Cura delle unghie e comfort della vacca: considerazioni produttive

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cura delle unghie e comfort della vacca: considerazioni produttive"

Transcript

1 BUIATRIA Formazione Cura delle unghie e comfort della vacca: considerazioni produttive 1- Pareggio e meccanica dell appoggio L importanza della cura delle unghie per il benessere dell animale e, di conseguenza, per ottenere un elevata produttività. I problemi podali nelle bovine da latte sono un importante fonte di stress, con forti ripercussioni a livello economico. Per questo, un corretto pareggio, eseguito da un professionista esperto, è fondamentale per il benessere dell animale e per scongiurare l insorgere di patologie podali. In questa prima parte dell articolo verranno trattate la meccanica dell appoggio del piede bovino e le metodiche di pareggio, riservando ampio spazio alle ripercussioni che le zoppie possono avere a livello produttivo. Nella seconda parte verranno invece trattate più in dettaglio alcune patologie del piede del bovino che in molti casi possono derivare da scorretta cura delle unghie. u Riassunto Juan Manuel Ramos Rama*, Adrián González Sagués** ** Veterinario libero professionista, Bovinevet ** Veterinario libero professionista, Gruppo Anka Si ritiene normalmente che il guadagno in un allevamento di vacche da latte sia, a sua volta, il risultato di una buona nutrizione. Bisogna comunque tenere presente che il guadagno non sarà solo dato da un alta produzione lattea e che, inoltre, un alta produzione dipende da più fattori e non solo da una buona razione. Il benessere animale o cow comfort è uno dei fattori che influiscono di più nelle bovine ad alta produzione. Se si punta solo sull alimentazione per ottenere alte produzioni senza prendere in considerazione gli altri fattori è possibile che si arrivi a produrre più latte, però i costi aumenteranno in modo considerevole. Investire nel cow comfort è una delle condizioni per trarre profitto dall alimentazione delle bovine ad alta produzione. I problemi podali nelle bovine da latte sono una causa importante di malessere e stress, che generano importanti perdite economiche. Le zoppie conducono a una diminuzione delle capacità produttive degli animali, dell ingestione di sostanza secca, del mantenimento della condizione fisica e della fertilità, portando così a un invecchiamento precoce e al sacrificio di animali. Fare in modo che, durante la stabulazione, le bovine camminino in modo più simile possibile alle bovine al pascolo è un fattore determinante per garantirne il comfort. Fornire comodità alle vacche tramite il pareggio funzionale degli unghioni è un modo per ottimizzare l uso di razioni bilanciate (foto 1). Crescita degli unghioni: pareggio delle vacche sane Le vacche stabulate tendono a produrre più tessuto corneo di quello che consumano. Questa crescita dipende dalle condizioni igieniche, dal tipo di stabulazione, dall alimentazione e dalla genetica. Nelle stalle con lettiera di paglia, con spazio sufficiente per gli animali, le zoppie sono più rare. In questi casi generalmente si assiste a una sovracrescita degli unghioni che diventano molto lunghi e scomodi per la deambulazione. In stalle con cuccette e condizioni di maggiore umidità la sovracrescita apparente degli unghioni non è particolarmente evidente. Si produce un disequilibrio nell altezza dei talloni, progressivamente il tallone dell unghione posteriore esterno risulta più alto di quello interno. Ciò causa grande scomodità alla vacca che alla fine diventa zoppa. In stalle con vacche legate, dove di solito la pulizia si realizza per mezzo di un canale di deiezione, gli animali tengono spesso gli arti posteriori nel canale. La carica batterica sugli unghioni è alta, e la resistenza meccanica della cheratina dello zoc- N 4 / Maggio 2004 / Summa 45!!

2 Formazione FOTO 1. Favorire il benessere delle vacche tramite il pareggio funzionale degli unghioni è un modo per ottimizzare l uso di razioni bilanciate e aumentare la produttività. 46 colo è diminuita per l umidità e per l azione corrosiva delle purine. La postura dell animale con gli arti posteriori posti più in basso rispetto a quelli anteriori genera un costante sovraccarico dei primi. In questo tipo di stalle la dermatite interdigitale con imputridimento dei talloni e le ulcere soleari sono una costante. Negli animali stabulati è necessario correggere i difetti che si generano negli unghioni e il mezzo per farlo è la tecnica del pareggio funzionale. È conveniente tagliare gli unghioni tutti gli anni e in alcuni allevamenti due volte l anno. Questo lavoro deve essere eseguito da un professionista esperto che lavori rapidamente procurando il minimo stress agli animali. Un corretto pareggio deve rispettare i seguenti punti: distribuire in modo omogeneo il peso dell animale sulla superficie degli unghioni; garantire che rimanga uno spessore sufficiente nella pianta dell unghia affinché la vacca non ne risenta dopo il pareggio; pulire tutte le zone dei talloni andate incontro a imputridimento e infiammazione; se gli unghioni sono molto lunghi o deformati non si può pretendere di creare un appiombo perfetto con un solo intervento. Questi unghioni a cavatappi non devono risultare perfetti, basta che il risultato sia migliore della situazione di partenza. Generalmente si tratta di animali che richiedono pareggi più frequenti. FOTO 2. È necessario applicare una suoletta ortopedica sotto l unghione sano nel caso in cui la lesione sembri complicata od ogni volta che sembri evidente che l appoggio dell unghione malato comporti un disturbo locomotorio eccessivo. Summa / N 4 / Maggio 2004 / In caso di unghioni delicati o di cattiva qualità, è preferibile mettere una suoletta anche se la vacca non è zoppa per evitare future complicazioni (foto 2). trattare le vacche zoppe non solo perché si ristabiliscano, ma perché lo facciano quanto prima. evitare di perder tempo in interventi superflui come l arrotondamento delle punte. Ciò può richiedere molto tempo, provocando stress all animale che deve stare molto tempo nell arla e inoltre aumentano i rischi di produrre lesioni. Dobbiamo aver chiara la differenza che esiste tra la preparazione delle vacche per le esposizioni e la realizzazione del pareggio funzionale. Il pareggio funzionale degli unghioni rappresenta solo una parte in un programma di sanità podale. Per progredire nel cammino della prevenzione integrale dei problemi podali è fondamentale un lavoro di squadra. I punti chiave sono il veterinario podologo, il nutrizionista e l allevatore. L analisi dei fattori di rischio della patologia podale applicata a ciascun allevamento e un attenzione speciale al cow comfort sono parte sostanziale di un programma di controllo. Pareggio curativo Negli animali zoppi devono deve essere emessa rapidamente una diagnosi ed effettuato un trattamento altrettanto rapidamente. Vanno evitate le complicazioni delle lesioni con infezioni ascendenti che di solito compromettono la prognosi. Le vacche zoppe possono essere curate dal tecnico specialista, dal veterinario o dall allevatore. Lo stesso allevatore, dotato di un arla, può prendersi cura delle vacche zoppe e affidarsi al veterinario podologo per il pareggio funzionale. Questo sistema rende possibile la rapida cura delle vacche zoppe. Nei moderni allevamenti di vacche da latte, quando si interviene su una zoppia l obiettivo deve essere chiaro: fare tutto il necessario nel primo intervento e limitare il più possibile nuovi interventi sulla stessa lesione. È importante che l animale possa passare il periodo di convalescenza senza essere separato dalla mandria. Questa è una necessità, dato che nella maggior parte degli allevamenti la separazione degli animali, dispensando loro attenzioni speciali, rappresenta un grosso problema. Dobbiamo tener presente che la precocità nella diagnosi e nel trat-

3 tamento sono fondamentali per raggiungere questi obiettivi. 1. Trattamento di una vacca zoppa È necessario esaminare, ed eventualmente tagliare, tutte le unghie del paziente. Ci potrebbe essere più di un piede affetto, ma questo non si può sapere prima di aver esaminato tutti gli arti; ciò può aiutare o previene problemi in altri piedi. Portiamo a termine con attenzione un pareggio funzionale per ottenere un sollievo massimo dell unghione o degli unghioni malati. Le linee generali del pareggio terapeutico, così come le stabilì il Dr. Toussaint Raven, sono ben conosciute: rendere stabile l unghione sano; scaricare il peso dall unghione malato abbassando l altezza dei talloni; assottigliare i margini duri dello zoccolo che sono causa di compressione dolorosa e inopportuna sul corion attorno alle lesioni aperte dell unghione; π applicare una suoletta ortopedica sotto l unghione sano appena la lesione sembri complicata od ogni volta che sembri evidente che l appoggio dell unghione malato comporti un disturbo locomotorio eccessivo (foto 2); Cercare di provocare la minima emorragia possibile nelle lesioni. Per un efficiente eliminazione delle zone necrotiche e del tessuto corneo, che possa frenare la cicatrizzazione, è fondamentale lavorare con coltelli correttamente affilati. Le bende hanno bisogno di essere curate e rinnovate, lavoro che richiede tempo e, soprattutto, necessitano di un ambiente secco, il che è particolarmente difficile in una stabulazione libera moderna, a meno di separare il paziente dalla mandria. Con l applicazione della suoletta ortopedica si ottiene la protezione necessaria per le strutture digitali e inoltre si elimina il carico dall unghione malato. Nel caso si usino bende, la loro durata d uso massima deve essere di tre giorni. L impiego di antibiotici per via parenterale serve per controllare le infezioni a livello di strutture digitali profonde. La prevenzione a medio e lungo termine si deve basare sull ottimizzazione dei fattori alimentari e manageriali che procurano stress all animale. Ripercussioni delle zoppie nella produzione La prima constatazione dell allevatore quando una vacca zoppica è che la produzione di latte scende. Questa diminuzione di produzione si verifica qualche giorno prima della manifestazione clinica del problema. L entità delle perdite può essere molto variabile; anche in bibliografia si hanno grandi differenze, ma gli elementi che evidentemente si dovranno tener presenti nel quantificare le ripercussioni della zoppia in un allevamento sono: (Gravità della zoppia. (Fase di lattazione in cui accade. (Tempo di recupero che richiede. (Potenziale produttivo degli animali colpiti. (Incidenza delle zoppie nell allevamento. Le zoppie sono una malattia tipicamente relazionata alla fase della lattazione. La maggiore frequenza di zoppie si osserva tra i due e i tre mesi dopo il parto, vale a dire nel momento di massima produzione della vacca; le ripercussioni sulla produzione sono quindi molto gravi. Dalla gravità della zoppia dipenderà in gran parte la contemporanea perdita di latte; più la zoppia sarà dolorosa maggiore sarà la caduta nella produzione lattea. Se si osservano lattazioni complete, si nota che l elemento più importante è la perdita totale di latte nell arco della lattazione al confronto di una vacca sana. Proprio per questo è assai importante la velocità di recupero dalla zoppia. Zoppie curate entro le 12 ore dalla manifestazione clinica comportano perdite totali inferiori all 1% del totale. Zoppie nei primi 70 giorni di lattazione che persistano per più di 15 giorni comportano perdite del 20% sulla produzione totale dell animale. Un altro fatto che l allevatore spesso nota è che le zoppie si verificano con maggior frequenza nelle migliori vacche. Le vacche che zoppicano sono quelle che danno più latte. È difficile valutare le perdite produttive imputabili a zoppie di tipo infettivo-contagioso che in molti casi colpiscono in maggiore o minore misura tutti gli animali presenti procurando però scarsi sintomi locomotori. In alcuni allevamenti con alta carica batterica si producono episodi di dermatite ed erosione dei talloni che conducono a un malessere cronico delle vacche. Studi inglesi indicano una perdita del 7% della produzione solo per causa dell erosione dei talloni. 1. Perdita di condizione fisica Le vacche zoppe diminuiscono l ingestione. Questo è più evidente nella sta- N 4 / Maggio 2004 / Summa 47!!

4 Formazione 48 Summa / N 4 / Maggio 2004 / bulazione libera che in quella a posta fissa. In quest ultimo caso il dolore provoca una diminuzione dell appetito e, sebbene la vacca abbia un facile accesso all alimento, si nota una certa diminuzione dell ingestione. Nella stabulazione libera il dimagramento è più accentuato poiché l animale deve spostarsi fino alla mangiatoia con evidenti problemi di locomozione e competizione con le altre vacche. Normalmente i punti acqua sono lontani e spesso scarsi quindi si determina una diminuzione nell ingestione di acqua, e questo si traduce in un calo della produzione e della condizione corporale. Nelle stalle con cuccette le vacche zoppe dimagriscono più che in quelle con lettiera e questo sembra relazionato con il fatto che la cuccetta obbliga la vacca ad assumere alcune posizioni; inoltre la pigrizia ad alzarsi di una vacca zoppa è maggiore e tutto ciò fa sì che l animale non mangi. Le vacche colpite da zoppia cronica, anche se subclinica, difficilmente raggiungono buoni valori di Body Condition Score (BCS), anche se sottoposte a regimi alimentari forzati. Le vacche che, senza manifestare zoppia, presentano unghie molto lunghe e un appoggio scomodo sono più difficili da ingrassare ed è perciò conveniente sottoporle a un pareggio. Bisogna notare che negli allevamenti con zoppie molte delle vacche che per diverse cause sono destinate al mattatoio (infertilità, mastiti, ecc.) sono zoppe, sebbene questo non venga considerato come motivo di riforma. Questi animali andranno sacrificati con un basso BCS e quindi con un valore commerciale diminuito. 2. Infertilità Nella nostra esperienza quotidiana constatiamo come le zoppie sono correlate con le performance riproduttive dell allevamento. L intervallo parto-prima inseminazione si allunga nelle vacche che hanno sofferto di zoppia. Le vacche zoppe in fase estrale manifestano il calore in maniera meno evidente con la conseguenza che l I. A. risulta più difficile. Gli ultimi studi americani dimostrano una correlazione positiva tra zoppie e aumento delle cisti ovariche in vacche da latte ad alta produzione. In generale possiamo dire che zoppie gravi nei primi cento giorni post-parto allungano tale periodo aumentando gli insuccessi riproduttivi. 3. Accorciamento della vita produttiva Molte vacche che dopo il primo parto vengono colpite da episodi di laminite subclinica sviluppano laminite cronica con deformazione della struttura del piede. Queste vacche, nei parti seguenti, soffrono di frequenti episodi di zoppia. Tali frequenti zoppie danneggiano la capacità produttiva e riproduttiva degli animali. Vacche di terzo parto con lesioni croniche agli unghioni si presentano come animali vecchi e con un basso BCS; si è quindi, in molti casi, obbligati alla loro prematura eliminazione. 4. Macellazioni urgenti Zoppie acute, con infezioni ascendenti e febbre, non trattate in tempi brevi, implicano un deterioramento progressivo dello stato generale dell animale che praticamente smette di mangiare e di bere. Alla fine la macellazione d urgenza di questi animali molto magri implica un ricavo bassissimo o nullo dalla vendita delle loro carni. 5. Aumento della rimonta Nella moderna zootecnia la vita utile degli animali negli allevamenti è sempre più breve. Ciò non è solo dovuto al fatto che le richieste produttive sempre più alte fanno invecchiare precocemente gli animali. Nei buoni allevamenti il potenziale genetico della rimonta è elevato ed è impaziente di farsi spazio tra gli animali in produzione. Molti allevatori non vendono nessuna delle proprie manze, anzi periodicamente ne comprano per sfruttare le conquiste della genetica. Statisticamente, le manze saranno migliori produttrici di latte delle madri. Le medie produttive degli allevamenti sono ogni volta più alte e gli animali che rimangono al di sotto della media vanno man mano eliminati per essere sostituiti dalle manze con migliori aspettative produttive. Per poter realizzare questa rimonta volontaria con criterio bisogna minimizzare le cause di riforma per motivi diversi da quello di sostituire una vacca con una manza potenzialmente migliore. Le zoppie sono una delle cause di riforma e di accorciamento della vita produttiva degli animali. Frequentemente bisognerà riformare vacche molto produttive, ma prematuramente invecchiate. In questo modo si perde la possibilità di effettuare la rimonta con criteri zootecnici validi.

5 6. Aumento del tempo necessario al miglioramento genetico Si tratta di un altra conseguenza delle zoppie che, sebbene difficile da valutare e quantificare, ha un importanza non secondaria. Le zoppie colpiscono maggiormente le vacche più produttive. Per seguire un percorso di miglioramento genetico è proprio a queste vacche, oltre che ai migliori tori, che bisogna affidarsi. Come ricordato in precedenza, se queste vacche soffrono di zoppia i loro indici riproduttivi peggiorano così come la loro vita utile. Se una vacca, colpita da continue zoppie, ha una vita utile minore e intervalli interparto più lunghi per la bassa fertilità, alla fine della propria vita avrà avuto meno parti fornendo così meno manze. Essendo queste manze di qualità genetica superiore alla media dell allevamento, il loro apporto al miglioramento genetico è importante. Se il loro numero è inferiore rispetto alle potenzialità, la velocità del miglioramento genetico diminuirà. È importante negli allevamenti ottimizzare i fattori che forniscono un miglioramento nel benessere delle vacche perché gli animali usino al meglio la razione, che è la voce più costosa della produzione. Una pratica che porta a un grande miglioramento nel cow comfort è la cura dei piedi. Nelle stalle è di grande aiuto pareggiare gli unghioni una o due volte l anno. Questo lavoro deve preferibilmente essere realizzato con l aiuto di un tecnico specializzato. L allevatore deve prendersi cura delle vacche zoppe quanto prima. L analisi dei fattori di rischio della patologia podale applicata a ciascun allevamento e un attenzione speciale al cow comfort sono parte sostanziale di un programma di controllo delle patologie podali. Meccanica dell appoggio L astuccio corneo protegge il corion da traumi e agenti esterni. Se quest ultimo è danneggiato o la sua qualità non è adeguata, la funzione protettiva verrà meno, il corion non protetto verrà danneggiato e produrrà uno strato corneo di scadente qualità. Il peso della vacca si scarica a terra seguendo la linea che passa attraverso la seconda e terza falange, e da lì, in condizioni normali, si ripartisce per tutta la superficie dello zoccolo. Qualsiasi cambiamento nella forma dello zoccolo farà sì che si abbia una concentrazione del peso in una singola zona della superficie d appoggio a scapito della restante parte della superficie plantare. La terza falange è separata dalla parete dell astuccio corneo grazie alle lamelle del corion che si connettono con le lamelle della superficie interna della parete dello zoccolo. Qualsiasi alterazione del corion, con traumi vascolari e formazione di edema, produrrà una perdita di qualità dell astuccio corneo formato e, a medio termine, un affondamento della terza falange con una conseguente ripartizione forzata di carico verso alcune zone della superficie di appoggio. Conoscendo le proiezioni anatomiche delle zone più sporgenti si può dedurre quali saranno le zone con maggior rischio di soffrire pressione eccessiva e cioè: la zona denominata tipica che corrisponde al tubercolo di inserzione del tendine flessore profondo e la zona vicina alla linea bianca, che corrisponde al margine abassiale della terza falange. In condizioni di consumo insufficiente, la tendenza dello zoccolo è di una crescita eccessiva della parte abassiale nella sua porzione anteriore, con un consumo eccessivo della zona dei talloni. Ciò comporta un cambiamento della pressione esercitata dall animale sulla zona dei talloni e su quella assiale. Questa situazione di instabilità di appoggio è caratteristica dell allevamento intensivo. Su pavimentazioni di cemento molti unghioni accusano eccessiva crescita della zona assiale dell unghione laterale che si può addirittura sovrapporre a quello mediale. 1. Sostegno del peso nell unghione posteriore laterale Partendo dal presupposto che la maggior parte delle zoppie interessa gli arti posteriori, ci occuperemo proprio di queste. La maggior parte dei problemi si verifica di solito a livello di unghione posteriore esterno. La distribuzione del peso tra i due unghioni di uno stesso arto dipende, tra le altre cose, dalla collocazione mediale o laterale dell unghione. Se una vacca pesa 700 kg, il treno anteriore sopporterà 400 kg mentre il posteriore 300 kg ossia 150 kg per arto. Fisiologicamente l unghione posteriore esterno è sempre di dimensioni leggermente superiori rispetto a quello interno. Questo si può notare anche in vacche di allevamento estensivo che non soffrono di alcuna alterazione a carico degli unghioni. In una situazione teorica ideale la ripartizione sarebbe di 70 kg per l unghione mediale e di 80 kg per quello laterale, senza alcun problema per l animale. N 4 / Maggio 2004 / Summa 49!!

6 Formazione 50 Summa / N 4 / Maggio 2004 / FOTO 3. In caso di sovraccarico, contusioni e dolore negli unghioni posteriori laterali, la vacca cerca di assumere posizioni che le diano sollievo. Se osserviamo da tergo una fila di vacche legate in un allevamento osserviamo che mantengono una leggera oscillazione delle anche che può essere di circa 2,5 cm per ogni lato. Ogni cambio presuppone uno spostamento del carico da un estremità all altra. Se l articolazione tra unghione esterno e interno e l asse della gamba fosse totalmente flessibile, la ripartizione del sovraccarico sarebbe del 50% per ogni unghione dello stesso arto. Se l articolazione fosse totalmente rigida il peso ricadrebbe unicamente sull unghione del lato verso cui si inclina la vacca. Per esempio, in fase di inclinazione a destra il sovraccarico si avrebbe sull unghione esterno della gamba destra e su quello interno della gamba sinistra. La realtà è che l articolazione tra gli unghioni omolaterali, basata sul legamento interdigitale, è semirigida e semiflessibile e il risultato è che il sostegno del peso negli unghioni posteriori laterali varia considerevolmente a ogni oscillazione delle anche dell animale mentre il sostegno del peso da parte degli unghioni posteriori mediali si mantiene costante. Mantenendo l esempio della vacca di 700 kg, ci sono momenti in cui il carico sopra l unghione laterale può essere di 100 kg per sopportare poi un carico di 60 kg nell oscillazione seguente, mentre gli unghioni mediali sopporteranno un peso uniforme di 70 kg. Questi stessi sovraccarichi periodici stimolano le funzioni vascolari dell unghione laterale facendo sì che questo abbia una produzione di tessuto corneo superiore a quello mediale. Per questo motivo, una vacca non sottoposta a condizioni di stabulazione e allevamento intensivo non risulta interessata da questo problema. Le condizioni abituali di stabulazione (pavimentazioni in cemento e accumulo di purine) risultano irritanti per gli unghioni, con conseguente ipertrofia e iperplasia dei tessuti. Questi processi sono più evidenti nell unghione che lavora di più, così che la differenza di dimensioni e altezza dell unghione esterno in relazione all interno è sempre più accentuata. La presenza di malattie endemiche in molti allevamenti intensivi, come laminiti e dermatiti, accentuano ancor di più questo processo di differenziazione. Tornando all esempio precedente, riguardo alla distribuzione dei pesi, troveremo che in situazioni patologiche la ripartizione del carico unghione laterale/unghione mediale può essere di 100/50 kg e, nel momento di massima oscillazione, 13/50 kg. La somma di questi sovraccarichi fa sì che, a un certo punto, si abbassi la soglia di resistenza meccanica della struttura dell unghione e si arrivi alla zoppia. Il treno anteriore oscilla in misura minore e le oscillazioni sono assorbite dalla capacità ammortizzante dell articolazione scapolo-omerale che lo rende meno rigido. 2. Posizione degli arti posteriori Le oscillazioni di peso descritte, specialmente su una superficie dura e uniforme come il cemento, provocano ipertrofia e iperplasia degli unghioni laterali. Questo si può osservare chiaramente nei soggetti adulti di allevamenti di vacche da latte. In condizioni normali la posizione degli arti posteriori è parallela. Sovraccarico, contusioni e dolore negli unghioni posteriori laterali fanno sì che la vacca cerchi posizioni che le diano sollievo. Tenta di ruotare gli unghioni all esterno per caricare così il peso verso l interno. Così, in allevamenti problematici, si osservano parecchie vacche con appiombi ir-

7 regolari (garretti vicini o aperti posteriormente) (foto 3). In realtà il risultato che la vacca raggiunge con questo adattamento è relativo e normalmente l unghione esterno rimane sovraccarico. Comunque, dopo il pareggio funzionale dell unghione laterale con conseguenti dimensioni maggiori rispetto a quello mediale, si osserva che, soprattutto in vacche giovani e con posture errate non del tutto assimilate, le vacche tendono a recuperare l appiombo parallelo corretto negli arti posteriori. 3. Arti anteriori Normalmente le zoppie nelle vacche si manifestano in misura nettamente inferiore a livello di estremità anteriori rispetto a quelle posteriori. (Dal punto di vista igienico il motivo è chiaro: le deiezioni cadono giusto tra le due estremità posteriori, dunque, in qualsiasi tipo di stabulazione, la sporcizia e l umidità saranno maggiori nella zona di appoggio degli arti posteriori. (Dal punto di vista biomeccanico si osservano meno differenze di dimensioni, e soprattutto di altezza, dei talloni tra i due unghioni con una migliore ripartizione del peso. Abitualmente l unghione anteriore interno è un di dimensioni leggermente superiori rispetto a quello esterno e ha maggior tendenza a incurvarsi a forma di cavatappi. Le zoppie degli arti anteriori interessano generalmente l unghione interno. Gli animali adottano una postura ad arti incrociati tentando di spostare il peso verso l unghione esterno. 4. Biomeccanica e lesioni della punta dell unghione Le ulcere in punta sono lesioni molto dolorose e in molti casi di lento recupero (foto 4). Il consumo di entrambe le dita di uno stesso piede rende difficile il trattamento per mezzo di suolette e dà luogo a lesioni molto problematiche. Quando analizziamo la postura del bovino osserviamo che la zona delle punte degli unghioni rappresenta un area critica per il sostegno del peso. Allevamenti numerosi di produzione intensiva in stalle libere con cuccette di sabbia, collocazione in superfici estremamente ruvide (cemento e sabbia), diete con prevalenza di concentrati e amidi associate a scorretta gestione, che portano ad acidosi e laminiti con conseguente produzione di unghioni di scadente qualità, sono le cause che si mettono in relazione con l eccessivo consumo della suola che, a sua volta, dà luogo a ulcere in punta. Per la sua eziologia, questa problematica è solita presentarsi in vari animali dell allevamento. Per questo motivo, e per la difficile risoluzione, produce gravi perdite economiche. Il processo di asimmetria degli unghioni, così come la tendenza alla crescita eccessiva, sono favoriti dall irritazione dei tessuti. Le vacche che soffrono di patologie come laminite e dermatite tendono ad aumentare le differenze di altezza e volume tra il dito laterale e il medio. Pareggio funzionale In conseguenza dello sviluppo delle teorie di meccanica dell appoggio è sorta una tecnica palliativa dei difetti osservati nella stabulazione degli animali che ha come obiettivo il recupero degli appiombi regolari dell animale, e che per questo si chiama pareggio funzionale, comunemente conosciuta anche come tecnica olandese di pareggio. Il pareggio funzionale è un insieme di norme di pareggio degli unghioni finalizzato a fornire all animale un andatura confortevole e naturale per mezzo della corretta ripartizione del peso su tutta la superficie del piede. A questo si aggiungono norme di trattamento e curetage delle zone lesionate, se ci sono. Questa tecnica si può applicare su singoli animali o su interi gruppi, nel caso in cui gli allevamenti abbiano le caratteristiche di rischio che lo consigliano. La corretta applicazione della tecnica del pareggio funzionale risulta vantaggiosa Foto 4. Le ulcere in punta sono lesioni molto dolorose e in molti casi di lento recupero. N 4 / Maggio 2004 / Summa 51!!

8 Formazione 52 Summa / N 4 / Maggio 2004 / nella maggior parte degli allevamenti di vacche da latte che abbiano almeno un periodo dell anno di stabulazione e imprescindibile in quelli in cui l interazione di vari fattori di rischio renda le zoppie un problema di stalla. Se il pareggio funzionale si applica solo sulle vacche zoppe parliamo di pareggio curativo. Se si applica prima del manifestarsi delle zoppie si parla di pareggio preventivo. Il pareggio preventivo è destinato a ridurre i rischi di comparsa delle lesioni negli unghioni sovraccarichi. Questo risultato si ottiene con operazioni che tendono a rendere uguali le pressioni sugli unghioni di uno stesso piede. Il pareggio curativo è l applicazione estrema del pareggio funzionale: il fine non è solo uniformare e pressioni ma alleviare la pressione esercitata sopra l unghione malato e trasferire questa pressione sull unghione sano dello stesso piede. Programmi di pareggio funzionale Per la messa in atto di un programma di pareggio degli unghioni in un allevamento si deve tener presente che il pareggio funzionale rappresenta solo una parte di un programma di salute podale. L umidità ambientale, il tipo di installazioni, l alimentazione e la presenza di patologie ambientali sono fattori che determinano la frequenza del pareggio. Stalle con lettiera in paglia, senza cuccette e con clima secco normalmente non hanno particolari problemi; gli unghioni in genere sono lunghi ma si hanno pochi problemi di zoppie, quindi un pareggio ogni 6-8 mesi può essere indicato. Al contrario, un sistema di visite bimestrali, mensili o quindicinali basato su un contratto di salute podale, nel quale si tagliano le unghie di tutte le vacche prossime all asciutta e con particolari patologie ai piedi, è indicato negli allevamenti con più problemi. Un altra modalità è quella di implementare un sistema misto nel quale l allevatore tratta i casi clinici mentre il tecnico specialista realizza il pareggio preventivo, tratta i casi problematici e stabilisce le misure di prevenzione e salute podale. Questa modalità di lavoro permette di trattare le zoppie in modo immediato, garantendo un impatto minimo nella salute dell animale e nell economia dell allevamento. La nostra esperienza con questo tipo di contratto è molto positiva. Negli allevamenti in cui si è attuato, è stato osservato un grande miglioramento nella salute degli arti dovuto alla comprensione da parte degli allevatori delle cause primarie delle zoppie che sono l igiene, il comfort e l alimentazione. Dall altra parte si raggiunge una partecipazione attiva dell allevatore alla problematica podale, il che rende molto più facile la cura dei piedi. Il pareggio funzionale risulta, se usato da solo, un mezzo poco efficace se in caso di zoppie da cause ambientali non viene associato un programma routinario di bagni podali. In questo senso, l applicazione congiunta di pareggio e bagni, anche in allevamenti in cui i restanti fattori di rischio non vengono corretti, produce un importante diminuzione dei casi clinici. L interazione della dermatite interdigitale con i problemi di ulcere plantari e malattie della linea bianca aggrava la prognosi delle lesioni. Alcune ulcere plantari hanno eziologia mista in cui l erosione e l infiammazione del bulbo del tallone giocano un ruolo importante nell eziopatogenesi. Secondo la nostra esperienza, l applicazione di bagni podali sistematici e frequenti ha significato un passo importante nel controllo delle patologie del piede. Non ci sono inconvenienti nell uso quotidiano dei bagni, se risulta necessario, fino a ottenere la scomparsa dei casi di zoppia da cause ambientali. Il prodotto da scegliere è la formalina al 5%. La concentrazione e la frequenza si adattano alla presenza della patologia che si osserva in allevamento. Il pediluvio va collocato all uscita della sala di mungitura, in modo da non rallentare le vacche, evitando gli effetti irritanti della formalina sui mungitori. I pediluvi devono essere piccoli, indipendentemente dal numero degli animali; la presenza di feci non impedisce l azione della formalina. Il passaggio sistematico degli animali disinfetta, indurisce l unghia e abbassa la carica batterica dell allevamento. La facilità della pulizia e del riempimento della vasca assicura il suo corretto utilizzo da parte dell allevatore. Per applicare alte concentrazioni di formalina (tra l 8% e il 12%) senza provocare irritazione si deve applicare un aumento graduale della concentrazione. Il caldo tende a far aumentare l attività della formalina, quindi vanno utilizzate concentrazioni più basse.

Lesioni podali e pavimento delle corsie di stabulazione

Lesioni podali e pavimento delle corsie di stabulazione Seminario Pavimentazioni innovative nelle stalle per vacche da latte Aspetti tecnici, sanitari ed economici e confronto con soluzioni tradizionali Bagnolo in Piano, 20 maggio 2009 Loris De Vecchis, veterinario

Dettagli

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha SCHEDA FERGUSON L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha comportato un adeguamento degli strumenti utili a valutare l efficienza e la redditività delle

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario. www.informatoreagrario.it

Edizioni L Informatore Agrario. www.informatoreagrario.it www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Due elementi chiavi per il successo finanziario

Due elementi chiavi per il successo finanziario Due elementi chiavi per il successo finanziario Litri di Latte Venduti Il latte marginale venduto ogni giorno supera il latte marginale per vacca Salute della Mandria Top 10 (11) priorità per un allevamento

Dettagli

Sostenibilità economica dei pavimenti in gomma

Sostenibilità economica dei pavimenti in gomma COLLABORAZIONE SATA ANALISI DEI COSTI E DEI VANTAGGI ECONOMICI E PRODUTTIVI Sostenibilità economica dei pavimenti in gomma di Alessandro Gastaldo, Marzia Borciani, Marisanna Speroni Le malattie podali

Dettagli

Punto cruciale: le zoppie. Tipologie di pavimento. Analisi economica. 38/2009 supplemento a L Informatore Agrario STRUTTURE STALLE

Punto cruciale: le zoppie. Tipologie di pavimento. Analisi economica. 38/2009 supplemento a L Informatore Agrario STRUTTURE STALLE Quanto costa il pavimento giusto Per valutare il costo di un pavimento, oltre all investimento iniziale, vengono calcolate le lesioni podali e le conseguenti perdite di ricavo per manodopera e minori performance

Dettagli

Indagine in allevamento e impostazione prove sperimentali

Indagine in allevamento e impostazione prove sperimentali Seminario Pavimentazioni innovative nelle stalle per vacche da latte Aspetti tecnici, sanitari ed economici e confronto con soluzioni tradizionali e impostazione prove Alessandro Gastaldo, CRPA - Reggio

Dettagli

http://www.agriok.it/magazine

http://www.agriok.it/magazine Hai scaricato questo articolo dal portale di Filiera AQ LEGGI GRATUITAMENTE ALTRE NOTIZIE SU: http://www.agriok.it/magazine www.agriok.it/notizie ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER www.agriok.it/newsletter

Dettagli

Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma

Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma IN AZIENDE CON VACCHE DA LATTE LOMBARDE STRUTTURE DI STALLA Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma Delle oltre 2.000 aziende esaminate il 4,7% utilizza pavimenti in gomma. Impiegato principalmente

Dettagli

La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito?

La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito? INCONTRI ZOOTECNICI DAL 3 PARTO IN POI: ELIMINAZIONE DELLE VACCHE E IMPLICAZIONI ECONOMICHE La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito? Negli ultimi anni si parla con maggior insistenza

Dettagli

DOLORE ALLA PIANTA DEL PIEDE: FASCITE PLANTARE

DOLORE ALLA PIANTA DEL PIEDE: FASCITE PLANTARE DOLORE ALLA PIANTA DEL PIEDE: FASCITE PLANTARE Con il termine fascite s intende l infiammazione di una fascia anatomica, nel caso specifico della fascite plantare si fa riferimento ad un processo infiammatorio

Dettagli

Consumo di corno e ruolo della stabulazione BENESSERE ANIMALE IL BENESSERE DEL PIEDE DALLA LETTIERA ALLA MANGIATOIA

Consumo di corno e ruolo della stabulazione BENESSERE ANIMALE IL BENESSERE DEL PIEDE DALLA LETTIERA ALLA MANGIATOIA IL BENEERE DEL PIEDE DALLA LETTIERA ALLA MANGIATOIA Come avere la stalla giusta «sotto i piedi» Le stalle di nuova costruzione possono essere causa di iperconsumo degli unghioni; il calcestruzzo, se non

Dettagli

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO Giugno 2014 1 2 3 SINTETICO COLLETTIVO DI SPECIE E RAZZA Il sintetico collettivo è una elaborazione dei dati provenienti dalle singole produttrici di una medesima specie/razza.

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Indagine di mercato sui pavimenti in gomma nella stalle di bovini da latte Descrizione estesa del risultato Già da alcuni anni, allevatori, tecnici, veterinari e ricercatori

Dettagli

La gestione dell alimentazione

La gestione dell alimentazione La gestione dell alimentazione della capra da latte Calendario stadi fisiologici PESO=Taglia per una capacità produttiva elevata Punto critico e di verifica Nascita Svezzamento 1^ monta 1 parto 1^ Lattazione

Dettagli

Strutture e impianti per la difesa dal caldo negli allevamenti di bovini da latte

Strutture e impianti per la difesa dal caldo negli allevamenti di bovini da latte In collaborazione con: Strutture e impianti per la difesa dal caldo negli allevamenti di bovini da latte Gabriele Mattachini, Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali (DISAA) Università

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

FITWALKING: 10000 PASSI PER LA SALUTE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

FITWALKING: 10000 PASSI PER LA SALUTE Testo e disegni di Stelvio Beraldo FITWALKING: 10000 PASSI PER LA SALUTE Testo e disegni di Stelvio Beraldo - WALKING E FITWALKING - 10000 passi al giorno e risposta dell'apparato cardiocircolatorio e respiratorio - 10000 passi al giorno

Dettagli

Guida al giornale dei trattamenti / registrazione dei dati sulla salute

Guida al giornale dei trattamenti / registrazione dei dati sulla salute Guida al giornale dei trattamenti / registrazione dei dati sulla salute Braunvieh Schweiz Chamerstrasse 56 6300 Zugo Tel. 041 729 33 11 Fax 041 729 33 77 info@braunvieh.ch www.braunvieh.ch L ordinanza

Dettagli

Paratubercolosi nell allevamento della bovina da latte Conoscerla per combatterla

Paratubercolosi nell allevamento della bovina da latte Conoscerla per combatterla Sezione di Lodi Sezione di Piacenza (CRN per la paratubercolosi) Associazione provinciale allevatori Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Lodi Paratubercolosi nell allevamento della bovina da

Dettagli

Prassi della Confederazione in materia di prepensionamento per ragioni organizzative e per cause di malattia

Prassi della Confederazione in materia di prepensionamento per ragioni organizzative e per cause di malattia Prassi della Confederazione in materia di prepensionamento per ragioni organizzative e per cause di malattia Perizia attuariale relativa alla Cassa pensioni della Confederazione (CPC) Riassunto Autore:

Dettagli

Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare?

Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Cristian Rota Cosa sarà il mercato del latte

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Analisi economica sull'uso dei pavimenti in gomma per le stalle di bovini da latte Descrizione estesa del risultato Le malattie podali rappresentano un grave problema nell

Dettagli

CHE TRATTAMENTO POSSIAMO FARE:

CHE TRATTAMENTO POSSIAMO FARE: CHE TRATTAMENTO POSSIAMO FARE: L energia permanente del campo magnetico statico di RIGENERA incide positivamente nella cura di : Osteoporosi Artrosi Strappi muscolari Tendiniti Mal di schiena Migliora

Dettagli

Cura delle unghie e comfort della vacca: considerazioni produttive

Cura delle unghie e comfort della vacca: considerazioni produttive BUIATRIA Cura delle unghie e comfort della vacca: considerazioni produttive 2- Patologie podali Conoscere le principali patologie del piede della vacca per poter mettere in atto una terapia adeguata. L

Dettagli

Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte

Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Cosa sarà il mercato del latte italiano dopo

Dettagli

STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA

STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA Il calore totale risulta dalla quantità di calore a cui l organismo è esposto (ambiente esterno) più il calore che esso stesso genera (processi metabolici). Esistono dei

Dettagli

A cosa serve lo iodio?

A cosa serve lo iodio? Iodio e Salute Che cos è lo iodio? Lo iodio, dal greco iodes (violetto), è un elemento (come l ossigeno, l idrogeno, il calcio ecc) diffuso nell ambiente in diverse forme chimiche. Lo iodio presente nelle

Dettagli

MANUALE SUL PIEDE. Doctor Foot srl. 00060 Formello (RM) Via degli Olmetti, 18 tel. 06 9075520 fax 06 9075155 www.doctorfoot.it info@doctorfoot.

MANUALE SUL PIEDE. Doctor Foot srl. 00060 Formello (RM) Via degli Olmetti, 18 tel. 06 9075520 fax 06 9075155 www.doctorfoot.it info@doctorfoot. MANUALE SUL PIEDE 1 Il Piede Il piede è un capolavoro unico d architettura, o meglio di biomeccanica, con le sue 26 ossa, 33 articolazioni, 114 legamenti, 20 muscoli e 250.000 ghiandole sudorifere presiede

Dettagli

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco L evento sismico che ha colpito la città de L Aquila ha messo in evidenza le debolezze dei diversi sistemi costruttivi, soprattutto

Dettagli

Mal di schiena Istruzioni per l uso

Mal di schiena Istruzioni per l uso Mal di schiena Istruzioni per l uso A cura del prof. Revrenna Luca Chinesiologo - Personal trainer Operatore di riequilibrio posturale ad approccio globale Metodo Raggi COS È Il mal di schiena è un dolore

Dettagli

Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART. Cod. 121 D NOTA TECNICA. Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A

Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART. Cod. 121 D NOTA TECNICA. Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART Cod. 121 D NOTA TECNICA Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A MANZART: L ARTE DI ALLEVARE MANZE FORTI E ROBUSTE AL MINORE COSTO Il Programma Purina

Dettagli

Le innovazioni di oggi per l azienda da latte del domani

Le innovazioni di oggi per l azienda da latte del domani Convegno Fieragricola, Verona Innovazione e tecnologia: così sarà l azienda da latte nel 2030 I risultati del progetto Innova Latte giovedì 2 febbraio 2012, ore 15 - Sala Puccini di oggi per l azienda

Dettagli

ALENTI. with people in mind

ALENTI. with people in mind ALENTI Il comodo sollevatore igienico a sedia with people in mind 2 Alenti Sicurezza e comodità Alenti costituisce parte integrante di un ciclo per il bagno sicuro e comodo. Questo sollevatore igienico

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA PARAMORFISMI

LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA PARAMORFISMI LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA Dipartimento di Scienze Motorie PARAMORFISMI Si tratta di deformità in genere transitorie, correggibili volontariamente, non sostenute da alterazioni anatomiche

Dettagli

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi Esercizi iniziali Contrazioni dei muscoli flessori del ginocchio

Dettagli

La gestione zootecnica del gregge

La gestione zootecnica del gregge La gestione zootecnica del gregge Introduzione Per una corretta gestione del gregge l azione zootecnica è incisiva negli allevamenti stanziali o semi-stanziali Dove si possono controllare i seguenti aspetti

Dettagli

I COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA TOTALI CUS. α Quantità prodotte. CUS = cus * q

I COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA TOTALI CUS. α Quantità prodotte. CUS = cus * q I COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA TOTALI CUS 0 α Quantità prodotte CUS = cus * q Esempi di COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA costo dei prodotti:materie prime, semi-lavorati; costo delle lavorazioni esterne; costo

Dettagli

I piedi devono durare una vita!

I piedi devono durare una vita! A.DI.MI Convegno nazionale sul tema IMPEGNO PER LA SALUTE I piedi devono durare una vita! Luca Monge SSCVD Diabetologia Centro per la Cura del Piede Diabetico AO Città della salute e della Scienza di Torino

Dettagli

SINTETICO COLLETTIVO E INDIVIDUALE

SINTETICO COLLETTIVO E INDIVIDUALE MANUALE DI USO Documento: Manuale R01 SINTETICO COLLETTIVO E INDIVIDUALE Ultima revisione 25 Novembre 2015 ManR01 Sintetico collettivo e individuale 25 novembre 2015 Pag. 1 SINTETICO COLLETTIVO E INDIVIDUALE

Dettagli

Piccoli accorgimenti quotidiani per avere mammelle sane

Piccoli accorgimenti quotidiani per avere mammelle sane FONDAMENTALI PER AVERE LATTE DI QUALITÀ Piccoli accorgimenti quotidiani per avere mammelle sane di Francesco Testa La qualità del latte e la sanità della mammella sono sempre obiettivi di primaria importanza

Dettagli

UTILIZZO DI EMBRIONI MICROMANIPOLATI E CRIOCONSERVATI NEL RECUPERO DI BOVINE REPEAT BREEEDER. PRIME ESPERIENZE DI CAMPO.

UTILIZZO DI EMBRIONI MICROMANIPOLATI E CRIOCONSERVATI NEL RECUPERO DI BOVINE REPEAT BREEEDER. PRIME ESPERIENZE DI CAMPO. SIET 24 Convegno annuale Abano Terme 3-10 - 2015 UTILIZZO DI EMBRIONI MICROMANIPOLATI E CRIOCONSERVATI NEL RECUPERO DI BOVINE REPEAT BREEEDER. PRIME ESPERIENZE DI CAMPO. Marcello Lora L ALLEVAMENTO DEL

Dettagli

Corso di Economia Applicata

Corso di Economia Applicata Corso di Economia Applicata a.a. 2007-08 II modulo 12 Lezione Asimmetrie informative e Adverse Selection Soluzioni per l Adverse Selection? selezione (screening ) segnalazione razionamento le soluzioni

Dettagli

Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte

Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte Codeluppi dottor Mauro Incontri tecnico scientifici con i Produttori Gioia del Colle, 20 Giugno

Dettagli

Viaggio di istruzione in Israele

Viaggio di istruzione in Israele Viaggio di istruzione in Israele dal 17 al 22 luglio 2012 www.tredi-italia.it Introduzione Nelle pagine seguenti troverete alcune note e fotografie che sono il riassunto del viaggio che i tecnici di Tredì

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SULLO SVILUPPO SCHELETRICO DEL DOGUE DE BORDEAUX

RELAZIONE TECNICA SULLO SVILUPPO SCHELETRICO DEL DOGUE DE BORDEAUX RELAZIONE TECNICA SULLO SVILUPPO SCHELETRICO DEL DOGUE DE BORDEAUX Dottor Thomas Karl Roth Del Dogue de Bordeaux oltre le tipiche forme del molossoide molto vistosa è la sua forte e caratteristica struttura

Dettagli

I COSTI PROF. MATTIA LETTIERI

I COSTI PROF. MATTIA LETTIERI I COSTI ROF. MATTIA LETTIERI Indice 1. LE FUNZIONI DI COSTO --------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2. I COSTI DELL IMRESA NEL BREVE ERIODO

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI DEL VETRO CELLULARE POLYDROS

CARATTERISTICHE GENERALI DEL VETRO CELLULARE POLYDROS CARATTERISTICHE GENERALI DEL VETRO CELLULARE POLYDROS Il pannello di vetro cellulare POLYDROS si ottiene partendo dalla polvere di vetro, la quale, mediante un processo termico-chimico, si trasforma in

Dettagli

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione Andrea Quaglino ANABORAPI Associazione Nazionale Allevatori Bovini di Razza Piemontese Razza specializzata da carne Groppa doppia

Dettagli

La curva di offerta. La curva di offerta

La curva di offerta. La curva di offerta La curva di offerta La curva di offerta Un diagramma che mostra la quantità di un bene che i venditori desiderano vendere per un dato prezzo rapporto tra prezzo e quantità offerta Ha pendenza positiva

Dettagli

IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA

IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA LA MIOPIA Si parla di miopia quando la vista da lontano è ridotta. Il miope vede bene a distanza ravvicinata, mentre le immagini lontane appaiono sfuocate. La ragione

Dettagli

Sintesi dei risultati di uno studio concernente l efficacia del dondolio nei pazienti con demenza

Sintesi dei risultati di uno studio concernente l efficacia del dondolio nei pazienti con demenza Sintesi dei risultati di uno studio concernente l efficacia del dondolio nei pazienti con demenza Fonte: Nancy M. Watson, Thelma J. Wells, Christopher Cox (1998) Terapia con sedia a dondolo in pazienti

Dettagli

LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI

LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI operazioni di trasporto o di sostegno di un carico ad opera di uno o piu lavoratori, comprese le azioni del sollevare,

Dettagli

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara La forza La definizione di forza Per forza s intende la capacità dell apparato neuro- muscolare di vincere o contrapporsi a un carico esterno con un impegno muscolare. La classificazione della forza Tipi

Dettagli

Un second crop oltre ogni aspettativa

Un second crop oltre ogni aspettativa Prince Un second crop oltre ogni aspettativa Per i tecnici, i dati di second crop di Prince sono andati oltre ogni più rosea aspettativa, ma per molti allevatori in Italia non sono stati altro che una

Dettagli

STERZATA SENZA SPOSTAMENTO MANI MANI IN POSIZIONE BASE. POSIZIONE SUL SEDILE: TROPPO LONTANA (prospetto) POSIZIONE DI GUIDA: LONTANA (pianta)

STERZATA SENZA SPOSTAMENTO MANI MANI IN POSIZIONE BASE. POSIZIONE SUL SEDILE: TROPPO LONTANA (prospetto) POSIZIONE DI GUIDA: LONTANA (pianta) MANI IN POSIZIONE BASE Posizione base, fondamentale per guidare con qualità e sicurezza: mani sul volante come sul quadrante di un orologio, per indicare le ore 9:15, con i pollici bene ancorati alle razze.

Dettagli

Presentazione del gruppo: Le aziende dove abbiamo svolto lo stage sono diverse tra loro e anche le attrezzature e le strutture.

Presentazione del gruppo: Le aziende dove abbiamo svolto lo stage sono diverse tra loro e anche le attrezzature e le strutture. Presentazione del gruppo: Le aziende dove abbiamo svolto lo stage sono diverse tra loro e anche le attrezzature e le strutture. Una parte in provincia di Belluno e altre fuori provincia. ci sono diversi

Dettagli

BERTELLE, BROMBAL, CESA, COLMANET, CURTO, DA ROS, TREVE, VERGERIO

BERTELLE, BROMBAL, CESA, COLMANET, CURTO, DA ROS, TREVE, VERGERIO BERTELLE, BROMBAL, CESA, COLMANET, CURTO, DA ROS, TREVE, VERGERIO Per lo stato di salute dell animale Esame generale Auscultazione cuore e intestino Controllando: Esami del sangue Temperatura e peso Bocca

Dettagli

La nuova generazione di cura della pelle con urea!

La nuova generazione di cura della pelle con urea! La nuova generazione di cura della pelle con urea! Solo con profumo senza allergeni. ZIWADERM... Balsamo per Per la il vostro vostra successo pelle. Per il vostro succe In questo catalogo Per i vostri

Dettagli

DIAGNOSI INFERMIERISTICHE

DIAGNOSI INFERMIERISTICHE Pagina 1 di 3 DIAGNOSI INFERMIERISTICHE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE ANSIA CORRELATA A MINACCIA ALL INTEGRITA BIOLOGICA DOVUTA A TRAUMA DA CADUTA E DOLORE (che si manifesta con aumento della F.C., PAOS, sudorazione,

Dettagli

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco Disegnare il basket di Andrea Capobianco L efficacia della comunicazione è legata ad una buona conoscenza del linguaggio utilizzato. L uso della rappresentazione icnica presuppone necessariamente la condivisione

Dettagli

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA!

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! Piano Regionale della Prevenzione 2010-12 Progetto 2.3.1A Interventi di comunicazione ed iniziative organizzate miranti a promuovere l attività

Dettagli

Attivo di Bionaïf è un plantare anatomico che partendo dai piedi dona benessere a tutto il tuo corpo.

Attivo di Bionaïf è un plantare anatomico che partendo dai piedi dona benessere a tutto il tuo corpo. il benessere ai tuoi piedi Attivo di Bionaïf è un plantare anatomico che partendo dai piedi dona benessere a tutto il tuo corpo. Attivo è stato studiato per chi soffre di problemi di postura e di mal di

Dettagli

Dott.ssa Riu Raffaela

Dott.ssa Riu Raffaela Dott.ssa Riu Raffaela MINISTERO DELLA SALUTE Il riconoscimento degli animali quali esseri senzienti, e quindi portatori di diritto, è uno dei Europea La sicurezza della catena alimentare è indirettamente

Dettagli

PROGETTO DI ALLEVAMENTO SPERIMENTALE DEL FAGIANO CON INCUBAZIONE NATURALE CON CHIOCCINE PREMESSA L allevamento tradizionale del fagiano, di tipo semi-industriale, industriale, ha evidenziato negli anni

Dettagli

LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE

LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE Ergonomia / Videoterminali / Utilizzo sicuro dei VDT LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE Introduzione Gli aspetti posturali connessi al lavoro al VDT sulla salute dei lavoratori sono stati studiati da molti

Dettagli

COME GESTIRE IL FISSATORE ESTERNO

COME GESTIRE IL FISSATORE ESTERNO DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale di Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato La metodica di Ilizarov viene utilizzata

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.macchineagricoledomani.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi

Dettagli

FATTORI DI RISHIO DELLE ZOPPIE NELL ALLEVAMENTO DEL BOVINO DA INGRASSO

FATTORI DI RISHIO DELLE ZOPPIE NELL ALLEVAMENTO DEL BOVINO DA INGRASSO FATTORI DI RISHIO DELLE ZOPPIE NELL ALLEVAMENTO DEL BOVINO DA INGRASSO Tratto da: Compiani R., Sgoifo Rossi C.A., Baldi G., Desrochers A. (2014) Dealing with lameness in Italian beef cattle rearing. Large

Dettagli

L ipertensione arteriosa. Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza

L ipertensione arteriosa. Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza L ipertensione arteriosa Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza Che cosa faremo 1. Brainstorming: che cosa sapete sull ipertensione arteriosa? 2. Presentazione: prove disponibili ( che cosa

Dettagli

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE SOMMARIO 7 L IMPORTANZA DEL COLON 11 UN ORGANO CON FUNZIONI VITALI 12 La fisiologia 20 La visione psicosomatica 36 L alimentazione 40 I rimedi naturali 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È

Dettagli

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA!

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! Piano Regionale della Prevenzione 2010-12 Progetto 2.3.1A Interventi di comunicazione ed iniziative organizzate miranti a promuovere l attività

Dettagli

Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di dolore, non il piacere

Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di dolore, non il piacere Focus su... Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di, non il piacere Aristotele 2 Il può essere definito come un campanello d allarme che ci avverte quando qualcosa nel nostro organismo non funziona

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

S.A.T.A. I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA

S.A.T.A. I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA Perché sfida? Vediamo la variazione di alcuni PREZZI VARIAZIONE PREZZI in Lire Dic. 1980 Gen. 2010 2010/1980 caffè espresso

Dettagli

STRATEGIE PER CONTENERE GLI SCARTI COME INTERVENIRE NELLA FASE DA LATTAZIONE A MAGRONCELLO di JAN LE DIVIDICH

STRATEGIE PER CONTENERE GLI SCARTI COME INTERVENIRE NELLA FASE DA LATTAZIONE A MAGRONCELLO di JAN LE DIVIDICH Management gestionale Metodo di gestione 4.5.1 STRATEGIE PER CONTENERE GLI SCARTI COME INTERVENIRE NELLA FASE DA LATTAZIONE A MAGRONCELLO di JAN LE DIVIDICH I suinetti lattanti e svezzati hanno un potenziale

Dettagli

CISTITE. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

CISTITE. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate CISTITE A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è la CISTITE? La cistite è la più comune e frequente malattia delle vie urinarie e può colpire

Dettagli

Illuminazione a LED per ampi spazi

Illuminazione a LED per ampi spazi Illuminazione a LED per ampi spazi Sistemi di illuminazione in linea con LED E4, E5 ed E7 di ETAP comprendono una vasta gamma di luci a LED per grandi spazi e soffitti alti, come stabilimenti industriali,

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

MUOVERSI, ANCHE DA SEDUTI.

MUOVERSI, ANCHE DA SEDUTI. VARIABLE tm LA PREVENZIONE PER LA VOSTRA SCHIENA MUOVERSI, ANCHE DA SEDUTI. Ecco il segreto per mantenere in forma la vostra colonna vertebrale. La prevenzione è la prima e più efficace arma contro il

Dettagli

ImPIANtI dentali. LA migliore SoLuZIoNe A LuNGo termine

ImPIANtI dentali. LA migliore SoLuZIoNe A LuNGo termine ImPIANtI dentali LA migliore SoLuZIoNe A LuNGo termine 1. Sorriso & funzione Nei rapporti di ogni giorno il sorriso ci aiuta a comunicare: è il miglior modo di dimostrare affetto, aiuta a socializzare,

Dettagli

ADOTTARE UNA POSTURA CORRETTA

ADOTTARE UNA POSTURA CORRETTA ADOTTARE UNA POSTURA CORRETTA Gli Osteopati,i Fisioterapisti ed i Posturologi sono molto attenti riguardo la postura dei loro pazienti, consigliando loro come correggerla e come eseguire esercizi correttivi,

Dettagli

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE Francesco Albanese, 67 anni Ex titolare di una impresa edile Operato 5 anni fa di protesi alle ginocchia Sul sito web www.storiedivitainmovimento.it

Dettagli

Ricerca dei segni dello stress

Ricerca dei segni dello stress 5 Ricerca dei segni dello stress Prima di iniziare il massaggio vero e proprio, specialmente quando massaggiate una persona per la prima volta, accertate il livello dello stress attraverso la ricerca dei

Dettagli

Le mastiti costano molto all allevatore

Le mastiti costano molto all allevatore INDAGINE IN 6 SALLE DI VACCHE DA LAE Le mastiti costano molto all allevatore A seconda della frequenza e della gravità le mastiti possono comportare perdite di reddito fino a oltre 2. euro in un allevamento

Dettagli

I documenti di www.mistermanager.it. Gli ingredienti per l allenamento per la corsa LE RIPETUTE

I documenti di www.mistermanager.it. Gli ingredienti per l allenamento per la corsa LE RIPETUTE I documenti di www.mistermanager.it Gli ingredienti per l allenamento per la corsa LE RIPETUTE Le Ripetute sono una delle forme di allenamento che caratterizzano i corridori più evoluti, in quanto partono

Dettagli

Il corretto posizionamento in sella (oltre alle misure.) di Giuseppe De Servi

Il corretto posizionamento in sella (oltre alle misure.) di Giuseppe De Servi Il corretto posizionamento in sella (oltre alle misure.) di Come già accennato in precedenza per avere un buon rendimento a livello di prestazione atletica e di comodità in sella è necessario assumere

Dettagli

Ottimizza i costi di alimentazione e migliora la produzione di latte.

Ottimizza i costi di alimentazione e migliora la produzione di latte. Ottimizza i costi di alimentazione e migliora la produzione di latte. Stazioni di alimentazione DeLaval FSC40 e FSC400 La soluzione giusta per te...... ogni giorno Stazioni di alimentazione DeLaval FSC40

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

I principi parodontali fondamentali per il protesista

I principi parodontali fondamentali per il protesista I principi parodontali fondamentali per il protesista Relatore Dott. Roberto Pontoriero Controrelatore Dott. Attilio Bedendo La relazione descrive i principi parodontali che sono alla base del posizionamento

Dettagli

Domande a scelta multipla 1

Domande a scelta multipla 1 Domande a scelta multipla Domande a scelta multipla 1 Rispondete alle domande seguenti, scegliendo tra le alternative proposte. Cercate di consultare i suggerimenti solo in caso di difficoltà. Dopo l elenco

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Pazienti in trattamento sostitutivo della funzione renale (USL 7 Zona Valdichiana) N Dialisi extracorporea 40 Dialisi peritoneale 10 Trapianto attivo

Dettagli

DIACRETE. Sistema poliuretanico per pavimentazioni industriali in resina ad elevata resistenza chimica e meccanica

DIACRETE. Sistema poliuretanico per pavimentazioni industriali in resina ad elevata resistenza chimica e meccanica DIACRETE Sistema poliuretanico per pavimentazioni industriali in resina ad elevata resistenza chimica e meccanica Che cosa é? Diacrete rappresenta la soluzione ideale per il mondo delle pavimentazioni

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA La RACHIALGIA, nome scientifico del mal di schiena, si colloca tra le patologie più diffuse, colpendo in modo democratico persone di tutte le età, di tutte le categorie professionali e di tutte le tipologie.

Dettagli

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti In questa unità didattica si impara come si può aiutare una persona a muoversi, quando questa persona non può farlo in modo autonomo. Quindi, è necessario

Dettagli

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA Teoria Il propulsore a forza centrifuga, è costituito essenzialmente da masse rotanti e rivoluenti attorno ad un centro comune che col loro movimento circolare generano una

Dettagli

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte 69^ FIERA INTERNAZIONALE DEL BOVINO D LATTE Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti ARAL - Ass Reg

Dettagli

I PIEDI DELLA PERSONA DIABETICA: CONSIGLI UTILI. Livelli alti di zucchero nel sangue possono causare problemi ai piedi e alla pelle.

I PIEDI DELLA PERSONA DIABETICA: CONSIGLI UTILI. Livelli alti di zucchero nel sangue possono causare problemi ai piedi e alla pelle. I PIEDI DELLA PERSONA DIABETICA: CONSIGLI UTILI Livelli alti di zucchero nel sangue possono causare problemi ai piedi e alla pelle. IL PIEDE DIABETICO Lo sapevi che il Diabete può creare danni alle gambe

Dettagli

IL GLAUCOMA I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A

IL GLAUCOMA I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A IL GLAUCOMA I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A IL GLAUCOMA Che cos è? Campagna informativa per la prevenzione delle malattie oculari che possono compromettere la visione

Dettagli