Prova Interlaboratorio Prodotti petroliferi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prova Interlaboratorio Prodotti petroliferi"

Transcript

1 Prova Prodotti petroliferi Matrici Il materiale di prova è costituito da campioni di benzina super, petrolio avio, gasolio autotrazione, gasolio riscaldamento, olio combustibile denso BTZ, olio combustibile uso marina (ISO-F-RME 180 e ISO-F-RMG 380), bitume stradale (*), biodiesel. Vengono normalmente distribuiti prodotti commerciali, per i quali esiste una norma tecnica (specifica) di riferimento (intesa nell edizione corrente ), come indicato nella tabella che segue: Prodotto Specifica di riferimento Benzina super EN 228 Petrolio avio DEF STAN / ASTM D1655 Gasolio autotrazione EN 590 Gasolio riscaldamento UNI 6579 Olio combustibile denso BTZ UNI 6579 Olio combustibile uso marina ISO 8217 Bitume stradale (*) EN Biodiesel EN (*) Matrice esclusa dall accreditamento. Pag. 1 di 9

2 Parametri di prova I parametri di prova, per ciascuna delle matrici indicate nel paragrafo precedente, sono elencati nelle tabelle che seguono. Per ciascun parametro viene riportata l indicazione del/i metodo/i di riferimento. N.B. Le prove non accreditate sono indicate nelle tabelle seguenti con un asterisco (*), posto dopo la matrice o il singolo metodo di prova. BENZINA SUPER TENSIONE DI VAPORE DVPE EN NUMERO DI OTTANO RESEARCH (RON) EN ISO 5164 NUMERO DI OTTANO MOTOR (MON) EN ISO 5163 PIOMBO EN 237 (*) MANGANESE EN (*) EN (*) BENZENE EN 238 (*) EN AROMATICI TOTALI EN OLEFINE TOTALI EN OSSIGENO TOTALE EN 1601 (*) EN COMPOSTI OSSIGENATI EN 1601 (*) - ETANOLO EN MTBE - ETBE - TAME ZOLFO EN ISO (*) EN ISO DISTILLAZIONE - PUNTO INIZIALE - 10% EVAPORATO - 50% EVAPORATO - 90% EVAPORATO - PUNTO FINALE - RESIDUO - PERDITE - EVAPORATO A 70 C - EVAPORATO A 100 C - EVAPORATO A 150 C EN ISO EN ISO 3405 Pag. 2 di 9

3 PETROLIO AVIO MASSA VOLUMICA A 15 C ASTM D1298 ASTM D4052 AROMATICI TOTALI ASTM D1319 ASTM D6379 (*) OLEFINE TOTALI ASTM D1319 NAFTALENI ASTM D1840 (*) - PROCEDURA A - PROCEDURA B PUNTO DI FUMO ASTM D1322 ACIDITÀ TOTALE ASTM D3242 CORROSIONE SU RAME ASTM D130 (*) COLORE ASTM D156 ASTM D6045 VISCOSITÀ CINEMATICA A -20 C ASTM D445 STABILITÀ TERMICA ASTM D3241 (*) - CADUTA DI PRESSIONE - VALUTAZIONE DEL DEPOSITO NEL TUBO GOMME ESISTENTI ASTM D381 (*) PUNTO DI INFIAMMABILITÀ ASTM D56 IP 170 PUNTO DI CONGELAMENTO ASTM D2386 ASTM D5972 (*) ASTM D7154 (*) IP 529 CONDUCIBILITÀ ASTM D2624 (*) ZOLFO ASTM D2622 ASTM D4294 ASTM D5453 DISTILLAZIONE ASTM D86 - PUNTO INIZIALE - 10% RECUPERATO - 50% RECUPERATO - 90% RECUPERATO - PUNTO FINALE - RESIDUO - PERDITE POTERE CALORIFICO INFERIORE ASTM D3338 ASTM D4809 (*) SEPARAZIONE DI ACQUA ASTM D3948 Pag. 3 di 9

4 GASOLIO AUTOTRAZIONE NUMERO DI CETANO EN ISO 5165 ESTERI METILICI DI ACIDI GRASSI EN IDROCARBURI POLICICLICI AROMATICI EN VISCOSITÀ CINEMATICA A 40 C EN ISO 3104 ACQUA EN ISO PUNTO DI INTORBIDAMENTO EN TEMPERATURA LIMITE DI FILTRABILITÀ EN 116 EN (*) PUNTO DI SCORRIMENTO ISO 3016 INDICE DI CETANO EN ISO 4264 PUNTO DI INFIAMMABILITÀ EN ISO 2719 CONTAMINAZIONE TOTALE EN (*) STABILITÀ ALL OSSIDAZIONE EN ISO (*) EN (*) NUMERO DI ACIDITA ASTM D664 (*) CONDUCIBILITÀ ASTM D2624 (*) POTERE LUBRIFICANTE EN ISO ZOLFO EN ISO (*) EN ISO EN ISO DISTILLAZIONE EN ISO PUNTO INIZIALE - 10% RECUPERATO - 50% RECUPERATO - 90% RECUPERATO - 95% RECUPERATO - PUNTO FINALE - RESIDUO - PERDITE - RECUPERATO A 250 C - RECUPERATO A 350 C COLORANTE VERDE M.U MARCANTE SY124 PR. M.U. (HPLC) (*) TRACCIANTE RS PR. M.U. (HPLC) (*) Pag. 4 di 9

5 GASOLIO RISCALDAMENTO VISCOSITÀ CINEMATICA A 40 C EN ISO 3104 ACQUA E SEDIMENTI ISO 3734 (*) PUNTO DI INTORBIDAMENTO EN TEMPERATURA LIMITE DI FILTRABILITÀ EN 116 EN (*) PUNTO DI SCORRIMENTO ISO 3016 PUNTO DI INFIAMMABILITÀ EN ISO 2719 ZOLFO EN ISO 8754 DISTILLAZIONE EN ISO PUNTO INIZIALE - 10% RECUPERATO - 50% RECUPERATO - 90% RECUPERATO - 95% RECUPERATO - PUNTO FINALE - RESIDUO - PERDITE - RECUPERATO A 250 C - RECUPERATO A 350 C COLORANTE ROSSO M.U PR. M.U. (HPLC) (*) MARCANTE SY124 PR. M.U. (HPLC) (*) Pag. 5 di 9

6 OLIO COMBUSTIBILE DENSO BTZ VISCOSITÀ CINEMATICA A 50 C EN ISO 3104 VISCOSITÀ CINEMATICA A 100 C EN ISO 3104 ZOLFO EN ISO 8754 ASTM D1552 VANADIO EN (*) EN (*) NICHEL EN (*) EN (*) SILICIO ISO (*) ALLUMINIO ISO (*) ACQUA ISO 3733 (*) ACQUA E SEDIMENTI ISO 3734 (*) SEDIMENTI EN ISO 3735 (*) SEDIMENTI TOTALI POTENZIALI IP 390 (*) ASFALTENI IP 143 RESIDUO CARBONIOSO - CONRADSON ISO 6615 (*) RESIDUO CARBONIOSO - MICRO EN ISO CENERI EN ISO 6245 PUNTO DI INFIAMMABILITÀ EN ISO 2719 PUNTO DI SCORRIMENTO ISO 3016 POTERE CALORIFICO ASTM D240 - SUPERIORE - INFERIORE CARBONIO ASTM D5291 IDROGENO ASTM D5291 AZOTO ASTM D5291 (*) PCB EN (*) - A - B Pag. 6 di 9

7 OLIO COMBUSTIBILE USO MARINA (ISO-F-RME 180 E ISO-F-RMG 380) VISCOSITÀ CINEMATICA A 50 C EN ISO 3104 VISCOSITÀ CINEMATICA A 100 C EN ISO 3104 CALCULATED CARBON AROMATICITY INDEX (CCAI) ISO 8217 (*) ZOLFO EN ISO 8754 EN ISO (*) ASTM D1552 PUNTO DI INFIAMMABILITA EN ISO 2719 NUMERO DI ACIDITA ASTM D664 (*) ACQUA ISO 3733 (*) ACQUA E SEDIMENTI ISO 3734 (*) SEDIMENTI EN ISO 3735 (*) SEDIMENTI TOTALI ISO (*) SEDIMENTI TOTALI ISO (*) - POTENZIALI - ACCELERATI ASFALTENI IP 143 RESIDUO CARBONIOSO - CONRADSON ISO 6615 (*) RESIDUO CARBONIOSO - MICRO EN ISO PUNTO DI SCORRIMENTO ISO 3016 CENERI EN ISO 6245 VANADIO IP 470 (*) EN (*) EN (*) EN ISO (*) NICHEL IP 470 (*) EN (*) EN (*) EN ISO (*) SODIO IP 470 (*) ALLUMINIO IP 470 (*) SILICIO IP 470 (*) CALCIO IP 470 (*) ZINCO IP 470 (*) FOSFORO IP 500 (*) Pag. 7 di 9

8 POTERE CALORIFICO ASTM D240 - SUPERIORE - INFERIORE CARBONIO ASTM D5291 IDROGENO ASTM D5291 AZOTO ASTM D5291 (*) PCB EN (*) - A - B Pag. 8 di 9

9 BITUME STRADALE (*) PENETRAZIONE A 25 C EN 1426 (*) PUNTO DI RAMMOLLIMENTO EN 1427 (*) PUNTO DI ROTTURA FRAASS EN (*) PUNTO DI INFIAMMABILITÀ EN ISO 2592 (*) SOLUBILITÀ EN (*) RESISTENZA ALL INDURIMENTO EN (*) - VARIAZIONE IN MASSA - PENETRAZIONE RESIDUA A 25 C - AUMENTO PUNTO DI RAMMOLLIMENTO VISCOSITÀ CINEMATICA A 135 C EN (*) VISCOSITÀ DINAMICA A 135 C EN (*) VISCOSITÀ DINAMICA A 60 C EN (*) BIODIESEL VISCOSITÀ CINEMATICA A 40 C EN ISO 3104 ESTERI METILICI DI ACIDI GRASSI EN ESTERE METILICO DELL ACIDO LINOLENICO EN ESTERI METILICI DI ACIDI GRASSI POLIINSATURI EN METANOLO EN GLICEROLO LIBERO EN GLICEROLO TOTALE EN MONOGLICERIDI EN DIGLICERIDI EN TRIGLICERIDI EN PUNTO DI INTORBIDAMENTO EN TEMPERATURA LIMITE DI FILTRABILITÀ EN 116 EN (*) ACQUA EN NUMERO DI IODIO EN EN FOSFORO EN (*) ZOLFO EN ISO EN ISO STABILITÀ ALL OSSIDAZIONE EN (*) EN (*) CONTAMINAZIONE TOTALE EN 12662:2008 (*) EN 12662:2014 (*) ACQUA E SEDIMENTI ASTM D2709 (*) Pag. 9 di 9

INFORMAZIONI SULLA PROVA

INFORMAZIONI SULLA PROVA INFORMAZIONI SULLA PROVA Oggetto: Prova Prodotti petroliferi Prosegue nel 2012 la Prova UNICHIM Prodotti petroliferi, con l effettuazione dei cicli n. 25, 26 e 27 (PIPP-25, PIPP-26, PIPP-27). UNICHIM opera

Dettagli

Libro Specifiche Prodotti Petroliferi Commercializzati

Libro Specifiche Prodotti Petroliferi Commercializzati Libro Specifiche Prodotti Petroliferi Commercializzati a cura di DSRO / Qualità Prodotti e Servizi Rev. 6 del 2/09/2013 Libro Specifiche Prodotti Petroliferi Commercializzati Pag. 1 di 26 INDICE 1. Campo

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

1.1. Caratteristiche tecniche del carburante di riferimento da utilizzare per le prove dei veicoli muniti di motore ad accensione comandata

1.1. Caratteristiche tecniche del carburante di riferimento da utilizzare per le prove dei veicoli muniti di motore ad accensione comandata 3.7.2015 L 172/189 ALLEGATO 10 Specifiche dei carburanti di riferimento 1. SPECIFICHE DEI CARBURANTI DI RIFERIMENTO DA UTILIZZARE PER LE PROVE DEI VEICOLI IN RELAZIONE AI VALORI LIME DI EMISSIONE 1.1.

Dettagli

17 novembre 2010. Presti Ilaria

17 novembre 2010. Presti Ilaria 17 novembre 2010 Presti Ilaria L azienda La raffinazione dell olio grezzo 1. Riscaldamento dell olio fino a 90 C 2. Formazione delle gomme 3. Allontanamento delle gomme 4. Lavaggio dell olio 5. Distillazione

Dettagli

Caratterizzazione chimico fisica di matrici note, incognite e complesse. M. Priola

Caratterizzazione chimico fisica di matrici note, incognite e complesse. M. Priola Caratterizzazione chimico fisica di matrici note, incognite e complesse M. Priola priola@ssc.it Area analisi chimico fisiche Lab. Liquidi Grezzi Lab. Solidi Lab. Gas Lab. Spettoscopia AA 2 Laboratorio

Dettagli

COMBUSTIBILI. Combustibili fossili convenzionali. Combustibili alternativi. Gas naturale. Biomasse. Petrolio e derivati. Idrogeno.

COMBUSTIBILI. Combustibili fossili convenzionali. Combustibili alternativi. Gas naturale. Biomasse. Petrolio e derivati. Idrogeno. COMBUSTIBILI Combustibili fossili convenzionali Gas naturale Petrolio e derivati Carbone Combustibili alternativi Biomasse Idrogeno Classificazione dei combustibili convenzionali I combustibili di interesse

Dettagli

INTRODUZIONE AL BILANCIO ENERGETICO ITALIANO E AI DATI STATISTICI SULL ENERGIA ELETTRICA LEZIONE N.2

INTRODUZIONE AL BILANCIO ENERGETICO ITALIANO E AI DATI STATISTICI SULL ENERGIA ELETTRICA LEZIONE N.2 INTRODUZIONE AL BILANCIO ENERGETICO ITALIANO E AI DATI STATISTICI SULL ENERGIA ELETTRICA LEZIONE N.2 1di 19 DATI STATISTICI SU PRODUZIONE E CONSUMO DI ENERGIA ELETTRICA ALCUNE DEFINIZIONI Il consumo interno

Dettagli

Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi

Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi 1 - Analisi per la caratterizzazione energetica e chimico-fisica dei materiali 1.1 - Biomasse solide * 1 Umidità CEN/TS 14774 Ceneri a 550 C CEN/TS 14775 Potere

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio. Direzione Generale per la Salvaguardia Ambientale

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio. Direzione Generale per la Salvaguardia Ambientale Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Direzione Generale per la Salvaguardia Ambientale APAT Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i Servizi Tecnici Monitoraggio della Qualità dei

Dettagli

nota tecnica Lubrificanti Corrispondenze tra metodi analitici* (gennaio-dicembre 2011)

nota tecnica Lubrificanti Corrispondenze tra metodi analitici* (gennaio-dicembre 2011) nota tecnica Lubrificanti Corrispondenze tra metodi analitici* (gennaio-dicembre 2011) M. Sala 1 F. Taormina 1 P. Fornasari 2 P. Ruggeri 3 A. Cafarelli 3 1Divisione SSOG - Innovhub Stazioni Sperimentali

Dettagli

ALLEGATO X. Disciplina dei combustibili. Parte I. Combustibili consentiti. Sezione 1

ALLEGATO X. Disciplina dei combustibili. Parte I. Combustibili consentiti. Sezione 1 ALLEGATO X Disciplina dei combustibili Parte I Combustibili consentiti Sezione 1 Elenco dei combustibili di cui è consentito l utilizzo negli impianti di cui al titolo I 1. Negli impianti disciplinati

Dettagli

Il ruolo dell industria petrolifera nella sfida dei nuovi carburanti

Il ruolo dell industria petrolifera nella sfida dei nuovi carburanti Strategie e strumenti per vincere la sfida della Mobilità sostenibile Il ruolo dell industria petrolifera nella sfida dei nuovi carburanti Ing. Franco Del Manso Unione Petrolifera Roma 26 novembre 2008

Dettagli

Nota tecnica Lubrificanti Corrispondenze tra metodi analitici

Nota tecnica Lubrificanti Corrispondenze tra metodi analitici Nota tecnica Lubrificanti Corrispondenze tra metodi analitici (gennaio-dicembre 2014) M. Sala 1 * F. Taormina 1 R. Maina 2 P. Ruggeri 3 1 Divisione INNOVHUB - SSI Azienda Speciale della Camera di Commercio

Dettagli

Il Gasolio Autotrazione

Il Gasolio Autotrazione Il Gasolio Autotrazione Con il termine gasolio autotrazione viene indicata una miscela di idrocarburi idonea per essere impiegata nei motori diesel. Il gasolio commercializzato in Italia deve possedere

Dettagli

Risultati della caratterizzazione dei fumi

Risultati della caratterizzazione dei fumi Progetto Produzione di energia e sostanza organica dai sottoprodotti del vigneto Risultati della caratterizzazione dei fumi Paolo Giandon ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Biella, 24 settembre

Dettagli

3ULQFLSLGHOODFRPEXVWLRQH,FRPEXVWLELOL

3ULQFLSLGHOODFRPEXVWLRQH,FRPEXVWLELOL ,FRPEXVWLELOL I FRPEXVWLELOL sono sostanze capaci di bruciare, cioè in grado di dar luogo alla reazione chimica sopra descritta. Possono essere:,frpexvwlelol Solidi: ad esempio legno, carbone, carta, tessuto,

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 5 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acque destinate al consumo umano, di piscina Conta di Legionella spp (compresa Legionella pneumophila) UNI EN ISO 11731-2: 2008 Acque destinate al

Dettagli

Classificazione dei combustibili

Classificazione dei combustibili I combustibili Combustibili solidi Combustibili liquidi Potere antidetonante delle benzine Cherosene Gasolio per motori Diesel Gas di petrolio liquefatto Metano Idrogeno Classificazione dei combustibili

Dettagli

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari.

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari. Corso Per Addetto Antincendio pag. 15 CAPITOLO 3 LA COMBUSTIONE e L INCENDIO Per combustione si intende una reazione chimica di una sostanza combustibile con un comburente che da luogo allo sviluppo di

Dettagli

METALLI FERROSI GHISA ACCIAIO

METALLI FERROSI GHISA ACCIAIO METALLI FERROSI I metalli ferrosi sono i metalli e le leghe metalliche che contengono ferro. Le leghe ferrose più importanti sono l acciaio e la ghisa. ACCIAIO: lega metallica costituita da ferro e carbonio,

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 76/10 22.3.2003 DIRETTIVA 2003/17/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 3 marzo 2003 che modifica la direttiva 98/70/CE relativa alla qualità della benzina e del combustibile diesel (Testo rilevante

Dettagli

Antincendio. Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile

Antincendio. Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Antincendio Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile realizzato secondo gli Standard Regionali in materia di Formazione per la Protezione Civile D.G.R. 4036/2007 - Scuola Superiore di

Dettagli

MATERIALE O PRODOTTO DA PROVARE DENOMINAZIONE DELLA PROVA RIFERIMENTO NORMA

MATERIALE O PRODOTTO DA PROVARE DENOMINAZIONE DELLA PROVA RIFERIMENTO NORMA MATERIALE O PRODOTTO DA PROVARE DENOMINAZIONE DELLA PROVA RIFERIMENTO NORMA ACQUE POTABILI, MINERALI, SUPERFICIALI, DI, LIQUIDI DI DISSOLUZIONE ACQUE POTABILI, MINERALI, SUPERFICIALI, DI, LIQUIDI DI DISSOLUZIONE

Dettagli

Proprietà chimico-fisiche a confronto

Proprietà chimico-fisiche a confronto Il Divulgatore n.7-8/2002 Biodiesel Dall'agricoltura l'energia che si rinnova Proprietà chimico-fisiche a confronto Un esame dettagliato delle caratteristiche chimico-fisiche del biodiesel fa emergere

Dettagli

Problematiche dell utilizzo di biocarburanti nei motori

Problematiche dell utilizzo di biocarburanti nei motori Bioetanolo: dalla produzione all utilizz Centro Studi l Uomo e l Ambient Padova 200 Problematiche dell utilizzo di biocarburanti nei motori Rodolfo Taccani, Robert Radu taccani@units.it, rradu@units.it

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO DEI PRODOTTI PETROLIFERI RILEVATI NELLA PROVINCIA DI GENOVA DALL'APPOSITA COMMISSIONE

PREZZI AL CONSUMO DEI PRODOTTI PETROLIFERI RILEVATI NELLA PROVINCIA DI GENOVA DALL'APPOSITA COMMISSIONE QUOTAZIONI MEDIE RIFERITE AL PERIODO 15-31 DICEMBRE 2012 - da 0 a 1.000 litri il litro 1,664 1,674 - da 1.001 a 2.000 litri il litro 1,653 1,663 - da 2.001 a 5.000 litri il litro 1,640 1,650 - da 5.001

Dettagli

APPENDICE 1. Relazione finale Indagine bibliografica

APPENDICE 1. Relazione finale Indagine bibliografica APPENDICE 1 Relazione finale Indagine bibliografica Indice INDICE Capitolo 1 INTRODUZIONE pag. 1 Capitolo 2 COMBUSTIBILI ESAMINATI 2.1 Generalità... 2.2 Definizioni d interesse per i combustibili. 2.3

Dettagli

MESCOLE IN FKM. re dal tipo di manufatto e di tecnologia. di stampaggio. Il nostro bagaglio di esperienza,

MESCOLE IN FKM. re dal tipo di manufatto e di tecnologia. di stampaggio. Il nostro bagaglio di esperienza, Questa linea di prodotti comprende circa 500 mescole suddivise in cinque gruppi. 1 - Copolimeri vulcanizzabili a bisfenolo. 2 - Terpolimeri vulcanizzabili a bisfenolo. 3 - Mescole standard vulcanizzabili

Dettagli

La normazione dei combustibili per autotrazione: oltre cento anni di storia

La normazione dei combustibili per autotrazione: oltre cento anni di storia La normazione dei combustibili per autotrazione: oltre cento anni di storia A cura di Davide Faedo Innovhub - Divisione Stazione Sperimentale per i Combustibili - CT "Prodotti petroliferi e lubrificanti"

Dettagli

La rete di distribuzione carburante è complessa. Le Raffinerie e i Terminali di importazione forniscono i Terminal tramite condutture.

La rete di distribuzione carburante è complessa. Le Raffinerie e i Terminali di importazione forniscono i Terminal tramite condutture. La rete di distribuzione carburante è complessa. Le Raffinerie e i Terminali di importazione forniscono i Terminal tramite condutture. I terminal possono essere condivisi da compagnie petrolifere e possono

Dettagli

PLUS DIESEL ADDITIVO GASOLIO MULTIFUNZIONALE PER MOTORI COMMON RAIL MIGLIORA LA COMBUSTIONE, PREVIENE LA FORMAZIONE DI PARAFFINA

PLUS DIESEL ADDITIVO GASOLIO MULTIFUNZIONALE PER MOTORI COMMON RAIL MIGLIORA LA COMBUSTIONE, PREVIENE LA FORMAZIONE DI PARAFFINA DESCRIZIONE La sempre maggiore diffusione di motori Diesel ad iniezione diretta, e la contemporanea modifica della composizione del gasolio, ha completamente cambiato gli scenari del mercato. I motori

Dettagli

UTILIZZO DEI BIOCOMBUSTIBILI NEI MOTORI Compatibilità e problemi tecnici

UTILIZZO DEI BIOCOMBUSTIBILI NEI MOTORI Compatibilità e problemi tecnici Agroenergie e biocarburanti: le tecnologie e le prospettive di nuovi modelli energetici sostenibili UTILIZZO DEI BIOCOMBUSTIBILI NEI MOTORI Compatibilità e problemi tecnici FRANCESCO AVELLA avella@ssc.it

Dettagli

CAPITOLO 6 COMBUSTIBILI

CAPITOLO 6 COMBUSTIBILI CAPITOLO 6 COMBUSTIBILI Dott. Anna Ciajolo 262 SOMMARIO LEZIONE 20COMBUSTIBILI... 264 PREMESSA... 264 STRUTTURA CHIMICA E PROPRIETÀ DELLE PRINCIPALI CLASSI DI IDROCARBURI CONTENUTE NEI COMBUSTIBILI FOSSILI...

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI ELENCO PREZZI UNITARI Codice DESCRIZIONE U.m. PREZZO Codice A) MANO D'OPERA F.1 A.1 Chimico, biologo (laureato iscritto all'ordine) F.2 Chimico, biologo ora 42,80 ( Euro/ora quarantavirgolazero) A.2 Tecnico

Dettagli

MAREMMANA ECOLOGIA SRL Punti vendita carburante: elementi gestionali ed operativi relativi ad aspetti ambientali ECOLIQUID Srl

MAREMMANA ECOLOGIA SRL Punti vendita carburante: elementi gestionali ed operativi relativi ad aspetti ambientali ECOLIQUID Srl MAREMMANA ECOLOGIA SRL Punti vendita carburante: elementi gestionali ed operativi relativi ad aspetti ambientali ECOLIQUID Srl 06 BioDiesel e batteri Prevenire è meglio che curare BioDiesel BioDiesel e

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Ordinanza contro l inquinamento atmosferico

Ordinanza contro l inquinamento atmosferico Ordinanza contro l inquinamento atmosferico (OIAt) Modifica del 25 agosto 1999 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 16 dicembre 1985 1 contro l inquinamento atmosferico è modificata

Dettagli

LIPIDUR MISCELA PER OPERE DI IMMOBILIZZAZIONE E STABILIZZAZIONE

LIPIDUR MISCELA PER OPERE DI IMMOBILIZZAZIONE E STABILIZZAZIONE LIPIDUR MISCELA PER OPERE DI IMMOBILIZZAZIONE E STABILIZZAZIONE LIPIDUR LIPIDUR è un prodotto premiscelato composto da leganti minerali cementizi e aggiunte speciali. LIPIDUR viene sempre confezionato

Dettagli

Liberalizzazione delle operazioni di denaturazione

Liberalizzazione delle operazioni di denaturazione 12 Novembre 2008 Assemblea plenaria Unichim d.ssa Marina Petrucci Area Centrale Verifiche e Controlli Tributi Doganali e Accise Laboratori Chimici Direttore Ufficio Metodologie e Tecnologie chimiche Testo

Dettagli

Progetto BIOSIRE. Mobilità sostenibile nei natanti in laguna di Venezia

Progetto BIOSIRE. Mobilità sostenibile nei natanti in laguna di Venezia Progetto BIOSIRE Mobilità sostenibile nei natanti in laguna di Venezia Impiego di olio vegetale puro e di biodiesel da recupero di oli alimentari esausti come biocarburante supported by Progetto BIOSIRE

Dettagli

03 - Unità di misura, tabelle di conversione

03 - Unità di misura, tabelle di conversione 0 0 - Unità di misura, tabelle di conversione - Tabella unità di misura sistema internazionale - Tabelle di conversione - Tabelle pesi specifici e temp. di fusione - Tabelle filettature - Tabelle pesi

Dettagli

Applicazioni della Termochimica: Combustioni

Applicazioni della Termochimica: Combustioni CHIMICA APPLICATA Applicazioni della Termochimica: Combustioni Combustioni Il comburente più comune è l ossigeno dell aria Aria secca:! 78% N 2 21% O 2 1% gas rari Combustioni Parametri importanti:! 1.Potere

Dettagli

Determinazione del contenuto di manganese nella benzina

Determinazione del contenuto di manganese nella benzina Determinazione del contenuto di manganese nella benzina Andrea Gallonzelli www.ssc.it 1 Direttiva 2009/30/CE 31 dicembre 2010 - Recepimento della Direttiva da parte degli Stati membri 2 Nuovo parametro

Dettagli

In particolare, sono stati sottoposti a misurazione e controllo i seguenti fattori:

In particolare, sono stati sottoposti a misurazione e controllo i seguenti fattori: \ La presente Relazione Tecnica, nel primo capitolo, descrive i risultati dei controlli e delle verifiche effettuate nel corso dell anno 2012 sui parametri e con le tempistiche previsti dal Piano di Monitoraggio

Dettagli

PRINCIPI DI ANTINCENDIO

PRINCIPI DI ANTINCENDIO Associazione Volontari Protezione Civile RIO VALLONE PRINCIPI DI ANTINCENDIO Aggiornamento : Giugno 2015 Principi sulla combustione e l incendio L incendio: Un fenomeno chimico fisico chiamato combustione

Dettagli

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca Bologna, 15 maggio 2006 Hera Bologna s.r.l. 1 COGEN OSPEDALE MAGGIORE RIVA CALZONI BARCA BECCACCINO 2 La rete 3 Le condotte Posa tubazioni

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 6 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acqua sotterranea, superficiale potabile, Acqua di scarico, percolato Idrocarburi totali come n-esano APAT CNR IRSA 5160B2 Man 29 2003 Acque di scarico

Dettagli

CONVERSIONE TERMOCHIMICA

CONVERSIONE TERMOCHIMICA CONVERSIONE TERMOCHIMICA PIROLISI La pirolisi si può svolgere secondo diverse modalità: Carbonizzazione a temperature tra 300 C e 500 C Pirolisi convenzionale a temperature inferiori a 600 C Fast pirolisi

Dettagli

vosges vosges I Nostri Sistemi super magnetic Tecnologia del futuro water treatment systems

vosges vosges I Nostri Sistemi super magnetic Tecnologia del futuro water treatment systems super magnetic water treatment systems vosges Tecnologia del futuro VOSGES di Moreno Beggio Via Roma, 133 36040 TORRI DI QUARTESOLO - Vicenza Tel. 0444 387119 r. a. - Fax 0444 264228 www.vosges-italia.it

Dettagli

Prodotti della raffinazione

Prodotti della raffinazione 1.2 Prodotti della raffinazione 1.2.1 Introduzione Per ottenere i prodotti finiti, le raffinerie di petrolio eseguono due successivi gruppi di operazioni: dapprima si opera sul greggio per ricavare una

Dettagli

ALLEGATO A BANDO DI GARA

ALLEGATO A BANDO DI GARA ALLEGATO A BANDO DI GARA SERVIZIO DI CAMPIONAMENTO E CONTROLLO ANALITICO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI IMPIANTI DI POTABILIZZAZIONE, DEPURAZIONE, NONCHÉ TRATTAMENTO E SMALTIMENTO RSU/RSA DI PROPRIETÀ DEL CONSORZIO

Dettagli

SOMMARIO NOTE TESTO. Art. 1. - Ambito di applicazione. Art. 2. - Definizioni.

SOMMARIO NOTE TESTO. Art. 1. - Ambito di applicazione. Art. 2. - Definizioni. Pagina 1 di 20 Decreto Pres. Cons. Ministri del 08/03/2002 Disciplina delle caratteristiche merceologiche dei combustibili aventi rilevanza ai fini dell'inquinamento atmosferico, nonche' delle caratteristiche

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

Linee di Luce Microscopia / Diffrazione e Linee di Luce Spettroscopia / Scattering. Regolamento

Linee di Luce Microscopia / Diffrazione e Linee di Luce Spettroscopia / Scattering. Regolamento Smaltimento dei rifiuti chimici prodotti Il documento originale nello stato di revisione corrente è quello disponibile sul sistema documentale aziendale. Questo documento è riservato e non può essere diffuso

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO STP A17_I

SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO STP A17_I Cilindretti per chiusura fori Tipo A L Adatto Imballo per standard/minimo guarnizione (mm) (mm) TGM38 36A3M1623 3 8 5.000/100 TGM48 36A3M1624 + 36A3M2034 + 36A3M2554 4 8 5.000/100 TGM58 36A3M2025 5 8 5.000/100

Dettagli

C.3 Biocombustibili. Bio-Etanolo. ottenuto da amidi e zuccheri. ottenuto da grassi e oli. Bio-Diesel. Metanolo. ottenuto dal legno

C.3 Biocombustibili. Bio-Etanolo. ottenuto da amidi e zuccheri. ottenuto da grassi e oli. Bio-Diesel. Metanolo. ottenuto dal legno I biocombustibili sono prodotti derivati dalla biomassa usati per autotrazione e riscaldamento, miscelati con carburanti ottenuti da combustibili fossili o utilizzati puri. I più comuni biocombustibili:

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1160 DISEGNO DI LEGGE d'iniziativa del senatore SCALERA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 19 FEBBRAIO 2002 Incentivi per favorire l'uso dell'etanolo e dei biodiesel

Dettagli

pulizia, sbucciatura, centrifugazione e separazione 02 03 05 Fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti

pulizia, sbucciatura, centrifugazione e separazione 02 03 05 Fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti 01 03 09 Fanghi rossi derivanti dalla produzione di allumina, diversi da quelli di cui alla voce 01 03 07 01 04 10 Polveri e residui affini, diversi da quelli di cui alla voce 01 03 07 01 04 14 Rifiuti

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO STP A5_I

SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO STP A5_I Passo Pg DIN 40 430 Tipo Grigio Chiaro P Foro Fissaggio Ø A B Chiave C L Imballo 1900.07 Pg 7 12,7 3,5-7 15 8 18-22 100 1900.09 Pg 9 15,5 5-8 19 8 22-26 100 1900.11 Pg11 18,8 5-10 22 8 23-28 100 1900.13

Dettagli

Argomento della lezione

Argomento della lezione Argomento della lezione Fonti energetiche convenzionali: combustibili,comburente, combustione, potere calorifico Calcolo del fabbisogno di energia primaria Docente Dott. Ing. Franco Barosso Dott. Ing.

Dettagli

LISTINO ANALISI CHIMICHE LABORATORIO GENESI srl ANNO 2013

LISTINO ANALISI CHIMICHE LABORATORIO GENESI srl ANNO 2013 LISTINO ANALISI CHIMICHE LABORATORIO GENESI srl ANNO 2013 All.MQ_4.4_02 rev.00 del 30.03.2013 Pagina 1 di 23 MATRICE: ACQUE PARAMETRO METODO PREZZO ph APAT CNR IRSA 2060 Man 5,00 Conducibilità elettrolitica

Dettagli

La nuova normativa tecnica del pellet UNI EN ISO 17225-2

La nuova normativa tecnica del pellet UNI EN ISO 17225-2 PELLET DAY I mercati del pellet, gli aspetti tecnici e filiere alternative, gli incentivi La nuova normativa tecnica del pellet UNI EN ISO 17225-2 Giuseppe Toscano Laboratorio Biomasse Università Politecnica

Dettagli

Scheda monografica di sintesi: Produzione di energia da fonti convenzionali. A cura di: Via Mirasole 2/2 40124 Bologna (BO)

Scheda monografica di sintesi: Produzione di energia da fonti convenzionali. A cura di: Via Mirasole 2/2 40124 Bologna (BO) Scheda monografica di sintesi: Produzione di energia da fonti convenzionali Olio Combustibile A cura di: Via Mirasole 2/2 40124 Bologna (BO) GENERALITA E CLASSIFICAZIONE DEGLI OLI COMBUSTIBILI[1, 3] Gli

Dettagli

Determinazione di elementi in traccia nei combustibili liquidi

Determinazione di elementi in traccia nei combustibili liquidi Determinazione di elementi in traccia nei combustibili liquidi Andrea Gallonzelli Stazione Sperimentale per i Combustibili www.ssc.it 1 Metodi di prova prodotti petroliferi I metodi di prova sono utilizzati

Dettagli

ADDITIVO SPECIFICO PER LA PROTEZIONE E LA PULIZIA DEL SISTEMA DI ALIMENTAZIONE GPL

ADDITIVO SPECIFICO PER LA PROTEZIONE E LA PULIZIA DEL SISTEMA DI ALIMENTAZIONE GPL DESCRIZIONE La sensibilizzazione sulle problematiche ambientali, gli incentivi di carattere economico ed una dimostrata riduzione dei costi di esercizio spingono sempre di più gli automobilisti ad installare

Dettagli

MATERIALI. Introduzione

MATERIALI. Introduzione MATERIALI 398 Introduzione Gli acciai sono leghe metalliche costituite da ferro e carbonio, con tenore di carbonio (in massa) non superiore al 2%. Attenzione: la normazione sugli acciai è in fase di armonizzazione

Dettagli

SOLUZIONE ESAME DI STATO TECNICO DEI SISTEMI ENERGETICI 2013 TEMA N.1

SOLUZIONE ESAME DI STATO TECNICO DEI SISTEMI ENERGETICI 2013 TEMA N.1 SOLUZIONE ESAME DI STATO TECNICO DEI SISTEMI ENERGETICI 2013 TEMA N.1 Svolgimento : Con i dati a disposizione del tema ministeriale, possiamo, in prima analisi, determinare la potenza indicata con la seguente

Dettagli

Ing. Maurizio Volpe Saber Technology srl

Ing. Maurizio Volpe Saber Technology srl Ing. Maurizio Volpe Saber Technology srl Progetto Ecodens Progetto di filiera per lo sviluppo di un processo per la produzione di un combustibile ottenuto per co-densificazione di sanse con altre biomasse

Dettagli

Combustione, carburanti, lubrificanti

Combustione, carburanti, lubrificanti Materiali Obiettivi (1/2) Questa unità ha l obiettivo di insegnare agli allievi gli aspetti di base dei processi di combustione e di illustrare le proprietà tecnologiche di impiego dei combustibili solidi,

Dettagli

Sistema Informativo SCORTE per la gestione delle Scorte di Sicurezza Italiane. Presentazione degli algoritmi di calcolo per l anno scorta 2013

Sistema Informativo SCORTE per la gestione delle Scorte di Sicurezza Italiane. Presentazione degli algoritmi di calcolo per l anno scorta 2013 Sistema Informativo SCORTE per la gestione delle Scorte di Sicurezza Italiane Presentazione degli algoritmi di calcolo per l anno scorta 2013 3 7 Giugno, ore 10.00 13.30, salone centrale di ENEA (Lungotevere

Dettagli

L energia che consumo. Fabio Peron. Combustione. Aria di combustione. Combustione

L energia che consumo. Fabio Peron. Combustione. Aria di combustione. Combustione Corso di Progettazione Ambientale prof. Fabio Peron Combustione L energia che consumo Fabio Peron Università IUAV - Venezia Combustione Aria di combustione Si dice combustione qualunque reazione chimica

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE AREE

CLASSIFICAZIONE DELLE AREE CLASSIFICAZIONE DELLE AREE IDENTIFICAZIONE DELLE ZONE DI PERICOLO L'identificazione in un impianto chimico o petrolchimico delle zone di pericolo, viene fatta da personale altamente qualificato. Di solito

Dettagli

CONTROLLO E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DA MOTORI ALIMENTATI A BIOMASSA LIQUIDA BOLZANO 9.6.2011

CONTROLLO E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DA MOTORI ALIMENTATI A BIOMASSA LIQUIDA BOLZANO 9.6.2011 CONTROLLO E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DA MOTORI ALIMENTATI A BIOMASSA LIQUIDA BOLZANO 9.6.2011 ING. CARLO ANDREA BERTOGLIO HUG FILTERSYSTEMS ING. LUCA PINAUDA HUG ENGINEERING CONTROLLO E RIDUZIONE DELLE

Dettagli

Corso sulle filiere agri-energetiche. Vanessa Scrosta SIBE Srl

Corso sulle filiere agri-energetiche. Vanessa Scrosta SIBE Srl Filiera olio Corso sulle filiere agri-energetiche Vanessa Scrosta SIBE Srl Piacenza, 19 marzo 2009 FILIERA OLIO Colture Oleaginose Verde: Agricoltura Giallo: Industria Raccolta Trasporto - Stoccaggio Produzione

Dettagli

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO Bergamo 20 Novembre 2003 Geom. Stefano Fiori LA GESTIONE DELLE EMERGENZE OBBIETTIVI ATTUARE COMPORTAMENTI

Dettagli

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore Generatori di calore Il generatore di calore a combustibile I generatori di calore Combustibile E CH Superficie di Confine del Sistema Aria comburente Generatore di calore Fluido in ingresso Fumi Calore

Dettagli

Smaltimento degli Oli Lubrificanti Esausti

Smaltimento degli Oli Lubrificanti Esausti Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile ed Ambientale Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio Tesi di Laurea Smaltimento degli Oli Lubrificanti Esausti Relatore : Ing. Prof. Massimiliano

Dettagli

Allegato 1 al Titolo III-bis alla Parte Quarta. Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti

Allegato 1 al Titolo III-bis alla Parte Quarta. Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti Allegato 1 al Titolo III-bis alla Parte Quarta Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti A. VALORI LIMITE DI EMISSIONE IN ATMOSFERA 1. Valori limite di emissione

Dettagli

Decisione 2014/955/CE

Decisione 2014/955/CE Sede operativa: Via Don Bosco, 3 27014 Genzone (PV) Telefono 0382 96 96 96 - Fax 0382 97 25 40 e mail info@envirolabsrl.it www.envirolabsrl.it Decisione 2014/955/CE Modifica della decisione 2000/532/CE

Dettagli

Relatore: Dott. Lazzaro Palumbo Rischio medio 8 ore PERCHÉ FREQUENTARE UN CORSO ANTINCENDIO? Il rischio incendio è uno dei maggiori rischi per i luoghi di lavoro Non esistono attività lavorative a rischio

Dettagli

La funzione normazione SSC

La funzione normazione SSC La funzione normazione SSC Davide Faedo Paola Comotti Andrea Gallonzelli 1 Organizzazione dell attività normativa alla SSC Combustibili liquidi: Faedo & Gallonzelli Combustibili gassosi: Comotti 2 Caratteristiche

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO AGROALIMENTARE

LABORATORIO CHIMICO AGROALIMENTARE LABORATORIO CHIMICO PROVE DI LABORATORIO SU CAMPIONI DI OLIO VEGETALE ( ) acidità totale ( ) analisi spettrofotometrica UV (DK) ( ) numero perossidi analisi degli esteri metilici degli acidi grassi idrocarburi

Dettagli

Carburante e rifornimento

Carburante e rifornimento Carburante e rifornimento PRECAUZIONI DI SICUREZZA Evitare di esporre i vapori a qualsiasi potenziale fonte di accensione, in quanto l incendio e l esplosione risultanti possono provocare gravi lesioni

Dettagli

I COMBUSTIBILI NEI TRASPORTI

I COMBUSTIBILI NEI TRASPORTI Progetto Formativo Scuola 21 IIS Enrico Mattei San Donato Milanese I COMBUSTIBILI NEI TRASPORTI Francesco Avella Responsabile Laboratorio Motori Stazione Sperimentale per i Combustibili avella@ssc.it INTRODUZIONE

Dettagli

Le fonti energetiche

Le fonti energetiche Le fonti energetiche Le fonti energetiche Dalle fonti di energia si ricava l energia Esse sono suddivise in primarie e secondarie, in relazione al fatto che necessitino più o meno di trasformazioni. Le

Dettagli

La crisi energetica ampiamente trattata

La crisi energetica ampiamente trattata Ricerca Applicata Biodiesel: alcune considerazioni Albano Albasini Il Prof. Albano Albasini, che nella veste di docente di chimica organica del Dipartimento di Scienze Farmaceutiche dell Univesità di Modena,

Dettagli

Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro

Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro SOMMARIO Premessa pag. 7 SEZIONE 1 - FONDAMENTI Che cosa è un incendio? pag. 9 Il triangolo del

Dettagli

SPECIFICHE ANALITICHE PRODOTTI. Unità di misura min. max. Aspetto Esame visivo limpido Colore ASTM D 1500 2.0

SPECIFICHE ANALITICHE PRODOTTI. Unità di misura min. max. Aspetto Esame visivo limpido Colore ASTM D 1500 2.0 SPECIFICHE ANALITICHE PRODOTTI Prodotto: GASOLIO AUTOTRAZIONE Sigla: GO-2011 Caratteristiche Metodo di analisi Unità di Limiti misura min. max. Aspetto Esame visivo limpido Colore ASTM D 1500 2.0 Densità

Dettagli

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO Parametro Concentrazione Unità ammissibile ph 3 9,5 Solidi sospesi 50000 mg/l COD 60000 mg/l BOD5 50000 mg/l Azoto ammoniacale 800

Dettagli

INSIEL S.p.A. OGGETTO. LIVELLO PROGETTUALE: Specifica Tecnica. Monotubi Lisci. Data: 28 marzo 2007

INSIEL S.p.A. OGGETTO. LIVELLO PROGETTUALE: Specifica Tecnica. Monotubi Lisci. Data: 28 marzo 2007 LIVELLO PROGETTUALE: Specifica Tecnica Data: 28 marzo 2007 OGGETTO GGETTO: Monotubi Lisci Integrazioni: 27 marzo 2009 Riferimento: INSIEL_ST_MONOTUBILISCI_09 INDICE Indice... 2 Indice delle Tabelle...

Dettagli

ACCORDO EUROPEO RELATIVO AL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI PERICOLOSE SU STRADA Ginevra 30/9/1957

ACCORDO EUROPEO RELATIVO AL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI PERICOLOSE SU STRADA Ginevra 30/9/1957 ACCORDO EUROPEO RELATIVO AL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI PERICOLOSE SU STRADA Ginevra 30/9/1957 Rappresenta un metodo codificato di identificazione delle sostanze pericolose viaggianti su strada o

Dettagli

Elenco Prove e Servizi

Elenco Prove e Servizi Pagina 1 di 7 Elenco Prove e Servizi AGGIORNAMENTO 21.09.2014 Pagina 2 di 7 Parametri PER ALIMENTI Bacillus cereus UNI EN ISO 7932:2005 Bacillus spp UNI EN 15784:2009 Conta Campylobacter spp ISO 10272-1:2006

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI GARA PER LA FORNITURA DI GASOLIO PER AUTOTRAZIONE BTZ 0,005%, GASOLIO PER RISCALDAMENTO BTZ 0,2% ED OLI VARI.

CAPITOLATO SPECIALE DI GARA PER LA FORNITURA DI GASOLIO PER AUTOTRAZIONE BTZ 0,005%, GASOLIO PER RISCALDAMENTO BTZ 0,2% ED OLI VARI. CAPITOLATO SPECIALE DI GARA PER LA FORNITURA DI GASOLIO PER AUTOTRAZIONE BTZ 0,005%, GASOLIO PER RISCALDAMENTO BTZ 0,2% ED OLI VARI. L appalto, suddiviso in due lotti (1 e 2), ha per oggetto la fornitura

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N. 3717/15

RAPPORTO DI PROVA N. 3717/15 Spett.le P3 SRL VIA SALVO D'ACQUISTO, 5 35010 RONCHI DI VILLAFRANCA (PD) Sigla del campione SFRIDI E SCARTI DI LAVORAZIONE PANNELLI POLIURETANICI COMPOSTI Numero accettazione 3717 Campione ricevuto 08/07/2015

Dettagli

I BIOCARBURANTI BIODIESEL!!! Pacchetto clima-energia: obiettivo 20/20/20 (Direttiva 2009/28/CE del Parlamento Europeo)

I BIOCARBURANTI BIODIESEL!!! Pacchetto clima-energia: obiettivo 20/20/20 (Direttiva 2009/28/CE del Parlamento Europeo) I BIOCARBURANTI Pacchetto clima-energia: obiettivo 20/20/20 (Direttiva 2009/28/CE del Parlamento Europeo) 1) - 20% emissioni gas a effetto serra 2) 20% risparmio energetico 3) + 20% energie rinnovabili

Dettagli

30-lug-15. RENDINA Ambiente Srl STRADA VICINALE MONTELUNGO - ZONA INDUSTRIALE SAN NICOLA di MELFI (PZ)

30-lug-15. RENDINA Ambiente Srl STRADA VICINALE MONTELUNGO - ZONA INDUSTRIALE SAN NICOLA di MELFI (PZ) Rapporto di prova n Descrizione Accettazione Data Inizio prove Impianto: Emissioni gassose 150599 18-giu-15 Data fine prove 30-lug-15 Pagina 1\7 Spettabile: AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE

Dettagli

www.pizzaovenacademy.com

www.pizzaovenacademy.com COME BRUCIA IL LEGNO Il legno è, in sostanza, un magazzino di energia solare. Le foglie degli alberi agiscono come piccoli pannelli solari che assorbono l energia irraggiata dal sole, utilizzandola per

Dettagli