L UTILIZZAZIONE DEL GRANO DURO COMPLEMENTATO CON FONTI PROTEICHE A DIFFERENTE DEGRADABILITA NELL ALIMENTAZIONE DELLA CAPRA DA LATTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L UTILIZZAZIONE DEL GRANO DURO COMPLEMENTATO CON FONTI PROTEICHE A DIFFERENTE DEGRADABILITA NELL ALIMENTAZIONE DELLA CAPRA DA LATTE"

Transcript

1 L UTILIZZAZIONE DEL GRANO DURO COMPLEMENTATO CON FONTI PROTEICHE A DIFFERENTE DEGRADABILITA NELL ALIMENTAZIONE DELLA CAPRA DA LATTE THE UTILIZATION OF DURUM WHEAT WITH PROTEIN SOURCES DIFFERING IN THE RATES OF RUMINAL DEGRADATION IN DAIRY GOAT FEEDING Petrera F., Lestingi A., Tortorelli G., Radogna E., Laudadio V. Department of Heath and Welfare of Animals; University of Bari ITALY. S.P. per Casamassima, km , Valenzano (BA) Tel ; Fax: ; Parole chiave: grano duro, capra da latte, fonti proteiche. Key words: durum wheat, dairy goat, protein source. Abstract A 120-day trial was carried out in order to evaluate the effects of the utilization of two mixed pelletted feeds containing durum wheat and protein sources differing in the rates of rumen degradation on quanti-qualitative aspects of goat milk. Two experimental diets were formulated with the same energy source, durum wheat, and different protein sources: corn gluten meal (low rumen protein degradability = LD diet) or soybean meal and urea (high rumen protein degradability = HD diet). 40 Jonica goats, thirty days after lambing, were divided into two groups, balanced according to body weight, parity, number of kids weaned and milk yields during the preliminary period. The goats were grazing on native pasture and housed nightly in pens, where animals received Italian ryegrass and the experimental diets, different between groups. Milk yields and fat corrected milk yields were not affected by dietary treatments. LD diet significantly increased protein (P<0.05), casein (P<0.01) and lactose (P<0.05) percentages. Introduzione Il grano duro (Triticum durum), come tutti gli altri cereali, è essenzialmente un concentrato di natura glucidica, in quanto il maggior componente della sua sostanza secca è rappresentato dall amido (55-60%); il suo contenuto proteico è piuttosto variabile, a seconda della cultivar, dal 7 al 18%, mediamente il 12% (Baggini, 1998). Nel 2002 l Italia ha prodotto circa 44 milioni di quintali di grano duro (ISTAT, 2002) allineandosi tra i principali Paesi produttori. La coltivazione si concentra per il 70% nel centro-sud Italia, ed in particolare in Puglia e in Sicilia. Tale cereale riveste un interesse primario nel nostro Paese, in particolare nel meridione, dove è coltivato in aree caratterizzate da carenza idrica, nelle quali non vi sono oggi alternative colturali, come il mais nel settentrione. La coltivazione del grano duro risulta però, attualmente, attraversata da una profonda crisi, in conseguenza della notevole concorrenza della produzione estera che ha determinato la progressiva riduzione del suo prezzo di mercato. A causa delle diverse e variabili condizioni pedo-climatiche che contraddistinguono le zone di coltivazione nel Mezzogiorno d Italia e della notevole frammentazione aziendale, le caratteristiche qualitative di gran parte del cereale prodotto risultano estremamente variabili, rendendo tale tipo di coltura poco competitiva a livello globale. Infatti, la difficoltà di reperire partite con peculiarità reologiche uniformi, come richiesto dall industria di trasformazione, costituisce una delle principali cause di deprezzamento del prodotto nazionale. Le grandi industrie di trasformazione, di conseguenza, per assicurare soddisfacenti standard produttivi, sono costrette, annualmente, ad importare notevoli quantità di frumento duro, in particolare dalla Francia, dalla Grecia e dalla Spagna, ma anche dai Paesi esterni alla CEE, come Canada e Stati Uniti. Considerando che la produzione nazionale di frumento duro è già di per sé eccedente rispetto al fabbisogno interno (+10%), è facile immaginare come a fine campagna ci siano notevoli giacenze di tale cereale nei magazzini che rischia di andare invenduto e con danni economici facilmente immaginabili per i produttori. Questa situazione ha determinato la sensibile riduzione dello scarto di prezzo fra frumento duro e gli altri cereali foraggieri, spiegando il crescente interesse, da parte degli operatori economici del settore, verso l impiego del frumento duro per l alimentazione degli animali in produzione zootecnica. La possibilità di sostituire il mais, il cereale attualmente maggiormente impiegato, con il grano duro, nella formulazione di mangimi complementari per ruminanti in lattazione, per lo meno in quei periodi dell anno in cui il prezzo medio di mercato vede le quotazioni del frumento duro più vantaggiose 1

2 rispetto a quelle del mais, determinerebbe, oltre ad un maggior impiego del grano duro in alimentazione animale, anche una riduzione delle importazioni delle costose fonti proteiche, in particolare della soia e dei suoi derivati, in quanto la base energetica offerta dal grano duro apporterebbe al mangime circa il 13% di proteina contro appena l 8%, in media, del mais. Nella formulazione delle diete per ruminanti viene dedicata sempre più attenzione alla cinetica di degradazione ruminale dei diversi principi nutritivi, in quanto, una buona sincronizzazione tra la degradabilità ruminale delle fonti proteiche e quella dei carboidrati non strutturali, è in grado di ottimizzare la replicazione microbica e migliorare, quindi, l utilizzazione digestiva degli alimenti (Nocek e Russel, 1988). A tal riguardo, poiché mancano in bibliografia lavori relativi all impiego del grano duro nell alimentazione dei ruminanti, lo scopo del presente lavoro è stato quello di valutare, nella capra, gli effetti sulla produzione quanti-qualitativa di latte della somministrazione di 2 mangimi complementari, la cui base energetica era costituita da grano duro, integrati con fonti proteiche a differente velocità di degradazione ruminale. Materiali e metodi Sono stati preparati due mangimi sperimentali, simili per contenuto in energia ed in proteina grezza, a base di frumento duro, ma contenenti fonti proteiche a diversa degradabilità ruminale: glutine di mais, a bassa velocità di degradazione ruminale della componente proteica, nel primo gruppo (Dieta BD) e farina di estrazione di soia e urea, ad alta velocità di degradazione, nel secondo gruppo, (Dieta AD), al fine di ottenere una diversa distribuzione delle frazioni azotate, così come indicato dal Cornell Net Carbohydrate and Protein System (CNCPS) proposto dai ricercatori della Cornell University (Russel et al., 1992; Sniffen et al., 1992; Fox et al., 1992). Per la prova sono state utilizzate 40 capre di razza Jonica in produzione, allevate in un azienda ubicata in agro di Ruvo di Puglia (BA). La sperimentazione ha avuto una durata di 135 giorni (agostodicembre), di cui 15 preliminari e 120 sperimentali. In particolare, dopo l allontanamento dei capretti, avvenuto attorno al 30 giorno dal parto, le capre selezionate per la prova sono state alimentate per i primi 15 giorni (periodo pre-sperimentale) con una miscela in parti uguali dei due mangimi sperimentali. Alla fine di tale periodo, gli animali sono stati suddivisi in 2 gruppi omogenei di 20 soggetti ciascuno, sulla base dell ordine di lattazione, del peso vivo, del numero di capretti svezzati e dei rilievi preliminari quanti-qualitativi della produzione di latte. Tutti i soggetti in prova venivano condotti quotidianamente al pascolo su prati naturali, ricchi di essenze di graminacee (8 ore/die), mentre all ovile ricevevano fieno di loietto di buona qualità, ed al momento della mungitura (ore 6.00 e 18.00), il mangime differente tra i due gruppi a confronto. Nel periodo pre-sperimentale e nei primi 60 giorni di sperimentazione le capre ricevevano 1,2 kg di mangime per capo/giorno, nel successivo periodo di prova ( giorni) la quantità di mangime somministrato è stata ridotta a 0,8 kg a causa delle diminuite produzioni di latte. La composizione dei due mangimi e l integrazione vitaminico-minerale utilizzata sono riportate nella tabella 1. In tabella 2 è riportata la composizione chimica dei due mangimi sperimentali, determinata secondo le metodiche suggerite dalla Commissione Valutazione degli Alimenti dell A.S.P.A. (1980), le frazioni fibrose, fibra al detergente neutro (NDF), fibra al detergente acido (ADF) e lignina al detergente acido (ADL), secondo il metodo Van Soest (1991), mentre il contenuto in frazioni azotate è stato determinato secondo le indicazioni suggerite da Licitra et al. (1996). In tabella 3 sono riportate le caratteristiche nutrizionali (Energia Lorda, Energia Digeribile, Energia Metabolizzabile, Unità Foraggere Latte e Carne) ed i contenuti in Proteina digeribile intestinale (PDIA, PDIN e PDIE ), Calcio e Fosforo, calcolati utilizzando i valori tabulati dell Institute Nationale de la Recherche Agronomique (I.N.R.A., 1988). I rilievi riguardanti la produzione quanti-qualitativa di latte sono stati eseguiti ogni 15 giorni, pesando il latte della mungitura del mattino e quello della sera di tutti i soggetti in prova, e prelevando un campione individuale di latte, rappresentativo delle due mungiture giornaliere. Sui campioni di latte sono state eseguite le analisi relative al contenuto percentuale in proteina, grasso, lattosio, urea, caseine (Milkoscan 255; Foss Electric) e numero di cellule somatiche (Fossomatic 250; Foss-Electric). Inoltre, sui campioni di latte prelevati al primo ed all ultimo controllo, si è proceduto alla valutazione dell attitudine alla coagulazione presamica del latte, mediante apparecchiatura Formagraph (Foss Electric), al fine di determinare i parametri relativi al tempo di coagulazione (TC), tempo di rassodamento del coagulo (K 20 ) e consistenza del coagulo (A 30 ) (ASPA, 1995). Tutti i soggetti in prova sono stati pesati ad inizio e fine sperimentazione al fine di valutare le eventuali variazioni di peso vivo degli animali. 2

3 Al fine di valutare le differenze tra i due gruppi a confronto, è stato applicato un modello lineare misto utilizzando la procedura MIXED (SAS, 1990). La variabile dipendente è stata, di volta in volta, la produzione quantitativa di latte e di latte standard (4% di grasso), le percentuali di grasso, proteina, caseina e lattosio, il contenuto in cellule somatiche (CCS) e urea, e le caratteristiche di caseificazione, rilevate ai diversi controlli. Il modello misto includeva l effetto casuale della capra, gli effetti fissi della dieta e dell ordine di lattazione. Le differenze tra le medie stimate sono state valutate statisticamente con il t di Student (SAS, 1990). Risultati Tutti i soggetti in prova non hanno mostrato, nel corso della sperimentazione, alcuna sintomatologia clinica ascrivibile al trattamento alimentare. I valori medi delle produzioni di latte e di latte standard (4% di grasso), le caratteristiche chimiche e di caseificazione del latte dei due gruppi sperimentali a confronto sono riportate in tabella 4. La diversa velocità di degradazione ruminale della componente proteica dei due mangimi sperimentali non ha influenzato la produzione media giornaliera di latte né quella di latte standard (4% di grasso), che però sono risultate tendenzialmente maggiori nel gruppo alimentato con la dieta BD rispetto al gruppo che riceveva la dieta AD (1500,46 vs 1436,89 g e 1507,40 vs 1440,71 g, rispettivamente). Per quanto concerne il contenuto medio in grasso del latte, l influenza esercitata dalla diversa fonte proteica della dieta è risultata molto limitata. Infatti, i valori medi registrati sono risultati pressoché sovrapponibili tra i due gruppi sperimentali a confronto (4,03 vs 4,01%, rispettivamente per il gruppo BD e AD). Per quanto riguarda il contenuto medio in proteine del latte, i soggetti che ricevevano la dieta BD hanno fatto registrare valori significativamente più elevati rispetto a quelli del gruppo AD (3,75 vs 3,66 %; P<0,05), probabilmente per effetto della migliore utilizzazione della componente proteica del mangime contenente glutine rispetto a quello contenente farina di estrazione di soia e urea, per la sintesi delle proteine del latte. Similmente a quanto è accaduto per la proteina, anche il contenuto in caseine del latte è stato positivamente influenzato dal trattamento alimentare con proteina a bassa degradabilità ruminale (3,03 vs 2,93%; P<0,01). Risultati analoghi sono stati riscontrati da Sanz Sampelayo et al. (1998) che impiegando diete contenenti diverse fonti proteiche, trovarono che la minore degradabilità della fonte proteica determinava produzioni di latte con la più alta concentrazione proteica e la più elevata resa alla caseificazione. Per quanto concerne il contenuto in lattosio del latte, la dieta BD ha determinato un aumento significativo di tale parametro rispetto alla dieta AD (4,76 vs 4,70%; P<0,05). Anche il contenuto in urea del latte è stato influenzato dal trattamento alimentare; in particolare la dieta BD ha fatto registrare una concentrazione media significativamente inferiore (35,65 vs 37,33 mg/100ml; P<0,01) rispetto alla dieta AD. Andando a considerare il contenuto in cellule somatiche, è possibile rilevare un tendenziale aumento di tale parametro nel latte prodotto dalle capre del gruppo AD, ma le differenze non sono risultate statisticamente significative. Per quanto riguarda l influenza della degradabilità della fonte proteica alimentare sull attitudine alla coagulazione presamica del latte, i valori registrati relativi ai parametri TC, A 30, e k 20, che esprimono la velocità di formazione del coagulo, la consistenza del coagulo a 30 minuti ed il tempo di rassodamento del coagulo, rispettivamente, non hanno mostrato differenze statisticamente significative tra i due gruppi a confronto, ma un peggioramento dei valori nel corso della prova sperimentale in entrambi i gruppi, come era logico aspettarsi. L incremento di peso vivo medio registrato a fine prova è risultato piuttosto contenuto in entrambi i gruppi (+0,9 e +1,1 kg, rispettivamente per il gruppo alimentato con la dieta BD e AD). Conclusioni L impiego del grano duro nell alimentazione della capra da latte in produzione ha determinato, indipendentemente dalla fonte proteica utilizzata nella formulazione dei due mangimi sperimentali, produzioni di latte soddisfacenti. La complementazione del grano duro con glutine di mais, fonte proteica a bassa velocità di degradazione ruminale, ha fatto registrare, rispetto al mangime contenente farina di estrazione di soia ed urea, fonti a più elevata degradabilità, una produzione quantitativa di latte tendenzialmente maggiore. La qualità del latte è risultata influenzata dalla differente degradabilità della fonte proteica utilizzata soprattutto nei contenuti in proteina e caseina, mostrando, nel complesso, un effetto positivo su tali 3

4 parametri, della dieta contenente glutine di mais rispetto a quella contenente farina di estrazione di soia ed urea. Il tendenziale vantaggio sulle caratteristiche quanti-qualitative del latte prodotto, derivante dall inclusione di una fonte proteica a bassa degradabilità ruminale in mangimi complementari a base di frumento duro per capre in lattazione va, comunque, commisurato al costo che comporta l impiego di tali materie prime in alimentazione animale. Pertanto, senza voler entrare nel merito degli aspetti economici legati al costo formula dei mangimi, possiamo tranquillamente affermare che, sulla base dei risultati scaturiti dalla nostra sperimentazione, il frumento duro può essere vantaggiosamente adoperato nella formulazione di mangimi per capre in lattazione, soprattutto nei periodi in cui il suo prezzo di mercato raggiunge valori convenienti, al fine di ridurre l impiego di mais, che spesso, in conseguenza di annate sfavorevoli, può presentare notevoli livelli di contaminazione da micotossine e valorizzare tale cereale largamente disponibile nel nostro territorio. Tabella 1 Composizione dei due mangimi sperimentali (%). Dieta AD Dieta BD Grano duro 35,00 35,00 Soia far. estr. 44% PG 22,00 - Mais glutine - 17,80 Crusca di grano duro 15,00 15,00 Polpe bietola disidratate 8,35 13,05 Medica disidratata 17% PG 7,50 7,50 Pastazzo di agrumi 5,00 5,00 Melasso canna 2,50 2,50 Calcio carbonato 1,50 1,50 Fosfato bicalcico 1,30 1,30 Urea 46% 0,50 - Integratore vit.-minerale* 0,50 0,50 Sodio cloruro 0,40 0,40 Solfato di calcio 0,20 0,20 Lievito irradiato 0,15 0,15 Magnesio carbonato 0,10 0,10 Integrazione vitaminico-minerale del mangime sperimentale (UI-mg/kg): UI Vit. A; UI Vit. D 3; 20 mg Vit. E ; 12,5 mg Vit. B 1; 7,5 mg Vit. B 2; 3 mg Vit. B 6; 32,5 mg Vit. PP; 0.01 mg Vit B 12; 200 mg Colina cloruro ; 0,75 mg Cobalto; 10 mg Ferro; 12,5 mg Iodio; 60 mg Manganese; 0,16 mg Selenio ; 150 mg Zinco. Tabella 2 Composizione chimica dei due mangimi sperimentali (% s.s.). Dieta AD Dieta BD Umidità 10,86±0,81 10,78±0,64 Proteina grezza 21,47±0,38 21,41±0,31 Fibra grezza 9,85±0,67 9,39±0,46 Estratto etereo 2,33±0,23 2,36±0,14 Ceneri 8,20±0,26 7,76±0,21 N.D.F. 26,37±0,93 25,47±0,81 A.D.F. 13,89±0,87 12,96±0,66 A.D.L. 2,27±0,36 2,08±0,38 A.I.A. 0,62±0,19 0,51±0,23 Frazionamento Proteico A % Azoto Totale 21,57±0,74 9,36±0,51 B 1 6,81±0,28 6,33±0,33 B 2 54,60±0,87 66,85±0,59 B 3 8,92±0,69 8,21±0,47 C 8,10±0,15 9,25±0,24 4

5 Tabella 3 Caratteristiche chimico-nutrizionali dei due mangimi sperimentali. Dieta AD Dieta BD Dieta AD Dieta BD P.D.I.N. % s.s. 17,54 17,85 EL (Mcal/kg (s.s.) 4,35 4,35 P.D.I.E. 15,79 15,85 ED Mcal/kg (s.s.) 3,14 3,14 P.D.I.A. 5,66 9,77 EM Mcal/kg (s.s.) 2,71 2,72 Calcio 1,25 1,24 UFL n /kg (s.s.) 1,00 0,99 Fosforo 0,64 0,64 UFC n /kg (s.s.) 1,00 1,00 *Dati calcolati (INRA, 1988) Tabella 4 - Medie stimate ed errori standard delle variabili dipendenti per le due diete. Dieta AD Dieta BD E.S. Latte prodotto (g) 1436, ,46 72,39 Latte standard (g) 1440, ,40 68,60 Grasso (%) 4,01 4,03 0,03 Proteina (%) 3,66 b 3,75 a 0,03 Caseina (%) 2,93 B 3,03 A 0,02 Lattosio (%) 4,70 b 4,76 a 0,02 Cellule somatiche (log 2 (SCC/10 5 )+3) 6,79 6,67 0,06 Urea (mg/dl) 37,33 A 35,65 B 0,32 TC (min) Inizio 12,26 10,93 0,807 Fine 14,97 13,64 0,767 A 30 (mm) Inizio 34,86 32,20 2,360 Fine 29,52 29,53 2,685 K (min) 20 Inizio 2,07 2,03 0,267 Fine 1,89 1,90 0,120 A, B : P<0.01; a, b : P<0.05. Bibliografia ASPA (1980). Valutazione degli alimenti di interesse zootecnico. 1. Analisi chimica. Zoot. Nutr. Anim, VI, 1: ASPA (1995). Commissione di studio metodologie di valutazione della produzione quanti-qualitativa del latte. Metodi di analisi del latte delle principali specie di interesse zootecnico. Università degli Studi di Perugia. Ed., Perugia, Italy. Baggini G. (1998). Monitoraggio della qualità del frumento di grano duro. L Informatore Agrario n. 36. Nocek J., Russel J.B. (1988). Protein and carbohydrate as an integrates system. Relationship of ruminal availability to microbial contribution and milk production. J. Dairy Sci., 71: Fox D.G., Sniffen C. J., O Connor J.D., Russel J.B. and Van Soest P.J. (1992). A net carbohydrate and protein system for evaluating cattle diets: III. Cattle requirements and diet adequacy. J. Anim. Sci., 70: I.N.R.A. (1988). Alimentation des bovins, ovins et caprins. Ed. INRA, Versailles Paris. ISTAT (2002). Licitra G., Hernandez T.M., Van Soest P.J. (1996). Standardization of procedures for nitrogen fractionation of ruminant feeds. Anim. Feed Sci. Tech., 57: Nocek J., Russel J.B. (1988). Protein and carbohydrate as an integrates system. Relationship of ruminal availability to microbial contribution and milk production. J. Dairy Sci., 71: Russel J.B., O Connor J.D., Fox D.G., Van Soest P.J. and Sniffen C.J. (1992). A net carbohydrate and protein system for evaluating cattle diets : I. Rumen Fermentation. J. Anim. Sci., 70: Sanz Sampelayo M.R., Amigo L., Ares J. L., Sanz B., Boza J. (1998). The use of diets with different protein sources in lactating goats: composition of milk and its suitability for cheese production. Small Rum. Res. 31: S.A.S. (1990). Statistics guide version 6. Ed. SAS Inst. N.C. USA. Sniffen C.J., O Connor J.D., Van Soest P.J. Fox D.G., and Russel J.B. (1992). A net carbohydrate and protein system for evaluating cattle diets: II carbohydrate and protein availability. J. Anim. Sci., 70: Van Soest P.J., Robertson J.B., Lewis B.A, (1991). Methods for dietary fiber, neutral detergent fiber, and nonstarch polysaccarides in relation to animal nutrition. J. Dairy Sci. 74,

