CHIRURGIA PLASTICA. 1 Ma della gestione del rilascio di questa istamina si sa poco o niente 2 Anche per questo evento non si hanno dati dettagliati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CHIRURGIA PLASTICA. 1 Ma della gestione del rilascio di questa istamina si sa poco o niente 2 Anche per questo evento non si hanno dati dettagliati"

Transcript

1 1 CHIRURGIA PLASTICA Patologie d interesse nella chirurgia plastica sono: - tumori cutanei e dei tessuti molli; - traumi di viso e arti; - malformazioni; - radiodermiti, ulcere da decubito, ulcere degli arti; - ricostruzioni; - risoluzione delle visibilità delle cicatrici. CICATRIZZAZIONE Quali sono i metodi per cercare di ridurre al minimo gli eventi visibili di una cicatrizzazione? E come si fa a ridurre una cicatrice già formata? Innanzitutto bisogna lavare la ferita; questo serve ad evitare l accumulo dei detriti, che, nel futuro, corrisponderanno a pigmentazioni fastidiose in sede della cicatrice. E poi, occorre suturare iniziando dal sopracciglio. Questo vale ovviamente se la ferita è frontale e passa dal sopracciglio; in questi casi il primo punto da suturare è proprio quello in corrispondenza dell arcata sopraccigliare, sì da tenere orientati i tessuti in modo normale. Questi due accorgimenti spesso non vengono seguiti nei pronto soccorso. Le ferite possono essere superficiali o profonde. Le ferite superficiali interessano l epidermide e tutt al più gli strati superficiali del derma. Le ferite profonde, invece, interessano anche il derma e, quindi, per la loro guarigione risulta più complessa. Al trauma segue una subitanea vasocostrizione. Dopo un certo tempo, per effetto dell istamina 1, si realizza una vasodilatazione, e la zona interessata, per conseguenza, si rigonfia, in quanto si realizza trasudazione. Dal vaso fuoriescono però anche elementi corpuscolati, che migrano nella sede della lesione; questi sono i granulociti e i monociti (questi ultimi hanno il ruolo di spazzini ), che servono a mediare la risposta biologica alla noxa in questione. Il trauma è una ferita, quindi ha realizzato un taglio. Le cellule epiteliali migrano nel punto più basso di tale taglio e ricostruiscono lo strato perso con l abrasione; questo strato è inizialmente molto sottile, fragile, poiché è formato da un unica fila di cellule. Le cellule epiteliali migrate, dal canto loro, lasciano un vuoto nel punto d origine: tale vuoto è colmato da cellule neoformate, per mitosi delle cellule rimaste in situ. Oltre a tutto questo, nelle ferite profonde si realizza anche una fibroplasia, cioè una ricostituzione dei tessuti connettivali. La fibroplasia avviene contemporaneamente alla riepitelizzazione, e punto di partenza è la formazione del coagulo ematico che segue la ferita. Lungo il reticolo di fibrina da cui è costituito il coagulo migrano i fibroblasti, che riescono a ricostruire 2 la citoarchitettonica del tessuto. Al termine di questi processi si realizzano la contrazione dei margini e la maturazione della cicatrice. Il riavvicinamento (contrazione) dei margini avviene non immediatamente, ma solo dopo un certo periodo in cui, invece, i margini della ferita tendono ad allontanarsi; il tempo necessario al- 1 Ma della gestione del rilascio di questa istamina si sa poco o niente 2 Anche per questo evento non si hanno dati dettagliati

2 2 la completa contrazione dei margini può durare fino a giorni. Per quanto invece riguarda la maturazione della cicatrice, questa è diversa a seconda della sede. Ad esempio, i punti sul viso vanno tolti al 5-6 giorno, mentre quelli sugli arti inferiori vanno tolti introno al giorno. Sul viso infatti si realizza una trazione differente rispetto agli arti. La maturazione della cicatrice è completa quando viene ripristinata la forza tensile, cioè dopo mesi! Il processo va a buon fine quando le fibre collagene risultano orientate come da norma e divengono insolubili. L intervento chirurgico sulla cicatrice è possibile solo quando la cicatrice ha i caratteri di una cicatrice maturata. E chiaro che le diverse fasi in cui è suddivisibile la cicatrizzazione può essere variamente influenzata da diversi fattori. Un alterazione del fenomeno della cicatrizzazione è rappresentato dalla retrazione cicatriziale. La retrazione è diversa dalla contrazione. La contrazione è un fatto fisiologico, la retrazione no. La retrazione si realizza poiché nel tessuto di granulazione che si forma in occasione della riparazione cicatriziale si pongono dei fibroblasti particolari, contenenti microfibrille. Queste cellule hanno un aspetto simil-miofibroblastico; stimoli di tipo infettivo possono esagerare l attività di tali cellule, dando luogo ad una retrazione. Fase infiammatoria Fase di proliferazione Fase riparativa Fase di maturazione Tempi per la guarigione delle ferite 5 giorni Dal 2 al 3 giorno Dal 7 al 21 giorno Da 8 a 12 mesi Influiscono negativamente sulla cicatrizzazione malattie del ricambio (ad es., diabete), disordini metabolici (es., avitaminosi), alterazioni ormonali (es., ipotiroidismo), malattie cardiovascolari, disordini coagulativi. Inoltre fattori locali che hanno importanza nel processo di cicatrizzazione sono da ricercare nelle caratteristiche della ferita (tipo, sede e dimensioni), nell apporto sanguigno, nelle eventuali sovrainfezioni, nella mobilizzazione dell area traumatizzata; e poi, ancora, l influsso di raggi UV, della temperatura e della pelle sebacea è certamente nemico della buona cicatrizzazione. Le cicatrici vanno sempre idratate. Le cicatrici patologiche possono essere: - cicatrici esagerate ipertrofiche, cheloidee - cicatrici rimaneggiate atrofiche, retraenti Le cicatrici ipertrofiche, così come i cheloidi, sono più frequenti nei soggetti magri, possono essere favorite dalla presenza di corpi estranei o batteri in sede di formazione, riconoscono un certo substrato genetico (HLA); la loro causa non è ben nota, forse c è un aumento di Ig G o dell attività degli ormoni tiroidei T 3 e T 4 ; forse l ipossia condiziona la contrazione dei miofibroblasti. Nonostante quanto sopra faccia somigliare le cicatrici ipertrofiche ai cheloidi, in realtà le due manifestazioni sono differenti. Infatti le cicatrici ipertrofiche si presentano come un aumento del volume cicatriziale contenuto a differenza che nei cheloidi entro i margini della ferita. Inoltre hanno regressione spontanea, e hanno una organizzazione istologica ordinata, contrariamente a quanto invece avviene con i cheloidi. I cheloidi, anzi, recidivano dopo escissione! Le cicatrici ipertrofiche, ancora, hanno aspetto cordoniforme e durano più a lungo delle cicatrici normali. Le cicatrici ipertrofiche possono essere trattate localmente con infiltrazioni di cortisonici, o con crioterapia (N 2 liquido), o con radioterapia, o con elastocompressione. Il metodo più utilizzato a

3 3 Bari è l applicazione di fogli di elastòmeri di silicone; l applicazione di tali prodotti va bene, ma non si sa il meccanismo d azione. I cheloidi potrebbero derivare da una perdita del controllo sull attività dei miofibroblasti, o da difetto genetico dei meccanismi di membrana che bloccano normalmente la crescita quando c è contatto tra due cellule 3. Il trattamento dei cheloidi potrebbe essere anche farmacologico. C è infatti una sostanza che può controllare il turnover del collagene, ma si hanno effetti collaterali abbastanza gravi. Dunque il cheloide non può che essere trattato chirurgicamente. Le cicatrici atrofiche sono biancastre, depresse, fragili. Anche in queste cicatrici, potrebbero essere utilizzate alcune sostanza farmacologiche, solo che il loro risultato è incostante. FERITE Nel caso di una ferita occorre innanzitutto detergere accuratamente la ferita. Quindi, bisogna eseguire una minuziosa toilette chirurgica dei margini e del fondo della lesione; poi, praticare l emostasi. I tessuti vanno maneggiati con estrema delicatezza, affrontando con precisione i margini della ferita curando di evitare ogni tensione. Si usino materiali di sutura inerti; i margini della ferita devono essere lievemente estroflessi, quando vengono suturati. Per praticare l emostasi, bisogna pinzettare il vaso profondo della ferita e applicare il diatermocoagulatore sulla pinza. Ma esistono anche altre maniere per farlo. Ovvio che, alla fine, risulta una cicatrice. Bisogna fare in modo che le cicatrici cadano lungo le pieghe di espressione o le linee interregionali; e ciò per diminuire la tensione esercitata sulla cicatrice. Ricordare che le linee di espressione sono perpendicolari ai fasci muscolari (utile particolare per la riparazione di ferite sul volto). Quando si mette un punto semplice, questo deve essere simmetrico dai due lati. L ago deve entrare perpendicolarmente al piano cutaneo, dai due lati. Lo scollamento della ferita è diverso nelle diverse parti del corpo. A es., sul volto la vascolarizzazione è elevata, per cui lo scollamento può avvenire a livello di derma. Invece altrove, ad es., nelle gambe, la vascolarizzazione è inferiore, per cui lo scollamento deve essere più profondo, per non rischiare problemi di mancata rivascolarizzazione. Nelle gambe, infatti, non vi sono vasi molto superficiali, quindi lo scollamento non può essere limitato al derma. I materiali di sutura possono essere riassorbibili o non riassorbibili. I primi andranno utilizzati per le suture nei piani profondi, gli altri, invece, nelle suture sui piani superficiali. Le suture sui piani superficiali devono essere meno tenaci di quelle sui piani profondi, che invece rappresentano le vere suture. I materiali riassorbibili possono essere naturali o sintetici; quelli naturali hanno tempi di riassorbimento e di tensione bassi, mentre quelli sintetici hanno tempi di riassorbimento e di tensione elevati. Il tempo di tensione, che è in realtà il parametro più importante, è il tempo che passa finché il punto tiene ; il tempo di riassorbimento, invece, è il tempo in cui il punto scompare dalla sua sede. TECNICHE DI RIPARAZIONE Le riparazioni possono avvalersi di innesti cutanei, oppure di lembi cutanei. La differenza tra innesti e lembi è che i primi risultano formati da epidermide e derma, mentre i secondi risultano composti anche da sottocutaneo; il lembo cutaneo, pertanto, è provvisto di circolazione autonoma. 3 Cioè della inibizione da contatto

4 4 Quando bisogna inserire un innesto, questo viene staccato da una sede di prelievo ed inserito in un altra sede. Nell area di prelievo permangono elementi germinativi che garantiscono una riepitelizzazione. Gli innesti vengono prelevati con un dermotomo, più frequentemente da braccio/avambraccio o coscia. Esistono vari tipi di dermotomo: esempi, quello di Blair (solo lama), quello di Humby (lama + rullo). Gli innesti possono avere vario spessore, e in base ad esso si distinguono: 1) innesti sottili epidermide + piccola parte del derma; 2) innesti medi epidermide + gran parte del derma; 3) innesti totali epidermide + tutto il derma; 4) innesti parziali spessi come i totali, ma c è una differenza. A seconda della provenienza, si parla di auto- ed omo- innesti. Gli autoinnesti sono prelevati dalla stessa persona, gli omoinnesti sono invece prelevati da altri soggetti. Per questi ultimi c è il problema della compatibilità, per cui essi vengono utilizzati come copertura temporanea in mancanza d altro (ad es., nelle ustioni estese). In alcune condizioni, però 4, gli omoinnesti possono rappresentare la soluzione ideale; si tratta però di una rara evenienza: 1 caso su 8 milioni di persone!). Una più fine divisione degli omoinnesti li dividerà pertanto in isoinnesti (innesti compatibili, mosche bianche) e alloinnesti (innesti diversi, normali). Un terzo gruppo di innesti prende il nome di xeroinnesti. Si tratta di innesti provenienti da esemplari di specie diverse (molto usato il maiale); è ovvio che anche in questo caso si tratta di un qualcosa di temporaneo. Comunque, vanno bene per diminuire le infezioni e le perdite di liquidi. Queste ultime sono da non sottovalutare nei soggetti ustionati, poiché possono portare a shock. L innesto, una volta posizionato, riceve la sua vascolarizzazione entro pochi giorni. In pochi giorni, cioè, si assiste ad una neoangiogenesi in sede di innesto. Prima di essa, ad ogni modo, la nutrizione dell innesto è assicurata per diffusione plasmatica dai piani sottostanti. Da evitare l interposizione di un ematoma troppo spesso e la mobilizzazione, che è nemica dei vasi neoformati, ancora fragilissimi. USTIONI L ustione è una lesione cutanea (ed eventualmente anche delle strutture sottostanti) dovuta ad agenti fisici (es., alte temperature), elettrici, chimici (acidi, alcali), radianti. Si possono classificare in superficiali, intermedie e profonde. Le intermedie, a loro volta, possono essere superficiali (interessano cioè il derma superficiale) o profonde (interessano cioè il derma a quasi tutto spessore). Nelle ustioni superficiali, il danno è limitato allo strato epidermico; c è eritema e ipertermia. Nelle ustioni intermedie si realizza una flittène, cioè un leggero rigonfiamento dovuto a raccolta di siero. Nelle ustioni profonde la necrosi si estende alle strutture subdermiche, realizzandosi così un escara. Questa potrà essere secca o umida. Gli agenti fisici hanno un rapporto causale con le ustioni. Una temperatura che va da 50 C a 70 C può dar luogo ad alterazioni funzionali, mentre la necrosi si realizza di solito per temperature superiori a 70 C. Tuttavia è anche importante il tempo di applicazione, e non è quindi detto che sia sempre in quel modo. Anche la qualità dell agente termico ha il suo ruolo: se questo è solido, lascerà una lesione a stampo, se è liquido realizzerà delle colate, se è gassoso, infine, darà luogo a lesioni da inalazione. 4 Cioè quando venga ad essere innestato un pezzo immunologicamente compatibile

5 5 Gli agenti chimici acidi danno luogo a coagulazione proteica, mentre le sostanze alcaline danno luogo a colliquazione proteica. Per quanto attiene le ustioni elettriche 5, per scariche da 100 a 220 V si realizza una elettrocuzione, per scariche superiori a 300 V si realizza una folgorazione. Il calore prodotto dipende dalla d.d.p. applicata, e dalle resistenze tissutali: i tessuti normalmente disidratati diverranno più caldi perché non potranno dissipare il calore. Per indicare grossolanamente la superficie corporea ustionata si utilizza la regola del 9. In pratica la superficie corporea è divisa in scomparti, ognuno dei quali rappresenta un 9 (o multiplo di 9) percentuale. Il disegno chiarisce tutto. Per ustioni estese ad oltre il 20% della superficie corporea il paziente è da considerare grave, e va ospedalizzato. Per i bambini basta una superficie corporea ancora minore; idem per gli anziani. 9% 9% 9% 18% Oltre alla superficie corporea compromessa, altri parametri prognostici sono la % di profonda, la sede dell ustione, le malattie associate (ad es., infezioni sovrapposte) e il tempo trascorso dal trauma fino al ricovero. 1% Operazioni di pronto soccorso consistono nell allontanamento degli elementi bruciati, con il raffreddamento delle aree lese; quest ultima operazione ha un senso 18% solo entro 20 minuti dalla ustione. Rianimazione cardio-respiratoria, se necessaria, così come il cateterismo vascolare e la terapia anti-shock. La profilassi antitetanica 18% non si nega a nessuno, così come la medicazione e il monitoraggio ematochimico. Le medicazioni sono diverse; per le ustioni superficiali ed intermedie si utilizzeranno medicazioni sterili semplici, mentre per le ustioni intermedio-profonde e profonde si utilizzeranno presidi farmacologici quali sulfadiazina argentica e collagenasi. Il trattamento topico delle ustioni può essere condotto con: a) detersione allontana detriti necrotici; può agire meccanicamente (acqua, sapone) o chimicamente (collagenasi), e quindi con mezzi tensioattivi o con enzimi litici; b) antisepsi riduce la contaminazione batterica; si usano sulfadiazina argentica, clorexidina, polivinilpirrolidone. Questi agenti hanno una elevata capacità di penetrazione nel tessuto necrotico, un ridotto assorbimento sistemico, un elevato potere battericida e fungicida; c) medicazione garze sterili, etc. La fase acuta di una ustione può portare allo shock. Essa dura da 36 a 48 ore. Alla fase acuta segue la fase subacuta, che può portare a complicanze tossinfettive. Infine vi è la fase cronica, che è ovviamente distrofica. Lo shock collegato alle ustioni è di tipo ipovolemico. La perdita di plasma si traduce in una diminuzione della p.a., della p.v.c. e della diuresi, con un aumento (relativo) dell ematocrito. Le fasi dello shock, come sappiamo, sono vasocostrizione, espansione dello spazio vascolare, CID (da stasi), fibrinolisi. In maggior dettaglio, succede che nel microcircolo si realizzano degli shunt arterovenosi che saltano i capillari. Ciò consente di acquisire sangue là dove serve di più, e cioè nei distretti più profondi. Tuttavia l ischemia 6 intestinale che si realizza consente il passaggio di germi verso la sottomucosa (il fenomeno della traslocazione batterica), importantissima fonte di infezione nel paziente ustionato. Gli shunt arterovenosi vengono in un secondo momento riaperti, ma il microcircolo risulta bloccato sul versante venoso: si realizza così trasudazione capillare e stasi, con rischio di CID. 5 Così nella diapositiva 6 Riferita agli strati più superficiali

6 6 La fase subacuta (o tossinfettiva) si realizza dopo la 3 giornata. Si verifica un riassorbimento degli edemi e delle tossine batteriche provenienti dalle infezioni nelle aree lese. I batteri Gramsono quelli più invasivi. Possono dare setticemia Pseudomonas, Proteus, E.coli, Stafilococco aureo. Fattori che influenzano l insorgenza e il decorso dell infezione sono le condizioni del paziente, fattori legati al germe in causa, ambientali (es., ambiente ospedaliero!), la % di superficie di ustione profonda, deficit immunologici, stato di nutrizione, cateterismo, qualità e quantità di batteri (quantità superiori a 10 5 per g 7 sono ad alto rischio di infezioni gravi. L intervento terapeutico è basato sulla chirurgia precoce e su trattamenti topici efficaci; la terapia antibiotica deve essere mirata, con accurata gestione dei cateteri vascolari. Eventualmente si procederà a nutrizione artificiale e alla somministrazione di composti immunostimolanti. Importantissima la fluidoterapia. Come si reidrata il paziente in fase acuta? Beccati sta tabella e imparala: Qualità di fluidi Quantità di fluidi (prime 24 ore) Il 50% nelle prime 8 ore L altro 50% nelle successiva 16 ore, a velocità dimezzata RINGER LATTATO (se c è acidosi) SOLUZIONE BILANCIATA SOLUZIONI IPEROSMOLARI (peso corporeo) x (superficie % ustionata) x 4 (formula di PARKLAND, valore in ml) Monitorare le attività fisiologiche del paziente in ogni caso La funzione diuretica fisiologica è pari a 1 ml/kg/ora Ovviamente nelle ustioni possono essere utilizzati dei sostituti cutanei. Questi andranno usati per una copertura temporanea in caso di ustioni intermedie o nelle aree escarectomizzate. Le proprietà ideali sono aderenza, elasticità, resistenza, porosità, maneggevolezza, basso costo. I vantaggi sistemici che derivano dall applicazione di un sostituto cutaneo sono una diminuzione delle perdite elettrolitiche, proteiche ed ematiche, e una diminuzione della termodispersione. I vantaggi locali consisteranno in una diminuzione della contaminazione batterica, in un aumento della vascolarizzazione e detersione, nell induzione della riepitelizzazione e nella modulazione del tessuto di granulazione. I sostituti cutanei possono essere sintetici, biologici o biosintetici (cioè sintetici + collagene). La cute allogenica offre una copertura ottimale, e difatti rappresenta il substrato dermico di quella cute rappresenta poi il tessuto definitivo della ricostruzione mediante utilizzo di cheratinociti autologhi 8. Il derma allogenico, essendo scarso in antigeni, offre una buona compatibilità per l attecchimento in situ di cheratinociti autologhi, che ricostituiranno l epidermide. Per le ustioni profonde si fa chirurgia precoce. Queste ustioni, difatti, non possono guarire spontaneamente. L intervento viene anche giustificato da altri fatti, e cioè che quelle ustioni sono grandi fonti di infezione e di tossine, o poiché l intervento garantisce un precoce recupero funzionale, oltre ad assicurare un miglior risultato estetico. Si opera dopo la fase di shock. Negli ustionati si utilizzano innesti sottili o, al massimo, intermedi. 7 Aiuto! Cosa significa g? 8 Frase incomprensibile, perlomeno per le prime 15 letture

7 7 LASER 9 E l acronimo si Light Amplificated by Stimulated Emission Radiation, cioè luminosità amplificata da radiazioni emesse mediante stimolazione 10. Come funziona il laser? Attraverso la riflessione di una radiazione ottenuta mediante uno stimolo elettrico. Una stimolazione elettrica effettuata su un materiale particolare (ad es., il rubino) crea una radiazione di energia. E possibile amplificare tale radiazione facendola emettere sotto forma di luce, e conferendogli una direzione ed una lunghezza d onda (di energia si tratta) particolare. Siccome la lunghezza d onda è unica, il colore della radiazione è unico. Per questo le luci laser, quando visibili (quando cioè la lunghezza di questa onda d energia cade nello spettro del visibile), sono monocromatiche. Alcuni raggi laser non sono visibili e, essendo dotati di elevata pericolosità, e non potendo essere utilizzati alla cieca, vengono emessi assieme ad un raggio visibile, poco intenso, innocuo, ma che fa da pointer. INNESTI CUTANEI Una tipologia di innesti cutanei sono gli innesti a rete. Se il prelievo non basta a ricoprire una determinata superficie, viene tagliuzzato da una macchinetta speciale, onde poter essere meglio disteso e adagiato, ad occupare una superficie maggiore. Così trattato, l innesto assomiglia ad una reticella bucherellata; tra le sue maglie avverrà la riepitelizzazione. Quest ultimo processo, tuttavia, ha dei limiti, per cui, anche se teoricamente sarebbe possibile espandere una superficie 1 fino ad una estensione superficiale 10, in pratica l innesto non viene esteso oltre il triplo della sua superficie, pena una larghezza delle maglie eccessiva. Insieme agli innesti a rete, vengono talvolta inseriti anche innesti interi (cioè normali), soprattutto nelle zone importanti, come il viso o le pieghe flessorie, che avrebbero guarigione più lenta e quindi maggiori possibilità di sviluppare retrazione cicatriziale. Un altro tipo di innesti cutanei sono gli innesti alla Davis. Possono essere applicati su piccole aree, essendo molto piccoli (ma spessi, poiché ottenuti con un taglio tangenziale della cute, che viene a comprendere anche parte del derma). Uno dei loro utilizzi è nella copertura delle ulcere da decubito. Vengono applicati, in sede, tanti pezzettini, tutti nella stesse sede. L area di prelievo guarisce in due settimane. Gli innesti di cute totale vengono prelevati col bisturi (e non con il dermotomo). La guarigione nell area di prelievo non è spontanea, per cui spesso l area di prelievo è ellissoidale, sì da consentire una facile suturazione; oppure, si può coprire l area di prelievo con un innesto sottile. E- sistono delle zone di prelievo preferenziali: ad esempio, per il viso la zona retroauricolare, per la mano la piega del polso. Si tratta di trovare della cute 11 simile a quella della zona da riparare. Una volta prelevata, la cuta va sgrassata, e per far questo si utilizzano le forbici. Gli innesti possono essere suddivisi in base alla loro composizione, come è stato visto in precedenza; la differenza che c è fra di essi consiste in caratteristiche quali il tempo di attecchimento (che è ovviamente sempre minore per spessori più elevati), il segno che rimane sull area di prelievo, la capacità di dare luogo a retrazione (sempre minore per innesti più spessi), la fragilità, la pigmentazione (maggiore sugli innesti più sottili) e, ovviamente, la resistenza (gli innesti più spessi sono i più resistenti). 9 Attenzione: lezione tenuta da Musajo-Somma 10 Mi fido poco 11 La cute non è uguale in tutte le zone del corpo

8 8 PLASTICA A Z La plastica a zeta è una metodica riparativa che fa uso non di innesti cutanei ma di lembi. La Z viene costruita in corrispondenza di una cicatrice preesistente. La Z è composta da una parte centrale (o braccio comune) e due braccia, periferiche, più piccole (o rami laterali), e va costruita tenendo presente che il braccio comune deve cadere sulla cicatrice. L angolo di apertura della Z, cioè l angolo che ciascun ramo laterale deve formare con il braccio comune, deve essere di 60, poiché si è visto che con angoli più piccoli il risultato è meno positivo. Per come viene eseguita, la plastica a Z non serve a riparare perdite di sostanza 12, ma ad allungare e riorientare cicatrici retraenti da ferite chirurgiche, accidentali e da ustioni. La cicatrice viene allungata e riorientata, così da poter cadere, ad es., sulle linee di espressione, ed essere meglio mimetizzata, oltre ad assicurare una tenuta maggiore. In pratica viene condotto un taglio di due lembi cutanei contrapposti, che, appunto, costituiscono la zeta; la contrapposizione di tali lembi, a forma triangolare, avviene in corrispondenza del braccio comune della "Z". Nella figura c è, appunto, quello che avviene. Ottenuti, pertanto, questi due lembi, vengono incisi e sollevati, e quindi incrociati fra di loro. Il risultato, illustrato, è quello di allungare la cicatrice (ovviamente), e di cambiarne l orientamento. Questo può essere però fatto solo in una zona dove la cute è molto elastica. Abbiamo già detto che la crescita in lunghezza è proporzionale all ampiezza dell angolo. Per angoli di 60, infatti, la crescita in lunghezza è pari al 75% circa. Un altro fattore condizionante è la lunghezza dei rami laterali: per ogni cm, la cicatrice 13 si allunga di 1,75 cm. Ricordatevi che la cicatrice tutte le cicatrici, non solo quella della plastica a Z può ulcerarsi e dare luogo a un carcinoma, oppure dare luogo a fenomeni di distrofia cicatriziale (le cicatrici distrofiche). I lembi cutanei ottenuti devono avere delle precise caratteristiche; devono essere spessi, devono avere punte arrotondate (per far fronte a problemi di cicatrizzazione), e a loro carico si devono evitare tensioni, ematomi e infezioni. La profondità del lembo deve arrivare almeno fino alla fascia muscolare, ma per il viso il lembo può essere più sottile, dato che la vascolarizzazione è superficiale. Talvolta la Z può avere le punte arrotondate (cioè può essere costruita con i rami laterali ad andamento curvilineo), per permettere una migliore circolazione (che, in effetti, al vertice può non essere ottimale). In alcuni casi si possono utilizzare delle plastiche a Z multiple. Si tratta di più Z messe insieme per raggiungere allungamenti di una certa dimensione, se non è possibile allungare molto i bracci di una singola Z. E così può essere possibile, ad esempio, realizzare un allungamento di 6 cm sfruttando una lateralità di soli 2 cm. Pertanto, per cicatrici lineari lunghe e molto tese è preferibile una ricostruzione con plastiche a Z multiple. LEMBI Il lembo, a differenza dell innesto, è vascolarizzato; quindi la logica del lembo è, se vogliamo, la stessa logica dei trapianti. I lembi vengono utilizzati infatti in determinate circostanze; quali sono le indicazioni? Una di queste è il caso in cui l area ricevente sia priva di una efficace vascolarizzazione. Infatti gli innesti non si possono mettere sui tendini, o sulle ossa, proprio perché non c è vascolarizzazione; i lem- 12 Difatti viene eseguita in corrispondenza di una cicatrice pre-esistente 13 Il prof. Dioguardi ha utilizzato il termine briglia cicatriziale

9 9 bi, invece, sì. Inoltre i lembi sono indicati in caso di perdita di sostanza profonda, con strutture cartilaginee ed ossee scoperte, come nel caso di traumi della teca cranica; ancora, altre indicazioni sono nella funzione protettiva dell area da riparare, o per semplice estetica (l innesto, col tempo, assume i caratteri di una pezza). Generalmente i lembi sono composti da una parte libera e da un peduncolo, o base, che resta in sede e consente la vascolarizzazione della parte libera. Ma non sempre è così. CLASSIFICAZIONE DEI LEMBI Vascolarizzazione origine Random di vicinanza Di rotazione Per trasposizione Assiale Di avanzamento Di tipo microchirurgico a distanza I lembi random sono dei lembi di forma variabile ricavati in aree la cui vascolarizzazione è ignota. Per questa ragione non è possibile utilizzarli a piacimento: se ad esempio il lembo richiesto deve essere di forma rettangolare, il rapporto base/altezza non deve essere superiore a 1/3, poiché in caso contrario è possibile che la parte più lontana dalla base del lembo risulti ipossica, e quindi vada in necrosi. I lembi di tipo assiale, invece, sfruttano la conoscenza anatomica di grosse arterie che decorrono in loro corrispondenza; in pratica la ampiezza del lembo è ricavata sulla base della conoscenza della vascolarizzazione. Per questo motivo le dimensioni dei lembi assiali possono essere più libere rispetto a quelle dei lembi random, poiché in questo caso si sa precisamente la situazione relativa alla vascolarizzazione. I lembi microchirurgici sono zone circoscritte che sono recise anche per quanto riguarda la base; si tratta di veri e propri trapianti, con suture. Questo tipo di lembi, pertanto, può provenire anche da zone non contigue all area da riparare. I lembi di rotazione sono costituiti da un arco di semicerchio; tale arco di semicerchio è costruito su uno dei lati del cosiddetto triangolo difetto, cioè dell area lesionata che si vuole ricoprire. Anche se l area non è triangolare, il chirurgo la rende triangolare. Su uno dei cateti 14 di tale triangolo prende il via la costruzione che deve rispettare regole geometriche di un arco di semicerchio che viene successivamente fatto estendere e ruotare, sì da chiudere l area lesionata. Quindi, utilizzando parole altrui, il lembo di rotazione è un lembo random che viene scolpito lateralmente alla perdita di sostanza secondo linee curve; ciò consente la sua rotazione attorno a un punto e il suo spostamento sul difetto cutaneo da riparare, e tale movimento viene reso più agevole con l incisione di un area triangolare lateralmente al bordo esterno del lembo stesso. Non è possibile, per motivi contingenti, fare il lembo di rotazione in ogni sede del corpo. I lembi di avanzamento sfruttano la elasticità cutanea, ovviamente fino a un certo punto. Il lembo di avanzamento è costruito su un lato del margine dell area scoperta; questa area viene coperta semplicemente stirandovi il lembo costruito. Come in figura. Il lembo di avanzamento può essere fatto solo dove la cute scorre agevolmente. 14 Notare l uso del termine fattizzo

10 10 I lembi di trasposizione sono dei lembi, sovente rettangolari, che vengono costruiti su un lato del triangolo difetto ; il triangolo viene coperto dal lembo, che su esso viene trasposto. Questa trasposizione (=spostamento laterale) lascia scoperta un area, che viene a sua volta ricoperta con un innesto. La figura spiega tutto. Domanda: visto che comunque c è un area scoperta che viene coperta con l innesto, non si può mettere direttamente l innesto sul triangolo difetto, e così ci spicciamo? No, perché può darsi che il triangolo difetto possieda, ad es., dei tendini, e sui tendini l innesto non ci può stare. La plastica a Z è un esempio particolare di lembo di trasposizione 15. Agli esami 16 potrebbero chiedere degli esempi di lembi. E allora, si possono citare i lembi delto-pettorale, inguinale, ipogastrico, temporo-frontale, orbitario. Sono tutti quanti lembi a circolazione assiale. Nelle regioni flessorie assolutamente non vanno messi lembi. LABIOPALATOSCHISI E una delle malformazioni più frequenti tra quelle dell estremo cefalico; si calcola che colpisca circa 1 su 750 nati vivi, senza distinzioni tra maschi e femmine, con una predilezione per i bianchi rispetto ai negri. La etiologia precisa non è nota, ma certamente diversi fattori concorrono tutti insieme all ottenimento di tale quadro. Si tratta di una condizione che prevede l ereditarietà, ma anche malattie infettive insorte durante la gravidanza, l età avanzata della madre, stati dismetabolici, stati tossici, farmaci. La schisi è una soluzione di continuità. Questa può interessare tutto il tratto che va dal labbro all ugola, e allora si parla di labiopalatoschisi. Però si può avere anche una schisi che riguarda solo il labbro (labioschisi), o il processo alveolare (gnatoschisi), o il palato duro (uranoschisi), o il palato molle (stafiloschisi), o l ugola (uguloschisi), oppure loro combinazioni (il nome varia di volta in volta, mettendo insieme i vari pezzi ). La fenomenologia può essere mono- o bi- laterale. La labioschisi può essere completa o meno, a seconda che siano coinvolte o meno le narici. Nella labiopalatoschisi si realizza una ampia comunicazione tra cavità orale e cavità nasale, con gravi problemi per il neonato, sebbene questi possa nutrirsi normalmente o bere il latte dalle comuni tettarelle. Tuttavia, pur non morendo, questi bambini stanno male, perché hanno frequentemente la tosse e sono costretti ad assumere particolare posture per mangiare. Inoltre la comunicazione si allarga sempre più col tempo, poiché gli elementi muscolari monchi tendo a tirare in senso opposto simmetricamente. Per questo motivo l intervento è tanto migliore quanto più precocemente venga condotto. Si pensi che nella forma bilaterale completa di labioschisi si realizza la formazione di un moncone labiale centrale che avanza sempre più, spinto dall indietro dal setto nasale; il profilo di questi bambini diventa così terrificante. Il trattamento è mirato al ripristino della forma e della funzione della zona lesionata. La chirurgia della labiopalatoschisi può essere precoce o tardiva, a seconda della scuola di pensiero. In Italia ci sono trecentomila scuole di pensiero, per cui ognuno fa come crede; quello su cui però tutti sono d accordo è che a questo trattamento venga associata, successivamente, una riabilitazione multidisciplinare, che preveda, cioè, l apporto dell ortopedico, del logopedista, del foniatra, e così via. La chirurgia precoce è giustificata dal fatto che occorre intervenire quanto prima possibile, come già visto. Ma è poi giusto intervenire su strutture ancora in formazione? E ragionevole esporsi 15 In effetti, pensandoci 16 Questo è un paragrafo omaggio

11 11 al possibile rischio di asportare, ad es., un centro di ossificazione del palato? La chirurgia tardiva, invece, non pone di questi problemi, ma rende l intervento più difficile; inoltre rovina i primi anni di vita del bambino. Qual è allora il timing dell intervento chirurgico, perlomeno quello che si usa qui a Bari? - a 2 mesi si pratica una semplice lip adhesion, se la schisi è grave (mono- o bi- laterale); si tratta di un semplice intervento che serve solo per chiudere temporaneamente le labbra; - a 6 mesi si opera una chiusura seria del labbro e del palato molle; in più, viene condotta una correzione della piramide nasale; - a 2 anni si pratica una gengivo-alveolo-plastica con lembi muco-periostei; - a 9 anni vengono inseriti innesti d osso per la correzione della gnatoschisi. In realtà, appena nati, questi bambini vengono sottoposti alla applicazione di una placca palatina, cioè di un materiale resinoso che impedisca alla lingua di entrare nella cavità nasale. Si tratta di una misura semplice e transitoria, ma che mette sulla buona strada le cose; infatti l allargamento che se non si compie l intervento avviene sempre è in questo caso rallentato. A 2 anni, inoltre, viene inserita una diversa placca palatina, detta di espansione, e si inizia la logoterapia. Il trattamento ortopedico-ortodontico inizia successivamente, quando il mostro compie 6 anni, e gli vengono applicate apparecchiature differenziate. Il trattamento ortodontico definitivo è compiuto a 6-12 anni. In figura è mostrato un fotogramma da Arancia meccanica, capolavoro di Kubrick. Tutti questi trattamenti non sono stressanti e atroci come quelli del piano Lodovico? 17 ANCORA A PROPOSITO DEL LASER 18 Il laser garantisce una rapidissima guarigione, in assenza di grosse cicatrici e punti di sutura; inoltre permette di ottenere un emostasi ottimale e questo è importante nel trattamento di pazienti pericolosi quali gli emofilici senza toccare il paziente; quest ultima considerazione è importantissima per quanto riguarda le condizioni di sterilità. Ovviamente il laser può essere usato solo per interventi superficiali, data la non eccessiva capacità di penetrazione dei raggi se consideriamo il potenziale energetico ottenibile in ambito terapeutico. Sempre a proposito di sterilità, si tenga conto che il laser fa raggiungere temperature elevate, che di per sé sono germicide! Indicazioni prioritarie all utilizzo del laser in terapia sono angiomi (quelli capillari, non quelli cavernosi), teleangectasie, papillomatosi, verruche cutanee, neurofibromatosi, asportazione di tatuaggi, tumori cutanei superficiali. Altri utilizzi sono nei granulomi cutanei piogeni, nelle sinechie del frenulo linguale, per effettuare delle incisioni sterili, nei nevi congeniti giganti. Quest ultimo caso è importante, perché si è visto che nel 10% dei casi i nevi congeniti giganti fanno il melanoma. Il laser viene utilizzato personalizzandone le caratteristiche a seconda del paziente; aree pigmentate, ad esempio, richiederanno per la loro penetrazione una lunghezza d onda e una frequenza particolare, diversa da quella di aree, ad es., angiomatose. Per cui prima di ogni trattamento 17 Quest ultima considerazione è dell autore, e non è stata fatta a lezione! Il chirurgo pensa, invece, che si tratti di un ottima cosa! 18 Seconda lezione tenuta da Musajo-Somma

12 12 localizzato si fanno delle prove, che residuano piccolissimi spot, macchie; il test pre-trattamento consente di non avere lesioni cicatriziali macroscopiche. Talvolta il laser può essere utilizzato come un bisturi; in questo caso la luce viene veicolata da punte di zàffiro. E il caso dell utilizzo del laser in aree cavitarie, dove il chirurgo non vede direttamente dove il laser va a colpire, mentre può toccarle con la punta di zaffiro, dalla quale fuoriesce il raggio laser. IPOSPADIA E la malformazione più frequente (1 caso su 300 maschi) tra quelle dell apparato genitourinario, ovviamente maschile. L ipospadia consiste nella presenza anomala del meato uretrale in posizione di superficie ventrale del pene (quindi al di sotto della normale). La malformazione non è solitaria, ma è di solito associata a stenosi del meato stesso, oppure all incurvamento verso il basso della parte distale al meato stesso, a criptorchidismo (questo avviene nelle forme meno semplici, più gravi), o ad altre ancora. Da un punto di vista etiopatogenetico vi sono fattori concausali, e la familiarità è una di essi, sebbene vi incida poco. Nell ipospadia l uretra è più corta, poiché non ha uno sviluppo completo; per questo motivo il meato uretrale risulta in posizione anomala; si tratta di alterazioni dello sviluppo che si realizzano intorno alla 12 settimana 19. Il resto dell uretra distale consiste in un sottile cordoncino fibroso che da luogo a retrazione, determinando quindi l incurvamento della parte distale del pene. Siccome nell ipospadia l uretra è più corta, la posizione del meato potrà essere più o meno distale a seconda del momento in cui il fenomeno patologico si è verificato. Per questo motivo sarà possibile repertare un ipospadia a diverso livello; i casi più gravi presentano, ovviamente, un meato uretrale in sede perineale. A seconda della posizione del meato, quindi, l ipospadia può essere balanoprepuziale, peniena (a sua volta alta, media o bassa), penoscrotale, scrotale, perineale. L intervento chirurgico deve essere effettuato preferibilmente in età prescolare, per prevenire eventuali danni psicologici che la comunità scolastica può dare in questi soggetti. Gli interventi prevedono, entro i primi 3 anni, una meatotomia, una correzione dell incurvamento penieno con ricorstruzione della parte distale del pene mediante lembi; tra i 4 e i 5 anni, quindi, si provvede alla ricostruzione prossimale. L intervento non è scevro da complicanze. Una cicatrizzazione non desiderata può portare a stenosi uretrale; se salta qualcuno dei punti di sutura si possono avere raramente, in realtà delle fistole uretro-cutanee; poco frequenti, per anomalie della muscolatura del canale uretrale, sono anche i diverticoli uretrali, che possono essere importanti fonti di infezione. Se questa è l ipospadia, l epispadia è la stessa cosa, solo che il meato uretrale si trova sulla superficie dorsale del pene, e quindi in posizione superiore rispetto alla norma; si tratta di una malformazione tanto più grave quanto più rara. MALFORMAZIONI DEGLI ARTI SUPERIORI Le malformazioni congenite degli arti riconoscono cause genetiche, ambientali (farmaci, dismetabolismi ), e una serie di cause che restano a tutt oggi sconosciute. Anzi, il 40-50% di questi fenomeni ha cause sconosciute. Sono patologie più frequenti nei negri che nei bianchi (il rapporto è di 10 a 1) 20. Queste consistono in: - polidattilia, cioè più dita rispetto alla norma; - sindattilia, cioè presenza di dita legate, unite, tra loro; 19 Invece la labiopalatoschisi si realizza per alterazioni dello sviluppo che si verificano tra la 4 e l 8 settimana 20 Questa statistica ricorda molto il modus Giardinae di spiegare

13 13 - camptodattilia, cioè dita in anomala posizione di flessione; - clinodattilia, cioè dita deviate; - brachidattilia, cioè dita più corte della norma; - solchi congeniti, cioè restringimenti costrittivi della mano, a vari livelli. Il timing per l intervento chirurgico è sottoposto alle stesse problematiche viste per l intervento di labiopalatoschisi; si potrebbe cioè agire al più presto possibile, in modo da limitare gli eventuali danno funzionali, ma rischiando di asportare importanti centri accrescitivi e/o regolativi. D altro canto, è proponibile un intervento dopo l accrescimento, ma come andiamo con il mantenimento della funzionalità? E il solito discorso. La sindattilia colpisce principalmente il sesso maschile, e nel 50% dei casi è bilaterale. L eredità c entra per un 20-40% dei casi. La patologia è più frequente al 3 spazio (e quindi tra 3 e 4 dito), mentre è poco frequente al 1 spazio (e quindi da 1 e 2 dito).la sindattilia può essere completa (riguardare cioè la fusione di due dita per l intera lunghezza), incompleta (in tal caso la plica interdigitale di unione delle due dita non arriva fin su), o complessa (la fusione, cioè, riguarda non solo cute e tessuto fibroso, ma anche parti cartilaginee o ossee). Il trattamento di una sindattilia contempla la ricostruzione della commissura, la copertura della superficie laterale delle dita (che risulta scoperta!), la correzione della parte laterale dell unghia, se questa non c è. Il taglio della plica interdigitale abnorme deve avvenire a zig zag, per evitare cicatrici retraenti che pongano il dito in perenne flessione; le parti scoperte vengono coperte con più innesti. Il trattamento chirurgico va integrato, successivamente, con una fisioterapia precoce, per l acquisizione della funzionalità. La polidattilia, che può riguardare la presenza di 1 o più dita sovrannumerarie, può verificarsi sul lato ulnare, radiale, sulla parte centro-mediana della mano. Il trattamento consiste nell asportazione del dito sovrannumerario, insieme ad un trattamento complementare fisioterapico. Il tutto entro il 2 anno di vita. TUMORI DELLA PELLE Le statistiche di vari ospedali in tutto il mondo registrano i tumori cutanei di loro osservazioni in percentauli variabili tra il 3 e il 50% dei casi. Si può dire che, mediamente, di tutti i tumori con i quali un grande ospedale si trova a che fare, quelli cutanei rappresentano un 10% abbondante, quindi 1 su 10. I tumori cutanei sono quindi parecchio probabili, e questo è dovuto a vari fatti; innanzitutto bisogna considerare che la cute è un organo a superficie molto estesa, che prende facilmente contatto con l esterno, ed ospita in sé molte strutture. I fattori cancerogeni cutanei possono essere chimici (gli idrocarburi come i derivati del catrame), fisici (radiazioni Röentgen, radiazioni attiniche 21, stimoli meccanici e termici), alimentari e virali (perlomeno sperimentalmente). La diagnosi può essere clinica (ad un occhio allenato non è difficilissima la diagnosi; essa risulta giusta nel 98% dei casi), ma soprattutto istologica (è ovviamente la diagnosi di certezza). I tumori cutanei riconoscono alcune precancerosi. Tra le più importanti vi è lo xeroderma pigmentosum; si tratta di una condizione, congenita, di intolleranza alla luce solare, per cui il soggetto affetto si ritrova molto facilmente coperto da chiazze scure ad andamento ulcerativo. Questo fatto non consente quasi mai ai soggetti affetti di arrivare all età adulta. Altre precancerosi sono le radiodermiti, causate dalla röentgenterapia non accorta, le cicatrici (da ustioni, da processi ulcerativi cronici), il lichen (scleroso, atrofico), il lupus volgare; altre condizioni importanti sono le leucoplachie e le sclerosi cutanee da raggi solari (frequenti, ad es., nei contadini). 21 Cioè i raggi ultravioletti solari

14 14 I tumori della pelle contemplano: - carcinoma basocellulare; è il più frequente (più del 95% dei casi), e il meno grave - carcinoma spinocellulare; - melanoma; il meno frequente, ma più maligno di tutti A questi si può aggiungere il carcinoma annessiale, cioè un carcinoma che origina dagli elementi epiteliali che si sono approfondati per costituire i vari elementi ghiandolari della cute. Comunque, la cosa importante è che per questi tumori venga utilizzato il termine carcinoma, perché di tumori maligni si tratta. Il carcinoma basocellulare dà raramente 22 metastasi. Esiste in una varietà nodulare, una ulcerata, e ancora pigmentata, pagetoide (assomiglia, cioè, al Paget cutaneo), sclerodermica, infiltrante. Il carcinoma spinocellulare tende ad uno sviluppo più rapido rispetto al basocellulare, e dà metastasi che di solito sono limitate ai linfonodi locoregionali. Il carcinoma spinocellulare può esistere in forma ulcerata o in forma vegetante; è abbastanza frequente la sede del padiglione auricolare, ma non è l unica. Possibilità terapeutiche possono essere non chirurgiche o chirurgiche. La terapia non chirurgica si propone diversi presidi (chemioterapia topica, elettrocoagulazione, crioterapia, röentgenterapia) che però sono alternativi alla chirurgia quando non sia possibile operare. Inoltre, non consentono l esame istologico. Il trattamento chirurgico è effettuabile con una exeresi adeguata, seguita da riparazione. La exeresi deve essere condotta per una superficie che per i CR basocellulari deve andare da 5 a 10 mm, mentre per i CR spinocellulari deve andare da 1 a 2 cm; in profondità la exeresi deve arrivare fino (ed eventualmente superare) la fascia superficiale: eventualmente si procederà ad un esame istologico che fornirà le opportune direttive. La exeresi deve essere condotta lungo le linee di espressione (questi tumori si manifestano principalmente al volto) e, comunque, preferibilmente, senza sconfinare in diverse aree di elezione. Quest ultimo concetto, tradotto in italiano, significa che, se ad es. il nodulo neoplastico è in sede guanciale, la exeresi non deve sconfinare dalla regione guanciale; questo se si vuole un risultato e- stetico accettabile. Comunque, l estetica non deve mai prendere il sopravvento sulla radicalità chirurgica, e quindi il contenimento dell intervento nell ambito dell area di elezione non deve essere inteso come l 11 comandamento della religione cristiana. A proposito, lo sapete che i comandamenti sono stati cambiati nel corso del Concilio di Trento? Sapete che fu eliminato il 1 e fu sdoppiato l'ultimo? Il 1 comandamento vietava all uomo di raffigurare la Divinità in alcun modo, al fine di evitare l idolatria. E sapete che il testo risultante fu (e continua tuttora ad essere) contrabbandato come ispirato da Dio e verità rivelata? Per quanto riguarda il melanoma, questo è il tumore maligno delle cellule melanotiche. Le cellule di questo genere che danno origine ai melanomi sono principalmente quelle che si trovano alla giunzione dermo-epidermica; è difficile che un melanoma possa originare dai melanociti del derma, comunque è possibile. Per dirla tutta, un melanoma può anche insorgere in sedi non cutanee, dato che i melanociti si trovano anche nella mucosa del cavo orale, del tubo digerente, del bulbo oculare, delle meningi. Considereremo, comunque, per melanoma quello in sede cutanea. Il melanoma è ultimamente in ascesa, per quanto riguarda la frequenza; colpisce soprattutto soggetti in età da 40 a 60 anni, ed è raro nei bambini. Di solito negli uomini predilige la metà superiore del corpo, mentre nella donna è prediletta la metà inferiore. L escissione chirurgica corretta di un nevo non è un atto pericoloso. Tutti i nevi asportati devono essere sottoposti ad un esame istologico. I nevi più a rischio sono i congeniti (quando superano determinati limiti) e alcuni, più partico- 22 Questa parola non significa mai

15 15 lari (come i cosiddetti nevi giunzionali 23, oppure quei nevi che sono sottoposti a traumatismi continui). E, comunque, i melanomi non sempre derivano da un nevo; anzi, questo è un evento infrequente. Il melanoma può tranquillamente nascere in sedi dove non c è un nevo: la superficie cutanea è certamente maggiore della superficie di tutti i nevi ovviamente dello stesso soggetto messi insieme. Vediamo adesso quali possono essere le forme cliniche di melanoma: a) tipo lentigo maligna; si manifesta come una macchia cutanea bruna, disomogenea; spesso negli anziani. Questo tipo di melanoma ha una incidenza di circa il 10%; b) tipo melanoma superficiale; la macchia nera è a livelli superficiali della cute. Questo tipo di melanoma ha un incidenza di circa il 55%; c) tipo nodulare; questo tipo di melanoma ha un incidenza di circa il 35%; d) tipo acral lentiginous melanoma ; si manifesta come delle chiazze brunastre che insorgono in varie sedi (talvolta anche sotto il letto ungueale, assumendo un aspetto simile a quello degli ematomi); e) melanoma della mucosa orale, anale, vaginale, viscerale (sic, N.d.R.). Il melanoma è aggredibile quando è esteso ancora nel solo ambito superficiale, epidermico; se il melanoma si è approfondato, la sua asportazione si fa complessa o comunque di scarsa utilità terapeutica. Di fronte ad un melanoma, comunque, è indicata l asportazione; la possibile radicalità è accertata. La chirurgia infatti in questo caso è sia diagnostica che terapeutica. La escissione della lesione, infatti, consente di valutare da un punto di vista anatomopatologico il livello di invasione, e quindi di poter eventualmente stanziare una impostazione terapeutica. Secondo Clark 1 livello Epidermide 2 livello Derma papillare (parziale) 3 livello Derma papillare (totale) 4 livello Derma reticolare 5 livello sottocutaneo Stadiazione in base al livello di invasione In mm La valutazione dell approfondamento milimetrico del tumore consente di ottenere un buon fattore prognostico. Una invasione anche di 3 mm, ad esempio, pregiudica una sopravvivenza a 5 anni in un ambito variabile dal 47% al 22%. Tuttavia oggi la stadiazione millimetrica viene poco usata. Il trattamento chirurgico del melanoma, pertanto, è una exeresi dello stesso. Il trattamento chirurgico di melanomi che si approfondano fino a 2 mm prevede una sutura diretta dopo l asportazione della neoplasia. Per tumori che si approfondano per 3-5 cm ed oltre, invadendo anche la fascia, invece, è previsto l inserimento di innesti o lembi, a seconda dei casi. I linfonodi locoregionali vengono asportati solo se clinicamente interessati; in caso contrario è inutile la loro asportazione, essendo stato visto che la prognosi non migliora comunque. MICROCHIRURGIA RICOSTRUTTIVA La microchirurgia ricostruttiva è una metodica chirurgica che consente il ripristino funzionale di strutture anatomiche andate perse (ad es., amputazione accidentale di un dito) mediante unione diretta delle parti o trasferimento di tessuti con tecniche microchirurgiche; è fatto uso di un micro- 23 Personalmente non so quali siano i nevi giunzionali o, perlomeno, che cosa si sia con ciò voluto intendere

16 16 scopio operatore tanto complicato quanto costoso. La tecnica, quindi permette di far fronte ad amputazioni complete o incomplete. Le amputazioni complete sono quelle in cui una parte dell organismo si è completamente distaccata da esso; quelle incomplete sono quelle in cui resta comunque una connessione (ad es., ad opera di cute, o tendini). Nel caso di amputazioni complete, si parla di reimpianti, nel caso di amputazioni incomplete, si parla di rivascolarizzazioni. I reimpianti possono essere di tipo macro o di tipo micro ; i microreimpianti sono quelli che coinvolgono parti di arto che vanno dal polso distalmente. La difficoltà di questi interventi varia in funzione della presenza/assenza di masse muscolari, o del calibro dei vasi sui quali occorre lavorare. La rivascolarizzazioni possono essere fatte per ripristinare la funzione, oppure perché a volte è compromessa la sopravvivenza stessa dell individuo! Ultimamente si sta realizzando un aumento delle lesioni traumatiche degli arti e della mano, per un aumento dell incidenza della traumatologia stradale e lavorativa. Si tratta di interventi compiuti in emergenza, per diminuire la probabilità di insuccessi e/o di complicanze dovute ad es., alla fenomenologia ipossica prolungata. Il risultato è inoltre migliore, sia funzionalmente che morfologicamente.

17 CHIRURGIA PLASTICA - Sommario CICATRIZZAZIONE 1 FERITE 3 TECNICHE DI RIPARAZIONE 3 USTIONI 4 LASER 7 INNESTI CUTANEI 7 PLASTICA A Z 8 LEMBI 8 LABIOPALATOSCHISI 10 ANCORA A PROPOSITO DEL LASER 11 IPOSPADIA 12 MALFORMAZIONI DEGLI ARTI SUPERIORI 12 TUMORI DELLA PELLE 13 MICROCHIRURGIA RICOSTRUTTIVA 15 ed io con tutte le parole che in vita ho scritto, ho pianto e so non li ho convinti a dire no VECCHIONI, PER UN VECCHIO BAMBINO

I TUMORI DELLA CUTE. www.fisiokinesiterapia.biz

I TUMORI DELLA CUTE. www.fisiokinesiterapia.biz I TUMORI DELLA CUTE www.fisiokinesiterapia.biz Ghiandole sebacee Ghiandole sudoripare Annessi cutanei I TUMORI DELLA CUTE 1) DERIVATI DALLE STRUTTURE EPITELIALI 1) BENIGNI (CHERATOSI SEBORROICA) 2) EPITELIOMA

Dettagli

Il melanoma cutaneo. Reggio Emilia 2-5 dicembre 2007. Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte

Il melanoma cutaneo. Reggio Emilia 2-5 dicembre 2007. Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte Il melanoma cutaneo Reggio Emilia 2-5 dicembre 2007 Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte La pelle La pelle La pelle è il più esteso organo del corpo. Protegge contro il caldo, la luce solare, i traumi

Dettagli

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso Elena Pedrotti - infermiera professionale Ortopedia e Traumatologia Ospedale S. Chiara Obiettivi formativi Valutare

Dettagli

V Incontro-Convegno A.C.A.R. "EME - Ollier/Maffucci: presente e futuro"

V Incontro-Convegno A.C.A.R. EME - Ollier/Maffucci: presente e futuro V Incontro-Convegno A.C.A.R. "EME - Ollier/Maffucci: presente e futuro" Approccio multidisciplinare al paziente con EME e Sindrome di Ollier/Maffucci: il ruolo del chirurgo plastico nei processi di cicatrizzazione

Dettagli

Corso Integrato di Malattie Organi di Senso IV anno Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia

Corso Integrato di Malattie Organi di Senso IV anno Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Dipartimento di Specialita Medico- Chirurgiche Sezione di Chirurgia Plastica Direttore: Prof. F. Mazzoleni Corso Integrato di Malattie Organi di Senso IV anno Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Prof.

Dettagli

Carcinoma spinocellulare

Carcinoma spinocellulare Carcinoma spinocellulare Carcinoma spinocellulare Meno frequente ma più maligno del basalioma. Insorge spesso su una precancerosi (cheratosi attinica, leucoplachia, radiodermite, ulcere croniche ecc.).

Dettagli

I tumori della cute. prevenzione diagnosi terapia

I tumori della cute. prevenzione diagnosi terapia I tumori della cute prevenzione diagnosi terapia I tumori della pelle si possono suddividere in due grandi gruppi: melanoma e non-melanoma. Per entrambi la prima causa di insorgenza è un esposizione eccessiva

Dettagli

LE ULCERE VASCOLARI INFERIORE

LE ULCERE VASCOLARI INFERIORE LE ULCERE VASCOLARI DELL ARTO INFERIORE 1 2 3 4 5 6 7 8 9 ARTO INFERIORE Struttura complessa dell apparato motorio Possiamo distinguere tre grandi aree Coscia Gamba Piede La gamba si caratterizza per problematiche

Dettagli

CORSO PER MONITORI DI PRIMO SOCCORSO autunno 2013

CORSO PER MONITORI DI PRIMO SOCCORSO autunno 2013 Comitato Locale di Varese CORSO PER MONITORI DI PRIMO SOCCORSO autunno 2013 Lezione n 9b LE USTIONI Relatore: Agnisetta Simona C.L. Varese Comitato Locale di Varese UNITA DIDATTICA N 6 -LE USTIONI AGENTI

Dettagli

NEI PAESI ASIATICI, IN AFRICA E NEL SUD AMERICA PRESENTA INCIDENZE NETTAMENTE SUPERIORI RAGGIUNGENDO IL 10-20% DI TUTTE LE FORME TUMORALI

NEI PAESI ASIATICI, IN AFRICA E NEL SUD AMERICA PRESENTA INCIDENZE NETTAMENTE SUPERIORI RAGGIUNGENDO IL 10-20% DI TUTTE LE FORME TUMORALI CANCRO DEL PENE EPIDEMIOLOGIA NEOPLASIA PIUTTOSTO RARA NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI NEI PAESI OCCIDENTALI RAPPRESENTA LO 0,2-2% DI TUTTE LE NEOPLASIE CHE COLPISCONO L UOMO NEI PAESI ASIATICI, IN AFRICA E

Dettagli

FERITE APERTE DA MORSO

FERITE APERTE DA MORSO FERITE APERTE DA MORSO dal primo soccorso alla chirurgia ricostruttiva Dott. Roberto Pedrale Dott. Igor Valtorta - Dott. Filippo Boriani Istituto di Chirurgia Plastica Ricostruttiva Università degli Studi

Dettagli

Lezione su Abrasione, Contusione,Trauma Cranico,Fratture e Ferite

Lezione su Abrasione, Contusione,Trauma Cranico,Fratture e Ferite Lezione su Abrasione, Contusione,Trauma Cranico,Fratture e Ferite ABRASIONE In campo medico l'abrasione è una leggera escoriazione della pelle o delle mucose o una lesione della parte più esterna della

Dettagli

Misericordia di Empoli Centro Formazione. Primo Soccorso. Eventi e Lesioni di Origine Traumatica

Misericordia di Empoli Centro Formazione. Primo Soccorso. Eventi e Lesioni di Origine Traumatica Misericordia di Empoli Centro Formazione Primo Soccorso Eventi e Lesioni di Origine Traumatica Il Trauma E detto trauma un evento violento che reca un danno psico-fisico ad un individuo. Incidente SI Infarto

Dettagli

Dipartimento di Oncologia U.O. Chirurgia Plastica e Ricostruttiva Direttore: Prof. Francesco Moschella CICATRIZZAZIONE. Prof. ssa Adriana Cordova

Dipartimento di Oncologia U.O. Chirurgia Plastica e Ricostruttiva Direttore: Prof. Francesco Moschella CICATRIZZAZIONE. Prof. ssa Adriana Cordova Dipartimento di Oncologia U.O. Chirurgia Plastica e Ricostruttiva Direttore: Prof. Francesco Moschella CICATRIZZAZIONE Prof. ssa Adriana Cordova CICATRIZZAZIONE processo con cui un tessuto leso per cause

Dettagli

Luca Guarda Nardini LA CHIRURGIA DEI TUMORI CUTANEI DEL VOLTO E LA RICOSTRUZIONE MEDIANTE LEMBI DI VICINANZA

Luca Guarda Nardini LA CHIRURGIA DEI TUMORI CUTANEI DEL VOLTO E LA RICOSTRUZIONE MEDIANTE LEMBI DI VICINANZA Luca Guarda Nardini LA CHIRURGIA DEI TUMORI CUTANEI DEL VOLTO E LA RICOSTRUZIONE MEDIANTE LEMBI DI VICINANZA Scopo dello studio Revisione delle principali e più affidabili tecniche usate nella ricostruzione

Dettagli

Bassa incidenza di trasformazione maligna dei nevi

Bassa incidenza di trasformazione maligna dei nevi NEVI E MELANOMA DEL BAMBINO : Bassa incidenza di trasformazione maligna dei nevi STORIA CLINICA I NEVI MELANOCITARI COMPAIONO NELLA PRIMA INFANZIA E IL LORO NUMERO COMPLESSIVO CRESCE CON IL CRESCERE DELL

Dettagli

Risultati. Discussione

Risultati. Discussione Negli ultimi 8 anni nel nostro dipartimento abbiamo trattato circa 200 schisi del mascellare con il metodo tradizionale già descritto nei precedenti articoli. Dal 1966 abbiamo seguito la teoria di Skoog,

Dettagli

LE FERITE. Dea vallo della lucania PERLE,FATTI E.. MISFATTI IN URGENZA 14-15-2012 (inf. A.Angione)

LE FERITE. Dea vallo della lucania PERLE,FATTI E.. MISFATTI IN URGENZA 14-15-2012 (inf. A.Angione) LE FERITE Dea vallo della lucania PERLE,FATTI E.. MISFATTI IN URGENZA 14-15-2012 (inf. A.Angione) Il 5,4 % degli accessi in Ps è dovuto a ferite Le ferite traumatiche sono più frequenti alle mani al volto

Dettagli

PREVENZIONE E DIAGNOSI PRECOCE DEL MELANOMA

PREVENZIONE E DIAGNOSI PRECOCE DEL MELANOMA PREVENZIONE E DIAGNOSI PRECOCE DEL MELANOMA Il Melanoma è un tumore maligno della pelle che può insorgere su un neo preesistente o su una cute sana. In Italia, negli ultimi anni si è registrato un rapido

Dettagli

INTERVENTO PER MORBO DI DUPUYTREN

INTERVENTO PER MORBO DI DUPUYTREN INTERVENTO PER MORBO DI DUPUYTREN 2 L aponeurosi palmare è l elemento che viene colpito dalla malattia di Dupuytren, ritraendosi e flettendo le dita. Il Morbo do Dupuytren consiste nella progressiva retrazione

Dettagli

Dipartimento di Scienze Oftalmologiche e NeuroChirurgiche dell Università di Siena APPUNTI DI FISIOPATOLOGIA OCULARE: ENTROPION, ECTROPION

Dipartimento di Scienze Oftalmologiche e NeuroChirurgiche dell Università di Siena APPUNTI DI FISIOPATOLOGIA OCULARE: ENTROPION, ECTROPION Dipartimento di Scienze Oftalmologiche e NeuroChirurgiche dell Università di Siena APPUNTI DI FISIOPATOLOGIA OCULARE: ENTROPION, ECTROPION Edoardo Motolese, P.A.Motolese -Per studenti del Corso di Laurea

Dettagli

Il melanoma rappresenta una neoplasia maligna che origina dai melanociti, le cellule produttrici di melanina

Il melanoma rappresenta una neoplasia maligna che origina dai melanociti, le cellule produttrici di melanina Il Melanoma Il melanoma rappresenta una neoplasia maligna che origina dai melanociti, le cellule produttrici di melanina Il melanoma cutaneo è un tumore ad elevata aggressività Crescita di incidenza negli

Dettagli

In media si sono osservati i seguenti risultati:

In media si sono osservati i seguenti risultati: Le Onde d UrtO Vengono applicati impulsi meccanici di pressione ricchi di energia sui tessuti superficiali e profondi. Anche in medicina e fisioterapia le onde d urto sono caratterizzate da impulsi di

Dettagli

ELENCO TRATTAMENTI TRATTAMENTI DI ESTETICA. Botox o Botulino

ELENCO TRATTAMENTI TRATTAMENTI DI ESTETICA. Botox o Botulino ELENCO TRATTAMENTI Trattamenti mirati per rivitalizzazione e ringiovanimento con peeling per macchie cutanee, acne e smagliature, ridefinizione dei contorni del viso (zigomi, labbra e mento), impianto

Dettagli

Le lesioni trofiche degli arti inferiori: loro terapia con la camera distrettuale di Madeyski.

Le lesioni trofiche degli arti inferiori: loro terapia con la camera distrettuale di Madeyski. Le lesioni trofiche degli arti inferiori: loro terapia con la camera distrettuale di Madeyski. Autori: Amato G., Madeyski P. Babbo G.A., Bartelloni A. Casa di cura Sileno e Anna Rizzola. S. Donà di Piave

Dettagli

ANNO DI CORSO SEDE DI SVOLGIMENTO DELLE LEZIONI Indicata su sito web del Corso di Laurea ORGANIZZAZIONE DELLA DIDATTICA Lezioni frontali

ANNO DI CORSO SEDE DI SVOLGIMENTO DELLE LEZIONI Indicata su sito web del Corso di Laurea ORGANIZZAZIONE DELLA DIDATTICA Lezioni frontali SCUOLA MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO 0/05 CORSO DI LAUREA LAUREA MAGISTRALE ODONTOIATRIA E PROTESI DENTARIA INSEGNAMENTO/CORSO INTEGRATO Patologia e terapia medico-chirurgica del distretto testa-collo

Dettagli

MEDICINA DERMOESTETICA Aggiornamento maggio 2012

MEDICINA DERMOESTETICA Aggiornamento maggio 2012 MEDICINA DERMOESTETICA Aggiornamento maggio 2012 a member of GLI ELEMENTI FONDAMENTALI PER TROVARE LA PACE INTERIORE Armonia Bellezza MEDICINA ESTETICA Forza Equilibrio Negli anni è cresciuta per gli uomini

Dettagli

èè una delle complicanze più temute del

èè una delle complicanze più temute del Nuove FRONTIERE Sostituti dermici, onde d urto e tutte le nuove terapie per curare il piede diabetico. èè una delle complicanze più temute del diabete e la parola amputazione è lo spauracchio di molti

Dettagli

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LA CHIRURGIA DI MOHS Documento redatto da: DR. Massimo GATTONI Responsabile S.S.V.D. Dermatologia - Vercelli DR.ssa Nicoletta MOIA S.C. Anatomia Patologica - Vercelli DR.ssa

Dettagli

FATTORI PROGNOSTICI. Dr.ssa Rossana Tiberio. Dr.ssa Benedetta Miglino

FATTORI PROGNOSTICI. Dr.ssa Rossana Tiberio. Dr.ssa Benedetta Miglino FATTORI PROGNOSTICI MELANOMA Dr.ssa Rossana Tiberio Dr.ssa Benedetta Miglino UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE "A. AVOGADRO" FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA - NOVARA CLINICA DERMATOLOGICA

Dettagli

DEFINIZIONE DI SALUTE O.M.S.

DEFINIZIONE DI SALUTE O.M.S. DEFINIZIONE DI SALUTE O.M.S. "Uno stato di completo benessere fisico,mentale psicologico e sociale e non la semplice assenza dello stato di malattia o di infermità." (OMS, 1948) Non basta quindi curare

Dettagli

PROMEMORIA ALLEGATO AL CONSENSO INFORMATO ALL INTERVENTO DI CORREZIONE DELL ENTROPION

PROMEMORIA ALLEGATO AL CONSENSO INFORMATO ALL INTERVENTO DI CORREZIONE DELL ENTROPION Società Italiana di Chirurgia Oftalmoplastica Consensi Informati PROMEMORIA ALLEGATO AL CONSENSO INFORMATO ALL INTERVENTO DI CORREZIONE DELL ENTROPION DEFINIZIONE DI ENTROPION L entropion consiste nell

Dettagli

Nota Informativa PER IL TRATTAMENTO CON LASER

Nota Informativa PER IL TRATTAMENTO CON LASER Nota Informativa PER IL TRATTAMENTO CON LASER Lo scopo di questo documento è di fornire ai pazienti informazioni sul trattamento laser e riguardo ai possibili effetti indesiderati o complicanze. PRIMA

Dettagli

Fig. 75: Istologia a sei mesi di un sito innestsato con innesto a blocco senza copertura dell innesto con membrana. La porzione crestale dell area vestibolare dell innesto a blocco ha subito un sostanziale

Dettagli

D NE N E E E DI D SPA

D NE N E E E DI D SPA S.C. Recupero e Rieducazione Funzionale Ospedaliera Aziendale S.S. Polo Riabilitativo Levante Dr.ssa Monica Santangelo Genova 27 Novembre 2014 LE PATOLOGIE MUSCOLO- TENDINEE DI SPALLA NELLO SPORT La terapia

Dettagli

La carcinosi peritoneale

La carcinosi peritoneale La carcinosi peritoneale cos è e come si cura Il peritoneo Il peritoneo è una membrana sottile e trasparente che ricopre la parete interna della cavità addominale e pelvica, e tutti i visceri che vi sono

Dettagli

USTIONI USTIONI SHOCK IPOVOLEMICO SHOCK IPOVOLEMICO

USTIONI USTIONI SHOCK IPOVOLEMICO SHOCK IPOVOLEMICO USTIONI SHOCK IPOVOLEMICO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI USTIONI SHOCK IPOVOLEMICO OBIETTIVI Sapere cos è l USTIONE Sapere riconoscere la gravità di un USTIONE Conoscere le tipologie di USTIONE

Dettagli

STENOSI DELLE CAROTIDI

STENOSI DELLE CAROTIDI STENOSI DELLE CAROTIDI Quali sono le principali arterie che portano sangue al cervello? Ogni persona ha due carotidi che decorrono nel collo uno a destra ed uno a sinistra; si possono apprezzare le loro

Dettagli

PROTOCOLLI DI TRATTAMENTO DELLE LDD

PROTOCOLLI DI TRATTAMENTO DELLE LDD PROTOCOLLI DI TRATTAMENTO DELLE LDD Modulo 2 lezione 2 Le indicazioni al trattamento che seguono sono state tratte da: Indicazioni fornite da esperti nella gestione delle lesioni croniche (organizzazione

Dettagli

PROPOSTE DI LINEE GUIDA SULLE MEDICAZIONI AVANZATE NELLE LESIONI ULCEROSE

PROPOSTE DI LINEE GUIDA SULLE MEDICAZIONI AVANZATE NELLE LESIONI ULCEROSE PROPOSTE DI LINEE GUIDA SULLE MEDICAZIONI AVANZATE NELLE LESIONI ULCEROSE D Alicandro G, Infascelli R M, Aprea G, Silvestro M, Iuliano P SC di Anestesia, Rianimazione e Terapia Iperbarica A.O. Santobono-Pausilipon

Dettagli

Pre r m e es e s s a s : O i b et e tivo v :

Pre r m e es e s s a s : O i b et e tivo v : Corso Lesione da Pressione Ottobre-Dicembre 2012 Regione Toscana Azienda USL n.3 Pistoia Assistenza Infermieristica nella Prevenzione e trattamento delle LDP Premessa: La prevenzione e il trattamento delle

Dettagli

IL TUMORE DELLA PELLE SI VEDE. SCOPRILO IN TEMPO E POTRAI CURARLO.

IL TUMORE DELLA PELLE SI VEDE. SCOPRILO IN TEMPO E POTRAI CURARLO. V I A G G I A I N O R A R I O, F A I L A D I A G N O S I I N T E M P O IL TUMORE DELLA PELLE SI VEDE. SCOPRILO IN TEMPO E POTRAI CURARLO. LOCAL SPONSORS EUROPEAN SPONSORS: CAMPAIGN PARTNER: WITH SUPPORT

Dettagli

CASO CLINICO: TRATTAMENTO IPERTERMICO DI UN MELANOMA CUTANEO ( Studio Associato Centinaio: Dott. Rodolfo Ferrario, Dott.ssa Zoccatelli Chiara)

CASO CLINICO: TRATTAMENTO IPERTERMICO DI UN MELANOMA CUTANEO ( Studio Associato Centinaio: Dott. Rodolfo Ferrario, Dott.ssa Zoccatelli Chiara) CASO CLINICO: TRATTAMENTO IPERTERMICO DI UN MELANOMA CUTANEO ( Studio Associato Centinaio: Dott. Rodolfo Ferrario, Dott.ssa Zoccatelli Chiara) COS E IL MELANOMA CUTANEO: SEGNI E SINTOMI Il melanoma cutaneo

Dettagli

PICCOLA CHIRURGIA AMBULATORIALE CLINICA E TERAPIA DELLE NEOFORMAZIONI CUTANEE PIU FREQUENTI

PICCOLA CHIRURGIA AMBULATORIALE CLINICA E TERAPIA DELLE NEOFORMAZIONI CUTANEE PIU FREQUENTI PICCOLA CHIRURGIA AMBULATORIALE CLINICA E TERAPIA DELLE NEOFORMAZIONI CUTANEE PIU FREQUENTI Dott. Giampiero Armati Responsabile del Servizio di Dermatologia Chirurgica ed Oncologica Referente GOM tumori

Dettagli

Come tutti ben sappiamo il copro umano è costituito in gran parte da ossa e muscoli. Insieme costituiscono l apparato scheletrico muscolare.

Come tutti ben sappiamo il copro umano è costituito in gran parte da ossa e muscoli. Insieme costituiscono l apparato scheletrico muscolare. L APPARATO SCHELETRICO MUSCOLARE Come tutti ben sappiamo il copro umano è costituito in gran parte da ossa e muscoli. Insieme costituiscono l apparato scheletrico muscolare. Le ossa Le funzioni principali

Dettagli

Le lesioni traumatiche dei tendini flessori

Le lesioni traumatiche dei tendini flessori Le lesioni traumatiche dei tendini flessori Lesioni frequenti ed esigenti dal punto di vista chirurgico gravate in passato da risultati funzionali talvolta modesti La prognosi oggi è notevolmente migliorata

Dettagli

Taglio di unghie incarnite o malformate con il LASER nel cane e gatto

Taglio di unghie incarnite o malformate con il LASER nel cane e gatto Interventi chirurgici con il LASER in medicina veterinaria Articolo informativo per i proprietari di cani e gatti Dr. Klaus G. Friedrich Medico Veterinario Le opzioni e possibilità che offre il LASER nel

Dettagli

LPG Endermologie. Descrizione

LPG Endermologie. Descrizione LPG Endermologie Descrizione L Endermologie nasce in Francia nei primi anni 80, come tecnica di massaggio meccanico che utilizza una sofisticata apparecchiatura elettromedicale chiamata Cellu M6 Keymodule,

Dettagli

Protocollo n... Gestione delle Ulcere da Pressione

Protocollo n... Gestione delle Ulcere da Pressione UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI"- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Protocollo n... Gestione delle Ulcere da Pressione OBIETTIVI Garantire l integrità

Dettagli

L apparato tegumentario

L apparato tegumentario L apparato tegumentario... o di rivestimento protegge il nostro corpo e permette gli scambi con l esterno, è formato da pelle o cute + annessi cutanei La pelle riveste tutta la parte esterna del corpo.

Dettagli

DESCRIZIONE DEL METODO DIDATTICO

DESCRIZIONE DEL METODO DIDATTICO DESCRIZIONE DEL METODO DIDATTICO ESEMPIO DI SEQUENZE DI PREPARAZIONE DI LETTI RECETTORI PER INNESTI DI EPITELIO ESEGUITE SU TESSUTI DAI PARTECIPANTI AL CORSO CON LA GUIDA CONTINUA DEL DOCENTE: I TESTI

Dettagli

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE CARIE DENTALE MIOPIA SCOLIOSI OBESITA CARIE DENTALE La carie dentale nasce come processo erosivo e si evolve come processo destruente del dente che perde così

Dettagli

scheda 04.08 Chirurgia Chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica

scheda 04.08 Chirurgia Chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica scheda 04.08 Chirurgia Chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica Cos è Grazie all impegno della comunità scientifica internazionale, negli ultimi anni la Chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI DI GINOCCHIO

INTERVENTO DI ARTROPROTESI DI GINOCCHIO INTERVENTO DI ARTROPROTESI DI GINOCCHIO Accesso chirurgico al ginocchio Protesi posizionata 2 La protesizzazione del ginocchio consiste nel ricostruire chirurgicamente l articolazione formata dai condili

Dettagli

piùinforma Genova, 13 giugno 2013 SOLE ROSSO Prevenzione delle malattie della pelle da raggi solari.

piùinforma Genova, 13 giugno 2013 SOLE ROSSO Prevenzione delle malattie della pelle da raggi solari. piùinforma GENOVA: VIAGGIO TRA CINEMA, ARTE, SPORT E CULTURA DELLA SALUTE Genova, 13 giugno 2013 SOLE ROSSO Prevenzione delle malattie della pelle da raggi solari. PREVENZIONE DELLE MALATTIE DELLA PELLE

Dettagli

O VEGA Gel 3. Dispositivo Medico 0.373 PROPRIETA TERAPEUTICHE

O VEGA Gel 3. Dispositivo Medico 0.373 PROPRIETA TERAPEUTICHE O VEGA Gel 3 Dispositivo Medico 0.373 PROPRIETA TERAPEUTICHE Dopo l applicazione di O3 VEGA Gel vengono liberati dal Dispositivo Medico perossidi oleosi in modo graduale e continuo per un periodo prolungato

Dettagli

INFORMAZIONI MEDICHE PER L INTERVENTO CHIRURGICO DI SVUOTAMENTO LATERO-CERVICALE

INFORMAZIONI MEDICHE PER L INTERVENTO CHIRURGICO DI SVUOTAMENTO LATERO-CERVICALE UNITA OPERATIVA COMPLESSA DI OTORINOLARINGOIATRIA Direttore: Carlo Alicandri Ciufelli NOTA ORL 35 Revisione 1 del 09.09.2010 Pagina 1 di 5 INFORMAZIONI MEDICHE PER L INTERVENTO CHIRURGICO DI SVUOTAMENTO

Dettagli

Intervento di blefaroplastica INFORMAZIONI

Intervento di blefaroplastica INFORMAZIONI Intervento di blefaroplastica INFORMAZIONI A COSA SERVE LA BLEFAROPLASTICA? La blefaroplastica è una procedura chirurgica che ha lo scopo di migliorare l aspetto estetico e la funzionalità delle palpebre,

Dettagli

NEORMAZIONI CISTICHE DEI MASCELLARI

NEORMAZIONI CISTICHE DEI MASCELLARI NEORMAZIONI CISTICHE DEI MASCELLARI CISTI: una cavità patologica rivestita da epitelio PSEUDOCISTI: una cavità patologica non rivestita da epitelio Neoformazione cistica asportata Cisti Odontogene C.O.

Dettagli

Cancro della pelle. Cause. Sintomi. Diagnosi. Terapia. Prognosi. Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro

Cancro della pelle. Cause. Sintomi. Diagnosi. Terapia. Prognosi. Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro Cancro della pelle Cause Sintomi Diagnosi Terapia Prognosi Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro Cancro della pelle I tumori maligni cutanei sono di diversa forma. Particolarmente frequente

Dettagli

Ambulatorio di Chirurgia Plastica

Ambulatorio di Chirurgia Plastica via Nazario Sauro, 32-30014 Cavarzere (VE) - Tel. 0426 316111 - Fax 0426 316445 Ambulatorio di Chirurgia Plastica Redatto da: - Medico specialista, - Coord. Amministrativa - Coord. Infermieristica - Personale

Dettagli

Trapianto di unità follicolari via strip vs. Follicular Unit Extraction

Trapianto di unità follicolari via strip vs. Follicular Unit Extraction Trapianto di unità follicolari via strip vs. Follicular Unit Extraction Nel trapianto di unità follicolari, queste ultime possono essere estratte in due modi. Via strip mediante la dissezione microchirurgica

Dettagli

La Chirurgia dell Uretra Bulbare

La Chirurgia dell Uretra Bulbare La Chirurgia dell Uretra Bulbare Enzo Palminteri Etiologia delle Stenosi dell Uretra Bulbare : su 497 casi è risultata di causa sconosciuta nel 59 % e consecutiva manovre endoscopiche nel 9 %. 497 9 %

Dettagli

RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE. Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova

RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE. Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova 1 RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova 2 Le informazioni trovate in questo opuscolo non sostituiscono il colloquio col

Dettagli

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono:

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono: CROCE ROSSA ITALIANA Corso TSSA LO STATO DI SHOCK LO STATO DI SHOCK Lo stato di shock o IPOPERFUSIONE è determinato dalla incapacità dell apparato cardio- circolatorio di irrorare in modo adeguato i tessuti.

Dettagli

Tumori ossei. Cause. Sintomi. Diagnosi. Terapia. Prognosi. Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro

Tumori ossei. Cause. Sintomi. Diagnosi. Terapia. Prognosi. Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro Tumori ossei Cause Sintomi Diagnosi Terapia Prognosi Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro Tumori ossei I tumori ossei si formano quasi sempre all'interno di un osso e solo molto raramente

Dettagli

LA deviazione del setto nasale e le sinusiti croniche.

LA deviazione del setto nasale e le sinusiti croniche. LA deviazione del setto nasale e le sinusiti croniche. LA deviazione del setto La respirazione umana passa dal naso e dalla bocca. L Otorinolaringoiatra ha il compito di consentire il corretto passaggio

Dettagli

AUMENTI DI VOLUME GENGIVALE AUMENTI DI VOLUME GENGIVALE

AUMENTI DI VOLUME GENGIVALE AUMENTI DI VOLUME GENGIVALE AUMENTI DI VOLUME GENGIVALE AUMENTI DI VOLUME GENGIVALE Epulide: : termine clinico Aspecifico con significato topografico (sopra la gengiva) privo di connotazioni istologiche Nella pratica è stato utilizzato

Dettagli

Le alopecie nelle connettivopatie autoimmuni. Le connettivopatie, come è noto, appartengono ad un gruppo di patologie

Le alopecie nelle connettivopatie autoimmuni. Le connettivopatie, come è noto, appartengono ad un gruppo di patologie Le alopecie nelle connettivopatie autoimmuni Le connettivopatie, come è noto, appartengono ad un gruppo di patologie caratterizzate da una patogenesi autoimmunitaria,in particolare con interessamento del

Dettagli

Lesioni da caldo, freddo e da agenti chimici

Lesioni da caldo, freddo e da agenti chimici Lesioni da caldo, freddo e da agenti chimici LA PELLE LA PELLE La pelle è composta LA PELLE epidermide derma adipe LA PELLE La pelle ha la funzione di: proteggere da microrganismi regolare l equilibrio

Dettagli

UTILIZZO DEL CRYOULTRASOUND AESTHETIC NELL ESTETICA - 1

UTILIZZO DEL CRYOULTRASOUND AESTHETIC NELL ESTETICA - 1 UTILIZZO DEL CRYOULTRASOUND AESTHETIC NELL ESTETICA - 1 TRATTAMENTO DELLA P.E.F.S.: cellulite e disturbi circolari degli arti inferiori A cura del Fisiatra Dr Dario Apuzzo Questa apparecchiatura, estremamente

Dettagli

LA BELLEZZA NELLO SGUARDO L intervento di blefaroplastica

LA BELLEZZA NELLO SGUARDO L intervento di blefaroplastica LA BELLEZZA NELLO SGUARDO L intervento di blefaroplastica In che cosa consiste l intervento? La blefaroplastica è un intervento mirato a correggere gli eccessi cutanei palpebrali e a eliminare le borse

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA

SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA A cura di: Dott.ssa R. Fiorentini Dott.ssa E. Palma QUANTITA E COMPOSIZIONE DEI LIQUIDI CORPOREI IL 60% del peso corporeo di un adulto è costituito da liquidi. I

Dettagli

2012 DJO - 28768-IT - REV A. www.djoglobal.it

2012 DJO - 28768-IT - REV A. www.djoglobal.it 2012 DJO - 28768-IT - REV A www.djoglobal.it RPW Terapia a onde d urto Il metodo clinicamente testato per ridurre la cellulite Voltate le spalle alla cellulite Avete un problema di cellulite? Desiderate

Dettagli

Fibromi uterini, le soluzioni possibili

Fibromi uterini, le soluzioni possibili Università Cattolica del Sacro Cuore Policlinico Universitario A. Gemelli ROMA Dipartimento per la Tutela della Salute della Donna e della Vita Nascente Dipartimento di Bioimmagini e Scienze Radiologiche

Dettagli

III Corso avanzato di aggiornamento LA RIPARAZIONE TESSUTALE DELLE LESIONI CRONICHE CUTANEE CampolongoHospital - Marina di Eboli Ottobre 2004

III Corso avanzato di aggiornamento LA RIPARAZIONE TESSUTALE DELLE LESIONI CRONICHE CUTANEE CampolongoHospital - Marina di Eboli Ottobre 2004 LA CHIRURGIA PLASTICA DELLE ULCERE DIFFICILI: LE LESIONI DA DECUBITO Dott. Pasquale Ziccardi U.O. di Chirurgia Plastica -Fondazione S. Maugeri-IRCCS Istituto di Telese Terme (BN) III Corso avanzato di

Dettagli

Ambulatorio neurochirurgico per la malformazione di Chiari tipo I- Siringomielia e delle patologie della giunzione cranio-cervicale!

Ambulatorio neurochirurgico per la malformazione di Chiari tipo I- Siringomielia e delle patologie della giunzione cranio-cervicale! Ambulatorio neurochirurgico per la malformazione di Chiari tipo I- Siringomielia e delle patologie della giunzione cranio-cervicale La malformazione di Chiari tipo I (CMI) è un alterazione della giunzione

Dettagli

La Radiazione Ultravioletta e la Biosfera

La Radiazione Ultravioletta e la Biosfera La Radiazione Ultravioletta e la Biosfera L esposizione del corpo umano alla radiazione solare è un evento naturale, entro certi limiti inevitabile e responsabile di pressione selettiva nell evoluzione

Dettagli

AMO STARE ALL ARIA APERTA

AMO STARE ALL ARIA APERTA AMO STARE ALL ARIA APERTA MA MI PROTEGGO DAL SOLE PRECAUZIONI E COMPORTAMENTI CORRETTI PER TUTTI è necessario evitare l esposizione nelle ore centrali della giornata, fare attenzione ai riflessi (neve,

Dettagli

Tumori cutanei maligni

Tumori cutanei maligni Capitolo 15: Tumori cutanei maligni pagina: 446 Tumori cutanei maligni Carcinomi basocellulari pagina: 447 15.1 Carcinomi basocellulari Epitelioma nodulare Tumore globulare, di colorito cereo o rossastro,

Dettagli

DERMOSMILE. Completa il tuo sorriso con un trattamento antiage per il tuo viso. Radiofrequenza, Peeling, Veicolazione transdermica. Il ringiovanimento

DERMOSMILE. Completa il tuo sorriso con un trattamento antiage per il tuo viso. Radiofrequenza, Peeling, Veicolazione transdermica. Il ringiovanimento Radiofrequenza, Peeling, Veicolazione transdermica. Il ringiovanimento del viso nello studio dentistico. Trattamenti effettuati Completa il tuo sorriso con un trattamento antiage per il tuo viso da medici

Dettagli

LE MEMBRANE DEL CORPO. Rivestono le superfici Delimitano le cavità Formano lamine con funzione protettiva intorno ad organi

LE MEMBRANE DEL CORPO. Rivestono le superfici Delimitano le cavità Formano lamine con funzione protettiva intorno ad organi LE MEMBRANE DEL CORPO Rivestono le superfici Delimitano le cavità Formano lamine con funzione protettiva intorno ad organi LE MEMBRANE DEL CORPO Membrane epiteliali: sono membrane di rivestimento Membrane

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO NELLA CHIRURGIA REFRATTIVA ESEGUITA CON LASER AD ECCIMERI

INFORMAZIONE E CONSENSO NELLA CHIRURGIA REFRATTIVA ESEGUITA CON LASER AD ECCIMERI INFORMAZIONE E CONSENSO NELLA CHIRURGIA REFRATTIVA ESEGUITA CON LASER AD ECCIMERI Torino, li Informazione in merito al caso clinico del Sig.: Nato a: Residente in: Lei presenta un difetto visivo che viene

Dettagli

Patologie muscolo - scheletriche ed articolari

Patologie muscolo - scheletriche ed articolari Patologie muscolo - scheletriche ed articolari La struttura ossea Ossa lunghe Ossa corte Ossa piatte Struttura dell 0sso Tessuto spugnoso Tessuto compatto Struttura dell 0sso La struttura tridimensionale

Dettagli

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI PROTOCOLLO INFERMIERISTICO-TECNICO P.I.T. 1F N 02 GESTIONE DEL PAZIENTE EMOFILICO PREMESSA I pazienti con emofilia

Dettagli

LA RICOSTRUZIONE MICROCHIRURGICA DEL NERVO PERIFERICO

LA RICOSTRUZIONE MICROCHIRURGICA DEL NERVO PERIFERICO Le Lesioni Nervose Periferiche dell Arto Superiore Peschiera del Garda 23 24 ottobre 2009 LA RICOSTRUZIONE MICROCHIRURGICA DEL NERVO PERIFERICO Ruggero Testoni CLASSIFICAZIONE DELLE LESIONI NERVOSE Lesioni

Dettagli

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale L Igiene orale La cura della bocca e dell igiene orale è una corretta pratica assistenziale E una funzione di cura che deve essere

Dettagli

LA PELLE. Tessuto epiteliale che riveste il corpo senza soluzione di continuità

LA PELLE. Tessuto epiteliale che riveste il corpo senza soluzione di continuità EPIDERMIDE: costituita da cellule morte in superficie, rigenerate continuamente DERMA: ricco di vasi sanguigni, nervi, ghiandole varie STRATO ADIPOSO: riserva energetica, isolante LA PELLE Tessuto epiteliale

Dettagli

Medicina Estetica. scheda 03.08 Poliambulatorio specialistico

Medicina Estetica. scheda 03.08 Poliambulatorio specialistico Medicina Estetica scheda 03.08 Poliambulatorio specialistico Cos è L approccio al paziente presso l ambulatorio di Medicina Estetica si avvale della definizione di salute stabilita dall OMS (Organizzazione

Dettagli

La Cicatrice Terapia Farmacologica

La Cicatrice Terapia Farmacologica La Cicatrice Terapia Farmacologica Roberto Gianfaldoni Clinica Dermatologica di Pisa La Cicatrice Il termine cicatrice deriva dal greco antico eschara che significava camino che, disposto al centro della

Dettagli

I SEGRETI DI PALOMAR Quali sono i trattamenti che si possono effettuare? Un laser, molte applicazioni Il protocollo cosa prevede?

I SEGRETI DI PALOMAR Quali sono i trattamenti che si possono effettuare? Un laser, molte applicazioni Il protocollo cosa prevede? } I SEGRETI DI PALOMAR STARLUX 500 LA DR.SSA MICHELA CEMPANARI CI INTRODUCE A UN LASER MEDICALE CHE AIUTA A RINGIOVANIRE IL CORPO E LO SPIRITO U ltimamente, tra le nicchie altamente tecnologiche della

Dettagli

Terapia chirurgica orale

Terapia chirurgica orale CHIRURGIA ORALE Studio Santoro Terapia chirurgica orale La chirurgia orale è quella branca dell Odontoiatria che si occupa di varie problematiche inerenti la necessità di avulsione di elementi dentari

Dettagli

ESOFAGO: RAPPORTI ANATOMICI

ESOFAGO: RAPPORTI ANATOMICI ESOFAGO: RAPPORTI ANATOMICI Esofago Giunzione gastro-esofagea: endoscopicamente è definita come il punto di svasatura tra l esofago tubulare ed il limite prossimale della plicatura gastrica. Linea Z (giunzione

Dettagli

APPROCCIO RADIOTERAPICO

APPROCCIO RADIOTERAPICO Unità operativa di Radioterapia Azienda Ospedaliera di Parma APPROCCIO RADIOTERAPICO Dott.ssa Dell Anna Cristina TUMORI PRIMITIVI DELLA PARETE TORACICA Sono tumori eterogenei che possono prendere origine

Dettagli

Quali sono i vantaggi nell utilizzo di questa tecnologia rispetto alle altre utilizzate ad oggi?

Quali sono i vantaggi nell utilizzo di questa tecnologia rispetto alle altre utilizzate ad oggi? La tecnologia SHR e assolutamente indolore, veloce in quanto consente di trattare anche zone molto estese come la gamba e la schiena in meno di un ora, mentre per le piccole zone come ascelle, inguine,

Dettagli

EPICONDILITE: MA CHE COSA E ESATTAMENTE? DIAGNOSI E TERAPIA

EPICONDILITE: MA CHE COSA E ESATTAMENTE? DIAGNOSI E TERAPIA EPICONDILITE: MA CHE COSA E ESATTAMENTE? DIAGNOSI E TERAPIA Dott. Stefano Folzani Responsabile f.f. Servizio di Radiologia Ospedale di Suzzara Dott. Gianluca Castellarin Responsabile Ortopedia III Ospedale

Dettagli

Campi magnetici. in terapia fisica

Campi magnetici. in terapia fisica Campi magnetici in terapia fisica I Campi Magnetici Pulsanti propriamente detti (cioè i CMP dotati di opportune ed efficaci caratteristiche in termini di dose, frequenza, modalità di emissione, modalità

Dettagli

La Cute, Ferite e Medicazioni

La Cute, Ferite e Medicazioni La Cute, Ferite e Medicazioni OBBIETTIVI Fornire cenni di Anatomia dell Apparato Tegumentario. e Fisiologia Definire i vari tipi di ferite. Apprendere le manovre per una corretta disinfezione e medicazione.

Dettagli

Supporto vitale di base nel paziente traumatizzato

Supporto vitale di base nel paziente traumatizzato Supporto vitale di base nel paziente traumatizzato 1 OBIETTIVO DEL CORSO Acquisire conoscenze teoriche e abilità pratiche per trattare l evento traumatico secondo linee Guida della Regione Toscana 2 EPIDEMIOLOGIA

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica

Domande relative alla specializzazione in: Chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica Domande relative alla specializzazione in: Chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica Domanda #1 (codice domanda: n.522) : La formula di Parkland: A: si riferisce alla quantità di fluidi da somministrare

Dettagli