PS. 16 TRASPORTO ORDINARIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "118. 32. PS. 16 TRASPORTO ORDINARIO"

Transcript

1 Pagina 1 di 9 Rev. Data Redazione Verificato Approvato 0 21/11/2011 Resp. prot. S. Dami UO Assicurazione Qualità Coord inf M. Santiccioli Resp. DEU F. Palumbo

2 Pagina 2 di 9 1. Scopo: stabilire le procedure per la gestione dei Trasporti Ordinari. 2. Basi normative: LR n 25 del 22 maggio 2001, LR n 40 del 24 febbraio 2005, LR n 70 del 30 dicembre 2010 e s.m.. Ai sensi dell Accordo Quadro Regionale l Azienda USL 7 garantisce ai propri Assistiti il trasporto sanitario ordinario, a titolo gratuito per l utente, per tutte le tipologie di trasporto elencate al realizzarsi delle condizioni previste per ciascuna tipologia. Disposizioni Generali previste dall Accordo Quadro Regionale per la regolamentazione dei rapporti tra Aziende Unità Sanitarie Locali ed Ospedaliere e Associazioni di Volontariato, per lo svolgimento dell attività di trasporto sanitario. Le Associazioni sono tenute ad effettuare in forma gratuita per il trasportato solo gli interventi il cui onere faccia carico alle Aziende USL Toscane; L Associazione convenzionata avrà cura che ogni intervento di trasporto sia effettuato seguendo il percorso più breve, compatibilmente con le situazioni oggettive di traffico ed in rapporto alle condizioni fisiche e/o di sicurezza del paziente; Le Associazioni devono assicurare la presenza a bordo dei mezzi utilizzati per le attività convenzionate, di personale, volontario o dipendente, nella misura minima e con le caratteristiche di cui alla Legge Regionale 25/2001; Le Associazioni convenzionate sono tenute all osservanza scrupolosa delle norme relative alle assicurazioni obbligatorie ed antinfortunistiche, previdenziali ed assistenziali, relative agli eventuali dipendenti. Sono tenute inoltre ad adottare tutti i provvedimenti e le cautele necessarie per garantire, per quanto possibile, durante l espletamento degli interventi e delle prestazioni loro richieste, a norma delle convenzioni stipulate con le Aziende l incolumità del personale volontario e/o dipendente utilizzato sui mezzi di trasporto e dei terzi trasportati, garantendo, comunque, in caso di danno, l equo risarcimento del medesimo. L Azienda USL 7 è, pertanto, sollevata da ogni e qualsiasi responsabilità civile per danni eventualmente subiti, all esterno dei loro presidi sanitari e/o loro articolazioni e durante lo svolgimento di interventi in base al presente Accordo, dal personale e dai trasportati, ovvero per danni provocati a terzi. Disposizioni Generali previste dalla Convenzione per il Trasporto Sanitario tra Azienda USL7 e Associazioni di Volontariato. Per tutte le tipologie di trasporto ordinario, la sottoscrizione della convenzione impegna le Associazioni di Volontariato ad espletare nei modi e nei tempi previsti il servizio richiesto dalla Centrale Operativa 118, la cui accettazione rimane comunque di volta in volta a discrezione delle Associazioni di Volontariato stesse e condizionata alla disponibilità di uomini e mezzi. Tutte le richieste di trasporto sanitario a carico del Servizio Sanitario Nazionale devono afferire alla Centrale Operativa 118 che attribuisce in via preventiva il numero di centrale (n. CAL) indispensabile per il rimborso del servizio. Non sono previste attribuzioni a posteriori del numero in oggetto. Le Associazioni di Volontariato sono tenute a fornire al proposito adeguata informazione all utenza, sollevando l Azienda USL 7 da successive, indebite azioni di rivalsa. Le richieste di trasporto sanitario non a carico del Servizio Sanitario Nazionale sono gestite in proprio dalle Associazioni di Volontariato.

3 Pagina 3 di 9 Le Associazioni di Volontariato sono tenute a rispettare interamente i protocolli operativi, predisposti dalla Centrale Operativa Siena 118, a garantire la manutenzione ordinaria e straordinaria dei mezzi di soccorso, sia per la parte meccanica che per quella sanitaria, applicare il logo unico regionale del sistema 118 sulle ambulanze di emergenza/urgenza, ospitare a bordo dei propri mezzi di soccorso in forma estemporanea o per turni prefissati personale Medico e/o Infermieristico o altro personale dipendente dall Azienda U.S.L 7 o con essa convenzionato. 3. Modalità operative: la richiesta di trasporto da parte dell utenza, deve pervenire alla Centrale Operativa 118 (attraverso il numero unico 118) che si fa carico: della ricezione della richiesta stessa, della verifica dell esistenza dei requisiti necessari affinchè gli oneri del trasporto siano a carico dell Azienda USL 7 di Siena, dell opportuna informativa all utente al riguardo, dell attribuzione del trasporto all Associazione di Volontariato incaricata dell esecuzione del trasporto. Il trasporto primario ordinario non opzionato e il trasporto secondario (tra strutture sanitarie; sempre non opzionabile) è assegnato proporzionalmente alla percentuale di fatturato di trasporto primario richiesto dall'utenza per ciascuna associazione, calcolando il valore percentuale sul totale del trasporto primario ordinario opzionato di zona, e si realizza utilizzando l apposita procedura.

4 Pagina 4 di Trasferimento non assistito di soggetti degenti nei Presidi Ospedalieri dell AUSL 7 ad altra struttura pubblica o privata convenzionata, indipendentemente dalla residenza e/o nazionalità del paziente stesso, a condizione che sia richiesto da un Medico del Reparto in cui il paziente è ricoverato. Mezzi ed equipaggi: -Per pazienti non trasportabili con comuni mezzi il trasferimento viene effettuato con ambulanza di tipo A o di tipo B ed equipaggi conformi a quanto previsto dalla normativa vigente; -Per pazienti trasportabili con mezzi comuni: il trasferimento viene effettuato a mezzo di autovettura o pulmino. In caso di un solo trasportato è prevista un autovettura con solo autista. In caso di due trasportati è prevista un autovettura con autista e soccorritore. In caso di tre o quattro trasportati è previsto un pulmino con autista e soccorritore. Ove le Associazioni di Volontariato non disponessero di pulmino o autovettura, è facoltà delle Associazioni assegnatarie eseguire il trasporto richiesto con ambulanza fermo restando che l Azienda USL 7 provvederà al rimborso previsto per la tipologia di trasporto originariamente richiesta. Assegnazione del viaggio: si realizza secondo quanto previsto dal protocollo di assegnazione automatica. L Associazione assegnataria si impegna a rispettare i tempi di esecuzione del trasporto richiesti dal Presidio ospedaliero e riferiti dalla Centrale Operativa Modello B, completato con il numero CAL della Centrale Operativa Richiesta del Medico Ospedaliero dalla quale risulti la necessità di trasporto a mezzo di ambulanza o con mezzo idoneo (automobile per 1 o 2 pazienti; pulmino per 3/4 pazienti). I trasferimenti effettuati a partire da presidi dell Azienda Ospedaliera Senese non sono a carico dell Azienda USL 7 e vengono gestiti secondo l apposita convenzione. Per il rimborso del trasporto da parte dell Azienda Ospedaliera Senese le Associazioni di Volontariato dovranno far pervenire alla Centrale Operativa Siena 118 richiesta dei buoni d autorizzazione per viaggi effettuati dai Presidi dell Azienda Ospedaliera Senese entro e non oltre il giorno 10 del mese successivo a quello d effettuazione del trasporto. Il ritiro dei buoni di cui sopra dovrà essere effettuato presso la Centrale Operativa stessa, previa firma per ricevuta.

5 Pagina 5 di Trasporto in andata e ritorno di soggetti degenti nei Presidi Ospedalieri dell Azienda USL7, che debbano essere inviati presso altre Strutture Sanitarie pubbliche o private convenzionate per effettuare esami diagnostici e/o trattamenti terapeutici non eseguibili nel Presidio di degenza, indipendentemente dalla residenza e/o nazionalità del paziente stesso, a condizione che sia richiesto da un Medico del Reparto in cui il paziente è ricoverato. Mezzi ed equipaggi: -Per pazienti non trasportabili con comuni mezzi il trasferimento viene effettuato con ambulanza di tipo A o di tipo B ed equipaggi conformi a quanto previsto dalla normativa vigente; -Per pazienti trasportabili con mezzi comuni: il trasferimento viene effettuato a mezzo di autovettura o pulmino. In caso di un solo trasportato è prevista un autovettura con solo autista. In caso di due trasportati è prevista un autovettura con autista e soccorritore. In caso di tre o quattro trasportati è previsto un pulmino con autista e soccorritore. Ove le Associazioni di Volontariato non disponessero di pulmino o autovettura, è facoltà delle Associazioni assegnatarie eseguire il trasporto richiesto con ambulanza fermo restando che l Azienda USL 7 provvederà al rimborso previsto per la tipologia di trasporto originariamente richiesta. Assegnazione del viaggio: si realizza secondo quanto previsto dal protocollo di assegnazione automatica. L Associazione assegnataria si impegna a rispettare i tempi di esecuzione del trasporto richiesti dal Presidio ospedaliero e riferiti dalla Centrale Operativa Modello B, completato con il numero CAL della Centrale Operativa Richiesta del Medico Ospedaliero dalla quale risulti la necessità di trasporto a mezzo di ambulanza o con mezzo idoneo (automobile per 1 o 2 pazienti; pulmino per 3/4 pazienti). I trasferimenti effettuati a partire da presidi dell Azienda Ospedaliera Senese non sono a carico dell Azienda USL 7 e vengono gestiti secondo l apposita convenzione. Per il rimborso del trasporto da parte dell Azienda Ospedaliera Senese le Associazioni di Volontariato dovranno far pervenire alla Centrale Operativa Siena 118 richiesta dei buoni d autorizzazione per viaggi effettuati dai Presidi dell Azienda Ospedaliera Senese entro e non oltre il giorno 10 del mese successivo a quello d effettuazione del trasporto. Il ritiro dei buoni di cui sopra dovrà essere effettuato presso la Centrale Operativa stessa, previa firma per ricevuta.

6 Pagina 6 di Trasporto in caso di dimissione da Presidio Ospedaliero pubblico o struttura privata convenzionata Regionale o Extraregionale, di soggetti assistiti a carico USL7 verso il domicilio del paziente o quello temporaneo se in possesso di domicilio temporaneo. Mezzi ed equipaggi: ambulanza tipo B (LR 60/93; deliberazione n. 347/94) con autista e almeno 1 soccorritore volontario (LR 60/93; deliberazione n. 347/94) Assegnazione del viaggio: in via prioritaria secondo l opzione espressa dall utente. In caso d indisponibilità dell Associazione indicata dall utente, l assegnazione avverrà secondo quanto previsto dal protocollo di assegnazione automatica. L Associazione assegnataria è tenuta a rispettare i tempi di esecuzione del trasporto richiesti dai Presidi e riferiti dalla Centrale Operativa -Modello B, completato con il numero CAL della Centrale Operativa Richiesta del Medico del Presidio Ospedaliero di partenza attestante la necessità di trasporto a mezzo ambulanza. La richiesta del Medico Ospedaliero deve essere ritirata al momento stesso in cui l Associazione si reca a prendere il paziente in Reparto per effettuare il trasporto per dimissione. Non verranno rilasciate richieste del Medico Ospedaliero a posteriori. In caso di dimissioni volontarie l onere del trasporto risulta interamente a carico dell utente. Dimissioni da Pronto Soccorso: nei casi in cui all arrivo in Pronto Soccorso del paziente non faccia seguito ricovero presso il Presidio Ospedaliero il viaggio di ritorno è a carico dell Azienda USL7 di Siena solo se il Medico di Pronto Soccorso rilascia attestazione di non trasportabilità del paziente con mezzi diversi dall ambulanza. Dimissioni in ambito regionale ma fuori della Provincia di Siena: possono essere attribuite alle Associazioni di Volontariato convenzionate con l Azienda USL7 di Siena. Gli oneri dovranno essere richiesti all Azienda USL di residenza del paziente. Dimissioni extraregionali: gli oneri sono interamente a carico dell utente. L Associazione di Volontariato esecutrice del trasporto è tenuta a rilasciare apposito documento contabile dell avvenuto pagamento.

7 Pagina 7 di Trasporto in andata e ritorno di soggetti assistiti a carico dell Azienda USL7 e degenti al proprio domicilio od a quello temporaneo se in possesso del domicilio sanitario, che si debbano recare presso strutture sanitarie pubbliche o private convenzionate per esami diagnostici e/o trattamenti terapeutici non effettuabili al domicilio stesso Trattamenti di breve durata (visite, medicazioni, esami diagnostici ecc) e trattamenti di lunga durata non ricorrenti. Mezzi ed equipaggi: ambulanza tipo B (LR 60/93; deliberazione n. 347/94) con autista e almeno 1 soccorritore volontario (LR 60/93; deliberazione n. 347/94) Assegnazione del viaggio: in via prioritaria secondo l opzione espressa dall utente. In caso d indisponibilità dell Associazione indicata dall utente, o, in assenza di opzione, l assegnazione avverrà secondo quanto previsto dal protocollo di assegnazione automatica. L Associazione assegnataria si impegna a rispettare i tempi di esecuzione del trasporto richiesti dall utente e riferiti dalla Centrale Operativa Modello B, completato con il numero CAL della Centrale Operativa 118. Per i trasporti ricorrenti a favore di pazienti che si sottopongono a cicli terapeutici verrà assegnato un unico numero CAL di Centrale Operativa che va segnalato su ciascun foglio di viaggio (per un numero totale di fogli di viaggio corrispondente al numero di prestazioni richieste ed autorizzate). -Richiesta del Medico di famiglia su Ricettario Regionale con specifica di non trasportabilità con i comuni mezzi, autorizzata preventivamente dal Medico USL preposto in originale o fotocopia Trattamenti di lunga durata ricorrenti (solo per dialisi, chemioterapie e radioterapie) in soggetti trasportabili con i comuni mezzi utilizzati per i suddetti servizi. Mezzi ed equipaggi: il trasferimento viene effettuato a mezzo di autovettura o pulmino. In caso di un solo trasportato è prevista un autovettura con solo autista. In caso di due trasportati è prevista un autovettura con autista e soccorritore. In caso di tre o quattro trasportati è previsto un pulmino con autista e soccorritore. Assegnazione del viaggio: l Azienda USL 7 organizza trasporti collettivi al fine di garantire una razionalizzazione dell uso di mezzi ed equipaggi di trasporto e delle tratte di percorrenza, tenendo conto delle necessità organizzative della struttura sanitaria che eroga la prestazione (giorni ed orari di erogazione) e della riduzione al minimo del disagio in cui può incorrere l utenza. Qualora l opzione dell utenza sia in contrasto con il criterio prioritario di razionalizzazione, il servizio sarà attribuito all organismo federativo regionale cui appartiene l Associazione di Volontariato opzionata. I servizi in oggetto saranno quindi ripartiti e svolti dalle Associazioni di Volontariato appartenenti all organismo federativo regionale, in funzione del criterio di razionalizzazione ed in proporzione all opzione dell utenza. L Azienda USL 7 si impegna ad accorpare i trasporti, ove possibile, tenendo conto del criterio della competenza territoriale comunale. Qualora l utenza non esprima opzione e nel caso in cui l Associazione di Volontariato opzionata rifiuti il servizio, l assegnazione sarà effettuata seguendo il criterio della razionalizzazione del servizio. Tali servizi verranno calcolati come servizi non opzionati attribuiti. L Associazione assegnataria si impegna a rispettare i tempi di esecuzione del trasporto richiesti dall utente e riferiti dalla Centrale Operativa Modello B completato con il numero CAL della Centrale Operativa 118. Per i trasporti ricorrenti a favore di

8 Pagina 8 di 9 pazienti che si sottopongono a cicli terapeutici verrà assegnato un unico numero CAL di Centrale Operativa che va segnalato su ciascun foglio di viaggio (per un numero totale di fogli di viaggio corrispondente al numero di prestazioni richieste ed autorizzate). -Per radioterapia e chemioterapia, richiesta del Medico Curante su ricettario regionale che il trasferimento avvenga con mezzo idoneo, preventivamente autorizzata dal Medico USL preposto. -Per la dialisi, richiesta di trasporto a mezzo protetto redatta dal Responsabile del centro di dialisi ed inoltrata direttamente alla Centrale Operativa 118, senza necessità di alcuna autorizzazione preventiva Trattamenti di lunga durata ricorrenti (dialisi, chemioterapie, fisioterapie, ossigenoterapie iperbariche) in soggetti non trasportabili con i comuni mezzi utilizzati per i suddetti servizi. Mezzi ed equipaggi: ambulanza tipo B (LR 60/93; deliberazione n. 347/94) con autista e almeno 1 soccorritore volontario (LR 60/93; deliberazione n. 347/94) Assegnazione del viaggio: in via prioritaria secondo l opzione espressa dall utente. In caso d indisponibilità dell Associazione indicata dall utente, oppure in assenza di opzione, l assegnazione avverrà secondo quanto previsto dal protocollo di assegnazione automatica. L Associazione assegnataria si impegna a rispettare i tempi di esecuzione del trasporto richiesti dall utente e riferiti dalla Centrale Operativa Modello B, completato con il numero CAL della Centrale Operativa 118. Per i trasporti ricorrenti a favore di pazienti che si sottopongono a cicli terapeutici verrà assegnato un unico numero CAL di Centrale Operativa che va segnalato su ciascun foglio di viaggio (per un numero totale di fogli di viaggio corrispondente al numero di prestazioni richieste ed autorizzate). -Richiesta del Medico di famiglia su Ricettario Regionale con specifica di trasporto in ambulanza per la non trasportabilità con i comuni mezzi, autorizzata preventivamente dal Medico USL preposto in originale o fotocopia. In caso di dialisi, la richiesta deve essere fatta dal Responsabile del centro di Dialisi, che dichiari la necessità di trasporto a mezzo ambulanza;

9 Pagina 9 di Trasporto per trapianti d organo. Le associazioni sono tenute a svolgere il servizio con ambulanza, monovolume od autovettura specificamente equipaggiata e fornita di autista ed eventuale accompagnatore. L Associazione assegnataria è tenuta a rispettare i tempi di esecuzione del trasporto richiesti dalla Centrale Operativa. Eventuali trasferimenti a partenza dai Presidi dell Azienda Ospedaliera senese non sono a carico dell Azienda USL Verifiche annuali del trasporto non opzionato: il calcolo delle percentuali di riferimento per il trasporto primario non opzionato e per il secondario non opzionabile viene effettuato annualmente sulla base del fatturato del trasporto primario opzionato del biennio precedente. Al fine di eliminare eventuali differenze tra percentuale di fatturato di trasporto primario opzionato e percentuale di fatturato di trasporto primario non opzionato e secondario di zona e per associazione, si provvede a ridurre annualmente l assegnazione di quote di trasporto non opzionato e non opzionabile del 3% del fatturato annuo di trasporto primario non opzionato e secondario non opzionabile fino alla concorrenza della parità fra le percentuali. La sommatoria delle quote di trasporto eccedente, annualmente ridotte alle Associazioni, verrà distribuita fra quelle di zona con deficit, in proporzione al fatturato opzionato fino al raggiungimento della parità fra le percentuali. 5. Opzioni di Presidio Ospedaliero: relativamente al criterio di attribuzione automatica, per quanto concerne i trasporti da un Presidio Ospedaliero all altro, dato che detta assegnazione comporta anche che il conteggio chilometrico ai fini del rimborso da parte dell Azienda USL 7 venga calcolato solo sulla distanza effettiva tra un Presidio Ospedaliero di partenza e quello di destinazione, ciascuna Associazione ha espresso la propria opzione di Presidio/i Ospedaliero/i. 6. Trasporti collettivi: i trasporti collettivi sono organizzati al fine di garantire una razionalizzazione dell uso dei mezzi di trasporto e delle tratte di percorrenza, tenendo conto dei seguenti criteri: necessità organizzative della struttura sanitaria che eroga la prestazione (giorni ed orari di erogazione; riduzione al minimo del disagio per l utenza. L assegnazione dei servizi alle associazioni di volontariato terrà conto dell opzione dell utenza, che ha valore triennale; qualora l opzione espressa dell utente sia in contrasto con il criterio prioritario di razionalizzazione, il servizio sarà attribuito all organismo federativo regionale cui appartiene l Associazione di Volontariato opzionata. I servizi in oggetto saranno quindi ripartiti e svolti dalle Associazioni di Volontariato appartenenti all organismo federativo regionale, in funzione del criterio di razionalizzazione ed in proporzione all opzione dell utenza. L Azienda USL 7 si impegna ad accorpare i trasporti, ove possibile, tenendo conto del criterio della competenza territoriale comunale. Qualora l utenza non esprima l opzione e nel caso in cui l Associazione di Volontariato opzionata rifiuti il servizio, l assegnazione sarà effettuata seguendo il criterio della razionalizzazione del servizio. Tali servizi saranno calcolati come servizi non opzionati attribuiti.

TRASPORTO SANITARIO ORDINARIO

TRASPORTO SANITARIO ORDINARIO TRASPORTO SANITARIO ORDINARIO Cosa è Il Trasporto Sanitario ORDINARIO è definibile come un servizio che la Regione Toscana assicura, con oneri a carico del Servizio Sanitario Regionale, ai propri assistiti,

Dettagli

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI L attuale organizzazione del Sistema 1-1-8 della Regione Toscana ha evidenziato, fra l altro, una rilevante criticità in merito alla problematica riguardante i Trasporti

Dettagli

In breve gli OBIETTIVI GENERALI del progetto LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA sono:

In breve gli OBIETTIVI GENERALI del progetto LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA sono: CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA 2014 Settore di intervento del progetto: a) Tutela dei diritti sociali e di cittadinanza delle persone, anche mediante la

Dettagli

GIUNTA REGIONALE DEL LAZIO

GIUNTA REGIONALE DEL LAZIO GIUNTA REGIONALE DEL LAZIO DELIBERAZIONE N 1614 DEL 30 OTTOBRE 2001 Pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio n. 35 del 20/12/2001 OGGETTO. Disposizioni normative per i soggetti affetti da

Dettagli

A tutti deve essere garantita pari opportunità di accesso ai servizi (Uguaglianza).

A tutti deve essere garantita pari opportunità di accesso ai servizi (Uguaglianza). REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRASPORTO INFERMI CON AMBULANZA Indice Premessa.. pag. 03 Art. 1 Tipologia dei trasporti sanitari.... pag. 03 Art. 2 Modalità di accesso... pag. 04 Art. 3 Trasporti in

Dettagli

CONVENZIONE PER IL TRASPORTO IN AUTOAMBULANZA DI SOGGETTI NEFROPATICI SOTTOPOSTI A TRATTAMENTO DIALITICO TRA

CONVENZIONE PER IL TRASPORTO IN AUTOAMBULANZA DI SOGGETTI NEFROPATICI SOTTOPOSTI A TRATTAMENTO DIALITICO TRA Fac-simile convenzione CONVENZIONE PER IL TRASPORTO IN AUTOAMBULANZA DI SOGGETTI NEFROPATICI SOTTOPOSTI A TRATTAMENTO DIALITICO TRA L AZIENDA SANITARIA LOCALE di CREMONA con sede in Cremona Via S. Sebastiano

Dettagli

PIANO SANITARIO INTEGRATIVO FASI 2014

PIANO SANITARIO INTEGRATIVO FASI 2014 PIANO SANITARIO INTEGRATIVO FASI 2014 PIANO SANITARIO Integrativo Dirigenti Riservato agli iscritti al FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA F.A.S.I. Le prestazioni previste nel presente Piano Sanitario sono integrative

Dettagli

PIANO SANITARIO Integrativo FASI Dirigenti

PIANO SANITARIO Integrativo FASI Dirigenti PIANO SANITARIO Integrativo FASI Dirigenti Milano 2013 1 PIANO SANITARIO Integrativo Dirigenti Riservato agli iscritti al FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA F.A.S.I. Le prestazioni previste nel presente Piano

Dettagli

ALLEGATOB alla Dgr n. 179 del 27 febbraio 2014 pag. 1/6

ALLEGATOB alla Dgr n. 179 del 27 febbraio 2014 pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 179 del 27 febbraio 2014 pag. 1/6 Allegato B Procedure per l accreditamento provvisorio e l assegnazione del servizio Sezione B1 Definizione delle

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO SERVIZIO DI TRASPORTO PAZIENTI DIALIZZATI CON ASSOCIAZIONI AGGIUDICATARIE ai sensi del Decreto D.G. n. 173 del 28.03.

PROTOCOLLO OPERATIVO SERVIZIO DI TRASPORTO PAZIENTI DIALIZZATI CON ASSOCIAZIONI AGGIUDICATARIE ai sensi del Decreto D.G. n. 173 del 28.03. PROTOCOLLO OPERATIVO SERVIZIO DI TRASPORTO PAZIENTI DIALIZZATI CON ASSOCIAZIONI AGGIUDICATARIE ai sensi del Decreto D.G. n. 173 del 28.03.2013 aprile 2014 Possono usufruire gratuitamente del trasporto

Dettagli

Integrativo FASI/ FASDAC

Integrativo FASI/ FASDAC PIANO SANITARIO Integrativo FASI/ FASDAC Milano 2015 PIANO SANITARIO Integrativo FASI / FASDAC Riservato agli iscritti al Fondo di Assistenza sanitaria FASI/FASDAC Le prestazioni previste nel presente

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per i malati terminali N. 2739

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per i malati terminali N. 2739 Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2739 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CARLUCCI Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per i malati terminali Presentata

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 80 del 27-2-2015 O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 80 del 27-2-2015 O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 80 del 27-2-2015 O G G E T T O Rinnovo convenzione tra l'associazione Vicentina Leucemie e Linfomi (A.Vi.L.L.) - Sezione

Dettagli

REGIONE DEL VENETO CIRCOLARE N. 12 del 4 MAGGIO 1999 (DGRV 1490/99) Oneri del trasporto sanitario. Revisione circolare n. 70/80.

REGIONE DEL VENETO CIRCOLARE N. 12 del 4 MAGGIO 1999 (DGRV 1490/99) Oneri del trasporto sanitario. Revisione circolare n. 70/80. REGIONE DEL VENETO CIRCOLARE N. 12 del 4 MAGGIO 1999 (DGRV 1490/99) Oneri del trasporto sanitario. Revisione circolare n. 70/80. Ai Signori Direttori Generali delle Aziende UU.LL.SS.SS. ed Ospedaliere

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Arezzo solidale 2014 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A 08 OBIETTIVI DEL PROGETTO A) Area di intervento trasporti sanitari Criticità verso

Dettagli

Allegato alla deliberazione n. del composto da n. 6 fogli

Allegato alla deliberazione n. del composto da n. 6 fogli Allegato alla deliberazione n. del composto da n. 6 fogli CONVENZIONE TRA L A.S.L. DI COMO E ADDA SOCCORSO EMERGENZA & SERVIZI PER IL TRASPORTO DI SOGGETTI NEFROPATICI SOTTOPOSTI A TRATTAMENTO DIALITICO

Dettagli

IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA.

IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA. IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA. OBIETTIVI CONOSCERE: L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO ED IL TRASPORTO INFERMI; RUOLO DELLA

Dettagli

118. 32. PS. 09. ATTIVAZIONE REPERIBILITA INFERMIERISTICA Adi Adoi - Aid

118. 32. PS. 09. ATTIVAZIONE REPERIBILITA INFERMIERISTICA Adi Adoi - Aid Pagina 1 di 6 Adi Adoi - Aid Rev. Data Redazione Verificato Approvato 0 15/03/2012 Resp. Protocolli - S. Dami Coord. Inf. R. Montalbano UO Assicurazione Qualità Resp. UO EST F. Palumbo Resp. DEU F. Palumbo

Dettagli

COMUNE di BUSSOLENO CITTA METROPOLITANA DI TORINO AREA DEMOGRAFICA

COMUNE di BUSSOLENO CITTA METROPOLITANA DI TORINO AREA DEMOGRAFICA COMUNE di BUSSOLENO CITTA METROPOLITANA DI TORINO AREA DEMOGRAFICA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SANITARIO Approvato con Deliberazione C.C. n. 14 del 30.04.2016 INDICE pag. 1 Art. 1

Dettagli

L IMPRESA/ENTE/ASSOCIAZIONE/COOPERATIVA

L IMPRESA/ENTE/ASSOCIAZIONE/COOPERATIVA CONVENZIONE TRA : L AZIENDA SPECIALE CASA DI RIPOSO GALLAZZI-VISMARA E L IMPRESA/ENTE/ASSOCIAZIONE/COOPERATIVA PER IL TRASPORTO SANITARIO SEMPLICE RESO AGLI ASSISTITI DELL AZIENDA SPECIALE CASA DI RIPOSO

Dettagli

Comune di Gudo Visconti

Comune di Gudo Visconti Il Comune di Gudo Visconti, al fine di pervenire alla stipula delle convenzioni per il periodo settembre 2013 agosto 2016 per l attività di trasporto sociale in favore di soggetti anziani e diversamente

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 22-01-2009 (punto N. 10 ) Delibera N.23 del 22-01-2009 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 22-01-2009 (punto N. 10 ) Delibera N.23 del 22-01-2009 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 22-01-2009 (punto N. 10 ) Delibera N.23 del 22-01-2009 Proponente ENRICO ROSSI DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE

Dettagli

PROCEDURA. GASTO P02 Rev. 2 Pag. 1/7

PROCEDURA. GASTO P02 Rev. 2 Pag. 1/7 Pag. 1/7 REGOLAMENTO RIMBORSO SPESE DI TRASPORTO AGLI UTENTI CHE NECESSITANO DI TRATTAMENTI DI RADIOTERAPIA FINALIZZATI ALLA CURA DELLE PATOLOGIE Data di applicazione 01/07/2014 Redazione Verifica Data

Dettagli

AVAP FORMIGINE - CORPO VOLONTARI PRONTO SOCCRSO CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 2

AVAP FORMIGINE - CORPO VOLONTARI PRONTO SOCCRSO CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 2 AVAP FORMIGINE - CORPO VOLONTARI PRONTO SOCCRSO CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 2 SOMMARIO Pag. 3 PRESENTAZIONE Pag. 4 Parte I: PRESENTAZIONE DELL'ASSOCIAZIONE Pag. 5 Parte II: LE NOSTRE ATTIVITÀ Pag. 7 Parte

Dettagli

Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40 (Disciplina del servizio sanitario regionale)

Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40 (Disciplina del servizio sanitario regionale) Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40 (Disciplina del servizio sanitario regionale) Sommario Preambolo Art. 1 Modifiche all articolo 71 della l.r. 40/2005 Art. 2 Inserimento del capo II

Dettagli

TITOLO I ASPETTI GENERALI

TITOLO I ASPETTI GENERALI TITOLO I ASPETTI GENERALI Art 1 (Campo di applicazione) 1 Il presente accordo disciplina il rapporto tra le Associazioni di Volontariato e la C.R.I. - rappresentate dagli Organismi federativi del Volontariato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO COMUNE DI ROSORA Provincia di Ancona REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO Approvato con delibera di C.C. n. 20 in data 25/07/2013 PREMESSA Il presente atto ha lo scopo di regolamentare

Dettagli

documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ;

documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ; documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ; g) al paragrafo 3.1. Alimentazione del Sistema informativo, la tabella 2: alimentazione

Dettagli

COMUNE DI MIRA. Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

COMUNE DI MIRA. Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N. 66 DEL 15/06/2011 SOMMARIO: ART. 1 FINALITA ART. 2 OGGETTO

Dettagli

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata Pag 1 di 6 TRASPORTO DEL PAZIENTE per l esecuzione di esami / visite specialistiche / trasferimenti / esami radiologici all interno. EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA FUNZIONE Afd Paolo Scattolin

Dettagli

COMUNE DI MACHERIO Provincia di Monza e della Brianza SERVIZI ALLA PERSONA

COMUNE DI MACHERIO Provincia di Monza e della Brianza SERVIZI ALLA PERSONA COMUNE DI MACHERIO Provincia di Monza e della Brianza SERVIZI ALLA PERSONA DETERMINAZIONE N. 97 DEL 04/03/2013 OGGETTO CONVENZIONE CON CROCE BIANCA SEZIONE BIASSONO - PER IL SERVIZIO DI TRASPORTI SANITARI

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE REV. 0 Pag. 1 / 8. Rev. Data Causale Approvazione 0 Agosto 2011 Prima emissione Comitato per il Rischio

PROCEDURA AZIENDALE REV. 0 Pag. 1 / 8. Rev. Data Causale Approvazione 0 Agosto 2011 Prima emissione Comitato per il Rischio PROCEDURA AZIENDALE REV. 0 Pag. 1 / 8 Stato delle Modifiche Rev. Data Causale Approvazione 0 Agosto 2011 Prima emissione Comitato per il Rischio 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente

Dettagli

PUBBLICA ASSISTENZA CROCE VERDE PIOLTELLO CARTA DEI SERVIZI

PUBBLICA ASSISTENZA CROCE VERDE PIOLTELLO CARTA DEI SERVIZI COS È LA CARTA DEI SERVIZI? CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è un documento che la legge italiana, precisamente la Legge n. 328/2000, ha voluto si realizzasse nel processo di innovazione fra istituzioni

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato RAISI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato RAISI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 639 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato RAISI Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per i pazienti terminali Presentata

Dettagli

DELLE PROTESI MOBILI DENTARIE

DELLE PROTESI MOBILI DENTARIE Azienda USL Pescara Direttore Generale Dott. C. D Amario U.O.S. Risk Management Responsabile Dr.ssa Annamaria Ambrosi Rev. 0 2015 PROCEDURA OPERATIVA GESTIONE DELLE PROTESI MOBILI DENTARIE e/o ACUSTICHE.

Dettagli

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI BRESCIA

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI BRESCIA COMUNE DI BRESCIA SETTORE SICUREZZA URBANA E PROTEZIONE CIVILE BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI BRESCIA TERMINE DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE:

Dettagli

OGGETTO GUARDIA, PRONTA DISPONIBILITÀ E TRASPORTO ASSISTITO DI UN PAZIENTE CRITICO

OGGETTO GUARDIA, PRONTA DISPONIBILITÀ E TRASPORTO ASSISTITO DI UN PAZIENTE CRITICO 1 OGGETTO GUARDIA, PRONTA DISPONIBILITÀ E TRASPORTO ASSISTITO DI UN PAZIENTE CRITICO QUESITO (posto in data 21 gennaio 2010) Presso il nostro presidio ospedaliero è in funzione una guardia h 24 di rianimazione

Dettagli

S servizio per anziani, disabili e persone fragili

S servizio per anziani, disabili e persone fragili Coordinamento Associazioni S servizio per anziani, disabili e persone fragili Guida ai servizi di Trasporto Sociale e Sanitario nei Comuni dell Unione delle Terre d Argine (Campogalliano, Carpi, Novi,

Dettagli

Comune di Torino Divisione Servizi Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie BANDO

Comune di Torino Divisione Servizi Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie BANDO Gabinetto della Presidenza della Giunta regionale Settore Affari Internazionali Direzione Sanità Settore Assistenza Sanitaria Territoriale Direzione Politiche Sociali e Politiche per la Famiglia A.O. Ospedale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORPO VOLONTARI EMA

REGOLAMENTO DEL CORPO VOLONTARI EMA REGOLAMENTO DEL CORPO VOLONTARI EMA Art.1) REQUISITI PER L ISCRIZIONE Per entrare a far parte dell Associazione Emilia Ambulanze si devono possedere i seguenti requisiti: idoneità psicofisica attestata

Dettagli

Disciplina per l accesso di animali d affezione nelle strutture ospedaliere pubbliche e private in caso di paziente ricoverato

Disciplina per l accesso di animali d affezione nelle strutture ospedaliere pubbliche e private in caso di paziente ricoverato Allegato A) Disciplina per l accesso di animali d affezione nelle strutture ospedaliere pubbliche e private in caso di paziente ricoverato Scopo La L.R. 5/2005 e s.m. all art. 4 ter Accessibilità degli

Dettagli

L anno... addì... del mese di... T R A

L anno... addì... del mese di... T R A CONVENZIONE TRA LA ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE E L IMPRESA/ENTE/ASSOCIAZIONE/COOPERATIVA PER IL TRASPORTO SANITARIO SEMPLICE DI SOGGETTI NEFROPATICI SOTTOPOSTI A TRATTAMENTO DIALITICO. L anno... addì...

Dettagli

UFFICIO X. Art. 1 Oggetto

UFFICIO X. Art. 1 Oggetto DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE GENERALE, DEL PERSONALE E DEI SERVIZI DIREZIONE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DEGLI IMMOBILI, DEGLI ACQUISTI, DELLA LOGISTICA E GLI AFFARI GENERALI UFFICIO X CAPITOLATO TECNICO

Dettagli

Assistenza sanitaria Informazioni utili ai cittadini comunitari

Assistenza sanitaria Informazioni utili ai cittadini comunitari Assistenza sanitaria Informazioni utili ai cittadini comunitari I Cittadini comunitari iscritti al SSN (possessori di TEAM - Tessera Europea di Assicurazione Malattia rilasciata in Italia) hanno diritto

Dettagli

Comune di Brenzone PROVINCIA DI VERONA. REGOLAMENTO TRASPORTO SCOLASTICO (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 30.03.

Comune di Brenzone PROVINCIA DI VERONA. REGOLAMENTO TRASPORTO SCOLASTICO (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 30.03. REGOLAMENTO TRASPORTO SCOLASTICO (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 30.03.2012) Art. 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha lo scopo di disciplinare e fissare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DELLA PRESENZA IN SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI AVIGLIANO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DELLA PRESENZA IN SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI AVIGLIANO ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 63 DEL 14/6/2013 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DELLA PRESENZA IN SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI AVIGLIANO ART.

Dettagli

Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI

Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI IN VIGORE DAL 01.06.2012 INDICE Premessa Art. 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE 1/6 Premessa Il Dipartimento salute mentale e dipendenze patologiche è la struttura aziendale che ha come finalità

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

IO-DS- 06 CASA DI CURA VILLA GEMMA PROCEDURE REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) 24/04/2015. Dr. L. Bonandi 24/04/2015

IO-DS- 06 CASA DI CURA VILLA GEMMA PROCEDURE REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) 24/04/2015. Dr. L. Bonandi 24/04/2015 REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) Preparato da: Verificato da: Approvato da: Direttore Sanitario Dr. L. Bonandi Caposala Sig.ra Z. Bertelli Sig.ra A. Briarava Risk Manager Direttore di Dipartimento

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 736 DEL 26/06/2014

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 736 DEL 26/06/2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 736 DEL 26/06/2014 OGGETTO: Rinnovo convenzione con l'associazione Volontari Ospedalieri (A.V.O.)

Dettagli

COMUNE DI CUSAGO PROV.MILANO REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO DI PERSONE ANZIANE O DIVERSAMENTE ABILI PRESSO STRUTTURE SANITARIE

COMUNE DI CUSAGO PROV.MILANO REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO DI PERSONE ANZIANE O DIVERSAMENTE ABILI PRESSO STRUTTURE SANITARIE COMUNE DI CUSAGO PROV.MILANO REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO DI PERSONE ANZIANE O DIVERSAMENTE ABILI PRESSO STRUTTURE SANITARIE Approvato con deliberazione di C.C. n. 13 del 09.02.2011 ART. 1 FINALITÀ Il

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Andausu ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A08 OBIETTIVI DEL PROGETTO Rispetto a: 1- Criticità Presenze turistiche: Garantire un numero maggiore

Dettagli

DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE.

DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE. DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE. Approvata con Deliberazione del Direttore Generale n. 762 del 31.12.2010 pubblicata in data 10.01.2011. (Vers. 1.0) 1 Indice

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. N. 52 DEL 30.11.2010 MODIFICATO CON D.C.C. N. 43 DEL 26.10.2011 ART. 1 PREMESSA

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO Direzione Generale per i Rapporti con l Unione Europea e per i Rapporti Internazionali DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n.

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: EMPOLI IN MOVIMENTO 2014 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A08 OBIETTIVI DEL PROGETTO In relazione alle criticità descritte nel box 6 il progetto

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 UO RISK MANAGEMENT PROCEDURA PER LA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELLA

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P I E MO NTE Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

tutto quanto bisogna sapere

tutto quanto bisogna sapere CASSA PER L ASSISTENZA SANITARIA PER IL PERSONALE DEL GRUPPO INTESA tutto quanto bisogna sapere a cura di Elisa Malvezzi Dicembre 2004 ciclostilato in proprio ad uso interno Durante la gravidanza la Cassa

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO ISPETTORATO GENERALE PER L'INFORMATIZZAZIONE DELLA CONTABILITÀ DI STATO UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO ISPETTORATO GENERALE PER L'INFORMATIZZAZIONE DELLA CONTABILITÀ DI STATO UFFICIO III DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO ISPETTORATO GENERALE PER L'INFORMATIZZAZIONE DELLA CONTABILITÀ DI STATO UFFICIO III CAPITOLATO TECNICO Cottimo fiduciario ai sensi dell art. 125 del Decreto

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE COLLABORAZIONI PROFESSIONALI VOLONTARIE PRESSO LE STRUTTURE DELL AZIENDA OSPEDALIERA FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO

REGOLAMENTO DELLE COLLABORAZIONI PROFESSIONALI VOLONTARIE PRESSO LE STRUTTURE DELL AZIENDA OSPEDALIERA FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO REGOLAMENTO DELLE COLLABORAZIONI PROFESSIONALI VOLONTARIE PRESSO LE STRUTTURE DELL AZIENDA OSPEDALIERA FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Approvato con deliberazione n. 8 del 18.01.2013 Regolamento delle collaborazioni

Dettagli

CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO AVIANO REGOLAMENTO PER L ATTIVITÀ LIBERO PROFESSIONALE INTRAMOENIA DELL I.R.C.C.S.

CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO AVIANO REGOLAMENTO PER L ATTIVITÀ LIBERO PROFESSIONALE INTRAMOENIA DELL I.R.C.C.S. CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO AVIANO REGOLAMENTO PER L ATTIVITÀ LIBERO PROFESSIONALE INTRAMOENIA DELL I.R.C.C.S. CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO DI AVIANO Testo coordinato di cui alle deliberazioni

Dettagli

CARATTERISTICHE PROGETTO

CARATTERISTICHE PROGETTO Allegato B) CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: LUCCA FUORI LE MURA Settore di intervento del progetto: a) Tutela dei diritti sociali e di cittadinanza delle persone, anche mediante la collaborazione

Dettagli

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Art. 1 oggetto Il presente regolamento disciplina la concessione dei rimborsi e dei contributi alle associazioni di volontariato di protezione civile. Art. 2 riferimenti normativi Legge Regionale 12 giugno

Dettagli

Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27. B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE

Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27. B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27 B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE Articolo 1 Finalità della legge In attuazione dei principi e delle

Dettagli

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI (Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 43 in data 09/03/1995)

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Solidarietà D.O.C. 2014 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A 08 OBIETTIVI DEL PROGETTO Gli obiettivi che le associazioni proponenti il progetto

Dettagli

TRASPORTO SCOLASTICO

TRASPORTO SCOLASTICO Città di Ozieri Provincia di Sassari REGOLAMENTO del Servizio di TRASPORTO SCOLASTICO Approvato con Deliberazione del C.C. n 22 del 21/05/2008 INDICE Articolo 1 - Articolo 2 - Articolo 3 - Articolo 4 -

Dettagli

Guida al Piano sanitario Assistenza Ospedaliera e Domiciliare

Guida al Piano sanitario Assistenza Ospedaliera e Domiciliare Guida al Piano sanitario Assistenza Ospedaliera e Domiciliare Edizione 01/01/2016 ai SOCI di MUTUA SALUTE Edizione 01/01/2016 Sede Operativa - Via Spalato, 62/A 10141 Torino tel. 011 3822729 fax 011 3824670

Dettagli

Linee Guida. Organizzazione Area Pronto Soccorso. 4.3 Tipologie di consulenze e servizi diagnostico/terapeutici disponibili/presenti nell'azienda

Linee Guida. Organizzazione Area Pronto Soccorso. 4.3 Tipologie di consulenze e servizi diagnostico/terapeutici disponibili/presenti nell'azienda REV. 0 Pag. 1 / 8 INDICE 1. Scopo e Campo di applicazione 2. Funzionigramma e Responsabilità 3. Destinatari 4. Definizioni e Tipologie delle attività 4.1 Definizione ed obiettivi dell 4.2 Tipologie di

Dettagli

( 2 PARTE ) ! CENTRALINO ! MOVIMENTAZIONE AMBULANZA. Rapporto Movimentazione Pagamenti e Offerte sul Servizio. Potenza Teresa

( 2 PARTE ) ! CENTRALINO ! MOVIMENTAZIONE AMBULANZA. Rapporto Movimentazione Pagamenti e Offerte sul Servizio. Potenza Teresa ! CENTRALINO ( 2 PARTE )! MOVIMENTAZIONE AMBULANZA Rapporto Movimentazione Pagamenti e Offerte sul Servizio Potenza Teresa ! CENTRALINO ( 2 PARTE ) Comunicazioni ( Telefoniche e Radio ) Registrazione Servizi

Dettagli

COMUNE DI MISSAGLIA. Provincia di Lecco CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIO ASSISTENZIALE A FAVORE DEI CITTADINI DI MISSAGLIA *** TRA

COMUNE DI MISSAGLIA. Provincia di Lecco CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIO ASSISTENZIALE A FAVORE DEI CITTADINI DI MISSAGLIA *** TRA COMUNE DI MISSAGLIA Approvata con deliberazione della G.C. n. 136 del 29/11/2012 Provincia di Lecco CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIO ASSISTENZIALE A FAVORE DEI CITTADINI DI MISSAGLIA PERIODO

Dettagli

Servizio Specialistico Ambulatoriale

Servizio Specialistico Ambulatoriale Servizio Specialistico Ambulatoriale Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI (redatta il 01/10/2013)

CARTA DEI SERVIZI (redatta il 01/10/2013) CARTA DEI SERVIZI (redatta il 01/10/2013) Pagina 1 di 6 MISSIONE STRATEGICA Dare risposta alle richieste di soccorso e trasporto infermi dei cittadini, di assistenza sanitaria, alle richieste dei bisognosi,

Dettagli

1) Servizi di Emergenza Territoriale

1) Servizi di Emergenza Territoriale Disposizioni relative agli oneri dei Servizi di Soccorso e Trasporto Sanitario (DGRV 1411/2011) 1) Servizi di Emergenza Territoriale Interventi di soccorso sanitario Attribuzione dell onere: A carico del

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

Dipartimento di Emergenza Urgenza GUIDA AI SERVIZI

Dipartimento di Emergenza Urgenza GUIDA AI SERVIZI Dipartimento di Emergenza Urgenza ON-LINE www.usl3.toscana.it SISTEMA CARTA DEI SERVIZI Gentile Signore, Gentile Signora, Il Dipartimento di Emergenza Urgenza della USL3 di Pistoia considera la Guida ai

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI Il presente documento, recante lo schema di Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari,

Dettagli

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO -

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - PERCORSO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI TERMINALI Indice 2 1. Premessa 3 2. Attività dell Hospice San Marco 3 3. Obiettivi 4 4. Criteri di Ammissione

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO PROCEDURE DI RIMBORSO PER DIALIZZATI a cura del Dipartimento Cure Primarie U.O. Percorsi Sanitari

PROTOCOLLO OPERATIVO PROCEDURE DI RIMBORSO PER DIALIZZATI a cura del Dipartimento Cure Primarie U.O. Percorsi Sanitari PROTOCOLLO OPERATIVO PROCEDURE DI RIMBORSO PER DIALIZZATI a cura del Dipartimento Cure Primarie U.O. Percorsi Sanitari ultimo aggiornamento: giugno 2009 Premessa L aggiornamento del presente Protocollo

Dettagli

Ultimo Aggiornamento Anpas Toscana: Novembre 2010 Ultimo Aggiornamento Pubblica Assistenza Siena: Febbraio 2011 Pubblica Assistenza di Siena

Ultimo Aggiornamento Anpas Toscana: Novembre 2010 Ultimo Aggiornamento Pubblica Assistenza Siena: Febbraio 2011 Pubblica Assistenza di Siena Ultimo Aggiornamento Anpas Toscana: Novembre 2010 Ultimo Aggiornamento Pubblica Assistenza Siena: Febbraio 2011 Pubblica Assistenza di Siena Protocollo Formativo Autisti Volontari Siena 14/11 15/12/2012

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale 1. Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità della formazione continua,

Dettagli

INSIEMESALUTE. TOSCANA mutua sanitaria integrativa

INSIEMESALUTE. TOSCANA mutua sanitaria integrativa INSIEMESALUTE TOSCANA mutua sanitaria integrativa Cosa copre questo piano Il Piano Oro ti aiuta a sostenere le spese relative ad esami diagnostici e di laboratorio, visite e terapie specialistiche, cambio

Dettagli

CONVENZIONE TRA L AZIENDA USL BOLOGNA NORD ED I COMUNI AD ESSA AFFERENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DELEGATE

CONVENZIONE TRA L AZIENDA USL BOLOGNA NORD ED I COMUNI AD ESSA AFFERENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DELEGATE CONVENZIONE TRA L AZIENDA USL BOLOGNA NORD ED I COMUNI AD ESSA AFFERENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DELEGATE Ai sensi e per gli effetti: degli artt. 7 e 22 della L.R. 12.05.1995,

Dettagli

Chioggia, 21/08/2014. Al Commissario ULSS 14 Dr Giuseppe dal Ben. Al Direttore Sanitario Dr. Luca Sbrogiò

Chioggia, 21/08/2014. Al Commissario ULSS 14 Dr Giuseppe dal Ben. Al Direttore Sanitario Dr. Luca Sbrogiò REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA' LOCALE SOCIO-SANITARIA N.14 Sede Centrale: 30019 Chioggia - Strada Madonna Marina 500 - C.F. e P.I. 02798310278 - www.asl14chioggia.veneto.it Dipartimento di Area Critica

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELL ASSISTENZA NON SANITARIA. nelle unità operative dei presidi ospedalieri di Castelfranco Veneto e Montebelluna

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELL ASSISTENZA NON SANITARIA. nelle unità operative dei presidi ospedalieri di Castelfranco Veneto e Montebelluna REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELL ASSISTENZA NON SANITARIA nelle unità operative dei presidi ospedalieri di Castelfranco Veneto e Montebelluna approvato con deliberazione n. 419 del 10 aprile 2014 Art.

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA Policlinico Gaetano Martino di Messina

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA Policlinico Gaetano Martino di Messina Policlinico Gaetano Martino di Messina Deliberazione del Commissario Straordinario n 1252 del 04.12.2013 A seguito di Proposta n 797 del 04/12/2013 U.O.C. Settore Affari Generali e Risorse Umane Il Direttore

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA FINALITA DELLA STRUTTURA

REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA FINALITA DELLA STRUTTURA ALLEGATO A) Modificato con le determinazioni del C.C. n. 53 del 30.09.2013 REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Non solo in Valle 2014 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A 08 Pazienti affetti da patologie temporaneamente e/o permanentemente invalidanti

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO DI STRUTTURA SOCIO-SANITARIA PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI

LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO DI STRUTTURA SOCIO-SANITARIA PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO DI STRUTTURA SOCIO-SANITARIA PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI Il Regolamento di struttura, redatto in coerenza con le linee guida di cui al presente provvedimento,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO INFERMI IN EMERGENZA CON AMBULANZA DI TIPO A

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO INFERMI IN EMERGENZA CON AMBULANZA DI TIPO A CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO INFERMI IN EMERGENZA CON AMBULANZA DI TIPO A Articolo 1 - Oggetto del servizio Il presente appalto ha per oggetto l affidamento del

Dettagli

COMUNE DI BORGO SAN LORENZO PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO CORSE SCOLASTICHE

COMUNE DI BORGO SAN LORENZO PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO CORSE SCOLASTICHE COMUNE DI BORGO SAN LORENZO PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO CORSE SCOLASTICHE (Approvato con deliberazione C.C. n. 41 del 03.05.2007) 1 Art. 1 Oggetto del

Dettagli

Mini Guida Informativa per i dipendenti

Mini Guida Informativa per i dipendenti Piano Sanitario Dipendenti a cui si applica il CCNL Telecomunicazioni Mini Guida Informativa per i dipendenti Sintesi delle Condizioni del Piano Sanitario MINI GUIDA AL PIANO SANITARIO PER I DIPENDENTI

Dettagli

COMUNE DI FIGLINE VALDARNO. (Provincia di Firenze) CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTI E SERVIZI

COMUNE DI FIGLINE VALDARNO. (Provincia di Firenze) CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTI E SERVIZI COMUNE DI FIGLINE VALDARNO (Provincia di Firenze) CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTI E SERVIZI SOCIALI GRATUITI E A TARIFFA AGEVOLATA CON L AUSER VOLONTARIATO VERDE FILO SOCCORSO ARGENTO FINO AL

Dettagli

Società della Salute della Lunigiana CONVENZIONE

Società della Salute della Lunigiana CONVENZIONE Società della Salute della Lunigiana CONVENZIONE 1 INDICE...1 CONVENZIONE...1...1 INDICE...2 ART. 1 Costituzione Denominazione Sede Durata...3 ART. 2 Finalità...3 ART. 4 Modalità di gestione...5 ART. 5

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 4 DEL 26 GENNAIO 2009

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 4 DEL 26 GENNAIO 2009 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 31 dicembre 2008 - Deliberazione N. 2111 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza Sanitaria Disciplina dei ricoveri in Italia o allo Estero e

Dettagli

Comune di Barlassina

Comune di Barlassina Comune di Barlassina Provincia di Milano VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE N 64 del 28/05/2009 OGGETTO: CONVENZIONE PER L'ACCOMPAGNAMENTO DI PERSONE IN DIFFICOLTA' CON L'ASSOCIAZIONE

Dettagli

AZIENDA SPECIALE TERRACINA REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO DISABILI

AZIENDA SPECIALE TERRACINA REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO DISABILI AZIENDA SPECIALE TERRACINA REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO DISABILI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL AZIENDA SPECIALE DEL N.. TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Definizione

Dettagli

GLOSSARIO E DISPOSIZIONI OPERATIVE

GLOSSARIO E DISPOSIZIONI OPERATIVE GLOSSARIO E DISPOSIZIONI OPERATIVE GLOSSARIO ( Valide per tutti i piani sanitari relativamente alle forme di assistenza in essi previsti ) Franchigia/ scoperto Parte del danno indennizzabile, espressa

Dettagli