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE 1 L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Le femmine devono essere in peso forma al momento dell accoppiamento Se la femmina è fortemente sottopeso aumentano le possibilità di:

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n.

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. 190 del 17/08/06) Art. 1 Denominazione La denominazione di origine protetta

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b

BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b Schema presentazione La produzione di latte ovino Il costo di produzione del latte ovino: Costi aziendali Costi di sistema Interazione fra prezzo, costi di

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete?

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Tratto da Vitamin requirements: is there basis for re-evaluating dietary specifications? S. LEESON 1 Tradotto, adattato

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti Gruppo Mangiarsano Germinal Book prodotti Il Gruppo MangiarsanoGerminal opera nel mercato dei prodotti biologici e salutistici con un unica missione: prendersi cura della salute dell uomo e dell ambiente.

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO Art. 1 Denominazione La Denominazione di Origine Protetta ( DOP ) SALVA CREMASCO è riservata esclusivamente al formaggio che risponde alle condizioni ed ai requisiti

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP)

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Art. 1 La Denominazione di Origine Protetta Castelmagno è riservata esclusivamente al formaggio che risponde

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

Manuale per la Rintracciabilità negli allevamenti di bovine da latte

Manuale per la Rintracciabilità negli allevamenti di bovine da latte Pag 1 di 24 A.R.A.L. ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA LOMBARDIA Manuale per la Rintracciabilità ai sensi del comma 4 articolo 5 del D.M 27 maggio 2004 e successive modifiche e integrazioni, del

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

GIUSTIFICAZIONE DEI LIVELLI DI AIUT. O MISURA F "AGROAMBIENTE"

GIUSTIFICAZIONE DEI LIVELLI DI AIUT. O MISURA F AGROAMBIENTE REGIONE SICILIANA ASSESSORATO AGRICOLTURA E FORESTE Piano di Sviluppo Rurale GIUSTIFICAZIONE DEI LIVELLI DI AIUT. O MISURA F "AGROAMBIENTE" PREMESSA Il calcolo dei livelli di aiuto è stato effettuato secondo

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Produzione di formaggio di bufala a pasta semidura: studio della proteolisi Barbara La Gatta, Giusy Rusco, Aldo Di Luccia

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE

FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE OGGETTO 1. Contaminazione da Fumonisine nel mais italiano allo scopo di individuare la quota di mais che rimane al di sotto dei limiti massimi proposti;

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

"Come, quando e perché integrare la dieta delle bovine da latte con microelementi, vitamine, acidi grassi

Come, quando e perché integrare la dieta delle bovine da latte con microelementi, vitamine, acidi grassi Conferenze di zootecnia, assistenza tecnica 2010/2011 Provincia di Novara 14 gennaio 2011 "Come, quando e perché integrare la dieta delle bovine da latte con microelementi, vitamine, acidi grassi Prof.Giovanni

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole,

Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole, Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole, macchina monoseme ha 63,00 Con concimazione localizzata ha

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio

I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio Cinzia La Rocca Dip. Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Reparto di Tossicologia Alimentare

Dettagli

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte 69^ FIERA INTERNAZIONALE DEL BOVINO D LATTE Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti ARAL - Ass Reg

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti

4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti BIOSTATISTICA 4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti Marta Blangiardo, Imperial College, London Department of Epidemiology and Public Health m.blangiardo@imperial.ac.uk MARTA BLANGIARDO

Dettagli

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 2 BUFALO MEDITERRANEO ITALIANO Mediterranean Italian Buffalo RICONOSCIUTO

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Elena Bortolazzo, CRPA Incontro tecnico: Vitamina B12 nei sottoprodotti della lavorazione del Parmigiano Reggiano: siero e

Dettagli

CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO. Latte di bufala, sale, caglio, siero innesto. Caratteristiche fisiche-organolettiche. struttura compatta lattiginosa

CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO. Latte di bufala, sale, caglio, siero innesto. Caratteristiche fisiche-organolettiche. struttura compatta lattiginosa SCHEDA TECNICA Mozzarella di Bufala Campana DOP Vaschetta 500g (20X25g-10X50g-4X125g-2X250g-1X500g) CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO Caratteristiche generali del prodotto Modalità di produzione (generico)

Dettagli

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI I PRINCIPI NUTRITIVI PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI SICUREZZA ALIMENTARE DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI ALTRI RISCHI LEGATI AL CONSUMO DI ALIMENTI I PRINCIPI NUTRITIVI I principi

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI

MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI CONFEDERAZIONE NAZIONALE COLDIRETTI MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI REGOLAMENTI CE N.

Dettagli

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante ANALISI DELL UNIVERSITÀ DI TORINO SU BIOCHAR OTTENUTO DA DIVERSE MATRICI Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante di L. Petruzzelli, R. Subedi, C. Bertora, E. Remogna, C. Grignani Dal

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse Nel corso degli ultimi dieci anni la digestione anaerobica si è diffusa in molti paesi europei, tra cui anche l Italia. Questi impianti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI. Dipartimento di Agraria. Corso: Tecniche di allevamento animale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI. Dipartimento di Agraria. Corso: Tecniche di allevamento animale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Dipartimento di Agraria Corso: Tecniche di allevamento animale Bovini da carne (Aspetti della linea vacca-vitello) Docente: Prof. Gianfranco Greppi Studente: Gianluigi

Dettagli

NUTRACEUTICA Corpo come Arte

NUTRACEUTICA Corpo come Arte NUTRACEUTICA Corpo come Arte efficacia sinergia RESVERA-VITIS 60 cps Antiossidante Riossigenante Tessutale Integratore a base di Resveratrolo e OPC ad alto dosaggio (in 1 cps 585 mg di Vitis Vinifera 17.000

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Potere calorifico al kg: materiali

Potere calorifico al kg: materiali Potere calorifico al kg: materiali INDICE MATERIALI PESO POTERE CALORIFICO kg/mc kcal/kg MJ/kg A Abiti 800 4998 21 A Abiti appesi (al metro lineare) - 121380 510 A Acetaldeide (gas) 1519 6197,52 26,04

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

Dossier progetto Stop sussidi agli allevatori

Dossier progetto Stop sussidi agli allevatori Centro Internazionale di Ecologia della Nutrizione (NEIC) www.nutritionecology.org Dossier progetto Stop sussidi agli allevatori Introduzione Negli ultimi cinquant anni si è andato diffondendo in maniera

Dettagli

DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH

DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH La Klamath è da preferire ad altre verdi-azzurre per la sua ricchezza di nutrienti completamente naturali e perfettamente bilanciati. Inoltre svolge un'azione stimolante

Dettagli

La filiera del Parmigiano Reggiano

La filiera del Parmigiano Reggiano I SUPPLEMENTI DI La filiera del Parmigiano Reggiano Latte, produzione, mercato 56 Copyright Regione Emilia-Romagna - Anno 2014 Coordinamento redazionale MAGDA C. SCHIFF - Crpa SpA, Reggio Emilia OLGA CAVINA

Dettagli

CATALOGO RIVENDITE. Mangimi complementari. Sali minerali. Vitamine liquide. Pet food. Insetticidi. Topicidi. Attivatori biologici

CATALOGO RIVENDITE. Mangimi complementari. Sali minerali. Vitamine liquide. Pet food. Insetticidi. Topicidi. Attivatori biologici CATALOGO RIVENDITE Mangimi complementari Sali minerali Vitamine liquide Pet food Insetticidi Topicidi Attivatori biologici dal 1943 dà salute alla vita VITASOL DAL 1943 Fin dal 1943 Vitasol ha studiato

Dettagli

Progetto Realizzato con il Finanziamento del Mipaaf Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali www.politicheagricole.

Progetto Realizzato con il Finanziamento del Mipaaf Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali www.politicheagricole. TIMBRO AZIENDA Progetto Realizzato con il Finanziamento del Mipaaf Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali www.politicheagricole.it Indice 1. Introduzione al manuale 1.1 Definizioni 1.2

Dettagli

Le «contaminazioni» nella dieta senza glutine

Le «contaminazioni» nella dieta senza glutine Le «contaminazioni» nella dieta senza glutine La contaminazione con glutine di cibi che ne sono apparentemente privi è tema molto sentito e resta tuttora vivo il dibattito su come «gestire» le informazioni

Dettagli

Trattamenti Così il Crpa ne valuta l affidabilità

Trattamenti Così il Crpa ne valuta l affidabilità Le schede di valutazione di merito tecnico dell affidabilità delle tecnologie per il trattamento degli effluenti zootecnici in ambito aziendale e interaziendale Trattamenti Così il Crpa ne valuta l affidabilità

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

COLTURE FORAGGERE. Scheda. 1 - Erbai autunno vernini. 2 - Erba medica. 3 - Favino. 4 - Sulla, lupinella e trifogli annuali e biennali da foraggio

COLTURE FORAGGERE. Scheda. 1 - Erbai autunno vernini. 2 - Erba medica. 3 - Favino. 4 - Sulla, lupinella e trifogli annuali e biennali da foraggio Regione Toscana PSR 2007/13 e L.R. 25/99 Agricoltura Integrata: Schede Tecniche Difesa e Diserbo Annata agraria 2015 Rev. 6 Pag.171 di 256 COLTURE FORAGGERE Scheda 1 - Erbai autunno vernini 2 - Erba medica

Dettagli

ASPETTI NUTRIZIONALI DELLA DIETA SENZA GLUTINE

ASPETTI NUTRIZIONALI DELLA DIETA SENZA GLUTINE COELIAC FORUM EDIZIONE NR 02_2010 IN PRIMO PIANO AGGIORNAMENTO RICERCA ASPETTI NUTRIZIONALI DELLA DIETA SENZA GLUTINE La terapia nutrizionale è l unico trattamento universalmente accettato per la celiachia,

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati

3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati BIOSTATISTICA 3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati Marta Blangiardo, Imperial College, London Department of Epidemiology and Public Health m.blangiardo@imperial.ac.uk MARTA BLANGIARDO

Dettagli