Relazione sul monitoraggio della stampa sul fenomeno della tratta degli esseri umani. Ucraina. Città Rzhisciv, Collegio umanitario di Rzhisciv

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione sul monitoraggio della stampa sul fenomeno della tratta degli esseri umani. Ucraina. Città Rzhisciv, Collegio umanitario di Rzhisciv"

Transcript

1 Relazione sul monitoraggio della stampa sul fenomeno della tratta degli esseri umani. Ucraina Città Rzhisciv, Collegio umanitario di Rzhisciv La Questione della tratta degli esseri umani ( specialmente minori ), nonostante i dati statistici pericolosi, rimane fuori dell attenzione della società. Con lo scopo di capire l atteggiamento del problema la società degli studenti volontari Volonter del Collegio umanitario di Rzhisciv ( Ucraina, regione di Kiev, città Rzhisciv ) hanno effettuato il monitoraggio della stampa sulla tematica Fenomeno della tratta degli esseri umani dal mese di giugno del 2009 all ottobre 2010, monitoraggio effettuato in 4 giornali regionali e 5 giornali nazionali. Metodologia della ricerca La Presente tematica è stata descritta in 19 articoli, ossia 2 in giornali locali, 17 in giornali e riviste nazionali. Ogni articolo è stato analizzato secondo le prossime caratteristiche: data dell uscita, titolo, autore, fonti dell informazione, soggetto dell articolo, intonazione dell articolo ( positiva, negativa, neutrale), posizione del soggetto nell articolo, evento, che ha provocato l uscita della pubblicazione, carattere della pubblicazione, carattere illustrativo. La Suddivisione della stampa per titolo è: Composizione delle notizie Rzhisciv 2, Novità di Kagarlik 0, Regione locale 0, Verità di Kiev 0, Ucraina giovane 3, Corriere goverale 2, Argomenti e fatti 3, Settimana legale 1, Sicurezza dell attività vitale 3, Mondo scientifico 3, Voce dell Ucraina 1, Mondo scolastico 1 La Scelta dei titoli per gli articoli evidenzia gli aspetti dei problemi sulla tratta degli esseri umani.: La tratta degli esseri umani non riconosce i confini Rzhisciv ( ) O. Akutina; La tratta dei minori è inammissibile Rzhisciv ( ) L. Kirichenko, Y. Puzhakova; Arrestare cacciatori di esseri umani del XXI secolo, Corriere governale ( )V. Diaghtiarenko; Madonna, che cosa fai su di tè? Corriere governale ( ) O.Osobova; Prigioniera di Cherson, Ucraina giovane ( ) I. Kirpa; Tratta per export, Argomenti e fatti ( ) G. Girak Un filo fa tela, Argomenti e fatti ( ) G. Girak; Intervento Felix Argomenti e fatti ( ) I. Parfenova. Problemi globali azioni globali Voce dell Ucraina ( ) Tratta minori lato opposto della giustizia giuvenale Settimana legale ( ) O. Denisov. Traffico degli esseri umani e lavoratori dall Ucraina. Sicurezza dell attività vitale ( ) Faccia infantile della tratta moderna Mondo scientifico, M. Grigoriv 1

2 Tratta moderna: tratta dei minori Mondo scientifico, V. Necherda. Genitori per soldi Ucraina giovane ( ) M. Aksaniuk Loro non sono i schiavi Sicurezza dell attività vitale ( ) S. Michko Vendete la rene all ebreo ricco?, Ucraina giovane ( ) I. Leonov ONU preoccupata per le dimensioni della prostituzione minorile e tratta dei minori in Ucraina «Sicurezza dell attività vitale» Salviamo i bambini dalla tratta, Sicurezza dell attività vitale ( ) Della violenza in famiglia Giovani contro la violenza, Mondo scientifico ( ) V. Moroz; Mondo scolastico ( ) I.Davidchuk In questo momento giornale La verita di Komsomol in Ucraina ( 4 settembre 2010 ) Transplantologi illegali Argomenti e fatti (18 agosto 2010) Nel corso di monitoraggio della composizione della stampa è stato evidenziato: 1 La tratta spesso persegue lo scopo di: Avvio alla prostituzione ( Madonna, che cosa fai su di sè?, Tratta per export, Un filo fa tela ). Sfruttamento in business pornografico ( Faccia infantile della tratta moderna ) Lavori forzati ( Loro non sono i schiavi, Tratta degli esseri umani e lavoratori dall Ucraina ) Accattonaggio ( Della violenza in famiglia ) scopo di adozione illegale ( Intervento Felix ) Per impianto degli organi e tessuto ( Vendete la rene all ebreo ricco?, Genitori per soldi ) 2. I Bambini soffrono dalla tratta non solo all estero ma anche in Ucraina Prigioniera di Cherson Della riabilitazione delle vittime della tratta si occupano ONG Centro internazionale della protezione dei diritti femminili La Strada, OIM ( Organizzazione internazionale della migrazione ), si occupano del supporto medico, psicologico, invece a livello statale del lavoro di questo genere si occupa il Ministero degli affari interni dell Ucraina rivelazione e liquidazione dell attività criminale organizzata ( Ufficio della lotta con i crimini legati al traffico degli esseri umani presso l Amministrazione del Ministero degli Affari interni dell Ucraina. ) 3. Il problema è rivelato diversamente in diversi regioni dell Ucraina. Arrestare cacciatori di esseri umani del XXI secolo 2

3 4. I motivi della tratta sono: Dipendenze tossiche o alcoliche dei genitori; Livello della formazione insufficiente Assenza del lavoro Alto livello della disoccupazione Discriminazione del genere Stato di abbandono La Composizione dei materiali pubblicati di solito rivelano la legislazione, statistica, ci sono pochissimi descrizioni della vittima, la sua famiglia, l aiuto degli enti statali e sociali ( 5 pubblicazioni, piccole, simili alle comunicazioni ). Una parte dei materiali giornalistici pubblicati ( 10 %) - sono le comunicazioni informative, parlano dell organizzazione degli eventi municipali e regionali, 44% - contengono i consigli concreti per i lettori per come evitare e non capitare nelle trappole della tratta, 30% - materiali di ricerca pubblicazioni dove sono descritti le storie di vita. 40% delle pubblicazioni contengono informazione statistiche, cronaca criminale (13%). I Giornalisti usano il metodo dell intervista degli esperti nell ambito del traffico degli esseri umani, interviste pubblicate separatamente ( 3 articoli Tratta per export, Argomenti e fatti ( ) G. Girak, Tratta minori lato opposto della giustizia giovanile Settimana legale ( ) O. Denisov.), 4 articoli contengono i commenti dei giornalisti ( Arrestare cacciatori di esseri umani del XXI secolo, Corriere governale ( ), V. Diaghtiarenko, Un filo fa tela, Argomenti e fatti ( ) G. Girak, Salviamo i bambini dalla tratta, Sicurezza dell attività vitale ( ). I giornalisti presentano l informazione in modo obiettivo. La descrizione delle situazioni di vita danno l idea della comunicazione. Hanno compassione 57 % dei materiali, negativa 0 %, neutra 43 % delle comunicazioni. Di solito gli autori prendono in considerazione lo sfruttamento lavorativo e sessuale, come le forme principali della tratta, 1 solo articolo ha parlato del problema di accattonaggio ( Della violenza in famiglia Mondo scientifico ( ) V. Moroz ), oltre questo 2 articoli parlano del problema di trapianti e vendita degli organi ( Vendete la rene all ebreo ricco?, Ucraina giovane ( ) I.Leonov ), adozione illegale (1 articolo - Intervento Felix Argomenti e fatti ( ) I. Parfenova ), sfruttamento in busines pornografico 1 articolo - Madonna, che cosa fai su di tè? Corriere governale ( ) O.Osobova ). Descrizione dei protagonisti delle pubblicazioni Le vittime della tratta che sono principalmente descritte sono donne giovani ( 55 % delle storie descritte ), che sono diventate le vittime della violenza sessuale ( la maggioranza delle ragazze sono state illegalmente trasportate all estero con il pretesto di collocamento ) o i maschi in età lavorativa ( 45%) disoccupati, bisognosi, che lavorano sotto l obbligo, la maggioranza sono di origine - provinciale, delle piccole città, borghi, villaggi, al livello dell istruzione hanno la formazione media generale di base, o media professionale ( mestieri di operai ) e partono spesso per guadagnare i soldi in un breve periodo di tempo per vivere nel proprio paese al livello di vita adeguato. 3

4 Oltre la tratta con lo scopo dello sfruttamento sessuale, una quantità dei protagonisti delle pubblicazioni hanno sofferto per adozione illegale, poi sono stati descritti le vittime del trapianto illegale degli organi. Negli articoli di monitoraggio sono stati descritti le condizioni del lavoro delle vittime, sono stati descritti anche i trafficanti. Dai dati confermati, negli articoli sono descritti i fatti della tratta, in maggioranza dei casi con i maggiorenni, solo in 4 articoli (5 %) è descritta la tratta dei bambini che hanno meno di 18 anni. Articolo In questo momento del giornale La verità di Komsomol in Ucraina ( 4 settembre 2010 ) parla della Direzione principale per la lotta con la criminalità organizzata del Ministero degli affari interni dell Ucraina che è riuscita a denunciare 7 gruppi criminali, che si occupavano della tratta, grazie a questo sono riusciti a riportare a casa 18 ragazze ucraine. Articolo Trapiantologi illegali ( Argomenti e fatti) accerta dei fatti su l organizzatori dell attività criminale del reclutamento delle persone per la vendita di propri organi. Articolo Tratta moderna: tratta dei minori ( Mondo scientifico, ) contiene gli dati statistici delle vittime del traffico. In particolare informano che diventano spesso le vittime le ragazze a partire da 15 anni, che provengono dai villaggi, piccole città, diplomati negli istituti tecnici professionali, o ragazzi che sono disoccupati, anche le ragazze che hanno partecipato in concorsi di bellezza, nell attività artistica dilettantistica, che hanno studiato o sognato di studiare a scuole di modelle. Al gruppo a rischio appartengono i minorenni che hanno subito diverse forme della violenza, che succedono in famiglia. Articolo Tratta per export, Argomenti e fatti ( ) forma il concetto dei lettori dell insicurezza possibile, che può capitare a uno che sta per partire all estero. In particolare nell articolo stanno citando Monica Platek consigliere del progetto dell Unione Europea del rafforzamento dei diritti delle donne e bambini in Ucraina : 300 leggi della protezione dei diritti in Ucraina una cifra irreale per la legislazione. Come si può concordare tutta questa quantità della documentazione. Ai cittadini dell Ucraina vale la pena di aumentare l istruzione personale giuridica. E tutto ciò deve iniziare dalla scuola. Ci sono consigli utili in questo articolo anche da parte di coordinatore del programma della lotta contro il traffico delle persone Klara Skrivankovoi: I Bambini devono capire, se partono all estero, che devono lasciare sempre i suoi recapiti e ricordare che essere venduti per schiavitù può essere fatto non solo da estranei ma anche dalla parentela. Laiuto dei servizi sociali Vengono rivelati i fatti criminali, partecipazione di ONG, servizi sociali che lottano con il traffico degli esseri umani, sono nominati in pubblicazioni, solo quando va descritto il loro lavoro (Centro internazionale della protezione dei diritti femminili La Strada, OIM (Organizzazione internazionale della migrazione): grazie al contributo di OIM sono stati creati i centri della riabilitazione, dove le vittime della tratta possono ottenere l aiuto, che gli enti statali purtroppo non possono fornire, per gli enti statali si intende il Dipartimento della lotta con i crimini legati al traffico degli esseri umani presso l Amministrazione del Ministero degli Affari interni dell Ucraina, che illustra informazione operativa e realizza il lavoro operativo. 3 articoli hanno le informazioni sulle famiglie delle vittime, alcuni parenti di corsa hanno chiamato la gente in cerca di persone smarrite ( Prigioniera di Cherson, Ucraina giovane ( ) I. Kirpa), e alcuni hanno venduto i bimbi per ridurre in schiavitù ( Genitori per soldi Ucraina giovane ( ) M. Aksaniuk). 4

5 Conclusioni Il Monitoraggio della stampa ha testimoniato che il problema della tratta degli esseri umani, e in particolare dei minori, è attuale, pero non è messo in evidenza abbastanza nei mass media, i centri di accoglienza per le vittime della tratta spesso non pubblicano informazioni, per motivi della protezione della riservatezza delle vittime del traffico. È aumentato il numero della quantità dei altri Stati che hanno capito l importanza della prevenzione della tratta. È la maggiore testimonianza di questo il progetto internazionale Prevenzione del traffico dei minori in Ucraina Moldova seconda annualità. Monitoraggio dei mezzi pubblici sulla questione della tratta(zitomir) Metodologia di ricerca Nella ricerca data sono stati analizzati certi articoli dei media della Regione di Zitomir sulla questione della tratta nel periodo dal 1 luglio al 31 del Lelenco selezionato conta 15 articoli tra cui sono 10 dai giornali locali invece 5 di quelli sono estratti dai giornali nazionali. Ogni articolo è stato analizzato secondo i seguenti parametri: la data di pubblicazione, autore, soggetto dell articolo, posizione dell articolo (positive, negative, neutrale) e lo stato del soggetto, fonti d informazione, avvenimento che aveva provocato la pubblicazione, carattere illustrativo della pubblicazione. Il metodo principale dell analisi-analisi di contesto. La Distribuzione di articoli è la seguente: «La Città`» - 3, «Il Mercurio» - 6, «LEco (+ Il Dossier 02)» - 2, «Il Tempo» - 2, «Il Giorno» - 2, «La Verità ucraina»-1. I titoli parlano molto esplicitamente di quali aspetti del problema della tratta sono al centro dell attenzione : - «In campo del municipio questione della tratta», «La Citta`» ( ), V.Scust; - «Attenzione: la tratta», «La Citta`» ( ),.Talko; - «Ucraini vanno all`estero come schiavi», «La Citta`» ( ),.Rudy; - «Come le fiabe di Sciaherezade sono trasformate in orrore vero», «Il rcurio» ( ),.Zonov; - «Invece di 50 dollari di guadagno quotidiano del lavoro in campo in Russia la maggior parte di lavoratori dopo di tre mesi di lavoro hanno ricevuto soltanto il biglietto di ritorno», «Il rcurio» ( ), «L`Eco» ( ),.Vascenko, reparto del Ministero dell interno nella Regione di Zitomir; - «Come è finito un casting di modellamento per 500 ragazze ucraine?», «Il rcurio» ( ), Direzione generale del Ministero delle emergenze nella Regione di Zitomir; - «Fermiamo lavoro illegale degli ucraini all estero», «Il rcurio» ( ), servizio P.S nella Regione di Zitomir; 5

6 - «Si puo` cadere in trappola della schiavitu` di lavoro anche in Ucraina», «Il rcurio» ( ), A.Kozlovskij; - «Le pont dona speranza», «Il rcurio» ( ),.Sicevskij; - «Coinvolto in prostituzione», «L`Ec. Il Dossier 02» ( ),.Vascenko; - «Non sono merce, sono uomo, «Il Tempo» ( ), N.Virna; - «In Ucraina fiorisce la tratta moderna» ( ), A.Livinslij; - «La tratta: d adesso anche in Ucraina. Come non diventare vittima?», «Il Giorno» ( ),.Puckova; - «Non cercate felicita` all`estero», «Il Giorno» ( ), L. noprienko; - «10 miti sulla tratta», «la Verita` ucraina» ( ), N.Dovgopol. Una parte di pubblicazioni (25%) e` l informazione sui provvedimenti passati locali e regionali, cronaca criminale (13%). Di solito un lettore cerca di evitare tali rapporti ufficiali cercando anzitutto delle pubblicazioni piu` creative dove si parla delle storie vere ( sono 50% degli articoli analizzati, 44 % hanno dei consigli concreti di come evitare la rete di uno schiavista`. Si deve dire che l`informazione preventiva e` la piu` utile, la si puo` usare nella vita quotidiana di una persona ed aiutarla ad evitare I problemi. Particolarmente a questo proposito è interessante l articolo«10 miti sulla tratta» ( «La Verita` ucraina») dove gli autori cercano di indicare le cause del fenomno della tratta: disoccupazione, poverta`, desiderio di ``una vita bella``, miti sulla vita bella all estero, poca informazione. Il 31 % delle pubblicazioni contengono l informazione statistica, un po` uniforme. I giornalisti non intervistano gli esperti della tratta, non ho trovato neanche un` intervista, solo 2 pubblicazioni (1%) che contengono un commento. La presentazione del materiale e` abbastanza obiettiva. Si usano epiteti, la frequenza dell`uso di certe parole e locazioni danno alla pubblicazione una certa intonazione. Particolarmente e` visibile quando si descrive una situazione vitale. Il 44% dei materiali hanno un tono simpatizzante verso partecipanti e testimoni della situazione, negativo - 0 %, neutrale 56 %. Al significato della parola «tratta» si aggiungono le parole e locazioni come: business clandestino, reti di arruolatore, contratti illegali, reti di schiavitu`, borsa nera del lavoro, schiavitu` del lavoro, sfruttamento sessuale, collocamento illegale al lavoro, fenomeno dello sfruttamento violento, forma moderna di schiavitù, trappola. Gli autori spesso parlano di uno sfruttamento lavorativo e sessuale come le forme più importanti della tratta, soltanto 1 articolo pone il problema di accattonaggio ed altro 1 di trapianto e vendita degli organi. Le Condizioni di lavoro dei nostri concittaddini si descrivono come: da schiavi, pesanti, illegali e posti di lavoro come: baracca, ippodromo, schiavitu`, «stazione di cura», barbarie, hangar. Come un esempio si descrive l`edificio trascurato di una scuola con finestre spezzate, pavimento di beton, senza porte, auditori per 15 lavoratori con 3 letti, sul territorio un pozzo con l`acqua fredda per 400 persone che cercano di lavarsi. I lavoratori sono giovani donne, ragazze-manodopera gratuita che hanno poca informazione, la gente confidente e caduta in disperazione, cittadini della provincia dell`eta` lavorativa, la gente che non conosce propri diritti, non difesa socialmente, uomini costruttori che hanno perso lavoro e speranza all aiuto dello stato, schiavi senza diritti, vittime della tratta. Svariato e` anche l aspetto di organizzatori del delitto- sono possessori moderni di schiavi, arruolatori pieni di iniziativa, datori di lavoro, sfruttatori, papponi, fornitori e malviventi. Lo si puo` diventare qualsiasi persona: conoscenti, concittadini, conoscenti a caso. Hanno certe caratteristiche: sanno compatire, carpire la fiducia, hanno un dono di far cambiare idea e di promettere. 6

