Centro di Ricerca Erba Sacra

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Centro di Ricerca Erba Sacra www.erbasacra.com"

Transcript

1 Centro di Ricerca Erba Sacra Problematiche relative alla tossicodipendenza D.ssa Tania Liberatore D.ssa Luisiana Pascucci Progetti Sociali Centro di Ricerca Erba Sacra Viale Appio Claudio 289, Roma Marzo 2006

2 Premessa Nell immaginario collettivo il termine DROGA richiama d immediato una serie di drammatiche realtà, dalla criminalità diffusa fra i tossicodipendenti, al dilagare di malattie mortali veicolate da siringhe infette, dal disagio giovanile al difficile recupero di chi ha deciso di smettere. La gravità di questi fenomeni rende evidente la necessità di sensibilizzare i cittadini, soprattutto giovani, ad acquisire conoscenze chiare, reali, scientifiche sulle droghe, sulle sostanze d abuso e sugli effetti sui processi somatici e su quelli mentali. Il Centro di Ricerca Erba Sacra, nell ambito delle sue attività di servizio sociale in collaborazione con gli Enti Locali e le scuole, con questo progetto, si propone di divulgare le più importanti informazioni scientifiche sul fenomeno della droga e su quello della dipendenza, ad essa strettamente correlato. L intento è quello di fornire ai destinatari del progetto, attraverso la spiegazione e il confronto, i mezzi necessari per renderli informati e consapevoli sulle droghe, sulla loro pericolosità e sul loro potere distruttivo sulla vita dell uomo. DROGA E TOSSICODIPENDENZE Droga è un termine con diversi significati. In Farmacologia (scienza che studia i farmaci naturali e di sintesi), quando si parla di droga si fa riferimento a quella parte della pianta in cui sono contenuti i principi attivi che vengono utilizzati per preparare farmaci. Sono sostanze dotate di attività biologica. Il termine droga ha la sua origine etimologica dall olandese droge: vegetali secchi importati dalle Indie Olandesi. In inglese la parola Drug corrisponde sia a droga come sopra esposto, sia a farmaco, un termine che secondo l O.M.S. (Organizzazione Mondiale della Sanità) si applica a qualunque sostanza naturale e di sintesi capace, quando introdotta in un organismo vivente, di modificarne una o più funzioni. (1969) Nel linguaggio comune per droga s intende qualsiasi sostanza di origine animale o vegetale con proprietà stupefacenti allucinogene, o psicostimolanti dotata di effetti psichici piacevoli, desiderabili e talvolta perfino utili, ma associati a rischi di abuso, di tossicodipendenza, di tolleranza e di altre conseguenze negative sul piano individuale e sociale. La droga in senso generale ha la capacità di liberare la mente dai controlli e dai freni che ci mantengono sul terreno angusto, ma collaudato e sicuro, dei comportamenti normali. Essa affievolisce i segnali del pericolo, provoca un senso di piacere, di fiducia in sé, di evasione. Stimola la tendenza ad abbandonarsi al corso degli eventi, a sopravvalutare le proprie forze, a perdersi. 2

3 La scienza, gli studiosi, hanno da sempre cercato di individuare delle risposte che potessero spiegare la tendenza dell uomo ad avvicinarsi alle droghe. L osservazione dei comportamenti umani nelle diverse civiltà, nel corso della storia ha evidenziato come l uomo si è sempre sentito incuriosito dalla droga, spinto verso la droga. A questo proposito scrive Daniele Bovet intorno agli anni 50 La droga accompagna il cammino dell uomo da sempre, in tutte le civiltà. Deve quindi corrispondere ad un bisogno profondo, che ha le radici nella natura umana. Il pensiero di Bovet invocava la presenza di sostanze endogene capaci di riprodurre effetti simili alle droghe esogene e acquietare gli stati di animo come la sofferenza della mente e del corpo, il bisogno di emergere, la paura ed il desiderio di evadere dal grigiore della vita quotidiana. Nel 1973, un importante scoperta evidenzia la presenza nell organismo di recettori specifici per gli oppioidi (ovvero tutti i prodotti morfino-simili). Due anni dopo circa, un altra importante ricerca evidenzia l esistenza di fattori interni, endogeni simil-oppiacei. Questi fattori sono i liganti naturali dei recettori degli oppioidi (ovvero sostanze naturali che si legano con i recettori specifici antecedentemente individuati). Tali fattori sono chiamati peptidi oppiodi e sono le: Endorfine Encefaline Dinorfine Oggi è noto che gli oppioidi agiscono mimando le sostanze naturali chiamate peptidi oppioidi. Queste sostanze sono i liganti naturali dei recettori degli oppioidi. I peptidi oppiodi, hanno in comune con le droghe esogene il loro punto di attacco e le proprietà fondamentali. Queste ultime una volta somministrate sostituiscono nei recettori quelle endogene corrispondenti e ne riproducono gli effetti. Alla luce di tali scoperte possiamo oggi affermare che l attrazione verso la droga è riconducibile ad esigenze e motivazioni del tutto personali e profondamente radicate nella natura stessa dell uomo. 3

4 1. TIPI DI DROGHE ED EFFETTI DROGHE MORFINICI PSICOSTIMOLANTI PSICHEDELICI I DERIVATI DELL OPPIO (OPPIACEI) I COMPOSTI CORRELATI ALL OPPIO (OPPIODI). COCAINA ANFETAMINE KAT ALLUCINOGENI: LSD, MESCALINA, PSOLCIBINA, MDMA (ECSTASY METILENDIOSSIM ETAMFETAMMIN A), PCP Le droghe si suddividono in tre classi fondamentali: a) MORFINICI b) PSICOSTIMOLANTI c) PSICHEDELICI a) Morfinici Il termine morfina viene da Morfeo, Dio pagano del sonno e dell oblio ed indica tutte quelle sostanze deprimenti utilizzate come rimedio alla sofferenza ed alle sue manifestazioni. Tra i morfinici troviamo: i derivati dell oppio (oppiacei), che a sua volta si distinguono in naturali: morfina, codeina, tebaina, papaverina (miorilassante); 4

5 semisintetici: eroina, metadone, apomorfina, naloxone e naltrexone (antagonisti); i composti correlati all oppio (oppiodi): hanno gli stessi effetti dei derivati dell oppio. Sono inclusi in questa categoria i cannabinoidi, l alcool, i tranquillanti, i sedativi, gli ansiolitici che a dosi abnormi riproducono effetti morfino-simili. L oppio, estratto dal PAPAVER SOMNIFERUM, è ottenuto dal lattice che sgorga per incisione delle capsule seminifere immature del papavero. Il succo è essiccato e polverizzato per ottenere l oppio, da cui si ricavano circa 20 alcaloidi. L uso degli alcaloidi piuttosto che le preparazioni di oppio grezzo si diffuse nel mondo della medicina alla fine del diciannovesimo secolo. La ricerca scientifica tenta di liberarlo del suo veleno, ma questo è insito nelle caratteristiche che lo rendono desiderabile. Tra i derivati dell oppio naturale c è, come sopra elencato, la morfina, che trova un ampio impiego nella terapia del dolore. L assorbimento è rapido, viene metabolizzato nel fegato, è escreto attraverso il rene con le urine. Il 90% della sua concentrazione è eliminato durante le prime ventiquattrore, si ritrovano tracce nelle urine e nelle feci anche dopo diversi giorni dall ultima assunzione. Ha un emivita di circa due ore negli adulti. La sua azione è breve a causa della distribuzione nel sistema circolatorio. La morfina non persiste nei tessuti e nelle ventiquattrore la concentrazione tissutale è notevolmente ridotta. L eroina, che è un derivato semisintetico dell oppio (diacetilmorfina) è più liposolubile della morfina e penetra nel cervello più rapidamente. Il metadone, anch esso di derivazione semi sintetica, ha proprietà farmacologiche simili a quelle della morfina e trova un ampio impiego nella terapia sostitutiva all eroina per combattere la tossicodipendenza. Ha tra le sue azioni farmacologiche attività analgesiche, facilita altresì la soppressione duratura dei sintomi di astinenza negli individui con dipendenza fisica. E efficace la somministrazione orale, viene metabolizzato dal fegato ed escreto con le urine. Il metadone è legato alle proteine in molti tessuti, compreso il cervello. In seguito a somministrazioni ripetute si osserva un accumulo graduale nei tessuti. Sospesa la somministrazione, si ritrovano basse concentrazioni di metadone nel plasma, a causa del lento rilascio da parte dei siti di legame extravascolari; questo processo giustifica la sindrome di astinenza lieve ma prolungata. Per ciò che concerne invece le sostanze correlate all Oppio (oppioidi) tra le più diffuse troviamo i cannabinoidi ovvero la droga estratta dalla Cannabis. La Cannabis, pianta da cui si estrae la canapa, è coltivata da sempre sia per la produzione della canapa (industria tessile), sia per le sue proprietà medicinali e psicoattive. Il fumo derivante dalla combustione delle foglie e del suo succo contiene molti alcaloidi tra cui il più potente D-9-tetraidrocannabinolo. 5

6 L azione farmacologica varia con la dose, la via di somministrazione, la vulnerabilità agli effetti psicoattivi e alle condizioni di utilizzo. L intossicazione induce cambiamenti nell umore, nelle percezioni e nelle motivazioni. Tra gli effetti desiderati abbiamo: stato di euforia definito HIGH e un senso di allegria definito MELLOWING OUT. Lo stato di HIGH può protrarsi per circa due ore. Durante questo periodo vi è compromissione delle funzioni cognitive e della percezione, del tempo di reazione, dell apprendimento, della memoria, del comportamento coordinato e bilanciato. Cambiamenti comportamentali quali incostanza e aumento del desiderio di cibo, in particolare di dolci; aumentato desiderio sessuale e un superiore senso di consapevolezza di sé. Si possono verificare anche reazioni spiacevoli come il panico, allucinazioni, psicosi e ansia. Queste modifiche hanno ovvie implicazioni nella conduzione di veicoli, nella capacità lavorativa e scolastica. Una delle maggiori implicazioni connesse all uso dei cannabinoidi è l induzione da sindrome da demotivazione. L abuso della droga comporta un lento allontanamento da tutte le attività sociali, con una riduzione dell interesse nella scuola, nel lavoro e nelle attività finalizzate in generale. La droga è sotto accusa per queste modificazioni comportamentali, anche se non sono state dimostrate le relazioni. Non esiste evidenza di un danneggiamento delle cellule cerebrali, anche se dopo l interruzione dell uso cronico di alte dosi di marijuana, compare un graduale miglioramento nello stato mentale. A livello terapeutico trova impiego contro la nausea ed il vomito nella chemioterapia tumorale, miorilassante, anticonvulsivo, ipotensivo, utile anche nel glaucoma. Questi effetti terapeutici sono sempre accompagnati da effetti collaterali indesiderati che limitano il loro uso in medicina. L astinenza si manifesta con irrequietezza, irritabilità, leggera agitazione, insonnia, disturbi nell elettroencefalogramma durante il sonno, nausea e crampi. In linea generale possiamo dire che i morfinici riducono la percezione di alcuni segnali di allarme a contenuto spiacevole come dolore, ansia, paura che l organismo attiva quando viene a contatto con situazioni avverse reali o psichiche. Non eliminano le avversità ma riducono la percezione della loro pericolosità. Usata per non affrontare le difficoltà della vita, la droga, in questi casi conduce in un paradiso artificiale che finisce per aggravare la circostanza. A parte le conseguenze negative degli effetti psicotropi e della tossicodipendenza, terribili ma passeggeri sono i disturbi dell astinenza e la depressione del sistema immunitario che riduce le difese contro le infezioni. Per ciò che concerne gli effetti a livello psichico essi determinano analgesia, sonnolenza, offuscamento mentale. Riducono la percezione del dolore (alcuni pazienti sperimentano uno stato di euforia), senza perdita di coscienza. Leniscono il dolore fisico e psichico. Rasserenano. A livello somatico gli oppiodi influenzano il sistema endocrino, riducono la temperatura corporea, determinano ipotensione. Abbassano la frequenza, il polso ed il ritmo cardiaco. Determinano vasodilatazione periferica. Riducono la digestione, la 6

7 motilità. Aumentano il tono della parete intestinale e degli sfinteri fino allo spasmo. Riducono sensibilmente la diuresi. b) Psicostimolanti Questa classe di sostanze psicoattive comprende la cocaina e i suoi derivati (amfetamine), e tutte quelle sostanze che presentano effetti simil-cocaina, come khat, the, caffè, alcol e nicotina. L attività anestetica della cocaina è stata scoperta casualmente alla fine del XIX secolo. Isolata nel 1860 Albert Nieman notò, dopo averla assaggiata, che induceva insensibilità alla lingua. Essa viene estratta dalle foglie di un piccolo arbusto, spontaneo del Sud America, ERYTROXYLON COCA ed è masticata da sempre dagli abitanti delle Ande come stimolante. La cocaina assunta per inalazione ha un emivita di 50 minuti circa. Lo stato euforico è associato alla concentrazione plasmatica, massima entro i primi minuti nella somministrazione inalata. Da qui l esigenza di ripetute inalazioni da parte degli utilizzatori di cocaina, fino all esaurimento della droga stessa. La cocaina aumenta la frequenza cardiaca e la pressione arteriosa. Migliora l attenzione, lo stato di vigilanza. Il senso di benessere, che è accompagnato da euforia aumenta il desiderio della droga. A dosi elevate compare attività motoria involontaria, comportamento stereotipato e paranoia, irritabilità fino ad un atteggiamento aggressivo e violento. La cocaina e gli psicostimolanti in genere hanno un azione stimolante anche sulla parte adrenergica del sistema neurovegetativo: eccitano e accelerano i processi mentali e attenuano il senso della fame, della fatica e della sete, disattivano il segnale del dolore che ci avverte di fermarci e recuperare. Permettono sforzi impossibili fino all abuso della propria resistenza. Gli oppiacei sono le droghe per chi ricerca la pace interiore e l oblio, mentre la cocaina sorregge chi vuole emergere e teme di non riuscire, chi ama la lotta, chi cerca l autoaffermazione. La cocaina viene metabolizzata nel fegato ed eliminata con le urine. Si ritrova nelle urine fino a cinque giorni dopo l ultima assunzione, nei grossi consumatori fino a 10 giorni. Spesso è associata all uso di tranquillanti e di bevande alcoliche, per ridurre l instabilità psico-fisica che si manifesta nell uso di forti dosi di cocaina. E facile in questo modo instaurare dipendenza dall alcol e sedativi. Esiste una potente interazione tra alcol e cocaina. Assunte contemporaneamente, la cocaina è esterificata dall alcol formando un composto il COCAETILENE, molto più volatile e più velocemente assorbito a livello cerebrale; i suoi effetti sono immediati e molto potenti. Il kat è un vegetale, masticato nell Africa orientale e nello Yemen. Le sue proprietà stimolanti, sono dovute alla presenza di un alcaloide, il catinone simile alle 7

8 amfetamine. E stato sintetizzato in laboratori clandestini un congenere con gli stessi effetti stimolanti: il metcatinone. I sintomi da astinenza sono: disforia, depressione, sonnolenza, astenia, craving (forte risposta alla sola vista della droga, ancora prima della somministrazione; tale reazione consiste in un allerta fisiologica e un aumentato desiderio ardente di lei), bradicardia. Un discorso a parte meritano due sostanze quali l etanolo e la nicotina che, a bassi dosaggi hanno un effetto psicostimolante, mentre ad alti dosaggi hanno un effetto deprimente e si comportano in modo morfino simile. Etanolo L uso dell alcol etilico preparato per fermentazione di zuccheri, amidi e carboidrati risale ai primordi della storia. Classificato come deprimente, produce sonno e sedazione. Gli effetti iniziali sono spesso percepiti come una stimolazione, dovuta alla soppressione di sistemi inibitori. L alcol danneggia la memoria recente, ad alte dosi induce un fenomeno definito black out, per il quale la persona che ha assunto l alcol non ha ricordo del proprio comportamento mentre era intossicato. L astinenza determina appetizione patologica e compulsiva di alcol, tremore fino al delirium tremens (attacchi convulsivi dopo ore dall ultima assunzione) irritabilità, disturbi del sonno, tachicardia, ipertensione, sudorazione, distorsioni percettive, grave agitazione, confusione, nausea, vomito e pupille dilatate, allucinazioni visive. L alcol viene metabolizzato dal fegato per induzione enzimatica, è tossico per lo stesso fegato, l apparato cardiocircolatorio e gastrointestinale. Nelle donne in gravidanza, passa la barriera placentare producendo Sindrome Alcolica Fetale causa frequente di ritardo mentale. L alcol produce tolleranze crociate con altri sedativi. La combinazione con le Benzodiazepine è pericolosa. Altre combinazioni deleterie sono: SPEED BALL: eroina e cocaina. CRACK: cocaina in forma libera mescolata al tabacco e inalata con il fumo. Nicotina E un alcaloide isolato nel 1828 dalle foglie di Nicotiana Tabacum. Essa riveste una rilevante importanza medica per la sua tossicità latente, la presenza nel tabacco e la tendenza ad indurre dipendenza nei consumatori abituali. La dipendenza può essere duratura come lo testimoniano l alto tasso d insuccesso di fumatori che tentano di smettere. Diversamente dalla cocaina e dall alcol sono pochi gli individui che si limitano a poche sigarette per evitare la dipendenza. La nicotina di per sé induce rinforzo; ogni aspirazione, infatti, provoca effetti sul sistema nervoso nel brevissimo tempo di sette secondi. L abitudine della gestualità rinforza una dipendenza, fra le più pericolose, sebbene i suoi effetti sono di potenza minore. 8

9 La depressione dell umore è sempre associata alla dipendenza che aumenta significativamente durante l astinenza. Questo spiega, forse, il fenomeno delle ricadute. La nicotina viene assorbita velocemente attraverso la pelle, le mucose ed i polmoni e viene metabolizzata da fegato e polmoni e secreta rapidamente attraverso i reni. La sua emivita è di circa due ore. In media una sigaretta contiene da 6-11 mg di nicotina e permette un assunzione sistemica di circa 1-3 mg. La dose letale acuta di nicotina, si aggira intorno a 60 mg di base. La nicotina induce modificazioni complesse e spesso imprevedibili. Possiede un azione stimolante su di una gran varietà di siti effettori e una contemporanea azione desensibilizzante nei confronti d altri recettori. La risposta finale in ciascun sistema è considerata la sommatoria degli effetti avvincenti e inibitori della nicotina. Stimola l impulso nervoso, aumenta il rilascio di dopamina, e di altre ammine piogene che danno quella particolare sensazione di piacere. Aumentano le concentrazioni di glucocorticoidi e catecolamine a basso dosaggio. Provoca lieve analgesia iniziale, tremori e convulsioni a dose elevate. La depressione e la morte intervengono sia per blocco centrale della respirazione sia per blocco periferico dei muscoli respiratori. Produce vasocostrizione, rialzo significativo della pressione arteriosa della frequenza del ritmo cardiaco. Aumenta il tono la motilità intestinale. Il suo principio attivo non comporta di per sé un rischio apprezzabile di abuso. Secondo studi fatti, gli effetti della nicotina si traducono in un senso di calma, in un miglioramento dell attenzione e della memoria, in un insieme di effetti contemporanei calmanti e stimolanti. ( Daniel Bovet Premio Nobel) Nello stesso tempo di è dimostrato che danneggiano le pareti vasali, la riduzione del trasporto di ossigeno determina il formarsi di placche ateromatose, facilita la trombosi, le ischemie perifireriche, gli Infarti. Alto è anche il livello di carcinogenicità dei prodotti di combustione. La scienza e la tecnologia potrebbero cercare di risolvere questo problema senza privare il fumatore dei piaceri offerti dalla nicotina. La carcinogenicità e la sua manifestazione clinica è come una bomba ad orologeria, che può esplodere anni dopo essere innescata. I tumori sono causati dai prodotti di combustione che si fumano e si respirano soprattutto con la sigaretta. L astinenza determina irritabilità, impazienza, ostilità, ansia, umore disforico o depresso, difficoltà di concentrazione, irrequietezza, riduzione della frequenza cardiaca, aumento di appetito e di peso. c) Psichedeliche Sono gli allucinogeni: LSD (dietilamide dell acido lisergico), MESCALINA, PSOLCIBINA, MDMA (ecstasy metilendiossimetamfetammina), PCP (fenciclidina), KETAMINA, DMT (N, N-dimetiltriptamina) e molte altre sostanze sintetiche e naturali che a dosi massicce presentano tali effetti (amfetamine, scopolamina, atropina, oppio, dopamina, marijuana). 9

10 Sono usati anche, in combinazione con sedativi illegali come flunitrazepam o GHB (gamma idrossibutirrato); quest ultimo particolarmente efficace nel compromettere la memoria, è stato spesso utilizzato nei date rapes (appuntamenti con stupro). Effetto primario degli psichedelici, anche a basse dosi, è la distorsione percettiva della realtà. La loro caratteristica distintiva è di svincolare la mente dalla realtà; quella che si percepisce attraverso i sensi e possiamo toccare e influenzare con le nostre mani, consentendo cosi di viaggiare liberamente nello spazio e nel tempo. La droghe psichedeliche danno le ali a chi vuole evadere dalla quotidianità. Conferiscono poteri straordinari (percezione extrasensoriale) e possono aumentare o ripristinare la creatività artistica. Le sensazioni procurate dagli allucinogeni sono paragonabili ad avventure in mondi sconosciuti detti viaggi o trip. Alcuni agenti psichedelici riproducono abbastanza fedelmente i sintomi di malattie mentali. Le droghe psichedeliche consentono alla mente di svincolarsi dai limiti ristretti entro i quali è normalmente confinata. Tali limiti, percepiti come prigionia, restrizione della libertà segnano il confine del terreno sul quale la mente può muoversi senza correre rischi eccessivi. Non procurano felicità, ne danno la sferzata che consente di affrontare gli ostacoli insormontabili. Sono le mongolfiere che si alzano nel cielo ondeggiando nel vento dove neppure i sogni, la fantasia e l immaginazione possono arrivare. Procurano immagini fantasmagoriche, percezioni e intuizioni, negate all uomo comune. Sono il risveglio di poteri psichici occulti o assopiti. Il rischio è di confondere la realtà con la sua rappresentazione psichica, di strappare il filo sottile che collega l uno con l altra. Per ciò che concerne l LSD, essa produce allucinazioni prevalentemente visive. E il farmaco allucinogeno più potente. E venduta sul mercato illegale in diverse forme. Un sistema consiste nell impregnare fogli di carta delle dimensioni di un francobollo con varie dosi di LSD ( mcg). Effetti significativi sono già presenti in una dose di mcg. Tali effetti sono variabili, anche nello stesso individuo, in tempi diversi. Compaiono nei primi minuti, la droga, rapidamente assorbita, dopo somministrazione orale, raggiunge il massimo della concentrazione tra le due e quattro ore, ritornando ai livelli basali tra le sei e otto ore. I sintomi a dosaggi di 100 mcg sono: distorsione percettiva e allucinazioni visive, cambiamenti di umore, ebbrezza, paranoia e depressione, intensa eccitazione e alcune volte senso di panico. Sintomi che indicano l assunzione di LSD sono a livello somatico: dilatazione pupillare, aumento della pressione arteriosa e tachicardia, salivazione, lacrimazione, e riflessi pronunciati. Gli effetti visivi sono rilevanti, i colori sembrano più intensi e le figure possono apparire alterate; il soggetto può focalizzare l attenzione su dettagli insoliti, come per esempio la distribuzione dei peli sulla mano. L uso frequente di farmaci psichedelici può dare grave agitazione da richiedere l intervento farmacologico. Parlare con il soggetto in modo rassicurante (talking down) si è dimostrato efficace. Queste droghe inducono un effetto tardivo Disordine 10

11 percettivo persistente da allucinogeni, espresso da disturbi visivi episodici detti flashback, perché assomigliano alle esperienze dei precedenti viaggi. La sintomatologia comprende false percezioni fugaci nei distretti periferici, lampi di colori, pseudoallucinazioni geometriche e immagini residue. Il disturbo visivo può rappresentare un alterazione permanente, aggravata da diversi fattori come lo stress, l affaticamento, l ingresso in un ambiente scuro, l uso di marijuana, di neurolettici (antagonisti dei recettori dopaminergici), gli stati ansiosi. Anche l Ecstasy determina effetti stimolanti e presunti miglioramenti nelle capacità di comprensione e di autoconsapevolezza. Gli effetti acuti dipendono dalla dose. Si possono avere sintomi come: tachicardia, secchezza delle fauci, contrazione mascellare e dolori muscolari. L intossicazione determina allucinazioni visive, agitazione, ipertermia e attacchi di panico. Nei ratti è stato dimostrato degenerazione dei corpi cellulari e degli assoni di neuroni serotoninergici. 11

12 2. LA TOSSICODIPENDENZA La tossicodipendenza può essere definita come un bisogno irrefrenabile e cosciente, che si manifesta generalmente dopo più somministrazioni, di assumere una droga non più solo per produrne gli effetti iniziali, ma per evitare i disturbi causati dalla sua mancanza e per mantenere uno stato accettabile di benessere fisico e psichico. La tossicodipendenza può riguardare una o più droghe. Non tutte le droghe danno tossicodipendenza (morfinici e psicostimolanti a lungo andare sì gli psichedelici no). La tossicodipendenza dipende da un insieme di aggiustamenti fisiologici che da un lato controbilanciano gli effetti negativi della droga, ma dall altro si traducono in un nuovo instabile equilibrio biologico, che per essere conservato richiede la presenza della droga. Secondo l O.M.S. la tossicodipendenza è uno stato psichico e fisico risultante dall interazione tra un organismo vivente e una droga, caratterizzato da modificazione del comportamento e da altre reazioni, che producono sempre la pulsione ad assumere la droga in maniera continua o periodica al fine di ritrovarne gli effetti psichici ed evitare i disturbi causati dalla sua privazione. La tossicodipendenza può essere vista come avente una funzione protettiva per l organismo. Essa è la risposta organica necessaria dell organismo per mantenere il nuovo equilibrio ottenuto con la droga, in assenza di quest ultima, diventa controproducente. Essa è quindi l espressione dell omeostasi, un meccanismo difensivo che è alla base della vita stessa. Questa capacità consente di salvaguardare il proprio stato interiore mediante adattamenti funzionali e fisiologici, atti a neutralizzare tutto ciò che può perturbarlo. La dissuefazione mira a ripristinare l equilibrio naturale iniziale. L organismo sviluppa così effetti opposti a quelli caratteristici di ciascuna droga. A- Morfinici: analgesia vs ipersensibilità al dolore B- Psicostimolanti: adrenergici vs colinergici Questi aggiustamenti omeostatici, sempre presenti, non sono avvertiti dall organismo, fino a quando la droga li controbilancia. Con il progredire della tossicodipendenza, si osserva un aumentato consumo delle quantità della droga per riprodurre gli effetti iniziali, instaurandosi quel fenomeno che viene definito tolleranza, ovvero la resistenza che si instaura, dopo diverse somministrazioni, agli effetti di una droga. La tolleranza determina il bisogno irrefrenabile di aumentare le dosi con il fine di riprodurre gli effetti iniziali. E strettamente collegata alla tossicodipendenza perché entrambe sono dovute all adattamento funzionale dell organismo agli effetti della droga. Per esempio: 1- Eroina. Pochi milligrammi iniziali a dosi fino 100 volte più elevate 2- Nicotina. Poche tirate della prima sigaretta a 20-40, nei casi estremi 80 sigarette al giorno. Il meccanismo della tossicodipendenza è biologico, non le conseguenze di questo meccanismo. 12

13 La sindrome da astinenza è data da disturbi psichici e fisici causati dalla sospensione di una droga nei cui confronti si è sviluppata una tossicodipendenza. I sintomi di astinenza sono in genere manifestazioni di segno opposto rispetto agli effetti della droga. Solo le droghe sono capaci di instaurare tossicodipendenza perché sono le uniche capaci di disattivare segnali d allarme a contenuto molto spiacevole, come il dolore fisico e mentale. Questi segnali sono anche dotati di una rappresentazione mentale che ne consente il riconoscimento a livello cosciente che è neutralizzato dalla droga. Per tornare al suo stato iniziale l organismo deve iperattivarli. Questo contro adattamento funzionale non è avvertito finché è bilanciato dagli effetti opposti della droga, ma si determina, se quest ultima viene a mancare, un intollerabile sensibilità al dolore e ad altri fenomeni psichici e fisici spiacevoli. Per questo motivo, solo il tossicodipendente in astinenza, collega i suoi disturbi alla mancanza della droga e avverte un bisogno lucido e assillante di procurarsela per evitare la crisi in sua assenza. L organismo, inoltre, ha la capacità di sopportare dosi crescenti di una sostanza, adattandosi ai suoi effetti con aggiustamenti di segno opposto. E per effetto di questo processo che la droga perde la sua efficacia. Per riprodurne gli effetti iniziali deve essere assunta a dosi crescenti, fino ad un limite massimo rappresentato dalla saturazione delle capacità omeostatiche dell organismo (adeguarsi automaticamente ai mutamenti con aggiustamenti fisiologici di segno opposto che li neutralizzano). Esiste uno stretto collegamento tra tolleranza e tossicodipendenza; entrambe sono espressioni del medesimo processo omeostatico, quello che consente alla vita di resistere agli agenti avversi. L intensità della tossicodipendenza dipende dalle caratteristiche dei processi psichici influenzati dalla droga. MORFINICI Primi nella classifica delle droghe che danno tossicodipendenza. Essi deprimono soprattutto il dolore, che è un meccanismo d importanza critica per la sopravvivenza, sempre in funzione ed iperattivato di notte, quando il livello di attenzione si abbassa e altri sensori, come la vista e l udito sono momentaneamente disattivati. Gli oppiacei agendo su un meccanismo difensivo critico, evocano una reazione omeostatica particolarmente pronta e intensa. PSICOSTIMOLANTI Agiscono su meccanismi di allarme che segnalano la fame, la sete, la fatica, il dolore stesso con modalità diverse. Essi richiedono l intermediazione del sistema adrenergico, il cui funzionamento presenta fisiologicamente delle ampie oscillazioni. In altre parole, i sistemi di allarme influenzati rispettivamente dagli oppiacei e dagli psicostimolanti funzionano come termostati; mentre il primo scatta ad ogni variazione di temperatura, i secondi solo quando la temperatura è incandescente. Questo spiega il consumo occasionale di cocaina, senza diventare tossicodipendenti, mentre non avviene per gli oppioidi e per gli oppiacei. 13

14 Viceversa, gli psicostimolanti sono più pericolosi per gli effetti propri, perché i sistemi omeostatici che dovrebbero contrastarli sono meno pronti ad intervenire. Questo dimostra come la tossicodipendenza è un meccanismo di difesa capace di proteggere dalla tossicità propria della droga. ALCOL Le concentrazioni basse di alcol non preoccupano l organismo perché è in grado di difendersi attraverso un meccanismo detto induzione enzimatico, che non comporta tossicodipendenza. E un processo biochimico dovuto all azione di particolari sostanze endogene chiamate ENZIMI, capaci di metabolizzare l alcol e altri composti, trasformandoli in altri composti meno tossici. La risposta omeostatica scatta quando l alcol supera i livelli guardia. La situazione è ulteriormente complicata dalle differenze individuali, che sono ampie e su base ereditaria probabilmente. NICOTINA Agisce sugli aggregati di cellule nervose: gangli nervosi nel sistema nervoso periferico e nuclei nel sistema nervoso centrale. Questi centri sono coinvolti in molti processi mentali memoria, attenzione). Il loro livello di attività presenta delle variazioni sensibili nell arco delle ventiquattro ore, diverse da persona a persona. La regolazione omeostatica, dunque, non è precisa come gli oppioidi ma certamente più intensa di molti psicostimolanti. PSICHEDELICI Ultimi come frequenza e gravità di tossicodipendenza. Queste droghe influenzano dei processi mentali che l organismo è abituato a lasciar fluttuare liberamente. Si tratta degli spazi lasciati alla fantasia, all immaginazione, ai sogni. Si tratta dei momenti nei quali la mente vaga senza costrizioni, svincolandosi dalla realtà circostante. L allarme suona quando si perde la capacità di distinguere tra fantasia e realtà. Oltre questo limite subentrano le allucinazioni, il delirio, la follia. La risposta omeostatica e il rischio di tossicodipendenza sono molto bassi. Al contrario, il pericolo di danni causati dagli effetti propri di queste sostanze è molto elevato. Possiamo affermare che la predisposizione alla tossicomania dipende essenzialmente da due fattori: Forte predisposizione costituzionale (individuale, genetica, ereditaria) Motivazioni psicologiche determinati dall ambiente (famigliari, culturali, sociali e circostanze ambientali). 14

15 3. PROFILI DI PERICOLOSITA Caratteristica fondamentale di una droga è la capacità di disattivare i meccanismi che controllano e mantengono entro certi limiti alcuni importanti processi mentali. La pericolosità di una droga, non dipende solo dal suo abuso o dal grado di tossicodipendenza, ma anche da altri elementi di rischio come per esempio la carcinogenicità del tabacco e la neuro-tossicità ed epato-tossicità dell alcol. I fattori principali di pericolosità sono indicati con tre lettere dell alfabeto greco. FATTORE ALFA Risiede negli effetti diretti delle droghe, derivanti dalle loro proprietà psicotrope. FATTORE BETA Consiste nella tossicodipendenza. Appartiene non solo alle proprietà intrinseche della droga, ma è la conseguenza indiretta della contrareazione omeostatica dell organismo. FATTORE GAMMA Indica l insieme dei danni causati da elementi aggiuntivi, quali la modalità di somministrazione, la composizione del prodotto finito, i suoi contaminanti etc. Esiste quindi una differenza sostanziale tra i fattori alfa e beta da un lato e gamma dall altro: sui primi due è possibile intervenire riducendo il consumo della droga, l altro può essere contrastato anche con interventi specifici. In conformità a queste premesse, per ciascuna classe di droga si ha un diverso profilo di pericolosità e si possono individuare i tipi di interventi da adottare. Negli psicostimolanti e negli psichedelici prevale il fattore alfa, ossia la pericolosità negli effetti della droga stessa che li rendono desiderabili. Vanno banditi, salvo alcuni impieghi strettamente medici per alcuni psicostimolanti. Il confronto tra questi ultimi ed i morfinici mostra, che il rapporto tra il fattore alfa ed il fattore beta è inversamente proporzionale, ossia che la tossicodipendenza è espressione di una reazione difensiva agli effetti diretti della droga. Se prendiamo in considerazione l alcol, invece, esso è un esempio di quanto la pericolosità di una droga può dipendere dagli usi, dalle abitudini, dalla cultura e dalla reattività individuale. Fattore alfa: pericolosità intrinseca alla droga stessa con i suoi effetti psicotropi. Fattore beta: reattività soggettiva Fattore gamma: danni derivanti dalla composizione delle bevande (alcol metilico molto tossico, soprattutto a livello del nervo ottico). Tracce significative di pesticidi, conservanti altre sostanze nocive usate in agricoltura. Per completare il quadro, i danni dell ebbrezza alcolica o ubriachezza. Essa è la causa di moltissimi incidenti, molti di più di quelli causati dalle altre droghe. Per quanto riguarda invece la nicotina possiamo vedere che per il Fattore alfa gli effetti diretti della droga sono modesti, per il Fattore beta la tossicodipendenza è molto marcata in alcuni casi, in relazione alle difficoltà obiettive di dissuefazione e molto dipende dalle caratteristiche psicologiche del soggetto, il Fattore gamma invece è elevatissimo. Parafrasando il grande Ippocrate: Gli effetti delle droghe dipendono non solo dalle loro proprietà intrinseche, ma anche dalla reattività individuale della persona che le assume. 15

16 Nella Tabella seguente è evidenziato il profilo di pericolosità di alcune classi di droghe. PROFILO DI PERICOLOSITA DI ALCUNE CLASSI DI DROGHE Fattori di pericolosità Classi Alfa Beta Gamma Oppiacei Psicostimolanti Psichedelici Alcol Tabacco da fumo Alfa, effetti diretti; beta, tossicodipendenza; gamma, aspetti collaterali Il punteggio attribuito alla pericolosità va da (assente) a +++ (massima) 16

Le Droghe Alcune cose che vale la pena sapere A cura del Dipartimento Dipendenze

Le Droghe Alcune cose che vale la pena sapere A cura del Dipartimento Dipendenze Le Droghe Alcune cose che vale la pena sapere A cura del Dipartimento Dipendenze Az. ULSS 20 Verona Cosa sono? Le Sostanze Psicoattive Sono tutte quelle sostanze legali ed illegali che: 1. Agiscono sul

Dettagli

INTOSSICAZIONI Da ABUSO DI SOSTANZE NON TERAPEUTICHE e ALCOOL

INTOSSICAZIONI Da ABUSO DI SOSTANZE NON TERAPEUTICHE e ALCOOL INTOSSICAZIONI Da ABUSO DI SOSTANZE NON TERAPEUTICHE e ALCOOL aspetti generali, alterazioni e primo soccorso Inf.Bazzanella Alessandro e IC Ivano Floriani 2012 stato patologico provocato dall azione nociva

Dettagli

Crisi convulsive Sostanze psicoattive

Crisi convulsive Sostanze psicoattive CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA Crisi convulsive Sostanze psicoattive CROCE ROSSA ITALIANA - a cura del Capo Monitore V.d.S. Iannozzi Emanuela CRISI CONVULSIVE Susseguirsi di movimenti

Dettagli

Farmacodipendenza. Addiction

Farmacodipendenza. Addiction Farmacodipendenza Ricerca compulsiva di una sostanza per ottenere uno stato di piacere /euforia o per alleviare uno stato di sofferenza, nonostante vi siano gravi conseguenze sociali o per la salute Addiction

Dettagli

La dipendenza psicologica. Dott.ssa Aurora Martina Meneo aurora.meneo@gmail.com 328 92 88 660 www.lifeofbrain.com

La dipendenza psicologica. Dott.ssa Aurora Martina Meneo aurora.meneo@gmail.com 328 92 88 660 www.lifeofbrain.com La dipendenza psicologica Dott.ssa Aurora Martina Meneo aurora.meneo@gmail.com 328 92 88 660 www.lifeofbrain.com E una condizione in cui il consumatore ha bisogno di assumere frequentemente una sostanza:

Dettagli

CANNABIS. Generazione In- Dipendente

CANNABIS. Generazione In- Dipendente CANNABIS Generazione In- Dipendente CANNABIS Introduzione CANAPA (CANNABIS SATIVA) Principi attivi: tetraidrocannabinolo (Δ 9 -THC) Altri Principi non attivi: cannabinolo, cannabidiolo Con i termini hashis

Dettagli

DIPENDENZA DA DROGHE O TOSSICODIPENDENZA

DIPENDENZA DA DROGHE O TOSSICODIPENDENZA DIPENDENZA DA DROGHE O TOSSICODIPENDENZA L Organizzazione Mondiale della Salute ha definito la tossicodipendenza come uno stato di intossicazione periodico o cronico generato dal consumo ripetuto di una

Dettagli

LA DROGA DROGA: tutte le sostanze, naturali o artificiali che modificano il funzionamento del sistema nervoso

LA DROGA DROGA: tutte le sostanze, naturali o artificiali che modificano il funzionamento del sistema nervoso LA DROGA DROGA: tutte le sostanze, naturali o artificiali che modificano il funzionamento del sistema nervoso in genere agiscono sulle sinapsi, alterando la trasmissione dell impulso nervoso e provocando

Dettagli

Alcol, droghe e comportamenti a rischio

Alcol, droghe e comportamenti a rischio 26 marzo 2014 h. 09.10-11.00: LEZIONE DI LEGALITA Alcol, droghe e comportamenti a rischio prof.ssa Alessandra Busulini Mosaico - classi 1 e : prevenzione all uso di alcol Mosaico - classi 2 e : prevenzione

Dettagli

TOSSICODIPENDENZE TOSSICODIPENDENZE

TOSSICODIPENDENZE TOSSICODIPENDENZE TOSSICODIPENDENZE Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI TOSSICODIPENDENZE Identificare e classificare i diversi tipi di DROGHE e SOSTANZE che provocano TOSSICODIPENDENZA Cosa significa DIPENDENZA,

Dettagli

I neurotrasmettitori

I neurotrasmettitori I neurotrasmettitori Classificazione dei farmaci in base agli effetti sulla trasmissione sinaptica AGONISTI: farmaci che facilitano gli effetti postsinaptici di un certo neurotrasmettitore ANTAGONISTI:

Dettagli

uso cattivo, illecito, smodato di qualche cosa.

uso cattivo, illecito, smodato di qualche cosa. definizione di ABUSO: uso cattivo, illecito, smodato di qualche cosa. In termini correnti: esercitare un'attività illecita senza la necessaria autorizzazione. Esempio: abuso edilizio Per quanto riguarda

Dettagli

DIPENDENZA DA CANNABINOIDI

DIPENDENZA DA CANNABINOIDI DIPENDENZA DA CANNABINOIDI La cannabis è forse la prima pianta ad essere stata coltivata dall uomo a scopo non commestibile Da sempre è utilizzata per le sue proprietà psicoattive e per produrre fibre

Dettagli

NON FARTI DI SOSTANZE FATTI LA TUA VITA!

NON FARTI DI SOSTANZE FATTI LA TUA VITA! S E R T P R O M E C O I.T.C. V. BACHELET FERRARA 2010-2011 NON FARTI DI SOSTANZE FATTI LA TUA VITA! I N T R O D U Z I O N E Cosa sono le droge? Qualsiasi sostanza vegetale o chimica ad azione eccitante,

Dettagli

LA TERAPIA FARMACOLOGICA DELLE DIPENDENZE

LA TERAPIA FARMACOLOGICA DELLE DIPENDENZE Pesaro, 14 ottobre 2005 LA TERAPIA FARMACOLOGICA DELLE DIPENDENZE Marco Saettoni Università di Pisa Dipartimento di Psichiatria, FNB Scuola di Psicoterapia Cognitiva Grosseto PROGRAMMA Premesse generali:

Dettagli

SINDROME D ASTINENZA

SINDROME D ASTINENZA SINDROME D ASTINENZA Dipende dalla quantità di sostanza assunta e dalla velocità di eliminazione dall organismo. Nel caso del metadone i sintomi sono gli stessi, ma l insorgenza della sindrome è più lenta,

Dettagli

Il termine inglese per indicare la tossicomania, addiction, deriva dal latino addicere cioè condannare. Un tossicomane è, in un certo senso,

Il termine inglese per indicare la tossicomania, addiction, deriva dal latino addicere cioè condannare. Un tossicomane è, in un certo senso, Il termine inglese per indicare la tossicomania, addiction, deriva dal latino addicere cioè condannare. Un tossicomane è, in un certo senso, condannato ad una schiavitù involontaria, essendo obbligato

Dettagli

Tabacco, alcool, droghe

Tabacco, alcool, droghe Tabacco e prestaziome Tabacco, alcool, droghe Essere in pieno possesso delle proprie capacità cardio respiratorie e muscolari è indispensabile per la pratica di uno sport, qualunque esso sia. Alcune sigarette

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

DIPARTIMENTO POLITICHE ANTIDROGA. Informazioni per i giovani. www.droganograzie.it

DIPARTIMENTO POLITICHE ANTIDROGA. Informazioni per i giovani. www.droganograzie.it DIPARTIMENTO POLITICHE ANTIDROGA? a n i a coc Informazioni per i giovani www.droganograzie.it COCAINA Anno 2009 A cura di: Dipartimento Politiche Antidroga - Presidenza del Consiglio dei Ministri Tratto

Dettagli

LE DIPENDENZE Tra clinica e neurobiologia, alla ricerca di un integrazione

LE DIPENDENZE Tra clinica e neurobiologia, alla ricerca di un integrazione LE DIPENDENZE Tra clinica e neurobiologia, alla ricerca di un integrazione PSICOTERAPIA E PSICOFARMACI 1 IV ANNO 2013 IRPPI 2 febbraio Stefano Martellotti 1 DEFINIZIONE DIPENDENZA DIPENDENZA Una modalità

Dettagli

Aspetti operativi della sorveglianza sanitaria su tossicodipendenza

Aspetti operativi della sorveglianza sanitaria su tossicodipendenza Aspetti operativi della sorveglianza sanitaria su tossicodipendenza Dott. Giuseppe Giubbarelli Medico del lavoro UO Medicina del lavoro Ospedale di Sassuolo Cosa sono le droghe Sostanze : Psicoattive :(agiscono

Dettagli

L azione delle droghe sul cervello

L azione delle droghe sul cervello Aspettando le Olimpiadi delle Neuroscienze Trento 16 gennaio 2012 in collaborazione con il Museo delle Scienze di Trento L azione delle droghe sul cervello Yuri Bozzi, PhD Laboratorio di Neuropatologia

Dettagli

STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE

STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE Luca Luciani TOLLERANZA Fenomeno a causa del quale un consumatore di sostanze stupefacenti deve assumere dosi sempre maggiori per ottenere l effetto desiderato

Dettagli

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Sofferenza, disagio, disturbi psichici e del comportamento di adolescenti e giovani: i servizi si confrontano Varese, 16 novembre 2011 USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE

Dettagli

LA VERITÀ SULLA DROGA DI RICCARDO CURIN. Ogni anno la DROGA distrugge e rovina milioni di vite. Cosa dovresti sapere al riguardo?

LA VERITÀ SULLA DROGA DI RICCARDO CURIN. Ogni anno la DROGA distrugge e rovina milioni di vite. Cosa dovresti sapere al riguardo? LA VERITÀ SULLA DROGA Ogni anno la DROGA distrugge e rovina milioni di vite. Cosa dovresti sapere al riguardo? Che cosa è Per DROGA si intende una sostanza di origine naturale o artificiale che modifica

Dettagli

Uso, abuso e dipendenza da sostanze

Uso, abuso e dipendenza da sostanze Uso, abuso e dipendenza da sostanze Dipartimento Patologia delle Dipendenze ASL AL Dr. Luigi Bartoletti Paradigma di una malattia Patologia primaria Propria eziologia e fisiopatologia Presenza di sintomi

Dettagli

BDZ: uso clinico. Disturbi d ansia. Insonnia (datante da poco tempo od occasionale) Epilessia. Come miorilassanti ad azione centrale.

BDZ: uso clinico. Disturbi d ansia. Insonnia (datante da poco tempo od occasionale) Epilessia. Come miorilassanti ad azione centrale. In preanestesia Disturbi d ansia Insonnia (datante da poco tempo od occasionale) Epilessia BDZ: uso clinico Come miorilassanti ad azione centrale Due considerazioni relative alla farmacocinetica 1. Quando

Dettagli

Adolescenza e Droga. dr.giuseppe Mascarella

Adolescenza e Droga. dr.giuseppe Mascarella Adolescenza e Droga dr.giuseppe Mascarella L uso di droghe è una scelta individuale a cui concorrono fattori personali ed ambientali Prima di operare una scelta è bene conoscere le due facce della medaglia

Dettagli

LE SOSTANZE STUPEFACENTI E NON ED I LORO EFFETTI. Dott. Maurizio Sgro Ser.D. Riva del Garda

LE SOSTANZE STUPEFACENTI E NON ED I LORO EFFETTI. Dott. Maurizio Sgro Ser.D. Riva del Garda LE SOSTANZE STUPEFACENTI E NON ED I LORO EFFETTI Dott. Maurizio Sgro Ser.D. Riva del Garda Droga sostanza in grado di: v alterare l attività del cervello v modificare gli stati psicologici v cambiare il

Dettagli

L uso di sostanze stupefacenti al di fuori di quello terapeutico è sbagliato. Non esistono droghe leggere o pesanti esiste la droga

L uso di sostanze stupefacenti al di fuori di quello terapeutico è sbagliato. Non esistono droghe leggere o pesanti esiste la droga LA DROGA DISTRADA: CONOSCERE LE SOSTANZE PER EVITARLE Domenica 29 novembre 2015 Dr. Romeo Salvi L uso di sostanze stupefacenti al di fuori di quello terapeutico è sbagliato Non esistono droghe leggere

Dettagli

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Gli Antidepressivi

Dettagli

ABUSO DI SOSTANZE PSICOATTIVE, TRATTAMENTO E SICUREZZA STRADALE. IL RUOLO DEL MEDICO DEL SER.T.

ABUSO DI SOSTANZE PSICOATTIVE, TRATTAMENTO E SICUREZZA STRADALE. IL RUOLO DEL MEDICO DEL SER.T. Giornate Vittoriesi di Medicina Legale Pieve di Soligo 20 e 21 novembre 2003 ABUSO DI SOSTANZE PSICOATTIVE, TRATTAMENTO E SICUREZZA STRADALE. IL RUOLO DEL MEDICO DEL SER.T. Marco Capuani Dipartimento per

Dettagli

Neurobiologia delle ricadute e linee guida degli interventi antifumo e di terapia di disassuefazione da nicotina

Neurobiologia delle ricadute e linee guida degli interventi antifumo e di terapia di disassuefazione da nicotina Neurobiologia delle ricadute e linee guida degli interventi antifumo e di terapia di disassuefazione da nicotina Cristiano Chiamulera Professore Associato di Farmacologia Sezione di Farmacologia Dipartimento

Dettagli

Università degli studi di Bologna

Università degli studi di Bologna Università degli studi di Bologna Master in tossicologia forense Giugno 2013 Franco Cantagalli USI ALTERNATIVI DELLE BENZODIAZEPINE Lormetazepam in gocce 1 Analisi chimica benzodiazepina composto insaturo

Dettagli

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE SOMMARIO 7 L IMPORTANZA DEL COLON 11 UN ORGANO CON FUNZIONI VITALI 12 La fisiologia 20 La visione psicosomatica 36 L alimentazione 40 I rimedi naturali 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È

Dettagli

Giuliano Vettorato INTRODUZIONE ALLA PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA

Giuliano Vettorato INTRODUZIONE ALLA PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA Giuliano Vettorato Eb1221 INTRODUZIONE ALLA PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA CAP I Approccio globale al problema (modello sistemico) Fattori sociali Fattori psicologici Fattori psicopatologici Sistema

Dettagli

DIPARTIMENTO POLITICHE ANTIDROGA. Informazioni per i giovani. www.droganograzie.it

DIPARTIMENTO POLITICHE ANTIDROGA. Informazioni per i giovani. www.droganograzie.it DIPARTIMENTO POLITICHE ANTIDROGA? y s a t ecs Informazioni per i giovani www.droganograzie.it ECSTASY Anno 2009 A cura di: Dipartimento Politiche Antidroga - Presidenza del Consiglio dei Ministri Tratto

Dettagli

01 La dipendenza: aspetti generali 2

01 La dipendenza: aspetti generali 2 VI Sommario Parte prima Che cos è la dipendenza Non tutte le dipendenze sono uguali: si può dipendere da una sostanza, da una persona, da un comportamento. Il risultato, comunque, è sempre lo stesso: l

Dettagli

ALCOLDIPENDENZA E PROBLEMI ALCOLCORRELATI

ALCOLDIPENDENZA E PROBLEMI ALCOLCORRELATI ALCOLDIPENDENZA E PROBLEMI ALCOLCORRELATI Augusta Bianchi psichiatra psicoterapeuta Servizio Dipendenze ASL PAVIA Servitore - insegnante Club Alcologico Territoriale Effetti psichici piacevoli IMMEDIATI

Dettagli

Introduzione. Generalità

Introduzione. Generalità DIPENDENZE Introduzione In questo capitolo si illustrano le situazioni di urgenza che si possono verificare in pazienti che abusano di sostanze farmacologiche di natura diversa. Senza entrare in questa

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

NEUROSCIENZE CLINICHE COCAINA: CONSEGUENZE SULLE FUNZIONI CEREBRALI E SUL COMPORTAMENTO

NEUROSCIENZE CLINICHE COCAINA: CONSEGUENZE SULLE FUNZIONI CEREBRALI E SUL COMPORTAMENTO NEUROSCIENZE CLINICHE COCAINA: CONSEGUENZE SULLE FUNZIONI CEREBRALI E SUL COMPORTAMENTO ANNO ACCADEMICO 2014-2015 Prof.ssa Barbara De Marchi Meccanismi d azione della cocaina! La cocaina agisce su re-uptake

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

Interazione tra alcol e farmaci o "sostanze" varie Molti farmaci (in primo luogo tranquillanti ed ansiolitici, ma anche antidolorofici, alcuni antistaminici, perfino sciroppi per la tosse) interagiscono

Dettagli

Effetti ricercati Emozioni forti, parole fluenti e rapporti facili con tutti, specie con l altro sesso.

Effetti ricercati Emozioni forti, parole fluenti e rapporti facili con tutti, specie con l altro sesso. inferno. ECSTASY Emozioni forti, parole fluenti e rapporti facili con tutti, specie con l altro sesso. Colpo di calore (cioè collasso dovuto all aumento della temperatura corporea); rischio di trombosi.

Dettagli

Dott.ssa Mariarosaria Sannino. Scuola Primaria Classe V

Dott.ssa Mariarosaria Sannino. Scuola Primaria Classe V Dott.ssa Mariarosaria Sannino Scuola Primaria Classe V DROGA è Con il termine droga si indica ogni sostanza capace di agire sui meccanismi e sui processi del cervello. Modifica le emozioni, i ricordi,

Dettagli

L ALCOLISMO. Un problema risolvibile

L ALCOLISMO. Un problema risolvibile L ALCOLISMO Un problema risolvibile MAPPA INTRODUZIONE DIPENDENZA PERCHÈ SI ABUSA? ASPETTI SOCIALI 1. GIOVANILE 2. VIOLENZA TERAPIE ASSOCIAZIONI UTILI L ALCOLISMO INTRODUZIONE È LA PIÙ ANTICA E DIFFUSA

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

DIPARTIMENTO POLITICHE ANTIDROGA. Informazioni per i giovani. www.droganograzie.it

DIPARTIMENTO POLITICHE ANTIDROGA. Informazioni per i giovani. www.droganograzie.it DIPARTIMENTO POLITICHE ANTIDROGA? s i b a cann Informazioni per i giovani www.droganograzie.it CANNABIS Anno 2009 A cura di: Dipartimento Politiche Antidroga - Presidenza del Consiglio dei Ministri Tratto

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto IL SISTEMA NERVOSO Sistema nervoso centrale Sistema nervoso periferico encefalo midollo spinale sensoriale motorio -Cervello -Cervelletto somatico simpatico autonomo parasimpatico -Midollo allungato Il

Dettagli

Dipendenza da sostanze. a cura di G Forza (Ser.T Padova) e M Morari (Università di Ferrara)

Dipendenza da sostanze. a cura di G Forza (Ser.T Padova) e M Morari (Università di Ferrara) Dipendenza da sostanze a cura di G Forza (Ser.T Padova) e M Morari (Università di Ferrara) Classi di sostanze 1. Alcol 2. Allucinogeni 3. Amfetamine 4. Caffeina 5. Cannabis 6. Cocaina 7. Fenciclidina 8.

Dettagli

Guida e Dipendenze. Corso universitario di Educazione Stradale Luiss 15 novembre 2010

Guida e Dipendenze. Corso universitario di Educazione Stradale Luiss 15 novembre 2010 Guida e Dipendenze Corso universitario di Educazione Stradale Luiss 15 novembre 2010 Grazie agli studi neurologici oggi è possibile osservare anche i meccanismi di funzionamento del cervello Maturazione

Dettagli

ASPETTI PSICHIATRICI

ASPETTI PSICHIATRICI Le nuove droghe e addiction comportamentali Varese, 5 dicembre 2012 ASPETTI PSICHIATRICI Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE 2011 DELL'OSSERVATORIO EUROPEO DELLE DROGHE E TOSSICODIPENDENZE Cannabis: Prevalenza

Dettagli

Medicina sociale. Prof. Giovanna Tassoni Istituto di Medicina legale Università degli Studi di Macerata

Medicina sociale. Prof. Giovanna Tassoni Istituto di Medicina legale Università degli Studi di Macerata Medicina sociale Prof. Giovanna Tassoni Istituto di Medicina legale Università degli Studi di Macerata Alcolemia Concentrazione di alcool nel sangue Prof.. Istituto di Medicina legale Università degli

Dettagli

PROGETTO SCUOLA: ALCOL E SOSTANZE D ABUSO NEI LUOGHI DI LAVORO GRAVIDANZA E LAVORO

PROGETTO SCUOLA: ALCOL E SOSTANZE D ABUSO NEI LUOGHI DI LAVORO GRAVIDANZA E LAVORO PROGETTO SCUOLA: ALCOL E SOSTANZE D ABUSO NEI LUOGHI DI LAVORO GRAVIDANZA E LAVORO Dr.ssa Lucia Bramanti Servizio di Prevenzione, Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro AUSL Viareggio 24 25 novembre 2009

Dettagli

Stefania Borgo. Lezioni 17-19

Stefania Borgo. Lezioni 17-19 Disturbi da di sostanze uso ed abuso psicotrope Stefania Borgo Sintesi Usi rituali e curativi delle sostanze psicoattive Classificazione farmacologica delle sostanze psicoattive Classificazione clinica

Dettagli

I DISTURBI D ANSIA TRA LA PATOLOGIA ORGANICA E LA PATOLOGIA PSICHICA: L APPROCCIO FARMACOTERAPEUTICO

I DISTURBI D ANSIA TRA LA PATOLOGIA ORGANICA E LA PATOLOGIA PSICHICA: L APPROCCIO FARMACOTERAPEUTICO I DISTURBI D ANSIA TRA LA PATOLOGIA ORGANICA E LA PATOLOGIA PSICHICA: L APPROCCIO FARMACOTERAPEUTICO Nella risposta di stress si verificano specifiche variazioni nel rilascio di neurotrasmettitori, neuromodulatori

Dettagli

Istituto Santelia Cantù

Istituto Santelia Cantù 30 gennaio 2012; primo incontro (Riccardo) Istituto Santelia Cantù Classe 1 f liceo scientifico Brain storming DIPENDENZA: droga, alcool, farsi figo, fumare, monotonia, dimenticare, gioco, isolamento,

Dettagli

13.4. Gli effetti dell'etanolo comprendono a. aumento del sonno REM b. aumento della secrezione gastrica c. (a e b) d. (nessuna delle precedenti)

13.4. Gli effetti dell'etanolo comprendono a. aumento del sonno REM b. aumento della secrezione gastrica c. (a e b) d. (nessuna delle precedenti) 56 13. Alcol etilico - Proprietà farmacologiche, effetti collaterali, usi clinici. - Farmacocinetica. - Intossicazione acuta e cronica e loro trattamento. - Dipendenza e sindrome da astinenza, loro trattamento.

Dettagli

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto La prevenzione delle droghe prof.ssa Carla Buonaiuto L adolescenza inizia con l ingresso alla scuola media inferiore e in questo periodo avvengono cambiamenti psicofisici e nelle relazioni con la famiglia,

Dettagli

Cannabis sativa. Endocannabinoidi. Fitocannabinoidi

Cannabis sativa. Endocannabinoidi. Fitocannabinoidi CANNABINOIDI Fitocannabinoidi Endocannabinoidi Tetraidrocannabinolo Cannabidiolo Cannabigerolo Cannabicromene Cannabinolo Anandamide 2-arachidonoil-glicerolo (2-AG) 2-arachidonil-gliceril-etere (noladinetere)

Dettagli

La dipendenza può essere:

La dipendenza può essere: Secondo l OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità, per DROGA deve intendersi qualsiasi sostanza che introdotta in un organismo vivente ne modifica il funzionamento e/o gli atteggiamenti sia fisici che

Dettagli

servizi per le dipendenze PROGETTO COCAINA Corso di aggiornamento 2009 per medici, farmacisti ed operatori sociosanitari BELLINZONA

servizi per le dipendenze PROGETTO COCAINA Corso di aggiornamento 2009 per medici, farmacisti ed operatori sociosanitari BELLINZONA Corso di aggiornamento 2009 per medici, farmacisti ed operatori sociosanitari BELLINZONA Mercoledì 28 ottobre 2009 1 Criteri per la descrizione dei diversi profili di consumatori Cocaina CARATTERISTICHE

Dettagli

La gestione del dolore nel paziente con mieloma: fra farmaci e consigli. Fabrizio Cavalloro

La gestione del dolore nel paziente con mieloma: fra farmaci e consigli. Fabrizio Cavalloro La gestione del dolore nel paziente con mieloma: fra farmaci e consigli Fabrizio Cavalloro CHE COSA E IL DOLORE E CHE FUNZIONE HA? IL DOLORE Il dolore è una esperienza spiacevole, sensoriale ed emozionale,

Dettagli

Isili 17 novembre 2012

Isili 17 novembre 2012 Club Alcologico Territoriale Isili Isili 17 novembre 2012 1 Centro Alcologico Senorbì Comune di Isili ... stato di benessere fisico, psichico e sociale e non solo assenza di malattia o infermità... presuppone

Dettagli

DEFINIZIONE DI DIPENDENZA

DEFINIZIONE DI DIPENDENZA DIPENDENZA DA FUMO Il tabagismo è l'abitudine o dipendenza dal fumo di tabacco a cui consegue un'intossicazione di tipo cronico DEFINIZIONE DI DIPENDENZA Per dipendenza si intende una alterazione del comportamento

Dettagli

Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello

Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello PARTE 1 Parte 1 978-88-08-19583-8 1 Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello La farmacologia è la scienza che studia come i farmaci influenzano il

Dettagli

Trattamento farmacologico nei setting riabilitativi

Trattamento farmacologico nei setting riabilitativi Trattamento farmacologico nei setting riabilitativi Dr. Giovanni Luca Galimberti NOA Seregno ASL Prov.MILANO3 Dr. Giovanni Luca Galimberti 1 Trattamento farmacologico nei setting riabilitativi Il trattamento

Dettagli

MCA e dipendenze: quali sono le domande più frequenti e quali sono le risposte più.. sensate?

MCA e dipendenze: quali sono le domande più frequenti e quali sono le risposte più.. sensate? Dipartimento delle Dipendenze MCA e dipendenze: quali sono le domande più frequenti e quali sono le risposte più.. sensate? dott. Marco Riglietta Direttore Dipartimento delle Dipendenze Bergamo, 2 ottobre

Dettagli

Anestetici locali. Blocco. Nocicettori Conduzione assonica. Rilascio mediatori spinali. Recettori postsinaptici. Canali Na + Recettori presinaptici

Anestetici locali. Blocco. Nocicettori Conduzione assonica. Rilascio mediatori spinali. Recettori postsinaptici. Canali Na + Recettori presinaptici Blocco Nocicettori Conduzione assonica Canali Na + Rilascio mediatori spinali Recettori presinaptici Oppioidi, alfa-2 Recettori postsinaptici Glutammato Neurochinine Anestetici locali Blocco canali Na

Dettagli

I principali tipi di droghe

I principali tipi di droghe I principali tipi di droghe Droghe e basi neuronali della gratificazione Tutte le sostanze che danno dipendenza aumentano il tono dopaminergico del sistema mesolimbico, in particolare dell accumbens (shell)

Dettagli

Nausea e vomito da chemioterapia

Nausea e vomito da chemioterapia Nausea e vomito da chemioterapia La nausea e il vomito sono tra gli effetti collaterali più temuti dai soggetti che devono sottoporsi a una chemioterapia per un tumore perché hanno un grande impatto sulla

Dettagli

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE I venerdì della salute COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE Letizia Martinengo, PhD Biblioteca di Gressan 9 aprile 2010 COSA SAPPIAMO DELLO STRESS PERCHE PARLARE DI STRESS PROBLEMI DI SALUTE

Dettagli

Organizzazione ed attività dei SERT. (Servizi per le tossicodipendenze) 26 Novembre 2007. Il buco

Organizzazione ed attività dei SERT. (Servizi per le tossicodipendenze) 26 Novembre 2007. Il buco Organizzazione ed attività dei SERT (Servizi per le tossicodipendenze) 26 Novembre 2007 Il buco 1 La pera S N I F F I N G 2 Eroina: effetti piacevoli Flash Rilassatezza, soddisfazione e distacco Via il

Dettagli

Alcol, tabacco e altre droghe. Conoscere i rischi per decidere i comportamenti

Alcol, tabacco e altre droghe. Conoscere i rischi per decidere i comportamenti Capitolo 4 Alcol, tabacco e altre droghe. Conoscere i rischi per decidere i comportamenti Le basi biologiche della gratificazione: gli effetti piacevoli dell assunzione dell alcol e delle altre droghe

Dettagli

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna DISTURBI METABOLICI Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna IL PANCREAS Funzione esocrina: supporto alla digestione Funzione endocrina: produzione di due ormoni: insulina e glucagone I due

Dettagli

Peptidi oppioidi e Analgesici oppiacei

Peptidi oppioidi e Analgesici oppiacei Peptidi oppioidi e Analgesici oppiacei Farmacologia Speciale ß-Endorfina. Gangli della base. Ipofisi. Corteccia. N. arcuato ipotalamo. Amigdala. midollo allungato Encefaline Dinorfine ampia distribuzione

Dettagli

Alcol, droghe. Guida sicura 2010/2011. Ce.Do.S.T.Ar. Centro di Documentazione e Ricerca sul Fenomeno delle Dipendenze Patologiche del Ser.T.

Alcol, droghe. Guida sicura 2010/2011. Ce.Do.S.T.Ar. Centro di Documentazione e Ricerca sul Fenomeno delle Dipendenze Patologiche del Ser.T. Alcol, droghe. Guida sicura 2010/2011 Ce.Do.S.T.Ar. Centro di Documentazione e Ricerca sul Fenomeno delle Dipendenze Patologiche del Ser.T. Arezzo L ambiente strada I fattori che intervengono nella guida:

Dettagli

il paradiso, mandale all inferno.

il paradiso, mandale all inferno. i c e b e r g Unità Mobile Territoriale umt@email.it Unità Operativa Dipendenze Patologiche tel 0733 257597 fax 0733 257596 Ausl9 Macerata Regione Marche www.stammibene.marche.it stammibene@email.it il

Dettagli

GLI EFFETTI DELLE DROGHE SUL CORPO UMANO

GLI EFFETTI DELLE DROGHE SUL CORPO UMANO GLI EFFETTI DELLE DROGHE SUL CORPO UMANO Realizzato da Prof.ssa Tiziana Bello LE DROGHE NEL CERVELLO, NEL CORPO, NELLA PSICHE: ECCO CHE COSA SUCCEDE.. DRITTE AL CERVELLO E NON SOLO Tutte le droghe agiscono

Dettagli

SUBS-SR Ultimo Mese VERSIONE GIUGNO, 2003

SUBS-SR Ultimo Mese VERSIONE GIUGNO, 2003 SUBS-SR Ultimo Mese VERSIONE GIUGNO, 2003 Istruzioni Le domande che seguono si riferiscono a situazioni che possono essersi verificate nel corso dell ultimo mese. La preghiamo di rispondere a tutte le

Dettagli

Le droghe ed i loro. Dr. Marco Becattini. Dr.sa Elisa Bartolini

Le droghe ed i loro. Dr. Marco Becattini. Dr.sa Elisa Bartolini Le droghe ed i loro effetti alla guida Dr. Marco Becattini Dr.sa Cristina Cerbini Dr.sa Elisa Bartolini OPPIO: Papaver sonniferum Classe degli analgesici Oppio Morfina e codeina (alcaloidi dell oppio)

Dettagli

PRINCIPI GENERALI. La tossicodipendenza è una malattia curabile.

PRINCIPI GENERALI. La tossicodipendenza è una malattia curabile. 1 PRINCIPI GENERALI INTRODUZIONE... 1 PRINCIPI GENERALI... 2 IL TRATTAMENTO... 2 STADI dell INTERVENTO... 3 SCHEMA GENERALE dei farmaci utilizzati nelle varie dipendenze... 4 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...

Dettagli

Lo stato di Coma,Ictus cerebrale: fattori di rischio e posizione d'attesa. Epilessia, soccorso e classificazione

Lo stato di Coma,Ictus cerebrale: fattori di rischio e posizione d'attesa. Epilessia, soccorso e classificazione Lo stato di Coma,Ictus cerebrale: fattori di rischio e posizione d'attesa. Epilessia, Asma, intossicazioni, primo soccorso e classificazione COMA sindrome clinica caratterizzata da una mancata risposta

Dettagli

della SICUREZZA contro l abuso di ALCOL e STUPEFACENTI

della SICUREZZA contro l abuso di ALCOL e STUPEFACENTI A. Messineo P. Abetti T. Antoniozzi S. Villarini A. Imperatore A B C della SICUREZZA contro l abuso di ALCOL e STUPEFACENTI Manuale ad uso dei lavoratori ai sensi dell art. 36 del D.Lgs. 9 aprile 2008

Dettagli

Alcol: storia, effetti e meccanismi d'azione

Alcol: storia, effetti e meccanismi d'azione Alcol: storia, effetti e meccanismi d'azione L'alcol, più propriamente l'alcol etilico o etanolo, ha un effetto bifasico. A dosi molto basse induce risposte euforizzanti che corrispondono all'attivazione

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: IL DOLORE INUTILE Relatore: dott.ssa Roberta Perin inf. Rita Moretta Servizio Cure Palliative Ulss 2 Feltre Data : 21 maggio 2014 Sede: Aula Piccolotto

Dettagli

GLI ACCERTAMENTI SANITARI DI SECONDO LIVELLO

GLI ACCERTAMENTI SANITARI DI SECONDO LIVELLO GLI ACCERTAMENTI SANITARI DI SECONDO LIVELLO Dott.ssa Ellena Pioli Responsabile U.F. SerT Lucca Lucca 13/03/2009 Introduzione Procedure Accertative di Secondo Livello : - Accertamenti sanitari per stabilire

Dettagli

Sostanze Stupefacenti. Dipartimento Salute Mentale Settore Dipendenze Patologiche

Sostanze Stupefacenti. Dipartimento Salute Mentale Settore Dipendenze Patologiche Sostanze Stupefacenti Dipartimento Salute Mentale Settore Dipendenze Patologiche Classificazione delle principali sostanze d abuso Deprimenti il SNC: Inalanti Sedativi minori (barbiturici) Sedativi maggiori

Dettagli

RITALIN SR/ RITALIN LA

RITALIN SR/ RITALIN LA RITALIN SR/ RITALIN LA PROPRIETA /USO TERAPEUTICO CHE COS E IL RITALIN/SR-LA E QUANDO E UTILIZZATO? Il principio attivo di Ritalin, di Ritalin SR (Sustained Release = liberazione prolungata della sostanza

Dettagli

Tossicodipendenze: COCAINA

Tossicodipendenze: COCAINA Tossicodipendenze: COCAINA COCAINA Origine naturale: alcaloide delle foglie di Erythroxylon coca (isolato nel 1855) La cocaina e' un estere che appartiene alla famiglia dei tropani degli alcaloidi naturali.

Dettagli

SOSTANZE VIETATE IN COMPETIZIONE e FUORI COMPETIZIONE

SOSTANZE VIETATE IN COMPETIZIONE e FUORI COMPETIZIONE SOSTANZE VIETATE IN COMPETIZIONE e FUORI COMPETIZIONE S1 Agenti anabolizzanti 1. Steroidi androgeni anabolizzanti (SAA) 2. Altri agenti anabolizzanti (Clembuterolo,etc.) S2 Ormoni, sostanze correlate e

Dettagli

Minnesota Multiphasic Personality Inventory. MMPI: un test per valutare le principali caratteristiche della personalità.

Minnesota Multiphasic Personality Inventory. MMPI: un test per valutare le principali caratteristiche della personalità. Minnesota Multiphasic Personality Inventory MMPI: un test per valutare le principali caratteristiche della personalità. APPLICABILITA CONDIZIONI MMPI MMPI-2 Età >16 anni >18 QI >80 >70 Scolarizzazione

Dettagli

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE COCAINA COCAINA La cocaina è una sostanza liposolubile che attraversa facilmente qualsiasi membrana, usata per tanto tempo come anestetico locale di superficie. Emivita plasmatica in media inferiore a

Dettagli

PSICOSTIMOLANTI e PSICOTOMIMETICI

PSICOSTIMOLANTI e PSICOTOMIMETICI PSICOSTIMOLANTI e PSICOTOMIMETICI Psicostimolanti: farmaci che producono stato d allerta, aumentano il tono dell umore e migliorano quelle prestazioni che dipendono da attenzione e applicazione Principali

Dettagli

FARMACI e DROGHE. Abuso di sostanze

FARMACI e DROGHE. Abuso di sostanze FARMACI e DROGHE Abuso di sostanze 1 Tutti gli stadi della trasmissione sinaptica sono di tipo chimico, quindi influenzabili da farmaci : sostanza esogena che altera il funzionamento cellulare anche a

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli