1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ"

Transcript

1 1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1.1. Premessa 1 GLOSSARIO 6 NORMATIVA 8

2 1.1 PREMESSA Al termine di questo capitolo sarai in grado di conoscere gli obiettivi perseguiti dalle disposizioni in materia di trasparenza per l attività di mediazione creditizia e le fonti normative, gli obblighi di trasparenza relativi a informativa precontrattuale, pubblicità e contratti e le tipologie di intervento effettuate dall autorità di vigilanza nell ambito dei poteri di controllo a essa attribuiti Obiettivi della disciplina e fonti normative La trasparenza è intesa come insieme di regole finalizzate a porre il cliente in condizione di assumere decisioni consapevoli e informate in merito a un determinato rapporto. La disciplina in materia di trasparenza, quindi, persegue l obiettivo, nel rispetto dell autonomia negoziale, di rendere noti ai clienti gli elementi essenziali del rapporto, in particolare attraverso: l indicazione di forme obbligatorie di pubblicità e informazione precontrattuale, la prescrizione di requisiti necessari di forma e di contenuto dei contratti, la definizione di forme di comportamento da tenere nell attività svolta fuori sede o attraverso tecniche di comunicazione a distanza. L adeguata applicazione delle regole in materia di trasparenza e il raggiungimento degli obiettivi che esse sottendono, presuppongono che i destinatari della norma ispirino il proprio comportamento a criteri di buona fede e correttezza. I mediatori creditizi, infatti, devono fornire alla clientela le informazioni previste dalla disciplina in materia di trasparenza con modalità adeguate alla forma di comunicazione utilizzata, in modo chiaro ed esauriente, avendo riguardo alle caratteristiche del rapporto e dei destinatari. 1

3 I mediatori creditizi in qualità di soggetti che procedono all'offerta fuori sede per gli intermediari committenti, osservano gli obblighi di trasparenza previsti per questi ultimi. L applicazione delle regole di trasparenza che stiamo considerando, non esclude quella di altre disposizioni in materia di trasparenza e correttezza dei comportamenti previste in altri comparti dell ordinamento (mobiliare, assicurativo, etc.). Tali regole e comportamenti scaturiscono da un complesso regolamentare integrato, dalle iniziative di autoregolamentazione del settore creditizio (i c.d. codici di condotta), dalle norme del codice civile e dalla iniziative legislative. Le principali fonti normative della trasparenza sono: art. 16, comma 4 della legge 108/1996, che stabilisce che ai mediatori creditizi si applicano le disposizioni relative alla trasparenza delle condizioni contrattuali contenute nel Titolo VI del Testo Unico Bancario, in quanto compatibili ; art. 128-decies Testo Unico Bancario, il quale conferma che agli agenti in attività finanziaria e ai mediatori creditizi si applicano, in quanto compatibili, le norme in materia di trasparenza contenute nel titolo VI del Testo Unico Bancario, precisando che la Banca d Italia può stabilire ulteriori regole per garantire la trasparenza e la correttezza nei rapporti con la clientela; Delibera CICR del 4 marzo 2003, emanata in attuazione delle disposizioni contenute nel Titolo VI del Testo Unico bancario, che prevede che "le disposizioni della presente delibera e quelle di attuazione emanate dalla Banca d Italia si applicano, in quanto compatibili", tra gli altri, ai mediatori creditizi" e Decreto n. 117/11 del Ministro dell Economia e delle Finanze; Provvedimento della Banca d Italia del 29 luglio 2009,il cui Titolo VIII è in attesa di essere aggiornato alle nuove norme in materia di mediazione creditizia (nell attesa continua ad applicarsi ai mediatori creditizi il Provvedimento UIC 29/4/2005). Il Provvedimento UIC 29 aprile 2005 Istruzioni per i mediatori creditizi prevede che le disposizioni in materia di trasparenza contenute nel Titolo VI del Testo unico bancario, nella delibera del CICR del 4 marzo 2003 e nel provvedimento di Banca d Italia del 25 luglio 2003 si applicano ai mediatori creditizi in base alle indicazioni di compatibilità previste dallo stesso provvedimento. 2

4 1.1.2 Obblighi di trasparenza Ora, analizziamo brevemente la struttura generale del Provvedimento UIC del 29 aprile 2005 per capire quali sono gli strumenti di pubblicità delle operazioni e dei servizi offerti e gli obblighi derivanti dall applicazione di tale disciplina. Tale provvedimento prende in considerazione due aspetti del rapporto mediatore creditizio/cliente. Pubblicità e informazione precontrattuale Nella fase che precede la conclusione di un contratto, il mediatore creditizio mette a disposizione della clientela i seguenti strumenti di pubblicità: l avviso; il foglio informativo; la copia completa dello schema contrattuale di mediazione creditizia, che può essere richiesta dal cliente prima della conclusione del contratto; il documento di sintesi delle principali condizioni contrattuali, unito al testo del contratto. Contratti La redazione di contratti di mediazione creditizia deve seguire alcune regole di base rispetto a forma e contenuto che di seguito analizzeremo. Un discorso a parte meritano gli annunci pubblicitari cioè i messaggi, in qualsiasi modo diffusi, aventi lo scopo di promuovere l attività del mediatore creditizio. Il Provvedimento UIC del 29 aprile 2005 si limita a specificare che, se i mediatori creditizi utilizzano annunci pubblicitari, questi devono contenere alcuni elementi che li rendono chiaramente riconoscibili come tali. 3

5 Annunci pubblicitari In particolare, negli annunci: è specificata la natura di messaggio pubblicitario con finalità promozionale; è indicato che per le condizioni contrattuali occorre fare riferimento ai "fogli informativi", indicando le modalità in cui questi sono messi a disposizione dei clienti. Gli annunci pubblicitari dell'attività di mediazione creditizia sono subordinati all'indicazione, nella pubblicità medesima, degli estremi dell iscrizione all'albo. Non possono essere utilizzate nella denominazione o in qualsivoglia segno distintivo o comunicazione rivolta al pubblico, parole o locuzioni, anche in lingua straniera, come "banca", "banco", "credito", "risparmio" etc., ricomprese nel divieto di cui all'art. 133 del T.U.B., idonee a trarre in inganno sulla legittimazione allo svolgimento dell'attività bancaria (il nuovo comma 1-quater dell art. 133 del TUB prevede, infatti, che l uso, nella denominazione o in qualsivoglia segno distintivo o comunicazione rivolta al pubblico, della parola «finanziaria» ovvero di altre parole o locuzioni, anche in lingua straniera, idonee a trarre in inganno sulla legittimazione allo svolgimento dell attività finanziaria loro riservata, è vietato ai soggetti diversi dagli intermediari finanziari di cui all articolo 106). Qualora si intenda pubblicizzare la denominazione di una ditta individuale, si rende necessario indicare anche l'esatta specificazione del nome e del cognome integrali dell'iscritto all'albo nonché del relativo numero d'iscrizione. Negli annunci pubblicitari, i mediatori creditizi indicano chiaramente che il servizio offerto si limita alla messa in relazione di banche e intermediari finanziari con la clientela al fine della concessione di finanziamenti e che tale servizio non garantisce l effettiva erogazione del finanziamento richiesto. Gli annunci indicano, altresì, il periodo di validità delle condizioni pubblicizzate. Annunci pubblicitari relativi a operazioni di finanziamento Gli annunci pubblicitari relativi a operazioni di finanziamento nei quali il mediatore creditizio dichiara il tasso di interesse o altre cifre che si riferiscono al costo del finanziamento, specificano anche la banca o l intermediario erogante e ove previsti il TAEG o l Indicatore Sintetico di Costo (ISC) comprensivo degli oneri di mediazione laddove inclusi nella base di calcolo. 4

6 Comunicazioni alla clientela Le disposizioni in materia di comunicazioni alla clientela, contenute negli articoli 11 e 12 della Delibera CICR e nella Sezione IV delle Disposizioni del 29 luglio 2009 della Banca d Italia, non si applicano ai mediatori creditizi in quanto riferite a contratti di durata e dunque incompatibili con l attività da questi svolta. In ogni caso, il cliente, colui che gli succede a qualunque titolo e colui che subentra nell amministrazione dei suoi beni, hanno diritto di ottenere, a proprie spese, entro un congruo termine e comunque non oltre novanta giorni, copia della documentazione inerente a singole operazioni poste in essere negli ultimi dieci anni. I mediatori indicano al cliente, al momento della richiesta, il presumibile importo delle relative spese Controlli e sanzioni Ai sensi dell art. 128-decies del T.U.B., la Banca d Italia anche avvalendosi di altre autorità, svolge controlli nei confronti dei mediatori creditizi al fine di verificare il rispetto delle disposizioni in materia di trasparenza delle condizioni contrattuali e delle altre disposizioni a essi applicabili. Al riguardo, la Banca d Italia può acquisire informazioni, atti e documenti ed eseguire ispezioni presso i mediatori creditizi. Nel caso di inosservanza delle disposizioni degli obblighi di trasparenza e pubblicità, sono applicate sanzioni amministrative pecuniarie ai sensi dell art. 144 del TUB. In base all art. 39, comma 3 della Legge 28 dicembre 2005, n. 262 (Legge sul Risparmio) le suddette sanzioni sono quintuplicate. 5

7 GLOSSARIO Annuncio pubblicitario Messaggio, in qualsiasi modo diffuso, avente lo scopo di promuovere l'attività del mediatore creditizio. CICR (argomento trattato a pagina 2 della dispensa) Comitato interministeriale per il credito e il risparmio che ha l'alta vigilanza in materia di credito e di tutela del risparmio. Esso delibera nelle materie attribuite alla sua competenza dal Testo Unico bancario o da altre leggi. Il CICR è composto dal Ministro dell Economia e delle Finanze, che lo presiede, dal Ministro dello Sviluppo Economico - Commercio Internazionale, dal Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti e dal Ministro per le Politiche Comunitarie. Alle sedute partecipa il Governatore della Banca d'italia. Cliente Il Provvedimento UIC del 29 aprile 2005 definisce cliente qualsiasi soggetto, persona fisica o giuridica che intende entrare in relazione con banche o intermediari finanziari per la concessione di un finanziamento per il tramite di un mediatore creditizio. Nella nozione di cliente non rientrano i seguenti soggetti: le banche, gli intermediari finanziari, gli IMEL, le imprese di assicurazione, le Sim, le imprese di investimento comunitarie ed extracomunitarie, gli organismi di investimento collettivo del risparmio (fondi comuni di investimento e SICAV), le SGR, le società di gestione accentrata di strumenti finanziari, i fondi pensione, le Poste italiane S.p.A., la Cassa Depositi e Prestiti e ogni altro soggetto che svolge attività di intermediazione finanziaria. Locale aperto al pubblico (o dipendenza) Il Provvedimento UIC del 29 aprile 2005 definisce il locale aperto al pubblico come il locale accessibile al pubblico e qualunque locale adibito al ricevimento del pubblico per l esercizio di mediazione creditizia, anche se l'accesso è sottoposto a forme di controllo. Mediatore creditizio (argomento trattato a pagina 1 della dispensa) È mediatore creditizio il soggetto che mette in relazione, anche attraverso attività di consulenza, banche o intermediari finanziari con la potenziale clientela per la concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma. Il mediatore creditizio può svolgere esclusivamente l'attività sopra indicata (o quelle connesse o strumentali) e non può essere legato ad alcuna delle parti da rapporti che ne possano compromettere l'indipendenza. Ai mediatori creditizi è vietato concludere contratti, nonché effettuare, per conto di banche o di intermediari finanziari, l'erogazione di finanziamenti e ogni forma di pagamento o di incasso di denaro contante, di altri mezzi di pagamento o di titoli di credito. 6

8 I mediatori creditizi possono raccogliere le richieste di finanziamento sottoscritte dai clienti, svolgere una prima istruttoria per conto dell'intermediario erogante e inoltrare tali richieste a quest'ultimo. Nullità Una delle forme che può assumere l invalidità di un negozio giuridico. La nullità di un negozio giuridico determina l inidoneità dello stesso a produrre in alcun modo gli effetti suoi propri. Le cause che determinano la nullità di un negozio sono: la mancanza di uno degli elementi essenziali indicati (accordo, causa, oggetto, forma prescritta dalla legge a pena di nullità; l illiceità della causa; l illiceità dei motivi ex art del Codice civile; l impossibilità, illiceità, indeterminatezza e indeterminabilità dell oggetto; la contrarietà a norme imperative; altri casi stabiliti dalla legge. La nullità si dice relativa quando può essere fatta valere solo da una delle parti del contratto. Offerta fuori sede (argomento trattato a pagina 2 della dispensa) Secondo la definizione del Provvedimento UIC del 29 aprile 2005 l attività di mediazione creditizia svolta in luogo diverso dal domicilio o dalla sede o da altro locale aperto al pubblico del mediatore. Servizi accessori Secondo la definizione prevista nel Provvedimento UIC del 29 aprile 2005 i servizi, anche non strettamente connessi con il servizio principale (quali, ad esempio, contratti di assicurazione, convenzioni con soggetti esterni, ecc.), commercializzati congiuntamente a quest'ultimo, ancorché su base obbligatoria. Supporto durevole Qualsiasi strumento che permetta al cliente di memorizzare informazioni a lui personalmente dirette in modo che possano essere agevolmente recuperate durante un periodo di tempo adeguato ai fini cui sono destinate le informazioni stesse e che consenta la riproduzione immutata delle informazioni memorizzate. 7

9 NORMATIVA Delibera CICR 4 marzo 2003 Banca d'italia, Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari. Correttezza delle relazioni tra intermediari e clienti, del 29 luglio 2009 (come integrato e modificato con il Provvedimento in data 9/2/2011) Provvedimento dell'ufficio Italiano dei Cambi - 29/04/2005, n Gazzetta Ufficiale 20/05/2005, n. 116 Attuazione della direttiva 2000/31/CE relativa a taluni aspetti giuridici dei servizi della società dell'informazione nel mercato interno, con particolare riferimento al commercio elettronico Banca D'Italia, Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari. Correttezza delle relazioni tra intermediari e clienti, del 10 febbraio 2011 Decreto Legislativo 13 agosto 2010, n. 141 Attuazione della direttiva 2008/48/CE relativa ai contratti di credito ai consumatori, nonché modifiche del titolo VI del testo unico bancario (decreto legislativo n. 385 del 1993) in merito alla disciplina dei soggetti operanti nel settore finanziario, degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Decreto Ministro dell'economia e delle Finanze 3 febbraio 2011, n

1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ

1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1.5. Obblighi e adempimenti 1 GLOSSARIO 4 NORMATIVA 6 1.5 OBBLIGHI E ADEMPIMENTI Al termine di questo capitolo sarai in grado di conoscere la differenza

Dettagli

2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI

2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI 2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI 2.2. Brevi cenni sulla nuova trasparenza per banche e 1 intermediari finanziari GLOSSARIO 7 APPROFONDIMENTI 9 NORMATIVA 10 2.2

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DELLA MEDIAZIONE CREDITIZIA

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DELLA MEDIAZIONE CREDITIZIA FOGLIO INFORMATIVO Redatto secondo le indicazioni contenute nel Provvedimento del 29 Aprile 2005 dell'uic, nella Deliberazione del CICR del 4 marzo 2003, del Provvedimento della Banca d Italia del 25 luglio

Dettagli

AVVISO ALLA CLIENTELA PRINCIPALI NORME DI TRASPARENZA RELATIVE ALLA MEDIAZIONE CREDITIZIA ATTIVITÀ ED OBBLIGHI DEL MEDIATORE CREDITIZIO

AVVISO ALLA CLIENTELA PRINCIPALI NORME DI TRASPARENZA RELATIVE ALLA MEDIAZIONE CREDITIZIA ATTIVITÀ ED OBBLIGHI DEL MEDIATORE CREDITIZIO Soluzioni Innovative S.r.l. Via Antonio Stoppani, 10/C - 24121 Bergamo Iscritta all Elenco dei Mediatori Creditizi presso OAM n. M25, in data 22/01/2013 Numero R.E.A.: BG 393625 Numero di iscrizione nel

Dettagli

Guida pratica antiriciclaggio

Guida pratica antiriciclaggio Guida pratica antiriciclaggio UFFICIO STUDI NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO per le Agenzie Immobiliari e i Mediatori Creditizi Ufficio Studi FIAIP a cura di Armando Barsotti Dal 22 Aprile 2006 sono in vigore

Dettagli

DELIBERAZIONE 4 MARZO 2003 Disciplina della trasparenza delle condizioni contrattuali delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

DELIBERAZIONE 4 MARZO 2003 Disciplina della trasparenza delle condizioni contrattuali delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari DELIBERAZIONE 4 MARZO 2003 Disciplina della trasparenza delle condizioni contrattuali delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari Pagina 1 di 30 IL COMITATO INTERMINISTERIALE PER IL CREDITO E IL

Dettagli

AVVISO ALLA CLIENTELA

AVVISO ALLA CLIENTELA AVVISO ALLA CLIENTELA IMMUTUO S.r.l.. La invita a leggere con attenzione il presente avviso che ha l obiettivo di far conoscere alla propria Clientela i suoi diritti e gli strumenti di tutela a sua disposizione,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SEZIONE I INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO. Iscritta al Registro delle Imprese C.C.I.A.A. di Milano, R.E.A. n.

FOGLIO INFORMATIVO SEZIONE I INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO. Iscritta al Registro delle Imprese C.C.I.A.A. di Milano, R.E.A. n. FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del titolo VI e VI bis del T.U.B., della delibera CICR del 4 marzo 2003, del Provvedimento di attuazione della Banca d Italia del 25 luglio 2003 e del provvedimento

Dettagli

Foglio Informativo Mutuon Srl

Foglio Informativo Mutuon Srl Foglio Informativo Mutuon Srl Redatto in conformità a quanto previsto dalla normativa vigente ed in particolare ai sensi dell art.16 della legge 108/1996, del titolo VI-bis del T.U. Bancario e successive

Dettagli

Capitolo 15 Concorrenza e tutela del consumatore di servizi finanziari

Capitolo 15 Concorrenza e tutela del consumatore di servizi finanziari Capitolo 15 Concorrenza e tutela del consumatore di servizi finanziari Esercizi di riepilogo 1) Volendo rappresentare il settore dei servizi finanziari fate riferimento: a) ai tre tipi di intermediazione

Dettagli

Disciplina della trasparenza delle condizioni contrattuali delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari.

Disciplina della trasparenza delle condizioni contrattuali delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari. 286 DELIBERAZIONE 4 MARZO 23 Disciplina della trasparenza delle condizioni contrattuali delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari. IL COMITATO INTERMINISTERIALE PER IL CREDIT ED IL RISPARMIO

Dettagli

UFFICIO ITALIANO DEI CAMBI PROVVEDIMENTO 29 APRILE 2005

UFFICIO ITALIANO DEI CAMBI PROVVEDIMENTO 29 APRILE 2005 UFFICIO ITALIANO DEI CAMBI PROVVEDIMENTO 29 APRILE 2005 ISTRUZIONI PER I MEDIATORI CREDITIZI PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI 1. Premessa e fonti normative L articolo 16 della Legge 7 marzo 1996, n.108 prevede

Dettagli

AUXILIA FINANCE - FOGLIO INFORMATIVO

AUXILIA FINANCE - FOGLIO INFORMATIVO Redatto in conformità a quanto previsto dalla normativa vigente ed in particolare ai sensi dell art. 16 della legge 108/1996, del titolo VI-bis del T.U. Bancario e successive modifiche, della Delibera

Dettagli

Broker Consult FOGLIO INFORMATIVO. Sezione 1 - INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO

Broker Consult FOGLIO INFORMATIVO. Sezione 1 - INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO FOGLIO INFORMATIVO Redatto in conformità a quanto previsto dalla normativa vigente ed in particolare ai sensi dell art. 16 della legge 108/1996, del titolo VI-bis del T.U. Bancario e successive modifiche,

Dettagli

1. LA NORMATIVA SULLA TRASPARENZA DELLA BANCA D ITALIA

1. LA NORMATIVA SULLA TRASPARENZA DELLA BANCA D ITALIA 1. LA NORMATIVA SULLA TRASPARENZA DELLA BANCA D ITALIA 1.1. La riforma della trasparenza bancaria 1 GLOSSARIO 9 APPROFONDIMENTI 15 NORMATIVA 18 1.1. LA RIFORMA DELLA TRASPARENZA BANCARIA Al termine del

Dettagli

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari INTERMEDIARI FINANZIARI ART. 106 TUB, CONFIDI, AGENTI IN ATTIVITÀ FINANZIARIA, MEDIATORI CREDITIZI E OPERATORI PROFESSIONALI

Dettagli

2. L INFORMATIVA PRECONTRATTUALE GLOSSARIO 8 APPROFONDIMENTI 14 NORMATIVA 16. 2.3. L informativa su operazioni e servizi

2. L INFORMATIVA PRECONTRATTUALE GLOSSARIO 8 APPROFONDIMENTI 14 NORMATIVA 16. 2.3. L informativa su operazioni e servizi 2. L INFORMATIVA PRECONTRATTUALE 2.3. L informativa su operazioni e servizi 1 GLOSSARIO 8 APPROFONDIMENTI 14 NORMATIVA 16 2.3. L INFORMATIVA SU OPERAZIONI E SERVIZI Al termine del capitolo sarai in grado

Dettagli

Sistema di vigilanza. Corso formazione per iscrizione Elenchi OAM

Sistema di vigilanza. Corso formazione per iscrizione Elenchi OAM Sistema di vigilanza Corso formazione per iscrizione Elenchi OAM Connessi poteri di controllo Il ruolo di Banca d Italia Formazione OAM 2 Art. 128-decies TUB Agli agenti in a.f., agenti money transfer,

Dettagli

Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo

Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo 1 Premessa Le modifiche in materia di Credito al Consumo sono volte: ad ampliare l ambito di applicazione della disciplina contenuta nel Testo Unico Bancario

Dettagli

LINK SOLUZIONI S.R.L. FASCICOLO INFORMATIVO

LINK SOLUZIONI S.R.L. FASCICOLO INFORMATIVO LINK SOLUZIONI S.R.L. FASCICOLO INFORMATIVO Premessa invita a leggere con attenzione il presente avviso che ha l obbiettivo di far conoscere alla Clientela i diritti ad essa spettanti e gli strumenti di

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012

L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012 L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012 1. IL NUOVO SISTEMA DELL INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA 1.1. La riforma dell intermediazione del credito 1 GLOSSARIO 6 APPROFONDIMENTI 9 NORMATIVA 10 1.1. LA RIFORMA

Dettagli

2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI

2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI 2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI 2.1. Forma e contenuto dei contratti di mediazione 1 creditizia GLOSSARIO 4 APPROFONDIMENTI 6 NORMATIVA 7 2.1 FORMA E CONTENUTO

Dettagli

Capitolo Quinto La disciplina sulla trasparenza nei contratti bancari, nel credito ai consumatori e nell attività di mediazione creditizia

Capitolo Quinto La disciplina sulla trasparenza nei contratti bancari, nel credito ai consumatori e nell attività di mediazione creditizia Capitolo Quinto La disciplina sulla trasparenza nei contratti bancari, nel credito ai consumatori e nell attività di mediazione creditizia Sezione Prima La disciplina in materia di trasparenza bancaria

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo QUARTA UNITA DIDATTICA

Università degli Studi di Bergamo QUARTA UNITA DIDATTICA Università degli Studi di Bergamo QUARTA UNITA DIDATTICA L esercizio dei servizi di investimento: riserva di attività e regole generali di comportamento dei soggetti abilitati 1 Riserva di attività (art.

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO CONFORME ALLA CIRCOLARE n. 5/12 DELL'OAM PER MEDIATORI CREDITIZI

PERCORSO FORMATIVO CONFORME ALLA CIRCOLARE n. 5/12 DELL'OAM PER MEDIATORI CREDITIZI PERCORSO FORMATIVO CONFORME ALLA CIRCOLARE n. 5/12 DELL'OAM PER MEDIATORI CREDITIZI IL SISTEMA FINANZIARIO E L'INTERMEDIAZIONE DEL CREDITO I soggetti operanti nell intermediazione creditizia: gli intermediari

Dettagli

MEDIAZIONE CREDITIZIA Cosa cambia con il DECRETO LEGISLATIVO 13 agosto 2010, n. 141.

MEDIAZIONE CREDITIZIA Cosa cambia con il DECRETO LEGISLATIVO 13 agosto 2010, n. 141. MEDIAZIONE CREDITIZIA Cosa cambia con il DECRETO LEGISLATIVO 13 agosto 2010, n. 141. Il 4 settembre 2010 è stato pubblicato il D.Lgs. 141/2010, che ha modificato significativamente il Testo Unico Bancario

Dettagli

LA TRASPARENZA FA BENE A TUTTI

LA TRASPARENZA FA BENE A TUTTI LA TRASPARENZA FA BENE A TUTTI Come cambiano le norme e quali sono gli impatti sull operatività legata al rapporto con il cliente BROCHURE INFORMATIVA PER GLI ESERCIZI COMMERCIALI CONVENZIONATI, AGENTI

Dettagli

IL MINISTRO DEL TESORO

IL MINISTRO DEL TESORO Decreto del Ministro del tesoro 8 luglio 1992 (1). Disciplina e criteri di definizione del tasso annuo effettivo globale per la concessione di credito al consumo. IL MINISTRO DEL TESORO VISTO il regio

Dettagli

IL TAEG E IL TEG: ANALOGIE E DIFFERENZE.

IL TAEG E IL TEG: ANALOGIE E DIFFERENZE. IL TAEG E IL TEG: ANALOGIE E DIFFERENZE. Il TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale) viene impiegato come tasso di riferimento per le operazioni di credito al consumo, mentre il TEG (Tasso Effettivo Globale)

Dettagli

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N.

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Visto il decreto

Dettagli

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI CORRETTEZZA DELLE RELAZIONI TRA INTERMEDIARI E CLIENTI

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI CORRETTEZZA DELLE RELAZIONI TRA INTERMEDIARI E CLIENTI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI CORRETTEZZA DELLE RELAZIONI TRA INTERMEDIARI E CLIENTI SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Premessa 1.1 Finalità e ambito di

Dettagli

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI CORRETTEZZA DELLE RELAZIONI TRA INTERMEDIARI E CLIENTI SEZIONE I DISPOSIZIONI DI

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI CORRETTEZZA DELLE RELAZIONI TRA INTERMEDIARI E CLIENTI SEZIONE I DISPOSIZIONI DI à à TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI CORRETTEZZA DELLE RELAZIONI TRA INTERMEDIARI E CLIENTI SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Premessa 1.1 Finalità e ambito

Dettagli

PUBBLICITÀ E INFORMAZIONE PRECONTRATTUALE

PUBBLICITÀ E INFORMAZIONE PRECONTRATTUALE SEZIONE II PUBBLICITÀ E INFORMAZIONE PRECONTRATTUALE 1. Premessa Gli strumenti di pubblicità delle operazioni e dei servizi offerti e delle relative condizioni contrattuali sono: i documenti contenenti

Dettagli

Legge 17 febbraio 1992, n. 154 - Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

Legge 17 febbraio 1992, n. 154 - Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari Legge 17 febbraio 1992, n. 154 - Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari Articolo 1. Ambito soggettivo d'applicazione. 1. Le norme della presente legge trovano applicazione

Dettagli

2. IL PROCESSO DI AFFIDAMENTO: LE FASI PRECONTRATTUALI 2.3. L analisi dell offerta GLOSSARIO APPROFONDIMENTI 10 NORMATIVA 11

2. IL PROCESSO DI AFFIDAMENTO: LE FASI PRECONTRATTUALI 2.3. L analisi dell offerta GLOSSARIO APPROFONDIMENTI 10 NORMATIVA 11 2. IL PROCESSO DI AFFIDAMENTO: LE FASI PRECONTRATTUALI 2.3. L analisi dell offerta 1 GLOSSARIO 6 APPROFONDIMENTI 10 NORMATIVA 11 2.3. L ANALISI DELL OFFERTA Al termine del capitolo sarai in grado di descrivere

Dettagli

Modifiche all'articolo 1 del testo unico della finanza Definizioni

Modifiche all'articolo 1 del testo unico della finanza Definizioni D.L.vo 1 agosto 2003, n.274.attuazione della direttiva 2001/107/CE e 2001/108/CE, che modificano la direttiva 85/611/CEE in materia di coordinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative

Dettagli

29-7-2015. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 174

29-7-2015. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 174 43 periodiche sono stabilite con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze del 6 ottobre 2004, pubblicato in G.U. il 13 ottobre 2004) (1). Secondo quanto previsto dall'articolo 23, comma 4, del

Dettagli

DEL CONTRATTO DI APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE

DEL CONTRATTO DI APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE Copia per la Banca DOCUMENTO DI SINTESI DEL CONTRATTO DI APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE REDATTO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 1 SETTEMBRE 1993, N. 385 DELIBERA CICR DEL 4 MARZO 2003 E DEL PROVVEDIMENTO

Dettagli

TACCUINO INFORMATIVO AI SENSI DELLA NORMATIVA SULLA TRASPARENZA ED OBBLIGHI DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE AVVISO ALLA CLIENTELA

TACCUINO INFORMATIVO AI SENSI DELLA NORMATIVA SULLA TRASPARENZA ED OBBLIGHI DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE AVVISO ALLA CLIENTELA TACCUINO INFORMATIVO AI SENSI DELLA NORMATIVA SULLA TRASPARENZA ED OBBLIGHI DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE AVVISO ALLA CLIENTELA Premessa MCS S.p.A. invita a leggere con attenzione il presente avviso che

