Istituto Nazionale di Statistica RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI - ANNO 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Nazionale di Statistica RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI - ANNO 2009"

Transcript

1 Istituto Nazionale di Statistica RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI - ANNO 2009 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Il questionario deve essere compilato dal responsabile del presidio residenziale, il quale può delegare un altra persona, purché questa sia in grado di fornire tutte le informazioni richieste. In questa guida si forniscono le definizioni e le istruzioni ritenute necessarie per una corretta compilazione del questionario. Per ogni chiarimento è possibile telefonare al numero Verde dal lunedì al venerdì, dalle ore 10,00 alle 13,00 (la telefonata è gratuita). AVVERTENZE GENERALI Il questionario è preintestato con i dati anagrafici in possesso dell Istat. Se questi non dovessero coincidere con quelli attuali, si richiede di scrivere i nuovi dati anagrafici nell apposito spazio così come specificato nella Sezione 1 (Quesito 2). La data di riferimento delle informazioni richieste è il 31/12/2009. A causa della concomitanza con il periodo natalizio, questa data può rappresentare un momento di alterazione nello svolgimento delle normali attività del presidio (minore disponibilità di personale, temporaneo rientro in famiglia di alcuni ospiti, interruzione dei corsi, delle attività sportive, ecc.). In tal caso, si prega di riferire le informazioni richieste all ultimo giorno di regolare funzionamento del presidio nel corso del Il questionario debitamente compilato va inviato entro il 30 settembre 2010 servendosi della busta allegata; l indirizzo è prestampato sulla stessa, non occorre l affrancatura in quanto la spedizione è a carico del destinatario. ELEMENTI INNOVATIVI DELL INDAGINE L Istituto nazionale di statistica si appresta ad avviare la nuova indagine sui Presidi residenziali socio assistenziali e socio-sanitari. L indagine è stata riprogettata con la collaborazione degli esperti del Ministero della Salute, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e del Cisis - Gruppo di Lavoro Politiche Sociali. L indagine, al fine di descrivere le attività di integrazione tra l assistenza sociale e quella sanitaria, prevede un campo di osservazione più ampio rispetto al passato; si rivolge, infatti, oltre che alle strutture residenziali socio-assistenziali, anche a quelle che svolgono attività sanitaria con una rilevanza sociale. DEFINIZIONI DEI TERMINI UTILIZZATI NEL QUESTIONARIO Si definisce Presidio residenziale la struttura pubblica o privata che eroga servizi residenziali (ospitalità assistita con pernottamento) di tipo socio-assistenziale e/o socio-sanitario a persone 1

2 in stato di bisogno. Il singolo presidio è individuato univocamente dalla coppia denominazione della struttura indirizzo della stessa. Il presidio può erogare uno o più servizi (tipologie di assistenza), ciascuno di essi è chiamato Modulo. Si definisce Modulo l unità di servizio di un presidio identificata da una tipologia di assistenza per un determinato target di utenza. Le informazioni richieste sono relative ai soli Moduli attivi, ossia regolarmente funzionanti, all'interno del Presidio, al 31 dicembre. Si considerano Ospiti del Presidio sia gli ospiti effettivamente presenti in esso al 31/12/2009, sia le persone temporaneamente assenti in tale data per eventuali rientri in famiglia, vacanze, soggiorni presso altri nuclei familiari, ecc. I destinatari dell'assistenza possono essere minori bisognosi di tutela, minori disabili, persone adulte disabili, anziani autosufficienti e non, stranieri, cittadini italiani momentaneamente sprovvisti dei mezzi di sussistenza e in situazioni contingenti di difficoltà, disagio o abbandono. Le prestazioni erogate, oltre al soddisfacimento del bisogno di alloggio, possono variare in relazione alle necessità degli ospiti: vitto, tutela, assistenza alla persona, prestazioni sanitarie, servizi di istruzione o di formazione professionale, attività sociali e ricreative, ecc. ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Il questionario è articolato nelle seguenti sette sezioni: Sezione 1: Informazioni identificative del Presidio, del Titolare e del Gestore - (Riferite al 31 dicembre) Sezione 2: Informazioni generali sui Moduli attivi del Presidio - (Riferite al 31 dicembre) Sezione 3: Dati sugli ospiti presenti nei Moduli attivi del Presidio - (Riferite al 31 dicembre) Sezione 4: Dati sugli ospiti Minori presenti nei Moduli attivi del Presidio - (Riferite al 31 dicembre) Sezione 5: Flusso degli ospiti relativo al Presidio Sezione 6: Dati economici relativi al Presidio - (Riferite al 31 dicembre) Sezione 7: Informazioni relative al personale del Presidio - (Riferite al 31 dicembre) SEZIONE 1 Informazioni identificative del Presidio, del Titolare e del Gestore - (Riferite al 31 dicembre) Nella Sezione 1 sono riportati i dati identificativi del Presidio con riferimento alla sua sede operativa, al Titolare e al Gestore del Presidio. Per Titolare del Presidio si intende la persona giuridica cui compete l esercizio della funzione socio-assistenziale o socio-sanitaria; generalmente il Titolare coincide con il Gestore del Presidio, salvo il caso in cui il la gestione del Presidio sia stata affidata ad un soggetto terzo, ad esempio tramite una convenzione. Compilazione dei Moduli del Presidio Le Sezioni 2, 3 e 4 del questionario raccolgono le informazioni per Modulo attivo. Se il Presidio ha più Moduli è necessario compilare le suddette sezioni per ogni Modulo numerando progressivamente le pagine, nell apposito riquadro in alto a sinistra, ad esempio: Modulo n 1, Modulo n 2,.., Modulo n N. 2