7 Aspetti di protagonisti di pubblicazioni I media descrivono un carattere comune di persone che rischiano ad andare a lavorare all estero. Ci sono articoli che descrivono le storie reali e molto di rado l autore riesce ad evitare un giudizio estimativo. Anche l informazione statistica influisce sul lettore però in questo caso l articolo non descrive il soggetto della tratta. La maggior parte delle descritte vittime della tratta sono giovani donne (55 % ) e uomini che hanno l`et ` attiva lavorativa (45 %) e anche disoccupati e indigenti. Secondo lo stato famigliare ci sono sia ragazze nubili che quelle sposate che hanno bambini; uomini da 17 anni che piuttosto hanno famiglia; di origine sono di citta` piccole oppure villaggi; secondo l istruzione hanno di solito un diploma di base di un mestiere di operaio e vanno via piuttosto per poco tempo allo scopo di guadagnare per alzare il livello di vita della sua famiglia. Aiuto dei servizi sociali, sostegno alle famiglie Negli articoli menzionano anche ONG e servizi sociali. Nelle pubblicazioni dove si parla delle situazioni concrete soltanto 2 volte e` presente International Women's Human Rights Center "La Strada Ucraina, in altri casi- Ministero dell`interno (Reparto della lotta con delitti legati alla tratta), Organizzazione internazionale di migrazione. Si commenta che testimoni e vittime spesso non confessano il delitto non soltanto alle forze dell ordine o ad ONG ma anche ai loro parenti o per vergogna o perchè` non credono che sfruttatori veramente saranno condannati oppure hanno paura di una vendetta del delinquente. La famiglia della vittima si menziona raramente (solo in 2 articoli): «la madre ha dato l`allarme ai miliziani per liberare bambino», «insistenti richieste dei parenti per sapere dove sono finiti i loro bambini e mariti». Come era indicato sopra si mette piu` l`accento ai fatti criminali e non per mostrare le possibilita` e partecipazione dei servizi sociali e ONG per quanto riguarda la tratta. 7

Audizione Commissione Speciale del Parlamento Europeo sulla criminalità organizzata, la corruzione e il riciclaggio di denaro.

Audizione Commissione Speciale del Parlamento Europeo sulla criminalità organizzata, la corruzione e il riciclaggio di denaro. Audizione Commissione Speciale del Parlamento Europeo sulla criminalità organizzata, la corruzione e il riciclaggio di denaro. Aretusa Tematica legislativa All interno della rete Aretusa vi è la presenza

Dettagli

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA COMUNICATO STAMPA PER L 8 MARZO TANTI GIOVANI SI SONO CONFRONTATI SUL TEMA DELLA VIOLENZA SULLE DONNE CON L INIZIATIVA DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PARI OPPORTUNITA, DI AMNESTY INTERNATIONAL E DELL L

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

Le Donne: il motore della vita

Le Donne: il motore della vita Le Donne: il motore della vita Il team di questo progetto è composto da me stessa. Sono una giovane laureata in Giurisprudenza e praticante avvocato, molto sensibile e attenta al tema riguardante la violenza

Dettagli

L ITALIA VISTA DA CHI LA ABITA SONDAGGIO DOXA

L ITALIA VISTA DA CHI LA ABITA SONDAGGIO DOXA L ITALIA VISTA DA CHI LA ABITA SONDAGGIO DOXA PRINCIPALI RISULTATI EMERSI Tra le tematiche sociali maggiormente sentite dagli adolescenti vi è prima di tutto il diritto alla vita (37%), sentito ancor di

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

Programme "Prevention of and Fight against Crime" European Commission Directorate General Justice Freedom and Security

Programme Prevention of and Fight against Crime European Commission Directorate General Justice Freedom and Security Programme "Prevention of and Fight against Crime" European Commission Directorate General Justice Freedom and Security JUST. Juvenile Justice. Development of child rights based methods of intervention

Dettagli

Report annuale 2014 Progetto CASA PANGEA Calcutta

Report annuale 2014 Progetto CASA PANGEA Calcutta Report annuale 2014 Progetto CASA PANGEA Calcutta Fondazione Pangea è impegnata in un programma a sostegno di donne e bambine con disabilità fisiche o mentali che vivono negli slum di Calcutta e nell area

Dettagli

Le persone senza dimora

Le persone senza dimora Le persone senza dimora Linda Laura Sabbadini Direttore Dipartimento statistiche sociali e ambientali 9 Ottobre 2012 In maggioranza vivono al Nord Sono 47.648 le persone senza dimora che tra novembre e

Dettagli

Comunicato stampa. Il viaggio di Operation Daywork in Albania

Comunicato stampa. Il viaggio di Operation Daywork in Albania Comunicato stampa Il viaggio di Operation Daywork in Albania Il viaggio: Operation Daywork ogni anno sostiene un progetto di cooperazione allo sviluppo nel mondo. All assemblea generale del 17 Maggio 2014

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2011 2012. Via DeGasperi 3 27100 Pavia

ANNO SCOLASTICO 2011 2012. Via DeGasperi 3 27100 Pavia Comune di VOGHERA Provincia di Titolo del progetto (o, in alternativa, descrizione) Obiettivi PAVIA Progetto di Educazione alla legalità nelle scuole medie cittadine per l anno scolastico 2011-2012 Vedi

Dettagli

"Tratta e sfruttamento: tutela delle vittime, percorsi di autonomia, esperienze di inserimento lavorativo"

Tratta e sfruttamento: tutela delle vittime, percorsi di autonomia, esperienze di inserimento lavorativo "Tratta e sfruttamento: tutela delle vittime, percorsi di autonomia, esperienze di inserimento lavorativo" Definizione della tratta a. Reclutamento, trasporto, trasferimento, l'ospitare o l'accogliere

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Rispecchia il rispetto (Di)Segni di non violenza

Rispecchia il rispetto (Di)Segni di non violenza Rispecchia il rispetto (Di)Segni di non violenza IL NOSTRO TEAM Ciao! Siamo due ragazze laureate in Consulenza pedagogica e coordinamento degli interventi formativi che hanno detto: Basta con la violenza!.

Dettagli

20 Novembre 2014. Giornata Mondiale dei diritti dell infanzia e dell adolescenza. In viaggio alla scoperta dei diritti delle bambine e dei bambini

20 Novembre 2014. Giornata Mondiale dei diritti dell infanzia e dell adolescenza. In viaggio alla scoperta dei diritti delle bambine e dei bambini 20 Novembre 2014 Giornata Mondiale dei diritti dell infanzia e dell adolescenza In viaggio alla scoperta dei diritti delle bambine e dei bambini 1989 1997 Diritto

Dettagli

Attività a Tema in Branca L/C

Attività a Tema in Branca L/C in Branca L/C Queste note fanno seguito al laboratorio sulle del 13 marzo 2013 a Roma e riprendono il sussidio, ormai introvabile, concepito nel 1973 e rivisto nel 1982. Le nascono nella Branca Lupetti

Dettagli

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI Chi commette violenza, sta commettendo un reato! Spesso si minimizza la gravità di un atto violento ma, per la legge, ogni atto violento va sanzionato e punito. In Italia,

Dettagli

L'analisi del fenomeno della violenza attraverso le rilevazioni dell'istat

L'analisi del fenomeno della violenza attraverso le rilevazioni dell'istat L'analisi del fenomeno della violenza attraverso le rilevazioni dell'istat Maria Giuseppina Muratore Pisa, 26 novembre 2013 Gli omicidi di donne: un quadro costante nel tempo Gli omicidi risultano in forte

Dettagli

Comune di Jesi. Protocollo d intesa

Comune di Jesi. Protocollo d intesa Comune di Jesi Protocollo d intesa TRA LA PREFETTURA DI ANCONA, IL COMUNE DI JESI, LE FORZE DELL ORDINE, L UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE, IL C.I.O.F., L ASUR ZONA TERRITORIALE 5, L AMBITO TERRITORIALE

Dettagli

Molestie sessuali, violenze e ricatti sessuali sul lavoro nelle indagini Istat. Linda Laura Sabbadini Direttore Centrale ISTAT

Molestie sessuali, violenze e ricatti sessuali sul lavoro nelle indagini Istat. Linda Laura Sabbadini Direttore Centrale ISTAT Molestie sessuali, violenze e ricatti sessuali sul lavoro nelle indagini Istat Linda Laura Sabbadini Direttore Centrale ISTAT Molestie, violenze, ricatti sessuali sul lavoro Sono 1 milione 308 mila le

Dettagli

Settimana del SAPERE

Settimana del SAPERE Settimana del SAPERE Fascicolo 1 Il sapere e la storia di due giovani uomini All interno: l originale in Inglese e la traduzione in Italiano di una delle più famose lettere di vendita di tutti i tempi

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

RAPPORTO MICROCREDITO A ZINDER/NIGER

RAPPORTO MICROCREDITO A ZINDER/NIGER RAPPORTO MICROCREDITO A ZINDER/NIGER Incontro per iniziare il micro credito Il microcredito ha avuto inizio nel gennaio/febbraio 2007 a favore delle donne della Comunità Urbana di Zinder. Esso costituisce

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Aggressività: violenza, furti e bullismo

Aggressività: violenza, furti e bullismo Aggressività: violenza, furti e bullismo Numero del Questionario Completato Attenzione! Ogni questionario completato deve riportare il numero progressivo di compilazione (es. per primo questionario completato

Dettagli

Avocats sans Frontières Italia

Avocats sans Frontières Italia Avocats sans Frontières Italia BAMBINI SOLDATO IN AFRICA UN DRAMMA NEL DRAMMA Presentazione del Rapporto di Amnesty International 21.000 bambini soldato in Liberia Roma 8 Novembre 2004 Processabilità e

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Diritti bambini. I dati riportati sono tratti da un

Diritti bambini. I dati riportati sono tratti da un Diritti bambini L assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1959 ha stilato la Dichiarazione dei Diritti del Fanciullo ampliata e integrata nel 1989 con la Dichiarazione dei Diritti del Bambino

Dettagli

UN PASSO IN AVANTI NEL CONTRASTO ALL ABUSO SUI MINORI

UN PASSO IN AVANTI NEL CONTRASTO ALL ABUSO SUI MINORI UN PASSO IN AVANTI NEL CONTRASTO ALL ABUSO SUI MINORI LA CONVENZIONE DI LANZAROTE La Convenzione del Consiglio d Europa per la protezione dei minori contro lo sfruttamento e l abuso sessuale, fatta a Lanzarote

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO»

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» anno scolastico 2012/2013 PROGETTO GIORNALINO DI ISTITUTO DOCENTI REFERENTI DESTINATARI FINALITA' prof.sse Maria-Eleonora De Nisco Claudia Liberatore Alunni di tutte le

Dettagli

1. Preambolo: obiettivo e campo d applicazione

1. Preambolo: obiettivo e campo d applicazione Codice di condotta 1. Preambolo: obiettivo e campo d applicazione In quanto azienda attiva in campo internazionale con lunga tradizione, ARGOR-HERAEUS gode di un ottima reputazione a livello mondiale.

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi Articolo 1: Il bambino (o bambina) è ogni essere umano fino a 18 anni. Articolo 2: Gli Stati devono rispettare, nel

Dettagli

Business and Human Rights: una introduzione. Sessione pilota del Corso di formazione di base

Business and Human Rights: una introduzione. Sessione pilota del Corso di formazione di base Business and Human Rights: una introduzione Sessione pilota del Corso di formazione di base Milano, 12 Novembre 2015 I Diritti Umani: una definizione Cosa sono i Diritti Umani? I Diritti Umani: una definizione

Dettagli

Giornata dei diritti dei bambini

Giornata dei diritti dei bambini Giornata dei diritti dei bambini Il 20 novembre del 1989 è stata approvata dall Assemblea delle Nazioni Unite la Convezione dei Diritti dell Infanzia. In Italia, la convenzione è stata approvata nel 1991

Dettagli

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010 UNICEF Missione e organizzazione Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza 23 marzo 2010 I momenti principali della storia dell UNICEF (1) 11 Dic. 1946: l Assemblea Generale dell ONU istituisce l UNICEF

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere I Servizi della Provincia di Rimini a favore delle donne in difficoltà e per il contrasto della violenza di genere Servizio Per Lei accompagnamento ed inclusione sociale per donne in difficoltà Come noto,

Dettagli

LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado

LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado IL NOSTRO TEAM Il nostro team è composto da avvocati, una psicologa, una educatrice,

Dettagli

L'Afghanistan della gente: la guerra permanente, l'oppressione e le donne

L'Afghanistan della gente: la guerra permanente, l'oppressione e le donne L'Afghanistan della gente: la guerra permanente, l'oppressione e le donne Che cosa è successo e succede in Afghanistan Che cosa hanno vissuto e vivono le donne Donne speciali: RAWA, HAWCA, OPAWC, Malalai

Dettagli

Cocaina e il mondo della notte

Cocaina e il mondo della notte Cocaina e il mondo della notte Gruppo di ricerca formato da : Fabio Mariani e Claudio Marinelli Cooperativa Progetto sul cocainismo - Seconda Annualità anno 2009 FINALITA Emersione del cosiddetto sommerso

Dettagli

PROVINCIA DI PADOVA: VERSO IL PIANO STRATEGICO

PROVINCIA DI PADOVA: VERSO IL PIANO STRATEGICO PROVINCIA DI PADOVA: VERSO IL PIANO STRATEGICO Progetto di ricerca La sicurezza costruiamola insieme Ricerca sull opinione dei cittadini della Provincia di Padova -Rapporto di ricerca - Gennaio 2012 Indice

Dettagli

IL PIANETA DELLE DONNE

IL PIANETA DELLE DONNE IL PIANETA DELLE DONNE 1. SECONDO TE PERCHE TUTTE LE DONNE DEL PIANETA DECIDONO DI ADDORMENTARSI? 2. SECONDO TE PERCHE GLI UOMINI SI COMPORTAVANO IRRISPETTOSAMENTE NEI CONFRONTI DELLE DONNE? 3. SECONDO

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

Unità 1. Numeri di emergenza. Lavoriamo sulla comprensione. In questa unità imparerai:

Unità 1. Numeri di emergenza. Lavoriamo sulla comprensione. In questa unità imparerai: Unità 1 Numeri di emergenza In questa unità imparerai: I principali numeri di emergenza le parole relative alle emergenze più comuni l uso di alcuni avverbi e locuzioni avverbiali di modo ad alta frequenza:

Dettagli

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo Violenza sulle donne In ogni parte del mondo Più della metà della popolazione mondiale femminile è vittima di molteplici forme di violenza. A ogni latitudine, in qualsiasi paese, in contesti sociali diversi

Dettagli

Sogni da riaccendere Benin

Sogni da riaccendere Benin Sogni da riaccendere Benin Il Sole Onlus Nel 1997 nasce, a Como, l Associazione Il Sole Onlus. Il suo obiettivo è, fin da subito, garantire ai bambini, soprattutto nei Paesi in Via di Sviluppo, uguaglianza

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Assessorato alla Salute ed Equità Sociale. Grafica di: Francesca Teot - Comune di Udine

Assessorato alla Salute ed Equità Sociale. Grafica di: Francesca Teot - Comune di Udine Assessorato alla Salute ed Equità Sociale Grafica di: Francesca Teot - Comune di Udine violenza sulle donne Riconosci e combatti la violenza di genere La violenza domestica, quella che avviene quotidianamente

Dettagli

Vivere il Sogno. Vivere è bello, vivere bene è meglio!!! Diventa fan su Facebook: Tutte le novità da subito

Vivere il Sogno. Vivere è bello, vivere bene è meglio!!! Diventa fan su Facebook: Tutte le novità da subito Vivere il Sogno Vivere è bello, vivere bene è meglio!!! Diventa fan su Facebook: Tutte le novità da subito VIVERE IL SOGNO!!! 4 semplici passi per la TUA indipendenza finanziaria (Il Network Marketing)

Dettagli

I bambini soldato: situazione e cause

I bambini soldato: situazione e cause I bambini soldato: situazione e cause Sono più di 300.000 i minori di 18 anni attualmente impegnati in conflitti nel mondo. Centinaia di migliaia hanno combattuto nell'ultimo decennio, alcuni negli eserciti

Dettagli

Consultazione rivolta ad associazioni iscritte al registro UNAR

Consultazione rivolta ad associazioni iscritte al registro UNAR Consultazione rivolta ad associazioni iscritte al registro UNAR Informazioni generali 1) In quale anno l associazione si è iscritta nel registro UNAR? 2) Indicate di quali tipologie di discriminazioni

Dettagli

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne;

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA L Amministrazione Provinciale di Cuneo,

Dettagli

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO Il progetto relativo alla creazione di un Centro antiviolenza nasce dalla sensibilità verso la violenza sulle donne da parte della Commissione Pari Opportunità di Montevarchi

Dettagli

Guida all uso. on line

Guida all uso. on line Guida all uso on line www.romatiburtina.it Ricco di storia, di attività, di tanti beni e servizi che sono cresciuti insieme alle case, alle famiglie e alle loro esigenze, nel V Municipio, tutto è a portata

Dettagli

QUESTIONARIO RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI DEI MIGRANTI

QUESTIONARIO RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI DEI MIGRANTI QUESTIONARIO RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI DEI MIGRANTI codice intervista: Sezione A) DATI RELATIVI ALL ASSOCIAZIONE E A CHI RISPONDE AL QUESTIONARIO.A00 Denominazione Associazione Nome e Cognome Numero di

Dettagli

I PROTAGONISTI DELL IMMIGRAZIONE. Indovinello: QUANDO GLI EMIGRANTI ERAVAMO NOI

I PROTAGONISTI DELL IMMIGRAZIONE. Indovinello: QUANDO GLI EMIGRANTI ERAVAMO NOI Comunità Leumann 2011/2012 I PROTAGONISTI DELL IMMIGRAZIONE Indovinello: Non sono molto alti e sono di carnagione scura. Hanno i capelli neri. Parlano tra loro usando dialetti incomprensibili, sono rumorosi

Dettagli

Quotidiano on line di informazione su tecnologia e internet

Quotidiano on line di informazione su tecnologia e internet Quotidiano on line di informazione su tecnologia e internet Informazione ICT, prima di tutto Webnews è il giornale on line che racconta quotidianamente l attualità tecnologica. Originale. Credibile. Puntuale.

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S.

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S. Volontariato Internazionale Donna Educazione Sviluppo Volontariat International Femme Education Développement International Volunteerism Organization for Women, Education, Development ONG con Statuto Consultivo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA in materia di contrasto dei fenomeni di sfruttamento, riduzione in schiavitù e tratta di esseri umani

PROTOCOLLO D INTESA in materia di contrasto dei fenomeni di sfruttamento, riduzione in schiavitù e tratta di esseri umani PROTOCOLLO D INTESA in materia di contrasto dei fenomeni di sfruttamento, riduzione in schiavitù e tratta di esseri umani tra Regione Emilia-Romagna Direzione Distrettuale Antimafia Emilia-Romagna Procura

Dettagli

QUI SI TRATTA DI ESSERI/E UMANI. Anno scolastico 2015/2016

QUI SI TRATTA DI ESSERI/E UMANI. Anno scolastico 2015/2016 Concorso QUI SI TRATTA DI ESSERI/E UMANI Anno scolastico 2015/2016 La tratta di esseri umani coinvolge oltre 150 paesi di origine e 124 di destinazione. I dati che arrivano dall ultimo Rapporto sulla tratta

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico

Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico Uno degli strumenti innovativi introdotti dalla legge n. 269/98 riguarda l attività di investigazione rivolta alla prevenzione

Dettagli

Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato

Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato Leonardo Becchetti, Angela Schito - 15/04/2009 (BENE COMUNE:NET) Una delle conseguenze della crisi che stiamo vivendo riguarderà senza dubbio le

Dettagli

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi LA COMUNITA CINESE IN ITALIA A cura di Federica Aurizi Acquisizione ed elaborazione dei dati riassunti nelle schede sono ricavati dalle seguenti fonti: Barbagli (a cura di), 1 Rapporto sugli immigrati

Dettagli

PARTECIPA ANCHE TU IL SILENZIO UCCIDE LA DIGNITA

PARTECIPA ANCHE TU IL SILENZIO UCCIDE LA DIGNITA IL SILENZIO UCCIDE LA DIGNITA PARTECIPA ANCHE TU IL CUG ISPRA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE Interventi - Discussione - Confronto Lunedì 25 Novembre Sala Conferenze Brancati 48 Ore 10.00 Il CUG ISPRA ha

Dettagli

Linda Laura Sabbadini

Linda Laura Sabbadini La violenza e i maltrattamenti contro le donne I maltrattamenti contro le donne dentro e fuori la famiglia Direttore Centrale ISTAT Perché un indagine sulla violenza sulle donne? Le denunce sono solo la

Dettagli

Scheda sintetica del progetto arvore da vida

Scheda sintetica del progetto arvore da vida Scheda sintetica del progetto arvore da vida Contesto AVSI collabora con FIAT Brasile dal 2004, con il progetto di responsabilità sociale Arvore da Vida, nelle aree prossime allo stabilimento di Belo Horizonte,

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Indagine internazionale sull educazione civica e alla cittadinanza Indagine Principale ICCS 2009

Indagine internazionale sull educazione civica e alla cittadinanza Indagine Principale ICCS 2009 ETICHETTA IDENTIFICATIVA Indagine internazionale sull educazione civica e alla cittadinanza Indagine Principale ICCS 2009 Questionario studenti INTERNATIONAL ASSOCIATION FOR THE EVALUATION OF EDUCATIONAL

Dettagli

Centro di ascolto per donne vittime di violenza Gorla Maggiore - Piazza Martiri della Libertà c/o Palazzo dell Assunta tel. 0331.

Centro di ascolto per donne vittime di violenza Gorla Maggiore - Piazza Martiri della Libertà c/o Palazzo dell Assunta tel. 0331. Centro di ascolto per donne vittime di violenza Gorla Maggiore - Piazza Martiri della Libertà c/o Palazzo dell Assunta tel. 0331.618959 LA VIOLENZA La violenza domestica è un problema sociale non è un

Dettagli

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Milano, Aprile 2009 Indagine effettuata per Fratelli dell Uomo Rev. 00 1/29 L obiettivo primario era OBIETTIVI Verificare opinioni e atteggiamenti degli italiani nei confronti

Dettagli

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA Il principio della parità fra donne e uomini è sempre stato uno dei cardini della costruzione dell Europa unita. I suoi aspetti essenziali sono infatti espressi già nel Trattato

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente? Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro? Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA IN 11 PAESI DEL MONDO

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA IN 11 PAESI DEL MONDO L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA IN 11 PAESI DEL MONDO (ricerca di mercato condotta da GPF e ISPO) 15 dicembre 2005 Mezzogiorno d Italia 2004 1/18 SCOPO DELL INDAGINE Analizzare presso la Business Community

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO Sommario

ISTRUZIONI PER L USO Sommario ISTRUZIONI PER L USO Sommario PRESENTAZIONE... 2 DESCRIZIONE... 3 PROFILO UTENTE... 5 PAGINA AZIENDA... 6 PAGINA ASSOCIAZIONE... 9 DISCUSSIONI...12 GESTIONE AZIENDALE...13 DOMANDE...14 MERCATO DEL LAVORO...15

Dettagli

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance CUSTOMER SUCCESS STORY Febbraio 2014 Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance PROFILO DEL CLIENTE Settore: servizi IT Società: Lexmark Dipendenti: 12.000 Fatturato:

Dettagli

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO:

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO: PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA La Prefettura di Modena, l Amministrazione

Dettagli

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A. LAVORO E ACCOGLIENZA a cura di S. Campisi INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A.

Dettagli

Fig. 1 La voglia di impresa degli italiani. Fonte: indagine Confcommercio-Format novembre 2015

Fig. 1 La voglia di impresa degli italiani. Fonte: indagine Confcommercio-Format novembre 2015 La nascita dell impresa Secondo la ricerca, quasi il 60% dei cittadini italiani sopra i 24 anni ha voglia di impresa e, di questi, quasi il 40% ha provato o sta provando ad aprire una impresa o ha avuto

Dettagli

Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni

Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni Documentazione del lavoro svolto Anno scolastico 2010/2011 Scuola Primaria Statale Pennabilli Capoluogo

Dettagli

I Centri Antiviolenza metodologia di intervento a sostegno delle donne vittime di violenza di genere

I Centri Antiviolenza metodologia di intervento a sostegno delle donne vittime di violenza di genere I Centri Antiviolenza metodologia di intervento a sostegno delle donne vittime di violenza di genere Avv. Luigia Barone Responsabile del Centro Maree per donne in difficoltà e vittime di violenza Solidea

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

Inserimento professionale dei diplomati universitari

Inserimento professionale dei diplomati universitari 22 luglio 2003 Inserimento professionale dei diplomati universitari Indagine 2002 Nel corso degli ultimi anni l Istat ha rivisitato e notevolmente ampliato il patrimonio informativo sull istruzione e la

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA Comportamenti violenti in adolescenza nella provincia di Rimini

PROGETTO DI RICERCA Comportamenti violenti in adolescenza nella provincia di Rimini PROGETTO DI RICERCA Comportamenti violenti in adolescenza nella provincia di Rimini In collaborazione con l Assessorato Politiche Sociali della Provincia di Rimini. Coordinatore scientifico del progetto

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

La prima pagina uno schema fisso La testata manchette

La prima pagina uno schema fisso La testata manchette IL QUOTIDIANO La prima pagina è la facciata del quotidiano, presenta gli avvenimenti trattati più rilevanti e solitamente sono commentati; gli articoli sono disposti secondo uno schema fisso che ha lo

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI INFANTILI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti - Ufficio

Dettagli

LA MATERNITA SURROGATA:

LA MATERNITA SURROGATA: LA MATERNITA SURROGATA: SFRUTTAMENTO DELLE DONNE DEI PAESI POVERI Bioeticista, Presidente Movimento PER Politica Etica Responsabilità Vice Presidente della Commissione Cultura della Regione Lazio Presidente

Dettagli

BeLL Questionario. www.bell-project.eu

BeLL Questionario. www.bell-project.eu Q BeLL Questionario www.bell-project.eu Gentile corsista, L obiettivo di questa indagine è raccogliere informazioni sulla sua esperienza di apprendimento in età adulta. Siamo interessati in particolare

Dettagli

LA VIOLENZA SULLE DONNE E LE STRADE PER LA PREVENZIONE. Assessorato alle Politiche attive di Cittadinanza, Diritti Sociali e Parità

LA VIOLENZA SULLE DONNE E LE STRADE PER LA PREVENZIONE. Assessorato alle Politiche attive di Cittadinanza, Diritti Sociali e Parità LA VIOLENZA SULLE DONNE E LE STRADE PER LA PREVENZIONE Assessorato alle Politiche attive di Cittadinanza, Diritti Sociali e Parità 1 I numeri della violenza nei confronti delle donne in Italia ancora non

Dettagli

RIUNIONE 19 MARZO INTERVENTO CENTRO DI ASCOLTO UR SICILIA CST PALERMO RESPONSABILE ADRIANA ARONADIO

RIUNIONE 19 MARZO INTERVENTO CENTRO DI ASCOLTO UR SICILIA CST PALERMO RESPONSABILE ADRIANA ARONADIO RIUNIONE 19 MARZO INTERVENTO CENTRO DI ASCOLTO UR SICILIA CST PALERMO RESPONSABILE ADRIANA ARONADIO Grazie ad Alessandra per avermi invitata qui oggi. Sono Adriana Aronadio, responsabile del Centro Ascolto

Dettagli

Diritti umani e giornalismo partecipativo

Diritti umani e giornalismo partecipativo Corso Diritti Umani e Giornalismo Partecipativo Diritti umani e giornalismo partecipativo La comunicazione umanitaria Corso specialistico rivolto agli studenti del triennio a cura di Il corso si propone

Dettagli

GIUSTIZIA RIPARATIVA.

GIUSTIZIA RIPARATIVA. GIUSTIZIA RIPARATIVA. Motori di questo approccio originale alla giustizia sono forse due presupposti fondamentali quanto semplici: - l insoddisfazione verso i precedenti modelli di giustizia (retributivo/riabilitativo)

Dettagli

GIRLS DAY. Il Comitato per la promozione dell imprenditoria femminile costituito presso la CCIAA di

GIRLS DAY. Il Comitato per la promozione dell imprenditoria femminile costituito presso la CCIAA di GIRLS DAY Grosseto - 1a edizione anno scolastico 2013/2014 Giovani studentesse incontrano il mondo del lavoro Premessa Il Comitato per la promozione dell imprenditoria femminile costituito presso la CCIAA

Dettagli