Martedì 19 marzo. Mercoledì 20 marzo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Martedì 19 marzo. Mercoledì 20 marzo"

Transcript

1 Martedì 19 marzo Si parte, a distanza di poco meno di un anno dall ultima visita in Congo. Programma: permanenza per una settimana, esame di citopatologia ai giovani (non credo che si boccerà alcuno, facendo rifare l anno: occorre sapere a che punto di autonomia sono arrivati in lettura e refertazione). Stavolta viaggio solo per una serie di ragioni: la prima è che nessuno, me compreso, ha mai troppo tempo disponibile, la seconda è che la breve permanenza consiglia di risparmiare sulle quote-viaggio, la terza è che Sergio Arnaud ha un braccio (il destro) ingessato, per cui, anche volendo... La tratta è Milano Linate all alba (un popolo di gente in partenza, soprattutto sudamericani), Amsterdam, Nairobi, Entebbe, con arrivo finale a circa mezzanotte. Passo la notte nella stanzetta soffocante dei passeggeri in transito, faccio conoscenza con un giovane congolese chelavora per MSF e torna da Kinshasa. Dormo poco e male sdraiato selle sedie, interrotto da una serie di personaggi del personale dell aeroporto che mi vengono a chiedere tutti le stesse cose: da dove vengo, dove sono diretto, che volo prenderò. Mercoledì 20 marzo Al mattino il volo MAF è in partenza alle 9. Viaggio insieme ad altre persone di MSF, che non so bene da dove provengano. Dopo un oretta di volo nel cielo nuvoloso, si arriva a Bunia. Qui ritrovo Ahuka, che non è cambiato nulla, corpulento, aria severa e di chi nella zona è appena sotto il padreterno. Ci salutiamo con abbraccio, strette di mano e, al posto del bacio sulla guancia, una specie di scambio di gentili testate (tre) date sulla fronte laterale. Mi chiede se devo fare il visto e mi trascina nell ufficio immigrazione, dove l impiegato mi mostra la legge che prescrive la necessità di arrivare in Congo già provvisti dello stesso. Pochi minuti e 90 dollari e il visto è pronto, alla faccia della legge. In ogni caso, per i prossimi APOF, meglio arrivare con il visto a posto. Ahuka con la sua autorità non è sempre a disposizione. Si riparte con un aereo più piccolo: passeggeri siamo solo io e Ahuka; il pilota è molto giovane e credo di averlo già visto: è l unico che mette il casco e gli occhiali alla top gun. Ci dice qualcosa sul fatto che deve fare una deviazione sul percorso che prenderà pochi minuti: si parte, poi dopo poco effettivamente effettua un passaggio radente su una pista erbosa di un villaggio, poi, al secondo passaggio, atterra. Oltre agli onnipresenti bambini salutanti, salta fuori un atletico, canuto e glaucocchiuto pilota (la professione me la dice Ahuka) che saluta, prende qualcosa dalla stiva dell aeroplanino, ringrazia e se ne va. Mi chiedo, come sempre: ma cosa ci stanno a fare questi tipi in posti come questi: sono missionari, avventurieri o l una e l altra cosa? Alle 12,30 atterriamo a Mungbere: solita folla ad attenderci, soprattutto bambini, che attraversano la pista come gli spagnoli a Pamplona durante la corrida per le strade. Ad apparecchio ormai fermo un armigero con machete e bastone minaccia i bambini, provocando un fuggi fuggi tra il giocoso e il terrorizzato, che fa vittime tra i bambini più piccoli, per cui il tipo si becca una bella strigliata da una mamma incazzata. Ci vengono a prendere padrefranco e un ragazzo di nome Joseph, che alla fine collego essere il quasi confratello disceso con Ilde. Alla missione c è Irene, bella e sorridente come sempre. Gianmaria ritornerà forse sabato dai suoi viaggi nei dintorni (si fa per dire ). Mangiamo qualcosa alla mensa della missione (riso e pondu -una sorta di pesto fatto coi germogli della manioca-, spaghetti con il tonno e carne)e si fa visita al laboratorio e ai nostri studenti in ospedale. Li rivedo con piacere: sono ordinati e con il camice lindo, addirittura Vincent mi comunica che ha chiamato Eugène il suo ultimo e recentissimo figlio Si rinnovano i

2 saluti e rimango ben impressionato dai microscopi che i ragazzi hanno a disposizione: me li aspettavo più basic, invece devo dire chein Anatomia Patologica a Desio lavoriamo con strumenti peggiori. Faccio loro un breve discorso sulla ragione principale della mia discesa: chiudere il corso facendo una sorta di esame per considerare a che punto di preparazione e di autonomia sono giunti. Dono loro alcune stampe di foto che ho fatto alla mia ultima visita. Ci diamo appuntamento all indomani mattina. Doccia, un po di internet per scrivere e parlare via Skype con la famiglia ed è tempo di cena: il rituale è consueto: ci di trova in portico ad attendere gli altri confratelli, si mangia a buffet e ci si ritrova poi a fare due chiacchiere sulle sedie del portico. Casco dal sonno, quindi alle 8 e 30 sono già in stanza: dormirò come un sasso, nonostante musica e suoni di una televisione ad altissimo volume (ma dove sarà mai?). Giovedì 21 marzo. Sveglia difficoltosa, ore 6 e 30. Alle 7 colazione con Ahuka e gli altri. Tornando agli alloggi, il mio collega (universitario) congolese mi comunica la sua soddisfazione per quanto ha visto e per quanto gli hanno comunicato i ragazzi. La sua ambizione è cresciuta: considera il lato orientale, quello al confine con l Uganda ormai a posto, quindi rilancia con l anatomia patologica in tutto il nord del Congo (anche a Ovest). Mi sembra un poco eccessivo, ma se ne riparlerà insieme a Gianmaria. Alle 8 e 30 i ragazzi sono in laboratorio. Nuovo discorsino e si comincia con 5 vetrini presi dalla casistica che mi sono portato con me: dovranno vederli tutti a turno. Tempo previsto da 2 ore a 2 ore e mezzo. Dico loro di non comunicare le impressioni personali agli altri, anche se non si tratta di esame. Ma si sa, noi universitari siamo subdoli come vipere: sulle loro conclusioni e successive presentazioni saranno valutati eccome! Alle 11,45, dopo avere riguardato nel frattempo il resto della casistica e avere parlato del più e del meno con Irene, gli studenti hanno pressoché finito. Un poco lenti. Scrivo così queste righe. Pranzo. Stavolta, insieme ai fusilli con sugo di carne, braciole di vitello e melanzane, c è un pastone marroncino che mi attira: termiti, mi comunica Joseph in francese. Termiti insetti, intendi? dico io. Si. Proprio loro. Naturalmente assaggio. Sono dolcine, scricchiolano sotto i denti e si riconoscono nell impasto gli addomi a strisce. Naturale l accostamento coi gamberetti. Direi da gustare con salsa coktail e vino bianco secco. Mi viene da dire: ma sono quelle volanti o quelle di terra? Le prime, per me. Più facili da prendere La pausa pranzo è breve: Ahuka, che la mattina ha fatto il giro coi medici dell ospedale, tiene una conferenza a medici e infermiere: quasi tutti l hanno avuto come professore a Kissangani. Aula piena. Argomento: spina bifida e idrocefalo, con tanto di filmato su come si posiziona il catetere encefaloperitoneale. Mi sembra di capire che in ospedale c è un caso e deve operarlo in questi giorni. Veramente bravo: chiaro, misurato, convincente e perfettamente tarato per l auditorio: vuole convincere che si tratta di un intervento facile, per cui lo si faccia, anche all anoalite hospital! E venuto il momento delle correzioni: ciascuno degli alunni presenta un caso agli altri e cerca di convincerli della bontà della loro diagnosi. A parte l aspetto vagamente ludico, importanti per il progetto sono i risultati e sono ansioso di sapere come si siano comportati. Per i lettori non patologi, avverto che le righe che seguono sono per iniziati. Sottolineata la diagnosi della citologia di Desio Caso 1 /HSIL, riconosciuta come tale da quattro di loro. Uno dice AGC. Caso 2/ HSIL: tre HSIL, una ASCH, un inadeguato

3 Caso 3/ LSIL: tre LSIL, due negativi infiammatori Caso 4/negativo con actinomiceti: cinque negativi con infiammazione. Due dicono Herpes e mi sparano davanti tre-cellule-tre da libro. Sono veramente impressionato e lo comunico. Caso 5/negativo-alterazioni riparative: tre LSIL, una ASCUS, una ASCH; è il caso meno compreso e mi riprometto per il giorno dopo di tornarci sopra. Ho già alcune impressioni sui singoli, ma le tengo per me, per ora; domani si ricomincia e li avverto che stavolta il tempo a disposizione non sarà infinito: 15 minuti per preparato. Nel tardo pomeriggio scorgo Ahuka catechizzare i suoi tre (Isaie, Aimee e Bienfait): capisco che parlano dell imminente partenza e del loro futuro professionale. Argomento da approfondire insieme. Poi, comincia a piovere: siamo all inizio di una stagione delle piogge giunta con un po di anticipo. Gli abitanti non hanno fatto in tempo a bruciare i campi per prepararsi alla semina del riso, mi dicono. Cena, chiacchierata nel portico e a casa entro le 20 e 30, prima anche di Carosello. Venerdì 22 marzo L attività intorno alla casa comincia presto: 5 e 30 e suonano campane (chiesa, alloggi dei pigmei ) e si sente vociare di persone. Una donna spazza il marciapiedi pulito dell ingresso. Colazione e trasferimento in laboratorio per la seconda giornata di test: sempre 5 pap test a testa, ma stavolta tempo scandito dalla sveglia del cellulare: 20 minuti (penso di essere generoso, ma c è qualche mugugno). In questo modo posso correggere e discutere i casi entro la fine della mattina. Segue rapporto per citopatologi. Caso 1/HSIL: cinque HSIL Caso 2/Negativo: quattro negativi (uno vede la clamidia), una LSIL-ASCUS Caso 3/Negativo con alterazioni riparative e infiammatorie: due negativi, una ASCUS, due LSIL Caso 4/Negativo con trichomonas: due negativi (con un trichomonas), due LSIL (con un trichomonas), una ASCUS Caso 5/AGC: tre LSIL, una LSIL+AGC, una ASCUS Considerazioni, unite ai risultati di ieri: le HSIL non sembrano problematiche, mentre si tende un po a sovrastimare le alterazioni infiammatorie-riparative, che spesso vengono intese LSIL o ASCUS. Riferendosi ancora ai singoli, due soggetti bene, tre un gradino sotto. Irene, che evidentemente non mi vuole sfaccendato, mi organizza una lezione per le 13 e 30 a medici e infermieri. Opto per una presentazione sul cancro del collo dell utero e necessità della prevenzione. Se speravo in una folla alla Ahuka, resto prontamente deluso: si presentano una infermiera e cinque medici, oltre ad Ahuka, e scopro che il proiettore non è previsto. Ci si arrangia con uno schermo. Sembrano un poco spaesati durante l esposizione e il mio senso dell umorismo, in francese, non fa molta breccia. Alla fine, però, fanno molte domande che non sembrano di cortesia. Subito di seguito due ore dedicate alle lesioni borderline e ASCUS per i ragazzi, che mi sembrano l argomento più ostico, ma non solo per loro. Per l indomani (sabato, prevista solo mattina di lavoro) anticipo la prossima prova. A ciascuno di loro viene assegnato un caso tra i dieci visti: avranno a

4 disposizione 6 foto per documentare il caso e consentire la diagnosi citopatologica a distanza ai colleghi del progetto che ci seguono da casa. Se non ci riescono, vedremo a chi assegnare la colpa. Il caldo piuttosto intenso viene repentinamente mitigato dal temporale serale in arrivo. Dopo un po di mail e notizie, torno al mio alloggio a scrivere. Domani dovrebbe tornare Gianmaria in moto da Isiro: 140 km in sei ore per uno abituato. La tratta che potrei fare se la pista dell aeroporto si allaga ( a Isiro è in cemento, non in erba come a Mungbere; come paragonare FlushingMeadows a Wimbledon). Ma se si allaga la pista, si allaga anche la strada. Forse esagero con i timori. Argomento clou della cena: incidenti e investimenti sulle strade del posto. Ciascuno dei confratelli racconta storie tragiche, mano a mano più raccapriccianti. L ultima è il paralitico gettato sotto l auto di un occidentale dai parenti per avere un po di denaro (giustificazione: almeno serve a qualcosa!) Nel dopocena si passa alle abitudini voluttuarie dei pigmei, dalla distillazione di alcool da riso, banane, mais o altro, alle colture di una sorta di canapa locale. Sabato 23 marzo Mattina di lavoro, quindi svegli a e colazione come solito. In laboratorio, al mio arrivo, i ragazzi sono già al lavoro per assemblare i casi in foto; forse ho comunicato loro un poco di ansia. Anche io e Ahuka però non possiamo restare sfaccendati: è in previsione per le 13 e 30 un nuovo incontro in aula adiacente con medici e infermiere. Ho a disposizione mezzora per spiegare pap test e quanto stiamo combinando. Ahuka, invece parlerà della schisi labiale. I ragazzi finiscono, inviano le foto ai docenti italiani (Sergio, Daniela, Ilde) e anche al sottoscritto; apro i loro lavori e li commento davanti allo schermo. Qualità delle foto discreta, ma disomogenea, scelta dei campi in generale buona. Sentiremo cosa rispondono gli altri. Mentre pranziamo, il rombo di un due tempi preannuncia l arrivo di Gianmaria. Non è neppure troppo infangato: la pioggia lo ha lavato abbondantemente. Brevi convenevoli e si torna a tavola. Ora 13 e 30, relazione: pubblico più numeroso, come al solito impermeabile a qualunque tentativo di mettere la cosa sul simpatico. Sono comunque attenti, seguono il discorso e alla fine qualche domanda. Mentre Ahuka attacca, mi ritiro fuori dall aula con Gianmaria per fare un poco il punto della situazione. Mi comunica che è stato rinnovato il finanziamento per il secondo anno di progetto. Ci passiamo due impressioni, ma rimandiamo a dopo (sarà per domenica pomeriggio, insieme a Ahuka) le decisioni. Pomeriggio di riposo, cena e a letto. Domenica 24 marzo E Domenica delle Palme (desrameaux). In programma processione e messa a partire dalle 7. Tutti portano rami di palma, alcuni intrecciati insieme a fiori. Irene mi confeziona una piccola fronda. Il ritrovo è davanti all ingresso dell ospedale, dove le palme vengono benedette, poi si va a in processione a messa, che, tra canti e balli, terminerà alle 9 e 30. La messa è in lingua locale: intuisco i momenti consueti, capisco che al vangelo si recita la Passione di Cristo a più voci; all Offertorio, oltre al denaro, arrivano frutti, canne da

5 zucchero, un pollo; agli avvisi, si allertano i presenti sulla lezione di Ahuka per martedì pomeriggio. Argomento: il cancro. Dalla cura con cui la sta preparando, credo sarà un avvenimento: spero che mi passi la presentazione o la voglia fare su Telesa per permetterci di diffonderla. Prima di pranzo, Irene, Ahuka (che ha espresso il desiderio di comprare della carne da portare a suoi) e il sottoscritto fanno visita al mercato. L ho già esplorato l anno scorso: nella parte alimentare i banchetti sono occupati da frutti (banane, limoni, papaja tra i riconoscibili), verdure (aglio, cipolle), scatolame, pesci secchi e, effettivamente, carni. Con 20 dollari (previamente cambiati in moneta locale) Ahuka si procura pezzi di cinghiale, scimmia e di altri animali non traducibili. Sono secche e nerastre, bruciacchiate superficialmente per la loro conservazione. Faccio foto, stringo mani e poi si torna col bottino, da fare ulteriormente seccare al sole. Stranamente non compro nulla. Nel primo pomeriggio ci si ritrova nel laboratorio con Ahuka e Gianmaria per mettere a punto il prosieguo del progetto. Viene riassunto di seguito per punti: 1. A eccezione di Vincent, gli altri partono. 20 giorni ancora per impratichirsi con il sistema di refertazione, non ancora rodato. Destinazione: Kissangani (Aimée), Beni (Isaie), Mambasa (Joseph), Goma(Bienfait). Ciascuno si porta dietro microscopio e notebook. Ahuka avverte di redigere uno scritto in cui sia indicato che la proprietà delle attrezzature resta dell organizzazione e non passa ai citologi. Si scriverà una sorta di attestato di frequenza al corso su carta intestata firmato da noi tre (o solo da Gianmaria se si parte prima). Delle sistemazioni lavorative di Aimée, Isaie e Bienfait si occupa Ahuka; per Joseph garante è Gianmaria. Attualmente materiale di consumo è disponibile solo per uno di loro (si è ancora in attesa della fornitura ordinata due volte in Bio-optica e fermata per vizi di imballaggio in quanto merce pericolosa). Il materiale andrà con Bienfait. Anoalite- Mungbere sarà ancora lo snodo di distribuzione del materiale, che venga dall Italia o dall Uganda (sentire Dell Antonio) 2. Prevedibile la necessità di nuovi accessi di docenti l anno prossimo (indicativamente due per anno, si comincia intorno a settembre). Corso di ripasso e aggiornamento a Mungbere. Sono i citologi a muoversi dalle loro sedi per tornare a Mungbere. Naturalmente didattica on line nel frattempo. 3. Contemporaneamente parte l istologia. Si comincia comunque a Mungbere. Necessitano un tecnico di istologia (Giorgio?) che venga a formare almeno una unità di personale, una centralina da inclusione, un microtomo e infine uno scanner, sperando nella banda larga. Forse si può prevedere la processazione a mano per il primo periodo. 4. Preparazione di un medico alla funzione di patologo: l ipotesi Moise è ancora tiepida, ma rischia di non concretizzarsi. Si cercherà qualche altro candidato. Il patologo giovane di Goma sarà contattato e si collaborerà con lui, ma sia Ahuka sia Gianmaria si attendono che abbia già i suoi referenti cui rendere conto (Kinshasa, possibilmente). 5. Ahuka propone la citologia itinerante per raggiungere le atre sedi sprovviste di servizio, fino al nord-ovest (Equateur), ancora messo peggio della Provincia Orientale. 6. Gianmaria propone di pensare a raddoppiare i citologi nelle sedi staccate, per avere un eventuale ricambio 7. Ahuka contatterà i suoi colleghi medici per sensibilizzare gli ambienti all esecuzione del paptest. 8. Gianmaria chiede sistemazione di archivio dei vetrini. Finita la discussione, Gianmaria ci porta al project, una proprietà della missione appena fuori Mungbere, dove si allevano vacche e si fanno vari esperimenti di coltivazione: l ultimo, gli ananas, è terminato per opera delle vacche stesse, vere buongustaie. Ora si tenta con una bananiera da foglie (non da frutti) per

6 nutrire gli armenti nella stagione secca. Invece va avanti, più lontano, la coltivazione degli alberi da biogasolio. Ad aprile arriva un generatore che appunto funziona abiogasolio e si cercheranno di modificare gli iniettori degli altri motori, compreso il trattore. Alla sera, guarda caso, temporale, che stavolta ci sorprende prima di entrare in casa. Cena e dopocena con crepes alla nutella fatte da Irene, cioccolatini, grappa Piave e un amaro locale. Domani giorno ufficiale di esame. Lunedì 25 marzo Opto per una ventina di domande a quiz e poi prova pratica con un singolo vetrino a ciascuno, da refertare e da presentare. Andamento un poco lento per le mie aspettative, ma risultati buoni, compresi tra 15 e 19 risposte esatte per quanto concerne lo scritto. Il pomeriggio prova pratica su vetrino, direi per tutti piuttosto bene. Discorso finale motivazionale e di incoraggiamento del sottoscritto e di Ahuka (sicuramente meglio), applausi e ci si vede domani. Nel tardo pomeriggio, riguarda caso, temporale, ma per fortuna pioggia, tuoni e fulmini cessano prima di sera, ora dell incontro plenario via Skype con gli altri partecipanti italiani del progetto. Qualche facezia e un po di discussione, passando dall italiano al francese e viceversa. Bella arringa di Ahuka per sostenere i suoi argomenti. La compagine italiana si dà appuntamento al mio ritorno. Martedì 26 marzo Ultimo giorno di permanenza in Congo: domani mattina si faranno i bagagli in attesa dell aeroplano. Mattina con i ragazzi a limare un poco le ultime cose: microscopi, foto, qualche striscio. Gli esami, per ora, sono finiti. Ahuka, insieme a Gianmaria, deve operare due bimbi con idrocefalo, poi terrà la sua conferenza alla popolazione sul cancro in Africa, da riproporre stasera su Telesa. Mi sembra che i ragazzi, soprattutto i partenti, siano un poco irrequieti sul viaggio che li attende e sul loro futuro. Dopo pranzo, conferenza di Ahuka, nella vecchia cappella semidiroccata, accanto alla chiesa, dove tutto puzza di pipistrelli (mi assicura Gianmaria). La gente arriva alla spicciolata e, a lezione già iniziata, la cappella si riempie; direi persone, tra cui riconosco un po di personale, medico e non, dell ospedale, poi donne, uomini e molti bambini. Conferenza in francese con traduzione simultanea in lingala, curata da padre Franco che, a mio parere, aggiunge del suo e colorisce le cose. AhuKa sceglie diapositive di impatto: tumori devastanti e corpi massacrati per stimolare allo screening (da fare in ospedale) e alla prevenzione (bacco, tabacco e venere). Scopro che un pap test, all Anoalite, costa 1150 franchi congolesi (un dollaro). Un oretta pur con traduzione e molte domande. Finale poco ecumenico di padre Franco che mette tutti in piedi e fa concludere con una preghiera. Alla fine Bienfait, Isaie e Aimée in processione da Ahuka per essere ancora rassicurati. Li lascio dopo un po in intimità perché possano parlare di cifre. La sera, alle 19, cena di saluto. Irene si supera spignattando tutto il pomeriggio. Nel cortile antistante gli alloggi ci troviamo in dieci: oltre al sottoscritto, Irene, Gianmaria, Ahuka e i cinque nostri ragazzi. L imbucato è padre Carlos, medico, messicano e simpaticissimo. Menu: patate, manioca (fufu), pollo arrosto, piselli in maionese, banane fritte, un notevolissimo polpettone di pesce e semi di zucca (nome non

7 rimasto in mente), seguito da 10-bottiglie-10 di birra da 2/3. Considerando che molti bevono con moderazione, me compreso, e Vincent affatto, si capisce che nel gruppo sono compresi degli efficientissimi bevitori. Complice l alcool e i racconti di fratello Carlos sulle sue avventure da medico di frontiera alle prese con ribelli, banditi e malati pittoreschi, si ride molto, interrotti solo per poco dalle urla provenienti dall ospedale di una mamma che ha perso il suo bimbo. E la terza volta che sono qui e la terza che avviene la cosa. Sapremo poi che si tratta di un bimbo affetto da tumore, di nome Efrem, forse un nefroblastoma. La su a mamma era alla conferenza di Ahuka. Prima delle nove si torna in ospedale per registrare sulla piattaforma internet di Telesa la conferenza di Ahuka. Tra qualche problema di connessione e qualche interruzione, si porta a termine la cosa. Mi sembra che i partecipanti dall Italia (Sergio, Ilde e Stefano) siano ben impressionati dalle doti oratorie del nostro docente locale. Si va a letto alle 23. Troppo tardi per queste parti, dove ci si sveglia alle cinque. Mercoledì 27 marzo Sveglia e colazione come sempre, ma si cominciano a salutare quanti si incontrano. D obbligo una puntata in laboratorio, dove si tiene il rituale delle foto e dei saluti coi ragazzi. Speriamo di avere ben seminato. L arrivo dell aereo è previsto per le 9 e, forse per l avvicinamento particolarmente silenzioso, la chiamata per l aeroporto ci sorprende un po. Arrivati, aereo più grande del solito, con due piloti. Io e Ahuka scopriamo che sarà un lungo giro, con fermate plurime stile metrò: nell ordine Isiro (aeroporto simile a Bunia, con pista asfaltata), Dongo (verso il Sudan, in terra battuta ed erba), Doko (sempre terra battuta, la città dei cercatori d oro), Uasa (villaggio con pista stile Mungbere) e infine Bunia, dopo 5 ore buone di volo e attraversamento di un bel temporalone. A Bunia il solito cinema per capire quanto debba pagare per le consuete gabelle locali incomprensibili. In due riprese mi chiedono un totale di 141 dollari, lasciandomi ricevute per 91. Mi incazzo un poco, spalleggiato da Ahuka, e mi arriva il foglietto scritto a penna con la firma del perfetto sconosciuto che mi ha taglieggiato lo conserverò! Saluto Ahuka un poco troppo in fretta. Volo su Entebbe tra nuvole e arcobaleni. Arrivato, sosta doverosa in area transito, dove una francese grintosa e acidognola velocizza le pratiche. In verità, se ti rassegni a consegnare passaporto e bagaglio senza capire dove mai stiano andando, con calma dovuta, alla fine il servizio è ineccepibile: bagaglio preso in carico subito e carte d imbarco fino a casa. Meglio che a Linate. A casa mi aspetta il punto della situazione con gli altri e il lavoro lasciato sospeso, mitigato dal lungo fine settimana di Pasqua. Arrivederci all anno prossimo

Diario Congolese Mungbere Giugno 2015 di Ilde Cicchinelli

Diario Congolese Mungbere Giugno 2015 di Ilde Cicchinelli Diario Congolese Mungbere Giugno 2015 di Ilde Cicchinelli Il Progetto Congo continua, a distanza di due anni torno a Mungbere questa volta la permanenza sarà di quindici giorni. Partenza 23 Guigno 2015

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

Indice analitico. Il tempo e i numeri

Indice analitico. Il tempo e i numeri Indice analitico Il tempo e i numeri Esercizio 1 e 2 Il lunedì il parrucchiere è chiuso Il martedì faccio la spesa Il mercoledì accompagno i bambini in piscina Il giovedì c è mercato Al venerdì vado alla

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 414 Bergamo Tel 03543373 Fax: 0357033- www.darosciate.it e-mail: segreteria@darosciate.it -

Dettagli

IRINA E GIOVANNI. La giornata di Irina

IRINA E GIOVANNI. La giornata di Irina IRINA E GIOVANNI La giornata di Irina La mia sveglia suona sempre alle 7.00 del mattino: mi alzo, vado in bagno e mi lavo, mi vesto, faccio colazione e alle 8.00 esco di casa per andare a scuola. Spesso

Dettagli

La Gazzetta di Emmaus

La Gazzetta di Emmaus E D I T O R E E M M A U S S P A A N N O 2 N U M E R O 2 2 La cucina dai sapori africani S O M M A R I O In Prima 1 Pulizie 2 Eventi 3 Manutenzione 3 Articolo 4 Fashion Pazzi di caffè 5 La cucina è il settore

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la lettera A, B o C corrispondente alla risposta scelta. Esempio

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Bambini. Università per Stranieri di Siena.

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Bambini. Università per Stranieri di Siena. Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor!

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015 Canto d'inizio: 1 TERRA TUTTA DÀ LODE A DIO R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! 1. Servite Dio nell allegrezza, 2. Sì, il Signore

Dettagli

Esercizi il condizionale

Esercizi il condizionale Esercizi il condizionale 1. Completare secondo il modello: Io andare in montagna. Andrei in montagna. 1. Io fare quattro passi. 2. Loro venire da noi. 3. Lui prendere un caffè 4. Tu dare una mano 5. Noi

Dettagli

ESERCITAZIONE SUL LAVORO DI GRUPPO BLOCCATI NELLA NEVE

ESERCITAZIONE SUL LAVORO DI GRUPPO BLOCCATI NELLA NEVE In questo esercizio esplorerete il concetto di sinergia di team. Lavorando dapprima individualmente e successivamente in team, sarete in grado di valutare la forza del gruppo nel modificare o rinforzare

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

200 Opportunities to Discover ITALIAN. www.second-language-now.com

200 Opportunities to Discover ITALIAN. www.second-language-now.com BASIC QUESTIONS 200 Opportunities to Discover ITALIAN Basic Questions Italian INDICE 1. SEI CAPACE DI?...3 2. TI PIACE?...4 3. COME?...5 4. QUANDO?...6 5. CHE?...7 6. COSA?...8 7. QUALE?...9 8. QUANTO?...10

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore Io l ho risolta così dritte di conciliazione da genitore a genitore La fretta e l ansia già di prima mattina Il problema: essere di corsa, e in ritardo, già alle otto di mattina. Sveglia alle 7.30, mezz

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Io/tu/lei/lui noi voi loro

Io/tu/lei/lui noi voi loro CONGIUNTIVO PARTE 1 I verbi regolari. Completa la tabella: comprare finire mettere prendere mangiare aprire chiudere partire parlare cantare scrivere trovare vivere cercare dormire preferire abitare capire

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Mio figlio ha ricevuto in

Mio figlio ha ricevuto in Appunti di una Lego terapia Mio figlio ha ricevuto in regalo per i suoi 5 anni la casetta Lego. Consiglio di acquistarlo per le sue potenzialità psicopedagogiche. Il piccolo G. ha subito proiettato se

Dettagli

Ti presentiamo un testo che parla della figura del mediatore culturale. Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire il testo.

Ti presentiamo un testo che parla della figura del mediatore culturale. Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire il testo. Unità 3 Una nuova professione: il mediatore culturale CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi scritti in cui si parla della figura del mediatore culturale parole relative alla mediazione

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

Federica Danesi federica.danesi@unife.it. Telelavoro: perché? Ferrara, 27/10/2014

Federica Danesi federica.danesi@unife.it. Telelavoro: perché? Ferrara, 27/10/2014 Federica Danesi federica.danesi@unife.it Telelavoro: perché? Ferrara, 27/10/2014 Com è cominciata Ho due bimbe, una di 6 e l altra di 2 anni, mio marito spesso lavora fuori città e da febbraio 2013 IO

Dettagli

Puoi abbonarti inviando il tuo indirizzo postale e versando la somma indicata con un bonifico bancario a CSVVA iban IT30M0542850180000000089272

Puoi abbonarti inviando il tuo indirizzo postale e versando la somma indicata con un bonifico bancario a CSVVA iban IT30M0542850180000000089272 Sped. in abb. postale - 70% Fil. di Varese. TAXE PERÇUE. Euro 8,00 GENNAIO/FEBBRAIO 2015 - n. 347 La Rivista dei Volovelisti Italiani Caro volovelista, ti invio in omaggio una copia dell ultima rivista

Dettagli

Scegliete la risposta che corrisponde maggiormente a ciò che voi fareste nella situazione descritta.

Scegliete la risposta che corrisponde maggiormente a ciò che voi fareste nella situazione descritta. Cognome : Nome: Data : Istruzioni Sono state elaborate sotto forma di questionario a scelta multipla alcune tipiche situazioni professionali dell assistenza domiciliare. Vengono proposte tre situazioni

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Livello CILS A1. Test di ascolto

Livello CILS A1. Test di ascolto Livello CILS A1 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

5 Campus a San Marino 2 Campus per Adolescenti 54 corsi per allievi con DSA 4 Forma Campus 32 corsi per genitori, insegnanti, tecnici

5 Campus a San Marino 2 Campus per Adolescenti 54 corsi per allievi con DSA 4 Forma Campus 32 corsi per genitori, insegnanti, tecnici Luca Grandi Il ruolo dell'informatica nella didattica nei DSA: Strumenti compensativi Progetto Informatica per l autonomia (2001/2008) 5 Campus a San Marino 2 Campus per Adolescenti 54 corsi per allievi

Dettagli

ITALIENSKA NIVÅTEST Grund Sid 1(3)

ITALIENSKA NIVÅTEST Grund Sid 1(3) Grund Sid 1(3) Namn: Poäng: Nivå : Adress: Tel: Le parole seguenti sono in disordine. Rimettetele in ordine in modo da formare una frase dotata di senso. Esempio: A / il / comincia / ora / film / che /?

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

Seconda parte Trovami

Seconda parte Trovami Seconda parte Trovami Dal diario di Mose Astori, pagina 1 Dovrei iniziare questo diario inserendo la data in cui sto scrivendo, e poi fare lo stesso per ogni capitolo successivo, in modo da annotare il

Dettagli

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici Dott.ssa Monica Dacomo Attività per la scuola secondaria di I grado Chi o cosa provoca le nostre emozioni? Molti pensano che siano le altre

Dettagli

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Cognome : Nome : Data : Istruzioni Non si tratta di una valutazione. Si tratta di individuare le proprie competenze

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra.

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Che puzza extragalattica c è qui!. Il mio mondo è bello,

Dettagli

UBICAZIONE DEL LICEO MUSICALE G. VERDI IN VIA SAN MARCO E COMPATIBILITÀ CON IL PIANO DI STUDIO DEGLI ALLIEVI: PROBLEMI RILEVATI

UBICAZIONE DEL LICEO MUSICALE G. VERDI IN VIA SAN MARCO E COMPATIBILITÀ CON IL PIANO DI STUDIO DEGLI ALLIEVI: PROBLEMI RILEVATI Milano, 3 Novembre 2014 UBICAZIONE DEL LICEO MUSICALE G. VERDI IN VIA SAN MARCO E COMPATIBILITÀ CON IL PIANO DI STUDIO DEGLI ALLIEVI: PROBLEMI RILEVATI Uno dei più grandi punti di forza del Liceo Musicale

Dettagli

ATTIVITÀ 1 INTERAZIONE SCHEDA Nº 1

ATTIVITÀ 1 INTERAZIONE SCHEDA Nº 1 ATTIVITÀ 1 INTERAZIONE SCHEDA Nº 1 Tempo per la preparazione: 1 minuto Durata dell intervento tra di due candidati: minimo 4 minuti - massimo 5 minuti CANDIDATO/A A VACANZE IN EUROPA Ha deciso di visitare

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Scuola dell'infanzia Cibeno Pile Scuola Primaria don Lorenzo Milani. L'ALFABETO delle fiabe si fa GIOCO

PROGETTO CONTINUITÀ. Scuola dell'infanzia Cibeno Pile Scuola Primaria don Lorenzo Milani. L'ALFABETO delle fiabe si fa GIOCO PROGETTO CONTINUITÀ Scuola dell'infanzia Cibeno Pile Scuola Primaria don Lorenzo Milani L'ALFABETO delle fiabe si fa GIOCO I primi giorni di aprile, tornati dalle vacanze di Pasqua, il postino ci porta

Dettagli

IN COMUNE UNITÁ 8. (allo sportello)

IN COMUNE UNITÁ 8. (allo sportello) IN COMUNE Sanit: Bogosò: Sanit: Bogosò: Sanit: Bogosò: Sanit: Ciao, Bogosò, come stai? Io sto bene e tu? Questi sono i miei bambini: Fortunato e Faduma. La mia bambina, invece, è a casa. Che cosa fai in

Dettagli

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 1 1 Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 2 Pag 3 La nonna: è il capostipite della famiglia Cantona, insieme al cognato Nicola ha aperto il pastificio di famiglia e lo ha gestito con

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 10 I RISTORANTI A BOLOGNA A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 I RISTORANTI A BOLOGNA 1 DIALOGO PRINCIPALE A- Buonasera. B- Buonasera, avete

Dettagli

La notte è ormai prossima e, a metà percorso, occorre accendere le luci.

La notte è ormai prossima e, a metà percorso, occorre accendere le luci. Tempo splendido e una temperatura eccezionale hanno caratterizzato questo weekend autunnale in una valle sconosciuta ai più. Da Torino e provincia partiamo in tre (Marina, Piero ed io) per questa nuova

Dettagli

Comprendere e analizzare

Comprendere e analizzare PARTE PRIMA Il viaggio CAPITOLO 1 Comprendere e analizzare 1. Viki non riesce a capire la sua collocazione all interno della società italiana ed europea. Il padre gli spiega che «non tutti gli europei

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Aggettivi possessivi

Aggettivi possessivi mio, mia, miei, mie tuo, tua, tuoi, tue suo, sua, suoi, sue nostro, nostra, nostri, nostre vostro, vostra, vostri, vostre loro, loro, loro, loro Aggettivi possessivi L'aggettivo possessivo è sempre preceduto

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

1. Usa le parole per creare i superlativi relativi. Attenzione alle concordanze. Es.: Gatti/animali/agile/terra.

1. Usa le parole per creare i superlativi relativi. Attenzione alle concordanze. Es.: Gatti/animali/agile/terra. 1. Usa le parole per creare i superlativi relativi. Attenzione alle concordanze. Es.: Gatti/animali/agile/terra. I gatti sono gli animali più agili della terra. 1. Gianni/bambino/bravo/classe 2. Barbara/ragazza/

Dettagli

DOCUMENTAZIONE PROGRAMMAZZIONE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA PONTE DELLA VENTURINA A.S. 2014/2015

DOCUMENTAZIONE PROGRAMMAZZIONE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA PONTE DELLA VENTURINA A.S. 2014/2015 . DOCUMENTAZIONE PROGRAMMAZZIONE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA PONTE DELLA VENTURINA A.S. 2014/2015 MOTIVAZIONI La consapevolezza che nei bambini della scuola dell infanzia sia necessario diffondere la

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

TEST DI ITALIANO L2 LIVELLO A2

TEST DI ITALIANO L2 LIVELLO A2 Cognome e nome:. Data:.. TEST DI ITALIANO L2 LIVELLO A2 1. Scrivi i nomi sotto le immagini............. 1 2. Completa le frasi. Prendo due chili di Per fare la torta devo comprare anche le Per favore,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE?

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE? SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 PROGETTO SCIENTIFICO di Marica Loppo Gruppo anni 5 LA MEMORIA è una GRANDE CASA in cui si depositano le informazioni recuperate con l aiuto dei sensi (LE FINESTRE)

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI Maggio-Giugno Le campane nel campanile suonano a festa. E risorto Gesù E Pasqua senti come suonano allegre! ascoltiamole Queste suonano forte! Maestra perchè

Dettagli

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1 All. 1 1 All. 2 2 All. 3 Visione I sequenza: La partenza I. Chi sono queste persone? Che cosa fanno? Come sono? E. sono i parenti e gli amici. X. Sono contenti perché sperano che trovano lavoro. E. stanno

Dettagli

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita)

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) Credevo di essere pronta a questa esperienza. Credevo di essere pronta a passare un intero mese dall altra

Dettagli

Persone coinvolte: tutti i bambini e le insegnanti Tempi: febbraio-marzo Spazi: cappella, sezioni e laboratorio

Persone coinvolte: tutti i bambini e le insegnanti Tempi: febbraio-marzo Spazi: cappella, sezioni e laboratorio Motivazioni Dopo aver scoperto come Gesù cresceva, aiutava la sua mamma e Giuseppe imparando il mestiere del falegname, ora vogliamo conoscerlo quando, da grande, lasciò la sua casa per andare tra la gente

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Classi 3-5 II Livello SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Motivazione: una buona capacità comunicativa interpersonale trova il suo punto di partenza nel semplice parlare e ascoltare

Dettagli

TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO A2 (Elementare 3)

TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO A2 (Elementare 3) Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO A2 (Elementare 3) 1. Completa il testo con gli articoli e le desinenze dei nomi e degli aggettivi. Le tendenze alimentari italiane. Quali sono le mode alimentari

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

Gli orari e i servizi

Gli orari e i servizi INfanzia IN fiore Le Scuole dell infanzia di Attraverso esperienze reali impariamo le norme e i comportamenti da adottare in caso di pericolo I progetti Gli esperti Sportello psicologico una psicologa

Dettagli

L ESAME PER LA PATENTE

L ESAME PER LA PATENTE L ESAME PER LA PATENTE Abdelkrim.: Ciao, Mario. Mario: Ciao, Abdelkrim. Dove vai? Abdelkrim: Sono stato a fare l esame per la patente. E tu? Mario: Vado a fare i documenti perché anch io devo fare la patente.

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

MATRICOLA SCUOLA NAZIONALITA 14 LUGLIO 2014 - TEST D ITALIANO LIVELLO A1

MATRICOLA SCUOLA NAZIONALITA 14 LUGLIO 2014 - TEST D ITALIANO LIVELLO A1 ANNO ACCADEMICO 2013-2014 COGNOME NOME MATRICOLA SCUOLA NAZIONALITA 14 LUGLIO 2014 - TEST D ITALIANO TEMPO MASSIMO PER LA CONSEGNA DELLA PROVA: 90 MINUTI 1.Inserisci gli articoli determinativi corretti.

Dettagli

CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009

CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009 CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009 Presso la scuola media Consiglieri, insegnante ed eventuali operatori esterni 6/7 incontri all anno 1 Consapevolezza diritti e doveri 2 Funzioni propositive

Dettagli

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati Le storie di Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati 1 Un messaggio scontato FIRENZE, IN UN POMERIGGIO D INVERNO. MATILDE È NELLA SUA CAMERA. Uffa! Ma quando finiscono questi compiti? Sono quasi le

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli