UN ESEMPIO DI VALUTAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UN ESEMPIO DI VALUTAZIONE"

Transcript

1 UN ESEMPIO DI VALUTAZIONE Processo di Performance Review (PR) Luisa Macciocca 1

2 Che cos è una PR? La PR è un sistema formale di gestione della performance La gestione della performance è: un processo a due direzioni uno strumento di revisione e pianificazione una opportunita per lo sviluppo 2

3 Il valore della PR La PR consente di: pianificare e gestire il lavoro in maniera più efficace imparare dalle esperienze meno efficaci trarre profitto dai successi partecipare in modo attivo allo sviluppo personale e alla crescita dell azienda concordare e capire ciò che l azienda si aspetta dal personale far assumere al personale la responsabilità della performance lavorativa 3

4 Processo della PR Definizione degli obiettivi all inizio del periodo Revisione durante il periodo Completamento di un autovalutazione Organizzazione/partecipazione alla discussione della PR Ottenimento dell approvazione finale Revisione delle esigenze formative da parte delle risorse umane Definizione di nuovi obiettivi all inizio del periodo 4

5 Il modulo della PR Sezione 1: Obiettivi/Responsabilita 60% Sezione 2: Capacità e Comportamenti 40% Sezione 3: Commenti riassuntivi sulla performance Sezione 4: Sviluppo personale Sezione 5: Valutazione complessiva Sezione 6: Commenti del valutato Sezione 7: Approvazioni nota: la ripartizione percentuale dipende dalla cultura e dal momento aziendale 5

6 Sezione 1 Goals & Objectivies 6

7 Obiettivi allineati alla strategia Gli obiettivi sostengono la direzione strategica dell organizzazione Gli obiettivi si trasmettono a cascata dalla missione più elevata dell organizzazione a ogni unità organizzativa e da questa a... ogni reparto e da questo a... ogni dipendente 7

8 Dichiarazione della Mission (lo scopo aziendale, nell esempio) Sviluppare un livello esclusivo di comprensione delle esigenze dei nostri clienti e attuare strategie operative in grado di offrire il massimo ai nostri clienti e interlocutori. 8

9 Dichiarazione della Mission: parte II (come procederemo) Diventeremo il partner preferito per il continuo miglioramento del settore. grazie al valore delle nostre tecnologie innovative, alla nostra leadership nel settore, alle capacità di creare partnership e relazioni, alla struttura organizzativa, alle capacità di ricerca e di produzione. 9

10 Dichiarazione della Vision (chi siamo, nell esempio) Siamo un azienda innovativa operante a livello globale nel settore., fortemente improntata alla tecnologia, specializzata in prodotti. e altre specialità., in grado di offrire valore ai clienti, rispondere alle esigenze non ancora soddisfatte e migliorare la qualità della vita dei clienti. 10

11 Come definiamo obiettivi chiari LA FORMULA SMART Specifici (SPECIFIC) Misurabili (MEASUREABLE) Raggiungibili (ACHIEVEABLE) Orientati ai risultati (RESULT ORIENTED) Con scadenze stabilite (TIME BOUNDED) 11

12 Esempi di obiettivi per mansioni amministrative Valutare un cambiamento nel processo relativo agli ordini e proporre uno snellimento entro il 30 maggio Organizzare una biblioteca tecnica e ordinare gli aggiornamenti delle opere entro la fine del terzo trimestre Ridurre del 50% i costi di spedizione sugli ordini della cancelleria sviluppando e divulgando un programma al riguardo entro febbraio 12

13 Completamento della sezione 1 Sviluppo degli obiettivi Non più di 10 obiettivi Si deve essere direttamente responsabili per il raggiungimento degli obiettivi. Percentuali di importanza Focalizzarsi sulle aree maggiormente rappresentative ed assegnarne il peso. La percentuale totale deve essere pari al 100% 13

14 Sezione 2 Capacità e comportamenti 14

15 Capacità e Comportamenti Questa sezione considera le capacita e i comportamenti che l azienda intende rafforzare e migliorare 15

16 Le capacità e i comportamenti Capacità di stabilire rapporti interpersonali/di gruppo Capacità di comunicare Capacità decisionali Qualità/Produttività/Gestione dei cambiamenti/miglioramento dei processi Soddisfazione dei clienti Gestione del personale/ Sviluppo delle competenze dei collaboratori Leadership 16

17 Sezione 3 Commenti riassuntivi sulla performance 17

18 Sezione dei commenti Riportare solo un breve riepilogo della performance generale evitando commenti su ogni capacità/obiettivi specifici Considerare i risultati e i successi - non la personalità Essere specifici - che cosa è stato fatto bene e che cosa non è stato fatto bene Considerare i comportamenti relativi al lavoro Riferire il feedback all intero periodo di revisione Fornire esempi laddove possibile. 18

19 Sezione 4 Sviluppo personale 19

20 Punti di forza/miglioramenti Considerare i comportamenti relativi al lavoro Descrivere capacità chiave, aree di competenza/ punti di forza/esigenze di sviluppo Essere specifici, usare termini relativi al comportamento: che cosa il dipendente fa o non fa, che cosa può o non può fare che influisca sulla performance generale. Essere obiettivi Il feedback deve essere equo: identificare sia i punti di forza che le aree da migliorare 20

21 Punti di forza - Esempi VAGO Il dipendente ha capacità di comunicazione SPECIFICO Il dipendente ha capacità di comunicazione scritta e verbale superiori alla media, dimostrate nella preparazione di rapporti concisi e completi e presentazioni interessanti ed efficaci 21

22 Miglioramenti necessari - Esempi VAGO Il dipendente ha scarse capacità di comunicazione verbale SPECIFICO Il dipendente deve sviluppare l organizzazione e la conduzione di presentazioni, in particolare per quanto riguarda l uso dei supporti audiovisivi e la gestione delle domande da parte degli ascoltatori 22

23 Piano di sviluppo personale Il valutatore ed il valutato sviluppano il piano insieme Prevedono un programma formativo atto a migliorare la performance o a prepararsi per opportunità future Il programma formativo può prevedere incarichi impegnativi, sessioni formative, progetti e letture Rivedono/aggiornano periodicamente. 23

24 Sezione 5 Valutazione 24

25 Valutazione degli obiettivi e totale degli obiettivi Si moltiplica il peso per la valutazione Si sommano i punteggi Si moltiplica il totale per il 60% 25

26 Valutazione delle capacità e dei comportamenti 1 - Mai 2 - Raramente 3 - Regolarmente - nella misura richiesta dalla mansione 4 - Più di quanto richiesto - supera spesso le aspettative 5 - Supera sempre e ampiamente le aspettative 26

27 Valutazione delle capacità e dei comportamenti (cont.) Si sommano le valutazioni delle singole voci Si divide la somma per il numero delle voci valutate per ottenere una media Si moltiplica la media x il 40% 27

28 Valutazione complessiva /Punteggio totale Dalla somma dei due punteggi si ottiene il punteggio totale: 5 = Supera notevolmente le aspettative = 4,6-5 4 = Supera le aspettative = 3,6-4,5 3 = Soddisfa pienamente le aspettative = 2,6-3,5 2 = Soddisfa le aspettative in misura minima = 1,6-2,5 1 = Non soddisfa le aspettative = 1-1,5 28

29 Incontro per discutere la performance PRIMA DELL INCONTRO Raccogliere commenti da parte di altri clienti - interni ed esterni. Scegliere un orario conveniente e fissarlo Scegliere un posto appropriato Assicurarsi che l autovalutazione sia stata consegnata prima dell incontro Accertarsi che non vi siano interruzioni di lavoro Concedersi il tempo necessario 29

30 Incontro per discutere la performance DURANTE L INCONTRO Non monopolizzare il tempo Ascoltare attivamente Rimanere obiettivi e aperti Fornire esempi specifici 30

31 Incontro per discutere la performance (cont.) DURANTE L INCONTRO Considerare entrambe le valutazioni Offrire un feedback equo Non evitare di parlare di problematiche di lavoro negative, condividere le idee e convenire su interventi di miglioramento Costruire sui punti di forza nello sviluppo di soluzioni ai problemi di performance Condividere il punteggio totale 31

32 Sezione 6 Commenti del valutato 32

33 Commenti del valutato Il valutato annota i propri commenti dopo la sessione di revisione Il valutato firma il modulo 33

34 Sezione 7 Approvazioni 34

35 Approvazioni Il modulo viene firmato dal supervisore, dal manager del livello successivo, dall eventuale supervisore del doppio reporting e dal Responsabile del Personale 35

36 Continuazione del processo DOPO L INCONTRO Fissare una data per discutere gli obiettivi dell anno successivo Prendere nota dei piani di azione e delle attività Non permettere agli impegni di lavoro quotidiani di far slittare le attività di sviluppo e formazione Offrire un feedback continuo sulla performance ed intervenire, se necessario Considerare il modulo della PR un documento dinamico - le situazioni cambiano! 36

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

I PRIVILEGI NEI PROCESSI DI VALUTAZIONE DEI PROFESSIONISTI

I PRIVILEGI NEI PROCESSI DI VALUTAZIONE DEI PROFESSIONISTI I PRIVILEGI NEI PROCESSI DI VALUTAZIONE DEI PROFESSIONISTI Luciano Flor Direttore Generale APSS Trento La Valutazione Professionale dei Medici Un contributo dalle aziende accreditate JCI Milano 19 novembre

Dettagli

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012 QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012 Competenze di coaching per Tutti i Coach 1. Rispettare le linee guida etiche, legali e professionali 2. Stabilire il contratto di coaching e gli obiettivi

Dettagli

Allegato 4 Manuale di Progetto

Allegato 4 Manuale di Progetto Telematica per la gestione integrata delle chiamate di emergenza Progetto Pilota Elemento di rilascio D1.1 Allegato 4 Manuale di Progetto Confidenzialità : Interna Partecipanti : TTS-Italia Autori : O.

Dettagli

La leadership sanitaria:

La leadership sanitaria: La leadership sanitaria: una nuova dimensione per le professioni sanitarie Dott. Alessandro Rovetta Leadership SAPER CREARE UN MONDO AL QUALE LE PERSONE DESIDERINO APPARTENERE 1 Perchè servono professionisti

Dettagli

NUOVI APPROCCI PER UN MANAGER ALLENATORE : IL PROCESSO DI COACHING

NUOVI APPROCCI PER UN MANAGER ALLENATORE : IL PROCESSO DI COACHING gno Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. NUOVI APPROCCI PER UN MANAGER ALLENATORE : IL PROCESSO DI COACHING COSA

Dettagli

CLOTILDE CAMERATA COORDINA SILVIA PAGLIA

CLOTILDE CAMERATA COORDINA SILVIA PAGLIA CLOTILDE CAMERATA COORDINA SILVIA PAGLIA MONTESILVANO MARINA 23 MAGGIO 2015 Il CAPITALE UMANO è la risorsa su cui l AVO deve investire maggiormente: sono i VOLONTARI a dare senso e valore alla mission

Dettagli

PROGRAMMA DAPHNE (2000-2003) COME CONCEPIRE E PREPARARE UN PROGETTO DAPHNE?

PROGRAMMA DAPHNE (2000-2003) COME CONCEPIRE E PREPARARE UN PROGETTO DAPHNE? PROGRAMMA DAPHNE (2000-2003) COME CONCEPIRE E PREPARARE UN PROGETTO DAPHNE? Nel presente capitolo sono illustrate alcune esperienze del passato che possono fornire un aiuto per organizzare il progetto

Dettagli

SISTEMA QUALITA PG 04. Edizione 0 08-04-2011 PROCEDURE GESTIONALI. Pagina 1 di 5 1 08/04/2011

SISTEMA QUALITA PG 04. Edizione 0 08-04-2011 PROCEDURE GESTIONALI. Pagina 1 di 5 1 08/04/2011 Pagina 1 di 5 PG-04.1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE PG-04.2 PRINCIPIO PG-04.3 RIFERIMENTI PG-04.4 DEFINIZIONI PG-04.5 PREPARAZIONE QUESTIONARIO PG-04.6 RACCOLTA DATI PG-04.7 CALCOLO ED ESPRESSIONE DEI

Dettagli

Le fasi di un percorso di consultazione online

Le fasi di un percorso di consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Le fasi di un percorso di consultazione online Autore: Angela Creta, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

LO PSICOLOGO IN AZIENDA L analisi e la promozione di un buon clima aziendale

LO PSICOLOGO IN AZIENDA L analisi e la promozione di un buon clima aziendale LO PSICOLOGO IN AZIENDA L analisi e la promozione di un buon clima aziendale Associazione DAGUS www.associazionedagus.it associazione.dagus@gmail.com. 1 Lo psicologo in azienda L analisi e la promozione

Dettagli

Il percorso di autovalutazione nel nostro Istituto

Il percorso di autovalutazione nel nostro Istituto Il percorso di autovalutazione nel nostro Istituto L AUTOVALUTAZIONE HA DEI CHIARI RIFERIMENTI LEGISLATIVI 1) DPR 28 MARZO 2013, N. 80 REGOLAMENTO SUL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE IN MATERIA DI ISTRUZIONE

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE

VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE STRUTTURA DI APPARTENENZA FIRMA E TIMBRO DEL RESPONSABILE

Dettagli

THE ISSUE/NEREUS Pubblicazione congiunta

THE ISSUE/NEREUS Pubblicazione congiunta THE ISSUE/NEREUS Pubblicazione congiunta Richiesta contributi Le regioni partner di THE ISSUE Progetto FP7 e Nereus - Rete delle regioni europee utilizzatrici di Tecnologie Spaziali - richiedono contributi

Dettagli

I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane

I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane La presente pubblicazione si rivolge ai dirigenti del settore sanitario e ha come obiettivo

Dettagli

Costruzione della scheda obiettivo e sistema di valutazione dipendenti

Costruzione della scheda obiettivo e sistema di valutazione dipendenti VERBALE N. 4 DEL 09/06/2011 Costruzione della scheda obiettivo e sistema di valutazione dipendenti La scheda obiettivo allegata al presente verbale sotto la voce Allegato 4 Scheda anagrafica del dipendente

Dettagli

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E 08/02/2011 Pag. 1 di 7 GESTIONE DELLA FORMAZIONE E DELL ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4.

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 3 1 Dalla funzione al contenuto dell attività direzionale Dopo la II WW (anni 50), molti autori cercano di approfondire in

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

Benchmarking tool (Questionario di valutazione comparativa)

Benchmarking tool (Questionario di valutazione comparativa) Benchmarking tool (Questionario di valutazione comparativa) Questo progetto è stato finanziato con il sostegno della Commissione Europea. Questo portale riflette il punto di vista degli sviluppatori e

Dettagli

TECNICO COMMERCIALE DELLE VENDITE

TECNICO COMMERCIALE DELLE VENDITE PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO COMMERCIALE DELLE VENDITE 1 COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere lo studente

Dettagli

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF A cura del GAV 1 Cosa è stato fatto: Il GAV ha : - Somministrato a tutto il personale un questionario per la raccolta di informazioni in merito ai

Dettagli

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor 2.5. Perché e in che modo le competenze pedagogiche sono importanti per i mentori che lavorano nella formazione professionale (VET) Tempistica Tempo totale 2 ore:

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006)

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) Nel quadro della innovazione organizzativa avviato dalla Provincia, il Nucleo

Dettagli

Allegato 17 Check list quality review

Allegato 17 Check list quality review Allegato 17 Check list quality review Descrizione del lavoro di verifica svolto Si/No/Commenti I- Pianificazione I risultati dell attività di audit pianificata/preliminare sono stati riportati nella Strategia

Dettagli

STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE

STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE Italo Benedini Esperto del Centro Risorse CAF ARGOMENTO DEL WEBINAR FORMATIVO 3: STEP 1 Wf STEP 2 Wf STEP 3 Wf Decidere Come organizzare

Dettagli

Sistema di Gestione per la Qualità del Comune di Bolzano. Condivisione dell Autovalutazione

Sistema di Gestione per la Qualità del Comune di Bolzano. Condivisione dell Autovalutazione 28 Gennaio 2003 Sistema di Gestione per la Qualità del Comune di Bolzano Condivisione dell Autovalutazione Confronti 60 50 PERCENTUALI DIRETTORI PERCENTUALI DIRIGENTI PERCENTUALI DG PERCENTUALI VALIDATOR

Dettagli

Allegato 3.1 PROCEDURE DI VALUTAZIONE

Allegato 3.1 PROCEDURE DI VALUTAZIONE Allegato. PROCEDURE DI VALUTAZIONE Procedura di valutazione della performance individuale del DG Data inizio validità: gennaio 0 Data fine validità: n.d. SOMMARIO Soggetti coinvolti... Procedura di valutazione....

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

PARLARSI IN AZIENDA Per motivare, capirsi e lavorare con profitto

PARLARSI IN AZIENDA Per motivare, capirsi e lavorare con profitto PARLARSI IN AZIENDA Per motivare, capirsi e lavorare con profitto 20 APRILE - 11 e 25 MAGGIO 2015 ORE 9.30-17.30 QUALE MODO DI DIALOGARE E PIU EFFICACE PER AVERE IL MASSIMO DA CLIENTI E COLLABORATORI?

Dettagli

REGOLE DEL GRUPPO RELATIVE ALLE RISORSE UMANE

REGOLE DEL GRUPPO RELATIVE ALLE RISORSE UMANE REGOLE DEL GRUPPO RELATIVE ALLE RISORSE UMANE Sono fermamente convinto che nel nostro nuovo Gruppo Monier la performance del nostro staff sarà più importante che mai. I nostri ambiziosi obiettivi aziendali

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE II ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO UDA 4 IL TEAM DI PROGETTO LEZIONE: IL

Dettagli

Team e lavoro di gruppo

Team e lavoro di gruppo Team e lavoro di gruppo Team di lavoro Team Numero ridotto di persone aventi capacità complementari che si ritengono reciprocamente responsabili per scopo, obiettivi e approccio comuni. L evoluzione di

Dettagli

Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015

Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015 Città di Termini Imerese Provincia di Palermo Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015 Documento Definitivo Piano di Comunicazione e struttura di monitoraggio - art. 9, lett. f) e g) - Termini

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI FASE 0 IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELL ENTE FASE 1 DEFINIZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE FASE 2 MONITORAGGIO IN CORSO DI

Dettagli

CUSTOMER FEEDBACK. ragioni per utilizzare le recensioni dei consumatori per il proprio negozio on-line. Zoorate 2013 tutti i diritti riservati

CUSTOMER FEEDBACK. ragioni per utilizzare le recensioni dei consumatori per il proprio negozio on-line. Zoorate 2013 tutti i diritti riservati CUSTOMER FEEDBACK 7 ragioni per utilizzare le recensioni dei consumatori per il proprio negozio on-line 1. ASCOLTA LA VOCE DEL TUO CONSUMATORE Spesso si investe tempo in riunioni, sessioni di brainstorming,

Dettagli

Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali

Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali Cosa? I tirocini internazionali in azienda o stage, così come sono generalmente conosciuti, stanno acquisendo una

Dettagli

ENGLISH STUDIONLINE. INGLESE E GIAPPONESE prezzo. lingua di erogazione del corso. durata abbonamen to. durata corso. azienda erogatrice

ENGLISH STUDIONLINE. INGLESE E GIAPPONESE prezzo. lingua di erogazione del corso. durata abbonamen to. durata corso. azienda erogatrice ENGLISH STUDIONLINE INGLESE E GIAPPONESE prezzo durata corso lingua di erogazione del corso durata abbonamen to azienda erogatrice Corso preparazione al TOEFL 60,00 20 ore inglese English Studio Corso

Dettagli

SISTEMA DI PESATURA E GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI DIRIGENZIALI

SISTEMA DI PESATURA E GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI DIRIGENZIALI SISTEMA DI PESATURA E GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI DIRIGENZIALI La posizione dirigenziale nell ambito della struttura organizzativa viene valutata e graduata secondo i seguenti parametri, a ciascuno dei

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

organizzativa di appartenenza.

organizzativa di appartenenza. ALL. A SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI, DEI TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA, DEI DIRIGENTI E DEGLI ESPERTI AD ALTA SPECIALIZZAZIONE PROVINCIALI. Art.

Dettagli

INTRODUZIONE. Questo modulo formativo nasce allo scopo di aiutare il manager ad approfondire la conoscenza

INTRODUZIONE. Questo modulo formativo nasce allo scopo di aiutare il manager ad approfondire la conoscenza Sessione Valutazione Introduzione INTRODUZIONE Questo modulo formativo nasce allo scopo di aiutare il manager ad approfondire la conoscenza delle fasi caratterizzanti il processo di sviluppo delle persone.

Dettagli

Il tutoring peer to peer

Il tutoring peer to peer Il tutoring peer to peer Peer to peer 9 ore in presenza, alle quali deve essere aggiunta 1 ora dedicata alla rielaborazione dell'esperienza anche su piattaforma on-line interamente a carico delle scuole

Dettagli

benessere organizzativo, l esperienzal del Comune di Trento

benessere organizzativo, l esperienzal del Comune di Trento I I modelli d eccellenza d applicati al benessere organizzativo, l esperienzal del Comune di Trento Dott. Vincenzo Mazzaro Presidente AICQ NAZIONALE Spinea 3 giugno 2010 Presentazione di AICQ La AICQ è

Dettagli

Risorse Umane ed Organizzazione

Risorse Umane ed Organizzazione Risorse Umane ed Organizzazione Agenda Le sfide odierne per le Risorse Umane Le risposte opportune Le aree di intervento di per le RU: il COSA Il modello di intervento di : il COME 13 febbraio 2014 2 Le

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30

Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30 Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO PROFESSIONALE ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 DEFINIZIONE DI BUDGET Il Budget è lo strumento per attuare la pianificazione operativa che l Istituto intende intraprendere nell anno di esercizio

Dettagli

LABORATORIO NEGOZIAZIONE

LABORATORIO NEGOZIAZIONE Milano, 13 aprile 2012 Professione: MANAGER LE MONOGRAFIE Professione: MANAGER LABORATORIO NEGOZIAZIONE INTERVENTO DI FORMAZIONE/COACHING PER RESPONSABILI NUOVE STRUTTURE REGIONALI 2012 2011 The European

Dettagli

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti Gestire e valorizzare le risorse umane Ennio Ripamonti 1 1. Le funzioni 2. La leadership situazionale 3. Empowerment 4. Condurre riunioni 5. Dinamica di ruolo 2 1 Le funzioni 3 LE FUNZIONI DI GESTIONE

Dettagli

COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 189 del 12/06/2012 Introduzione Il sistema

Dettagli

Studio dei casi Scuole medie superiori

Studio dei casi Scuole medie superiori Valutazione dei progetti: Valutazione formativa Studio dei casi Scuole medie superiori Allegorie in una classe di quinto superiore Gli studenti del quinto superiore nella classe della professoressa Marta

Dettagli

INTERNAL AUDIT. Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013. Roma, Novembre 2013

INTERNAL AUDIT. Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013. Roma, Novembre 2013 INTERNAL AUDIT Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013 Roma, Novembre 2013 2 Premesse Il presente documento risponde all esigenza di dare adeguata informazione al vertice aziendale sulle attività svolte

Dettagli

AZIENDA INNOVATION & CHANGE PROGRAMMA DI SVILUPPO CONTINUO DELL INNOVAZIONE

AZIENDA INNOVATION & CHANGE PROGRAMMA DI SVILUPPO CONTINUO DELL INNOVAZIONE AZIENDA INNOVATION & CHANGE PROGRAMMA DI SVILUPPO CONTINUO DELL INNOVAZIONE Per Le Nuove sfide è necessario valutare i nostri punti di forza e di debolezza per poter mettere a punto un piano d azione che

Dettagli

Regolamento per l istituzione e l applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance (art.1-16 D.Lgs.150 del 2009) INDICE

Regolamento per l istituzione e l applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance (art.1-16 D.Lgs.150 del 2009) INDICE Regolamento per l istituzione e l applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance (art.1-16 D.Lgs.150 del 2009) (Approvato con deliberazione della Giunta della Federazione n.102

Dettagli

Progetto ZERO BARRIERE Asse VI Sviluppo urbano sostenibile PO FESR Sicilia 2007-2013 Linea d intervento 6.1.4.2

Progetto ZERO BARRIERE Asse VI Sviluppo urbano sostenibile PO FESR Sicilia 2007-2013 Linea d intervento 6.1.4.2 Progetto ZERO BARRIERE Asse VI Sviluppo urbano sostenibile PO FESR Sicilia 2007-2013 Linea d intervento 6.1.4.2 GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL VIDEO CURRICULUM Premessa Nei tempi moderni, il curriculum vitae

Dettagli

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane.

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane. www.beon-dp.com Operiamo in ambito di: Sviluppo Assessment e development Center Valutazione e feedback a 360 Formazione Coaching CHI SIAMO BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione

Dettagli

Coordinamento e comunicazione

Coordinamento e comunicazione Team Agili I membri del team devono fidarsi gli uni degli altri. Le competenze dei membri del team deve essere appropriata al problema. Evitare tutte le tossine che creano problemi Il team si organizza

Dettagli

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni INTRODUZIONE BilanciaRSI è una società di formazione e consulenza specializzata nei temi della Legalità, della Sostenibilità, della Responsabilità d Impresa e degli Asset Intangibili. Da più di 10 anni

Dettagli

Il sistema di valutazione delle prestazioni

Il sistema di valutazione delle prestazioni Il sistema di valutazione delle prestazioni MANUALE aggiornato a gennaio 2015 a cura del servizio Organizzazione e sviluppo INDICE 1. Introduzione: il processo di valutazione 2. Pianificazione degli obiettivi

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Allegati Allegato 1 Scheda A : Scheda di rilevazione trimestrale La Scheda A allegata è la scheda per la rilevazione trimestrale delle prestazioni

Dettagli

Report Leadership Matching

Report Leadership Matching Leader: Mario Rossi Collaboratore: Francesca Colombo Questo Report è un prodotto di PDA International. PDA International è leader nell approvvigionamento di valutazioni comportamentali utilizzate per reclutare,motivare

Dettagli

Corso per esperti esa

Corso per esperti esa Corso per esperti esa Guida per la 2a parte della formazione degli esperti Documento della direzione esa 30. April 2013 Indice 1. Obiettivi della formazione degli esperti 4 Competenze del formatore: 4

Dettagli

Il Working Partnership

Il Working Partnership Il Working Partnership Il Working Partnership è uno strumento/risorsa per tutti coloro che sono interessati allo sviluppo e al miglioramento del lavoro di partnership. Lo strumento deriva da un precedente

Dettagli

PROPOSTE per un PROGRAMMA di LAVORO del CODAU

PROPOSTE per un PROGRAMMA di LAVORO del CODAU PROPOSTE per un PROGRAMMA di LAVORO del CODAU Premessa Nel rispetto delle linee tracciate dal nuovo Statuto approvato dall Assemblea del 18-19-20 marzo 2004, si ritiene opportuno fare una premessa metodologica,

Dettagli

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 2012 CRITERIO 3: PERSONALE

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 2012 CRITERIO 3: PERSONALE RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 2012 CRITERIO 3: PERSONALE SOTTOCRITERIO 3.1 Pianificare, gestire e potenziare le risorse umane in modo trasparente in linea con le politiche e le strategie a) analizzare regolarmente

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Indice La realtà di UNITN La performance organizzativa La performance individuale 1 La

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza è lieta di

Dettagli

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali Il sistema di controllo interno Argomenti della lezione 1 - Controllo Interno: definizione e componenti 2 - Ambiente di controllo 3 - Valutazione

Dettagli

Il Teatro d Impresa in Novartis Vaccines & Diagnostics: la leadership on stage. di Roberta Pinzauti

Il Teatro d Impresa in Novartis Vaccines & Diagnostics: la leadership on stage. di Roberta Pinzauti Il Teatro d Impresa in Novartis Vaccines & Diagnostics: la leadership on stage di Roberta Pinzauti Premessa Novartis Vaccines & Diagnostics ha introdotto all interno del proprio sistema aziendale un processo

Dettagli

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente 8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO 8.1 Generalità l I.I.S. G.Antonietti, allo scopo di assicurare la conformità del proprio Sistema di Gestione della Qualità alla norma di riferimento UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

Rischi 1. Definizione di rischio nello sviluppo del software Analisi dei rischi Gestione dei rischi

Rischi 1. Definizione di rischio nello sviluppo del software Analisi dei rischi Gestione dei rischi Rischi 1 Definizione di rischio nello sviluppo del software Analisi dei rischi Gestione dei rischi Un ingegnere del software viene coinvolto direttamente nel processo di identificazione delle aree potenziali

Dettagli

Acquisire una metodologia strutturata ed efficace nello sviluppo della capacità comunicativa e commerciale nel ruolo di consulente commerciale

Acquisire una metodologia strutturata ed efficace nello sviluppo della capacità comunicativa e commerciale nel ruolo di consulente commerciale La gestione creativa dei conflitti L ARTE STRATEGICA DI GESTIRE I CONFLITTI (L autodifesa conversazionale) Potenziare la capacità di gestione delle dinamiche conflittuali e di trarre occasioni di crescita

Dettagli

Marketing - Accoglienza - Orientamento (Processo Principale)

Marketing - Accoglienza - Orientamento (Processo Principale) Istituto Comprensivo E. Curti di Gemonio Marketing - Accoglienza - Orientamento (Processo Principale) Codice PQ 010 Modalità di distribuzione Copia non controllata Copia controllata numero 1 consegnata

Dettagli

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Obiettivo del questionario è rendere consapevole una persona della propria tendenza ad assumere in una conversazione uno o più

Dettagli

Assicurazione della qualità e accreditamento: implementazione a livello nazionale (AVA) dell approccio europeo (ESG)

Assicurazione della qualità e accreditamento: implementazione a livello nazionale (AVA) dell approccio europeo (ESG) SEMINARIO NAZIONALE Assicurazione della qualità e accreditamento: implementazione a livello nazionale (AVA) dell approccio europeo (ESG) Roma, Università di Roma Tre, 5-6 maggio 2015 L assicurazione interna

Dettagli

CORSI PER PERSONE CHE PRESENTANO UN PRO- GETTO E PER RESPONSABILI DI PROGETTO

CORSI PER PERSONE CHE PRESENTANO UN PRO- GETTO E PER RESPONSABILI DI PROGETTO GESTIONE DI PROGETTI CORSI PER PERSONE CHE PRESENTANO UN PRO- GETTO E PER RESPONSABILI DI PROGETTO I tre servizi federali UFFT, UFPD e SLR offrono una serie di corsi modulari per assistere nella realizzazione

Dettagli

Seminario sulla raccolta dei documenti

Seminario sulla raccolta dei documenti Seminario sulla raccolta dei documenti Questa lezione e le risorse didattiche collegate possono essere usate per preparare un seminario della durata di tre o quattro ore sulla preparazione, la raccolta,

Dettagli

Procedura di gestione delle Verifiche Ispettive Interne

Procedura di gestione delle Verifiche Ispettive Interne Doc.: PQ03 Rev.: 1 Data: 26/05/03 Pag.: 1 di 5 Procedura di gestione delle Verifiche Ispettive Interne EMESSA DA: VERIFICATA DA: APPROVATA DA: Doc.: PQ03 Rev.: 1 Data: 26/05/03 Pag.: 2 di 5 Indice 1. Scopo

Dettagli

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE Step 1 - Decidere come organizzare e pianificare l autovalutazione (AV) 1.1. Assicurare l impegno e il governo del management per avviare il processo. 1.2. Assicurare

Dettagli

Sessione 1 (14,15-15,15)

Sessione 1 (14,15-15,15) GIORNO 1 20 ottobre Introduzione al corso (obiettivi, risultati attesi, programma, organizzazione, etc.); Icebreaking session; Brainstorming di gruppo ( Cos è un progetto europeo; Concetti di base e parole

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE 22 aprile 2015 ore 14:30 / 18:30 Sala della Fondazione Forense Bolognese Via del Cane, 10/a Presiede e modera Avv. Federico Canova Consigliere dell Ordine degli Avvocati di Bologna ANALISI,REVISIONEEIMPLEMENTAZIONEDIUNMODELLO

Dettagli

SOMMARIO. Parte Prima SCENARI E APPROCCI ALLA PROFESSIONE. Capitolo 1 Lo scenario di riferimento. Capitolo 2 La gestione strategica in 3 regole

SOMMARIO. Parte Prima SCENARI E APPROCCI ALLA PROFESSIONE. Capitolo 1 Lo scenario di riferimento. Capitolo 2 La gestione strategica in 3 regole SOMMARIO Parte Prima SCENARI E APPROCCI ALLA PROFESSIONE Capitolo 1 Lo scenario di riferimento 1.1 Marketing e strategie: una sfida per il presente... 3 1.2 Marketing e comunicazione: le ragioni e le opportunità

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. per lavorare e vivere meglio. A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*)

CODICE DI COMPORTAMENTO. per lavorare e vivere meglio. A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*) CODICE DI COMPORTAMENTO per lavorare e vivere meglio A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*) PREMESSA: Elementi di grande importanza negli ambienti di lavoro

Dettagli

L offerta per il mondo Automotive. gennaio 2008

L offerta per il mondo Automotive. gennaio 2008 L offerta per il mondo Automotive gennaio 2008 Chi siamo :: Una knowledge company, specializzata in strategie, marketing e organizzazione, che in partnership con i suoi clienti e fornitori, realizza progetti

Dettagli

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento Posizione e ruolo nell organizzazione: le cinque parti dell organizzazione ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6)

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6) Schema 1 Gruppo di Prodotti/servizi Contributo alle vendite (percentuale) Contributo al profitto (percentuale) Attrattività del cliente (da1 a 6) Attrattività dei fornitori (da1 a 6) Attrattività della

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

OFFICINA PSICOEDUCATIVA M ILANO VERCELLI

OFFICINA PSICOEDUCATIVA M ILANO VERCELLI OFFICINA PSICOEDUCATIVA M ILANO VERCELLI V ia M ai o cch i 27 M ilan o V i a D ioniso tti 1 2 V ercelli R af f ael la F ag g i o l i Psico l o g a Psi co terap eu ta E d u catri ce Pro f.l e I scr. A lbo

Dettagli

Audit interni e prevenzione degli incidenti

Audit interni e prevenzione degli incidenti Audit interni e prevenzione degli incidenti Michele Marchini PIACENZA 20 marzo 2014 2 Argomenti trattati Obiettivi di questa presentazione Comprendere perché sono necessari gli audit. Sviluppare/confermare

Dettagli

Agenzia Regionale di Protezione Civile &!!

Agenzia Regionale di Protezione Civile &!! Agenzia Regionale di Protezione Civile!!!"#$ % &!! '()* &+#),) Ascoltiamo un po. Parole chiave di Velasco Motivazione Mentalità vincente Esercizio Impegno Adattamento Flessibilità Punti in comune. Quali

Dettagli

ORGANIZZAZIONE, PIANIFICAZIONE E

ORGANIZZAZIONE, PIANIFICAZIONE E ORGANIZZAZIONE, PIANIFICAZIONE E CRESCITA DELLO STUDIO PROFESSIONALE Roberto Cunsolo Commercialista in Catania Catania 27 marzo 2014 Guida alla gestione dei piccoli e medi studi professionali Modulo 2:

Dettagli