Dettagli

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI CORRETTEZZA DELLE RELAZIONI TRA INTERMEDIARI E CLIENTI

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI CORRETTEZZA DELLE RELAZIONI TRA INTERMEDIARI E CLIENTI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI CORRETTEZZA DELLE RELAZIONI TRA INTERMEDIARI E CLIENTI SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Premessa 1.1 Finalità e ambito di

Dettagli

UDL. L intermediazione assicurativa

UDL. L intermediazione assicurativa L intermediazione assicurativa Norme sull intermediazione assicurativa il codice delle assicurazioni e il regolamento ISVAP n. 5 del 16/10/2006: l attuazione delle direttive UE e la regolamentazione degli

Dettagli

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria)

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) TESTO UNICO BANCARIO TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) 1. È agente in attività finanziaria il soggetto che

Dettagli

REGOLE DI INSEDIAMENTO E DI ATTIVITÀ DELLE BANCHE

REGOLE DI INSEDIAMENTO E DI ATTIVITÀ DELLE BANCHE IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO PROF. MARIA ROSARIA NADDEO Indice 1 REGOLE DI INSEDIAMENTO E DI ATTIVITÀ DELLE BANCHE ---------------------------------------------- 3 2 L INGRESSO IN ITALIA DI BANCHE COMUNITARIE

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE

DOCUMENTO DI SINTESI APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE Copia per la Banca DOCUMENTO DI SINTESI APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE CONNESSO ALLA TITOLARITÀ DI UNA CARTA DI CREDITO DENOMINATA CARTASÌ BLACK REDATTO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 1 SETTEMBRE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Cash Flow srl

FOGLIO INFORMATIVO. Cash Flow srl FOGLIO INFORMATIVO Cash Flow srl SEZIONE 1. INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO Cashflow srl Via G. Porzio Centro Direzionale Isola A/3- Palazzo Le Gemme 80143 Napoli Tel. +39 081 787 57 62 Fax. +39

Dettagli

PROPOSTA DI PARERE DEL RELATORE

PROPOSTA DI PARERE DEL RELATORE Schema di decreto legislativo recante ulteriori modifiche ed integrazioni al decreto legislativo n. 141 del 2010, recante attuazione della direttiva 2008/48/CE relativa ai contratti di credito ai consumatori,

Dettagli

ASSOSIM * * * A. Sezione I (Disposizioni di carattere generale) Paragrafo 3. (Definizioni)

ASSOSIM * * * A. Sezione I (Disposizioni di carattere generale) Paragrafo 3. (Definizioni) VIA ALBERTO DA GIUSSANO, 8 20145 MILANO TEL. 02/86454996 R.A. FAX 02/867898 e.mail assosim@assosim.it WWW.ASSOSIM.IT ASSOSIM ASSOCIAZIONE ITALIANA INTERMEDIARI MOBILIARI Inviato via email all indirizzo

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI CORRETTEZZA DELLE RELAZIONI TRA INTERMEDIARI E CLIENTI

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI CORRETTEZZA DELLE RELAZIONI TRA INTERMEDIARI E CLIENTI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI CORRETTEZZA DELLE RELAZIONI TRA INTERMEDIARI E CLIENTI SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Premessa 1.1 Finalità e ambito di

Dettagli

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Policy Sulla classificazione della clientela Data ultima modifica 29/03/2016 Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Approvato da : Consiglio di Amministrazione Massimo

Dettagli

Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari - Circolare Banca di Italia del 10 febbraio 2011 - Esegesi Sommario INFORMAZIONI GENERALI 3 T.A.E.G. 4 MODULISTICA PRECONTRATTUALE 5 ANNUNCI

Dettagli

Profili della disciplina sulle banche. Lezione 1 1

Profili della disciplina sulle banche. Lezione 1 1 Profili della disciplina sulle banche Lezione 1 1 Testo Unico Bancario (D. lgs. n. 385 del 1993). Testo Unico Finanziario (D. lgs. n. 58 del 1998) La disciplina bancaria il Testo Unico Bancario: (art.

Dettagli

ASSOCONSULENZA. Associazione Italiana Consulenti d Investimento

ASSOCONSULENZA. Associazione Italiana Consulenti d Investimento ASSOCONSULENZA Associazione Italiana Consulenti d Investimento Formazione Mediatore Creditizio La mediazione creditizia è un attività professionale con la quale si mette in relazione, anche attraverso

Dettagli

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Delibera del Consiglio di Amministrazione del 19 Febbraio 2016 Premessa In conformità alle disposizioni di cui all Allegato 3 del Regolamento Intermediari CONSOB

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO ALLEGATO 4.1 FOGLIO INFORMATIVO Redatto in conformità a quanto previsto dalla normativa vigente ed in particolare ai sensi dell art. 16 della legge 108/1996, del titolo VI del T.U. Bancario e successive

Dettagli

Regolamento del processo di controllo. della rete di vendita esterna

Regolamento del processo di controllo. della rete di vendita esterna Regolamento del processo di controllo della rete di vendita esterna INDICE REGOLAMENTO DEL PROCESSO DI CONTROLLO DELLA RETE DI VENDITA ESTERNA... 3 1. PIANIFICAZIONE DELLA RETE DI VENDITA ESTERNA... 3

Dettagli

Federazione Italiana delle Banche di Credito Cooperativo Casse Rurali ed Artigiane

Federazione Italiana delle Banche di Credito Cooperativo Casse Rurali ed Artigiane Contatti: Avv. Pierfilippo Verzaro, Servizio Affari Legali e tributari FEDERCASSE email: pverzaro@federcasse.bcc.it, tel. +39.06.7207.2620 Avv. Francesco Arcanà, Servizio Affari Legali e tributari FEDERCASSE

Dettagli

INDICE SOMMARIO. CAPITOLO PRIMO L EVOLUZIONE DELLA DISCIPLINA SULLA TRASPARENZA BANCARIA (Fabio Civale)

INDICE SOMMARIO. CAPITOLO PRIMO L EVOLUZIONE DELLA DISCIPLINA SULLA TRASPARENZA BANCARIA (Fabio Civale) INDICE SOMMARIO I Collaboratori..................................... Elenco delle principali abbreviazioni....................... XV XVII CAPITOLO PRIMO L EVOLUZIONE DELLA DISCIPLINA SULLA TRASPARENZA

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi

Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Circolare n. /13 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento professionale

Dettagli

Giuseppe Piano Mortari ASSOFIN. L offerta di carte di credito nel nuovo quadro normativo tra criticità interpretative e rischi di over regulation

Giuseppe Piano Mortari ASSOFIN. L offerta di carte di credito nel nuovo quadro normativo tra criticità interpretative e rischi di over regulation Giuseppe Piano Mortari ASSOFIN L offerta di carte di credito nel nuovo quadro normativo tra criticità interpretative e rischi di over regulation Convegno ABI Carte 2011 Roma, 3/4 novembre 2011 IL FRAMEWORK

Dettagli

Manuale delle Procedure Operative

Manuale delle Procedure Operative Rif. MP.001.01 Pag. 52 di 88 ALLEGATO CODICE DEONTOLOGICO MEDIANET SPA CODICE DEONTOLOGICO MEDIANET S.P.A. MEDIANET S.p.A. è una Società di Mediazione Creditizia, iscritta all Albo dei mediatori creditizi

Dettagli

Glossario Antiriciclaggio

Glossario Antiriciclaggio Pagina 1 di 7 Glossario Antiriciclaggio Adeguata Verifica Amministrazioni interessate Archivio Unico Informatico Autorità di Vigilanza di Settore Banca di Comodo CAP Cliente Conti di passaggio Dati identificativi

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI, SOMME E CREDITI E CESSIONE IN GARANZIA DI CREDITI

DOCUMENTO DI SINTESI PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI, SOMME E CREDITI E CESSIONE IN GARANZIA DI CREDITI Copia per la Banca DOCUMENTO DI SINTESI PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI, SOMME E CREDITI E CESSIONE IN GARANZIA DI CREDITI REDATTO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 1 SETTEMBRE 1993, N. 385 DELIBERA CICR

Dettagli

AVVISO PRESTITO PERSONALE PRINCIPALI NORME DI TRASPARENZA

AVVISO PRESTITO PERSONALE PRINCIPALI NORME DI TRASPARENZA AVVISO PRESTITO PERSONALE PRINCIPALI NORME DI TRASPARENZA L AVVISO RIGUARDA LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI DISCIPLINATA DAL D.LGS.385/1993 (TESTO UNICO BANCARIO T.U.B.) E DALLE ISTRUZIONI

Dettagli

l eliminazione del Documento contenente i principali diritti del cliente

l eliminazione del Documento contenente i principali diritti del cliente Spett.le Banca d Italia Servizio Normativa e Politiche di Vigilanza Divisione Normativa Primaria Via Milano n. 53 00184 Roma Oggetto: Osservazioni inerenti la pubblica consultazione in materia di Trasparenza

Dettagli

II.11 LA BANCA D ITALIA

II.11 LA BANCA D ITALIA Provvedimento del 24 marzo 2010. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di contenuto generale della Banca d Italia nell esercizio delle funzioni di vigilanza bancaria

Dettagli

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n.

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi Prot. n. 00062 Roma, 4 gennaio 2008 Com. n. 3 OGGETTO: Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. 125367/07 Il Ministero

Dettagli

2. Contenuto della delibera CICR del 4 marzo 2003

2. Contenuto della delibera CICR del 4 marzo 2003 COMMISSIONE STUDI CIVILISTICI Studio n. 4703 LE ISTRUZIONI DI VIGILANZA DELLA BANCA D ITALIA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (Comunicazione dell'ufficio Studi del Consiglio

Dettagli

Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari: le nuove regole della Banca d Italia

Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari: le nuove regole della Banca d Italia Intermediazione finanziaria Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari: le nuove regole della Banca d Italia DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DELLA BANCA D ITALIA 18 MARZO 2009 Trasparenza

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

BANCA D ITALIA. Visto il decreto con il quale la società Medifarm S.R.L. è stata autorizzata all importazione parallela del medicinale

BANCA D ITALIA. Visto il decreto con il quale la società Medifarm S.R.L. è stata autorizzata all importazione parallela del medicinale Visto il decreto con il quale la società Medifarm S.R.L. è stata autorizzata all importazione parallela del medicinale Cardura; Vista la determinazione di classifi cazione in fascia C(nn) ai sensi dell

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Prot. 116098 Roma, 17 dicembre 2008 OGGETTO: Decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI CANALI INDIRETTI DI COLLOCAMENTO DEI CREDITI TRAMITE MEDIATORI

MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI CANALI INDIRETTI DI COLLOCAMENTO DEI CREDITI TRAMITE MEDIATORI Allegato 1 MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI CANALI INDIRETTI DI COLLOCAMENTO DEI CREDITI TRAMITE MEDIATORI A) CODICE DEONTOLOGICO DEI MEDIATORI CREDITIZI INVESTITI DI INCARICHI DI MEDIAZIONE E CONSULENZA

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

I FINANZIAMENTI GARANTITI

I FINANZIAMENTI GARANTITI I FINANZIAMENTI GARANTITI Convegno La Mediazione Creditizia Milano 30 novembre 2010 1 Il Gruppo 2 Compass S.p.A. e Futuro S.p.A. Compass S.p.A., con una propria rete di sportelli diretti, dal 1960 opera

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza e Fondo di Assistenza per il Personale della Pubblica Sicurezza

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza e Fondo di Assistenza per il Personale della Pubblica Sicurezza Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza e Fondo di Assistenza per il Personale della Pubblica Sicurezza Avviso Pubblico di Invito a manifestare interesse Il Fondo di assistenza Personale

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo)

L ISVAP (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo) REGOLAMENTO N. 34 DEL 19 MARZO 2010 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PROMOZIONE E COLLOCAMENTO A DISTANZA DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE DI CUI AGLI ARTICOLI 183 E 191, COMMA 1, LETTERE A)

Dettagli

Pag. 1 di 10 SOMMARIO

Pag. 1 di 10 SOMMARIO Pag. 1 di 10 SOMMARIO Accesso alle banche dati Testo Unico Bancario Articolo 125 - Banche dati Articolo 126 - Regime speciale per le aperture di credito in conto corrente Direttiva CE 23 aprile 2008, n.

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone)

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) 1. Aspetti

Dettagli

TIME DEPOSIT REDATTO AI SENSI DEL

TIME DEPOSIT REDATTO AI SENSI DEL Documento di Sintesi Time Deposit Versione n. 4 del 02/15 data aggiornamento 19.02.2015 Copia per la Banca DOCUMENTO DI SINTESI TIME DEPOSIT REDATTO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 1 SETTEMBRE 1993, N.

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 23 febbraio 2015 Modalita' di utilizzo delle risorse non utilizzate del Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e gli investimenti di ricerca e riparto

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1 SOMMARIO Introduzione... 1 CAPITOLO 1 I SERVIZI E LE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO 1. L elenco dei servizi (e delle attività) di investimento... 9 2. Gli strumenti finanziari... 10 3. La nozione di prodotto

Dettagli

Istruzioni di Vigilanza per le banche

Istruzioni di Vigilanza per le banche Istruzioni di Vigilanza per le banche RIEPILOGO AGGIORNAMENTI Istruzioni di Vigilanza per le banche Circolare n. 229 del 21 aprile 1999 Aggiornamenti (1): 1 Aggiornamento del 6 agosto 1999: Modifica della

Dettagli

Documento per la consultazione

Documento per la consultazione Documento per la consultazione Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari. Correttezza delle relazioni tra intermediari e clienti Con il presente documento si sottopongono a consultazione

Dettagli

CIRCOLARE 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI

CIRCOLARE 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI CIRCOLARE n. 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI www.ghidini-associati.it (N.B. La presente circolare è meramente informativa e non costituisce parere)

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA. Premessa

CODICE DI CONDOTTA. Premessa CODICE DI CONDOTTA Indice Premessa Parte Prima: Disposizioni Generali Disposizioni Generali ( art.1-4) Parte Seconda: Rapporti con la Clientela Sezione Prima: Adempimenti:(art. 5-9) Sezione Seconda: Corrispettivi

Dettagli

Istruzioni di Vigilanza per le banche

Istruzioni di Vigilanza per le banche BANCA D ITALIA Istruzioni di Vigilanza per le banche Circolare n. 229 del 21 aprile 1999-9 Aggiornamento del 25 luglio 2003 Indice: pagg. 28 e 29 ISTRUZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE RIEPILOGO AGGIORNAMENTI

Dettagli

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA I. L INVESTIMENTO FINANZIARIO. LA MATERIA E LE SUE REGOLE. IL DIRITTO DEI MERCATI MOBILIARI 1. Lo scenario di insieme e l oggetto di studio. Un primo passo da orientare nella giusta direzione... 1 2. Che

Dettagli

Rendiconto sull attività di gestione dei reclami per l anno 2014

Rendiconto sull attività di gestione dei reclami per l anno 2014 Rendiconto sull attività di gestione dei reclami per l anno 2014 Premessa Il presente documento viene pubblicato in ottemperanza alle disposizioni della Banca d Italia del 29 luglio 2009 (e successive

Dettagli

La normativa antiriciclaggio per gli avvocati. di Maurizio Arena

La normativa antiriciclaggio per gli avvocati. di Maurizio Arena La normativa antiriciclaggio per gli avvocati di Maurizio Arena Parte Prima Con la pubblicazione del Decreto n. 141 del 3 febbraio 2006 del Ministero dell Economia e delle Finanze e del Provvedimento 24

Dettagli

Finanziamenti: a) Tasso formato dalle seguenti componenti (TB + SP + SD + S):

Finanziamenti: a) Tasso formato dalle seguenti componenti (TB + SP + SD + S): 1 FINANZIARIA SENESE DI SVILUPPO S.P.A. Piazza Matteotti, 30 - SIENA - COD. ABI 194266 Telefono 0577/48102 - Fax 0577/43068 Indirizzo E-Mail: info@fises.it - Sito Internet: www.fises.it OGGETTO: D. Lgs.

Dettagli

Vigente al: 5-6-2015 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Vigente al: 5-6-2015 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 7 maggio 2015, n. 66 Norme per l'attuazione della direttiva 2013/14/UE, che modifica le direttive 2003/41/CE, 2009/65/CE e 2011/61/UE, e per l'adeguamento alle disposizioni del regolamento

Dettagli

CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA

CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA KIRON PARTNER S.P.A. Società di Mediazione Creditizia Sede Legale: via Monte Bianco 60/A - 20089 Rozzano (MI) - Tel. 02.52.858.1 - Fax 02.52.858.311 - e-mail: info@kiron.it - e-mail certificata: kiron@pec.kiron.it

Dettagli

La Banca d Italia e la tutela del consumatore dei servizi bancari e finanziari

La Banca d Italia e la tutela del consumatore dei servizi bancari e finanziari La Banca d Italia e la tutela del consumatore dei servizi bancari e finanziari Vittorio Tusini Cottafavi Servizio Rapporti Esterni e Affari Generali Roma, 27 aprile 2010 La tutela del cliente di servizi

Dettagli

ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006. Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006

ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006. Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006 ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006 Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006 Parte I - Disposizioni di carattere generale Art. 2 - (Definizioni)

Dettagli

Circolare Banca d'italia 2 dicembre 1994

Circolare Banca d'italia 2 dicembre 1994 Circolare Banca d'italia 2 dicembre 1994 Istruzioni sulla raccolta del risparmio dei soggetti diversi dalle banche (Gazzetta Ufficiale 12 dicembre 1994, n. 289) Il testo è coordinato con quello oggi contenuto

Dettagli

Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi. COMUNICAZIONE n. 7/15

Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi. COMUNICAZIONE n. 7/15 Ufficio Affari Legali Roma, lì 5 ottobre 2015 Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi COMUNICAZIONE n. 7/15 Oggetto: chiarimenti in merito

Dettagli