3 Sarà, pertanto, cura del compilatore fotocopiare le Sezioni 2, 3 e 4, facendo tante copie quanti sono i Moduli presenti nel Presidio. SEZIONE 2 Informazioni generali sui Moduli attivi del Presidio - (Riferite al 31 dicembre) La Sezione 2 va compilata per ogni Modulo attivo del Presidio, ossia, per ogni Modulo regolarmente funzionante al 31 dicembre. Nel caso in cui il Presidio abbia più di un Modulo fare copie aggiuntive della presente pagina e inserire le informazioni relative ad ogni Modulo numerando progressivamente le pagine, ad esempio: Modulo n 1, Modulo n 2,.., Modulo n N. Per ogni Modulo si chiede di compilare il campo relativo alla denominazione e, laddove il Modulo ne sia sprovvisto, inserire nello spazio ad esso riservato la denominazione del Presidio. Poiché le Regioni possono avere adottato un proprio nomenclatore per la classificazione delle strutture territoriali, è previsto uno spazio per indicare la tipologia di assistenza erogata coerente con la classificazione adottata dalla propria Regione. Quesito 8: Tipologia di assistenza erogata nel Modulo Questa parte del questionario è dedicata alla descrizione della tipologia di assistenza erogata nel Modulo. 1. Carattere delle residenzialità 1. Residenzialità familiare, è una struttura di piccole dimensioni, caratterizzata da una organizzazione di tipo familiare che riproduce le caratteristiche della vita in famiglia. In caso di strutture per minori vi è la presenza di una coppia oppure di uno o due adulti che svolgono funzioni genitoriali. 2. Residenzialità comunitaria, è una struttura di dimensioni variabili a secondo dell area di utenza (di norma superiore a 6-10 posti) ed è caratterizzata dalla presenza di operatori assistenziali, socio-sanitari o educatori e da una organizzazione di tipo comunitario. 2. Funzione di protezione sociale 1. Accoglienza di emergenza, ha la funzione di rispondere con immediatezza ai bisogni urgenti e temporanei di ospitalità e tutela. 2. Prevalente accoglienza abitativa, offre ospitalità, assistenza e occasioni di vita comunitaria. Può essere rivolta all accoglienza di immigrati o adulti in condizioni di disagio o ad anziani autosufficienti. In relazione al tipo di utenza fornisce aiuto nelle attività quotidiane, stimoli e possibilità di attività occupazionali e ricreativo-culturali, di mantenimento e riattivazione. 3. Prevalente funzione tutelare, comprende: - Osservazione sociale, si fa carico del disagio e dell emarginazione dell individuo, senza la predisposizione di un progetto individuale, ma offrendo prestazioni specifiche e attivando un punto di osservazione per monitorare ed arginare lo sviluppo della marginalità; - Accompagnamento sociale, è l accoglienza rivolta a ospiti che hanno concordato un progetto di assistenza individuale e sono in fase di acquisizione dell'autonomia. I tempi di permanenza sono strettamente correlati e funzionali al progetto individuale; - Supporto all autonomia, è l accoglienza in alloggi privi di barriere architettoniche e attrezzati con tecnologie e servizi per offrire una permanenza sicura e funzionale 3

4 finalizzata al mantenimento dell autonomia dell utente; ad esempio: alloggi protetti con servizi per anziani o disabili con una buona condizione di autosufficienza. 4. Socio-educativa, tutela ed assistenza educativa di carattere professionale a minori temporaneamente allontanati dal nucleo familiare. 5. Educativo- psicologica, assistenza educativa, terapeutica e riabilitativa per i minori in situazione di disagio psico-sociale e con disturbi di comportamento. Ha finalità educative, terapeutiche e riabilitative volte al recupero psico-sociale ed è a integrazione sanitaria. 6. Socio-sanitaria, offre ospitalità ed assistenza, occasioni di vita comunitaria, aiuto nelle attività quotidiane, stimoli e possibilità di attività occupazionali e ricreativo culturali, di mantenimento e riattivazione. Viene garantita l'assistenza medica, infermieristica e trattamenti riabilitativi per il mantenimento ed il miglioramento dello stato di salute e di benessere. Destinata ad accogliere temporaneamente o permanentemente persone anziane non autosufficienti o adulti disabili. 3. Assistenza sanitaria Indicare il livello di assistenza sanitaria presente nella residenzialità: 1. Assente 2. Bassa 3. Media 4. Alta. Il livello di assistenza sanitaria è basso nei trattamenti di mantenimento o lungo assistenza a pazienti non autosufficienti. Il livello è medio nei trattamenti estensivi a pazienti non autosufficienti con elevata necessità di tutela sanitaria (cure mediche e infermieristiche quotidiane, trattamenti di recupero funzionale, somministrazione di terapie e.v., nutrizione enterale, lesioni da decubito profonde, ecc.). Il livello risulta invece alto nei trattamenti intensivi, essenziali per il supporto alle funzioni vitali (ventilazione meccanica e assistita, nutrizione enterale e parenterale protratta, trattamento di stati vegetativi o coma prolungato, malattie neurovegetative progressive, ecc.). 4. Target di utenza prevalente Indicare la tipologia di utenza prevalente: 1. Minori: utenti con età inferiore a 18 anni. 2. Disabili: persone di età inferiore a 65 anni con disabilità fisica, psichica, sensoriale o plurima. 3. Dipendenze: persone dipendenti da alcool e droghe o per i quali è stato avviato un percorso di recupero e reinserimento. 4. Anziani: persone di età superiore a 65 anni autosufficienti e non. 5. Immigrati/Stranieri: utenti che non hanno cittadinanza italiana. 6. Adulti con disagio sociale: persone senza fissa dimora, donne vittime di violenza, ex detenuti, indigenti, nomadi e altre persone in difficoltà socio-economica. 7. Salute mentale: persone con problemi di salute mentale. 8. Multiutenza: categoria da selezionare qualora il servizio residenziale non sia destinato in maniera unica e prevalente ad un target di utenza (il caso tipico riguarda le comunità che accolgono insieme adulti e minori in difficoltà). Quesito 9: Posti letto al 31 dicembre Indicare il numero dei posti letto autorizzati e il numero di posti letto effettivamente operativi 4

5 Quesito 10: Inizio attività (mese-anno) Indicare l anno di inizio attività del modulo. Quesito 11: Fine attività (mese-anno) Indicare l anno di cessazione dell attività del modulo Quesito 12: Sospensione attività (mese-anno) Indicare il periodo di sospensione del modulo ( assenza di ospiti, rientro nelle famiglie di origine nel periodo estivo o per le feste natalizie, ecc.) Quesito 13: Totale giorni di apertura Indicare il totale giorni di apertura del modulo compresi quelli in cui l attività del modulo si è trasferita presso altre localizzazioni per i periodi estivi o vacanzieri. SEZIONE 3 Dati sugli ospiti presenti nei Moduli attivi del Presidio - (Riferite al 31 dicembre) La Sezione 3 va compilata per ogni Modulo attivo del Presidio, ossia, per ogni Modulo regolarmente funzionante al 31 dicembre. Nel caso in cui il Presidio abbia più di un Modulo fare copie aggiuntive della presente pagina e inserire le informazioni relative ad ogni Modulo numerando progressivamente le pagine, ad esempio: Modulo n 1, Modulo n 2,.., Modulo n N. In presenza di più problematiche concomitanti attribuire l ospite ad una sola categoria, considerando la causa principale del disagio. Ad esempio, nel caso in cui nel Modulo sia presente una gestante tossicodipendente, il compilatore dovrà attribuire l ospite alla modalità 3 del quesito 15. Nella Sezione 3 (quesiti 14, 15, 16, 17 e 18) si rilevano anche le informazioni relative agli ospiti stranieri, intendendo quegli ospiti che non hanno la cittadinanza italiana. Quesito 14: Ospiti presenti nel Modulo per tipologia di utenza e sesso - Anziani (65 anni e oltre) In questa parte del questionario va indicato il numero di ospiti anziani presenti nel Modulo per tipologia di utenza e sesso, indicando come di cui il numero dei cittadini stranieri. Si definiscono anziani non autosufficienti coloro che sono dichiarati tali a seguito di valutazione multidimensionale da parte di un'equipe multidisciplinare. Quesito 15: Ospiti presenti nel Modulo per tipologia di utenza e sesso - Adulti (18-64 anni) In questo quesito va indicato il numero di ospiti adulti presenti nel Modulo per tipologia di utenza e sesso, indicando come di cui il numero dei cittadini stranieri. Gli utenti con disabilità sono coloro che presentano una limitazione fisica, psichica, sensoriale o plurima. Gli utenti con patologia psichica sono coloro i quali hanno una certificazione medica attestante una patologia psichiatrica. 5

6 Nel caso in cui il Presidio ospiti madri maggiorenni con bambini a carico, indicare in questa categoria il numero di madri e includere i figli a carico in una delle modalità dei quesiti relativi ai Minori (quesiti 16, 17 e 18). Attenzione Nei quesiti 16, 17 e 18 il totale dei Minori Maschi, Minori Femmine e dei Minori Stranieri Maschi e Minori Stranieri Femmine DEVE COINCIDERE. Quesito 16: Ospiti presenti nel Modulo per tipologia di utenza e sesso - Minori di 18 anni (0-17 anni) In questo quesito va indicato il numero di ospiti minori presenti nel Modulo per tipologia di utenza, e sesso, indicando come di cui il numero dei cittadini stranieri. Gli utenti minori con disabilità sono coloro che presentano una limitazione fisica, psichica, sensoriale o plurima. I minori con disturbi mentali dell età evolutiva sono coloro i quali presentano una problematica attinente all area della neuropsichiatria infantile. Quesito 17: Ospiti presenti nel Modulo per tipologia di utenza e sesso - Minori di 18 anni - Motivo di ingresso Nel caso in cui il Presidio ospiti madri minorenni con bambini a carico, indicare in questa categoria il numero di madri e includere i figli a carico in una delle modalità dei quesiti relativi ai Minori (quesiti 16, 17 e 18). Questo quesito è riservato ai Moduli per Minori o Multiutenza. Il minore straniero non accompagnato è il minore di età che non ha la cittadinanza italiana o di altri stati dell Unione europea e che, non avendo presentato domanda di asilo, si trova per qualsiasi causa nel nostro Paese, privo di assistenza e rappresentanza da parte dei genitori o di altri adulti per lui legalmente responsabili in base alle leggi vigenti nell ordinamento italiano (cfr. art. 1 co. 2 del DPCM 535 del 9 dicembre 1999). Quesito 18: Ospiti presenti nel Modulo per tipologia di utenza e sesso - Minori di 18 anni - Provenienza del minore Questo quesito è riservato ai Moduli per Minori o Multiutenza. Attenzione Nel quesito 19, per ciascuna modalità di risposta, la somma degli Anziani di tutte le classi di età DEVE COINCIDERE con la somma degli Anziani maschi e femmine del quesito 14. Nel quesito 20, per ciascuna modalità di risposta, la somma degli Adulti di tutte le classi di età DEVE COINCIDERE con la somma degli Adulti maschi e femmine del quesito 15. Nel quesito 21, per ciascuna modalità di risposta, la somma dei Minori di tutte le classi di età DEVE COINCIDERE con la somma dei Minori maschi e femmine del quesito 16. Nei quesiti 21 e 22 la somma dei Minori di ogni classe di età (somma per colonna) DEVE COINCIDERE. Nel quesiti 22 la somma del Minori di tutte le classi di età DEVE COINCIDERE con la somma dei Minori Maschi e Femmine del quesito 17. Soltanto nel quesito 23 la classe di età si riferisce al momento dell ingresso del Minore nel Presidio e NON al 31 dicembre. 6

