L UTILIZZAZIONE DEL GRANO DURO COMPLEMENTATO CON FONTI PROTEICHE A DIFFERENTE DEGRADABILITA NELL ALIMENTAZIONE DELLA CAPRA DA LATTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L UTILIZZAZIONE DEL GRANO DURO COMPLEMENTATO CON FONTI PROTEICHE A DIFFERENTE DEGRADABILITA NELL ALIMENTAZIONE DELLA CAPRA DA LATTE"

Transcript

1 L UTILIZZAZIONE DEL GRANO DURO COMPLEMENTATO CON FONTI PROTEICHE A DIFFERENTE DEGRADABILITA NELL ALIMENTAZIONE DELLA CAPRA DA LATTE THE UTILIZATION OF DURUM WHEAT WITH PROTEIN SOURCES DIFFERING IN THE RATES OF RUMINAL DEGRADATION IN DAIRY GOAT FEEDING Petrera F., Lestingi A., Tortorelli G., Radogna E., Laudadio V. Department of Heath and Welfare of Animals; University of Bari ITALY. S.P. per Casamassima, km , Valenzano (BA) Tel ; Fax: ; Parole chiave: grano duro, capra da latte, fonti proteiche. Key words: durum wheat, dairy goat, protein source. Abstract A 120-day trial was carried out in order to evaluate the effects of the utilization of two mixed pelletted feeds containing durum wheat and protein sources differing in the rates of rumen degradation on quanti-qualitative aspects of goat milk. Two experimental diets were formulated with the same energy source, durum wheat, and different protein sources: corn gluten meal (low rumen protein degradability = LD diet) or soybean meal and urea (high rumen protein degradability = HD diet). 40 Jonica goats, thirty days after lambing, were divided into two groups, balanced according to body weight, parity, number of kids weaned and milk yields during the preliminary period. The goats were grazing on native pasture and housed nightly in pens, where animals received Italian ryegrass and the experimental diets, different between groups. Milk yields and fat corrected milk yields were not affected by dietary treatments. LD diet significantly increased protein (P<0.05), casein (P<0.01) and lactose (P<0.05) percentages. Introduzione Il grano duro (Triticum durum), come tutti gli altri cereali, è essenzialmente un concentrato di natura glucidica, in quanto il maggior componente della sua sostanza secca è rappresentato dall amido (55-60%); il suo contenuto proteico è piuttosto variabile, a seconda della cultivar, dal 7 al 18%, mediamente il 12% (Baggini, 1998). Nel 2002 l Italia ha prodotto circa 44 milioni di quintali di grano duro (ISTAT, 2002) allineandosi tra i principali Paesi produttori. La coltivazione si concentra per il 70% nel centro-sud Italia, ed in particolare in Puglia e in Sicilia. Tale cereale riveste un interesse primario nel nostro Paese, in particolare nel meridione, dove è coltivato in aree caratterizzate da carenza idrica, nelle quali non vi sono oggi alternative colturali, come il mais nel settentrione. La coltivazione del grano duro risulta però, attualmente, attraversata da una profonda crisi, in conseguenza della notevole concorrenza della produzione estera che ha determinato la progressiva riduzione del suo prezzo di mercato. A causa delle diverse e variabili condizioni pedo-climatiche che contraddistinguono le zone di coltivazione nel Mezzogiorno d Italia e della notevole frammentazione aziendale, le caratteristiche qualitative di gran parte del cereale prodotto risultano estremamente variabili, rendendo tale tipo di coltura poco competitiva a livello globale. Infatti, la difficoltà di reperire partite con peculiarità reologiche uniformi, come richiesto dall industria di trasformazione, costituisce una delle principali cause di deprezzamento del prodotto nazionale. Le grandi industrie di trasformazione, di conseguenza, per assicurare soddisfacenti standard produttivi, sono costrette, annualmente, ad importare notevoli quantità di frumento duro, in particolare dalla Francia, dalla Grecia e dalla Spagna, ma anche dai Paesi esterni alla CEE, come Canada e Stati Uniti. Considerando che la produzione nazionale di frumento duro è già di per sé eccedente rispetto al fabbisogno interno (+10%), è facile immaginare come a fine campagna ci siano notevoli giacenze di tale cereale nei magazzini che rischia di andare invenduto e con danni economici facilmente immaginabili per i produttori. Questa situazione ha determinato la sensibile riduzione dello scarto di prezzo fra frumento duro e gli altri cereali foraggieri, spiegando il crescente interesse, da parte degli operatori economici del settore, verso l impiego del frumento duro per l alimentazione degli animali in produzione zootecnica. La possibilità di sostituire il mais, il cereale attualmente maggiormente impiegato, con il grano duro, nella formulazione di mangimi complementari per ruminanti in lattazione, per lo meno in quei periodi dell anno in cui il prezzo medio di mercato vede le quotazioni del frumento duro più vantaggiose 1

2 rispetto a quelle del mais, determinerebbe, oltre ad un maggior impiego del grano duro in alimentazione animale, anche una riduzione delle importazioni delle costose fonti proteiche, in particolare della soia e dei suoi derivati, in quanto la base energetica offerta dal grano duro apporterebbe al mangime circa il 13% di proteina contro appena l 8%, in media, del mais. Nella formulazione delle diete per ruminanti viene dedicata sempre più attenzione alla cinetica di degradazione ruminale dei diversi principi nutritivi, in quanto, una buona sincronizzazione tra la degradabilità ruminale delle fonti proteiche e quella dei carboidrati non strutturali, è in grado di ottimizzare la replicazione microbica e migliorare, quindi, l utilizzazione digestiva degli alimenti (Nocek e Russel, 1988). A tal riguardo, poiché mancano in bibliografia lavori relativi all impiego del grano duro nell alimentazione dei ruminanti, lo scopo del presente lavoro è stato quello di valutare, nella capra, gli effetti sulla produzione quanti-qualitativa di latte della somministrazione di 2 mangimi complementari, la cui base energetica era costituita da grano duro, integrati con fonti proteiche a differente velocità di degradazione ruminale. Materiali e metodi Sono stati preparati due mangimi sperimentali, simili per contenuto in energia ed in proteina grezza, a base di frumento duro, ma contenenti fonti proteiche a diversa degradabilità ruminale: glutine di mais, a bassa velocità di degradazione ruminale della componente proteica, nel primo gruppo (Dieta BD) e farina di estrazione di soia e urea, ad alta velocità di degradazione, nel secondo gruppo, (Dieta AD), al fine di ottenere una diversa distribuzione delle frazioni azotate, così come indicato dal Cornell Net Carbohydrate and Protein System (CNCPS) proposto dai ricercatori della Cornell University (Russel et al., 1992; Sniffen et al., 1992; Fox et al., 1992). Per la prova sono state utilizzate 40 capre di razza Jonica in produzione, allevate in un azienda ubicata in agro di Ruvo di Puglia (BA). La sperimentazione ha avuto una durata di 135 giorni (agostodicembre), di cui 15 preliminari e 120 sperimentali. In particolare, dopo l allontanamento dei capretti, avvenuto attorno al 30 giorno dal parto, le capre selezionate per la prova sono state alimentate per i primi 15 giorni (periodo pre-sperimentale) con una miscela in parti uguali dei due mangimi sperimentali. Alla fine di tale periodo, gli animali sono stati suddivisi in 2 gruppi omogenei di 20 soggetti ciascuno, sulla base dell ordine di lattazione, del peso vivo, del numero di capretti svezzati e dei rilievi preliminari quanti-qualitativi della produzione di latte. Tutti i soggetti in prova venivano condotti quotidianamente al pascolo su prati naturali, ricchi di essenze di graminacee (8 ore/die), mentre all ovile ricevevano fieno di loietto di buona qualità, ed al momento della mungitura (ore 6.00 e 18.00), il mangime differente tra i due gruppi a confronto. Nel periodo pre-sperimentale e nei primi 60 giorni di sperimentazione le capre ricevevano 1,2 kg di mangime per capo/giorno, nel successivo periodo di prova ( giorni) la quantità di mangime somministrato è stata ridotta a 0,8 kg a causa delle diminuite produzioni di latte. La composizione dei due mangimi e l integrazione vitaminico-minerale utilizzata sono riportate nella tabella 1. In tabella 2 è riportata la composizione chimica dei due mangimi sperimentali, determinata secondo le metodiche suggerite dalla Commissione Valutazione degli Alimenti dell A.S.P.A. (1980), le frazioni fibrose, fibra al detergente neutro (NDF), fibra al detergente acido (ADF) e lignina al detergente acido (ADL), secondo il metodo Van Soest (1991), mentre il contenuto in frazioni azotate è stato determinato secondo le indicazioni suggerite da Licitra et al. (1996). In tabella 3 sono riportate le caratteristiche nutrizionali (Energia Lorda, Energia Digeribile, Energia Metabolizzabile, Unità Foraggere Latte e Carne) ed i contenuti in Proteina digeribile intestinale (PDIA, PDIN e PDIE ), Calcio e Fosforo, calcolati utilizzando i valori tabulati dell Institute Nationale de la Recherche Agronomique (I.N.R.A., 1988). I rilievi riguardanti la produzione quanti-qualitativa di latte sono stati eseguiti ogni 15 giorni, pesando il latte della mungitura del mattino e quello della sera di tutti i soggetti in prova, e prelevando un campione individuale di latte, rappresentativo delle due mungiture giornaliere. Sui campioni di latte sono state eseguite le analisi relative al contenuto percentuale in proteina, grasso, lattosio, urea, caseine (Milkoscan 255; Foss Electric) e numero di cellule somatiche (Fossomatic 250; Foss-Electric). Inoltre, sui campioni di latte prelevati al primo ed all ultimo controllo, si è proceduto alla valutazione dell attitudine alla coagulazione presamica del latte, mediante apparecchiatura Formagraph (Foss Electric), al fine di determinare i parametri relativi al tempo di coagulazione (TC), tempo di rassodamento del coagulo (K 20 ) e consistenza del coagulo (A 30 ) (ASPA, 1995). Tutti i soggetti in prova sono stati pesati ad inizio e fine sperimentazione al fine di valutare le eventuali variazioni di peso vivo degli animali. 2

3 Al fine di valutare le differenze tra i due gruppi a confronto, è stato applicato un modello lineare misto utilizzando la procedura MIXED (SAS, 1990). La variabile dipendente è stata, di volta in volta, la produzione quantitativa di latte e di latte standard (4% di grasso), le percentuali di grasso, proteina, caseina e lattosio, il contenuto in cellule somatiche (CCS) e urea, e le caratteristiche di caseificazione, rilevate ai diversi controlli. Il modello misto includeva l effetto casuale della capra, gli effetti fissi della dieta e dell ordine di lattazione. Le differenze tra le medie stimate sono state valutate statisticamente con il t di Student (SAS, 1990). Risultati Tutti i soggetti in prova non hanno mostrato, nel corso della sperimentazione, alcuna sintomatologia clinica ascrivibile al trattamento alimentare. I valori medi delle produzioni di latte e di latte standard (4% di grasso), le caratteristiche chimiche e di caseificazione del latte dei due gruppi sperimentali a confronto sono riportate in tabella 4. La diversa velocità di degradazione ruminale della componente proteica dei due mangimi sperimentali non ha influenzato la produzione media giornaliera di latte né quella di latte standard (4% di grasso), che però sono risultate tendenzialmente maggiori nel gruppo alimentato con la dieta BD rispetto al gruppo che riceveva la dieta AD (1500,46 vs 1436,89 g e 1507,40 vs 1440,71 g, rispettivamente). Per quanto concerne il contenuto medio in grasso del latte, l influenza esercitata dalla diversa fonte proteica della dieta è risultata molto limitata. Infatti, i valori medi registrati sono risultati pressoché sovrapponibili tra i due gruppi sperimentali a confronto (4,03 vs 4,01%, rispettivamente per il gruppo BD e AD). Per quanto riguarda il contenuto medio in proteine del latte, i soggetti che ricevevano la dieta BD hanno fatto registrare valori significativamente più elevati rispetto a quelli del gruppo AD (3,75 vs 3,66 %; P<0,05), probabilmente per effetto della migliore utilizzazione della componente proteica del mangime contenente glutine rispetto a quello contenente farina di estrazione di soia e urea, per la sintesi delle proteine del latte. Similmente a quanto è accaduto per la proteina, anche il contenuto in caseine del latte è stato positivamente influenzato dal trattamento alimentare con proteina a bassa degradabilità ruminale (3,03 vs 2,93%; P<0,01). Risultati analoghi sono stati riscontrati da Sanz Sampelayo et al. (1998) che impiegando diete contenenti diverse fonti proteiche, trovarono che la minore degradabilità della fonte proteica determinava produzioni di latte con la più alta concentrazione proteica e la più elevata resa alla caseificazione. Per quanto concerne il contenuto in lattosio del latte, la dieta BD ha determinato un aumento significativo di tale parametro rispetto alla dieta AD (4,76 vs 4,70%; P<0,05). Anche il contenuto in urea del latte è stato influenzato dal trattamento alimentare; in particolare la dieta BD ha fatto registrare una concentrazione media significativamente inferiore (35,65 vs 37,33 mg/100ml; P<0,01) rispetto alla dieta AD. Andando a considerare il contenuto in cellule somatiche, è possibile rilevare un tendenziale aumento di tale parametro nel latte prodotto dalle capre del gruppo AD, ma le differenze non sono risultate statisticamente significative. Per quanto riguarda l influenza della degradabilità della fonte proteica alimentare sull attitudine alla coagulazione presamica del latte, i valori registrati relativi ai parametri TC, A 30, e k 20, che esprimono la velocità di formazione del coagulo, la consistenza del coagulo a 30 minuti ed il tempo di rassodamento del coagulo, rispettivamente, non hanno mostrato differenze statisticamente significative tra i due gruppi a confronto, ma un peggioramento dei valori nel corso della prova sperimentale in entrambi i gruppi, come era logico aspettarsi. L incremento di peso vivo medio registrato a fine prova è risultato piuttosto contenuto in entrambi i gruppi (+0,9 e +1,1 kg, rispettivamente per il gruppo alimentato con la dieta BD e AD). Conclusioni L impiego del grano duro nell alimentazione della capra da latte in produzione ha determinato, indipendentemente dalla fonte proteica utilizzata nella formulazione dei due mangimi sperimentali, produzioni di latte soddisfacenti. La complementazione del grano duro con glutine di mais, fonte proteica a bassa velocità di degradazione ruminale, ha fatto registrare, rispetto al mangime contenente farina di estrazione di soia ed urea, fonti a più elevata degradabilità, una produzione quantitativa di latte tendenzialmente maggiore. La qualità del latte è risultata influenzata dalla differente degradabilità della fonte proteica utilizzata soprattutto nei contenuti in proteina e caseina, mostrando, nel complesso, un effetto positivo su tali 3

4 parametri, della dieta contenente glutine di mais rispetto a quella contenente farina di estrazione di soia ed urea. Il tendenziale vantaggio sulle caratteristiche quanti-qualitative del latte prodotto, derivante dall inclusione di una fonte proteica a bassa degradabilità ruminale in mangimi complementari a base di frumento duro per capre in lattazione va, comunque, commisurato al costo che comporta l impiego di tali materie prime in alimentazione animale. Pertanto, senza voler entrare nel merito degli aspetti economici legati al costo formula dei mangimi, possiamo tranquillamente affermare che, sulla base dei risultati scaturiti dalla nostra sperimentazione, il frumento duro può essere vantaggiosamente adoperato nella formulazione di mangimi per capre in lattazione, soprattutto nei periodi in cui il suo prezzo di mercato raggiunge valori convenienti, al fine di ridurre l impiego di mais, che spesso, in conseguenza di annate sfavorevoli, può presentare notevoli livelli di contaminazione da micotossine e valorizzare tale cereale largamente disponibile nel nostro territorio. Tabella 1 Composizione dei due mangimi sperimentali (%). Dieta AD Dieta BD Grano duro 35,00 35,00 Soia far. estr. 44% PG 22,00 - Mais glutine - 17,80 Crusca di grano duro 15,00 15,00 Polpe bietola disidratate 8,35 13,05 Medica disidratata 17% PG 7,50 7,50 Pastazzo di agrumi 5,00 5,00 Melasso canna 2,50 2,50 Calcio carbonato 1,50 1,50 Fosfato bicalcico 1,30 1,30 Urea 46% 0,50 - Integratore vit.-minerale* 0,50 0,50 Sodio cloruro 0,40 0,40 Solfato di calcio 0,20 0,20 Lievito irradiato 0,15 0,15 Magnesio carbonato 0,10 0,10 Integrazione vitaminico-minerale del mangime sperimentale (UI-mg/kg): UI Vit. A; UI Vit. D 3; 20 mg Vit. E ; 12,5 mg Vit. B 1; 7,5 mg Vit. B 2; 3 mg Vit. B 6; 32,5 mg Vit. PP; 0.01 mg Vit B 12; 200 mg Colina cloruro ; 0,75 mg Cobalto; 10 mg Ferro; 12,5 mg Iodio; 60 mg Manganese; 0,16 mg Selenio ; 150 mg Zinco. Tabella 2 Composizione chimica dei due mangimi sperimentali (% s.s.). Dieta AD Dieta BD Umidità 10,86±0,81 10,78±0,64 Proteina grezza 21,47±0,38 21,41±0,31 Fibra grezza 9,85±0,67 9,39±0,46 Estratto etereo 2,33±0,23 2,36±0,14 Ceneri 8,20±0,26 7,76±0,21 N.D.F. 26,37±0,93 25,47±0,81 A.D.F. 13,89±0,87 12,96±0,66 A.D.L. 2,27±0,36 2,08±0,38 A.I.A. 0,62±0,19 0,51±0,23 Frazionamento Proteico A % Azoto Totale 21,57±0,74 9,36±0,51 B 1 6,81±0,28 6,33±0,33 B 2 54,60±0,87 66,85±0,59 B 3 8,92±0,69 8,21±0,47 C 8,10±0,15 9,25±0,24 4

5 Tabella 3 Caratteristiche chimico-nutrizionali dei due mangimi sperimentali. Dieta AD Dieta BD Dieta AD Dieta BD P.D.I.N. % s.s. 17,54 17,85 EL (Mcal/kg (s.s.) 4,35 4,35 P.D.I.E. 15,79 15,85 ED Mcal/kg (s.s.) 3,14 3,14 P.D.I.A. 5,66 9,77 EM Mcal/kg (s.s.) 2,71 2,72 Calcio 1,25 1,24 UFL n /kg (s.s.) 1,00 0,99 Fosforo 0,64 0,64 UFC n /kg (s.s.) 1,00 1,00 *Dati calcolati (INRA, 1988) Tabella 4 - Medie stimate ed errori standard delle variabili dipendenti per le due diete. Dieta AD Dieta BD E.S. Latte prodotto (g) 1436, ,46 72,39 Latte standard (g) 1440, ,40 68,60 Grasso (%) 4,01 4,03 0,03 Proteina (%) 3,66 b 3,75 a 0,03 Caseina (%) 2,93 B 3,03 A 0,02 Lattosio (%) 4,70 b 4,76 a 0,02 Cellule somatiche (log 2 (SCC/10 5 )+3) 6,79 6,67 0,06 Urea (mg/dl) 37,33 A 35,65 B 0,32 TC (min) Inizio 12,26 10,93 0,807 Fine 14,97 13,64 0,767 A 30 (mm) Inizio 34,86 32,20 2,360 Fine 29,52 29,53 2,685 K (min) 20 Inizio 2,07 2,03 0,267 Fine 1,89 1,90 0,120 A, B : P<0.01; a, b : P<0.05. Bibliografia ASPA (1980). Valutazione degli alimenti di interesse zootecnico. 1. Analisi chimica. Zoot. Nutr. Anim, VI, 1: ASPA (1995). Commissione di studio metodologie di valutazione della produzione quanti-qualitativa del latte. Metodi di analisi del latte delle principali specie di interesse zootecnico. Università degli Studi di Perugia. Ed., Perugia, Italy. Baggini G. (1998). Monitoraggio della qualità del frumento di grano duro. L Informatore Agrario n. 36. Nocek J., Russel J.B. (1988). Protein and carbohydrate as an integrates system. Relationship of ruminal availability to microbial contribution and milk production. J. Dairy Sci., 71: Fox D.G., Sniffen C. J., O Connor J.D., Russel J.B. and Van Soest P.J. (1992). A net carbohydrate and protein system for evaluating cattle diets: III. Cattle requirements and diet adequacy. J. Anim. Sci., 70: I.N.R.A. (1988). Alimentation des bovins, ovins et caprins. Ed. INRA, Versailles Paris. ISTAT (2002). Licitra G., Hernandez T.M., Van Soest P.J. (1996). Standardization of procedures for nitrogen fractionation of ruminant feeds. Anim. Feed Sci. Tech., 57: Nocek J., Russel J.B. (1988). Protein and carbohydrate as an integrates system. Relationship of ruminal availability to microbial contribution and milk production. J. Dairy Sci., 71: Russel J.B., O Connor J.D., Fox D.G., Van Soest P.J. and Sniffen C.J. (1992). A net carbohydrate and protein system for evaluating cattle diets : I. Rumen Fermentation. J. Anim. Sci., 70: Sanz Sampelayo M.R., Amigo L., Ares J. L., Sanz B., Boza J. (1998). The use of diets with different protein sources in lactating goats: composition of milk and its suitability for cheese production. Small Rum. Res. 31: S.A.S. (1990). Statistics guide version 6. Ed. SAS Inst. N.C. USA. Sniffen C.J., O Connor J.D., Van Soest P.J. Fox D.G., and Russel J.B. (1992). A net carbohydrate and protein system for evaluating cattle diets: II carbohydrate and protein availability. J. Anim. Sci., 70: Van Soest P.J., Robertson J.B., Lewis B.A, (1991). Methods for dietary fiber, neutral detergent fiber, and nonstarch polysaccarides in relation to animal nutrition. J. Dairy Sci. 74,

VALUTAZIONE NUTRIZIONALE DEL PISELLO PROTEICO

VALUTAZIONE NUTRIZIONALE DEL PISELLO PROTEICO VALUTAZIONE NUTRIZIONALE DEL PISELLO PROTEICO (Pisum sativum) IN DIETE PER OVINI NUTRITIVE VALUE OF DIETS BASED ON PEA SEEDS (Pisum sativum) IN SHEEP Gian Battista LIPONI (1), Lucia CASINI (1), Sergio

Dettagli

Si dispone dei seguenti alimenti: Limiti max consigliati Kg/capo/giorno

Si dispone dei seguenti alimenti: Limiti max consigliati Kg/capo/giorno Per usufruire, senza difficoltà, dell applicazione per il calcolo della razione per vacche da latte proponiamo questo esempio, indicando le procedure per giungere alla soluzione. ESEMPIO: Calcolo razione

Dettagli

EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS. Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas. dinametan : Foraggi e fatti

EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS. Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas. dinametan : Foraggi e fatti EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas dinametan : Foraggi e fatti Una crescente pressione sulla redditivitá e l efficienza

Dettagli

Favino e pisello nella razione, buoni sostituti della soia

Favino e pisello nella razione, buoni sostituti della soia S SPECIALE SPERIMENTAZIONE DEL CRPA SU VACCHE DA LATTE Favino e pisello nella razione, buoni sostituti della soia La sostituzione della proteina derivante da farine di soia con altre farine proteiche non

Dettagli

Materia pre pr sente ent negli aliment ent lenta lent ment ent digeribile o indigeribile che occupa spazio nel tra t o t gastr t o r intes int tina

Materia pre pr sente ent negli aliment ent lenta lent ment ent digeribile o indigeribile che occupa spazio nel tra t o t gastr t o r intes int tina Definizione dal punto di vista alimentare: Materiale presente negli alimenti lentamente digeribile o indigeribile che occupa spazio nel tratto gastrointestinale. (D.R. Mertens) 17/10/2012 1 Definizione

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale

Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale Giornata di Studio "Progetto Extravalore" Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale Maria Federica Trombetta Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali Università Politecnica

Dettagli

Farine animali. Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte.

Farine animali. Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte. Farine animali Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte. Vengono impiegate in virtù per il loro elevato livello di aminoacidi e minerali ma sono anche ricche

Dettagli

Tecniche alimentari per una riduzione dell'escrezione di azoto (N) e fosforo (P) nella bovina da latte (NePcow2)

Tecniche alimentari per una riduzione dell'escrezione di azoto (N) e fosforo (P) nella bovina da latte (NePcow2) Tecniche alimentari per una riduzione dell'escrezione di azoto (N) e fosforo (P) nella bovina da latte (NePcow2) RELAZIONE FINALE - 2010 Progetto di ricerca finanziato nell ambito del Programma Regionale

Dettagli

COMPONENTI ANALITICI *

COMPONENTI ANALITICI * Nucleo GP Nostrale Preparato secondo il regolamento (UE) N. 584/2011 - Grana Padano. Nucleo GP Nostrale della linea Nostrale Vacche da Latte è un mangime complementare per vacche in lattazione ideale per

Dettagli

INFLUENZA DI DIVERSE FONTI ENERGETICHE SULLE CARATTERISTICHE PRODUTTIVE DI AGNELLI IN ACCRESCIMENTO IN DIETE A BASE DI GIRASOLE

INFLUENZA DI DIVERSE FONTI ENERGETICHE SULLE CARATTERISTICHE PRODUTTIVE DI AGNELLI IN ACCRESCIMENTO IN DIETE A BASE DI GIRASOLE INFLUENZA DI DIVERSE FONTI ENERGETICHE SULLE CARATTERISTICHE PRODUTTIVE DI AGNELLI IN ACCRESCIMENTO IN DIETE A BASE DI GIRASOLE 153 EFFECT OF DIFFERENT ENERGETIC SOURCES ON THE PERFORMANCES OF LAMBS FED

Dettagli

Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART. Cod. 121 D NOTA TECNICA. Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A

Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART. Cod. 121 D NOTA TECNICA. Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART Cod. 121 D NOTA TECNICA Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A MANZART: L ARTE DI ALLEVARE MANZE FORTI E ROBUSTE AL MINORE COSTO Il Programma Purina

Dettagli

L alimentazione della bovina da latte: come perfezionare gli apporti proteici

L alimentazione della bovina da latte: come perfezionare gli apporti proteici DIMORFIPA Facoltà Medicina Veterinaria BOLOGNA L alimentazione della bovina da latte: come perfezionare gli apporti proteici Andrea Formigoni Convegno CRPA Parma, 6 Ottobre 2006 ALIMENTAZIONE AZOTATA L

Dettagli

Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali

Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali Digestione ruminale della fibra L ottimizzazione della digestione della fibra nei ruminanti inizia dal substrato I batteri fibrolitici hanno infatti necessità

Dettagli

Linee di mangimi per vacca da latte. Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo

Linee di mangimi per vacca da latte. Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo Linee di mangimi per vacca da latte Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo Indice Perfecta. Perfetto equilibrio tra fonti proteiche naturali per la migliore efficienza produttiva

Dettagli

http://www.agriok.it/magazine

http://www.agriok.it/magazine Hai scaricato questo articolo dal portale di Filiera AQ LEGGI GRATUITAMENTE ALTRE NOTIZIE SU: http://www.agriok.it/magazine www.agriok.it/notizie ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER www.agriok.it/newsletter

Dettagli

INTEGRAZIONE ENERGETICA E QUALITà DEL LATTE IN AREA BITTO IN DUE ALPEGGI DELLA PROVINCIA DI SONDRIO

INTEGRAZIONE ENERGETICA E QUALITà DEL LATTE IN AREA BITTO IN DUE ALPEGGI DELLA PROVINCIA DI SONDRIO INTEGRAZIONE ENERGETICA E QUALITà DEL LATTE IN AREA BITTO IN DUE ALPEGGI DELLA PROVINCIA DI SONDRIO Colombini S. 1, Penati C. 1, Timini M. 2, Tamburini A. 1 1 Dipartimento di Scienze animali sez. zootecnica

Dettagli

I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni. Catalogo 2015. Pet-Food

I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni. Catalogo 2015. Pet-Food I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni Catalogo 2015 Pet-Food Alimentazione completa e bilanciata Centro è una linea di prodotti di successo per animali d affezione formulati, secondo le

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

Studio delle dinamiche di fermentazione dei substrati. A. Formigoni & A. Palmonari

Studio delle dinamiche di fermentazione dei substrati. A. Formigoni & A. Palmonari Studio delle dinamiche di fermentazione dei substrati A. Formigoni & A. Palmonari andrea.formigoni@unibo.it Impianti di Biogas 9 InfoBiogas- Montichiari- 24-1- 2013 Indici di efficienza biologica Utilizzo

Dettagli

Ridurre le emissioni di metano nelle vacche da latte: risultati del progetto Archaea

Ridurre le emissioni di metano nelle vacche da latte: risultati del progetto Archaea Ridurre le emissioni di metano nelle vacche da latte: risultati del progetto Archaea Maccarana L. 1, Cattani M. 1, Lerose D. 1, Bailoni L. 1 1 Dipartimento di Biomedicina Comparata e Alimentazione (BCA)

Dettagli

La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo

La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo Centro Veterinario S. Martino Dr. Marmiroli Mauro Obiettivi per un buon sistema di gestione della vitella Costruire il Sistema

Dettagli

CONOSCERE IL VALORE NUTRITIVO DEI FORAGGI

CONOSCERE IL VALORE NUTRITIVO DEI FORAGGI Opuscolo C.R.P.A. 4.34 N. 5/2009 (spedito nel luglio 2009) ISSN 0393-5094 C.R.P.A. NOTIZIE C.so Garibaldi, 42 - REGGIO EMILIA - Periodico mensile - Autorizzazione del Tribunale di Reggio Emilia n. 387

Dettagli

COME VALUTARE LA QUALITA DEL LATTE DAL SACCO AL SECCHIO. Presentazione di Luca dr. Valerani

COME VALUTARE LA QUALITA DEL LATTE DAL SACCO AL SECCHIO. Presentazione di Luca dr. Valerani COME VALUTARE LA QUALITA DEL LATTE DAL SACCO AL SECCHIO Presentazione di Luca dr. Valerani NORMATIVA SUI MANGIMI Dal 01/09/2010 è entrato in applicazione il regolamento Ce n. 767/2009 sull immissione sul

Dettagli

FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI

FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI Fabbisogno energetico dei cani a diversi stati fisiologici (kcal/em). PESO CORPOREO (kg) MANTENIMENTO (kcal/em) TARDA GRAVIDANZA

Dettagli

Si ottimizza la filiera del biogas se la sansa viene pretrattata

Si ottimizza la filiera del biogas se la sansa viene pretrattata INNOVATIVA LINEA DI LAVORAZIONE DELLA SANSA VERGINE UMIDA Si ottimizza la filiera del biogas se la sansa viene pretrattata di Paolo Mantovi, Claudio Fabbri, Mariangela Soldano Come ormai noto, le sanse

Dettagli

Come produrre un latte di qualità e mantenere un buono stato di salute delle bovine

Come produrre un latte di qualità e mantenere un buono stato di salute delle bovine Conferenze di zootecnia, assistenza tecnica 2010/2011 Provincia di Novara Armeno 18 febbraio 2011 Come produrre un latte di qualità e mantenere un buono stato di salute delle bovine Prof. Giovanni Savoini

Dettagli

Dalla Penn St ate University Un nuovo setacc io per la fibra

Dalla Penn St ate University Un nuovo setacc io per la fibra DOSSIER / UNIFEED L università americana ha presentato un setaccio da 4 mm utile per la misura della fibra pendf. Da una sperimentazione svolta nel Trentino le sue caratteristiche, la sua applicazione

Dettagli

REG. (CE) N. 1698/2005 -PSR 2007-2013 DGR N. 1354 DEL 03.08.2011 MISURA 124 COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DI NUOVI PRODOTTI, PROCESSI E TECNOLOGIE NEL

REG. (CE) N. 1698/2005 -PSR 2007-2013 DGR N. 1354 DEL 03.08.2011 MISURA 124 COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DI NUOVI PRODOTTI, PROCESSI E TECNOLOGIE NEL REG. (CE) N. 1698/2005 -PSR 2007-2013 DGR N. 1354 DEL 03.08.2011 MISURA 124 COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DI NUOVI PRODOTTI, PROCESSI E TECNOLOGIE NEL SETTORE AGRICOLO, ALIMENTARE E FORESTALE Strategie

Dettagli

EFFETTI DEL TIPO DI SUBSTRATO SUL ph RUMINALE

EFFETTI DEL TIPO DI SUBSTRATO SUL ph RUMINALE EFFETTI DEL TIPO DI SUBSTRATO SUL ph RUMINALE NELL ALIMENTO ph NEL RUMINE Massima quantità di mangimi altamente fermentescibili (come melasso di c.z. e cereali trattati termicamente) determina massimizzazione

Dettagli

Il Trinciato. Mas 70.F Mas 73.E Mas 78.T. più produttivi... più energetici... più digeribili...

Il Trinciato. Mas 70.F Mas 73.E Mas 78.T. più produttivi... più energetici... più digeribili... Il Trinciato Mas 70.F Mas 73.E Mas 78.T più produttivi... più energetici... più digeribili... Noi siamo in grado di dimostrarlo... e tu cosa aspetti a provarli? IL TRINCIATO INSILATO = FORAGGIO RUOLO NELL

Dettagli

La qualità del latte passa dalle proteine

La qualità del latte passa dalle proteine La qualità del latte passa dalle proteine Il prezzo pagato agli allevatori in Italia si basa su formule per calcolare un eventuale premio, rispetto a una qualità stabilita. La gestione dell alimentazione,

Dettagli

SUPER PREMIUM PREMIUM. Flavor & Passion

SUPER PREMIUM PREMIUM. Flavor & Passion SUPER PREMIUM PREMIUM Flavor & Passion Flavor & Passion Con oltre 35 anni di esperienza nella nutrizione animale, Adragna Pet Food offre da sempre alimenti di alta qualità per cani e gatti. Riprendendo

Dettagli

ULTRA PREMIUM, ULTRA BENESSERE

ULTRA PREMIUM, ULTRA BENESSERE ULTRA PREMIUM, ULTRA BENESSERE La linea completa di alimenti ultra premium per cani e gatti La linea di alimenti Enova Ultra Premium di ultima generazione si caratterizza per la qualità degli ingredienti

Dettagli

Dagli Usa /1. Efficienza alimentare: la nostra bovina trasforma bene ciò che mangia?

Dagli Usa /1. Efficienza alimentare: la nostra bovina trasforma bene ciò che mangia? La Penn State University (Pennsylvania) ha analizzato l efficienza alimentare delle bovine da latte. Abbiamo applicato le sue indicazioni effettuando un confronto tra le razioni di cinque allevamenti,

Dettagli

STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA

STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA Il calore totale risulta dalla quantità di calore a cui l organismo è esposto (ambiente esterno) più il calore che esso stesso genera (processi metabolici). Esistono dei

Dettagli

Formati disponibili: Sacco da 15 kg COMPOSIZIONE * Fiocchi di granoturco, fiocchi d orzo integrale, fave laminate, pisello proteico fioccato.

Formati disponibili: Sacco da 15 kg COMPOSIZIONE * Fiocchi di granoturco, fiocchi d orzo integrale, fave laminate, pisello proteico fioccato. Fiocco Nostrale Fiocco Nostrale della linea Nostrale Misti e Granaglie di Raggio di Sole è il complemento alimentare ideale per tutte le specie animali (conigli, cavalli e ruminanti) da somministrare in

Dettagli

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche 15 DIVERSE TIPOLOGIE DI FORAGGIO CONFRONTATE DA TECNICI SATA Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche di Marco Bellini, Enea Guidorzi del frumento in campo zootecnico da sempre riveste un importanza

Dettagli

Masoero: quale nutrizione azotata

Masoero: quale nutrizione azotata Le posizioni del docente piacentino sulla nutrizione azotata della bovina da latte e sull efficienza di utilizzazione amminoacidica. Da un recente convegno Crpa Alimentazione Masoero: quale nutrizione

Dettagli

Con oltre 35 anni di esperienza nella nutrizione animale, Adragna Pet food offre da sempre alimenti di alta qualità per cani e gatti.

Con oltre 35 anni di esperienza nella nutrizione animale, Adragna Pet food offre da sempre alimenti di alta qualità per cani e gatti. Catalogo 2012 Con oltre 35 anni di esperienza nella nutrizione animale, Adragna Pet food offre da sempre alimenti di alta qualità per cani e gatti. Partendo dall impiego di materie prime di prima scelta

Dettagli

VACCHE DA LATTE CCHE DA LA

VACCHE DA LATTE CCHE DA LA Proteina Grassi Fibra Ceneri Codice Prodotto Destinazione d uso greggia greggi greggia gregge Latti 1 DE LAT 0 CMZ FA 1 0,0 Somministrare dal giorno di vita del vitello, litri 1, di acqua con 10 g. di

Dettagli

...Per la passione e l utilità di allevare per il proprio consumo

...Per la passione e l utilità di allevare per il proprio consumo ...Per la passione e l utilità di allevare per il proprio consumo MANGIMIFICIO VITAVERDE 1200 mq DI AREA COPERTA SEDE DI DISTRIBUZIONE 5000 mq DI AREA COPERTA E 23.000 mq DI SCOPERTA...DAL 1964 CON PASSIONE

Dettagli

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Progetto AGRICONFRONTI EUROPEI a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Il progetto intende mettere a confronto la situazione dell agricoltura veneta con quella di altri paesi dell Unione Europea

Dettagli

30.5/11.3 FIRST DAY S Alimento completo per cuccioli in fase di svezzamento. First Day s è un alimento completo e bilanciato di qualità superiore, integrato con principi fitoterapici ad attività immunostimolante

Dettagli

09.50 Apertura dei lavori Roberto Chialva - Presidente Associazione Regionale Allevatori del Piemonte

09.50 Apertura dei lavori Roberto Chialva - Presidente Associazione Regionale Allevatori del Piemonte con il Patrocinio di: REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SALUZZO e con la partecipazione di: Università degli Studi di Torino Minori costi di produzione e maggior qualità del latte con i foraggi

Dettagli

DIETE ALTERNATIVE PER PRODURRE BIOGAS

DIETE ALTERNATIVE PER PRODURRE BIOGAS CONVEGNO DIETE ALTERNATIVE PER PRODURRE BIOGAS Nuove diete per il biogas: più valore dagli usi innovativi della biomassa e del digestato 5 marzo 2014 Bioenergy Italy, Cremona Lorella ROSSI Centro Ricerche

Dettagli

Valutazione della qualità delle fonti fibrose e ottimizzazione del loro utilizzo nei digestori

Valutazione della qualità delle fonti fibrose e ottimizzazione del loro utilizzo nei digestori Valutazione della qualità delle fonti fibrose e ottimizzazione del loro utilizzo nei digestori Andrea Formigoni andrea.formigoni@unibo.it 7 INFOBIOGAS Montichiari - 28 gennaio 2011 Cos è la fibra? Costituenti

Dettagli

- CIBO SECCO - FROM Swedish farmers WITH LOVE

- CIBO SECCO - FROM Swedish farmers WITH LOVE - CIBO SECCO - FROM Swedish farmers WITH LOVE ANIMAL CARING & EARTH FRIENDLY DOG FOOD Di proprietà di allevatori svedesi, siamo orgogliosi della preparazione di cibo per cani con ingredienti provenienti

Dettagli

ACTION 1 REDUCTION OF NITROGEN EXCRETED IN LIVESTOCK FARMS THROUGH THE APPLICATION OF HIGH N EFFICIENCY RATIONS

ACTION 1 REDUCTION OF NITROGEN EXCRETED IN LIVESTOCK FARMS THROUGH THE APPLICATION OF HIGH N EFFICIENCY RATIONS Achieving good water quality status in intensive animal production areas ACTION 1 REDUCTION OF NITROGEN EXCRETED IN LIVESTOCK FARMS THROUGH THE APPLICATION OF HIGH N EFFICIENCY RATIONS Pizzighettone 19

Dettagli

Silomais e insilati di sorgo nel razionamento della bovina da latte S. Colombini

Silomais e insilati di sorgo nel razionamento della bovina da latte S. Colombini Silomais e insilati di sorgo nel razionamento della bovina da latte S. Colombini SILOMAIS: Foraggio base di molte aziende irrigue da latte e da carne della pianura padana grazie al suo elevato potenziale

Dettagli

LE LEGUMINOSE DA GRANELLA NELL ALIMENTAZIONE DELLE PECORE DA LATTE

LE LEGUMINOSE DA GRANELLA NELL ALIMENTAZIONE DELLE PECORE DA LATTE LE LEGUMINOSE DA GRANELLA NELL ALIMENTAZIONE DELLE PECORE DA LATTE Antonello Cannas Alessandro Mereu Dipartimento Scienze Zootecniche Università di Sassari Teresa Pacchioli CRPA Reggio Emilia Situazione

Dettagli

Alternative al mais, i primi suggerimenti

Alternative al mais, i primi suggerimenti Alternative al mais, i primi suggerimenti La decisione di destinare parte della superficie agricola alla produzione di mais ed altri cereali per la produzione di biodisel e biogas, sottrarrà questo cereale

Dettagli

MONOPROTEICO. PRESENTAZIONE della NUOVA LINEA SAFARI

MONOPROTEICO. PRESENTAZIONE della NUOVA LINEA SAFARI MONOPROTEICO PRESENTAZIONE della NUOVA LINEA SAFARI Alimento completo per gatti in accrescimento, in gravidanza e allattamento Caratterizzato da un elevata energia metabolizzabile: attività e crescita

Dettagli

dg precisionfeeding per ulteriori dettagli visita: www.dinamicagenerale.com

dg precisionfeeding per ulteriori dettagli visita: www.dinamicagenerale.com IL SISTEMA è un sistema innovativo che consente all allevatore di distribuire una razione equilibrata ai propri animali, come programmata dal nutrizionista, grazie all analisi degli ingredienti utilizzati

Dettagli

Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti

Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti M. Antongiovanni Dipartimento di Scienze Zootecniche 1 Indice degli argomenti La dieta dei ruminanti

Dettagli

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente LABORATORI DI Qualità delle Produzioni Vegetali e Analisi dei Terreni e delle Acque TARIFFARIO 2015-2016 NORME GENERALI

Dettagli

Fiera di Cremona 2012. Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO)

Fiera di Cremona 2012. Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO) Fiera di Cremona 2012 Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO) Introduzione La materia prima per i caseifici (mini-caseifici) è il latte, possibilmente di

Dettagli

GRANCAT ALIMENTI PET FOOD. Linea Vigordog. GRANDOG Alimenti Professionali per Cani Professionisti

GRANCAT ALIMENTI PET FOOD. Linea Vigordog. GRANDOG Alimenti Professionali per Cani Professionisti ALIMENTI PET FOOD La linea PET FOOD VITAVERDE è composta da varie linee di crocchette, da paste, riso, alimenti umidi e sabbie per offrire al cliente una gamma completa. Tale linea è mirata, come nostra

Dettagli

Opuscolo n. 3 NOTE TECNICHE SULL ALIMENTAZIONE DEGLI OVINI E DEI CAPRINI

Opuscolo n. 3 NOTE TECNICHE SULL ALIMENTAZIONE DEGLI OVINI E DEI CAPRINI Opuscolo n. 3 NOTE TECNICHE SULL ALIMENTAZIONE DEGLI OVINI E DEI CAPRINI Con il 3 opuscolo si conclude la raccolta di note tecniche edita dal Servizio Produzioni Zootecniche dedicata alle problematiche

Dettagli

IL CIBO FUNZIONALE SVEDESE PER CANI

IL CIBO FUNZIONALE SVEDESE PER CANI IL CIBO FUNZIONALE SVEDESE PER CANI Bozita Robur: aumenta le funzioni aumenta le prestazioni Bozita Robur è il Super Premium Svedese nel cibo secco per cani. Questa gamma di alta qualità incontra l esigenze

Dettagli

Materie prime. Principali ingredienti per la formulazione dei mangimi per suini. Giuseppe Baricco

Materie prime. Principali ingredienti per la formulazione dei mangimi per suini. Giuseppe Baricco Materie prime Principali ingredienti per la formulazione dei mangimi per suini Giuseppe Baricco La composizione fondamentale di un mangime per suini Gli apporti energetici provengono Dai cereali Dai grassi

Dettagli

Alimentazione Fabbisogni 4.8

Alimentazione Fabbisogni 4.8 08/2000 Alimentazione Fabbisogni 4.8 IL FOSFORO P di Cosmino Giovanni Basile Lo scheletro è la parte più ricca di fosforo di tutto l organismo. Nel tessuto osseo il P si trova sotto forma di fosfato tricalcico

Dettagli

Programma dietetico specifico

Programma dietetico specifico Dieta nutrizionale specifica con INTEGRA PROTECT Programma dietetico specifico Un importante elemento nella cura dei problemi di salute dei nostri amici a quattro zampe. per cani in sovrappeso per cani

Dettagli

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E.

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E. Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi Borreani G., Tabacco E. Dip. Dip. Scienze Scienze Agrarie, Agrarie, Forestali Forestali ee Alimentari

Dettagli

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti 16 L utile lordo di stalla Generalità Calcolo dell Uls La disponibilità di foraggi L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da latte L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da carne

Dettagli

I tuoi amici sempre al CENTRO delle nostre attenzioni. Alimenti per Cani e Gatti

I tuoi amici sempre al CENTRO delle nostre attenzioni. Alimenti per Cani e Gatti I tuoi amici sempre al CENTRO delle nostre attenzioni Alimenti per Cani e Gatti Alimentazione completa e bilanciata Centro è una linea di prodotti di successo per animali d affezione formulati, secondo

Dettagli

E s p e r i e n z a e Te c n o l o g i e A l i m e n t a r i per BELLEZZA, PRESTAZIONI da VINCENTE, VITA SANA e LUNGA

E s p e r i e n z a e Te c n o l o g i e A l i m e n t a r i per BELLEZZA, PRESTAZIONI da VINCENTE, VITA SANA e LUNGA Formulazione Super Premium Sviluppata e testata per la salute e benessere del cane Gamma completa e differenziata per Taglia e Funzione nutrizionale Carni selezionate e pesce come ingredienti principali

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE PER L AGRICOLTURA, LE FORESTE, LA NATURA E L ENERGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA (VITERBO)

DIPARTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE PER L AGRICOLTURA, LE FORESTE, LA NATURA E L ENERGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA (VITERBO) DIPRTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE PER L GRICOLTUR, LE FORESTE, L NTUR E L ENERGI UNIVERSIT DEGLI STUDI DELL TUSCI (VITERO) MINISTERO DELLE POLITICHE GRICOLE Programma di zione Nazionale per l gricoltura

Dettagli

www.oasy.com Servizio Consumatori Numero Verde 800 555040 Grandi novita per noi amici dell uomo...

www.oasy.com Servizio Consumatori Numero Verde 800 555040 Grandi novita per noi amici dell uomo... www.oasy.com Servizio Consumatori Numero Verde 800 555040 Grandi novita per noi amici dell uomo... NO CRUELTY NATURAL QUALITY LOVE OGM & SOIA Pochi legami sono così forti: mentre il tuo cane non ti abbandona

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

ATTIVITÁ DI RICERCA PER LO SVILUPPO DELLA ZOOTECNIA BIOLOGICA IN SICILIA. Adriana Bonanno, Antonino Di Grigoli

ATTIVITÁ DI RICERCA PER LO SVILUPPO DELLA ZOOTECNIA BIOLOGICA IN SICILIA. Adriana Bonanno, Antonino Di Grigoli ATTIVITÁ DI RICERCA PER LO SVILUPPO DELLA ZOOTECNIA BIOLOGICA IN SICILIA Adriana Bonanno, Antonino Di Grigoli Dipartimento di Scienze Entomologiche, Fitopatologiche, Microbiologiche agrarie e Zootecniche

Dettagli

! "#$%&%! '' ' * +,-..' ( & '" "( $' ( '' '' ' " # 5 +9023,*?& # >

! #$%&%! '' ' * +,-..' ( & ' ( $' ( '' '' '  # 5 +9023,*?& # > ! $%%! ) * +,- /01 * +-23, $ +*, * 6 07)18/+923,+ -318/, :3 ;$ 033)3 --) 18/$)2018/=> +9023,*? >? ):3+$,2:3+, - ;$ -3+=,073 +$,? 2 @ +, A-3 B @ +, +,>? C6!% 8 B! 3 0 A3 6 +073, D 23 E FEF+G, FF B! 6*6$

Dettagli

La gestione zootecnica del gregge

La gestione zootecnica del gregge La gestione zootecnica del gregge Introduzione Per una corretta gestione del gregge l azione zootecnica è incisiva negli allevamenti stanziali o semi-stanziali Dove si possono controllare i seguenti aspetti

Dettagli

LE CARATTERISTICHE DEL LATTE IN POLVERE PER LO SVEZZAMENTO DELLE VITELLE DA RIMONTA. Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista

LE CARATTERISTICHE DEL LATTE IN POLVERE PER LO SVEZZAMENTO DELLE VITELLE DA RIMONTA. Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista LE CARATTERISTICHE DEL LATTE IN POLVERE PER LO SVEZZAMENTO DELLE VITELLE DA RIMONTA Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista Fontane di Villorba 25.06.2005 I COMPONENTI DI UN LATTE

Dettagli

IL VITELLO DALLA CARNE ROSATA

IL VITELLO DALLA CARNE ROSATA IL VITELLO DALLA CARNE ROSATA Introduzione: La produzione di carne di vitello roséé, detta anche carne di vitello alternativo, è basata sull'ingrasso di vitelli bianco-neri, preferibilmente maschi, utilizzando

Dettagli

Buone pratiche di pascolamento dei caprini

Buone pratiche di pascolamento dei caprini Buone pratiche di pascolamento dei caprini Mauro Decandia & Giovanni Molle Dipartimento per la ricerca nelle produzioni animali L allevamento estensivo della capra in Sardegna si basa prevalentemente sull

Dettagli

ZONA3... 3, numero perfetto! One Animal Protein. semplice (3 fonti principali. equilibrata (integrata con. completa (adeguata allo

ZONA3... 3, numero perfetto! One Animal Protein. semplice (3 fonti principali. equilibrata (integrata con. completa (adeguata allo IT ZONA3... la zona dell alimentazione semplice (3 fonti principali d ingredienti) equilibrata (integrata con Goji, ricco di antiossidanti) completa (adeguata allo stadio fisiologico e alla taglia) One

Dettagli

Progetto ALAPAS. Avicoli a Lento Accrescimento e Proteaginose alternative alla soia

Progetto ALAPAS. Avicoli a Lento Accrescimento e Proteaginose alternative alla soia Progetto ALAPAS Avicoli a Lento Accrescimento e Proteaginose alternative alla soia Obiettivi del progetto Supportare e attuare la normativa europea sull agricoltura biologica Identificare e caratterizzare

Dettagli

Bilancio Per contenere il costo alimentare

Bilancio Per contenere il costo alimentare Consigli tecnici e gestionali per ridurre questo tipo di costo di produzione, dal campo alla mangiatoia Bilancio Per contenere il costo alimentare Le autrici sono del servizio tecnico della Comazoo di

Dettagli

Proteina Grezza SILOMAIS SI SI SI SI SI SI SI FIENO SI NO SI SI SI SI SI PASTONE DI MAIS SI SI SI SI SI SI SI FIENO ALFALFA SI NO SI SI SI SI SI

Proteina Grezza SILOMAIS SI SI SI SI SI SI SI FIENO SI NO SI SI SI SI SI PASTONE DI MAIS SI SI SI SI SI SI SI FIENO ALFALFA SI NO SI SI SI SI SI IL PRODOTTO TM è un kit che offre la possibilità di somministrare all animale la razione ottimale, così com è stata definita dal nutrizionista. L analizzatore NIR consente l aggiustamento della razione

Dettagli

TECNICA ECONOMIA. Tab. 1 - Bilancio dell azoto Tipologia di dieta C 2AA 6AA ALT. di Mary Mattiaccio

TECNICA ECONOMIA. Tab. 1 - Bilancio dell azoto Tipologia di dieta C 2AA 6AA ALT. di Mary Mattiaccio Una dieta meno proteica rende la filiera più verde È quanto emerge dagli studi di un team di ricerca di diverse università. Effetti positivi sull ambiente anche con la riduzione del fosforo. In entrambe

Dettagli

Forever young. Per sempre giovane.

