CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA"

Transcript

1 CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA I dati relativi alle prevalenze dei consumi di sostanze psicoattive, legali ed illegali, nella popolazione studentesca sono stati estratti dallo studio campionario ESPAD-Italia 211 (European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs). L indagine ha lo scopo di monitorare e stimare la quota di studenti di 1-19 anni che ha consumato sostanze psicoattive in specifici periodi temporali: nel corso della vita, dell ultimo anno, dell ultimo mese e frequentemente. Il consumo nella vita o una tantum definisce la quota di soggetti che ha sperimentato il consumo di specifiche sostanze psicoattive, mentre i consumi riferiti agli ultimi 12 e agli ultimi 3 riflettono i comportamenti più recenti e adottati allo stato attuale. Le evidenze che emergono, oltre a monitorare il fenomeno, permettono di osservare il trend del consumo delle sostanze, oltre che comprendere l evoluzione dello stile di utilizzo delle stesse. CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE ILLEGALI Come rilevato a livello nazionale, regionale e provinciale, la cannabis è la sostanza illegale maggiormente utilizzata: nell anno 211, tra gli studenti afferenti alle scuole dell Asl Milano1 poco meno di 1 studente su 3 ha utilizzato cannabis almeno una volta nella vita (3%) e 1 su 4 nel corso dell ultimo anno (23%), (rispettivamente circa 8.4 e 6.4 studenti). Figura 1: Uso di cannabis (una o più volte nella vita, negli ultimi 12, negli ultimi 3, consumo frequente). Confronto Italia - Lombardia - provincia di Milano - ASL Milano1. Anno 211 Prevalenza (%) Elaborazione sui dati ESPAD-Italia 211 Negli ultimi 3 Rispetto al consumo attuale, il 1% degli studenti locali ha riferito di aver utilizzato cannabis negli ultimi 3 (circa 4.2 studenti) ed il 4% (approssimativamente 1.1 studenti) lo ha fatto frequentemente (2 o più volte negli ultimi 3 ). Le prevalenze locali nella vita e negli ultimi 12 risultano in linea con quelle regionali, mentre sono superiori a quelle nazionali ed inferiori alle provinciali. Le prevalenze riferite al consumo frequente risultano sovrapponibili a quelle provinciali, mentre sono superiori alle nazionali e regionali. Le prevalenze riferite al consumo una tantum delle altre sostanze psicoattive illecite tra gli studenti della Asl Milano1 si riducono notevolmente, rispetto all analisi precedente, raggiungendo il 4,6% per il consumo di allucinogeni (poco meno di 1.3 studenti), il 3,7% per cocaina e per stimolanti (circa 1. studenti per ciascuna sostanza) e l 1,7% per eroina (poco meno di 4 studenti). 1

2 Figura 2: Uso di cocaina (a) e oppiacei (b) una o più volte nella vita, negli ultimi 12, negli ultimi 3, consumo frequente. Confronto Italia - Lombardia - provincia di Milano - ASL Milano1. Anno 211 a) cocaina Prevalenza (%), 4, 4, 3, 3, 2, 2, 1, 1,,, b) oppiacei 2, Negli ultimi 3 Prevalenza (%) 1, 1,,, Negli ultimi 3 Elaborazione sui dati ESPAD-Italia 211 Poco meno del 3% (circa 8 studenti) sono gli studenti locali che hanno utilizzato allucinogeni nel corso del 211, il 2,4-2,% quelli che hanno consumato cocaina e/o stimolanti (circa 7 per ciascuna sostanza) e l 1,1% eroina (circa 3 ragazzi). Rispetto all utilizzo attuale delle sostanze, le prevalenze si riducono ulteriormente: nei 3 antecedenti l indagine l 1,4-1,% ha fatto uso di cocaina, di allucinogeni e/o di stimolanti e lo,6% di eroina. Infine, rispetto all utilizzo frequente delle sostanze illecite (1 o più volte negli ultimi 3 ) le prevalenze raggiungono lo,4-,% per tutte le sostanze. Se nel complesso le prevalenze locali riferite all utilizzo di eroina e stimolanti risultano in linea con quelle rilevate negli altri ambiti territoriali di riferimento, quelle relative al consumo di cocaina risultano inferiori. Anche le prevalenze dell utilizzo di allucinogeni risultano sovrapponibili a quelle regionali e provinciali, ma nel contempo sono lievemente superiori a quelle nazionali, soprattutto in riferimento al consumo una tantum. 2

3 Figura 3: Uso di cocaina (una o più volte negli ultimi 12 ). Distribuzione per genere ed età. ASL Milano1 Anno anni 16 anni 17 anni 18 anni 19 anni Elaborazione sui dati ESPAD-Italia 211 Maschi Femmine Nel complesso la contiguità con le sostanze psicoattive illecite risulta più rilevante nel genere maschile e tende ad aumentare in corrispondenza dell età: è tra i soggetti di anni, e anche tra i 17enni rispetto alla cannabis, che si rilevano infatti le prevalenze più consistenti. A questo andamento fa eccezione il consumo di eroina, in quanto le prevalenze risultano simili in tutte le classi di età. La percezione della facilità di reperimento La quota di studenti che ritiene facile o molto facile potersi procurare eroina, cocaina e soprattutto cannabis (rispettivamente circa 1%, 18% e 42,%) risultando superiore a quella di chi ha riferito aver utilizzato, anche una sola volta nella vita, almeno una sostanza psicoattiva, evidenzia la facilità di accesso e la prossimità con circostanze, ambiti e luoghi anche per chi non ha fatto mai uso di sostanze. I luoghi privilegiati per il reperimento di eroina, cocaina e/o cannabis sono, secondo gli studenti afferenti alla Asl Milano1, la discoteca, la strada, la casa dello spacciatore e durante i rave party. A questi si aggiungono, soprattutto in riferimento alla cannabis, la casa di amici e la scuola e spazi circostanti: il 34% ritiene, infatti, che a scuola sia possibile procurarsi facilmente cannabis, per il 1% cocaina e per il % eroina. Il reperimento on line di cannabis è considerato facile dal 1% degli studenti locali, mentre quello di cocaina e/o eroina dal %. Le prevalenze locali risultano in linea con quelle provinciali e nel contempo superiori a quelle nazionali e regionali. Figura 4: Studenti che percepiscono piuttosto/molto facile poter procurarsi cannabis. Distribuzione per luogo. ASL Milano1 Anno Strada Scuola Casa di amici Elaborazione sui dati ESPAD-Italia 211 Discoteca Casa spacciatore Internet Rave party, ecc. Altro CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE LEGALI Le sostanze trattate in questo capitolo, cosiddette legali, sono reperibili normalmente nel mercato libero. Si evidenzia, ai fini dell analisi, che la legislazione prevede delle limitazioni per quanto riguarda i minori d età, a tutela della salute degli stessi, che sono i principali soggetti di questa indagine. 3

4 Bevande alcoliche Il 9% circa della popolazione studentesca afferente alla Asl Milano1 riferisce di aver bevuto alcolici almeno una volta nella vita, l 83% lo ha fatto nell ultimo anno (circa 23mila studenti), poco meno del 72% nell ultimo mese (circa 2mila) e per il 7,4% il consumo è stato frequente, quasi quotidiano (circa 2.1 studenti). Le prevalenze risultano in linea con quelle regionali e provinciali, mentre sono superiori alle nazionali, soprattutto in riferimento al consumo frequente. Figura : Uso di alcol (una o più volte nella vita, negli ultimi 12, negli ultimi 3, consumo quotidiano). Confronto Italia - Lombardia - provincia di Milano - ASL Milano1. Anno 211 Elaborazione sui dati ESPAD-Italia 211 Il consumo di alcolici nel mese antecedente lo svolgimento dell indagine ha interessato in particolar modo il genere maschile (78% contro 6% delle femmine), aspetto che non si evidenzia se si considera il consumo una tantum e nell anno, in quanto le prevalenze di genere risultano simili. Il 3% degli studenti della Asl Milano1 ha praticato il binge drinking nell ultimo mese (circa 9.8 studenti), ha cioè assunto o più bevande alcoliche di fila, in particolare i 17-19enni. È il passaggio dai 1 ai 16 anni che segna il maggior incremento delle prevalenze sia rispetto al consumo di bevande alcoliche durante l anno sia alla pratica del binge drinking. La quota di maschi binge drinkers risulta superiore sia a quella delle coetanee locali sia a quella rilevata tra i coetanei nelle diverse aree territoriali di riferimento. Tra le studentesse, invece, l andamento risulta opposto: le prevalenze femminili locali risultano inferiori a quelle nazionali, regionali e provinciali. Tabacco Il 61% degli studenti della Asl Milano1 (circa 17mila studenti) ha provato almeno una volta a fumare sigarette e nell ultimo anno il 24% (circa 6.7 studenti) ne ha fumato almeno una quotidianamente, prevalenze che risultano leggermente inferiori a quelle osservate negli ambiti territoriali di riferimento. Il consumo nel corso dell ultimo anno di almeno una sigaretta al giorno, che ha riguardato in particolare la popolazione studentesca maschile (27% contro il 21% delle studentesse), aumenta all aumentare dell età, raggiungendo il 41% tra i 19enni. È il passaggio dai 16 ai 17 che segna l incremento maggiore delle quote di fumatori una tantum, mentre i passaggi anni e soprattutto anni contraddistinguono l utilizzo di tabacco durante l anno. A livello nazionale, regionale e provinciale l incremento maggiore delle prevalenze di fumatori una tantum e durante l anno si osserva dai 14 ai 1 anni. Per quanto riguarda il fumare durante l anno, a livello regionale e provinciale, si registra anche il passaggio dai 18 ai 19 anni. Farmaci psicoattivi I farmaci psicoattivi (come quelli per dormire e/o rilassarsi oppure quelli per regolarizzare l umore o ancora quelli per l iperattività e/o l attenzione, per le diete) possono considerarsi sostanze illecite qualora ottenuti e utilizzati senza prescrizione medica. I farmaci maggiormente utilizzati sono quelli per dormire: il 13,% degli studenti afferenti alla Asl Milano1 ha dichiarato di averli assunti almeno una volta nella vita ed il 7% li ha utilizzati nel corso dell ultimo anno (poco meno di 3.8 e 2. studenti rispettivamente). Le prevalenze locali risultano in linea con quelle Negli ultimi 3

5 regionali e provinciali e nel contempo sono superiori a quelle nazionali, soprattutto in riferimento alle prevalenze femminili. Per quanto riguarda le altre tipologie di psicofarmaci, le prevalenze di consumo riferite alla vita e all ultimo anno si riducono, raggiungendo rispettivamente il 6,6% ed il 3,4% se si considerano i farmaci per l iperattività (circa 1.8 e 1. studenti rispettivamente), il,4% e 2,9% i farmaci per le diete (circa 1. e 8 studenti rispettivamente) ed il 4% e 2,1% i regolatori dell umore (circa 1.1 e poco meno di 6 studenti rispettivamente). Tra gli studenti della Asl Milano1 che nell ultimo anno hanno utilizzato farmaci psicoattivi, così come negli altri ambiti territoriali di riferimento, il genere femminile si distingue per la maggiore propensione al consumo, facendo registrare prevalenze superiori a quelle maschili. L utilizzo di farmaci psicoattivi riguarda in particolar modo gli studenti di 19 anni, seguiti dai 18 e 17enni: è il passaggio dai 18 ai 19 anni infatti che contraddistingue il maggior incremento della quota di utilizzatori, soprattutto rispetto ai farmaci per dormire. Le prevalenze riguardanti il consumo di psicofarmaci nel mese precedente la somministrazione del questionario tra gli studenti della Asl Milano1 sono comprese tra 1,3% e 3,6%, riferite rispettivamente ai farmaci per regolare l umore e per dormire. Per tutti i farmaci psicoattivi, le prevalenze locali risultano leggermente inferiori a quelle regionali e provinciali. Infine, rispetto al consumo frequente (1 o più volte nell ultimo mese), le prevalenze variano tra,% e 1,4%, relative ai farmaci per le diete e per dormire rispettivamente, sostanzialmente in linea con quelle nazionali, regionali e provinciali. LA PERCEZIONE DEL RISCHIO ASSOCIATO ALL UTILIZZO DELLE SOSTANZE PSICOATTIVE Il 66% degli studenti della Asl Milano1 attribuisce un elevato grado di rischiosità alla sperimentazione di eroina, quota che risulta inferiore a quella rilevata negli ambiti territoriali di riferimento. Il 6% circa degli studenti locali ritiene che provare ad utilizzare cocaina e allucinogeni sia un comportamento molto rischioso, mentre il 3% lo attribuisce agli stimolanti, in linea con quanto rilevato a livello nazionale, regionale e provinciale. Se si fa invece riferimento al fumare regolarmente cannabis, la quota di studenti che considera molto rischioso questo comportamento raggiunge il 67%, così come rilevato negli altri ambiti territoriali. Quasi il 62% degli studenti afferenti alla Asl Milano1 ritiene, inoltre, che fumare 1 o più pacchetti di sigarette al giorno sia un comportamento molto rischioso, quota che si abbassa al 49% quando si fa riferimento al bere o più bicchieri di alcolici durante il fine settimana. Rispetto ai coetanei, le studentesse che attribuiscono un grado di rischio molto elevato risultano in quota più elevata in riferimento a tutte le sostanze psicoattive, soprattutto al fumare regolarmente tabacco e cannabis. ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO: PRATICARE GIOCHI IN CUI SI SCOMMETTONO SOLDI Nei 12 precedenti all intervista, il 42,4% degli studenti afferenti alla Asl Milano1 (11.8 studenti circa) almeno una volta ha praticato giochi in cui si scommettono soldi, prevalenza che risulta inferiore a quella nazionale, ma in linea con quelle regionali e provinciali. Sono in particolare i maschi a praticare questi giochi e, in entrambi i generi, le quote di chi ha giocato nel corso dell anno aumentano in corrispondenza dell età, raggiungendo il 47,4% tra i 19enni (6% dei maschi e 3,6% delle femmine). I giochi preferiti dagli studenti della Asl Milano1 che hanno scommesso soldi sono Gratta e vinci/lotto istantaneo, specialmente dalle femmine, Scommesse sportive e Poker texano, praticati quasi esclusivamente dai maschi, e Lotto/Superenalotto, per entrambi i generi. La prevalenza locale riferita alle Scommesse sportive risulta superiore a quella provinciale e nazionale, mentre se si considera il Gratta e vinci/lotto istantaneo risulta inferiore a quelle regionale e provinciale. Tra gli studenti della Asl Milano1 che hanno praticato questi giochi, il 7,3% lo ha fatto presso bar/tabacchi/pub, in particolare le femmine, prevalenza che risulta inferiore a quella regionale e provinciale

6 ed in linea con quella nazionale. Seguono la casa di amici e le sale scommesse, contesti di gioco preferiti rispettivamente dal 34,4% e 31,1% degli studenti locali, in particolare di genere maschile. Figura 6: Prevalenza di studenti che riferiscono di aver fatto giochi in cui si vincono/perdono soldi (almeno una volta negli ultimi 12 ). Distribuzione per genere ed età. Confronto Italia - Lombardia - provincia di Milano - ASL Milano1. Anno 211 a)maschi b) femmine anni 16 anni 17 anni 18 anni 19 anni anni 16 anni 17 anni 18 anni 19 anni Italia Lombardia Milano Asl Milano 1 Elaborazione sui dati ESPAD-Italia 211 Italia Lombardia Milano Asl Milano 1 Anche in questo caso, come per le sostanze legali, si segnala che è vietato il gioco d azzardo ai minori di 18 anni. 6

Uso di sostanze e comportamenti a rischio tra gli studenti 15-19enni

Uso di sostanze e comportamenti a rischio tra gli studenti 15-19enni Dipartimento Dipendenze Uso di sostanze e comportamenti a rischio tra gli studenti 15-19enni I dati dello Studio Espad Italia 212 con sovracampionamento per la Provincia di Lecco A cura dell Osservatorio

Dettagli

APPROFONDIMENTO: gli altri consumi psicoattivi

APPROFONDIMENTO: gli altri consumi psicoattivi PARTE 11 APPROFONDIMENTO: gli altri consumi psicoattivi 11.1 Opinione pubblica sull uso di sostanze psicoattive legali e sul gioco d azzardo 11.1.1 Disapprovazione dell uso di altre sostanze psicoattive

Dettagli

L epidemiologia delle dipendenze in Italia

L epidemiologia delle dipendenze in Italia L epidemiologia delle dipendenze in Italia LE DIMENSIONI DEL FENOMENO Generazione In- Dipendente L epidemiologia delle dipendenze in Italia Tutti i dati statistico-epidemiologici sullo stato delle tossicodipendenze

Dettagli

I dati sui consumi della popolazione italiana provenienti dalle rilevazioni ESPAD Italia ed IPSAD Italia

I dati sui consumi della popolazione italiana provenienti dalle rilevazioni ESPAD Italia ed IPSAD Italia I dati sui consumi della popolazione italiana provenienti dalle rilevazioni ESPAD Italia ed IPSAD Italia Sabrina Molinaro, PhD Dir. Sez. Epidemiologia e Ricerca sui Servizi Sanitari Istituto di Fisiologia

Dettagli

Uso di droga nella popolazione

Uso di droga nella popolazione USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE Uso di droga nella popolazione generale L obiettivo dell indagine campionaria IPSAD Italia2003 (Italian Population Survey on Alcool and Drugs), è quello di rilevare l utilizzo

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche di Pisa Istituto Di Fisiologia Clinica Reparto di Epidemiologia e Ricerca sui Servizi Sanitari

Consiglio Nazionale delle Ricerche di Pisa Istituto Di Fisiologia Clinica Reparto di Epidemiologia e Ricerca sui Servizi Sanitari 2 Consiglio Nazionale delle Ricerche di Pisa Istituto Di Fisiologia Clinica Reparto di Epidemiologia e Ricerca sui Servizi Sanitari ESPAD-ITALIA INDAGINE SUL CONSUMO DI ALCOL E ALTRE SOSTANZE NELLA POPOLAZIONE

Dettagli

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Direttore dott. Marco Riglietta via Borgo Palazzo, 130-24125 Bergamo Italy Tel +390352270382 - Fax +390352270393 www.asl.bergamo.it/dipartimentodipendenze (PEC): protocollo@pec.asl.bergamo.it

Dettagli

I consumi di alcol nella popolazione studentesca italiana. Studio ESPAD Italia. (European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs)

I consumi di alcol nella popolazione studentesca italiana. Studio ESPAD Italia. (European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs) I consumi di alcol nella popolazione studentesca italiana. Studio ESPAD Italia (European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs) Sezione di Epidemiologia e Ricerca sui Servizi Sanitari, Istituto

Dettagli

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Direttore dott. Marco Riglietta via Borgo Palazzo, 130-24125 Bergamo Italy Tel +390352270382 - Fax +390352270393 www.asl.bergamo.it/dipartimentodipendenze (PEC): protocollo@pec.asl.bergamo.it

Dettagli

CAP. VI STORIA DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE IN ITALIA VETTORATO G. PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA

CAP. VI STORIA DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE IN ITALIA VETTORATO G. PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA CAP. VI STORIA DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE IN ITALIA VETTORATO G. PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA ANNI 50 60: GLI INIZI DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE Anni 50 non diffuse Elite Anni 60 diffusione

Dettagli

ALCOL CANNABIS COCAINA AMFETAMINE,ECSTASY E SOSTANZE ALLUCINOGENI

ALCOL CANNABIS COCAINA AMFETAMINE,ECSTASY E SOSTANZE ALLUCINOGENI ANNO 2010 EUROPA ITALIA ALCOL CANNABIS COCAINA AMFETAMINE,ECSTASY E SOSTANZE ALLUCINOGENI Bere a rischio pari al 15% della polazione ovvero a 55 milioni di persone compresi i Binge drinkers, 23 milioni

Dettagli

Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO

Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO DIPARTIMENTO DIPENDENZE Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO Report Area Interviste Testimoni Privilegiati PREVO.METER Maggio 2009 Responsabile Ricerca-Studio: Gruppo

Dettagli

FATTI E CIFRE SULLE DIPENDENZE E SULL ALCOL IN PIEMONTE

FATTI E CIFRE SULLE DIPENDENZE E SULL ALCOL IN PIEMONTE ASSESSORATO TUTELA DELLA SALUTE E SANITA' FATTI E CIFRE SULLE DIPENDENZE E SULL ALCOL IN PIEMONTE Informazioni derivate da: schede ministeriali 1996-2011 ESPAD ISTAT PASSI SDO FATTI E CIFRE SULLE DIPENDENZE

Dettagli

ESPAD 2016 I dati della provincia di Bergamo

ESPAD 2016 I dati della provincia di Bergamo ESPAD 2016 I dati della provincia di Bergamo Elvira Beato Responsabile Osservatorio Dipendenze ATS di Bergamo Bergamo 24 maggio 2017 1 ESPAD Italia European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO Fabio Voller Alice Berti Settore Sociale Osservatorio di Epidemiologia Presentazione del volume GAP - Il gioco d azzardo patologico Orientamenti per la prevenzione e la

Dettagli

RICERCA SUL CONSUMO DI ALCOL E ALTRE SOSTANZE NELLA POPOLAZIONE SCOLASTICA

RICERCA SUL CONSUMO DI ALCOL E ALTRE SOSTANZE NELLA POPOLAZIONE SCOLASTICA Consiglio Nazionale delle Ricerche di Pisa Istituto di Fisiologia Clinica Reparto di Epidemiologia e Ricerca sui Servizi Sanitari ESPAD-ITALIA RICERCA SUL CONSUMO DI ALCOL E ALTRE SOSTANZE NELLA POPOLAZIONE

Dettagli

L USO DI SOSTANZE STUPEFACENTI IN ITALIA

L USO DI SOSTANZE STUPEFACENTI IN ITALIA Senato della Repubblica - 5 - L USO DI SOSTANZE STUPEFACENTI IN ITALIA Dati relativi all'anno 2013-2014 (primo semestre) Dipartimento Politiche Antidroga - Presidenza del Consiglio dei Ministri 1. CONSUMO

Dettagli

Non beviamoci la vita!. Campagna di prevenzione e indagine sul consumo di alcol e la guida sicura tra gli adolescenti del comune di Livorno.

Non beviamoci la vita!. Campagna di prevenzione e indagine sul consumo di alcol e la guida sicura tra gli adolescenti del comune di Livorno. ESTRATTO Non beviamoci la vita!. Campagna di prevenzione e indagine sul consumo di alcol e la guida sicura tra gli adolescenti del comune di Livorno. a cura di Fabio Ferroni Contesto e motivazione del

Dettagli

Rapporto 2014 sulle dipendenze nell area metropolitana di Bologna

Rapporto 2014 sulle dipendenze nell area metropolitana di Bologna Rapporto 2014 sulle dipendenze nell area metropolitana di Bologna Quadro epidemiologico Caratteristiche tossicodipendenti, alcolisti e giocatori d azzardo patologici Attività dei servizi A cura di Raimondo

Dettagli

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato Dipendenze Le relazioni periodiche dell Osservatorio Provinciale sulle Dipendenze consentono di seguire l evoluzione del fenomeno droga 1 nel contesto pratese, relativamente all andamento delle rilevazioni,

Dettagli

Lo studio ESPAD. (European school project on alcohol and other drugs): Confronto tra Italia e Finlandia. Valeria Siciliano*, Sabrina Molinaro*

Lo studio ESPAD. (European school project on alcohol and other drugs): Confronto tra Italia e Finlandia. Valeria Siciliano*, Sabrina Molinaro* Lo studio ESPAD (European school project on alcohol and other drugs): Confronto tra Italia e Finlandia Valeria Siciliano*, Sabrina Molinaro* Alcol e generazioni: continuità e cambiamenti Confronto tra

Dettagli

Il consumo di sostanze psicoattive legali e illegali tra i giovani della provincia di Lecco

Il consumo di sostanze psicoattive legali e illegali tra i giovani della provincia di Lecco Dipartimento Dipendenze Il consumo di sostanze psicoattive legali e illegali tra i giovani della provincia di Lecco Marzo 2012 A cura di Costanza Agostoni Referente Osservatorio Dipendenze PRESENTAZIONE

Dettagli

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE Claudio Annovi (1), Roberta Biolcati (1), Renato Di Rico (2), Gianfranco De Girolamo (3), Clara Fogliani (2),

Dettagli

L uso di sostanze tra i giovani svizzeri

L uso di sostanze tra i giovani svizzeri Informazioni per i media del 1 luglio 8 L uso di sostanze tra i giovani svizzeri Introduzione Il progetto "The European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs" (ESPAD) è un inchiesta che viene

Dettagli

Riduzione dei rischi e del danno nei contesti del divertimento

Riduzione dei rischi e del danno nei contesti del divertimento Riduzione dei rischi e del danno nei contesti del divertimento Alcotest, narcotest, kit riduzione dei rischi: strumenti di auto controllo, generatori di dissonanze. Emanuela Desanti Unità mobili giovani

Dettagli

iemonte 32 99/1 lle d'aosta 33 75/25 5 ombardia 36 95/5 45.A. Bolzano /0 4

iemonte 32 99/1 lle d'aosta 33 75/25 5 ombardia 36 95/5 45.A. Bolzano /0 4 egioni lle d'aosta 33 75/25 5 ombardia 36 95/5 45.A. Bolzano 35 100/0 4 DIPARTIMENTO delle DIPENDENZE P.A. Trento 37 75/25 4 Veneto 32 100/0 22 li Venezia Giulia 32 95/6 2 Liguria 37 100/1 2 milia Romagna

Dettagli

CAPITOLO I.1. CONSUMO DI DROGA

CAPITOLO I.1. CONSUMO DI DROGA CAPITOLO I.1. CONSUMO DI DROGA I.1.1. Survey 2012 GPS popolazione generale 18-64 anni I.1.1.1. Sintesi sui consumi nella popolazione generale I.1.1.2. Policonsumo di sostanze psicotrope nella fascia d

Dettagli

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3.1 Stime di prevalenza e incidenza 3.2 Profilo dei clienti in trattamento 3.2.1 Profilo dei clienti in trattamento in relazione alla sostanza 3.2.2 Altre caratteristiche

Dettagli

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI Indagine sui comportamenti a rischio degli adolescenti INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI di Luigi Minerba, Paolo Contu, Carlo Pintor In questo articolo vengono presentati alcuni risultati

Dettagli

2. USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE

2. USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE 2. USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE 2.1 Uso di droga nella popolazione generale 2.2 Uso di droga nei giovani scolarizzati 2.3 Uso di droga in gruppi specifici 2.3.1 Segnalazioni alle Prefetture per detenzione

Dettagli

Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013

Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013 Lombardia Indagini Flash N 0 / 3 marzo 2014 Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013 Nel corso del 2013 Éupolis Lombardia ha effettuato, su richiesta della Direzione Generale Salute

Dettagli

Report Area Interviste Testimoni Privilegiati PREVO.METER

Report Area Interviste Testimoni Privilegiati PREVO.METER Dipartimento ASSI DIPARTIMENTO DIPENDENZE Accordo di programma fra la Presidenza del Consiglio dei Ministri e la Regione Lombardia, per la realizzazione di attività coordinate e finalizzate alla progettazione,

Dettagli

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino Il gioco d azzardo Aspetti generali e situazione in Trentino A cura dell Osservatorio per la salute Dipartimento politiche sanitarie Provincia autonoma di Trento Trento, 29 dicembre 2012 Il gioco d azzardo

Dettagli

Rapporto sullo stato delle Dipendenze Patologiche nella provincia di Ferrara

Rapporto sullo stato delle Dipendenze Patologiche nella provincia di Ferrara Rapporto sullo stato delle Dipendenze Patologiche nella provincia di Ferrara 13 marzo 2007 Cristina Sorio Responsabile Osservatorio Epidemiologico Dipendenze Patologiche Azienda USL di Ferrara LIVELLO

Dettagli

REPORT ATTIVITA DI PREVENZIONE SUI NUOVI COMPORTAMENTI D ABUSO RELATIVA AL TERRITORIO DELLA ASL 4 CHIAVARESE

REPORT ATTIVITA DI PREVENZIONE SUI NUOVI COMPORTAMENTI D ABUSO RELATIVA AL TERRITORIO DELLA ASL 4 CHIAVARESE REPORT ATTIVITA DI PREVENZIONE SUI NUOVI COMPORTAMENTI D ABUSO RELATIVA AL TERRITORIO DELLA ASL 4 CHIAVARESE REFERENTI DOTT. REBOLINI, DOTT. LORENZOTTI, DOTT.SSA CELLE Durante l attività di Prevenzione

Dettagli

Per un bicchiere di troppo Le pratiche rischiose di giovani e adulti

Per un bicchiere di troppo Le pratiche rischiose di giovani e adulti 16 Aprile 2014 Carnate Auditorium Scuola di v. Magni Per un bicchiere di troppo Le pratiche rischiose di giovani e adulti M. Raffaella Rossin, psicologa-psicoterapeuta - SIA Lombardia L obiettivo di questo

Dettagli

Raimondo Maria Pavarin ASL Bologna Dipartimento Salute mentale Osservatorio Epidemiologico dipendenze. www.ossdipbo.org

Raimondo Maria Pavarin ASL Bologna Dipartimento Salute mentale Osservatorio Epidemiologico dipendenze. www.ossdipbo.org Percezione del danno, comportamenti protettivi, significati: fenomenologia del consumo di sostanze psicoattive tra i soggetti con età inferiore a anni Raimondo Maria Pavarin ASL Bologna Dipartimento Salute

Dettagli

E ancora un gioco? Report della ricerca

E ancora un gioco? Report della ricerca CONCORSO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2010/2011 E ancora un gioco? Report della ricerca Dott.ssa Elisa Casini Psicologa Ricercatrice Centro Documentazione Ser.T. Arezzo Ce.Do.S.T.Ar. Dipartimento

Dettagli

CAMPAGNA INTEGRAZIONE

CAMPAGNA INTEGRAZIONE CAMPAGNA INTEGRAZIONE III parte a cura di Censis Servizi S.p.A. www.censisservizi.com Distribuzione territoriale L indagine è stata svolta mediante l elaborazione di 2.482 questionari distribuiti a soggetti

Dettagli

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia 10 maggio 2004 La vita quotidiana di separati e in Italia Media 2001-2002 Ogni anno le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana

Dettagli

Parte Prima. Dimensione del fenomeno

Parte Prima. Dimensione del fenomeno Parte Prima Dimensione del fenomeno CAPITOLO I.1. CONSUMO DI DROGA I.1.1. Consumo di droga nella popolazione generale (approfondimenti studio GPS ITA 2010) I.1.1.1. Sintesi sui consumi e confronti con

Dettagli

4.1!Il!gioco!d azzardo!tra!gli!studenti!italiani!

4.1!Il!gioco!d azzardo!tra!gli!studenti!italiani! Autori:SabrinaMolinaro,LucaBastiani,ClaudiaLuppi,ValeriaSiciliano,MarcoScalese,RobertaPotente Raccolta e analisi dati: Loredana Fortunato, Cristina Doveri, Gabriele Trivellini, Marco Scalese, Valeria Siciliano

Dettagli

USO/ABUSO/DIPENDENZA DA SOSTANZE

USO/ABUSO/DIPENDENZA DA SOSTANZE DIREZIONE SOCIALE Dipartimento Dipendenze USO/ABUSO/DIPENDENZA DA SOSTANZE Per poter effettuare un analisi delle caratteristiche che assume, nel tempo, il fenomeno dell uso di sostanze, non ci si può limitare

Dettagli

L uso e l abuso di alcol in Italia

L uso e l abuso di alcol in Italia 23 aprile 2009 L uso e l abuso di alcol in Italia Anno 2008 L abuso di alcol, i comportamenti ad esso associati e le conseguenze in termini di costi sociali e sanitari sono oggetto di specifiche strategie

Dettagli

ESPAD-Italia 2005 The European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs

ESPAD-Italia 2005 The European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs 2005 ESPAD-Italia 2005 The European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs Consumi riferiti di tabacco, alcol e altre sostanze nella popolazione giovanile scolarizzata Materiale per le Scuole

Dettagli

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO Elisa Casini 1, Fiorenzo Ranieri 2 Campione e metodi Il campione di ricerca è costituito da 384 soggetti di età compresa tra i 16 e i 20 anni

Dettagli

Rapporto Regionale sullo stato delle dipendenze patologiche in Sardegna

Rapporto Regionale sullo stato delle dipendenze patologiche in Sardegna Rapporto Regionale sullo stato delle dipendenze patologiche in Sardegna 2008 Regione Autonoma della Sardegna Realizzazione a cura dell Assessorato dell Igiene, Sanità e dell Assistenza Sociale via Roma

Dettagli

Una panoramica del fenomeno delle dipendenze in Liguria

Una panoramica del fenomeno delle dipendenze in Liguria Una panoramica del fenomeno delle dipendenze in Liguria UNA PANORAMICA DEL FENOMENO DELLE DIPENDENZE IN LIGURIA Quali sono le ragioni dell esistenza di un Osservatorio Epidemiologico Regionale delle Tossicodipendenze

Dettagli

Report sulle dipendenze in Umbria 2014

Report sulle dipendenze in Umbria 2014 Report sulle dipendenze in Umbria 2014 Seconda edizione aggiornata 10 marzo 2015 A cura di Angela Bravi, Gian Paolo Di Loreto, Paolo Eusebi (Regione Umbria); Ubaldo Bicchielli (Azienda USL Umbria2) Con

Dettagli

I parte: alcuni risultati di un indagine (con collaborazione IARD) condotta su di un campione di 800 giovani modenesi 15-24 anni (universo 13.

I parte: alcuni risultati di un indagine (con collaborazione IARD) condotta su di un campione di 800 giovani modenesi 15-24 anni (universo 13. Comune di Modena Infanzia e Adolescenza 11 ottobre 2005 I parte: alcuni risultati di un indagine (con collaborazione IARD) condotta su di un campione di 800 giovani modenesi 15-24 anni (universo 13.000)

Dettagli

www.ossdipbo.org STUDIO MULTICENTRICO PCS Raimondo Maria Pavarin ASL Bologna Dipartimento Salute mentale Osservatorio Epidemiologico dipendenze

www.ossdipbo.org STUDIO MULTICENTRICO PCS Raimondo Maria Pavarin ASL Bologna Dipartimento Salute mentale Osservatorio Epidemiologico dipendenze Tra percezione del rischio e ricerca del piacere: I significati attribuiti all uso delle sostanze STUDIO MULTICENTRICO PCS Raimondo Maria Pavarin ASL Bologna Dipartimento Salute mentale Osservatorio Epidemiologico

Dettagli

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder 1. Dati anagrafici Gli studenti che hanno compilato il questionario sono in totale 121 I maschi sono il 43% e

Dettagli

Substanzkonsum bei Schülerinnen und Schülern in der Schweiz im Jahr 2014 und Trend seit 1986

Substanzkonsum bei Schülerinnen und Schülern in der Schweiz im Jahr 2014 und Trend seit 1986 Lausanne, März 2015 Substanzkonsum bei Schülerinnen und Schülern in der Schweiz im Jahr 2014 und Trend seit 1986 Riassunto dettagliato del rapport di ricerca no 75 Simon Marmet Aurélie Archimi Béat Windlin

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL Tra Risorsa Sociale Gera d Adda in rappresentanza dei 18 Comuni dell Ambito di Treviglio ASL della provincia di

Dettagli

ESPAD-Italia 2014 The European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs

ESPAD-Italia 2014 The European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Fisiologia Clinica da qui ESPAD-Italia 2014 The European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs PRIMA DI INIZIARE LEGGI ATTENTAMENTE LE ISTRUZIONI

Dettagli

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Conferenza stampa per la presentazione della Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Partecipano: Dr. Carmelo Scarcella Direttore Generale

Dettagli

Dall uso occasionale alla dipendenza. Raffaele Lovaste

Dall uso occasionale alla dipendenza. Raffaele Lovaste Dall uso occasionale alla dipendenza Raffaele Lovaste Evoluzione post esposizione ad una sostanza psicotropa Uso occasionale Uso problematico Dipendenza patologica Uso occasionale È una scelta (più o meno

Dettagli

IL MERCATO DELLA DROGA

IL MERCATO DELLA DROGA PARTE 10 IL MERCATO DELLA DROGA 10.1 Produzione, offerta e traffico di droga 10.2. Sequestri di sostanze psicoattive illegali 10.3. Prezzo e purezza 10.3.1. Prezzo della droga a livello di strada 10.3.2.

Dettagli

L uso e l abuso di alcol in Italia

L uso e l abuso di alcol in Italia 12 aprile 2007 L uso e l abuso di alcol in Italia Anno 2006 Con l indagine Multiscopo Aspetti della vita quotidiana si rilevano ogni anno numerose informazioni sulle famiglie, con particolare riguardo

Dettagli

L uso e l abuso di alcol in Italia

L uso e l abuso di alcol in Italia 20 aprile 2006 L uso e l abuso di alcol in Italia Anno 2005 Con l indagine Multiscopo Aspetti della vita quotidiana si rilevano ogni anno numerose informazioni sulle famiglie, in particolare vengono studiati

Dettagli

L USO E L ABUSO DI ALCOL IN ITALIA

L USO E L ABUSO DI ALCOL IN ITALIA 5 aprile 2011 Anno 2010 L USO E L ABUSO DI ALCOL IN ITALIA Nel 2010 la quota di popolazione di 11 anni e più che ha consumato almeno una bevanda alcolica l anno è pari al 65,7%, in diminuzione rispetto

Dettagli

La guida in stato di ebbrezza in Italia: verso la tolleranza zero

La guida in stato di ebbrezza in Italia: verso la tolleranza zero La guida in stato di ebbrezza in Italia: verso la tolleranza zero Umberto Guidoni Segretario Generale Fondazione ANIA per la sicurezza stradale I dati sulla guida in stato di ebbrezza secondo una recente

Dettagli

SOMMARIO OBIETTIVI DELL ATTIVITÀ DI RICERCA PRINCIPALE... 3 INTRODUZIONE... 4 RISULTATI... 11

SOMMARIO OBIETTIVI DELL ATTIVITÀ DI RICERCA PRINCIPALE... 3 INTRODUZIONE... 4 RISULTATI... 11 Anche quest anno abbiamo il piacere di presentarvi il rapporto Annuale 204 sul fenomeno delle dipendenze patologiche nella provincia di Lodi e sulla sua evoluzione. Noi crediamo che le attività di reporting

Dettagli

Un sistema per guadagnare salute

Un sistema per guadagnare salute Un sistema per guadagnare salute PASSI è il sistema di sorveglianza sugli stili di vita degli adulti tra i 18 e i 69 anni PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) é il sistema

Dettagli

COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI

COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI S. Rossi, C. Mortali, R. Spoletini, D. Mattioli, P. Zuccaro Dipartimento del Farmaco - ISS Dal rapporto annuale sulla droga dell ONU (2005), risulta

Dettagli

75/25 4 100/0 22 95/6 2 100/1 2 75/26 20 100/0 21 Osservatorio Territoriale Droga e Tossicodipendenze

75/25 4 100/0 22 95/6 2 100/1 2 75/26 20 100/0 21 Osservatorio Territoriale Droga e Tossicodipendenze 99/1 75/25 5 45 95/5 4 1/ Dipartimento delle Dipendenze 75/25 4 1/ 22 95/6 2 1/1 2 75/26 2 1/ 21 Osservatorio Territoriale Droga e Tossicodipendenze 1/ 15 Il Fenomeno delle Dipendenze nel territorio della

Dettagli

MINERVA Studio sulla popolazione giovanile in tema di sostanze stupefacenti

MINERVA Studio sulla popolazione giovanile in tema di sostanze stupefacenti MINERVA Studio sulla popolazione giovanile in tema di sostanze stupefacenti Il presente questionario mira a comprendere le conoscenze, le rappresentazioni e i comportamenti degli adolescenti in relazione

Dettagli

Sintesi relazione conclusiva del progetto

Sintesi relazione conclusiva del progetto Sintesi relazione conclusiva del progetto Valutazione della performance dei Servizi del Dipartimento delle Dipendenze della ASL della Provincia di Milano 1 Lo svolgimento del progetto di ricerca Valutazione

Dettagli

Indagine sul consumo di sostanze psicotrope negli studenti delle scuole secondarie di secondo grado In collaborazione con

Indagine sul consumo di sostanze psicotrope negli studenti delle scuole secondarie di secondo grado In collaborazione con REPORT SPS-ITA Indagine sul consumo di sostanze psicotrope negli studenti delle scuole secondarie di secondo grado In collaborazione con REPORT SPS-ITA Indagine sul consumo di sostanze psicotrope negli

Dettagli

erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata

erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata L obiettivo della presente analisi è quello di offrire un panorama sullo stato dell arte dei servizi erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata

Dettagli

Abitudine al fumo negli adulti (18-74 anni) di Prato 2002

Abitudine al fumo negli adulti (18-74 anni) di Prato 2002 5. GLI STILI DI VITA Barbara Bianconi, A. Cristina Epifani e Francesco Profili 5.1 Fumo Il fumo di tabacco è uno dei fattori di rischio più conosciuti ed è responsabile di numerose patologie, sia di tipo

Dettagli

2.1 Soggetti eleggibili a trattamento 25 2.2 Soggetti in trattamento 29 2.3 Soggetti in trattamento per gioco patologico (Gambling) 35

2.1 Soggetti eleggibili a trattamento 25 2.2 Soggetti in trattamento 29 2.3 Soggetti in trattamento per gioco patologico (Gambling) 35 INDICE 1. CONSUMO DI SOSTANZE STUPEFACENTI E GIOCO D AZZARDO 1 1.1 Consumo di sostanze stupefacenti nella popolazione scolastica (15-19 anni) 1 1.2 Consumo di sostanze stupefacenti nella popolazione generale

Dettagli

I giovani e il gioco d azzardo in Ticino

I giovani e il gioco d azzardo in Ticino 1 I giovani e il gioco d azzardo in Ticino Analisi delle abitudini di gioco dei giovani tra 14 e 25 anni a livello cantonale Emiliano Soldini 2 Obiettivi dell indagine (1) I risultati emersi dallo studio

Dettagli

Alcol, droghe e comportamenti a rischio

Alcol, droghe e comportamenti a rischio 26 marzo 2014 h. 09.10-11.00: LEZIONE DI LEGALITA Alcol, droghe e comportamenti a rischio prof.ssa Alessandra Busulini Mosaico - classi 1 e : prevenzione all uso di alcol Mosaico - classi 2 e : prevenzione

Dettagli

La popolazione svizzera si considera in buona salute

La popolazione svizzera si considera in buona salute Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 12.09.2008, 9:15 14 Salute N. 0352-0809-10 Indagine sulla salute in Svizzera 2007 La popolazione svizzera

Dettagli

Ritaglio stampa ad uso esclusivo del destinatario, non riproducibile.

Ritaglio stampa ad uso esclusivo del destinatario, non riproducibile. Quotidiano Data Pagina Foglio 18-03-2014 11+1 1 www.ecostampa.it Ritaglio stampa ad uso esclusivo del destinatario, non riproducibile. 097156 Quotidiano Data Pagina Foglio 18-03-2014 8 1 www.ecostampa.it

Dettagli

Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014. Paolo Molinari, IRES FVG

Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014. Paolo Molinari, IRES FVG Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014 Paolo Molinari, IRES FVG Un intervento di ricerca azione partecipata Un percorso di ascolto costruito assieme a gruppo di adolescenti e ragazzi (piano di lavoro, strumenti,

Dettagli

PASSI A BASSANO ANNI

PASSI A BASSANO ANNI PASSI A BASSANO ANNI RAPPORTO PASSI PER GUADAGNARE SALUTE ANNI 2009-2012 Rapporto a cura di: Maria Caterina Bonotto (Dipartimento di Prevenzione AULSS 3 Bassano) Intervistatrici AULSS 3 Bassano del Grappa

Dettagli

ALCOL: il consumo in Italia

ALCOL: il consumo in Italia ALCOL: il consumo in Italia 1 Responsabile Ricerca-Studio: Gruppo di Direzione: Ricercatrice: Riccardo C. Gatti Riccardo C. Gatti Corrado Celata Susanna Bonora Osservatorio Regionale per le Dipendenze

Dettagli

Il Telefono Verde contro il Fumo

Il Telefono Verde contro il Fumo Il Telefono Verde contro il Fumo Dott.ssa Luisa Mastrobattista Osservatorio Fumo Alcol e Droga OSSFAD Istituto Superiore di Sanità XVII Convegno Tabagismo e Servizio Sanitario Nazionale AGGIORNAMENTO DEI

Dettagli

100/0 22 95/6 2 100/1 2 75/26 20 100/0 21 Osservatorio Territoriale Droga e Tossicodipendenze

100/0 22 95/6 2 100/1 2 75/26 20 100/0 21 Osservatorio Territoriale Droga e Tossicodipendenze 99/1 75/25 5 95/5 45 Regione Lombardia 1/ 4 75/25 4 Dipartimento delle Dipendenze 1/ 22 95/6 2 1/1 2 75/26 2 1/ 21 Osservatorio Territoriale Droga e Tossicodipendenze 1/ 15 Il Fenomeno delle Dipendenze

Dettagli

Adolescenti ed uso di droghe (legali ed illegali) nell ASS3 Alto Friuli

Adolescenti ed uso di droghe (legali ed illegali) nell ASS3 Alto Friuli Adolescenti ed uso di droghe (legali ed illegali) nell ASS3 Alto Friuli Risultati di un indagine svolta nel 2005 dal Dipartimento delle Dipendenze Come già nel 1999 e nel 2002, nel 2005 il Dipartimento

Dettagli

Rapporto Annuale Ser.T. - 2007

Rapporto Annuale Ser.T. - 2007 U.O. Ser.T. - Servizio Tossicodipendenze U.O.S. Osservatorio Socio- Epidemiologico Dipendenze Sistema Informativo Vico Gramsci n.1-75100 MATERA Tel. 0835 / 253704 253718 Fax 0835 / 253704 e-mail: asl4.sert@rete.basilicata.it

Dettagli

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL. - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 -

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL. - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 - OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 - A cura dell Osservatorio Epidemiologico Territoriale delle Dipendenze, ASL di Brescia OSSERVATORIO

Dettagli

Elaborazioni da Rapporto ESPAD, 2015

Elaborazioni da Rapporto ESPAD, 2015 Elaborazioni da Rapporto ESPAD, 2015 http://www.quotidianosanita.it/allegati/allegato659136.pdf Giuseppe Gorini-ISPO Firenze/ Sandra Bosi/ LILT Reggio Emilia-Luoghi di Prevenzione Cos è Espad Ricerca sui

Dettagli

I dati toscani sui consumi e sulle conseguenze sanitarie dell uso e abuso di droghe

I dati toscani sui consumi e sulle conseguenze sanitarie dell uso e abuso di droghe I dati toscani sui consumi e sulle conseguenze sanitarie dell uso e abuso di droghe Alice Berti Fabio Voller Convegno Il fenomeno delle dipendenze da sostanze in Toscana: consumi e conseguenze, rete dei

Dettagli

IL GIOCO D AZZARDO IN LOMBARDIA

IL GIOCO D AZZARDO IN LOMBARDIA IL GIOCO D AZZARDO IN LOMBARDIA ATTIVITÀ DELL OSSERVATORIO REGIONALE SULLE DIPENDENZE (ORED) - 15 Guido Gay Milano, 15 ottobre 15 Struttura della presentazione Opinioni sul gioco d azzardo nei social media

Dettagli

PASSI 2009. I dati sul tabagismo in Valle d Aosta. Elisa Francesca ECHARLOD DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

PASSI 2009. I dati sul tabagismo in Valle d Aosta. Elisa Francesca ECHARLOD DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE PASSI 2009 I dati sul tabagismo in Valle d Aosta Elisa Francesca ECHARLOD DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Che cos è PASSI? Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Sistema di sorveglianza della popolazione

Dettagli

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1) GLI STUDENTI UNIVERSITARI RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1 Nell anno accademico 2003/2004 i riminesi iscritti a Corsi di Laurea (vecchio e nuovo

Dettagli

Negli anni il mondo della droga è cambiato in misura significativa e con esso sono cambiati anche i

Negli anni il mondo della droga è cambiato in misura significativa e con esso sono cambiati anche i 13. Droga, fumo e alcol Negli anni il mondo della droga è cambiato in misura significativa e con esso sono cambiati anche i consumatori e i modi stessi del consumo. Così ecco che l utilizzo di ecstasy

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Fisiologia Clinica Sezione di Epidemiologia e Ricerca sui Servizi Sanitari

Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Fisiologia Clinica Sezione di Epidemiologia e Ricerca sui Servizi Sanitari Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Fisiologia Clinica Sezione di Epidemiologia e Ricerca sui Servizi Sanitari PROGETTO REGIONALE: STIMA DI PREVALENZA ED INCIDENZA DELL USO ED ABUSO DI ALCOL

Dettagli

E opportuno sottolineare, inoltre, che la percentuale dei ragazzi che dichiara di consumare dolci e bere coca-cola più volte al giorno è superiore a

E opportuno sottolineare, inoltre, che la percentuale dei ragazzi che dichiara di consumare dolci e bere coca-cola più volte al giorno è superiore a HBSC (Health Behaviour in School-aged Children - Comportamenti di salute nei giovani in età scolare). Campione di studenti del 2 anno di istituti scolastici superiori di Potenza, Muro Lucano, S.Arcangelo

Dettagli

I consumi di bevande alcoliche FABIO VOLLER

I consumi di bevande alcoliche FABIO VOLLER I consumi di bevande alcoliche FABIO VOLLER Consumatori di vino (%) nella vita, nell ultimo anno, nell ultimo mese 90 80 87,8 81,3 81,5 MASCHI FEMMINE 71 70,4 70 60 50 40 57,7 30 20 10 0 VITA ANNO MESE

Dettagli

Bologna 76% Urbino 14,8% Milano 2,0% Ferrara 1,8% Ancona 1,5% Altri atenei 4,6%

Bologna 76% Urbino 14,8% Milano 2,0% Ferrara 1,8% Ancona 1,5% Altri atenei 4,6% L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1) GLI STUDENTI UNIVERSITARI RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1 Il monitoraggio degli studenti riminesi iscritti a corsi di laurea, scuole di specializzazione

Dettagli

A cura di Alice Berti, Fabio Voller

A cura di Alice Berti, Fabio Voller USO,, ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ILLEGALI E CONSEGUENZE SANITARIE IN TOSCANA A cura di Alice Berti, Fabio Voller Aggiornamento dicembre 2012 1 I consumi delle sostanze psicotrope Dal contesto mondiale

Dettagli

Città di Imperia Assessorato alle Politiche Giovanili

Città di Imperia Assessorato alle Politiche Giovanili Città di Imperia Assessorato alle Politiche Giovanili Città di Imperia Assessorato alle Politiche Giovanili Ricerca promossa dall Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Imperia 1 Indice Presentazione..

Dettagli

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI I DATI EPIDEMIOLOGICI Sez. III Consumo di Alcol e Sicurezza Stradale 2 Consumo di Alcol L alcol insieme a fumo, attività fisica e alimentazione ha assunto nell ambito della

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO 2014

RELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO 2014 RELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO 2014 Uso di sostanze stupefacenti e tossicodipendenze in Italia Dati relativi all anno 2013 e primo semestre 2014 - elaborazioni 2014 INDICE 1. CONSUMO DI SOSTANZE STUPEFACENTI

Dettagli

Fumo e alcol : aspetti epidemiologici in adolescenza Dott.ssa Felicetta Camilli

Fumo e alcol : aspetti epidemiologici in adolescenza Dott.ssa Felicetta Camilli Fumo e alcol : aspetti epidemiologici in adolescenza Dott.ssa Felicetta Camilli IL PROFILO DEL FUMATORE REATINO Dati Progetto PASSI - Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Nella

Dettagli

Overnight: stili di consumo fra i giovani frequentatori di locali di divertimento notturni

Overnight: stili di consumo fra i giovani frequentatori di locali di divertimento notturni Overnight: stili di consumo fra i giovani frequentatori di locali di divertimento notturni Riccardo Tominz Eva Perizzolo luoghi di aggregazione notturna giovanile scenario potenziale di comportamenti

Dettagli