Operazioni di input e output in Fortran 90

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Operazioni di input e output in Fortran 90"

Transcript

1 Operazioni di input e output in Fortran 90 Ing. Luca De Santis DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica Anno accademico 2006/2007 Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 1 / 28

2 Cosa vedremo in questa lezione 1 Concetti fondamentali sui file 2 Gestire i file con il Fortran 90 3 Esempi di applicazioni 4 Formattazione dell input e dell output Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 2 / 28

3 Concetti fondamentali sui file File: concetti fondamentali File: sequenza di elementi (ad es. caratteri) memorizzati in memoria secondaria. File di testo: qualsiasi cosa che possa essere letta da tastiera o scritta su video in chiaro, senza decodifica (interi, reali, caratteri,... ). Disciplina d accesso maniera di accedere ai dati: sequenziale = dal primo ai successivi, in sequenza casuale ad uno qualsiasi, in ogni momento Questi concetti sono indipendenti dal linguaggio di programmazione Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 3 / 28

4 Concetti fondamentali sui file I file e il sistema operativo I dati in un PC sono gestiti attraverso il file system Solitamente con struttura gerarchica Il file system associa ad ogni porzione di dati memorizzati un nome fisico (stringa di caratteri + estensione) A volte il sistema operativo impone restrizioni su: Lunghezza stringa, ad es. in DOS max 8 caratteri + estensione (limitazione superata con i nuovi sistemi operativi) Uso maiuscole/minuscole (ad es. DOS è case-insensitive) Al nome fisico di un file può corrispondere un nome logico, definito ad esempio internamente ad un programma Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 4 / 28

5 Concetti fondamentali sui file Operazioni principali su un file Apertura di un file: creare accoppiamento nome logico/nome fisico in: Sola lettura In Fortran 90 ogni riga del file viene chiamata record Sola scrittura: modalità NEW : il file non esiste, viene creato modalità REPLACE : il file (esistente o no) viene riscritto, cancellando il contenuto vecchio Lettura/scrittura Chiusura di un file: eliminare l accoppiamento. Lettura di dati (in file da cui la lettura è ammessa) Scrittura di dati (in file su cui la scrittura è ammessa) Anche queste operazioni sono indipendenti dal linguaggio di programmazione! Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 5 / 28

6 Gestire i file con il Fortran 90 Restrizioni Il Fortran 90 consente di associare un nome logico ad un file fisico gestito dal sistema operativo Astrazione dal dispositivo e dalla tecnologia Il file logico viene detto dispositivo logico o anche dispositivo Il nome del dispositivo logico deve essere una costante di tipo INTEGER, che viene chiamata unità I compilatori riservano alcuni numeri a dispositivi standard In questo corso ci occuperemo: Solo file di testo No file in lettura/scrittura Solo file ad accesso sequenziale Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 6 / 28

7 Gestire i file con il Fortran 90 Apertura di un file L associazione di un dispositivo logico ad un file fisico per la lettura avviene attraverso l istruzione: OPEN(lista open) Occorre specificare le seguenti clausole: UNIT: nome logico (intero non negativo) FILE: nome fisico (stringa di caratteri) STATUS: può assumere i seguenti valori: OLD : sola lettura NEW : sola scrittura; il file non deve esistere, e viene creato REPLACE : sola scrittura esistente o no, il file viene (ri)scritto; SCRATCH : file temporaneo, non viene salvato su disco Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 7 / 28

8 Gestire i file con il Fortran 90 Apertura di un file (cont.) ACTION: READ o WRITE. IOSTAT: variabile di tipo intero, memorizza eventi particolari: Forma IOSTAT = nome variabile L apertura di un dispositivo fisico e la lettura dei record può generare errori La variabile (IOSTAT) consente di controllare lo stato delle operazioni: Se c è errore nell operazione (ad esempio, un file in lettura non esiste, fine file in lettura record o errore in lettura record) nome variabile /= 0; Se tutto è andato a buon fine: nome variabile == 0; Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 8 / 28

9 Gestire i file con il Fortran 90 Altre operazioni su file Chiusura: CLOSE(unità) Lettura: READ(unità, formato, variabile iostat) Scrittura: WRITE(unità, formato ) Riposiziona all inizio: REWIND(unità) Record precedente: BACKSPACE(unità) Esempi: INTEGER : : i o s t a t OPEN(UNIT=5, FILE= esempio. tmp, STATUS= NEW, ACTION= WRITE, IOSTAT=i o s t a t ) OPEN(UNIT=12, STATUS= SCRATCH, IOSTAT=i o s t a t ) OPEN(UNIT=8, FILE= d a t i. dat, STATUS= OLD, ACTION= READ, IOSTAT=i o s t a t )... CLOSE( 5 )! c h i u d o i l d i s p o s i t i v o a s s o c i a t o a l l u n i t à 5 READ( 8, ) a, b, c! l e g g o un r e c o r d d e l f i l e d a t i. dat WRITE( 5, ) a! s c r i v o su esempio. tmp l a v a r i a b i l e a REWIND( 8 )! r i t o r n o a l primo r e c o r d d e l d i s p o s i t i v o 8 Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 9 / 28

10 Esempi di applicazioni Somma di interi da file 1 PROGRAM s o m m a f i l e 2! Questo programma l e g g e un f i l e che c o n t i e n e numeri i n t e r i e ne c a l c o l a l a somma 3! I l f i l e ha nome f i s i c o d a t i. t x t 4! SEZIONE DICHIARATIVA 5 IMPLICIT NONE 6 CHARACTER( 8 ), PARAMETER : : n o m e f i l e = d a t i. t x t! i l nome f i s i c o d e l f i l e 7 INTEGER : : dato! i l dato l e t t o d i v o l t a i n v o l t a 8 INTEGER : : q u a n t i = 0! c o n t a t o r e d e g l i i n t e r i l e t t i 9 INTEGER : : somma = 0! somma d e g l i i n t e r i l e t t i 10 INTEGER : : i s t a t u s! s t a t o I /O 11! SEZIONE ESECUTIVA 12! a p e r t u r a d e l f i l e i n s o l a l e t t u r a 13 WRITE(, ) Leggo d a l f i l e, n o m e f i l e 14 OPEN (UNIT = 9, FILE = nome file, STATUS = OLD, ACTION = READ, IOSTAT = i s t a t u s ) 15 IF ( i s t a t u s == 0) THEN! i l f i l e e s t a t o a p e r t o c o r r e t t a m e n t e 16 DO 17 READ ( 9,,IOSTAT = i s t a t u s ) dato! l e t t u r a d i un dato da f i l e 18 IF ( i s t a t u s /= 0) EXIT! s i e s c e quando i l f i l e e t e r m i n a t o 19 WRITE(, ) dato 20 q u a n t i = q u a n t i somma = somma + dato 22 END DO 23 CLOSE( 9 ) 24 WRITE(, ) I l f i l e e composto d i, q u a n t i, d a t i 25 WRITE(, ) La somma dei d a t i vale, somma 26 ELSE 27! i l f i l e non e s t a t o a p e r t o c o r r e t t a m e n t e 28 WRITE(, ) I l f i l e, n o m e f i l e, non e s i s t e 29 END IF 30 STOP 31 END PROGRAM s o m m a f i l e Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 10 / 28

11 Righe e caratteri di un file Esempi di applicazioni 1 PROGRAM l e g g i f i l e 2! Questo programma l e g g e un f i l e d i t e s t o e conta d i q u a n t i c a r a t t e r i e quante 3! l i n e e e composto. 4! I l f i l e ha nome f i s i c o i n p u t. t x t! 5 6! I l programma l e g g e una r i g a d e l f i l e p e r o g n i i t e r a z i o n e, immagazzinandola 7! i n una s t r i n g a d i l u n g h e z z a f i s s a t a ( ). 8! Vengono u s a t i a l c u n i a s p e t t i p e c u l i a r i d e l l e s t r i n g h e : 9! l e t t u r a f o r m a t t a t a con d e s c r i t t o r e d i formato A ( l e g g e t u t t a l a l i n e a ) 10! ( f u n z i o n a anche s e n z a l a f o r m a t t a z i o n e d e l l o p e r a z i o n e d i l e t t u r a ) 11! f u n z i o n e i n t r i n s e c a LEN TRIM ( s ), che r e s t i t u i s c e l a l u n g h e z z a d e l l a s t r i n g a 12! s meno g l i s p a z i v u o t i f i n a l i 13 14! SEZIONE DICHIARATIVA 15 IMPLICIT NONE 16 CHARACTER( 12), PARAMETER : : n o m e f i l e = input. txt 17! i l nome f i s i c o d e l f i l e 18 INTEGER, PARAMETER : : l u n g h e z z a l i n e a = ! l a lunghezza di l i n e a massima ammessa 20 CHARACTER( l u n g h e z z a l i n e a ) : : l i n e a 21! l a l i n e a l e t t a d i v o l t a i n v o l t a 22 INTEGER : : l i n e e = 0! c o n t a t o r e d e l l e l i n e e l e t t e 23 INTEGER : : c a r a t t e r i = 0! c o n t a t o r e d e i c a r a t t e r i l e t t i 24 INTEGER : : i s t a t u s! s t a t o I /O Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 11 / 28

12 Righe e caratteri di un file(cont.) Esempi di applicazioni 26! SEZIONE ESECUTIVA 27 WRITE(, ) Leggo d a l f i l e, n o m e f i l e 28 OPEN (UNIT = 9, FILE = nome file, STATUS = OLD, ACTION = READ,& 29 &IOSTAT = i s t a t u s ) 30 IF ( i s t a t u s == 0) THEN 31 DO 32 READ ( 9, 1 0 0,IOSTAT = i s t a t u s ) l i n e a! LETTURA d i una l i n e a da f i l e 33 IF ( i s t a t u s /= 0) EXIT 34 WRITE(, ) l i n e a ( 1 : LEN TRIM ( l i n e a ) ) 35 l i n e e = l i n e e c a r a t t e r i = c a r a t t e r i + LEN TRIM( l i n e a ) 37 END DO CLOSE( 9 ) 40 WRITE(, ) I l f i l e e composto d i, l i n e e, l i n e e 41 WRITE(, ) e d i, c a r a t t e r i, c a r a t t e r i ELSE 44 WRITE(, ) I l f i l e, n o m e f i l e, non e s i s t e 45 END IF FORMAT(A) 47 STOP END PROGRAM l e g g i f i l e Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 12 / 28

13 Esempi di applicazioni Copia di un file di testo 1 MODULE o p e r a z i o n i s u f i l e 2 CONTAINS 3 SUBROUTINE c o p i a f i l e ( s o r g e n t e, d e s t i n a z i o n e ) 4! SEZIONE DICHIARATIVA 5 IMPLICIT NONE 6 CHARACTER( l e n = ), INTENT( IN ) : : s o r g e n t e, d e s t i n a z i o n e! nomi f i s i c i d e i f i l e 7! DICHIARAZIONE COSTANTI E VARIABILI LOCALI 8 INTEGER, PARAMETER : : l u n g h e z z a l i n e a = 240! l a massima l u n g h e z z a ammessa 9 CHARACTER( l u n g h e z z a l i n e a ) : : l i n e a! l a l i n e a l e t t a d i v o l t a i n v o l t a 10 INTEGER : : i s t a t u s! s t a t o I /O 11! SEZIONE ESECUTIVA 12 WRITE(, ) Sto c o p i a n d o i l f i l e, s o r g e n t e, n e l f i l e, d e s t i n a z i o n e 13! a p e r t u r a d e l f i l e s o r g e n t e i n l e t t u r a 14 OPEN (UNIT = 9, FILE = sorgente, STATUS = OLD, ACTION = READ, IOSTAT = i s t a t u s ) 15 IF ( i s t a t u s == 0) THEN 16! a p e r t u r a d e l f i l e d e s t i n a z i o n e i n s c r i t t u r a 17 OPEN (UNIT = 10, FILE = destinazione, STATUS = REPLACE, ACTION = WRITE ) 18 DO 19 READ ( 9, 1 0 0,IOSTAT = i s t a t u s ) l i n e a! LETTURA d i una l i n e a da f i l e 20 IF ( i s t a t u s /= 0) EXIT 21 WRITE(10, ) l i n e a ( 1 : LEN TRIM ( l i n e a ) ) 22 END DO 23 CLOSE( 9 ) 24 CLOSE( 1 0 ) 25 ELSE 26 WRITE(, ) I l f i l e, s o r g e n t e, non e s i s t e 27 END IF 28 WRITE(, ) Copia terminata FORMAT(A) 30 RETURN 31 END SUBROUTINE c o p i a f i l e Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 13 / 28

14 Copia di un file di testo(cont.) Esempi di applicazioni 33 SUBROUTINE s t a m p a f i l e ( n o m e f i l e ) 34! SEZIONE DICHIARATIVA 35 IMPLICIT NONE 36! DICHIARAZIONE ARGOMENTI FITTIZI 37 CHARACTER( l e n = ), INTENT( IN ) : : n o m e f i l e! nome f i s i c o d e l f i l e 38! DICHIARAZIONE VARIABILI LOCALI 39 INTEGER, PARAMETER : : l u n g h e z z a l i n e a = ! l a lunghezza di l i n e a massima ammessa 41 CHARACTER( l u n g h e z z a l i n e a ) : : l i n e a 42! l a l i n e a l e t t a d i v o l t a i n v o l t a 43 INTEGER : : i s t a t u s! s t a t o I /O 44! SEZIONE ESECUTIVA 45 OPEN (UNIT = 9, FILE = nome file, STATUS = OLD, ACTION = READ, & 46 &IOSTAT = i s t a t u s ) 47 IF ( i s t a t u s == 0) THEN 48 WRITE(, ) Contenuto d e l f i l e, n o m e f i l e 49 DO 50 READ ( 9, 1 0 0,IOSTAT = i s t a t u s ) l i n e a! LETTURA d i una l i n e a da f i l e 51 IF ( i s t a t u s /= 0) EXIT 52 WRITE(, ) l i n e a ( 1 : LEN TRIM ( l i n e a ) ) 53 END DO 54 CLOSE( 9 ) 55 WRITE(, ) F i n e f i l e, n o m e f i l e 56 ELSE 57 WRITE(, ) I l f i l e, n o m e f i l e, non e s i s t e 58 END IF 59 RETURN FORMAT(A) 61 END SUBROUTINE s t a m p a f i l e 62 END MODULE o p e r a z i o n i s u f i l e Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 14 / 28

15 Formattazione dell input e dell output Stampa in formato libero Stampa in formato libero * come secondo argomento di WRITE(,) (vedere file FORMAT1.F90). Inconvenienti: Molti spazi inutili, Il programmatore non decide quanti siano gli spazi, Inadatta per stampa incolonnata su più righe. INTEGER : : i = 21 REAL : : p i g r e c o = WRITE(, ) i v a l e =, i, ; p i g r e c o v a l e =, p i g r e c o! i v a l e = 2 1 ; p i g r e c o v a l e = Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 15 / 28

16 Formattazione dell input e dell output Stampa formattata Esempio: WRITE(, ) i, p i g r e c o 100 FORMAT( i v a l e =, I3, ; p i g r e c o v a l e =, F7. 3 )! i v a l e = 2 1 ; p i g r e c o v a l e = : etichetta dell istruzione FORMAT I3: descrittore del formato di un intero in tutto, utilizza 3 caratteri, allineando a destra F7.3: descrittore del formato di un reale in virgola fissa in tutto, utilizza 7 caratteri, di cui 3 dopo il punto e uno per il punto, allineando a destra Note: Arrotondamento del reale stampato, ma non della sua rappresentazione in memoria Necessità dello spazio iniziale nella stringa di FORMAT Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 16 / 28

17 Formattazione dell input e dell output FORMAT: specifiche alternative Con istruzione FORMAT esplicita: Utile per leggibilità e/o quando deve essere usata almeno due volte Tipicamente: - Tutte insieme alla fine, prima di STOP/RETURN - Singolarmente, dopo il loro primo uso Con stringa costante senza nome: Quando deve essere usata una sola volta Con stringa variabile: - Uso sofisticato, non trattato in questo corso Vedere file FORMAT2.F90 Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 17 / 28

18 Perchè serve lo spazio all inizio? Formattazione dell input e dell output Bisogna fare riferimento a due concetti Stampante di riga, obsoleta tecnologicamente, ma ancora utile concettualmente Elabora una sola riga da stampare Invia una riga alla stampante Buffer di stampa (buffer di output): formato da: 1 carattere di controllo (il primo); 132 caratteri da stampare (i rimanenti). Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 18 / 28

19 Il carattere di controllo Formattazione dell input e dell output Valori ammessi per il carattere di controllo (vedere file FORMAT3.F90): CARATTERE SIGNIFICATO 0 Interlinea doppia 1 Salta a nuova pagina + Stampa sulla stessa riga tutti gli altri Stampa normale (compreso SPAZIO) Il carattere di controllo non serve: nel formato libero; nella lettura; nella stampa su file. Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 19 / 28

20 Formattazione dell input e dell output Carattere di controllo: potenziali problemi INTEGER : : i... i = 21 WRITE(, ) i!stampa 21 i = 450 WRITE(, ) i!stampa FORMAT( I 3 ) Regola pratica Scrivere sempre il carattere di controllo in modo esplicito nelle istruzioni di formato (vedere file FORMAT4.F90) WRITE(, ) i!stampa FORMAT(, I 3 )!CORRETTA Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 20 / 28

21 Descrittore I : INTEGER Formattazione dell input e dell output Forma generale riw.m dove r, w ed m sono costanti senza nome di tipo INTEGER (positive) Forme particolari Iw: stampa un intero usando w caratteri (eventuale segno - compreso), allineando a destra Iw.m: come sopra, ma visualizza almeno m cifre oltre -, utilizzando eventualmente degli 0 come cifre più significative riw.m: come la forma precedente, ma con un fattore di ripetizione (formattazione applicata per r volte) Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 21 / 28

22 Formattazione dell input e dell output Esempi descrittore I (file FORMAT5.F90) i = WRITE(, ) i WRITE(, ) i WRITE(, ) i, i, i WRITE(, ) i, i, i 100 FORMAT(, I 2 0 ) 200 FORMAT(, I ) 300 FORMAT(, 3 I 2 0 ) 400 FORMAT(, 3 I ) Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 22 / 28

23 Formattazione dell input e dell output Casi particolari Cosa succede se (vedere file FORMAT6.F90): w è più grande del necessario? Nessun problema: allineamento a destra w è più piccolo del necessario? Stampa w asterischi (Ad esempio, **** ) m è più grande di w? Errore a run-time I dati da stampare non sono interi? Errore a run-time. Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 23 / 28

24 Formattazione dell input e dell output Casi particolari Cosa succede se (FORMAT7.F90): r è più grande del necessario? Stampa solo gli interi presenti nella WRITE. r è più piccolo del necessario? 1. Stampa i primi r interi presenti nella WRITE sulla stessa riga 2. Poi va a capo e riapplica la FORMAT ai successivi interi presenti nella WRITE Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 24 / 28

25 Altri descrittori Formattazione dell input e dell output NOTE ALLIN REAL rfw.d Virgola fissa D rew.d Virgola mobile, 0.1 <= mantissa < 1.0 D resw.d Virgola mobile, 1.0 <= mantissa < 10.0 D LOGICAL rlw w >=1 (stampa T o F ) D CHARACTER raw Stampa w caratteri D ra Stampa tutti i caratteri necessari S Legenda: r = fattore di ripetizione w = numero di caratteri usati (compresi eventuali., +, -, E ) d = numero di cifre dopo il punto Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 25 / 28

26 Formattazione dell input e dell output Note sugli altri descrittori w e d sono obbligatori r è opzionale (implicitamente vale 1) per E, ES deve valere w d + 7 w troppo piccolo: F, E, ES stampa w asterischi A stampa i primi w caratteri Vedere file FORMAT8.F90: Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 26 / 28

27 Formattazione dell input e dell output Altre nozioni su FORMAT Esistono altri descrittori: X, T, /. nx : inserimento di n spazi (non ammesso in Elf90) Tc : permette di raggiungere una specifica posizione del buffer (vai a colonna c ) / : vai a capo È possibile usare parentesi e fattori di ripetizione. Ad esempio (vedere file FORMAT9.F90) in questa maniera stampiamo per 3 volte 3 interi: 100 FORMAT(, 3 ( I1, I2, I 3 ) ) Esercizi: stampa tabella codici ASCII (Soluzione: file ASCII.F90) tavola pitagorica (Soluzione: file TAVOLPI2.F90) Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 27 / 28

28 Lettura formattata di dati Formattazione dell input e dell output In generale, non c è molta necessità di lettura formattata (la lettura non formattata normalmente va già bene per la maggior parte degli scopi) I concetti sono molto simili a quelli visti per la stampa (WRITE): Buffer di lettura (buffer di input) Non c è il carattere di controllo Descrittori di formato Vedere file FORMAT10.F90 per alcuni casi significativi di lettura di stringhe (descrittore A ) Potenziali errori se i descrittori non sono conformi ai dati da leggere (vedere file FORMAT11.F90) Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 28 / 28

APPUNTI DEL CORSO DI LABORATORIO DI CALCOLO AVANZATO

APPUNTI DEL CORSO DI LABORATORIO DI CALCOLO AVANZATO APPUNTI DEL CORSO DI LABORATORIO DI CALCOLO AVANZATO Concetti fondamentali di FORTRAN 90 MARCO LIMONGI Istituto Nazionale di Astrofisica Osservatorio Astronomico di Roma 1. CONCETTI FONDAMENTALI DI FORTRAN

Dettagli

Array in Fortran 90. Ing. Luca De Santis. Anno accademico 2006/2007. DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica

Array in Fortran 90. Ing. Luca De Santis. Anno accademico 2006/2007. DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica Array in Fortran 90 Ing. Luca De Santis DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica Anno accademico 2006/2007 Fortran 90: array DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 1 / 25 Cosa vedremo

Dettagli

PROMEMORIA: Come creare, compilare ed eseguire programmi in Fortran 95

PROMEMORIA: Come creare, compilare ed eseguire programmi in Fortran 95 Corso di Laurea in Matematica - Laboratorio di Programmazione gr.2 a.a. 2014/15 SECONDA esercitazione in laboratorio --- Creazione e modifica di files ASCII per mezzo del programma gedit. --- Uso del compilatore

Dettagli

Metodologie di programmazione in Fortran 90

Metodologie di programmazione in Fortran 90 Metodologie di programmazione in Fortran 90 Ing. Luca De Santis DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica Anno accademico 2007/2008 Fortran 90: Metodologie di programmazione DIS - Dipartimento di

Dettagli

Fortran per Ingegneri

Fortran per Ingegneri Fortran per Ingegneri Lezione 5 A.A. 0/04 Ing. Davide Vanzo davide.vanzo@unitn.it Ing. Simone Zen simone.zen@unitn.it ufficio: Laboratorio didattico di modellistica ambientale ( piano) Tel interno: 488

Dettagli

Definizione. File di dati. Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa. Record. Bianchi. Anna Roma 1980. Verdi. Luca Milano 1960.

Definizione. File di dati. Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa. Record. Bianchi. Anna Roma 1980. Verdi. Luca Milano 1960. File di dati Definizione File di dati Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa Bianchi Verdi Neri Verdi Anna Roma 1980 Luca Milano 1960 Andrea Torino 1976 Paola Bari 1954 Record Operazioni

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE LA GESTIONE DEI FILE DI TESTO IN C++

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE LA GESTIONE DEI FILE DI TESTO IN C++ ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G A L I L E O F E R R A R I S DIISPENSA DII IINFORMATIICA E SIISTEMII AUTOMATIICII LA GESTIONE DEI FILE DI TESTO IN C++ Le classi per la gestione dei file. Il C++ è

Dettagli

Prof. Giuseppe Chiumeo. Avete già studiato che qualsiasi algoritmo appropriato può essere scritto utilizzando soltanto tre strutture di base:

Prof. Giuseppe Chiumeo. Avete già studiato che qualsiasi algoritmo appropriato può essere scritto utilizzando soltanto tre strutture di base: LA STRUTTURA DI RIPETIZIONE La ripetizione POST-condizionale La ripetizione PRE-condizionale INTRODUZIONE (1/3) Avete già studiato che qualsiasi algoritmo appropriato può essere scritto utilizzando soltanto

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

PROGRAMMA DI INFORMATICA CLASSE: 1 C Indirizzo: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Anno Scolastico 2014-2015

PROGRAMMA DI INFORMATICA CLASSE: 1 C Indirizzo: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Anno Scolastico 2014-2015 CLASSE: 1 C Indirizzo: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING MODULO HARDWARE 1. Che cos è il PC - Gli elementi del computer- Unità centrale:uc-alu- RAM - La memorizzazione delle informazioni:bit-byte. Sistemi

Dettagli

r fattore di ripetizione w ampiezza di campo m numero minimo cifre da visualizzare d numero cifre decimali Print e Read I/O in Fortran sintassi

r fattore di ripetizione w ampiezza di campo m numero minimo cifre da visualizzare d numero cifre decimali Print e Read I/O in Fortran sintassi I/O in Ftran Print e Read Paolo Bison Fondamenti di Infmatica A.A. 2006/07 Università di Padova R911 print-stmt is PRINT fmat [, output-item-list ] R909 read-stmt is READ ( io-control-spec-list ) [ input-item-list

Dettagli

Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica

Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica Permette di ripetere l esecuzione di un blocco di istruzioni finchè non viene verificata una condizione logica. Sintassi istruzione_1...

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica prova del 04/07/2008

Corso di Fondamenti di Informatica prova del 04/07/2008 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA. Corso di Fondamenti di Informatica prova del 04/07/2008 Esercizio 1 (17 punti) Il file di nome inp.dat contiene

Dettagli

Descrizione di un algoritmo

Descrizione di un algoritmo Descrizione di un algoritmo Un algoritmo descrive due tipi fondamentali di oper: calcoli ottenibili tramite le oper primitive su tipi di dato (valutazione di espressioni) che consistono nella modifica

Dettagli

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore Il processore Architettura dell elaboratore Il processore La esegue istruzioni in linguaggio macchina In modo sequenziale e ciclico (ciclo macchina o ciclo ) Effettuando operazioni di lettura delle istruzioni

Dettagli

20 - Input/Output su File

20 - Input/Output su File 20 - Input/Output su File Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

Logica e codifica binaria dell informazione

Logica e codifica binaria dell informazione Politecnico di Milano Corsi di Laurea in Ingegneria Matematica e Ingegneria Fisica Dipartimento di Elettronica ed Informazione Logica e codifica binaria dell informazione Anno Accademico 2002 2003 L. Muttoni

Dettagli

Il software e la programmazione

Il software e la programmazione Il software e la programmazione Concetti base sul software Elementi di programmazione Cenni sul linguaggio Pascal Che cosa è il software Determina ciò che un computer può fare Include istruzioni memorizzate

Dettagli

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT Introduzione Un file batch è un file di testo di tipo ASCII che contiene una sequenza di comandi DOS. I file batch devono avere estensione.bat I comandi DOS all interno dei programmi batch sono eseguiti

Dettagli

Laboratorio di Informatica Lezione 2

Laboratorio di Informatica Lezione 2 Laboratorio di Informatica Lezione 2 Cristian Consonni 30 settembre 2015 Cristian Consonni Laboratorio di Informatica, Lezione 2 1 / 42 Outline 1 Commenti e Stampa a schermo 2 Strutture di controllo 3

Dettagli

OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Disciplina:... Anno scolastico: 20.../20... Classe/i :... Docente:... DI APPRENDIMENTO SEZIONE 1 Premesse matematiche Nozioni fondamentali sui sistemi di numerazione Sistemi di numerazione in base diversa

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

Automatizzare i compiti ripetitivi. I file batch. File batch (1) File batch (2) Visualizzazione (2) Visualizzazione

Automatizzare i compiti ripetitivi. I file batch. File batch (1) File batch (2) Visualizzazione (2) Visualizzazione Automatizzare i compiti ripetitivi I file batch Anno accademico 2000-01 1 Spesso capita di dover eseguire ripetutatmente una data sequenza di comandi Introdurli uno a uno da tastiera è un processo lento

Dettagli

Indice. settembre 2008 Il File System 2

Indice. settembre 2008 Il File System 2 Il File System Indice 4. Il File System 5. Vantaggi del FS 6. Protezione 7. Condivisione 8. I file - 1 9. I file - 2 10. Attributi dei file 11. Directory 12. Livelli di astrazione - 1 13. Livelli di astrazione

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

Gli ARRAY in FORTRAN 90

Gli ARRAY in FORTRAN 90 ELEMENTI DI PROGRAMMAZIONE Gli ARRAY in FORTRAN 90 Un ARRAY è un AGGREGATO di più DATI dello stesso TIPO (interi, reali, etc), ognuno univocamente individuato dal valore di uno oppure due.. e fino a sette

Dettagli

Test Excel conoscenze di Base

Test Excel conoscenze di Base Test Excel conoscenze di Base 1)Che tipo di barra ha un foglio di calcolo, che un elaboratore testi non ha? a. La barra dei menu b. La barra della formula c. La barra del titolo d. La barra della formattazione

Dettagli

OTTAVA ESPERIENZA DI LABORATORIO. L elaborazione dei files in C

OTTAVA ESPERIENZA DI LABORATORIO. L elaborazione dei files in C CORSO DI LABORATORIO DI INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN SDM ANNO ACCADEMICO 2011-2012 Docente: R. Sparvoli Esercitazioni: R. Sparvoli, F. Palma OTTAVA ESPERIENZA DI LABORATORIO L elaborazione dei files

Dettagli

Operazioni di Input/Output

Operazioni di Input/Output Operazioni di Input/Output Il FORTRAN90 è dotato di un'ampia varietà di istruzioni di I/O. Tra queste: -READ -WRITE -REWIND - BACKSPACE -OPEN -CLOSE Altrettanto vario è il numero di istruzioni per formattare

Dettagli

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini Introduzione all utilizzo di Visual Basic for Application Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini PROGRAMMAZIONE Insieme delle attività da svolgersi per creare

Dettagli

Alfabeto ed elementi lessicali del linguaggio C

Alfabeto ed elementi lessicali del linguaggio C Programmazione M-Z Ingegneria e Scienze Informatiche - Cesena A.A. 2015-2016 Alfabeto ed elementi lessicali del linguaggio C Pietro Di Lena - pietro.dilena@unibo.it s t a t i c s h o r t l e g s ; i n

Dettagli

Introduzione al Python

Introduzione al Python Andrea Passerini passerini@disi.unitn.it Informatica Caratteristiche procedurale si specifica la procedura da eseguire sui dati strutturato concetto di visibililtà delle variabili orientato agli oggetti

Dettagli

La Macchina RAM Shepherdson e Sturgis (1963)

La Macchina RAM Shepherdson e Sturgis (1963) La Macchina RAM Shepherdson e Sturgis (963) Nastro di ingresso.......... PROGRAM COUNTER Nastro di uscita PROGRAMMA ACCUMULATORE UNITA' ARITMETICA............... 2 3 4 M E M O R I A Formato delle Istruzioni

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE SYLLABUS VERSIONE 5.0

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE SYLLABUS VERSIONE 5.0 Pagina I EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE SYLLABUS VERSIONE 5.0 Modulo 3 Elaborazione testi Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 3, Elaborazione testi, e fornisce i fondamenti per il test di tipo

Dettagli

Cos è ACCESS? E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un ambiente user frendly da usare (ambiente grafico)

Cos è ACCESS? E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un ambiente user frendly da usare (ambiente grafico) Cos è ACCESS? E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un ambiente user frendly da usare (ambiente grafico) 1 Aprire Access Appare una finestra di dialogo Microsoft Access 2 Aprire un

Dettagli

APPUNTI SUL LINGUAGGIO DI PROGRAMMAZIONE PASCAL

APPUNTI SUL LINGUAGGIO DI PROGRAMMAZIONE PASCAL APPUNTI SUL LINGUAGGIO DI PROGRAMMAZIONE PASCAL In informatica il Pascal è un linguaggio di programmazione creato da Niklaus Wirth ed é un linguaggio di programmazione strutturata. I linguaggi di programmazione

Dettagli

Fortran per Ingegneri

Fortran per Ingegneri Fortran per Ingegneri Lezione 4 A.A. 2014/2015 Marco Redolfi marco.redolfi@unitn.it Simone Zen simone.zen@unitn.it Formati e Formattazione Finora abbiamo letto valori da tastiera e scritto sullo schermo

Dettagli

TECNICHE AVANZATE DI I/O. Al loro livello più basso, tutti i file scritti sull hard disk. Training per esperti SU FILE

TECNICHE AVANZATE DI I/O. Al loro livello più basso, tutti i file scritti sull hard disk. Training per esperti SU FILE Training per esperti TECNICHE AVANZATE DI I/O SU FILE Spesso, la decisione di dividere in processi differenti la produzione dei dati dall uso degli stessi viene presa perché occorre scrivere i dati su

Dettagli

PROGETTAZIONE FISICA

PROGETTAZIONE FISICA PROGETTAZIONE FISICA Memorizzazione su disco, organizzazione di file e tecniche hash 2 Introduzione La collezione di dati che costituisce una BDD deve essere fisicamente organizzata su qualche supporto

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. Memoria centrale. È costituita da una serie di CHIP disposti su una scheda elettronica

I componenti di un Sistema di elaborazione. Memoria centrale. È costituita da una serie di CHIP disposti su una scheda elettronica I componenti di un Sistema di elaborazione. Memoria centrale Memorizza : istruzioni dati In forma BINARIA : 10001010101000110101... È costituita da una serie di CHIP disposti su una scheda elettronica

Dettagli

Spiegazione Open Interest Storico:

Spiegazione Open Interest Storico: Spiegazione Open Interest Storico: Ogni volta che viene scaricata la chain delle opzioni, tutti i dati ottenuti vengono memorizzati anche nel database storico, che comprende quindi sia i valori degli Open

Dettagli

Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic

Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic L'ambiente di programmazione Il foglio elettronico Excel, così come gli altri prodotti Office di Microsoft, possiede un vero e proprio ambiente di

Dettagli

Introduzione. Informatica B. Daniele Loiacono

Introduzione. Informatica B. Daniele Loiacono Introduzione Informatica B Perchè studiare l informatica? Perchè ha a che fare con quasi tutto quello con cui abbiamo a che fare ogni giorno Perché è uno strumento fondamentale per progettare l innovazione

Dettagli

Modularizzazione del software

Modularizzazione del software Modularizzazione del software Ing. Luca De Santis DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica Anno accademico 2006/2007 Fortran 90: Subroutine e function DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica

Dettagli

Elementi di Informatica

Elementi di Informatica Università degli Studi di Udine Facoltà di Ingegneria CORSO DI LAUREA IN SCIENZE dell ARCHITETTURA Elementi di Informatica Algoritmi, e Programmi D. Gubiani 29 marzo 2010 D. Gubiani Algoritmi, e Programmi

Dettagli

L unità di controllo. Il processore: unità di controllo. Le macchine a stati finiti. Struttura della macchina a stati finiti

L unità di controllo. Il processore: unità di controllo. Le macchine a stati finiti. Struttura della macchina a stati finiti Il processore: unità di lo Architetture dei Calcolatori (lettere A-I) L unità di lo L unità di lo è responsabile della generazione dei segnali di lo che vengono inviati all unità di elaborazione Alcune

Dettagli

Calcolatori Elettronici Parte X: l'assemblatore as88

Calcolatori Elettronici Parte X: l'assemblatore as88 Anno Accademico 2013/2014 Calcolatori Elettronici Parte X: l'assemblatore as88 Prof. Riccardo Torlone Università Roma Tre L'assemblatore as88 Disponibile presso: CD-ROM allegato al libro di testo del corso

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI FISICA, INFORMATICA E STATISTICA MEDICA. Modulo di Informatica. test del 16/01/2012 - Polo A

CORSO INTEGRATO DI FISICA, INFORMATICA E STATISTICA MEDICA. Modulo di Informatica. test del 16/01/2012 - Polo A UNIVERSITA DEGLI STUDI di Catania Facoltà di Medicina anno accademico 2011-2012 Prof. Ing. Arena Paolo Prof. Ing. Caffarelli Giovanni CORSO INTEGRATO DI FISICA, INFORMATICA E STATISTICA MEDICA Modulo di

Dettagli

Introduzione al linguaggio Fortran 90

Introduzione al linguaggio Fortran 90 Introduzione al linguaggio Fortran 90 Ing. Luca De Santis DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica Anno accademico 2007/2008 Fortran 90: concetti di base DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica

Dettagli

I sistemi di elaborazione

I sistemi di elaborazione 2 I sistemi di elaborazione 2.0 I sistemi di elaborazione c Diego Calvanese Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica A.A. 2001/2002 2.0 0 2 I sistemi di elaborazione Architettura

Dettagli

1 introdurre le monete per l importo necessario. 2 selezionare la quantità di zucchero. 3 selezionare la bevanda desiderata

1 introdurre le monete per l importo necessario. 2 selezionare la quantità di zucchero. 3 selezionare la bevanda desiderata Esempi di Problema: Prendere un Caffè al Distributore Università degli Studi di Udine Facoltà di Ingegneria CORSO DI LAUREA IN SCIENZE dell ARCHITETTURA Elementi di Informatica, e Programmi D. Gubiani

Dettagli

L utility Unix awk [Aho-Weinberger-Kernighan]

L utility Unix awk [Aho-Weinberger-Kernighan] L utility Unix awk [Aho-Weinberger-Kernighan] L utility awk serve per processare file di testo secondo un programma specificato dall utente. L utility awk legge riga per riga i file ed esegue una o più

Dettagli

Il Software... A.A. 2013-14 Informatica 96

Il Software... A.A. 2013-14 Informatica 96 Il Software... A.A. 2013-14 Informatica 96 Il software L hardware non è direttamente utilizzabile Sono necessari dei programmi per far svolgere delle funzioni all insieme di circuiti Informatica 97 Il

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA6 A1 I file testo 1 Prerequisiti Programmazione base in Java Utilizzo di classi e oggetti Modello produttore consumatore Operazioni logiche su struttura file 2 1 Introduzione

Dettagli

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica Programmazione Dipartimento di Matematica Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Matematica 25 febbraio 2015 1 / 42 INFORMATICA Varie definizioni: Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science)

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Istruzioni condizionali di diramazione in Fortran 90

Istruzioni condizionali di diramazione in Fortran 90 Istruzioni condizionali di diramazione in Fortran 90 Ing. Luca De Santis DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica Anno accademico 2006/2007 Fortran 90: Istruzioni di diramazione DIS - Dipartimento

Dettagli

Programma Corso Office ECDL

Programma Corso Office ECDL Programma Corso Office ECDL FASE DI AULA PRIMA LEZIONE MICROSOFT WORD Concetti generali: Primi passi Aprire (e chiudere) Microsoft Word. Aprire uno o più documenti. Creare un nuovo documento (predefinito

Dettagli

Introduzione alla programmazione in FORTRAN. Università degli Studi di Padova Corso di Calcolo Numerico per Ingegneria Meccanica - Sede di Vicenza

Introduzione alla programmazione in FORTRAN. Università degli Studi di Padova Corso di Calcolo Numerico per Ingegneria Meccanica - Sede di Vicenza Introduzione alla programmazione in FORTRAN Università degli Studi di Padova orso di alcolo Numerico per Ingegneria Meccanica - Sede di Vicenza a.a.2005/2006 DISPENSA Programmare in Fortran Questa dispensa

Dettagli

Gestione dei File. dischi nastri cd

Gestione dei File. dischi nastri cd Gestione dei File Per mantenere disponibili i dati tra le diverse esecuzioni di un programma, questi si devono archiviare in file su memoria di massa (dati persistenti): dischi nastri cd Un file è un astrazione

Dettagli

PROGRAMMA CORSI DI INFORMATICA

PROGRAMMA CORSI DI INFORMATICA PROGRAMMA CORSI DI INFORMATICA Kreativa realizza corsi di informatica di base e corsi di office di diversi livelli, per utenti privati, dipendenti e aziende CORSO INFORMATICA DI BASE PER AZIENDE Modulo

Dettagli

Gestione ARCHIVI in C O B O L. I.T.C. "V.Emanuele II" - Perugia

Gestione ARCHIVI in C O B O L. I.T.C. V.Emanuele II - Perugia Gestione ARCHIVI in C O B O L I.T.C. "V.Emanuele II" - Perugia Prof.Claudio Maccherani 1996 GENERALITÀ Un archivio è costituito da un insieme di record (record logici). Un record logico è costituito da

Dettagli

EXCEL FINESTRA DI EXCEL BARRE PRINCIPALI CARTELLA DI LAVORO BARRE DI SPOSTAMENTO

EXCEL FINESTRA DI EXCEL BARRE PRINCIPALI CARTELLA DI LAVORO BARRE DI SPOSTAMENTO EXCEL FINESTRA DI EXCEL BARRE PRINCIPALI CARTELLA DI LAVORO BARRE DI SPOSTAMENTO BARRE PRINCIPALI GESTIONE FILE BARRA DEI MENU BARRA STANDARD Nuovo: si crea un nuovo foglio Apri: si carica un foglio da

Dettagli

Sviluppare un programma in FORTRAN

Sviluppare un programma in FORTRAN Sviluppare un programma in FORTRAN Scrivere il file sorgente Editor di testo (emacs, vi, notepad, etc) Compilare Compilatore (ifort, gfortran, etc) Eseguire il programma Riga di comando, doppio click,

Dettagli

Laboratorio di Alfabetizzazione Informatica - Esame 20 settembre 2013.

Laboratorio di Alfabetizzazione Informatica - Esame 20 settembre 2013. Laboratorio di Alfabetizzazione Informatica - Esame 20 settembre 2013. Questo documento contiene le istruzioni per lo svolgimento dell esame. La durata della prova è 60 minuti e richiede lo svolgimento

Dettagli

ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C IN AMBIENTE UNIX

ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C IN AMBIENTE UNIX ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C IN AMBIENTE UNIX Introduzione In questa dispensa sono stati raccolti alcuni esercizi di programmazione C in ambiente Unix, tratti dagli esami di Sistemi Operativi svoltisi

Dettagli

Il file system. meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate. in memoria di massa

Il file system. meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate. in memoria di massa Il File System 1 Il file system E quella componente del SO che fornisce i meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate in memoria di massa Realizza i concetti astratti

Dettagli

AMBIENTI INTEGRATI STRUMENTI DI OFFICE

AMBIENTI INTEGRATI STRUMENTI DI OFFICE AMBIENTI INTEGRATI STRUMENTI DI OFFICE Gli ambienti integrati sono pacchetti applicativi che contengono le applicazioni per la produttività personale di uso più frequente. un programma di elaborazione

Dettagli

BIBLIOTECA COMUNALE DI BORUTTA

BIBLIOTECA COMUNALE DI BORUTTA BIBLIOTECA COMUNALE DI BORUTTA CORSO DI INFORMATICA DI BASE AVVISO Si informano gli interessati che presso la sala informatica annessa alla biblioteca comunale sarà attivato un corso di informatica di

Dettagli

HARDWARE. Relazione di Informatica

HARDWARE. Relazione di Informatica Michele Venditti 2 D 05/12/11 Relazione di Informatica HARDWARE Con Hardware s intende l insieme delle parti solide o ( materiali ) del computer, per esempio : monitor, tastiera, mouse, scheda madre. -

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Dipartimento di Matematica e Fisica Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

Introduzione al Linguaggio C

Introduzione al Linguaggio C Introduzione al Linguaggio C File I/O Daniele Pighin April 2009 Daniele Pighin Introduzione al Linguaggio C 1/15 Outline File e dati Accesso ai file File I/O Daniele Pighin Introduzione al Linguaggio C

Dettagli

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE Ing. Paolo Domenici SISTEMI A MICROPROCESSORE PREFAZIONE Il corso ha lo scopo di fornire i concetti fondamentali dei sistemi a microprocessore in modo semplice e interattivo. È costituito da una parte

Dettagli

Breve Manuale di Riferimento sulla Sintassi Linguaggi C++ e FORTRAN

Breve Manuale di Riferimento sulla Sintassi Linguaggi C++ e FORTRAN Breve Manuale di Riferimento sulla Sintassi Linguaggi e versione aggiornata al 05/02/2004 Sommario Elementi di Base... 2 Dati, Tipi e Dichiarazioni... 2 Tipi di Dato di Base... 2 Tipi di Dato Strutturati...

Dettagli

Sistemi operativi: interfacce

Sistemi operativi: interfacce Sistemi operativi: interfacce I sistemi operativi offrono le risorse della macchina a soggetti diversi: alle applicazioni, tramite chiamate di procedure da inserire nel codice all utente, tramite interfaccia

Dettagli

SOFTWARE. È l insieme delle istruzioni che è necessario fornire alla macchina per il suo funzionamento. Vi sono due categorie di software:

SOFTWARE. È l insieme delle istruzioni che è necessario fornire alla macchina per il suo funzionamento. Vi sono due categorie di software: 1 SOFTWARE È l insieme delle istruzioni che è necessario fornire alla macchina per il suo funzionamento. Vi sono due categorie di software: SOFTWARE DI SISTEMA (o di base), che deve gestire le funzioni

Dettagli

Esercizio 1. Esercizi 5. Esercizio 3. Esercizio 2 CICLI

Esercizio 1. Esercizi 5. Esercizio 3. Esercizio 2 CICLI Esercizi 5 Esercizio 1 Realizzare una funzione che, chiesto all utente un numero intero pari a N, ricavi e stampi a video tutte le terne pitagoriche con i cateti minori o uguali ad N. CICLI Una terna pitagorica

Dettagli

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati Corso di Access Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base 1 Prerequisiti Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati 2 1 Introduzione Un ambiente DBMS è un applicazione che consente

Dettagli

L ambiente di simulazione SPIM

L ambiente di simulazione SPIM Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 14 L ambiente di simulazione SPIM Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L 14 1/28

Dettagli

Il Linguaggio Fortran 90/95. Raucci Biagio

Il Linguaggio Fortran 90/95. Raucci Biagio Il Linguaggio Fortran 90/95 Raucci Biagio Indice Premessa 9 1 Tipi ed espressioni 11 1.1 Elementi di base del linguaggio........................... 11 1.1.1 Istruzioni e commenti.............................

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO. Teoria

PROGRAMMA DEL CORSO. Teoria CORSO DI LAUREA in BIOLOGIA PROGRAMMA DEL CORSO INTRODUZONE ALL INFORMATICA A.A. 2014-15 Docente: Annamaria Bria Esercitatori: Salvatore Ielpa Barbara Nardi PROGRAMMA DEL CORSO Teoria 1. Cosa si intende

Dettagli

v. 1.0-7-11-2007 Mistral ArchiWeb 2.0 Manuale utente

v. 1.0-7-11-2007 Mistral ArchiWeb 2.0 Manuale utente v. 1.0-7-11-2007 Mistral ArchiWeb 2.0 Manuale utente Sommario 1. INTRODUZIONE...3 2. DESCRIZIONE FUNZIONALITÀ...3 2.1. LOGIN...3 2.2. SCHEDA ARCHIVIO...3 2.3. GESTIONE ARCHIVI...4 2.3.1 Creazione nuovo

Dettagli

Laboratorio di Elementi di Architetture e Sistemi Operativi Esercizi del 28 Marzo 2012

Laboratorio di Elementi di Architetture e Sistemi Operativi Esercizi del 28 Marzo 2012 Laboratorio di Elementi di Architetture e Sistemi Operativi Esercizi del 28 Marzo 2012 Esercizio 1. Scrivere uno script chiamato menu.sh che mostri il seguente menù a schermo: PROGRAMMI DISPONIBILI 1.

Dettagli

Informatica B a.a 2005/06 (Meccanici 4 squadra) PhD. Ing. Michele Folgheraiter

Informatica B a.a 2005/06 (Meccanici 4 squadra) PhD. Ing. Michele Folgheraiter Informatica B a.a 2005/06 (Meccanici 4 squadra) Scaglione: da PO a ZZZZ PhD. Ing. Michele Folgheraiter Architettura del Calcolatore Macchina di von Neumann Il calcolatore moderno è basato su un architettura

Dettagli

Informatica B. Sezione D. Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica

Informatica B. Sezione D. Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria Informatica B Sezione D Franchi Alessio Mauro,

Dettagli

IMPARIAMO WORD. Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo.

IMPARIAMO WORD. Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo. II^ lezione IMPARIAMO WORD Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo. Oggi prendiamo in esame, uno per uno, i comandi della

Dettagli

Il File System. Il file system

Il File System. Il file system Il File System Il file system Parte di SO che fornisce i meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate in memoria di massa Realizza i concetti astratti di file:

Dettagli

Corso di Introduzione all Informatica (corso A) MS-WINDOWS. Esercitatore: Francesco Folino

Corso di Introduzione all Informatica (corso A) MS-WINDOWS. Esercitatore: Francesco Folino Corso di Introduzione all Informatica (corso A) MS-WINDOWS Esercitatore: Francesco Folino IL SISTEMA OPERATIVO Il Sistema Operativo è il software che permette l interazione tra uomo e macchina (hardware).

Dettagli

Struttura dati FILE. Concetto di FILE

Struttura dati FILE. Concetto di FILE Struttura dati FILE Concetto di FILE Per poter mantenere disponibili dei dati tra diverse esecuzioni di un programma (PERSISTENZA dei dati), è necessario poterli archiviare su memoria di massa. Un file

Dettagli

Laboratorio Matematico Informatico 2

Laboratorio Matematico Informatico 2 Laboratorio Matematico Informatico 2 (Matematica specialistica) A.A. 2006/07 Pierluigi Amodio Dipartimento di Matematica Università di Bari Laboratorio Matematico Informatico 2 p. 1/1 Informazioni Orario

Dettagli

Oracle PL/SQL. Motivazioni

Oracle PL/SQL. Motivazioni Oracle PLSQL Motivazioni Supponiamo che nella gestione del database Azienda ci venga chiesto di apportare le modifiche necessarie a far sì che ad ogni impiegato possa essere assegnato, alla fine di ogni

Dettagli

Informa(ca Appun% dal laboratorio 2

Informa(ca Appun% dal laboratorio 2 Informa(ca Appun% dal laboratorio 2 Conce- fondamentali Esistono programmi, come Microso8 Word oppure Acrobat Reader, che vengono usa% dagli uten% per far eseguire al computer determinate operazioni (come

Dettagli

Breve guida al linguaggio FORTRAN 77

Breve guida al linguaggio FORTRAN 77 Breve guida al linguaggio FORTRAN 77 Variabili (valori di default) Iniziali con lettere da I a N Iniziali con lettere da A a H oppure da O a Z variabili intere, 4 byte in precisione singola variabili reali,

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE: 1 G Disciplina: Tecnologia dell Informazione e della Comunicazione. PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE Elaborata e sottoscritta

Dettagli

I tipi di dato astratti

I tipi di dato astratti I tipi di dato astratti.0 I tipi di dato astratti c Diego Calvanese Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica A.A. 001/00.0 0 I tipi di dato astratti La nozione di tipo di dato

Dettagli

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI Il CASE o CABINET è il contenitore in cui vengono montati la scheda scheda madre, uno o più dischi rigidi, la scheda video, la scheda audio e tutti gli altri dispositivi hardware necessari per il funzionamento.

Dettagli

Architettura hardware

Architettura hardware Ricapitolando Architettura hardware la parte che si può prendere a calci Il funzionamento di un elaboratore dipende da due fattori principali 1) dalla capacità di memorizzare i programmi e i dati 2) dalla

Dettagli