Forever young. Per sempre giovane. Forever young. Per sempre giovane. Siamo nati lo stesso giorno, cresceremo insieme e ti starò vicino ogni cambiamento tu farai... Oggi sei un duro che sogna di diventare pilota e poi... chissà? Acrobata?

Dettagli

CoMpoNENTI ANALITICI. Umidità 82,0 %; Proteina grezza 9,6 %; Oli e grassi grezzi 4,5 %; Ceneri grezze 3,0 %; Fibra grezza 0,3 %.

CoMpoNENTI ANALITICI. Umidità 82,0 %; Proteina grezza 9,6 %; Oli e grassi grezzi 4,5 %; Ceneri grezze 3,0 %; Fibra grezza 0,3 %. ALIMENTO COMPLETO MONOPROTEICO PER CANI professional pets Codice Art.: DOGS001 Articolo: ALIMENTO CANE 400 G. CONIGLIO CON CAVOLFIORE Codice EAN: 8033993951549 pz. per cartone: 12 150 g. - 400 g. coniglio

Dettagli

Somministrazione tempestiva del colostro entro le prime ore di vita e per una durata di 18-36 h

Somministrazione tempestiva del colostro entro le prime ore di vita e per una durata di 18-36 h Cure neonatali Ripulitura dal liquido amniotico testa rivolta verso il basso (agnelli e capretti - vitelli?) Asciugatura predisposizione lettiera paglia asciutta Disinfezione cordone ombelicale prodotti

Dettagli

Gli alimenti per animali: classificazione. Il pastone di mais. Nel mais il primo aminoacido limitante e 1. Treonina 2. Lisina 3. Metionina 4.

Gli alimenti per animali: classificazione. Il pastone di mais. Nel mais il primo aminoacido limitante e 1. Treonina 2. Lisina 3. Metionina 4. Gli alimenti per animali: classificazione Il pastone di mais Nel mais il primo aminoacido limitante e 1. Treonina 2. Lisina 3. Metionina 4. Leucina Una miscela delle seguenti sostanze e sottoposta ad una

Dettagli

PATOLOGIE DEL VITELLO A CARNE BIANCA DERIVANTI DALL ALIMENTAZIONE LATTEA

PATOLOGIE DEL VITELLO A CARNE BIANCA DERIVANTI DALL ALIMENTAZIONE LATTEA PATOLOGIE DEL VITELLO A CARNE BIANCA DERIVANTI DALL ALIMENTAZIONE LATTEA Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista BREGANZE 16.12.2010 ORIGINE DEI COMPONENTI DEL LATTE IL LATTE INTERO

Dettagli

Sostenibilità ambientale nell allevamento bovino da latte

Sostenibilità ambientale nell allevamento bovino da latte DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI Piacenza, 11 febbraio 2014 Sostenibilità, opportunità e criticità nella filiera latte post 2015 Sostenibilità ambientale nell allevamento bovino da latte G.

Dettagli

OBIETTIVO AUTOSUFFICIENZA

OBIETTIVO AUTOSUFFICIENZA OBIETTIVO AUTOSUFFICIENZA Il metodo biologico presuppone uno stretto legame fra l allevamento e l azienda agricola, che mediante opportune rotazioni colturali deve essere in grado di fornire la maggior

Dettagli

La salute, per gli animali di allevamento

La salute, per gli animali di allevamento FORAGGICOLTURA inserto SPECIALE Erba medica: un alimento ricco e salutare L erba medica è una coltura fondamentale nell ordinamento foraggiero di una stalla da latte. L importante è impiegare una varietà

Dettagli

Piemontese, più muscolo e meno parti difficili

Piemontese, più muscolo e meno parti difficili Piemontese, più muscolo e meno parti difficili Al meeting nazionale della razza il Centro genetico Anaborapi ha presentato i risultati delle ricerche per il miglioramento dei capi. E ha proposto un regime

Dettagli

Gli alimenti di interesse zootecnico. Studiare da Bittante et al. Fondamenti di Zootecnica

Gli alimenti di interesse zootecnico. Studiare da Bittante et al. Fondamenti di Zootecnica Gli alimenti di interesse zootecnico Studiare da Bittante et al. Fondamenti di Zootecnica Cellula eucariota animale Cellula eucariota vegetale Le cellule eucariotiche, costituiscono tutti gli organismi

Dettagli

LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI. di Andrea Formigoni. Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione delle vitelle dalla

LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI. di Andrea Formigoni. Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione delle vitelle dalla LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI di Andrea Formigoni Universita degli Studi di Bologna Facolta di Medicina Veterinaria Introduzione Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario. www.informatoreagrario.it

Edizioni L Informatore Agrario. www.informatoreagrario.it www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Gestione Se l asciutta è breve

Gestione Se l asciutta è breve Ricercatori canadesi, statunitensi e olandesi indagano su come mantenere le bovine produttive e sane anche con un periodo di asciutta inferiore a 60 giorni Gestione Se l asciutta è breve di Roberta Sguerrini

Dettagli

Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto

Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto I bilanci colturali e aziendali dell azoto sono degli indicatori semplici della valutazione della gestione dell azoto delle colture e agrotecniche ad

Dettagli

LA STRUTTURA FISICA DELLA RAZIONE INFLUENZA PRINCIPALMENTE LA QUANTITÀ DI LATTE PRODOTTO

LA STRUTTURA FISICA DELLA RAZIONE INFLUENZA PRINCIPALMENTE LA QUANTITÀ DI LATTE PRODOTTO SCIENZA E TECNICA LATTIERO-CASEARIA, 60 (4), 309-314 2009 LA STRUTTURA FISICA DELLA RAZIONE INFLUENZA PRINCIPALMENTE LA QUANTITÀ DI LATTE PRODOTTO Federico RIGHI 1 *, Simone ROMANELLI 1, Enrico VEROLI

Dettagli

REGIMI ALIMENTARI DEL VITELLO

REGIMI ALIMENTARI DEL VITELLO ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTÀ DI MEDICINA VETERINARIA DIPARTIMENTO DI MORFOFISIOLOGIA VETERINARIA E PRODUZIONI ANIMALI SEZIONE ZOOTECNIA, NUTRIZIONE E ALIMENTI REGIMI ALIMENTARI

Dettagli

Recenti Studi sulla Zootecnia da Latte nel Veneto Corte Benedettina Legnaro 15/12/2010

Recenti Studi sulla Zootecnia da Latte nel Veneto Corte Benedettina Legnaro 15/12/2010 Recenti Studi sulla Zootecnia da Latte nel Veneto Corte Benedettina Legnaro 15/12/2010 Il 15 dicembre scorso l ARAV in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Animali dell Università di Padova, ha

Dettagli

La gestione dell alimentazione

La gestione dell alimentazione La gestione dell alimentazione della capra da latte Calendario stadi fisiologici PESO=Taglia per una capacità produttiva elevata Punto critico e di verifica Nascita Svezzamento 1^ monta 1 parto 1^ Lattazione

Dettagli

Allegato F alla determinazione del Direttore Generale n. 156/15 del 29.05.2015. DENOMINAZIONE GRUPPO DI LAVORO

Allegato F alla determinazione del Direttore Generale n. 156/15 del 29.05.2015. DENOMINAZIONE GRUPPO DI LAVORO DENOMINAZIONE GRUPPO DI LAVORO Valorizzazione degli archivi di ricerca e trasferimento: messa a punto di un processo per la fruibilità on line delle informazioni relative al corretto uso delle risorse

Dettagli