DOCUMENTO FINALE. del Consiglio di Classe della 5 A Informatica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO FINALE. del Consiglio di Classe della 5 A Informatica"

Transcript

1 DOCUMENTO FINALE del Consiglio di Classe della 5 A Informatica Anno scolastico 2014/2015

2 INDICE Elenco candidati Quadro orario Composizione dinamica Classe e Docenti Finalità ed obiettivi generali Finalità ed obiettivi trasversali del C.d.C. Criteri di Valutazione Quadro Sinottico Attività Curricolari ed Extracurricolari Programmi ed Obiettivi Simulazioni della Terza Prova dell Esame di Stato. Allegato A Integrazione al quadro descrittivo del profilo della classe

3 ELENCO CANDIDATI N COGNOME NOME 1 Arcadio Alessandro 2 Arcifa Stefano 3 Belmonte Roberto 4 Brandalese Luca 5 Calcaterra Simone 6 Celora Christian 7 Colombo Alessandro 8 D Angella Stefano 9 Daniotti Lorenzo 10 Flaviani Andrea 11 Garavaglia Samuele 12 Garavaglia Tommaso 13 Hincapie Aviles Katerine 14 Locci Lorenzo 15 Negri Matteo 16 Oldani Marco 17 Parini Lorenzo 18 Pupo Luigi

4 QUADRO ORARIO Discipline del piano di studi 3 anno 4 anno 5 anno Italiano Storia Lingua Straniera (Inglese) Matematica Compl. Matematica 1 1 Telecomunicazioni 3 (1) 3 (2) Informatica 6 (4) 6 (4) 6 (3) Sistemi e Reti 4 (2) 4 (2) 4 (3) Tecn. Prog. Sist. Info. 3 (2) 3 (2) 4 (3) Gestione Prog. Org. Impresa 3 (1) Scienze Motorie e sportive Religione Cattolica Totale ore settimanali Nota: Tra parentesi sono indicate le ore di laboratorio

5 COMPOSIZIONE DINAMICA DEL GRUPPO DOCENTE Materia Classe 3 a Classe 4 a Classe 5 a Italiano Sgrò Daniela Sgrò Daniela Sgrò Daniela Storia Sgrò Daniela Sgrò Daniela Sgrò Daniela Inglese Negretti Donata Mariassunta Negretti Donata Mariassunta Negretti Donata Mariassunta Matematica Marmonti Silvia Marmonti Silvia Marmonti Silvia Compl. matematica Marmonti Silvia Marmonti Silvia Telecomunicazioni Di Zio Elsa Di Zio Elsa Informatica Frontini Elisa Angela Frontini Elisa Angela Frontini Elisa Angela Sistemi e Reti Gragnani Annalisa Gragnani Annalisa Gragnani Annalisa Gest. Prog. Org. Impr. Gragnani Annalisa Tecn. Prog. Sist. Spinarelli Mauro Spinarelli Mauro Spinarelli Mauro Scienze motorie e sp Alò Bartolo Marcello Spinelli Sabrina Capello Fulvio Religione Cattolica Celeste Alfredo Olmo Anna Lodovica Olmo Anna Lodovica Lab. Telecomunicazioni Pistone Francesco Procopio Sostene Lab. Sistemi e Reti Scarnati Pierpaolo Scarnati Pierpaolo Scarnati Pierpaolo Lab. Informatica Scarnati Pierpaolo Scarnati Pierpaolo Scarnati Pierpaolo Lab. Tecn. Prog. Sist. Pistone Francesco Minissale Michele Schillaci Giusi Lab. Gest. Prog. Org. I. Scarnati Pierpaolo COMPOSIZIONE DINAMICA DELLA CLASSE Classe 3 a Classe 4 a Classe 5 a Da classe Da classe precedente precedente (rip. 0) Ripetenti 0 22 Ripetente 1 18 Per quanto riguarda gli alunni che rientrano nella tipologia prevista dalla legge 170 dell'ottobre 2010 si veda l'allegato A al presente documento

6 FINALITÀ E OBIETTIVI GENERALI DELL INDIRIZZO INFORMATICA Il profilo del settore tecnologico si caratterizza per la cultura tecnico-scientifica e tecnologica in ambiti dove interviene permanentemente l innovazione dei processi, dei prodotti e dei servizi, dette metodologie di progettazione e di organizzazione. L indirizzo in Informatica si propone di fornire ad ogni singolo alunno gli strumenti adeguati per realizzarsi sul piano formativo e culturale personale, oltre che come figura professionale dotata di versatilità, propensione al continuo aggiornamento e capacità di orientamento di fronte a problemi nuovi. Per conseguire tali finalità, il Consiglio di Classe ha lavorato su una serie di obiettivi generali distinguendoli tra l area scientificotecnologico-pratica e quella linguistico-storico-letteraria, tenendo comunque ben presente il senso della interdipendenza e della unitarietà del sapere. Obiettivi individuati nella area scientifico-tecnologico: acquisire le capacità di analizzare, dimensionare e gestire piccoli sistemi per l elaborazione, la produzione, la trasmissione e l acquisizione dell informazione in forma di segnali elettrici acquisire conoscenze e capacità specifiche tali da partecipare consapevolmente alla realizzazione e alla gestione di sistemi di elaborazione e trasmissione delle informazioni saper collaborare all analisi di sistemi di vario genere, alla progettazione dei programmi applicativi, scegliere gli strumenti informatici più idonei alla produzione di software. saper collaborare allo sviluppo del software, alla progettazione di sistemi industriali e di telecomunicazione saper sviluppare pacchetti di software nell ambito di applicazione di vario genere, come sistemi di acquisizione dati, banche-dati, calcolo tecnico scientifico, sistemi gestionali essere in grado di sviluppare semplici applicazioni informatiche per reti locali o servizi a distanza. saper progettare piccoli sistemi di elaborazione dati, anche in rete locale, inclusa la scelta e il dimensionamento di interfacce verso apparati esterni saper progettare secondo le procedure e gli standard previsti dai sistemi aziendali di gestione della qualità e della sicurezza. saper pianificare processi produttivi correlati a funzioni aziendali. saper pianificare lo sviluppo delle risorse informatiche in piccole realtà produttive e dimensionare piccoli sistemi di elaborazione dati saper assistere gli utenti dei sistemi di elaborazione dati fornendo loro consulenza e formazione di base sul software e sull hardware Configurare, installare e gestire sistemi di elaborazione dati e reti. Saper scegliere dispositivi e strumenti in base alle loro caratteristiche funzionali. Obiettivi individuati nella area linguistico-storico-letteraria: saper acquisire la consapevolezza della specificità e complessità del fenomeno letterario come espressione della civiltà e come forma di conoscenza del reale; sapere sviluppare la padronanza dei codici linguistici specifici nella ricezione e nella produzione orale e scritta;

7 sapere consolidare l attitudine a problematizzare, a formulare domande, a riferirsi a tempi e spazi diversi, a cogliere lo stretto legame che unisce il presente al passato; sapere individuare le interazione tra i soggetti singoli e collettivi, le determinazioni istituzionali, gli intrecci politici, economici, sociali, culturali, religiosi, ambientali di un fenomeno; sapere possedere la percezione della pari dignità di sé e degli altri, riconoscendo nella diversità un valore positivo; sapere conoscere gli elementi fondamentali della microlingua settoriale; sapere leggere e comprendere manuali tecnici e testi d uso in lingua straniera.

8 FINALITÀ ED OBIETTIVI TRASVERSALI DEL C. d C. Obiettivi educativi trasversali Ottenere un comportamento che denoti rispetto: - dei compagni, dei docenti e del personale non docente - degli orari di inizio e di termine delle lezioni - dell arredo scolastico Collaborare costruttivamente con i docenti ed i compagni Approfondire autonomamente i contenuti proposti Prestare attenzione in classe, adeguando comportamento e linguaggio alla situazione scolastica. Intervenire durante le lezioni in modo pertinente e con linguaggio adeguato. Essere puntuali nella consegna dei lavori assegnati e nella preparazione individuale in modo uniforme in tutte le discipline. Curare la stesura degli elaborati in classe e a casa, avere il materiale didattico aggiornato e organizzato per ogni materia. Utilizzare correttamente il materiale didattico a casa e a scuola. Obiettivi didattici trasversali Sviluppare un atteggiamento problematico nei confronti della realtà e capacità di analisi della stessa Sapersi esprimere, sia per la produzione scritta che per quella orale, con un linguaggio caratterizzato da correttezza formale, pertinenza alla traccia, coerenza nelle affermazioni, rigorosità e logica (saper argomentare ragionamenti e deduzioni proposti). Acquisire un metodo di studio che presenti: - la capacità di effettuare collegamenti interdisciplinari - la capacità di fornire un adeguata documentazione relativa alle tematiche via via affrontate - la capacità di consultare autonomamente manuali tecnici - la capacità di lavorare in gruppo. - la capacità di utilizzare con padronanza gli strumenti tecnici caratterizzanti l indirizzo di studi - la capacità di integrare le nozioni spiegate in classe con rielaborazioni personali - la conoscenza degli argomenti delle singole discipline e la capacità di saperli collegare

9 CRITERI DI VALUTAZIONE Comprensione delle domande e conoscenza degli argomenti richiesti. Individuazione dei rapporti fra i fenomeni ed uso di un linguaggio specifico. Capacità di analisi, di sintesi e di rielaborazione delle conoscenze acquisite. GRIGLIA DI VALUTAZIONE Voto Livello raggiunto 1 Lo studente rifiuta di sottoporsi a verifica scritta od orale, fa scena muta oppure consegna il foglio in bianco. Non emergono conoscenze, né capacità, né competenze. 2 Lo studente è assolutamente impreparato e non conosce nessun argomento svolto. 3 Lo studente dimostra di conoscere e comprendere gli argomenti svolti in modo frammentario e assai lacunoso. Espone i concetti disordinatamente e con un linguaggio scorretto. 4 Lo studente dimostra di conoscere e comprendere gli argomenti svolti in modo superficiale e incompleto. Espone stentatamente, con improprietà e gravi errori linguistici. Usa scarsamente il lessico specifico. Commette gravi errori di impostazione e ha difficoltà marcate nell'applicazione di quanto appreso. 5 Lo studente dimostra di conoscere e comprendere gli argomenti svolti in modo superficiale. Ha una esposizione incerta con frequenti ripetizioni ed errori nelle strutture. Usa un linguaggio inadeguato, non sempre specifico, con errori di applicazione e di impostazione. Non raggiunge gli obiettivi minimi prefissati. 6 Lo studente dimostra di conoscere e comprendere gli argomenti basilari individuati da ciascun docente e specificati nella programmazione. Li espone in maniera sufficientemente chiara e utilizza un linguaggio corretto anche se non sempre specifico. 7 Lo studente dimostra di conoscere e comprendere tutti gli argomenti svolti. L esposizione e l impostazione sono corrette. Usa il linguaggio specifico della disciplina. Ha capacità logiche e sa effettuare dei collegamenti in ambito disciplinare. 8 Lo studente dimostra di conoscere e comprendere in modo puntuale e sicuro tutti gli argomenti svolti. L esposizione è corretta e fluida; l impostazione è precisa e personale; il linguaggio specifico e appropriato. Ha capacità di critica e di sintesi e effettua collegamenti nell ambito della disciplina. 9 Lo studente dimostra di conoscere e comprendere gli argomenti in modo approfondito e di saperli rielaborare. Sa esporre in modo corretto e appropriato, utilizzando un linguaggio specifico, grande ricchezza lessicale e originalità nell applicazione di quanto appreso. E capace di effettuare critiche e valutazioni, collegamenti interdisciplinari, confronti nell ambito della disciplina. 10 Lo studente dimostra di conoscere e comprendere gli argomenti in modo approfondito e di averli integrati con ricerche e apporti personali. L esposizione è esauriente e critica con piena padronanza di tutti i registri linguistici. E capace di effettuare critiche e valutazioni, collegamenti interdisciplinari, confronti nell ambito della disciplina. Per l'attribuzione del voto finale di condotta sono stati applicati i criteri deliberati dal Collegio dei Docenti in data 5 Maggio 2009.

10 RELIGIONE SCIENZE MOTORIE SISTEMI e RETI INFORMATICA GEST. PROG. ORG I. T.P.S. MATEMATICA INGLESE STORIA ITALIANO QUADRO SINOTTICO METODI MEZZI SPAZI STRUMENTI DI VERIFICA CORSI DI RECUPERO IDEI Lezioni frontali X X X X X X X X X X Lezione partecipata e/o discussione guidata X X X X X X X X X Metodo induttivo X X Lavoro di gruppo X X X X X X X X Simulazioni X X X X X X X X Altro: madrelingua Lavagna X X X X X X X X X Libri di testo X X X X X X X X Dispense X X X X X PC X X X X X Audiovisivi X X X X X Internet X X X X X X X X Altro (articoli quotidiani) X X X X X Aula X X X X X X X X X Laboratorio disciplinare X X X X X Sala audiovisivi Palestra ed impianti sportivi esterni Biblioteca Interrogazione X X X X X X X X Griglia di osservazione Prova di laboratorio X X X X X Componimento o problema o progetto X X X X X X Prova strutturata e/o semistrutturata X X X X X X Relazione X X X X X X Esercizi/prove pratiche X X X X X X X Altro ( ) / / / / / / / / / / X Secondo quanto deliberato dal Collegio dei Docenti, nella settimana dal 10 al 15 gennaio 2015 gli studenti hanno effettuato una attività di ripasso degli argomenti svolti nel primo quadrimestre.

11 ATTIVITÀ CURRICOLARI ED EXTRACURRICOLARI Viaggio d istruzione: Monaco di Baviera Lezione in Fablab: arduino e stampa in 3D (Arcadio, Flaviani, Negri, Colombo) previsto per il 25/5/15 Progetto educazione alla salute o Incontro con i volontari della Croce Bianca di Sedriano o Conferenza con il mondo del volontariato AVIS, ADMO e AIDO sul tema della donazione o Incontro con l Arma dei Carabinieri sul tema tossicodipendenze: tra legalità e salute Progetto sostegno a distanza : conferenza con volontario AVSI per la Sierra Leone e videoconferenza con la ragazza sostenuta dal progetto. Interventi nell ambito dell orientamento in uscita o Incontro in Palazzo della Provincia a Milano per presentazioni offerta formativa di varie università (Arcadio, Arcifa, Belmonte, Colombo, Negri, Oldani) o Incontro con un Team dell Esercito Italiano o Incontro con Università LIUC di Castellanza o Incontro con Afolovest nell ambito del progetto Garanzia Giovani (previsto per il 20/05/2015) o Incontro con Jolly Animation per presentare il corso di animatore in villaggi turistici (Negri, Belmonte, D Angella, Garavaglia S., Oldani, Hincapie, Locci, Parini) Conferenza: la giornata della Memoria Visita a Palazzo Reale: mostra Van Gogh Olimpiadi della cultura e del talento (Garavaglia S) Università LIUC di Castellanza: crea la tua impresa (Arcadio, Garavaglia T, Hincapie, Colombo, Negri, Flaviani) Progetto gruppo teatro (Hincapie, Arcifa) Progetto realizzazione del giornale della scuola (Hincapie, Negri) Progetto ASFORIL alternanza scuola-lavoro (Flaviani, Belmonte, Garavaglia T.)

12 Visita EXPO (previsto per il 19/05/15) Progetto: assistenza tecnica HW/SW scuola medie E. Fermi di Vittuone (Arcadio, Negri) Visione dello spettacolo Fuori misura rappresentato dalla compagnia teatrale Quelli di Grock al teatro Tresartes di Vittuone. Visione del film Il giovane favoloso al cinema Apollo di Milano. Presentazione La scuola del futuro al Palazzo della Provincia di Milano Partecipazione al concorso: Le Scuole Lombarde per Expo Conferenza su Realizzazione di un videogioco tenuto dal professore Maggiorini della Università Statale di Milano.

13 PROGRAMMI ed OBIETTIVI Italiano Storia Inglese Matematica Gestione del Progetto e Organizzazione d Impresa Tecnologie Progettazione Sistemi Informatici Informatica Sistemi e Reti Scienze Motorie e Sportive Religione Nota: I programmi riportati in questo documento si riferiscono agli argomenti che si prevede di svolgere entro la fine dell anno scolastico

14 Programma di ITALIANO Anno scolastico Prof. Sgrò Daniela LIBRI DI TESTO - Paolo Di Sacco Le basi della letteratura, vol. 2 e 3A / 3B. - La Divina Commedia, edizione integrale, SEI CONTENUTI - Giacomo Leopardi o Biografia o Poetica e filosofia del pensiero o Da Zibaldone di pensieri: lettura dei brani pp (la vita: il giardino della sofferenza), pp ( Le qualità poetiche dell indefinito) e pp ; ; 4426 ( la rimembranza). o Da Canti:Ultimo canto di Saffo; L infinito; Alla luna; A Silvia; Il sabato del villaggio; La quiete dopo la tempesta; Il pensiero dominante ; La Ginestra o il fiore del deserto. o Da Operette Morali: Dialogo della moda e della morte; Dialogo di un islandese e della Natura; Dialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggiere. - Il positivismo : lettura di un passo tratto da L origine della specie di Charles Darwin ( Evoluzione e futuro dell umanità). - L Irrazionalismo: Nietzsche e Freud. Lettura di passi tratti da Così parlò Zarathustra (Dio è morto) e da Una difficoltà della psicoanalisi (L io non è padrone in casa propria). - Il naturalismo francese : lettura di un passaggio tratto da Prefazione a Il romanzo sperimentale di Zola; lettura della novella La collana di Guy de Maupassant; lettura del brano Il matrimonio fra noia e illusioni, tratto da Madame Bovary di Gustave Flaubert. - Il Verismo italiano: lettura del brano Giacinta e un medico filosofo, tratto da Giacinta di Luigi Capuana; lettura del brano Un parto mostruoso e un elezione in Parlamento, tratto da I Viceré di Federico de Roberto. - Giovanni Verga o Biografia o Poetica e tecnica narrativa (il narratore impersonale e la regressione culturale). Il Ciclo dei vinti. o Da Vita dei campi: lettura delle novelle Nedda, La lupa e Cavalleria rusticana o Da Novelle rusticane : lettura delle novelle La roba e Libertà

15 o I Malavoglia: struttura, trama, elementi notevoli. Lettura di Prefazione e Capitolo I o Da Mastro Don Gesualdo: struttura, trama, elementi notevoli. Lettura di un passo tratto dal III capitolo della II parte. - Simbolismo francese: lettura di Corrispondenze, Spleen e L albatro da I fiori del male di Charles Baudelaire e Vocali di Arthur Rimbaud - L Estetismo: lettura di un passo del II capitolo di Controcorrente di Huysmans e di un brano tratto da Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde ( cap. 2). - Gabriele D Annunzio o Biografia o Poetica o Da Il piacere: lettura di un passo dal Libro I, capitolo II o Da Le vergini delle rocce: lettura di passi dal Libro I o Da Alcyone: La pioggia nel pineto. - Giovanni Pascoli o Biografia o Poetica del fanciullino e stile o Da Il fanciullino: lettura dei brani Il fanciullo che è in noi (capitoli 1 e 3) e Il poeta è poeta, non oratore o predicatore o Da Mirycae: Novembre; Lavandare; X agosto; L assiuolo o Da Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno; La mia sera o Da Poemetti: L aquilone; Digitale purpurea - Il Futurismo: cenni di poetica del movimento. Lettura di Bombardamento di Filippo Tommaso Marinetti e E lasciatemi divertire di Aldo Palazzeschi. - Italo Svevo o Biografia o Svevo, la psicanalisi e i romanzi dell inettitudine o Da Profilo autobiografico: lettura di un brano. o Da L assassinio di Via Belpoggio: lettura di un brano. o Da Una vita: lettura del brano Gabbiani e pesci ( capitolo VIII) o Da Senilità: lettura dei brani Un pranzo, una passeggiata e l illusione di Ange (cap. V) e La metamorfosi strana di Angiolina (cap. XIV) o Da La coscienza di Zeno: Lettura di Prefazione, Preambolo, Capitolo I (Il fumo) e Capitolo VIII ( La psico-analisi) - Luigi Pirandello o Biografia e poetica: contrasto tra forma e vita, sentimento del contrario. o Da Novelle per un anno: Pallottoline; La tragedia di un personaggio; Il treno ha fischiato o Da Il fu Mattia Pascal: lettura dei brani Adriano Meis (cap. VIII) e Io sono il fu Mattia Pascal ( cap. XVIII) o Da Uno,nessuno e centomila: lettura dei brani Il naso di Moscarda e La vita non conclude (Libri I, II, VIII) o Da Sei personaggi in cerca d autore: lettura dei brani L ingresso dei sei personaggi e Nel retrobottega di Madama Pace.

16 - La nuova tradizione poetica del Novecento: caratteristiche. * - Giuseppe Ungaretti * o Biografia e poetica o Da L allegria - Il porto sepolto: lettura di Il porto sepolto, In memoria, I fiumi, San Martino del Carso, Veglia, Fratelli, Sono una creatura, Soldati o Da L allegria - Naufragi: lettura di Allegria di naufragi, Natale, Mattina - Eugenio Montale * o Biografia e poetica o Da Ossi di seppia: lettura di Non chiederci la parola, Meriggiare pallido e assorto, Spesso il male di vivere ho incontrato o Da Le occasioni: lettura di Non recidere, forbice, quel volto o Da Satura: lettura di Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale. - Dante: Commedia o Paradiso I, VI, XI, XV, XVII, XXXIII ( Preghiera alla Vergine). LIBRI DA LEGGERE A CASA: o Giovanni Verga, I Malavoglia o Mastro Don Gesualdo o Italo Svevo, Una vita o Senilità N.B. : gli argomenti contrassegnati da asterisco verranno svolti nell ultima parte dell anno (mese di maggio). OBIETTIVI DIDATTICI - Conoscere le linee fondamentali di storia della letteratura dal romanticismo alla prima metà del novecento - Conoscere un campionario di opere significative relative alle correnti letterarie studiate - Essere in grado di analizzare le poesie e i brano antologici o i testi integrali ove letti - Essere in grado di stabilire le relazioni tra il contesto sociale e quello culturale delle epoche studiate

17 Programma di STORIA Anno scolastico Prof. Sgrò Daniela LIBRI DI TESTO - Pasquale Armocida - Aldo Gianluigi Salassa Storia Link Vol. II e III, Ed. Scolastiche Bruno Mondadori CONTENUTI - L Inghilterra vittoriana e la Francia della Terza Repubblica - L unificazione tedesca - I problemi dell Italia post-unitaria: Destra e Sinistra storica - La Seconda rivoluzione industriale e la Società di massa - La crisi di fine secolo e l Italia giolittiana - La situazione europea prima del La prima guerra mondiale - La rivoluzione bolscevica: la Russia di Lenin. - Il dopoguerra in Italia e in Europa: conseguenze in Italia e Europa. - La crisi dello stato liberale e l avvento del fascismo in Italia - Struttura e caratteri fondamentali del regime fascista - Lo scenario internazionale durante gli Anni Venti - La crisi del 1929 e il New Deal - La nascita dell URSS e l ascesa al potere di Stalin - Il Nazionalsocialismo: la Germania di Hitler - Relazioni internazionali fra le due guerre - Anni Trenta: guerra civile spagnola, imperialismo nipponico ed espansionismo tedesco. - La seconda guerra mondiale - I movimenti di resistenza e la Shoah

18 - Il secondo dopoguerra e l inizio della Guerra Fredda.* N.B. Durante l anno scolastico gli studenti hanno visto tre film di argomento storico ( Gli intoccabili, La caduta e Roma città aperta ) e numerosi filmati e documentari storici (Istituto Luce ). N. B. Gli argomenti contrassegnati da asterisco verranno svolti nell ultima parte dell anno (mese di maggio). OBIETTIVI DIDATTICI - Conoscere lo sviluppo fondamentale della storia politica, sociale, economica europea dal secondo ottocento fino al secondo dopoguerra - Conoscere alcuni momenti della storia mondiale, in particolare ove essa si interseca strettamente a quella europea - Essere in grado di costruire percorsi sia storici sia storiografici in relazione al programma studiato - Essere in grado di stabilire le relazioni di causa-effetto, nella loro complessità politica, sociale ed economica, degli eventi principali - Essere in grado di valutare le conseguenze di importanti eventi storici, secondo il punto di vista politico, sociale ed economico

19 Programma di LINGUA E CIVILTA INGLESE Anno scolastico Prof. Negretti Donata LIBRI DI TESTO Maria Grazia Dandini, New Surfing the World, Zanichelli Editore (Civiltà) Maria Grazia Bellino, New I-Tech, Edisco Editore (Informatica) CONTENUTI INFORNATICA Text and image processing software - Word processors - Working on a text: formatting a text, editing a text - Graphics software - Cad - Spreadsheets - Databases - Relational and non relational databases The internet - Surfing the net - Internet protocols - The internet connection and services - Surfing Safely - Online communities - Social networks Networking - Networks components - Network typologies - Network topology: bus, star, ring, token ring Operating systems - Functions and components - Linux O.S - Mac OS X operating system - Windows O.S. Film - The social network di David Fincher - Jobs di Joshua Michael Stern Gli studenti hanno lavorato in gruppo sull'approfondimento di alcuni argomenti informatici. producendo alla fine una presentazione con supporti audiovisivi. Windows O.S. di Arcifa, Brandalese, Celora e Daniotti; Mac OS X di Arcadio, Colombo e Locci;

20 Linux O.S. di Calcaterra, Flaviani, Garavaglia S. e Hincapie; Android O.S. di Belmonte, Garavaglia T., Oldani e Parini; System Security di d'angella, Negri e Pupo. CIVILTÀ Canada Geography - The physical regions of Canada - The making of Canada The people The Inuit Government Toronto Canada sporting culture Possibilities of work and immigration Australia Geography - The land - Sidney Government The making of Australia The people - The aboriginal people Possibilities of work and immigration Australian Animal New Zealand Geography - The land The people - Maori - Style of life The 60s Hippie culture The protestant movement The Vietnam War The music of the sixties Technology in the Sixties Assassinations Racial segregation in USA (Civil Rights) Martin Luther King: I Have a Dream Film The Butler di Lee Daniels. American History X di Tony Kaye

21 LABORATORIO Visione di filmati, ascolto di dialoghi in lingua madre con diversi registri per incrementare la comprensione orale, implementare l arricchimento del vocabolario personale e la conoscenza di espressioni comunicative tipiche della lingua viva, confronto con le diverse realtà culturali. OBIETTIVI DIDATTICI Sviluppare capacità di lettura di tipo globale e specifico per una comprensione appropriata di testi specifici d indirizzo e di argomenti generali. Analizzare il lessico tecnico ai fini di una acquisizione appropriata della microlingua e un arricchimento del vocabolario attraverso la ricerca dei sinonimi. Analizzare i contenuti dei testi, elaborando riassunti per punti o discorsivi. Rielaborare il testo in modo personale attraverso utilizzo di una terminologia e strutture sintattiche alternative. Esprimere considerazioni personali. Esprimersi in modo autonomo su argomenti diversi utilizzando termini specifici. Comprendere con l ascolto messaggi orali e visivi, approfondire la natura e lo scopo della comunicazione. Effettuare collegamenti, confronti in campo sociale e culturale tra il proprio paese e gli altri

22 Programma di MATEMATICA Anno scolastico Prof.ssa Silvia Marmonti LIBRI DI TESTO: Matematica.verde voll.4 e 5 Autori: M. Bergamini,A. Trifone, G. Barozzi -Zanichelli CONTENUTI RIPASSO Derivate. Integrali indefiniti immediati. INTEGRALI INDEFINITI Integrazione delle funzioni razionali fratte y = N ( x ), quoziente fra due polinomi in x, D( x) con N( x) di grado m e D( x) di grado n : 1 caso m n; 2 caso m = 0 e n = 2 con 0, = 0 e 0; 3 caso m = 1 e n = 2 con 0, = 0 e 0. Integrazione per sostituzione. Integrazione per parti(*). INTEGRALI DEFINITI Integrale definito di una funzione continua in un intervallo chiuso e limitato. Proprietà dell integrale definito. Teorema della media. La funzione integrale. Teorema fondamentale del calcolo integrale(*). Relazione tra funzione integrale e integrale indefinito. Formula fondamentale del calcolo integrale. Area della parte di piano delimitata dal grafico di due funzioni. Volume di un solido generato dalla rotazione di un arco di funzione intorno all asse delle ascisse. Integrali impropri. EQUAZIONI DIFFERENZIALI DEL PRIMO ORDINE Equazioni differenziali del primo ordine. Generalità. Problema di Cauchy. Equazioni differenziali del tipo y' = F(x). Equazioni differenziali a variabili separabili. Equazioni differenziali lineari del primo ordine non omogenee(*).equazioni differenziali omogenee. Equazioni differenziali di Bernoulli. EQUAZIONI DIFFERENZIALI DEL SECONDO ORDINE Cenni sulle equazioni differenziali del secondo ordine. Generalità. Risoluzione di particolari equazioni differenziali del secondo ordine : y = F(x). Soluzione delle equazioni differenziali omogenee a coefficienti costanti e di alcuni tipi di equazioni non omogenee. METODI NUMERICI Integrazione numerica: metodo dei rettangoli, dei trapezi, di Cavalieri- Simpson. Valutazione dell errore mediante il metodo del dimezzamento del passo.

23 CALCOLO COMBINATORIO I raggruppamenti. Disposizioni semplici e con ripetizione. Permutazioni semplici e con ripetizione. La funzione n!. Combinazioni semplici e con ripetizione. Coefficienti binomiali. Sviluppo del binomio di Newton. E stata fornita la dimostrazione degli argomenti contrassegnati con (*). OBIETTIVI DIDATTICI Conoscere gli aspetti teorici di tutti gli argomenti trattati. Acquisire il concetto di primitiva di una funzione e saperla determinare con le regole immediate e con i vari metodi di integrazione Saper calcolare l area di una parte del piano cartesiano delimitata da funzioni continue; saper calcolare il volume di un solido di rotazione Calcolare, quando possibile, aree di regioni di piano non limitate Conoscere le questioni generali sulle equazioni differenziali. Saper riconoscere e risolvere i vari tipi di equazioni differenziali del primo ordine. Saper calcolare integrali particolari date le condizioni iniziali. Saper riconoscere e risolvere alcuni tipi di equazioni differenziali del secondo ordine Conoscere i metodi numerici di integrazione e saperli applicare, valutando l errore commesso. Calcolare il numero di disposizioni, permutazioni, combinazioni in un insieme. Saper calcolare lo sviluppo di un binomio elevato a n.

24 Programma di GESTIONE DEL PROGETTO E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA Anno scolastico Prof. Annalisa Gragnani Prof. Pierpaolo Scarnati LIBRI DI TESTO Iacobelli, Cottone, Gaido, Tarabba Gestione progetto organizzazione d impresa Juvenilia Scuola Editore CONTENUTI Il progetto e le sue fasi - Definizione di progetto - Le fasi di un progetto - Obiettivi di progetto - Le strutture organizzative idonee a gestire un progetto - Il ruolo del project manager - I soggetti coinvolti nella comunicazione di progetto Tecniche di pianificazione e controllo temporale - Pianificare le attività di un progetto - Work Breakdown Structure (WBS), Deliverable, Milestone - Strumenti che consentono di tener sotto controllo i tempi di un progetto o Gantt o Tecniche reticolari (Pert, Cpm) La programmazione ed il controllo dei costi - La stima dei costi - Costi pianificati (BCWS) - Costi consuntivi (ACWP) - Costi preventivi dei lavori svolti (BCWP) - Calcolo delle di variazione sui costi e sui tempi. La fase di preprogetto - Lo studio di fattibilità (pre-analisi) o Analisi dei requisiti o Preanalisi valutazione dei costi - Pianificazione del progetto (analisi) o Determinazione delle WBS o Pianificazione dei costi e dei tempi Diagramma delle dipendenze (Pert) Diagramma del piano di progetto Gantt o Criticità I costi del Software - Le metriche del software - Stime della quantità di software o Line of Code (LOC) o Function Point (FP)

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Classe: 2 A RELIGIONE CATTOLICA 9788810612521 BOCCHINI SERGIO NUOVO RELIGIONE E RELIGIONI + CD ROM BIBBIA GERUSALEMME / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 20,30 No No No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Progettazione di un DB....in breve

Progettazione di un DB....in breve Progettazione di un DB...in breve Cosa significa progettare un DB Definirne struttura,caratteristiche e contenuto. Per farlo è opportuno seguire delle metodologie che permettono di ottenere prodotti di

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it 186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it Premessa Durante una mia visita al Palazzo Ducale di Mantova, nell ammirare i tanti capolavori che custodisce,

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale!

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET consente la piena digitalizzazione della scuola: completa

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Anche quest anno il tema di E state insieme si pone in continuità con gli anni precedenti! Vi ricordate come si chiamavano e qual era il tema? Velocemente li

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015

Anno Scolastico 2014-2015 Corso: MECCANICA, MECCATRONICA E ENERGIA - BIENNIO COMUNE RELIGIONE CATTOLICA 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO U SEI 16,35 No No No GIORDA, DIRITTI

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE S.MARTA G. BRANCA Istituto Professionale per i Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera e Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Strada delle Marche,

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli