RELAZIONE SULLE DISTANZE TRA COSTRUZIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE SULLE DISTANZE TRA COSTRUZIONI"

Transcript

1 RELAZIONE SULLE DISTANZE TRA COSTRUZIONI Ringrazio il Consiglio dell Ordine degli ingeneri di Roma ed il suo Presidente per l invito che mi è stato rivolto, che mi dà l occasione di essere con voi ingegneri (con alcuni dei quali ho avuto già avuto modo di lavorare, avendomi aiutato quali consulenti tecnici di ufficio a risolvere controversie pendenti dinanzi al tribunale di Roma, necessitanti di ausilio tecnico) e di affrontare il tema delle distanze tra costruzioni, che è di notevole interesse perché si impone spesso all attenzione nell ambito dei rapporti di vicinato nonché delle relazioni tra il privato e la Pubblica Amministrazione. Esaminerò il tema dal punto di vista civilistico, cercando di offrire una panoramica generale, senza ovviamente avere la pretesa di esaurire l argomento, che è davvero ampio. Le norme cardini da cui occorre partire sono quelle dettate dal codice civile, tese a regolamentare i rapporti di vicinato, sottoponendo il diritto di proprietà a dei limiti, in linea con l idea della proprietà come diritto costituzionalmente regolato, che può essere assoggettato a limiti, vuoi di natura privatistica, vuoi di natura pubblica (ad es. nell interesse pubblico può essere disposta l espropriazione del terreno). Le norme fondamentali sono dunque gli artt. 873, 874, 875 e 877 del codice civile. L art. 873 c.c. stabilisce che le costruzioni, se non costruite in aderenza o in appoggio, devono avere una distanza non minore di tre metri. Nei regolamenti locali può essere stabilita una distanza maggiore. Tale articolo stabilisce dunque una distanza minima tra costruzioni e dispone che detta distanza può essere derogata solo in peius dai regolamenti locali, ossia dai piani regolatori generali e dai regolamenti edilizi comunali. Al fine della deroga in questione occorre che i regolamenti locali siano stati approvati ed anche portati a 1

2 conoscenza dei destinatari nei modi di legge, ossia mediante pubblicazione da eseguirsi con affissione all albo pretorio 1. La giurisprudenza è concorde nel ritenere che la ratio dell art. 873 c.c. è quella di impedire che tra costruzioni vicine si creino intercapedini che, per la loro esiguità, risultino pericolose sotto il profilo della salubrità nonché dell ordine pubblico. Pertanto, stante la finalità di perseguire un interesse pubblico, accertata l inosservanza delle distanze legali, è irrilevante qualsiasi ulteriore accertamento sull edificabilità o meno del fondo o sulla concreta pericolosità o dannosità delle intercapedini, essendo tale situazione presupposta dalla norma. Conformemente alla sua ratio, l art. 873 c.c. trova applicazione solo nel caso in cui due fabbricati si fronteggino, anche se in minima parte, nel senso che, supponendo di farli avanzare verso il confine in linea retta, si incontrino almeno in un segmento. La distanza di cui all articolo in esame non è applicabile ove i fabbricati sono disposti ad angolo senza avere pareti contrapposte 2 e ove abbiano in comune solo uno spigolo o i cui spigoli si fronteggino, pur rimanendo distanti. Tale principio trova una deroga nel caso di normativa antisismica. Nel caso di costruzioni in località sismica, infatti, l art. 6 n. 4 della legge 25 novembre 1962, n (secondo cui la larghezza degli intervalli di isolamento fra due edifici, misurata tra i muri frontali, non deve essere inferiore a sei metri, ove l area frapposta sia sottratta al pubblico transito mediante chiusura) comprende tutte le ipotesi in cui i muri di costruzioni finitime si trovino in posizioni antagonistica, idonea cioè a provocare, in caso di crollo di uno degli edifici, danni a quello confinante. Pertanto, la presenza nei detti muri perimetrali di spigoli e angoli non esclude l applicazione della norma citata, in quanto ogni angolo o spigolo è formato da due linee che, sul piano costruttivo, costituiscono vere e proprie fronti, le quali realizzano, rispetto 1 Così Cass., sent. n del V. Cass., sent. 26 giugno 1995, n. 5892; Cass., sent. 12 dicembre 1986, n

3 all opposta costruzione, quella posizione antagonistica la cui potenziale pericolosità viene eliminata o attenuata dalla distanza minima. I fondi devono essere finitimi. Di conseguenza, se i due fondi sono separati da una strada pubblica l art. 873 c.c. non si applica. La distanza deve sussistere da ogni punto della costruzione e deve essere computata dai punti di massima sporgenza 3. NOZIONE DI COSTRUZIONE Nell art. 873 c.c. si parla di costruzione. Occorre chiarire, però, cosa si intende per costruzione e tale chiarimento vale di norma in tutti i casi in cui il termine è adoperato, ossia anche laddove sono gli strumenti urbanistici o altre norme del codice civile o di altre leggi a menzionarlo. La giurisprudenza sia civile che amministrativa è concorde nel ritenere che la nozione di costruzione non si esaurisce in quella di edificio ma comprende qualsiasi opera non completamente interrata avente i caratteri della solidità ed immobilizzazione rispetto al suolo. E anche qualificabile come costruzione qualsiasi manufatto, non completamente interrato, che abbia i caratteri della solidità, stabilità, ed immobilizzazione al suolo anche mediante appoggio, incorporazione o collegamento fisso ad un corpo di fabbrica preesistente o contestualmente realizzato, indipendentemente dal livello di posa e di elevazione dell opera, dai caratteri del suo sviluppo volumetrico esterno, dall uniformità e continuità della massa, dal materiale impiegato per la sua realizzazione, purché determini un mutamento del volume, della superficie e della funzionalità dell immobile e non abbia una funzione meramente decorativa 4. 3 V. Cass., sent. 16 novembre 1996, n Cfr. altresì Cass., sent. 20 febbraio 2003 n. 2570, secondo cui la scelta del preveniente in ordine alla distanza della sua costruzione rispetto al confine, che condiziona il prevenuto, va individuata con riferimento alla base dell edificio realizzato, essendo irrilevanti eventuali arretramenti dei piani superiori. Pertanto, rispettata alla base la distanza legale dall edificio del preveniente, il prevenuto non può avanzare i piani superiori a distanza inferiore solo perché per essi viene rispettata la distanza medesima dalla corrispondente porzione dell edificio costruito in precedenza. 4 V. Cass., sent. 5 gennaio 2000, n. 45 3

4 A tal riguardo è interessante ricordare che la Suprema Corte 5 ha ritenuto costruzione un corpo avanzato, privo di aperture, incorporato in uno degli edifici antistanti. Inoltre, sono da qualificare costruzione (e vanno dunque considerate nel calcolo della distanza minima fra costruzioni posta dall art. 873 c.c. o da norme regolamentari integrative) anche le strutture accessorie di un fabbricato (ad es. una scala esterna in muratura, anche se non è un volume abitativo coperto), qualora queste, presentando connotati di consistenza e stabilità, abbiano natura di opera edilizia. Sono invece sottratti al calcolo gli elementi che hanno una funzione puramente ornamentale. Quando si realizzi un edificio dotato di sporti od aggetti, occorre distinguere a seconda che presentino una funzione meramente decorativa o se, invece, abbiano dimensioni consistenti tali da ampliare la superficie o la funzionalità del fabbricato. Solo in quest ultimo caso, gli sporti assumono il carattere di costruzione, mentre quelli di limitata consistenza non devono essere inclusi nel computo delle distanze in quanto configurano entità trascurabili rispetto all interesse tutelato dalla norma nel suo triplice aspetto della tutela della sicurezza, della salubrità e dell igiene 6. Ciò è stato costantemente sottolineato dalla Corte di cassazione e di recente anche nella sent. n. 72 del 3 gennaio 2013, i giudici supremi, chiamati a risolvere il problema del se un vano pertinenziale potesse rientrare nella definizione di costruzione e quindi fosse sottoposto ai limiti di distanza previsti dal regolamento comunale, hanno richiamato una giurisprudenza granitica sul punto, secondo la quale bisogna guardare ai caratteri di solidità, stabilità ed immobilizzazione rispetto al suolo, indipendentemente dal livello di posa ed elevazione dell opera stessa, dai suoi caratteri e dalla sua destinazione; conseguentemente gli accessori e le pertinenze che 5 V. Cass., sent. 28 settembre 2007, n Cass., sent. 5 novembre 1990, n Rientrano nella categoria degli sporti le mensole, le lesene, i risalti verticali delle pareti con funzione decorativa, gli elementi in aggetto di ridotte dimensioni con funzioni di sostegno, le canalizzazioni di gronda ed i loro sostegni e simili (Consiglio di Stato, sent. 19 marzo 1996 n. 268). Costituisce costruzione la soletta del balcone in cemento armato: Cass., sent. 22 dicembre 1986, n

5 abbiano dimensioni consistenti e siano stabilmente incorporati al resto dell immobile, così da ampliarne la superficie o la funzionalità economica sono soggette al rispetto della normativa sulle distanze 7. Volendo fare alcuni esempi va ricordato che la Cassazione ha qualificato costruzione: la tettoia che avanzi rispetto all edificio già esistente 8, i balconi 9, una pensilina costruita su un terrazzo con materiali metallici 10 ; una scala esterna in muratura 11 ; un chiosco annesso all impianto di distribuzione di carburante 12 ; un manufatto con finestra, coperto da tettoia formata da travi con sovrastante lamiere, destinata a fienile e pollaio 13 ; un barbacane quale elemento costruttivo di completamento dell edificio 14. Non sono stati invece qualificati costruzione: le condutture elettriche e i pali che le sostengono 15, un campo da tennis ad uso privato, dato che la rete metallica che di solito circonda simili campi non può formare un intercapedine 16 ; i manufatti interrati, i muri di contenimento di una scarpata o di un terrapieno 17 ; il muro di cinta con altezza non superiore a tre metri. IL CRITERIO DELLA PREVENZIONE In materia di distanza tra costruzioni, il codice civile si ispira al principio della prevenzione temporale, desumibile dal combinato disposto degli artt. 873, 874, 875 e 7 Così anche tra le altre Cass., sent. 15 febbraio 2001, n Cass., sent. 30 ottobre 2003 n Cass., 25 marzo 2004, n. 5963; Cass., sent. 29 marzo 1999, n. 2986; Cass., sent. 10 giugno 1998, n Cass., sent. 21 giugno 1985, n Cass., sent. 30 agosto 2004, n ; Cass., sent. 26 maggio 1998, n Cass., sent. 9 giugno 1992, n Cass., sent. 24 maggio 1997, n Cass., sent. 29 agosto 1997, n Cass., sent. 21 settembre 1970, n Cass., sent. 1 luglio 1996, n Cass., sent. 19 agosto 2002, n ; Cass., sent. 15 giugno 2001, n Nel caso di dislivelli di origine artificiale, è stata considerata una costruzione in senso tecnico giuridico il muro che assolve in modo permanente e definitivo alla funzione di contenimento di un terrapieno creato dall opera dell uomo: così Cass., sent. 15 giugno 2001, n Anche il Consiglio di Stato ha ritenuto che, ai fini dell osservanza delle norme sulle distanze dal confine, il terrapieno ed il muro di contenimento, che producono un dislivello o aumentano quello già esistente per la natura dei luoghi, costituiscono nuove costruzioni idonee a incidere sull osservanza delle norme in tema di distanze dal confine. V. Consiglio Stato 24 aprile 2009, n. 2579; Consiglio Stato, 28 giugno 2000, n. 3637; Consiglio Stato 2 novembre 2010, n

6 877 c.c., secondo il quale il proprietario, che costruisce per primo, determina in concreto la distanza da osservare per le altre costruzioni da erigersi sui fondi vicini. Chi edifica per primo su di un fondo contiguo ad un altro ha una triplice facoltà alternativa: 1) costruire sul confine: di conseguenza il vicino potrà costruire in aderenza o in appoggio (pagando in tale ultima ipotesi, ai sensi dell art. 874 c.c., la metà del valore del muro); 2) costruire con distacco dal confine, ossia alla distanza di un metro e mezzo dallo stesso o a quella maggiore stabilita dai regolamenti locali; in tal caso il vicino sarà costretto a costruire alla distanza stabilita dal codice civile o dagli strumenti urbanistici locali; 3) costruire con distacco dal confine ad una distanza inferiore alla metà di quella totale prescritta per le costruzioni su fondi finitimi. Il vicino, che costruisca successivamente, potrà avanzare la propria fabbrica fino a quella preesistente, pagando il valore del suolo e costruire in aderenza. Può inoltre avanzare la propria fabbrica e costruire in appoggio pagando la metà del valore del muro, oltre che il valore del suolo. Ciò salvo che il proprietario preferisca estendere il suo muro sino al confine. Il secondo comma dell art. 875 c.c. stabilisce, infatti, che il vicino che intende domandare la comunione del muro deve interpellare preventivamente il proprietario se preferisca estendere il muro al confine o procedere alla sua demolizione. Questi deve manifestare la propria volontà entro il termine di quindici giorni e deve procedere alla costruzione o alla demolizione entro sei mesi dal giorno in cui ha comunicato la risposta. L art. 875 c.c. subordina, dunque, l acquisto della comunione al mancato esercizio da parte del proprietario del diritto di estendere il muro sino al confine. A tal fine, il proprietario del fondo contiguo dovrà preventivamente interpellare il proprietario del muro per sapere se intende estendere il muro al confine, procedere alla sua demolizione o arretrarlo alla distanza legale. La mancata risposta dell interpellato e, quindi, il suo silenzio equivarrà al mancato 6

7 esercizio del potere di impedire la comunione forzosa e se, trascorso il termine, il proprietario iniziasse a demolire il muro, tale attività sarebbe illegittima e comunque inidonea ad impedire l acquisto della comunione. Va ricordato che, nel caso di costruzioni sottoposte alla normativa antisismica, il prevenuto non può costruire in appoggio perché è necessario che ogni costruzione costituisca un organismo a sé stante. Va altresì precisato che, laddove sulla parete che si vuole rendere comune o in aderenza alla quale si vuole costruire c è una luce, non sorge problema. La luce può essere chiusa, costruendo in aderenza o in appoggio. Se c è una veduta ma il proprietario della costruzione non ha il diritto di mantenerla (diritto che si ha se lo si è acquistato per usucapione o in base a convenzione con il vicino), detta veduta può essere chiusa. Se vi è il diritto di mantenere la veduta, non può costruirsi in appoggio o in aderenza ma deve rispettarsi la distanza di cui all art. 907 c.c. (tre metri). Il diritto di prevenzione si esaurisce con il completamento, dal punto di vista strutturale e funzionale, della costruzione. Esso, pertanto, non può giovare automaticamente per un successivo manufatto, ancorché accessorio ad una preesistente costruzione 18. Nel caso della sopraelevazione che secondo la pacifica giurisprudenza costituisce una nuova costruzione il criterio della prevenzione non esclude che il preveniente sia tenuto al rispetto della sopravvenuta disciplina regolamentare integrativa di quella dettata dal codice civile e debba, pertanto, effettuare la sopraelevazione del proprio fabbricato rispettando la distanza legale stabilita da tale disciplina, con la conseguenza che, ove lo strumento urbanistico locale, successivamente intervenuto, abbia sancito l obbligo inderogabile di osservare una determinata distanza dal 18 Cass., sent. 21 maggio 2001, n

8 confine, è da escludere il diritto a sopraelevare in allineamento con l originaria costruzione. Il principio della prevenzione opera anche nel caso in cui la prima costruzione sia stata realizzata senza la prescritta concessione e, quindi, sia illegittima dal punto di vista urbanistico. La concessione, infatti, attiene solo alla regolamentazione dei rapporti tra i privati e la P.A. e non riguarda i rapporti tra i privati stessi in ordine alle distanze, che restano regolati esclusivamente dal c.c. e dagli strumenti urbanistici locali 19. L onere della prova di aver eseguito per primo grava su colui che chiede l arretramento del fabbricato altrui, sul presupposto della preesistenza della propria costruzione 20. La prevenzione non opera quando gli strumenti urbanistici locali prevedono una distanza minima dal confine 21. La giurisprudenza ha chiarito che, solo se i regolamenti edilizi stabiliscono espressamente la necessità di rispettare determinate distanze dal confine, vietando la costruzione sullo stesso, non può trovare applicazione il principio della prevenzione; di contro, quando tali regolamenti consentano la predetta facoltà di costruire sul confine, come alternativa all obbligo di rispettare una determinata distanza da esso, si versa in ipotesi del tutto analoga sul piano normativo a quella prevista e disciplinata dagli artt. 873 e ss. c.c., con la conseguente operatività del principio di prevenzione. 19 In particolare, la Suprema Corte di cassazione ha chiarito che in tema di distanze legali, il principio della prevenzione opera nei rapporti tra i privati anche nel caso in cui la prima costruzione sia stata realizzata senza la prescritta concessione o licenza edilizia e sia, quindi, illegittima sotto il profilo urbanistico, giacché non è ipotizzabile alcuna lesione soggettiva del proprietario prevenuto, il quale non ha alcun diritto all osservanza da parte del preveniente delle norme edilizie non integrative del codice civile in materia di distanze, come quelle delle leggi urbanistiche concernenti l obbligo della licenza o della concessione, che attengono esclusivamente all aspetto formale dell attività costruttiva. In tal senso cfr. Cass., sent. 24 maggio 2004, n Cass., sent. 7 agosto 2002, n ; Cass., sent. 25 giugno 2001, n. 8661; Cass., sent. 16 maggio 1991, n

9 Quando le norme mirano non solo a regolare i rapporti di vicinato, evitando intercapedini, ma sono anche dirette a soddisfare esigenze più generali, quali, ad es,. l assetto urbanistico di una certa zona, assicurando comunque uno spazio libero tra costruzioni, in considerazione delle finalità pubbliche perseguite dalle anzidette norme regolamentari, la distanza dal confine è assoluta e va osservata in ogni caso, con esclusione della prevenzione 22. Si ritiene, invece, che il criterio della prevenzione non è incompatibile con la legge c.d. Ponte, ossia con la legge n. 765 del In tal senso è l orientamento ultimo della Corte di cassazione, che ha anche chiarito che tale legge (che all art. 17, lettera c, stabilisce che la distanza tra gli edifici vicini non può essere inferiore all altezza di ciascun fronte dell edificio da costruire), si applica laddove non vi siano strumenti urbanistici locali o detti strumenti non prevedano limiti di distanza e si verta in ipotesi di edilizia residenziale 23. CENNI AL D.M. 2 APRILE 1968 n Il D.M. n del 1968 è norma non di diretta applicazione ma ha efficacia di legge dello Stato, essendo stato emanato su delega dell art. 41 quinquies della legge c.d. urbanistica, ossia la L. n del 1967, aggiunto dall art. 17 della legge Ponte. Tale decreto, tuttora vigente in forza dell art. 136 del testo unico dell edilizia (che ha fatto salvi i commi 6, 8 e 9 dell art. 41 quinquies della l. 17 agosto 1942, n. 1150) stabilisce le distanze minime tra fabbricati per le diverse zone territoriali omogenee. Per i nuovi edifici è prescritta in tutti i casi la distanza minima assoluta di 10 metri tra pareti finestrate e pareti di edifici antistanti. Nelle zone C (parti del territorio 21 Cass., sent. 5 aprile 2002, n. 4895; Cass., sent. 5 ottobre 2001, n. 1229; Cass., sent. 13 dicembre 1999, n Cass., sent. 26 marzo 2001, n. 4366; Cass., sent. 12 settembre 2000, n Le sezioni unite della Corte di Cass.- con la sent. n del 2002 risolvendo un contrasto insorto, hanno ritenuto che il criterio della prevenzione non è incompatibile con l applicazione della legge Ponte. Di recente nello stesso senso Cass., sent. n del

10 destinate a nuovi complessi insediativi) è prescritta tra pareti finestrate di edifici antistanti la distanza minima pari all altezza del fabbricato più alto. Le distanze minime tra fabbricati tra i quali siano inserite strade destinate al traffico dei veicoli devono essere pari all altezza della strada aumentata per ciascun lato di: m per strade di larghezza inferiore a 7 metri; 7.50 m per lato, per strade di larghezza compresa tra i 7 e 15 metri; 10,00 per lato, per strade di larghezza superiore a 15 metri. Sono ammesse distanze inferiori: 1) in zona A (centri storici) per le operazioni di risanamento conservativo e per le eventuali ristrutturazioni; 2) nel caso di gruppi di edifici che formino oggetto di piani particolareggiati o lottizzazioni convenzionate con previsioni planovolumetriche. L art. 9 del d.m. 2 aprile 1968 n è norma primaria imperativa, con la conseguenza che eventuali disposizioni contrarie contenute nelle norme tecniche di attuazione vengono caducate e automaticamente sostituite dall anzidetta disposizione. Il Consiglio di Stato 24 ha osservato che la norma è volta ad impedire la formazione di intercapedini nocive sotto il profilo igienico sanitario ed è pertanto non eludibile. Testualmente ha affermato che Le distanze tra le costruzioni sono predeterminate con carattere cogente in via generale ed astratta, in considerazione delle esigenze collettive connesse ai bisogni di igiene e di sicurezza, di modo che al giudice non è lasciato alcun margine di discrezionalità nell applicazione della disciplina in materia di equo contemperamento degli opposti interessi. Ne deriva che il giudice è tenuto ad applicare le disposizioni concernenti la distanza minima tra gli edifici anche in presenza di norme contrastanti incluse negli strumenti urbanistici locali, dovendosi le prime ritenere automaticamente inserite nel p.r.g. al posto della norma illegittima. In tal senso anche la giurisprudenza della Corte di cassazione CdS , n. 7731; 5 dicembre 2005, n Cass., sent. 29 maggio 2006, n

11 La misura minima della distanza è derogabile in due ipotesi tassative, contemplate dal comma 2 dell art. 9. E consentito edificare a distanze inferiori a quelle previste dal comma 1 soltanto per i piani particolareggiati e per le lottizzazioni convenzionate e non anche per gli interventi edilizi diretti, consentiti dallo strumento urbanistico, interventi tra i quali ricomprendere il permesso di costruire. La distanza di dieci metri tra pareti finestrate di edifici antistanti, prevista dall art. 9 del d.m. 2 aprile 1968, n va calcolata con riferimento ad ogni punto del fabbricato e non alle sole parti che si fronteggiano e a tutte le pareti finestrate e non solo a quella principale, prescindendo anche dal fatto che esse siano in posizione parallela 26. Secondo Cass. 7 marzo 2002 n. 3340, in caso di realizzazione di pareti finestrate la disciplina in tema di distanze va trovata integrando le previsioni di cui all art. 9 D.M. 2 aprile 1968 con il principio della prevenzione, nei limiti in cui lo stesso può trovare applicazione. Se il preveniente costruisce una parete finestrata ad una distanza pari o superiore a 5 metri dal confine, non vi sono problemi. Il prevenuto potrà a sua volta realizzare un edificio con una parete, finestrata o non, ad una distanza pari ad almeno mt 10, anche se inferiore a mt 5 dal confine. Ove il preveniente dovesse invece realizzare una parte finestrata ad una distanza dal confine inferiore a mt 5, il vicino non sarà tenuto ad arretrare la propria costruzione fino a rispettare la distanza di mt. 10 da tale parete, ma potrà imporre al preveniente di chiudere le aperture e costruire (evidentemente con parete non finestrata). LUCI E VEDUTE E nota la differenza tra le luci e le vedute. Le prime servono solo a dare aria e luce; le seconde consentono l affaccio e la veduta. Con altri termini, più aulici, si è soliti 26 Consiglio Stato, 2 novembre 2010, n

12 affermare che sono vedute le aperture che consentono l inspectio (ossia di guardare) e la prospectio (ossia di affacciarsi) sul fondo del vicino. Laddove sia preclusa una delle due possibilità, non si è di fronte ad una veduta ma ad una luce irregolare, che è pur sempre una luce e non una veduta. La Cassazione afferma che non esiste un terzo genere. Tutto ciò che non è veduta è luce. Anche in caso di balconi, lastrici, ecc.occorre porsi il problema del se è consentito l affaccio e, in caso di risposta negativa, si è di fronte ad una luce irregolare. Normalmente la porta di accesso è una luce e non una veduta: la funzione normale è quella di consentire l accesso o l uscita, non rilevando la circostanza che quando si apre la porta, per consentire l accesso o l uscita, è possibile guardare sul fondo del vicino. Anche la scala normalmente è una luce ma va valutato caso per caso. LUCI La luce, che serve al passaggio di luce ed aria, deve osservare le prescrizioni dell art. 901 c.c., ossia deve: 1) essere munita di un inferriata idonea a garantire la sicurezza del vicino e di una grata fissa in metallo le cui maglie non siano maggiori di tre centimetri quadrati; 2) avere il lato inferiore a un altezza non minore di due metri e mezzo dal pavimento o dal suolo del luogo al quale si vuole dare aria e luce, se esse sono al piano terreno, e non minore di due metri, se sono ai piani superiori; 3) avere il lato inferiore a un altezza non minore di due metri e mezzo dal suolo del fondo vicino, a meno che si tratti di un locale che sia in tutto o in parte a livello inferiore al suolo del vicino e la condizione dei luoghi non consenta di osservare l altezza stessa. A tal proposito è importante sottolineare che, laddove l art. 901 c.c. prescrive la distanza della luce di due metri e mezzo se la luce è al piano terreno e di due metri se la luce è al piano superiore, fa riferimento al piano terreno e al piano superiore del 12

13 fondo del vicino e non dell edificio ove è stata aperta la luce 27. Ciò si comprende se si pensa alla ratio della norma che è quella di garantire la riservatezza del fondo del vicino e se si pensa che l inspectio è più agevole se i fondi sono allo stesso livello. Immaginate allora che l edificio ove è la luce sia ad un livello inferiore rispetto al fondo del vicino. La luce rispetto all edificio in cui è stata aperta potrebbe essere al piano superiore ma rispetto al fondo vicino è al piano terreno. In tal caso è evidente che occorre garantire la distanza di due metri e mezzo, al pari delle luci di due edifici posti allo stesso livello. In caso diverso si creerebbe anche diversità di trattamento non giustificata. Il vicino ha però sempre la facoltà di chiedere la regolarizzazione delle luci irregolari e solo laddove non sia possibile detta regolarizzazione può ottenerne la chiusura. Si afferma che l ordine del giudice può essere alternativo, lasciando al proprietario la scelta tra regolarizzare la luce o chiuderla. La regolarizzazione può essere chiesta non solo dal proprietario del fondo su cui si apre la luce ma anche da quello contiguo, posto ossia a fianco. Nel caso di luci non si pone un problema di rispetto di distanze. La chiusura è consentita quando il vicino costruisca in appoggio o in aderenza sul suo fondo. Non può ossia ad es. chiudersi la luce con delle tavole ma deve trattarsi di una costruzione, ovviamente non effettuata al solo scopo di chiudere la luce, altrimenti si verterebbe in ipotesi di atto emulativo, vietata dall art. 833 c.c. VEDUTE Occorre precisare che le vedute possono essere dirette, oblique o laterali e in appiombo. Costituisce veduta diretta quella che si esercita guardando di fronte a se stesso e cioè in direzione perpendicolare rispetto al piano del muro in cui si apre la finestra da cui si guarda. 27 V. Cass., sent. n del

14 Sono vedute oblique quelle che consentono di vedere, senza sporgersi dall apertura, un fondo che si trova alla sinistra o alla destra rispetto al fondo visibile con veduta diretta; la veduta è laterale se per vedere l altro fondo occorre sporgersi dall apertura e guardare lateralmente. Se il piano del muro in cui si apre la finestra è perpendicolare alla linea di confine ovvero forma con essa un angolo ottuso, non può aversi veduta diretta sul fondo al di là del confine, bensì solo vedute oblique o laterali. Quando il muro nel quale vengono aperte le vedute forma un angolo acuto con la linea di confine o con il muro dell edificio esistente sul suolo contiguo, possono esercitarsi sia la veduta diretta che quella obliqua. La veduta laterale può essere esercitata, oltre che di lato, anche in basso, verticalmente, assumendo così le caratteristiche della veduta in appiombo. Mentre per le luci non si pone il problema delle distanze, diverso discorso è da farsi per le vedute, in relazione alle quali occorre fare riferimento agli artt. 905, 906 e 907 c.c. : i primi due articoli tutelano il diritto del vicino a non essere visto, l art. 907 c.c. garantisce il diritto di ricevere aria e luce e di vedere. Art. 905 c.c. L art. 905 c.c. dispone che non si possono aprire vedute dirette sul fondo del vicino a distanza inferiore a un metro e mezzo, calcolata dalla faccia esteriore del muro dove si aprono le vedute. Non si possono parimenti costruire balconi o altri sporti, terrazze, lastrici solari e simili, muniti di parapetto che permetta di affacciarsi sul fondo del vicino, se non vi è la distanza di un metro e mezzo tra questo fondo e la linea esteriore di dette opere. Va chiarito che, in tanto può configurarsi una veduta ai sensi dell art. 905 c.c., in quanto il terrazzo, l apertura, ecc. risultino atti a consentire di guardare e mostrarsi senza esporsi al pericolo di caduta. Ne consegue che non si applica l art. 905 c.c. 14

15 laddove il parapetto di un terrazzo non consente in concreto neanche una inspectio comoda e non pericolosa e ha solo la funzione di delimitazione della platea 28. La destinazione all affaccio può anche non essere esclusiva o prevalente. La distanza si calcola dalla linea esterna del muro ove è aperta la veduta. Nel caso di balconi, lastrici, ecc si calcola dalla ringhiera, dal parapetto e simili da cui è effettivamente possibile esercitare la veduta e non già dalla linea di massima sporgenza. La misurazione non tiene conto di fregi, cornicioni, ecc., che, per non essere desinati all esercizio della veduta, hanno funzione meramente ornamentale ed accessoria. Nel caso in cui il confine sia rappresentato da un muro comune, la distanza si calcola rispetto al lato del muro che è nel fondo di colui che apre la veduta perché la comproprietà del muro in favore del vicino si estende in ogni parte del muro stesso. Nell ipotesi in cui il fondo su cui insiste il fabbricato sul quale si vuole aprire una veduta e quello confinante, edificato o non, sul quale la stessa è destinata ad essere esercitata, siano su livelli o piani diversi, la distanza di 1,5 metri va misurata tra la soglia della finestra e il piano ideale elevato perpendicolarmente sulla linea di confine tra i due fondi 29. L obbligo di rispettare la distanza di cui all art. 905 c.c. non si pone laddove vi sia una strada pubblica destinata al pubblico transito o dove vi è una strada privata destinata comunque al pubblico uso. La mera previsione nel piano regolatore di una strada pubblica non basta per escludere il rispetto dell art. 905 c.c. Laddove infatti tra i due fondi vi è un fondo soggetto a pubblico uso non vi è più ragione di applicare la norma di cui all art. 905 c.c., che tutela esigenze di riservatezza del vicino. Art. 906 c.c. L art. 906 c.c. dispone che non si possono aprire vedute laterali od oblique sul fondo del vicino se non si osserva la distanza di 75 cm., la quale deve misurarsi dal più vicino lato della finestra o dal più vicino sporto. 28 V. Cass., sent. n del v. Cass., sent. n del

16 La distanza va dunque calcolata dal più vicino lato della finestra o dal più vicino sporto, per tale intendendo non già qualunque parte dell opera destinata a consentire la veduta, anche se avente, per es., una semplice funzione decorativa o portante, ma a quella da cui in concreto sia possibile esercitare la veduta. Si fa dunque riferimento alla ringhiera, al parapetto. Art. 907 c.c. L art. 907 c.c. dispone che, quando si è acquistato il diritto di avere vedute dirette sul fondo vicino, il proprietario di questo non può fabbricare a distanza minore di tre metri, misurata a norma dell art. 905 c.c.. Se la veduta diretta forma anche veduta obliqua, la distanza di tre metri deve pure osservarsi dai lati della finestra da cui la veduta obliqua si esercita. Se si vuole appoggiare la costruzione al muro in cui sono le dette vedute dirette od oblique, essa deve arrestarsi almeno a tre metri sotto la loro soglia. Va osservato che per costruzione si intende ogni opera stabile, a prescindere dalla foggia e dal materiale, che ostacoli la veduta, e che per il calcolo della distanza l art. 907 c.c. rinvia all art. 905 c.c. Anche l art. 907 non si applica laddove vi è una strada pubblica. ART. 907 C.C. E CONDOMINIO. CONTEMPERAMENTO DI INTERESSI. E principio consolidato quello secondo cui, rispetto a singole unità immobiliari in proprietà individuale nell ambito di un unico edificio condominiale, le norme che regolano i rapporti di vicinato trovano applicazione solo in quanto compatibili con la struttura stessa dell edificio comune e con lo stato dei luoghi. Qualora dette norme vengano invocate in un giudizio tra condomini, occorre considerare che la coesistenza di più appartamenti in un unico edificio implica di per sé il contemperamento dei vari interessi, al fine dell ordinato svolgersi di quella convivenza che è propria dei rapporti condominiali (cfr. ex multis Cass. civ., sez. II, n. 3891). 16

17 Un applicazione di detto principio si rinviene in un ordinanza resa dal tribunale di Roma in formazione collegiale. Nel caso di specie, la reclamante aveva posto nel terrazzo del proprio appartamento una tenda, appoggiata su pilastri, che, in caso di tenda spiegata, limitava la veduta in appiombo esercitata dai reclamati dall apertura del proprio sovrastante appartamento ma non ledeva le altre vedute (diretta, obliqua e laterale) né arrecava altri pregiudizi apprezzabili ai medesimi reclamati. Si è osservato che, a fronte dell interesse dei reclamati a non vedere diminuita la possibilità di esercitare dalla propria apertura la veduta in appiombo, si poneva l interesse della reclamante a tutelare la propria riservatezza, proteggersi da agenti atmosferici e, dunque, godere del proprio bene secondo le moderne concezioni abitative. Si è giunti alla conclusione che, nel contemperamento di tali interessi, andava data prevalenza a quello della reclamante, considerato che la veduta in appiombo, limitata solo in caso di tenda aperta, appariva, secondo un principio di cedevolezza tra contrapposte posizioni soggettive, di minor rilievo rispetto all interesse della reclamante di utilizzare il proprio appartamento in modo adeguato all evoluzione delle esigenze generali dei cittadini nel campo abitativo. DEROGA PER BARRIERE ARCHITETTONICHE In deroga alle norme sulle distanze previste dai regolamenti edilizi possono realizzarsi le opere che hanno per oggetto le innovazioni da attuare negli edifici privati dirette ad eliminare le barriere architettoniche. Ciò ai sensi dell art. 79 del DPR n. 380/2001. Il secondo comma di detto DPR fa salvo l obbligo del rispetto delle distanze di cui agli art. 873 e 907 del codice civile nell ipotesi in cui tra le opere da realizzare e i fabbricati alieni non sia interposto alcuno spazio o alcuna area di proprietà o di uso comune. 17

18 Il TAR Abruzzo e il TAR Campania 30 hanno precisato che le opere funzionali all eliminazione delle barriere architettoniche sono solo quelle tecnicamente necessarie a garantire l accessibilità, la visitabilità e l adattabilità degli edifici privati e non già le opere dirette alla migliore fruibilità. Nel conflitto tra gli interessi dei soggetti portatori di handicap e quelli dei soggetti terzi il legislatore ha ritenuto di dare prevalenza al diritto di questi ultimi al rispetto delle distanze tra le costruzioni, che quindi non può essere mai minore di tre metri in base alla previsione codicistica, all evidente fine di garantire la salubrità delle costruzioni. TUTELA In tema di tutela, l art. 872 comma 2 c.c. prevede che il mancato rispetto delle norme del codice civile nella sez. VI del titolo II del libro III e delle norme regolamentari da esse richiamate comportano come conseguenza la facoltà di chiedere la riduzione in pristino mentre per le norme non richiamate è previsto solo il risarcimento del danno. Occorre allora stabilire quali norme regolamentari possano dirsi richiamate dal codice civile in mancanza di un espressa previsione di legge. La Corte di cassazione, intervenuta più volte sul punto 31, ha richiamato a tal fine la ratio delle norme: se una norma è tesa a salvaguardare l igiene e la salubrità dell ambiente nonché l ordine pubblico, impedendo la creazione di intercapedini dannose o pericolose, è preordinata alla tutela di un interesse generale, è una norma integrativa del codice e la tutela prevista è la riduzione in pristino. Se una norma è tesa a salvaguardare l ornato e il decoro, non è integrativa ed è previsto solo il risarcimento del danno. La Cassazione ha specificato che sono norme integrative quelle che: regolano le distanze tra fabbricati; regolano il distacco tra fabbricato e confine; regolano il rapporto tra altezza e distanza dal fabbricato fronte stante. 30 TAR Abruzzo sent. n. 526/2011 e TAR Campania sent. n. 1536/ Cass., sent. 30 dicembre 1999, n ; Cass., sent. 16 febbraio 1995, n.1673; Cass., sent. 15 dicembre 1994, n ). 18

19 Di particolare interesse una pronuncia della Cassazione 32 che si pone il problema di stabilire quando una norma regolamentare in tema di altezza di edifici possa ritenersi o meno integrativa. A tal proposito la Cassazione ha affermato che sono norme integrative del codice civile solo le disposizioni relative alla determinazione della distanza tra i fabbricati in rapporto all altezza e che regolano..la misura dello spazio che deve essere osservato tra le costruzioni; viceversa le norme che -.. disciplinano solo l altezza in sé degli edifici tutelano, oltre che l interesse pubblico di ordine igienico ed estetico esclusivamente il valore economico della proprietà dei vicini, per il che comportano in caso di loro violazione solo il risarcimento dei danni. Quindi, quando la questione verte sulla distanza tra fabbricati in relazione all altezza, le norme regolamentari integrano quelle del codice civile; quando il problema è relativo all altezza del fabbricato in se e per se considerato (senza che venga in gioco la distanza tra edifici) potrebbe essere compromesso solo il valore economico della proprietà privata e l eventuale violazione comporterà solo il risarcimento del danno. Va ricordato che la Cassazione ha affermato che anche in caso di ordine di ripristino è possibile ottenere il risarcimento del danno. Ciò per il periodo in cui si è protratta la violazione delle distanze. Discusso è se tale danno sia in re ipsa o meno: ossia se va dimostrata la sussistenza di un danno o se detto danno deve ritenersi esistente a prescindere da una prova sul punto. La Cassazione non è univoca (v. Cass. civ., sez. II, sent. n del 2001, ove si parla di danno in re ipsa, mentre Cass. civ., sez. II, sent. n del 2009 ha affermato che la violazione delle norme codicistiche sulle distanze legali (ovvero delle norme richiamate dal codice), mentre legittima sempre la condanna alla riduzione in pristino, non costituisce di per sé fonte di danno risarcibile, essendo al riguardo necessario che chi agisca per la sua liquidazione deduca e dimostri l esistenza e la misura del pregiudizio effettivamente realizzatosi ). 32 Cass., sent. 16 gennaio 2009, n

20 Personalmente ho aderito alla seconda impostazione e non ho accolto una domanda in cui la parte attrice non aveva provato la sussistenza in concreto dei danni. Peraltro neppure veniva specificato quale uso effettivo fosse fatto dei beni in questione, costituiti da un lastrico solare e da una terrazza, e quale effettiva limitazione fosse conseguita dall illecito denunciato ad un tal uso. In tema di tutela va poi ricordato che i regolamenti locali assumono il rango di norma integrativa del codice, sicché il giudice deve di ufficio verificare se sussistono regolamenti amministrativi integrativi del codice civile e deve trovare di ufficio i predetti regolamenti. Trattandosi di provvedimenti amministrativi, può capitare che detti atti siano impugnati dinanzi al giudice amministrativo e che su essi si abbatta la scure della giustizia amministrativa. In questa ipotesi, se è intervenuta una sentenza passata in giudicato che ha annullato i predetti atti, il giudice civile non solo non può più tenerne conto del piano regolatore o del regolamento edilizio dichiarato illegittimo, ma dovrà di ufficio trovare la sentenza che ha dichiarato illegittimo il predetto provvedimento integrativo del codice civile 33. Roma, 16 settembre 2013 Dott.ssa Giuseppina Anna Rosaria Pacilli 33 In questi termini Cass., sent. 14 dicembre 2012, n

Le distanze legali tra pareti finestrate con particolare riguardo al computo di balconi e sporgenze

Le distanze legali tra pareti finestrate con particolare riguardo al computo di balconi e sporgenze Le distanze legali tra pareti finestrate con particolare riguardo al computo di balconi e sporgenze La norma di base sulle distanze legali contenuta nel Codice civile ed il suo rapporto con i regolamenti

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data SETTEMBRE 2011 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

Parere n. 1/2010 - Ristrutturazione edilizia attuata con demolizione e ricostruzione. Onerosità

Parere n. 1/2010 - Ristrutturazione edilizia attuata con demolizione e ricostruzione. Onerosità Parere n. 1/2010 - Ristrutturazione edilizia attuata con demolizione e ricostruzione. Onerosità Si chiede parere in merito all onerosità ovvero all eventuale gratuità di un intervento di ristrutturazione

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data ottobre 2009 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

Distanze e Pubblica Amministrazione

Distanze e Pubblica Amministrazione Capitolo 8 Distanze e Pubblica Amministrazione Caso 8.1 Nel rilasciare i permessi di costruzione, il Comune deve tutelare l esistenza di diritti di terzi sugli immobili? I provvedimenti abilitativi della

Dettagli

INSTALLAZIONE CONDIZIONATORE

INSTALLAZIONE CONDIZIONATORE ON-LINE - 1 - ON-LINE - 2 - QUESITO DELLA COMMITTENZA Buongiorno, La presente a chiedere cortesemente un 'informazione. Risiedo in una casa costituita da tre appartamenti disposti verticalmente e appartenenti

Dettagli

Distanze da confini e costruzioni

Distanze da confini e costruzioni NORMOTECNICA Distanze da confini e costruzioni Guida pratica Casi e questioni con esempi grafici Carmen Chierchia - Roberta Distinto QUESTO EBOOK È UN'ANTEPRIMA GRATUITA Per ordinare la versione integrale

Dettagli

N. 01/2014 29 Marzo 2014

N. 01/2014 29 Marzo 2014 N. 01/2014 29 Marzo 2014 Avv. Simone Fadalti LA RIPARTIZIONE DELLE SPESE CONDOMINIALI PRINCIPIO GENERALE Art. 1123 c.c. Criterio di tripartizione: Le spese necessarie per la conservazione e per il godimento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA T.A.R. Lombardia, Milano, sez. IV, 10 maggio 2013, n. 1221 Edilizia e urbanistica - Distanze legali - Costruzione distanza legale e principio di prevenzione ex artt. 873 e 875 c.c. REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE COMUNE DI MONTIGNOSO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE Variante artt. 26 47 62 63 Progettisti: Arch. Stefano Francesconi Geom. Giovanni Antonio Del Freo Testo Eliminato = Evidenziato

Dettagli

Regolamento per la realizzazione di interventi edilizi minori

Regolamento per la realizzazione di interventi edilizi minori COMUNE DI CASTELFIDARDO Provincia di Ancona Urbanistica Edilizia privata Regolamento per la realizzazione di interventi edilizi minori IL RESPONSABILE IV SETTORE Urbanistica - Edilizia Privata Ing. Ranieri

Dettagli

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 ALLEGATO A Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 Approvato con deliberazione di CC n.47 in data 29/10/2009

Dettagli

CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale

CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale Alle ipotesi codicistiche originarie del condomino assente o dissenziente la legge di riforma del condominio ha aggiunto la legittimazione

Dettagli

C O M U N E D I I L L A S I

C O M U N E D I I L L A S I C O M U N E D I I L L A S I PROVINCIA DI VERONA DEFINIZIONI, LIMITI, MODALITA E CRITERI INTERPRETATIVI DELLA LEGGE REGIONALE VENETO 8 LUGLIO 2009 N.14 NEL TERRITORIO COMUNALE DI ILLASI TITOLO I DEFINIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CONDIZIONATORI E APPARECCHI TECNOLOGICI

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CONDIZIONATORI E APPARECCHI TECNOLOGICI TESTO-TIPO DI NORMA COMUNALE - Pag. 01di Proposta al Comune di Monza REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI Capo I - Impianti tecnologici in generale 1. Tutti gli interventi per l inserimento di apparecchiature

Dettagli

L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli

L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli Dirigente del Settore Edilizia e Urbanistica / Comune di Scandicci (FI)

Dettagli

LE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE *

LE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE * Luglio 2013 LE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE * La sagoma non costituisce più un parametro da rispettare nelle ristrutturazioni Nuove regole per il procedimento della SCIA Ammessa l

Dettagli

Parere n. 46/2010 Normativa in materia di installazione di impianti fotovoltaici. Titoli abilitativi necessari.

Parere n. 46/2010 Normativa in materia di installazione di impianti fotovoltaici. Titoli abilitativi necessari. Parere n. 46/2010 Normativa in materia di installazione di impianti fotovoltaici. Titoli abilitativi necessari. Si chiede parere avente ad oggetto alcune precisazioni inerenti i titoli abilitativi necessari

Dettagli

Attività edilizia libera. Attività soggette a comunicazione

Attività edilizia libera. Attività soggette a comunicazione REGIMI PROCEDURALI A CUI È SOGGETTA L ATTIVITÀ EDILIZIA IN SICILIA APPENDICE NORMATIVA Attività edilizia libera (Art. 6 L.R. 37/85) Per la realizzazione degli interventi edilizi rientranti nel "regime

Dettagli

Distanze da confini e costruzioni

Distanze da confini e costruzioni Distanze da confini e costruzioni (Biagio Giancola) Voci di rinvio å Abusi edilizi å Convenzioni urbanistiche å Demanio å Luci e vedute å Piano regolatore generale å Vincoli urbanistici Normativa fondamentale

Dettagli

Le distanze tra i fabbricati e dai confini in materia edilizia

Le distanze tra i fabbricati e dai confini in materia edilizia Avv. Mario Lavatelli Avv. Vincenzo Latorraca Avv. Daniele Cappelletti Avv. Michela Luraghi Dott.ssa Alida Sala Tesciat Dott. Alberto Rinaldi Professionisti esterni: Rag. Sergio Bazzanella Consulente del

Dettagli

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione Premessa La disciplina del risarcimento del danno arrecato dalla Pubblica Amministrazione, qualora la stessa avesse occupato aree di proprietà

Dettagli

- che i contratti conclusi in violazione delle regole sulla competenza professionale sono nulli;

- che i contratti conclusi in violazione delle regole sulla competenza professionale sono nulli; CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 30 agosto 2013, n. 19989 Svolgimento del processo Con citazione del 6/6/1992 De L. D. proponeva opposizione al decreto ingiuntivo con il quale gli era stato ingiunto di pagare

Dettagli

Art. 101 Volume dell'edificio

Art. 101 Volume dell'edificio Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006 In vigore

Dettagli

FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO?" Riccardo MAZZON

FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO? Riccardo MAZZON FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO?" Riccardo MAZZON P&D.IT In relazione al compiuto significato della locuzione fondi finitimi, ci si è chiesti se quest

Dettagli

PRIMO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14. SECONDO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 BREVE ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI

PRIMO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14. SECONDO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 BREVE ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI PRIMO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 SECONDO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 BREVE ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI MONITORAGGIO PIANO CASA STATO DELL ARTE Numero di istanze

Dettagli

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione II Quater) ha pronunciato la presente SENTENZA

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione II Quater) ha pronunciato la presente SENTENZA N. 495/2010 REG.SEN. N. 1248/2005 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione II Quater) ha pronunciato la presente SENTENZA Sul

Dettagli

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO In alcuni casi, pur non necessitando di alcun titolo abilitativo, la consistenza o le modalità dell

Dettagli

Sentenze e pareri legali sulla competenza delle spese per balconi

Sentenze e pareri legali sulla competenza delle spese per balconi Diciamo, in premessa, che le due principali incassati e aggettanti. tipologie di balconi sono quella dei cosiddetti I balconi incassati sono quelli rientranti, cioè che non sporgono rispetto ai muri perimetrali

Dettagli

Parte Prima. Le parti comuni. a cura di Pia Grazia Mistò

Parte Prima. Le parti comuni. a cura di Pia Grazia Mistò Parte Prima Le parti comuni a cura di Pia Grazia Mistò 1 2 L art. 1117 c.c. fa un elencazione non tassativa delle cose comuni, degli impianti e dei servizi comuni, con un criterio unitario di classificazione.

Dettagli

a) Condizioni statiche dell edificio.

a) Condizioni statiche dell edificio. 253 ne (art. 934 c.c.), ciascuno dei comunionisti acquista la proprietà di una quota ideale di esso corrispondente a quella spettantegli sul suolo, a meno che gli effetti dell accessione, prima del loro

Dettagli

TRIBUNALE DI TREVISO ORDINANZA EX ART 702 BIS C.P.C. a scioglimento della riserva che precede, nella causa RG: 6977/09 promossa da TIZIO, residente a

TRIBUNALE DI TREVISO ORDINANZA EX ART 702 BIS C.P.C. a scioglimento della riserva che precede, nella causa RG: 6977/09 promossa da TIZIO, residente a TRIBUNALE DI TREVISO ORDINANZA EX ART 702 BIS C.P.C. a scioglimento della riserva che precede, nella causa RG: 6977/09 promossa da TIZIO, residente a Treviso, xxxxx, rappresentato e difeso dall Avv. xxxxxx,

Dettagli

DISTANZE TRA LE COSTRUZIONI NEI RAPPORTI DI VICINATO

DISTANZE TRA LE COSTRUZIONI NEI RAPPORTI DI VICINATO DISTANZE TRA LE COSTRUZIONI NEI RAPPORTI DI VICINATO Le regole di buon vicinato comprendono le norme sulle acque, sullo stillicidio, sulle luci e vedute e, per quanto di nostro interesse in questa sede,

Dettagli

PARERE SU QUESITO IN MERITO ALLE VARIAZIONI A PERMESSO DI COSTRUIRE

PARERE SU QUESITO IN MERITO ALLE VARIAZIONI A PERMESSO DI COSTRUIRE PARERE SU QUESITO IN MERITO ALLE VARIAZIONI A PERMESSO DI COSTRUIRE * * * Si riscontra il quesito in oggetto, articolato in due questioni: 1) in primo luogo chiarire se sia corretto il convincimento secondo

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A TAR LAZIO, SEZIONE TERZA, 26 febbraio 2013, n. 2106 A cura di Simone Luca

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A TAR LAZIO, SEZIONE TERZA, 26 febbraio 2013, n. 2106 A cura di Simone Luca NOTA A TAR LAZIO, SEZIONE TERZA, 26 febbraio 2013, n. 2106 A cura di Simone Luca Il diritto di accesso e le specifiche ragioni di tutela del segreto industriale e commerciale Con la sentenza in esame,

Dettagli

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI RICHIAMI DI TECNICA URBANISTICA SUPERFICIE URBANA Insieme delle superfici occupate da costruzioni ed attrezzature,

Dettagli

Art. 1 - Finalità. a) al miglioramento della qualità abitativa per preservare,

Art. 1 - Finalità. a) al miglioramento della qualità abitativa per preservare, IL VECCHIO E IL NUOVO PIANO CASA A CONFRONTO con le nuove disposizioni dettate dalla legge regionale n. 32 del 29 novembre 2013 (Bur n. 103 del 30/11/2013) - Il primo dicembre 2013 è entrata in vigore

Dettagli

COMUNE DI SASSARI Settore Edilizia Privata

COMUNE DI SASSARI Settore Edilizia Privata COMUNE DI SASSARI Settore Edilizia Privata Prot. n. 117048 del 25.09.2012 Oggetto: - Risposte a quesiti sul piano casa e non solo. Modifica del punto 7 della precedente nota prot. 57027 del 18.05.2012

Dettagli

In edilizia l iva può essere applicata con l aliquota del 4, del 10 o del 21 per cento.

In edilizia l iva può essere applicata con l aliquota del 4, del 10 o del 21 per cento. In edilizia l iva può essere applicata con l aliquota del 4, del 10 o del 21 per cento. In edilizia l iva può essere applicata con l aliquota del 4, del 10 o del 21 per cento. Distinguendo a seconda che

Dettagli

www.dirittoambiente. net

www.dirittoambiente. net www.dirittoambiente. net Sulla corretta interpretazione dell art. 11 della legge quadro sulle aree naturali protette 6 dicembre 1991 n. 394. Breve nota alla sentenza della Corte di Cassazione Civile a

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

Il condominio e le barriere architettoniche

Il condominio e le barriere architettoniche Il condominio e le barriere architettoniche Aspetti legali e normativi Avv. Corrado Tarasconi Rimini 4 Dicembre 2007 I riferimenti normativi - Legge 9 gennaio 1989 n. 13 art. 2 - Legge 9 gennaio 1989 n.

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI, FOTOVOLTAICI ED EOLICI DESTINATI ALL AUTOCONSUMO

REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI, FOTOVOLTAICI ED EOLICI DESTINATI ALL AUTOCONSUMO REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI, FOTOVOLTAICI ED EOLICI DESTINATI ALL AUTOCONSUMO Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 5/2/2010

Dettagli

Regime edilizio degli interventi di eliminazione delle barriere architettoniche

Regime edilizio degli interventi di eliminazione delle barriere architettoniche Regime edilizio degli interventi di eliminazione delle barriere architettoniche avv. Michele Parodi, Direttore ANCE Liguria Per una più compiuta comprensione dell attualità del tema è utile premettere

Dettagli

Con la consulenza giuridica in oggetto, concernente l interpretazione dell art. 1 della legge n. 449 del 1997, è stato esposto il seguente QUESITO

Con la consulenza giuridica in oggetto, concernente l interpretazione dell art. 1 della legge n. 449 del 1997, è stato esposto il seguente QUESITO RISOLUZIONE N. 4/E Roma, 04 gennaio 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza Giuridica Art. 1 della legge n. 449 del 1997 Piano Casa Possibilità di fruire della detrazione del 36 per cento

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Le pertinenze e le agevolazioni prima casa: requisiti soggettivi ed oggettivi alla luce della CTP di Savona n.15/06/2012

Le pertinenze e le agevolazioni prima casa: requisiti soggettivi ed oggettivi alla luce della CTP di Savona n.15/06/2012 Focus di pratica professionale di Laura Macci e Michele Cenci Le pertinenze e le agevolazioni prima casa: requisiti soggettivi ed oggettivi alla luce della CTP di Savona n.15/06/2012 Premessa L'analisi

Dettagli

Diritto di accesso agli atti amministrativi. Conformità Urbanistico - Edilizia ***

Diritto di accesso agli atti amministrativi. Conformità Urbanistico - Edilizia *** Diritto di accesso agli atti amministrativi Conformità Urbanistico - Edilizia *** Il diritto di accesso agli atti amministrativi è un diritto riconosciuto al cittadino in funzione dei rapporti con lo Stato

Dettagli

LE DISTANZE LEGALI E LE IMMISSIONI NEI RAPPORTI CONDOMINIALI SEMINARIO 16 FEBBRAIO 2010. Dott. Stefano Tabarrini Avv. Laura Gonnellini PREMESSA

LE DISTANZE LEGALI E LE IMMISSIONI NEI RAPPORTI CONDOMINIALI SEMINARIO 16 FEBBRAIO 2010. Dott. Stefano Tabarrini Avv. Laura Gonnellini PREMESSA LE DISTANZE LEGALI E LE IMMISSIONI NEI RAPPORTI CONDOMINIALI SEMINARIO 16 FEBBRAIO 2010 Dott. Stefano Tabarrini Avv. Laura Gonnellini PREMESSA La normativa relativa alle distanze ed alle vedute è stata

Dettagli

Barriere architettoniche

Barriere architettoniche SEZIONE GIURIDICA Barriere architettoniche Dott. Cristina Nasini Centro Studi Gesticond Col termine barriere architettoniche si indicano tutti gli ostacoli d ordine urbanistico ed edilizio che rendono

Dettagli

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI -

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - Intervento Manutenzione ordinaria (articolo 6, comma 1, lettera a: articolo 3, comma 1, lettera a) Libero Titolo Eliminazione di barriere architettoniche che

Dettagli

Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata

Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata OGGETTO: INDIRIZZI INTERPRETATIVI DELLA L. R. 4/2009 AGGIORNAMENTO AL 18.10.2010 ART. 1 Finalità 1) L obiettivo primario

Dettagli

Come fruire delle agevolazioni per la prima casa

Come fruire delle agevolazioni per la prima casa Come fruire delle agevolazioni per la prima casa Sono trascorsi, ormai, più di venti anni da quando, per la prima volta, il legislatore italiano (art. 1, comma 6, della legge 22 aprile 1982, n. 168) ha

Dettagli

COMUNE Dl LEGNAGO (Provincia di Verona) UFFICIO TECNICO SETTORE 3

COMUNE Dl LEGNAGO (Provincia di Verona) UFFICIO TECNICO SETTORE 3 COMUNE Dl LEGNAGO (Provincia di Verona) UFFICIO TECNICO SETTORE 3 SERVIZIO I URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA CRITERI E MODALITÀ DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E DELLE SOMME DA CORRISPONDERE

Dettagli

Oggetto: Quesito sulla gratuità ovvero onerosità degli interventi edilizi.

Oggetto: Quesito sulla gratuità ovvero onerosità degli interventi edilizi. Oggetto: Quesito sulla gratuità ovvero onerosità degli interventi edilizi. Al fine di poter compiutamente illustrare il quesito che si andrà a formulare, necessita introdurre una breve premessa. Per conoscere

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO COMUNE DI CAPANNOLI REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO ALLEGATO A disposizioni diversificate in rapporto alle specificità dei singoli Comuni 1 INDICE TITOLO I Disposizioni diversificate Capo I - Norme specifiche

Dettagli

Tuttavia tale presunzione di comunione può essere vinta dalla destinazione della canna fumaria stessa.

Tuttavia tale presunzione di comunione può essere vinta dalla destinazione della canna fumaria stessa. L installazione di canne fumarie nel condominio di edifici. Vicinitas est mater discordiarum, La vicinanza è la madre delle discordie. I Latini già l avevano intuito pur non avendo ancora conosciuta la

Dettagli

Pagina 1 di 6. Allegato A

Pagina 1 di 6. Allegato A Allegato A LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI PREVISTI DAGLI ARTICOLI 2, 3 e 4 DELLA LEGGE REGIONALE N. 14 DEL 08.07.2009 e smi Pagina 1 di 6 Limiti e modalità applicative per gli interventi

Dettagli

PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01

PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01 PdC PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01 art. 3 comma 1 lett. e) DPR 380/01 [art.27 lett. e) LR 12/05] a) gli interventi

Dettagli

A) Chiarimenti sull applicazione delle disposizioni del Nuovo Regolamento Edilizio:

A) Chiarimenti sull applicazione delle disposizioni del Nuovo Regolamento Edilizio: ESTRATTO DELLE DECISIONI DELLA CONSULTA ISTRUTTORIA ISTITUITA DALL ART. 3 DEL NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO ED AVENTE LA FUNZIONE DI CONDURRE APPROFONDIMENTI IN RELAZIONE A PROBLEMATICHE EMERSE DURANTE L

Dettagli

LA RIPARTIZIONE DELLE SPESE TRA I CONDOMINI:

LA RIPARTIZIONE DELLE SPESE TRA I CONDOMINI: LA RIPARTIZIONE DELLE SPESE TRA I CONDOMINI: IL PRINCIPIO ART. 1123 C.C. Le spese necessarie per la conservazione e per il godimento delle parti comuni dell'edificio, per la prestazione dei servizi nell'interesse

Dettagli

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale Allegati alle NTA C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale AGGIORNAMENTI: Decreto del Direttore del Settore Pianificazione Territoriale n. 23 del 31.03.2011 Variante n. 232 approvata

Dettagli

Ristrutturazione: immobili interessati

Ristrutturazione: immobili interessati Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 348 17.12.2013 Ristrutturazione: immobili interessati Categoria: Irpef Sottocategoria: Detrazione 36% Gli interventi, oggetto dell agevolazione

Dettagli

INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3

INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 Art. 2 MODALITA DI ATTUAZIONE DEL P.R.G.... 4 Art. 3 INTERVENTO EDILIZIO DIRETTO... 4 Art. 4 INTERVENTO URBANISTICO PREVENTIVO...

Dettagli

ESPOSIZIONE DELLA QUESTIONE

ESPOSIZIONE DELLA QUESTIONE RISOLUZIONE N. 106/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22/04/2009 OGGETTO: Richiesta parere su istanza di rimborso ex articolo 38 del DPR 29 settembre 1973, n. 602 - Danno all immagine Articolo

Dettagli

Piano Casa regionale: brevi riflessioni a margine del convegno del 1 ottobre 2009 per tecnici

Piano Casa regionale: brevi riflessioni a margine del convegno del 1 ottobre 2009 per tecnici Piano Casa regionale: brevi riflessioni a margine del convegno del 1 ottobre 2009 per tecnici comunali, geometri e geometri laureati della provincia di Bergamo. (avv. Mauro Fiorona - www.studiolegalefgs.com)

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE - OGGETTO - ESTENSIONE DELL AMBITO DI

Dettagli

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune Utilizzando la tabella sotto riportata è possibile verificare per ogni singolo intervento quale procedura adottare per procedere all esecuzione dei lavori. Manutenzione Ordinaria Il proprietario dell immobile

Dettagli

Oggetto: quesito in merito all applicazione delle disposizioni in materia di Fondo Unico Giustizia alle forme pensionistiche complementari

Oggetto: quesito in merito all applicazione delle disposizioni in materia di Fondo Unico Giustizia alle forme pensionistiche complementari Settembre 2010 Oggetto: quesito in merito all applicazione delle disposizioni in materia di Fondo Unico Giustizia alle forme pensionistiche complementari (risposta fornita a un associazione di categoria)

Dettagli

A N A C I. Balcone e frontalini: analisi dei criteri di ripartizione delle spese

A N A C I. Balcone e frontalini: analisi dei criteri di ripartizione delle spese A N A C I SEDE DI ROMA SEMINARIO GIURIDICO 7 FEBBRAIO 2012 Balcone e frontalini: analisi dei criteri di ripartizione delle spese avv. Paola Carloni Sul tema del seminario molto è stato scritto e continuano

Dettagli

SCIA e autorizzazione paesaggistica per l'installazione di condizionatori e climatizzatori

SCIA e autorizzazione paesaggistica per l'installazione di condizionatori e climatizzatori SCIA e autorizzazione paesaggistica per l'installazione di condizionatori e climatizzatori È necessario un titolo abilitativo per installare condizionatori e climatizzatori e, nel caso, un'autorizzazione

Dettagli

Decoro architettonico del palazzo in condominio: cosa è legittimo e cosa no La legge per tutti.it

Decoro architettonico del palazzo in condominio: cosa è legittimo e cosa no La legge per tutti.it Decoro architettonico del palazzo in condominio: cosa è legittimo e cosa no La legge per tutti.it Redazione Tende e tendoni, antenne paraboliche, condizionatori, inferriate, doppi infissi, panni dai balconi,

Dettagli

Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 69 /E del 14 agosto 2002

Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 69 /E del 14 agosto 2002 Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 69 /E del 14 agosto 2002 OGGETTO: Imposta di registro - agevolazioni fiscali prima casa - Cass. SS.UU. 6-21 ottobre 2000, n. 1196 - termine di decadenza triennale

Dettagli

L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI. di Sergio Meo avvocato in Napoli, studio legale Meo-Varvarigos

L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI. di Sergio Meo avvocato in Napoli, studio legale Meo-Varvarigos L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI di Sergio Meo avvocato in Napoli, studio legale Meo-Varvarigos Sommario:1) La disciplina legale sull abbattimento delle barriere architetto

Dettagli

PERMUTA, SENZA CONGUAGLIO, DI COSA PRESENTE (TERRENO) CON COSA FUTURA (EDIFICIO DA ERIGERE)

PERMUTA, SENZA CONGUAGLIO, DI COSA PRESENTE (TERRENO) CON COSA FUTURA (EDIFICIO DA ERIGERE) PERMUTA, SENZA CONGUAGLIO, DI COSA PRESENTE (TERRENO) CON COSA FUTURA (EDIFICIO DA ERIGERE) Il presente scritto cerca di ragguagliare il lettore in merito alla disciplina giuridica della fattispecie riportata.

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A CORTE DI CASSAZIONE, SECONDA SEZIONE CIVILE, SENTENZA 8 maggio 2013, n. 10898 A cura di Michelangelo Principe

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A CORTE DI CASSAZIONE, SECONDA SEZIONE CIVILE, SENTENZA 8 maggio 2013, n. 10898 A cura di Michelangelo Principe NOTA A CORTE DI CASSAZIONE, SECONDA SEZIONE CIVILE, SENTENZA 8 maggio 2013, n. 10898 A cura di Michelangelo Principe La Suprema Corte traccia la responsabilità della P.A. ex art. 2051 cod. civ. per inosservanza

Dettagli

IL LEGALE CONTRATTI DI ASSICURAZIONE: ILLEGITTIME LE CLAUSOLE TROPPO GENERICHE LO AFFERMA LA CORTE DI CASSAZIONE IN UNA RECENTE PRONUNCIA Segnaliamo che la Suprema Corte ha dichiarato invalide le clausole

Dettagli

Innovazioni vietate con rifermento alla eliminazione della barriere architettoniche

Innovazioni vietate con rifermento alla eliminazione della barriere architettoniche Innovazioni vietate con rifermento alla eliminazione della barriere architettoniche Avv. Riccardo Prete, Direttivo Foro Immobiliare Lions Club Genova Host Abbiamo verificato come le nuove disposizioni

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI. Servizio Edilizia Privata

COMUNE DI CAGLIARI. Servizio Edilizia Privata COMUNE DI CAGLIARI Servizio Edilizia Privata Indirizzi Interpretativi 19 Dicembre 2013 1 La presente nota scaturisce dalla necessità di dare risposta ai quesiti più frequenti posti all ufficio da parte

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SECONDA SEZIONE CIVILE SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SECONDA SEZIONE CIVILE SENTENZA Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. ANTONINO ELEFANTE - Presidente - Dott. EMILIO MIGLIUCCI - Consigliere - Dott. BRUNO BIANCHINI - Consigliere - Dott. FELICE MANNA - Rel. Consigliere - Dott.

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione TIPO DI INTERVENTO MODALITÀ TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA PRESCRIZIONI Abbaini Costruzione di nuovi abbaini Denuncia Inizio Attività Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Accorpamenti

Dettagli

RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI

RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI I soffitti, le volte e i solai sono le strutture murarie che

Dettagli

Profili definitori. Interventi sulla facciata

Profili definitori. Interventi sulla facciata A. F Facciata dell edificio p. S. li La facciata (Fig. 13) è l involucro esterno e visibile dell edificio: essa è costituita dal muro perimetrale [v. Muro] con i suoi accessori di proprietà esclusiva (finestre,

Dettagli

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale di Francesco Mingiardi e Luigi Patricelli Sommario: 1. La Giurisdizione - 2. La

Dettagli

Svolgimento del processo

Svolgimento del processo Cass.Pen., sez.iii, 26.01.07, n. 2902 Rifiuti Sentenze - Materiali di risulta da lavori edili - Riutilizzo per pavimentazione - Verifica di pregiudizi per l'ambiente - Necessità di utilizzare il test di

Dettagli

COMUNE DI POVIGLIO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA VIA VERDI, 1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966811 FAX. 0522/966805

COMUNE DI POVIGLIO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA VIA VERDI, 1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966811 FAX. 0522/966805 COMUNE DI POVIGLIO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA VIA VERDI, 1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966811 FAX. 0522/966805 ALLEGATO AL REGOLAMENTO URBANISTICO ED EDILIZIO Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del

Dettagli

Prima edizione - maggio 2013

Prima edizione - maggio 2013 Prima edizione - maggio 2013 Autori: Ivan Meo, Angelo e Alfredo Pesce, Daniela Sibilio Copyright 2013 - GRUPPO CONDOMINIOWEB S.R.L. Email: info@condominioweb.com Sito Web: www.condominioweb.com Per un

Dettagli

Incontri di studio sulla Legge Regionale urbanistica n. 65/2014.

Incontri di studio sulla Legge Regionale urbanistica n. 65/2014. Incontri di studio sulla Legge Regionale urbanistica n. 65/2014. La disciplina dei titoli edilizi Avv. Guido Giovannelli Firenze, 25 maggio 2015 La disciplina dei titoli edilizi nella materia governo del

Dettagli

Allarme (Sistema di segnalazione acustico e/o visivo di tentativi di furto, scasso, ecc.)

Allarme (Sistema di segnalazione acustico e/o visivo di tentativi di furto, scasso, ecc.) Accorpamento di unità immobiliari Adeguamento antisismico Interventi edilizi e titoli abilitativi L elenco di seguito riportato individua il titolo abilitativo necessario per l esecuzione di ciascuna delle

Dettagli

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Allargamento porte Allargamento porte e finestre esterne Allarme finestre esterne Ampliamento con formazione di volumi tecnici Apertura interna Ascensore

Dettagli

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA LE DELEGHE IN ASSEMBLEA La forma della delega Il Regolamento di Condominio La delega all Amministratore Contrasti tra condomino e delegato I comproprietari e altri casi Commenti e precisazioni A CURA DEL

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

LEGGE REGIONALE N.15 30 LUGLIO 2013 Semplificazione della disciplina edilizia

LEGGE REGIONALE N.15 30 LUGLIO 2013 Semplificazione della disciplina edilizia N.15 30 LUGLIO 2013 Analisi delle principali novità e prime indicazioni operative Ravenna, 26 settembre 2013 Sala D Attorre Art 1 Principi generali In coerenza con il titolo V costituzione e con i principi

Dettagli

Agevolazione prima casa: la nozione di abitazione di lusso e criteri diversi se la compravendita è soggetta a Registro o Iva.

Agevolazione prima casa: la nozione di abitazione di lusso e criteri diversi se la compravendita è soggetta a Registro o Iva. Agevolazione prima casa: la nozione di abitazione di lusso e criteri diversi se la compravendita è soggetta a Registro o Iva. Con l Ordinanza n. 23507 del 4 novembre 2014, la Corte di Cassazione è tornata

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

semplificazione ed attuazione

semplificazione ed attuazione ANNA GIACOMONI mercoledì, giovedì, 18 26 settembre giugno 2014 2013 6 mesi dopo il decreto del fare: bilancio, G i o r n a ta d e l D e c r e to del fare semplificazione ed attuazione RIFLESSI FISCALI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI E PANNELLI FOTOVOLTAICI PREMESSA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI E PANNELLI FOTOVOLTAICI PREMESSA C o m u n e d i M o m b e r c e l l i Piazza Alfieri, n.2-14047 Mombercelli - Provincia di Asti c.f. e p.i. 00206070054 - Tel. 0141 959.610 Fax 0141 959.756 REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

Comune di Trissino Provincia di Vicenza

Comune di Trissino Provincia di Vicenza Comune di Trissino Provincia di Vicenza MODULISTICA ONLINE 2014 www.comune.trissino.vi.it servizi tecnici pianificazione e sviluppo del territorio edilizia privata Definizione dei TIPI di INTERVENTO aggiornato

Dettagli