SPY SYSTEM MANUALE DI PROGRAMMAZIONE E MONTAGGIO PROGRAMMATION AND MOUNTING MANUAL VER. 6.1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SPY SYSTEM MANUALE DI PROGRAMMAZIONE E MONTAGGIO PROGRAMMATION AND MOUNTING MANUAL VER. 6.1"

Transcript

1 SPY SYSTEM MANUALE DI PROGRAMMAZIONE E MONTAGGIO PROGRAMMATION AND MOUNTING MANUAL VER. 6.1 SISTEMA DI SUPERVISIONE CENTRALIZZATA DELL IMPIANTO DI EMERGENZA CENTRALIZED SUPERVISION SYSTEM OF THE EMERGENCY LIGHTING PLANT Pag.2-53 Pag

2 indice MANUALE PROGRAMMAZIONE E INSTALLAZIONE SPY SYSTEM 3 CAPITOLO 1 CONFIGURAZIONE INIZIALE Prima accensione Inserimento dati installatore Configurazione impostazioni di rete 6 CAPITOLO 2 CONFIGURAZIONE IMPIANTO Funzione Monitor Bus Auto aquisizione lampade Verifica acquisizione lampade Modulo Registrazione Impianto Aggiunta lampade Rimozione lampade Salvataggio Dati e Aggiornamento Sistema CAPITOLO 3 12 CREAZIONE GRUPPI Creazione gruppi Spostare lampade in un gruppo CAPITOLO 4 15 CONFIGURAZIONE LAMPADE Configurazione lampada Utilità Filtro - Visual lampade - Settings CAPITOLO 5 17 ESECUZIONE TEST MANUALI Test manuali e Rest Mode Interruttore ON-OFF Permanente fax CAPITOLO 6 19 STAMPE, EVENTI E DOMOTICA tel Schermata Stampe Registro Eventi Domotica Programmazione SS MINI PLUS(Da display touch)

3 indice MANUALE PROGRAMMAZIONE E INSTALLAZIONE SPY SYSTEM CAPITOLO 7 31 CARATTERISTICHE E MONTAGGIO CENTRALE - SS CENT Fissaggio Alimentazione Unità centrale Abilitazione batteria tampone Collegamento linea Bus Collegamento per Programmazione CAPITOLO 8 35 CARATTERISTICHE E MONTAGGIO CENTRALE - SS MINI - -SS MINI PLUS Caratteristiche Generali Caratteristiche Tecniche Dove installare la Centrale Collegamento alimentazione Collegamento linea bus Collegamenti per Programmazione Uscita Segnalazione Anomalie Esterna CAPITOLO 9 40 CARATTERISTICHE E MONTAGGIO CENTRALE - SS PRO Caratteristiche Generali Caratteristiche Tecniche Collegamento elettrici Collegamento batteria tampone Dove installare la centrale Collegamento linea Bus Collegamento per programmazione CAPITOLO CARATTERISTICHE E MONTAGGIO CENTRALE - SS PRO II Caratteristiche Generali Caratteristiche Tecniche Collegamenti elettrici Collegamento Batteria Tampone Dove installare la centrale Collegamento per Programmazione Segnalazione Anomalie Uscita Segnalazione Anomalie Esterna Garanzia e Start up

4 CAPITOLO 1 CONFIGURAZIONE INIZIALE L installatore, mediante un PC collegato via Ethernet oppure tramite Tastiera virtuale, può provvedere alla personalizzazione dell impianto mediante le procedure di seguito descritte. Tastiera virtuale si ottiene cliccando sul tasto SSCENT - SSPRO solo sulle versioni Se si esegue la programmazione con Mouse e Tastiera USB, assicurarsi di averli collegati correttamente prima di accendere la Centrale. NOTA 1.1 PRIMA ACCENSIONE Terminata la fase di boot iniziale della Centrale, della durata di circa 60 secondi, comparirà sullo schermo LCD (oppure sul PC ad essa collegata), la schermata principale (Fig.1.1). Fig.1.1 Da questa schermata, cliccando su un punto qualsiasi è possibile accedere alla schermata di CONTROLLO, organizzata così come mostrato in Fig.1.2. Fig FINESTRA REGISTRO TEST 3 STATO DEL SISTEMA (N/A STANDBY) LEGENDA SEGNALAZIONI TEST PASS TEST NON ESEGUITO TEST FAIL DATA E ORA Fig LAMPADE REGISTRATE (LAMPADE ACQUISITE) LAMPADE IN EMERGENZA LAMPADE CHE NON RISPONDONO (problemi sul bus) STATO DEL TEST DI AUTONOMIA STATO DEL TEST FUNZIONALE TASTI DI NAVIGAZIONE PERCENTUALE NON TESTATA 3

5 CONFIGURAZIONE INIZIALE CAPITOLO INSERIMENTO DATI INSTALLATORE i COME ARRIVARE Password Default Accesso locale Accesso remoto Cliccare sul tasto CONFIGURAZIONE SISTEMA per accedere alla schermata CONFIGURAZIONE GENERALI Per accedere al menù successivo il sistema richiede l immissione di una password così impostata: 1234 se si sta lavorando con la propria tastiera USB o virtuale da touch screen 5678 se ci si collega attraverso la porta Ethernet La schermata di CONFIGURAZIONE GENERALE (Fig.2.3) permette di: 1. Inserire i dati anagrafici dell installatore 4. Impostare l ora e la data della centrale 2.Inserire i dati del cliente 5. Cambiare la password di accesso 3. Cambiare la lingua utilizzata dal sistema Fig L inserimento dei dati risulta utile sia per la personalizzazione delle stampe che per quella dei report dei test effettuati. i Per proseguire e salvare le impostazioni cliccare sul tasto 4

6 CONFIGURAZIONE INIZIALE CAPITOLO CONFIGURAZIONE IMPOSTAZIONI DI RETE i HOME COME ARRIVARE Password Default Accesso locale Accesso remoto CONFIGURAZIONE SISTEMA RETE Cliccare sul tasto CONFIGURAZIONE DI SISTEMA per accedere alla schermata RETE Dal pannello di CONFIGURAZIONE DI RETE (Fig.2.4) si possono programmare i dati per la connessione della centrale in rete LAN o Ethernet, avendo la possibilità di configurare: Fig Indirizzo IP LAN della centrale 2. Subnet Mask della centrale 3. Gateway della centrale Per rendere le modifiche operative, riavviare la centrale secondo la seguente procedura: i HOME COME ARRIVARE Password Default Accesso locale Accesso remoto CONFIGURAZIONE SISTEMA INFO SPEGNI 5

7 CAPITOLO 2 CONFIGURAZIONE IMPIANTO 2.1 FUNZIONE MONITOR BUS Tramite la funzione MONITOR BUS, i LED delle lampade connesse correttamente al Bus lampeggeranno in maniera sincrona, facilitando l individuazione di quelle non collegate in maniera corretta al bus. i HOME Fig.2.1 COME ARRIVARE Password Default Accesso locale Accesso remoto COMUNICAZIONE MONITOR BUS MONITOR BUS Fig click per ATTIVARE IL MONITOR BUS ON Questa fase dovrebbe rimanere operativa per tutto il tempo necessario ad individuare le lampade che il sistema non aveva registrato e, non appena rimosse le cause del malfunzionamento e la lampada risulta correttamente collegata al Bus, essa comincia immediatamente a lampeggiare. Per terminare questa fase cliccare sul tasto OFF (Fig.3.1.2). NOTA Questa operazione di verifica può essere effettuata anche utilizzando il Modulo di Registrazione Impianto (presente nelle lampade centralizzate) - vedi Cap 2.4 MONITOR BUS Fig click per DISATTIVARE IL MONITOR BUS OFF 6

8 CONFIGURAZIONE IMPIANTO CAPITOLO AUTO ACQUISIZIONE LAMPADE i HOME Fig.2.2 COME ARRIVARE Password Default Accesso locale Accesso remoto COMUNICAZIONE NUOVA ACQUISIZIONE Dalla HOME è possibile accedere alla procedura di acquisizione delle lampade nel database della centrale. Dopo aver cliccato sulla sequenza di tasti sopra descritta si arriverà alla seguente schermata: Fig FASE DI ACQUISIZIONE 2 ACQUISIZIONE TERMINATA Da questa schermata, cliccando sul tasto OFF-ON (fig.2.2.1), è possibile iniziare la procedura di acquisizione delle lampade di emergenza. In questo modo, sullo schermo viene mostrata una schermata dove compaiono le lampade che il sistema prima interroga e poi registra (Fig.3.2). L auto acquisizione lampade termina infine con una schermata ACQUISIZIONE TERMINATA, che riporta il numero totale di lampade acquisite. 7

9 CONFIGURAZIONE IMPIANTO CAPITOLO VERIFICA ACQUISIZIONE LAMPADE i Fig.2.3 COME ARRIVARE HOME Password Default Accesso locale Accesso remoto LISTA Dalla HOME è possibile accedere alla lista delle lampade del database della centrale. Viene qui riportato un altro modo per verificare la correttezza dei dati acquisiti. La verifica può essere fatta confrontando i Serial Number scritti dall installatore nel MODULO (Fig.2.4.1) fornito con le lampade centralizzate, con la corrispondente voce della schermata LISTA in centrale (Fig.2.3.1), dove vengono visualizzate le seguenti informazioni: 1 Posizione del «Database lampade» 2 ID: Numero identificativo lampada assegnato dal sistema durante l autoacquisizione e modificabile. LEGENDA 3 Serial Number: Numero di 8 cifre assegnato di fabbrica all apparecchio di emergenza. RETE 230VAC ASSENTE 3.a Descrizione: Descrizione della lampada da assegnare in seguito.(vedi pag. xx) RETE 230VAC PRESENTE 4 Gruppo: Gruppo logico a cui la lampada appartiene (dopo l acquisizione tutte appartengono al gruppo 00 ) LAMPADA SPENTA 5 Funzionale: Indica lo stato dell ultimo test del tubo o della sorgente luminosa a led. LAMPADA ACCESA 6 Autonomia: Indica lo stato dell ultimo test della batteria TEST IN ESECUZIONE 7 Bus: Indica lo stato di comunicazione del Bus. TEST NON ESEGUITO 8 Rete: Indica la presenza di rete sulla singola lampada. TEST FALLITO - RETE ASSENTE 9 Lampada: Spenta oppure accesa in emergenza TEST PASS - RETE PRESENTE Fig

10 CAPITOLO 2 CONFIGURAZIONE IMPIANTO 2.4 MODULO REGISTRAZIONE IMPIANTO Linergy consiglia di compilare SEMPRE il seguente modulo perché risulta essenziale sia per i tecnici Linergy che sono chiamati ad attivare gli impianti anche a distanza di tempo, sia per il manutentore che deve operare su impianti non eseguiti in prima persona. Il modulo è fornito insieme alle lampade di emergenza centralizzate SPY SYSTEM. Fig

11 CONFIGURAZIONE IMPIANTO CAPITOLO AGGIUNTA LAMPADE Mediante i tasti COMUNICAZIONE e AGGIUNGI LAMPADE mostrati in Fig.2.5, è possibile manualmente aggiungere apparecchi all impianto in qualsiasi momento. i Fig.2.5 COME ARRIVARE HOME Password Default Accesso locale Accesso remoto COMUNICAZIONE AGGIUNGI LAMPADE Fig CL ICK FASE DI RICERCA 2 FASE DITERMINATA RICERCA RICERCA 2.6 RIMOZIONE LAMPADE i HOME Fig.2.6 COME ARRIVARE Password Default Accesso locale Accesso remoto COMUNICAZIONE RIMUOVI LAMPADE Mediante i tasti COMUNICAZIONE e RIMUOVI LAMPADE mostrati in Fig.2.6, è possibile manualmente rimuovere apparecchi all impianto in qualsiasi momento. 1. INSERIRE IL SERIAL NUMBER OPPURE L ID CLICCARE SUL TASTO RIMUOVI PER CONFERMARE

12 CONFIGURAZIONE IMPIANTO CAPITOLO SALVATAGGIO DATABASE E AGGIORNAMENTO DEL SISTEMA i HOME Fig.2.7 COME ARRIVARE Password Default Accesso locale Accesso remoto CONFIGURAZIONE DI SISTEMA AGGIORNAMENTI Mediante i tasti CONFIGURAZIONE DI SISTEMA e AGGIORNAMENTI mostrati in Fig.2.7, è possibile manualmente scaricare sul proprio PC il database lampade e il database configurazione impianto. Fig Cliccare su DOWNLOAD per scaricare il database desiderato. 2 Cliccare su UPLOAD per inserire il database precedentemente salvato o modificato manualmente. E possibile AGGIORNARE IL SISTEMA operativo della centrale qualora fosse stata NOTA rilasciata una nuova versione migliorativa, ma questa operazione va eseguita passo passo con un operatore qualificato Linergy. 11

13 CAPITOLO 3 GRUPPI 3.1 CREAZIONE GRUPPI Per GRUPPI si intendono raggruppamenti logici di lampade che possono comportarsi in maniera diversa a seconda della loro appartenenza. Le centrali SSCENT e SSPRO (rack) gestiscono al massimo 31 gruppi di lampade per i quali è possibile impostare separatamente i tempi e le modalità di esecuzione dei test. Tutte le centrali SS MINI gestiscono al massimo 3 gruppi di lampade. i Fig.3.1 COME ARRIVARE HOME Password Default Accesso locale Accesso remoto CONFIGURAZIONE DI SISTEMA GRUPPO Dalla schermata HOME (Fig.3.1), cliccando sul tasto CONFIGURAZIONE DI SISTEMA e poi su GRUPPO si accede alla schermata di creazione Gruppi. 1. ABILITARE IL GRUPPO NOTA 2. SELEZIONARE IL GRUPPO 4. ABILITARE I TEST I TEST, SE NON ABILITATI, FANNO LAMPEGGIARE IL LED ROSSO SUGLI APPARECCHI 3. INSERIRE IL NOME DEL GRUPPO NOTA 12 Con il tasto INVIA confermare le modifiche

14 GRUPPI CAPITOLO 3 In particolare: Test Funzionale: consente di rilevare anomalie sulla sorgente luminosa fluorescente o a led. Test Autonomia: consente di verificare periodicamente lo stato di efficienza della batteria Per quanto riguarda l impostazione dei parametri: ABILITAZIONE: consente di effettuare o meno il tipo di test selezionato PERIODO: indicare la frequenza con cui saranno effettuati i test (in giorni) ORARIO: indicare l ora in cui effettuare il test GIORNI VIETATI: indicare i giorni in cui quel tipo di test non sarà permesso (se un test programmato avviene il Lunedì, ed il Lunedì risulta essere giorno vietato, esso viene ritardato al primo giorno non vietato che il sistema trova). ATTENZIONE - tutte le lampade vengono registrate di default nel gruppo 00, che prevede le seguenti programmazioni non modificabili: TEST FUNZIONALE TEST AUTONOMIA Abilitazione... SI Abilitazione... SI Periodicità giorni Periodicità giorni Orario... 00:00 Orario... 00:30 Giorni Vietati... Nessuno Giorni Vietati... Nessuno 13

15 CREAZIONE GRUPPI CAPITOLO SPOSTARE LAMPADE IN GRUPPO i HOME Fig.4.2 COME ARRIVARE Password Default Accesso locale Accesso remoto CONFIGURAZIONE DI SISTEMA AGGIUNGI GRUPPO Dalla schermata AGGIUNGI GRUPPO (Fig.4.2) è possibile spostare rapidamente interi gruppi di lampade. In particolare è possibile spostare tutte le lampade appartenenti al gruppo di default 00 in un qualsiasi gruppo programmabile creato in precedenza. IMPOSTARE IL GRUPPO DI LAMPADE DA SPOSTARE IMPOSTARE IL GRUPPO CREATO DOVE SI DESIDERA SPOSTARE LE LAMPADE Con il tasto ADD confermare le modifiche 14

16 CAPITOLO 4 CONFIGURAZIONE LAMPADE 4.1 CONFIGURAZIONE LAMPADA i Fig.4.1 COME ARRIVARE HOME Password Default Accesso locale Accesso remoto LISTA Dalla schermata LISTA (Fig.4.1), dopo aver selezionato e cliccato su una singola posizione, è possibile modificare i parametri che elencheremo di seguito. Fig SPAZIO RISERVATO AL CAMBIO DEL GRUPPO DI APPARTENENZA DELLA LAMPADA, CLICCARE SU INVIA PER CONFERMARE Fig POSSIBILITA DI CAMBIARE IL SERIAL NUMBER DELLA LAMPADA ATTENZIONE, QUESTA FUNZIONE VA UTILIZZATA SOLO IN CASO DI REALE NECESSITA, PER NOTA ULTERIORI INFORMAZIONI CONTATTARE L ASSISTENZA LINERGY POSSIBILITA DI CAMBIARE L ID DELLA LAMPADA, CLICCARE SU INVIA PER CONFERMARE SPAZIO RISERVATO ALLA DESCRIZIONE DELLA LAMPADA, CLICCARE SU INVIA PER CONFERMARE STATO: RISPONDE NON RISPONDE STATO DELLA LAMPADA OFF=SPENTA ON= ACCESA TEST FUNZIONALE DELLA SORGENTE LUMINOSA CLICCARE SUL TASTO OFF-ON E POI SU INVIA PER INIZIARE IL TEST QUANTITA DI TEST ESEGUITI QUANTITA DI TEST ESEGUITI TEST DI AUTONOMIA DELLA BATTERIA CLICCARE SUL TASTO OFF-ON E POI SU INVIA PER INIZIARE IL TEST MISURA IN MINUTI DEL TEST DI AUTONOMIA NA = NON ANCORA RILEVATA DETECT MODE CLICCARE SUL TASTO OFF-ON E POI SU INVIA PER INIZIARE IL RILEVAMENTO VISIVO SOLTANTO SULLE LAMPADE AQUISITE (lampeggio dei led sugli apparecchi) UTILE: QUANTITA DI MINUTI MODIFICABILE UTILE DELLA LAMPADA ES: se la lampada ha un autonomia di 3 ore ma è installata in una locale dove la legge prescrive 2 ore di autonomia, l AUTONOMIA UTILE può essere impostata su 2 ore, così il test segnalerà quando l autonomia scende sotto quella soglia. Con il tasto INVIA confermare le modifiche 15

17 CONFIGURAZIONE LAMPADE CAPITOLO UTILITA FILTRO - VISUAL LAMPS - SETTING Dalla schermata LISTA (Fig.4.3), dopo aver cliccato sul tasto FILTRO sarà possibile selezionare soltanto le informazioni desiderate da quelle messe a disposizione nella schermata che segue: Fig.4.3 FILTRO CLICCARE SU ANNULLA FILTRO PER DESELEZIONARE LE INFO SELEZIONATE CLICCARE SU INVIA FILTRO PER CONFERMARE LE INFO SELEZIONATE Dalla schermata LISTA (Fig.4.4), dopo aver cliccato sul tasto VISUAL LAMPS sarà possibile visualizzare una schermata dell intero impianto acquisito con le informazioni sui test e sullo stato (lampada, FirmWare, Bus) aggiornati all ultimo test effettuato. Fig.4.4 VISUAL LAMPS Dalla schermata LISTA (Fig.4.5), dopo aver cliccato sul tasto SETTINGS sarà possibile visualizzare una schermata dell intero impianto acquisito ma con la possibilità di modificare il numero degli Fig.4.5 SETTINGS 16

18 CAPITOLO 5 ESECUZIONE TEST MANUALI 5.1 TEST MANUALI E REST MODE i Fig.5.1 COME ARRIVARE HOME Password Default Accesso locale Accesso remoto ENTER TEST/REST Accedendo alla schermata TEST (Fig.5.1.2) il sistema permette di eseguire i test in modo completamente manuale. In particolare, possono essere svolti i seguenti test: 1. Test di autonomia manuale, verrà misurata l autonomia della batteria. 2. Test funzionale manuale, verrà controllata se la sorgente luminosa si accende bene. CLICCARE PER SELEZIONARE IL TIPO DI TEST DA ESEGUIRE Fig CLICCARE PER SELEZIONARE IL TEST ALLA SINGOLA LAMPADA AL SINGOLO GRUPPO OPPURE A TUTTO L IMPIANTO 2 SPAZIO RISERVATO ALL INSERIMENTO DEL SERIAL/ID DELLA SINGOLA LAMPADA CLICCARE PER SELEZIONARE IL LO STATO DI START O STOP DEI TEST 3 Con il tasto INVIA confermare le modifiche 17

19 ESECUZIONE TEST MANUALI CAPITOLO INTERRUTTORE - ON OFF PERMANENTE - i HOME Fig.5.2 COME ARRIVARE Password Default Accesso locale Accesso remoto COMUNICAZIONE ON OFF PERMANENTE Cilccando sul tasto COMUNICAZIONE e poi ON OFF PERMANENTE si ha la possibilità di accendere o spegnere manualmente gli apparecchi di tipo PERMANENTE. La modalità di accensione e spegnimento singolo o in gruppo si esegue allo stesso modo di quello previsto per i test di Autonomia o Funzionali. Fig CLICCARE PER SELEZIONARE IL TIPO DI GRUPPO DA PORRE IN MODALITA ON -OFF SPAZIO RISERVATO ALL INSERIMENTO DEL SERIAL/ID DELLA SINGOLA LAMPADA 2 CLICCARE PER SELEZIONARE LA MODALITA ON OPPURE OFF CLICCARE PER SELEZIONARE LA MODALITA ON OPPURE OFF CLICCARE PER SELEZIONARE IL GRADO DI LUMINOSITA MIN MAX Con il tasto INVIA confermare le modifiche 18

20 CAPITOLO 6 STAMPE, EVENTI E DOMOTICA 6.1 SCHERMATA STAMPE i Fig.6.1 COME ARRIVARE HOME STAMPE La centrale SPY SYSTEM consente la stampa dei dati da essa rilevati durante il suo funzionamento. I dati possono essere stampati mediante la stampante a bordo della centrale (solo modello SSCENT-PR & SSPRO-PR & SSPRINTER) oppure se si è collegati tramite PC, gli eventi possono essere stampati sulla stampante ad esso collegata. Fig CLICCARE PER SELEZIONARE IL TIPO DI REPORT DA VISUALIZZARE CLICCARE PER SELEZIONARE IL TIPO DI REPORT DA VISUALIZZARE 1 2 Dalla schermata STAMPE (Fig.6.1) è possibile: 1 Visualizzare informazioni generiche come i dati dell installatore, dell impianto, i Gruppi e le Zone configurate. 2 Visualizzare, oltre ai dati installatore ed utilizzatore, anche i risultati del test funzionale, di autonomia ed i test falliti. 3 Visualizzare lo stato del sistema e delle lampade. 4 Riportare, per ogni singola lampada, tutti i dati che la centrale acquisisce dalla sua memoria. 5 Ottenere la lista di tutti i test di autonomia eseguiti nell impianto. 6 Ottenere la lista di tutti i test di funzionalità eseguiti nell impianto. 19

21 STAMPE, EVENTI E DOMOTICA CAPITOLO REGISTRO EVENTI i HOME COME ARRIVARE EVENTI La centrale mette a disposizione un registro nel quale vengono memorizzati tutti gli eventi che accadono in centrale, registrandoli in ordine cronologico. Per EVENTI si intendono: Test eseguiti Accensioni/Spegnimenti Mancanza rete Login Altri eventi Con il tasto INVIA confermare le modifiche TASTO FILTRO Dopo aver cliccato sul tasto FILTRO si avrà a disposizione la schermata riportata sopra, spuntando le caselle è possibile filtrare e quindi visualizzare soltanto le informazioni desiderate. 20

22 STAMPE, EVENTI E DOMOTICA CAPITOLO DOMOTICA i HOME COME ARRIVARE CONFIGURAZIONE SISTEMA DOMOTICA La centrale SPY SYSTEM permette di inviare i dati attraverso il bus Konnex. Quando il programma Konnex è attivo, vengono inviati sul bus i valori relativi agli oggetti che hanno un indirizzo registrato; gli oggetti ai non viene assegnato nessun indirizzo vengono invece ignorati. CONFIGURAZIONE Richiedere il database all indirizzo importarlo all interno di ETS, configurarlo e infine scaricarlo nella centrale SPY SYSTEM. KONNEX IN PROGRAM MODE Lanciare la configurazione ETS e cliccare il tasto CONFIGURA KONNEX. Cliccare sui tasti START-STOP per avviare/interrompere la comunicazione con il bus Konnex. Per la programmazione MODBUS fare riferimento alle istruzioni fornite a corredo della centrale. 21

23 6.4 Programmazione SSMINI-PLUS(da display touch screen) 6.4 INSERIMENTO DATI INSTALLATORE Cliccare sul tasto CONFIGURAZIONE GENERALI per accedere alla schermata CONFIGURAZIONE SISTEMA. Per accedere al menù successivo il sistema richiede l inserimento di una password così impostata: 1234 se si sta lavorando da touch screen se si sta lavorando da rete La schermata CONFIGURAZIONE SISTEMA permette di: Modificare data e ora corrente; modificare password locale; cambiare la lingua utilizzata. PREMERE PREMERE PREMERE 22

24 PROGRAMMAZIONE SS-MINI PLUS CAPITOLO FUNZIONE MONITOR BUS Tramite la funzione MONITOR BUS, il LED bicolore rosso-verde delle lampade connesse correttamente al Bus lampeggerà in maniera alternata, facilitando l individuazione di quelle non collegate in maniera corretta al bus. SCHERMATA HOME PREMERE Password Default Accesso locale Accesso remoto PREMERE COMUNICAZIONE MONITOR BUS PREMERE Questa fase dovrebbe rimanere operativa per tutto il tempo necessario ad individuare le lampade che il sistema non aveva registrato e, non appena rimosse le cause del malfunzionamento e la lampada risulta correttamente collegata al Bus, essa comincia immediatamente a lampeggiare. NOTA Questa operazione di verifica può essere effettuata anche utilizzando il Modulo di Registrazione Impianto (presente nelle lampade centralizzate) - vedi Cap

25 PROGRAMMAZIONE SS-MINI PLUS CAPITOLO AUTO ACQUISIZIONE LAMPADE Questa funzione permette alla centrale di fare una ricerca e aggiungere automaticamente le lampade collegate alla prima istallazione. COME ARRIVARE i HOME PREMERE PREMERE PREMERE Password Default Accesso locale COMUNICAZIONE Dalla HOME è possibile accedere alla procedura di acquisizione delle lampade nel database della centrale. Dopo aver cliccato sulla sequenza di tasti sopra descritta si arriverà alla seguente schermata: NOTA La pressione del tasto nuovo autoid cancella il database salvato e sovrascrive le descrizioni salvate alla prima istallazione. PREMERE START Da questa schermata, cliccando sul tasto START (fig.6.1), è possibile iniziare la procedura di acquisizione delle lampade di emergenza. In questo modo, sullo schermo viene mostrata una schermata dove compaiono le lampade che il sistema prima interroga e poi registra. L auto acquisizione lampade termina infine con una schermata ACQUISIZIONE TERMINATA, che riporta il numero totale di lampade acquisite. 24

26 PROGRAMMAZIONE SS-MINI PLUS CAPITOLO VERIFICA ACQUISIZIONE LAMPADE HOME Fig.2.3 PREMERE PREMERE PREMERE Dalla HOME è possibile accedere alla lista delle lampade del database della centrale premendo il tasto LISTA. Viene qui riportato un altro modo per verificare la correttezza dei dati acquisiti. La verifica può essere fatta confrontando i Serial Number(SN) scritti dall istallatore nel MODULO fornito con le lampade centralizzate, con la corrispondente voce della schermata LISTA in centrale dove vengono visualizzate le seguenti informazioni ID : numero identificativo lampada assegnato dal sistema durante l autoacquisizione e modificabile. SERIAL NUMBER(SN): numero di 8 cifre assegnato di fabbrica all apparecchio di emergenza. FUNZIONALE: indica lo stato dell ultimo test del tubo o della sorgente luminosa a led AUTONOMIA: indica lo stato dell ultimo test della batteria. BUS: indica lo stato di comunicazione dei bus. LEGENDA TEST IN ESECUZIONE TEST NON ESEGUITO TEST FALLITO - BUS ASSENTE TEST PASS - RETE PRESENTE 25

27 CAPITOLO 6 PROGRAMMAZIONE SS-MINI PLUS 6.8 MODULO REGISTRAZIONE IMPIANTO Linergy consiglia di compilare SEMPRE il seguente modulo perché risulta essenziale sia per i tecnici Linergy che sono chiamati ad attivare gli impianti anche a distanza di tempo, sia per il manutentore che deve operare su impianti non eseguiti in prima persona. Il modulo è fornito insieme alle lampade di emergenza centralizzate SPY SYSTEM. Fig

28 PROGRAMMAZIONE SS-MINI PLUS CAPITOLO AGGIUNTA LAMPADE Mediante i tasti COMUNICAZIONE e AGGIUNGI LAMPADE mostrati in Fig.2.5, è possibile manualmente aggiungere apparecchi all impianto in qualsiasi momento. COME ARRIVARE i HOME Fig.2.5 COME ARRIVARE Password Default Accesso locale A AGGIUNGI LAMPADE COMUNICAZIONE 6.10 RIMOZIONE LAMPADE i HOME Fig.2.5 Fig.2.6 COME ARRIVARE Password Default Accesso locale Accesso remoto COMUNICAZIONE Mediante i tasti COMUNICAZIONE e RIMUOVI LAMPADE mostrati in Fig.2.6, è possibile manualmente rimuovere apparecchi all impianto in qualsiasi momento. 1. INSERIRE IL SERIAL NUMBER OPPURE L ID 2. CLICCARE SUL TASTO RIMUOVI PER CONFERMARE 27

29 PROGRAMMAZIONE SS-MINI PLUS CAPITOLO FUNZIONE REST MODE Tramite questa funzione è possibile accendere(on) o spegnere(off) le lampade registrate in modalità emergenza. HOME Fig.5.1 PREMERE Password Default Accesso locale PREMERE 28

30 ESECUZIONE TEST MANUALI CAPITOLO INTERRUTTORE - ON OFF PERMANENTE - SOLO DI GRUPPO COME ARRIVARE HOME i Fig.5.2 Password Default Accesso locale COMUNICAZIONE ON OFF PERMANENTE Cilccando sul tasto COMUNICAZIONE e poi ON OFF PERMANENTE (si ha la possibilità di accendere o spegnere manualmente gli apparecchi di tipo PERMANENTE a led. La modalità di accensione e spegnimento in gruppo si esegue allo stesso modo di quello previsto per i test di Autonomia o Funzionali. 29

31 CAPITOLO 7 CARATTERISTICHE E MONTAGGIO CENTRALE - SS CENT - SS CENT - 00 SS CENT - PR (CON STAMPANTE) CARATTERISTICHE GENERALI Display a colori da 6,4 pollici con interfaccia utente grafica e touch screen Stampante alfanumerica incorporata (solo SS CENT-PR) Batteria Li - PO per due ore di autonomia in mancanza di rete Memoria non volatile dei test ed eventi eseguiti sull impianto Scambio dati con lampade su bus dati a due fili con protocollo di sicurezza Max 1280 lampade gestibili con un unica centrale 256 apparecchi collegabili sulla centrale base Moduli ripetitori a 2 e 4 vie da 128 plafoniere Gestione di 32 gruppi logici di lampade Possibilità di connessione remota tramite modem (solo SS CENT-PR) Porta Ethernet con protocollo TCP/IP per collegamento intranet/internet Possibilità di interfacciamento alla domotica Konnex con l opzione (SS-KNX) CARATTERISTICHE TECNICHE Alimentazione Vac 50Hz Assorbimento VA Interfaccia Utente... Display grafico da 6,4 touch screen Stampante... Stampante termica a 16 colonne (SS CENT-PR) Batteria Tampone... Li-PO 3,7V 4,4Ah Autonomia in mancanza di rete... 4h ore (con salvataggio di tutti i dati) Numero max di lampade gestite con una centrale Lampade collegabili sulla centrale su ogni modulo ripetitore Bus dati lampade... max 8 Interfacce esterne... 2 Fili polarizzati (Cavo 2x0,5mm2) twistato e schermato Porta RJ-45 per rete Ethernet Protocollo Ethernet... TCP/IP con web server Grado di protezione... Ip20 30

32 CARATTERISTICHE E MONTAGGIO CENTRALE - SS CENT - CAPITOLO FISSAGGIO barra din superiore Fissare al muro la centrale mediante le opportune barre din già presenti sulla base della centrale.fig1.0 Accertarsi di aver fissato al muro le barre din presenti sulla confenzione. NOTA barra din inferiore Fig1..3 Fig.1.0 Svitare la vite centrale sulla parte superiore del coperchio. NOTA dopo avver fissato la centrale al muro, avvitare dall interno la vite fornita nel foro come mostrato in figura(fig.1.1) 7.2 ALIMENTAZIONE UNITA CENTRALE foro per vite di sicurezza guaina pressacavo Inserire il cavo di alimentazione all interno della centrale tramite la guiaina bloccacavo di colore nero. (Fig.1. 2). NOTA Non collegare la rete prima di aver provveduto al collegamento della batteria tampone(paragrafo 7.3). Fig.1.2 Collegare la rete di alimentaziione sulla morsettiera come mostrato in figura(fig 1.3) Fig.1.3 L N 31

33 CARATTERISTICHE E MONTAGGIO CENTRALI CAPITOLO ABILITAZIONE DELLA BATTERIA TAMPONE Con la centrale viene fornita una batteria al Li-PO 3,7V 4,4Ah avente un autonomia di circa 4 ore. In questo modo vengono garantiti avvio e funzionamento della centrale anche in mancanza di rete, oltre che permettere il salvataggio dei dati. NOTA La batteria tampone deve sempre essere collegata prima di fornire corrente elettrica alla centrale, al fine di evitare malfunzionamenti all avvio della stessa. La centrale viene fornita con il ciruito della batteria aperto, per abilitare la batteria chiudere il ponticello come da figura. external connection battery 32

34 CARATTERISTICHE E MONTAGGIO CENTRALI CAPITOLO COLLEGAMENTO LINEA BUS Inserire il cavo di collegamento bus (cavo twistato e schermato 2x0.5mm2) e predisporlo nell apposita morsettiera, come mostrato nell esempio. NOTA Ogni linea bus non deve superare i 500m di estensione. Se viene utilizzata una sola linea bus si può arrivare ad un estensione totale di 1000m. LINEA BUS BS A 33

35 CARATTERISTICHE E MONTAGGIO CENTRALI CAPITOLO COLLEGAMENTI PER PROGRAMMAZIONE Sebbene il sistema sia programmato in fabbrica in modo tale che l impianto possa essere avviato senza ulteriori programmazioni, per poter personalizzare l installazione è bene modificare i parametri di default così da adattare il sistema alle diverse esigenze. La programmazione della centrale può avvenire in due modi differenti: A Tramite Tastiera virtuale Per accedere alla tastiera virtuale premere il tasto appropriato cliccando sulla finestra di digitazione. B Tramite un PC collegato alla porta Ethernet La connessione LAN (evidenziata in Fig.1.6) viene utilizzata per poter interagire e programmare la Centrale mediante un PC, avente i seguenti requisiti minimi: Processore Pentium III 700Mhz o equivalente 256Mb di memoria RAM 80Mb di spazio libero su disco Sistema operativo Windows 98 o successivi / Mac OS 10 o successivi / Linux Browser Explorer 8.0 o successivo / Firefox 1.37 o successivi / altri browser Scheda di rete 10/100 Mbps con indirizzo IP xx (xx numero a scelta tranne 101 perché assegnato alla centrale). Utilizzare il cavo di rete Rj45 tra la porta LAN della centrale e la scheda di rete del PC NOTA Affinché la procedura di programmazione tramite PC funzioni, è necessario che il Browser del computer per l accesso alla Centrale venga così configurato: - Avviare il Browser presente nel PC - Nella finestra dove viene inserito l indirizzo, inserire l IP della centrale che di default è Premere il tasto Invio per iniziare il collegamento alla Centrale. NOTA B Alcuni Browser, effettuando la procedura sopra descritta, potrebbero non visualizzare la schermata della Centrale. Questo problema può essere superato riavviando il PC e ripetendo la procedura. PC collegato alla rete Ethernet Collegare un cavo di rete tradizionale tra la porta LAN della centrale ed uno switch collegato alla rete ethernet della struttura in cui sono installate la centrale e le lampade d emergenza. 34

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it IDom MANUALE UTENTE Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it 2 COPYRIGHT Tutti i nomi ed i marchi citati nel documento appartengono ai rispettivi proprietari. Le informazioni

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

Wi-Fi Personal Bridge 150 AP Router Portatile Wireless

Wi-Fi Personal Bridge 150 AP Router Portatile Wireless AP Router Portatile Wireless HNW150APBR www.hamletcom.com Indice del contenuto 1 Introduzione 8 Caratteristiche... 8 Requisiti dell apparato... 8 Utilizzo del presente documento... 9 Convenzioni di notazione...

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk by Gassi Vito info@gassielettronica.com Questa breve guida pratica ci consentirà installare Zeroshell su pen drive o schede

Dettagli

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI GUIDA D INSTALLAZIONE E USO Contenuto della Confezione La confezione Alice Business Gate 2 plus Wi-Fi contiene il seguente

Dettagli

Assistenza. Contenuto della confezione. Modem router Wi-Fi D6200B Guida all'installazione

Assistenza. Contenuto della confezione. Modem router Wi-Fi D6200B Guida all'installazione Assistenza Grazie per aver scelto i prodotti NETGEAR. Una volta completata l'installazione del dispositivo, individuare il numero di serie riportato sull'etichetta del prodotto e utilizzarlo per registrare

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

E-VISION Tempo. Timer luci a microprocessore. Manuale d uso e installazione

E-VISION Tempo. Timer luci a microprocessore. Manuale d uso e installazione E-VISION Tempo Timer luci a microprocessore Manuale d uso e installazione ELOS E-VISION - Tempo Controllo Luci Acquario a Microprocessore. 1. Semplice da programmare 2. Gestisce sia lampade a led sia lampade

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli

Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione

Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione Assistenza tecnica Grazie per aver scelto i prodotti NETGEAR. Una volta completata l'installazione del dispositivo, individuare il numero

Dettagli

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1 Manuale utente Indice Avvisi di Sicurezza... 2 1 Introduzione... 3 2 Caratteristiche Generali... 3 3 Ricevimento e Collocazione... 4

Dettagli

Videocitofonia a colori con cablaggio a 2 fili

Videocitofonia a colori con cablaggio a 2 fili IT MANUALE TECNICO MT SBC 0 Videocitofonia a colori con cablaggio a fili Assistenza tecnica Italia 046/750090 Commerciale Italia 046/75009 Technical service abroad (+9) 04675009 Export department (+9)

Dettagli

MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2

MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2 MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2 Pag. 1 / 10 SOMMARIO: 1 INTRODUZIONE... 3 2 PANNELLO DI CONTROLLO... 4 2.1 I TASTI... 4 2.2 IL DISPLAY... 4 3 I MENU... 5 3.1 MODIFICA TERMOSTATO AMBIENTE RADIO...

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 Modulo termostato a pannello 4 COLLEGAMENTO 9-12V DC/ 500mA L1 L2 ~ Riscaldatore/Aria condizionata Max. 3A Max. 2m Sensore di temperatura Per prolungare il sensore, utilizzare

Dettagli

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer 1. Prima emissione certificato 1 2. Rilascio nuovo certificato 10 3. Rimozione certificato 13 1. Prima emissione certificato Dal sito

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Manuale per l utilizzo di Orderman Sol e Sol+

Manuale per l utilizzo di Orderman Sol e Sol+ Manuale per l utilizzo di Orderman Sol e Sol+ 2010 by Orderman GmbH Bachstraße 59, 5023 Salisburgo Austria www.orderman.it Salvo errori e refusi. Non è consentita la copia - anche di estratti - senza l'autorizzazione

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO / Benvenuto Quando si utilizza la videocamera GoPro nell ambito delle normali attività quotidiane, prestare

Dettagli

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto!

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Manuale d uso Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Giacchè noi costantemente aggiorniamo e miglioriamo il Tuo e-tab, potrebbero

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM 1 Stato del combinatore direttamente sul display della Consolle XM Interrogazione credito residuo tramite SMS e inoltro SMS ricevuti Messaggi di allarme pre-registrati Completa integrazione con centrali

Dettagli

3ODQW:DWFK 0DQXDOHG LQVWDOOD]LRQHHXVR

3ODQW:DWFK 0DQXDOHG LQVWDOOD]LRQHHXVR Ã Ã 3ODQW:DWFK 0DQXDOHG LQVWDOOD]LRQHHXVR 9RJOLDPRIDUYLULVSDUPLDUHWHPSRHGHQDUR 9LDVVLFXULDPRFKHODFRPSOHWDOHWWXUDGLTXHVWRPDQXDOHYLJDUDQWLUjXQD FRUUHWWDLQVWDOOD]LRQHHGXQVLFXURXWLOL]]RGHOSURGRWWRGHVFULWWR

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Controllo industriale SE-609

Controllo industriale SE-609 Controllo industriale SE-609 Controllo e visualizzazione uniti come soluzione per l automazione con comandi mediante touch Controlli industriali all avanguardia per impianti per il trattamento termico

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Alb@conference GO e Web Tools

Alb@conference GO e Web Tools Alb@conference GO e Web Tools Crea riunioni virtuali sempre più efficaci Strumenti Web di Alb@conference GO Guida Utente Avanzata Alb@conference GO Per partecipare ad un audioconferenza online con Alb@conference

Dettagli

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO / Benvenuto Quando si utilizza la videocamera GoPro nell ambito delle normali attività quotidiane, prestare

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Manuale di utilizzo centrale ST-V

Manuale di utilizzo centrale ST-V Accessori 1 Capitolo I : Introduzione 2 1.1 Funzioni 2 1.2 Pannello_ 5 1.3 I CON 5 Capitolo II : Installazione e connessione 6 2.1 Apertura della confezione 6 2.2 Installazione del pannello_ 6 2.3 Cablaggio

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Progettisti dentro e oltre l impresa MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Pag 1 di 31 INTRODUZIONE Questo documento ha lo scopo di illustrare le modalità di installazione e configurazione dell

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione.

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Indice Trovare le informazioni necessarie... 3 Ripristino e backup... 4 Cos'è il ripristino

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

Disabilitare lo User Account Control

Disabilitare lo User Account Control Disabilitare lo User Account Control Come ottenere i privilegi di sistema su Windows 7 1s 2s 1. Cenni Generali Disabilitare il Controllo Account Utente (UAC) Win 7 1.1 Dove può essere applicato questo

Dettagli

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 1 Indice 1. Descrizione del sistema e Requisiti hardware e software per l installazione... 4 1.1 Descrizione del

Dettagli

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 (marzo 2009) ultimo aggiornamento aprile 2009 Easy Peasy è una distribuzione

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

UPS Communicator. UPS Communicator - Manuale Italiano Release 1.16 1

UPS Communicator. UPS Communicator - Manuale Italiano Release 1.16 1 UPS Communicator 1 Licenza d uso L'uso del SOFTWARE prodotto da Legrand (il PRODUTTORE) è gratuito. Procedendo di spontanea volontà all'installazione l UTENTE (persona fisica o giuridica) accetta i rischi

Dettagli

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Installazione Modem USB Momo Gestione segnale di rete Connessione Internet Messaggi di errore "Impossibile visualizzare la pagina" o "Pagina

Dettagli

Guida all'installazione del WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione del WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione del WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Sommario Per iniziare............................................ 3 Il WiFi Booster......................................... 4 Pannello

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

Micro HI-FI Component System

Micro HI-FI Component System Micro HI-FI Component System Istruzioni per l uso Informazioni preliminari Connessioni di rete Operazioni Informazioni aggiuntive Risoluzione dei problemi Precauzioni/Caratteristiche tecniche CMT-G2NiP/G2BNiP

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

FORNASIER TIZIANO & C. S.a.s. Manuale d uso HUMITESTER

FORNASIER TIZIANO & C. S.a.s. Manuale d uso HUMITESTER FORNASIER TIZIANO & C. S.a.s. Manuale d uso HUMITESTER Versione 1.0 del 18.08.2009 Sommario Schermata iniziale Pag. 3 Descrizione tasti del menu Pag. 3 Pagina principale Pag. 4 Pagina set allarmi Pag.

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA...4 INSTALLAZIONE DEI PROGRAMMI...5 AVVIAMENTO DEI PROGRAMMI...7 GESTIONE ACCESSI...

INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA...4 INSTALLAZIONE DEI PROGRAMMI...5 AVVIAMENTO DEI PROGRAMMI...7 GESTIONE ACCESSI... ambiente Windows INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA...4 INSTALLAZIONE DEI PROGRAMMI...5 AVVIAMENTO DEI PROGRAMMI...7 GESTIONE ACCESSI...8 GESTIONE DELLE COPIE DI SICUREZZA...10 AGGIORNAMENTO

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

Galaxy Dimension. Manuale di installazione. Honeywell Security

Galaxy Dimension. Manuale di installazione. Honeywell Security Galaxy Dimension Manuale di installazione Honeywell Security Sommario Sommario INTRODUZIONE... 1-1 Varianti disponibili... 1-1 SEZIONE 1: CONFIGURAZIONE RAPIDA... 1-3 SEZIONE 2: ARCHITETTURA DI SISTEMA...

Dettagli

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche F12 MANUALE UTENTE 1. F12 Caratteristiche Progettato per sopravvivere in condizioni difficili, fornendo regolari ed accurate registrazioni di posizione sfruttando un GPS all avanguardia sulla rete cellulare,

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

Manuale istruzioni. 01942 Comunicatore GSM-BUS

Manuale istruzioni. 01942 Comunicatore GSM-BUS Manuale istruzioni 01942 Comunicatore GSM-BUS Indice 1. Descrizione 2 2. Campo di applicazione 2 3. Contenuto della confezione 2 4. Vista frontale 3 5. Funzione dei tasti e led 4 6. Operazioni preliminari

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione lighting management ESEMPI APPLICATIVI esempi di progettazione ed installazione 2 INDICE LIGHTING MANAGEMENT ESEMPI APPLICATIVI 04 L offerta di BTICINO 05 ORGANIZZAZIONE DELLA GUIDA CONTROLLO LOCALE -

Dettagli