REALIZZAZIONE DI MOSAICI ARTIFICIALI IN AMBIENTE 3D

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REALIZZAZIONE DI MOSAICI ARTIFICIALI IN AMBIENTE 3D"

Transcript

1 REALIZZAZIONE DI MOSAICI ARTIFICIALI IN AMBIENTE 3D S. BATTIATO, G. DI BLASI, G. GALLO, A. MILONE Università degli Studi di Catania Dipartimento di Matematica ed Informatica Viale A. Doria, Catania (Italy) Image Processing Laboratory: Riassunto: In questo articolo viene presentata una tecnica nell ambito del Non-Photorealistic Rendering, volta a riprodurre mosaici digitali in ambiente 3D. A partire da un immagine digitale bidimensionale si utilizzano algoritmi della computer grafica per ottenerne una versione mosaicizzata che imita le tecniche degli artisti (es. opus musivum, opus vermiculatum). Allo stesso modo in cui un mosaicista utilizza uno schizzo come guida per piazzare i tasselli, la tecnica presentata simula ciò tramite la ricerca e l utilizzo dei contorni (edge) dell immagine in input. I tasselli di forma rettangolare sono posizionati a distanze regolari seguendo delle linee di livello, risolvendo le collisioni ed evitando di scavalcare i contorni. La versione bidimensionale di questa tecnica è stata estesa al mondo 3D, mediante una serie di euristiche volte a generalizzare il processo di rendering (vettorializzazione e semplificazione dei tasselli). Alcune semplici variazioni casuali rispettivamente su colore, posizione e inclinazione dei tasselli, inducono un forte impatto realistico. Inoltre, sono state implementate delle funzionalità che realizzano il mapping tridimensionale dell immagine mosaicizzata su diverse superfici 3D (cupole, piramidi, cilindri, ecc.). Parole chiave: Non-Photorealistic Rendering, Mosaico, 3D Abstract: Artificial Mosaic Rendering in a 3D Environment In this paper we present a technique belonging to Non-Photorealistic Rendering, which renders digital mosaics in a 3D environment. Starting from a digital bidimensional image, we exploit algoritms tipical of computer graphics to extract a mosaicized version of it, which mimicks artits techniques (e.g., opus musivum, opus vermiculatum). Like a mosaicist, which uses a sketch as a guide to position tiles, our technique simulates it by search and use of edges of the input image. Rectangular shape tiles are positioned at regular distances following contour lines, solving collisions and preventing to overcome edges. We extended this technique s bidimensional version to 3D world, by a series of heuristics directed to generalize the rendering process (vectorializing and simplifying tiles). Some simple random changes on tiles color, position and tilt angle, bring a strong realistic impact. Moreover, some features have been implemented, which attain a three dimensional mapping of the mosaicized image to different 3D surfaces (domes, pyramids, cylinders, etc.). Keywords: Non-Photorealistic Rendering, Mosaic, 3D 1

2 Introduzione Il mosaico è un arte figurativa di origine antica. Si può considerare una forma primordiale di arte digitale. Rispetto alle immagini digitali, i cui pixel sono disposti su una griglia quadrata regolare, esso riesce a trasportare molte più informazioni, perché tende a seguire qualunque contorno presente nell immagine, non solo quelli orizzontali e verticali. Esistono molte tecniche per la realizzazione di mosaici; tra queste, alcune costituiscono una forma di arte arte decorativa, ad esempio l opus musivum e l opus vermiculatum. Con lo sviluppo della Computer Grafica, nasce l esigenza di utilizzare il calcolatore per produrre nuove forme di arte. In particolare, nascono i concetti di Photorealistic Rendering (produrre qualcosa che assomiglia alla realtà) e Non-Photorealistic Rendering; nella seconda categoria si collocano i mosaici digitali, cioè dei mosaici prodotti automaticamente dal computer a partire da un immagine digitale bidimensionale. I mosaici digitali riempiono con dei tasselli la maggiore quantità di area possibile di un immagine, in modo che i tasselli descrivano al meglio l area che ricoprono. Attualmente esistono quattro tipi di mosaici digitali. Crystallization Mosaic, che tende a simulare le vetrate colorate in stile medievale; Ancient Mosaic, tecnica che cerca di imitare i mosaici antichi; Photo-mosaic, mosaico composto usando come tasselli piccole immagini; Puzzle Image Mosaic, mosaico ottenuto incastrando come in un puzzle varie forme. Per ogni tipologia è mostrato un esempio in Figura 1. Per maggiori dettagli a riguardo si veda l articolo di Battiato et al. (2007), che contiene una panoramica completa di tutte le tecniche attuali. Crystallization Mosaic (Haeberli P.) Ancient Mosaic (Battiato S. et al.) Photo-mosaic (Silver R., Hawley M.) Puzzle Image Mosaic (Kim J., Pellacini F.) Figura 1: Esempi di mosaici digitali Il mosaico antico (Ancient Mosaic) è certamente quello che più si avvicina ai mosaici reali, e lo si realizza imitando il lavoro del mosaicista. Egli parte da un disegno che utilizza come guida per posizionare i tasselli. Un buon algoritmo per produrre mosaici antichi deve partire dalla ricerca dei contorni dell immagine, quindi deve posizionare i tasselli di forma rettangolare a distanze regolari su varie file parallele ai contorni, risolvendo le collisioni tra i tasselli ed evitando di scavalcare le linee di bordo; le collisioni si risolvono tagliando via alcuni pezzi dalla forma originaria del tassello. L algoritmo di Ancient Mosaic sviluppato da Di Blasi et al. (2005) permette di produrre mosaici di tipo opus musivum e opus vermiculatum, ottenendo risultati estetici di forte impatto visivo. Con lo sviluppo della grafica tridimensionale, è possibile convertire in 3D anche il risultato della mosaicizzazione. La terza dimensione consente di ottenere nuovi effetti rispetto al mondo 2D. Nel passaggio dal 2D al 3D si possono aggiungere nuove informazioni sui singoli tasselli (come l inclinazione), oppure ottenere mosaici su superfici non piane (ad esempio una cupola). 2

3 La trasformazione del mosaico da 2D in 3D però non è affatto banale, infatti l algoritmo bidimensionale di Di Blasi et al. (2005) produce tasselli raster, mentre per ottenere un rendering 3D non troppo pesante bisogna produrre delle forme vettoriali con poche facce; quindi le forme bidimensionali sono state generate direttamente in vettoriale, utilizzando un procedimento a metà tra raster e vettoriale, ottenendo, comunque, dei buoni risultati. Una volta prodotto il mosaico 2D, esso può essere mappato su una qualunque superficie 3D; per fare ciò si possono aggiungere nuove librerie all applicazione, le quali dovranno contenere tutte le informazioni necessarie a produrre la superficie desiderata. Gli algoritmi qui presentati sono stati implementati utilizzando il linguaggio di programmazione Java. Schema dell articolo Il paragrafo 1 descrive l algoritmo di Di Blasi et al. (2005) e Battiato et al. (2006); il paragrafo 2 descrive il procedimento di ottimizzazione e trasformazione in 3D; il paragrafo 3 mostra alcuni risultati sperimentali ottenuti. 1 Mosaici artificiali di Di Blasi et al. L algoritmo descritto in Di Blasi et al. (2005) e Battiato et al. (2006) prende in input un immagine digitale bidimensionale e restituisce in output un immagine contenente un mosaico digitale artificiale di due possibili tipi: opus musivum, in cui i tasselli formano delle curve parallele ai contorni principali dell immagine; opus vermiculatum, in cui il mosaico viene suddiviso in background e foreground; la regione di foreground viene trattata come un opus musivum, mentre nel background i tasselli vengono posizionati su righe orizzontali. L algoritmo si basa sull individuazione dei bordi dell immagine. Presa in input un immagine, viene restituita in output un immagine in bianco e nero, che rappresenta una sorta di schizzo a matita dell immagine originale. Su questo schizzo è poi possibile costruire dei meccanismi ad hoc per stabilire la posizione e l orientamento dei tasselli, mentre il colore dei tasselli si ottiene direttamente dall immagine di input. L algoritmo usa due possibili tecniche per individuare i contorni: le linee guida direzionali (Di Blasi, 2005) e lo Statistical Region Merging (si veda la Figura 2): le linee guida direzionali si ottengono applicando all immagine un filtro di smoothing e una funzione di soglia, la quale individua le zone dell immagine in cui si hanno delle brusche transizioni; lo Statistical Region Merging partendo dai singoli pixel dell immagine, aggrega le zone dell immagine che presentano caratteristiche simili, ottenendo una partizione dell immagine in zone via via più grandi; i confini tra le regioni ottenute possono quindi essere utilizzati come i bordi. a) Immagine di input b) Linee guida direzionali c) Statistical Region Merging Figura 2: Esempio di individuazione dei contorni di un immagine Se posizionando i tasselli, due di essi hanno in comune parte della loro superficie, di fatto sono in collisione; oppure un tassello potrebbe scavalcare le linee di bordo, cosa che porterebbe ad un maggiore senso di confusione. Dato però che i tasselli vengono costruiti come insieme di pixel, basta far sì che ogni pixel dell immagine venga occupato al più da un solo tassello e che i pixel di contorno non vengano occupati. Si realizza così una simulazione del taglio fisico effettuato dai mosaicisti. Inoltre, si possono applicate delle ottimizzazioni per evitare di produrre tasselli concavi e curvi, che non sono presenti nei mosaici reali. 3

4 Nell opus vermiculatum bisogna distinguere il soggetto in primo piano dallo sfondo. Poiché le tecniche automatiche per distinguere il background dal foreground non sono molto efficaci, si è preferito utilizzare una tecnica semi-automatica basata sullo Statistical Region Merging visto in precedenza, in cui è l utente a distinguere le regioni di background e foreground. I tasselli del background vengono posizionati su file orizzontali, con leggere variazioni casuali di posizione e dimensione. I tasselli del foreground vengono posizionati come in un opus musivum. Per entrambe le tecniche, è disponibile un applet Java che ne implementa on line le caratteristiche di base, all indirizzo: 2 Ottimizzazione e trasformazione in 3D Il primo passo per la generazione del mosaico 3D è quello di applicare all immagine una maschera (silhouette) che elimina a priori i pixel dell immagine non desiderati; poi si passa alla determinazione delle linee principali, eseguita allo stesso modo di quanto visto nel paragrafo precedente. Uno dei principali ostacoli da superare nella trasformazione 3D è stata la conversione dei tasselli bidimensionali da raster a vettoriale, necessaria per poter rappresentare il mosaico in 3D. Un poligono raster è un insieme di pixel. Lo si può immaginare come una matrice di bit, in cui i pixel appartenenti al poligono hanno valore 1, mentre tutti gli altri hanno valore 0. Un poligono vettoriale, invece, è un insieme di vertici (memorizzati tramite le rispettive coordinate), ordinato in senso orario o antiorario. Collegando ogni vertice con il successivo e l ultimo col primo, si ottiene il perimetro del poligono. Fortunatamente sono venuti in aiuto alcuni strumenti già presenti nelle librerie standard di Java che consentono di effettuare operazioni binarie di intersezione, unione e sottrazione tra aree poligonali del piano. Grazie a questi strumenti, è stato possibile rimuovere le collisioni mantenendo i tasselli vettoriali. Invece, la ricerca delle collisioni si effettua usando una mappa raster. Per ogni pixel dell immagine la mappa permette di capire se è libero, occupato da un bordo, oppure occupato da un tassello già posizionato; in quest ultimo caso, essa permette di risalire alla forma poligonale del tassello che lo occupa. Ogni nuovo tassello inizialmente ha la forma di un rettangolo o un quadrilatero simile ad un trapezio; la posizione e l orientamento vengono calcolati come nel paragrafo precedente. Successivamente, viene esplorato l insieme dei pixel liberi che possono essere occupati dal nuovo tassello e si interseca la forma iniziale con il più piccolo rettangolo (bound) contenente tale insieme di pixel. Poi l algoritmo cerca i tasselli che collidono col tassello corrente e, ad una ad una, tutte le forme dei tasselli in collisione vengono sottratte dalla forma corrente. Le forme ottenute vengono private dei vertici troppo vicini o che producono un arco. Se il tassello trovato risultasse a) situazione iniziale b) calcolo del bound c) intersezione col bound e) rimozione delle concavità f) eliminazione dei tasselli piccoli g) rimozione dei bordi d) sottrazione dei tasselli in collisione h) risultato finale Figura 3: Esempio di rimozione delle collisioni e ottimizzazione dei vertici degenere oppure troppo piccolo, allora sarà scartato. La rimozione dei vertici superflui permette di ridurre al minimo il numero di vertici dei tasselli, caratteristica utile per ottenere buone prestazioni nel rendering 3D. Per ogni spezzata poligonale valida vengono eliminati i vertici concavi, allo stesso modo di quanto fatto in Di Blasi et al. (2005). Infine, l algoritmo 4

5 verifica se nella forma ottenuta ci sono pixel di bordo; essi vengono ordinati dal più vicino al più lontano dal centro del tassello e per ognuno di essi viene effettuato un taglio. L intero procedimento è illustrato in Figura 3. Le forme ottenute possono essere rimpicciolite leggermente, in modo da lasciare trasparire lo sfondo di cemento. Poi vengono effettuate delle alterazioni casuali, che consentono di introdurre delle imperfezioni e rendere il mosaico più realistico: l alterazione delle posizioni dei vertici consiste nello spostamento dei vertici all interno del perimetro stesso, evitando così di ottenere forme concave e di produrre nuove collisioni indesiderate; l alterazione casuale dei colori consiste nell alterazione separata dei valori RGB del colore. Il passaggio successivo è la creazione di una versione semplificata delle forme 3D, sulla quale si possono effettuare ulteriori elaborazioni in modo semplice ed immediato. Ogni tassello 2D viene trasformato in un prisma retto o un tronco di piramide, in base alle esigenze dell utente; nel tassello a tronco di piramide la base superiore del solido a): Tasselli a prisma b): Tasselli a tronco di piramide risulta più piccola rispetto alla base Figura 4: Esempio di forme dei tasselli 3D inferiore, amplificando la sensazione di profondità del solido prodotto (si veda la Figura 4). Le coordinate dei tasselli 2D vengono modificate in modo da adattarle a quelle del mondo virtuale 3D. Anche in questa fase vengono effettuate alcune alterazioni casuali: l alterazione delle posizioni dei vertici superiori avviene sia orizzontalmente (in modo simile a quanto fatto nella fase 2D) che verticalmente; l alterazione verticale simula l inclinazione del tassello e rendere la superficie superiore lievemente irregolare; l inclinazione può arrivare fino a 45 ; le diverse inclinazioni dei tasselli producono effetti simili a quelli dei mosaici bizantini; l alterazione dei colori dei vertici consiste in piccole variazioni casuali delle componenti RGB dei colori di ogni vertice; ciò serve a simulare le impurità del materiale di cui sono fatti i tasselli. Le forme 3D semplificate ottenute fino a questo punto corrispondono ad un mosaico 3D su superficie piana. Qualora si volesse ottenere una superficie diversa, il mosaico si potrà mappare sulla superficie desiderata. Ciò si ottiene applicando la trasformazione voluta alle coordinate 3D correnti. È anche possibile aggiungere una superficie 3D corrispondente al cemento sotto i tasselli del mosaico. Inoltre, l applicazione sviluppata fornisce le seguenti superfici di default: piano, cilindro, cupola, con alcuni parametri modificabili dall utente. Altre superfici possono essere aggiunte da uno sviluppatore, mediante delle librerie esterne da aggiungere all applicazione, a mo di plug-in. A scopo esemplificativo, è stata sviluppata una libreria esterna per la piramide a base rettangolare. Le forme 3D semplificate vengono poi trasformate in una geometria tridimensionale effettivamente rappresentabile dal motore di rendering 3D. Si ottiene una superficie composta da triangoli, in cui ogni triangolo risponde alla luce come se fosse una faccia diversa del solido. Vengono create solo le facce superiori e laterali dei tasselli. Il mosaico ottenuto può essere salvato in formato binario ed importato in qualunque applicazione Java usando una apposita libreria che ricostruisce la geometria 3D a partire dal file binario. 5

6 Per visualizzare il mosaico, l applicazione crea un ambiente 3D con alcune luci di default. L utente può ruotare l ambiente e può avvicinare e allontanare la visuale dal mosaico. 3 Risultati sperimentali Questo paragrafo presenta alcuni risultati ottenuti dall applicativo sviluppato. In Figura 5 viene mostrato un esempio di mosaico 3D su di una superficie cilindrica concava. a) Immagine di input b) Mosaico 2D c) Mosaico 3D Figura 5: Mosaico 3D su di una superficie cilindrica concava di 120 con tasselli di 4x6 pixel In Figura 6 viene mostrato un mosaico 3D su di una piramide concava. a) Immagine di input b) Mosaico 2D c) Mosaico 3D Figura 6: Mosaico 3D su di una piramide concava, con tasselli di 8x14 pixel 6

7 In Figura 7 viene mostrato un mosaico 3D su di una superficie a cupola concava. a) Immagine di input b) Mosaico 2D c) Mosaico 3D Figura 7: Mosaico 3D su di una superficie a cupola concava, con tasselli di 6x10 pixel In Figura 8 viene mostrato un mosaico 3D su di un settore di cupola concava con un arco di 180. a) Immagine di input b) Mosaico 2D c) Mosaico 3D Figura 8: Mosaico 3D su di un settore di cupola concava con un arco di 180, con tasselli 4x6 pixel 7

8 Conclusioni In questo articolo è stata presentata una possibile tecnica per produrre mosaici 3D a partire da immagini digitali bidimensionali. I risultati ottenuti possono portare alla costruzione di una galleria virtuale di mosaici, distribuiti su varie sale virtuali e mappati su diversi tipi di superfici. L algoritmo si può ulteriormente migliorare, ad esempio cercando di raffinare le tecniche per la ricerca dei contorni o per il posizionamento dei tasselli. Sviluppi futuri prevedono la possibilità di mappare il mosaico sulla superficie di qualunque oggetto 3D, sfruttandone la mappatura per la texture. Riferimenti bibliografici BATTIATO S., DI BLASI G., FARINELLA G. M., GALLO G., 2007 Digital Mosaic FrameWork An Overview Computer Graphics Forum Vol. 26, No 4, pp BATTIATO S., DI BLASI G., FARINELLA G. M., GALLO G., 2006 A Novel Tecnique for Opus Vermiculatum Mosaic Rendering. Proc. ACM/WSCG2006, pp DI BLASI G., GALLO G., PETRALIA M., 2005 Tecniche di Fast Mosaic Rendering. Università degli Studi di Catania. DI BLASI G., 2006 Tutorial su Java3D Presentato alla Eurographics Italian Chapter. DI BLASI G., GALLO G., 2005 Artificial Mosaics. The Visual Computer, Vol. 21, No.6, pp MILONE A., 2007 Sviluppo ed implementazione di tecniche per la realizzazione di mosaici artificiali su superfici 3D. Tesi di Laurea - Università degli Studi di Catania. 8

Argomento interdisciplinare

Argomento interdisciplinare 1 Argomento interdisciplinare Tecnologia-Matematica Libro consigliato: Disegno Laboratorio - IL MANUALE DI TECNOLOGIA _G.ARDUINO_LATTES studiare da pag.19.da 154 a 162 Unità aggiornata: 7/2012 2 Sono corpi

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

r.berardi NOTE E SCHEDE OPERATIVE PER APPRENDERE LE PROIEZIONI ORTOGONALI

r.berardi NOTE E SCHEDE OPERATIVE PER APPRENDERE LE PROIEZIONI ORTOGONALI r.berardi NOTE E SCHEDE OPERATIVE PER APPRENDERE LE PROIEZIONI ORTOGONALI 1. Proiezioni Assonometriche e ortogonali 2. Teoria delle proiezioni ortogonali Pag. 1 Pag. 2. 3. SCHEDE OPERATIVE SULLE PROIEZIONI

Dettagli

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale RUOLO DELLA MODELLAZIONE GEOMETRICA E LIVELLI DI MODELLAZIONE PARTE 2 Prof. Caterina Rizzi... IN QUESTA LEZIONE Modelli 2D/3D Modelli 3D/3D Dimensione delle primitive di modellazione Dimensione dell oggettoy

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Dal menù a tendina File, scegliere l opzione Open

Dal menù a tendina File, scegliere l opzione Open IMPORTAZIONE DA AUTOCAD A ILLUSTRATOR Dal menù a tendina File, scegliere l opzione Open Impostare come Tipo file Autocad drawing.dwg L importazione di file.dwg permette di definire la scala di rappresentazione

Dettagli

Progetto Didattico di Informatica Multimediale

Progetto Didattico di Informatica Multimediale Progetto Didattico di Informatica Multimediale VRAI - Vision, Robotics and Artificial Intelligence 20 aprile 2015 Rev. 18+ Introduzione Le videocamere di riconoscimento sono strumenti sempre più utilizzati

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

vrebbe apparire uguale o molto simile

vrebbe apparire uguale o molto simile Colore I fondamenti della gestione digitale Di Mauro Boscarol Fotocamere, monitor e stampanti non interpretano in modo univoco le informazioni cromatiche di un immagine. Per ottenere una corrispondenza

Dettagli

Famiglie di font. roman ( normale ) corsivo o italic grassetto o bold grassetto corsivo o bold italic

Famiglie di font. roman ( normale ) corsivo o italic grassetto o bold grassetto corsivo o bold italic Famiglie di font Nella maggior parte dei casi, un font appartiene a una famiglia I font della stessa famiglia hanno lo stesso stile grafico, ma presentano varianti Le varianti più comuni sono: roman (

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Hugo Hansen L'autore L'autore Hugo Hansen vive appena fuori dalla splendida città di Copenhagen. Esperto professionista nell'ambito del design grafico,

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

ELEMENTI DI GRAFICA IN AMBIENTE DEV-PASCAL v. 9.2

ELEMENTI DI GRAFICA IN AMBIENTE DEV-PASCAL v. 9.2 ELEMENTI DI GRAFICA IN AMBIENTE DEV-PASCAL v. 9.2 MODULI GRAPH, DOS E CRT Una volta entrati in ambiente DEV-Pascal possiamo cominciare ad editare un programma nel modo che conosciamo. Se dobbiamo far uso

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

Principal Component Analysis

Principal Component Analysis Principal Component Analysis Alessandro Rezzani Abstract L articolo descrive una delle tecniche di riduzione della dimensionalità del data set: il metodo dell analisi delle componenti principali (Principal

Dettagli

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C.

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. 1 MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. Marino prof. Mazzoni Evoluzione delle macchine utensili Quantità di pezzi 10 10 10 10 6 5 4 3 10 2 1 2 1-MACCHINE SPECIALIZZATE 2-MACCHINE TRANSFERT 3-SISTEMI FLESSIBILI

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO Dipartimento di Ingegneria Civile Laura Magistrale in Ingegneria Civile per la Protezione dai Rischi Naturali A.A. 2014-2015 RELAZIONE DI FINE TIROCINIO INTRODUZIONE ALL'USO DEL SOFTWARE GIS UDIG Tirocinante:

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici Alice Piva 1, Giacomo Gamberoni 1, Denis Ferraretti 1, Evelina Lamma 2 1 intelliware snc, via J.F.Kennedy 15, 44122 Ferrara,

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

Permutazione degli elementi di una lista

Permutazione degli elementi di una lista Permutazione degli elementi di una lista Luca Padovani padovani@sti.uniurb.it Sommario Prendiamo spunto da un esercizio non banale per fare alcune riflessioni su un approccio strutturato alla risoluzione

Dettagli

VC-dimension: Esempio

VC-dimension: Esempio VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di. y b = 0 f() = 1 f() = 1 iperpiano 20? VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di? banale. Vediamo cosa succede con 2 punti: 21 VC-dimension: Esempio

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

attraverso l impiego convenzionale di linee, numeri e simboli Il disegno rappresenta un elemento chiave del ciclo di vita di un prodotto CAM CAM

attraverso l impiego convenzionale di linee, numeri e simboli Il disegno rappresenta un elemento chiave del ciclo di vita di un prodotto CAM CAM Il disegno tecnico di un oggetto è in grado di spiegarne: - la forma, - le dimensioni, - la funzione, - la lavorazione necessaria per ottenerlo, - ed il materiale in cui è realizzato. attraverso l impiego

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè:

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè: 1 Limiti Roberto Petroni, 2011 Possiamo introdurre intuitivamente il concetto di limite dicendo che quanto più la x si avvicina ad un dato valore x 0 tanto più la f(x) si avvicina ad un valore l detto

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

SciPy. Programmazione Orientata agli Oggetti e Scripting in Python

SciPy. Programmazione Orientata agli Oggetti e Scripting in Python SciPy Programmazione Orientata agli Oggetti e Scripting in Python SciPy: Informazioni di Base Libreria di algoritmi e strumenti matematici Fornisce: moduli per l'ottimizzazione, per l'algebra lineare,

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati 1 Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati Esercizi sulla Tecnica Divide et Impera N.B. Tutti gli algoritmi vanno scritti in pseudocodice (non in Java, né in C++, etc. ). Di tutti gli algoritmi

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera L. De Giovanni AVVERTENZA: le note presentate di seguito non hanno alcuna pretesa di completezza, né hanno lo scopo di sostituirsi

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

Tecnologie e metodi stampa su tessuti e supporti rigidi

Tecnologie e metodi stampa su tessuti e supporti rigidi Tecnologie e metodi stampa su tessuti e supporti rigidi Guida di orientamento tra le tecnologie e le problematiche nel mondo della stampa su tessuti e supporti rigidi Sviluppo crescita cambiamento Il lavoro

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

Punti inaccessibili e artifici

Punti inaccessibili e artifici Appunti di Topografia Volume 1 Goso Massimiliano Punti inaccessibili e artifici Punti inaccessibili e Artifici. Revisione 1-06/11/2009 Autore : Massimiliano Goso Email: Copyright (c) 2009 Massimiliano

Dettagli

Studente: SANTORO MC. Matricola : 528

Studente: SANTORO MC. Matricola : 528 CORSO di LAUREA in INFORMATICA Corso di CALCOLO NUMERICO a.a. 2004-05 Studente: SANTORO MC. Matricola : 528 PROGETTO PER L ESAME 1. Sviluppare una versione dell algoritmo di Gauss per sistemi con matrice

Dettagli

Un anno con Scratch Un anno con Scratch pag. 1 di 50

Un anno con Scratch Un anno con Scratch pag. 1 di 50 pag. 1 di 50 pag. 2 di 50 1 Introduzione Questo breve manuale è il resoconto delle lezioni su Scratch tenute dall'autore nella scuola elementare Collodi nell'anno 2013/2014. L'obiettivo perseguito dal

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

Come scrivere una Review

Come scrivere una Review Come scrivere una Review Federico Caobelli per AIMN Giovani Fondazione Poliambulanza - Brescia federico.caobelli@gmail.com SOMMARIO Nel precedente articolo, scritto da Laura Evangelista per AIMN Giovani,

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

9. Urti e conservazione della quantità di moto.

9. Urti e conservazione della quantità di moto. 9. Urti e conservazione della quantità di moto. 1 Conservazione dell impulso m1 v1 v2 m2 Prima Consideriamo due punti materiali di massa m 1 e m 2 che si muovono in una dimensione. Supponiamo che i due

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Luca Lussardi - Universit` a Cattolica del Sacro Cuore Dalla citt` a ideale alle cellule: l ubiquit` a della matematica

Luca Lussardi - Universit` a Cattolica del Sacro Cuore Dalla citt` a ideale alle cellule: l ubiquit` a della matematica Lo studio della matematica costituisce un educazione formativa della mente. La matematica sviluppa tutte le facoltà dell ingegno, affina in particolare le facoltà logiche, educa e rende più retta l intuizione,

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

Flusso a costo minimo e simplesso su reti

Flusso a costo minimo e simplesso su reti Flusso a costo minimo e simplesso su reti La particolare struttura di alcuni problemi di PL può essere talvolta utilizzata per la progettazione di tecniche risolutive molto più efficienti dell algoritmo

Dettagli

Tecnologia personale per l autonomia di persone con disabilità nel calcolo del resto

Tecnologia personale per l autonomia di persone con disabilità nel calcolo del resto Tecnologia personale per l autonomia di persone con disabilità nel calcolo del resto Giovanni Dimauro 1, Marzia Marzo 2 1 Dipartimento di Informatica, Università degli Studi di Bari, dimauro@di.uniba.it

Dettagli

TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA

TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA TECNICA DI DEFINIZIONE DELLE PROPRIETA' DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA Descrizione

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette:

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette: FASCI DI RETTE DEFINIZIONE: Si chiama fascio di rette parallele o fascio improprio [erroneamente data la somiglianza effettiva con un fascio!] un insieme di rette che hanno tutte lo stesso coefficiente

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli