Unione europea: S. Perticaroli*, S. Stabile* Stati Uniti: M. Fingerhut**, L. Nickels***, S. Cali***, A. de Castro***, S. Lacey***

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Unione europea: S. Perticaroli*, S. Stabile* Stati Uniti: M. Fingerhut**, L. Nickels***, S. Cali***, A. de Castro***, S. Lacey***"

Transcript

1 LA QUALIFICAZIONE PROFESSIONALE DEGLI ATTORI DELLA SICUREZZA IN ITALIA, IN EUROPA E NEGLI STATI UNITI Unione europea: S. Perticaroli*, S. Stabile* Stati Uniti: M. Fingerhut**, L. Nickels***, S. Cali***, A. de Castro***, S. Lacey*** EDITORIALE * ISPESL, Dipartimento Documentazione, Informazione e Formazione ** NIOSH *** University of Illinois at Chicago School of Public Health Questo editoriale intende presentare il quadro dell attuale sistema di qualificazione professionale delle figure coinvolte nella gestione della salute e sicurezza adottato a livello nazionale, europeo e internazionale prendendo come Stato di riferimento gli Stati Uniti. Tale quadro si delinea a partire dal recupero, dall analisi e dall elaborazione delle informazioni e della documentazione inerente il recepimento delle principali direttive comunitarie in materia di salute e sicurezza sul lavoro, in numerosi Stati membri, quali Spagna, Francia, Germania, il Regno Unito, Finlandia, Svezia. Si prosegue con il confronto sugli aspetti che riguardano l informazione e la formazione dei vari soggetti individuati dalle normative nazionali e i criteri e le modalità con cui viene regolamentata e riconosciuta la formazione di tali soggetti. Qui vengono presentati a confronto con la situazione italiana, gli Stati nei quali si sono riscontrate maggiori peculiarità e differenze, in particolare Spagna, Svezia e il Regno Unito. Come ulteriore aspetto si estende il confronto anche a livello extraeuropeo con l analisi del contesto relativo agli Stati Uniti, in cui la cultura per la tutela della salute e sicurezza sul lavoro ha radici molto diverse da quelle comunitarie, ma dal quale possono emergere considerazioni molto interessanti. IL CONTESTO EUROPEO La qualificazione professionale degli attori della sicurezza è un tema di elevata attualità in Italia in quanto, recentemente è stato emanato un regolamento che disciplina i requisiti minimi dei corsi da effettuare per poter svolgere il ruolo di Addetto e di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione. L Italia infatti è stata obbligata a definire capacità e requisiti professionali di tali soggetti da una sentenza di condanna della Corte di Giustizia CEE, per non aver debitamente trasposto nel diritto italiano talune disposizioni di cui alla Direttiva Quadro elaborata dalla Commissione Europea ed obbligatoria per tutti i Paesi dell Unione. In particolare, la norma italiana di trasposizione (D.Lgs. 626/94) non definiva le capacità e le attitudini di cui devono essere in possesso le persone responsabili delle attività di protezione e prevenzione dei rischi professionali per la salute e sicurezza dei lavoratori. Per avere un quadro di insieme dell attuale sistema di qualificazione professionale in Europa degli attori della sicurezza, termini con cui si intendono, Datore di Lavoro, Responsabile e Addetti del Servizio di Prevenzione e Protezione, Medico Competente e Rappresentante dei Lavoratori, è necessario partire dai principi sui quali si basa la formazione alla salute e sicurezza sul lavoro, che sono rappresentati dalla Direttiva Quadro 391 del 12 giugno 1989, concernente l attuazione di misure volte a promuovere il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori durante il lavoro. [ 1 ]

2 Prevenzione Oggi - Gennaio/Giugno 2006 Tale normativa ha introdotto nel panorama europeo i principi generali relativi alla prevenzione dei rischi professionali, alla protezione della salute e della sicurezza dei lavoratori, all eliminazione dei fattori di rischio e di incidente, all istituzione del servizio di prevenzione e protezione e anche quelli relativi all informazione e alla consultazione, alla formazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti. I Paesi membri hanno recepito in tempi e modalità diversi la Direttiva Quadro rendendola parte integrante del proprio assetto normativo. Quello che emerge dall analisi dei testi di recepimento è che non vi sono sostanziali differenze dal testo della direttiva, anzi in alcuni casi si è trattato di una vera e propria traduzione letterale del testo originario. Questo vale anche per gli articoli che riguardano l informazione e la formazione dei lavoratori dai quali derivano gli elementi chiave su cui impostare i processi informativi e formativi relativi agli aspetti di salute e sicurezza sul lavoro. Non va dimenticato che l elemento chiave che permette di programmare in maniera efficace ed efficiente l attività formativa di tutti i soggetti coinvolti nel sistema salute e sicurezza sul lavoro, è rappresentato dalla valutazione dei rischi che rientra negli obblighi a carico di ogni datore di lavoro e dalla quale derivano gli obiettivi formativi. La formazione quindi deve essere adeguata e sufficiente per ciascun lavoratore in relazione al posto di lavoro e ai rischi a cui è esposto nello svolgimento della propria attività. Inoltre la formazione del lavoratore deve essere realizzata in occasione: dell assunzione del trasferimento o cambiamento di mansioni dell introduzione o del cambiamento di attrezzature di lavoro dell introduzione di nuove tecnologie in relazione all evoluzione dei rischi o all insorgenza di nuovi rischi durante l orario di lavoro e non può comportare oneri economici a carico dei lavoratori. Quello che varia da Paese a Paese sono le modalità con cui questa formazione viene erogata e i requisiti richiesti per svolgere determinati ruoli nell ambito del sistema salute e sicurezza. ITALIA [ 2 ] In Italia la Direttiva Quadro è stata recepita nel titolo I del D.Lgs. 626/94. L introduzione di questa normativa è stata una vera innovazione rispetto al corpo legislativo italiano elaborato negli anni 50, in termini organizzativi (istituzione di una struttura preposta alla prevenzione - il servizio di prevenzione e protezione), metodologici (valutazione di tutti rischi e delle misure di prevenzione e protezione da adottare) e culturali (informazione, formazione, consultazione e partecipazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti). La formazione dei lavoratori e degli addetti alla salute e sicurezza sul lavoro ha subito profonde innovazioni sia in termini di contenuto che di impostazione metodologica. La legislazione italiana prevede anche l individuazione dei contenuti minimi della formazione dei lavoratori, dei Rappresentanti per la sicurezza e dei Datori di Lavoro che possono svolgere direttamente i compiti propri di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione. Per quanto riguarda la formazione del RLS un accordo tra le parti (organizzazioni nazionali dei datori di lavoro/organizzazioni nazionali dei lavoratori), in applicazione del dettato normativo del 3 settembre 1996 prevede una formazione che ammonta a 32 ore. Per quanto riguarda la formazione dei lavoratori, in molti CCNL (Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro) di diverse categorie, vengono individuate le modalità di formazione alla sicurezza specifiche per settore. In molti altri casi, i CCNL demandano agli organismi paritetici, costituiti dalle organizzazioni sindacali e datoriali a livello nazionale e territoriale (regionale e provinciale), il compito di promuovere iniziative formative nei confronti dei lavoratori, così come previsto dalla normativa nazionale.

3 La qualificazione professionale degli attori della sicurezza in Italia, in Europa e negli Stati Uniti Un altra figura chiave per la gestione della salute e sicurezza è rappresentata dal medico competente che, anche se con modalità diverse, era già presente nella normativa di prevenzione dagli anni 50. Attualmente per svolgere il ruolo di medico competente bisogna essere in possesso di uno dei seguenti titoli: 1) specializzazione in medicina del lavoro o in medicina preventiva dei lavoratori e psicotecnica o in tossicologia industriale o in igiene industriale o in fisiologia ed igiene del lavoro o in clinica del lavoro o in igiene e medicina preventiva o in medicina legale e delle assicurazioni ed altre specializzazioni individuate, ove necessario, con decreto del Ministro della Sanità di concerto con il Ministro dell Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; 2) docenza o libera docenza in medicina del lavoro o in medicina preventiva dei lavoratori e psicotecnica o in tossicologia industriale o in igiene industriale o in fisiologia ed igiene del lavoro. Inoltre è obbligatorio un aggiornamento continuo secondo quanto previsto dal programma nazionale di ECM, (educazione continua in medicina) riguardante tutto il personale sanitario, medico e non medico, dipendente o libero professionista, operante nella sanità, sia privata che pubblica. Tale programma prevede il raggiungimento di un determinato numero di crediti formativi legato alla professionalità in un certo arco di tempo. Per svolgere il ruolo di addetti e di responsabili dei servizi di prevenzione e protezione è necessario essere in possesso di un titolo di studio non inferiore al diploma di istruzione secondaria superiore ed essere inoltre, in possesso di un attestato di frequenza, con verifica dell apprendimento, a specifici corsi di formazione adeguati alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attività lavorative. Attualmente per gli addetti al servizio di prevenzione e protezione il percorso formativo prevede un modulo A di base della durata di 28 ore e ad un modulo B di specializzazione che varia dalle 12 alle 68 ore secondo la maggiore o minore rischiosità del macrosettore lavorativo di appartenenza. I macrosettori individuati sono nove: 1. Agricoltura 2. Pesca 3. Estrazioni minerali e altre industrie estrattive, Costruzioni 4. Industrie alimentari, tessili, conciarie, legno, carta, autoveicoli, smaltimento rifiuti, ecc. 5. Raffinerie, industria chimica, fibre, gomma plastica 6. Commercio ingrosso e dettaglio, trasporti, attività artigianali (parrucchieri, lavanderie, ecc.) 7. Sanità - Servizi sociali 8. Pubblica Amministrazione, Istruzione 9. Alberghi, ristoranti, assicurazioni, associazioni ricreative, culturali, sportive, ecc. Per il Responsabile del Servizio di Prevenzione oltre ai due moduli precedenti è previsto anche un modulo C, della durata di 24 ore, su alcuni aspetti innovativi tra cui: prevenzione e protezione dei rischi di natura ergonomica e psicosociale, organizzazione e gestione delle attività tecnico-amministrative, tecniche di comunicazione in azienda e relazioni sindacali. I corsi di aggiornamento devono avere una cadenza almeno quinquennale. Sono esonerati dalla frequenza ai corsi di formazione coloro che sono in possesso di laurea triennale in Ingegneria della sicurezza e protezione, Scienze della sicurezza e protezione, Tecnico della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro. SPAGNA A ridisegnare l assetto istituzionale preesistente è stata la legge 8 novembre 1995, n. 31, di prevenzione dei rischi nel lavoro, che ha realizzato la trasposizione in Spagna della Direttiva Quadro e le modifiche apportate dalle leggi successive di riforma del sistema normativo di prevenzione dei rischi lavorativi. [ 3 ]

4 Prevenzione Oggi - Gennaio/Giugno 2006 Importante per individuare i requisiti professionali dei soggetti coinvolti nel sistema di prevenzione e protezione dei rischi, è il Regolamento dei servizi di prevenzione che ha dettato prescrizioni di dettaglio in tema di capacità e attitudini che debbono possedere i lavoratori designati per lo svolgimento di attività preventiva, nonché i membri dei servizi di prevenzione costituiti nell impresa. Per assicurare tali capacità e attitudini, il regolamento stabilisce la formazione minima sia per quanto concerne i lavoratori designati che, in modo più approfondito, per i membri del servizio di prevenzione, ove costituito nell impresa. I lavoratori designati devono possedere la capacità corrispondente alle funzioni da svolgere, che sono suddivise in 3 livelli: 1. base; 2. intermedio e 3. superiore. Per ciascun livello è prevista una formazione minima. Le funzioni rientranti nel livello base (nivel básico), sono: promuovere i comportamenti sicuri e la corretta utilizzazione degli equipaggiamenti di lavoro e protezione, e promuovere l interesse e la cooperazione tra i lavoratori nell attività preventiva; promuovere, in particolare, le attività preventive basilari, come l ordine, la pulizia, la segnaletica, la manutenzione generale; realizzare valutazioni elementari dei rischi e, se del caso, stabilire misure preventive del medesimo carattere, compatibili con il proprio livello di formazione; collaborare alla valutazione e al controllo dei rischi generali e specifici dell impresa, effettuando ispezioni, prestando attenzione a lamentele e suggerimenti, registrando dati e svolgendo tutte le analoghe funzioni che siano necessarie; agire in caso di emergenza e primi soccorsi; cooperare con i servizi di prevenzione. Per svolgere le funzioni di livello base è necessario: a) possedere una formazione minima della durata non inferiore a 30 ore, o a 50 ore nel caso di imprese che svolgano determinate attività a più alto rischio; oppure b) possedere una formazione professionale o universitaria che renda idonei ad assumere responsabilità professionali equivalenti o simili a quelle richieste dalle attività menzionate; oppure c) maturare un esperienza non inferiore a due anni in una impresa, istituzione o amministrazione pubblica, che comporti lo svolgimento di livelli professionali di responsabilità equivalenti o simili a quelli richiesti dalle attività menzionate. Sono funzioni rientranti nel livello intermedio le seguenti: promuovere, in generale, la prevenzione nell impresa; realizzare valutazioni dei rischi, salvo quelle specificamente riservate al livello superiore; proporre misure per il controllo e la riduzione dei rischi o prospettare la necessità di ricorrere al livello superiore, alla luce dei risultati della valutazione; realizzare attività di informazione e formazione di base dei lavoratori; vigilare sull osservanza del programma di controllo e riduzione dei rischi ed effettuare personalmente le attività di controllo delle condizioni di lavoro assegnate; partecipare alla pianificazione dell attività preventiva e dirigere le attività da svolgere in casi di emergenza e primi soccorsi; collaborare con i servizi di prevenzione; qualsiasi altra funzione di ausilio o collaborazione al livello superiore. [ 4 ] È necessario possedere una formazione minima il cui svolgimento deve avere una durata non inferiore a 300 ore. Le funzioni di livello superiore, infine, sono quelle corrispondenti alle specializzazioni e discipline preventive di:

5 La qualificazione professionale degli attori della sicurezza in Italia, in Europa e negli Stati Uniti 1. medicina del lavoro; 2. sicurezza del lavoro; 3. igiene industriale; 4. ergonomia e psicosociologia applicata. Più nello specifico, sono funzioni rientranti nel livello superiore (nivel superior) in aggiunta a quelle del livello intermedio, le seguenti: l effettuazione di quelle valutazioni dei rischi la cui realizzazione esige: - che sia stabilita una strategia di misurazione per assicurare che i risultati ottenuti distinguano effettivamente la situazione oggetto di valutazione, oppure - un interpretazione o applicazione non meccanica dei criteri di valutazione; la formazione e l informazione di carattere generale a tutti i livelli; la pianificazione dell azione preventiva da porre in essere nelle situazioni in cui il controllo o la riduzione dei rischi presuppone la realizzazione di differenti attività, che implicano l intervento di diversi specialisti; la vigilanza e il controllo della salute dei lavoratori. Alla stregua di quanto sopra, emerge che le funzioni di livello superiore sono assai simili a quelle che nel sistema italiano sono attribuite al RSPP, tenendo conto però che l ordinamento spagnolo non diversifica espressamente le figure del responsabile e degli addetti al servizio di prevenzione (limitandosi a parlare genericamente di miembros di tale servizio), operando soltanto - attraverso il Regolamento del una classificazione funzionale delle attività preventive. Per svolgere dunque le funzioni di livello superiore è necessario possedere un titolo universitario e una formazione minima il cui svolgimento deve avere una durata non inferiore a 600 ore. Una peculiarità dell organizzazione dei servizi di prevenzione e protezione è che questa debba avere carattere interdisciplinare nel senso di congiunzione coordinata di due o più discipline tecniche o scientifiche in materia di prevenzione dei rischi sul lavoro. Infatti, il servizio di prevenzione interno deve disporre come minimo, di due delle specializzazioni o discipline preventive concernenti il nivel superior, svolte da esperti con la capacità richiesta dalle funzioni da espletare. Il servizio di prevenzione, deve disporre, altresì, del personale necessario con la capacità richiesta per lo svolgimento delle funzioni di livello base e intermedio. Quindi tutte e tre le competenze corrispondenti ai tre livelli funzionali in materia preventiva debbono necessariamente essere rappresentate nel servizio di prevenzione. Datore di lavoro Per venire incontro alle specifiche esigenze delle imprese di piccole dimensioni, è previsto che nelle imprese di meno di sei lavoratori l imprenditore può assumere personalmente le funzioni dei lavoratori designati e dei servizi di prevenzione. La stessa norma, tuttavia, condiziona questa opzione non solo alla circostanza che l imprenditore svolga abitualmente la sua attività nel luogo di lavoro, ma, ovviamente, anche alla necessità che abbia la capacità necessaria, in funzione dei rischi a cui sono esposti i lavoratori e alla pericolosità delle attività in linea con quanto stabilito nel succitato regolamento. Delegati di Prevenzione I delegati di prevenzione sono i rappresentanti dei lavoratori con funzioni specifiche in materia di prevenzione dei rischi sul lavoro. [ 5 ]

6 Prevenzione Oggi - Gennaio/Giugno 2006 La legislazione nazionale stabilisce che nella contrattazione collettiva (negociación colectiva) o mediante gli accordi dello Statuto dei lavoratori potranno stabilirsi criteri (...) per la formazione dei lavoratori e dei delegati di prevenzione. Dal 2002, ogni anno viene stipulato in Spagna un Accordo Interconfederale sulla contrattazione collettiva, tra le organizzazioni di imprese e le organizzazioni sindacali. L Accordo interconfederale per il 2005 dedica un capitolo specifico (il VII) alla sicurezza e salute sui luoghi di lavoro e, in linea con i precedenti accordi, fornisce raccomandazioni anche in ordine alla formazione in materia preventiva. In particolare si raccomanda di includere, in modo orientativo, nei contratti collettivi di ambito settoriale o inferiore, il contenuto della formazione specifica in base ai rischi di ciascun posto di lavoro o funzione, raggruppando in questo modo i criteri formativi, nonché il numero di ore di formazione o addestramento, in maniera omogenea per rischi e posti di lavoro di ciascun settore; resta, ovviamente, invariata la formazione prevista in funzione dei fattori di rischio di ciascun concreto posto di lavoro in ogni impresa individualmente considerata. Si raccomanda, altresì, di specificare nella contrattazione collettiva di ogni ambito, ma preferibilmente settoriale, il numero di ore di formazione dei delegati di prevenzione in funzione della pericolosità dell attività. È importante sottolineare che sia i contratti collettivi di settore che quelli di impresa dettano, normalmente, criteri e prescrizioni in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro e, quindi, anche di correlata attività formativa (sebbene quest ultimo profilo venga affrontato non di frequente e piuttosto genericamente). SVEZIA [ 6 ] La Direttiva 89/391/CEE è recepita in Svezia attraverso il Systematic Work Environment Management - SWEM AFS 2001:1, modificato poi dal AFS 2003:4. La Svezia ha una tradizione molto diversa dalla filosofia comunitaria, infatti non ha una legislazione in materia di controllo e certificazione dei servizi per la salute sul lavoro (servizio di prevenzione e protezione); per questo nel 2004 il paese è stato invitato a comparire di fronte alla Corte Europea proprio perché nella sua legislazione non sono sufficientemente definiti i requisiti e l appropriato livello di conoscenze di cui deve essere in possesso il personale coinvolto nella gestione della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. L insegnamento della salute e della sicurezza sul lavoro è materia di programma ministeriale in tutte le scuole svedesi e molte materie sono anche oggetto di corsi universitari e lauree specifiche. La SSL si basa sulla collaborazione fra Datore di Lavoro e lavoratori che in teoria dovrebbero ricevere una formazione in materia, sotto diretta responsabilità del datore di lavoro. In pratica questi corsi di formazione dedicati ai lavoratori non sono poi erogati. La politica infatti è quella di fornire ai lavoratori un ambiente di lavoro sicuro a priori, ben controllato, e della cui sicurezza essi non devono farsi carico, con esperti qualificati a disposizione per qualsiasi problema insorga. A tali esperti è demandato il compito di informare i lavoratori su qualsiasi tipo di rischio possano incontrare e dare loro gli strumenti e le conoscenze adatte per prevenirlo. I servizi per la salute sul lavoro reclutano i loro professionisti tra il personale formato dal NIWL (National Institute for Working Life): medici del lavoro, infermieri specializzati in medicina del lavoro, fisioterapisti ed ingegneri del lavoro, ergonomisti, rappresentanti dei lavoratori per la salute e la sicurezza, delegati, supervisori; tutte queste categorie professionali hanno una formazione molto accurata e con standard molto elevati. Infatti ad esempio per quanto riguarda i medici del lavoro il corso da svolgere è annuale e comprende nove settimane (circa 320 ore) di formazione teorica e pratica e il completamento di un progetto di ricerca individuale sotto la guida di un tutor.

7 La qualificazione professionale degli attori della sicurezza in Italia, in Europa e negli Stati Uniti Le tematiche affrontate riguardano: l uomo nell ambiente di lavoro ed i potenziali rischi per la salute derivanti dal lavoro e dall ambiente stesso; la valutazione medica, tecnica e organizzativa di tematiche riguardanti la relazione tra gli uomini, l organizzazione e l ambiente e le misure adottate per raggiungere un ambiente sano; come definire e portare avanti un progetto individuale (oggetto di valutazione del corso). Per gli ingegneri del lavoro il corso è biennale comprende 40 settimane di studio a tempo pieno e il completamento di un progetto di ricerca. Le 40 settimane di corso sono suddivise in 6 moduli: produzione ambiente di lavoro (6 settimane) l ambiente di lavoro e la sicurezza (5 settimane) l ambiente di lavoro e la salute (5 settimane) l ambiente esterno (4 settimane) sviluppo organizzativo e comunicazione (4 settimane) strategia di economia (4 settimane) progetto individuale (5 settimane). Per svolgere il ruolo di rappresentante dei lavoratori il corso ha la durata di un anno, e si suddivide in 6 settimane, ognuna della durata di 37 ore circa in cui si realizzano letture, discussioni, lavori di gruppo. Alla fine del corso i partecipanti devono superare un esame e completare un progetto di ricerca personale su una tematica specifica. L elevato livello di professionalità raggiunto dagli esperti della sicurezza contribuisce a rendere gli ambienti di lavoro tra i più sicuri in Europa e quindi il Paese ha notevoli difficoltà a convincere manager e datori di lavoro dell importanza di progettare e realizzare corsi in materia di salute e sicurezza sul lavoro rivolti ai lavoratori, in linea con quanto previsto dalla normativa europea. In seguito ai richiami da parte del Consiglio dell Unione Europea, l Authority Svedese per l Ambiente di Lavoro ha stabilito un nuovo Piano di Attività nel quale si stabiliscono le priorità. Tra gli 11 punti chiave definiti nel Piano, i più significativi risultano: punto 5 cambiare il sistema di informazione per gli infortuni e le malattie professionali, punto 7 redarre e distribuire informazione, punto 8 prendere parte ai programmi di formazione organizzati dall Istituto per la Vita sul Posto di Lavoro (NIWL) ed informare l Istituto delle attività pianificate, punto 10 promuovere la cooperazione tra datori di lavoro e lavoratori nel settore dell ambiente del posto di lavoro. INGHILTERRA La Direttiva Quadro 89/391/CEE è stata trasposta in Inghilterra all interno dello Strumento legale Regole per la Gestione della Salute e della Sicurezza sul Lavoro del 1999 [ 1999, Management for Health and Safety at Work Regulations (MHSWR)], cui vengono associati numerose guide e codici. I Datori di Lavoro devono consultare e/o assumere esperti in SSL in base al tipo di rischio previsto nella singola azienda ed al numero dei lavoratori presenti. La legge richiede che il Datore di Lavoro incarichi persone competenti che lo assistano nel predisporre le misure necessarie, imposte dalla legge. Di fatto in Inghilterra non si deve avere un titolo specifico per poter accedere ai corsi di formazione e diventare esperti in SSL. Per le figure più esperte e qualificate, i requisiti richiesti sono stabiliti da due enti di certificazione: IOSH ( Institution for Occupational Safety and Health ) ed ENTO ( Employment National Training Organization ). Inoltre i corsi organizzati da enti quali l ENTO o il NEBOSH ( National Examination Board in Occupational Safety and Health ), o tenuti a livello universitario danno l opportunità a chi vi partecipa di poter poi entrare a far parte di organizzazioni accreditate, quale ad esempio è lo stesso IOSH, la cui appartenenza in certi casi viene richiesta in sede di assunzione da parte dei datori di lavoro. [ 7 ]

8 Prevenzione Oggi - Gennaio/Giugno 2006 La formazione è erogata attraverso corsi, seminari, FAD, Internet e non ha una standardizzazione nazionale: durata dei corsi, requisiti per accedervi, formazione pratica e non, progetti di ricerca da portare avanti durante il corso stesso, esame finale e modalità di aggiornamento dipendono dall Istituzione che programma la formazione. A differenza infatti degli altri paesi dell Unione Europea, in Inghilterra esistono istituzioni a parte, che si occupano della formazione in materia di SSL che non è di competenza dell HSE ( Health and Safety Executive ), l ente esecutivo, di carattere governativo, per la SSL, il cui lavoro è rivolto più che altro alla regolamentazione ed alla ricerca e disseminazione di informazioni, al fine di prevenire ogni possibile rischio per la salute e la sicurezza dei lavoratori. Come in Italia i medici del lavoro e gli igienisti del lavoro vengono formati a livello universitario, mentre per quanto riguarda i rappresentanti per la sicurezza (safety reps) vi sono alcune sostanziali differenze. La legge del 1977 The Safety Representatives and Safety Committees (SRSC) Regulations ha stabilito che le unioni sindacali riconosciute potessero nominare i rappresentanti per la sicurezza, ai quali sono stati dati molti poteri, tra cui: fare indagini sui potenziali pericoli presenti nei luoghi di lavoro condurre istruttorie in caso di rimostranze ispezionare i posti di lavoro rappresentare il datore di lavoro per questioni riguardanti la SS dei lavoratori rappresentare i lavoratori ricevere qualsiasi tipo di informazione sulle questioni di SSL dell azienda, inclusa la documentazione relativa alle visite mediche del personale ed alle ispezioni esterne, nonché tutti i risultati delle misurazioni effettuate nel luogo di lavoro riguardo ai livelli di esposizione a sostanze chimiche pericolose presenziare gli incontri delle commissioni di sicurezza delle aziende. Nel 1996 sono state emanate le Health and Safety (Consultation with Employees) Regulations, introdotte perchè la legislatura Europea ha stabilito che tutti i lavoratori siano consultati in merito alle questioni di SSL, non solo coloro i quali facciano parte di un sindacato, come era invece richiesto nelle SRSCregs. Non sono state apportate modifiche significative rispetto alla legge del 1977, ma ora il Datore di Lavoro deve consultarsi con personale anche non appartenente ai sindacati, sia direttamente che attraverso un rappresentante. Questi Rappresentanti dei Lavoratori interni all azienda e non appartenenti ad un unione sindacale hanno però meno diritti dei rappresentanti sindacali: non possono ispezionare i luoghi di lavoro, seguire l iter delle cause per incidenti o investigare riguardo le lamentele dei lavoratori. Inoltre un Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza può essere scelto tra i lavoratori stessi solo se è impiegato nell azienda da più di due anni o se, comunque, ha svolto quel determinato tipo di lavoro in un altra azienda per almeno due anni, questo per assicurarsi che chi viene nominato abbia l esperienza giusta e la conoscenza dello specifico lavoro, tale che possa occuparsi anche delle questioni di SSL. Dopo la nomina, ed il prima possibile, ai Rappresentanti deve essere concesso del tempo, retribuito, per frequentare corsi di formazione riconosciuti dal sindacato di appartenenza: corsi di base e corsi avanzati, in base al rischio della cui gestione si dovranno occupare, e corsi specifici per gestire i cambiamenti sia del mondo del lavoro che della legislazione. La formazione di base di un Rappresentante per la Sicurezza deve comunque comprendere la conoscenza di: [ 8 ] il proprio ruolo e quello della commissione per la sicurezza i requisiti legali per la SSL, soprattutto in rispetto dei diritti dei lavoratori che devono rappresentare la natura ed il grado di pericolosità dei rischi che esistono nei luoghi di lavoro e le misure necessarie per eliminarli o diminuirli la politica di salute e sicurezza del datore di lavoro e l organizzazione dell azienda presso cui è impiegato a svolgere il suo compito.

9 La qualificazione professionale degli attori della sicurezza in Italia, in Europa e negli Stati Uniti Tra i corsi più accreditati figurano quelli tenuti dal TUC (Trade Union Congress): l associazione accredita i suoi corsi tramite il National Open College Network, la registrazione è volontaria e non ci sono test o esami finali (sarà compilato un file in itinere che dimostrerà il lavoro svolto dal partecipante al corso, l Open College Network rilascerà poi un certificato ed i relativi crediti formativi). Il corso è diviso in due stage: primo stage: ore di lezioni guidate relativamente a: ruolo e funzioni dei rappresentanti per la SSL; organizzazione del servizio di SSL; prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali; conoscenze dei rappresentanti per la SSL; secondo stage: ore di lezioni guidate relativamente a: costruire un ambiente di lavoro sicuro; mettere in piedi una buona organizzazione del servizio di SSL; mantenersi aggiornati in materia; effettuare dei cambiamenti in campo di SSL. Coloro i quali completano anche il secondo stage, possono accettare un incarico in materia di valutazione del rischio in una qualsiasi azienda; partecipare a corsi per specialisti; partecipare ad un corso ed ottenere una qualifica presso l IOSH. Nel 2004 il Dipartimento per l Educazione e le Professionalità (DfES) ha pubblicato il piano strategico con cui si è instaurata la riforma del sistema educativo (bibliografia Five Year Strategy for Children and Learners ). È stata creata la Skills Alliance che ha unito Confederation of British Industry, Trade Union Council, Small Business Council e Learning and Skills Council. È cambiato anche tutto il sistema di accreditamento delle professionalità individuali e dei corsi formativi in qualsiasi settore. La riforma dell accreditamento è stata sviluppata dal Qualifications and Curriculum Authority ogni 10 ore di insegnamento si ottiene un credito formativo, ogni credito corrisponde ad un elemento formativo ed i vari elementi possono essere combinati fra loro a seconda del tipo di qualifica richiesta. Questo vale anche per l accreditamento dei corsi formativi in materia di salute e sicurezza sul lavoro, per i quali sono dettati gli standard principali e le materie da insegnare per essere in linea con gli standard nazionali stessi: ogni società di formazione dovrà quindi attenersi ai moduli base, per poi svilupparli come meglio ritiene opportuno. Le materie di salute e sicurezza e l educazione al riconoscimento dei rischi sono fondamentali a partire dalla scuola dell obbligo. Importante è lo sviluppo di unità formative, le quali possono essere erogate separatamente o insieme, senza determinati limiti di tempo, per raggiungere la professionalità desiderata. Per quanto finora è emerso si può affermare che il sistema di erogazione della formazione varia da paese a paese con pecularietà legate alle diverse culture. La formazione degli esperti e dei tecnici è regolamentata in maniera molto precisa e riconosciuta a livello nazionale mediante sistemi di accreditamento e in alcuni casi è parte integrante della formazione professionale. OLTRE L EUROPA: LA QUALIFICAZIONE PROFESSIONALE DEGLI ATTORI DELLA SICUREZZA NEGLI STATI UNITI Con l emanazione della Legge n del 1970 sulla Sicurezza e la Salute sul Lavoro (OSH Act), il Congresso Statunitense ha fondato l Agenzia della Sicurezza e della Salute sul Lavoro (OSHA) e l Istituto Nazionale della Sicurezza e della Salute sul Lavoro (NIOSH). La Legge sulla Sicurezza e la Salute sul Lavoro del 1970 applicata dal Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti (USDOL) tutela la sicurezza e la salute della maggior parte dei lavoratori americani. Infatti l USDOL tutela la maggior parte del lavoro privato e una parte del settore pubblico. Nello specifico alcune categorie del settore pubblico e i lavoratori del settore agricolo non sono tutelati. Per ogni posto di lavoro ricoperto, la Legge dichiara che Ogni datore di lavoro deve fornire ad ogni impiegato un lavoro e un posto di lavoro privi di rischi [ 9 ]

10 Prevenzione Oggi - Gennaio/Giugno 2006 riconosciuti che causano o possono causare la morte o gravi danni fisici e deve osservare le norme promulgate da questa Legge per la sicurezza e la salute sul lavoro. Per assicurare l esistenza di una categoria professionale che possa offrire l assistenza nella realizzazione dei luoghi di lavoro sani e sicuri, l art. 21(a) della Legge prevede che al fine di applicare la Legge il NIOSH realizza programmi educativi per formare del personale professionalmente adeguato direttamente o tramite sovvenzioni e contratti. A tal proposito, il NIOSH ha avviato un programma di sovvenzioni ed ha iniziato a finanziare i progetti di formazione (TPG) in tutto il Paese in varie discipline (Medicina del Lavoro, Sicurezza del Lavoro, Infermieristica specializzata sulla Salute del Lavoro e sull Igiene del Lavoro). Nel 1977, un piano di sovvenzione per la formazione ha permesso di creare 11 Centri di Risorse Educative (ERC) presso alcune università del territorio nazionale. Negli Stati Uniti il Sistema Sanitario Nazionale, sia nel settore pubblico sia in quello privato, è gestito dall assicurazione sanitaria privata e non ha impatto diretto sulla salute e sicurezza del lavoro. A seguito di infortunio o di malattia professionale, il sistema dell indennizzo assicurativo prevede le cure e la riabilitazione del lavoratore o il risarcimento per la famiglia nel caso di morte. Assicurare una forza di lavoro sana e sicura è difficilmente raggiungibile a causa di una costante ricerca di compromesso tra la salute del lavoratore e i costi sostenuti dal datore del lavoro. Nel settore della salute e della sicurezza sul lavoro, negli Stati Uniti è carente una cultura generale sulle qualificazioni professionali dei lavoratori e dei datori di lavoro. Comunque le conoscenze disponibili riguardano il fabbisogno formativo di un ampio target di lavoratori e trattano di comunicazione del rischio, di dispositivi di protezione respiratoria, di spazi confinati, di tutti gli standard di sicurezza del settore edile e di tutti i requisiti di certificazione riguardanti la bonifica. Questi standard contengono in dettaglio i requisiti formativi per i lavoratori e per i supervisori a cui sono richieste competenze specifiche. Per esempio, un datore di lavoro che svolge attività di pulizia e smaltimento di rifiuti nocivi deve erogare un corso di minimo 40 ore ai suoi lavoratori sulle tematiche della sicurezza e della salute sul lavoro. Per attività di scavo, i datori di lavoro devono formare un responsabile competente che segua le operazioni e che abbia la capacità decisionale riguardo al lavoro da svolgere. Le norme più recenti emanate in base alla Legge sull OSH specificano le competenze formative per i lavoratori o per il supervisore nel caso ci fosse un rischio di esposizione. Sebbene la legge OSH preveda diversi standards che specificano i requisiti formativi per i supervisori e i lavoratori, raramente e solo in casi eccezionali, non sono prese in considerazione le qualificazioni professionali. Le qualificazioni per le discipline fondamentali dell OSH - Medicina del Lavoro, Infermiere specializzato sulla Salute del Lavoro e Sicurezza e Igiene del Lavoro - che richiedono un corso specifico, un esperienza lavorativa e il superamento di un esame, sono rilasciate da associazioni di accreditamento e certificazione professionale. In ogni modo, il datore di lavoro non è obbligato ad assumere tali figure professionali né a consultarle durante le attività di risk management. La qualificazione dei medici competenti [ 10 ] Negli Stati Uniti la pratica medica è gestita secondo una propria regolamentazione all interno di ogni singolo Stato, che disciplina anche la concessione delle licenze. Il regolamento per la concessione delle licenze si basa sulla supervisione da parte di organismi non-governativi degli esami dei medici e dall accreditamento delle scuole di medicina e dei programmi di formazione di medicina post-lauream. Il percorso per ottenere la licenza come medico il cui titolo di studio è Doctor of Medicine, prevede la laurea in medicina di secondo livello (solitamente un programma di studio di 4 anni conseguito a seguito della laurea di primo livello Bachelor s degree ). Ulteriore requisito è il superamento di un esame suddiviso in tre parti e una formazione post-lauream accreditata per un periodo specifico. I processi di

11 La qualificazione professionale degli attori della sicurezza in Italia, in Europa e negli Stati Uniti accreditamento nelle strutture sanitarie richiedono una prova di una formazione integrativa e una certificazione da parte di una commissione speciale in base alle competenze specifiche che si vogliono acquisire. Il fabbisogno formativo per l esercizio del medico del lavoro varia ampliamente e riguarda discipline che vanno dalla medicina sociale e preventiva alla traumatologia, pneumologia, dermatologia ed altre specializzazioni. La certificazione della Medicina del Lavoro è un ramo della Medicina Preventiva che include anche la Sanità Pubblica/la Medicina Preventiva e la Medicina Aerospaziale. La formazione postlauream presso una scuola di medicina accreditata (o equivalente) consiste in un anno di formazione clinica presso un ospedale e un anno di studio post-lauream in sanità pubblica che comprende le discipline di epidemiologia, di bio-statistica, di tossicologia, di politica sanitaria, di management e di scienze comportamentali (di solito acquisito tramite un Master in Salute Pubblica). Inoltre è richiesto un anno di esperienza pratica in più settori, atta a conferire l esperienza e la responsabilità nell applicazione della prevenzione clinica ad un ampio target di popolazione nei luoghi di lavoro. Alcuni aspetti della prevenzione e della Medicina del Lavoro sono incorporati anche nei programmi formativi di Medicina Interna come in quelli di Medicina Familiare. Il Comitato Americano di Medicina Preventiva (American Board of Preventive Medicine) co-sponsorizza insieme ad altri comitati primari la certificazione della Tossicologia Clinica per la quale si richiede una formazione post-universitaria supplementare. La qualificazione degli infermieri specializzati sulla salute del lavoro Gli infermieri specializzati in salute e in sicurezza sul lavoro sono abilitati a lavorare nel settore della salute e della sicurezza. Rappresentano il maggiore gruppo di professionisti sanitari presenti nei luoghi di lavoro. Nella maggior parte dei casi, gli infermieri specializzati lavorano nelle aziende effettuando servizi di assistenza diretta in loco ai lavoratori infortunati, gestendo le condizioni di salute dei lavoratori (sia legate al lavoro che non), valutando i rischi delle attività lavorative, sviluppando gli interventi necessari per la sicurezza e organizzando attività di prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali, nonché predisponendo programmi per la promozione della salute. Gli infermieri specializzati sulla salute del lavoro possono essere dipendenti o liberi professionisti. Inoltre gli infermieri specializzati possono offrire servizi estesi - a seconda del grado di certificazione in loro possesso - come per esempio eseguire diagnosi, terapie e prescrizioni per malattie professionali. Altre aree in cui svolgono il loro lavoro sono: la politica sanitaria, le azioni regolamentari, la ricerca, l istruzione e la formazione. Si può ottenere la certificazione di Infermiere per la salute e la sicurezza sul lavoro tramite l American Board for Occupational Health Nurses, Inc. Esistono due tipi di certificazione disponibili conseguibili al seguito del superamento di un esame. La prima è la Certificazione di Infermiere sulla Salute del Lavoro (COHN) che è rivolta agli infermieri associati, diplomati e laureati. Tale certificazione attesta le funzioni di clinico, consulente e gestore dei casi clinici. La seconda è la Certificazione di Infermiere sulla Salute del Lavoro - Specialista (COHN-S) che richiede la laurea di primo grado ed attesta le funzioni di cura diretta, di gestione, di istruzione, di consulenza e di gestione dei casi clinici. I criteri di ammissione per ottenere le certificazioni per entrambe consistono in ore di esperienza lavorativa professionale nell ambito della salute del lavoro e in 50 ore di formazione continua, entrambi i requisiti devono essere conseguiti negli ultimi cinque anni. La certificazione del Comitato dichiara che l infermiere ha raggiunto gli standard di specializzazione professionale richiesti e che possiede la competenza in questo campo. Il datore di lavoro può incoraggiare o richiedere agli infermieri di acquisire o mantenere tale certificazione per assicurare che i lavoratori ricevano un assistenza professionale aggiornata e qualificata. [ 11 ]

12 Prevenzione Oggi - Gennaio/Giugno 2006 La qualificazione degli igienisti industriali Le conoscenze tecniche degli igienisti industriali sono suddivise in 8 aree tematiche: Scienze di Base; Malattie, Infortuni e Sorveglianza (biostatistica, epidemiologia, tossicologia); Rischi Sanitari (ergonomia/fattori umani, stress fisico, stress chimico); Ambienti di Lavoro (aria interna, processi industriali); Principi della Gestione di Programmi (metodi di indagine, etica, comunicazione dei rischi, linee guida e standard, gestione e integrazione dei dati, pronto soccorso); Valutazione (strumenti, metodi/tecniche di campionamento, chimica analitica); Controlli del Rischio (ingegneria, DPI, amministrazione); e Indicatori Sociali (inquinamento ambientale, rifiuti pericolosi). Esiste un processo di certificazione gestito dall American Board of Industrial Hygiene (ABIH), che una volta completato permette l uso del titolo di igienista industriale certificato (CIH). La certificazione comprende la laurea di primo grado in scienze o ingegneria (o altre lauree di primo grado con un numero sufficiente di corsi scientifici), requisiti di esperienza, il superamento dell esame e l aggiornamento del titolo. Gli sforzi per creare degli standard condivisi per lo svolgimento della professione, hanno condotto allo sviluppo di un codice deontologico relativo all esercizio dell igienista industriale da parte dei soggetti certificati. La qualificazione degli esperti della sicurezza La Commissione degli Esperti di Sicurezza rilascia il titolo di Esperto di Sicurezza Certificato (CSP). Il CSP è preferito o richiesto dalla maggior parte dei datori di lavoro negli Stati Uniti per l assunzione di un esperto della sicurezza. Le principali funzioni svolte comprendono l individuazione e la valutazione del rischio; la programmazione per il controllo del rischio e la sua verifica; la progettazione, la valutazione e la comunicazione del programma per la salute e la sicurezza; l indagine e il rapporto statistico; la formazione e l addestramento; la supervisione del personale addetto alla sicurezza e la protezione ambientale. Per ottenere il CSP occorre avere una laurea breve in sicurezza e salute o una laurea di primo grado in qualsiasi campo. Come per la qualificazione del CIH, i requisiti richiesti per il CSP sono: l esperienza, il superamento dell esame scritto e la formazione continua. Molti esperti della sicurezza e della salute sul lavoro che ottengono la certificazione, sono formati nei 16 ERCs o mediante i 22 TPGs precedentemente menzionati, entrambi finanziati dal NIOSH. I centri utilizzano i fondi per dare assistenza agli studenti in vari modi comprese le borse di studio per sostenere i costi dell istruzione e una parte delle spese di vitto e alloggio. Non esiste l obbligo per i Datori di Lavoro di assumere o consultare tali esperti. Tuttavia il Governo, le università, i sindacati e la maggior parte dei Datori di Lavoro li assumono e li consultano data loro esperienza e competenza nel settore della salute e della sicurezza. [ 12 ]

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

Tirocini: uno sguardo all Europa

Tirocini: uno sguardo all Europa www.adapt.it, 18 luglio 2011 Tirocini: uno sguardo all Europa di Roberta Scolastici SCHEDA TIROCINI IN EUROPA Francia Spagna Lo stage consiste in una esperienza pratica all interno dell impresa, destinata

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato Maggio 2010 PREFAZIONE Al fine di contribuire ad un adeguata gestione dei rischi psicosociali, negli ultimi anni l ISPESL ha adottato una strategia

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

Linea Guida per l Organizzazione di un Sistema Prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese

Linea Guida per l Organizzazione di un Sistema Prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese Linea Guida per l Organizzazione di un Sistema Prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese PRESENTAZIONE Il presente lavoro si propone l obiettivo di fornire un modello organizzativo ispirato ai Sistemi

Dettagli

Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie locali

Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie locali Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 20 dicembre 1979, n. 761 Gazzetta Ufficiale 15 febbraio 1980, n. 45, S. O. Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE Testo aggiornato al 20 settembre 2013 Decreto ministeriale 26 marzo 2013 Gazzetta Ufficiale 8 agosto 2013, n. 185 Contributo alle spese dovuto dai soggetti pubblici e privati e dalle società scientifiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998.

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998. Circolare 15 luglio 1998 n. 92 Ministero del lavoro Occupazione - misure straordinarie - tirocini formativi e di orientamento - stages - precisazioni del ministero. Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento.

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se FAQ REQUISITI PER IL COMMERCIO D: La pratica svolta per 2 anni negli ultimi 5, in qualità di coadiuvante in un attività di commercio al dettaglio di alimentari, può essere riconosciuta valida, ai fini

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Documento Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Art.1 Scopo del Regolamento 1) Scopo di questo Regolamento e disciplinare l attivita di formazione

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

REGOLAMENTO. Divisione E.R.D. Equitazione Ricreativa per Diversamente abili/discipline EQUESTRI INTEGRATE

REGOLAMENTO. Divisione E.R.D. Equitazione Ricreativa per Diversamente abili/discipline EQUESTRI INTEGRATE Il Settore Equitazione Ludico Educativo Ricreativa per Diversamente Abili (E.R.D.) nasce dalla necessità di conciliare l'inserimento nella società della persona diversamente abile, o a rischio di emarginazione

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli