ARTROPROTESI DI GINOCCHIO: LE COMPLICANZE CUTANEE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ARTROPROTESI DI GINOCCHIO: LE COMPLICANZE CUTANEE"

Transcript

1 Master Universitario di II livello IL TRATTAMENTO DELLA PATOLOGIA DEGENERATIVA DEL GINOCCHIO Roma 20 settembre 2012 ARTROPROTESI DI GINOCCHIO: LE COMPLICANZE CUTANEE Dr. Marzia Salgarello Chirurgo plastico UNITA OPERATIVA DI CHIRURGIA PLASTICA UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL S. CUORE ROMA

2 INTERVENTO DI ARTROPROTESI DI GINOCCHIO il successo dell intervento, tecnicamente corretto, dipende da almeno 3 variabili: Le condizioni locali della cute e sottocute del ginocchio Le condizioni generali del paziente Il decorso postoperatorio (ematoma etc, complicanze cutanee della ferita chirurgica)

3 L alterazione di uno o più fattori può condizionare l insuccesso dell intervento chirurgico

4 INTERVENTO DI ARTROPROTESI DI GINOCCHIO: Le condizioni locali della cute e sottocute del ginocchio possono variare in base a: presenza di cicatrici per pregressi interventi al ginocchio alterazione del trofismo dei tessuti molli del ginocchio

5 LE CICATRICI DEL GINOCCHIO Data la particolare anatomia vascolare dei tegumenti in questa sede, tutte le cicatrici del ginocchio rappresentano un ostacolo alla vascolarizzazione le cicatrici verticali mediali e la presenza di cicatrici multiple determinano un maggiore danno alla vascolarizzazione locale

6 APPORTO VASCOLARE DI CUTE E SOTTOCUTE DEL GINOCCHIO: I VASI PERFORANTI (= VASI CHE IRRORANO I TEGUMENTI) Definizione : vaso perforante è l insieme di arteria+2 vene satelliti che perfora la fascia profonda e si dirige ad irrorare cute+sottocute direttamente (perforanti cutanee dirette), attraverso i setti fasciocutanei (perforanti cutanee indirette fascio-cutanee) o attraverso i muscoli (perforanti cutanee indirette muscolo-cutanee) fascia sottocute muscolo

7 VASI PERFORANTI DEI TEGUMENTI 3 TIPOLOGIE: source artery - vasi perforanti diretti - vasi perforanti indiretti fascio(setto)-cutanei cutanei - vasi perforanti indiretti muscolo-cutanei cutanei

8 APPORTO VASCOLARE DI CUTE E SOTTOCUTE DEL GINOCCHIO: STUDIO DEGLI ASSI VASCOLARI Nel ginocchio si incontrano gli angiosomi (=territori vascolari) che appartengono a diversi assi vascolari (source arteries): MEDIALMENTE: : a. femorale superficiale, a. genicolata discendente, aa. genicolate mediali sup ed inf., a. ricorrente della tibiale anteriore LATERALMENTE: : a. genicolate laterali sup ed inf,, i rami terminali della a. femorale profonda MIGLIORE VASCOLARIZZ. DAL VERSANTE MEDIALE

9 Arterie del ginocchio (assi vascolari) LATERALE MEDIALE =anterior tibial recurrent artery

10 vasi perforanti del ginocchio SUPERFICIE ANTERIORE SUPERFICIE POSTERIORE

11 vasi perforanti del ginocchio SUPERFICIE LATERALE SUPERFICIE MEDIALE

12 Apporto vascolare di cute e sottocute del ginocchio e cicatrici di pregressi interventi: Le cicatrici implicano un disturbo di vascolarizzazione che può comportare un rischio di alterata guarigione dell incisione per l artroplastical Tale rischio può essere ridotto se si opera un attenta pianificazione dell incisione (eventuale consulto con il chirurgo plastico nei casi con cicatrici per pregressi interventi o traumi)

13 REGOLE BASE PER L INCISIONE CUTANEA utilizzare preferibilmente le cicatrici preesistenti fare scollamento profondo evitando gli scollamenti superficiali (che alterano l apporto vascolare dei vasi perforanti ai tegumenti)

14 Apporto vascolare della cute e sottocute del ginocchio e cicatrice paramediana mediale: In presenza di una cicatrice paramediana mediale può verificarsi un disturbo della vascolarizzazione dei tessuti molli laterali alla cicatrice (poiché essa proviene principalmente dal versante mediale) Per ridurre possibilità di complicanze della ferita utilizzare la stessa cicatrice

15 La cicatrice mediale parapatellare è preferita da alcuni poiché,, seguendo le linee di tensione della cute, implica minore tensione cutanea nella flessione del ginocchio, in realtà può compromettere la vascolarizzazione del ginocchio che viene prevalentemente dai vasi mediali se l incisione l è troppo mediale per essere riutilizzata, si può effettuare un ulteriore ulteriore incisione longitudinale ma evitare gli scollamenti superficiali

16 in presenza di una cicatrice laterale: Le cicatrici laterali vanno riutilizzate per l artroplastica (ottima la vascolarizzazione del lembo mediale) in alternativa fare cicatrice longitudinale (se buon trofismo dei tessuti molli) ed evitare lo scollamento laterale per non creare un ponte tissutale con possibile necrosi cutaneo- sottocutanea (comunque rischio aumentato di diastasi della ferita)

17 Apporto vascolare di cute e sottocute del ginocchio e cicatrice trasversale: Quando si effettua un incisione longitudinale del ginocchio in presenza di una cicatrice trasversale, si formano 4 lembi cutaneo- sottocutanei Nella sede centrale,, ove i 4 lembi si incontrano, esiste un disturbo vascolare che potrebbe determinare difficoltà di guarigione locale In realtà è una cicatrice trascurabile se si evita uno scollamento superficiale

18 in presenza di cicatrici per pregresso trauma, cercare di incorporarle nella cicatrice longitudinale dell artroplastica

19 inoltre: evitare incisioni convergenti = che incontrino le cicatrici pre-esitenti esitenti (possibile necrosi cutaneo-sottocutanea dei tegumenti situati nel triangolo che si forma nel punto di incontro delle cicatrici) in alternativa fare cicatrice longitudinale (se buon trofismo dei tessuti molli) a distanza di almeno 3-4cm 3 ed evitare lo scollamento superficiale per non creare un ponte tissutale con possibile necrosi cutaneo-sottocutanea (comunque rischio aumentato di diastasi della ferita)

20 in presenza di cicatrici multiple: es. longitudinale centrale+paramediana mediale: comportano un lembo mediale, uno intermedio (tra le 2 cicatrici) ed uno laterale incisione per l artroprotesil artroprotesi: usare la cicatrice in posizione più favorevole (possibilmente la più recente), evitare scollamento superficiale tra le 2 cicatrici per evitare ponte tissutale intermedio ( possibile necrosi cutaneo-sottocutanea a tutto spessore)

21 SE CICATRICI MULTIPLE + TESSUTI MOLLI ADERENTI AI TESSUTI PROFONDI (in previsione di una difficile guarigione delle ferite): INTERVENTO RICOSTRUTTIVO PRELIMINARE CHE RIPRISTINI I NORMALI TESSUTI MOLLI NELLA SEDE DELL INCISIONE

22 ANALOGA DECISIONE IN PRESENZA DI UN AMPIA AREA DISTROFICA: INTERVENTO RICOSTRUTTIVO PRELIMINARE CHE RIPRISTINI I NORMALI TESSUTI MOLLI NELLA SEDE DELL INCISIONE

23 IL TIPO DI INTERVENTO RICOSTRUTTIVO PRELIMINARE dipende dall entit entità della demolizione RIPARAZIONE CON: skin expander (intervento in 2 tempi) lembi locali (fasciocutanei di vicinanza, muscolare di gastrocnemio, muscolo-cutanei, perforanti peduncolati, etc.) lembi liberi (cutaneo-sottocutanei specie perforanti, muscolari+innesto cutaneo sottile, muscolo-cutanei, etc.) da anastomizzare ai peduncoli vascolari della regione (es. vasi femorali superficiali, poplitei, tibiali post, etc.)

24 TIPOLOGIA DEGLI INTERVENTI RICOSTRUTTIVI PER LA RIPARAZIONE DELLE PERDITE DI SOSTANZA DEL GINOCCHIO skin expander: intervento in 2 tempi (1 tempo di inserzione della protesi ad espansione, 2 tempo di asportazione della protesi+utilizzo della cute espansa) lembi locali: fasciocutanei (random, lunghezza: larghezza=2:1), perforanti peduncolati, etc. lembi regionali: muscolare (o mio-cutaneo) di gastrocnemio lembi liberi: perforanti cutaneo-sottocutanei, muscolari (latissimo)+innesto cutaneo, etc.

25 LEMBO MUSCOLARE DI GASTROCNEMIO MEDIALE LEMBO MUSCOLARE DI 1 SCELTA PER I DIFETTI DI MEDIA DIMENSIONE DEL GINOCCHIO PER LE PERDITE DI SOSTANZA CHE VANNO DALLA REGIONE SOPRAROTULEA ALLA TUBEROSITA TIBIALE

26 LEMBO PERFORANTE = L. cut.-sottocutaneo basato su 1 vaso perforante 100 anni fa ogni l. cutaneo-sottocutaneo era random (=sollevato senza attenzione al peduncolo vascolare) perciò regolato da un rapporto lunghezza-larghezza larghezza,, che ne assicurava la vitalità,, piuttosto limitato ( 2:1) Oggi i lembi sono tracciati in base alla conoscenza della loro vascolarizzazione che viene da vasi cutanei diretti o indirettamente da vasi perforanti (=che perforano la fascia profonda), provenienti ad es. dai rami muscolari

27 VASI PERFORANTI DEI TEGUMENTI 3 TIPOLOGIE: source artery - vasi perforanti diretti - vasi perforanti indiretti fascio(setto)-cutanei cutanei - vasi perforanti indiretti muscolo-cutanei cutanei

28 preferiamo utilizzare per la copertura di aree medio-grandi un lembo libero cutaneo-sottocutaneo (anziché muscolare) = lembi liberi perforanti grande plasticità facilitano futura chirurgia ortopedica rispetto ai lembi liberi muscolari (presenza di tessuti molli fisiologici,, ovvero rappresentati come di consueto da cute-sottocute, e con ottimo trofismo perchè dotati di vascolarizzazione propria attraverso il peduncolo vascolare) scarsa morbidità sito donatore (solo 1 cicatrice)

29 Lembi perforanti liberi + usati nelle perdite di sostanze degli arti inferiori ALT=basato sui vasi discendenti della circonflessa laterale del femore (lembo( di coscia laterale) DIEAP=basato sui vasi epigastrici inferiori profondi (lembo( di addome) TDAP=basato sui vasi toraco-dorsali (lembo della regione toracica laterale)

30 LEMBI PERFORANTI LIBERI + USATI nelle perdite di sostanze arti inferiori La scelta del lembo libero si basa sulle necessità cliniche: dimensioni (L. + piccolo è il L. toracico laterale, quello + grande il L. addominale), spessore del sottocute (L. sottili: L. toracico e di coscia laterale, L. spesso è il L. addominale), inoltre sullo studio preoperatorio dei vasi perforanti del lembo con ECD o angioct (affidabilità clinica) ogni persona con sottocute molto rappresentato (specie obesi) è candidata a lembo muscolare + innesto cutaneo

31 L ecocolordoppler (ECD) è l esame di prima scelta per studiare le perforanti L ECD evidenzia le migliori perforanti e permette di studiare il diametro dell arteria, della vena ed il flusso di ogni perforante Qualora sia presente una perforante adeguata (O > > 0,8) è possibile allestire un lembo affidabile

32 Lo studio con ecocolor- doppler (ECD) delle perforanti della TDA (Thoraco-Dorsal Artery) è preliminare all allestimento allestimento del lembo ECD preop L ECD dimostra la migliore perforante della TDA 10cm sotto l ascella l e 2cm dietro il margine laterale del m. latissimus dorsi.

33 Allestimento di lembo ALT (anterolaterale di coscia) previo studio con ECD delle perforanti della LFCA (Lateral Femoral Circumflex-Artery) perforante della LFCA LFCA L ECD preop ha dimostrato la presenza e la sede di una perforante della LFCA e dato i dati del diametro dell arteria, vena, velocità del flusso arterioso e decorso della perforante stessa (intramuscolare o settale)

34 PERDITA DI SOSTANZA POST- TRAUMATICA 1/3 INF GAMBA SN LEMBO PERFORANTE ALT SUPERFICIE ANTERO-LAT COSCIA SN LEMBO PERFORANTE ALT IN SEDE (GAMBA) RISULTATO FINALE DOPO ANASTOMOSI DEI VASI DEL LEMBO PERFORANTE ALT (LFCA+V) AD A+V TIBIALI POST

35 L angioct è l esame di scelta per studiare le perforanti dell addome: si evidenzia la perforante migliore(=dominante) ombelico dell emiaddome emiaddome ombelico perforante dominante laterale dx perforante dominante mediale sn

36 dopo avere effettuato lo studio delle perforanti dominanti con l angioct, l si mappa sulla cute l emergenza fasciale (x facilitare l intervento) l perforante dominante emiaddome destro perforante dominante emiaddome sinistro

37 Asportazione di ampia area cicatriziale post-traumatica+ copertura con lembo libero addominale perforante DIEAP (intervento preparatorio alla successiva artroplastica) PREOP POSTOP Lembo addominale sui vasi perforanti

38 Lembi perforanti peduncolati (=locali)( Lembi perforanti propeller = l. locale cutaneo- sottocutaneo o fascio-cutaneo cutaneo che ruota fino a 180 attorno all asse asse della perforante che lo nutre (dell asse della tibiale post o ant, peroniera, etc.) vaso perforante rotazione di 180 l. propeller basato sull a. peroniera lembo ruotato

39 Il concetto del PROPELLER (=ELICA) A B C + PUNTO PIVOT E LA E SEDE DEL VASO PERFORANTE

40 Il lembo Propeller Rotazione sull asse della x perforante

41 La chiave dell intervento è liberare la perforante in modo tale che possa ruotare sul suo asse

42 Lembi perforanti peduncolati Lembo propeller basato sui vasi genicolati discendenti

43 asportazione di area cicatriziale post-traumatica ginocchio +copertura con lembo cut.-sottoc. perforante peduncolato vasi genicolati discendenti rotazione di 100 Lembo basato sui vasi genicolati discendenti

44 Lembi perforanti peduncolati E indispensabile lo studio ed il mappaggio preoperatorio dei vasi perforanti con ecocolordoppler (ECD) Es: studio ECD dell arteria genicolata discendente emergenza fasciale del vaso all ECD incisione chirurgica per esplorare i vasi, che diviene poi il margine mediale del lembo conferma intraoperatoria del vaso

45 In un secondo tempo (4-6 6 mesi) si procederà all intervento di artroprotesi

46 INTERVENTO DI ARTROPROTESI DI GINOCCHIO: Le condizioni generali del paziente Le seguenti malattie sistemiche e fattori di co-morbidit morbidità aumentano il rischio di complicanze locali : Diabete insufficienza vascolare malattie autoimmuni pregresse ter. immunosoppressive (fra cui cortisone) insufficienza renale obesità malassorbimento, malnutrizione, ipotiroidismo tabagismo

47 INTERVENTO DI ARTROPROTESI DI GINOCCHIO: Le condizioni generali del paziente il diabete: rischio di infezione (3-7%), sintesi collagene il cortisone e gli agenti immunosoppressivi il rischio di complic. cutanee ed infezione per inibizione della sintesi di prostaciclina e del richiamo di leucociti stato nutrizionale (obesità, malassorbimento, malnutrizione, ipotiroidismo ) richiede una conta dei leucociti >1500 e concentrazione albumina>3,5g/dl il fumo provoca vasocostrizione, ridotto trasporto tissutale dell ossigeno, ridotta proliferazione cellulare CORREGGERLE PER QUANTO POSSIBILE IN FASE PREOPERATORIA

48 IN PRESENZA DI ALTERATO TROFISMO DEI TESSUTI MOLLI DEL GINOCCHIO (legato ai fattori di cui sopra): Alcune delle condizioni già elencate sono correggibili con la terapia medica, ma in generale condizionano un aumentato rischio di complicanze locali (in primis ritardata e/o alterata guarigione delle ferite, infezioni locali) da valutare caso per caso eventualmente con altri specialisti (ch. vascolare, internista, ch. plastico, etc.)

49 LA MIGLIORE TERAPIA E LA PREVENZIONE predisporre condizioni generali ottimali scegliere la migliore incisione cutanea diminuire la tensione sulla ferita cutanea evitare uso del tourniquet? altri accorgimenti di tecnica controllo quotidiano della ferita chirurgica etc.

50 INTERVENTO DI ARTROPROTESI DI GINOCCHIO: E COMUNQUE UN INTERVENTO A RISCHIO PER LA PRESENZA DELLA PROTESI. INFATTI TUTTE LE PROTESI (da quelle di ginocchio a quelle mammarie) RAPPRESENTANO UN CORPO ESTRANEO SU CUI PUO + FACILMENTE IMPIANTARSI UN BATTERIO

51 INTERVENTO DI ARTROPROTESI DI GINOCCHIO*: IN UN MODELLO ANIMALE SPERIMENTALE, IN CONDIZIONI NORMALI, UN BATTERIO PUO IMPIANTARSI SE >10(5) COLONIE/g DI TESSUTO, LA PRESENZA DEL CORPO ESTRANEO DIMINUISCE DRASTICAMENTE IL NUMERO DI COLONIE DI S. AUREO RICHIESTE PER CAUSARE INFEZIONE L ATTIVAZIONE DEI NEUTROFILI SULLA VASTA SUPERFICIE DEL CORPO ESTRANEO PUO DEATTIVARE I GRANULOCITI E DIMINUIRE LA RISPOSTA IMMUNE I BATTERI CHE COSTITUISCONO IL BIOFILM SONO RELATIVAMENTE PROTETTI DAL SISTEMA IMMUNITARIO E DAGLI ANTIBIOTICI SOMMINISTRATI X VIA SISTEMICA *Vince K et al. Wound complications after total knee arthroplasty. J Arthroplasty Jun 2007

52 INTERVENTO DI ARTROPROTESI DI GINOCCHIO: RISCHIO di complicanza cutanea va dal 2 al 20% (secondo alcuni Autori* il 15% dei pazienti sottoposti ad artroprotesi di ginocchio presenta infezione acuta superficiale, con infezione profonda in un terzo dei casi) RISCHIO di esposizione protesica: 0,5% * Gaine WJ et al. Wound infection in hip and knee arthroplasty. J Bone Joint Surg Br 82B: ,, 2000

53 INTERVENTO DI ARTROPROTESI DI GINOCCHIO: Il decorso postoperatorio E IMPORTANTE MONITORARE LA SITUAZIONE LOCALE (MEDICAZIONI QUOTIDIANE) PER RILEVARE AL PIU PRESTO L EVENTUALE COMPLICANZA CUTANEA

54 INTERVENTO DI ARTROPROTESI DI GINOCCHIO: Il decorso postoperatorio POSSIBILE INSORGENZA DELLE SEGUENTI COMPLICANZE CUTANEE 1. Alterata guarigione delle ferite (fino alla deiscenza e/o necrosi tissutale) 2. Infezione superficiale Infezione profonda (protesica), la complicanza + temibile (1 interventi di artroplastica) (1-5% dei casi degli

55 INTERVENTO DI ARTROPROTESI DI GINOCCHIO: le complicanze cutanee 1. Alterata guarigione delle ferite (fino alla deiscenza e/o necrosi tissutale)

56 ARTROPROTESI DI GINOCCHIO Alterata guarigione delle ferite Studio della Mayo Clinic (J Bone Joint Surg Am 2009) su interventi primari dal 1981 al (0,33%) reinterventi per early wound complications.. In questi casi nei 2aa successivi: nel 5,3% reintervento per copertura con lembo di gastrocnemio o amputazione, e nel 6% infezione profonda (versus 0,6% e 0,8% nei casi senza complicanze cutanee). significativa associazione con il diabete

57 ARTROPROTESI DI GINOCCHIO Alterata guarigione delle ferite I pazienti che richiedano reinterventi per early wound complications hanno un rischio aumentato di 10 volte di ulteriori interventi maggiori e di infezione periprotesica dopo intervento di artroprotesi è estremamente importante ottenere la guarigione primaria della ferita chirurgica

58 DEISCENZA / NECROSI CUTANEO-SOTTOCUTANEA A SPESSORE PARZIALE A SPESSORE TOTALE CON ESPOSIZIONE DELLA PROTESI - la protesi si espone con il debridement - protesi già esposta

59 DEISCENZA / NECROSI CUTANEO-SOTTOCUTANEA A SPESSORE PARZIALE se minima diastasi, o necrosi marginale oppure minimo essudato TERAPIA CONSERVATIVA (medicazioni quotidiane) + ATTENTA OSSERVAZIONE

60 DEISCENZA / NECROSI DEI TESSUTI MOLLI A SPESSORE PARZIALE Se l estensione l della necrosi è maggiore, escarectomia ed innesto cutaneo, eventualmente preceduto da VAC terapia

61 VAC TERAPIA Presidio non invasivo che promuove la guarigione delle ferite (=medicazione avanzata) L apparecchio VAC esercita una pressione negativa sulla ferita attraverso un tubo di connessione ed una medicazione di poliuretano ermetica Il trattamento favorisce la formazione del tessuto di granulazione e la contrazione della perdita di sostanza

62 VAC TERAPIA Gli obiettivi principali del trattamento posso essere così riassunti: eliminare l essudato l e ridurre l edema l perilesionale incrementare il flusso sanguigno microvascolare locale e controllare la vascolarizzazione promuovere la formazione di tessuto di granulazione ridurre la complessità e le dimensioni della ferita ottimizzare il letto della ferita prima e dopo l atto l chirurgico ridurre la complessità delle procedure di chiusura chirurgica di una ferita (inoltre crea un ambiente chiuso ed umido che protegge dalla contaminazione batterica)

63 VAC TERAPIA Nel nostro caso viene utilizzata per accelerare la guarigione chirurgica (formazione del tessuto di granulazione e la successiva copertura con innesto cutaneo) Escarectomia+VAC+innesto cutaneo ha permesso di ridurre le indicazioni ai lembi liberi nelle perdita di sostanza cutaneo- sottocutanee a tutto spessore degli arti infer. Preferibilmente non va utilizzata se protesi esposta usare i lembi se non è contaminata, se lo è rimozione protesi+lembo

64 ES. DI APPLICAZIONE VAC NELLE FERITE DEGLI ARTI INFER. 4gg dopo il trauma dopo 3 settimane di VAC preop (dopo 4 sett. di VAC) intraop dopo copertura con innesto cutaneo a rete

65 Uso della VAC anche INTRAOPERATORIO per ottimizzare l attecchimento degli innesti cutanei (accelera e migliora il processo di attecchimento, allontana le secrezioni, etc.)

66 PREOP DOPO 4 SETT. DI VAC POSTOP dopo 6gg dall interv ATTECCHIMENTO del 100%

67 VAC TERAPIA: SINTESI USO IN CASO DI COMPLICANZE CUTANEE NECROTICHE POST-ARTROPLASTICA PREPARAZIONE PREOPERATORIA DELL LETTO DELLA FERITA STABILIZZAZIONE POSTOPERATORIA DELL INNESTO SVANTAGGIO: COSTO

68 DEISCENZA / NECROSI DEI TESSUTI MOLLI A SPESSORE TOTALE (MEDIO-PICCOLE) È possibile escarectomia+vac terapia, dopo 33 settimane si esegue innesto cutaneo. Poichè il debridement può esporre la protesi occorre essere pronti ad eseguire un lembo locale (es. muscolare di gastrocnemio mediale)

69 DEISCENZA / NECROSI DEI TESSUTI MOLLI A SPESSORE TOTALE (MEDIO-AMPIE) È possibile escarectomia+vac terapia, dopo 3 settimane si esegue innesto cutaneo. Poichè il debridement può esporre la protesi occorre essere pronti ad eseguire un lembo libero.

70 DEISCENZA / NECROSI CUTANEO-SOTTOCUTANEA CON ESPOSIZIONE DELLA PROTESI - la protesi si espone con il debridement IN QUESTO CASO LA PROTESI NON E E STATA CONTAMINATA E QUINDI E E POSSIBILE MANTENERE LA STESSA PROTESI (senza aumentare il rischio di infezione) SE COPERTURA IMMEDIATA

71 NECROSI CUTANEO-SOTTOCUTANEA CON ESPOSIZIONE DELLA PROTESI - la protesi si espone con il debridement (poiché non è contaminata non va rimossa) necessità di ampio lembo lembo libero muscolare+innesto cutaneo

72 NECROSI CUTANEO-SOTTOCUTANEA CON ESPOSIZIONE DELLA PROTESI - in questo caso si è scelto il lembo libero di m.latissimus dorsi+innesto cutaneo a rete anziché l. libero perforante (=cutaneo- sottocutaneo) dato lo spessore notevole del sottocute della paziente, ma tenere conto della morbidità legata alla perdita di 1 muscolo

73 PERDITE DI SOSTANZA MEDIO-AMPIE Il lembo cutaneo perforante mantiene lo spessore nel tempo possibile liposuzione (ma lembo da evitare negli obesi) Il lembo muscolare+innesto cutaneo diviene + sottile nel tempo x effetto dell atrofia muscolare

74 PERDITE DI SOSTANZA MEDIO-AMPIE A TUTTO SPESSORE NECESSITA DI LEMBO LIBERO

75 SONO INTERVENTI NON SEMPLICI CON ELEVATO RISCHIO DI INSUCCESSO (DI CUI IL PAZIENTE DEVE ESSERE CONSAPEVOLE) SPECIE SE PRESENTI I FATTORI PREDISPONENTI GIA ESAMINATI (diabete, obesità, insufficienza vascolare, fumo etc.)

76 Paziente diabetica 72aa, necrosi tess. molli post- artroplastica,debridement esposizione protesica Necessità di copertura con lembo ampio, per evitare lembo libero si effettua lembo locale (l. surale) cross-leg

77 allestimento del lembo surale lembo surale cross-leg l. surale cross-leg staccato, successiva esposizione protesica (probabilmente x infezione protesica) esposizione protesica laterale:si programma rimozione protesi+ artrodesi+chiusura diretta p.d.s.

78 E probabile che la contaminazione misconosciuta della protesi (occorsa durante il 1 1 intervento plastico o addirittura prima) abbia innescato l infezione profonda Dopo la chiusura con il lembo, l infezione l si fa strada attraverso i tessuti molli e crea una fistola cutanea laterale esposizione protesica

79 Programma chirurgico: rimozione della protesi+artrodesi+ chiusura diretta della perdita di sostanza soluzione estrema poiché non si è ritenuto opportuno tentare un nuovo lembo e un intervento di sostituzione protesi in 2 tempi

80 DEISCENZA / NECROSI CUTANEO-SOTTOCUTANEA CON ESPOSIZIONE DELLA PROTESI - la protesi è già esposta=infetta In questo caso la rimozione della protesi è inevitabile + cemento antibiotico spaziatore (INTERVENTO IN 2 TEMPI, previo congruo periodo di terapia antibiotica e.v.) SE I TESSUTI MOLLI NON CHIUDONO: - LEMBO LOCALE DI GASTROCNEMIO (SE( PERDITA DI SOSTANZA MEDIO-PICCOLA) - LEMBO LIBERO (SE( P.D.S. MEDIO-GRANDE)

81 SE POSSIBILE EFFETTUARE UN QUALSIASI LEMBO DI COPERTURA QUANDO LE CONDIZIONI CLINICHE SIANO OTTIMALI (ASSENZA DI INFEZIONE)

82 NEI SUCCESSIVI INTERVENTI ORTOPEDICI: UTILIZZARE UNA DELLE CICATRICI DEGLI INTERVENTI PRECEDENTI (NON INCIDERE NEL CONTESTO DEL LEMBO MA SUI MARGINI)

83 AMPIA NECROSI CUTANEO- SOTTOCUT. CON ESPOSIZIONE DELLA PROTESI In alcune situazioni la progressione dell infezione+necrosi dei tessuti molli è tale che non è possibile una guarigione locale con i metodi finora proposti (intervento in due tempi +lembo di copertura), ma i tentativi chirurgici per l eradical eradica- zione dell infezione condurrano facilmente all amputazione amputazione

84 RESEZIONE ONCOLOGICA + ARTROPLASTICA IN QUESTO CASO E E FREQUENTE LA PRESENZA DI UNA CONTESTUALE P.D.S. E PERCIO L USO DI UN LEMBO LOCALE PER CHIUDERLA (SOLITAMENTE LEMBO MUSCOLARE DI GASTROCNEMIO MEDIALE+INNESTO CUTANEO)

85 LEMBO DI GASTROCNEMIO MEDIALE E un lembo muscolare (di rado muscolo- cutaneo) peduncolato di m. gastrocnemio mediale (raramente laterale) Il concetto della rotazione del lembo peduncolato di m. gastrocnemio mediale nelle p.d.s. attorno al ginocchio risale al 1970 Affidabile apporto vascolare dal peduncolo principale, le arterie surali Facile allestimento, buon arco di rotazione (pivot il peduncolo vascolare) fino a coprire un estensione che va dal femore distale alla metà della tibia

86 MORBIDITA DOPO PRELIEVO DEL M. GASTROCNEMIO* 87% dei pazienti non ha un significativo disturbo del cammino MA 58% dei pazienti non può correre 40% dei pazienti lamenta dolore quando cammina per oltre 200m la perdita di forza, i disturbi funzionali e della sensibilità possono essere attribuiti anche al trauma *Daigeler A. et al. The pedicled gastrocnemius muscle flap: a review of 218 cases PRS Jan 2009

87 ALTRE COMPLICANZE DOPO PRELIEVO DI GASTROCNEMIO* difficile guarigione della ferita e/o necrosi parziale del lembo (7%), che richiede reintervento infezione della ferita (4%) paralisi del n. peroneo (4,5%, ma solo x l. laterale) raramente perdita totale del lembo (1%) *Daigeler A. et al. The pedicled gastrocnemius muscle flap: a review of 218 cases PRS Jan 2009

88 Paziente di 51aa con osteosarcoma del 1/3 sup. di tibia. Asportazione e protesi+ ricostruzione della p.d.s. cutaneo-sottocutanea con l. muscolare di gastrocnemio mediale+innesto cutaneo

89 RESEZIONE ONCOLOGICA + ARTROPLASTICA INFINE E E POSSIBILE, PUR SENZA EVIDENTE P.D.S., L USO L DI UN LEMBO LOCALE (SOLITAMENTE LEMBO MUSCOLARE DI GASTROCNEMIO MEDIALE) PER PROTEGGERE LA PROTESI

90 Paziente di 16aa con osteosarcoma di tibia. Asportazione + protesi + copertura della protesi con l. muscolare di gastrocnemio mediale

91 INTERVENTO DI ARTROPROTESI DI GINOCCHIO: le complicanze cutanee 2. Infezione superficiale Se non trattata prontamente l infezione può giungere a contaminare la protesi LA RISPOSTA ALLE INFEZIONI SUPERFICIALI DEVE ESSERE TEMPESTIVA E PRECOCE

92 INTERVENTO DI ARTROPROTESI DI GINOCCHIO: le complicanze cutanee 2. Infezione superficiale è utile comunque il consulto l infettivologo l e con il chirurgo plastico

93 INTERVENTO DI ARTROPROTESI DI GINOCCHIO: le complicanze cutanee 2. Infezione superficiale Se fuoriuscita di liquido dalla ferita suo drenaggio e coltura, poi disinfezione

94 INTERVENTO DI ARTROPROTESI DI GINOCCHIO: le complicanze cutanee 2. Infezione superficiale si esegue l esame l colturale dell eventuale siero/pus + antibiotico mirato (presuntivo in attesa di coltura + antibiogramma)

95 INTERVENTO DI ARTROPROTESI DI GINOCCHIO: le complicanze cutanee 2. Infezione superficiale caratteristiche dell aspirato: - infezioni superficiali (WBC < 2000cellule/ml, polimorfonucleati <50%) - infezioni profonde (WBC=80:000, polimorfonucleati >75%)

96 INTERVENTO DI ARTROPROTESI DI GINOCCHIO: le complicanze cutanee 2. Infezione superficiale non sono presenti i segni generali di flogosi: aumento della PCR, VES, leucocitosi neutrofila

97 INTERVENTO DI ARTROPROTESI DI GINOCCHIO: le infezioni 1. Infezione acuta non c èc indicazione assoluta circa la rimozione della protesi (che può essere mantenuta se non infetta) 2. Infezione cronica: la protesi va rimossa, reimpianto in 2 stadi (se alla rimozione protesi c èc necrosi cutanea/ perdita di sostanza, si fa lembo di muscolo gastrocnemio al momento dell inserzione del cemento spaziatore)

98 1. INTERVENTO DI ARTROPROTESI DI GINOCCHIO: le infezioni Infezione acuta non c èc indicazione assoluta circa la rimozione della protesi: se appropriato debridement+lembo muscolare, il salvataggio dell arto va dal 75% al 100%, mentre salvataggio della protesi nel 75-85% dei pazienti* *Nahabedian MY et al. Salvage procedures for complex soft tissue defects of the knee. Clin Orthop 356:

99 IN CONCLUSIONE

100 1 CONCLUSIONE COMPLICANZE CUTANEE- SCELTA DELLE INCISIONI LE COMPLICANZE CUTANEE DELLA FERITA DELL ARTROPLASTICA POSSONO IN PARTE ESSERE PREVENUTE CON UNA ATTENTA PIANIFICAZIONE PREOPERATORIA PRECEDENTI INCISIONI VANNO VALUTATE, EVENTUALMENTE CON IL CHIRURGO PLASTICO, PER NON CREARE AREE DI DEVASCOLARIZZAZIONE CHE CONDURREBBERO A NECROSI CUTANEO-SOTTOCUTANEA RIUTILIZZARE, SE POSSIBILE, LE INCISIONI PREESISTENTI ED EVITARE GLI SCOLLAMENTI SUPERFICIALI

101 2 CONCLUSIONE COMPLICANZE CUTANEE-INFEZIONI LE COMPLICANZE CUTANEE DELLA FERITA DELL ARTROPLASTICA AUMENTANO IL RISCHIO DI INFEZIONE PERIPROTESICA IL RISCHIO DI INFEZIONE AUMENTA CON IL N N DI CO-OMORBIDITA OMORBIDITA (DIABETE, cicatrici per altri interventi in quella sede, terapia immunosoppressiva, infezioni in altre sedi, abuso di alcool, malnutrizione, obesità,, fumo, ipotiroidismo ed insufficienza renale; NON SE insufficienza venosa, tumori, ipercolesterolemia) PERCIO LE COMPLICANZE CUTANEE DELLA FERITA DELL ARTROPLASTICA RICHIEDONO UNA PRONTA DIAGNOSI ED UN TEMPESTIVO TRATTAMENTO

102 3 CONCLUSIONE COMPLICANZE CUTANEE: NECROSI IN PRESENZA DI COMPLICANZE CUTANEE DI TIPO NECROTICO DELLA FERITA DELL ARTROPLASTICA E IMPORTANTE DISCRIMINARE TRA PROBLEMA SUPERFICIALE E PROFONDO SE NECROSI SUPERFICIALE VAC E/O INNESTO CUTANEO SE NECROSI PROFONDA E E PIU FACILE CHE SI ACCOMPAGNI AD INFEZIONE PROFONDA IN QUESTO CASO FARE ESTESO DEBRIDEMENT + RIMOZIONE DELLA PROTESI + CEMENTO ANTIBIOTICO SPAZIATORE ED EVENTUALE LEMBO DI COPERTURA (intervento ortopedico in 2 TEMPI)

103 4 CONCLUSIONE COMPLICANZE CUTANEE IN OGNI CASO LA PRESENZA DI COMPLICANZE CUTANEE DELLA FERITA DELL ARTROPLASTICA E E UN PROBLEMA POTENZIALMENTE GRAVE CHE, SE TRASCURATO O MAL TRATTATO, PUO ESITARE IN PROCEDURE RICOSTRUTTIVE MULTIPLE FINO ALL ARTRODESI ARTRODESI E ADDIRITTURA ALL AMPUTAZIONE AMPUTAZIONE LA COLLABORAZIONE CON IL CHIRURGO PLASTICO E CON L INFETTIVOLOGO L SONO IMPORTANTI PER IL TRATTAMENTO TEMPESTIVO DI TALI SITUAZIONI

104 Grazie!

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli.

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Tecnica chirurgica Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Sommario Indicazioni e controindicazioni 3 Impianti 4 Strumenti 4 Piano

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa Plico-metria, bioimpedenzio-metria, assorbimetria (a doppio raggio X) sono misure di altro dal grasso, ricondotte tramite formule alla stima della percentuale di massa grassa. Ora è finalmente disponibile

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

Bullone per artrodesi del piede centrale da 6.5 mm. Fissazione endomidollare della colonna mediale del piede.

Bullone per artrodesi del piede centrale da 6.5 mm. Fissazione endomidollare della colonna mediale del piede. Bullone per artrodesi del piede centrale da 6.5 mm. Fissazione endomidollare della colonna mediale del piede. Tecnica chirurgica La pubblicazione non è prevista per la distribuzione negli USA. Sommario

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

Corsi p e r O d o n t o i a t r i

Corsi p e r O d o n t o i a t r i corsi accreditati ECM Corsi p e r O d o n t o i a t r i 2015 20 marzo Approccio Razionale alla Terapia Implantare dalla pianificazione del caso alla realizzazione protesica 22 maggio Rialzo del Pavimento

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn Regione del Veneto Azienda Ospedaliera di Padova Chirurgia Generale Direttore : Prof. R. Bardini GUIDA INFORMATIVA SULLE MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

Le artroprotesi d anca: informazione e consenso

Le artroprotesi d anca: informazione e consenso U.O. DI ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA OSPEDALE CIVILE MAGGIORE BORGO TRENTO AZIENDA OSPEDALIERA DI VERONA Direttore: Dott. Massimo Marcer Le artroprotesi d anca: informazione e consenso Andrea Scalvi QUANDO

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

A.S.L. CASERTA Procedura N. 01/CIO Prevenzione delle Infezioni del Sito Chirurgico [ISC]

A.S.L. CASERTA Procedura N. 01/CIO Prevenzione delle Infezioni del Sito Chirurgico [ISC] A.S.L. CASERTA Procedura N. 01/CIO Prevenzione delle Infezioni del Sito Chirurgico [ISC] Comitato Tecnico Aziendale per il Controllo e la Sorveglianza delle Infezioni Ospedaliere [C.I.O.] Elaborata il:

Dettagli

Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port

Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port Che cos è il Port? Le informazioni fornite in questo opuscolo vi aiuteranno a capire meglio che cosa sono i port e a trovare risposta ad alcuni quesiti riguardanti i port sottocutanei Bard Access. Sommario

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Milano 2015. RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA.indd 1. Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI. Milano 2015

Milano 2015. RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA.indd 1. Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI. Milano 2015 Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA 26 marzo - 16 aprile - 7 maggio 18 giugno - 9 luglio - 24 settembre 8 ottobre - 19 novembre Relatori Dr. Alessandro Ceccherini,

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione:

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: IT SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2 Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: English (en) Deutsch (de) Nederlands (nl) Français (fr) Español (es) Italiano (it)

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

La Chirurgia Senologica. Istituto Oncologico Veneto. Unità Operativa di Chirurgia Senologica. Regione del Veneto

La Chirurgia Senologica. Istituto Oncologico Veneto. Unità Operativa di Chirurgia Senologica. Regione del Veneto I.O.V. ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico La Chirurgia Senologica Unità Operativa di Chirurgia Senologica

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

MATRICI ACELLULARI PER IL TRATTAMENTO DELLE ULCERE CUTANEE

MATRICI ACELLULARI PER IL TRATTAMENTO DELLE ULCERE CUTANEE CONSENSUS INTERNAZIONALE MATRICI ACELLULARI PER IL TRATTAMENTO DELLE ULCERE CUTANEE Review dell Expert Working Group REDATTORE: Suzie Calne EDITORE: Kathy Day CONSULTANT ADVISOR: Professor Gregory Schultz,

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Trattamento delle lesioni cutanee, acute e croniche, mediante utilizzo della terapia Topic Negative Pressure

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Trattamento delle lesioni cutanee, acute e croniche, mediante utilizzo della terapia Topic Negative Pressure LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Trattamento delle lesioni cutanee, acute e croniche, mediante utilizzo della terapia Topic Negative Pressure Trattamento delle lesioni cutanee, acute e croniche,

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Il trattamento. endovascolare degli. aneurismi dell'aorta. addominale. Informazioni per il paziente A A A E N D O P R O S T H E S I S

Il trattamento. endovascolare degli. aneurismi dell'aorta. addominale. Informazioni per il paziente A A A E N D O P R O S T H E S I S Il trattamento endovascolare degli aneurismi dell'aorta addominale Informazioni per il paziente A A A E N D O P R O S T H E S I S Indice Introduzione 1 Che cos'è un aneurisma dell aorta addominale (AAA)?

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli