1. PREMESSA INSERIMENTO URBANISTICO CLASSIFICAZIONE SISMICA STUDIO IDRAULICO POSA DELLE CONDOTTE...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. PREMESSA... 2 2. INSERIMENTO URBANISTICO... 2 3. CLASSIFICAZIONE SISMICA... 4 4. STUDIO IDRAULICO... 4 5. POSA DELLE CONDOTTE..."

Transcript

1

2 INDICE 1. PREMESSA INSERIMENTO URBANISTICO CLASSIFICAZIONE SISMICA STUDIO IDRAULICO Configurazione attuale e schema di funzionamento Analisi della domanda Verifica della rete e diametri progetto POSA DELLE CONDOTTE Rispetto delle prescrizioni GESTIONE DELLE MATERIE DI SCAVO VINCOLI STUDIO GEOLOGICO Considerazioni STUDIO ARCHEOLOGICO Inquadramento geomorfologico del territorio Viabilità antica e centuriazione Evidenze archeologiche Considerazioni conclusive Bibliografia di riferimento

3 1. PREMESSA La presente viene redatta a descrizione degli aspetti idraulici, geologici, urbanistici ed archeologici relativi agli interventi di progetto. Detti interventi consentiranno di risolvere le criticità del sistema fognante evidenziate durante il lavoro di ricognizione relativamente all agglomerato di Accadia fatto eseguire da Acquedotto Pugliese S.p.a.. Gli interventi consisteranno nella sostituzione dei tronchi di fognatura più vetusti all interno del centro abitato e nella realizzazione di pozzettoni dotati di griglia fissa manuale a monte dei due impianti di sollevamento esistenti ubicati rispettivamente in zona PIP (Contrada Rochiano) e in Via Raffa. Le sostituzioni dei tronchi risultano necessarie al fine di adeguare le condotte fognarie ormai ammalorate in termini di dimensioni e materiale. La realizzazione dei comparti di grigliatura risulta necessaria al fine di garantire il corretto funzionamento dei sollevamenti e preservare lo stato delle pompe. Per quanto concerne le informazioni di carattere archeologico, raccolte sulla base di ricerche bibliografiche svolte dallo scrivente, esse hanno consentito di delineare quelle che potranno essere le problematiche inerenti l interferenza fra le eventuali presenze archeologiche e le opere a previste in progetto. L analisi delle caratteristiche geologiche e geomorfologiche relative all area di intervento sono riportate nella apposita relazione specialistica facente parte integrante della presente progettazione. 2. INSERIMENTO URBANISTICO Le aree di intervento sono interne al centro urbano di Accadia ed i tronchi fognari da sostituire nonché i pozzettoni previsti per l alloggiamento delle griglie a monte dei sollevamenti, sono univocamente definiti nella loro localizzazione in quanto ricadono nella viabilità e/o in spazi pubblici connessi alla urbanizzazione. In particolare si opererà principalmente in zone di tipo A e B come illustrato in fig Solo due tronchi di progetto (Tr. 42 e Tr.43) e il pozzettone con griglia a servizio del sollevamento della zona PIP ricadranno in zona D, individuate dal Piano Regolatore generale come Aree per artigianato produttivo e commercio ingrosso. Le strade interessate dalla realizzazione delle opere sono pavimentate principalmente con asfalto; solo in alcuni casi si ritrovano mattonelle di asfalto di forma rettangolare, basole e sanpietrini. Per quanto attiene la zona A 2 Area storica di discreto valore ambientale, di recente il comune ha ottenuto un finanziamento Regionale per la riqualificazione urbana del Rione Cassette in occasione del quale la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici ha prescritto il recupero delle zanelle in pietra e l uso di materiali per la pavimentazione appartenenti alla tradizione locale.. 2

4 Di questa prescrizione bisognerà tenere conto nella stesura del progetto definitivo ed esecutivo. Le larghezze stradali non comportano particolari difficoltà operative ed il loro sviluppo plano-altimetrico è di tipo collinare con dislivelli medi che raggiungono il 3-4%. Fig. 2.1: Inserimento urbanistico delle opere di progetto 3

5 3. CLASSIFICAZIONE SISMICA Il comune di Accadia è classificata sismicamente come Zona sismica 1 dalla O.P.C.M. n 3519 del 28/03/ STUDIO IDRAULICO Lo studio idraulico ha consentito di verificare il funzionamento della rete nel suo complesso, considerando che solo alcuni tronchi esistenti verranno sostituiti. È infatti prevista la sostituzione dei tronchi inefficienti o più vetusti in modo da rendere garantire il sistema di raccolta ed allontanamento ed assicurare contempo il corretto funzionamento della rete il cui schema non sarà variato. Trattandosi esclusivamente di interventi di sostituzione solo di alcuni dei tronchi, risulta evidente che i nuovi tronchi dovranno inserirsi nella rete esistente, pertanto le profondità di posa e le pendenze dei nuovi tronchi risultano sovente già determinate dalle quote di scorrimento dei tronchi non oggetto di sostituzione su cui dovranno innestarsi. 4.1 Configurazione attuale e schema di funzionamento La rete fognante comunale è dotata di due stazioni di sollevamento, la prima ubicata in Contrada Rochiano a servizio della zona PIP, la seconda situata in Via Raffa. I liquami dell intera rete vengono convogliati nell unico impianto di depurazione, a gestione PURA, situato a sud-est dell abitato in località Sotto le Amendole. L attuale recapito è il Torrente Frugno tributario del Torrente Carapelle. L estensione dell intero sistema di collettamento è pari a circa 17,8 km ed è composto principalmente da: Collettori principali in gres DN 200, DN 225 e in PEAD DN 125; Collettori secondari in gres DN 200; Premente in uscita dall impianto di sollevamento della zona PIP (Contrada Rochiano) PEAD DN 110 Premente in uscita dall impianto di sollevamento di Via Raffa in PVC DN Analisi della domanda La verifica della rete fognaria proposta nel presente progetto tiene conto della domanda di servizio, intesa nei termini di richiesta di approvvigionamento idrico e di recapito in fognatura, sulla base delle utenze stimate durante il lavoro di ricognizione degli agglomerati della provincia di Foggia condotto da AQP nel Si è considerata la domanda idrica relativa non solo alla popolazione residente, ma anche alla popolazione delle seconde case, al numero di posti letto disponibili negli alberghi ed al numero degli addetti che operano per le attività produttive (in termini di abitanti equivalenti), nei ristoranti e nei bar. 4

6 Per quanto riguarda i valori della dotazione idrica giornaliera pro capite da utilizzarsi per la determinazione della domanda, per la popolazione residente si è utilizzato il valore di dotazione idrica netta contenuto nel documento Rimodulazione Piano d Ambito della Regione Puglia - Ottobre 2009 alla tabella 4.7 e riportata nella successiva fig Per gli agglomerati aventi popolazione compresa tra e abitanti, quale quello di Accadia, il Piano prevede un valore al 2018 pari a 150 l/(ab giorno). Fig Tabella delle dotazioni idriche giornaliere pro-capite per la popolazione residente riportata nella relazione finale allegata alla rimodulazione del Piano d Ambito La stessa dotazione è stata considerata per la popolazione in seconde case. Per gli alberghi si è considerata una dotazione pari a 500 l/(ab g); per le attività produttive, bar e ristoranti si è considerata una dotazione pari a 350 l/(ab g), come da Piano d Ambito. Di seguito sono riportati, per ciascuna categoria, il numero di utenti ed il valore domanda in termini di dotazione per la definizione della portata di progetto: UTENZE N. (ab) d (l/(ab g)) Popolazione residente Popolazione seconde case Posti letto in alberghi Addetti attività produttive Addetti ristoranti e bar Sono stati inoltre determinati i coefficienti di punta giornaliera (C g ) ed oraria (C o ) al fine di tener conto del picco orario di domanda che si instaura durante la giornata di massimo consumo e del normale aumento dei consumi idrici che si ha durante il periodo estivo. 5

7 La deduzione di tali parametri è avvenuta basandosi sulle curve di domanda estrapolate dal rapporto finale redatto da AQP nell ambito della campagna di ricerca perdite eseguita nell anno 2011 ( Attività di costruzione e calibrazione dei modelli matematici Rapporto finale ). Il coefficiente di punta giornaliero C g da adottare tiene conto del normale aumento nei consumi idrici che si ha durante il periodo estivo. Ricavando tale aumento dalle registrazioni di domanda effettuate per altri comuni si è scelto di utilizzare un coefficiente C g pari a 1,1. La valutazione del coefficiente di punta orario C o è stata invece effettuata facendo riferimento alla curva di domanda adimensionale relativa all abitato di San Ferdinando di Puglia che, analogamente ad Accadia, presenta dimensioni medio-piccole ed ha le caratteristiche di un abitato con popolazione stanziale, quindi non influenzato da forti fluttuazioni stagionali. Fig : Andamento dei coefficienti di punta relativo al giorno di maggior consumo per l abitato di San Ferdinando di Puglia applicato all abitato di Accadia Dunque, riassumendo i risultati maggiormente significativi, si ha che i valori dei coefficienti di punta utilizzati nei calcoli idraulici sono i seguenti: C g = 1,1 Coefficiente di punta giornaliera C o = 1,4 Coefficiente di punta oraria Sulla base di tali parametri è stata effettuata la stima del fabbisogno idrico in termini di portata di punta giornaliera Q p,g e portata di punta oraria Q p,o e la conseguente portata scaricata in fogna. 6

8 4.3 Verifica della rete e diametri progetto Per il calcolo della portata scaricata in fogna, si è calcolata la portata di punta oraria della rete idrica Q po moltiplicata per il coefficiente 0,9 di ritorno in fognatura. La portata di punta oraria è stata calcolata applicando il coefficiente di punta oraria C o alla portata di punta giornaliera. La portata di punta giornaliera è stata a sua volta valutata applicando il coefficiente di punta giornaliero C g alla quota parte di domanda relativa alla popolazione residente, alle attività produttive, a bar e ristoranti. Naturalmente le portate turistiche (abitanti in seconde case e alberghi) non vengono moltiplicate per il coefficiente di punta giornaliero essendo le presenze relative solo al periodo estivo. La portata idrica di punta oraria è così definita: Q po Popres. d = Pres. Addserv. d Addserv Addbar. d Addbar Popalb. d cg alb. Pop + d Secondecas e Q = + + 1, ,4 = 11, po l/s. Psecondecase. In definitiva, la portata scaricata in fogna è ottenuta moltiplicando la precedente per il coefficiente 0,9 di ritorno in fognatura: Q Q 0,9 = 10,70 l/s. fogna = po Da tale valore si può ricavare quello della portata che si genera per unità di superficie dell abitato, vista l omogeneità nella distribuzione delle abitazioni. La superficie dell abitato servita dalla rete fognaria è pari a circa 51,60 Ha. La portata che si genera a parità di superficie è: u = Qfogna / A= 10,70/ 51,60 = 0,21 l/(s Ha) Il dato di progetto fondamentale nel proporzionamento delle condotte con moto a gravità è quello della portata fluente; sulla base di tale informazione, la verifica della rete consiste nella determinazione delle velocità che si instaurano nei canali dei quali sono noti forma, materiale, dimensioni e pendenza. In generale, la velocità connessa al transito della portata nera deve essere compresa tra 0,5 m/s e 2,5 m/s. Un ulteriore verifica consta nell accertare che la portata nera affluente al tronco sia inferiore a quella massima ammissibile per il tronco stesso considerando un riempimento massimo h/d pari al 70% nel caso di condotta circolare. La relazione analitica utilizzata nei calcoli è quella di Chezy: c o in cui: - v = velocità (m/s); 7

9 - K s = coefficiente di scabrezza (m 1/3 /s). Con riferimento alla formula di Gauckler- Strickler per le condotte in gres si è assunto un valore pari a 70; - R = raggio idraulico (m); - i = pendenza del tronco. Data la conformazione attuale della rete, si è scelto di verificarne il funzionamento considerando nello schema solo i collettori principali a servizio dell abitato che vengono riportati nella planimetria di fig in colore verde. Fig : Schema dei collettori fognari oggetto di verifica (indicati in colore verde) Tra i collettori oggetto di verifica (riportati in colore verde) vi sono alcuni che non sono oggetto di sostituzione: per tali collettori è stata assunta una pendenza pari a quella minima di riferimento ovvero 0,005 m/m (0,5%). Per quanto concerne i collettori oggetto di sostituzione per la verifica si sono utilizzate le pendenze di progetto; nel caso in cui lo stesso collettore sia costituito da tratti a pendenza diversa si è utilizzata la pendenza massima. 8

10 Nello schema di verifica sono stati indicati con le lettere dell alfabeto i collettori principali esistenti non oggetto di sostituzione (T.e. A, T.e. B, etc.) e con la numerazione cardinale (Tronco n 1, Tronco n 2, etc.) quelli oggetto di sostituzione. I tronchi secondari di progetto non sono stati verificati visto che, dovendo essere necessariamente di diametro non inferiore a 200 mm (in ottemperanza alle prescrizioni generali di AQP S.p.A.) e dovendo allontanare portate inferiori rispetto a quelle dei collettori principali, il DN 200 mm previsto risulta sicuramente più che sufficiente. Per quanto concerne i diametri di progetto si è scelto di sostituire i collettori ed i tronchi elementari vetusti del DN 125 o 200 mm con condotte in gres aventi diametro 200 mm. Per le condotte ammalorate che allo stato attuale sono costituiti da tubazioni del DN 225 mm, si è scelto di adottare condotte in gres del DN 250 mm. Di seguito vengono riassunti i risultati ottenuti dalle verifiche idrauliche dei collettori principali, numerati secondo lo schema riportato nella figura precedente. RISULTATI DELLA VERIFICA IDRAULICA NELLA CONFIGURAZIONE DI PROGETTO collettore tipologia DN [mm] Area afferente il tronco [ha] Portata [l/s] Portata totale transitante nel tronco [l/s] Pendenza [%] Velocità [m/s] Riempimento [%] Tronco n.42 progetto 200 3,05 0,632 0,632 9,78 0,76 5% Tronco n.43 progetto 200 1,15 0,238 0,238 12,61 0,62 3% T.e. A esistente 200 2,60 0,539 0,912 0,50 0,33 14% T.e. B esistente 200 1,80 0,373 0,373 0,50 0,25 9% T.e. C esistente 200 3,50 0,726 1,410 0,50 0,37 17% T.e. D esistente 200 0,50 0,104 0,684 0,50 0,30 12% Tronco n.26 progetto 200 1,70 0,353 0,581 0,50 0,27 10% T.e. E esistente 200 0,80 0,166 0,166 0,50 0,19 6% T.e. F esistente 200 3,70 0,767 1,431 0,50 0,37 17% T.e. G esistente 200 4,70 0,975 0,975 0,50 0,33 14% T.e. H esistente 200 2,00 0,415 0,415 0,50 0,25 9% Tronco n.13 progetto 200 2,70 0,560 0,560 9,77 0,76 5% Tronco n.8 progetto 200 2,10 0,435 0,435 8,58 0,71 5% Tronco n.27 progetto 200 3,20 0,664 0,664 6,33 0,69 6% Tronco n.25 progetto 200 0,30 0,062 0,062 0,50 0,34 2% T.e. I esistente 225 0,00 0,000 2,322 0,50 0,42 18% T.e. L esistente 225 0,80 0,166 6,532 0,50 0,58 32% T.e. M esistente 225 0,00 0,000 7,507 0,50 0,60 34% T.e. N esistente 225 4,40 0,912 0,912 0,50 0,33 12% Tronco n.5 progetto 250 6,10 1,265 3,546 13,06 1,49 9% T.e.O esistente 225 2,90 0,601 0,850 0,50 0,29 10% T.e. P esistente 225 1,20 0,249 0,249 0,50 0,21 6% Tronco n.36 progetto 250 2,40 0,498 2,820 18,62 1,52 7% 9

11 Come si evince dal confronto della tabella precedente, tutti i collettori oggetto di verifica sono in grado di ricevere ed allontanare la totalità dei reflui ad essi afferenti con un riempimento comunque inferiore al 70%. Le velocità in condotta risultano in alcuni casi inferiori a 0,50 m/sec. A tal proposito è bene specificare che trattandosi di interventi di sostituzione solo di alcuni tronchi, risulta evidente che i nuovi tronchi dovranno inserirsi nella rete esistente, pertanto le pendenze delle nuove condotte risultano sovente già determinate dalle quote di scorrimento dei tronchi non oggetto di sostituzione su cui esse dovranno innestarsi. Analogamente anche il diametro minimo dei tronchi è imposto dalle prescrizioni di AQP (DN non inferiore a 200 mm) pertanto non è stato possibile variare pendenze e diametri per avere velocità superiori. Alla luce di quanto esposto per i tronchi con velocità inferiore a 0,5 m/sec nel Piano di Manutenzione si dovrà prevedere una maggiore frequenza per la loro pulizia. In definitiva è stata predisposta la sostituzione dei tronchi riportati nella tabella che segue mediante nuove condotte in gres. Complessivamente le nuove condotte avranno lunghezza pari a 4.317,60 m di cui: L=3.809,49 m tubazioni del DN 200; L=508,11 m tubazioni del DN 250. La tabella riassume le caratteristiche dei tronchi di progetto. N. TRONCO VIABILITA' LUNGHEZZA (m) DIAMETRO (mm) ZONA PAVIMENTAZIONE Tronco 1 Vico I Tammaro 101, B ASFALTO Tronco 2 Via Salvo D'acquisto 82, B ASFALTO Tronco 3 Via Tammaro 74, B ASFALTO Tronco 4 Via T. Tasso 122, B ASFALTO Tronco 5 Via T. Tasso 42, B ASFALTO Via Alessandrini 174, B ASFALTO Tronco 6 Via N. Sauro 58, B ASFALTO Tronco 7 Via N. Sauro 70, B ASFALTO Tronco 8 Via Divittorio 98, B MATTONELLE ASFALTO Tronco 9 Via C. Battisti 59, B MATTONELLE ASFALTO Tronco 10 Via C. Battisti 75, B MATTONELLE ASFALTO Tronco 11 Via G. Garibaldi 61, B MATTONELLE ASFALTO Tronco 12 Via G. Garibaldi 73, B MATTONELLE ASFALTO Tronco 13 Via A. Diaz 262, B MATTONELLE ASFALTO Tronco 14 Via N. Sauro 135, B ASFALTO Tronco 15 Via C. Battisti 70, B ASFALTO Tronco 16 Via C. Battisti 59, B ASFALTO Tronco 17 Via G.Garibaldi 59, B ASFALTO Tronco 18 Via G. Garibaldi 61, B ASFALTO Tronco 19 Viale Cavour 146, B ASFALTO 10

12 N. TRONCO VIABILITA' LUNGHEZZA (m) DIAMETRO (mm) ZONA PAVIMENTAZIONE Tronco 20 Via Barbalato 64, B ASFALTO Tronco 21 Via Mazzini 191, B ASFALTO Tronco 22 via d'aversa 156, A MATTONELLE+ASFALTO Tronco 23 via Giordano 39, A ASFALTO Tronco 24 via d'aversa 15, A ASFALTO Tronco 25 via Roma 64, B ASFALTO Tronco 26 via Mirabella 61,4 200 A/B ASFALTO Tronco 27 Via G. Pascoli 82, B ASFALTO Via Mascagni 86, B ASFALTO Tronco 28 Via Sottot. M. Miranda 147, B ASFALTO Tronco 29 Via Vassalli 77, B ASFALTO Tronco 30 Largo Pascoli 72, B ASFALTO Tronco 31 Via San Francesco 45, B ASFALTO Via G. Oberdan 98, B ASFALTO Tronco 32 Via Vitagliano 78, B ASFALTO Tronco 33 Via San F. D'Assisi 98, B ASFALTO Tronco 34 Via Marzabotto 60, B ASFALTO Tronco 35 Via Vitagliano 55, B ASFALTO Tronco 36 via Cafongelli 108, B ASFALTO via Amendola 108, B ASFALTO Tronco 37 Vico VI Bonito 58, B ASFALTO Tronco 38 Vico VI Bonito 68, B ASFALTO Tronco 39 Via Verdi 34, A ASFALTO Tronco 40 Via Pertini 16, A ASFALTO Tronco 41 Via Sottot. N. Baiardi 73, A BASOLATO Tronco 42 via Mattarella (zona PIP) 358, D ASFALTO Tronco 43 via Mattarella (zona PIP) 103, D ASFALTO TOTALE DN 200 DN ,60 m di cui: 3.809,49 m 508,11 m 11

13 5. POSA DELLE CONDOTTE Le condotte dovranno essere posate a profondità variabili in funzione dello stato attuale della rete e delle confluenze. Mediamente si dovranno effettuare scavi di circa due metri con punte che possono raggiungere i 3 metri. 5.1 Rispetto delle prescrizioni Per quanto concerne la posa in opera dei tronchi fognari si sottolinea quanto previsto nel presente progetto che dovrà costituire prescrizione per le fasi successive della progettazione: Per i tronchi a maggiore pendenza si dovranno eventualmente utilizzare i pozzetti di salto e si cercherà, ove possibile in base alle quote di innesto esistenti sui tronchi esistenti, di garantire una velocità non inferiore a 0,5 m/sec e pendenze minime del 5. I tronchi fognanti dovranno essere posizionati a debita distanza dalle condotte idriche, queste ultime saranno sempre sovrastanti le condotte fognarie; la distanza misurata in orizzontale tra condotta idrica e condotta fognante non dovrà essere inferiore ad 1 m. Nel caso vi siano interferenze con le condotte idriche occorre che queste vengano opportunamente protette realizzando un cunicolo in c.a. stagno o un tubo protettore in acciaio o in PVC, con adeguata pendenza e pozzetto di ispezione nel punto più basso. L elemento di base dei pozzetti di ispezione deve essere opportunamente sagomato (geometria tubo passante) in modo da conferire adeguata forma e pendenza alla platea al fine di convogliare le acque reflue ed evitare che possano espandersi in platea. I pozzetti di ispezione dovranno essere adeguatamente intonacati e sigillati a perfetta tenuta stagna. I pozzetti di ispezione dovranno essere muniti di scalini in acciaio realizzati a norma di sicurezza, di forma ad U, interasse verticale di 250 mm e distanti 150 mm dalla parete verticale, muniti di rivestimento polipropilene antiscivolo. Tutti i chiusini di copertura devono essere in ghisa sferoidale D400 ed i passi d uomo devono avere una luce minima di 600 mm. In fase di progettazione definitiva sarà necessario verificare ed ubicare correttamente le utenze sulle planimetrie di progetto in modo da individuare con precisione il numeri di allacci. 12

14 6. GESTIONE DELLE MATERIE DI SCAVO La normativa ambientale (D.Lgs. n. 152 del 3 aprile 2006 Codice dell Ambiente e s.m.i. ovvero il suo secondo decreto correttivo D.Lgs. 04/08 e il Regolamento recante la disciplina dell'utilizzazione delle terre e rocce da scavo di cui al D.M. n. 161 del 10 agosto 2012) indica gli strumenti e i metodi per gestire i materiali provenienti dagli scavi come sottoprodotto ovvero come materiale da destinare al riutilizzo, escludendo, pertanto, le terre e le rocce da scavo dalla disciplina dei rifiuti; solo i materiali di risulta, se non riutilizzati nel sito di provenienza, sono considerati nella categoria dei rifiuti. La normativa Regionale R.R. n. 6 del esclude dalla classificazione di rifiuto tutti i materiali di risulta avviati al riutilizzo diretto all interno dello stesso cantiere (artt. 2 e 3 del RR n.6). Per i materiali di risulta provenienti dagli scavi (terre e rocce da scavo) il R.R. n. 6 prevede che, qualora il materiale da scavo non sia utilizzabile direttamente presso i luoghi di produzione, dovrà essere avviato preliminarmente, secondo le modalità autorizzative già richiamate, ad attività di valorizzazione quali, a titolo esemplificativo, recuperi ambientali di siti, a recuperi di versanti di frana o a miglioramenti fondiari. Le terre e rocce da scavo che non vengono avviate a riutilizzo diretto, come sopra specificato, sono da considerarsi rifiuti e come tali sono soggetti alle vigenti normative. L articolo n. 6 del suddetto regolamento prevede l obbligo della redazione di un elaborato che indichi il bilancio di produzione (espresso in mc) di materiale da scavo e/o da demolizione e/o di rifiuti, indicando specificatamente: le quantità di materiale da scavo e materiali che risultano da demolizione e costruzione che verranno destinati al riutilizzo all interno del cantiere; le quantità di materiale da scavo in eccedenza da avviare ad altri utilizzi; le quantità di rifiuti non riutilizzati in cantiere da avviare al recupero presso centri di riciclaggio o, in ultima analisi, in discarica, indicandone la destinazione (ubicazione e tipologie di impianto). Al termine dei lavori dovranno essere comunicate agli enti competenti le effettive produzioni di rifiuti e la loro destinazione. La principale lavorazione di progetto da cui deriva la produzione di materiali di risulta è rappresentata dallo scavo a sezione ristretta per la posa delle tubazioni per una lunghezza totale di oltre m. Nella presente relazione vengono di seguito definiti alcuni contenuti del Piano di Utilizzo del materiale da scavo che dovrà essere redatto nelle successive fasi di progettazione e dovrà rispettare quanto previsto nell art. 5 del DM 161/2012 ed al suo allegato 5. Nelle successive fasi di progettazione si dovrà prevedere un riutilizzo del materiale di risulta proveniente dagli scavi opportunamente vagliato e privo di argilla per il rinterro delle tubazioni di progetto per diminuire la quantità di materiale proveniente da cave di prestito. Il completamento del riempimento degli scavi, stimato in circa 25% del materiale utilizzato 13

15 proveniente dagli scavi, avverrà sempre con materiali classificabili come appartenenti ai gruppi A1, A2/4 A2/5 e A3, provenienti da cave di prestito. In aggiunta a quanto sopra, la impresa appaltatrice dovrà impegnarsi ad avviare il materiale di risulta proveniente dagli scavi che non potrà essere riutilizzato in cantiere o comunque non troverà altra collocazione in sito, ad attività di valorizzazione quali, a titolo esemplificativo, recuperi ambientali di siti, a recuperi di versanti di frana o a miglioramenti fondiari regolarmente autorizzati (attività R10, di cui all allegato C alla Parte IV del D. Lgs. 152/06), a seconda delle effettive possibilità che saranno riscontrate al momento della esecuzione dei lavori. Infine, il materiale derivante dalla demolizione e dalla fresatura delle pavimentazioni stradali dovrà essere avviato a impianti autorizzati per il riciclaggio dei conglomerati bituminosi per la produzione di materie prime seconde, quali conglomerati bituminosi ed aggregati riciclati. In questo modo sarà ulteriormente ridotta la quantità di rifiuti prodotti dal cantiere, con evidente miglioramento della sostenibilità ambientale. Si precisa che, in accordo con quanto previsto dal citato art. 6 del R.R., le effettive produzioni di rifiuti e la loro effettiva destinazione (riutilizzo, recupero, smaltimento, ecc.) saranno comunicate al termine dei lavori, comprovandole tramite la modulistica prevista dalle vigenti normative in materia. In tutti i casi sopra descritti, il materiale di risulta degli scavi sarà smaltito nel rispetto della normativa vigente. Il residuo delle attività di scavo e demolizione, distinto per codice CER di appartenenza, è il seguente: Codice CER : (miscele bituminose diverse da quelle di cui alla voce ); Codice CER : (terra e rocce, diverse da quelle di cui alla voce ); Codice CER : (cemento); Codice CER : (ferro e acciaio). In fase di progettazione esecutiva definitiva ed esecutiva, così come precisato nel capitolato prestazionale, l appaltatore dovrà procedere alla esecuzione di analisi per la caratterizzazione del materiale movimentato, ai sensi di quanto previsto dagli Allegati 1, 2 e 4 del citato DM 161/2012 al fine di accertare la sussistenza dei requisiti di qualità ambientale dei materiali da scavo. In tal modo, si controlleranno eventuali contaminazioni che potrebbero essere apportate accidentalmente al terreno durante le fasi di cantiere dai mezzi d opera (con particolare riguardo agli idrocarburi). Le eventuali porzioni di materiale che risultassero superare i valori limite di concentrazione indicati nelle tabelle A o B dell allegato 5 del D.Lgs. 152/2006 e s.m.i. saranno separate e gestite in maniera conforme alla normativa sui rifiuti, prevedendone l avvio in discarica controllata o ad impianti di trattamento in grado di consentirne l abbattimento degli inquinanti per il successivo recupero. La caratterizzazione chimico-fisica delle terre di scavo sarà effettuata ai sensi dell Allegato 4 del DM 161/2012 mediante le seguenti analisi: 14

16 analisi granulometrica; determinazione dei limiti di consistenza; conseguente classificazione secondo quanto riportato nella norma CNR-UNI 10006/63; determinazione del CBR in condizioni sature. Per la caratterizzazione chimica saranno esaminati i seguenti parametri: idrocarburi leggeri HCC<12 e pesanti HCC>12; idrocarburi policiclici aromatici IPA singoli e totali; policlorobifenili PCB; metalli pesanti: Cr tot, Cd, Ni, Zn, Cu, Pb, Hg. 15

17 7. VINCOLI Dallo studio di prefattibilità ambientale è emerso che l abitato è interessato dal vincolo del Piano di Assetto Idrogeologico (PAI). In particolare si rileva che l intervento è interno alle aree a media moderata pericolosità geomorfologica (PG1) e lambisce aree ad elevata pericolosità geomorfologica (PG2) (cfr. fig. 7-1). Inoltre si riscontra la presenza del vincolo rischio idraulico medio/moderato (R2) e rischio elevato (R3) (cfr. fig. 7-2). Per tale ragione, nelle fasi successive della progettazione, dovranno essere redatti studi di compatibilità geomorfologica ai sensi degli articoli 13, 14 e 15 delle NTA del PAI. Fig. 7-1: Pericolosità geomorfologica da PAI 16

18 Fig. 7-2: Rischio idraulico da PAI 17

19 8. STUDIO GEOLOGICO Dalle indagini eseguite in sito si sono ottenute indicazioni inerenti la geologia dei luoghi, la morfologia, la tettonica, la idrogeologia, la stratigrafia ed i parametri geotecnici utili al progettista calcolatore. Per approfondimenti si rimanda alla relazione geologica facente parte integrante della presente progettazione. La geologia è interessata da un unica formazione geologica ma con litologie diverse costituita prevalentemente dalla formazione delle sabbie e argille del Pliocene. Sopra questa formazione, poggia un terreno alterato e di riporto a spessore variabile, come si può vedere nelle stratigrafie allegate. Il valore di V S30 ricade, come da riferimento alla nuova normativa sismica, in classe C (180>V S30 >360 m/sec). La idrogeologia è condizionata dalla presenza di terreni permeabili per porosità; nei sondaggi non si è riscontrata la presenza di falde idriche. L area d intervento è tutta urbanizzata pertanto non sono visibili forme morfologiche particolari. L area in studio, è inserita secondo il Piano per l assetto idrogeologico della Puglia, in gran parte come area PG 1 (area a pericolosità media e moderata) ed un piccolo tratto dello stralcio n. 3 risulta classificata dal PAI Puglia come area a pericolosità geomorfologia elevata PG Considerazioni Dalla serie di sopralluoghi effettuati e dalle indagini geologiche è scaturito quanto segue: Trattandosi di sostituzione di condotte esistenti da realizzarsi lungo le strade urbane, il reticolo idrografico non risulta interessato dagli interventi. L assetto idrogeologico dell area di studio non verrà in alcun modo modificato. L intervento non determina condizioni di instabilità e non modifica le condizioni ed i processi geomorfologici dell area. L intervento non crea effetti sulla stabilità dell area perché non vi sono incrementi di carichi sul terreno né modifiche all assetto idrogeologico; Gli scavi dovranno essere subito ricolmati evitando ogni ristagno o incanalamento delle acque all interno dello scavo stesso durante la fase di cantiere. Si può concludere affermando che lo studio geologico ha messo in risalto le problematiche generali correlate all esecuzione dell intervento, rinviando di eseguire ulteriori indagini ed approfondimenti in caso di necessità nelle successive fasi della progettazione. 18

20 9. STUDIO ARCHEOLOGICO L analisi del contesto storico-archeologico in cui andranno ad inserirsi le opere di progetto è stata effettuata dallo scrivente sulla base di dati bibliografici, al fine di valutare la presenza di vincoli e segnalazioni di natura storica e archeologica. A tal fine è stato condotto il vaglio sistematico della bibliografia e dei documenti d archivio nonché la consultazione del Piano Urbanistico Territoriale Tematico per il Paesaggio (PUTT/P) con particolare riferimento ai vincoli di interesse. 9.1 Inquadramento geomorfologico del territorio Le aree interessate dalle opere di progetto sono relative al territorio di Accadia e ricadono nella regione dell antica Daunia, che comprendeva tutta l attuale provincia di Foggia, delimitata a Nord dalla valle del Fortore, fino al torrente Saccione, ad Est dal mare Adriatico, a Sud dalla valle dell Ofanto con il territorio di Canusium, ad Ovest dal Subappennino daunio. Dal punto di vista geomorfologico in quest ampia regione si distinguono tre distretti ambientali: il Gargano, il Tavoliere, il Cordone Subappenninico (cfr. fig ) Fig : Carta tridimensionale della geografia fisica (VOLPE 1990, 14, fig. 2). Il Gargano, separato dal fiume Candelaro, con i suoi circa 2000 kmq, è costituito da un altopiano interno, allungato in senso Ovest/Est e alto tra i 600 e poco più di 1000 m, e da una fascia perimetrale formata da ripide scarpate e valli tra cui le più ampie sono quelle di Carpino, Vieste e Mattinata. Sin dall antichità l altopiano garganico è stato occupato da numerosi insediamenti, posti su speroni rocciosi a picco sul mare, come quello di Monte Saraceno. 19

7 CRONOPROGRAMMA DEI LAVORI... 22 8 INDIRIZZI PER LA REDAZIONE DEL PROGETTO DEFINITIVO... 23 9 ACCESSIBILITA UTILIZZO E MANUTENZIONE DELLE OPERE...

7 CRONOPROGRAMMA DEI LAVORI... 22 8 INDIRIZZI PER LA REDAZIONE DEL PROGETTO DEFINITIVO... 23 9 ACCESSIBILITA UTILIZZO E MANUTENZIONE DELLE OPERE... INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 3 3 OPERE DI PROGETTO... 5 3.1 Configurazione attuale della rete...5 3.2 Individuazione tronchi da sostituire...6 3.3 Calcolo della portata di verifica...9

Dettagli

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE LL.NN.179/92-493/93 e 85/94- Localizzazione Interventi di Edilizia Sovvenzionata - Opere di Urbanizzazione primaria - Riutilizzo somme disponibili per Progetto

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche)

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI IDROLOGICHE, IDRAULICHE, GEOTECNICHE, SISMICHE E ARCHEOLOGICHE

Dettagli

Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo

Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo Indice 1 PREMESSA... 2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3 BILANCIO DEI MATERIALI IN PROGETTO... 6 4 CONFERIMENTO A IMPIANTI DI TRATTAMENTO... 7 5 CARATTERIZZAZIONE

Dettagli

ALTO TREVIGIANO SERVIZI s.r.l.

ALTO TREVIGIANO SERVIZI s.r.l. 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. IL CALCOLO DEI CARICHI IDRAULICI AFFERENTI ALL IMPIANTO DI SALVATRONDA. 4 2.1 I COMUNI INTERESSATI DALL INTERVENTO DI PROGETTO... 4 2.2 PORTATE NERE TEORICHE... 4 2.3 PORTATE

Dettagli

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto.

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto. INDICE PREMESSA... 2 1. DATI DI PARTENZA... 4 2. ESPANSIONE DEMOGRAFICA... 5 3. CALCOLO DELLA RETE NERA... 6 3.1 Parametri di calcolo... 6 3.2 Analisi dei beni e dei servizi da fornire ed individuazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO SECONDA SESSIONE 2012 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 Aspetti geologici, minero-petrografici e normativi relativi alle attività

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA

RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA Il presente Piano Urbanistico Attuativo, si pone l obbiettivo

Dettagli

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista Foglio n 1 di 9 CHECK LIST DI ASSEVERAZIONE DEI CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista delle opere fognarie comprese nel Piano Urbanistico denominato. in Comune

Dettagli

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMUNE DI FERRARA, VIA BOLOGNA IN AREA CLASSIFICATA DAL PRG SOTTOZONA D 2.2 ...

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMUNE DI FERRARA, VIA BOLOGNA IN AREA CLASSIFICATA DAL PRG SOTTOZONA D 2.2 ... ... 1 INTRODUZIONE... 2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 3 PRESCRIZIONI TECNICHE... 3 4 CALCOLO PORTATE DI PROGETTO... 3 5 VERIFICA IDRAULICA DEL COLLETTORE... 5 Pagina 1 di 6 1 INTRODUZIONE La presente

Dettagli

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT Capitolato Tecnico per le prestazioni professionali relative alla redazione di documentazione inerente la gestione delle terre e rocce da scavo DATA rev. 00 ottobre 2012 Elaborato N. 7-3-329 REDATTO VERIFICATO

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS 29 gennaio 2013 RELAZIONE TECNICA RETE FOGNARIA 0. VARIANTE La variante dal punto di vista idraulico riguarda sostanzialmente tre punti: 1. la modifica del piccolo lotto di

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

COMUNE DI ROCCA S. GIOVANNI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI ROCCA S. GIOVANNI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA RELAZIONE TECNICA COMUNE DI ROCCA S. GIOVANNI ZONA C2 del PRE: NUOVA URBANIZZAZIONE DI INTERESSE TURISTICO (Foglio n 8 particelle n.n. 4100, 264, 265) PROGETTO EDILIZIO UNITARIO (P.E.U.) OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA

Dettagli

RELAZIONE INTEGRATIVA

RELAZIONE INTEGRATIVA RELAZIONE INTEGRATIVA In relazione all istanza di approvazione del piano attuativo di iniziativa privata per la lottizzazione di un area fabbricabile sita in Vocabolo S.Antimo nel Comune di Stroncone,

Dettagli

N. 3374/6.15 / Reg. Determine Foggia, 15/10/2009

N. 3374/6.15 / Reg. Determine Foggia, 15/10/2009 N. 311 Reg. int. Ambiente PROVINCIA DI FOGGIA DETERMINA DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AMBIENTE N. 3374/6.15 / Reg. Determine Foggia, 15/10/2009 Oggetto: VALUTAZIONE DI INCIDENZA AMBIENTALE PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Comune di Fano, Località Madonna Ponte, area ex zuccherificio Variante parziale al P.R.G. comunale redatta ai sensi della L.R. 34/92, art. 15, comma 4 Relazione computi metrici estimativi

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI.

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. \\PC\Domus_p2\CIACCOLINI\PA_CERQUETO\P_ATT\DOCUM\RELAZ_URBAN.docx Piano Attuativo COMUNE DI TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. Proprietà Leonori Mauro

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA... 3

SOMMARIO PREMESSA... 3 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 VASCA N.1... 5 1.1.1 Caratteristiche della vasca... 5 1.1.2 Caratteristiche dell allaccio alla fognatura nera... 5 1.1.3 Caratteristiche del sollevamento... 5 1.1.4 massima portata

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE ALLEGATO N. 2 LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE Le seguenti linee di indirizzo per la redazione della relazione geologica e relazione

Dettagli

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997)

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) R e g i o n e L o m b a r d i a Provincia di Milano COMUNE DI NERVIANO Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) Marzo 2003 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER LE N.T.A. Studio Associato di

Dettagli

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA 5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA Il Comprensorio PIAGGE SAN SALVATORE si estende a Sud del centro urbano della Città, lungo

Dettagli

L obiettivo dell intervento previsto nel presente Progetto Esecutivo

L obiettivo dell intervento previsto nel presente Progetto Esecutivo PREMESSA L obiettivo dell intervento previsto nel presente Progetto Esecutivo riguarda la realizzazione di collettori fognari di raccolta dei reflui provenienti da via Bressane laterale, zone nella frazione

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO 1 - RETI DI FOGNATURA Il sistema di smaltimento delle acque è di tipo separativo, ossia attraverso due reti distinte vengono convogliate le acque d'origine pluviale e

Dettagli

PROVINCIA DI PISA FIUME SERCHIO INTERVENTI DI RICALIBRATURA D ALVEO IN LOC. MIGLIARINO

PROVINCIA DI PISA FIUME SERCHIO INTERVENTI DI RICALIBRATURA D ALVEO IN LOC. MIGLIARINO L intervento in progetto prevede di eseguire la riprofilatura delle aree di golena situate a valle del ponte della SS1 Aurelia, presso la località di Migliarino Pisano. La riprofilatura, in particolare,

Dettagli

SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004

SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004 SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004 INDICE: 1 PREMESSA... 2 2 Costi parametrici Servizio Acquedotto... 3 2.1 Costo nuove condotte di adduzione dell acquedotto... 3 2.2 Costo nuove condotte

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA 8 OTTOBRE 2005 INTERVENTI DI SMANTELLAMENTO, DEMOLIZIONE, BONIFICA E INFRASTRUTTURAZIONE DELLE AREE DI CORNIGLIANO

ACCORDO DI PROGRAMMA 8 OTTOBRE 2005 INTERVENTI DI SMANTELLAMENTO, DEMOLIZIONE, BONIFICA E INFRASTRUTTURAZIONE DELLE AREE DI CORNIGLIANO ACCORDO DI PROGRAMMA 8 OTTOBRE 2005 INTERVENTI DI SMANTELLAMENTO, DEMOLIZIONE, BONIFICA E INFRASTRUTTURAZIONE DELLE AREE DI CORNIGLIANO OGGETTO: STRADA DI COLLEGAMENTO ALL ACCESSO EST DELLO STABILIMENTO

Dettagli

COMPARTO C4 DI VIA VERGA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE

COMPARTO C4 DI VIA VERGA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE COMUNE DI TRIGGIANO COMPARTO C4 DI VIA VERGA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE 1 - PREMESSA Il progetto proposto all Amministrazione Comunale di Triggiano prevede la

Dettagli

Centro per le Biotecnologie e la Ricerca Biomedica, necessarie alla Fondazione Ri.MED. Carini - Palermo CAPITOLATO SPECIALE

Centro per le Biotecnologie e la Ricerca Biomedica, necessarie alla Fondazione Ri.MED. Carini - Palermo CAPITOLATO SPECIALE Affidamento del servizio di redazione degli studi geologici, geotecnici, sismici, idrologici ed idraulici e delle relative indagini in sito e in laboratorio, a supporto delle attività di progettazione

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA REGIONE PUGLIA INTERVENTO COFINANZIATO DAL PO FESR 2007-2013 ASSE VII LINEA DI INTERVENTO 7.1 AZIONE 7.1.2 CODICE OPERAZIONE FE7.100117 PROGRAMMA INTEGRATO DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE PIRP SAN

Dettagli

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali...

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali... Piano di Ambito dell ATO della Provincia di Varese A04 Stima dei costi elementari A04 Stima dei costi elementari Sommario 1. Premessa... 2 2. Tubazioni di acquedotto... 3 3. Opere di acquedotto... 8 3.1.

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il territorio comunale di Capestrano è compreso, dal punto di vista cartografico, nel Foglio della Carta Geologica di Italia n. 146 Sulmona scala 1 : 100.000 e nel Foglio della

Dettagli

Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art.

Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art. Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art. 12 del D.Lgs n. 4 del 16/01/2008, ai fini della VERIFICA

Dettagli

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Insieme integrato di opere idrauliche atte a raccogliere, convogliare e allontanare dalle zone urbanizzate le acque reflue domestiche ed industriali,

Dettagli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli Relazione idraulica Premesse Il progetto generale delle fognature comunali non è conforme allo standard progettuale del gestore Acquedotto Poiana spa. Ciononostante abbiamo ritenuto indispensabile intervenire

Dettagli

Sub ambito di Trasformazione 02 SN1

Sub ambito di Trasformazione 02 SN1 Var. 24 Var. 58 Var.168 D.D. 53 Scheda norma D/1 Ex scalo merci V.le Fratti (Tav. P.R.G.23) Sub ambito di Trasformazione 02 SN1 PARTE I STATO DI FATTO 1. DESCRIZIONI DELLE CONDIZIONI ATTUALI DELL AREA

Dettagli

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE RELAZIONE SULLE INTERFERENZE 1. PREMESSA Il tipo di lavorazione prevalente, prevista nel presente progetto, consiste nella posa di tubazioni in ghisa o acciaio, di diversi diametri, fino al DN150, su strade

Dettagli

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento La Relazione Geologica è allegata al presente progetto ed il suo contenuto ha approfondito le notizie generali di carattere geologico,

Dettagli

RELAZIONE IDRAULICA ACQUE REFLUE

RELAZIONE IDRAULICA ACQUE REFLUE COMUNE DI ROMA S.P.Q.R. DIPARTIMENTO IX III U.O. B50 MONTESTALLONARA LEGGE 18 APRILE 1962 n 167 PROGETTO DEFINITIVO 1 STRALCIO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA RELAZIONE IDRAULICA ACQUE REFLUE INDICE 1

Dettagli

Per garantire l invarianza idraulica si è tenuto conto dei seguenti elementi:

Per garantire l invarianza idraulica si è tenuto conto dei seguenti elementi: 1 Premessa Il comparto rientra nell ambito degli accordi con i privati di cui all art. 18 della L.R. n. 20/2000 contrassegnato col n. 16 Lido di Classe Nord Sud, ed è soggetto a PUA generale. E costituito

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 1 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA OGGETTO: Lavori di urbanizzazione primaria della collina Coppolino villaggio S. Lucia sopra Contesse - completamento e la messa in esercizio della rete fognante, acque

Dettagli

1. PREMESSA 2. CALCOLI E VERIFICHE FOGNATURA ACQUE REFLUE

1. PREMESSA 2. CALCOLI E VERIFICHE FOGNATURA ACQUE REFLUE 1. PREMESSA La presente verifica idraulica fa riferimento alla precedente verifica allegata al progetto preliminare approvato con Deliberazione del Giunta Municipale n. 113 del 19.09.2011, con la quale

Dettagli

DIMENSIONAMENTO CONDOTTA FOGNANTE

DIMENSIONAMENTO CONDOTTA FOGNANTE DIMENSIONAMENTO CONDOTTA FOGNANTE 1. VERIFICA DELLA RETE DI SMALTIMENTO DELLE ACQUE NERE Il centro di cure palliative hospice di Spicchio è allocato all interno di un fabbricato già esistente nel complesso

Dettagli

- REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA - Consulta d Ambito per il Servizio Idrico Integrato Centrale Friuli - Provincia di Udine -

- REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA - Consulta d Ambito per il Servizio Idrico Integrato Centrale Friuli - Provincia di Udine - - REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA - Consulta d Ambito per il Servizio Idrico Integrato Centrale Friuli - Provincia di Udine - ACQUEDOTTO POIANA SPA TITOLO AGGIORNAMENTO DEL GENERALE DELLE FOGNATURE

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP Busto Arsizio, 12 Dicembre 2011 Sommario 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA PROGETTO ADEGUAMENTO DELLO SCARICO DI EMERGENZA PER IL SOLLEVAMENTO FOGNARIO VILLA LUCCHI NUOVO PROLUNGAMENTO SCARICO A LAGO ESISTENTE RELAZIONE TECNICA

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA Standard minimo per la Relazione Geologica ai sensi delle NTC08 Il Consiglio Nazionale dei Geologi, con la deliberazione n. 209/2010, ha approvato il documento che

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata a nord degli abitati di Porotto e Cassana, nel Comune di Ferrara, confina a nord

Dettagli

P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E

P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E La presente relazione si riferisce al progetto dell intervento pubblico in attuazione Programmi Urbani Complessi - PUC2 Sistemazione

Dettagli

RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLE MATERIE (ai sensi dell art. 26 comma 1 lett.i del D.P.R. n. 207/2010)

RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLE MATERIE (ai sensi dell art. 26 comma 1 lett.i del D.P.R. n. 207/2010) RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLE MATERIE (ai sensi dell art. 26 comma 1 lett.i del D.P.R. n. 207/2010) La presente relazione si riferisce alle opere inerenti il progetto delle urbanizzazioni primarie e secondarie

Dettagli

R E G I O N E P U G L I A

R E G I O N E P U G L I A - Visto il decreto legislativo 5 febbraio 1997, n.22 (sostituito dal decreto legislativo 3 aprile 2006, n.152); - Visto il decreto legislativo 13 gennaio 2003, n.36; - Visto il decreto ministeriale 5 febbraio

Dettagli

ELEMENTI DI PRECISAZIONE

ELEMENTI DI PRECISAZIONE ELEMENTI DI PRECISAZIONE LA NATURA DELLA PROBLEMATICA INERENTE IL COLLETTORE NERO DI ACERRA Particolare rilevanza rivestono gli interventi sul Collettore Emissario dell Area Industriale di Acerra (cd.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006.

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. Immobile sito nella frazione di, via, n, Censito in Catasto

Dettagli

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Gli impianti di cui è previsto che venga dotata il P.d.L. sono: impianto fognario; impianto idrico; impianto gas metano; impianto elettrico;

Dettagli

G. PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI- RICOSTRUZIONE PUBBLICA

G. PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI- RICOSTRUZIONE PUBBLICA G. PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI- RICOSTRUZIONE PUBBLICA RETI E SOTTOSERVIZI G.3 Relazione illustrativa degli interventi sulle reti ed i sottoservizi Per quanto attiene la programmazione degli interventi

Dettagli

TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA

TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA Con le modifiche apportate dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 al

Dettagli

DETERMINAZIONE PROT N. 8498 / REP. N. 509 DEL 02.10.2012

DETERMINAZIONE PROT N. 8498 / REP. N. 509 DEL 02.10.2012 AUTORITà DI BACINO DETERMINAZIONE PROT N. 8498 / REP. N. 509 DEL Oggetto: Comune di Arzana - Studio di compatibilità geologica e geotecnica ai sensi dell art. 31 comma 6 lett. a delle N.A. del PAI inerente

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 1 PREMESSA pag. 2 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 4 ANALISI DEL MOVIMENTO DELLE ACQUE METEORICHE pag. 3 5 CALCOLO STATICO pag. 4 6 VERIFICA IDRAULICA

Dettagli

PROGETTO. Contratti di quartiere II - CASCINA RASARIO

PROGETTO. Contratti di quartiere II - CASCINA RASARIO PROGETTO Contratti di quartiere II - CASCINA RASARIO RELAZIONE IDRAULICA FOGNATURE ACQUE NERE E BIANCHE PROGETTO REDATTO IN DATA ottobre 2013 RESPONSABILE PROCEDIMENTO : ING. MARCELLO MONFRINOLI PROGETTISTA

Dettagli

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA 7.4.1 GENERALITA La rete di fognatura è un complesso di canalizzazioni disposte per la raccolta e l allontanamento dai complessi urbani delle acque superficiali (meteoriche, di lavaggio, ecc.) e di quelle

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA VALLE D AOSTA REGION AUTONOME DE LA VALLEE D AOSTE

REGIONE AUTONOMA DELLA VALLE D AOSTA REGION AUTONOME DE LA VALLEE D AOSTE REGIONE AUTONOMA DELLA VALLE D AOSTA REGION AUTONOME DE LA VALLEE D AOSTE COMUNE DI SAINT OYEN COMMUNE DE VALORIZZAZIONE DEL RU NEUF CERISEY CHE SI ESTENDE LUNGO I COMUNI CONTIGUI DI SAINT-OYEN E SAINT-RHEMY-EN-BOSSES

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI Il sottoscritto: Arch. Riccardo Palestra Iscritto all'albo Professionale: Ordine degli Architetti con il n 444 della Provincia di Terni

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE Pagina 1 di 7 LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE SOMMARIO 1. SCOPO...2 2. VALIDITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE...2 4. FOGNATURA...2 4.1.1 Materiali da utilizzare e

Dettagli

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) per ampliamento attività industriale / artigianale ditta CORTI MARMI & GRANITI S.r.l., via Villaggio Sereno n

Dettagli

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE CHIOSCO VILLASANTA (ALLEGATO 1) PROGETTO PRELIMINARE RELAZIONE TECNICA / ILLUSTRATIVA 1 INDICE 1. CENNI STORICI pag. 3 2. ANALISI DELLO STATO DI FATTO pag. 3 3. QUADRO

Dettagli

L accesso al terreno attualmente avviene da Via F.lli Kennedy, sul lato posto a sud, e dalla strada agricola di Via Valle, sul lato a est.

L accesso al terreno attualmente avviene da Via F.lli Kennedy, sul lato posto a sud, e dalla strada agricola di Via Valle, sul lato a est. Rellaziione Tecniico IIllllusttrattiiva IInnt I t eeggrraazz iioonnee i aa lllaa rri iicchhi eesst taa ddi ii PPeerrmeessssoo ddi ii CCoosst trruui iirr ee ddeel ll 0055/ //0022/ 220011 33 pprroot t...00772233

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO

PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO ACCORDO PUBBLICO-PRIVATO N. 2 ART. 6 LR N.11/2004 AZIENDA AGRICOLA BERTAGNA E. e SAURO P. Riqualificazione ambientale con demolizione opera incongrua

Dettagli

DOCUMENTO ISTRUTTORIO

DOCUMENTO ISTRUTTORIO DOCUMENTO ISTRUTTORIO OGGETTO: DISCIPLINARE TECNICO, PARTE IV SEZ 1, ART. 4 AUTORIZZAZIONE DEL PROGETTO DEL PIANO D AMBITO DEFINITIVO: Nuovo collettore di costa per raccolta sfiori rete fognaria e relativi

Dettagli

COMUNE DI FANO RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA PER LA SOPRELEVAZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN FANO VIA RINALDUCCI

COMUNE DI FANO RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA PER LA SOPRELEVAZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN FANO VIA RINALDUCCI COMUNE DI FANO RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA PER LA SOPRELEVAZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN FANO VIA RINALDUCCI COMMITTENTE: MANCINELLI GIUSEPPINA OPERA DELL INGEGNO RIPRODUZIONE VIETATA OGNI

Dettagli

PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI

PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI COMUNE DI VIBO VALENTIA (VV) PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI PROGETTO ESECUTIVO Storia del progetto

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO...

1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO... SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO... 3 5 I CRITERI DEL PROGETTO STRUTTURALE... 4 6 LE FASI REALIZZATIVE...

Dettagli

1 PREMESSA 2 RIFERIMENTI LEGISLATIVI

1 PREMESSA 2 RIFERIMENTI LEGISLATIVI INDICE 1 PREMESSA 2 RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3 - DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI IN PROGETTO 4 BILANCIO DEI MATERIALI DI RISULTA 5 INDIVIDUAZIONE DELLE CAVE DI DEPOSITO 1 1 - PREMESSA La presente relazione

Dettagli

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO COMMITTENTE : M + ASSOCIATI SEREGNO (MB) 2165_15 STUDIO IDROGEOLOGICO E IDRAULICO IN SUPPORTO AL PROGETTO DI UN PERCORSO CICLOPEDONALE NEL COMUNE DI MELZO (MI), DA

Dettagli

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E)

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E) Progetto ESECUTIVO per la realizzazione di fognature nere nell alveo del Torrente Carrione centro città ( tratto da area ex lavaggio di Vezzala al Ponte Via Cavour) Residui economie Lavori di Risanamento

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie medie e fini COMUNE INTERESSATO Ostellato INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie medie e fini COMUNE INTERESSATO Ostellato INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie medie e fini COMUNE INTERESSATO Ostellato INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata in località Cavallara presso l abitato di S.Giovanni nel Comune di Ostellato.

Dettagli

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail. Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26

PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PARERE ESPRESSO DAL GENIO CIVILE DI VENEZIA CON NOTA PROT. N. 279721/46.10 DEL 23 APRILE 2004. VARIANTE n. 23 Il Comune

Dettagli

PROGETTO DI DERIVAZIONE D ACQUA AD USO IDROELETTRICO DAL F. STURA DI DEMONTE A MEZZO DEL CANALE IRRIGUO LA ROVERE - BOSCHETTI

PROGETTO DI DERIVAZIONE D ACQUA AD USO IDROELETTRICO DAL F. STURA DI DEMONTE A MEZZO DEL CANALE IRRIGUO LA ROVERE - BOSCHETTI PROGETTO DI NUOVA DERIVAZIONE D ACQUA DAL TORRENTE MONGIA AD USO ENERGETICO - RELAZIONE DI COMPATIBILITÀ IDRAULICA AI SENSI DEL R.D. 523/1904 - REGIONE PIEMONTE COMUNE DI FOSSANO PROVINCIA DI CUNEO PROGETTO

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA GESTIONE DI TERRE E ROCCE DA SCAVO. Normativa di riferimento: La gestione delle terre e rocce da scavo può avvenire:

ISTRUZIONI PER LA GESTIONE DI TERRE E ROCCE DA SCAVO. Normativa di riferimento: La gestione delle terre e rocce da scavo può avvenire: ISTRUZIONI PER LA GESTIONE DI TERRE E ROCCE DA SCAVO Normativa di riferimento: art. 186 del D.Lgs. 152/06 D.G.R.V. N. 2424 del 08/08/2008 art. 20, comma 10-sexies del D.L. 29/11/2008 n. 185 La gestione

Dettagli

+ S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA

+ S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA + S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO XII - LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI E MANUTENZIONE URBANA CRITERI PER IL DIMENSIONAMENTO DEI CONDOTTI FOGNARI DELLA CITTA' DI ROMA a cura della II unità organizzativa

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE 1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE ART. 18 DEL D.P.R. 207/2010 A) DESCRIZIONE GENERALE L intervento afferisce la realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria al servizio del piano

Dettagli

La presente relazione accompagna il progetto riguardante i Lavori di sistemazione del

La presente relazione accompagna il progetto riguardante i Lavori di sistemazione del La presente relazione accompagna il progetto riguardante i Lavori di sistemazione del Cortile delle Carrozze nel complesso della Venaria Reale. Il cortile attualmente è occupato da un cantiere per la sistemazione

Dettagli

Gli impianti idroelettrici di pompaggio: nuovi protagonisti sulla scena del mercato elettrico?

Gli impianti idroelettrici di pompaggio: nuovi protagonisti sulla scena del mercato elettrico? Trasporto e stoccaggio dell energia: come diventare smart Milano 11 luglio 2011 Gli impianti idroelettrici di pompaggio: nuovi protagonisti sulla scena del mercato elettrico? Clara Risso Direttore Fonti

Dettagli

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BORGOMASINO Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario Giugno 2012 dott. geol. Mirco Rosso

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Allegato alla delibera del C.d.A n.16 dell 11/07/2008 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Art. 1 Obiettivi e campo di applicazione

Dettagli

IL SISTEMA DELLE DOTAZIONI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE

IL SISTEMA DELLE DOTAZIONI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE IL SISTEMA DELLE DOTAZIONI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE Interventi programmati sui depuratori acque reflue Base: copertura della rete fognaria LEGENDA Tavola di inquadramento generale Zone di rispetto dei

Dettagli

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente)

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente) Sommario Capitolo 1- Rete Idrica. Capitolo 2- Rete Metano. Capitolo 3- Rete elettrica e Telematica. Capitolo 4- Rete fognarie Bianche e Nere. Capitolo 5- Impianti di Pubblica Illuminazione. Relazione e

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA GREEN ENERGY S.r.l. Vicolo del Divino Amore n 2/C, 00047 Marino (RM) IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA Comune di Acquapendente (VT) DOMANDA DI CONCESSIONE DI DERIVAZIONE Ai sensi

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

Criteri progettuali Acquedotti e Fognature

Criteri progettuali Acquedotti e Fognature Esame di Stato per l abilitazione alla professione di Ingegnere Criteri progettuali Acquedotti e Fognature Relatore Prof. Ing. Francesco De Paola Dipartimento di Ingegneria Idraulica,Geotecnica e Ambientale

Dettagli

Sommario. Generalità sugli acquedotti. Posizionamento del serbatoio cittadino. Scelta del tracciato dell acquedotto esterno

Sommario. Generalità sugli acquedotti. Posizionamento del serbatoio cittadino. Scelta del tracciato dell acquedotto esterno Anno Accademico 2008 2009 CORSO DI SISTEMI IDRAULICI URBANI Ingegneria per l ambiente ed il territorio N.O. Prof. Ing. Goffredo La Loggia Esercitazione 1: Progetto di un acquedotto esterno e di un serbatoio

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 18_SML

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 18_SML a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) -Zoagli 0701001018 * Punta Punta Chiappe 29,6 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI VARIANTE PARZIALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER MODIFICA SCHEDA NORMA 2-T2 NELLA FRAZIONE DI VADA E VARIANTE CARTOGRAFICA PER PRESA D ATTO DEL NUOVO TRACCIATO AUTOSTRADALE E DELLA VIABILITÀ SECONDARIA.

Dettagli

PREMESSA. I dati di progetto sono stati trasmessi da AIGO S.r.l. e si basano sui seguenti valori tratti dalle utenze dell acquedotto:

PREMESSA. I dati di progetto sono stati trasmessi da AIGO S.r.l. e si basano sui seguenti valori tratti dalle utenze dell acquedotto: PREMESSA Il nuovo collettore fognario ed il depuratore a servizio delle frazioni Roccia, Villaretto e Pranovo rientrano tra le opere previste a compensazione dell impianto idroelettrico proposto sul Rio

Dettagli