7 SEZIONE 4 Dati sugli ospiti Minori presenti nei Moduli attivi del Presidio - (Riferite al 31 dicembre) La Sezione 4, come le Sezioni 2 e 3, va compilata per ogni Modulo attivo del Presidio, ossia per tutti quei Moduli che sono regolarmente funzionanti al 31 dicembre. Nel caso in cui il Presidio abbia più di un Modulo fare copie aggiuntive della presente pagina e inserire le informazioni relative ad ogni Modulo numerando progressivamente le pagine, ad esempio: Modulo n 1, Modulo n 2,.., Modulo n N. Questa Sezione è dedicata interamente agli ospiti Minori e deve essere compilata esclusivamente da quei Presidi che hanno al loro interno Moduli attivi secondo il suddetto target di utenza. Nella Sezione 4, in particolare, si estende la tipologia di utenza dei Minori comprendendo anche la classe di età tra 18 e 21 anni (ossia includendo quei Minori che risultano essere ancora presenti nel Modulo del Presidio) al fine di completare il percorso di aiuto. Quesito 24: Minori dimessi dal Modulo nel corso dell'anno oggetto della rilevazione, per ciascuna destinazione specificata Indicare il numero di minori dimessi dal Modulo nel corso del 2009, per ciascuna destinazione specificata. Non devono essere considerati i minori eventualmente deceduti nel corso del L affidamento intrafamiliare comporta l accoglienza di un Minore da parte di parenti entro il IV grado. Tale forma di affido non comporta l uscita del minore dalla sua famiglia di origine. L affido intrafamiliare non richiede alcun provvedimento né amministrativo né giudiziario. L affidamento eterofamiliare comporta l accoglienza di un minore da parte di una famiglia senza vincoli di parentela con il nucleo familiare di origine temporaneamente in difficoltà. Può essere anche non consensuale. Attenzione Nei quesiti 25, 26 e 27 il totale di Minori di ogni classe di età (somma per colonna) DEVE COINCIDERE. Quesito 28: Minori stranieri presenti al 31 dicembre per condizione di arrivo in Italia Indicare il numero di Minori stranieri al 31 dicembre per condizione di arrivo in Italia. Il minore straniero non accompagnato è il minorenne che non ha la cittadinanza italiana o di altri stati dell Unione europea e che, non avendo presentato domanda di asilo, si trova per qualsiasi causa nel nostro Paese, privo di assistenza e rappresentanza da parte dei genitori o di altri adulti per lui legalmente responsabili in base alle leggi vigenti nell ordinamento italiano. (cfr. art. 1 co. 2 del DPCM 535 del 9 dicembre 1999). SEZIONE 5 Flusso degli ospiti relativo al Presidio Quesito 29: Flusso degli ospiti relativo al Presidio Indicare il numero di accoglienze, dimissioni e decessi avvenuti nel Presidio nel corso dell anno di riferimento dell indagine. Includere fra le accoglienze tutti i soggetti accolti nell'anno di riferimento che hanno trascorso almeno una notte all'interno del Presidio. Nel quesito 29 si rilevano anche le informazioni relative agli ospiti stranieri, intendendo cioè quegli ospiti che non hanno la cittadinanza italiana. 7

8 Il numero di ospiti presenti al 31 dicembre dell anno di riferimento debbono corrispondere alla somma dei presenti indicati nei singoli moduli. Cioè, il numero degli ospiti presenti al 31 dicembre deve essere uguale sia alla somma degli ospiti dei quesiti 14, 15 e 16 (numero totale degli anziani, adulti e minori per genere) di tutti i Moduli, sia alla somma degli ospiti dei quesiti 19, 20 e 21 (numero totale degli anziani, adulti e minori di tutte le classi di età) di tutti i Moduli. Quesito 30: Posti letto al 31 dicembre relativi al Presidio Attenzione Nel quesito 30 il numero di posti letto DEVE COINCIDERE con la somma dei posti letto operativi indicati nei Moduli SEZIONE 6 Dati economici relativi al Presidio - (Riferiti al 31 dicembre) In questa Sezione va indicato il bilancio consuntivo del Presidio (entrate, uscite) in riferimento al 31 dicembre dell anno di riferimento dell indagine. Nel caso in cui il bilancio non sia ancora disponibile è possibile fare riferimento al preconsuntivo e alle previsioni per l anno. Nel caso in cui il Presidio non disponga di una contabilità separata da altri organismi si prega di riportare soltanto le entrate e le spese riconducibili al singolo Presidio (si consiglia di consultare il responsabile della contabilità generale). Se i dati disponibili sono relativi alla gestione di più Presidi residenziali, è possibile stimare gli importi relativi ad ognuno di essi sulla base del numero di ospiti: ad ogni Presidio si attribuiscono quote di entrate e di spese proporzionali alla quota di ospiti che dimorano in quel Presidio. I Presidi che hanno una contabilità pubblica devono indicare soltanto le poste di parte corrente del bilancio di cassa; i presidi che hanno una contabilità privata devono fare riferimento ai dati del conto economico. Quesito 32: Indicare l importo delle uscite, in unità di euro (riferite al consuntivo o preconsuntivo) Il "Personale" comprende anche il "Personale per prestazioni in appalto o convenzioni". Il "Personale per prestazioni in appalto o convenzioni" deve essere a sua volta indicato separatamente e sarà compreso anche nel Personale. Il Totale (somma di ) corrisponde alla somma delle modalità: Personale, Beni e servizi e Altro. SEZIONE 7 Informazioni relative al personale del Presidio - (Riferite al 31 dicembre) Quesito 33: Personale retribuito e non, secondo la qualifica professionale e totale di ore annue, per ente che ne sostiene l'onere economico Le informazioni sono riferite al personale che opera nel Presidio. 8

9 Le figure professionali che operano all interno della struttura sono riferite all intero Presidio e distinte in volontari e personale retribuito. Il personale retribuito, a sua volta, si distingue in base alla persona giuridica che ne sostiene l onere economico. Il Totale delle ore annue, riportato in testata nelle colonne (a), (b) e (c), è il totale di ore previste da contratto. Occorre sommare tutte le ore per tutte le unità di personale della figura professionale specificata. La modalità Altri addetti assistenza alla persona comprende ADEST (assistente domiciliare e dei servizi tutelari), OSA (operatore socio-assistenziale), OTA (operatore tecnico addetto all'assistenza) ad esaurimento e tutti gli altri assistenti di base e similari. Quesito 34: Gli ospiti conservano il proprio medico di medicina generale? Le risposte possibili sono: 1=Si 2=No. Quesito 35: Ripartizione percentuale delle ore annue dal personale retribuito, secondo la qualifica professionale, distinte per Modulo Il monte ore complessivo, erogato nell anno da tutto il personale retribuito che ha operato nel presidio, deve essere ripartito per singolo Modulo e laddove non sia possibile tale ripartizione inserire il totale numero ore lavorate nella colonna ore annue in comune tra più Moduli. La modalità Altri addetti assistenza alla persona comprende ADEST (assistente domiciliare e dei servizi tutelari), OSA (operatore socio-assistenziale), OTA (operatore tecnico addetto all'assistenza) ad esaurimento e tutti gli altri assistenti di base e similari. 9

Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari

Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari Caratteristiche generali dell'indagine L indagine sui Presidi residenziali socio assistenziali e socio-sanitari, prevista dal Programma

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Il questionario deve essere compilato dal responsabile del presidio residenziale,

Dettagli

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI 14 dicembre 2012 Al 31 dicembre 2010 I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI In Italia i presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari attivi il 31 dicembre 2010 sono 12.808

Dettagli

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO La legge regionale n. 20 del 6 novembre 2002, ed il relativo regolamento attuativo (n. 1 dell 8 marzo 2004) come più volte integrato e modificato,

Dettagli

NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI Versione 2 Anno 2013

NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI Versione 2 Anno 2013 2013 NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI Versione 2 Anno 2013 Indice 1. La struttura del Nomenclatore 2. Le voci del Nomenclatore 3. La classificazione dei presidi residenziali socio-assistenziali

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

Anno 2001 RILEVAZIONE STATISTICA SUI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

Anno 2001 RILEVAZIONE STATISTICA SUI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE Anno 2001 RILEVAZIONE STATISTICA SUI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE Per una corretta compilazione si consiglia di Consultare la "Guida alla compilazione del questionario" Per informazioni telefonare

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio del sistema sociosanitario Le socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza I dati riassuntivi di seguito esposti sono elaborati dal Settore Sistema

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE DISCIPLINA IN MATERIA DI AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE E DEI SERVIZI SOCIALI A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE Fonte: BOLLETTINO

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

MODULO 4 SERVIZI SVOLTI (Territorio, Rifiuti, Asili Nido e Sociale)

MODULO 4 SERVIZI SVOLTI (Territorio, Rifiuti, Asili Nido e Sociale) MODULO 4 SERVIZI SVOLTI (Territorio, Rifiuti, Asili Nido e Sociale) 1. GENERALITÁ Nel Modulo Servizi svolti Parte II, si chiede la quantificazione dei principali servizi svolti nell anno di rilevazione

Dettagli

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento Carta BISOGNI BISOGNI GLI ADULTI GLI ADULTI Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento in una struttura residenziale. Domiciliarità

Dettagli

PERSONALE: funzioni, profili, requisiti, tempi di adeguamento.

PERSONALE: funzioni, profili, requisiti, tempi di adeguamento. Allegato B PERSONALE: funzioni, profili, requisiti, tempi di adeguamento. MINORI - COMUNITA FAMILIARE ALLA DATA DI ENTRATA IN VIGORE DEL PRESENTE REGOLA Coordinamento Famiglia Almeno tre anni di esperienza

Dettagli

Guida alla compilazione del questionario

Guida alla compilazione del questionario Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2007 Guida alla compilazione del questionario 1. AVVERTENZE GENERALI I dati richiesti nel questionario riguardano gli interventi

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO "Norme in materia di autorizzazione all'apertura ed al funzionamento di strutture che prestano servizi socio-assistenziali" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

Interventi di prevenzione e promozione sociale

Interventi di prevenzione e promozione sociale Assistenziale aiuto e sostegno Sostegno psico-sociale Interventi integrativi e sostitutivi delle funzioni proprie del nucleo familiare Assistenza domiciliare Consultorio Mediazione familiare Tutela salute

Dettagli

Provincia di Piacenza Ufficio Politiche Socio-sanitarie

Provincia di Piacenza Ufficio Politiche Socio-sanitarie Provincia di Piacenza Ufficio Politiche Socio-sanitarie LE STRUTTURE SOCIIO-ASSIISTENZIIALII E SOCIIO-SANIITARIIE NELLA PROVIINCIIA DII PIIACENZA Osservatorio Provinciale delle Politiche Sociali ESTRATTO

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

PIANO DI ZONA 2011-2013

PIANO DI ZONA 2011-2013 PIANO DI ZONA 2011-2013 NOMENCLATORE INTERREGIONALE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI In.Re.Te. C.I.S.S-AC Codice Denominazione Descrizione tot parz Non tot parz Non X X A1 Segretariato sociale/porta

Dettagli

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A LLEGATO TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A1 - CONTRIBUTI ECONOMICI A1.01 Assegno per il nucleo familiare erogati dai comuni A1.02 Assegno Maternità erogato

Dettagli

Regione Lazio. Tassonomia delle strutture e dei servizi sociali del Lazio. (Aggiornata al 30 giugno 2011)

Regione Lazio. Tassonomia delle strutture e dei servizi sociali del Lazio. (Aggiornata al 30 giugno 2011) Regione Lazio Tassonomia delle strutture e dei servizi sociali del Lazio (Aggiornata al 30 giugno 2011) Sommario Famiglia, Minori e giovani... 4 Servizi residenziali e semiresidenziali... 5 Servizi all'infanzia...

Dettagli

Provincia di Piacenza Ufficio Sistema Sociale e Socio-sanitario

Provincia di Piacenza Ufficio Sistema Sociale e Socio-sanitario Provincia di Piacenza Ufficio Sistema Sociale e Socio-sanitario LE STRUTTURE SOCIIO-ASSIISTENZIIALII E SOCIIO-SANIITARIIE NELLA PROVIINCIIA DII PIIACENZA ESTRATTO DATII RIIFERIITII AL 31//12//2003 Osservatorio

Dettagli

Art. 2 (Soggetti destinatari)

Art. 2 (Soggetti destinatari) Testo vigente LEGGE REGIONALE 6 novembre 2002, n. 20 Disciplina in materia di autorizzazione e accreditamento delle strutture e dei servizi sociali a ciclo residenziale e semiresidenziale ( B.U. 14 novembre

Dettagli

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 1 di 40 INDICE 1. ELENCO DEI SERVIZI DISPONIBILI 1.1 Il sistema integrato dei Servizi Sociali 1.2 Gli interventi erogati dall'ente di Ambito Sociale 2. SCHEDE DESCRITTIVE

Dettagli

1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA

1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA 1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA Nella tabella riepilogativa, per le singole tipologie erogative di carattere socio sanitario, sono evidenziate, accanto al richiamo alle prestazioni sanitarie, anche

Dettagli

IL NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI DELLA REGIONE TOSCANA VERSIONE I 2009

IL NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI DELLA REGIONE TOSCANA VERSIONE I 2009 Allegato A - IL NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI DELLA REGIONE TOSCANA VERSIONE I 2009 Parte I Introduzione: identità e finalità Parte II Il contenuto informativo caratteristiche dei servizi

Dettagli

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE INDAGINE SUGLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI. ANNO 2011 1 Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE Comune: a questa categoria appartengono tutti i comuni italiani. Distretto/Ambito/Zona

Dettagli

Caratteristiche e obiettivi del servizio

Caratteristiche e obiettivi del servizio Allegato 2 Specifica Tecnica contenente le caratteristiche del servizio Assistenza domiciliare Disabili Sociale ed Integrata dei Comuni dell Ambito S3 ex S5 Eboli Capofila- Caratteristiche e obiettivi

Dettagli

Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3

Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3 Indice Allegato A - Indice Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3 Struttura residenziale per persone disabili gravi con attestazione di gravità

Dettagli

Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti

Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti P Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti RESENTAZIONE Lavorare per incrementare i servizi sul territorio e rendere maggiormente fruibili quelli già esistenti. Con questo spirito

Dettagli

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE INDAGINE SUGLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI. ANNO 2012 1 Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE Comune: a questa categoria appartengono tutti i comuni italiani. Distretto/Ambito/Zona

Dettagli

1. INTRODUZIONE. - di mantenimento e recupero dei livelli di autonomia e di sostegno nel progetto di vita indipendente;

1. INTRODUZIONE. - di mantenimento e recupero dei livelli di autonomia e di sostegno nel progetto di vita indipendente; Requisiti per l autorizzazione al funzionamento delle strutture sociali rivolte a minori e giovani adulti, persone con disturbo mentale e persone con disabilità con esiti stabilizzati, anziani, adulti

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA Disciplina del sistema integrato dei servizi sociali per la dignità e il benessere delle donne e degli uomini in Puglia Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI - ANNO 1 Indice delle tavole statistiche A) Spesa a livello regionale per interventi e servizi sociali dei comuni singoli e associati Tavola

Dettagli

Allegato B. PERSONALE: funzioni, profili, requisiti, tempi di adeguamento.

Allegato B. PERSONALE: funzioni, profili, requisiti, tempi di adeguamento. Allegato B PERSONALE: funzioni, profili, requisiti, tempi di adeguamento. MINORI - COMUNITA FAMILIARE ALLA DATA DELL..2006 Famiglia Esperienza acquisita di almeno cinque anni con figli propri o affidati.

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

Leonardo da Vinci Tra-Pre-Vi Training for the Prevention and Treatment of Youth Violent Behaviour.

Leonardo da Vinci Tra-Pre-Vi Training for the Prevention and Treatment of Youth Violent Behaviour. Centro di Solidarietà di Reggio Emilia/Italy Leonardo da Vinci Tra-Pre-Vi Training for the Prevention and Treatment of Youth Violent Behaviour. Relazione 1: Il sistema della protezione di minori con problemi

Dettagli

Allegato A Indice Indicazioni preliminari intensità assistenziale complessità organizzativa

Allegato A Indice Indicazioni preliminari intensità assistenziale complessità organizzativa Allegato A Indice Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale) Struttura residenziale per persone disabili gravi con attestazione di gravità (Residenza

Dettagli

DOMANDA DI ADESIONE ALLA FEDERAZIONE SARDA DELLE COMUNITA PER MINORI

DOMANDA DI ADESIONE ALLA FEDERAZIONE SARDA DELLE COMUNITA PER MINORI DOMANDA DI ADEONE ALLA FEDERAZIONE SARDA DELLE COMUNITA PER MIRI Per aderire a Isperantzia Onlus Federazione Sarda Comunità per Minori è necessario seguire le indicazioni di seguito riportate: completare

Dettagli

D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Testo vigente alla data del 22 febbraio 2013 D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l'art.

Dettagli

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006. Glossario

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006. Glossario Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006 Glossario INTERVENTI E SERVIZI A) Attività di Servizio sociale professionale: Gli interventi di servizio sociale professionale

Dettagli

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Dicembre 2011 Informativa Breve In Breve 8/2011 I servizi per gli anziani I servizi per la disabilità I servizi

Dettagli

ACCOGLIENZA RESIDENZIALE PER MINORI COMUNITA' EDUCATIVA CONSUNTIVO 2014

ACCOGLIENZA RESIDENZIALE PER MINORI COMUNITA' EDUCATIVA CONSUNTIVO 2014 ACCOGLIENZA RESIDENZIALE PER MINORI COMUNITA' EDUCATIVA CONSUNTIVO 2014 Le schede devono essere utilizzate per rendicontare l'attività svolta nell'esercizio 2014. Solo nel caso di servizi la cui attivazione

Dettagli

COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD)

COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) Art. 1 - DEFINIZIONE L assistenza domiciliare è costituita dal complesso di prestazioni di

Dettagli

NOMENCLATORE NAZIONALE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI

NOMENCLATORE NAZIONALE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI NOMENCLATORE NAZIONALE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI REGIONE LOMBARDIA VER. 21-03-09 Vista l urgenza che si è venuta a determinare in merito alla diffusione/pubblicazione del documento, le integrazioni

Dettagli

COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma)

COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma) COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma) (Allegato all atto consiliare n. 12/2005) REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI AI PORTATORI DI HANDICAP, AI MINORI A RISCHIO DI DEVIANZE.

Dettagli

REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE AZIENDA SPECIALE CONSORTILE Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino azienda territoriale per i servizi alla persona REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE Premessa I Comuni dell Ambito Territoriale

Dettagli

La rete delle strutture residenziali socio-assistenziali. Dati anno 2011

La rete delle strutture residenziali socio-assistenziali. Dati anno 2011 La rete delle strutture residenziali socio-assistenziali. Dati anno 2011 Sistema Informativo Sociale della Regione Basilicata - SISB Basilicata Rapporto di analisi Febbraio 2013 Regione Basilicata Dipartimento

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

CITTA di LAURIA Provincia di Potenza

CITTA di LAURIA Provincia di Potenza CITTA di Regolamento Comunale per il funzionamento della CASA FAMIGLIA per disabili gravi adulti Dopo di noi. INDICE ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - OBIETTIVI ART. 3 - DESTINATARI ART. 4 - VALUTAZIONE PER AMMISSIBILITA

Dettagli

Art. 1 - OGGETTO. Art. 2 - FINALITA

Art. 1 - OGGETTO. Art. 2 - FINALITA Art. 1 - OGGETTO Il presente regolamento disciplina, nell ambito del territorio comunale, l intervento del Servizio di Assistenza Domiciliare diretto a garantire al cittadino il libero sviluppo della propria

Dettagli

Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii

Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii Procedimenti Settore Servizi alla persona Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii Responsabile ufficio Responsabile sostitutivo Assistenza domiciliare Per assistenza

Dettagli

Nomenclatore dei servizi

Nomenclatore dei servizi Nomenclatore dei servizi REGOLAMENTO REGIONALE 18 gennaio 2007, n. 4 e sue modifiche REGOLAMENTO REGIONALE 07 agosto 2008, n. 19 Legge Regionale 10 luglio 2006, n. 19 Disciplina del sistema integrato dei

Dettagli

I bambini e le famiglie

I bambini e le famiglie 3.8 I bambini e le famiglie ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà Continuare a vivere ASSISTENZA DOMICILIARE nel proprio ambiente di vita Vivere in un contesto familiare, AFFIDAMENTO FAMILIARE

Dettagli

ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA

ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA ALLEGATO N. 1 ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA 2 AREA MATERNO INFANTILE LIVELLI DI ASSISTENZA Assistenza sanitaria e sociosanitaria alle donne, ai

Dettagli

COMUNITA FAMILIARE PER MINORI (LR 20/2002 art. 3, c. 2, lett. a)

COMUNITA FAMILIARE PER MINORI (LR 20/2002 art. 3, c. 2, lett. a) ALLEGATO A COMUNITA FAMILIARE PER MINORI (LR 2/22 art. 3, c. 2, lett. a) codice paragrafo M - A Definizione La Comunità Familiare per minori è una struttura educativa residenziale che si caratterizza per

Dettagli

Approvato con deliberazione del C.d.A. n. 1 del 27.02.07

Approvato con deliberazione del C.d.A. n. 1 del 27.02.07 REGOLAMENTO CONSORTILE PER L INSERIMENTO DI MINORI NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI Approvato con deliberazione del C.d.A. n. 1 del 27.02.07 1 S O M M A R I O ART. 1 - OGGETTO...3 ART. 2 - FINALITÀ...3 ART.

Dettagli

COMUNE DI BORETTO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI

COMUNE DI BORETTO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI COMUNE DI BORETTO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI CRITERI E MODALITÀ DI AMMISSIONE A TEMPO PROLUNGATO SUI POSTI DI CASA RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI Approvato

Dettagli

I MINORI E LE FAMIGLIE. Educativa. Educativa

I MINORI E LE FAMIGLIE. Educativa. Educativa BISOGNI BISOGNI I MINORI E LE FAMIGLIE I MINORI E LE FAMIGLIE Educativa Educativa Avere un supporto educativo quando si hanno difficoltà nella famiglia, nella vita di relazione, nell'apprendimento e nei

Dettagli

2. REQUISITI ORGANIZZATIVE E STRUTTURALI DELLE COMUNITA DI TIPO FAMILIARE E DEI GRUPPI CONVIVENZA. 2.1. Le Case famiglia e i gruppi di convivenza

2. REQUISITI ORGANIZZATIVE E STRUTTURALI DELLE COMUNITA DI TIPO FAMILIARE E DEI GRUPPI CONVIVENZA. 2.1. Le Case famiglia e i gruppi di convivenza Requisiti per l autorizzazione al funzionamento delle strutture sociali di cui alle lettere a), b), c) d) dell art. 4 del regolamento di attuazione della LR n. 23/2005 Organizzazione e funzionamento delle

Dettagli

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria PAGINA 1 DI 5 ALLEGATO A Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria e prestazioni sanitarie a rilevanza sociale della Società della Salute Zona Pisana Premessa La Società della Salute Zona

Dettagli

L Azienda pubblica di Servizi alla Persona (ASP) Castriota e Corroppoli di Chieuti presenta il proprio bilancio sociale.

L Azienda pubblica di Servizi alla Persona (ASP) Castriota e Corroppoli di Chieuti presenta il proprio bilancio sociale. AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA CASTRIOTA E CORROPPOLI Via PAPA GIOVANNI XXIII, 4 71010 CHIEUTI (FG) ISCRITTA NEL REGISTRO REGIONALE DELLE AZIENDE PUBBLICHE DI SERVIZI ALLA PERSONA ISTITUTITO PRESSO IL

Dettagli

Regolamento tariffario degli Interventi alla persona

Regolamento tariffario degli Interventi alla persona Regolamento tariffario degli Interventi alla persona Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n.44 del 10.07.2003 In vigore dal 01.01.2004 Modificato con deliberazione della Giunta comunale n.15

Dettagli

DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI

DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI COMUNE DI BARANZATE Provincia di Milano Area Servizi alla Persona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI Approvato con deliberazione del Commissario Straordianrio con i poteri

Dettagli

Interventi Sociali anno 2010

Interventi Sociali anno 2010 Comune di Pesaro Assessorato Servizi Sociali Interventi Sociali anno 2010 Pesaro, 14 maggio 2011 Popolazione residente del Comune di Pesaro al 31/12/2010 fascia di età italiani % stranieri % totale 0-14

Dettagli

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 93 del 22/12/2014 INDICE 1. I servizi domiciliari nel Sistema integrato sociale, socio-sanitario

Dettagli

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Allegato 1 Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Indice Premessa... 2 1. Ambito di applicazione... 2 1.1 Definizione... 2 1.2 I destinatari...

Dettagli

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci AREA MATERNO INFANTILE ED ETÀ EVOLUTIVA (1) Assistenza di tipo consultoriale

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO Riqualificazione in Operatore Socio Sanitario

PROGETTO FORMATIVO Riqualificazione in Operatore Socio Sanitario PROGETTO FORMATIVO Riqualificazione in Operatore Socio Sanitario Il progetto è redatto sulla base dell Allegato 1 del D.A.n.1613 del 08/10/2014 Linee guida per la riqualificazione in Operatore Socio Sanitario

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO VISTI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO Regolamento sull Affido Familiare la L.184/1983 Disciplina dell'adozione e dell'affidamento

Dettagli

Il Nomenclatore nazionale dei servizi e degli interventi sociali

Il Nomenclatore nazionale dei servizi e degli interventi sociali 28 Sistema informativo locale 2008 3.2.7. Il Nomenclatore nazionale dei servizi e degli interventi sociali Il sistema informativo delle politiche sociali insegue da tempo una definizione esaustiva, articolata

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA Procedure per l attivazione di forme di accoglienza dei bambini in carcere con la madre

PROTOCOLLO DI INTESA Procedure per l attivazione di forme di accoglienza dei bambini in carcere con la madre PREMESSA PROTOCOLLO DI INTESA Procedure per l attivazione di forme di accoglienza dei bambini in carcere con la madre La legge Italiana n. 62 del 2012 fissa a 6 anni il limite di età dell accoglienza dei

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

Quante sono le persone con disabilità psichica in Italia?

Quante sono le persone con disabilità psichica in Italia? Quante sono le persone con disabilità psichica in Italia? E. De Palma, A. Battisti, A. Solipaca Istat Convegno «L inserimento socio-lavorativo delle persone con disturbo psichico» 3 giugno 2015 I numeri

Dettagli

SCHEDA DI ISCRIZIONE

SCHEDA DI ISCRIZIONE (Si prega di compilare il questionario in stampatello) 1. DATI ANAGRAFICI SCHEDA DI ISCRIZIONE Denominazione (riportare per esteso la denominazione prevista nello Statuto societario)...... (sigla)......

Dettagli

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo)

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo) Costituita dai Comuni di: Beinette, Boves, Chiusa di Pesio, Entracque, Limone Piemonte, Peveragno, Pianfei, Roaschia, Robilante, Roccavione, Valdieri, Vernante Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE COMUNITÀ ALLOGGIO PROTETTA

REGOLAMENTO DI GESTIONE COMUNITÀ ALLOGGIO PROTETTA Documentazione Sistema Qualità Pag. 1 di 10 REGOLAMENTO DI GESTIONE COMUNITÀ ALLOGGIO PROTETTA (C.A.P.) IL MULINO DELLA ZONA ALTA VALDELSA Numero Revisione Motivo DATA 1 APPROVAZIONE CONSIGLIO DI GESTIONE

Dettagli

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Regolamento Affidamento Familiare Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità cui devono uniformarsi la gestione,

Dettagli

I servizi sociali e socio-sanitari residenziali e semiresidenziali nelle Marche

I servizi sociali e socio-sanitari residenziali e semiresidenziali nelle Marche Pubblicazione n. 2 dicembre 2012 I servizi sociali e socio-sanitari residenziali e semiresidenziali nelle Marche Analisi dei dati per area di utenza 1 - L'infanzia e l'adolescenza 2 - La disabilità 3 -

Dettagli

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010. Glossario

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010. Glossario Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010 Glossario INTERVENTI E SERVIZI A) Attività di Servizio sociale professionale: Gli interventi di servizio sociale professionale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO MENTALE Approvato con Deliberazione di C.C. n. 52 del

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: LEGISLAZIONE SOCIALE, STUDI E RICERCHE

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: LEGISLAZIONE SOCIALE, STUDI E RICERCHE REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 126 24/03/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 4139 DEL 18/03/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: LEGISLAZIONE

Dettagli

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Contributo per acquisto o adattamento di autoveicoli privati per il trasporto di disabili Legge Regionale n. 29 del 21.08.97 articolo 9 Servizio Trasporto Inserimenti

Dettagli

Notizie generali sulla Psichiatria

Notizie generali sulla Psichiatria Notizie generali sulla Psichiatria Psichiatria: è la branca della medicina specializzata nello studio, nella diagnosi e nella terapia dei disturbi mentali. Oggi si privilegia considerare la Psichiatria

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Allegato A alla deliberazione di C.C. n. 46 del 09/10/2015 IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Maria Teresa Vella 1 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI INDICE Art. 1 - Oggetto PREMESSA Art.

Dettagli

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari Regolamento per il Servizio di Assistenza Domiciliare e dei Servizi Tutelari SOMMARIO: Art. 1 Finalità del Servizio; Art. 2 Gestione del Servizio; Art.

Dettagli

Servizi Sociali COMUNE DI ALLUMIERE. Denominazione del Servizio Servizio Sociale Professionale Minori Famiglia Adulti - Disabili - Anziani

Servizi Sociali COMUNE DI ALLUMIERE. Denominazione del Servizio Servizio Sociale Professionale Minori Famiglia Adulti - Disabili - Anziani COMUNE DI ALLUMIERE Servizi Sociali CHE COSA E LA CARTA DEI SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE DI ALLUMIERE La presente carta dei servizi sociali vuole essere uno strumento per i cittadini per conoscere gli elementi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

nuovo GLOSSARIO dei termini

nuovo GLOSSARIO dei termini Servizio Politiche familiari, infanzia e adolescenza SISAM sistema informativo socio-assistenziale minori nuovo GLOSSARIO dei termini dicembre 2013 A cura di: Deborah Forghieri, Servizio Politiche Sociali,

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T.

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. SEZIONE 1. DATI ANAGRAFICI DELL ORGANIZZAZIONE Denominazione dell Organizzazione Acronimo (Sigla) Indirizzo della sede Presso¹ CAP Telefono Comune Fax E-mail PEC Sito web

Dettagli

DISTRETTO VALLI TARO E CENO

DISTRETTO VALLI TARO E CENO UFFICIO di PIANO DISTRETTO VALLI TARO E CENO PROTOCOLLO OPERATIVO di recepimento delle DELIBERE DI GIUNTA REGIONALE n. 1230 del 28/07/2008 e n. 1206 del 30/07/2007 approvato dal Comitato di Distretto in

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 47/8 in data 26/01/2012 1 ART. 1 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli