L'ANALISI DEI COSTI EDP DELLE VARIE CLASSI CON L'INDIVIDUAZIONE DEI RELATIVI REGIMI CIVILISTICI E FISCALI. Sommario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L'ANALISI DEI COSTI EDP DELLE VARIE CLASSI CON L'INDIVIDUAZIONE DEI RELATIVI REGIMI CIVILISTICI E FISCALI. Sommario"

Transcript

1 L'ANALISI DEI COSTI EDP DELLE VARIE CLASSI CON L'INDIVIDUAZIONE DEI RELATIVI REGIMI CIVILISTICI E FISCALI Sommario 1. Introduzione 2. Le strutture dei sistemi informativi aziendali 3. La classificazione dei costi informatici 4. L'attribuzione dei costi agli ambiti operativi 5. Il controllo dell'efficienza funzionale 6. I regimi civilistici 7. I regimi fiscali 8. Conclusioni

2 1. Introduzione Una delle più rilevanti funzioni aziendali nelle imprese moderne è costituita dal sistema informatico, comunemente identificato con la sigla EDP (Electronic Data Processing = elaborazione elettronica dei dati). Il sistema informativo aziendale rappresenta in termini gestionali una risorsa (e quindi un costo ), divenuta ormai indispensabile per l'impresa, caratterizzata da una continua e rapidissima evoluzione, sia sotto il profilo tecnologico che sotto quello applicativo. L'acquisto e la manutenzione dell'hardware e dei programmi informatici, lo sviluppo di software interno, il collegamento ad Internet, l'allestimento e l'aggiornamento di un proprio sito web, l'utilizzo di banche dati, la gestione della posta elettronica interna ed esterna, l'informatizzazione degli archivi, la computerizzazione dei sistem i telefonici, il telebanking, la moneta elettronica, la gestione informatizzata degli adempimenti contabili e fiscali, le procedure di sicurezza informatica, costituiscono le principali voci di costo del settore EDP che gravano sul bilancio di un'azienda. A quanto sopra recentemente si è aggiunto il problema dell'anno 2000, sinteticamente definito Y2k. Tale questione, banale dal punto di vista concettuale ma estremamente rilevante sotto il profilo pratico, investe il settore informatico su scala planetar ia e comporta ulteriori costi EDP per le imprese che intendano adottare gli opportuni accorgimenti finalizzati a prevenire le possibili disfunzioni derivanti dal "millennium bug". A questo proposito, con il Dpcm 22/7/1999, il governo italiano ha istituito il Comitato interministeriale per l'anno

3 Detto organismo è stato incaricato di sovraintendere alla pianificazione ed al coordinamento del piano di continuità e di emergenza finalizzato al contenimento delle disfunzioni che potrebbero manifestarsi nei sistemi informatici con l'inizio del nuovo millennio. Benchè i costi EDP nella loro interezza siano indubbiamente di un notevole interesse sotto il profilo gestionale, soprattutto a causa del continuo evolversi ed ampliarsi del settore, a tutt'oggi la maggior parte delle imprese italiane non si è ancora organizzata per effettuarne una rilevazione analitica ai fini del controllo di gestione. Normalmente infatti tali costi, sotto il profilo contabile, sono frazionati fra loro ed allocati all'interno delle varie poste di bilancio quali ad esempio: ammortamenti, canoni di leasing, manutenzioni, costi del personale, prestazioni di servizi da terzi, abbonamenti, ecc., talchè non se ne ha una immediata percezione complessiva. In talune realtà aziendali talora detti valori vengono estrapolati extracontabilmente ed aggregati, al fine di verificarne l'incidenza complessiva sul fatturato aziendale. Si tratta evidentemente di un primo passo nella direzione di un esame del costo del sistema informativo aziendale, ma q uesto dato potrebbe risultare non particolarmente significativo se non fosse supportato da ulteriori elementi di valutazione che consentano una articolata analisi di dettaglio. Lo scopo del presente studio è quello di fornire un quadro di riferimento della problematica in trattazione, di suggerire al lettore uno strumento metodologico semplice ma efficace, finalizzato ad un'analisi approfondita dei costi informatici, ed infine di esaminarne brevemente i principali aspetti civilistici e fiscali, onde pote r compiutamente valutare sotto il profilo economico complessivo questa primaria funzione aziendale. 3

4 2. Le strutture dei sistemi informativi aziendali In relazione alle diverse realtà ed esigenze delle imprese i sistemi informatici possono essere variamente strutturati. In via principale i tre elementi chiave che concorrono alla configurazione del settore EDP aziendale sono la dimensione dell'impresa, la sua struttura organizzativa e l'approccio mentale dell'imprenditore o del management nei conf ronti del computer. L'esperienza dimostra che tanto più l'impresa è piccola e poco organizzata, quanto più il sistema informativo risulterà semplice e contenuto, soprattutto nei contesti aziendali dove l'informatica è ancora vista con una certa diffidenza dall'imprenditore. Viceversa, prendendo in esame realtà d'impresa di maggiori dimensioni e dotate di un'organizzazione articolata si riscontrano generalmente delle strutture EDP ampie e complesse, caratterizzate da un largo ricorso all'informatizzazione dei processi aziendali. Convenzionalmente i sistemi informativi aziendali al fine delle analisi gestionali vengono divisi in tre categorie dimensionali: a) Piccolo: è un centro EDP con meno di quattro addetti. La struttura è costituita da una rete di personal computer o da un piccolo sistema centrale. Il software è generalmente acquistato da terzi ed il livello di informatizzazione dei processi aziendali è basso. Si tratta della realtà maggiormente diffusa fra le imprese del nostro paese. b) Medio: è un centro EDP con un numero di addetti fra 4 e 15. La struttura è costituita da reti articolate di personal computer oppure, più frequentemente, da un sistema centrale con vari terminali e periferiche. 4

5 La maggior parte del software è acquistato da terzi, ma in parte viene sviluppato in proprio o comunque personalizzato. Alcuni processi aziendali risultano informatizzati. E' la realtà che normalmente si riscontra nelle medie imprese che si stanno evolvendo verso dimensioni maggiori. c) Grande: è un centro EDP con più di 15 addetti. La struttura è costituita da un sistema centrale molto avanzato, host e numerosi terminali e periferiche. E' sviluppato l'utilizzo di reti telematiche e di software di sicurezza. Esistono collegamenti informatici con le sedi periferiche. Gran parte dei programmi vengono sviluppati in proprio e tutti i principali processi aziendali sono altamente informatizzati. Si tratta della realtà tipica delle grandi imprese, banche, assicurazioni ed enti. Nella fattispecie (a) i costi del settore EDP sono generalmente alquanto modesti e di agevole rilevazione. In tali contesti semplificati anche la sola quantificazione del dato complessivo di spesa può essere sufficiente ad impostare una idonea politica direzionale. Nei casi (b) e soprattutto (c) invece la spesa per la funzione informatica è decisamente più rilevante e pertanto si rende opportuno ricorrere ad analisi più approfondite al fine di realizzare un efficace controllo dei costi. 3. La classificazione dei costi informatici 5

6 Il sistema informatico aziendale è normalmente costituito da un insieme di ambiti operativi, ciascuno dei quali è preposto a fornire differenti servizi all'utenza. Naturalmente ognuno di tali centri origina dei propri costi. Il principale problema che si incontra nell'impostare un sistema di rilevazione ed analisi dei costi informatici deriva dal fatto che gli ambiti operativi del settore EDP rilevanti a tale scopo in genere non corrispond ono ai centri di costo identificati dal sistema di contabilità analitica dell'impresa. Da qui l'opportunità di un sistema di contabilità analitica parallela per i costi EDP e della precodifica delle operazioni contabili relative al solo settore informatico da parte di personale qualificato che abbia una conoscenza adeguata della struttura organizzativa del sistema informativo aziendale. In questo modo, contestualmente all'imputazione delle scritture di contabilità generale, si realizza in via automatica una contabilità analitica esclusiva per il settore EDP, eliminando la necessità di scorporare in seguito le scritture contabili relative alla struttura informatica dalla contabilità generale o dalla contabilità analitica. Adottando la suddetta procedura operativa il rischio di errori è ridotto al minimo in quanto le fasi manuali del trattamento dei dati sono solo due: la precodifica da parte di un addetto specializzato (in genere si tratta del capo - contabile o del responsabile della contabilità analitic a) e la successiva imputazione della registrazione da parte di un addetto generico già preposto all'inserimento della contabilità generale (in molti casi peraltro nella pratica aziendale entrambe le operazioni vengono svolte da quest'ultimo). Inoltre si ha il significativo vantaggio di poter disporre tempestivamente dei dati rilevanti per l'analisi, senza dover ricorrere a particolari estrapolazioni manuali. 6

7 Poichè si ritiene che normalmente l'attribuzione della precodifica e l'inserimento a terminale del codice di contabilità analitica EDP nella fase di imputazione dell'operazione contabile richieda solo alcuni secondi, ne deriva che la procedura suggerita in condizioni normali risulta accurata, efficace ed efficiente. Un sistema di classificazione dei costi informatici suddivisi per ambiti operativi e per natura potrebbe essere realizzato con una semplice tabella a doppia entrata, come segue: Ammortam. Canoni Manut. Person. Servizi AMBITI OPERATIVI Leasing di terzi ecc Hardware sede Hardware filiali Software di base Software applic. Comunicaz. elett. Internet ecc

8 Naturalmente la tabella dovrà essere opportunamente adattata alla specifica realtà aziendale che si intende esaminare, stabilendo gli opportuni collegamenti automatizzati fra le voci della stessa ed i conti codificati nella contabilità analitica EDP. I dati così organizzati consentono di visualizzare immediatamente: a) i costi EDP relativi ad ogni ambito operativo (totali p er riga) suddivisi per natura; b) i costi EDP complessivi aziendali ripartiti per natura (totali per colonna) e suddivisi sugli ambiti operativi. Il procedimento qui proposto rileva esclusivamente i costi diretti dei vari ambiti operativi EDP, che sono quelli di maggiore interesse in questo genere di analisi. Nel caso in cui si desiderasse invece prendere in esame anche i costi indiretti, dopo aver realizzato delle idonee aggregazioni, si potrà procedere al ribaltamento degli stessi sugli ambiti op erativi EDP applicando il metodo ritenuto più opportuno in relazione alla tipologia di costo (forfetario, proporzionale, orario, quantitativo, empirico, ecc.). 4. L'attribuzione dei costi agli ambiti operativi Per il concreto utilizzo del sistema di classificazione qui sopra suggerito prendiamo ora in esame i principali ambiti operativi EDP illustrando l'attribuzione delle più rilevanti voci di costo agli stessi inerenti. Hardware sede Si tratta spesso della voce di spesa più significativa, che dovrebbe includere: * ammortamenti delle macchine EDP di proprietà ed accessori; * canoni periodici della macchine EDP in leasing ed accessori; 8

9 * beni inferiori al milione relativi a macchine EDP ed accessori; * consulenze relative all'acquisto delle macchine EDP; * spese di manutenzione delle macchine EDP; * assistenza tecnica; * costi del personale addetto all'hardware; * consumo di elettricità per il funzionamento dell'hardware; * assicurazione sulle macchine EDP; * materiali di consumo (modulistica, prodotti per la pulizia dei computers, tappetini per mouse, ecc.); * ammortamenti relativi a particolari impianti ed installazioni afferenti all'hardware (impianto elettrico dedicato, cablaggi, allestimento speciale centro EDP, ecc.); * altre spese hardware. Hardware filiali L'attribuzione dei costi è la medesima di quella illustrata per la sede, ovviamente con riferimento ai costi sostenuti per le filiali. Il trattamento dei dati pertanto può essere effettuato in modo analogo al caso precedente. Software di base Tale ambito operativo è correlato essenzialmente ai seguenti costi: * ammortamenti del software di base; * assistenza tecnica; * costo licenze d'uso aggiuntive; * manutenzione ed aggiornamenti; * spese formazione del personale per l'apprendimento dell'utilizzo del software. Software applicativo Si tratta dell'ambito in cui si presentano le situazioni più articolate e complesse. Il software applicativo infatti può 9

10 essere acquistato da terzi o sviluppato in proprio. In molti casi coesistono entrambe le situazioni. Le principali tipologie di costo sono: * ammortamenti del software applicativo; * costo del personale relativo allo sviluppo interno di software o alla personalizzazione di pacchetti acquistati; * consulenze di analisti esterni; * assistenza tecnica; * costo licenze d'uso aggiuntive per i pacchetti acquistati; * manutenzione ed aggiornamenti; * supporti magnetici; * servizi esterni di back up; * spese formazione del personale per l'apprendimento dell'utilizzo del software. Comunicazioni elettroniche E' considerato un ambito operativo ausiliario, ma non per questo secondario nell'analisi dei relativi costi che sono principalmente costituiti da: * ammortamenti programmi di posta elettronica interna / esterna; * ammortamento modem; * costo allacciamento linea ISDN; * spese telefoniche relative alle comunicazioni elettroniche; * costi del personale (rilevazione in base al tempo) afferenti all'utilizzo ed alla consultazione dei sistemi di posta elettronica; * assistenza tecnica; * costo servizi provider; * manutenzione ed aggiornamenti; * spese formazione del personale. Internet I costi tipici di tale ambito operativo possono essere estremamente diversificati a seconda che l'impresa abbia uno o più abbonamenti, in base alla tipologia di abbonamento, in 10

11 relazione al provider utilizzato ed a seconda che disponga o meno di un proprio sito. Le più significative voci di costo sono le seguenti: * spese per realizzazione del sito; * spese per la manutenzione del sito; * costo abbonamento a Internet; * ammortamento modem; * costo allacciamento linea ISDN; * spese telefoniche relative all'utilizzo della rete telematica; * costi del personale (rilevazione in base al tempo) afferenti all'utilizzo della rete telematica; * assistenza tecnica; * costo per accesso a servizi in rete; * costo servizi provider. 5. Il controllo dell'efficienza funzionale Nella pratica aziendale si riscontra diffusamente un' accentuata sensibilità dell'utenza alle variazioni della qualità del servizio. Ciò deriva dal fa tto che gli abituali utilizzatori del sistema informativo aziendale in genere dipendono in misura notevole dallo stesso per lo svolgimento del loro lavoro. Si pensi ad esempio ai disagi che vengono riscontrati quando il sistema è sovraccarico e costringe a lavorare molto lentamente, quando gli archivi on line si deteriorano improvvisamente e devono essere ricaricati dai back up, quando i dati vengono trasferiti per via telematica e si rende necessario effettuare ripetuti tentativi per riuscire ad ottenere i l collegamento, quando le linee POS in determinati orari sono sovrautilizzate ed i pagamenti dei clienti non vengono accettati, ecc. L'esame del grado di soddisfazione espresso dall'utenza, una volta depurato dagli eventuali eccessi e dai giudizi prettamente umorali, rappresenta perciò un primo empirico indicatore dell'effettiva funzionalità del settore EDP. 11

12 Effettuando l'analisi dei costi descritta nei paragrafi precedenti è possibile prendere in esame molteplici indicatori in base ai quali esercitare u n controllo consuntivo sull'efficienza del sistema informativo aziendale. L'indagine degli scostamenti esistenti fra le previsioni di costo formulate in merito alle diverse voci di spesa in sede di budget ed i risultati effettivi emersi dalla contabilità analitica EDP rappresenta il principale elemento di valutazione della gestione e dell'utilizzo ottimale del sistema informatico. Esaminando tali indici ad intervalli di tempo regolari si possono riscontrare delle variazioni anomale, indicatrici di un'efficienza funzionale del sistema informatico non ottimale. Le problematiche più frequenti che vengono portate alla luce mediante tali analisi sono le seguenti: * apparato hardware sottodimensionato rispetto alle esigenze degli utilizzatori; * apparato hardware non adeguato rispetto al software impiegato; * collegamenti insoddisfacenti con le sedi decentrate; * insufficiente stato di manutenzione e di funzionalità delle unità periferiche (tipicamente delle stampanti); * software non ottimale per l'es ecuzione delle applicazioni richieste; * personale non sufficientemente addestrato all'utilizzo del software disponibile. L'esame delle suddette situazioni e l'adozione degli opportuni interventi correttivi da parte del management può portare il sistema informativo aziendale al livello di efficienza funzionale ritenuto ottimale. 6. I regimi civilistici 12

13 Sotto il profilo civilistico i costi informatici si prestano a trattamenti contabili differenziati a seconda della loro natura ed in dipendenza del fatto che esauriscano la loro vita economica nell'esercizio, oppure dagli stessi derivi un'utilità pluriennale per l'impresa. Il legislatore italiano, nella formulazione del D.Lgs. 9/4/1991 n. 127, ha optato per l'adozione di un sistema di classificazione dei costi in bilancio per natura anzichè per destinazione o per funzione aziendale, intendendosi per "natura" la caratteristica o la causa economica che ha determinato il sostenimento del costo. E' da notare in proposito che la IV direttiva CEE, recepita nel nostro ordinamento mediante il citato provvedimento legislativo, lasciava la facoltà ai singoli Stati membri di adottare l'uno o l'altro criterio di classificazione. Nonostante la migliore dottrina contabile italiana ed internazionale già da tempo avessero fatto rilevare che il criterio della "destinazione" era certamente il più idoneo a rappresentare in modo veritiero e corretto l'andamento economico di un'impresa, il nostro legislatore optò per il criterio della "natura" dei costi, ritenendo pro babilmente che lo stesso avrebbe generato minori problemi interpretativi in sede di applicazione della norma. Per detta ragione il sistema di contabilità analitica dei costi EDP proposto nei paragrafi precedenti non è di alcuna rilevanza ai fini civilistici, in quanto la classificazione dei costi suggerita viene operata per "destinazione", avuto riguardo agli ambiti operativi dell'apparato informativo aziendale. Con riferimento al regime civilistico di classificazione dei costi nel Conto Economico, co me statuito dall'art del Codice Civile, le principali voci di spesa inerenti il settore 13

14 informatico, illustrate in precedenza relativamente agli ambiti operativi EDP, potranno trovare le seguenti allocazioni: B6 - Costi per materie di consumo * materiali di consumo (modulistica, prodotti per la pulizia dei computers, floppy disks, tappetini per mouse, ecc.); B7 - Costi per servizi * assistenza tecnica; * manutenzioni ordinarie software; * manutenzioni ordinarie hardware; * assicurazione sulle macchine EDP; * servizi esterni di back up; * abbonamento a Internet; * servizi provider; * servizi di manutenzione del sito Internet; * consulenze di analisti esterni; * costo per accesso a servizi in rete; * consumo di elettricità per il funzionamento dell'hardware; * spese telefoniche relative alle comunicazioni elettroniche; B8 - Costi per godimento di beni di terzi * canoni periodici (leasing, noleggi) relativi alla macchine EDP ed accessori; B9 - Costi per il personale * costi del personale addetto all'hardware; * costi del personale afferenti all'utilizzo ed alla consultazione dei sistemi di posta elettronica; * costi del personale afferenti all'utilizzo della rete telematica; * costo del personale relativo allo sviluppo interno di software o alla personalizzazione di pacchetti acquistati; * spese formazione del personale per l'apprendimento dell'utilizzo del software; 14

15 B10 (a) - Ammortamento delle immobilizzazioni immateriali * ammortamenti del software di base; * ammortamenti del software applicativo; * ammortamenti programmi di posta elettronica interna / esterna; * ammortamenti delle licenze d'uso aggiuntive; * ammortamenti dei costi pluriennali (allacciamento linee ISDN, spese di sviluppo per l'informatizzazione dei processi aziendali, allestimento del sito Internet, ecc.). B10 (b) - Ammortamento delle immobilizzazioni materiali * ammortamenti delle macchine EDP di proprietà ed accessori; * ammortamenti dei beni inferiori al milione relativi a macchine EDP ed accessori; * ammortamenti relativi a particolari impianti ed installazioni afferenti all'hardware (impianto elettrico dedicato, cablaggi, allestimento speciale centro EDP, ecc.). I costi ad utilità pluriennale cui gli ammortamenti citati si riferiscono, in relazione allo schema obbligatorio disposto dell'art del Codice Civile, trovano invece collocazione nello Stato Patrimoniale fra le immobilizzazioni immateriali o materiali a seconda della loro natura. In particolare si possono suggerire le seguenti allocazioni: B I (2) - Immobilizzazioni immateriali: costi di ricerca, di sviluppo e di pubblicità * costi pluriennali relativi a spese di sviluppo per l'informatizzazione dei processi aziendali, l'allestimento del sito Internet, ecc.; Detti costi possono essere capitalizzati solo previo il consenso del collegio sindacale (ove esistente) e devono essere ammortizzati entro un periodo non superiore a cinque anni, ai sensi dell'art. 2426, comma 5, del Codice Civile. In discendenza dell'aleatorietà che caratterizza tali co sti la predetta norma prevede inoltre che, fino a quando l'ammortamento non sia stato completato, l'impresa possa 15

16 distribuire dividendi solo se residuano riserve disponibili sufficienti a coprire l'ammontare dei costi non ammortizzati. Infine gli amministratori, al punto (1) della relazione sulla gestione, in base al disposto dell'art del Codice Civile, sono tenuti a dare specifica informativa in merito ai suddetti costi capitalizzati. B I (4) - Immobilizzazioni immateriali: concessioni, licenze, marchi e diritti simili * costo delle sole licenze d'uso per software acquisito da terzi; B I (7) - Immobilizzazioni immateriali: altre * costo di tutti i diritti relativi al software acquisito da terzi; * costo del software prodotto dall'impresa per uso interno o per la successiva rivendita. B II (2) - Impianti e macchinario * impianti ed installazioni specifiche afferenti all'hardware (impianto elettrico dedicato, cablaggi, allestimento speciale centro EDP, ecc.). B II (4) - Altri beni * macchine EDP di proprietà ed accessori; * beni inferiori al milione relativi a macchine EDP ed accessori; * apparecchiature elettroniche di telefonia per la trasmissione dati. 7. I regimi fiscali 16

17 La normativa tributaria in materia di imposte sui redditi risulta allineata al criterio di classificazione "per natura" statuito dalla disciplina civilistica. Di conseguenza i costi informatici concorrono alla formazione del reddito d'impresa, quali componenti negativi di reddito, in misura diversa a seconda della propria natura. In linea di massima è consentito che i costi che esauriscono la loro vita economica utile nel periodo d'imposta possano essere integralmente dedotti, per competenza, nel periodo stesso. Tipicamente si tratta di costi del personale, manutenzioni periodiche in base a contratto, materiali di consumo, consulenze, abbonamento a Internet, spese telefoniche per l'utilizzo delle linee telematiche, consumi di energia elettrica, ecc., con l'importante eccezione delle spese di manutenzione e riparazione non ricorrenti e non predeterminate per contratto. Tali spese infatti, ai sensi dell'art. 67, comma 7, del DPR 22/12/1986 n. 917, sono soggette ad un regime di deducibilità parziale. In particolare le suddette spese sono deducibili nell'esercizio di competenza solo nel limite del 5% del costo complessivo dei beni materiali ammortizzabili posseduti dall'impresa all'inizio del periodo d'imposta. L'ammontare delle spese eccedenti il predetto limite è invece deducibile dal reddito d'impresa per quote costanti nei cinque esercizi successivi. In base al disposto dell'art. 67, comma 8, del TUIR, i canoni di leasing relativi alle macchine EDP ed ai loro accessori sono deducibili dal reddito dell'impresa utilizzatrice in ciascun esercizio di competenza del contratto, a condizione che la durata dello stesso non sia inferiore alla metà del periodo di ammortamento fiscalmente consentito. 17

18 A norma dell'art. 74, comma 1, del DPR 917/86 le spese relative a studi e ricerche sono integralmente deducibili nell'esercizio in cui sono state sostenute. In alternativa tali spese possono essere dedotte dall'impresa in quote costanti nell'esercizio stesso e nei successivi, ma non oltre il quarto. Per il software acquistato ai fini della diretta utilizzazione da parte del sistema informativo aziendale occorre distinguere fra il software di base e quello applicativo. Nel primo caso si tratta di programmi EDP "di sistema", senza i quali gli elaboratori elettronici non potrebbero neppure funzionare (tipicamente il sistema operativo). In tale fattispecie il software, ai fini fiscali, dev'essere ammortizzato alla medesima aliquota del macchinario che lo utilizza essendo considerato ad esso inscindibilmente connesso sotto il profilo funzionale. Nel secondo caso si tratta invece di software destinato all'esecuzione di specifiche applicazioni (ad es. gestione del magazzino, elaborazione paghe e contributi, ecc.). Non esiste quindi alcun nesso funzionale fra il programma ed il computer che lo utilizza, se non una compatibilità di natura meramente tecnica. Detto costo risulta quindi deducibile in più esercizi, conformemente ai principi civilistici e secondo l'utilità che fornisce all'utilizzatore, nel limite della quota imputabile a ciascun esercizio. In proposito si fa comunemente riferimento alla disciplina tributaria prevista per le "altre spese pluriennali" (art. 74, comma 3, TUIR), limitando l'ammortamento ad un periodo non superiore a cinque anni. Per quanto attiene infine all'ammortamento delle macchine EDP, dei loro accessori e d egli impianti relativi, trattandosi di beni materiali occorre fare riferimento al disposto dell'art. 67, commi da 1 a 6, del DPR 917/86. 18

19 Per i beni di costo unitario non superiore a un milione di lire la norma fiscale consente la deduzione integrale nell'esercizio di acquisizione. Per i beni che invece eccedono il predetto limite è consentita la deduzione delle quote di ammortamento in misura non superiore a quanto risultante dall'applicazione dei coefficienti stabiliti dal Ministero delle Finanze con il DM 31/12/1988. In proposito appare utile ricordare che nel primo esercizio di utilizzo del bene l'aliquota dev'essere ridotta della metà. Sono altresì applicabili agli investimenti in beni strumentali EDP le norme relative all'ammortamento anticipato ed all'ammortamento accelerato. 8. Conclusioni L'analisi dei costi informatici è uno dei più significativi appuntamenti che attendono al varco le aziende italiane all'inizio del nuovo millennio di fronte alla sfida competitiva dei mercati internazionali. Non si tratta, come si è visto nei paragrafi precedenti, di una mera consuntivazione delle risultanze della contabilità analitica, ma di un vero e proprio strumento di gestione che va messo a punto, introdotto, utilizzato e valutato dal management per portare l'impresa a conseguire dei risultati concreti. La metodologia descritta non presenta particolari complessità realizzative e comporta generalmente dei costi di implementazione modesti, tali da non sollevare alcun dubbio circa la sua effettiva convenienza in imprese di medie e grandi dimensioni ad un ordinario livello di informatizzazione. L'esame quantitativo e qualitativo dei costi del sistema informativo aziendale, suddivisi per ambiti operativi, 19

20 unitamente alla valutazione dell'efficienza funzionale, consente di apprezzare e di monitorare nel tempo tre fattori di notevole importanza: 1) l'incidenza del costo del settore EDP sul complesso dei costi aziendali; 2) il rapporto fra costi informatici e servizi erogati dal sistema informativo; 3) il progressivo ampliamento dei costi EDP in relazione alla crescita dell'impresa. I dati emergenti dalla "contabilità analitica EDP", opportunamente trattati e sottoposti ad esame critico, potranno infine essere utili alla direzione aziendale anche per migliorare l'efficienza del settore EDP, dove talora si annidano costi improduttivi e sprechi di risorse, nonchè come strumento decisionale di supporto nelle valutazioni dei progetti d'investimento relativi al sistema informatico. LB = Dott. Luca Bisceglie 20

28.03.2012 Le spese di manutenzione e riparazione L imputazione a bilancio delle manutenzioni e riparazioni su beni strumentali

28.03.2012 Le spese di manutenzione e riparazione L imputazione a bilancio delle manutenzioni e riparazioni su beni strumentali Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 149 28.03.2012 Le spese di manutenzione e riparazione L imputazione a bilancio delle manutenzioni e riparazioni su beni strumentali Categoria:

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 11/2015

NOTA OPERATIVA N. 11/2015 NOTA OPERATIVA N. 11/2015 OGGETTO: Il trattamento contabile e fiscale di software e siti web aziendali - Premessa La presente nota operativa riguarda un tema complesso e di non facile applicazione pratica:

Dettagli

GUIDA ALLA DEDUCIBILITA' DELLE SPESE DI RIPARAZIONE : ASPETTI CIVILI E FISCALI

GUIDA ALLA DEDUCIBILITA' DELLE SPESE DI RIPARAZIONE : ASPETTI CIVILI E FISCALI GUIDA ALLA DEDUCIBILITA' DELLE SPESE DI RIPARAZIONE : ASPETTI CIVILI E FISCALI MANUTENZIONE E a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Ai fini della chiusura del Bilancio d'esercizio il tema oggetto

Dettagli

LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI. a cura di Norberto Villa Pubblicista Esperto Tributario

LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI. a cura di Norberto Villa Pubblicista Esperto Tributario LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI a cura di Norberto Villa Pubblicista Esperto Tributario 1 modulo Classificazione codice civile La classe B-I dell art. 2424 C.C. individua 7 categorie di immobilizzazioni

Dettagli

COSTI PLURIENNALI: L IMPATTO SUL BILANCIO DI ESERCIZIO

COSTI PLURIENNALI: L IMPATTO SUL BILANCIO DI ESERCIZIO Circolare N. 28 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 aprile 2009 COSTI PLURIENNALI: L IMPATTO SUL BILANCIO DI ESERCIZIO Una tra le più ricorrenti problematiche inerenti la chiusura di bilancio

Dettagli

residua possibilità di utilizzazione

residua possibilità di utilizzazione Focus di pratica professionale di Fabio Giommoni La modifica dei piani di ammortamento: vincoli civilistici e fiscali Premessa A causa del difficile contesto economico e di mercato dovuto alla perdurante

Dettagli

REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI

REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI 1 CAMPO DI APPLICAZIONE Esercizio di attività commerciali (art. 2195 c.c.): - attività industriale diretta alla

Dettagli

Area Contabilità EFFETTI CONTABILI DELLA DETRAIBILITA DELL IVA 1

Area Contabilità EFFETTI CONTABILI DELLA DETRAIBILITA DELL IVA 1 In questo intervento si intendono esaminare le conseguenze di natura contabile, civilistica e fiscale che si generano per effetto dell indetraibilità (sia essa totale o parziale) dell Iva assolta sugli

Dettagli

Risoluzione n. 30/E. Roma, 16 febbraio 2006

Risoluzione n. 30/E. Roma, 16 febbraio 2006 Risoluzione n. 30/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 febbraio 2006 OGGETTO: Istanza di Interpello. Avv. ALFA. Trattamento fiscale applicabile alle spese sostenute da un professionista

Dettagli

Circolare n. 5. Dipartimenti regionali. e, p.c. All On.le Presidente della Regione Ufficio di gabinetto

Circolare n. 5. Dipartimenti regionali. e, p.c. All On.le Presidente della Regione Ufficio di gabinetto REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE PER IL BILANCIO E LE FINANZE DIPARTIMENTO REGIONALE BILANCIO E TESORO RAGIONERIA GENERALE DELLA REGIONE SERVIZIO 6 VIGILANZA Unità Operativa

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 283 03.11.2015 Finanziaria 2016: super ammortamento anche per le auto Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette Il disegno di Legge di Stabilità

Dettagli

CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE

CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE SOMMARIO TRATTAMENTO FISCALE E CONTA- BILE Art. 88 D.P.R. 22.12.1986, n. 917 - Principio contabile n. 16 - R.M. 29.03.2002, n. 100/E Costituiscono sopravvenienze attive i proventi

Dettagli

Il Leasing Finanziario.

Il Leasing Finanziario. Leasing Finanziario e Leasing Operativo: elementi distintivi e principali differenze. di Pietro Bottani e Massimiliano Meoni Dottori Commercialisti in Prato Premessa. La formula del finanziamento in leasing,

Dettagli

LA FISCALITÀ DEGLI IMMOBILI

LA FISCALITÀ DEGLI IMMOBILI LA FISCALITÀ DEGLI IMMOBILI I fabbricati strumentali a cura di Roberto Protani I FABBRICATI STRUMENTALI L'art. 36, comma 7, del D.L. 4 luglio 2006, n. 223, convertito, con modificazioni, dalla L. 4 agosto

Dettagli

La novità della deducibilità extracontabile degli ammortamenti materiali a seguito dell'introduzione del modello EC nella dichiarazione dei redditi.

La novità della deducibilità extracontabile degli ammortamenti materiali a seguito dell'introduzione del modello EC nella dichiarazione dei redditi. La novità della deducibilità extracontabile degli ammortamenti materiali a seguito dell'introduzione del modello EC nella dichiarazione dei redditi. Rag. Luciano Lombardo Home page: www.lombardol.it Email:

Dettagli

La gestione dei cespiti ammortizzabili

La gestione dei cespiti ammortizzabili La gestione dei cespiti ammortizzabili Aggiornato al 10/05/2013 Indice 1 I parametri nella gestione ditta... 3 2 Registrazione di un bene ammortizzabile... 6 3 Calcolo Ammortamento Cespiti... 18 Calcolo

Dettagli

LE NUOVE REGOLE (DAL 2012) PER LA DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE

LE NUOVE REGOLE (DAL 2012) PER LA DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE INFORMATIVA N. 094 09 APRILE 2013 IMPOSTE DIRETTE LE NUOVE REGOLE (DAL 2012) PER LA DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE Art. 102, comma 6, TUIR Art. 3, comma 16-quater, DL n. 16/2012 Dal 2012 ai fini

Dettagli

Supporto On Line Allegato FAQ. * in giallo le modifiche apportate rispetto alla versione precedente datata 02/12/2009. Simulazione ammortamenti

Supporto On Line Allegato FAQ. * in giallo le modifiche apportate rispetto alla versione precedente datata 02/12/2009. Simulazione ammortamenti Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-7Y3DUZ57666 Data ultima modifica 07/01/2010 Prodotto Sistema Professionista - Picomwin Modulo Cespiti Oggetto Simulazione ammortamenti * in giallo le modifiche

Dettagli

LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO

LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE ROMA LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO Roma, 10 dicembre 2009 TRA

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 178 COMPUTO DEGLI AMMORTAMENTI

Dettagli

UNICO 2008 - Le novità del Quadro RF

UNICO 2008 - Le novità del Quadro RF Seminario LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DELLE SOCIETÀ Arezzo 20 maggio 2008 Firenze 22 maggio 2008 Pisa 28 maggio 2008 UNICO 2008 - Le novità del Quadro RF Dott. Fabio Giommoni Le novità della dichiarazione

Dettagli

LA RENDICONTAZIONE DEI BENI INVENTARIABILI

LA RENDICONTAZIONE DEI BENI INVENTARIABILI LA RENDICONTAZIONE DEI BENI INVENTARIABILI Francesca Pirani Spoleto, 30 Marzo 2007 1 COSTI PER ATTREZZATURE DUREVOLI Le attrezzature durevoli sono beni che: non esauriscono la propria utilità dopo un utilizzo

Dettagli

Organizzazione aziendale e controllo di gestione

Organizzazione aziendale e controllo di gestione Organizzazione aziendale e controllo di gestione I nostri servizi: Definizione procedure di pianificazione e controllo Studio e miglioramento lay-out Studio tempi e metodi di lavorazione Ottimizzazione

Dettagli

CONTRATTI di LEASING ULTIME NOVITÀ per il 2014

CONTRATTI di LEASING ULTIME NOVITÀ per il 2014 Studio Fabrizio Mariani Viale Brigata Bisagno 12/1 16129 Genova Tel. e. fax. 010.59.58.294 f.mariani@studio-mariani.it Circolare n. 26 Del 13 novembre 2014 CONTRATTI di LEASING ULTIME NOVITÀ per il 2014

Dettagli

BILANCIO 2014: LA GESTIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE NEL BILANCIO relativo al periodo 2013

BILANCIO 2014: LA GESTIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE NEL BILANCIO relativo al periodo 2013 A cura di Celeste Vivenzi BILANCIO 2014: LA GESTIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE NEL BILANCIO relativo al periodo 2013 Il principio contabile OIC n.25 stabilisce che i debiti per le singole imposte dell'esercizio

Dettagli

RIVALUTAZIONE - REDAZIONE DEL BILANCIO - PIANO DI AMMORTAMENTO - BENI D'IMPRESA - CHIARIMENTI

RIVALUTAZIONE - REDAZIONE DEL BILANCIO - PIANO DI AMMORTAMENTO - BENI D'IMPRESA - CHIARIMENTI www.soluzioni24fisco.ilsole24ore.com Agenzia delle Entrate Circolare 6 maggio 2009, n.22/e Articolo 15, commi da 16 a 23, del decreto legge 29 novembre 2008, n. 185 - Rivalutazione dei beni d'impresa -

Dettagli

STAMPA REGISTRI CONTABILI - SANZIONI

STAMPA REGISTRI CONTABILI - SANZIONI S TUDIO BALLARDINI http://www.studioballardini.it/ STAMPA REGISTRI CONTABILI - SANZIONI Circolare un po lunga, ma di attualità Come noto, la Finanziaria 2008 ha modificato il termine per la stampa dei

Dettagli

L acquisto di arredi di prestigio è deducibile dal reddito d impresa?

L acquisto di arredi di prestigio è deducibile dal reddito d impresa? L acquisto di arredi di prestigio è deducibile dal reddito d impresa? Le immobilizzazioni aventi un utilizzazione limitata nel tempo devono essere ammortizzate in ogni esercizio "sistematicamente" ed in

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 50 27.05.2015 Spese di manutenzione e riparazione Profili contabili e compilazione modello Unico Categoria: Ires Sottocategoria: Determinazione

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali Immobilizzazioni materiali Art. 2426 c.c.; documento n. 16 dei principi contabili OIC Principi Contabili Internazionali IAS 16 "Immobilizzazioni tecniche" * IAS 40 "Investimenti in immobili"; DPR 917/86:

Dettagli

Studio Commercialisti Associati

Studio Commercialisti Associati Dott. Turrina Walter Rag. Poltronieri Davide Dott. Lanza Federica Studio Commercialisti Associati Commercialista Revisore Contabile Commercialista Consulente del Lavoro AI SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Circolare

Dettagli

IL PASSAGGIO AL REGIME FORFETTARIO

IL PASSAGGIO AL REGIME FORFETTARIO IL PASSAGGIO AL REGIME FORFETTARIO di Antonio Gigliotti Come noto l art. 1, commi da 54 a 89, della legge di stabilità 2015 (23 dicembre 2014, n. 190), ha introdotto, a decorrere dal 1 gennaio 2015, un

Dettagli

N. 269. La circolare di aggiornamento professionale. 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali

N. 269. La circolare di aggiornamento professionale. 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali La circolare di aggiornamento professionale N. 269 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette Con la modifica dell art. 164, comma 1, TUIR da

Dettagli

La valutazione delle immobilizzazioni immateriali

La valutazione delle immobilizzazioni immateriali CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle immobilizzazioni immateriali Seconda lezione 1 DEFINIZIONE condizioni produttive controllate dall impresa, utili per l esercizio della sua gestione

Dettagli

Disciplina fiscale Lezione 1 Le immobilizzazioni materiali

Disciplina fiscale Lezione 1 Le immobilizzazioni materiali Disciplina fiscale Lezione 1 Le immobilizzazioni materiali Art. 102 Ammortamento dei beni materiali Le quote di ammortamento del costo dei beni materiali strumentali per l'esercizio dell'impresa sono deducibili

Dettagli

COSTI DI RICERCA E SVILUPPO

COSTI DI RICERCA E SVILUPPO 4 COSTI DI RICERCA E SVILUPPO Attivo SP B.I.2 Prassi Documento OIC 12; Documento OIC 16; Documento OIC 24; Guida all applicazione dell impairment test dello IAS 36 1 PREMESSA La voce B.I.2 dello Stato

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 7/2013. OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità.

NOTA OPERATIVA N. 7/2013. OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità. NOTA OPERATIVA N. 7/2013 OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità. - Introduzione Nella formazione del bilancio di esercizio civilistico, bisogna porre molta

Dettagli

INFORMAZIONI SUL LEASING

INFORMAZIONI SUL LEASING INFORMAZIONI SUL LEASING CHE COS'È IL LEASING Il leasing, o locazione finanziaria, è un contratto con il quale un soggetto (Utilizzatore) richiede ad una società finanziaria (Concedente) di acquistare

Dettagli

ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING. Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA

ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING. Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA 1 ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING Le modifiche della Finanziaria 2008 Il regime IRES per l impresa utilizzatrice

Dettagli

SOGGETTI, RUOLI E STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA. Autore: Dott. Francesco Rhodio

SOGGETTI, RUOLI E STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA. Autore: Dott. Francesco Rhodio SOGGETTI, RUOLI E STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA SOGGETTI STATO REGIONI AZIENDE STATO Ruolo: individua la missione del Sistema Sanitario, ne definisce i principi e gli assetti istituzionali,

Dettagli

BILANCIO 2011: LA GESTIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE NEL BILANCIO

BILANCIO 2011: LA GESTIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE NEL BILANCIO BILANCIO 2011: LA GESTIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE NEL BILANCIO Il principio contabile OIC n.25 stabilisce che i debiti per le singole imposte dell'esercizio siano imputati in bilancio al netto di eventuali

Dettagli

SOFTWARE GESTIONALE. Manuale d uso

SOFTWARE GESTIONALE. Manuale d uso SOFTWARE GESTIONALE Manuale d uso Le informazioni riportate su questo documento potrebbero risultare, al momento della lettura, obsolete o poco attinenti alla versione in uso. Consigliamo la consultazione

Dettagli

nel reddito di lavoro autonomo Dottori commercialisti

nel reddito di lavoro autonomo Dottori commercialisti TRATTAMENTO DEGLI IMMOBILI nel reddito di lavoro autonomo RRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti RRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti Ammortamenti e canoni di leasing

Dettagli

LE SPESE DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE

LE SPESE DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE Circolare N. 26 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 5 aprile 2011 LE SPESE DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE Nelle aziende, specie in quelle industriali, rivestono una notevole importanza i costi di

Dettagli

GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI

GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati PROGRAMMA DEL CORSO CESPITI - TERZA PARTE Gestione dei cespiti Le immobilizzazioni materiali

Dettagli

La fiscalità del bilancio IAS. Gli effetti fiscali relativi agli ammortamenti e ai costi pluriennali

La fiscalità del bilancio IAS. Gli effetti fiscali relativi agli ammortamenti e ai costi pluriennali La fiscalità del bilancio IAS Gli effetti fiscali relativi agli ammortamenti e ai costi pluriennali Tavole sinottiche a cura di Giulio Andreani Professore di diritto tributario alla Scuola Superiore dell

Dettagli

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI ALTRI INTERESSI SU IMMOBILI PATRIMONIO SU VEICOLI A MOTORE SOGGETTI IRPEF SOGGETTI IRES BANCHE ASSICURAZIONI

Dettagli

SCORPORO DEL VALORE DEI TERRENI DA QUELLO DEI FABBRICATI. GIANCARLO GROSSI dottore commercialista giancarlo.grossi@odc.pescara.it

SCORPORO DEL VALORE DEI TERRENI DA QUELLO DEI FABBRICATI. GIANCARLO GROSSI dottore commercialista giancarlo.grossi@odc.pescara.it SCORPORO DEL VALORE DEI TERRENI DA QUELLO DEI FABBRICATI GIANCARLO GROSSI dottore commercialista giancarlo.grossi@odc.pescara.it RIFERIMENTI NORMATIVI E PRASSI Fonte normativa Art. 36 commi 7-8 legge 4

Dettagli

I regimi contabili ed i libri sociali delle associazioni e società sportive dilettantistiche

I regimi contabili ed i libri sociali delle associazioni e società sportive dilettantistiche I regimi contabili ed i libri sociali delle associazioni e società sportive dilettantistiche I regimi contabili Le associazioni sportive dilettantistiche che svolgono attività commerciale hanno l'obbligo

Dettagli

Anno 2013 N. RF072. La Nuova Redazione Fiscale

Anno 2013 N. RF072. La Nuova Redazione Fiscale Anno 2013 N. RF072 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO MANUTENZIONE ORDINARIA - NUOVE REGOLE DI DEDUCIBILITÀ DAL 2012 RIFERIMENTI ART. 102, CO. 6, TUIR; ART.

Dettagli

I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO

I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO Torino, 06 maggio 2014 I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO Dott. Gustavo Desana DEFINIZIONE CIVILISTICA Il lavoro autonomo civilisticamente ricade nella categoria dei contratti d opera. L art. 2222 C.c. definisce

Dettagli

VADEMECUM PER LA STAMPA E LA CONSERVAZIONE OTTICA DEI REGISTREI CONTABILI

VADEMECUM PER LA STAMPA E LA CONSERVAZIONE OTTICA DEI REGISTREI CONTABILI VADEMECUM PER LA STAMPA E LA CONSERVAZIONE OTTICA DEI REGISTREI CONTABILI Come noto, le imprese / lavoratori autonomi, in relazione ai registri contabili nonché, limitatamente alle imprese in contabilità

Dettagli

Contributi regionali per la certificazione di qualità

Contributi regionali per la certificazione di qualità Agevolazioni & Incentivi Contributi regionali per la certificazione di qualità I contributi regionali (o in c/capitale) per la certificazione di qualità sono compatibili con gli incentivi fiscali per la

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 8/2012. OGGETTO: spese di telefonia e internet criteri di deducibilità e registrazione contabile.

NOTA OPERATIVA N. 8/2012. OGGETTO: spese di telefonia e internet criteri di deducibilità e registrazione contabile. NOTA OPERATIVA N. 8/2012 OGGETTO: spese di telefonia e internet criteri di deducibilità e registrazione contabile. - Introduzione L ormai sempre più rapido progresso tecnologico può rendere difficoltosa,

Dettagli

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI 1 L AMMORTAMENTO (NOZIONE GIURIDICA) il costo delle immobilizzazioni, materiali ed immateriali, la cui utilizzazione è limitata nel tempo

Dettagli

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani 1 Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani Scuola Superiore Economia e

Dettagli

-anna maria mangiapelo

-anna maria mangiapelo REDDITI DI IMPRESA - norme generali - dall utile al reddito: esame dei principali casi di deducibilità fiscale dei componenti negativi - regole per la contabilità semplificata -anna maria mangiapelo 1

Dettagli

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 4. I brevetti: trattamento fiscale Le quote di ammortamento relative al costo sostenuto per acquisizione di marchi di impresa,

Dettagli

IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE

IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE 1. Introduzione Il contratto di leasing costituisce un negozio a titolo oneroso concluso con la presenza di tre soggetti ognuno con un diverso interesse economico, ossia

Dettagli

Al 31.12.2008, il valore durevole della partecipazione ammonta a 65.000

Al 31.12.2008, il valore durevole della partecipazione ammonta a 65.000 ESERCIZIO N 1 Il 17 giugno 2007, l impresa Pacos ha acquistato l intero pacchetto azionario dell impresa Pam ad un prezzo di 60.000. Il consiglio di amministrazione della Pacos ha deciso di considerare

Dettagli

Informatore de Il Sole 24 ORE 4 agosto 2008 n. 31 pag. 51. Costi connessi ai siti web di Zambon Paola, Rotondaro Walter

Informatore de Il Sole 24 ORE 4 agosto 2008 n. 31 pag. 51. Costi connessi ai siti web di Zambon Paola, Rotondaro Walter Informatore de Il Sole 24 ORE 4 agosto 2008 n. 31 pag. 51 Costi connessi ai siti web di Zambon Paola, Rotondaro Walter Argomento - Si analizza la corretta imputazione in bilancio dei costi connessi al

Dettagli

Veicoli aziendali acquisto-leasing-noleggio

Veicoli aziendali acquisto-leasing-noleggio Veicoli aziendali acquisto-leasing-noleggio analisi di convenienza fiscale Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 16/05/2015 1 Principali riferimenti normativi

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 8/2014

NOTA OPERATIVA N. 8/2014 NOTA OPERATIVA N. 8/2014 OGGETTO: Le immobilizzazioni immateriali: definizione e classificazione, le scritture contabili, aspetti fiscali e verifiche dell Organo di controllo. - Introduzione I beni immateriali

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 06 maggio 2009

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 06 maggio 2009 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 maggio 2009 OGGETTO: Articolo 15, commi da 16 a 23, del decreto legge 29 novembre 2008, n. 185 - Rivalutazione dei beni d impresa Chiarimenti

Dettagli

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CAVA DE' TIRRENI viale GUGLIELMO MARCONI, 52 Capitale Sociale versato e 100.000,00 C.C.I.A.A. SALERNO n. R.E.A317123 Partita IVA: 03734100658 Codice Fiscale: 03734100658 Nota Integrativa al bilancio

Dettagli

LEASING. È un contratto mediante il quale una parte (locatore), cede ad

LEASING. È un contratto mediante il quale una parte (locatore), cede ad LEASING Il codice civile non menziona esplicitamente fra i singoli contratti la locazione finanziaria per cui quest ultima si configura come un contratto atipico È un contratto mediante il quale una parte

Dettagli

Gestione Beni Strumentali

Gestione Beni Strumentali Gestione Beni Strumentali La procedura di Gestione Beni Strumentali presente nell omonima voce del menù Contabilità consente di immettere tutti i dati relativi ai Cespiti per ottenerne la stampa del registro

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO

TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO TIPOLOGIA COSTO Acquisto autovetture DEDUCIBILITA PER DETERMINARE IL REDDITO D IMPRESA Ammortizzabile 80% su max. 25.822,84 DETRAIBILITÀ

Dettagli

Istruzione sull attività di verifica: linee guida per l esame delle principali voci di bilancio

Istruzione sull attività di verifica: linee guida per l esame delle principali voci di bilancio 19/12/1998 n. 47/98 Pag. 5423 Istruzione sull attività di verifica: linee guida per l esame delle principali voci di bilancio Circolare del Comando Generale della Guardia di Finanza - III Reparto Operazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 50/E. Roma,28 novembre 2005

CIRCOLARE N. 50/E. Roma,28 novembre 2005 CIRCOLARE N. 50/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,28 novembre 2005 Oggetto: Chiarimenti in merito all ammortamento dei beni strumentali per l esercizio di alcune attività regolate. Articolo

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti:

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: CIRCOLARE N. 05 DEL 02/02/2016 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: MAXI-AMMORTAMENTI PER I BENI STRUMENTALI NUOVI ACQUISTATI NEL PERIODO 15.10.2015-31.12.2016 PAG. 2 IN SINTESI:

Dettagli

CIRCOLARE AGENZIA DELLE ENTRATE N. 1/E DEL 19 GENNAIO 2007: AMMORTAMENTO DEI TERRENI

CIRCOLARE AGENZIA DELLE ENTRATE N. 1/E DEL 19 GENNAIO 2007: AMMORTAMENTO DEI TERRENI N. 11 2007 CIRCOLARE AGENZIA DELLE ENTRATE N. 1/E DEL 19 GENNAIO 2007: AMMORTAMENTO DEI TERRENI 1. Premessa Con il decreto legge n. 223 del 2006 e con il successivo decreto legge n. 262 del 2006 (cosiddetto

Dettagli

26.11.2013 La cessione dell autovettura

26.11.2013 La cessione dell autovettura Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 325 26.11.2013 La cessione dell autovettura Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette Le modifiche che sono intervenute negli ultimi anni

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO

Dettagli

Deducibilità dei canoni di leasing

Deducibilità dei canoni di leasing Circolare Monografica 11 giugno 2014 n. 1989 DICHIARAZIONI Deducibilità dei canoni di leasing Modifiche normative e gestione in UNICO 2014 di Marianna Annicchiarico, Giuseppe Mercurio La Legge 27 dicembre

Dettagli

Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti

Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Roma, 01/12/2015 Spett.le Cliente Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Dottore Commercialista e Revisore Contabile Piazza Gaspare Ambrosini 25, Cap 00156 Roma Tel 06/41614250 fax 06/41614219

Dettagli

1.a. Aspetti gestionali

1.a. Aspetti gestionali 1.a. Aspetti gestionali Per le Associazioni sportive l attività istituzionale è quella svolta in conformità alle finalità statutarie e rivolta agli associati. Il decreto legislativo del 4 dicembre 1997,

Dettagli

IMMISSIONE/REVISIONE CESPITI DELL'ANNO

IMMISSIONE/REVISIONE CESPITI DELL'ANNO CSA di Cireddu Alessandro - FAQ Gestione CESPITI - Pag. 1 di 9 IMMISSIONE/REVISIONE CESPITI DELL'ANNO Dalla specifica funzione Immissione/revisione cespiti è possibile inserire nell'archivio cespiti sia

Dettagli

Programmazione delle UU.DD. da svolgere in QUARTA B O.d.R. con indirizzo servizi di sala e bar

Programmazione delle UU.DD. da svolgere in QUARTA B O.d.R. con indirizzo servizi di sala e bar 1 Programmazione delle UU.DD. da svolgere in QUARTA B O.d.R. con indirizzo servizi di sala e bar Unità di apprendimento A PATRIMONIO, REDDITO E RISULTATI DI GESTIONE (4) Comprendere le differenze fra gli

Dettagli

I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir

I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA a.a.2013-2014 I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir 1 I.R.E.S. soggetti passivi = società di capitali S.p.a., S.a.p.a., S.r.l.,

Dettagli

Beni in concessione: le novità della Manovra estiva 2011

Beni in concessione: le novità della Manovra estiva 2011 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Francesco Facchini * Beni in concessione: le novità della Manovra estiva 2011 Il D.L. n.98/11, convertito dalla L. n.111/11, ha apportato

Dettagli

COMPETENZA ECONOMICA. Utile/Perdita d'esercizio = RICAVI d'esercizio COSTI d'esercizio

COMPETENZA ECONOMICA. Utile/Perdita d'esercizio = RICAVI d'esercizio COSTI d'esercizio COMPETENZA ECONOMICA Se il risultato economico venisse misurato solo alla fine della vita di un'impresa, questo verrebbe calcolato, come sappiamo, come differenza tra tutti i ricavi realizzati dall'azienda

Dettagli

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I regimi contabili e fiscali per imprese e professionisti Regime ordinario artt. 14-16 DPR 600/73 Regime semplificato art. 18 DPR 600/73 Regime

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

PERDITA O DISTRUZIONE DI BENI QUADRO NORMATIVO E PROCEDURE PER VINCERE LE PRESUNZIONI DI CESSIONE

PERDITA O DISTRUZIONE DI BENI QUADRO NORMATIVO E PROCEDURE PER VINCERE LE PRESUNZIONI DI CESSIONE C i r c o l a r e d e l 7 n o v e m b r e 2 0 1 1 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 27/2011 Oggetto D.P.R. N. 441 DEL 10/11/1997 DECRETO SVILUPPO DECRETO LEGGE 70/2011 Sommario PERDITA O DISTRUZIONE DI BENI

Dettagli

Documentazione tecnica Beni Usati. Software Gestionale ebridge Professionisti REGIME SPECIALE IVA PER I BENI USATI

Documentazione tecnica Beni Usati. Software Gestionale ebridge Professionisti REGIME SPECIALE IVA PER I BENI USATI REGIME SPECIALE IVA PER I BENI USATI Il Regime in esame che viene definito Regime del Margine ha come scopo quello di evitare fenomeni di doppia o plurima imposizione Iva sui Beni usati. Infatti, prima

Dettagli

Documentazione tecnica Beni Usati. Software Gestionale ebridge Professionisti REGIME SPECIALE IVA PER I BENI USATI

Documentazione tecnica Beni Usati. Software Gestionale ebridge Professionisti REGIME SPECIALE IVA PER I BENI USATI REGIME SPECIALE IVA PER I BENI USATI Il Regime in esame che viene definito Regime del Margine ha come scopo quello di evitare fenomeni di doppia o plurima imposizione Iva sui Beni usati. Infatti, prima

Dettagli

DETASSAZIONE DEGLI INVESTIMENTI AMBIENTALI. L. 388/2000, art. 6, commi da 13 a 19. (Tremonti ambientale)

DETASSAZIONE DEGLI INVESTIMENTI AMBIENTALI. L. 388/2000, art. 6, commi da 13 a 19. (Tremonti ambientale) Pagina 1 di 5 RIFERIMENTI NORMATIVI DETASSAZIONE DEGLI INVESTIMENTI AMBIENTALI 13. La quota di reddito delle piccole e medie imprese destinata a investimenti ambientali, come definiti al comma 15, non

Dettagli

SCHEMA DI SVOLGIMENTO. Revisione legale dei conti: soggetti obbligati e principi di revisone. La relazione di revisione.

SCHEMA DI SVOLGIMENTO. Revisione legale dei conti: soggetti obbligati e principi di revisone. La relazione di revisione. TEMA N. 3 L istituto della revisione legale dei conti (TRACCIA ASSEGNATA ALL UNIVERISTÀ DI VERONA - I SESSIONE 2010) SCHEMA DI SVOLGIMENTO Revisione legale dei conti: soggetti obbligati e principi di revisone.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 98/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 98/E QUESITO RISOLUZIONE N. 98/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 dicembre 2013 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento fiscale della svalutazione civilistica di beni materiali

Dettagli

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 13 26.03.2012 Presentazione istanza rimborso o compensazione infrannuale Entro fine aprile 2012 si dovrà presentare

Dettagli

Fiscal News N. 111. La circolare di aggiornamento professionale. 06.03.2012 Cessione e utilizzo del diritto d autore: aspetti normativi e fiscali

Fiscal News N. 111. La circolare di aggiornamento professionale. 06.03.2012 Cessione e utilizzo del diritto d autore: aspetti normativi e fiscali Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 111 06.03.2012 Cessione e utilizzo del diritto d autore: aspetti normativi e fiscali A cura di Carlo De Luca e Luca Savastano Categoria: Irpef

Dettagli

REINTEGRO ANTICIPAZIONE EX ART. 11 comma 8 D. LGS. 252/2005

REINTEGRO ANTICIPAZIONE EX ART. 11 comma 8 D. LGS. 252/2005 REINTEGRO ANTICIPAZIONE EX ART. 11 comma 8 D. LGS. 252/2005 Il reintegro dell anticipazione è contemplato tra gli istituti tipici che caratterizzano la partecipazione alla previdenza integrativa fin dalla

Dettagli

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Filodiritto.it Premessa La disciplina fiscale del leasing finanziario ha visto, nel tempo, importanti variazioni

Dettagli

Introduzione. veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti, ai collaboratori e agli amministratori;

Introduzione. veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti, ai collaboratori e agli amministratori; Introduzione In questa rubrica di aggiornamento si prosegue con la trattazione della disciplina relativa agli autoveicoli, affrontando, in particolare, le seguenti questioni e problematiche: - veicoli

Dettagli

OGGETTO: COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI AI SOCI E FAMILIARI E COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI CONCESSI DAI SOCI - modalità e termini di effettuazione

OGGETTO: COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI AI SOCI E FAMILIARI E COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI CONCESSI DAI SOCI - modalità e termini di effettuazione A tutti i clienti Loro sedi OGGETTO: COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI AI SOCI E FAMILIARI E COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI CONCESSI DAI SOCI - modalità e termini di effettuazione PREMESSA Come noto il D.L.

Dettagli

SOMMARIO. Schema n. 5 - Criteri di determinazione fiscale delle quote di ammortamento

SOMMARIO. Schema n. 5 - Criteri di determinazione fiscale delle quote di ammortamento Sezione prima IN SINTESI Capitolo I - L ammortamento dei beni materiali Normativa civilistica... 3 Normativa fiscale... 3 Prassi amministrativa... 6 Giurisprudenza... 13 Classificazione delle immobilizzazioni

Dettagli

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI INFORMATIVA N. 253 10 NOVEMBRE 2011 IMPOSTE DIRETTE - IVA L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI Art. 1, commi 96 e seguenti, Legge n. 244/2007 Circolari Agenzia Entrate 21.12.2007,

Dettagli