Carica Virale eseguiti oltre pacchi alimentari consegnati foto di Maputo (di Mario Martinozzi)

5 ALIAS (5) di FLAVIO MASSARUTTO La chiamano bisiacarìa. È una striscia di terra che dalla foce del fiume Isonzo risale, costeggiandolo, fino al Collio. Luoghi sinonimo di mescolanza; eredità del continuo spostamento di confini tra Austria-Ungheria, ex-jugoslavia e Italia. Sloveni, italiani, croati, serbi, ungheresi. Lo si capisce dai cognomi e dai cibi che qui siamo nella Mitteleuropa. Durante la seconda guerra mondiale un intera brigata partigiana era formata da operai dei cantieri di Monfalcone, la Brigata Proletaria. Qui ancora oggi la sinistra è forte e radicata. E anche grazie a questa particolarità può succedere che un amministrazione comunale decida di dare una scuola elementare in disuso ad un associazione perché ne faccia un centro di aggregazione e di produzione culturale. Questo è successo nel 1992 a Dobbia, una piccola frazione del comune di Staranzano in provincia di Gorizia. «Qui ci vengono i musicisti a studiare, a provare e ad incontrarsi» riferisce Paolo Pascolo, flautista e attivista dell associazione Gruppo Area di Ricerca DobiaLab, «e adesso è diventato una specie di quartier generale per le diverse realtà del territorio. Certo è molto impegnativo; è una forma di vita». La struttura ospita una sala espositiva, una sala prove e una per spettacoli dove si tengono concerti e proiezioni. DobiaLab (http://dobialab.net/) ha prodotto festival, concerti, mostre, performance, produzioni discografiche riunendo i fermenti creativi del territorio e offrendo un luogo stabile, benché austero, per la scena della musica improvvisata della regione. Una scena che a partire da questo luogo genera nuove formazioni, progetti transnazionali, produzioni discografiche anche grazie alla sponda offerta da due piccoli ma coraggiosi festival come «Tarcento Jazz» e «Brda Contemporary Music Festival». Oppure realizza le colonne sonore dei documentari del giovane regista Cristian Natoli: Per mano ignota sulla strage di Peteano e Allamhatar. Paesaggi di confine sulle città divise dalla cortina di ferro. Ce la facciamo raccontare da due musicisti: il contrabbassista Giovanni Maier, già con Enrico Rava e l Italian Instabile Orchestra, e la sassofonista Clarissa Durizzotto, una delle nuove voci più interessanti della scena bisiaca. Una piccola frazione in provincia di Gorizia trasforma una scuola in disuso in una fucina di insoliti sperimentatori. Tra festival, mostre, colonne sonore e cd ecco una scena sotterranea in piedi dal 92 Qui sotto e a sinistra il contrabbassista Giovanni Maier; al centro la sassofonista Clarissa Durizzotto Giovanni Maier All interno dei laboratori di Dobbia c è un orchestra - Dob Orchestra - che riunisce molti degli improvvisatori dell area. Il contrabbassista Giovanni Maier (1965) ne fa parte e ha anche editato con la sua etichetta Palomar Records la prima documentazione discografica: Tageskarte (2008). Come è organizzata l orchestra? L orchestra è nata per unificare le varie istanze del territorio, cioè tutti quei musicisti che fino ad allora lavoravano sull improvvisazione. Dal nucleo di partenza, che c è nel cd, si sono poi aggiunti altri musicisti. La direzione è collettiva e chi vuole può proporre idee su cui lavorare. Abbiamo sperimentato l improvvisazione collettiva totale e suonato su materiali proposti da me e altri. Molti di quei musicisti hanno partecipato nel 2014 a un progetto su Sun Ra... Si tratta di questo. Il trombettista Flavio Zanuttini è entrato in possesso di un centinaio di partiture di Sun Ra. Sono fotocopie con il timbro della Library of Congress, probabili depositi per i diritti d autore. Flavio ha contattato me e altri e abbiamo deciso di presentare tre distinti progetti a cura di diversi responsabili: io, Giorgio Pacorig e Paolo Pascolo, Flavio. Gli organici erano variabili ma erano basati sullo zoccolo duro della Dob. Dopo i concerti al circolo Arci MissKappa di Udine abbiamo deciso di proseguire con quello diretto da Zanuttini, che ha anche la presenza di Marta Raviglia alla voce, presentandolo al Festival Jazz di Tarcento (Udine) la scorsa estate. Raccontaci l Orchestra Senza Confini. L idea di formare questa orchestra è del percussionista sloveno Zlatko Kaucic per il «Brda Contemporary Music Festival» che dirige a Smartno. Visto che la rassegna è basata sulla residenza INCONTRI GIOVANNI MAIER E CLARISSA DURIZZOTTO RACCONTANO «L EFFETTO BISIACO» Dobbia, il senso jazz dell imprevedibilità artistica di un musicista, Zlatko ha pensato di costituire una formazione per il workshop con l ospite. Ne fanno parte i musicisti della Dob e quelli del gruppo sloveno Kombo di Zlatko. Abbiamo lavorato con Evan Parker, Johannes Bauer e Ab Baars. L anno scorso invece abbiamo presentato un progetto autonomo rispetto al musicista residente: si tratta di una conduction gestita da me e Zlatko. Abbiamo suddiviso l orchestra in due gruppi di musicisti che dirigiamo contemporaneamente, anche scambiandoceli. Io uso una lavagnetta giocattolo per le mie indicazioni mentre Zlatko usa segnali gestuali. La registrazione del concerto è venuta molto bene ed è stata presentata ieri all Auditorium del Museo Revoltella di Trieste per «Le nuove rotte del jazz». In quella occasione l Orchestra si amplierà accogliendo anche allievi del Conservatorio Tartini. Ci saranno quasi trenta musicisti italiani, sloveni e croati. Come vedi l attualità dell improvvisazione? Rispetto a qualche anno fa ci sono un sacco di giovani interessati e affascinati dalla musica improvvisata e noto anche un maggior interesse del pubblico. Per quello che mi riguarda io penso che essa sia il mezzo espressivo che più mi si confà. Penso di esprimermi meglio in situazioni più aperte, forse perché la musica improvvisata è più vicina alla vita reale dove non sai mai quello che può succedere. Clarissa Durizzotto Ha studiato con Daniele d Agaro e collabora con Claudio Cojaniz, Giovanni Maier, Giorgio Pacorig (da ascoltare il loro Locomotive Duo) e naturalmente con gli altri giovani improvvisatori della sua regione. Clarissa Durizzotto (1977), sax alto e clarinetto, ha appena pubblicato il suo primo lavoro con l etichetta Dobialabel. Parlaci del tuo progetto discografico Il disco è la registrazione di un concerto al «Tarcento Jazz Festival» del Si intitola Murae umbrae e oltre a me ci sono Giorgio Pacorig alle tastiere, Alessandro Turchet al basso elettrico, Alessandro Mansutti alla batteria e l attrice Aida Talliente, alla voce recitante. Un progetto che si compone di strutture e libera improvvisazione. Sono storie che creano un particolare stato d animo nei musicisti e l emotività che ne esce è rafforzata da testi recitati di Alda Merini, Pier Paolo Pasolini, Mariangela Gualtieri, Thomas Eliot, Allen Ginsberg e una mia poesia. Ho voluto rifarmi espressamente alla psichedelia e al prog e la strumentazione di Pacorig e Turchet richiamano proprio quel tipo di suono. Quali sono secondo te le caratteristiche tipiche della scena di Dobbia? Dobbia è un posto particolare. In fin dei conti è un paese provinciale eppure è diventato un luogo dove si fa musica e arte sperimentale e riesce ad attirare persone che vengono fin lì apposta per ascoltare e vedere quel tipo di proposta. Non è sempre lo stesso pubblico, cambia in base a ciò che si fa. C è un atmosfera casalinga, sul tipo di una «comune». C è il senso di fare insieme e stare insieme. Ognuno si occupa di uno specifico campo. Io ci sono arrivata da spettatrice e poi ho iniziato a collaborare. A Dobbia hanno suonato musicisti come Peter Brötzman o Edoardo Marraffa, insomma quel tipo di musica che non si fa da nessun altra parte. Adesso è dura per avere finanziamenti ma i ragazzi di Dobbia si danno da fare per sopperire a questa mancanza: organizzano feste, gestiscono un piccolo bar. Insomma con poco si fa tanto. Come vedi l improvvisazione? Secondo me la musica improvvisata deve essere una vocazione. Quando suoni musica scritta tutti sanno esattamente cosa succede e dove si va a parare. Invece con l improvvisazione domina l imprevedibilità. Se ti piace il gioco sottile dell imprevedibilità questo ti porta a tirar fuori di te le tue idee personali. Qualcosa che viene dalla pancia come quando conosci una persona e all inizio non capisci bene cosa sta succedendo. Io penso che la musica improvvisata sia nata perché le persone avevano bisogno di dire qualcosa in più e ancora oggi sia fondamentalmente questo.

6 (6) ALIAS ROCK ON THE BEACH di FRANCESCO ADINOLFI Le foto di Sheila Rock sono state al cuore del punk britannico con una sequela di immagini che hanno scandito la storia del genere. Ne parlammo con lei su queste pagine in occasione dell'uscita del suo splendido libro fotografico Punk+. Nel tempo ha dato vita ad altri volumi monografici come Horses o Sera: The Way of the Tibetan Monk. Ora Sheila pubblica Tough & Tender. English Seascapes (Kehrer Verlag, pp. 128, euro 28; nella foto la copertina), una raccolta fotografica che guarda al mare. «Non importa dove tu sia in Gran Bretagna - racconta la fotografa - la distanza dal mare non è mai così enorme. Le persone sono inspiegabilmente attratte dall idea dei confini di quest isola. Qui il mare e le spiagge esercitano un potere misterioso sulla psiche; inoltre l acqua dà un senso di libertà contraddetta però dal fatto che un isola è per definizione uno spazio chiuso. Queste giustapposizioni sollecitano un interessante mescolanza di persone e argomenti; l estate britannica inoltre è corta, non sempre soleggiata, le città di mare PAGINE STORIE DI NOTE LIBERE NELL ERA DELLO SPARTITO GLOBALIZZATO L insopprimibile bisogno dell utopia sonora di LUIGI ONORI Il pezzo di Flavio Massarutto racconta il rifiorire dell improvvisazione «radicale» in Friuli, a circa cinquant anni da quando pratiche improvvisative assunsero un importanza via via crescente nella musica contemporanea europea e statunitense parallelamente al free jazz o «jazz informale». È chiaro che non si può trattare di un revival quanto del riaffiorare di esigenze che, da un lato, si legano a processi intrinsecamente creativi e, dall altro, tentano di ri-fuggire da modelli «sonori» e sociali che si fanno sempre più invadenti, autoritari e pervasivi in un epoca globalizzata e di «neotirannia» come quella attuale. Qui c è una prima differenza tra gli anni Sessanta e gli anni Dieci del terzo millennio: allora si era in una fase di espansione e sviluppo economico e sull onda di una contestazione politica «totale», in un mondo ancora bipolare; oggi siamo in una fase recessiva e ampiamente «postmoderna» per quel che riguarda i linguaggi musicali, il lavoro e la gestione del potere, mentre il bipolarismo si è dissolto ed avanzano gli integralismi Sui nodi davvero complessi dell improvvisazione ha riflettuto, ricercato ed elaborato con grande profondità Giovanni Guaccero in un volume edito un paio di anni fa e ancora gravido di domande, prospettive, interpretazioni. Si tratta de L improvvisazione nelle avanguardie musicali. Roma , pubblicato dalla Aracne editrice nella collana di musicologia e storia della musica «Immota harmonia». Il volume - lungo 274 pagine - è stato realizzato con il contributo dell associazione Nuova Consonanza e si apre con una prefazione di Alvin Curran, musicista americano attivissimo nella capitale fin dai primi anni Sessanta. L autore ha articolato il documentatissimo studio in tre ampi capitoli che riguardano la «Definizione del campo d indagine», «I gruppi storici e il diffondersi della libera improvvisazione di gruppo ( )», «Jazz, avanguardia e politica: il nuovo jazz degli anni Settanta ( )». In quest ultimo capitolo si parla in particolare di Giorgio Gaslini, Giancarlo Schiaffini, Bruno Tommaso, Eugenio Colombo, Roberto Laneri, Curran, Domenico Guaccero, della Scuola Popolare di Musica di Testaccio e della sua didattica. Nato nel 2004 come tesi di laurea - seguita come relatore da Pierluigi Petrobelli - di Giovanni Guaccero (compositore e musicista, figlio di Domenico che fu tra i principali protagonisti di quella stagione sonora), «L improvvisazione nelle avanguardie musicali. Roma » rinasce quasi un decennio dopo come volume mentre si registra, peraltro, un rinnovarsi non accademico dell interesse per certi tipi di sperimentazione, ed è quello che maggiormente interessa in questa sede. Il volume (dall esaurientissima bibliografia) si pone come un importante, basilare strumento di ricostruzione storico-teorica di una stagione sonora «seminale» e «nodale» che il Gruppo di Improvvisazione Nuova Consonanza, Musica Elettronica Viva MEV e il Gruppo Romano Free Jazz (creato e guidato dall indimenticabile Mario Schiano) incarnarono appieno. «Voi domanderete - si interroga Alvin Curran nella prefazione -, ma chi ha bisogno di un ennesimo libro sugli anni Sessanta e Settanta? La risposta è: tutti noi (...) è precisamente su questo sfondo che Guaccero svela un movimento musicale universale, dall ultra-classica contemporanea al jazz, al freaky pop, e a tutte le forme di arte creativa, un movimento musicale di liberazione per così dire, mirato ad espandere la nostra concezione di tempo e spazio, di timbro e densità, di sistema temperato e di suono, di asincronia, caos, fortuna, caso, intenzione e non-intenzione (...)» Da Giovanni Guaccero a Alipio Carvalho Neto fino a Giancarlo Schiaffini, tanti gli autori di saggi sulla centralità e il ruolo della musica «radicale» nel terzo millennio LUOGHI E MODI DELLA SCENA FRIULANA Oltre agli appuntamenti a Dobbia da qualche tempo un locale proprio di fronte al Teatro Comunale di Monfalcone, Il Carso in Corso, ha aperto le sue porte anche al jazz di ricerca con la rassegna «Jazz in Progress» che si articola tra l autunno e la primavera. Degustando gli ottimi vini del Carso, Terrano e Vitovska, si può assistere alle performance dei musicisti più interessanti della scena bisiaca e oltre. Dall anno scorso il locale organizza l evento «Verso il Primo Maggio», ossia un concerto speciale a tema sulla Festa del Lavoro che si tiene la sera del 30 Aprile. Nel 2014 è stata la volta di un piano solo di Claudio Cojaniz mentre quest anno è toccato al quintetto Kaca Sraca in Lev capitanato da Giovanni Maier. Su disco le etichette di riferimento oltre a Dobialabel sono, non a caso, due label gestite da musicisti: Setola di Maiale del batterista Stefano Giust (http://www.setoladimaiale.net/) e Palomar di Giovanni Maier (http://www.giovannimaier.it/pal omarrecords/palomar_records.ht ml) spulciando nelle quali si può trovare gran parte dei musicisti dell area. Nella prima ad esempio si può ascoltare lo straordinario tastierista Giorgio Pacorig (attivo anche con El Gallo Rojo) nel quartetto Aghe Clope allargato a musicisti emiliani in Aghe Clope Ensemble e in duo con il batterista Franco Dal Monego in Istinto informe. Nel catalogo Palomar particolarmente interessanti sono i lavori con il percussionista sloveno Zlatko Kaucic, musicista con una lunga esperienza nel campo dell improvvisazione, didatta appassionato, organizzatore. Due di questi sono particolarmente consigliabili. Registrati entrambi nel piccolo club sloveno Jazz Hram a Divaa, poco oltreconfine, i due cd restituiscono come pochi tutta l intensità e la freschezza dell esibizione dal vivo. È la dimensione ideale per questo tipo (p. 15). Ma Curran, che di quella stagione fu testimone e protagonista, non la considera esaurita e la ritrova viva nei centri sociali come Il Cantiere o l Angelo Mai, in gruppi come l Orchestra IATO, gli Zoo o Ossatura di Fabrizio Spera, nell elettronica-multimediale di Domenico Sciajno, Elio Martusciello e Mike Cooper, nella trasmissione Battiti di RadioTre, nella RadioArteMobile specializzata in installazioni sonore, nel Cemat... Ecco, quindi, l attualità di quell eversiva utopia sonora. Nella Postfazione 2013 (autobiografia di un decennio) è lo stesso Giovanni Guaccero ad indicare le esperienze - personali e non - che ribadiscono il seme fruttifero della «galassia avanguardistica» messa a fuoco nel testo. In particolare, dopo la manifestazione del giugno 2002 «L altra musica», nasce «l esigenza di continuare ad insistere. L idea di base era: le due aree romane della composizione e dell improvvisazione devono tornare a parlarsi e devono tornare ad elaborare progetti comuni, non solo giustapponendosi all interno di contenitori onnicomprensivi, ma interagendo realmente sul piano linguistico» (p. 252). Seguono convegni e progetti che vedono agire, in vario modo e a vario titolo, Gianfranco Tedeschi, Luigi Cinque, Eugenio Colombo, Massimo Coen, Daniele Del di musica che si muove a partire dalla lezione storica del free jazz e della musica improvvisata europea. The Jazz Hram Suite è del 2011 e vede all opera accanto a Maier e Kaucic il flautista pordenonese Massimo De Mattia, spericolato e geniale ricercatore di nuovi orizzonti sonori. Ottanta minuti di pura gioia ed energia liberatoria. Il secondo è Disorder at the Border, del 2014, e questa volta è il sassofonista e clarinettista udinese Daniele D Agaro a completare il trio che si muove con disinvoltura tra esplosioni furenti e momenti sospesi con un ventaglio di invenzioni e soluzioni amplissimo. Uno squarcio sulle possibilità della musica improvvisata che solo musicisti così possono aprire. Per chi non l ha mai ascoltata o per chi ne diffida può essere una esperienza d ascolto iniziatica. Nel segno dell attraversamento dei confini geografici e musicali. (F. Ma.) Monaco, Sabina Meyer, Fabrizio Spera, Alessandro Sbordoni, Fabrizio De Rossi Re, Richard Trythall, Paolo Ravaglia, Fausto Sebastiani (attuale presidente dell associazione Nuova Consonanza), Curran e Giancarlo Schaffini. Al trombonista, improvvisatore, compositore, performer ha dedicato nel 2014 la sua tesi di dottorato in Storia, scienze e tecniche della musica il sassofonista e musicologo Alipio Carvalho Neto: La Musica Libera di Giancarlo Schiaffini (Università di Roma 2, Tor Vergata). Neto è brasiliano di nascita ma dal 1997 vive in Europa; solista, studioso e compositore di qualità, unisce la profonda consapevolezza teorica alla creatività sperimentale «applicata». È da poco uscito il cd Vampyroteuthis infernalis del Luiz Moretto Quintet (etichetta Slam) che lo vede in organico con il leader, Francesco Lo Cascio, Gianfranco Tedeschi e Marco Ariano. La scelta del trombonista per la tesi di Neto è tutt altro che casuale. Giancarlo Schiaffini - la cui carriera ha sempre attraversato la «terra di mezzo» tra jazz, free jazz e musica contemporanea - è a sua volta autore di due interessanti e problematici volumi che affondano le loro radici negli anni Sessanta e Settanta analizzati da Giovanni Guaccero. Si tratta di E non chiamatelo jazz (Auditorium, 2011) dove indaga il ruolo che ha l improvvisazione nelle diverse espressioni musicali della contemporaneità, e di Tragicommedia dell ascolto (Auditorium, 2015), appena uscito nel febbraio di quest anno. «La mia tesi di dottorato - scrive Alipio C. Neto nel suo blogspot - è stata dedicata alla sua musica, fondata sull idea di un sui generis senso della libertà, segnata da una consapevolezza originata dalla sua artisticità e ricerca personale, che avvicinano ed amplificano i territori della composizione e dell improvvisazione». È quest ultimo, in definitiva, un tema ancora caldo per non dire scottante (si veda l articolo di Flavio Massarutto). «La pubblicazione di questo suo nuovo testo - prosegue Neto - serve appunto alla riflessione sull essenza dell elemento fondante dell arte musicale, che può anche essere considerato l aspetto primordiale della poetica schiaffiniana. Mi riferisco, ovviamente, all ascolto. Le esperienze avute in diversi gruppi, che hanno consolidato la sua libera ed autonoma poetica musicale, sono esempi in mezzo a tante altre attività creative alle quali ha partecipato Giancarlo Schiaffini in qualità di esecutore-compositoreimprovvisatore, che hanno celebrato l ascolto come meccanismo indispensabile alla fenomenologia del discorso musicale». E non è, forse, proprio l esigenza dell ascolto autentico e partecipato a riportare in primo piano la musica improvvisata e le orchestre di improvvisazione? Non sono i musicisti e gli ascoltatori coinvolti in un rapporto che rimette al centro, nella sua essenzialità, la capacità di ascoltare senza sovrastrutture e distorsioni indotte dall inquinamento sonoro che viene molto spesso contrabbandato come musica? Cos è il musicista se non un essere capace di agire ascoltando? In alto Domenico Guaccero; al centro Mario Schiano

7 ALIAS (7) sembrano luoghi maestosi e in realtà sono così fragili». Da qui una sequela di immagini sui toni del grigio, una splendida indefinitezza che conferisce agli scatti veli di profonda melancolia. Tra ragazzi, coppie, calche immobili, posticce costruzioni in legno che si stagliano contro cieli altrettanto grigi. Le foto sono in mostra a Berlino dal 20 giugno al 5 settembre alla Johanna Breede Gallery. ULTRASUONATI DA STEFANO CRIPPA GIANLUCA DIANA GUIDO FESTINESE SIMONA FRASCA MARIO GAMBA ROBERTO PECIOLA INDIE ITALIA Il gran circo dei Topi Romani, con nel cuore le borgate, la periferia squassata della capitale, le difficoltà di essere trentenni nel 2015, I Topi non Avevano Nipoti, nel loro disco d'esordio omonimo (Volcan Records), suonano nostalgici e malinconici, agrodolci e graffianti. Perché è vero che i testi sono realistici, ma la loro musica è insieme wave e power pop con grandi strutture di chitarre e batteria. Grande ritmo che guarda dritto in faccia alla lezione di gruppi come A Certain Ratio, Gang of Four, vedi alla voce punk funk, c'è anche nei concittadini Granada Circus. Vertèbra (con l'accento sulla e, perché, come dicono «è l'errore da compiere, il rischio da correre, la contraddizione in cui cadere»), seconda prova per la Warning Records, ha coordinate precise, ma un suono attuale, per nulla derivativo. Coordinate ben chiare anche per Teenage Riot, all'esordio per la pugliese La Rivolta Records. Scimmie sulla luna è un excursus nella musica indie alt degli anni Novanta (stoner, punk, con diversioni quasi prog che fanno pensare agli «attorcigliamenti» di Trail of Dead). Coraggioso, al di fuori dalle regole (versus chorus versus non esistono quasi per Teenage Riot). Rivoltoso... (Viola De Soto) ON THE ROAD Kiss Unica data italiana per la rock band statunitense che festeggia 40 anni. Verona GIOVEDI' 11 GIUGNO (ARENA) Mastodon Una sola data per la band metal prog americana. Bologna MERCOLEDI' 10 GIUGNO (ESTRAGON) Trail of Dead Echi di noise-emo-hardcore e psichedelia per la band americana. Andora (Sv) GIOVEDI' 11 GIUGNO (MAME) Sun Kill Moon Mark Kozelek, ex Red House Painters, è il titolare di questo progetto, tra Lou Reed, Neil Young e Nick Drake. Ferrara DOMENICA 7 GIUGNO (CORTILE CASTELLO ESTENSE) Roma LUNEDI' 8 GIUGNO (AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA) Sesto San Giovanni (Mi) MARTEDI' 9 GIUGNO (CARROPONTE) Limp Bizkit Torna una delle band di punta del cosiddetto nu metal. Assago (Mi) GIOVEDI' 11 GIUGNO (SUMMER ARENA) Merano (Bz) VENERDI' 12 GIUGNO (ROCK THE LAHN) Firenze SABATO 13 GIUGNO (OBIHALL) MARIO BIONDI BEYOND (Sony) Non cambia di una virgola il sound del gigante siciliano dal vocione soul. Lo aggiorna il giusto per stare al passo con le nuove tendenze del new soul. Ma l'amore è tutto per i classici. Qualche collaborazione d'eccellenza con i newyorkesi Dap-King, D.D. Bridgewater in versione autrice di testi e l'ex Suede Bernard Butler, e almeno un brano sopra la media: Love Is the Temple. (s.cr.) BOCEPHUS KING & ORCHESTRA FAMILIA THE ILLUSIONS OF PERMANENCE (Appaloosa/Ird) È tornato già da qualche tempo e ha trovato la quadratura del cerchio. Ha il nome di Orchestra Familia la sua band, ed è un collettivo meraviglioso con il quale esiste una sinergia perfetta. World music, con dentro blues, americana e folk rock. Un equilibrio perfetto tra buon gusto e capacità di sperimentare. Forse sarà uno dei dischi del Vi lasciamo con Derivative Blues e No Cure for Fools. (g.di.) GODSPEED YOU! BLACK EMPEROR ASUNDER, SWEET AND OTHER DISTRESS (Constellation) Ogni nuovo disco della band canadese mette un po' in crisi chi è delegato allacritica. Si possono usare artifici lessicali, si può tirarla per le lunghe, ma il succo è che i Godspeed You! Black Emperor difficilmente sorprendono con stravolgimenti stilistici. Fanno e continuano a fare quello che è il loro marchio di fabbrica: lunghe elucubrazioni soniche, tra post rock e noise. L'unica cosa che si può dire è, volta per volta, disco per disco, se lo hanno fatto meglio o peggio del solito. E qui il giudizio è assolutamente positivo. (r.pe.) INDÙ JUGGERNAUT (Slam Records) Saranno i posteri a stabilire se quella attuale sia un epoca con il piede schiacciato sull acceleratore delle sperimentazioni più «avant-garde» oppure no. Fatto sta che Juggernaut del duo Claudio Vignali (tastiere) e Andrea Grillini (batteria) con la collaborazione di Achille Succi (sax e clarinetto basso) è un disco notevole non tanto per le competenze tecnico-esecutive, notevoli, dei tre, ma per il gioco di interplay. La capacità di catturare insieme spirito e cuore di un idea, di giocarci intorno e preservare il senso di un improvvisazione audace ed eufonica. (s.fr.) Van Morrison L artista di culto irlandese torna in Italia. Brescia SABATO 6 GIUGNO (PIAZZA DELLA LOGGIA) Julian Casablancas & The Voidz Una data sold out per il progetto del cantante e leader degli Strokes. Bologna MARTEDI' 9 GIUGNO (BOLOGNETTI ROCKS) Dead Kennedys Il punk della band di Jello Biafra. Pinarella di Cervia (Ra) SABATO 13 GIUGNO (ROCK PLANET) Wim Mertens Il grande compositore belga, in un concerto per voce e pianoforte. Siena GIOVEDI' 11 GIUGNO (CATTEDRALE) Airbourne Dall'Australia, hard & heavy. Bologna DOMENICA 7 GIUGNO (ESTRAGON) The Coathangers La band indie garage al femminile Usa. Cigole (Bs) GIOVEDI' 11 GIUGNO (PARCO PALAZZO CIGOLA MARTINONI) Marina di Ravenna (Ra) SABATO 13 GIUGNO (HANA-BI) The Soft Moon Il progetto post punk di Luis Vasquez. REGGAE Il dub tellurico degli Zion Train Da venticinque anni Zion Train scuote «i sotterranei» di mezzo mondo con i bassi profondi e panciuti del suo dub tellurico: giri di basso che, d un tratto, ammutoliscono tra sirene spiegate e un tripudio generoso di ottoni. Come in questo Land of the Blind (Universal Eggs), un titolo che già dice molto di questo album corale in cui oltre la musica in sé conta l attitudine anticonvenzionale di Neil Perch (& c.), che, abile mastro concertatore, continua con le sue mani curiose e operose ad occuparsi delle macchine sondando un ventaglio di possibilità che vanno dal dub digitale all elettronica, dalla techno al jazz marziano, gettando un ponte tra King Tubby e Karl Stockausen. Anche i pordenonesi Wdd & Michela Grena esplorano i territori sempre fertili e dilatati del dub con il loro esordio Dub Drops (Wdd Dub Prod.) presentandosi come una delle realtà più interessanti. Segnaliamo Bird in Hand, e Rejoice Jah Jah Children. Al terzo album invece una giovane voce del reggae italiano come Lion D. Heartical Soul (Bizzarri Records) ha anche il pregio di recuperare una leggenda del reggae/soul come Ken Boothe in una delle tracce trainanti, Slow Down. (Grazia Rita Di Florio) SNOOP DOG BUSH (Sony) Più che un rapper Snoop Dog è un brand che fattura milioni di dollari con svariate attività attinenti all'entertainment. Ergo non sorprende la collaborazione con Pharrell Williams. Sempre meno rap, le canzoni - quasi laccate - vantano ritornelli perfetti qua e là «sporcati» dall'incedere rap e da un parterre di star ospiti: Charlie Wilson, Stevie Wonder, Kendrick Lamar, Rick Ross, T.I. e Gwen Stefani. (s.cr.) Torino LUNEDI' 8 GIUGNO (ASTORIA) Marina di Ravenna (Ra) MARTEDI' 9 GIUGNO (HANA-BI) Sesto San Giovanni (Mi) MERCOLEDI' 10 GIUGNO (CARROPONTE) Yellowcard Una data per la band punk pop di Jacksonville, Florida. Bologna MARTEDI' 9 GIUGNO (ZONA ROVERI) Lagwagon Il punk melodico della band californiana. Olgiate Molgora (Lc) GIOVEDI' 11 GIUGNO (LA SBIELLATA SANZENESE) Stanley Jordan Il chitarrista statunitense è l inventore del tapping. Milano MARTEDI' 9 GIUGNO (BLUE NOTE) Larry Carlton Lo smooth jazz del chitarrista Usa. Milano VENERDI' 12 E SABATO 13 GIUGNO (BLUE NOTE) James Taylor Quartet Per questo progetto del musicista londinese è stato coniato il termine «acid jazz». Milano SABATO 6 GIUGNO (TEATRO MANZONI) Verdena La rock band bergamasca è tornata SONGWRITER Laura Marling, maturità pop Che Laura Marling abbia studiato attentamente gente come Joni Mitchell e PJ Harvey appare abbastanza chiaro, come lo è il fatto che riesce comunque ad essere più che accattivante a ogni sua release. L'ultima si intitola Short Movie (Ribbon) e la vede forse ancora più matura e fruibile. Il che non significa leggera o «pop» - nel senso deteriore del termine -, ma solo, probabilmente, più consapevole della sua arte. Tra folk e rock, e una buona dose di pop, dimostra di sapersi muovere anche il bostoniano Chadwick Stokes che ha pubblicato il suo nuovo album solista dal titolo The Horse Comanche (Nettwerk/ Self). Ricordi di Paul Simon e Jack Johnson ci trasportano lungo l'intero percorso sonoro, percorso che non si distacca mai da un senso di spensierata leggerezza e divertimento. Altra sortita solista per il frontman dei gallesi Feeder, Grant Nicholas. Black Clouds (Popping Candy/Audioglobe), mini cd composto da sei brani che prosegue sulla traccia dell album di debutto, ossia quella acustica, molto più vicina al folk cantautorale che al rock della band di origine. E il risultato è apprezzabile, e in alcuni momenti, quasi esaltante. (Roberto Peciola) VAN DER GRAAF GENERATOR AFTER THE FLOOD (Virgin/Universal) Il glorioso Generatore di Peter Hammill è vivo e vegeto, nel quinto decennio di attività. E le prove recenti lo confermano. Bello riascoltarli però in questa raccolta delle session per la Bbc, si parte dal 1968 e si approda alle claustrofobiche crudezze piene di grinta del '77, che perfino i punk apprezzarono. Una antologia «live» quasi completa: pochi doppioni e qualche inedito. (g.fe.) A CURA DI ROBERTO PECIOLA SEGNALAZIONI: EVENTUALI VARIAZIONI DI DATE E LUOGHI SONO INDIPENDENTI DALLA NOSTRA VOLONTÀ dopo cinque anni con un nuovo disco, Endkadenz Vol. 1. Senigallia (An) SABATO 6 GIUGNO (MAMAMIA) Milano VENERDI' 12 GIUGNO (ESTATHE' MARKET SOUND) Padova SABATO 13 GIUGNO (SHERWOOD) Paolo Benvegnù L'ex leader degli Scisma con la band che porta il suo nome di nuovo live. Castiglion del Lago (Pg) SABATO 6 GIUGNO (LA DARSENA) Siano (Sa) VENERDI' 12 GIUGNO (RIEVOLUZIONI FESTIVAL) Cigole (Bs) SABATO 13 GIUGNO (PARCO PALAZZO CIGOLA MARTINONI) Magnolia Estate Una lunghissima serie di concerti live e dj set che occuperà l'intera stagione. Per i live si segnalano le ultime due serate del «Mi Ami Festival» con Levante, Colapesce, Thegiornalisti, Mecna, Umberto Maria Giardini, M+A e altri (stasera), e Alessandro Grazian, Wow, Daniele Bastreghi, Morgan, Post-Csi e altri (domani) e la serata dedicata ala decimo anniversario della Boys Noize Records. Segrate (Mi) SABATO 6, DOMENICA 7 E VENERDI' 12 GIUGNO (MAGNOLIA) Terraforma Seconda edizione dell'«experimental and sustainable Music festival» ospita tre giorni di sperimentazioni INDIE ROCK Dissacranti giramondo Istrionico il rock e le sue forme sbilenche. Tante, bizarre e giramondo. Si parte un metro avanti a tutti se si arriva da posti come Portland. Loro sono Guantanamo Baywatch, trio che pubblica tra ep e lp (oh sì, gli lp) il quinto episodio Darling... It s Too Late (Suicide Squeeze). Grandiosi, a dir poco. Sono dissacranti e seri al tempo stesso. Suonano alla grande e hanno fatto un signor disco. Too Late, Boy Like Me e Sea of Love sono la loro idea di rock, indie, surf e molto altro. Londinesi invece i The Severed Lamb che tra exotica, rock e influenze caraibiche e di New Orleans si donano con gioia. Il loro If You Ain t Livin You re a Dead Man (Damaged Goods) è gradevole, solare e ritmico. Specialmente in Aye que calor, Long Tall Girl e If You Ain't Livin, per Labella Records. Concludiamo con un bislacco e bravo svizzero: Antony Cedric Vuagniaux, eclettico polistrumentista che da alle stampe Le clan des Guimauves (Plombage Records). Il lavoro racconta di una forte attitudine cinematografica della sua musica, raccontata da strumenti acustici e inserti electro. Visionario come pochi e affascinato dalle colonne sonore di marca Sixties e dintorni. Su tutti La naissance des cambrioleurs. (Gianluca Diana) LUIGI VITALE/LUCA COLUSSI STILE LIBERO (Nusica.org) Vibrafonista Vitale, percussionista Colussi. Usano in più piccoli oggetti acustici e semplici apparati elettronici. Vitale è jazzman di punta nel panorama italiano, Colussi lo segue nelle esplorazioni ai limiti dell armonia tradizionale e dell aggancio tonale. Ma non osano abbandonare una «casa» di strutture sonore che dà sicurezza. 8 brani in cui il piacere del rapporto tra timbri frena un po il desiderio di ricerca. (m.ga.) artistiche. Più di venti i nomi che si alterneranno: Charles Cohen, Robert Lippock, Donato Dozzy & Nuel Play Aquaplano, Mark Ernestus, Hamid Drake, Rabih Beaini, Senyawa, Keith Fullerton Whitman, Convextion, Marco Shuttle, Bochum Welt, Itinerant Dubs, Valerio Tricoli, Gea Brown, 291out, Rawmance, Paquita Gordon, Maurizio Abate, Volcov, Turbojazz. Bollate (Mi) VENERDI' 12 E SABATO 13 GIUGNO (VILLA ARCONATI) Villa Aperta Il festival di musica pop, electro e rock si chiude con Tony Allen, Francois & The Atlas Mountains, Magic Malik & Dj Oil, Para One dj set. Roma SABATO 6 GIUGNO (VILLA MEDICI) Nessun Dorma Il «Guidonia Rock Fest» ha in programma, sul palco principale, Il Pan del Diavolo e Il Muro del Canto (il 12); Kutso e Marta sui Tubi (il 13). Guidonia Montecelio (Rm) VENERDI' 12 E SABATO 13 GIUGNO (PINETA COMUNALE) Il Ritmo della Città Il Festival jazz di Milano cambia anima e diventa Il Quartiere che Suona, e propone al pubblico un contest a cura dell'associazione Milano GIOVEDI' 11 GIUGNO (ORTO BOTANICO) DESTINAZIONE ABBADO Due personaggi che più diversi non si potrebbe (ma con qualcosa in comune: l'interesse per la gente semplice) sono al centro della nostra segnalazione di due volumi, anch'essi diversissimi. Si tratta di Claudio Abbado e Giuseppe Di Vittorio. Si può vedere la musica? Beh, a leggere il volume fotografico che le Edizioni Contrasto dedicano a Claudio Abbado (Claudio Abbado-Fare musica insieme, pagine 296, euro 29,90), finalmente uscito dopo la mostra che il Maggio Musicale Fiorentino dedicò al musicista e direttore d'orchestra - anche senatore a vita per un breve periodo prima della morte -, diremmo proprio di sì. Perché il grande percorso fotografico dentro gli aspetti più salienti dell'attività musicale di Claudio Abbado ci dà un'emozione che più «sonora» non si potrebbe; e chi ha seguito questo affabulatore della musica, e nella fattispecie del fare musica insieme agli altri (nel senso anche della costruzione pedagogica di orchestre e ensemble in svariati posti del mondo), non potrà che assaporare gli attimi più entusiasmanti di Abbado. E intanto, per premessa, conviene scavare negli scritti di questo libro per capire lo choc primigenio che attirò il piccolo Claudio nell'orbita musicale: «Avevo sette anni quando andai per la prima volta al Teatro alla Scala di Milano. Quando mi sono affacciato al parapetto del loggione, che è la fila di posti più vicina al soffitto, ho visto, dall'alto, piccolissimi e lontani, tanti musicisti come nel sogno, e un uomo che, agitando il suo ditino, scatenava suoni meravigliosi. Si trattava dei Notturni di Debussy, un musicista che sembra quasi dipingere luci e colori con la sua musica». Era fatta, la musica si depositò nel suo animo e non ne uscì più. E a scorrere queste centinaia di foto, di autori diversi tra di loro (Marco Caselli Nirmal, Silvia Lelli e Roberto Masotti, Priska Ketterer, Peter Fischli, Gianni Berengo Gardin, Ferdinando Scianna, Mauro Vallinotto, tra gli altri), che lo ritraggono nei momenti più suggestivi (e gioiosi, perché questo è ciò che trasmetteva Abbado in qualsiasi teatro o piazza si trovasse a dirigere), si resta soltanto estasiati dal suo talento e dalla sua generosità. L'omaggio in musica a Giuseppe Di Vittorio è Non toglietevi il cappello! (Edizioni Ediesse, pagine 68 + Cd, euro 10), un'azione scenico-musicale in un atto di Ignazio Pepicelli. Si tratta di una sorta di libretto d'opera accompagnato da musiche e canti dei Jurnatér. Tra monologhi e canzoni, naturalmente non poteva mancare L'inno della Repubblica scritto da Di Vittorio stesso e dal padre di Matteo Salvatore insieme in galera nel carcere di Lucera, è un tentativo di dare al grande sindacalista il tributo che merita. Una performance teatral-musicale che ci restituisce il ritmo di un'epoca in cui il lavoro e il corpo dei lavoratori era al centro, è il caso di dire, della scena.

8 (8) ALIAS LE MACCHINE le foto della festa del Corpus Domini sono di Arpino Gerosolimo TRADIZIONI DOMENICA 7 GIUGNO CORPUS DOMINI La sagra dei misteri a Campobasso tra sacro e profano di ARPINO GEROSOLIMO Nel giorno del Corpus Domini, nel capoluogo molisano si svolge una delle manifestazioni di religiosità popolare tra le più spettacolari d'italia. Fascino e suggestione per queste «macchine volanti» ideate dallo scultore campobassano Paolo di Zinno intorno alla metà del Si parla di Misteri per designare un apparato scenico e festivo; queste macchine detet anche popolarmente 'ingegni', spesso venivano costruite come scenografia all'interno dei luoghi sacri o nelle vicinanze. Memoria e identità sono antropologicamente le caratteristiche di questa ritualità. Queste antiche macchine scenografiche si rifanno storicamente ai drammi sacri del tardo Medioevo. Sono in tutto tredici e sono modellate da una lega in acciaio molto elastica, tale da permettere ai 'figuranti' di muoversi. Questi quadri viventi o sacre rappresentazioni vengono portate a spalla da circa duecento uomini. Intorno all'anno 1200, soprattutto nell'italia centrale, queste drammatizzazioni popolari descrivevano episodi delle Sacre Scritture. Una volta questi drammi venivano esibiti all'interno delle chiese e solo in seguito ebbero un respiro più vasto. C'è chi impersona degli angeli, dei Santi e diavoli. All'epoca il potere della Chiesa cercò di intervenire in tutti i modi per proiebire questa usanza, infatti nel 1629, l'allora vescovo di Campobasso-Boiano lamentava che queste scene «muovevano il popolo più al riso che alla devozione». La Chiesa cercava di normalizzare queste devianze popolari e spesso, per mantenere un più tranquillo svolgere di tali manifestazioni e normalizzare il tutto, si avvaleva delle Confraternite religiose cittadine che tendevano a riportare la normalità in nome della Chiesa. Pertanto dal 1629 dei Misteri non si parlerà più fino a quando non fu dato l'incarico all'artista Paolo di Zinno di ideare i suoi ingegni/misteri. La spettacolarità di questo rito campobassese sta nel fatto che queste macchine viventi non sono costituite da statue, ma i suoi personaggi sono bambini, donne e uomini. Lo scultore campobassano su committenza delle tre Confraternite cittadine (Trinitari, Crociati e Congrega di S. Antonio Abate) realizzò queste macchine volanti intorno ad un asse verticale che costituivano l'appoggio a diverse altezze, ai personaggi. La realizzazione La Chiesa lamentava che queste scene «muovevano il popolo più al riso che alla devozione» e cercava di normalizzare queste devianze di questi 'ingegni' portò via molto tempo all'epoca tra maestri artigiani del ferro e del legno. I Misteri hanno uno sviluppo in altezza che varia tra i 3 e i 4 metri e, issati sulle spalle dei barellieri, sembrano ancora più in alto. All'epoca le macchine erano 18, ma nel terremoto del 1805 ne furono distrutte alcune. Esse avanzato una dietro l'altra con rapido movimento e accompagnate da musicanti. L'intera struttura metallica è ricoperta da apparati festosi ed i personaggi aerei si rifanno a quelli della metà del Il trasporto a spalla è costituito da tre stanghe di legno. Il movimento delle macchine durante il percorso cittadino ha un andamento sussultorio ed il passo dei portatori è cadenzato. Il numero dei portatori varia da 12 a 18 unità ed è guidato da un caposquadra o detto volgarmente caporale, il quale organizza l'andamento del Mistero durante il percorso e batte con una canna tre volte sulla piattaforma lignea per mettere ordine ai portatori. Il percorso che fanno i Misteri è di circa 10 chilometri e sono di proprietà del comune di Campobasso e sottoposti a vincolo da parte del Ministero dei beni culturali. Storicamente si pensa che la Sagra dei Misteri sia ideata dal di Zinno, si svolse la prima volta tra il 1775 e il Nel Meridione le Confraternite continuano a ricoprire un ruolo importante ancora oggi in Italia molte feste religiose sono gestite da esse -. Il loro ruolo era il mezzo attraverso il quale si esprimevano diversi interessi, espressioni di vita attiva e la presenza o, meglio, il posto che si occupa nelle manifestazioni religiose delle Confraternite indicava il peso che si aveva nella vita locale. Questa situazione si rispecchiava nelle realtà urbane e spesso tra loro si fronteggiavano duramente a tutti i livelli, tali da generare disordini, congiure ed assassinii, come avvenne a Campobasso all'epoca. Le lotte cruenti tra i Crociati e i Trinitari intorno alla metà del '500 nonostante alcune fasi di mediazione generarono molti tumulti. Intorno al 1600 ci furono altre pacificazioni ed il prezzo della contesa era la partecipazione alle processioni del Venerdì Santo e Corpus Domini. L APPUNTAMENTO In quel periodo Campobasso diventa sempre più centro di lotta contro gli abusi feudali. La situazione nel Settecento cambia e si normalizza: le Confraternite continuano ad essere attive in città, tanto che esse partecipano alla elezione di uomini che dirigono la municipalità. Proprio nel 1700 Campobasso viene elevata al rango di città, concessa dal re Carlo III verso il Ed è proprio in questi anni che Paolo Saverio di Zinno inventa i suoi ingegni, che da allora figurano nella città nel giorno del Corpus Domini. E nel 1700 la vita economica e culturale cambia e si hanno nuove forme di potere, sia municipale che religioso. La Sagra dei Misteri a Campobasso continua ogni anno a segnare il filo conduttore tra memoria e modernità, tra passato e presente. I Misteri rappresentano scene dell'antico e Nuovo Testamento. Quelli che sfilano il giorno del Corpus Domini attualmente sono 13: S. Isidoro, S. Crispino, S. Gennaro, Abramo, la Maddalena, S. Antonio Abate, Immacolata Concezione, S. Leonardo, S. Rocco, l'assunta, S. Michele, S. Nicola, SS Cuore di Gesù. Nel 2006 a Campobasso è sorto il Museo dei Misteri, fondato dall'associazione Misteri e Tradizioni. Situato al centro della città ed espone le strutture e i costumi che caratterizzano la manifestazione. La Sagra dei Misteri è la festa più nota nella regione Molise, tra le più spettacolari da vedere. Inizio processione ore 9.45 per le vie della città e rientro alle (a.g.) KUBRICK GRANDE INTELLETTUALE Un idea diffusa intorno agli artisti è che non sanno quello che fanno. Idea falsa. È vero però che esistono molti gradi di consapevolezza del fare artistico. Il minimo è condiviso dalla massa di sedicenti artisti dei nostri tempi, presso i quali - prendiamo ad esempio la letteratura - il numero degli scrittori ha superato quello dei lettori. Il massimo è rappresentato, ad esempio nel cinema, da Stanley Kubrick. Vi farò tre regali: tre passaggi dell antologia-di-interviste-kubrickiane Non ho risposte semplici, Ma prima urgono due bacchettate. La prima alla casa editrice, la minimum fax, che sottotitola il libro «Il genio del cinema si racconta». Il? Non bastava scrivere Un? E Chaplin ed jzenštejne Welles eccetera li abbiamo dimenticati? La seconda va ad Emiliano Morreale, che titola la sua Introduzione «L ultimo regista del cinema». Forse male influenzato da L ultimo imperatore? L ultimo samurai? L ultimo bacio? L ultimo lupo? Veniamo a Kubrick grande intellettuale (oltre che regista). Colin Young nel 1959 gli domanda: «erché, dopo Orizzonti di gloria, vuole girare un altro film sulla guerra?» E Kubrick: «Tanto per cominciare, il fascino di una storia di guerra è che fornisce un occasione quasi unica per mettere in contrasto un individuo della nostra società contemporanea con una solida cornice di valori universalmente accettati, di cui il pubblico diventa profondamente consapevole, e che si può usare come contrappunto per una situazione umana, individuale, emotiva. Inoltre, la guerra è una specie di vivaio che favorisce la crescita rapida e forzata di atteggiamenti e sensazioni. Gli atteggiamenti si cristallizzano ed emergono. Il conflitto è naturale, mentre in una situazione meno critica dovrebbe essere presentato quasi come un espediente, e quindi sembrerebbe forzato, o peggio ancora falso. jzenštejn,nei suoi scritti teorici sulla struttura drammatica, spesso pecca di semplicismo. I contrasti bianco/nero di Aleksander Nevskij non si adattano a qualsiasi opera. Invece la guerra permette di sfruttare contrasti di quel tipo, e in maniera spettacolare». Eric Norden, nel 1968: «Qual è il messaggio metafisico di 2001?» Kubrick: «Non è un messaggio che intendo esprimere a parole, né oggi né mai è un esperienza non verbale. Ho cercato di creare un esperienza in tutto e per tutto visiva, che oltrepassi le categorizzazioni verbali e penetri direttamente nel subconscio con un contenuto e motivo e filosofico. Per ribaltare la frase di McLuhan, in 2001 il messaggio è il mezzo». Ancora Norden: «Pensa che l amore romantico sarà fuori moda nel 2001?» Kubrick: «Naturalmente la gente trova sempre più facile avere relazioni intime e soddisfacenti al di fuori del concetto di amore romantico (che, nella sua forma attuale, è un acquisizione relativamente recente, sviluppatasi nel XII secolo alla corte di Eleonora d Aquitania), ma non sarà facile aggirare la nostra programmazione emotiva primitiva. L uomo possiede essenzialmente lo stesso insieme di istinti utili a rinsaldare la coppia (l amore, la gelosia, la possessività) che gli sono stati impressi milioni di anni fa per la sopravvivenza individuale e tribale».

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni PIANO DI L ETTURA LA PIANTA MAGICA ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Orecchia Serie Azzurra n 81 Pagine: 87 Codice: 978-88-384-3564-2 Anno di pubblicazione: 2006 Dai 7 anni L AUTRICE Erminia Dell

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

Non riflette la qualità dell insegnamento Ma tornando adesso allora a chi sono i Contadini di adesso

Non riflette la qualità dell insegnamento Ma tornando adesso allora a chi sono i Contadini di adesso Intervistato: Sebastiano Villani, Dirigente Scolastico di Stigliano e Aliano Soggetto: «Luigini» e «Contadini» oggi Luogo e data dell intervista: Stigliano, agosto 2007 Audio file: Villani Il problema

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

I colori della musica prendono corpo Insieme con le diverse abilità

I colori della musica prendono corpo Insieme con le diverse abilità Progetto di musicoterapia I.P.S. Falcone Palazzolo S/O a.s. 2008/09 1 Scaletta 1 incontro 24 novembre 2008 - Finalità generale: Migliorare la socializzazione. Interazione positiva con tutti i compagni.

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA Mercoledì 11 dicembre abbiamo accolto gli amici delle quinte: vi raccontiamo la giornata...speciale. E' stato molto interessante ed istruttivo, a parer mio, far visitare, nel

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

I bambini vengono costretti a lavorare

I bambini vengono costretti a lavorare Un continente segnato dalle violenze, dai soprusi e dalle ingiustizie. Il destino di schiavitù che nei secoli scorsi ha colpito l'africa non si è esaurito nemmeno nel Terzo millennio. Nell'Ottocento, uomini

Dettagli

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco. L asilo nido Collodi, gestito dalla Cooperativa Accomazzi per conto della Città di Piossasco, accoglie 45 bambini dai 6 ai 36 mesi. Aspetto

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ALTINO

SCUOLA PRIMARIA ALTINO SCUOLA PRIMARIA ALTINO PROGETTO CONTINUITA : MANGIA SANO E VAI LONTANO Incontro con i bambini di 5 anni delle scuole dell infanzia di Altino Durante gli incontri di continuità con la Scuola dell Infanzia

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone.

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone. La nuova adozione a distanza della Scuola Secondaria di Primo Grado di Merone. Riflessione sull Associazione S.O.S. INDIA CHIAMA L' India è un' enorme nazione, suddivisa in tante regioni (circa 22) ed

Dettagli

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Mi figura dla rujenedes Meine Sprachenfigur La mia figura delle lingue Silvia Goller Scuola dell infanzia Santa Cristina/Val Gardena Le bambine e i bambini

Dettagli

La Giornata Nazionale degli Alberi. La Festa dell Albero. Alle radici dell accoglienza

La Giornata Nazionale degli Alberi. La Festa dell Albero. Alle radici dell accoglienza La Festa dell Albero Festa dell Albero è la campagna di Legambiente per la tutela del verde e del territorio che quest anno si realizza nell ambito della Giornata Nazionale degli Alberi, finalmente istituita

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

informa giugno 15 n. 1 I

informa giugno 15 n. 1 I DUE SGUARDI: UN AFRICA Mostra fotografica - Trento, piazza Fiera - 30 maggio - 2 giugno 2015 informa A febbraio 2012 noi studenti e studentesse trentine abbiamo potuto conoscere la realtà ugandese in un

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

In questa lezione abbiamo ricevuto in studio il Dott. Augusto Bellon, Dirigente Scolastico presso il Consolato Generale d Italia a São Paulo.

In questa lezione abbiamo ricevuto in studio il Dott. Augusto Bellon, Dirigente Scolastico presso il Consolato Generale d Italia a São Paulo. In questa lezione abbiamo ricevuto in studio il Dott. Augusto Bellon, Dirigente Scolastico presso il Consolato Generale d Italia a São Paulo. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie 1

Dettagli

Pompei, area archeologica.

Pompei, area archeologica. Pompei, area archeologica. Quello che impressione è l atteggiamento di queste persone nell ultimo momento di vita. Cercano di coprirsi da qualcosa. Si intuisce che il motivo principale della causa è il

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

"#$"%&' (%&#((%! &#)'!*'"!+'$%(),!

#$%&' (%&#((%! &#)'!*'!+'$%(),! L Archivio liquido dell Identità arriva in Brasile, incontrando la comunità pugliese di San Paolo. Il cuore della città è l Edificio Italia, un altissimo palazzo che domina su l enorme estensione di questa

Dettagli

S T U D I O S P A Z I O

S T U D I O S P A Z I O S P A Z I O I nostri corsi 2014 La Cooperativa Co.Re.s.s. attraverso lo Spazio Arte 21, organizza percorsi dedicati alle persone che vogliono scoprire se stesse e le proprie emozioni attraverso l arte

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

Prima che la storia cominci

Prima che la storia cominci 1 Prima che la storia cominci Non so da dove sia scaturita questa mia voglia di scrivere storie. So che mi piace ascoltare le narrazioni degli altri e poi ripensare quelle storie fra me e me, agitarle,

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

LA CASA DI NONNA ITALIA

LA CASA DI NONNA ITALIA dai 9 anni SERIE BLU scuola primaria LA CASA DI NONNA ITALIA UN RACCONTO SULLA COSTITUZIONE AUTORE: P. Valente SCHEDE DIDATTICHE: P. Valente ILLUSTRAZIONI: M. Bizzi PAGINE: 128 PREZZO: 7,50 ISBN: 978-88-472-1409-5

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI - - diario di bordo - classi seconde 27 febbraio 2012 La ciurma della danza Oggi è il primo giorno della settimana interculturale e chissà cosa sta facendo il gruppo del ballo;

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo Dal progetto educativo alla creazione di reti relazionali Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo La forza autentica della scoperta e dell incontro con l altro può essere solamente la fede in

Dettagli

Giornalismo investigativo strumento di verità

Giornalismo investigativo strumento di verità colophon editore delos store Ordinaria Follia a cura di ARIANNA E SELENA MANNELLA Giornalismo investigativo strumento di verità di ARIANNA E SELENA MANNELLA Oggi il problema non è la mancanza di informazione

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C P A G I N A 1 UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C Giorno 27 novembre, noi alunni della classe 5^ A Primaria del plesso Romana, ci siamo recati presso la sede centrale dell Istituto comprensivo Piero

Dettagli

Livello A2 Unità 7 Istruzione

Livello A2 Unità 7 Istruzione Livello A2 Unità 7 Istruzione Chiavi Lavoriamo sulla comprensione 1. Ascolta il testo. Vero o Falso? Testo 1 - Ciao Marta. - Ciao Habiba, come stai? - Bene grazie. - E Aziz? Lo hai già iscritto scuola?

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

Le biblioteche raccontate a mia fi glia

Le biblioteche raccontate a mia fi glia La collana Conoscere la biblioteca si rivolge direttamente agli utenti delle biblioteche per spiegare, con un linguaggio semplice, il ruolo e i diversi aspetti di questo servizio. Per tali caratteristiche

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Alimentazione al Femminile A cura di

Alimentazione al Femminile A cura di Milano, 22 Giugno 2015 Alimentazione al Femminile A cura di SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA PRESSO LE DONNE ITALIANE Questa ricerca ha l obiettivo di indagare a 360 gradi il tema dell alimentazione

Dettagli

4 Consigli per una gita in fattoria. La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica. Una guida a cura della Redazione di:

4 Consigli per una gita in fattoria. La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica. Una guida a cura della Redazione di: 4 Consigli per una gita in fattoria La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica Una guida a cura della Redazione di: PERCHÉ UNA GITA IN FATTORIA? I motivi per fare una gita in

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI EURO RUN: IL GIOCO www.nuove-banconote-euro.eu ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato e anche

Dettagli

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI EURO RUN: IL GIOCO www.nuove-banconote-euro.eu ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI - 2 - Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato e

Dettagli

frutto della collaborazione fra Volontari della Caritas Parrocchiale, Alunni e Alunne, Insegnanti e Comitato dei Genitori

frutto della collaborazione fra Volontari della Caritas Parrocchiale, Alunni e Alunne, Insegnanti e Comitato dei Genitori La Scuola Primaria PAOLO NEGLIA di Vanzago, nell ambito delle manifestazioni organizzate per la Festa di fine anno scolastico, ha promosso la seguente iniziativa frutto della collaborazione fra Volontari

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO I La norma giuridica Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione della

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

Mio figlio ha ricevuto in

Mio figlio ha ricevuto in Appunti di una Lego terapia Mio figlio ha ricevuto in regalo per i suoi 5 anni la casetta Lego. Consiglio di acquistarlo per le sue potenzialità psicopedagogiche. Il piccolo G. ha subito proiettato se

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria REALIZZA IL TUO FUTURO Di Annamaria Iaria INDICE 1.Presentazione... 2 2.Chi sono... 2 3.Il cuore dell idea... 4 4.Come si svolge... 5 5.Obiettivo... 5 6.Dove si svolge... 6 7. Idee collegate... 6 2013-2014

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Intervista telematica a Sonia Grineva

Intervista telematica a Sonia Grineva BTA Bollettino Telematico dell'arte ISSN 1127-4883 Fondato nel 1994 Plurisettimanale Reg. Trib. di Roma n. 300/2000 dell'11 Luglio 2000 1 Gennaio 2010, n. 549 http://www.bta.it/txt/a0/05/bta00549.html

Dettagli

E ora, col cuore leggero per lo scampato pericolo, andiamo ad approfondire, e a scoprire:

E ora, col cuore leggero per lo scampato pericolo, andiamo ad approfondire, e a scoprire: di Pier Francesco Piccolomini 1 Dopo aver spiegato come si accende il computer e come si usano mouse e tastiera, con questa terza puntata della nostra guida entriamo trionfalmente all interno del PC, dove

Dettagli

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Intervento di Franco Gervasoni, direttore SUPSI SALUTO - Consigliere di Stato, Manuele Bertoli - Capodicastero Educazione, culto e partecipazioni comunali del Municipio

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie

On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie Introduzione Il presente progetto si riferisce alla strutturazione di un percorso laboratoriale teatrale ai ragazzi delle scuole primarie, con il quale

Dettagli

Racconti fiabeschi, mostre, laboratori creativi, burattini, performance teatrali e narrative, eventi e libri che svelano magie

Racconti fiabeschi, mostre, laboratori creativi, burattini, performance teatrali e narrative, eventi e libri che svelano magie Associazione Agenzia Arcipelago Onlus Comune di Campodimele Festival internazionale della fiaba UN PAESE INCANTATO VIII edizione 2016 (diretto da Giuseppe ERRICO) Racconti fiabeschi, mostre, laboratori

Dettagli

PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI

PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI Quarta Domenica di Avvento 20 dicembre 2015 Accensione della Candela della Corona dell

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia Da oltre 40 anni la vita in Colombia è dominata dalla paura e dai conflitti. Migliaia di colombiani che vivono in zone remote o negli slum

Dettagli