Buzzword Deathmatch: Si può fare agile in una SOA?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Buzzword Deathmatch: Si può fare agile in una SOA?"

Transcript

1 Buzzword Deathmatch: Si può fare agile in una SOA?

2 About me 10 di esperienza come consulente nel mondo IT. Ho partecipato a mol> grossi Pubblica amministrazione Bancario Assicura>vo... Un po architeiura, un po processo, un po management... Il mio blog: hip://ziobrando.blogspot.com Trainer (Italia e UK) Ar>coli, etc. My e mail:

3 Lo scenario Agile

4 Perchè Agile? Tradurre

5 Perchè Agile? Tradurre Lo sviluppo Waterfall si è dimostrato inefficiente e insoddisfacente come risulta>

6 Perchè Agile? Tradurre Lo sviluppo Waterfall si è dimostrato inefficiente e insoddisfacente come risulta> Waterfall è tradizionalmente associato a

7 Perchè Agile? Tradurre Lo sviluppo Waterfall si è dimostrato inefficiente e insoddisfacente come risulta> Waterfall è tradizionalmente associato a cos> eleva>

8 Perchè Agile? Tradurre Lo sviluppo Waterfall si è dimostrato inefficiente e insoddisfacente come risulta> Waterfall è tradizionalmente associato a cos> eleva> tempi di sviluppo lunghi

9 Perchè Agile? Tradurre Lo sviluppo Waterfall si è dimostrato inefficiente e insoddisfacente come risulta> Waterfall è tradizionalmente associato a cos> eleva> tempi di sviluppo lunghi Impredicibilità dei risulta> e bassa percentuale di successo

10 Perchè Agile? Tradurre Lo sviluppo Waterfall si è dimostrato inefficiente e insoddisfacente come risulta> Waterfall è tradizionalmente associato a cos> eleva> tempi di sviluppo lunghi Impredicibilità dei risulta> e bassa percentuale di successo Difficoltà nella ges>one del cambiamento

11 Perchè Agile? Tradurre Lo sviluppo Waterfall si è dimostrato inefficiente e insoddisfacente come risulta> Waterfall è tradizionalmente associato a cos> eleva> tempi di sviluppo lunghi Impredicibilità dei risulta> e bassa percentuale di successo Difficoltà nella ges>one del cambiamento Se chiedete in giro, nessuno sta più facendo il waterfall ( o almeno così dicono)

12 Unified Process

13 Unified Process Lo unified process ha cambiato radicalmente lo scenario Iterazioni come elemento fondamentale del processo. Definizione fine di ruoli ed responsabilità UML come linguaggio ufficiale Una definizione di tufe le agvità chiave del processo.

14 Unified Process Unfortunately, it also set the ground for A family of UML modelling tools A lot of templates 6

15 Il lato oscuro dello Unified Process

16 Il lato oscuro dello Unified Process Gli strumen> sono diventa> sempre più importan>, deformando il processo stesso.

17 Il lato oscuro dello Unified Process Gli strumen> sono diventa> sempre più importan>, deformando il processo stesso. Analisi e design sono diventate soliste

18 Il lato oscuro dello Unified Process Gli strumen> sono diventa> sempre più importan>, deformando il processo stesso. Analisi e design sono diventate soliste Carta, carta ed ancora carta...

19 Sviluppatori Gli sviluppatori erano considera> risorse interscambiabili il cui unico compito era di implementare le specifiche. Però

20 Sviluppatori Gli sviluppatori erano considera> risorse interscambiabili il cui unico compito era di implementare le specifiche. Però

21 Sviluppatori Gli sviluppatori erano considera> risorse interscambiabili il cui unico compito era di implementare le specifiche. Però

22 Sviluppatori Gli sviluppatori erano considera> risorse interscambiabili il cui unico compito era di implementare le specifiche. Però

23 Sviluppatori Gli sviluppatori erano considera> risorse interscambiabili il cui unico compito era di implementare le specifiche. Però

24 Sviluppatori Gli sviluppatori erano considera> risorse interscambiabili il cui unico compito era di implementare le specifiche. Però

25 Sviluppatori Gli sviluppatori erano considera> risorse interscambiabili il cui unico compito era di implementare le specifiche. Però

26 Occasionalmente, gli passano in rassegna la truppa...

27 Ruoli e Responsabilità

28 Ruoli e Responsabilità La ges>one fine dei ruoli ha finito per tradursi in un faiore di rallentamento Spesso si finisce per scegliere solo i task al mio ruolo (implicit waterfall) Tempi di risposta più len> Colli di sigli specialis> (o presun> tali) Il buon caro vecchio scaricabarile...

29 ... I ribelli non stanno a guardare

30 ... I ribelli non stanno a guardare

31 I tre dell Agile XP ha faio il boio introducendo pra>che rivoluzionarie nello sviluppo socware. Scrum ha definito un framework all interno del quale le pra>che agili possono essere applicate all interno di un organizzazione. Il movimento Lean ha introdoio e principi dall industria manifaiuriera, nello sviluppo socware (fornendo anche un retroterra teorico ad entrambe)

32 extreme Programming User Stories Less formal than Use cases, act like placeholder for a real discussion Frequent small releases Itera7ons are shorter and targeted to produc7on, Frequent planning and es4ma4on Each itera7on is re planned according to the currently available informa7on No an4cipated development No frameworks or layered architecture Test first Test suites run preserving applica7on integrity, and producing beaer interfaces Customer availability Real feedback is the key to make the right thing No code ownership Con4nuous integra4on The whole system is frequently integrated and tested Pair programming Programmers work in pairs, in coding sessions No over4me...

33 XP Il feedback è l elemento chiave per molte delle pra>che proposte dal codice dai colleghi dal cliente dal progefo dal team Il team è responsabilizzato ed incoraggiato a proporre soluzioni crea>ve Lo stesso processo può essere modificato

34 Scrum Scrum non si riferisce streiamente allo sviluppo socware, ma offre un framework per la ges>one dei A differenza di UP, ci sono solo 3 ruoli: Il Team Il Product Owner Lo Scrum Master

35 Lo di un team

36 Il team agile Gruppi di piccole dimensioni Cross func>onal Il team è libero di prendere qualsiasi decisione di design In Scrum, il team riferisce solo al P.O. Un cerimoniale definito ed un insieme di possibili azioni garan>scono che il gruppo non prenda direzioni indesiderate.

37 stakeholders? Il Product Owner è l unico responsabile per il gruppo di sviluppo.

38 I principi dello sviluppo Lean Eliminate waste TuAo ciò che non fornisce alcun valore per l utente. Amplify learning Lo sviluppo è un aività di esplorazione e di ricerca di soluzioni. Decide as late as possible Evitare le decisioni irreversibili, o prenderle solo quando si disponde di tuae le informazioni necessarie. Deliver as fast as possible Cicli di sviluppo veloci aiutano il feedback. Spesso la velocità è meglio della qualità. Empower the team Il team diventerà il massimo esperto sull argomento. Build integrity in Il sonware deve essere u7le, e adaao al compito. See the whole In assenza di una visione complessiva avremo solo ofmi locali.

39 Spreco Lo spreco (waste) può apparire in varie forme Documentazione non necessaria Design an7cipato Over engineering AIese Comunicazioni inefficien> Handoff Complessità blame (scaricabarile) Qualità (?)...

40 L approccio Lo Fi Come conseguenza, alcuni tools sono sta> abbandona>, in favore di un approccio più materiale. Carta (user stories, CRC cards, burndown chart) Post it Lavagne Gli radiators sfruiano la prossimità fisica per permeiere uno scambio di informazioni più efficiente e completo Alcuni Strumen> sono sta> bandi> (es. MSProject), altri sono apparsi (es. Wikis)

41 The bofom up Agile prepara il terreno per fare emergere proposte interessan> dal team Il team impara and si concentra su un determinato spazio di problemi, spesso diventando il massimo esperto disponibile sull argomento

42 la collaborazione Raramente si lavora isola> Molte sono svolte in gruppo, in coppie o in maniera visibile. La trasparenza migliora la fiducia e premeie una collaborazione più efficace. Gli scambi di informazione avvengono in entrambi i sensi

43 Lo scenario ideale Non tuie le condizioni di partenza sono per diventare agili : per poter sfruiare pienamente il potenziale dell agile dovremmo (idealmente) Essere assun> in un azienda la cui massima priorità sia il socware. lavorare nello stesso posto Avere accesso agli uten> (qualsiasi cosa significhi) Essere liberi di crescere come team ed assumersi responsabilità. Essere liberi di scegliere logis>ca, hardware, etc.

44 Lo scenario SOA

45 SOA Organizzazioni di grandi dimensioni erano appesan>te dal fardello di Svaria> legacy systems Fusioni and acquisizioni Necessità di integrare sistemi eterogenei Sistemi e Elevata complessità (non necessaria) di evoluzione Tempi di reazione estremamente len>,...sviluppi sostanzialmente blocca>, incapacità di produrre valore....ricorda qualcosa?

46 In cerca dell uniformità Standard, frameworks, regole ed integrazione non hanno garan>to la necessaria agilità al business. Con il risultato di essere un ulteriore fardello con cui fare i con> prima ancora di di progeiare una qualsiasi soluzione.

47 Service Oriented Architecture SOA ha come di ridurre le dipendenze fra le applicazioni: Language coupling XML Protocol coupling WS, SOAP Network coupling ESB Availability coupling messages Standard e basso accoppiamento concorrono a definire un architeiura basata su

48 Low coupling I servizi possono dialogare tra loro con il più basso livello di conoscenza reciproca possibile Enterprise Service Bus

49 Low coupling I servizi possono dialogare tra loro con il più basso livello di conoscenza reciproca possibile Enterprise Service Bus

50 La promessa iniziale

51 La promessa iniziale SOA era uno strumento per

52 La promessa iniziale SOA era uno strumento per PermeIere le necessarie operazioni di pulizia

53 La promessa iniziale SOA era uno strumento per PermeIere le necessarie operazioni di pulizia PermeIere all IT di diventare un fakore chiave per il business, invece che un peso.

54 La promessa iniziale SOA era uno strumento per PermeIere le necessarie operazioni di pulizia PermeIere all IT di diventare un fakore chiave per il business, invece che un peso. è un casino

55 La promessa iniziale SOA era uno strumento per PermeIere le necessarie operazioni di pulizia PermeIere all IT di diventare un fakore chiave per il business, invece che un peso. è un casino lo meao in agenda per il 2010

56 La promessa iniziale SOA era uno strumento per PermeIere le necessarie operazioni di pulizia PermeIere all IT di diventare un fakore chiave per il business, invece che un peso. è un casino lo meao in agenda per il 2010 Adesso non c è tempo

57 La promessa iniziale SOA era uno strumento per PermeIere le necessarie operazioni di pulizia PermeIere all IT di diventare un fakore chiave per il business, invece che un peso. è un casino lo meao in agenda per il 2010 Adesso non c è tempo Possiamo farlo

58 La promessa iniziale SOA era uno strumento per PermeIere le necessarie operazioni di pulizia PermeIere all IT di diventare un fakore chiave per il business, invece che un peso. è un casino lo meao in agenda per il 2010 Adesso non c è tempo Possiamo farlo Perchè non fare quest altra cosa, invece?

59 La promessa iniziale SOA era uno strumento per PermeIere le necessarie operazioni di pulizia PermeIere all IT di diventare un fakore chiave per il business, invece che un peso. è un casino lo meao in agenda per il 2010 Adesso non c è tempo Possiamo farlo Perchè non fare quest altra cosa, invece?...abbiamo un idea...

60 La promessa iniziale SOA era uno strumento per PermeIere le necessarie operazioni di pulizia PermeIere all IT di diventare un fakore chiave per il business, invece che un peso. è un casino lo meao in agenda per il 2010 Adesso non c è tempo Possiamo farlo Perchè non fare quest altra cosa, invece?...abbiamo un idea... PermeIere alle imprese di ridurre il vandor lockin e di recuperare il controllo sul budget dell IT.

61 ...defa in un altro modo Alberto Brandolini 01/0 Qui ci pouò stare l'esem Amazon SOA è uno strumento per permeiere alle grandi aziende di raggiungere la business agility Cicli di rilascio dei più brevi OIenere il feedback direiamente dal mercato Sperimentare nuovi modi di fare business

62 ...defa in un altro modo Alberto Brandolini 01/0 Qui ci pouò stare l'esem Amazon SOA è uno strumento per permeiere alle grandi aziende di raggiungere la business agility Cicli di rilascio dei più brevi OIenere il feedback direiamente dal mercato Sperimentare nuovi modi di fare business SOA non è uno strumento per ricostruire un architefura esistente con una nuova tecnologia

63 scenario SOA... Lo scenario ideale Agile Essere assun> in un azienda la cui massima priorità sia il socware. lavorare nello stesso posto Avere accesso agli uten> (qualsiasi cosa significhi) Essere liberi di crescere come team ed assumersi responsabilità. Essere liberi di scegliere logis>ca, hardware, etc. Lo scenario SOA Generalmente la massima priorità dell azienda NON è il socware consulen>, risorse a progeio, etc. sono la regola. Lo sviluppo spesso avviene in più sedi, frequente il ricorso all offshore. Pochi incen>vi alla crescita ed all assunzione di responsabilità Controllo molto limitato su logis>ca, hardware, etc.

64 La tecnologia di SOA

65 Libertà!? Basso accoppiamento e standard di comunicazione indipenden> dal linguaggio offrono la possibilità di implementare applicazioni nelle tecnologie più appropriate. Enterprise Service Bus

66 Libertà!? Basso accoppiamento e standard di comunicazione indipenden> dal linguaggio offrono la possibilità di implementare applicazioni nelle tecnologie più appropriate. Enterprise Service Bus

67 ... Forse siamo ancora L accoppiamento tecnologico è solo uno dei vari faiori di accoppiamento sulla scena: Budget per le licenze Opera>ons & Support Standard aziendali, Regole e prescrizioni già in essere Strategie per la ges>one del personale ArchiteIura Cultura aziendale

68 In che lingua parliamo? UML non è sufficiente per le esigenze di SOA Emerge un nuovo gergo, nuovi diagrammi, nuove notazioni, nuovi layer...

69 In che lingua parliamo? UML non è sufficiente per le esigenze di SOA Emerge un nuovo gergo, nuovi diagrammi, nuove notazioni, nuovi layer...

70 In che lingua parliamo? UML non è sufficiente per le esigenze di SOA Emerge un nuovo gergo, nuovi diagrammi, nuove notazioni, nuovi layer...

71 Mettiamo le cose assieme

72 Agile and SOA

73 Agile and SOA Enterprises experience more success with SOA when they eschew big top down delivery projects and instead get down in the trenches with an evolu7onary approach. Agile processes provide a basic structure for this kind of incremental delivery. Carey Schwaber, Forrester Research... non mol> ar>coli invece ci dicono quanto i processi agili possano trarre beneficio da SOA

74 Agile come Gioco Lo sviluppo socware può essere definito come un gioco finito, direfo ad un obiegvo(cockburn) Finite, Non goal directed Carpet wrestling Dolls Jazz Finite, goal directed Tennis SoLware Development Infinite Career management Organiza>on Survival

75 So[ware development as a Game Finito: un progeio comincia e finisce (in un modo o nell altro) DireFo ad un obiegvo: es. consegnare in tempo s>amo giocando insieme agli altri membri del team ma non s>amo facendo solo questo: S>amo investendo sulla carriera Giochiamo a fare i genitori Etc. etc.

76 Un team di successo

77 Alcuni chiave Il Team Migliori talen> disponibili della squadra prima di quelli personali Elevata mo>vazione L obiegvo chiaro esperienza limitata nel tempo Risultato misurabile

78 Un team un po meno di successo...

79 Un team un po meno di successo...

80 chiave Il team I migliori talen>? individuali (o di par>to) prima di quelli del team,... o del cliente... : ( L obiegvo Non così ben definito (a meno di credere ai proclami eleiorali) Intervallo di tempo casuale Risultato non misurabile (ai posteri... )

81 Gioco a risorse limitate Lo scenario è limitato su svaria> parametri chiave: Budget Tempo Esperienza Talento di informazioni

82 Qual è il gioco di SOA? SOA è generalmente un gioco giocato ad un livello differente dallo sviluppo: Gli sono lega> ad una strategia di lungo periodo I risulta> di medio termine possono risultare non osservabili o misurabili per il team. Es. Budget Eliminazione di un sistema esterno

83 The SOA Game Una cri>ca comune alle metodologie Agili, è che si focalizzano su a breve termine. SOA vuole vedere il quadro complessivo, concentrandosi su a volte non completamente trasparen>.

84 La cultura dominante la cultura aziendale può essere molto lontana dai principi agili SOA può avere l appoggio del management, ma non è deio che anche le metodologie agili ce l abbiano. Carriere, ruoli e specializzazioni possono risultare soio pressione.

85 Dimensione del progefo SOA spesso implica la presenza di mol> team di sviluppo allo stesso tempo

86 Dimensione del progefo SOA spesso implica la presenza di mol> team di sviluppo allo stesso tempo

87 Più

88 51

89 Il ritorno del Top Down Alcun strumen> reintroducono la filosofia top down Ruoli prefissa> Tool driven design Sviluppo basato sulle specifiche Un ulteriore sgradevole effeio... Il feedback dal basso è scoraggiato Idee potenzialmente buone vanno perdute

90 Il ritorno del Top Down Alcun strumen> reintroducono la filosofia top down Ruoli prefissa> Tool driven design Sviluppo basato sulle specifiche Un ulteriore sgradevole effeio... Il feedback dal basso è scoraggiato Idee potenzialmente buone vanno perdute

91 Il ritorno del Top Down Alcun strumen> reintroducono la filosofia top down Ruoli prefissa> Tool driven design Sviluppo basato sulle specifiche Un ulteriore sgradevole effeio... Il feedback dal basso è scoraggiato Idee potenzialmente buone vanno perdute

92 Il ritorno del Top Down Alcun strumen> reintroducono la filosofia top down Ruoli prefissa> Tool driven design Sviluppo basato sulle specifiche Un ulteriore sgradevole effeio... Il feedback dal basso è scoraggiato Idee potenzialmente buone vanno perdute

93 Cominciare Agile e SOA? Benchè siano ortogonali, due rivoluzioni allo stesso tempo sono probabilmente troppo per un team Ma...agile si comporta bene in presenza di esplorazioni ed incertezza: processo spikes approccio test driven

94 Prepariamo la scena Non generiamo aspeia>ve difficili da soddisfare Manteniamo il management al corrente dei possibili problemi Le transizioni ai metodi agili meiono soio pressione le organizzazioni, esponendo problemi che sono sempre sta> nascos> soio il tappeto. Cer> problemi sono sempre sta> lì (magari soio il tappeto), meierli in evidenza può apparire sgradito.

95 Scegliete un facile Scegliamo raggiungibili in un tempo ragionevole Raggiungiamoli Costruiamo sui risulta> sicurezza affiatamento reputazione

96 Viaggiamo leggeri

97 Viaggiamo leggeri la disponibiltà di strumen> per ges>re la complessità di SOA non significa che dobbiamo incoraggiare la complessità

98 Viaggiamo leggeri la disponibiltà di strumen> per ges>re la complessità di SOA non significa che dobbiamo incoraggiare la complessità Il lato oscuro di SOA non è meglio di ciò che l ha preceduta...

99 Viaggiamo leggeri la disponibiltà di strumen> per ges>re la complessità di SOA non significa che dobbiamo incoraggiare la complessità Il lato oscuro di SOA non è meglio di ciò che l ha preceduta...

100 Appoggiamoci su standard Come corollario a decide as late as possible : Sviluppiamo su standard consolida> se possibile Migliore documentazione Rimpiazzabili... s>amo facend strategie di lungo termine. Evitare le tentazioni di features vendor specific Manteniamo soio controllo la deviazione dagli standard

101 La decisione più irreversibile...

102 La decisione più irreversibile... Non separiamoci dai nostri soldi! Non compriamo nulla la cui necessità non sia provata!!!

103 l approccio Big Bang Un approccio su larga scala introduce più problemi lega> al coordinamento ed alla condivisione di informazioni in evoluzione. Piccoli guerrilla teams possono fare un lavoro migliore con un uso più efficiente delle risorse 59

104 l approccio Big Bang Un approccio su larga scala introduce più problemi lega> al coordinamento ed alla condivisione di informazioni in evoluzione. Piccoli guerrilla teams possono fare un lavoro migliore con un uso più efficiente delle risorse Ogni frase che comincia con ogni è potenzialmente pericolosa! 59

105 Never be blocked 60

106 Never be blocked Le interdipendeze tra sistemi possono rallentarci indefinitamente 60

107 Never be blocked Le interdipendeze tra sistemi possono rallentarci indefinitamente Non aspefare qualcosa al di fuori del nostro scope di progeio. 60

108 Never be blocked Le interdipendeze tra sistemi possono rallentarci indefinitamente Non aspefare qualcosa al di fuori del nostro scope di progeio. Mockiamola 60

109 Never be blocked Le interdipendeze tra sistemi possono rallentarci indefinitamente Non aspefare qualcosa al di fuori del nostro scope di progeio. Mockiamola implemen>amola 60

110 Never be blocked Le interdipendeze tra sistemi possono rallentarci indefinitamente Non aspefare qualcosa al di fuori del nostro scope di progeio. Mockiamola implemen>amola facciamone a meno 60

111 Never be blocked Le interdipendeze tra sistemi possono rallentarci indefinitamente Non aspefare qualcosa al di fuori del nostro scope di progeio. Mockiamola implemen>amola facciamone a meno...qualsiasi cosa facciamo, facciamolo pubblicamente. 60

112 Ripensiamo agli Sprechi Alcune forme di spreco fare due volte la stessa cosa possono essere preferibili a documenta cos hai fako Lo sviluppo su larga scala cambia le priorità I confini aziendali e logis>ci cambiano Cos> di comunicazione Passaggi di consegne

113 Il costo di comunicare Le informazioni non si propagano con la documentazione, ma sapendo cosa stanno facendo gli altri. Mantenere più team allinea> Scrum of Scrums Informa>on radiators Prossimità End of itera>on demo Quando è comunque meglio scrivere, i Wiki permeiono di scrivere documentazione ondemand.

114 Condividiamo il piano Impedire agli sviluppatori di vedere il quadro complessivo impedisce di dare dei Sono possibili solo ogmizzazioni locali Sono possibili errori madornali

115 Pianificazione di alto livello SOA è un processo di trasformazione a lungo termine Ogni passo cambia lo scenario Maggiore conoscenza del contesto Pesi e priorità differen> Differen> opportunità E necessario aggiornare e ri pianificare di frequente, per centrare gli (non necessariamente quelli originali) Misuriamo, non assumiamo i rischi, non facciamo previsioni Non iniziamo nulla di cui non ci sia bisogno ora A f

116 SOA SOA è basata sui principi di Design by Contract...il paradiso del tester! Definizione dell interfaccia basata su standard. AIese ben definite sul comportamento esposto dai servizi

117 su SOA: challenges Test suite indipendente dal linguaggio Mocks e Stubs che implementano i servizi Selezione delle aree chiave per il test Definizione e ges>one dell ambiente di test

118 Definizione degli In determina> contes>, gli ambien> di test possono essere troppo complessi o costosi per essere replica> Teniamo sempre in funzione i tool di con>nuous integra>on Estendiamo gli ambien> di integrazione fin dove possibile Troviamo un punto di equilibrio tra correiezza e ges>bilità Manteniamo sempre i test aggiorna>

119 In due parole...

120 In due parole... Impediamo alle vecchie abitudini di farla da padrone Prepariamoci a compromessi (temporanei) Teniamo traccia del prezzo da pagare Siamo pron> a cambiare, cogliendo nuove opportunità Coinvolgiamo i gius> sponsor Comunicare!!! Prepariamoci ad un oiovolante!

121

122 ... finito?

123 ... finito? Grazie a tutti!

metodologie metodologia una serie di linee guida per raggiungere certi obiettivi

metodologie metodologia una serie di linee guida per raggiungere certi obiettivi metodologie a.a. 2003-2004 1 metodologia una serie di linee guida per raggiungere certi obiettivi più formalmente: un processo da seguire documenti o altri elaborati da produrre usando linguaggi più o

Dettagli

Ingegneria del Software

Ingegneria del Software Ingegneria del Software Processi di Sviluppo Agile Origini dello Sviluppo Agile Proposta di un gruppo di sviluppatori che rilevava una serie di criticità degli approcci convenzionali: Troppa rigidità dei

Dettagli

Un team agile allo sprint. 28 Febbraio 2013 Emiliano Soldi

Un team agile allo sprint. 28 Febbraio 2013 Emiliano Soldi Un team agile allo sprint 28 Febbraio 2013 Emiliano Soldi una questione di leggerezza COMPLESSITÀ VARIABILITÀ SPRECHI SOVRA-ALLOCAZIONI COLLI DI BOTTIGLIA DEBITO BUSINESS/TECNICO RIDURRE TEMPI ATTESA RIDURRE

Dettagli

Seminario Metodi Agili per la gestione dei progetti per Decision Makers

Seminario Metodi Agili per la gestione dei progetti per Decision Makers Seminario Metodi Agili per la gestione dei progetti per Decision Gestire la complessità, adattarsi al cambiamento. Velocemente. Questa è la sfida quotidiana di ogni manager, sia in campo IT che in tutti

Dettagli

Echi da Amsterdam. Titolo: Sintesi presentazioni Metodologia Agile. Sintesi del Leadership Meeting e dell EMEA Congress 2009. Relatore: Bruna Bergami

Echi da Amsterdam. Titolo: Sintesi presentazioni Metodologia Agile. Sintesi del Leadership Meeting e dell EMEA Congress 2009. Relatore: Bruna Bergami Echi da Amsterdam Sintesi del Leadership Meeting e dell EMEA Congress 2009 Titolo: Sintesi presentazioni Metodologia Agile Relatore: Bruna Bergami PMI NIC - Tutti i diritti riservati Milano, 19 Giugno

Dettagli

Scrum. Caratteristiche, Punti di forza, Limiti. versione del tutorial: 1.0. www.analisi-disegno.com. Pag. 1

Scrum. Caratteristiche, Punti di forza, Limiti. versione del tutorial: 1.0. www.analisi-disegno.com. Pag. 1 Scrum Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 1.0 Pag. 1 Scrum è uno dei processi agili (www.agilealliance.com) il termine è derivato dal Rugby, dove viene chiamato Scrum il pacchetto

Dettagli

Poca documentazione: uso di Story Card e CRC (Class Responsibility Collabor) Collaborazione con il cliente rispetto alla negoziazione dei contratti

Poca documentazione: uso di Story Card e CRC (Class Responsibility Collabor) Collaborazione con il cliente rispetto alla negoziazione dei contratti Sviluppo Agile [Cockburn 2002] Extreme Programming (XP) [Beck 2000] Sono più importanti auto-organizzazione, collaborazione, comunicazione tra membri del team e adattabilità del prodotto rispetto ad ordine

Dettagli

METODI AGILI IL CONTROLLO DI GESTIONE PER. Loredana G. Smaldore

METODI AGILI IL CONTROLLO DI GESTIONE PER. Loredana G. Smaldore METODI AGILI PER IL CONTROLLO DI GESTIONE 1 Fonte: Smaldore, L.G. (2014), Metodi «Agili» per il Controllo di Gestione, in Busco C., Giovannoni E. e Riccaboni A. (a cura di), Il controllo di gestione. Metodi,

Dettagli

Gestione dello sviluppo software Modelli Agili

Gestione dello sviluppo software Modelli Agili Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A4_3 V1.1 Gestione dello sviluppo software Modelli Agili Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli

Dettagli

Accesso all'informazione da Mobile

Accesso all'informazione da Mobile Accesso all'informazione da Mobile nel Document Management e nell'informa2on Management Pino Grimaldi Technical Office Manager ICT Trade 22 Maggio 2013 Cosmic Blue Team CBT - Cosmic Blue Team è la capo

Dettagli

Introduzione all Ingegneria del Software

Introduzione all Ingegneria del Software Introduzione all Ingegneria del Software Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 10 Dicembre 2013 Introduzione all Ingegneria del Software Ingegneria del Software Modelli di Sviluppo del Software

Dettagli

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA Service Oriented Architecture Ormai tutti, nel mondo dell IT, conoscono i principi di SOA e i benefici che si possono ottenere

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Processi di Sviluppo Software Introduzione. Giuseppe Calavaro

Processi di Sviluppo Software Introduzione. Giuseppe Calavaro Processi di Sviluppo Software Introduzione Giuseppe Calavaro Processi di sviluppo software - Agenda Differenza tra Programmazione e Progettazione SW I Processi di Sviluppo Software Waterfall Spirale RUP

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 15: P.M.: metodologie di progetto Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com 1 Modelli di conduzione

Dettagli

Coaching. Nicola Moretto

Coaching. Nicola Moretto nicola.moretto@xpeppers.com XP Coach Coach Tecnico Scrum Master Coach Sistemico Evolutivo Coach Ontologico Trasformazionale Agile Coach Coach Puro Scrum Master Uno Scrum Master: Rimuove le barriere.

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Sviluppo Agile. Prof. Filippo Lanubile. Processo software

Sviluppo Agile. Prof. Filippo Lanubile. Processo software Sviluppo Agile I processi (di sviluppo) del software bisogni nuovi o modificati Processo software Prodotto software nuovo o modificato Un processo software descrive quali sono le attività che concorrono

Dettagli

Metodologie Agili per lo sviluppo di applicazioni Internet Distribuite. Agile Group DIEE, Università di Cagliari www.agile.diee.unica.

Metodologie Agili per lo sviluppo di applicazioni Internet Distribuite. Agile Group DIEE, Università di Cagliari www.agile.diee.unica. Metodologie Agili per lo sviluppo di applicazioni Internet Distribuite Agile Group DIEE, Università di Cagliari www.agile.diee.unica.it Agile Group Agile Group, gruppo di ricerca su Ingegneria del SW,

Dettagli

Pattern Architetturali e Analisi Architetturale

Pattern Architetturali e Analisi Architetturale Pattern Architetturali e Analisi Architetturale Ingegneria del Software parte II Andrea Bei Pattern Architetturali Pattern Architetturale Descrive il modello organizzativo strutturale di un sistema software

Dettagli

La leva della LEAN TECHNOLOGY per aumentare competitività, produttività ed efficienza. Flavio Tonetto - 4 maggio 2015

La leva della LEAN TECHNOLOGY per aumentare competitività, produttività ed efficienza. Flavio Tonetto - 4 maggio 2015 La leva della LEAN TECHNOLOGY per aumentare competitività, produttività ed efficienza Flavio Tonetto - 4 maggio 2015 METODO SINERGIA: PASSIONE, COMPETENZA, CONCRETEZZA Gli obiettivi del convegno In questo

Dettagli

Test e collaudo del software Continuous Integration and Testing

Test e collaudo del software Continuous Integration and Testing Test e collaudo del software Continuous Integration and Testing Relatore Felice Del Mauro Roma, Cosa è la Continuous Integration A software development practice where members of a team integrate their

Dettagli

Apex%21%marzo%2013 %%

Apex%21%marzo%2013 %% Apex%21%marzo%2013 %% La#necessità#di#innovare# La%legge%di%Joy:%% «Non%importa%chi%tu%sia,%le%persone%più%brillanti% lavorano%sempre%per%qualcun%altro»% Innovazione#=#valore# L innovazione%costituisce%nuovo%valore%

Dettagli

Dall Intranet al Cloud Content Management

Dall Intranet al Cloud Content Management Dall Intranet al Cloud Content Management Dallo sviluppo su pia+aforme all u1lizzo di servizi. È possibile e sostenibile? Chi ci guadagna e chi ci perde? Come cambia lo scenario per il fornitore? Quale

Dettagli

extreme Programming in un curriculum universitario

extreme Programming in un curriculum universitario extreme Programming in un curriculum universitario Lars Bendix Department of Computer Science Lund Institute of Technology Sweden Università di Bologna, 18 giugno, 2002 Extreme Programming On-site customer

Dettagli

Progetto di Informatica III

Progetto di Informatica III Progetto di Informatica III Sviluppo Agile (Agile Software Development) Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Sommario Metodologia agile Agile Manifesto Che cos è l agilità

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA ARIE VAN AGILE PROJECT MANAGEMENT CON CERTIFICAZIONE

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA ARIE VAN AGILE PROJECT MANAGEMENT CON CERTIFICAZIONE LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA ARIE VAN BENNEKUM AGILE PROJECT MANAGEMENT CON CERTIFICAZIONE ROMA 16-17 NOVEMBRE 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it

Dettagli

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle FACOLTÀ DI INGEGNERIA RELAZIONE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

MAD 2 www.mad2.eu info@mad2.eu a project by tree srl 1

MAD 2 www.mad2.eu info@mad2.eu a project by tree srl 1 Il percorso formativo MAD 2 rappresenta un efficace risposta ai fabbisogni di formazione di specifiche figure professionali specializzate nella progettazione, sviluppo e design di applicazioni per smartphone

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio Lean IT

PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio Lean IT CDC -Corte dei conti DGSIA Direzione Generale Sistemi Informativi Automatizzati SGCUS Servizio per la gestione del Centro Unico dei Servizi PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio

Dettagli

Riccardo Sponza Technical Evangelism Manager Microsoft Italia

Riccardo Sponza Technical Evangelism Manager Microsoft Italia Riccardo Sponza Technical Evangelism Manager Microsoft Italia SOA/EDA Composite Apps Software + Services Esercizio EAI Integrazione Punto-a-Punto Web services Consolidamento dell Infrastruttira Razionalizzazione

Dettagli

Corso di Ingegneria del Software. Modelli di produzione del software

Corso di Ingegneria del Software. Modelli di produzione del software Corso di Ingegneria del Software a.a. 2009/2010 Mario Vacca mario.vacca1@istruzione.it 1. Concetti di base Sommario 2. Modelli del ciclo vita del software 2.1 Modello a cascata 2.2 Modelli incrementali

Dettagli

Introduzione all ambiente di sviluppo

Introduzione all ambiente di sviluppo Laboratorio II Raffaella Brighi, a.a. 2005/06 Corso di Laboratorio II. A.A. 2006-07 CdL Operatore Informatico Giuridico. Introduzione all ambiente di sviluppo Raffaella Brighi, a.a. 2005/06 Corso di Laboratorio

Dettagli

simplesoad SOA/BPO ARCHITECT

simplesoad SOA/BPO ARCHITECT SIMPLE ENGINEERING simplesoad SOA/BPO ARCHITECT TRAINING CYCLE SHEET SIMPLESOAD_SA_COURSE_SHEET_IT_2007032701 SIMPLE ENGINEERING 2007 - ALL RIGHTS RESERVED. SIMPLE ENGINEERING IS AN INDEPENDENT EUROPEAN

Dettagli

Extreme programming e metodologie agili

Extreme programming e metodologie agili Extreme programming e metodologie agili Università degli Studi di Brescia, 8 Giugno 2007 Ing. Daniele Armanasco daniele@armanasco.it Ing. Emanuele DelBono emanuele@codiceplastico.com Enti organizzatori

Dettagli

A"vazione Integrata: 1+1=3 A"vazione Integrata

Avazione Integrata: 1+1=3 Avazione Integrata a"vazione integrata A"vazione Integrata: 1+1=3 A"vazione Integrata training consul8ng 2 Un caso reale di A"vazione Integrata Cliente con l obie-vo strategico di sviluppare la Forza Vendita, cambiando il

Dettagli

Agile. mercoledì, 1 luglio 2015, 3:05 p. Prof. Tramontano docente Federico II ingegneria del software. Sviluppo Agile: metaprocesso

Agile. mercoledì, 1 luglio 2015, 3:05 p. Prof. Tramontano docente Federico II ingegneria del software. Sviluppo Agile: metaprocesso Agile mercoledì, 1 luglio 2015, 3:05 p. Prof. Tramontano docente Federico II ingegneria del software Sviluppo Agile: metaprocesso Molti progetti software falliscono Sì parte dagli anni 2000 Millennium

Dettagli

L'impatto della flessibilità sull'infrastruttura tecnologica. Luca Amato IT Architect, Global Technology Services, IBM Italia

L'impatto della flessibilità sull'infrastruttura tecnologica. Luca Amato IT Architect, Global Technology Services, IBM Italia L'impatto della flessibilità sull'infrastruttura tecnologica Luca Amato IT Architect, Global Technology Services, IBM Italia La mia infrastruttura... Supporterà la SOA? Sarà ottimizzata dalla SOA? Che

Dettagli

KaiZen. La cornice per partire: i trend attuali

KaiZen. La cornice per partire: i trend attuali KaiZen La cornice per partire: i trend attuali FORZE ESTERNE GLOBALIZZAZIONE Quantità vendute La coda lunga Prodotti Competitività per crescere Modello di business Se funziona è vecchio Prodotto Processi

Dettagli

Tutto il materiale inspirato a Steve Blank

Tutto il materiale inspirato a Steve Blank PERCHè SIAMO QUI PAOLA PISANO pisano@di.unito.it UN RINGRAZIAMENTO AGLI STUDENTI DEL SECONDO ANNO DI INFORMATICA PER LA REVISIONE DELLE SLIDE Tutto il materiale inspirato a Steve Blank PERCHE SIAMO QUI?

Dettagli

Marco Raimondo WebSphere Business Development, IBM Italia. Tenere sotto costante controllo i processi di business con cruscotti real-time

Marco Raimondo WebSphere Business Development, IBM Italia. Tenere sotto costante controllo i processi di business con cruscotti real-time Marco Raimondo WebSphere Business Development, IBM Italia Tenere sotto costante controllo i processi di business con cruscotti real-time Agenda BAM : una vista sul processo BAM : l inizio del Business

Dettagli

"Sanità Ele,ronica e Innovazione delle Re5"

Sanità Ele,ronica e Innovazione delle Re5 Angelo Lino Del Favero Presidente Angelo di Lino Federsanità Del Favero ANCI Dire9ore Is:tuto Superiore di Sanità Presidente di Federsanità ANCI Direttore Istituto Superiore di Sanità Slide 1 "Sanità Ele,ronica

Dettagli

CRAIG LARMAN ROMA 21 NOVEMBRE 2005 ROMA 22-25 NOVEMBRE 2005 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37

CRAIG LARMAN ROMA 21 NOVEMBRE 2005 ROMA 22-25 NOVEMBRE 2005 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA CRAIG LARMAN AGILE AND ITERATIVE DEVELOPMENT: A Manager s Guide APPLYING UML AND PATTERNS WORKSHOP: Mastering OOA/D ROMA 21 NOVEMBRE 2005 ROMA 22-25 NOVEMBRE 2005 VISCONTI

Dettagli

Agenda. IT Governance e SOA. Strumenti di supporto alla governance. Vittoria Caranna vcaranna@imolinfo.it Marco Cimatti mcimatti@imolinfo.

Agenda. IT Governance e SOA. Strumenti di supporto alla governance. Vittoria Caranna vcaranna@imolinfo.it Marco Cimatti mcimatti@imolinfo. SOA Governance Vittoria Caranna vcaranna@imolinfo.it Marco Cimatti mcimatti@imolinfo.it Agenda IT Governance e SOA Strumenti di supporto alla governance 2 Importanza della Governance Service Oriented Architecture

Dettagli

I profili professionali EUCIP per le architetture Service Oriented

I profili professionali EUCIP per le architetture Service Oriented Sede AICA Liguria Competenze Professionali per l Innovazione Digitale Le competenze per la SOA-Service Oriented Architecture I profili professionali EUCIP per le architetture Service Oriented Roberto Ferreri

Dettagli

2. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo

2. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo 2. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo come posso procedere nello sviluppo? Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 2. Ciclo di Vita e Processi di

Dettagli

Quali passi per introdurre l Agile in azienda?

Quali passi per introdurre l Agile in azienda? Quali passi per introdurre l Agile in azienda? Garantire reattività e prontezza in uno scenario sempre più dinamico Quali passi per introdurre l Agile in azienda? White Paper Nell attuale contesto di mercato,

Dettagli

Presentazione di Cedac Software

Presentazione di Cedac Software Agenda Presentazione di Cedac Software SOA ed ESB Analisi di un caso studio Esempi Q&A Presentazione di Cedac Software 1 2 Presentazione di Cedac Software S.r.l. Divisione Software Azienda nata nel 1994

Dettagli

Ingegneria del Software. Business Object Technology

Ingegneria del Software. Business Object Technology Ingegneria del Software Business Object Technology Premesse I sistemi informativi di qualsiasi organizzazione devono essere capaci di: gestire quantità di dati sempre crescenti fornire supporto a nuovi

Dettagli

The Scrum Guide. La Guida Definitiva a Scrum: Le Regole del Gioco. Ottobre 2011. Sviluppata e sostenuta da Ken Schwaber e Jeff Sutherland

The Scrum Guide. La Guida Definitiva a Scrum: Le Regole del Gioco. Ottobre 2011. Sviluppata e sostenuta da Ken Schwaber e Jeff Sutherland The Scrum Guide La Guida Definitiva a Scrum: Le Regole del Gioco Ottobre 2011 Sviluppata e sostenuta da Ken Schwaber e Jeff Sutherland Indice Scopo della Guida Scrum... 3 Overview di Scrum... 3 Scrum Framework...

Dettagli

Trasformazioni Agili: l importanza di un partner qualificato

Trasformazioni Agili: l importanza di un partner qualificato Articolo a firma di: Emiliano Soldi Agile Practice Leader Agile Coach Trasformazioni Agili: l importanza di un partner qualificato La promessa agile è chiara, tangibile nei risultati, oggi più che mai.

Dettagli

NEAL. Increase your Siebel productivity

NEAL. Increase your Siebel productivity NEAL Increase your Siebel productivity Improve your management productivity Attraverso Neal puoi avere il controllo, in totale sicurezza, di tutte le Enterprise Siebel che compongono il tuo Business. Se

Dettagli

UML e (R)UP (an overview)

UML e (R)UP (an overview) Lo sviluppo di sistemi OO UML e (R)UP (an overview) http://www.rational.com http://www.omg.org 1 Riassumento UML E un insieme di notazioni diagrammatiche che, utilizzate congiuntamente, consentono di descrivere/modellare

Dettagli

Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni

Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni Raffaello Balocco School of Management Politecnico di Milano 26 Giugno 2012 Il mercato del cloud mondiale: una crescita inarrestabile According to IDC Public

Dettagli

E.S.B. Enterprise Service Bus ALLEGATO C11

E.S.B. Enterprise Service Bus ALLEGATO C11 E.S.B. Enterprise Service Bus ALLEGATO C11 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA. Sviluppare e Integrare. basate sul CLOUD ROMA 11-12 NOVEMBRE 2010 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA. Sviluppare e Integrare. basate sul CLOUD ROMA 11-12 NOVEMBRE 2010 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA GERHARD BAYER Sviluppare e Integrare le Business Applications basate sul CLOUD ROMA 11-12 NOVEMBRE 2010 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it

Dettagli

Paradigma object-oriented

Paradigma object-oriented Paradigma object-oriented Dati & Comportamento Implementazione trasparente dei servizi Facile mantenimento Omogeneità nella gerarchia dati-funzioni Procedural approach OO approach Data hierarchy Replaced

Dettagli

introduzione al corso di ingegneria del software

introduzione al corso di ingegneria del software introduzione al corso di ingegneria del software a.a. 2003-2004 contatti con i docenti Maurizio Pizzonia pizzonia@dia.uniroma3.it orario ricevimento: mercoledì 17:30 (presentarsi entro le 18:00) Valter

Dettagli

eparticipation per la pianificazione urbanistica e la valutazione ambientale strategica

eparticipation per la pianificazione urbanistica e la valutazione ambientale strategica eparticipation per la pianificazione urbanistica e la valutazione ambientale strategica Angelo Marcotulli Settore Tecnologie Innovative e Servizi di Fonia, Direzione Generale Organizzazione e Risorse Regione

Dettagli

WebRatio. L altra strada per il BPM. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8

WebRatio. L altra strada per il BPM. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8 WebRatio L altra strada per il BPM Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8 Il BPM Il BPM (Business Process Management) non è solo una tecnologia, ma più a grandi linee una disciplina

Dettagli

The Zachman Framework for Enterprise Architecture

The Zachman Framework for Enterprise Architecture The Zachman Framework for Enterprise Architecture Introduzione Una delle sfide più importanti che un impresa moderna deve affrontare è quella del cambiamento. Considerando la necessità di cambiamento dal

Dettagli

Classificazione Nuovo Esame PMP

Classificazione Nuovo Esame PMP Notizie sul nuovo esame PMP a partire dal Agosto 0 Classificazione Nuovo Esame PMP Questo è il link al documento del PMI: Crosswalk Between Current and New PMP Classifications del PMI Di seguito trovi

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MAX DOLGICER IL NUOVO MANIFESTO DELL INTEGRAZIONE APPLICAZIONI, DATI, CLOUD, MOBILE E INTERNET OF THINGS

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MAX DOLGICER IL NUOVO MANIFESTO DELL INTEGRAZIONE APPLICAZIONI, DATI, CLOUD, MOBILE E INTERNET OF THINGS LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MAX DOLGICER IL NUOVO MANIFESTO DELL INTEGRAZIONE APPLICAZIONI, DATI, CLOUD, MOBILE E INTERNET OF THINGS ROMA 10-11 DICEMBRE 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Progetto AURELIA: la via verso il miglioramento dei processi IT

Progetto AURELIA: la via verso il miglioramento dei processi IT Progetto AURELIA: la via verso il miglioramento dei processi IT Maurizio Coluccia Agenda BNL - BNP Paribas: IT Convergence Projects Il programma Il progetto Aurelia Il perimetro del progetto e le interfacce

Dettagli

Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio

Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio Professore Gaetanino Paolone Studenti Paolo Del Gizzi Maurizio Di Stefano 1 INDICE INTRODUZIONE.pag.3 IL PIANO METODOLOGICO

Dettagli

Ciclo di vita dimensionale

Ciclo di vita dimensionale aprile 2012 1 Il ciclo di vita dimensionale Business Dimensional Lifecycle, chiamato anche Kimball Lifecycle descrive il framework complessivo che lega le diverse attività dello sviluppo di un sistema

Dettagli

Sviluppo AGILE di una applicazione: dalle User Stories alla creazione collaborativa di un Mockup

Sviluppo AGILE di una applicazione: dalle User Stories alla creazione collaborativa di un Mockup Sviluppo AGILE di una applicazione: dalle User Stories alla creazione collaborativa di un Mockup Giuseppe Chiazzese CNR - Istituto per le tecnologie didattiche Modulo: Introduzione agli strumenti web per

Dettagli

Virtual Teams @Tetra Pak. PMI NIC Branch Emilia Romagna e Marche Bologna, 8 aprile 2011

Virtual Teams @Tetra Pak. PMI NIC Branch Emilia Romagna e Marche Bologna, 8 aprile 2011 Virtual Teams @ PMI NIC Branch Emilia Romagna e Marche Bologna, 8 aprile 2011 Chi é Paola Botti g Nata e vissuta a Modena g Dipendente dal 1980 g g g Dal 2003 Director Sales Support, Supply Chain operations

Dettagli

Introduzione all Agile Software Development

Introduzione all Agile Software Development IBM Rational Software Development Conference 5RPDRWWREUH 0LODQR RWWREUH Introduzione all Agile Software Development 0DULDQJHOD2UPH Solution Architect IBM Rational Services PRUPH#LWLEPFRP 2008 IBM Corporation

Dettagli

IPMA Italy. Roma, Giovedì, 28 Marzo 2013, ore 14.30. Giulio Di Gravio Università degli Studi di Roma «La Sapienza» giulio.digravio@uniroma1.

IPMA Italy. Roma, Giovedì, 28 Marzo 2013, ore 14.30. Giulio Di Gravio Università degli Studi di Roma «La Sapienza» giulio.digravio@uniroma1. Roma, Giovedì, 28 Marzo 2013, ore 14.30 Giulio Di Gravio Università degli Studi di Roma «La Sapienza» giulio.digravio@uniroma1.it «new trends in project management»: +25.000 risultati «project management

Dettagli

IBM Rational Software Development Conference 5RPDRWWREUH 0LODQRRWWREUH

IBM Rational Software Development Conference 5RPDRWWREUH 0LODQRRWWREUH IBM Rational Software Development Conference RPDRWWREUH 0LODQRRWWREUH Product portfolio management: agilità nel passaggio dall'idea al prodotto lungo tutto il ciclo di vita, costante attenzione ai clienti

Dettagli

Agile in tough economic times. Agile in tough. Slide 1 30 April 2009

Agile in tough economic times. Agile in tough. Slide 1 30 April 2009 Slide 1 Indice Storia Agile di una startup nel nostro progetto Qual e il valore aggiunto di Agile nei periodi di incertezza Conclusioni Slide 2 Non disclosure agreement Ho firmato un NDA che non mi permette

Dettagli

Ciclo di vita del progetto

Ciclo di vita del progetto IT Project Management Lezione 2 Ciclo di vita del progetto Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Ciclo di vita del progetto Il ciclo di vita del progetto definisce le fasi che collegano l inizio e la fine del

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1

Introduzione. Capitolo 1 Capitolo 1 Introduzione Architecture is the set of design decisions that you wish you could get right early in a project, but that you are not necessarily more likely to get them right than any other.

Dettagli

Mission. Affidabilità Imprese. Supporto Rintraccio Ra?ng /Scoring Report /Dossier Integra?

Mission. Affidabilità Imprese. Supporto Rintraccio Ra?ng /Scoring Report /Dossier Integra? Mission Nata nel 2001 per soddifsfare le esigenze delle agenzia di informazioni commerciali e dei distributori ufficiali di InfoCamere, oggi la suite DataBrain è u?lizzata sia in contes? di analisi di

Dettagli

I PRINCIPI DELL EFFICIENZA PRODUTTIVA

I PRINCIPI DELL EFFICIENZA PRODUTTIVA Academy dell Efficienza I PRINCIPI DELL EFFICIENZA PRODUTTIVA Nino Guidetti Direttore Commerciale Grandi Clienti Schneider Electric Metodologia Lean Six Sigma Organizzazione snella, fortemente orientata

Dettagli

SAP Performance Management

SAP Performance Management SAP Performance Management La soluzione SAP per la Valutazione e per la Gestione delle Risorse Umane SAP Italia Agenda 1. Criticità e Obiettivi nella Gestione delle Risorse Umane 2. L approccio SAP alla

Dettagli

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Minimaster in PROJECT MANAGEMENT IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Giovanni Francesco Salamone Corso Professionale di Project Management secondo la metodologia IPMA (Ipma Competence Baseline)

Dettagli

L informal learning di Jay Cross

L informal learning di Jay Cross L informal learning di Jay Cross tratto ed adattato da Apprendimento informale e formazione aziendale: perché usare questo sistema di apprendimento? di Jay Cross e Robin Good (link) Premessa di formazione-esperienziale.it

Dettagli

Approcci agili per affrontare la sfida della complessità

Approcci agili per affrontare la sfida della complessità Approcci agili per affrontare la sfida della complessità Firenze, 6 marzo 2013 Consiglio Regionale della Toscana Evento organizzato dal Branch Toscana-Umbria del PMI NIC Walter Ginevri, PMP, PgMP, PMI-ACP

Dettagli

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA REALTÀ CORRENTE INNOVATION & CHANGE OGGI IL CLIMA GENERALE È CARATTERIZZATO DA CONTINUI

Dettagli

Grazie a Ipanema, Coopservice assicura le prestazioni delle applicazioni SAP & HR, aumentando la produttivita del 12%

Grazie a Ipanema, Coopservice assicura le prestazioni delle applicazioni SAP & HR, aumentando la produttivita del 12% Grazie a Ipanema, Coopservice assicura le prestazioni delle applicazioni SAP & HR, aumentando la produttivita del 12% CASE STUDY (Re)discover Simplicity to Guarantee Application Performance Gli obiettivi

Dettagli

Introduzione al Configura1on & Source Management. Ingegneria del So-ware e Lab. Università di Modena e Reggio Emilia Do<.

Introduzione al Configura1on & Source Management. Ingegneria del So-ware e Lab. Università di Modena e Reggio Emilia Do<. Introduzione al Configura1on & Source Management Ingegneria del So-ware e Lab. Università di Modena e Reggio Emilia Do

Dettagli

Quale rapporto tra aziende e comunità nel software libero?

Quale rapporto tra aziende e comunità nel software libero? Quale rapporto tra aziende e comunità nel software libero? Gabriele Ruffatti Direzione Ricerca e Innovazione Gruppo Engineering gabriele.ruffatti@eng.it 1 Software libero / Open Source DISTRIBUZIONE COMUNITA

Dettagli

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009)

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) CeBAS Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) Introduzione Il progetto CEBAS: la finalità è di migliorare l efficienza operativa interna dell Ente rispondere alle aspettative

Dettagli

Manutenzione del software

Manutenzione del software del software Generalità Leggi dell evoluzione del software Classi di manutenzione Legacy systems Modelli di processo per la manutenzione 1 Generalità La manutenzione del software è il processo di modifica

Dettagli

Gestione delle Reti di Telecomunicazioni

Gestione delle Reti di Telecomunicazioni Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Gestione delle Reti di Telecomunicazioni Reti di TLC Ing. Tommaso Pecorella Ing. Giada Mennuti {pecos,giada}@lenst.det.unifi.it 1 Sommario 1. Introduzione

Dettagli

Course Objectives (I)

Course Objectives (I) Objectives After completing this lesson, you should be able to: Identify the course objectives Discuss the course agenda and topics Grasp the concept of service contract Course Objectives (I) After completing

Dettagli

scenario, trend, opportunità

scenario, trend, opportunità Cloud Computing nelle Imprese Italiane scenario, trend, opportunità Alfredo Gatti Managing Partner MODELLI EMERGENTI di SVILUPPO ed IMPLEMENTAZIONE Unione Parmense degli Industriali Pal. Soragna Parma

Dettagli

LA SCELTA DEL WEB HOSTING PER L E- COMMERCE. Filippo De Cecco Up Provider srl

LA SCELTA DEL WEB HOSTING PER L E- COMMERCE. Filippo De Cecco Up Provider srl LA SCELTA DEL WEB HOSTING PER L E- COMMERCE Filippo De Cecco Up Provider srl Il web è pieno di Hos/ng Provider che offrono piani hos/ng per tu: i gus/. Acquistare un hos/ng sbagliato può portare all esaurimento

Dettagli

Innovazione e cambiamento

Innovazione e cambiamento ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Innovazione e cambiamento 2 Contenuti del capitolo Innovare o perire: il ruolo strategico del cambiamento Cambiamento tecnologico Nuovi prodotti e servizi Cambiamenti strategici

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE METODO SINERGIA: COMPETENZA, CONCRETEZZA

PRESENTAZIONE AZIENDALE METODO SINERGIA: COMPETENZA, CONCRETEZZA PRESENTAZIONE AZIENDALE METODO SINERGIA: COMPETENZA, CONCRETEZZA SINERGIA PROGETTI DI MIGLIORAMENTO CHI SIAMO Una società di servizi per imprese e pubbliche amministrazioni. I nostri punti di forza sono

Dettagli

Company Profile Formazione

Company Profile Formazione Company Profile Formazione MBH Siamo un network internazionale di professionis4 e aziende altamente qualificate che supporta imprese, is4tuzioni e territori nei processi di cambiamento e di ada;amento

Dettagli

LOGISTICA 2.0 ORGANIZZAZIONE, PROCESSI E TREND DELLA LOGISTICA NELLE IMPRESE BOLOGNESI

LOGISTICA 2.0 ORGANIZZAZIONE, PROCESSI E TREND DELLA LOGISTICA NELLE IMPRESE BOLOGNESI LOGISTICA 2.0 Logis&cs Intelligence ORGANIZZAZIONE, PROCESSI E TREND DELLA LOGISTICA NELLE IMPRESE BOLOGNESI I risulta* di un indagine sul posizionamento della logis*ca per un campione di aziende associate

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni CONCLUSIONI Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera all interno di un network. Si è svolta un attenta analisi della letteratura sui network, sulle conoscenze, sulla

Dettagli