STRESS DA LAVORO E MOBBING

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STRESS DA LAVORO E MOBBING"

Transcript

1 Giuseppe De Falco, Agostino Messineo, Silvia Vescuso STRESS DA LAVORO E MOBBING Valutazione del rischio, diagnosi, prevenzione e tutela legale III edizione 1

2 Indice generale INDICE GENERALE Premessa...11 Stress e fattori di rischio psicologico negli ambienti di lavoro...11 CAPITOLO 1 Stress e fattori di rischio psicologico negli ambienti di lavoro Definizioni di stress Eustress e distress Stress e lavoro Disoccupazione Patologie associate allo stress lavorativo Le attività lavorative in gioco nella determinazione dello stress La valutazione dei rischi Stress e benessere organizzativo La Direttiva del Ministero della Funzione Pubblica del 24/3/ Indagini sul benessere e stress Reazioni allo Stress

3 Indice generale 1.12 Strategie di coping e fattori di resilience Il medico competente: ruolo e possibilità di intervento La rilevazione e misure degli effetti sullo stress I rischi lavorativi attraverso l analisi del lavoro organizzato Il metodo Valutazione del rischio Il recupero delle energie psicofisiche e la programmazione del loro impiego. L incidenza dello stress nell organizzazione del lavoro in applicazione dell art c.c Lo stress alla luce del dovere di protezione del datore di lavoro ex art c.c CAPITOLO 2 Cenni storici e definizione di mobbing Origine del termine mobbing Applicazione del termine al contesto lavorativo Definizione di mobbing CAPITOLO 3 I soggetti del mobbing I partecipanti al conflitto Il mobbizzato Il mobber Gli spettatori Il side-mobber

4 Indice generale CAPITOLO 4 Analisi delle caratteristiche del comportamento mobbizzante Cause scatenanti del mobbing in ambiente di lavoro Tipi di mobbing e loro effetti Modi d attuazione del mobbing Modello e andamento tipico del mobbing Prevenzione del mobbing Strategie per il miglioramento Qualche ulteriore cenno di prevenzione Possibili soluzioni individuali Bullyng e mobbing CAPITOLO 5 Modi di rilevazione del mobbing Il L.I.P.T. modificato per il contesto sociale italiano ed il questionario dell I.S.P.E.S.L CAPITOLO 6 Il mobbing nell ordinamento giuridico vigente Il rilievo giuridico del mobbing in assenza di norme specifiche; il panorama normativo vigente Gli elementi costitutivi del mobbing sotto il profilo giuridico

5 Indice generale 6.3 Il mobbing ed i principi di rango costituzionale L inquadramento giuridico del mobbing nel rapporto di lavoro; l art cod. civ L inquadramento giuridico del mobbing nel rapporto di lavoro; l art cod. civ. e le altre pertinenti disposizioni Il mobbing, lo Statuto dei Lavoratori e gli atti discriminatori; il mobbing nel pubblico impiego Il fondamento del divieto del mobbing nella legislazione speciale in materia di sicurezza del lavoro Il mobbing e la responsabilità contrattuale ed extracontrattuale La responsabilità nel mobbing cd. orizzontale La tutela del lavoratore: le azioni giudiziarie, il danno ed il nesso di causalità Danno patrimoniale, biologico, morale ed esistenziale Riflessi previdenziali del mobbing: la circolare INAIL n. 71/2003 e la sentenza del TAR Lazio del 4 luglio 2005 n Il D.M. 27 aprile La rilevanza penale del mobbing CAPITOLO 7 Una nuova forma vessatoria negli ambienti di lavoro: lo stalking Premessa Introduzione

6 Indice generale 7.3 Stalking Lo Stalker Rapporto vittima-stalker La recente normativa Il molestatore assillante La prevenzione CAPITOLO 8 Diagnosi, prevenzione, idoneità ed invalidità nelle sindromi da disaffezione al lavoro Consensus document sul mobbing Dinamica e progressione delle alterazioni dello stato di salute Strumenti di psicodiagnosi Problemi collegati a patologie preesistenti Giudizio di idoneità al lavoro Ruolo del RSPP nella bonifica delle costrittività organizzative CAPITOLO 9 La normativa regionale sul mobbing, le direttive ministeriali e i CC.NN.LL Il mobbing nei CC.NN.LL. e nelle delibere delle amministrazioni locali

7 Indice generale CAPITOLO 10 Breve comparazione con altri Stati europei Provvedimenti adottati da alcuni Stati europei contro il mobbing CAPITOLO 11 Brevi cenni su alcune ricerche sul mobbing Introduzione Provenienza territoriale degli intervistati Ambiente lavorativo I soggetti passivi (mobbizzati) I soggetti attivi (mobbers) I sintomi psicosomatici accusati dai soggetti passivi Altre indagini La ricerca del Laboratorio di Psicologia e Sociologia del Lavoro dell ISPESL Ricerche INAIL CAPITOLO 12 Mobbing e lavori atipici Rapporto tra le nuove forme di lavoro ed il mobbing CAPITOLO 13 Brevi osservazioni sulle patologie mobbing correlate come malattia professionale e causa di servizio Causa di servizio ed equo indennizzo Malattia professionale INAIL

8 Indice generale CAPITOLO 14 Mobbing e strutture pubbliche Possibili manifestazioni del mobbing in strutture ospedaliere complesse e in aziende ASL APPENDICE A Rassegna di giurisprudenza Tribunale di Torino - Sez. Lavoro 16 novembre 1999 n Tribunale di Torino - Sez. Lavoro 1 grado 30 dicembre Corte di Cassazione Sez. Lavoro 8 gennaio 2000 n Corte di Cassazione Sez. Lavoro 5 febbraio 2000 n Corte di Cassazione Sez. Lavoro 15 giugno 2000 n Corte di Cassazione VI Sez. Penale 12 marzo 2001 n Tribunale di Forlì - Sez. Lavoro - 15 marzo Tribunale di Tempio Pausania 10 luglio Corte costituzionale dicembre 2003 n Corte di Cassazione - Sez. Unite Civili 4 maggio n Tribunale di Milano - Sez. Lav. 29 giugno 2004 n. 1142/01 RG Tribunale Civile di Forlì - Sez. lavoro 28 gennaio 2005 n

9 Indice generale Tribunale di Agrigento - 1 febbraio TAR Lazio, Sez. III ter, 4 luglio 2005 n Corte dei Conti - Sez. III - 25/10/2005 n Corte Costituzionale 27 gennaio 2006, n APPENDICE B Proposte di legge italiane riguardanti il mobbing Circolare 17 dicembre 2003 n Schema di testo unificato per i disegni di legge n. 122 e connessi in materia di tutela dei lavoratori dal fenomeno del mobbing Accordo interconfederale 9 giugno Bibliografia

10 Premessa PREMESSA Stress e fattori di rischio psicologico negli ambienti di lavoro Negli ultimi anni il progresso, l acquisizione di nuove tecnologie, le modifiche apportate all organizzazione del lavoro, come la maggiore flessibilità hanno determinato, tra l altro, la crescente esigenza di sviluppare interventi e modalità di lavoro diversi dal passato. Tali modelli sono caratterizzati da una più ampia disponibilità e da una maggiore specializzazione nel lavoro e ai quali si aggiungono impegni di varia natura: attività di studi e ricerche, utilizzo di nuove tecnologie, percorsi di aggiornamento, tempi di trasferimento da e per le sedi di lavoro, impegni familiari e sociali. Il sovraccarico di richieste così determinato è stato ed è causa di fenomeni che definiamo con il termine stress e che hanno crescente importanza nella valutazione delle condizioni di benessere dal momento che, parallelamente, assistiamo ad un decremento costante dei rischi tradizionali proprio per l accresciuta consapevolezza dei fattori di nocività, per la sensibilizzazione ai problemi della salute e per le innovative e migliori tecnologie via via adottate nel tempo in ogni settore produttivo. Oggi, lo stress collegato al lavoro è diventato una delle maggiori preoccupazioni per gli imprenditori che ne subiscono i costi e - naturalmente - per tutti i cultori della prevenzione specie se operano in Organizzazioni Governative o Internazionali. Si deve infatti tenere presente che gli studi effettuati dalla Fondazione Europea tra il 1996 ed il 2000 hanno evidenziato come almeno il 28% dei lavoratori abbia in quegli anni denunciato sintomi collegati allo stress (con maggior frequenza disturbi muscoloscheletrici) e altre indagini abbiano pure segnalato come almeno il 50-60% delle giornate perse sia collegato allo stress da lavoro definito come un insieme di reazioni emotive, cognitive, comportamentali e fisiologiche collegate ad aspetti negativi e nocivi del contenuto, della organizzazione e del luogo di lavoro. Secondo un altra definizione lo stress sarebbe la risposta non specifica dell orga- 11

11 Premessa nismo davanti a qualsiasi sollecitazione si presenti, innestando una normale reazione di adattamento che può arrivare ad essere patologica in situazioni estreme. Ebbene, lo stress è stato sempre più oggetto di ampia trattazione in ambito di relazioni industriali nazionali ed internazionali, al punto che è stato siglato un Accordo Internazionale al quale ha poi (dopo alcuni anni) fatto seguito in Italia la firma di un Accordo Interconfederale sullo stress mentre, a livello legislativo, gli ambiti di tutela venivano meglio precisati e definiti nel D.Lgs. n. 81/2008 proprio con la necessità di includere nella valutazione dei rischi da lavoro in azienda, le condizioni che potevano determinare situazioni di stress collegate. Ed è anche l interesse per le vessazioni psicologiche durante il lavoro che è progressivamente aumentato negli ultimi anni anche perché oggi si trascorre la maggior parte del tempo nel luogo di lavoro ed in questa sede si possono determinare una vasta gamma di comportamenti ed interazioni personali con soggetti vicini (colleghi o superiori). I problemi di natura relazionale che possono affiorare e verificarsi nel corso del periodo lavorativo sono stati oggetto di interessanti studi negli anni scorsi. Soprattutto le indagini svolte nei paesi scandinavi, per prime hanno posto in relazione le assenze sempre più numerose dei lavoratori, le loro dimissioni e alcune malattie professionali con i problemi di interazione personale degli individui sul posto di lavoro. Per racchiudere tutti i comportamenti, caratterizzati da vessazioni psicologiche e solo recentemente presi in giusta considerazione in ambito lavorativo, è stato utilizzato il termine mobbing 1. In questo studio sarà fornita una definizione del fenomeno (ormai abbastanza noto anche nel nostro paese), con particolare riguardo alle cause che lo determinano, ai soggetti che ne prendono parte, alle forme ed ai modi di manifestazione. Uno dei problemi principali e di maggiore rilevanza è costituito dalla verifica delle potenzialità della normativa esistente per combattere il fenomeno, obiettivo che richiede di considerare, in assenza di norme specifiche, una vasta gamma di disposizioni ciascuna delle quali è stata oggetto di disamina in questo libro. 1. Per la definizione del termine mobbing si veda il par. 2.3 a pag

12 Premessa È stato anche ritenuto opportuno allegare un questionario utilizzato in ambito di epidemiologia delle patologie da lavoro ed i testi dei progetti di legge finora presentati oltre ai risultati di indagini italiane sul mobbing. La nuova edizione di questo volume viene data alle stampe nel 2008 dopo un periodo in cui vi sono state sia nel campo medico scientifico che in ambito sociale, politico e giurisprudenziale interessanti contributi che abbiamo ritenuto di dover includere nella nostra disamina. Segnaliamo in particolare l elaborazione, a livello scientifico, delle linee guida della Società Italiana di Medicina del Lavoro (SIMLII) sullo stress e sul mobbing, poi la definizione di alcuni ricerche (EURISPES) e studi epidemiologici, le pronunce giurisprudenziali e il consolidamento del risarcimento per danno esistenziale, l emanazione di alcune direttive (in particolare la controversa circolare 71 dell INAIL sul mobbing e sulle costrittività organizzative) e norme nazionali già citate (cd. TU sull igiene e sicurezza) e regionali (Umbria, Marche, Friuli, Lazio quest ultima con relativa pronuncia della Corte Costituzionale). Il volume è stato arricchito con una serie di schemi tratti dalla numerosa letteratura espressa negli anni trascorsi e dalle pubblicazioni presentate in convegni da Enti Pubblici (INAIL) e dai cultori della prevenzione. Dobbiamo esprimere anche un sincero ringraziamento al Prof. Antonio Bergamaschi per aver fornito una serie di preziose informazioni e schemi, frutto del lavoro del suo gruppo di ricerca presso l Università di Tor Vergata alla Dott.ssa Liliana Secchiaroli per il contributo sui test psicodiagnostici ed al Dr. Fabrizio Messineo per il contributo offerto nelle prime due edizioni del volume. 13

13 CAPITOLO 1 STRESS E FATTORI DI RISCHIO PSICOLOGICO NEGLI AMBIENTI DI LAVORO 1.1 Definizioni di stress L uso del termine stress è relativamente recente. Questo neologismo si è diffuso in ambiente clinico nella metà degli anni cinquanta grazie ad una serie di convegni che Hans Selye, un medico austriaco, tenne in Italia. Selye è considerato il padre dell attuale concetto di stress. Inizialmente lo descrisse come uno stato di tensione aspecifica della materia vivente, che si manifesta mediante modificazioni morfologiche tangibili in vari organi, e particolarmente nelle ghiandole endocrine, in seguito come risposta aspecifica dell organismo per ogni richiesta effettuata su di esso dall ambiente esterno (Selye 1936). Queste definizioni delineano un processo di adattamento dell organismo da lui stesso definita Sindrome Generale d Adattamento - GAS General Adaptation Syndrome - intesa come una modificazione fisiologica dell organismo dovuta a sostanze nocive per adattare e organizzare le proprie difese con reazione ad agenti stressanti esterni attraverso tre fasi: allarme, resistenza, esaurimento. La reazione d allarme consiste nella mobilitazione da parte dell organismo di energie in difesa dello stimolo stressogeno, nel secondo stadio o resistenza, l utilizzo delle energie mobilitate è finalizzato a controllare lo stress, nel terzo o esaurimento non viene mantenuto un adeguato adattamento a causa di una eccessiva pressione dello stimolo. Analogamente, è intuitivo considerare come l eccessivo carico di fattori stressogeni in ambito lavorativo si traduca dapprima in un mix di sintomi fisici che potrebbero rappresentare la categoria sintomatologica fisiologica dello stress; successivamente con sintomi essenzialmente 15

14 riconducibili ad una categoria affettivo - cognitiva; infine con comportamenti sintomatici di una ridotta produttività lavorativa che possiamo ricondurre ad una categoria sintomatica cosiddetta comportamentale 2 (Tabella 1.1). Tab Modificazioni biologiche e comportamentali nelle tre fasi dello stress (Biondi M., Pancheri P. 1999) FASE DI ALLARME FASE DI RESISTENZA FASE DI ESAURIMENTO Modificazioni acute, reversibili ed adattative Sollecitazione acuta dei sistemi NA, 5-HT, Ach, con modificazione transitoria del loro reciproco equilibrio funzionale (riduz. del rapporto catecolamine/ach.) Attivazione acuta del sistema ipotalamo-ipofiso corticosurrenale Elaborazione cognitiva dell evento perdita; disagio soggettivo (depressione transitoria); motivazione alla ricerca di soluzioni Comportamenti attivi di compenso; ricerca attiva di soluzioni all evento perdita (nuovi legami di adattamento) Organizzazione stabile, ma ancora reversibile. Limite delle riserve funzionali LIVELLO NEUROTRASMETTITORIALE Sollecitazione cronica dei sistemi neurotrasmettitoriali con riduzione del margine di resistenza funzionale. Iperattività recettoriale reversibile LIVELLO NEUROENDOCRINO Attivazione cronica ma reversibile del sistema ipotalamo-ipofiso-corticosurrenale LIVELLO COGNITIVO Elaborazione cognitiva secondaria dell evento perdita; organizzazione dei meccanismi di coping; disagio soggettivo (depressione stabile ma reversibile) LIVELLO COMPORTAMENTALE Organizzazione comportamentale di tipo depressivo ma reversibile Crollo delle difese, impossibilità di ulteriore adattamento agli stessors Insufficienza funzionale non reversibile dei sistemi neurotrasmettitoriali. Iperattività non reversibile recettoriale Iperattivazione stabile, non reversibile, del sistema ipotalamo-ipofiso-coricosurrenale. Alterazioni stabili a livello di altri sistemi Fallimento dei meccanismi di coping; lutto cronico; perdita della motivazione alla soluzione; depressione grave non reversibile Riduzione dell attività; organizzazione stabile di tipo depressivo 2. S. De Risio (a cura di), Psichiatria della salute aziendale e mobbing. Studi sui disturbi mentali in ambito lavorativo, Ed. Franco Angeli, Milano,

15 È evidente, quindi, la natura potenzialmente pericolosa dello stress tanto che Selye scrisse che in senso biologico stretto lo stress rappresenta la risultante tra il danno e la difesa proprio come in fisica la tensione o pressione rappresenta la risultante tra la forza e la resistenza ad essa offerta 3. Da queste prime considerazioni è bene chiarire che lo stress rappresenta un fenomeno soggettivo e in quanto tale ogni individuo reagisce in maniera differente a seconda del proprio equilibrio psico-fisico, della personalità e delle sue esperienze passate. 1.2 Eustress e distress Si è constatato, infatti, che lavorare sotto una certa pressione poteva addirittura migliorare la performance e le prestazioni, dando soddisfazione quando si raggiungevano difficili o impegnativi obiettivi. Questa tensione positiva fu definita stress acuto ovvero eustress mentre al contrario, quando le richieste (in ambito lavorativo ed extraprofessionale) con la pressione eccessiva ed esercitata a lungo determinavano situazioni di disagio si parlava di stress cronico o distress. Lo stress acuto o eustress consisterebbe in definitiva in un: - grado ottimale di tensione o sollecitazione esterna che si risolverebbe una volta raggiunto l obiettivo; - difesa dalla monotonia e attivazione di risorse utili; - affinamento delle capacità di attenzione e concentrazione; - stimolo all apprendimento ed alla memoria; - stimolo facilitatore nella risoluzione creativa dei problemi. Lo stress cronico o distress consisterebbe in: - continua esposizione a stimoli esterni; - eccessiva attivazione fisiologica e psichica; - forzatura esagerata ed innaturale delle energie organiche; - prolungato processo di sopportazione e resistenza; - periodo di logorio ed esaurimento. 3. H. Selye, La syndrome di adattamento e le malattie di adattamento, in Conferenze di endocrinologia, Acc. Medico - Fisica Fiorentina, Soc. Ed. Universitaria, Firenze,

16 1.3 Stress e lavoro Negli ultimi 10 anni, lo stress collegato al lavoro è diventata una delle maggiori preoccupazioni per gli imprenditori che ne subiscono i costi e naturalmente per tutti i cultori della prevenzione ed anche per le Organizzazioni Governative o Internazionali. Si deve infatti rilevare che gli studi effettuati dalla Fondazione Europea tra il 1996 ed il 2000 hanno evidenziato come almeno il 28% dei lavoratori abbia in quegli anni denunciato sintomi collegati allo stress (ed anche con maggior frequenza disturbi muscoloscheletrici) e ulteriori indagini hanno pure segnalato come almeno il 50 60% delle giornate perse sia collegato allo stress da lavoro definito come un insieme di reazioni emotive, cognitive, comportamentali e fisiologiche collegate ad aspetti negativi e nocivi del contenuto, della organizzazione e del luogo di lavoro. Un altra definizione di stress sul lavoro è quella del NIOSH (1999) che definisce il fenomeno come insieme di reazioni fisiche ed emotive dannose che si manifesta quando le richieste poste dal lavoro non sono commisurate alle capacità, risorse ed esigenze del lavoratore. Lo stress connesso al lavoro può influire negativamente sulle condizioni di salute e provocare infortuni. Il lavoro, specie se svolto in determinate condizioni critiche, è per molti una notevole fonte di stress e quindi causa di infortuni, di scarsa produttività e di assenteismo, con perdita di milioni di giornate lavorative. Lo stress nei luoghi di lavoro può dipendere da diverse cause, sostanzialmente da problemi di inadeguatezza premiale (benefits, servizi, salari, contratti precari, pensioni ecc.) strutturale (agenti nocivi, ambienti inidonei, macchine obsolete), relazionale (rapporti mal gestiti in senso verticale o orizzontale) o organizzativa (overload, turni, ritmi, pause, precarità ecc.). Ad esempio, il rumore eccessivo può rendere difficile la concentrazione e la comunicazione con i colleghi mentre un lavoro prolungato come quando si realizza per protrazione di straordinari o per attività oltre 48 ore settimanali è causa di rischio raddoppiato per decessi dovuti a malattie cardiache rispetto a coloro che lavorano meno di 40 ore, con un aumento del rischio se il ritmo di lavoro è molto sostenuto. Ancora, la presenza di elevate responsabilità nei confronti di terzi come avviene per controllori di volo, piloti, personale delle ambulanze, medici e infermieri, può determinare elevati livelli di stress come anche l assunzione di elevate responsabilità di gestione in contesti che non offrono un adeguato supporto e sicurezza, oppure allorché i rapporti con superiori o colleghi sono caratterizzati da competitività, scarsa considerazione o incomprensione, quando il lavoro non offre adeguate garanzie di stabilità (es. lavori atipici ) o sicurezza, o quando le possibilità 18

17 di avanzamento professionale sono molto scarse, allorché vi è insoddisfazione per la mancata realizzazione personale, nonostante una discreta remunerazione. La considerazione sul mobbing, che consiste in una vera e propria lotta psicologica condotta spesso dai sistemi di organizzazione del lavoro (dirigenti, lavoratori, preposti) tramite attacchi ripetuti, per licenziare o indurre alle dimissioni ed eliminare una persona scomoda sarà trattata in un capitolo a parte in considerazione delle dimensioni del fenomeno, dei fattori culturali in gioco, della gravità degli effetti (notevoli problemi di stress alla vittima: ansia generalizzata, attacchi di panico, depressione, disturbi psicosomatici come mal di testa, vertigini, malattie gastrointestinali e cutanee) e dei costi sociali che ne derivano; segnaliamo solo come le più frequenti cause del fenomeno siano generalmente ascrivibili a ristrutturazioni aziendali, incompatibilità caratteriali, invidia circa le capacità del lavoratore. 1.4 Disoccupazione I fattori di stress derivanti dalla disoccupazione sono diversi. Tra essi occorre considerare la diminuita disponibilità economica, la preoccupazione di non riuscire a far fronte alle scadenze finanziarie (spese per alimentazione, alloggio, mezzi di trasporto ecc.) e la comparsa di sentimenti di insicurezza per il futuro, la mancanza o perdita di scopi ed ambizioni che si correla a tale stato, come ad esempio la riduzione della vita sociale, la restrizione delle attività e degli interessi, la limitazione del senso di libertà personale. Può essere importante anche la paura di perdere parte delle proprie capacità professionali per il mancato uso, la comparsa di sentimenti di inferiorità, con diminuzione dell autostima. Tutti i fattori descritti sono in gioco nella accentuazione o sviluppo di problemi e disturbi collegati allo stress come quelli descritti nelle successive pagine. 1.5 Patologie associate allo stress lavorativo Secondo il Documento di Consenso (2006) della SIMLII sulla Valutazione, prevenzione e correzione degli effetti nocivi dello stress da lavoro (Cesana & coll.) lo stress avrebbe grande importanza nei disturbi della funzione gastrointestinale, essendo soprattutto coinvolto nella sindrome del colon irritabile, ed avendo ovviamente riflessi anche sul ritardo dello svuotamento gastrico, sull accelerato transito intestinale, nella comparsa di sintomi dispeptici, nella genesi dell ulcera peptica (come anche del resto o in associazione, l assunzione di FANS, l infezione da Helicobacter Pilori, l acidità gastrica). Lo stress potrebbe contribuire anche a determinare 19

18 la comparsa di patologie infiammatorie croniche intestinali, o l esacerbazione del reflusso gastroesofageo come pure l aggravamento o la comparsa di disturbi cutanei (psoriasi, orticaria, dermatiti eczematose, patologie da HV). Del tutto recentemente poi, studi di psiconeuroimmunologia avrebbero mostrato che variazioni del comportamento e degli stati emotivi tipici delle situazioni stressanti indurrebbero complesse manifestazioni neuroendocrine che potrebbero modulare anche processi infettivi, allegerici o addirittura anche neoplastici. In situazioni di stress è evenienza comune che possono insorgere modificazioni dell attività intellettuale con difficoltà a mantenere il ritmo di lavoro, comparsa di deficit mnemonici, attentivi, di concentrazione ed elaborazione delle informazioni. Le reazioni d ansia, frequenti ove ci si accorga di non poter far fronte alle richieste di responsabilità, adeguatezza, urgenza, precisione e quindi alla conseguente comparsa di errori, ritardi, dimenticanze significative possono associarsi o determinare depressione, irritabilità, sofferenza, vissuti di colpa. Possono comparire in taluni casi disturbi del comportamento alimentare (più frequentemente bulimia, raramente anoressia), o si può essere abuso di sostanze psicoattive (tabacco, alcool, psicofarmaci) spesso in realtà motivate da stress prolungato, esaurimento fisico, necessità di veglia, insicurezza. I disturbi del sonno sono frequente evenienza di situazioni stressanti. Possono manifestarsi in una forma comune di insonnia (difficoltà nell addormentamento, risvegli frequenti, risvegli anticipati) oppure talvolta anche in sindromi più severe come gli incubi, il bruxismo, le ipersonnie, miocloni notturni. Ed i disturbi del sonno, secondo gli studi condotti, sarebbero più frequenti nei lavoratori manuali, con alto carico di lavoro, con basso supporto da parte dei colleghi. Anche il burnout, quadro che descrive l esaurimento fisico e mentale di operatori particolarmente esposti allo stress con soggetti o situazioni disagiate, è una patologia stress correlata che colpisce in particolare operatori motivati addetti all assistenza e che si estrinseca con esaurimento emotivo, distacco, perdita di interesse verso le persone con cui si lavora, disaffezione, intolleranza, sensazione di fallimento, apatia talvolta aggressività e non di rado sintomi psicosomatici cardiovascolari, intestinali, cutanei e nervosi. 1.6 Le attività lavorative in gioco nella determinazione dello stress Alti livelli di stress sembra possano manifestarsi più frequentemente nei lavori con elevate sollecitazioni psicologiche, scarsa possibilità decisionale ed autono- 20

19 mia, scarso supporto dei colleghi. Ad esempio, una ricerca inglese del 1987 cita come stressati : minatori, poliziotti, agenti di custodia, edili (ma anche piloti, giornalisti, attori e medici) ove la tipologia delle attività prestate era caratterizzata da elevatissima responsabilizzazione, timore di errori, elevata e continua attenzione. Nel nostro Paese, tra i lavoratori particolarmente stressati sono inclusi controllori del traffico aereo, addetti alla guida di autobus (per elevata attenzione, turni, traffico, timore di aggressioni ecc.) addetti turnisti, lavoratori della sanità, insegnanti, forze di polizia, addetti ai call center (spesso privi di riconoscimento sociale e professionale, addetti ad attività ripetitive, frammentarie, oppure con necessità di elevate capacità di problem solving, esposti a critiche o doglianze degli utenti, controllati costantemente e sotto pressione operativa, spesso operanti in ambienti poco confortevoli e con turni gravosi). 1.7 La valutazione dei rischi Occorre considerare, in tema di stress, che stimoli differenti per qualità ed entità possono determinare la medesima reazione di stress mentre stimoli di uguale intensità possono non provocare uguali reazioni in soggetti differenti. Inoltre la causa della reazione di stress non è quasi mai univoca o monofattoriale. Infine un medesimo livello di stress determinato da un uguale stimolo può determinare differenti lesioni in vari organi. Le misure utilizzate per valutare i fenomeni stress correlati possono giovarsi allora di strumenti diagnostici che, consentendo facili misure e ripetibilità delle medesime, indaghino sulle conseguenze delle interazioni uomo-ambiente. L osservazione diretta è uno dei metodi utilizzabili, se si fa attenzione all analisi di alcuni indicatori importanti quali le richieste provenienti dall ambiente (carico di lavoro, procedure ecc.), le possibilità di autonomia e controllo dei dipendenti (carichi di lavoro auto gestiti o imposti con ritmi usuranti), il supporto attivo di colleghi e superiori, la disponibilità di risorse, la buona qualità dei rapporti interpersonali, la chiarezza dei ruoli. Le misure di percezione (interviste, questionari) sono state assai utilizzate negli ultimi tempi e raccolgono informazioni affidabili, a condizioni che si verifichi la chiarezza delle domande, si addestrino gli intervistatori, si predispongano gli strumenti di indagine tenendo presente il grado culturale e di istruzione degli intervistati, si preveda l anonimato, si renda accettabile ed amichevole il tono dei quesiti posti, si enfatizzi la variabilità individuale con ampio spettro possibile di risposte. I questionari possono essere descrittivi su condizioni di salute, stili di vita, ambien- 21

20 ti di lavoro oppure possono essere utilizzate scale di valutazione standardizzate (Job Content Questionnaire - JCQ - di Karasek oppure Effort Reward Imbalance - ERI - questionnarie). Test psicometrici sono infine finalizzati a misurare vari aspetti della personalità che poi vengono confrontati con la percezione e i disturbi accusati (es. MMPI). Misure di performance possono essere utilizzate per valutare gli effetti dello stress sullo stato di vigilanza (arousal) oppure possono essere utilizzate, in ambito clinico talune misure fisiologiche come la frequenza cardiaca, la misurazione della pressione arteriosa, il dosaggio delle catecolammine (adrenalina e noradrenalina), il dosaggio del cortisolo. Possono essere utilizzati la pupillometria, l elettromiografia (EMG), i potenziali evocati, l EEG, i livelli di lipidi ematici, emoglobina glicosilata, le endorfine e la funzione insulinica. L importanza della valutazione dei rischi legati agli aspetti psicologici e sociali nell attività lavorativa viene sottolineata dal D.Lgs. 81/08. L art. 28, infatti, recita la valutazione [ ] deve riguardare tutti i rischi per la sicurezza e salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, tra cui anche quelli collegati allo stress lavoro-correlato, secondo i contenuti dell accordo Europeo dell 8 ottobre 2004 [ ]. L accordo europeo sullo stress dell 8 ottobre 2004 è stato recepito nell accordo interconfederale del 9 giugno 2008 (riportato interamente in appendice a pag. 555) ed è quindi a tale documento che occorre fare riferimento per la valutazione delle questioni collegate sia alla valutazione del rischio che alla predisposizione delle misure ottimali di tutela. Ebbene, per individuare e gestire problemi di stress lavoro-collegato occorre individuare e valutare il contenuto del lavoro, l eventuale ineguatezza nella gestione dell organizzazione del lavoro, le carenze nella comunicazione, condizioni tutte che possono essere accompagnate da disturbi o disfunzioni di natura fisica, psicologica o sociale eventualmente per prolungata tensione di soggetti che non sono in grado di corrispondere alle richieste o aspettative poste in loro. Alto tasso di assenteismo, elevata rotazione del personale, conflitti verticali o orizzontali, lamentele del personale dovrebbero in sostanza determinare una analisi della gestione e della organizzazione dei processi di lavoro e, se si individuano situazioni di stress correlato al lavoro si dovrebbero adottare misure per prevenirlo. Le misure possono essere individuali o collettive e possono includere interventi sulla gestione e sulla comunicazione in modo da chiarire obiettivi aziendali, ruolo dei lavoratori, assicurando nel contempo sostegno della dirigenza ai lavoratori, aumentando la loro formazione e le loro competenze, la consapevolezza e conoscenza dello stress e dei modi per affrontarlo. 22

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Dr.ssa Mara Cristofori FASE O VALUTARE ASPETTATIVE

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

I rischi da stress lavoro-correlato. A cura di Franca Da Re. Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro

I rischi da stress lavoro-correlato. A cura di Franca Da Re. Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro I rischi da stress lavoro-correlato A cura di Franca Da Re Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro Da diversi anni la psicologia e la medicina del lavoro si occupano delle patologie che possono avere

Dettagli

Patologia psichica da stress, mobbing e costrittività organizzativa. LA TUTELA DELL INAIL

Patologia psichica da stress, mobbing e costrittività organizzativa. LA TUTELA DELL INAIL SOVRINTENDENZA MEDICA GENERALE Patologia psichica da stress, mobbing e costrittività organizzativa. LA TUTELA DELL INAIL A cura di: Paolo PAPPONE Alberto CITRO Ornella NATULLO Emanuele DEL CASTELLO ISBN-13:

Dettagli

IL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO

IL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO IL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO Dott. Piergiorgio Frasca (Psicologo del lavoro e delle organizzazioni) Dr. Piergiorgio Frasca Il rischio stress lavoro-correlato 1 DOCENTE Dott. Piergiorgio Frasca Psicologo

Dettagli

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Non è possibile conoscere a priori quale sia la strada giusta per raggiungere un obiettivo se non cominciamo a percorrerla Dott. Marco Broccoli (Ausl di Ravenna)

Dettagli

LO STRESS NELLA PSICOLOGIA

LO STRESS NELLA PSICOLOGIA LO STRESS NELLA PSICOLOGIA Sempre più spesso si sente parlare di stress, di persone stressate, di società stressata. La parola inglese stress significa anche pressione, sollecitazione, ed è stata introdotta

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Accordo bilaterale europeo sullo stress sul lavoro

Accordo bilaterale europeo sullo stress sul lavoro Accordo bilaterale europeo sullo stress sul lavoro a cura di Cinzia Frascheri Responsabile nazionale salute e sicurezza sul lavoro CISL Membro ufficiale per l'italia al tavolo negoziale, in rappresentanza

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Le patologie stress lavoro- correlate

Le patologie stress lavoro- correlate Le patologie stress lavoro- correlate Alfonso Cristaudo U.O Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana Lo Stress Cenni Storici HHans Selye (Vienna, 1907 Montreal, 1982) contribuì

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato Maggio 2010 PREFAZIONE Al fine di contribuire ad un adeguata gestione dei rischi psicosociali, negli ultimi anni l ISPESL ha adottato una strategia

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Perché Sicurezza e Igiene del Lavoro? Tutela della salute dei lavoratori La salute, intesa come lo stato di

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO 1 LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO Il tema discriminazioni e della promozione delle pari opportunità nei luoghi di lavoro è un argomento di grande attualità perché investe profili di carattere tecnico-

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES Addì, 9 giugno 2004 Tra CONFINDUSTRIA, CONFARTIGIANATO, CONFESERCENTI,

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Corso formazione genitori - FISDE

Corso formazione genitori - FISDE Corso formazione genitori - FISDE FISDE Tutti i diritti sono riservati E vietata la riproduzione diretta o indiretta, totale o parziale, temporanea o permanente. che cosa fa di un problema un problema?

Dettagli

STRUTTURA DEL SERVIZIO DI MEDICINA DEL LAVORO

STRUTTURA DEL SERVIZIO DI MEDICINA DEL LAVORO STRUTTURA DEL SERVIZIO DI MEDICINA DEL LAVORO NORMATIVA: S.P.P. medico competente RLS SORVEGLIANZA SANITARIA TUTELA MATERNITA RISCHIO VDT RISCHIO ALCOL E TOSSICODIPENDENZE RISCHIO STRESS MOBBING Assessorato

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Contra non valentem agere non currit praescriptio

Contra non valentem agere non currit praescriptio PER GLI ENTI DI PATRONATO 1 TERMINI DI PRESCRIZIONE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE MALATTIE PROFESSIONALI E TERMINE DI REVISIONE DELLE RENDITE UNIFICATE DA EVENTI POLICRONI LIMITE INTERNO ED ESTERNO

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli