Energy Efficiency Report L efficienza energetica in impresa: soluzioni tecnologiche, fattibilità economica e potenziale di mercato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Energy Efficiency Report L efficienza energetica in impresa: soluzioni tecnologiche, fattibilità economica e potenziale di mercato"

Transcript

1 Energy Efficiency Report L efficienza energetica in impresa: soluzioni tecnologiche, fattibilità economica e potenziale di mercato Novembre 2012

2 Energy Efficiency Report L efficienza energetica in impresa: soluzioni tecnologiche, fattibilità economica e potenziale di mercato Novembre 2012

3

4 Indice Introduzione Executive Summary 1 L efficienza energetica: una leva per la competitività delle imprese italiane Il quadro normativo europeo e italiano per l efficienza energetica 2 in impresa 2.1 L impianto normativo europeo 2.2 Le norme UNI-ISO in tema di efficienza energetica 2.3 L impianto normativo italiano Gli obiettivi di efficienza energetica nel settore industriale I sistemi di incentivazione dell efficienza energetica nel settore industriale La Strategia Energetica Nazionale La sostenibilità economica delle soluzioni per l efficienza energetica in impresa Le soluzioni per la riduzione del consumo di energia Motori elettrici Inverter UPS Rifasamenti dei carichi elettrici Aria compressa Refrigerazione Sistemi di combustione efficienti Le soluzioni per la riduzione della dipendenza dall approvvigionamento di energia elettrica o di combustibile Cogenerazione Impianti a vapore Turbine a gas e cicli combinati Motori a combustione interna Piccola e micro cogenerazione Recupero calore e generazione elettrica mediante tecnologia ORC Quadro di sintesi Il potenziale di diffusione delle soluzioni per l efficienza energetica in impresa Il mercato potenziale delle soluzioni per l efficienza energetica in impresa L impatto delle soluzioni per l efficienza energetica nei principali settori industriali La cultura dell efficienza energetica nelle imprese italiane: stato dell arte e principali barriere allo sviluppo 141 Il grado di consapevolezza del problema energetico per le imprese italiane 142 I driver decisionali degli investimenti in efficienza energetica 147 Le principali barriere agli investimenti in efficienza energetica 149 Gruppo di lavoro Metodologia Bibliografia Elenco delle organizzazioni intervistate La School of Management e l Energy & Strategy Group Le imprese partner

5

6 Indice delle figure 1. L efficienza energetica: una leva per la competitività delle imprese italiane Figura 1.1 Figura 1.2 Figura 1.3 Figura 1.4 Figura 1.5 Figura 1.6 Figura 1.7 Figura 1.8 Dipendenza energetica dei Paesi UE-27 registrata nel 2010 [Fonte:Eurostat] Prezzo dell energia elettrica per clienti industriali in Europa, con consumi pari a 20 GWh/ anno, registrato a Maggio 2012 [Fonte: Prezzo dell energia elettrica per clienti industriali in Europa, con consumi pari a 2 GWh/ anno, registrato a Maggio 2012 [Fonte: Prezzo del gas naturale per clienti industriali in Europa, con consumi pari a 10 GWh/ anno, registrato a Maggio 2012 [Fonte: Prezzo del gas naturale per clienti industriali in Europa, con consumi pari a 0,25 GWh/ anno, registrato a Maggio 2012 [Fonte: Classificazione delle soluzioni di efficienza energetica considerate nel Rapporto Le principali soluzioni per la riduzione dei consumi di energia considerate nel Rapporto Le principali soluzioni per la riduzione della dipendenza dall approvvigionamento (a parità di consumi) considerate nel Rapporto Il quadro normativo europeo e italiano per l efficienza energetica in impresa Figura 2.1 Figura 2.2 Figura 2.3 Figura 2.4 Occorrenze delle principali barriere che ostacolano la realizzazione di investimenti in efficienza energetica da parte delle imprese Posizione delle imprese rispetto alla norma ISO Fasi del processo di un servizio di miglioramento dell efficienza energetica [Fonte: UNI CEI EN 15900] Relazione fra i concetti di addizionalità e baseline [Fonte:ENEA] La sostenibilità economica delle soluzioni per l efficienza energetica in impresa Figura 3.1 Figura 3.2 Figura 3.3 Figura 3.4 Soluzioni per l efficienza energetica nell industria considerate nell analisi Total Cost of Ownership di un sistema ad aria compressa su un orizzonte temporale di 10 anni Consumi elettrici relativi dei principali componenti di un sistema di refrigerazione industriale [Fonte: Energy efficiency practices in industrial refrigeration Energy design resources] Costo specifico ( /kw) dei motori a combustione interna al variare della taglia del motore Il potenziale di diffusione delle soluzioni per l efficienza energetica in impresa Figura 4.1 Figura 4.2 Il progetto H-REII Potenziale di recupero energetico in Italia (in termini di energia elettrica prodotta, espressa in GWh) nei settori attualmente investigati dal Progetto H-REII [Fonte: HREII project database]

7 Indici Figura 4.3 Figura 4.4 Figura 4.5 Figura 4.6 Figura 4.7 Figura 4.8 Figura 4.9 Figura 4.10 Quadro sinottico del potenziale di risparmio/produzione di energia delle soluzioni di efficienza energetica nell industria Evoluzione per settore dei consumi energetici finali in Italia, espressi in Mtep [Fonte: elaborazione su dati MiSE] Ripartizione per settore dei consumi energetici finali in Italia nel 2010 [Fonte: elaborazione su dati MiSE] Andamento dei consumi energetici nei principali settori industriali in Italia, espressi in Mtep [Fonte: elaborazione su dati MiSE e Terna] Variazione percentuale del rapporto tra produzione e consumi registrata tra il 2005 ed il 2007, fatto 100 il valore dell indicatore nel 2005 [Fonte: elaborazione su dati MiSE, ISTAT, Enea] Variazione percentuale del rapporto tra produzione e consumi registrata tra il 2007 ed il 2010, fatto 100 il valore dell indicatore nel 2007 [Fonte: elaborazione su dati MiSE, ISTAT, Enea] Dinamica dell incidenza della bolletta energetica sul fatturato e della marginalità tra il 2005 ed il 2010 nei diversi settori industriali [Fonte: elaborazione su dati MiSE, ISTAT, Terna] Dinamica dei volumi produttivi nei diversi settori industriali,fatto 100 il valore dell indicatore nel 2005 [Fonte: elaborazione su dati ISTAT, MiSE] La cultura dell efficienza energetica nelle imprese italiane: diffusione e principali barriere allo sviluppo Figura 5.1 Figura 5.2 Figura 5.3 Figura 5.4 Figura 5.5 Figura 5.6 Figura 5.7 Figura 5.8 Figura 5.9 Figura 5.10 Figura 5.11 Figura 5.12 Presenza della figura dell energy manager all interno del campione analizzato Presenza della figura dell energy manager nelle imprese non soggette all obbligo di nomina dell energy manager all interno del campione analizzato Approccio alla gestione dell energia da parte del campione di imprese analizzato Occorrenze degli approcci alla gestione dell energia da parte del campione di imprese analizzato Approccio alla gestione dell energia da parte del campione di PMI analizzato Occorrenze degli approcci alla gestione dell energia da parte del campione di PMI analizzato Giudizio sulle ESCo da parte delle imprese Occorrenze dei principali driver decisionali che motivano gli investimento in efficienza energetica da parte delle imprese Occorrenze dei principali driver decisionali che motivano gli investimento in efficienza energetica da parte delle imprese di grande dimensione Occorrenze dei principali driver decisionali che motivano gli investimenti in efficienza energetica da parte delle imprese appartenenti a settori energivori Presenza di barriere all interno del processo decisionale di un intervento di efficienza energetica Occorrenze delle principali barriere che ostacolano la realizzazione di investimenti in efficienza energetica da parte delle imprese

8 Indice delle tabelle 1. L efficienza energetica: una leva per la competitività delle imprese italiane Tabella 1.1 Tabella 1.2 Incidenza del costo della bolletta energetica sul fatturato in alcuni settori industriali in Italia Incidenza della bolletta energetica sul margine operativo lordo in alcuni settori industriali in Italia Il quadro normativo europeo e italiano per l efficienza energetica in impresa Tabella 2.1 Tabella 2.2 Tabella 2.3 Tabella 2.4 Tabella 2.5 Tabella 2.6 Tabella 2.7 Tabella 2.8 Tabella 2.9 Risparmio energetico annuale atteso al 2010 ed al 2016 (Fonte: PAEE 2007) Risparmio energetico annuale conseguito al 2010 (Fonte: PAEE 2011) Risparmio energetico annuale conseguito dal settore industriale al 2010 con riferimento agli interventi previsti dal PAEE 2007 (Fonte: PAEE 2011) Obiettivi stabiliti per il settore industriale dal PAEE 2011 Risparmio Specifico Lordo di energia primaria conseguibile per singola unità fisica di riferimento Valori del coefficiente di durabilità attribuiti alle diverse categorie di interventi in ambito industriale valutati con il metodo a consuntivo Impatto del coefficiente di durabilità sul tempo di Pay-Back nel caso di motore elettrico ad alta efficienza Ripartizione dei progetti a consuntivo realizzati dall inizio del meccanismo, suddivisi per tipologia d intervento (Fonte:AEEG) Risorse stanziate per il primo Ciclo di Programmazione del Fondo Rotativo Kyoto, con riferimento alle misure riferibili all efficienza energetica La sostenibilità economica delle soluzioni per l efficienza energetica in impresa Tabella 3.1 Tabella 3.2 Tabella 3.3 Tabella 3.4 Tabella 3.5 Tabella 3.6 Tabella 3.7 Peso percentuale delle differenti componenti del Total Cost of Ownership di un motore elettrico al variare della classe di efficienza Tempo di Pay-Back (anni) associato alla sostituzione di un motore funzionante ad efficienza standard con uno appartenente alla classe di efficienza IE2 Tempo di Pay-Back (anni) associato alla sostituzione di un motore funzionante ad efficienza standard con uno appartenente alla classe di efficienza IE3 Tempo di Pay-Back (anni) associato all installazione di un motore appartenente alla classe IE2 rispetto ad un motore non funzionante ad efficienza standard sottoposto a riavvolgimento Tempo di Pay-Back (anni) associato all installazione di un motore appartenente alla classe IE3 rispetto ad un motore non funzionante ad efficienza standard sottoposto a riavvolgimento Tempo di Pay-Back (anni) associato all installazione di un motore di classe IE3 rispetto ad uno di classe IE2, qualora il motore non funzionante non possa essere riavvolto Costo medio ( /kwh) del kwh risparmiato derivante dalla sostituzione di un motore funzionante ad efficienza standard con uno appartenente alla classe di efficienza IE

9 Indici Tabella 3.8 Tabella 3.9 Tabella 3.10 Tabella 3.11 Tabella 3.12 Tabella 3.13 Tabella 3.14 Tabella 3.15 Tabella 3.16 Tabella 3.17 Tabella 3.18 Tabella 3.19 Tabella 3.20 Tabella 3.21 Tabella 3.22 Tabella 3.23 Tabella 3.24 Tabella 3.25 Tabella 3.26 Tabella 3.27 Tabella 3.28 Tabella 3.29 Tabella 3.30 Tabella 3.31 Tabella 3.32 Tabella 3.33 Costo medio ( /kwh) del kwh risparmiato derivante dalla sostituzione di un motore funzionante ad efficienza standard con uno appartenente alla classe di efficienza IE3 Costo medio ( /kwh) del kwh risparmiato derivante dall installazione di un motore appartenente alla classe IE2 rispetto ad un motore non funzionante ad efficienza standard sottoposto a riavvolgimento Costo medio ( /kwh) del kwh risparmiato derivante dall installazione di un motore appartenente alla classe IE3 rispetto ad un motore non funzionante ad efficienza standard sottoposto a riavvolgimento Costo medio ( /kwh) del kwh risparmiato derivante dall installazione di un motore di classe IE3 rispetto ad uno di classe IE2, qualora il motore non funzionante non possa essere riavvolto Grado di applicabilità dell inverter sul motore elettrico e percentuale di risparmio energetico ottenibile Tempo di Pay-Back (anni) associato all installazione di un inverter su una pompa azionata da un motore di efficienza standard Tempo di Pay-Back (anni) associato all installazione di un inverter ad un compressore azionato da un motore di efficienza standard Costo medio ( /kwh) del kwh risparmiato derivante dall installazione di un inverter ad una pompa azionata da un motore di efficienza standard Costo medio ( /kwh) del kwh risparmiato derivante dall installazione di un inverter ad un compressore azionato da un motore di efficienza standard Tempo di Pay-Back (anni) associato alla sostituzione di un UPS ad efficienza standard (funzionante) con uno ad alta efficienza Tempo di Pay-Back (anni) associato all installazione di un UPS ad alta efficienza rispetto a uno ad efficienza standard Costo medio ( /kwh) del kwh risparmiato derivante dalla sostituzione di un UPS ad efficienza standard (funzionante) con uno ad alta efficienza Costo medio ( /kwh) del kwh risparmiato derivante dall installazione di un UPS ad alta efficienza rispetto a uno ad efficienza standard Corrispettivi tariffari energia reattiva (c /kvarh) per l anno 2012 (Fonte: Enel Distribuzione) Tempo di Pay-Back (anni) associato all installazione di un sistema di rifasamento (nel caso di cosφ iniziale pari a 0,75) Tempo di Pay-Back (anni) associato all installazione di un sistema di rifasamento (nel caso di cosφ iniziale pari a 0,85) Costo medio ( /kwh) del kwh risparmiato derivante dall installazione di un sistema di rifasamento (nel caso di cosφ iniziale pari a 0,75) Costo medio ( /kwh) del kwh risparmiato derivante dall installazione di un sistema di rifasamento (nel caso di cosφ iniziale pari a 0,85) Lista di possibili interventi su un impianto di aria compressa (Fonte: Rielaborazione da Compressed air systems in the European Union, FraunhoferInstitute ) Tempo di Pay-Back (anni) associato all intervento di riduzione delle perdite di aria in un sistema ad aria compressa Costo medio ( /kwh) del kwh risparmiato associato all intervento di riduzione delle perdite di aria in un sistema ad aria compressa Tempo di Pay-Back (anni) associato all intervento di recupero di calore dal compressore in un sistema ad aria compressa Costo medio ( /kwh) del kwh risparmiato associato all intervento di recupero di calore dal compressore in un sistema ad aria compressa Tempo di Pay-Back (anni) associato all intervento di adozione di serbatoi d accumulo all interno di un sistema ad aria compressa Costo medio ( /kwh) del kwh risparmiato associato all intervento di adozione di serbatoi d accumulo all interno di un sistema ad aria compressa Lista di possibili interventi su un impianto di refrigerazione industriale (Fonte: Rielaborazione da ENEA)

10 Indici Tabella 3.34 Tabella 3.35 Tabella 3.36 Tabella 3.37 Tabella 3.38 Tabella 3.39 Tabella 3.40 Tabella 3.41 Tabella 3.42 Tabella 3.43 Tabella 3.44 Tabella 3.45 Tabella 3.46 Tabella 3.47 Tabella 3.48 Tabella 3.49 Tabella 3.50 Tabella 3.51 Tabella 3.52 Tabella 3.53 Tabella 3.54 Tabella 3.55 Tabella 3.56 Tabella 3.57 Tabella 3.58 Tempo di Pay-Back (anni) associato all intervento di installazione della strumentazione necessaria per il controllo dinamico della pressione di picco in un sistema di refrigerazione Costo medio ( /kwh) del kwh risparmiato associato all intervento di installazione della strumentazione necessaria per il controllo dinamico della pressione di picco in un sistema di refrigerazione Tempo di Pay-Back (anni) associato alla sostituzione di bruciatori tradizionali funzionanti con bruciatori auto-recuperativi Tempo di Pay-Back (anni) associato alla sostituzione di bruciatori tradizionali non funzionanti con bruciatori auto-recuperativi Costo medio ( /kwh) del kwh termico risparmiato associato alla sostituzione di bruciatori tradizionali funzionanti con bruciatori auto-recuperativi Costo medio ( /kwh) del kwh termico risparmiato associato alla sostituzione di bruciatori tradizionali non funzionanti con bruciatori auto-recuperativi Tempo di Pay-Back (anni) associato alla sostituzione di bruciatori tradizionali funzionanti con bruciatori rigenerativi Tempo di Pay-Back (anni) associato alla sostituzione di bruciatori tradizionali non funzionanti con bruciatori rigenerativi Costo medio ( /kwh) del kwh termico risparmiato associato alla sostituzione di bruciatori tradizionali funzionanti con bruciatori rigenerativi Costo medio ( /kwh) del kwh termico risparmiato associato alla sostituzione di bruciatori tradizionali non funzionanti con bruciatori rigenerativi Vantaggi e svantaggi delle principali tipologie di impianti motore utilizzati a fini cogenerativi Tempo di Pay-Back (anni) associato all installazione di un impianto di cogenerazione in cui il motore primo è una turbina a vapore Costo medio ( /kwh) del kwh elettrico prodotto derivante dall installazione di un impianto di cogenerazione in cui il motore primo è una turbina a vapore Costo medio ( /kwh) del kwh termico prodotto derivante dall installazione di un impianto di cogenerazione in cui il motore primo è una turbina a vapore Costo medio ( /kwh) del kwh elettrico prodotto derivante dall installazione di un impianto di cogenerazione in cui il motore primo è una turbina a vapore (calcolato secondo la valorizzazione termica ) Tempo di Pay-Back (anni) associato all installazione di un impianto di cogenerazione in cui il motore primo è una turbina a gas Costo medio ( /kwh) del kwh elettrico prodotto derivante dall installazione di un impianto di cogenerazione in cui il motore primo è una turbina a gas Costo medio ( /kwh) del kwh termico prodotto derivante dall installazione di un impianto di cogenerazione in cui il motore primo è una turbina a gas Costo medio ( /kwh) del kwh elettrico prodotto derivante dall installazione di un impianto di cogenerazione in cui il motore primo è una turbina a gas (calcolato secondo la valorizzazione termica ) Tempo di Pay-Back (anni) associato all installazione di un impianto di cogenerazione a ciclo combinato in cui il motore primo è una turbina a gas Costo medio ( /kwh) del kwh elettrico prodotto derivante dall installazione di un impianto di cogenerazione a ciclo combinatoin cui il motore primo è una turbina a gas Costo medio ( /kwh) del kwh termico prodotto derivante dall installazione di un impianto di cogenerazione a ciclo combinato in cui il motore primo è una turbina a gas Costo medio ( /kwh) del kwh elettrico prodotto derivante dall installazione di un impianto di cogenerazione a ciclo combinato in cui il motore primo è una turbina a gas (calcolato secondo la valorizzazione termica ) Tempo di Pay-Back (anni) associato all installazione di un impianto di cogenerazione in cui il motore primo è un motore a combustione interna Costo medio ( /kwh) del kwh elettrico prodotto derivante dall installazione di un impianto di cogenerazione in cui il motore primo è un motore a combustione interna

11 Indici Tabella 3.59 Tabella 3.60 Tabella 3.61 Tabella 3.62 Tabella 3.63 Tabella 3.64 Tabella 3.65 Tabella 3.66 Tabella 3.67 Tabella 3.68 Tabella 3.69 Tabella 3.70 Tabella 3.71 Costo medio ( /kwh) del kwh termico prodotto derivante dall installazione di un impianto di cogenerazione in cui il motore primo è un motore a combustione interna Costo medio ( /kwh) del kwh elettrico prodotto derivante dall installazione di un impianto di cogenerazione in cui il motore primo è un motore a combustione interna (calcolato secondo la valorizzazione termica ) Confronto del Tempo di Pay-Back (anni) associato all installazione di un impianto di cogenerazione in cui il motore primo è un motore a combustione interna e una microturbina a gas Confronto del costo medio ( /kwh) del kwh elettrico prodotto associato all installazione di un impianto di cogenerazione in cui il motore primo è un motore a combustione interna e una microturbina a gas Confronto del costo del kwh termico prodotto associato all installazione di un impianto di cogenerazione in cui il motore primo è un motore a combustione interna e una microturbina a gas Confronto del costo medio ( /kwh) del kwh elettrico prodotto associato all installazione di un impianto di cogenerazione in cui il motore primo è un motore a combustione interna e una microturbina a gas (calcolato secondo la valorizzazione termica ) Principali caratteristiche delle tecnologie meno diffuse per la microcogenerazione Tempo di Pay-Back (anni) associato all installazione di un impianto di recupero termico tramite tecnologia ORC Costo medio ( /kwh) del kwh elettrico prodotto derivante dall installazione di un impianto di recupero termico tramite tecnologia ORC Quadro della convenienza economica delle soluzioni di efficienza energetica, nel caso di sostituzione di una tecnologia standard funzionante, attraverso il calcolo del Tempo di Pay-Back (anni) Quadro della convenienza economica delle soluzioni di efficienza energetica, nel caso di una tecnologia standard funzionante, attraverso il calcolo del costo medio ( /kwh) del kwh risparmiato o prodotto Quadro della convenienza economica delle soluzioni di efficienza energetica, nel caso di una tecnologia standard non funzionante, attraverso il calcolo del Tempo di Pay-Back (anni) Quadro della convenienza economica delle soluzioni di efficienza energetica, nel caso di una tecnologia standard non funzionante, attraverso il calcolo del costo medio ( /kwh) del kwh risparmiato o prodotto Il potenziale di diffusione delle soluzioni per l efficienza energetica in impresa Tabella 4.1 Tabella 4.2 Tabella 4.3 Tabella 4.4 Tabella 4.5 Tabella 4.6 Tabella 4.7 Tabella 4.8 Tabella 4.9 Tabella 4.10 Tabella 4.11 Potenziale teorico di risparmio derivante dall adozione di motori elettrici ad alta efficienza di classe IE3 Potenziale teorico di risparmio derivante dall adozione di motori elettrici ad alta efficienza di classe IE2 Ripartizione per classe di efficienza del parco attuale di motori elettrici e delle nuove installazioni Potenziale di risparmio realizzato dal 2013 al 2020 grazie all adozione di motori elettrici ad alta efficienza Potenziale teorico di risparmio derivante dall adozione di inverter su motori elettrici Potenziale di risparmio realizzato dal 2013 al 2020 grazie all adozione di inverter su motori elettrici Potenziale teorico di risparmio derivante dall adozione di UPS ad alta efficienza Potenziale di risparmio realizzato dal 2013 al 2020 grazie all adozione di UPS ad alta efficienza Potenziale teorico di risparmio derivante dagli interventi sui sistemi ad aria compressa. Potenziale di risparmio realizzabile dal 2013 al 2020 grazie agli interventi sui sistemi ad aria compressa. Potenziale teorico di risparmio derivante dagli interventi sui sistemi di refrigerazione

12 Indici Tabella 4.12 Tabella 4.13 Tabella 4.14 Tabella 4.15 Tabella 4.16 Tabella 4.17 Tabella 4.18 Tabella 4.19 Tabella 4.20 Tabella 4.21 Tabella 4.22 Tabella 4.23 Tabella 4.24 Tabella 4.25 Tabella 4.26 Tabella 4.27 Potenziale di risparmio realizzabile dal 2013 al 2020 grazie agli interventi sui sistemi di refrigerazione. Potenziale teorico di risparmio derivante dalla cogenerazione Potenziale di risparmio realizzabile dal 2013 al 2020 grazie all adozione della cogenerazione Potenziale teorico di produzione derivante dalla tecnologia ORC Potenziale di produzione realizzabile dal 2013 al 2020 grazie all adozione della tecnologia ORC Potenziale teorico di produzione derivante dal fotovoltaico Potenziale di produzione realizzabile dal 2013 al 2020 grazie all adozione del fotovoltaico Potenziale teorico di produzione derivante dal mini-eolico Potenziale di produzione realizzabile dal 2013 al 2020 grazie all adozione del mini-eolico Quadro sinottico del potenziale di risparmio/produzione di energia (espresso in TWh) associato alle diverse soluzioni per efficienza energetica in impresa Quadro sinottico del potenziale di risparmio/produzione di energia (espresso in Mtep ) associato alle diverse soluzioni per efficienza energetica in impresa EBITDA Margin dei principali settori industriali in Italia (Fonte: elaborazione su dati ISTAT, MiSE) Profilo di un azienda-tipo appartenente al settore della carta Potenziale impatto sulla marginalità derivante dall adozione di motori ad alta efficienza di classe IE2 in imprese tipo appartenenti ai settori industriali oggetto d analisi (Fonte: elaborazione su dati ISTAT, MiSE, AIDA) Potenziale impatto sulla marginalità derivante dall adozione della tecnologia ORC in imprese tipo appartenenti ai settori industriali oggetto d analisi (Fonte: elaborazione su dati ISTAT, MiSE, AIDA) Incidenza della bolletta energetica e del costo del lavoro sul fatturato nei diversi settori industriali (Fonte: elaborazione su dati ISTAT e MiSE) La cultura dell efficienza energetica nelle imprese italiane: diffusione e principali barriere allo sviluppo Tabella 5.1 Tabella 5.2 Tabella 5.3 Principali caratteristiche del campione di indagine utilizzato per la survey Possibili approcci alla misura e al controllo dei consumi energetici Principali driver decisionali che motivano gli investimenti di efficientamento energetico

13

14 Indice dei box 2. Il quadro normativo europeo e italiano per l efficienza energetica in impresa Box 2.1 Box 2.2 Box 2.3 Box 2.4 Box 2.5 Box 2.6 Box 2.7 Box 2.8 Box 2.9 Box 2.10 Box 2.11 Box 2.12 Box 2.13 La Direttiva 2006/32/CE I criteri minimi per gli audit energetici presso le imprese L indagine sulle barriere all adozione delle soluzione di efficientamento energetico nelle imprese italiane I Sistemi per la Gestione dell Energia prima della norma ISO Le prescrizioni della ISO L implementazione della ISO 50001: il caso Arneg Esempi di supporto alla certificazione ISO per le PMI La detrazione fiscale per motori elettrici e inverter Esempi di bandi locali di supporto all efficienza energetica nell industria Esempio di intervento di risparmio energetico valutabile con il metodo standardizzato Il calcolo del Risparmio Netto Integrale ed il coefficiente di durabilità Il concetto di addizionalità nei progetti a consuntivo La strategia energetica nazionale in sintesi La sostenibilità economica delle soluzioni per l efficienza energetica in impresa Box 3.1 Box 3.2 Il ciclo frigorifero ad assorbimento Ripartizione dei costi di un impianto di cogenerazione tra produzione elettrica e termica Il potenziale di diffusione delle soluzioni per l efficienza energetica in impresa Box 4.1 Box 4.2 Il Progetto H-REII Simulazione di investimento in efficienza energetica ed impatto sulla redditività La cultura dell efficienza energetica nelle imprese italiane: diffusione e principali barriere allo sviluppo Box 5.1 Box 5.2 Box 5.3 Box 5.4 Il campione di indagine Il caso Tholos Le iniziative delle banche italiane per l efficienza energetica Il Fondo Centrale di Garanzia per le PMI

15

16 Introduzione Come è noto, le imprese italiane scontano un importante deficit di competitività sui mercati internazionali dovuto al prezzo a cui acquistano l energia, che è mediamente di oltre il 25% superiore rispetto alla media europea. Ciò è dovuto in primo luogo al mix energetico del nostro Paese, che si caratterizza per una dipendenza dall estero superiore all 80%, cui corrisponde una bolletta energetica di oltre 60 mld all anno. Nonostante sino ad oggi sia stata messa in secondo piano nel dibattito pubblico e politico, a vantaggio delle tecnologie per la produzione di energia da fonti rinnovabili, l efficienza energetica rappresenta un fondamentale strumento per affrontare e risolvere questo problema. Tale potenziale è stato recepito anche dalla recente bozza della Strategia Energetica Nazionale (SEN), che ha indicato l efficienza energetica come primo obiettivo strategico per il Paese. Oltre ad essere un tema caldo nel dibattito politico (in un periodo di attesa per l emanazione delle linee guida sul funzionamento dei Certificati Bianchi dopo il 2012 e del cosiddetto Conto Energia Termico, oltre che di dibattito sulla bozza della SEN), gli operatori energetici stanno dedicando crescente attenzione all efficienza energetica come opportunità di business, mettendo a punto prodotti, servizi e proposte commerciali sempre più innovativi. In questo contesto, la seconda edizione dell Energy Efficiency Report, che si basa su oltre 150 interviste ad operatori ed esperti del settore, intende fornire gli elementi necessari a supportare il dibattito pubblico e ad orientare le scelte degli operatori di mercato sul tema dell efficienza energetica in ambito industriale. In particolare, lo studio: (i) analizza l impatto dei sistemi di regolazione ed incentivazione attualmente in essere ed in fase di definizione sul mercato e la filiera dell efficienza in ambito industriale; (ii) fornisce una stima della fattibilità economica e del potenziale di mercato delle principali soluzioni per l efficienza energetica nei processi produttivi; (iii) identifica le più importanti leve su cui agire per favorire una più capillare diffusione delle soluzioni per l efficienza energetica in impresa, con particolare riferimento al ruolo delle ESCo, dell energy manager e degli istituti di credito. Come sempre, la ricerca è stata resa possibile dal supporto delle imprese partner e sponsor, cui va un particolare ringraziamento per l interesse che da più anni mostrano verso le nostre attività. Il continuo confronto con loro e con molti altri operatori di mercato è alla base delle analisi e delle interpretazioni presentate nell Energy Efficiency Report Un ultimo cenno alle attività future dell Energy & Strategy Group. Nel corso del 2013 verrà pubblicata la quinta edizione del Solar Energy Report e la terza dell Energy Efficiency Report, che offrirà da un lato un aggiornamento sugli sviluppi tecnologici, normativi e di mercato più recenti nell ambito dell efficienza energetica negli edifici e nei processi industriali, dall altro proporrà un focus sulla Pubblica Amministrazione. Verrà inoltre pubblicata la seconda edizione dello Smart Grid Report, con un focus particolare sui temi dello storage e della mobilità elettrica, mentre alle bioenergie ed alla produzione elettrica da fonte eolica sarà dedicato un nuovo Osservatorio sulle rinnovabili elettriche non fotovoltaiche. Verranno infine attivati due nuovi filoni di ricerca, che riguarderanno il tema della circular economy e dello sfruttamento delle materie prime seconde, e delle tecnologie per la sostenibilità ambientale in impresa. Umberto Bertelè Presidente School of Management Vittorio Chiesa Direttore Energy & Strategy Group 15

17

18 Executive Summary La seconda edizione dell Energy Efficiency Report affronta il tema indubbiamente più complesso di quello oggetto del Rapporto dello scorso anno dell efficienza energetica nei processi industriali. Più complesso perché sono diverse e più trasversali (dai motori agli inverter fino agli impianti di cogenerazione) le tecnologie alla base degli interventi di efficientamento, perché più articolato è il sistema delle imprese nel nostro Paese, caratterizzato come noto da una forte presenza di PMI, e perché più numerosi sono gli attori in gioco (fornitori di tecnologie, ESCo, energy manager, EGE, ); ma allo stesso tempo anche un indispensabile completamento dell analisi condotta dall Energy & Strategy Group in merito alle potenzialità che il nostro Paese ha con riferimento all efficientamento energetico. Un analisi che appare in questo momento ancora più di attualità se si considera che la Strategia Energetica Nazionale recentemente predisposta dal Governo e attualmente sottoposta a consultazione pubblica pone l efficienza energetica al primo posto fra le priorità di intervento, accreditandole circa 60 (33%) dei 180 miliardi di investimenti complessivi e 8 (57%) dei 14 miliari di risparmio da conseguire sulla bolletta energetica dell Italia da qui al Il punto di partenza del lavoro come ormai dovrebbe essere familiare al lettore è la ricognizione dello stato dell arte della tecnologia e la sua interpretazione economica. Per ognuna delle possibili soluzioni di efficientamento energetico inteso nell accezione sia di riduzione dei consumi energetici che di riduzione, attraverso la produzione in loco, della dipendenza dall approvvigionamento di energia elettrica o del combustibile impiegato per gli usi termici si è calcolato il costo medio necessario per risparmiare (o produrre) un singolo kwh elettrico o termico considerando l intera vita utile di ciascuna tecnologia e lo si è comparato con il costo evitato dell approvvigionamento da fonti tradizionali. Queste valutazioni economiche sono state condotte, inoltre, considerando sia il caso di sostituzione obbligata a fine vita della tecnologia precedentemente adottata con una più efficiente e quindi per la quale l investimento da considerarsi è solo quello differenziale per avere a disposizione una tecnologia più efficiente sia il caso di sostituzione volontaria di una tecnologia ancora funzionante. Così facendo, la nostra analisi ci ha permesso di simulare due momenti decisionali differenti, ma ugualmente importanti per la diffusione delle soluzioni di efficienza energetica in ambito industriale. Da un lato, il caso in cui si vuole capire se conviene intervenire per migliorare le prestazioni energetiche di una soluzione esistente e funzionante, dall altro quello in cui si desidera comprendere se orientarsi, in sede di sostituzione a fine vita di una soluzione, verso un analoga tecnologia tradizionale (normalmente meno costosa), piuttosto che verso una soluzione più efficiente, ma che comporta un investimento maggiore. Il quadro che ne esce rimandando al testo integrale del Rapporto per gli indispensabili dettagli è decisamente interessante. Se si guarda alla convenienza assoluta, ovvero alla differenza fra il costo del kwh risparmiato con un intervento di efficientamento e quello di acquisto dello stesso kwh da fonte tradizionale, quasi tutte le tecnologie per l efficientamento energetico (inverter, rifasamento dei carichi elettrici ed interventi sul sistema ad aria compressa, UPS ad alta efficienza, tecnologie di accumulo nel sistema ad aria compressa, sistemi per il controllo dinamico della pressione in un impianto di refrigerazione, cogenerazione con turbina a gas o motore a combustione interna, sistemi di combustione efficienti) appaiono essere economicamente sostenibili, in tutte le situazioni e anche in assenza di sistemi di incentivazione. Solo i motori elettrici ad alta efficienza ed i sistemi ORC paiono mostrare ancora qualche problema di sostenibilità, ma con un trend di riduzione dei costi della tecnologia che lascia indubbiamente ben sperare per il futuro anche prossimo di queste applicazioni. Il tempo di rientro dell investimento, tuttavia, appare essere ancora in media piuttosto elevato tra 3 e 7 anni se comparato con le soglie massime di accetta- 17

19 Executive Summary bilità tipicamente fissate dalle imprese per questo tipo di investimenti, forse un po troppo prudentemente definite nell attorno di 2 o 3 anni. Un quadro che con l unico neo (si vedrà poi quanto rilevante) del tempo di rientro dell investimento sembra quindi particolarmente positivo e che potrebbe trarre giovamento dalla particolare situazione di arretratezza del sistema industriale del nostro Paese in tema di efficientamento energetico. L industria ha un peso comunque importante, anche se in decrescita negli ultimi anni per effetto della sfavorevole congiuntura economica, sui consumi energetici finali nazionali. In particolare, il peso è passato dal 28% del 2005 (cui corrispondeva un consumo di 41 Mtep, su un totale di 145,2 Mtep) al 23% nel 2010 (corrispondente ad un consumo di 32 Mtep, su un totale di 137,5 Mtep). Se si utilizza come indicatore di efficienza il rapporto tra consumi energetici e produzione nei diversi settori industriali in particolare nell alimentare, cartario, chimico, metallurgico, tessile, vetrario, meccanico e dei prodotti dell edilizia, su cui si è concentrato il Rapporto e che comunque sono altamente rappresentativi del totale dei consumi energetici industriali in Italia la nostra analisi rileva come, soprattutto negli ultimi anni, la maggior parte dei settori (metallurgia, vetreria, meccanica e prodotti per l edilizia, ovvero pari a circa il 60% del totale dei consumi) abbia peggiorato il proprio livello di efficienza energetica, ossia registrato una contrazione dei consumi energetici meno che proporzionale rispetto al calo (legato inevitabilmente alla crisi economica) della produzione. Se a ciò si aggiunge che in tre settori sui quattro citati sopra, l incidenza della spesa energetica come risulta dalle nostre analisi estensive dei bilanci aziendali è misurabile oggi in più di 6 punti percentuali rispetto al fatturato, ci si rende conto di quanto spazio ci sia per interventi di efficientamento. Sommando i risparmi elettrici teorici conseguibili a seguito dell adozione delle sopraccitate tecnologie (comprensivi anche della produzione da fonti rinnovabili), la riduzione potenziale dei consumi energetici da qui al 2020 è pari a 64 TWh, ossia quasi la metà del fabbisogno attuale (con riferimento alla parte elettrica) ascrivibile al settore industriale. Rispetto al potenziale teorico, l obiettivo che il nostro studio ritiene invece sia plausibile raggiungere in Italia da qui al 2020 è nell ordine di 16 TWh, ossia soltanto un quarto di quanto teoricamente a disposizione. Le ragioni sono fondamentalmente due ed ovviamente interrelate fra loro: (i) il quadro normativo che nel nostro Paese sconta un ritardo significativo rispetto ad esempio al benchmark europeo; (ii) una vera cultura dell efficienza energetica negli operatori industriali, ma anche nelle banche e negli istituti di credito ancora assai poco diffusa. L 11 settembre del 2012 si è chiuso l iter legislativo relativo all approvazione in prima lettura da parte del Parlamento Europeo della nuova Direttiva europea in materia di efficienza energetica, destinata a sostituire l ormai famosa e relativamente recente Direttiva 2006/32/CE. La nuova Direttiva esplicitamente riconoscendo il ruolo strategico dell efficientamento nei settori industriali per il raggiungimento degli obiettivi europei ed allo stesso tempo prendendo atto delle maggiori difficoltà (entità dell investimento, ottica di lungo termine dei ritorni ad esso associati, errata percezione da parte degli operatori industriali dell efficienza energetica come obiettivo marginale nel proprio business) che questo incontra prevede misure specifiche per l efficientamento energetico nell industria, imponendo alle grandi imprese di sottoporsi ad audit energetici almeno ogni quattro anni e incoraggiando a fare lo stesso anche per le PMI. Si prevede poi un sistema informativo che possa coinvolgere tutti gli attori del processo: (i) elenchi pubblici (o sistemi analoghi di informazione e trasparenza) di fornitori di servizi energetici qualificati, secondo regimi di certificazione e/o accreditamento e/o regimi equivalenti di qualificazione, che dovrebbero entrare in vigore auspicabilmente entro l 1 gennaio 2015; (ii) diffusione di informazioni alle banche e alle altre istituzioni finanziarie sugli strumenti di finanziamento delle misure di miglioramento dell efficienza energetica;(iii) creazione di un meccanismo indipendente per garantire il trattamento efficiente dei reclami e la risoluzione stragiudiziale delle controversie nate in relazione a contratti relativi ai servizi energetici. Tra il 2009 e il 2011 il sistema delle norme ISO e UNI ha fatto passi in avanti estremamente significativi, definendo con la ISO del 2011, la UNI CEI 11352:2010 e la UNI CEI 11339:2009 i requisiti cui dovrebbero sottostare tre attori fondamentali della filiera dell efficienza, soprattutto in ambito industriale, ovvero le imprese utilizza- 18

20 Executive Summary trici di energia, le ESCo ed i professionisti nella gestione dell energia (EGE). Nel frattempo però in Italia il recepimento della già citata Direttiva 32/2006/CE sull efficienza energetica è avvenuto con due anni di ritardo con il D.lgs. 115/08 ed in una versione depotenziata, senza meccanismi di qualificazione prescrittivi e con il fondo rotativo di finanziamento degli interventi(fondo Rotativo Kyoto previsto dalla Finanziaria 2007) che è divenuto effettivamente operativo soltanto nel Solo un manipolo di operatori industriali si è certificato ISO 50001, cui si affiancano 27 ESCo (l 1,2% del totale di quelle accreditate presso l AEEG) certificate UNI CEI 11352:2010 e 30 (!) professionisti in gestione dell energia. Anche sul fronte dei TEE dove pure non sono mancati segnali positivi legati alla riduzione della soglia minima per la presentazione dei progetti e la introduzione, più volte chiesta a gran voce dal mercato, del coefficiente di durabilità τ che tiene conto della vita tecnica attesa degli interventi rimane come una spada di Damocle sui progetti di investimento in corso di valutazione l incertezza sul futuro del meccanismo a partire dal 1 gennaio Qualche speranza giunge in questo senso dalla Strategia Energetica Nazionale che ribadisce il ruolo e l importanza dei TEE, ma che è purtroppo ancora lontana dall essere tradotta in misure operative. E pensare che basterebbe concentrare gli sforzi sulle tecnologie a maggior potenziale per ottenere risultati molto significativi. Se si riuscisse ad esempio ad incrementare del 10% con un sistema di stimoli ad hoc e proporzionato alla rilevanza della tecnologia il grado di penetrazione sul mercato dei sistemi di cogenerazionesi potrebbero risparmiare ulteriori 2 TWh, +12,5% rispetto alle nostre previsioni (a condizioni fissate ) per il Altro presupposto indispensabile affinché il potenziale di mercato si trasformi in reali investimenti in efficientamento energetico da parte delle imprese è che si diffonda all interno del sistema industriale del nostro Paese la cultura intesa come consapevolezza del problema della gestione dell energia e conoscenza degli strumenti più idonei ad affrontarlo dell efficienza energetica. Il quadro che esce dalla nostra indagine che ha coinvolto oltre 100 imprese, fra PMI e grandi operatori, sia in settori energivori che non con riferimento a questo tema è invece piuttosto desolante. Poco meno del 17% delle imprese se si escludono ovviamente quelle obbligate dalla Legge 10/91 perché aventi consumi annui superiori ai tep dispone di un energy manager. Solo il 22% delle imprese adotta un approccio strutturato alla gestione dell energia, contro un 69% di operatori che adotta invece ancora oggi approcci piuttosto rudimentali di misura e controllo dei consumi energetici, e quasi il 15% che addirittura non ha attivato nemmeno questi. Nel 90% dei casi il driver decisionale primario che ha guidato gli investimenti di efficientamento energetico è legato all obsolescenza o all efficientamento produttivo, ossia non ha quasi nulla a che vedere con la ricerca specifica di un risparmio nei consumi e/o nei costi energetici. E evidente, infatti, che se si sostituisce un impianto ormai completamente ammortizzato, magari acquistato oltre dieci anni fa, con un nuovo impianto si ottiene anche un risparmio energetico, perché nel frattempo il progresso tecnologico associato a questo tipo di impianti ne ha comunque incrementato l efficienza e quindi (a parità di output) ne ha ridotto i consumi. Di contro, solo nel 10% dei casi la riduzione dei consumi energetici, ossia l essenza stessa dell efficientamento, è stata il driver primario di scelta. Nel 71% dei casi i progetti di investimento si sono scontrati con barriere di natura economica e più precisamente con tempi di ritorno giudicati inizialmente troppo lunghi (anche a causa dell incertezza normativa che contraddistingue il settore), cui si sono affiancati nel 40% dei casi anche problemi legati al reperimento delle risorse finanziarie necessarie. Gli operatori qui puntano il dito in particolare contro le banche italiane, che al momento si rivelano essere piuttosto riluttanti rispetto al finanziamento degli interventi di efficienza energetica, sia quando essi sono direttamente realizzati dalle imprese sia quando lo sono in cordata con le ESCo. Il problema non è di facile soluzione, tuttavia, in quanto se ci si mette nella prospettiva del finanziatore il rischio relativo ad esempio al perdurare dei meccanismi di incentivazione si abbatte sulla capacità di costruire piani di rientro sufficientemente garantiti. Solo due fattori paiono addolcire un poco il quadro: il 64% delle imprese del campione conosce le ESCo ed ha valutato o sta valutando l opportunità di usufruire dei loro servizi, anche se ancora il 40% 19

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Enrico Biele, FIRE Green shipping summit 2014 26 giugno 2014, Napoli Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

RAEE 2011 - Rapporto Annuale Efficienza Energetica

RAEE 2011 - Rapporto Annuale Efficienza Energetica Prefazione Nella prefazione al primo Rapporto Annuale sull Efficienza Energetica auspicavo che le successivi edizioni potessero registrare sempre maggiori progressi in quello che ritengo essere uno dei

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria A cura di NE Nomisma Energia Srl Responsabile di Ricerca: Davide Tabarelli (Presidente), Carlo Bevilacqua Ariosti

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

GUIDA ALL USO DELLE RISORSE PER INCENTIVARE RINNOVABILI ED EFFICIENZA ENERGETICA

GUIDA ALL USO DELLE RISORSE PER INCENTIVARE RINNOVABILI ED EFFICIENZA ENERGETICA Una pubblicazione realizzata da FIRE su incarico dell ENEA a favore dei decisori della P.A. regionale e locale GUIDA ALL USO DELLE RISORSE PER INCENTIVARE RINNOVABILI ED EFFICIENZA ENERGETICA pagina 2

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno.

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno. FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno (Giuseppe Tomassetti) Settembre 2009 Sintesi Esistono rilevanti differenze

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CHIARIMENTI IN MATERIA DI DIAGNOSI ENERGETICA NELLE IMPRESE AI SENSI

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Prestazioni funzionali, prestazioni energetiche e sicurezza nei sistemi elettrici

Prestazioni funzionali, prestazioni energetiche e sicurezza nei sistemi elettrici Prestazioni funzionali, prestazioni energetiche e sicurezza nei sistemi elettrici A cura di Silvia Berri Responsabile Comunicazione e Promozione CEI e Cristina Timò Direttore Tecnico CEI Nel contesto degli

Dettagli

IL POTENZIALE PER L EFFICIENZA ENERGETICA IN ITALIA

IL POTENZIALE PER L EFFICIENZA ENERGETICA IN ITALIA IL POTENZIALE PER L EFFICIENZA ENERGETICA IN ITALIA E LE PROSPETTIVE PER I CONTRATTI DI RENDIMENTO ENERGETICO REPORT NAZIONALE WP3 PROGETTO COMBINES COMBINING ENERGY SERVICES WITH SUBSIDY SCHEMES TO FINANCE

Dettagli

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo.

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo. Chi abita in una zona ventosa può decidere di sfruttare il vento per produrre energia elettrica per gli usi domestici. In modo simile al fotovoltaico godrà di incentivi per la realizzazione, ma prima è

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento

Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento Alessandro Clerici Chairman Study Group World Energy Resources and Technologies del WEC Internazionale Il documento MISE, emesso a fine ottobre 2012 per

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa 03 NOV 2014 Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa Da oggi Artoni Europe, servizio internazionale di Artoni Trasporti, raggiunge ben 32 paesi Europei con

Dettagli

NOTA METODOLOGICA L ENEA ha commissionato la presente guida operativa alla FIRE nel corso dell anno 2013.

NOTA METODOLOGICA L ENEA ha commissionato la presente guida operativa alla FIRE nel corso dell anno 2013. NOTA METODOLOGICA L ENEA ha commissionato la presente guida operativa alla FIRE nel corso dell anno 2013. Informazioni e dati contenuti nella presente guida operativa possono essere liberamente riprodotti

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

I certificati bianchi: Uno strumento di competitività per le imprese

I certificati bianchi: Uno strumento di competitività per le imprese Una pubblicazione realizzata da FIRE per l efficienza energetica nelle imprese e negli enti I certificati bianchi: Uno strumento di competitività per le imprese Realizzazione e disclaimer La presente guida

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N.

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N. INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO n n u u m e r r o m o n o g r a nf i u c m o e r o m Sistemi scolastici europei Sistemi 2012 Sistemi di valutazione scolastici europei Sistemi sc dellõ istruzione in Europa2012 ALCUNI PAESI A CONFRONTO

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli