Schede di sicurezza delle lavorazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Schede di sicurezza delle lavorazioni"

Transcript

1 Pagina 108 PROGETTO DI VALORIZZAZIONE E RECUPERO DELLA REGGIA DI VENARIA REALE E DEL BORGO CASTELLO DELLA MANDRIA Viale Carlo Emanuele II Venaria Reale Attuazione Decreto Legislativo 81/2008 D.Lgs. 106/2009 muro castellamontiano e realizzazione Schede di sicurezza delle lavorazioni

2 Pagina 109 INDICE DELLE SCHEDE DI SICUREZZA DELLE LAVORAZIONI ALLESTIMENTO DI CANTIERE 111 OPERE A VERDE, RIMOZIONE DELLO STRATO SUPERFICIALE DEL TERRENO CON MACCHINE OPERATRICI 115 INDAGINI E VALUTAZIONI DEL TERRENO. TRIVELLAZIONI E PRELIEVO DI CAMPIONI, PROVE PENETROMETRICHE 116 RECINZIONE CON PANNELLI METALLICI IN RETE ELETTROSALDATA E BASI DI CEMENTO 117 SCARICO E STOCCAGGIO DEI MATERIALI 119 ALLESTIMENTO, MONTAGGIO E USO DI PONTEGGI MOBILI SU CAVALLETTI 120 PONTEGGI METALLICI A MONTANTE, MONTAGGIO E SMONTAGGIO 122 ALLESTIMENTO DI BASAMENTI PER BARACCHE E MACCHINE 124 MONTAGGIO BARACCHE 126 ALLESTIMENTO DI PROTEZIONI SULLE APERTURE PROSPICIENTI IL VUOTO 128 ASSISTENZA PER LA REALIZZAZIONE IMPIANTO IDRAULICO DI CANTIERE 129 ALLESTIMENTO DI VIE DI CIRCOLAZIONE PER UOMINI E MEZZI 130 SISTEMAZIONE DELLA VIABILITÀ PER LE PERSONE (PASSERELLE, ANDATOIE, PERCORSI OBBLIGATI, ECC.) 132 SBANCAMENTO CON MACCHINE OPERATRICI E AUTOCARRO 134 FONDAZIONI SPECIALI PARATIE, PERFORAZIONI 136 FONDAZIONI SPECIALI PARATIE, INFILAGGIO DEI FERRI 138 FONDAZIONI SPECIALI PARATIE, INIEZIONI DI MISCELA CEMENTIZIA 140 FONDAZIONI SPECIALI PARATIE, TESATURA DEI FERRI 141 FONDAZIONI SPECIALI MICROPALI, TRASPORTO IN LUOGO DI MATERIALI E MEZZI 143 FONDAZIONI SPECIALI MICROPALI, PERFORAZIONI E INFISSIONE DELLE TUBAZIONI 145 FONDAZIONI SPECIALI MICROPALI, INIEZIONI DI MISCELA CEMENTIZIA 146 FONDAZIONI VESPAIO, MURETTI, TAVELLONI, RETE ELETTROSALDATA E GETTI DI CALCESTRUZZO CON AUTOPOMPA 148

3 Pagina 110 MALTE CONFEZIONATE CON BETONIERA A BICCHIERE ELETTRICA 150 INSTALLAZIONE DELLA MACCHINA PIEGAFERRI 152 STRUTTURE - CASSERATURE IN LEGNO 154 STRUTTURE DISARMI E PULIZIE 157 REALIZZAZIONE DI MASSETTO IN CALCESTRUZZO PER LA FORMAZIONE DI PENDENZE 159 LAVORAZIONI DA FABBRO PER LA REALIZZAZIONE DELLA SCALA 161 OPERE IN FERRO 164 ESECUZIONE FONDAZIONI POSA DEL FERRO LAVORATO 166 MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER EFFETTUARE RIEMPIMENTI, SPOSTAMENTI, RILEVATI 169 GETTO DEL CALCESTRUZZO CON AUTOBETONIERA E AUTOPOMPA 170 STRUTTURE VERTICALI POSIZIONAMENTO DI STRUTTURE PREFABBRICATE 172 PREFABBRICATI POSA DI TRAVI E TAVOLATI IN LEGNO 174 MURATURE IN MATTONI PIENI 176 LAVORAZIONE E POSA DI TUBI IN PVC 178 FINITURE POSA DI RINGHIERE SULLE SCALE, SUI PIANEROTTOLI E SULLE PASSERELLE 180 RINTERRI ESEGUITI CON MACCHINE OPERATRICI 182 SMONTAGGIO DELLA RECINZIONE E DELLE BARACCHE 183 SMONTAGGIO DI ANDATOIE, PARAPETTI, IMPALCATI SUI POSTI FISSI DI LAVORO, ECC. 185 OPERE A VERDE, RIPORTO DEL TERRENO DI COLTURA 187 OPERAZIONI DI DISALLESTIMENTO DEL CANTIERE 188 MACCHINA PERFORATRICE PER MICROPALI 190

4 Pagina 111 Allestimento di cantiere Attività e Possibili rischi Mezzi in uso connessi Mazza, Contatti con le piccone, attrezzature. pala ed attrezzi d uso comune: martello, pinze, tenaglie, chiavi. Autocarro, autocarro con rimorchio Autocarro con braccio idraulico o autogrù Urto, investimento, schiacciamento Ribaltamento del mezzo. Investimento di materiali scaricati per ribaltamento del cassone Contatto con gli elementi in movimentazione. Caduta di materiali dall alto. Schiacciamento a carico dell impresa protezione individuale (guanti e calzature di sicurezza) con relative informazioni all uso. Impartire istruzioni in merito alle priorità di montaggio, ai sistemi di stoccaggio, accatastamento e conservazione degli elementi da montare. Predisporre adeguati percorsi per i mezzi. Segnalare la zona interessata all operazione. I percorsi non devono avere pendenze trasversali eccessive. Fornire informazioni ai lavoratori. protezione individuale (caschi, scarpe antinfortunistiche). Vietare ai non addetti alle manovre l avvicinamento alle rampe ribaltabili. protezione individuale (guanti, calzature di sicurezza e casco) con relative informazioni all uso. protezione individuale (casco antinfortunistico) con relative informazioni all uso. Segnalare la zona interessata all operazione. Nelle operazioni di scarico degli elementi impartire precise Verificare con frequenza le condizioni degli attrezzi con particolare riguardo alla solidità degli attacchi dei manici di legno agli elementi metallici. Attenersi alle istruzioni ricevute in merito alle priorità di montaggio. Tenersi a distanza di sicurezza dai mezzi operativi in movimento. Prestare attenzione alle segnalazioni acustiche o luminose ed alla segnaletica di sicurezza. Rispettare i percorsi indicati. Tenersi a distanza di sicurezza. Indossare i dispositivi di protezione individuale forniti. I non addetti alle manovre devono mantenersi a distanza di sicurezza. Gli addetti alla movimentazione di rampe manuali devono tenersi lateralmente alle stesse. Le imbracature devono essere eseguite correttamente. Nel sollevamento dei materiali seguire le norme di sicurezza esposte. Usare idonei dispositivi di Nella guida dell elemento in sospensione si devono

5 Pagina 112 Macchine ed attrezzature varie Macchine operatrici (escavatore e sim.) Caduta della betoniera dal piano inclinato del mezzo di trasporto. Movimentazione manuale dei carichi. Investimento per caduta di pannelli o di altri elementi. Rovesciamento Movimentazione manuale dei carichi. indicazioni e verificarne l applicazione. Usare tavole con spessore di 5 cm e di lunghezza adeguata per dare una pendenza non eccessiva al tavolato. Inchiodare le tavole con dei traversi per evitare che si scostino. Impartire tempestivamente agli addetti le necessarie informazioni per la corretta movimentazione di carichi pesanti o ingombranti. Predisporre sistemi di sostengo nella fase transitoria di montaggio. protezione individuale (caschi, scarpe antinfortunistiche). Vietare la presenza di persone presso le macchine in manovra. Impartire agli addetti le necessarie informazioni per la corretta movi-mentazione di carichi pesanti e/o ingombranti. Investimento. Segnalare le zone d operazione. usare sistemi che consentano di operare a distanza di sicurezza (funi, aste, ecc.). Non permanere o transitare davanti alla betoniera nella fase di discesa dal mezzo di trasporto. Rispettare le istruzioni ricevute per un esatta e corretta posizione da assumere nella movimentazione dei carichi. Per carichi pesanti e/o ingombranti la massa va movimentata con l intervento di più persone al fine di ripartire e diminuire lo sforzo. Seguire le disposizioni impartite. Indossare i dispositivi di protezione individuale forniti. Tenersi lontani dalle macchine in manovra. Rispettare le istruzioni ricevute per un esatta e corretta posizione da assumere nella movimentazione dei carichi. Per carichi pesanti e/o ingombranti la massa va movimentata con l intervento di più persone al fine di ripartire e diminuire lo sforzo. Tenersi a distanza di sicurezza dai mezzi operativi in movimento. Prestare attenzione alle segnalazioni acustiche e/o luminose ed alla

6 Pagina 113 Betoniera a bicchiere. Ribaltamento. Rumore. Movimentazione manuale dei carichi. Elettrico. Rumore. Contatto con gli organi in movimento. I percorsi non devono avere pendenze trasversali eccessive. In base alla valutazione del livello di esposizione personale fornire idonei dispositivi di protezione individuale (otoprotettori) con relative informazioni all uso. Effettuare periodica manutenzione. Impartire tempestivamente agli addetti le necessarie informazioni per la corretta movimentazione di carichi pesanti o ingombranti. L alimentazione deve essere fornita tramite quadro elettrico collegato a terra e munito dei dispositivi di protezione. I cavi devono essere a norma CEI di tipo per posa mobile. Verificare lo stato di conservazione dei cavi elettrici. In base alla valutazione del livello di esposizione personale fornire idonei dispositivi di (otoprotettori) con relative informazioni all uso. Effettuare periodica manutenzione. Verificare che la macchina sia dotata di tutte le protezioni degli organi in movimento ed abbia l interruttore con bobina di sgancio. segnaletica di sicurezza. Rispettare i percorsi indicati. All occorrenza usare i dispositivi di protezione individuale. Rispettare le istruzioni ricevute per un esatta e corretta posizione da assumere nella movimentazione dei carichi. Per carichi pesanti e/o ingombranti la massa va movimentata con l intervento di più persone al fine di ripartire e diminuire lo sforzo. Collegare la macchina all impianto elettrico in assenza di tensione. Posizionare i cavi in modo da evitare danni per usura meccanica e cosi che non costituiscono intralcio Segnalare immediatamente eventuali danni ai cavi elettrici. All occorrenza usare i dispositivi di protezione individuale. Non indossare abiti svolazzanti. Non introdurre attrezzi e/o arti nel bicchiere durante la rotazione. Non rimuovere le protezioni.

7 Pagina 114 Ribaltamento. Posizionare la macchina su base solida e piana. Sono vietati i rialzi instabili. Non spostare la macchina dalla posizione stabilita. Avvertenze Per le recinzioni collocate ai margini della carreggiata stradale si deve prestare attenzione agli autoveicoli in transito. Posizionare un adeguata segnaletica come previsto dal Codice della Strada. L ingombro deve essere segnalato mediante illuminazione per le ore notturne. - Verificare che la betoniera sia dotata di tutte le proiezioni agli organi in movimento ed abbia l interruttore con bobina di sgancio. Se la betoniera è installata nelle vicinanze di un ponteggio o nel raggio d azione dell apparecchio di sollevamento, occorre realizzare un solido impalcato sovrastante il posto di lavoro a protezione contro la caduta di materiali dall alto.

8 Pagina 115 Opere a verde, rimozione dello strato superficiale del terreno con macchine operatrici Attività e mezzi in uso Possibili rischi connessi a carico dell impresa Escavatore. Rimozione del terreno e carico su autocarro. Investimento. Predisporre vie obbligate di transito per i mezzi di scavo e di trasporto. Vietare l avvicinamento alle macchine a tutti coloro che non siano direttamente addetti a tali lavori. Vietare la presenza di persone durante le manovre di retromarcia. Tenersi a distanza di sicurezza dai mezzi operativi in movimento. Prestare attenzione alle segnalazioni acustiche o luminose ed alla segnaletica di sicurezza. Autocarro. Evacuazione del terreno rimosso e caricato. Avvertenze Rumore. Polveri. Investimento. Ribaltamento del mezzo. In base alla valutazione del livello di esposizione personale fornire idonei dispositivi di protezione individuale (otoprotettori) con relative informazioni all uso. Effettuare periodica manutenzione. Vigilare sul corretto utilizzo dei forniti dispositivi di protezione individuale (maschere antipolvere). Predisporre vie obbligate di transito per i mezzi di scavo e di trasporto. Vietare l avvicinamento alle macchine a tutti coloro che non siano direttamente addetti a tali lavori. Vietare la presenza di persone nelle manovre di retromarcia. I percorsi devono avere pendenza trasversale adeguata. protezione individuale (cuffie o tappi auricolari). Bagnare con frequenza. Tenersi a distanza di sicurezza dai mezzi operativi in movimento. Prestare attenzione alle segnalazioni acustiche o luminose ed alla segnaletica di sicurezza. I mezzi meccanici non devono superare le zone delimitate Verificare l eventuale esistenza di servizi interrati (gas, acqua, energia elettrica, telefono, ecc.).

9 Pagina 116 Indagini e valutazioni del terreno. Trivellazioni e prelievo di campioni, prove penetrometriche Attività e mezzi in uso Possibili rischi connessi a carico dell impresa Trivella carotatrice. Contatti con la macchina. Strumenti di misura. Penetrometro Vietare l avvicinamento alle macchine a tutti coloro che non siano direttamente addetti a tali lavori. Tenersi a distanza di sicurezza dai mezzi operativi. Avvertenze Rumore. Caduta del materiale estratto. Polvere. In base alla valutazione del livello di esposizione personale fornire idonei dispositivi di protezione individuale (otoprotettori) con relative informazioni all uso. Effettuare periodica manutenzione. Vietare l avvicinamento alle macchine a tutti coloro che non siano direttamente addetti a tali lavori. protezione individuale (caschi, scarpe antinfortunistiche o stivali con suola imperforabile quando il terreno è fangoso, guanti, occhiali protettivi). protezione individuale (maschere antipolvere). All occorrenza usare i dispositivi di protezione individuale. Indossare i dispositivi di protezione individuale forniti. Indossare i dispositivi di protezione individuale forniti. Ove esistano linee aeree elettriche mantenersi a distanza di sicurezza.

10 Pagina 117 Recinzione con pannelli metallici in rete elettrosaldata e basi di cemento Attività e mezzi in uso Possibili rischi connessi a carico dell impresa Pala, piccone, mazza e attrezzi d uso comune: martello, pinze, tenaglie. Contatti con le attrezzature. Fornire i dispositivi di protezione individuale (guanti e calzature di sicurezza) con relative informazioni all uso. protezione individuale forniti. Verificare con frequenza le condizioni degli attrezzi con particolare riguardo alla solidità degli attacchi dei manici di legno agli elementi metallici. Betoniera a bicchiere. Elettrico. L alimentazione deve essere fornita tramite quadro elettrico collegato a terra e munito dei dispositivi di protezione. I cavi devono essere a norma CEI di tipo per posa mobile. Verificare lo stato di conservazione dei cavi elettrici. Collegare la macchina all impianto elettrico in assenza di tensione. Posizionare i cavi in modo da evitare danni per usura meccanica così che non costituiscano intralcio. Segnalare immediatamente eventuali danni ai cavi elettrici. Rumore. In base alla valutazione del livello di esposizione personale fornire idonei dispositivi di protezione individuale (otoprotettori) con relative informazioni all uso. All occorrenza usare i dispositivi di protezione individuale. Contatto con gli organi in movimento. Verificare che la macchina sia dotata di tutte le protezioni degli organi in movimento ed abbia l interruttore con bobina di sgancio. Non rimuovere le protezioni. Non indossare abiti svolazzanti. Non introdurre attrezzi e/o arti nel bicchiere durante la rotazione. Ribaltamento. Posizionare la macchina su base solida e piana. Non spostare la macchina dalla posizione stabilita. Autocarro. Investimento. Predisporre adeguati percorsi per i mezzi. Segnalare la zona interessata all operazione. Tenersi a distanza di sicurezza dai mezzi operativi in movimento. Prestare attenzione alle segnalazioni acustiche o luminose ed alla segnaletica di sicurezza. Ribaltamento del mezzo. I percorsi non devono avere pendenze trasversali eccessive. Rispettare i percorsi indicati.

11 Pagina 118 Avvertenze Investimento di materiali scaricati. Fornire informazioni ai lavoratori. Impartire tempestivamente agli addetti le necessarie informazioni per la corretta movimentazione di carichi pesanti o ingombranti. Tenersi a distanza di sicurezza. Rispettare le istruzioni ricevute per un esatta e corretta posizione da assumere nella movimentazione dei carichi. Per carichi pesanti o ingombranti la massa va movimentata con l intervento di più persone al fine di ripartire e diminuire lo sforzo. Per le recinzioni collocate ai margini della carreggiata stradale, si deve prestare attenzione agli autoveicoli in transito e posizionare adeguata segnaletica come previsto dal Codice della Strada. L ingombro deve essere segnalato mediante illuminazione per le ore notturne.

12 Pagina 119 Scarico e stoccaggio dei materiali Attività e Possibili rischi mezzi in uso connessi Autocarro. Trasporto in luogo dei materiali. Apparecchio di sollevamento per lo scarico dall autocarro. Scarico dei materiali dall autocarro. Stoccaggio olio refrigerante Investimento. Ribaltamento del mezzo. Caduta di materiale dall alto. Elettrico. Rottura della fune di sollevamento o sganciamento accidentale del carico. Instabilità fusti. dei a carico dell impresa Predisporre adeguati percorsi pedonali e di circolazione per i mezzi con relativa segnaletica. Segnalare la zona interessata all operazione. I percorsi non devono avere pendenze trasversali eccessive. Lo scarico deve essere effettuato da personale competente. Vigilare sul corretto utilizzo dei forniti dispositivi di protezione individuale (casco, scarpe antinfortunistiche). Dovendo operare in presenza di linee elettriche aeree, l addetto alle manovre deve essere istruito per mantenere sempre il braccio a distanza di sicurezza. Impartire istruzioni particolari sulla sequenza delle operazioni. Vietare la presenza di persone ai lati del carico movimentato. Verificare il sistema d attacco degli elementi. Verificare le condizioni dei ganci e dei dispositivi contro lo sganciamento accidentale. Verificare frequentemente le condizioni della fune di sollevamento e di quelle di imbracatura. Scegliere zone di deposito idonee, possibilmente appartate e disporre sistemi di blocco dei materiali posati. Impartire disposizioni per i bloccaggi. Tenersi a distanza di sicurezza dai mezzi operativi in movimento. Prestare attenzione alle segnalazioni acustiche o luminose ed alla segna-letica di sicurezza. Rispettare i percorsi indicati. Verificare l efficienza del dispositivo di sicurezza sul gancio. Indossare i dispositivi di protezione individuale forniti. Prestare molta attenzione alla presenza di eventuali linee elettriche aeree e, se esistenti, rispettare scrupolosamente le istruzioni ricevute. Tenersi distanti dall elemento durante la sua movimentazione. Imbracare gli elementi come da disposizioni ricevute. Provvedere al bloccaggio dei materiali come da istruzioni ricevute. Indossare sempre i Dispositivi di Protezione Individuale.

13 Pagina 120 Allestimento, montaggio e uso di ponteggi mobili su cavalletti Attività e mezzi in uso Possibili rischi connessi a carico dell impresa Attrezzi manuali. Contatti con le attrezzature. Utensili elettrici Apparecchio di sollevamento. Elettrico. Rumore. Caduta di materiali dall alto. Caduta persone dall alto. di protezione individuale con relative informazioni all uso. Fornire utensili di cl. II (con doppio isolamento). Verificare lo stato di conservazione dei cavi elettrici. L alimentazione deve essere fornita tramite regolamentare quadro elettrico collegato a terra e munito dei dispositivi di protezione. I cavi devono essere conformi alle norme CEI di tipo per posa mobile. In base alla valutazione del livello di esposizione personale fornire idonei dispositivi di protezione individuale (otoprotettori) con informazioni all uso. Effettuare periodica manutenzione. Impartire precise disposizioni per l imbracatura ed il sollevamento dei materiali. protezione individuale (casco, guanti, scarpe antinfortunistiche) con relative informazioni all uso. Durante la fase di montaggio del ponte delimitare l area interessata. Vietare la presenza di personale non addetto all allestimento del ponte Sorvegliare l operazione d allestimento del ponte a sbalzo. protezione individuale (guanti e calzature di sicurezza). Verificare con frequenza le condizioni degli attrezzi con particolare riguardo alla solidità degli attacchi dei manici di legno agli elementi metallici. Posizionare i cavi in modo da evitare danni per urti o usura meccanica. Segnalare immediatamente eventuali danni ai cavi elettrici. All occorrenza usare i dispositivi di protezione individuale. Eseguire corrette imbracature secondo le disposizioni ricevute. I non addetti al montaggio devono tenersi a distanza di sicurezza. Seguire scrupolosamente le istruzioni ricevute.

14 Pagina 121 Avvertenze protezione individuale (cinture di sicurezza) con relative informazioni all'uso. Impartire tempestivamente agli addetti le necessarie informazioni per la corretta movimentazione dei carichi pesanti e/o ingombranti. Usare idonei dispositivi di protezione individuale Seguire scrupolosamente le istruzioni impartite per un esatta e corretta posizione da assumere nella movimentazione dei carichi. Per carichi pesanti e/o ingombranti la massa va movimentata con l intervento di più persone al fine di ripartire e diminuire lo sforzo. In caso di struttura portante di tipo tubolare, occorre predisporre disegni e relazione di calcolo firmati da ingegnere o architetto abilitato.

15 Pagina 122 Ponteggi metallici a montante, montaggio e smontaggio Attività e mezzi in uso Possibili rischi connessi a carico dell impresa Attrezzi Contatti con le manuali. attrezzature. Apparecchio di sollevamento. Montaggio. Spostamento dei materiali. Caduta di materiali dall alto. Caduta di persone dall alto. Caduta di materiali dall alto. Instabilità della struttura. Movimentazio ne manuale dei carichi. protezione individuale (guanti e calzature di sicurezza) con relative informazioni all uso. Impartire precise disposizioni per l imbracatura ed il sollevamento dei materiali. protezione individuale (casco e guanti) con relative informazioni all uso. Sorvegliare l operazione di montaggio e smontaggio del ponteggio. protezione individuale (cinture di sicurezza) con relative informazioni all uso. Durante la fase di montaggio e smontaggio del ponteggio delimitare l area interessata. Vietare la presenza di personale non addetto all allestimento ed allo smontaggio del ponteggio. Fornire i dispositivi di protezione individuale (caschi). Disporre e verificare che la realizzazione degli ancoraggi, la posa dei distanziatori e degli elementi degli impalcati si svolga ordinatamente nel senso del montaggio o dello smontaggio. Impartire tempestivamente agli addetti le necessarie informazioni per la corretta movimentazione di carichi pesanti o ingombranti. Verificare con frequenza le condizioni degli attrezzi. Le chiavi devono sempre essere vincolate all operatore. Eseguire corrette imbracature secondo le disposizioni ricevute. Seguire scrupolosamente le istruzioni ricevute. I non addetti al montaggio devono tenersi a distanza di sicurezza. Le chiavi devono essere vincolate all operatore. Indossare i dispositivi di Seguire scrupolosamente le istruzioni ricevute. Non gettare materiale dall alto. Rispettare le istruzioni ricevute per un esatta e corretta posizione da assumere nella movimentazione dei carichi. Per carichi pesanti o ingombranti la massa va movimentata con l intervento di più persone al fine di ripartire e diminuire lo sforzo.

16 Pagina 123 Avvertenze Prima di iniziare il montaggio del ponteggio verificare la stabilità della base d appoggio. Posizionare sotto i montanti del ponteggio delle tavole per ripartire il carico. Eseguire il montaggio del ponteggio seguendo lo schema tipo riportato nell Autorizzazione Ministeriale all impiego del ponteggio.

17 Pagina 124 Allestimento di basamenti per baracche e macchine Attività e mezzi in uso Possibili rischi connessi a carico dell impresa Attrezzi d uso Contatti con le comune: attrezzature. protezione individuale (guanti e mazza, calzature di sicurezza) con piccone, relative informazioni all uso. martello, pinze, tenaglie. Betoniera a bicchiere. Elettrico. Rumore. Contatto con gli organi in movimento. Ribaltamento. Autobetoniera. Investimento. L alimentazione deve essere fornita tramite quadro elettrico collegato a terra e munito dei dispositivi di protezione. I cavi devono essere a norma CEI di tipo per posa mobile. Verificare lo stato di conservazione dei cavi elettrici. In base alla valutazione del livello di esposizione personale fornire idonei dispositivi di (otoprotettori) con relative informazioni all uso. Effettuare periodica manutenzione. Verificare che la macchina sia dotata di tutte le protezioni degli organi in movimento ed abbia l interruttore con bobina di sgancio. Posizionare la macchina su base solida e piana. Sono vietati i rialzi instabili. Predisporre adeguati percorsi per i mezzi. Vietare la presenza di persone nelle manovre di retromarcia. Nel caso di distribuzione in moto, impartire ai lavoratori precise disposizioni. Verificare con frequenza le condizioni degli attrezzi con particolare riguardo alla solidità degli attacchi dei manici di legno agli elementi metallici. Collegare la macchina all impianto elettrico in assenza di tensione. Posizionare i cavi in modo da evitare danni per usura meccanica e così che non costituiscano intralcio. Segnalare immediatamente eventuali danni ai cavi elettrici. All occorrenza usare i dispositivi di protezione individuale. Non indossare abiti svolazzanti. Non introdurre attrezzi o mani nel bicchiere durante la rotazione. Non rimuovere le protezioni. Non spostare la macchina dalla posizione stabilita. Tenersi a distanza di sicurezza dai mezzi operativi in movimento. Prestare attenzione alle segnalazioni acustiche o luminose ed alla segnaletica di sicurezza. Nel caso di distribuzione in moto gli addetti devono disporsi dalla parte opposta alla direzione di marcia.

18 Pagina 125 Avvertenze Ribaltamento del I percorsi non devono avere Rispettare i percorsi indicati. mezzo. pendenze trasversali eccessive. Rumore. In base alla valutazione del All occorrenza usare i livello di esposizione personale dispositivi di protezione fornire idonei dispositivi di individuale. (otoprotettori) con relative informazioni all uso. Effettuare periodica manutenzione. Movimentazione Impartire tempestivamente agli Rispettare le istruzioni manuale dei addetti le necessarie ricevute per un esatta e carichi. informazioni per la corretta corretta posizione da movimentazione di carichi assumere nella pesanti o ingombranti. movimentazione dei carichi. Per carichi pesanti o ingombranti la massa va movimentata con l'intervento di più persone al fine di ripartire e diminuire lo sforzo. I basamenti di particolari ed importanti strutture devono essere allestiti tenendo conto delle caratteristiche delle strutture stesse e del terreno sul quale andranno a gravare.

19 Pagina 126 Montaggio baracche Attività e Possibili rischi mezzi in uso connessi Attrezzi d uso Contatti con le comune: attrezzature. mazza, piccone, martello, pinze, tenaglie, chiavi. Autocarro. Autocarro con braccio idraulico autogru. Investimento. a carico dell impresa protezione individuale (guanti e calzature di sicurezza) con relative informazioni all uso. Impartire istruzioni in merito alle priorità di montaggio e smontaggio, ai sistemi di stoccaggio, accatastamento e conservazione degli elementi da montare o rimossi. Predisporre adeguati percorsi per i mezzi. Segnalare la zona interessata all'operazione. Non consentire l utilizzo dell'autogrù a personale non qualificato. Verificare con frequenza le condizioni degli attrezzi con particolare riguardo alla solidità degli attacchi dei manici di legno agli elementi metallici. Attenersi alle istruzioni ricevute in merito alle priorità di montaggio. Tenersi a distanza di sicurezza dai mezzi operativi in movimento. Prestare attenzione alle segnalazioni acustiche o luminose e alla segnaletica di sicurezza. Scale a mano e doppie. Trabattelli. Ribaltamento del mezzo. Caduta di Materiali dall alto. Schiacciamento Caduta di persone dall alto. Caduta di persone dall alto. I percorsi non devono avere Rispettare i percorsi indicati. pendenze eccessive. Le imbracature devono protezione individuale (casco) essere eseguite con relative informazioni correttamente. all uso. Nel sollevamento dei Segnalare la zona interessata materiali seguire le norme di all'operazione. sicurezza esposte. Usare idonei dispositivi di Nelle operazioni di scarico degli Nella guida dell elemento in elementi impartire precise sospensione si devono disposizioni e verificarne usare sistemi che l applicazione. consentano di operare a distanza di sicurezza (funi, Verificare l efficacia del dispositivo che impedisce l apertura della scala doppia oltre il limite di sicurezza. Il trabattello deve essere utilizzato secondo le indicazioni fornite dal costruttore da aste, ecc.). La scala deve poggiare su base stabile e piana. Usare la scala doppia completamente aperta. Non lasciare attrezzi o materiali sul piano di appoggio della scala doppia. Il piano di scorrimento delle ruote deve essere livellato. Il carico del trabattello sul

20 Pagina 127 Spostamento dei materiali. Movimentazione manuale dei carichi. Investimento di elementi. portare a conoscenza dei lavoratori. Le ruote devono essere munite di dispositivi di blocco. Impartire tempestivamente agli addetti le necessarie informazioni per la corretta movimentazione di carichi pesanti o ingombranti. Predisporre sistemi di sostegno nella fase transitoria di montaggio e di smontaggio. terreno deve essere ripartito con tavole. Controllare con la livella l orizzontalità della base. Non spostare il trabattello con sopra persone o materiale. Rispettare le istruzioni ricevute per un esatta e corretta posizione da assumere nella movimentazione dei carichi. Per carichi pesanti o ingombranti la massa va movimentata con l'intervento di più persone al fine di ripartire e diminuire lo sforzo. Attenersi alle disposizioni impartite. Indossare i dispositivi di protezione individuale forniti.

21 Pagina 128 Allestimento di protezioni sulle aperture prospicienti il vuoto Attività e mezzi in uso Possibili rischi connessi a carico dell impresa Attrezzi manuali. Contatti con le attrezzature. Legature e chiodature. Apparecchio di sollevamento. Sollevamento dei materiali necessari. Montaggio delle protezioni. Spostamento dei materiali. Avvertenze Caduta di materiali dall alto. Caduta di persone dall alto. Movimentazion e manuale dei carichi. Vigilare sul corretto utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. Impartire precise disposizioni per l imbracatura ed il sollevamento dei materiali. Vigilare sul corretto utilizzo dei forniti dispositivi di protezione individuale (casco, guanti, scarpe antinfortunistiche) con relative informazioni all uso. Vietare la presenza di personale non addetto all allestimento dei parapetti o delle coperture a pavimento. Sorvegliare l operazione d allestimento delle protezioni. Vigilare sul corretto utilizzo dei forniti dispositivi di protezione individuale (cinture di sicurezza) con relative informazioni all uso. Vigilare che le fornite istruzioni sulla movimentazione dei carichi siano rispettate. protezione individuale (guanti e calzature di sicurezza). Verificare con frequenza le condizioni degli attrezzi con particolare riguardo alla solidità degli attacchi dei manici di legno agli elementi metallici. Eseguire corrette imbracature secondo le disposizioni ricevute. I non addetti al montaggio delle protezioni devono tenersi a distanza di sicurezza. Seguire scrupolosamente le istruzioni ricevute. Usare idonei dispositivi di Rispettare le istruzioni ricevute per un esatta e corretta posizione da assumere nella movimentazione dei carichi. Per carichi pesanti o ingombranti la massa va movimentata con l intervento di più persone al fine di ripartire e diminuire lo sforzo. I correnti di parapetto devono essere collocati e fissati sulle parti interne dei pilasti, dei muri o dei montanti. Le tavole di copertura delle aperture a pavimento devono essere fissate contro il pericolo di spostamento. Per queste protezioni si devono usare tavole da ponte, è vietato l uso di sottomisure o di pannelli d armatura.

22 Pagina 129 Assistenza per la realizzazione impianto idraulico di cantiere Attività e mezzi in uso Possibili rischi connessi a carico dell impresa Attrezzi d uso Contatti con gli comune: attrezzi. protezione individuale (guanti e mazza, calzature di sicurezza) con piccone, relative informazioni all uso. martello, pinze, tenaglie, chiavi. Escavatore. Investimento. Segnalare le zone d operazione. Spostamento dei materiali. Ribaltamento. Rumore. Movimentazione manuale dei carichi. I percorsi non devono avere pendenze trasversali eccessive. In base alla valutazione del livello di esposizione personale fornire idonei dispositivi di protezione individuale (otoprotettori) con relative informazioni all uso. Effettuare periodica manutenzione. Impartire tempestivamente agli addetti le necessarie informazioni per la corretta movimentazione di carichi pesanti o ingombranti. Verificare con frequenza le condizioni degli attrezzi con particolare riguardo alla solidità degli attacchi dei manici di legno agli elementi metallici. Tenersi a distanza di sicurezza dai mezzi operativi in movimento. Prestare attenzione alle segnalazioni acustiche o luminose ed alla segnaletica di sicurezza. Rispettare i percorsi indicati. All occorrenza usare i dispositivi di protezione individuale. Rispettare le istruzioni ricevute per un esatta e corretta posizione da assumere nella movimentazione dei carichi. Per carichi pesanti o ingombranti la massa va movimentata con l'intervento di più persone al fine di ripartire e diminuire lo sforzo.

23 Pagina 130 Allestimento di vie di circolazione per uomini e mezzi Attività e mezzi in uso Possibili rischi connessi a carico dell impresa Attrezzi d uso Contatti con le comune: attrezzature. protezione individuale (guanti e mazza, calzature di sicurezza) con piccone, pala. relative informazioni all uso. Pala meccanica. Investimento. Ribaltamento. Segnalare le zone d operazione. I percorsi non devono avere pendenze trasversali eccessive. Verificare con frequenza le condizioni degli attrezzi con particolare riguardo alla solidità degli attacchi dei manici di legno agli elementi metallici. Tenersi a distanza di sicurezza dai mezzi operativi in movimento. Prestare attenzione alle segnalazioni acustiche o luminose ed alla segnaletica di sicurezza. Rispettare i percorsi indicati e prestare molta attenzione alle condizioni del terreno. Spostamento dei materiali. Rumore. Polvere. Movimentazione manuale dei carichi. In base alla valutazione del livello di esposizione personale fornire idonei dispositivi di protezione individuale (otoprotettori) con relative informazioni all uso. Effettuare periodica manutenzione. protezione individuale (guanti, calzature di sicurezza e maschere antipolvere) con relative informazioni all uso. Impartire tempestivamente agli addetti le necessarie informazioni per la corretta movimentazione di carichi pesanti o ingombranti. All occorrenza usare i dispositivi di protezione individuale. protezione individuale forniti. Rispettare le istruzioni ricevute per un esatta e corretta posizione da assumere nella movimentazione dei carichi. Per carichi pesanti o ingombranti la massa va movimentata con l intervento di più persone al fine di ripartire e diminuire lo sforzo. Avvertenze Predisporre rampe solide, ben segnalate, la loro larghezza deve essere tale da

24 Pagina 131 consentire uno spazio di almeno 70 cm oltre la sagoma d ingombro dei mezzi che possono transitare. Qualora il franco fosse limitato ad un solo lato, si devono realizzare, lungo l altro lato, piazzole di rifugio ogni 20 m. Dislocare un adeguata segnaletica. Ridurre la polvere irrorando con acqua, cementando, asfaltando o spargendo ghiaia. In ogni fase di lavoro, lo stoccaggio dei materiali deve rispettare le misure di sicurezza e di stabilità.

25 Pagina 132 Sistemazione della viabilità per le persone (passerelle, andatoie, percorsi obbligati, ecc.) Attività e mezzi in uso Possibili rischi connessi a carico dell impresa Attrezzi d uso comune: pala, piccone, mazza, martello, pinze, tenaglie. Contatti con le attrezzature. protezione individuale (guanti e calzature di sicurezza) con relative informazioni all uso. Verificare con frequenza le condizioni degli attrezzi con particolare riguardo alla solidità degli attacchi dei manici di legno agli elementi Sega circolare. Contatto con gli organi in movimento. Elettrico. Spostamento dei materiali. Rumore. Movimentazione manuale dei carichi. Caduta di persone dall alto. Verificare che la macchina sia dotata di tutte le protezioni su gli organi in movimento. L alimentazione deve essere fornita tramite quadro elettrico collegato a terra e munito dei dispositivi di protezione. I cavi devono essere a norma CEI di tipo per posa mobile. Verificare lo stato di conservazione dei cavi elettrici. In base alla valutazione del livello di esposizione personale fornire idonei dispositivi di protezione individuale (otoprotettori) con le relative informazioni all uso. Effettuare periodica manutenzione. Impartire tempestivamente agli addetti le necessarie informazioni per la corretta movimentazione di carichi pesanti o ingombranti. Disporre per l adozione di adeguate misure protettive (sistemi anticaduta). metallici. Non indossare abiti svolazzanti. Non rimuovere le protezioni. Collegare la sega circolare all impianto elettrico in assenza di tensione. Posizionare i cavi in modo da evitare danni per usura meccanica e così da non costituire intralcio. Segnalare immediatamente eventuali danni ai cavi elettrici. Rispettare le istruzioni ricevute per un esatta e corretta posizione da assumere nella movimentazione dei carichi. Per carichi pesanti o ingombranti la massa va movimentata con l intervento di più persone al fine di ripartire e diminuire lo sforzo. Rispettare scrupolosamente le istruzioni ricevute.

26 Pagina 133 Avvertenze protezione individuale (cinture di sicurezza) con l identificazione dei punti di vincolo e con le relative istruzioni. I passaggi devono essere sufficientemente illuminati da luce naturale o artificiale.

27 Pagina 134 Sbancamento con macchine operatrici e autocarro Attività e mezzi in uso Possibili rischi connessi a carico dell impresa Autocarro. Investimento. Predisporre vie obbligate di transito per i mezzi di scavo e di trasporto. Vietare l avvicinamento alle macchine a tutti coloro che non siano direttamente addetti a tali lavori. Vietare la presenza di persone nelle manovre di retromarcia. Ribaltamento del mezzo. Escavatore con benna. Escavatore con martellone. Investimento. Ribaltamento dei mezzi. Rumore. Proiezione di pietre o di terra. Caduta delle persone dai cigli o dai bordi delle rampe. Caduta di materiali nello scavo. I percorsi devono avere pendenza trasversale adeguata. Predisporre vie obbligate di transito per i mezzi di scavo e di trasporto. Vietare l avvicinamento alle macchine a tutti coloro che non siano direttamente addetti a tali lavori. Vietare la presenza di persone durante le manovre di retromarcia I percorsi devono avere pendenza trasversale adeguata. In base alla valutazione del livello di esposizione personale fornire idonei dispositivi di protezione individuale (otoprotettori) con relative informazioni all uso. Effettuare periodica manutenzione. Vietare la presenza di persone nelle vicinanze delle macchine. Allestire parapetti, sbarramenti o segnalazioni sul ciglio degli scavi e sul bordo delle rampe. Vietare il deposito di materiali di qualsiasi natura in prossimità dei cigli dello scavo (3). Tenersi a distanza di sicurezza dai mezzi operativi in movimento. Prestare attenzione alle segnalazioni acustiche o luminose ed alla segnaletica di sicurezza. I mezzi meccanici non devono superare le zone delimitate avvicinandosi ai cigli degli scavi. Tenersi a distanza di sicurezza dai mezzi operativi in movimento. Prestare attenzione alle segnalazioni acustiche o luminose ed alla segnaletica di sicurezza. I mezzi meccanici non devono superare le zone delimitate avvicinandosi ai cigli degli scavi. protezione individuale (cuffie o tappi auricolari). Mantenersi a distanza di sicurezza. Per scendere e risalire dal fondo dello scavo utilizzare le scale o i camminamenti predisposti. Non accumulare terreno o materiali in prossimità dei cigli dello scavo. Usare idonei dispositivi di

28 Pagina 135 Avvertenze Polveri. protezione individuale (caschi) con relative informazioni all uso. protezione individuale (maschere antipolvere) con Bagnare con frequenza. relative informazioni all uso. Il nastro di segnalazione deve essere collocato adeguatamente arretrato dal ciglio dello scavo. Le scale a mano devono essere vincolate, i montanti devono superare il piano di sbarco di almeno un metro. Le eventuali tavole d armatura devono sporgere per almeno 30 cm oltre il bordo. Verificare l eventuale esistenza di servizi interrati (gas, acqua, energia elettrica, telefono, ecc.). Predisporre rampe solide, ben segnalate, la loro larghezza deve essere tale da consentire uno spazio di almeno 70 oltre la sagoma d ingombro dei mezzi che possono transitare. Qualora il franco fosse limitato ad un solo lato, devono essere realizzate, lungo l altro lato, piazzole di rifugio ogni 20 m.

29 Pagina 136 Fondazioni speciali Paratie, perforazioni Attività e Possibili rischi mezzi in uso connessi a carico dell impresa Attrezzi di uso Contatti con le comune. attrezzature. Perforatrice. Opere di perforazione. Spostamento delle attrezzature. Contatti con la macchina. Rumore. Caduta del Materiale estratto. Contatti nelle operazioni di giunzione. Polvere. Movimentazio ne manuale dei carichi. Vigilare sul corretto utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. Vietare l avvicinamento alla macchina a tutti coloro che non siano direttamente addetti a tali lavori. In base alla valutazione del livello di esposizione personale fornire idonei dispositivi di protezione individuale (otoprotettori) con relative informazioni all uso. Effettuare periodica manutenzione. Vietare l avvicinamento alle macchine a tutti coloro che non siano direttamente addetti a tali lavori. Vigilare sul corretto utilizzo dei forniti dispositivi di protezione individuale (caschi, scarpe antinfortunistiche o stivali con suola imperforabile quando il terreno è fangoso, guanti, occhiali protettivi). Stabilire le procedure per l operatore e per l aiutante. Vigilare sul corretto utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. Vigilare sul corretto utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. Ridurre la polverosità con interventi appropriati correlati alle caratteristiche del lavoro (uso di schiume, irrorazioni d acqua). Vigilare che le fornite istruzioni sulla movimentazione dei carichi siano rispettate. Usare idonei dispositivi di Tenersi a distanza di sicurezza dai mezzi operativi. All occorrenza usare i dispositivi di protezione individuale. Indossare i dispositivi di protezione individuale forniti. Seguire scrupolosamente le disposizioni ricevute. Indossare i dispositivi di protezione individuale forniti. Indossare i dispositivi di protezione individuale forniti. Rispettare le istruzioni impartite per una esatta e corretta posizione da assumere nella movimentazione dei carichi. Per carichi pesanti o ingombranti la massa va movimentata con l intervento di più persone al fine di

30 Pagina 137 Avvertenze ripartire e diminuire lo sforzo. Ove esistano linee aeree elettriche mantenersi a distanza di sicurezza. Le apparecchiature devono essere installate in posizione stabile, tenendo conto anche delle sollecitazioni indotte dal ciclo lavorativo, su piani di appoggio ricavati nel corso delle operazioni di scavo. Controllare frequentemente tutte le attrezzature ed i vari componenti con particolare riguardo agli elementi di giunzione degli elementi di perforazione.

31 Pagina 138 Fondazioni speciali Paratie, infilaggio dei ferri Attività e mezzi in uso Possibili rischi connessi a carico dell impresa Attrezzi d uso Contatti con le Vigilare sul corretto utilizzo dei comune. attrezzature. dispositivi di protezione Apparecchio per l infilaggio dei ferri. Operazioni di infilaggio. Contatti con l apparecchio. Instabilità delle attrezzature. Rumore. Impalcati. Caduta di persone dall alto. Spostamento dei materiali. Caduta materiale dall alto. Polvere. di Movimentazio ne manuale dei carichi. individuale. Vietare l avvicinamento all apparec-chiatura a tutti coloro che non siano direttamente addetti a tali lavori. Fornire agli operatori dettagliate disposizioni operative. Verificare che i sistemi protettivi siano sempre correttamente applicati. Vigilare sul corretto utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. Verificare preventivamente e periodicamente la regolarità e stabilità di appoggio. In base alla valutazione del livello di esposizione personale fornire idonei dispositivi di protezione individuale (otoprotettori) con relative informazioni all uso. Effettuare periodica manutenzione. Predisporre idonee opere provvisionali. Precludere la possibilità di transito alle zone sottostanti e limitrofe l area dei lavori. Predisporre sistemi di captazione delle polveri. Vigilare sul corretto utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. Vigilare che le fornite istruzioni sulla movimentazione dei carichi siano rispettate. Usare idonei dispositivi di Tenersi a distanza di sicurezza dalle attività in atto. Osservare scrupolosamente le modalità operative impartite. Indossare i dispositivi di protezione individuale forniti. Attenersi alle disposizioni impartite. All occorrenza usare i dispositivi di protezione individuale. Non sovraccaricare gli impalcati con materiali. Salire e scendere dal piano di lavoro facendo uso di scale a mano. Coloro che non sono addetti ai lavori di infilaggio dei ferri non devono transitare nelle zone d operazione. Indossare i dispositivi di protezione individuale forniti. Rispettare le istruzioni ricevute per una esatta e corretta posizione da assumere nella movimentazione dei carichi. Per carichi pesanti o ingombranti la massa va

32 Pagina 139 Avvertenze movimentata con l intervento di più persone al fine di ripartire e diminuire lo sforzo. Ove esistano linee aeree elettriche mantenersi a distanza di sicurezza.

33 Pagina 140 Fondazioni speciali Paratie, iniezioni di miscela cementizia Attività e mezzi in uso Possibili rischi connessi a carico dell impresa Attrezzi d uso Contatti con le comune. attrezzature. Apparecchiatu ra per l iniezione della miscela cementizia. Operazioni d iniezione. Impalcati. Attività in posizione sopraelevata. Attività nella zona sottostante e limitrofa. Spostamento delle attrezzature. Contatti con la macchina. Vigilare sul corretto utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. Impartire precise istruzioni per chi manovra la macchina iniettante. Fino a quando la macchina è in azione interdire la zona operativa. Vigilare sul corretto utilizzo dei dispositivi di protezione individuale (guanti). Elettrico. L alimentazione deve essere fornita tramite regolamentare quadro elettrico collegato elettricamente a terra. I cavi elettrici devono essere rispondenti alle norme CEI e adatti per la posa mobile. Verificare lo stato di conservazione dei cavi elettrici. Rumore. Schizzi e allergeni. Caduta di persone dall alto. Caduta materiali dall alto. di Movimentazio ne manuale dei carichi. In base alla valutazione del livello di esposizione personale fornire idonei dispositivi di protezione individuale (otoprotettori) con le relative informazioni sull uso. Vigilare sul corretto utilizzo dei forniti dispositivi di protezione individuale (guanti e scarpe) e adeguati indumenti, con informazioni sull uso. Verificare periodicamente le condizioni degli attrezzi. L addetto alle manovre deve seguire scrupolosamente le istruzioni ricevute. Durante il funzionamento della macchina è vietato avvicinarsi alla zona. In caso di guasto non intervenire in alcun modo sull impianto elettrico ed avvisare subito il responsabile. Indossare indumenti protettivi. Predisporre idonei impalcati. Non sovraccaricare gli impalcati con materiali. Salire e scendere dal piano di lavoro facendo uso di scale a mano. Precludere la possibilità di transito alle zone sottostanti e limitrofe l area dei lavori. Vigilare che le fornite istruzioni sulla movimentazione dei carichi siano rispettate. Coloro che non sono addetti ai lavori di infilaggio dei ferri non devono transitare nelle zone d operazione. La movimentazione manuale dei carichi ingombranti o pesanti deve avvenire con l intervento di più persone al fine di ripartire e diminuire lo sforzo.

34 Pagina 141 Fondazioni speciali Paratie, tesatura dei ferri Attività e mezzi in uso Possibili rischi connessi a carico dell impresa Attrezzi d uso Contatti con le Vigilare sul corretto utilizzo dei comune. attrezzature. dispositivi di protezione Apparecchio per la tesatura dei ferri. Tesature. Impalcati. Lavori in posizione sopraelevata. Lavori alla base e in zone limitrofe. Spostamento delle Attrezzature e dei materiali. Contatti con le apparecchiatur e di tesatura. Instabilità della macchina. Rumore. Caduta di persone dall alto. Caduta materiale dall alto. di Movimentazio ne manuale dei carichi. individuale. Vietare l avvicinamento all apparec-chiatura a tutti coloro che non siano direttamente addetti a tali lavori. Fornire agli operatori dettagliate di-sposizioni operative. Verificare che i sistemi protettivi siano sempre correttamente applicati. Vigilare sul corretto utilizzo dei forniti dispositivi di protezione individuale (guanti, calzature antinfortunistiche, casco). Verificare preventivamente e periodicamente la regolarità e stabilità di appoggio. In base alla valutazione del livello di esposizione personale fornire idonei dispositivi di protezione individuale (otoprotettori) con relative informazioni all uso. Effettuare periodica manutenzione. Predisporre idonee opere provvisionali. Precludere la possibilità di transito alle zone sottostanti e limitrofe l area dei lavori. Vigilare che le fornite istruzioni sulla movimentazione dei carichi siano rispettate. Tenersi a distanza di sicurezza dalle attività in atto. Operare sempre tenendosi a lato degli elementi in fase di tesatura e rispettando scrupolosamente le modalità operative impartite. Indossare i dispositivi di protezione individuale forniti. Attenersi alle disposizioni impartite. All occorrenza usare i dispositivi di protezione individuale. Non sovraccaricare gli impalcati con materiali. Salire e scendere dal piano di lavoro facendo uso di scale a mano. Coloro che non sono addetti ai lavori di infilaggio dei ferri non devono transitare nelle zone d operazione. Rispettare le istruzioni ricevute per una esatta e corretta posizione da assumere nella movimentazione dei carichi. Per carichi pesanti o ingombranti la massa va movimentata con l intervento di più persone al fine di ripartire e diminuire lo sforzo. Polvere. Predisporre sistemi di captazione Indossare i dispositivi di

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO ALLEGATO I

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO ALLEGATO I PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO In conformità all art. 100 del Decreto Legislativo 9 Aprile 2008 n. 81 e s.m.i. ALLEGATO I PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE UFFICI SEDE DELL INVALSI Indirizzo cantiere:

Dettagli

Allegato A: INDICE SCHEDE PER L ESECUZIONE DEI LAVORI

Allegato A: INDICE SCHEDE PER L ESECUZIONE DEI LAVORI Allegato A: INDICE SCHEDE PER L ESECUZIONE DEI LAVORI Recinzione con tubi, pannelli o rete...3 Recinzione con cavalletti mobili o bande colorate...4 Attrezzature e macchine, carico e scarico dal mezzo

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Allegato A: SCHEDE PER L ESECUZIONE DEI LAVORI D.Lgs. 81/08 aggiornato al D.Lgs. 106/09.

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Allegato A: SCHEDE PER L ESECUZIONE DEI LAVORI D.Lgs. 81/08 aggiornato al D.Lgs. 106/09. VICE DIREZIONE GENERALE SERVIZI TECNICI, AMBIENTE, EDIL. RES. PUBBL, SPORT DIVISIONE SERVIZI TECNICI ED EDILIZIA PER I SERVIZI CULTURALI SOCIALI COMMERCIALI SETTORE MANUTENZIONE STRAORDINARIA GENERICA

Dettagli

Esecuzione: Lavorazioni diverse con l utilizzo di cestello montato...42 su braccio telescopico...42 Esecuzione: Calcestruzzo confezionato a mano...

Esecuzione: Lavorazioni diverse con l utilizzo di cestello montato...42 su braccio telescopico...42 Esecuzione: Calcestruzzo confezionato a mano... Sommario MODALITA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI...5 VALUTAZIONE DEI RISCHI...8 SCHEDE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI...10 Esecuzione: Bonifica del terreno, estirpazione della vegetazione...10 con macchine operatrici...10

Dettagli

!!!!!!! "# "#$ % # $$%!!!!!!

!!!!!!! # #$ % # $$%!!!!!! ! "#!!!!!! "#$% #$$%!!!!!! $#!!''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''( & )!*) )+!,$#!!!)#!''''''''''''''''''''- ( $!.! */* *!#!*) #!11 +/)! * *)!#!! 2!)/*!!!!!#2!*1!'''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''3

Dettagli

CARPENTIERI / FERRAIOLI

CARPENTIERI / FERRAIOLI POSA DEL FERRO: MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Per quanto possibile, si dovrà ridurre la movimentazione manuale dei carichi ricorrendo all utilizzo di apparecchi di sollevamento. Le norme vigenti danno specifiche

Dettagli

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA I CONTENUTI DELLA VIGILANZA NEI CANTIERE A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA B) DOCUMENTAZIONE DEL CANTIERE C) CONTROLLO ADOZIONE MISURE DI SICUREZZA PER LE LAVORAZIONI CORSO D) LA GESTIONE DEL CANTIERE

Dettagli

APPALTO DI MANUTENZIONE RETI E SERVIZI DEL CICLO IDRICO INTEGRATO. SCHEDE DI SUPPORTO Pagina 1 di 4

APPALTO DI MANUTENZIONE RETI E SERVIZI DEL CICLO IDRICO INTEGRATO. SCHEDE DI SUPPORTO Pagina 1 di 4 SCHEDE DI SUPPORTO Pagina 1 di 4 Schede di supporto A Sicurezza generale B Sicurezza di fase A4 Installazione e smantellamento cantiere A7 Moti del terreno A8 Cadute di masse di terreno A10 Vento A11 Reti

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art.

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art. AGENZIA REGIONALE PER LA CASA E L ABITARE (A.R.C.A.) NORD SALENTO PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art.

Dettagli

Committente Provincia Regionale di Catania

Committente Provincia Regionale di Catania cantiere sito nel comune di Grammichele e Ramacca Rev. 00 Committente Provincia Regionale di Catania DOCUMENTO ELABORATO AI SENSI DELL ART. 100 DEL D. LGS. 81/2008 COORDINATO CON IL D. LGS. 3 AGOSTO 2009,

Dettagli

Le misure di sicurezza da adottare negli scavi

Le misure di sicurezza da adottare negli scavi L'armatura deve comunque possedere le seguenti caratteristiche: essere realizzata in modo da evitare il rischio di seppellimento: in un terreno incoerente, la procedura deve consentire di disporre armature

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

SCHEDE INTEGRATIVE PER LE ATTIVITÀ DI CANTIERE

SCHEDE INTEGRATIVE PER LE ATTIVITÀ DI CANTIERE SCHEDE INTEGRATIVE PER LE ATTIVITÀ DI CANTIERE LUOGHI, LOCALI E POSTI DI LAVORO (riferiti alle attività prevalenti svolte dall'impresa) 1-ATTIVITÀ DI CANTIERE N. SCHEDA Scavi e movimento terra 1.1.1 X

Dettagli

Prog. 17029/2013 - CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini. PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO - ALLEGATO B - Schede fasi lavorative

Prog. 17029/2013 - CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini. PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO - ALLEGATO B - Schede fasi lavorative 1 Prog. 17029/2013 - CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini Prog. 17029/2013 - CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO - ALLEGATO B - Schede fasi lavorative 2 Prog.

Dettagli

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs.

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. 235/2003 A) PARTE GENERALE (Anagrafica) Premesso che il PIMUS deve essere specifico

Dettagli

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22 Lavori in quota 1/22 D.Lgs 81/08 e s.m.i., art. 111 1. Il datore di lavoro, nei casi in cui i lavori temporanei in quota non possono essere eseguiti in condizioni di sicurezza e in condizioni ergonomiche

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE

Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE DEFINIZIONE Demolizione: Operazione di abbattimento parziale o totale di un opera edificata, attraverso una sequenza programmata di interventi da effettuare sull opera

Dettagli

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza. Fascicolo Sicurezza.

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza. Fascicolo Sicurezza. Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza Fascicolo Sicurezza Allegato scheda 2 MISURE E DISPOSITIVI DA PREDISPORRE DA PARTE DEI DATORI DI LAVORO

Dettagli

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra RISCHIO CADUTA DALL ALTO Ing. Caterina Lapietra il rischio insito nel ponteggio, la sua percezione e gli accessori che producono sicurezza passiva La percezione del rischio è un fattore soggettivo, legato

Dettagli

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili L'ing. M. Grandi - funzionario della Direzione provinciale del Lavoro di Verbania ha curato la realizzazione una check list dedicata

Dettagli

IL PREPOSTO DI CANTIERE

IL PREPOSTO DI CANTIERE kiker IL PREPOSTO DI CANTIERE Ruolo e responsabilità Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE LA CORTE DI CASSAZIONE GLI ORIENTAMENTI DELLA SUPREMA CORTE Con sentenza Cass. Pen.

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ESITO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ESITO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI Individuazione dei criteri seguiti per la valutazione Per ogni lavoratore vengono individuati i relativi pericoli connessi con le lavorazioni stesse, le attrezzature impiegate

Dettagli

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione Foto di Charles Ebbets Tutte le attività svolte su coperture in funzione dell altezza, della tipologia

Dettagli

Allegato G Schede segnaletica di sicurezza

Allegato G Schede segnaletica di sicurezza Allegato G Schede segnaletica di sicurezza Schede SEGNALETICA 1 Segnaletica di sicurezza In cantiere dovrà essere posizionata la segnaletica di sicurezza, conforme al D. Lgs. 81/08. Quando nei luoghi di

Dettagli

L.S. Darwin - I.T.C. Romero Viale Papa Giovanni XXIII, 25 - Rivoli (TO)

L.S. Darwin - I.T.C. Romero Viale Papa Giovanni XXIII, 25 - Rivoli (TO) AREA EDILIZIA SERVIZIO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE INTERVENTI DI EDILIZIA SCOLASTICA L.S. Darwin - I.T.C. Romero Viale Papa Giovanni III, 25 - Rivoli (TO) INTERVENTI DI COMPLETAMENTO DI ADEGUAMENTO NORMATIVO

Dettagli

Comuni di Volla e Casalnuovo di Napoli Provincia di Napoli

Comuni di Volla e Casalnuovo di Napoli Provincia di Napoli ALLEGATO B Comuni di Volla e Casalnuovo di Napoli Provincia di Napoli ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ed entità del danno, valutazione dell'esposizione al rumore e alle vibrazioni (D.Lgs 9 aprile 2008

Dettagli

Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa

Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa Direzione Provinciale del Lavoro Lucca Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa CADUTE dall alto La causa principale dei

Dettagli

SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO

SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO La scheda di rilevazione dei rischi di caduta dall alto è stata pensata come strumento di analisi sia per gli addetti del settore che per i funzionari

Dettagli

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE IMPRESA: CHECK LIST PER LA CUREZZA NEL CANTIERE EDILE Visita al cantiere sito in. Via. Committente:.. Coordinatore per la sicurezza: Responsabile di cantiere: DATA VERIFICA: / / Soggetto verificatore:..

Dettagli

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA FISICA DEI LAVORATORI

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA FISICA DEI LAVORATORI Valutazione del rischio R = 2 x 2 = 4 S. 01 CATEGORIA: INSTALLAZIONE DEL CANTIERE OPERAZIONE: Installazione di impianto di terra e contro le scariche atmosferiche per il ponteggio ATTREZZATURE: Compressore,

Dettagli

OPUSCOLO PER I LAVORATORI

OPUSCOLO PER I LAVORATORI 1 OPUSCOLO PER I LAVORATORI A cura: del Dott. Davide Antonelli 2 SCALE A MANO Tale attrezzatura È prevista per superare dislivelli e per effettuare lavorazioni straordinarie a carattere eccezionale e temporaneo.

Dettagli

TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro.

TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro. TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro. I pioli devono essere privi di nodi. Tali pioli devono essere trattenuti

Dettagli

A Relazione Tecnica. 1 Caratteristica dell Opera

A Relazione Tecnica. 1 Caratteristica dell Opera A Relazione Tecnica 1 Caratteristica dell Opera Descrizione: Interventi per incrementare la qualità delle infrastrutture scolastiche. Ubicazione: Liceo Scientifico e Istituto Tecnico Commerciale Leonardo

Dettagli

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili.

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili. Come utilizzare le scale a mano o portatili. SCALE A MANO NORME GENERALI Bisogna innanzitutto avere presente il concetto che le scale a mano devono servire esclusivamente per lavori assolutamente particolari

Dettagli

Il programma. I lavori in quota

Il programma. I lavori in quota Il programma I lavori in quota Definizioni Obblighi del datore di lavoro Scale a pioli Scale fisse a gradini Scale fisse a pioli Scale semplici portatili Definizione D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.81 Titolo IV,

Dettagli

Allegato A1 Schede fasi di lavorazione

Allegato A1 Schede fasi di lavorazione Allegato A1 Schede fasi di lavorazione 1 Fasi elementari di dettaglio Approvvigionamento della recinzione Montaggio della recinzione Approvvigionamento e messa in servizio dei servizi collettivi Posa del

Dettagli

Progettare la demolizione

Progettare la demolizione Progettare la demolizione Bologna 24 Ottobre 2014 Docente: Michela Arezzini Consulente sicurezza nei luoghi di lavoro Perché progettare le demolizioni SICUREZZA AMBIENTE COSTI La pianificazione della sicurezza

Dettagli

DEMOLIZIONI OPERE DI RISTRUTTURAZIONE

DEMOLIZIONI OPERE DI RISTRUTTURAZIONE DEMOLIZIONI OPERE DI RISTRUTTURAZIONE CENNI RIGUARDANTI IL D.LGS N.81 DEL 09/04/2008 E S.M.I. Articolo 150 RAFFORZAMENTO DELLE STRUTTURE Articolo 151 ORDINE DELLE DEMOLIZIONI Articolo 152 MISURE DI SICUREZZA

Dettagli

Piano di Sicurezza e Coordinamento relativo al cantiere sito nel comune di MILAZZO (MESSINA) SCHEDE DI SICUREZZA

Piano di Sicurezza e Coordinamento relativo al cantiere sito nel comune di MILAZZO (MESSINA) SCHEDE DI SICUREZZA cantiere sito nel comune di MILAZZO (MESSINA) DOCUMENTO ELABORATO AI SENSI DELL ART. 100 DEL D. LGS. 81/2008 COORDINATO CON IL D. LGS. 3 AGOSTO 2009, N 106 E CON I CONTENUTI MINIMI PREVISTI ALL'ALLEGATO

Dettagli

MINISTERO LAVORO circolare 19 marzo 1980, n. 15

MINISTERO LAVORO circolare 19 marzo 1980, n. 15 MINISTERO LAVORO circolare 19 marzo 1980, n. 15 Prevenzione infortunistica: attrezzature per getto di calcestruzzo con tecnologia a tunnel. Si rende noto che la Pretura di Roma - Sezione IX penale - ha

Dettagli

Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA. A cura di Pier Luigi Ghisi

Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA. A cura di Pier Luigi Ghisi Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA A cura di Pier Luigi Ghisi OBIETTIVO PRINCIPALE Descrivere l approccio che è stato utilizzato nella

Dettagli

Allegato A1 Schede fasi di lavorazione

Allegato A1 Schede fasi di lavorazione CITTA DI TORINO SETTORE PONTI E VIE D ACQUA Manutenzione Ordinaria Alvei fiumi - Anno 2009 Allegato A1 Schede fasi di lavorazione Approvvigionamento della recinzione Montaggio della recinzione Approvvigionamento

Dettagli

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi Martedì 22 luglio2014, dalle ore 15.00 alle ore 17.00 presso la sede CPT, Viale Milano 56/60 Lodi Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi ing. Massimiliano Colletta I LAVORI

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO PONTEGGI. (art. 36-quater, c. 3, D.Lgs. 626/94, come modificato dal D.Lgs. 235/2003) Prov. di

PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO PONTEGGI. (art. 36-quater, c. 3, D.Lgs. 626/94, come modificato dal D.Lgs. 235/2003) Prov. di PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO PONTEGGI (art. 36-quater, c. 3, D.Lgs. 626/94, come modificato dal D.Lgs. 235/2003) COMUNE DI Prov. di Committente: Cantiere Ubicazione Località Natura dell'opera Inizio

Dettagli

LAVORAZIONI. Codici da utilizzarsi per la compilazione: Della Sezione B riquadro Lavorazioni

LAVORAZIONI. Codici da utilizzarsi per la compilazione: Della Sezione B riquadro Lavorazioni Cassa Edile LAVORAZIONI Codici da utilizzarsi per la compilazione: Della Sezione B riquadro Lavorazioni NATURA Altro Altro Altro 00 000 000 Costruzioni edili in nuove costruzioni Installazione cantiere

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ALLEGATO "B" Comune di ROCCABRUNA Provincia di CN ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO

7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO 7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO L ascensore da cantiere, proprio per la sua caratteristica di uso temporaneo presenta, a differenza di altre apparecchiature installate permanentemente in

Dettagli

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Sicurezza realizzabile Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Gli interventi di manutenzione sui veicoli ferroviari vengono svolti in condizioni di sicurezza? La manutenzione dei

Dettagli

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08)

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) SCALE SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) E riconosciuta la conformità delle scale portatili, alle seguenti condizioni: a) le scale portatili siano costruite conformemente alla norma tecnica UNI EN 131

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI La valutazione dei rischi è stata effettuata in conformità alla normativa italiana vigente: - D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, "Attuazione dell'art. 1 della legge 3 agosto

Dettagli

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature LAVORO ELETTRICO In Italia la norma CEI 11-48 del 1998 stabilisce le prescrizioni generali per l esercizio sicuro degli impianti elettrici e per l esecuzione dei lavori su od in prossimità di tali impianti.

Dettagli

LAVORO (punto 2.1.2, lettera a, punto 1, Allegato XV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.)

LAVORO (punto 2.1.2, lettera a, punto 1, Allegato XV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) ANAGRAFICA Pag. 1 LAVORO (punto 2.1.2, lettera a, punto 1, Allegato XV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA: Natura dell'opera: OGGETTO: Permesso di costruire/dia: Importo presunto

Dettagli

SICUREZZA NEI CANTIERI ILLUSTRATA

SICUREZZA NEI CANTIERI ILLUSTRATA Manuel De Rossi, Giuseppe Semeraro SICUREZZA NEI CANTIERI ILLUSTRATA La legislazione di tutela della salute e sicurezza nei cantieri e nei lavori in quota disegnata Sommario Premessa 9 D.Lgs. 81/2008 e

Dettagli

Gru a torre: installazione, montaggio e smontaggio

Gru a torre: installazione, montaggio e smontaggio Gru a torre: installazione, montaggio e smontaggio Introduzione Principio Di norma, quando si sceglie l ubicazione di una gru a torre bisogna fare in modo che la movimentazione dei carichi sul cantiere

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO. Provincia di Olbia Tempio ELABORATO: PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO ED ALLEGATI ALLEGATO

PROGETTO ESECUTIVO COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO. Provincia di Olbia Tempio ELABORATO: PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO ED ALLEGATI ALLEGATO COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO Provincia di Olbia Tempio OGGETTO: Realizzazione intersezione a rotatoria al km 300,134 della S.S. 125 ELABORATO: PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO ED ALLEGATI ALLEGATO

Dettagli

Le Macchine di cantiere

Le Macchine di cantiere Cosa fare, cosa evitare Le Macchine di cantiere A.S.L.E ChièA A.S.L.E L A.S.L.E., Associazione per la Sicurezza dei Lavoratori in Edilizia, nasce da un accordo fra organizzazioni sindacali ed associazioni

Dettagli

UNA CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI

UNA CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI U CHECK LIST PER LA CUREZZA NEI CANTIERI EDILI LE CONDERAZIONI ESPOSTE SO FRUTTO ESCLUVO DEL PENERO 1DEGLI AUTORI E N HAN CARATTERE IN ALCUN MODO IMPEGTIVO PER L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DI APPARTENENZA.

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1 SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1 Descrizione delle attività: Scavi, sbancamenti e reinterri. Lavoratori esposti a rischi potenziali: Dipendenti delle imprese appaltatrici e lavoratori autonomi presenti

Dettagli

Elementi di giudizio. Cadute dall alto. Lavoratori esposti al rischio di caduta da una altezza superiore a circa tre. Estesa carenza di protezioni

Elementi di giudizio. Cadute dall alto. Lavoratori esposti al rischio di caduta da una altezza superiore a circa tre. Estesa carenza di protezioni SPISAL Asl 20 Asl 21 Asl 22 Direzione Provinciale del Lavoro Comitato Paritetico Territoriale Polizia Municipale Campagna Cantieri Sicuri 2007 Elementi di giudizio Cantieri sotto il Minimo Etico Cadute

Dettagli

Compreso trasporto, montaggio e smontaggio e preparazione della base in cls armata di appoggio.

Compreso trasporto, montaggio e smontaggio e preparazione della base in cls armata di appoggio. ORG: ORGANIZZAZIONE DI CANTIERE ORG.002 DELIMITAZIONI VARIE 1 ORG.001010 Recinzione di cantiere alta cm 200, eseguita ferri tondi infissi in basi cemento, rete metallica elettrosaldata e rete di plastica

Dettagli

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara Area Edilizia, Sicurezza, Patrimonio, gare Titolo IX Classe 2 Fasc. Sotfas. TAV. ISC ACCORDO QUADRO PER LA MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITÀ

Dettagli

Seminario Nuove tecnologie per la sicurezza nei cantieri

Seminario Nuove tecnologie per la sicurezza nei cantieri Seminario Nuove tecnologie per la sicurezza nei cantieri Venerdì 16 Marzo 2007 Presentazione della ricerca Posa in opera dei solai - procedure di sicurezza condivise (in collaborazione con AUSL 22 Bussolengo

Dettagli

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio Argomenti verbale di consegna I CRITERI DI GESTIONE DEL PONTEGGIO Lodi, 28 Ottobre 2014 ing. Marco Antonio Fusco Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie Uso dei sistemi anticaduta durante

Dettagli

RISCHI IN EDILIZIA TIPO DI PERICOLO IN CHE SITUAZIONI ATTREZZATURE E SOSTANZE PROTEZIONE Caduta materiale dall'alto Ambiente di lavoro Quando carica, scarica e movimenta materiale Materiale edile Piccoli

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE GENERALI PER LAVORARE IN SICUREZZA IN TALI ATTIVITA

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE GENERALI PER LAVORARE IN SICUREZZA IN TALI ATTIVITA ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI INTERVENTI DI: ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA RISCHI CADUTE DALL ALTO NEI LAVORI DI COSTRUZIONE, MANUTENZIONE, MODIFICA STRUTTURE TRADIZIONALI

Dettagli

FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91 e Allegato XVI)

FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91 e Allegato XVI) Comune di TORINO Provincia di TO FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91 e Allegato XVI) OGGETTO: AREA OVEST COMMITTENTE:

Dettagli

STIMA COSTI PER LA SICUREZZA (D.Lgs 81-08 / Cap.28 Prezziario Regione Piemonte 2015)

STIMA COSTI PER LA SICUREZZA (D.Lgs 81-08 / Cap.28 Prezziario Regione Piemonte 2015) ALLEGATO III STIMA COSTI PER LA SICUREZZA (D.Lgs 81-08 / Cap.28 Prezziario Regione Piemonte 2015) Pag. 1 Numero d'ordine Nr.1 D E S C R I Z I O N E Quantità Unitario Totale Operaio Specializzato per formazione

Dettagli

LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI

LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI a cura di Marialuisa Diodato SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V IA A LBERTONI, 15-40138 BOLOGNA! 051.63.61.371-FAX 051.63.61.358 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

SCAVI e MOVIMENTO TERRA

SCAVI e MOVIMENTO TERRA SCAVI e MOVIMENTO TERRA Il quadro normativo D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 -art. 118 Splateamento e sbancamento -art. 119 Pozzi, scavi e cunicoli -art. 120 Deposito di materiali in prossimità degli scavi

Dettagli

CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16

CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16 CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16 IDENTIFICAZIONE E DESCRIZIONE DELL OPERA L identificazione e la descrizione dell opera è esplicitata con: a) l indirizzo del cantiere; b) la descrizione del contesto in cui

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI ELENCO PREZZI UNITARI Art. Descrizione U.M. 02.10.020.00 1a Linea elettrica mobile per impianti di illuminazione di sicurezza, realizzata con cavo multipolare flessibile isolato in gomma G10 sotto guaina

Dettagli

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE Prime indicazioni per la stesura del piano della sicurezza Descrizione sommaria delle fasi

Dettagli

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. ALLEGATO "A" Comune di Tramonti Provincia di SA DIAGRAMMA DI GANTT cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: REALIZZAZIONE

Dettagli

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI(DUVRI) E INFORMATIVA IN MERITO AI RISCHI SPECIFICI PER LE FASI DI ALLESTIMENTO E DISALLESTIMENTO

Dettagli

SICUREZZA DELLE SCAFFALATURE

SICUREZZA DELLE SCAFFALATURE SOMMARIO SOMMARIO... 2 1. SCOPO... 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 3. TERMINOLOGIE E ACRONIMI... 3 4. DESTINATARI DELL ATTUAZIONE DELLA PROCEDURA... 4 5. MODALITÀ OPERATIVE... 4 5.1. CRITERI TECNICI PER

Dettagli

L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO

L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO COSA PREVEDE LA NORMATIVA SUI D.P.R. 164/1956 Art. 16 Ponteggi e opere provvisionali Nei lavori che sono eseguiti ad un altezza

Dettagli

Il cantiere edile. I Comitati paritetici territoriali per la prevenzione degli infortuni svolgono attività

Il cantiere edile. I Comitati paritetici territoriali per la prevenzione degli infortuni svolgono attività 43 1 2 3 4 5 6 Per indice di frequenza degli infortuni si intende il rapporto tra il numero degli infortuni gravi e: A il numero di ore lavorative annue moltiplicato per 10 6 B il numero di giorni effettivamente

Dettagli

Allegato B - Lavorazioni e sorgenti di rischio Plesso scolastico "U. Foscolo"

Allegato B - Lavorazioni e sorgenti di rischio Plesso scolastico U. Foscolo ALLESTIMENTO E ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE Realizzazione della recinzione di cantiere e relativi accessi; utilizzo di reti e/o pannelli in metallo e/o tavole in legno Uso della mazza Uso di rete, pannelli

Dettagli

Trave Reticolare SER

Trave Reticolare SER REV 03-5/5/2015 Trave Reticolare SER Premessa: PER IL TRASPORTO, LO SCARICO, L ACCATASTAMENTO IN CANTIERE, LA MOVIMENTAZIONE, LA POSA ED IL COMPLETAMENTO IN OPERA DELLE TRAVI PREFABBRICATE RETICOLARI MISTE

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ALLEGATO "B" Comune di LENOLA Provincia di LT ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: PROGETTO PER L'INNALZAMENTO

Dettagli

LAVORO SULLE COPERTURE

LAVORO SULLE COPERTURE 1 LAVORO SULLE COPERTURE UNI EN 8088 2 Lavori inerenti le coperture dei fabbricati (definizioni) [UNI 8088] Tipi di coperture [UNI 8088] MANTO DI COPERTURA Per manto di copertura si intende l insieme degli

Dettagli

Piano di Sicurezza e Coordinamento relativo al cantiere sito nel comune di Agrigento Rev. 00

Piano di Sicurezza e Coordinamento relativo al cantiere sito nel comune di Agrigento Rev. 00 cantiere sito nel comune di Agrigento Rev. 00 del 08/10/2012 Committente Regione SicilianaAssessorato Infrastrutture e MobiltàDipartimento Infrastrutture, Mobilità e TrasportiUfficio Del Genio Civile Di

Dettagli

CANTIERE: PORTO DI MOLFETTA. Scheda S015

CANTIERE: PORTO DI MOLFETTA. Scheda S015 OPERE PROVVISIONALI Revisione: Effettuata da: CANTIERE: PORTO DI MOLFETTA Scheda S015 Installazione impianto elettrico di cantiere comprensivo della rete di distribuzione nel caso di collegamento della

Dettagli

Piano delle misure. Progetto: Casa modello (2011) per il piano per la sicurezza integrale - Fase esecutiva

Piano delle misure. Progetto: Casa modello (2011) per il piano per la sicurezza integrale - Fase esecutiva Piano delle misure per il piano per la sicurezza integrale - Fase esecutiva Progetto: Casa modello (2011) Committente: Cooperativa Immobiliare Campo Sereno, 9999 Briantea Edizione del 11. aprile 2011 Versione

Dettagli

LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI

LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI INCONTRI CON LE IMPRESE Lodi, 21 Luglio 2015 LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI ing. Marco Antonio Fusco CPT Milano, Lodi, Monza Brianza Principali fasi di lavorazione nella prefabbricazione 1.

Dettagli

Schede delle fasi lavorative ALLESTIMENTO DELL AREA DI CANTIERE. Realizzazione della recinzione e degli accessi del cantiere F1.1

Schede delle fasi lavorative ALLESTIMENTO DELL AREA DI CANTIERE. Realizzazione della recinzione e degli accessi del cantiere F1.1 Schede delle fasi lavorative ALLESTIMENTO DELL AREA DI CANTIERE Realizzazione della recinzione e degli accessi del cantiere F1.1 Si allestirà l area di cantiere utilizzando parte della zona a verde attestante

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

Cantieri temporanei o mobili. dott. ing. Giuseppe SEMERARO

Cantieri temporanei o mobili. dott. ing. Giuseppe SEMERARO Cantieri temporanei o mobili Titolo IV DLgs. 81/2008 1 Capo che sostituisce DPR 164/56, parte del DLgs. 626/94 ad altri provvedimenti minori abrogatiindirettamente indirettamente CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE

Dettagli

E FASI LAVORATIVE LE FASI LAVORATIVE

E FASI LAVORATIVE LE FASI LAVORATIVE E FASI LAVORATIVE lestimenti provvisionali previsti ROV.05 AUTOGRU Utilizzo dell'autogru, su gomme o cingolata ROV.06 PONTEGGIO Allestimento di ponteggio metallico, a tubi e giunti e/o ad elementi prefabbricati

Dettagli

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE LAVORI IN ALTEZZA - NORME DI RIFERIMENTO D.Lgs 81/2008 e s.m.i. In particolare Titolo IV Cantieri temporanei o mobili Capo II Norme per la prevenzione sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota

Dettagli

OPERAZIONI DI NECROFORIA

OPERAZIONI DI NECROFORIA OPERAZIONI DI NECROFORIA http://www.626ferrari.com/index_file/page1207.htm INUMAZIONE 1) predisporre un cordone di sicurezza intorno al perimetro della zona di lavoro del braccio della pala meccanica (tramite

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE - VARIANTE - Il R.U.P.: ing. Francesco Cicala. Il Progettista: ing. Francesco Cicala

PROGETTO PRELIMINARE - VARIANTE - Il R.U.P.: ing. Francesco Cicala. Il Progettista: ing. Francesco Cicala Comune di Villaricca Provincia di Napoli Progetto per la realizzazione di un'area parcheggio pubblico e completamento impianto sportivo al Corso Italia con struttura polifunzionale PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli

RISISTEMAZIONE DELLA S.P. N. 172, STRADA DI COLLEGAMENTO TRA LA S.R. N. 23 ED IL COMPLESSO DI PRA CATINAT LOTTO A VARIANTE 1

RISISTEMAZIONE DELLA S.P. N. 172, STRADA DI COLLEGAMENTO TRA LA S.R. N. 23 ED IL COMPLESSO DI PRA CATINAT LOTTO A VARIANTE 1 ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA "PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RISALITA PER IL COLLEGAMENTO DELLA STRADA REGIONALE 23 DEL COLLE DEL SESTRIERE CON IL FORTE DI FENESTRELLE E PER IL COLLEGAMENTO

Dettagli

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.)

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) MASTER SICUREZZA Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) Alessandro Cauduro Creazzo 1 luglio 2010 DPI Anticaduta Generalità I dispositivi di protezione individuale (DPI) sono:

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza La sicurezza degli operatori

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza La sicurezza degli operatori Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza La sicurezza degli operatori La Sicurezza dal latino sine cura (senza preoccupazione) può essere definita come la "conoscenza che l'evoluzione di un sistema

Dettagli

- A - Piano dettagliato della sicurezza per fasi di lavoro

- A - Piano dettagliato della sicurezza per fasi di lavoro - A - Piano dettagliato della sicurezza per fasi di lavoro Schede di sicurezza collegate alle singole fasi lavorative (in relazione ai lavori programmati) È importante precisare che le schede allegate,

Dettagli

3) descrizione sintetica dell opera, con particolare riferimento alle scelte progettuali, architettoniche, strutturali e tecnologiche; - - - - -

3) descrizione sintetica dell opera, con particolare riferimento alle scelte progettuali, architettoniche, strutturali e tecnologiche; - - - - - Collegio Geometri della Provincia di Brescia Commissione 494 Sicurezza dei Cantieri P.S.C. P.S.C. (o Piano di Sicurezza e di Coordinamento): specificato per ogni singolo cantiere temporaneo o mobile e

Dettagli