DOCUMENTO FINALE. del Consiglio di Classe della 5 A Informatica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO FINALE. del Consiglio di Classe della 5 A Informatica"

Transcript

1 DOCUMENTO FINALE del Consiglio di Classe della 5 A Informatica Anno scolastico 2014/2015

2 INDICE Elenco candidati Quadro orario Composizione dinamica Classe e Docenti Finalità ed obiettivi generali Finalità ed obiettivi trasversali del C.d.C. Criteri di Valutazione Quadro Sinottico Attività Curricolari ed Extracurricolari Programmi ed Obiettivi Simulazioni della Terza Prova dell Esame di Stato. Allegato A Integrazione al quadro descrittivo del profilo della classe

3 ELENCO CANDIDATI N COGNOME NOME 1 Arcadio Alessandro 2 Arcifa Stefano 3 Belmonte Roberto 4 Brandalese Luca 5 Calcaterra Simone 6 Celora Christian 7 Colombo Alessandro 8 D Angella Stefano 9 Daniotti Lorenzo 10 Flaviani Andrea 11 Garavaglia Samuele 12 Garavaglia Tommaso 13 Hincapie Aviles Katerine 14 Locci Lorenzo 15 Negri Matteo 16 Oldani Marco 17 Parini Lorenzo 18 Pupo Luigi

4 QUADRO ORARIO Discipline del piano di studi 3 anno 4 anno 5 anno Italiano Storia Lingua Straniera (Inglese) Matematica Compl. Matematica 1 1 Telecomunicazioni 3 (1) 3 (2) Informatica 6 (4) 6 (4) 6 (3) Sistemi e Reti 4 (2) 4 (2) 4 (3) Tecn. Prog. Sist. Info. 3 (2) 3 (2) 4 (3) Gestione Prog. Org. Impresa 3 (1) Scienze Motorie e sportive Religione Cattolica Totale ore settimanali Nota: Tra parentesi sono indicate le ore di laboratorio

5 COMPOSIZIONE DINAMICA DEL GRUPPO DOCENTE Materia Classe 3 a Classe 4 a Classe 5 a Italiano Sgrò Daniela Sgrò Daniela Sgrò Daniela Storia Sgrò Daniela Sgrò Daniela Sgrò Daniela Inglese Negretti Donata Mariassunta Negretti Donata Mariassunta Negretti Donata Mariassunta Matematica Marmonti Silvia Marmonti Silvia Marmonti Silvia Compl. matematica Marmonti Silvia Marmonti Silvia Telecomunicazioni Di Zio Elsa Di Zio Elsa Informatica Frontini Elisa Angela Frontini Elisa Angela Frontini Elisa Angela Sistemi e Reti Gragnani Annalisa Gragnani Annalisa Gragnani Annalisa Gest. Prog. Org. Impr. Gragnani Annalisa Tecn. Prog. Sist. Spinarelli Mauro Spinarelli Mauro Spinarelli Mauro Scienze motorie e sp Alò Bartolo Marcello Spinelli Sabrina Capello Fulvio Religione Cattolica Celeste Alfredo Olmo Anna Lodovica Olmo Anna Lodovica Lab. Telecomunicazioni Pistone Francesco Procopio Sostene Lab. Sistemi e Reti Scarnati Pierpaolo Scarnati Pierpaolo Scarnati Pierpaolo Lab. Informatica Scarnati Pierpaolo Scarnati Pierpaolo Scarnati Pierpaolo Lab. Tecn. Prog. Sist. Pistone Francesco Minissale Michele Schillaci Giusi Lab. Gest. Prog. Org. I. Scarnati Pierpaolo COMPOSIZIONE DINAMICA DELLA CLASSE Classe 3 a Classe 4 a Classe 5 a Da classe Da classe precedente precedente (rip. 0) Ripetenti 0 22 Ripetente 1 18 Per quanto riguarda gli alunni che rientrano nella tipologia prevista dalla legge 170 dell'ottobre 2010 si veda l'allegato A al presente documento

6 FINALITÀ E OBIETTIVI GENERALI DELL INDIRIZZO INFORMATICA Il profilo del settore tecnologico si caratterizza per la cultura tecnico-scientifica e tecnologica in ambiti dove interviene permanentemente l innovazione dei processi, dei prodotti e dei servizi, dette metodologie di progettazione e di organizzazione. L indirizzo in Informatica si propone di fornire ad ogni singolo alunno gli strumenti adeguati per realizzarsi sul piano formativo e culturale personale, oltre che come figura professionale dotata di versatilità, propensione al continuo aggiornamento e capacità di orientamento di fronte a problemi nuovi. Per conseguire tali finalità, il Consiglio di Classe ha lavorato su una serie di obiettivi generali distinguendoli tra l area scientificotecnologico-pratica e quella linguistico-storico-letteraria, tenendo comunque ben presente il senso della interdipendenza e della unitarietà del sapere. Obiettivi individuati nella area scientifico-tecnologico: acquisire le capacità di analizzare, dimensionare e gestire piccoli sistemi per l elaborazione, la produzione, la trasmissione e l acquisizione dell informazione in forma di segnali elettrici acquisire conoscenze e capacità specifiche tali da partecipare consapevolmente alla realizzazione e alla gestione di sistemi di elaborazione e trasmissione delle informazioni saper collaborare all analisi di sistemi di vario genere, alla progettazione dei programmi applicativi, scegliere gli strumenti informatici più idonei alla produzione di software. saper collaborare allo sviluppo del software, alla progettazione di sistemi industriali e di telecomunicazione saper sviluppare pacchetti di software nell ambito di applicazione di vario genere, come sistemi di acquisizione dati, banche-dati, calcolo tecnico scientifico, sistemi gestionali essere in grado di sviluppare semplici applicazioni informatiche per reti locali o servizi a distanza. saper progettare piccoli sistemi di elaborazione dati, anche in rete locale, inclusa la scelta e il dimensionamento di interfacce verso apparati esterni saper progettare secondo le procedure e gli standard previsti dai sistemi aziendali di gestione della qualità e della sicurezza. saper pianificare processi produttivi correlati a funzioni aziendali. saper pianificare lo sviluppo delle risorse informatiche in piccole realtà produttive e dimensionare piccoli sistemi di elaborazione dati saper assistere gli utenti dei sistemi di elaborazione dati fornendo loro consulenza e formazione di base sul software e sull hardware Configurare, installare e gestire sistemi di elaborazione dati e reti. Saper scegliere dispositivi e strumenti in base alle loro caratteristiche funzionali. Obiettivi individuati nella area linguistico-storico-letteraria: saper acquisire la consapevolezza della specificità e complessità del fenomeno letterario come espressione della civiltà e come forma di conoscenza del reale; sapere sviluppare la padronanza dei codici linguistici specifici nella ricezione e nella produzione orale e scritta;

7 sapere consolidare l attitudine a problematizzare, a formulare domande, a riferirsi a tempi e spazi diversi, a cogliere lo stretto legame che unisce il presente al passato; sapere individuare le interazione tra i soggetti singoli e collettivi, le determinazioni istituzionali, gli intrecci politici, economici, sociali, culturali, religiosi, ambientali di un fenomeno; sapere possedere la percezione della pari dignità di sé e degli altri, riconoscendo nella diversità un valore positivo; sapere conoscere gli elementi fondamentali della microlingua settoriale; sapere leggere e comprendere manuali tecnici e testi d uso in lingua straniera.

8 FINALITÀ ED OBIETTIVI TRASVERSALI DEL C. d C. Obiettivi educativi trasversali Ottenere un comportamento che denoti rispetto: - dei compagni, dei docenti e del personale non docente - degli orari di inizio e di termine delle lezioni - dell arredo scolastico Collaborare costruttivamente con i docenti ed i compagni Approfondire autonomamente i contenuti proposti Prestare attenzione in classe, adeguando comportamento e linguaggio alla situazione scolastica. Intervenire durante le lezioni in modo pertinente e con linguaggio adeguato. Essere puntuali nella consegna dei lavori assegnati e nella preparazione individuale in modo uniforme in tutte le discipline. Curare la stesura degli elaborati in classe e a casa, avere il materiale didattico aggiornato e organizzato per ogni materia. Utilizzare correttamente il materiale didattico a casa e a scuola. Obiettivi didattici trasversali Sviluppare un atteggiamento problematico nei confronti della realtà e capacità di analisi della stessa Sapersi esprimere, sia per la produzione scritta che per quella orale, con un linguaggio caratterizzato da correttezza formale, pertinenza alla traccia, coerenza nelle affermazioni, rigorosità e logica (saper argomentare ragionamenti e deduzioni proposti). Acquisire un metodo di studio che presenti: - la capacità di effettuare collegamenti interdisciplinari - la capacità di fornire un adeguata documentazione relativa alle tematiche via via affrontate - la capacità di consultare autonomamente manuali tecnici - la capacità di lavorare in gruppo. - la capacità di utilizzare con padronanza gli strumenti tecnici caratterizzanti l indirizzo di studi - la capacità di integrare le nozioni spiegate in classe con rielaborazioni personali - la conoscenza degli argomenti delle singole discipline e la capacità di saperli collegare

9 CRITERI DI VALUTAZIONE Comprensione delle domande e conoscenza degli argomenti richiesti. Individuazione dei rapporti fra i fenomeni ed uso di un linguaggio specifico. Capacità di analisi, di sintesi e di rielaborazione delle conoscenze acquisite. GRIGLIA DI VALUTAZIONE Voto Livello raggiunto 1 Lo studente rifiuta di sottoporsi a verifica scritta od orale, fa scena muta oppure consegna il foglio in bianco. Non emergono conoscenze, né capacità, né competenze. 2 Lo studente è assolutamente impreparato e non conosce nessun argomento svolto. 3 Lo studente dimostra di conoscere e comprendere gli argomenti svolti in modo frammentario e assai lacunoso. Espone i concetti disordinatamente e con un linguaggio scorretto. 4 Lo studente dimostra di conoscere e comprendere gli argomenti svolti in modo superficiale e incompleto. Espone stentatamente, con improprietà e gravi errori linguistici. Usa scarsamente il lessico specifico. Commette gravi errori di impostazione e ha difficoltà marcate nell'applicazione di quanto appreso. 5 Lo studente dimostra di conoscere e comprendere gli argomenti svolti in modo superficiale. Ha una esposizione incerta con frequenti ripetizioni ed errori nelle strutture. Usa un linguaggio inadeguato, non sempre specifico, con errori di applicazione e di impostazione. Non raggiunge gli obiettivi minimi prefissati. 6 Lo studente dimostra di conoscere e comprendere gli argomenti basilari individuati da ciascun docente e specificati nella programmazione. Li espone in maniera sufficientemente chiara e utilizza un linguaggio corretto anche se non sempre specifico. 7 Lo studente dimostra di conoscere e comprendere tutti gli argomenti svolti. L esposizione e l impostazione sono corrette. Usa il linguaggio specifico della disciplina. Ha capacità logiche e sa effettuare dei collegamenti in ambito disciplinare. 8 Lo studente dimostra di conoscere e comprendere in modo puntuale e sicuro tutti gli argomenti svolti. L esposizione è corretta e fluida; l impostazione è precisa e personale; il linguaggio specifico e appropriato. Ha capacità di critica e di sintesi e effettua collegamenti nell ambito della disciplina. 9 Lo studente dimostra di conoscere e comprendere gli argomenti in modo approfondito e di saperli rielaborare. Sa esporre in modo corretto e appropriato, utilizzando un linguaggio specifico, grande ricchezza lessicale e originalità nell applicazione di quanto appreso. E capace di effettuare critiche e valutazioni, collegamenti interdisciplinari, confronti nell ambito della disciplina. 10 Lo studente dimostra di conoscere e comprendere gli argomenti in modo approfondito e di averli integrati con ricerche e apporti personali. L esposizione è esauriente e critica con piena padronanza di tutti i registri linguistici. E capace di effettuare critiche e valutazioni, collegamenti interdisciplinari, confronti nell ambito della disciplina. Per l'attribuzione del voto finale di condotta sono stati applicati i criteri deliberati dal Collegio dei Docenti in data 5 Maggio 2009.

10 RELIGIONE SCIENZE MOTORIE SISTEMI e RETI INFORMATICA GEST. PROG. ORG I. T.P.S. MATEMATICA INGLESE STORIA ITALIANO QUADRO SINOTTICO METODI MEZZI SPAZI STRUMENTI DI VERIFICA CORSI DI RECUPERO IDEI Lezioni frontali X X X X X X X X X X Lezione partecipata e/o discussione guidata X X X X X X X X X Metodo induttivo X X Lavoro di gruppo X X X X X X X X Simulazioni X X X X X X X X Altro: madrelingua Lavagna X X X X X X X X X Libri di testo X X X X X X X X Dispense X X X X X PC X X X X X Audiovisivi X X X X X Internet X X X X X X X X Altro (articoli quotidiani) X X X X X Aula X X X X X X X X X Laboratorio disciplinare X X X X X Sala audiovisivi Palestra ed impianti sportivi esterni Biblioteca Interrogazione X X X X X X X X Griglia di osservazione Prova di laboratorio X X X X X Componimento o problema o progetto X X X X X X Prova strutturata e/o semistrutturata X X X X X X Relazione X X X X X X Esercizi/prove pratiche X X X X X X X Altro ( ) / / / / / / / / / / X Secondo quanto deliberato dal Collegio dei Docenti, nella settimana dal 10 al 15 gennaio 2015 gli studenti hanno effettuato una attività di ripasso degli argomenti svolti nel primo quadrimestre.

11 ATTIVITÀ CURRICOLARI ED EXTRACURRICOLARI Viaggio d istruzione: Monaco di Baviera Lezione in Fablab: arduino e stampa in 3D (Arcadio, Flaviani, Negri, Colombo) previsto per il 25/5/15 Progetto educazione alla salute o Incontro con i volontari della Croce Bianca di Sedriano o Conferenza con il mondo del volontariato AVIS, ADMO e AIDO sul tema della donazione o Incontro con l Arma dei Carabinieri sul tema tossicodipendenze: tra legalità e salute Progetto sostegno a distanza : conferenza con volontario AVSI per la Sierra Leone e videoconferenza con la ragazza sostenuta dal progetto. Interventi nell ambito dell orientamento in uscita o Incontro in Palazzo della Provincia a Milano per presentazioni offerta formativa di varie università (Arcadio, Arcifa, Belmonte, Colombo, Negri, Oldani) o Incontro con un Team dell Esercito Italiano o Incontro con Università LIUC di Castellanza o Incontro con Afolovest nell ambito del progetto Garanzia Giovani (previsto per il 20/05/2015) o Incontro con Jolly Animation per presentare il corso di animatore in villaggi turistici (Negri, Belmonte, D Angella, Garavaglia S., Oldani, Hincapie, Locci, Parini) Conferenza: la giornata della Memoria Visita a Palazzo Reale: mostra Van Gogh Olimpiadi della cultura e del talento (Garavaglia S) Università LIUC di Castellanza: crea la tua impresa (Arcadio, Garavaglia T, Hincapie, Colombo, Negri, Flaviani) Progetto gruppo teatro (Hincapie, Arcifa) Progetto realizzazione del giornale della scuola (Hincapie, Negri) Progetto ASFORIL alternanza scuola-lavoro (Flaviani, Belmonte, Garavaglia T.)

12 Visita EXPO (previsto per il 19/05/15) Progetto: assistenza tecnica HW/SW scuola medie E. Fermi di Vittuone (Arcadio, Negri) Visione dello spettacolo Fuori misura rappresentato dalla compagnia teatrale Quelli di Grock al teatro Tresartes di Vittuone. Visione del film Il giovane favoloso al cinema Apollo di Milano. Presentazione La scuola del futuro al Palazzo della Provincia di Milano Partecipazione al concorso: Le Scuole Lombarde per Expo Conferenza su Realizzazione di un videogioco tenuto dal professore Maggiorini della Università Statale di Milano.

13 PROGRAMMI ed OBIETTIVI Italiano Storia Inglese Matematica Gestione del Progetto e Organizzazione d Impresa Tecnologie Progettazione Sistemi Informatici Informatica Sistemi e Reti Scienze Motorie e Sportive Religione Nota: I programmi riportati in questo documento si riferiscono agli argomenti che si prevede di svolgere entro la fine dell anno scolastico

14 Programma di ITALIANO Anno scolastico Prof. Sgrò Daniela LIBRI DI TESTO - Paolo Di Sacco Le basi della letteratura, vol. 2 e 3A / 3B. - La Divina Commedia, edizione integrale, SEI CONTENUTI - Giacomo Leopardi o Biografia o Poetica e filosofia del pensiero o Da Zibaldone di pensieri: lettura dei brani pp (la vita: il giardino della sofferenza), pp ( Le qualità poetiche dell indefinito) e pp ; ; 4426 ( la rimembranza). o Da Canti:Ultimo canto di Saffo; L infinito; Alla luna; A Silvia; Il sabato del villaggio; La quiete dopo la tempesta; Il pensiero dominante ; La Ginestra o il fiore del deserto. o Da Operette Morali: Dialogo della moda e della morte; Dialogo di un islandese e della Natura; Dialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggiere. - Il positivismo : lettura di un passo tratto da L origine della specie di Charles Darwin ( Evoluzione e futuro dell umanità). - L Irrazionalismo: Nietzsche e Freud. Lettura di passi tratti da Così parlò Zarathustra (Dio è morto) e da Una difficoltà della psicoanalisi (L io non è padrone in casa propria). - Il naturalismo francese : lettura di un passaggio tratto da Prefazione a Il romanzo sperimentale di Zola; lettura della novella La collana di Guy de Maupassant; lettura del brano Il matrimonio fra noia e illusioni, tratto da Madame Bovary di Gustave Flaubert. - Il Verismo italiano: lettura del brano Giacinta e un medico filosofo, tratto da Giacinta di Luigi Capuana; lettura del brano Un parto mostruoso e un elezione in Parlamento, tratto da I Viceré di Federico de Roberto. - Giovanni Verga o Biografia o Poetica e tecnica narrativa (il narratore impersonale e la regressione culturale). Il Ciclo dei vinti. o Da Vita dei campi: lettura delle novelle Nedda, La lupa e Cavalleria rusticana o Da Novelle rusticane : lettura delle novelle La roba e Libertà

15 o I Malavoglia: struttura, trama, elementi notevoli. Lettura di Prefazione e Capitolo I o Da Mastro Don Gesualdo: struttura, trama, elementi notevoli. Lettura di un passo tratto dal III capitolo della II parte. - Simbolismo francese: lettura di Corrispondenze, Spleen e L albatro da I fiori del male di Charles Baudelaire e Vocali di Arthur Rimbaud - L Estetismo: lettura di un passo del II capitolo di Controcorrente di Huysmans e di un brano tratto da Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde ( cap. 2). - Gabriele D Annunzio o Biografia o Poetica o Da Il piacere: lettura di un passo dal Libro I, capitolo II o Da Le vergini delle rocce: lettura di passi dal Libro I o Da Alcyone: La pioggia nel pineto. - Giovanni Pascoli o Biografia o Poetica del fanciullino e stile o Da Il fanciullino: lettura dei brani Il fanciullo che è in noi (capitoli 1 e 3) e Il poeta è poeta, non oratore o predicatore o Da Mirycae: Novembre; Lavandare; X agosto; L assiuolo o Da Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno; La mia sera o Da Poemetti: L aquilone; Digitale purpurea - Il Futurismo: cenni di poetica del movimento. Lettura di Bombardamento di Filippo Tommaso Marinetti e E lasciatemi divertire di Aldo Palazzeschi. - Italo Svevo o Biografia o Svevo, la psicanalisi e i romanzi dell inettitudine o Da Profilo autobiografico: lettura di un brano. o Da L assassinio di Via Belpoggio: lettura di un brano. o Da Una vita: lettura del brano Gabbiani e pesci ( capitolo VIII) o Da Senilità: lettura dei brani Un pranzo, una passeggiata e l illusione di Ange (cap. V) e La metamorfosi strana di Angiolina (cap. XIV) o Da La coscienza di Zeno: Lettura di Prefazione, Preambolo, Capitolo I (Il fumo) e Capitolo VIII ( La psico-analisi) - Luigi Pirandello o Biografia e poetica: contrasto tra forma e vita, sentimento del contrario. o Da Novelle per un anno: Pallottoline; La tragedia di un personaggio; Il treno ha fischiato o Da Il fu Mattia Pascal: lettura dei brani Adriano Meis (cap. VIII) e Io sono il fu Mattia Pascal ( cap. XVIII) o Da Uno,nessuno e centomila: lettura dei brani Il naso di Moscarda e La vita non conclude (Libri I, II, VIII) o Da Sei personaggi in cerca d autore: lettura dei brani L ingresso dei sei personaggi e Nel retrobottega di Madama Pace.

16 - La nuova tradizione poetica del Novecento: caratteristiche. * - Giuseppe Ungaretti * o Biografia e poetica o Da L allegria - Il porto sepolto: lettura di Il porto sepolto, In memoria, I fiumi, San Martino del Carso, Veglia, Fratelli, Sono una creatura, Soldati o Da L allegria - Naufragi: lettura di Allegria di naufragi, Natale, Mattina - Eugenio Montale * o Biografia e poetica o Da Ossi di seppia: lettura di Non chiederci la parola, Meriggiare pallido e assorto, Spesso il male di vivere ho incontrato o Da Le occasioni: lettura di Non recidere, forbice, quel volto o Da Satura: lettura di Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale. - Dante: Commedia o Paradiso I, VI, XI, XV, XVII, XXXIII ( Preghiera alla Vergine). LIBRI DA LEGGERE A CASA: o Giovanni Verga, I Malavoglia o Mastro Don Gesualdo o Italo Svevo, Una vita o Senilità N.B. : gli argomenti contrassegnati da asterisco verranno svolti nell ultima parte dell anno (mese di maggio). OBIETTIVI DIDATTICI - Conoscere le linee fondamentali di storia della letteratura dal romanticismo alla prima metà del novecento - Conoscere un campionario di opere significative relative alle correnti letterarie studiate - Essere in grado di analizzare le poesie e i brano antologici o i testi integrali ove letti - Essere in grado di stabilire le relazioni tra il contesto sociale e quello culturale delle epoche studiate

17 Programma di STORIA Anno scolastico Prof. Sgrò Daniela LIBRI DI TESTO - Pasquale Armocida - Aldo Gianluigi Salassa Storia Link Vol. II e III, Ed. Scolastiche Bruno Mondadori CONTENUTI - L Inghilterra vittoriana e la Francia della Terza Repubblica - L unificazione tedesca - I problemi dell Italia post-unitaria: Destra e Sinistra storica - La Seconda rivoluzione industriale e la Società di massa - La crisi di fine secolo e l Italia giolittiana - La situazione europea prima del La prima guerra mondiale - La rivoluzione bolscevica: la Russia di Lenin. - Il dopoguerra in Italia e in Europa: conseguenze in Italia e Europa. - La crisi dello stato liberale e l avvento del fascismo in Italia - Struttura e caratteri fondamentali del regime fascista - Lo scenario internazionale durante gli Anni Venti - La crisi del 1929 e il New Deal - La nascita dell URSS e l ascesa al potere di Stalin - Il Nazionalsocialismo: la Germania di Hitler - Relazioni internazionali fra le due guerre - Anni Trenta: guerra civile spagnola, imperialismo nipponico ed espansionismo tedesco. - La seconda guerra mondiale - I movimenti di resistenza e la Shoah

18 - Il secondo dopoguerra e l inizio della Guerra Fredda.* N.B. Durante l anno scolastico gli studenti hanno visto tre film di argomento storico ( Gli intoccabili, La caduta e Roma città aperta ) e numerosi filmati e documentari storici (Istituto Luce ). N. B. Gli argomenti contrassegnati da asterisco verranno svolti nell ultima parte dell anno (mese di maggio). OBIETTIVI DIDATTICI - Conoscere lo sviluppo fondamentale della storia politica, sociale, economica europea dal secondo ottocento fino al secondo dopoguerra - Conoscere alcuni momenti della storia mondiale, in particolare ove essa si interseca strettamente a quella europea - Essere in grado di costruire percorsi sia storici sia storiografici in relazione al programma studiato - Essere in grado di stabilire le relazioni di causa-effetto, nella loro complessità politica, sociale ed economica, degli eventi principali - Essere in grado di valutare le conseguenze di importanti eventi storici, secondo il punto di vista politico, sociale ed economico

19 Programma di LINGUA E CIVILTA INGLESE Anno scolastico Prof. Negretti Donata LIBRI DI TESTO Maria Grazia Dandini, New Surfing the World, Zanichelli Editore (Civiltà) Maria Grazia Bellino, New I-Tech, Edisco Editore (Informatica) CONTENUTI INFORNATICA Text and image processing software - Word processors - Working on a text: formatting a text, editing a text - Graphics software - Cad - Spreadsheets - Databases - Relational and non relational databases The internet - Surfing the net - Internet protocols - The internet connection and services - Surfing Safely - Online communities - Social networks Networking - Networks components - Network typologies - Network topology: bus, star, ring, token ring Operating systems - Functions and components - Linux O.S - Mac OS X operating system - Windows O.S. Film - The social network di David Fincher - Jobs di Joshua Michael Stern Gli studenti hanno lavorato in gruppo sull'approfondimento di alcuni argomenti informatici. producendo alla fine una presentazione con supporti audiovisivi. Windows O.S. di Arcifa, Brandalese, Celora e Daniotti; Mac OS X di Arcadio, Colombo e Locci;

20 Linux O.S. di Calcaterra, Flaviani, Garavaglia S. e Hincapie; Android O.S. di Belmonte, Garavaglia T., Oldani e Parini; System Security di d'angella, Negri e Pupo. CIVILTÀ Canada Geography - The physical regions of Canada - The making of Canada The people The Inuit Government Toronto Canada sporting culture Possibilities of work and immigration Australia Geography - The land - Sidney Government The making of Australia The people - The aboriginal people Possibilities of work and immigration Australian Animal New Zealand Geography - The land The people - Maori - Style of life The 60s Hippie culture The protestant movement The Vietnam War The music of the sixties Technology in the Sixties Assassinations Racial segregation in USA (Civil Rights) Martin Luther King: I Have a Dream Film The Butler di Lee Daniels. American History X di Tony Kaye

21 LABORATORIO Visione di filmati, ascolto di dialoghi in lingua madre con diversi registri per incrementare la comprensione orale, implementare l arricchimento del vocabolario personale e la conoscenza di espressioni comunicative tipiche della lingua viva, confronto con le diverse realtà culturali. OBIETTIVI DIDATTICI Sviluppare capacità di lettura di tipo globale e specifico per una comprensione appropriata di testi specifici d indirizzo e di argomenti generali. Analizzare il lessico tecnico ai fini di una acquisizione appropriata della microlingua e un arricchimento del vocabolario attraverso la ricerca dei sinonimi. Analizzare i contenuti dei testi, elaborando riassunti per punti o discorsivi. Rielaborare il testo in modo personale attraverso utilizzo di una terminologia e strutture sintattiche alternative. Esprimere considerazioni personali. Esprimersi in modo autonomo su argomenti diversi utilizzando termini specifici. Comprendere con l ascolto messaggi orali e visivi, approfondire la natura e lo scopo della comunicazione. Effettuare collegamenti, confronti in campo sociale e culturale tra il proprio paese e gli altri

22 Programma di MATEMATICA Anno scolastico Prof.ssa Silvia Marmonti LIBRI DI TESTO: Matematica.verde voll.4 e 5 Autori: M. Bergamini,A. Trifone, G. Barozzi -Zanichelli CONTENUTI RIPASSO Derivate. Integrali indefiniti immediati. INTEGRALI INDEFINITI Integrazione delle funzioni razionali fratte y = N ( x ), quoziente fra due polinomi in x, D( x) con N( x) di grado m e D( x) di grado n : 1 caso m n; 2 caso m = 0 e n = 2 con 0, = 0 e 0; 3 caso m = 1 e n = 2 con 0, = 0 e 0. Integrazione per sostituzione. Integrazione per parti(*). INTEGRALI DEFINITI Integrale definito di una funzione continua in un intervallo chiuso e limitato. Proprietà dell integrale definito. Teorema della media. La funzione integrale. Teorema fondamentale del calcolo integrale(*). Relazione tra funzione integrale e integrale indefinito. Formula fondamentale del calcolo integrale. Area della parte di piano delimitata dal grafico di due funzioni. Volume di un solido generato dalla rotazione di un arco di funzione intorno all asse delle ascisse. Integrali impropri. EQUAZIONI DIFFERENZIALI DEL PRIMO ORDINE Equazioni differenziali del primo ordine. Generalità. Problema di Cauchy. Equazioni differenziali del tipo y' = F(x). Equazioni differenziali a variabili separabili. Equazioni differenziali lineari del primo ordine non omogenee(*).equazioni differenziali omogenee. Equazioni differenziali di Bernoulli. EQUAZIONI DIFFERENZIALI DEL SECONDO ORDINE Cenni sulle equazioni differenziali del secondo ordine. Generalità. Risoluzione di particolari equazioni differenziali del secondo ordine : y = F(x). Soluzione delle equazioni differenziali omogenee a coefficienti costanti e di alcuni tipi di equazioni non omogenee. METODI NUMERICI Integrazione numerica: metodo dei rettangoli, dei trapezi, di Cavalieri- Simpson. Valutazione dell errore mediante il metodo del dimezzamento del passo.

23 CALCOLO COMBINATORIO I raggruppamenti. Disposizioni semplici e con ripetizione. Permutazioni semplici e con ripetizione. La funzione n!. Combinazioni semplici e con ripetizione. Coefficienti binomiali. Sviluppo del binomio di Newton. E stata fornita la dimostrazione degli argomenti contrassegnati con (*). OBIETTIVI DIDATTICI Conoscere gli aspetti teorici di tutti gli argomenti trattati. Acquisire il concetto di primitiva di una funzione e saperla determinare con le regole immediate e con i vari metodi di integrazione Saper calcolare l area di una parte del piano cartesiano delimitata da funzioni continue; saper calcolare il volume di un solido di rotazione Calcolare, quando possibile, aree di regioni di piano non limitate Conoscere le questioni generali sulle equazioni differenziali. Saper riconoscere e risolvere i vari tipi di equazioni differenziali del primo ordine. Saper calcolare integrali particolari date le condizioni iniziali. Saper riconoscere e risolvere alcuni tipi di equazioni differenziali del secondo ordine Conoscere i metodi numerici di integrazione e saperli applicare, valutando l errore commesso. Calcolare il numero di disposizioni, permutazioni, combinazioni in un insieme. Saper calcolare lo sviluppo di un binomio elevato a n.

24 Programma di GESTIONE DEL PROGETTO E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA Anno scolastico Prof. Annalisa Gragnani Prof. Pierpaolo Scarnati LIBRI DI TESTO Iacobelli, Cottone, Gaido, Tarabba Gestione progetto organizzazione d impresa Juvenilia Scuola Editore CONTENUTI Il progetto e le sue fasi - Definizione di progetto - Le fasi di un progetto - Obiettivi di progetto - Le strutture organizzative idonee a gestire un progetto - Il ruolo del project manager - I soggetti coinvolti nella comunicazione di progetto Tecniche di pianificazione e controllo temporale - Pianificare le attività di un progetto - Work Breakdown Structure (WBS), Deliverable, Milestone - Strumenti che consentono di tener sotto controllo i tempi di un progetto o Gantt o Tecniche reticolari (Pert, Cpm) La programmazione ed il controllo dei costi - La stima dei costi - Costi pianificati (BCWS) - Costi consuntivi (ACWP) - Costi preventivi dei lavori svolti (BCWP) - Calcolo delle di variazione sui costi e sui tempi. La fase di preprogetto - Lo studio di fattibilità (pre-analisi) o Analisi dei requisiti o Preanalisi valutazione dei costi - Pianificazione del progetto (analisi) o Determinazione delle WBS o Pianificazione dei costi e dei tempi Diagramma delle dipendenze (Pert) Diagramma del piano di progetto Gantt o Criticità I costi del Software - Le metriche del software - Stime della quantità di software o Line of Code (LOC) o Function Point (FP)

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014 / 2015 Materia: INFORMATICA Classe: quinta A Data di presentazione: 7/10/2014 DOCENTI FIRMA Cerri Marta Bergamasco Alessandra Posta elettronica: itisleon@tin.it - Url: www.itdavinci.it

Dettagli

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher PERCORSO DISCIPLINARE ITALIANO DOCENTE: prof.ssa Maria Siliquini DISCIPLINA: ITALIANO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 I BIENNIO (CLASSI 1^ E 2^) Competenze disciplinari Specifiche 1) Conoscere e utilizzare il proprio corpo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB.

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 DISCIPLINA: Religione CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ELENCO MODULI 1 Vivere secondo la Bibbia 2 Gesù,

Dettagli

INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO. Descrizione contenuti specifici. riferim ento 1C. Descrizione competenza da acquisire

INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO. Descrizione contenuti specifici. riferim ento 1C. Descrizione competenza da acquisire INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO Descrizione competenza da acquisire AREA DEI LINGUAGGI Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa

Dettagli

LICEO STATALE G. GUACCI

LICEO STATALE G. GUACCI LICEO STATALE G. GUACCI BENEVENTO Programmazione Didattica Modulare di Lingua e Letteratura Italiana Classe III sezione B Ind. Scienze Applicate Anno scolastico 2015 2016 Presentazione della classe: La

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201/1 Classe 1 E COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO STORIA INGLESE MATEMATICA 2 LINGUA STRANIERA SCIENZE DELLA TERRA GEOGRAFIA FISICA

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LINEE GENERALI E FINALITÀ L insegnamento di Scienze Motorie e Sportive, come espresso anche dalle indicazioni nazionali della disciplina, concorre alla formazione dello studente

Dettagli

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ALLEGATO n.4 DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE La certificazione delle competenze chiave, delineate dal documento tecnico (http://www.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/dm139_07.shtml)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "G. GALILEI" AREZZO Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 Classi del Biennio FINALITÀ EDUCATIVE Concorrere alla formazione e allo sviluppo dell area corporea e motoria della

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX.

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX. ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 5 SEZ.F INDIRIZZO scientifico PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Marina Lugetti Italiano Langella, Frare, Gresti, Motta, Letteratura. it, ed. Bruno

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Istituto di Istruzione Secondaria Superiore ETTORE MAJORANA 24068 SERIATE (BG) Via Partigiani 1 -Tel. 035-297612 - Fax 035-301672 e-mail: majorana@ettoremajorana.gov.it - sito internet: www.ettoremajorana.gov.it

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5 C Indirizzo:

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. Situazione iniziale Anno Scolastico

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

COMPETENZE IN ESITO (5 ANNO) ABILITA' CONOSCENZE

COMPETENZE IN ESITO (5 ANNO) ABILITA' CONOSCENZE MAPPA DELLE COMPETENZE a.s. 2014-2015 CODICE ASSE: tecnico-professionale QUINTO ANNO PT1 scegliere dispositivi e strumenti in base alle loro caratteristiche funzionali; Progettare e realizzare applicazioni

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI"

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI" Indirizzi: Scienze applicate- Scienze umane- Economico-sociale - Linguistico- Classico-Musicale Via Roma, 66-81059 VAIRANO PATENORA-SCALO (CE) Tel.-fax- 0823/988081

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO DI INFORMATICA

PERCORSO FORMATIVO DI INFORMATICA Anno Scolastico 2015/16 PERCORSO FORMATIVO DI INFORMATICA CLASSE VB INFORMATICA Docenti: D Antico Maria Samantha Civardi Mauro Ore settimanali: 6 Ore annuali (previste in data 07/05/2016) : 196 FINALITA'

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE MATEMATICO INFORMATICA Cattani Barbara monoennio CLASSE: quinta CORSO D SEZIONE LICEO SCIENZE APPLICATE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore

Istituto d Istruzione Superiore Istituto d Istruzione Superiore Alfonso M. de Liguori Sant Agata de Goti Distretto scolastico n 8 82019 SANT AGATA DEI GOTI (BN) Tel. 0823/953117 0823/953140(fax) Via S. Antonio Abate n. 32 ANNO SCOLASTICO

Dettagli

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 MATERIA ITALIANO N ore settimanali n.4 INSEGNANTE Sergio Spadoni CLASSE IV C LIVELLO DI PARTENZA Il comportamento degli allievi non è sempre corretto e disciplinato

Dettagli

Corso di Laboratorio di Basi di Dati

Corso di Laboratorio di Basi di Dati Corso di Laboratorio di Basi di Dati F1I072 - INF/01 a.a 2009/2010 Pierluigi Pierini Technolabs S.p.a. Pierluigi.Pierini@technolabs.it Università degli Studi di L Aquila Dipartimento di Informatica Technolabs

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO FINALITA GENERALI L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2014 2015 Dipartimento (1) : DIRITTO ED ECONOMIA Coordinatore (1) : Prof.ssa ALESSANDRA CALDARA Classe: 2 Indirizzo: SERVIZI SOCIO- SANITARI Ore di insegnamento

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Individuazione delle parole del tempo (prima, dopo, poi, infine, mentre ). Individuazione

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo : LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

Programmazione di dipartimento: INFORMATICA classe 5 A.S. 2014-2015

Programmazione di dipartimento: INFORMATICA classe 5 A.S. 2014-2015 Programmazione di dipartimento: INFORMATICA classe 5 A.S. 2014-2015 Obiettivi generali e specifici della disciplina Liceo scientifico e indirizzo Scienze applicate All interno del percorso quinquennale

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE - LINEE GENERALI Al termine del percorso liceale lo studente deve aver acquisito la consapevolezza della propria corporeità intesa come conoscenza, padronanza e rispetto del

Dettagli

3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE

3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE 3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE Il Liceo Scientifico delle Scienze Applicate è un articolazione del Liceo Scientifico. Oltre agli obiettivi propri del Liceo Scientifico tradizionale, il Liceo

Dettagli

I NUOVI SCENARI DELLE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Questa Disciplina fonda la sa azione sui saperi motori, i quali rappresentano beni irrinunciabili nel processo formativo dell alunno, in quanto finalizzati

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO https://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/.. 1 di 5 26/01/2015 14.06 PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

SEZIONE A. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della Scuola Secondaria di Primo Grado

SEZIONE A. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della Scuola Secondaria di Primo Grado SEZIONE A Competenze Europee Competenza Chiave in Educazione Fisica Competenza Sociale e Civica Imparare ad Imparare Spirito d'iniziativa e imprenditorialità Competenza digitale Fonti di Legittimazione

Dettagli

Istituto Tecnico G.Galilei Livorno

Istituto Tecnico G.Galilei Livorno IL FUTURO: i quadri orari e le 4 specializzazioni della riforma PRIMO BIENNIO Il primo biennio del nostro istituto è dedicato all acquisizione di saperi e competenze di base ed ha valore orientativo e

Dettagli

ISIS C.Facchinetti Sede: via Azimonti,5-21053 Castellanza Modulo Gestione Qualità. DISCIPLINA Informatica A.S. 2014-2015 X di dipartimento

ISIS C.Facchinetti Sede: via Azimonti,5-21053 Castellanza Modulo Gestione Qualità. DISCIPLINA Informatica A.S. 2014-2015 X di dipartimento DISCIPLINA Informatica A.S. 2014-2015 X di dipartimento individuale dei docenti LACQUANITI e DE BERNARDI 1) PREREQUISITI per le classi 5^ Inf /Serale Conoscenza di almeno un linguaggio di programmazione

Dettagli

Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero. Piano di lavoro di FILOSOFIA

Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero. Piano di lavoro di FILOSOFIA Liceo delle Scienze Umane Alessandro da Imola /Imola Anno scolastico 2013/14 Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero Piano di

Dettagli

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA 5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE L autovalutazione delle attività progettuali previste nel POF viene attuata tramite la somministrazione di questionari rivolti agli alunni, ai genitori e agli insegnanti

Dettagli

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LETTERE AL GINNASIO Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver raggiunto una conoscenza adeguata

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal Consiglio di classe con la sola presenza

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecnologie e Progettazione di Sistemi Informatici e di Telecomunicazioni Classe: 5B Informatica A.S. 2014/15 Docente: Barbara Zannol ITP: Alessandro Solazzo ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio SEZIONE TECNICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro Di Matematica Secondo Biennio DOCENTE CENA LUCIA MARIA CLASSI 4 BM Libri di testo: Bergamini-Trifone-Barozzi Mod.U verde Funzioni e limiti Mod.V verde Calcolo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING 1 di 6 04/12/2013 13.10 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014 1. SECONDO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 DISCIPLINA Tecnologie

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI CLASSE I LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE A.S.2015/2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli via San Giorgio 10090 Sangano - TO - tel. 011 90 87 184. e-mail: darwin@liceodarwin.rivoli.to.it

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE 1 BIENNIO OBIETTIVI DELLA DISCIPLINA Acquisire la consapevolezza della propria corporeità, intesa come conoscenza, padronanza,

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE COMPETENZE CHIAVE EUROPEE e COMPETENZE SPECIFICHE 1 PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE PROFILO Il Diplomato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

INFORMATICA. Obiettivi Biennio Economico in termini di competenze:

INFORMATICA. Obiettivi Biennio Economico in termini di competenze: INFORMATICA Obiettivi Biennio Economico in termini di competenze: 1. individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi. 2. utilizzare e produrre testi multimediali. 3. analizzare dati ed

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. SCUOLA: CIVICO LICEO LINGUISTICO A.MANZONI DOCENTE: FABIO NUNZIATA MATERIA: ITALIANO Classe 5 Sezione H OBIETTIVI Cognitivi 1. conoscere adeguatamente le regole del

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: 5ASA e 5BSA DISCIPLINA: INFORMATICA. INFORMATICA 2 ore settimanali

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: 5ASA e 5BSA DISCIPLINA: INFORMATICA. INFORMATICA 2 ore settimanali ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSE: 5ASA e 5BSA - pag. 1 CLASSE Monte ore annuo Libro di Testo PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: 5ASA

Dettagli

CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO

CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO www.scientificoatripalda.gov.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO DIDATTICA DI MATEMATICA CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PARTE PRIMA PREMESSA La riforma del secondo ciclo d istruzione

Dettagli

IPOTESI DI CURRICOLO

IPOTESI DI CURRICOLO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Enrico Fermi via Capitano Di Castri - 72021 Francavilla Fontana (BR) Tel. e fax 0831/ 852132 (centr.) 0831/852133 (pres.) Specializzazioni: ELETTRONICA E TELECOM. -

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag. 1 di 8 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina Tecnologie informatiche a.s. 2015/2016 Classe: 1 a Sez. Q,R,S Docente : Prof. Emanuele Ghironi / Prof.Davide Colella Pag. 2 di 8 PERCORSI MULTIDISCIPLINARI/INTERDISCIPLINARI

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia)

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia) Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia) Anno scolastico 2010-2011 CLASSE III SEZ. RELAZIONE FINALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE E CRITERI DEL COLLOQUIO D'ESAME Il Consiglio di Classe della 3 sez.,

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: I.R.C. Classe: IV B I A.S. 2014/15 Docente: Diana Annalisa

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: I.R.C. Classe: IV B I A.S. 2014/15 Docente: Diana Annalisa Disciplina: I.R.C. Classe: IV B I A.S. 2014/15 Docente: Diana Annalisa ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Classe positiva, gli alunni partecipano vivacemente alle lezioni dimostrando spiccato senso

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MODULI RELATIVI ALLE COMPETENZE STCW

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MODULI RELATIVI ALLE COMPETENZE STCW PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MODULI RELATIVI ALLE COMPETENZE STCW ISTITUTO : ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE BUCCARI-MARCONI INDIRIZZO: ISTITUTO TECNICO A INDIRIZZO TRASPORTI MARITTIMI E LOGISTICA

Dettagli

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BUCCARI MARCONI Indirizzi: Trasporti Marittimi / Apparati ed Impianti

Dettagli

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi Orientamento La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi A cura del Prof. Graziano Galassi (Componente della Commissione Orientamento) IDENTITA DEGLI ISTITUTI TECNICI Solida base culturale

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ALLEGATO A - INFORMATICA RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE MATERIA: INFORMATICA Classe 5 sez. Bsia a.s. 2014/15 DOCENTE: prof. Domenico Francullo In relazione alla programmazione curricolare sono stati conseguiti

Dettagli

MATERIA ITALIANO PROGRAMMAZIONE INIZIALE

MATERIA ITALIANO PROGRAMMAZIONE INIZIALE MATERIA ITALIANO PROGRAMMAZIONE INIZIALE ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 INSEGNANTE: Claudia Palone CLASSE: 1A SETTORE: socio-sanitario INDIRIZZO: odontotecnico FINALITA DELLA DISCIPLINA (finalità formative

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli