POLITICA DI INVESTIMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POLITICA DI INVESTIMENTO"

Transcript

1 POLITICA DI INVESTIMENTO Il presente documento è stato predisposto in osservanza al disposto di cui all'art. 8 del Regolamento Emittenti AIM / Mercato Alternativo del Capitale approvato da Borsa Italiana S.p.A. in data 17 giugno

2 INDICE STRATEGIA DI INVESTIMENTO... 3 POLITICA DI INVESTIMENTO... 4 IL MERCATO DI RIFERIMENTO... 4 TIPOLOGIA DI OPERAZIONI DI INVESTIMENTO... 4 GESTIONE DEL RISCHIO... 5 ORIZZONTE TEMPORALE DELL INVESTIMENTO... 6 COPERTURA FINANZIARIA

3 STRATEGIA DI INVESTIMENTO Digital Magics S.p.A. ("DM" o anche solo la "Società" o l'"emittente") è una società di investimento ai sensi del Regolamento Emittenti AIM / Mercato Alternativo del Capitale approvato da Borsa Italiana S.p.A. in data 1 marzo 2012 ("Regolamento Emittenti") che opera nel settore delle c.d. start up, costituendo nuove società o entrando nel capitale di società recentemente costituite, al fine di accelerarne il processo di sviluppo anche, eventualmente, fornendo le prime risorse finanziarie necessarie nella fase di avvio dell impresa. Segnatamente, l'attività di investimento svolta dall'emittente è focalizzata su realtà del comparto della c.d. digital economy, vale a dire attività imprenditoriali che, pur appartenendo ad un ampio spettro di settori merceologici (quali il commercio di beni e servizi destinati al consumatore o all utilizzatore professionale o all azienda [o l'intermediazione economica e/o finanziaria]), hanno eletto la rete Internet come proprio canale distributivo principale. Le iniziative target hanno quindi la necessità di declinare il proprio modello di business secondo le metriche tipiche della rete, anche sviluppando sistemi di offerta assolutamente originali ed, eventualmente, disruptive, che ambiscono cioè a scardinare la classica catena del valore di uno specifico settore economico, ad esempio disintermediando operatori frapposti tra il produttore e l utilizzatore finale dei beni o dei servizi. La strategia di investimento dell Emittente si colloca quindi, già da diversi anni, nella filiera degli operatori del Venture Capital, realizzando operazioni di investimento a rischio elevato perché connesso a iniziative imprenditoriali neonate o di recente avvio. Il posizionamento specifico è peraltro caratterizzato dal ruolo di incubatore svolto da Digital Magics: l Emittente possiede infatti un organizzazione volta al supporto strategico delle start up, che - secondo la Società - detiene una competenza e un esperienza molto solida sui modelli di business digitali, e vanta nel proprio management la presenza di persone di riconosciuta esperienza nel settore. Il ruolo di incubatore, secondo la Società, consente a Digital Magics di mantenere un presidio permanente sugli investimenti, riducendo in modo significativo il rischio naturalmente insito nella tipologia di operazioni target. Queste circostanze, unito alla possibilità di fornire servizi di base alle imprese in fase di avvio (a titolo esemplificativo, logistica, infrastruttura tecnologica, contabilità e controllo di gestione, amministrazione del personale, supporto legale e societario), consentono all Emittente, secondo la Società, una capacità di attrazione rispetto alle migliori iniziative del settore di riferimento, consentendogli di poter selezionare e, conseguentemente, investire in attività che evidenzino le maggiori prospettive di sviluppo. Successivamente al primo investimento in una startup, e allo sviluppo delle attività che generano evidenza del valore implicito dell iniziativa, Digital Magics è in grado eventualmente di attivare il proprio network di operatori finanziari del settore (business angel privati e organizzazioni operanti nel Venture Capital) per realizzare successive operazioni di investimento con il coinvolgimento di tali operatori, sia per amplificare il potenziale apporto di capitale, sia per ridurre il rischio. La strategia di investimento, alla fine del periodo di affiancamento delle startup, è volta a realizzare le c.d. exit, la cessione delle proprie partecipazioni (realizzando un capital gain) ad operatori interessati ad acquisire il posizionamento di mercato nel frattempo acquisito dalle aziende partecipate, ovvero la tecnologia proprietaria eventualmente detenuta, ovvero le potenzialità di sviluppo e di reddito eventualmente evidenziate. Gli investimenti si focalizzano prevalentemente in Italia; non può tuttavia essere esclusa l acquisizione di asset ubicati all estero qualora fossero parte di un progetto di internazionalizzazione di un attività, ovvero rientrino in accordi di coinvestimento con partner finanziari. 3

4 POLITICA DI INVESTIMENTO IL MERCATO DI RIFERIMENTO Il settore delle c.d. digital economy, cui appartengono le società target degli investimenti di Digital Magics, risulta particolarmente ampio e i relativi confini, spesso, possono estendersi ad aree di competenza oggi non ancora presenti sulla rete Internet. In via generale, nel settore sono comprese le attività di: (i). commercializzazione di beni e/o servizi e/o informazioni realizzati internamente o da terzi, destinati ad acquirenti persone fisiche (business to consumer o BtoC) ovvero persone giuridiche (business to business o BtoB); (ii). intermediazione di attività svolte da terzi, per le quali è prevista una commissione di intermediazione che può essere corrisposta, a secondo dei casi, dal fornitore o dall utilizzatore dell attività intermediata; (iii). generazione di audience, attraverso attività editoriali e/o erogazione di contenuti proprietari o di terzi, volte allo sviluppo di un ampia fruizione on-line che genera interesse per gli operatori che pianificano campagne pubblicitarie sulla rete. Ciascuna di queste macro-aree di attività, il cui denominatore comune è il canale Internet per la distribuzione e lo sviluppo, può comprendere un infinità di declinazioni nel merito dei contenuti e nelle modalità di diffusione. E un mercato in continua, rapida crescita, sul quale Digital Magics ritiene di possedere un elevato expertise e sul quale mantiene un attività costante di monitoraggio per aggiornare le metriche economiche di riferimento e individuare i paradigmi di successo emergenti. TIPOLOGIA DI OPERAZIONI DI INVESTIMENTO Gli investimenti realizzati da Digital Magics sono tipicamente concentrati nelle prime fasi di finanziamento di attività imprenditoriali: - primo intervento ( seed ), fase nella quale un iniziativa neonata si dota delle prime risorse finanziarie per partire con lo sviluppo delle attività o per lo sviluppo degli strumenti tecnologici necessari per la crescita del business: l entità dell investimento seed può variare da alcune decine di migliaia di Euro fino a poche centinaia di migliaia di Euro; Digital Magics, ove possibile, predilige le situazioni in cui è l unico soggetto che apporta capitale seed, oltre eventualmente al supporto strategico e operativo; - intervento precoce ( co-seed/early stage ), fase nella quale un iniziativa avviata recentemente si dota di ulteriori risorse finanziarie (oltre ad eventuali risorse seed precedentemente acquisite) per completare lo sviluppo delle attività o degli strumenti tecnologici necessari per lo sviluppo dell attività: l entità dell investimento early stage è nell ordine (normalmente) delle centinaia di migliaia di Euro; Digital Magics, ove possibile, predilige le situazioni in cui non è l unico soggetto che apporta capitale co-seed/early stage (investimenti in pool), e prevede il riconoscimento del supporto strategico e operativo che è insito nel proprio ruolo. Gli investimenti co-seed/early stage di Digital Magics posso essere realizzati sia su aziende precedentemente oggetto di investimenti seed (e/o attività di incubazione) da parte di Digital Magics, ovvero su aziende che sono state oggetto di precedenti finanziamenti da parte di terzi. Considerata l attuale situazione italiana nel settore del venture capital, che - a parere della Società - risulta ancora immatura anche se in via di sviluppo, Digital Magics ha costruito come punto di forza strategico della propria azione un network di investitori con cui realizzare operazioni in pool nella fase early stage. Si tratta di un numero significativo di investitori informali (angel), tra i più noti del settore, con cui la Società nel tempo ha sviluppato dei rapporti di partenariato consolidati, sebbene prevalentemente informali. La Società, inoltre, mantiene e sviluppa rapporti con gli operatori istituzionali del settore, e si pone inoltre come un punto di riferimento per i nuovi operatori che, da settori contigui o anche dall estero, si aggiungono al comparto con frequenza crescente. 4

5 Una volta definito il potenziale di sviluppo di un iniziativa, la dimensione dell investimento e le modalità di erogazione sono determinate sulla base di un piano economico/finanziario di breve periodo (da 6 a 18 mesi). Viene quindi redatto anche in piano di medio termine con il preventivo di eventuali esigenze di ulteriori round di finanziamento all iniziativa. Sulla base di quest ultimo documento è possibile stimare gli effetti diluitivi che l ingresso di nuovi finanziatori (business angel e fondi di venture capital) possono determinare alla quota detenuta da Digital Magics al proprio ingresso, e ipotizzare il ritorno dall investimento realizzabile in fase di exit. La politica d'investimento di Digital Magics è improntata a prediligere singoli investimenti (in fase seed o early stage) di entità non superiore a Euro e al netto delle eventuali quote di co-investimento di terzi. In particolari situazioni, gli investimenti in fase early stage possono raggiungere entità massima di Euro , al netto delle eventuali quote di co-investimento di terzi. Tenuto conto della peculiarità della politica di investimento seguita dalla Società, la prospettica liquidabilità, nel medio periodo, delle partecipazioni acquisite nell ambito della attività di investimento è, inoltre, una condizione per la realizzazione dell'investimento. La Società si prefigge poi come obiettivo la realizzazione di circa dieci nuovi investimenti per ciascun anno. GESTIONE DEL RISCHIO Alla luce di quanto precede, il rischio intrinseco agli investimenti realizzati da Digital Magics è molto elevato, soprattutto a causa delle totale assenza o comunque scarsità di dati storici relativi all iniziativa target dell investimento. I fattori che sono oggetto di attenta valutazione per selezionare le iniziative più meritevoli, con le migliori prospettive e con (conseguentemente) rischi più contenuti sono soprattutto di natura intangibile: (i). originalità del modello di business, per poter occupare una posizione preminente in una nuova nicchia di mercato; (ii). sofisticazione della soluzione tecnologica, per poter godere di una barriera d ingresso (seppure limitata nel tempo) che garantisca un vantaggio competitivo nella prima fase di avvio e di posizionamento della soluzione; (iii). qualità del team che gestirà l iniziativa, expertise tecnologico e/o competenza di settore, livello di motivazione e di dedizione al progetto, attitudine al rischio imprenditoriale. In alcuni casi, vengono valutate le eventuali storie di successo di iniziative analoghe all estero (es., nei paesi anglosassoni) per circoscrivere i fattori di rischio e stimare le prospettive di sviluppo. I criteri di valutazione dei suddetti fattori fanno riferimento essenzialmente alla competenza del management team (i Partner) di Digital Magics, che vanta un esperienza ultradecennale nel settore, in ruoli manageriali e imprenditoriali. La Società adotta inoltre alcuni presidi contrattuali e organizzativi che, unitamente alla numerosità degli investimenti programmati e alle soglie massime di investimento di cui al precedente paragrafo "Tipologia delle operazioni di investimento", rappresentano un ulteriore leva per ridurre il rischio complessivo nell attività di investimento (criterio di frazionamento del rischio). Gli accordi di investimento, infatti, prevedono generalmente la presenza di uno o più rappresentanti di Digital Magics nell organo amministrativo e regole di corporate governance che, pur garantendo l autonomia operativa e gestionale delle singole start up, tutelano l investimento, soprattutto nei casi di partecipazioni di minoranza. La Società ritiene inoltre che lo strumento più efficace per la gestione del rischio dell investimento sia rappresentato dal ruolo di incubatore di Digital Magics: ciò consente infatti una relazione continuativa con la start up finanziata, garantendo un monitoraggio e un dialogo permanente con il management della nuova iniziativa, per individuare e condividere eventuali situazioni critiche emergenti nelle prime fasi di sviluppo. Stante le caratteristiche degli investimenti in fase seed ed early stage, è piuttosto frequente la situazione in cui è necessario prendere consapevolezza del mancato raggiungimento degli obiettivi minimi, con conseguente azzeramento delle prospettive di ritorno dall investimento (write-off). Le metodologie e gli strumenti sopra illustrati per la gestione del rischio hanno consentito a Digital Magics di contenere il numero di queste situazioni ad una percentuale tra le più basse del settore, ma non è possibile escludere che tale percentuale possa risultare superiore in futuro. 5

6 ORIZZONTE TEMPORALE DELL INVESTIMENTO Il periodo di ritorno dagli investimenti in fase seed ed early stage (realizzato con cessioni ad operatori industriali e/o finanziari intermedi) è soggetto ad una notevole variabilità, in funzione delle caratteristiche di ciascuna iniziativa e del mercato specifico di riferimento. Nella esperienza di Digital Magics, è possibile realizzare exit molto veloci (anche inferiori ai 12 mesi dalla data dell investimento) ovvero mantenere la partecipazione anche per un periodo di 5 anni (in rari casi anche superiore), soprattutto ove esistono accordi di co-investimento con operatori che sono entrati in fasi successive dello sviluppo delle aziende. Il criterio di riferimento per un operatore con le caratteristiche di Digital Magics prevede che il ruolo propulsore di quest ultimo arrivi a compimento nel momento in cui la start up inizi a produrre stabilmente ricavi significativi e raggiunga il break-even economico. In questa situazione, infatti, la start up normalmente ha ancora ampi margini di sviluppo e può catturare quindi l interesse di nuovi investitori finanziari e/o industriali. Non è inusuale, inoltre, che i nuovi investitori, in particolare quelli di natura finanziaria, chiedano che Digital Magics continui a partecipare all iniziativa per un ulteriore periodo; questi accordi vengono generalmente sottoscritti a fronte di rapporti di diluizione (in occasione dell ingresso del nuovo investitore) giudicati particolarmente favorevoli per Digital Magics. Il previsto sviluppo del comparto di investimenti venture capital in Italia, in particolare nel settore internet (decisamente in ritardo rispetto a paesi europei di analoghe dimensioni economiche), consentirà la nascita di numerosi nuovi operatori nella specifica catena del valore, con una migliore caratterizzazione del ruolo di venture incubator di Digital Magics e, secondo la Società, una conseguente riduzione del periodo di investimento. COPERTURA FINANZIARIA Le iniziative di investimento sono tipicamente finanziate con mezzi propri, in parte derivanti dalle operazioni di disinvestimento. Il modello di business di Digital Magics prevede, infatti, che la copertura finanziaria dei costi di struttura derivi essenzialmente dalla fatturazione dei propri servizi alle startup con le quali esiste un rapporto di incubazione. Poiché tale rapporto non consente a Digital Magics di realizzare alcuna sostanziale marginalità, l'attività svolta come operatore venture deve necessariamente essere supportata da proprio capitale o dai proventi derivanti da operazioni di disinvestimento (il cui risultato, per quanto sia tecnicamente classificato come straordinario in conto economico, misura per altro l effettiva efficacia della gestione). È pertanto di fondamentale importanza che la Società disponga di mezzi propri adeguati, sia per garantire il tempestivo intervento su iniziative considerate particolarmente interessanti, sia ove risulti necessario sostenere ulteriormente iniziative già finanziate per evitare la perdita di opportunità di sviluppo, anche considerando il ruolo e le leve negoziali nei confronti dei potenziali co-investitori. Tenuto conto della peculiarità degli investimenti nonché delle caratteristiche dei rischi assunti, Digital Magics ritiene non opportuno fare ricorso ad un uso significativo della leva finanziaria. PROVENTI DERIVANTI DAI DISINVESTIMENTI L'Emittente intende adottare una politica di remunerazione per gli azionisti che offra un ritorno dell'investimento proporzionato alle plusvalenze realizzate in occasione dei disinvestimenti dalle partecipazioni in start up effettuata nel corso di ciascun esercizio; pertanto la Società intende distribuire ai soci il 50% delle plusvalenza realizzate, nel medesimo esercizio (la "Percentuale di Plusvalenze Distribuibili"), mediante disinvestimenti in partecipazioni di start up che abbiano avuto esito positivo, nella misura in cui, ove in fase di approvazione del bilancio relativo al medesimo esercizio si registri un utile distribuibile di ammontare adeguato. Qualora nell'esercizio di riferimento non vi siano utili distribuibili corrispondenti al 50% delle plusvalenze realizzate dai disinvestimenti, ai soci sarà esclusivamente attribuita la porzione della Percentuale di Plusvalenze Distribuibili fino 6

7 a concorrenza degli utili distribuibili, senza dare diritto al cumulo per la parte di Percentuale di Plusvalenze Distribuibili non attribuita. 7

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Roberto Del Giudice Firenze, 10 febbraio 2014 Il progetto Si tratta del più grande fondo italiano di capitale per lo sviluppo, costituito per dare impulso alla crescita

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER LA DELEGA EX ART. 2443, C.C. AD AUMENTARE IL CAPITALE SOCIALE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER LA DELEGA EX ART. 2443, C.C. AD AUMENTARE IL CAPITALE SOCIALE RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER LA DELEGA EX ART. 2443, C.C. AD AUMENTARE IL CAPITALE SOCIALE predisposta ai sensi dell art. 72 e secondo lo schema n. 2 dell Allegato 3A del Regolamento

Dettagli

AIM Investor Day Aprile 2014

AIM Investor Day Aprile 2014 AIM Investor Day Aprile 2014 Enrico Gasperini, Fondatore e Presidente contact us: facebook.com/digitalmagics twitter.com/digital_magics Via Quaranta 40, 20139, Milano, Italy - Digital Magics - Company

Dettagli

COMPAGNIA DELLA RUOTA SPA

COMPAGNIA DELLA RUOTA SPA INDICE PREMESSA 1 TIPOLOGIA DI OPERAZIONI DI INVESTIMENTO CORE 2 GESTIONE DEL RISCHIO 4 UTILIZZO DI LEVA FINANZIARIA 5 SPA STRATEGIA E POLITICA DI INVESTIMENTO Milano Via Camperio 9 Sede Legale in Biella

Dettagli

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO Roma, 28 giugno 2013 Luigi Tommasini Senior Partner Funds-of-Funds CONTENUTO Il Fondo Italiano di Investimento: fatti e

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital

Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital Focus sul settore high tech 5 Dicembre 2007 Indice Overview generale Il mercato italiano del Private equity e Venture capital Focus sul settore

Dettagli

Scheda Progetto. Nome dell Impresa (o del Progetto) Indirizzo Sede Legale. Indirizzo Sede Amministrativa. Nome del Referente. Telefono del Referente

Scheda Progetto. Nome dell Impresa (o del Progetto) Indirizzo Sede Legale. Indirizzo Sede Amministrativa. Nome del Referente. Telefono del Referente Scheda Progetto Nome dell Impresa (o del Progetto) Indirizzo Sede Legale Indirizzo Sede Amministrativa Nome del Referente Telefono del Referente 1 1. In quale fase si colloca la Tua Impresa? (inserisci

Dettagli

Nuovi servizi di informazione, consulenza strategica e formazione per l innovazione destinati ai vertici delle aziende

Nuovi servizi di informazione, consulenza strategica e formazione per l innovazione destinati ai vertici delle aziende DIGITAL MAGICS LANCIA NUOVI SERVIZI DI OPEN INNOVATION PER LE IMPRESE ECCELLENTI GRAZIE ALLA PARTNERSHIP CON TALENT GARDEN E TAMBURI INVESTMENT PARTNERS Potenziata la piattaforma di Open Innovation DIGITAL

Dettagli

L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI

L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI 10 marzo 2014 UNIVERSITA NICCOLO CUSANO La strumentalità del business plan nella valutazione dei progetti Dott. Thomas Kraicsovits Studio De Vito

Dettagli

Fondo capitale di rischio per le PMI con sede sul territorio regionale

Fondo capitale di rischio per le PMI con sede sul territorio regionale Fondo capitale di rischio per le PMI con sede sul territorio regionale (POR Puglia 2000-2006) 1 IL FONDO Il Fondo per il capitale di rischio ha come obiettivo l acquisizione di quote temporanee di minoranza

Dettagli

Montefeltro Start-up Urbino, 23 Gennaio 2014

Montefeltro Start-up Urbino, 23 Gennaio 2014 Montefeltro Start-up Urbino, 23 Gennaio 2014 La rete dei Business Angels per l alto potenziale di sviluppo e la creazione di nuova occupazione Luca V. Canepa Consigliere Delegato Associazione IBAN www.iban.it

Dettagli

AVVISO n.13376. AIM -Italia/Mercato Alternativo del Capitale. 19 Luglio 2013. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.13376. AIM -Italia/Mercato Alternativo del Capitale. 19 Luglio 2013. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.13376 19 Luglio 2013 AIM -Italia/Mercato Alternativo del Capitale Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : Digital Magics S.p.A. Oggetto : Aggiornamento comunicazione

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Prof. Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo alessandro.berti@uniurb.it Urbino, a.a.

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

ALLEGATO D - SCHEDA INFORMATIVA FONDO POR I.3

ALLEGATO D - SCHEDA INFORMATIVA FONDO POR I.3 ALLEGATO D - SCHEDA INFORMATIVA FONDO POR I.3 La presente scheda informativa sintetizza le modalità di funzionamento del FONDO POR I.3 gestito da Lazio Innova. La scheda informativa non sostituisce lo

Dettagli

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Responsabile relazioni esterne bianca.santillo@lventuregroup.com Via G. Giolitti, 34 00185 Roma, Tel.

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Responsabile relazioni esterne bianca.santillo@lventuregroup.com Via G. Giolitti, 34 00185 Roma, Tel. CARTELLA STAMPA IR Top Consulting Media Relations Via C. Cantù, 1 Milano Luca Macario, Domenico Gentile, Maria Antonietta Pireddu Tel. +39 (02) 45.47.38.84/3 ufficiostampa@irtop.com LVenture Group Responsabile

Dettagli

FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA

FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA Il ruolo dei Venture Capital (VC) nel finanziamento dello sviluppo industriale e economico è esemplificato da alcuni dati. Nel 2006,

Dettagli

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Responsabile Relazioni Esterne bianca.santillo@lventuregroup.com Via G. Giolitti, 34 00185 Roma, Tel.

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Responsabile Relazioni Esterne bianca.santillo@lventuregroup.com Via G. Giolitti, 34 00185 Roma, Tel. CARTELLA STAMPA IR Top Consulting Media Relations Via C. Cantù, 1 Milano Luca Macario, Domenico Gentile, Maria Antonietta Pireddu Tel. +39 (02) 45.47.38.84/3 ufficiostampa@irtop.com LVenture Group Responsabile

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO BCC

Dettagli

Gruppo Banca Sella e Digital Magics, accordo per il finanziamento di 1 milione di euro per l incubazione di startup innovative

Gruppo Banca Sella e Digital Magics, accordo per il finanziamento di 1 milione di euro per l incubazione di startup innovative Gruppo Banca Sella e Digital Magics, accordo per il finanziamento di 1 milione di euro per l incubazione di startup innovative La partnership fra l incubatore e il gruppo bancario è finalizzata all accelerazione

Dettagli

BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme &PARTNERS

BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme &PARTNERS BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme VA &PARTNERS L attività di investimento istituzionale nel capitale di rischio Con il termine investimento istituzionale nel capitale di rischio si intende

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO BCC

Dettagli

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Cristina Marchegiani Responsabile relazioni esterne cristina.marchegiani@lventuregroup.com mob.

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Cristina Marchegiani Responsabile relazioni esterne cristina.marchegiani@lventuregroup.com mob. CARTELLA STAMPA IR Top Consulting Media Relations Via C. Cantù, 1 Milano Luca Macario, Domenico Gentile, Maria Antonietta Pireddu Tel. +39 (02) 45.47.38.84/3 ufficiostampa@irtop.com LVenture Group Cristina

Dettagli

Loan Capital Union Merger & Acquisition

Loan Capital Union Merger & Acquisition Regulated by UIC n 37740 M&A L.BO M.BO FAMILY.BO VENTURE CAPITAL FIN.POOL-MUTUI-LEASING FAMILY OFFICE IPO-PRIVATE EQUITY APF-FINANZIAMENTI DESTINATI CASH & RISK MANGEMENT TRUST PRIVATE EQUITY START UP

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia ed Amministrazione Aziendale La finanza di start up: private equity e venture capital Anno accademico 2011 / 2012 Dott.ssa

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE Private Equity e Venture Capital Il private equity e il venture capital Anni 80 Con venture capital si definiva l apporto di capitale azionario, da parte di operatori

Dettagli

Il marketplace per le Piccole e Medie Imprese italiane ad alto potenziale di crescita

Il marketplace per le Piccole e Medie Imprese italiane ad alto potenziale di crescita Il marketplace per le Piccole e Medie Imprese italiane ad alto potenziale di crescita Primi è il marketplace per le Piccole Medie e Imprese italiane ad alto potenziale di crescita Cos è Primi? Primi è

Dettagli

Executive summary della nuova normativa sulle startup

Executive summary della nuova normativa sulle startup Executive summary della nuova normativa sulle startup Dicembre 2012 2 Fare dell Italia la prossima startup nation Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge contenente Ulteriori

Dettagli

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Fondi Demetra Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Agenda 1.1 Lo scenario di riferimento 1.2 La Società di Gestione 1.3 La Governance della SGR 1.4 Il Fondo Demetra Demetra: dea greca del

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico EXECUTIVE SUMMARY Ministero dello Sviluppo Economico 2 L Italia deve diventare un luogo più ospitale per le nuove imprese innovative. Questo perché, come dimostrano le esperienze di altri Paesi, l innovazione

Dettagli

INTEGRAZIONE ALLA NOTA INFORMATIVA PREMESSO

INTEGRAZIONE ALLA NOTA INFORMATIVA PREMESSO INTEGRAZIONE ALLA NOTA INFORMATIVA PREMESSO 1) che in data 6 dicembre 2012 le Buone Società Spa (la Società) ha reso disponibile presso la sede sociale, nonché sul sito internet della società www.lebuonesocieta.it

Dettagli

IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE

IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE (Sintesi dei dati raccolti da IBAN, con questionario on line, nel periodo 13 gennaio/25 marzo 2010) Variazione % Anno 2009 su 2008 Campione (di cui

Dettagli

2020. Direttive di attuazione.

2020. Direttive di attuazione. Oggetto: Fondo di capitale di rischio (venture capital) per investimenti in equity per la creazione e lo sviluppo di imprese innovative PO FESR Sardegna 2014-2020. 2020. Direttive di attuazione. L Assessore

Dettagli

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio 1 L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio L esperienza del Gruppo Cariparma FriulAdria Roma, 5 Maggio 2010 Carlo PIANA Responsabile Direzione Centrale

Dettagli

Il finanziamento alle startup: il ruolo dell investitore Business Angel

Il finanziamento alle startup: il ruolo dell investitore Business Angel Il finanziamento alle startup: il ruolo dell investitore Business Angel Paolo Anselmo - Presidente Roma, 28 Gennaio 2015 www.iban.it Il Network di IBAN L Associazione IBAN è l'istituzione che rappresenta

Dettagli

Fondo i3-core VADEMECUM per gli investimenti Executive Summary

Fondo i3-core VADEMECUM per gli investimenti Executive Summary Fondo i3-core VADEMECUM per gli investimenti Executive Summary Potenza, 17 marzo 2015 INVIMIT SGR: contesto di riferimento L art. 33, co. 1, del Dl 98/2011 ha previsto la costituzione di una SGR per attuare

Dettagli

comunicato stampa RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 31 MARZO 2015

comunicato stampa RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 31 MARZO 2015 comunicato stampa RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 31 MARZO 2015 Patrimonio netto oltre 458 milioni di euro (354 milioni al 31 dicembre 2014) Utile consolidato ante imposte trimestrale di

Dettagli

Aspetti finanziari del passaggio generazionale

Aspetti finanziari del passaggio generazionale Seminario Il passaggio generazionale delle PMI. Come facilitare il passaggio delle imprese alle nuove generazioni Bari, dicembre 2002 Aspetti finanziari del passaggio generazionale A cura di Massimo Leone

Dettagli

Small Cap Conference 2013 Enrico Gasperini, Presidente

Small Cap Conference 2013 Enrico Gasperini, Presidente Small Cap Conference 2013 Enrico Gasperini, Presidente contact us: facebook.com/digitalmagics twitter.com/digital_magics Via Quaranta 40, 20139, Milano, Italy - info@digitalmagics.com Digital Magics -

Dettagli

LVENTURE GROUP: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEFINISCE LE CONDIZIONI DELL AUMENTO DI CAPITALE E APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE

LVENTURE GROUP: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEFINISCE LE CONDIZIONI DELL AUMENTO DI CAPITALE E APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE COMUNICATO STAMPA * * * * * LVENTURE GROUP: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEFINISCE LE CONDIZIONI DELL AUMENTO DI CAPITALE E APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE Fissato in 0,052 euro il prezzo unitario

Dettagli

Capitale di rischio VS Capitale di debito

Capitale di rischio VS Capitale di debito FINANZA DELL INNOVAZIONE Il capitale di rischio Capitale di rischio VS Capitale di debito Il Capitale di rischio Finanziamento a medio e lungo termine Non prevede scadenze di rimborso ed il disinvestimento

Dettagli

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini 1 DECIDERE DI QUOTARSI LA DECISIONE DI QUOTARSI RAPPRESENTA UNA SCELTTA STRATEGICA

Dettagli

Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA. Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO

Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA. Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO FINALITA E OBIETTIVI Supportare gli investimenti delle Piccole e Medie imprese

Dettagli

Italia Startup Visa la politica del Governo italiano per attrarre imprenditori innovativi stranieri

Italia Startup Visa la politica del Governo italiano per attrarre imprenditori innovativi stranieri Italia Startup Visa la politica del Governo italiano per attrarre imprenditori innovativi stranieri 14 febbraio 2014 Ministero dello Sviluppo economico Sommario Contesto giuridico, nozione di startup innovativa

Dettagli

START-UP INNOVATIVA SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI

START-UP INNOVATIVA SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI ! SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI START-UP INNOVATIVA! Adempimenti amministrativi ed informazioni legali sulle nuove imprese dedicate all innovazione! (Legge

Dettagli

Executive summary della normativa sulle startup innovative

Executive summary della normativa sulle startup innovative Executive summary della normativa sulle startup innovative Gennaio 2014 2 Fare dell Italia la prossima startup nation Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge contenente

Dettagli

IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI

IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI Position Paper ASVI IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI a cura di R. Randazzo e M. Crescenzi, 11 luglio 2012. Indice 1. Alcune domande d impatto sociale, M. Crescenzi, R. Randazzo p. 2 2. Abstract

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Ing. Luca Canepa - Consigliere Delegato IBAN

Ing. Luca Canepa - Consigliere Delegato IBAN Ing. Luca Canepa - Consigliere Delegato IBAN Nato a Milano nel Novembre 1957, Luca è un business leader, executive e advisor con vasta esperienza internazionale. Luca ha supportato con successo varie Aziende

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. Banca di Credito Cooperativo OROBICA di Bariano e Cologno al Serio.

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. Banca di Credito Cooperativo OROBICA di Bariano e Cologno al Serio. Banca di Credito Cooperativo OROBICA di Bariano e Cologno al Serio CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Credito Cooperativo OROBICA di Bariano e Cologno al Serio Tasso Fisso

Dettagli

Il ruolo del credito per favorire l integrazione

Il ruolo del credito per favorire l integrazione Il ruolo del credito per favorire l integrazione Corrado Piazzalunga Direttore Regione Commerciale Ovest Forte di Bard, 26 settembre 2008 AGENDA Le caratteristiche delle imprese italiane: struttura finanziaria

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28 Partecipazioni in società collegate SOMMARIO Paragrafi Ambito di applicazione 1 Definizioni 2-12 Influenza notevole 6-10 Metodo del patrimonio netto 11-12 Applicazione

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Ho avuto un'idea... e adesso? dal sogno alla Startup

Ho avuto un'idea... e adesso? dal sogno alla Startup Ho avuto un'idea... e adesso? dal sogno alla Startup Lunedì 25 MAGGIO 2015 Università degli Studi di Udine - Polo Scientifico dei Rizzi a cura del dott. Federico Barcherini Partner di SEED S.r.l. Socio

Dettagli

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Il capitale di rischio come strumento di sviluppo per le PMI. Lecco, 23 marzo 2011

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Il capitale di rischio come strumento di sviluppo per le PMI. Lecco, 23 marzo 2011 AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Il capitale di rischio come strumento di sviluppo per le PMI Lecco, 23 marzo 2011 Anna Gervasoni Direttore Generale AIFI Agenda Il mercato

Dettagli

Il Private Equity: un approccio alternativo al finanziamento d impresa

Il Private Equity: un approccio alternativo al finanziamento d impresa Il Private Equity: un approccio alternativo al finanziamento d impresa presentazione a Roma, 15 Dicembre 2010 I. L Industria del Private Equity Totale Fondi raccolti worldwide Nonostante i fondi raccolti

Dettagli

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING Dalla fine degli anni 70 la distribuzione commerciale italiana è stata protagonista di un imponente processo di cambiamento

Dettagli

LUGANO SMALL & MID CAP INVESTOR DAY

LUGANO SMALL & MID CAP INVESTOR DAY LUGANO SMALL & MID CAP INVESTOR DAY VI Edizione Hotel Splendide Royal 25 settembre 2015 «Con la reputazione che la finanza si è guadagnata negli ultimi anni dovremmo solo vergognarci, tutti. Ma se riesci

Dettagli

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Milano, 29 gennaio 2014 LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Carissimi Azionisti e Partner, Il 2013 per noi è stato un anno entusiasmante. Abbiamo completato con successo il nostro progetto

Dettagli

utile netto nei nove mesi: 19 milioni di euro circa patrimonio netto oltre 480 milioni di euro attività totali oltre 720 milioni di euro

utile netto nei nove mesi: 19 milioni di euro circa patrimonio netto oltre 480 milioni di euro attività totali oltre 720 milioni di euro RESOCONTO AL 30 SETTEMBRE 2015 utile netto nei nove mesi: 19 milioni di euro circa patrimonio netto oltre 480 milioni di euro attività totali oltre 720 milioni di euro Il Consiglio di Amministrazione di

Dettagli

Startup: dall equity al crowdfunding

Startup: dall equity al crowdfunding Startup: dall equity al crowdfunding FINANZIAMENTI CON GARANZIE STATALI O GOVERNATIVE, PROGRAMMI DI FORMAZIONE E ACCELERAZIONE DEL BUSINESS, MA ANCHE PARTECIPAZIONI IN ATTIVITÀ DI PRIVATE EQUITY E PIATTAFORME

Dettagli

QUALE MANAGEMENT PER LE IMPRESE SPIN-OFF: MANAGER ESTERNI O MODELLO FAI DA TE?

QUALE MANAGEMENT PER LE IMPRESE SPIN-OFF: MANAGER ESTERNI O MODELLO FAI DA TE? QUALE MANAGEMENT PER LE IMPRESE SPIN-OFF: MANAGER ESTERNI O MODELLO FAI DA TE? Corso Le imprese spin-off della ricerca pubblica: come fare ancora meglio dopo le prime 1000? Università Politecnica della

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

Private Equity e Venture Capital: tendenze e modalità di intervento

Private Equity e Venture Capital: tendenze e modalità di intervento Private Equity e Venture Capital: tendenze e modalità di intervento Il Finanziamento delle PMI alternativo al Credito Bancario Università degli studi di Macerata Laboratorio Fausto Vicarelli Agostino Baiocco

Dettagli

Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN

Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN 1 INDICE 1. Modalità di scrittura e stile del business plan... 3 2. Struttura di un business plan... 3 2.1 Sintesi...

Dettagli

LE NUOVE SRL SEMPLIFICATE Con l introduzione dell art. 9, D.L. 28.06.2013 recante ulteriori disposizioni in materia di occupazione, è stata

LE NUOVE SRL SEMPLIFICATE Con l introduzione dell art. 9, D.L. 28.06.2013 recante ulteriori disposizioni in materia di occupazione, è stata LE NUOVE SRL SEMPLIFICATE Con l introduzione dell art. 9, D.L. 28.06.2013 recante ulteriori disposizioni in materia di occupazione, è stata modificata la previgente disciplina in tema di Srl minori comportando

Dettagli

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital MONTEFELTRO START-UP Finanziare l impresa innovativa Il ruolo del venture capital nel supporto alle imprese innovative Giovanni Fusaro Ufficio

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

COMUNICARE L AZIENDA PER REPERIRE

COMUNICARE L AZIENDA PER REPERIRE COMUNICARE L AZIENDA PER REPERIRE CAPITALI UTILIZZANDO AL MEGLIO LE INFORMAZIONI. LE FONTI DI FINANZIAMENTO L attività d impresa, esaminata in un ottica puramente finanziaria, si sviluppa e si concretizza

Dettagli

Il processo di Business Planning e il Business Plan. Vincenzo Corvello

Il processo di Business Planning e il Business Plan. Vincenzo Corvello Il processo di Business Planning e il Business Plan Il problema del finanziamento Le fonti di finanziamento Fonti interne: Riserve di utile Capitale proprio Fonti esterne: Debito Prestiti Obbligazioni

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Fisso

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Fisso Banca di Anghiari e Stia Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Fisso Banca di Anghiari

Dettagli

17389 DEL 23 GIUGNO 2010

17389 DEL 23 GIUGNO 2010 TELECOM ITALIA S.p.A. Sede Legale in Milano Piazza degli Affari n. 2 Direzione Generale e Sede Secondaria in Roma Corso d Italia n. 41 Casella PEC: telecomitalia@pec.telecomitalia.it Capitale sociale euro

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Banca Monteriggioni Credito Cooperativo Soc. Coop.

Banca Monteriggioni Credito Cooperativo Soc. Coop. Banca Monteriggioni Credito Cooperativo Soc. Coop. in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA MONTERIGGIONI CREDITO COOPERATIVO SOC. COOP. STEP UP BANCA

Dettagli

Diamo spazio alle vostre esigenze di sviluppo immobiliare

Diamo spazio alle vostre esigenze di sviluppo immobiliare 2015 Diamo spazio alle vostre esigenze di sviluppo immobiliare BARBIERI SVILUPPO IMMOBILIARE S.R.L. Vi siete mai chiesti quali sono i tre fattori più importanti per chi deve aprire un punto vendita? Gli

Dettagli

Genova, 3 febbraio 2015. Patti parasociali e patrimoni destinati (Prof. Andrea Pericu) Ordine Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Genova

Genova, 3 febbraio 2015. Patti parasociali e patrimoni destinati (Prof. Andrea Pericu) Ordine Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Genova Genova, 3 febbraio 2015 Patti parasociali e patrimoni destinati (Prof. Andrea Pericu) Ordine Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Genova 1 Patti parasociali Varie tipologie di accordi tra soci

Dettagli

POR FESR 2007-2013 ASSE VI COMPETITIVITA

POR FESR 2007-2013 ASSE VI COMPETITIVITA POR FESR 2007-2013 ASSE VI COMPETITIVITA COSTITUZIONE DI UN FONDO DI VENTURE CAPITAL (SEED CAPITAL, START UP CAPITALE E EXPANSION CAPITAL) PERL INVESTIMENTO IN IMPRESE INNOVATIVE Legge Regionale 29 maggio

Dettagli

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A.

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Disclaimer Il presente documento è stato elaborato unicamente al fine di fornire generiche

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

YOOX S.P.A.: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI

YOOX S.P.A.: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI COMUNICATO STAMPA YOOX S.P.A.: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI Parte ordinaria: Approva il Bilancio di esercizio al 31 dicembre 2013 Approva la prima sezione della Relazione sulla Remunerazione Approva il

Dettagli

POLO YOUNG INVITO A PRESENTARE PROPOSTE PROGETTUALI PER L INSEDIAMENTO PRESSO L INCUBATORE CULTURALE POLO YOUNG

POLO YOUNG INVITO A PRESENTARE PROPOSTE PROGETTUALI PER L INSEDIAMENTO PRESSO L INCUBATORE CULTURALE POLO YOUNG POLO YOUNG INVITO A PRESENTARE PROPOSTE PROGETTUALI PER L INSEDIAMENTO PRESSO L INCUBATORE CULTURALE POLO YOUNG IL CONTESTO La valorizzazione dei beni e delle attività culturali è un tema di cui si è molto

Dettagli

SELEZIONE FIA PRIVATE DEBT OTTOBRE 2015. QUESTIONARIO - RfP

SELEZIONE FIA PRIVATE DEBT OTTOBRE 2015. QUESTIONARIO - RfP Requisiti di partecipazione Per FIA si intende lo OICR in fase raccolta che viene proposto. Per GEFIA (di seguito per brevità SOCIETA o GEFIA) si intende il soggetto che ha costituito e gestirà il FIA.

Dettagli

Private Equity: Management and investment opportunity. Michel Cohen, Milano, 6 Giugno 2007

Private Equity: Management and investment opportunity. Michel Cohen, Milano, 6 Giugno 2007 Private Equity: Management and investment opportunity Michel Cohen, Milano, 6 Giugno 2007 Obiettivo Realizzare un ritorno sul capitale significativamente maggiore rispetto ad altri strumenti: 25-30% IRR

Dettagli

La finanza trait-d union tra impresa sociale e innovazione sociale

La finanza trait-d union tra impresa sociale e innovazione sociale S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO INNOVAZIONE NEL TERZO SETTORE, UNA SFIDA POSSIBILE La finanza trait-d union tra impresa sociale e innovazione sociale Davide Dal Maso Milano, 10 aprile 2014

Dettagli

ASPETTI LEGALI DELL INVESTIMENTO NELLE START - UP

ASPETTI LEGALI DELL INVESTIMENTO NELLE START - UP ASPETTI LEGALI DELL INVESTIMENTO NELLE START - UP START UP PHASES EARLY STAGE 1 2 3 FASE Seed Start up First Stage Bisogno di Capitale per: Ricerca / Prototipo Sviluppo prodotto + Approccio mercato Produzione

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE BANCA DELLA MARCA - STEP UP / STEP DOWN

Dettagli

La ricerca del VALORE nelle aggregazioni tra farmacie

La ricerca del VALORE nelle aggregazioni tra farmacie La ricerca del VALORE nelle aggregazioni tra farmacie Dott. Gianluca Strata Napoli - 7 febbraio 2010 Evoluzione delle Teorie del Valore Teorie classiche Il valore intrinseco di una cosa è la misura della

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Credito Cooperativo di Bene Vagienna s.c. TASSO VARIABILE

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Credito Cooperativo di Bene Vagienna s.c. TASSO VARIABILE 9. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Banca di Credito Cooperativo di Bene Vagienna (Cuneo) Società Cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca

Dettagli

1^ edizione regionale REGOLAMENTO INDICE

1^ edizione regionale REGOLAMENTO INDICE 1^ edizione regionale REGOLAMENTO INDICE 1. Definizione del progetto e obiettivi 2. Destinatari 3. Progetti ammissibili 4. Servizi offerti e premi 5. Termini e modalità di presentazione della domanda 6.

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli 1 Il fabbisogno finanziario delle imprese si può definire, in senso dinamico,

Dettagli

Finanziare l innovazione in Italia. Relatore: Prof. Ing. Carlo Mammola

Finanziare l innovazione in Italia. Relatore: Prof. Ing. Carlo Mammola Finanziare l innovazione in Italia Relatore: Prof. Ing. Carlo Mammola 25 settembre 2015 Innovazione in Italia IUS 2015 L Italia è definito come innovatore moderato dal report dell Innovation Union Scoreboard

Dettagli

dall idea alla startup

dall idea alla startup dall idea alla startup Vademecum sul mondo del Venture Capital IL VENTURE CAPITAL Il venture capital è l attività di investimento in capitale di rischio effettuata da operatori professionali e finalizzata

Dettagli

Imprese appena costituite o progetti d impresa (da non piu di 48 mesi) Operano in ambiti innovativi. Hanno una forte componente di R&S

Imprese appena costituite o progetti d impresa (da non piu di 48 mesi) Operano in ambiti innovativi. Hanno una forte componente di R&S Imprese appena costituite o progetti d impresa (da non piu di 48 mesi) Operano in ambiti innovativi Hanno una forte componente di R&S Hanno intensi piani di crescita (3-5 anni) Necessitano di apporti di

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente REGOLAMENTO DI EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO 2007/2012 TF 4,58% 118^ EMISSIONE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA DEL PROSPETTO DI BASE PER L OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI A TASSO VARIABILE, MISTO e ZERO COUPON Banca Popolare di Bergamo S.p.A. 30/06/2008-2018 ZERO COUPON

Dettagli

Obbligazione a tasso fisso con cedole annuali crescenti e rimborso del capitale a scadenza (100%) CODICE ISIN XS0372734227 - Serie LV2008-9

Obbligazione a tasso fisso con cedole annuali crescenti e rimborso del capitale a scadenza (100%) CODICE ISIN XS0372734227 - Serie LV2008-9 PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CREDIT SUISSE FIXED RATE STEP-UP INTEREST RATE NOTES DUE 18/07/2014 emesso da Credit Suisse acting through its London Branch Obbligazione a tasso fisso con cedole annuali crescenti

Dettagli