CAPITOLATO 1 FORMATO CPT_S SPECIALE D APPALTO PROGETTO ESECUTIVO DI UN SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO 1 FORMATO CPT_S SPECIALE D APPALTO PROGETTO ESECUTIVO DI UN SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA"

Transcript

1 COMUNE DI PIAZZA ARMERINA PROV. DI ENNA STUDIO TECNICO INGEGNERIA ing.. DARIO STEVE ARDIITO p.zza G. B. Giuliano n Piazza Armerina (EN) tel/fax: PIANO OPERATIVO NAZIONALE SICUREZZA PER LO SVILUPPO - OBIETTIVO CONVERGENZA PROGETTO PIAZZA ARMERINA SICURA OGGETTO PROGETTO ESECUTIVO DI UN SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA CIG Z F3 TITOLO DOCUMENTO CAPITOLATO NOTA SPECIALE D APPALTO IDENTIF. DOC. CPT_S SCALA /// 1 FORMATO A4 DATA OTTOBRE 2012 PROGETTO PRELIMINARE ESECUTIVO DEFINITIVO AS BUILT IL PROGETTISTA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO DOTT. ING. DARIO STEVE ARDITO DOTT. ING. MARIO DUMINUCO

2 INDICE art. 1 DEFINIZIONE DEI CONTRAENTI art. 2 OGGETTO art. 3 CORRISPETTIVO D APPALTO art. 4 SPECIFICHE FUNZIONALI INFRASTRUTTURA VIDEO SPECIFICHE FUNZIONALI GENERALI VIDEOCAMERE DISTINTA PER TELECAMERE SPECIFICHE APPARATI VIDEO TECNOLOGIA E REQUISITI MINIMI DELLE TELECAMERE CARATTERISTICHE MINIME TELECAMERE DOME PTZ CARATTERISTICHE MINIME TELECAMERE FISSE art. 5 SPECIFICHE FUNZIONALI INFRASTRUTTURA RETE APPARATI INFRASTRUTTURA DI RETE WIRELESS POINT TO POINT BRIDGE CARATTERISTICHE MINIME BACKBONE SPECIFICHE BASE STATION SPECIFICHE CPE CARATTERISTICHE MINIME BASE STATION PUNTO-MULTIPUNTO SPECIFICHE CPE CARATTERISTICHE MINIME CPE art. 6 SPECIFICHE FUNZIONALI CENTRALE OPERATIVA SALA ED CARATTERISTICHE TECNICHE MINIME STORAGE SALA CM CARATTERISTICHE TECNICHE MINIME JOYSTICK PIATTAFORMA SOFTWARE DI VIDEOSORVEGLIANZA SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE GESTIONE E PROFILAZIONE DEGLI UTENTI AMMINISTRAZIONE DEL SISTEMA GESTIONE DEI PANNELLI DI VISUALIZZAZIONE PROGRAMMA DELLE ATTIVITA DI REGISTRAZIONE LA GESTIONE DELLE TELECAMERE 1

3 SINOTTICO LE REGISTRAZIONI GESTIONE EVENTIFUNZIONI DI ANALISI VIDEO art. 7 MESSA IN OPERA E ADDESTRAMENTO art. 8 TEMPI DI ESECUZIONE art. 9 COLLAUDO art. 10 ASSISTENZA E GARANZIA DELLE FORNITURE art. 11 PENALITA art. 12 LIQUIDAZIONE E PAGAMENTI art. 13 TECNICI ED ECONOMICI MINIMI PER LE IMPRESE PARTECIPANTI art. 14 MODALITA DI AGGIUDICAZIONE art. 15 STIPULAZIONE DEL CONTRATTO art. 16 DIVIETI art. 17 SPESE art. 18 PREZZI art. 19 OBBLIGHI DERIVANTI DAL RAPPORTO DI LAVORO art. 20 RISERVATEZZA art. 21 RESPONSABILITA art. 22 EFFICACIA art. 23 RISOLUZIONE CONTRATTUALE art. 24 ESTENSIONE DELLA FORNITURA art. 25 DISPOSIZIONI GENERALI art. 26 ELEZIONE A DOMICILIO art. 27 RINUNCIA ALL ARBITRATO 2

4 art. 1 DEFINIZIONE DEI CONTRAENTI Nel contesto del presente capitolato speciale d appalto, con la parola Amministrazione o Ente o Stazione Appaltante deve intendersi, d ora in poi, incato il Comune Piazza Armerina e con parola Ditta o Appaltatore o Aggiucatario l impresa aggiucataria del presente appalto. art. 2 OGGETTO Costituisce oggetto dell appalto: la realizzazione un sistema videosorveglianza, meante l installazione n. 21 telecamere, fisse e brandeggiabili, nei punti strategici cittani al fine sorvegliare, meante lo smistamento dei dati provenienti dalle varie telecamere verso una sala operativa controllo centrale, le aree cittane interesse storico-culturale, con maggiore presenza attività economiche e i luoghi aggregazione. L impianto da realizzare dovrà essere eseguito secondo le modalità e in conformità con quanto incato nel presente capitolato speciale d appalto ed alla documentazione tecnica parte integrante del progetto esecutivo. Globalmente, il sistema videosorveglianza sarà composto da: Centrale Operativa che verrà collocata in un idoneo locale; Infrastruttura Rete trasmissione video e dati su tecnologia rao; Infrastruttura Video per il monitoraggio delle aree interesse; Nello specifico l appalto comprende: La fornitura e la messa in opera apparati e sistemi per la realizzazione della rete wireless (rao e apparati rete) per la connessione dei siti interessati dal progetto al centro gestione. La rete realizzata dovrà consentire il trasporto dati con tecnologia IP secondo le specifiche definite nel presente capitolato nonché sul progetto esecutivo a sposizione dell ente La fornitura e la messa in opera apparati e sistemi per la realizzazione del sistema videosorveglianza La fornitura e messa in opera cablaggi (alimentazione, dati) interni agli efici comunali funzionali al sistema videosorveglianza. La fornitura e messa in opera pali, linee elettriche e tutto quanto necessario alla realizzazione del sistema videosorveglianza e cui più specificatamente nel seguito del presente capitolato La fornitura, la messa in opera e la configurazione della sala apparati ed elaborazione dati (sala ED) nei locali attualmente sede del Comando della Polizia Municipale in via Gen. Ciancio, e dei spositivi hardware e degli applicativi software per la gestione dell archiviazione dei flussi video provenienti dalle telecamere La fornitura, la messa in opera e la configurazione della centrale controllo e monitoraggio (sala CM) nei locali 3

5 attualmente sede del Comando della Polizia Municipale in via Gen. Ciancio, e dei spositivi hardware e degli applicativi software per la gestione dell archiviazione dei flussi video provenienti dalle telecamere. La fornitura e la configurazione del software gestione (uno o più moduli) per garantire le funzionalità agnosi e risoluzione dei malfunzionamenti e dei guasti, monitoraggio delle performance, della QoS e configurazione degli apparati e dei servizi videosorveglianza La fornitura dei servizi professionali per l attivazione, configurazione, ed ottimizzazione meante fine tuning dei parametri degli apparati utilizzati. Addestramento del personale comunale per l uso e la configurazione del sistema in oggetto art. 3 CORRISPETTIVO D APPALTO Il presente appalto è composto da fornitura, installazione a regola d arte, configurazione e assistenza al collaudo del sistema video sorveglianza, così come descritto nel seguente Capitolato. L importo a base d asta ammonta a ,16 (duecentodocimilasettecentottanta/16) (esclusa IVA come legge) cui 6.343,22 (seimilatrecentoquarantatre/22) per oneri per la sicurezza e non soggetti a ribasso. La fornitura si intende a corpo ovvero comprensiva messa in opera, installazione e configurazione, opere civili e lavori impiantistici (tubazioni, fibre ottiche raccordo, cavi, collegamenti elettrici, ecc.), assistenza al collaudo, formazione operatori sistema, garanzia per almeno 24 mesi tutte le apparecchiature, nonché tutte le azioni necessarie a fornire il sistema completo e funzionante. I corrispettivi per la fornitura saranno pagati in tre trance secondo quanto più nel dettaglio sposto nel successivo Art. 12- Liquidazione e pagamenti. Con il corrispettivo determinato secondo la contabilità presposta dall Ente, l appaltatore si intende compensato qualsiasi suo avere o pretendere per la fornitura e posa in opera che trattasi o connessa o conseguente alla fornitura e posa in opera medesima, senza alcun ritto a nuovi o maggiori compensi, essendo in tutto sodsfatto dall Amministrazione con il pagamento del corrispettivo suddetto. art. 4 SPECIFICHE FUNZIONALI INFRASTRUTTURA VIDEO SPECIFICHE FUNZIONALI GENERALI VIDEOCAMERE Nei vari punti osservazione saranno utilizzate due tipologie fferenti telecamere. In particolare, a seconda delle esigenze determinate dall zona interessata saranno utilizzate telecamere con gruppo ottico fisso e con possibilità brandeggio 4

6 pilotabile da remoto e/o con funzionalità ronda pre-impostabile. Quin, le telecamere che equipaggeranno la singola postazione saranno: tipo Dome PTZ tipo Fisso Preferibilmente le telecamere saranno installate a parete o su palo esistente (al fine limitare il proliferare della palificazione) limitando per quanto possibile l impatto ambientale (mimetizzazione con tinta, cassette mensioni ridotte e poste ad una altezza idonea a evitare ingombro nel passaggio, etc). Di seguito si elencano il numero telecamere per tipologia: n. 11 telecamere tipo Fisso con ottica varifocale, impostabile in fase installazione al livello ottimo. n. 10 telecamera tipo Dome PTZ brandeggiabile, con ottica varifocale e zoom meccanico pilotabile da remoto. DISTINTA PER TELECAMERE La tabella seguente riporta l elenco dei siti da coprire con l inquadratura delle telecamere e la tipologia telecamera con la modalità installazione. Zona Num. Ubicazione 5 Tipologia telecamera Tipologia installazione ZND 01 via Conte Ruggero F su palo illum ZND 02 p.zza Marescalchi B su palo illum ZND 03 via Amm.La Marca F su palo ill. ZND 04 via Chiaranda F su palo ill. ZSD 01 via Carducci - via Doninzetti F su palo ill. ZSD 02 via Manzoni- via Macchiavelli F su palo ill. ZSD 03 via Ortalizio - SP15 F su palo ill. ZSD 04 via Roma- via Libertà B su palo ill. ZSD 05 p.no S. Ippolito F su palo ill. ZCS 01 p.zza Duomo B a parete ZCS 02 p.zza Garibal B a parete ZCS 03 p.zza Castello F a parete ZCS 04 via Marconi F a parete ZCS 05 p.no Duilio B su palo ill. ZCS 06 via Mazzini F a palo decato ZCU 01 via Muscarà - via Lo Giuce B a parete ZCU 02 via Padova - via Gen. Ciancio F a parete

7 ZCU 03 via Roccella - via Muscarà B su palo ill. ZCU 04 p.zza Giuliano - via La Marca B su palo ill. ZCU 05 via Gen. Ciancio B a palo decato ZCU 06 p.zza Falcone e Borsellino B su palo ill. Tabella 1 - Elenco dei siti interessati dal sistema videosorveglianza SPECIFICHE APPARATI VIDEO Tutte le telecamere proposte saranno tipologia IP fornite supporto SD-Card per una registrazione locale delle immagini acquisite ad alta risoluzione. Per facilitare le operazioni aggiornamento tecnologico, quali l upgrade del firmware e/o la gestione remota si richiede che si utilizzino telecamere tutte della stessa casa produttrice e preferibilmente della stessa serie. L infrastruttura video, da intendersi come insieme telecamere, server, e moduli software gestione, dovrà consentire : Registrare localmente almeno 48h ad alta definizione (ogni telecamera deve registrare gli eventi ad alta definizione per 2 giorni consecutivi). Tutti i video registrati devono essere richiamati da qualunque postazione collegata all infrastruttura video senza dover recarsi nei pressi della telecamera ma rettamente dal pc connesso; Gestire le registrazioni e visualizzarle in interfacce semplici e intuitive; Visualizzare meante un interfaccia web tutte le telecamere collegate da qualunque postazione connessa ad internet. Le telecamere dovranno essere dotate unità memoria delocalizzate che permettono la registrazione sia in continuo sia su evento delle immagini. Le telecamere devono essere in grado registrare anche quando la centrale controllo è spenta o sattivata, consentire l acquisizione eventi, e l archiviazione video. Tutti i flussi video devono essere comunque inviati alla centrale controllo ed è necessario registrare per almeno 7 giorni, limite superiore imposto in ottemperanza al D.Lgs 196/2003; La registrazione, sia locale che su server centrale, deve avvenire sfruttando processi automatici ring buffer; questo significa che il sistema automaticamente dovrà cancellare le immagini meno recenti se il tempo conservazione scade. Il sistema dovrà inoltre permettere il collegamento spositivi mobili e l accesso da essi a tutte le telecamere. Inoltre dovrà prevedere l invio messaggistica (sms e ) settabili dall utente verso spositivi mobili nei casi sabotaggio del sistema e/o delle singole telecamere. Devono essere inclusi nella fornitura tutti i software controllo e gestione degli apparati forniti. TECNOLOGIA E REQUISITI MINIMI DELLE TELECAMERE Le telecamere, basate su tecnologia IP, dovranno essere a colori con caratteristiche alta risoluzione, in grado effettuare 6

8 riprese Day & Night, urne (anche in controluce) e notturne (anche in conzioni scarsa illuminazione e/o abbagliamento) con buona visione delle immagini riguardanti l evento ripreso. Con le telecamere dovranno essere forniti ottiche, supporti, sno, staffe, custoe climatizzate e antivandalo, sistemi integrativi illuminazione e quant altro necessario alla perfetta posa in opera tutto il sistema. In particolare, nelle postazioni dove è previsto l utilizzo telecamere Brandeggiabili, dovrà essere possibile controllarne il brandeggio (pan e tilt) e l ottica (zoom, focus e iris): con lo zoom ottico e gitale dovrà essere possibile ingranre i particolari una determinata inquadratura. CARATTERISTICHE MINIME TELECAMERE DOME PTZ Immagine spositivo 1/3 HD CMOS Illuminazione minima Color : 1.9 lx (XDNR ON VE ON Slow Shutter OFF 50 IRE IP/Analog) B/W : 0.17 lx (XDNR ON VE ON Slow Shutter OFF 50 IRE IP/Analog) Color : 2.1 lx (XDNR ON VE ON Slow Shutter OFF 50 IRE IP/Analog) B/W : 0.19 lx (XDNR ON VE ON Slow Shutter OFF 50 IRE IP/Analog) Numero Approssimativo Pixel 2 Mega Velocità dell otturatore 1/2 to 1/10,000 s Controllo del guadagno (-3 to +18 db) Bilanciamento del Bianco Auto, Interno, Esterno, Messa a Fuoco automatico Zoom Ottico 18x Angolo visuale orizzontale da 5.4 a 50 gra Lunghezza focale f=5.1 to 51 mm Distanza Oggetto inquadrato 10 mm a 800 mm Movimento orizzontale 360 rotazione infinita Angolo vertical 210 Day/Night Miglioramento della qualità dell immagine Filtro antisturbo XDNR Risoluzione supportate (HxV) 1280x720, 1024x576, 800x480, 768x576, 640x480, 640x368, 384x288, 320x240, 320x192 Algoritmo compressione video H.264, MPEG-4, JPEG 7

9 HDTV 720p, frame rate H.264/MPEG-4/JPEG: 25 fps (1280 x 720) Rilevazione del movimento intelligente Protocolli Supportati: IPv4, IPv6, TCP, UDP, ARP, ICMP, IGMP, HTTP, HTTPS, FTP (client/server), SMTP, DHCP, DNS,NTP, RTP/RTCP, RTSP, SNMP (MIB-2) Interstandard onvif Numero connessione contemporanee 10 Protocollo autenticazione IEEE802.1X Cofica NTSC/PAL Interfaccia 10BASE-T/100BASE-TX (RJ-45) Interfaccia seriale RS-232C, RS-422/RS-485 Slots compact flash 1 Connettore per uscita analogica Ingresso allarme 2 Uscita allarme 2 Alimentazione hpoe*4, AC 24 V, DC 12 V AC 24 V Assorbimento 25 W max. 80 W max. Temperatura funzionamento 0 to 50 C (32 to 122 F) -40 to 50 C (-40 to 122 F) Grado Protezione dell intemperie IP66, IK10, NEMA 4X. System Requirements CARATTERISTICHE MINIME TELECAMERE FISSE Sensore Sensore CMOS Exmor da 1/2,8" a scansione progressiva Illuminazione minima Colore: 0,40 lux, B/W: 0 lux (IR ON) (F1,2/View-DR OFF/XDNR ON-Meo/VE OFF/AGC Alto/50 IRE [IP]) Numero pixel effettivi (H x V) Circa 3,27 Megapixel ( ) Velocità dell otturatore elettronico Da 1 s a 1/10000 s Controllo del guadagno Automatico (3 livelli) Controllo dell esposizione Compensazione automatica EV, Slow Shutter automatico Modalità bilanciamento del bianco Automatica (Auto-Tracing White Balance (ATW), ATW-Pro), preimpostata, Onepush WB, manuale Tipo ottica Ottica varifocale integrata 8

10 Rapporto zoom Ottico 2,9x (zoom gitale x2) Angolo visione orizzontale Da 88,5 a 32,3 Distanza focale f = da 3,5 a 10 mm Numero F F 1,2 (wide), F 2,1 (tele) Distanza minima degli oggetti 300 mm Messa a fuoco automatica (Easy Focus) Zoom automatico (Easy Zoom) Illuminatori IR (lunghezza dell onda: 850 nm [Tipico], IR LED: 21 pcs) Day/Night Wide-D View-DR (90 db) Miglioramento delle immagini Miglioramento delle immagini Visibility Enhancer Riduzione del rumore XDNR Dimensione dell immagine del codec (O x V) 1920 x 1440, 1600 x 1200, 1680 x 1056, 1920 x 1080, 1440 x 912, 1376 x 768, 1280 x 960, 1280 x 800, 1280 x 720, 1280 x 1024, 1024 x 768, 1024 x 576, 800 x 480, 768 x 576, 720 x 576, 704 x 576, 720 x 480, 640 x 480, 640x 368, 384 x 288, 320 x 240, 320 x 192 (H.264, MPEG-4, JPEG) Formati compressione video H.264, MPEG-4, JPEG Funzionalità streaming del codec Dual streaming Frame rate massimo H264: 20 fps (1920 x 1440) / 30 fps (1920 x 1080) MPEG-4: 15 fps (1920 x 1440) / 20 fps (1920 x 1080) JPEG: 10 fps (1920 x 1440) / 15 fps (1920 x 1080) Compressione auo G.711/G.726 Rilevamento intelligente attività (con Post Filter integrato) Filtro regolatore Protocolli IPv4, IPv6, TCP, UDP, ARP, ICMP, IGMP, HTTP, HTTPS, FTP (client/server), SMTP, DHCP, DNS, NTP, RTP/RTCP, RTSP, SNMP (MIB-2) Conformità a ONVIF Network wireless No Autenticazione IEEE802.1X Sistema segnale NTSC/PAL Risoluzione orizzontale 600 linee TV Rapporto S/N Oltre 50 db Ethernet 10BASE-T / 100BASE-TX (RJ-45) 9

11 Uscita video analogica BNC x 1 Uscita monitor analogico Jack fono (x 1) Ingresso sensore x 1 Uscita allarme x 2 Ingresso microfono esterno Mini-jack (mono), ingresso microfono/ingresso linea: presa alimentazione 2,5 V DC Uscita auo linea Mini-jack (mono), Max livello uscita: 1 Vrms Alimentazione PoE, 24 V AC, 12 V DC Consumo 29 W Max. Temperatura avvio 24 V AC/12 V DC : da -20 C a +50 C PoE (IEEE802.3af): da 0 C a 50 C Temperatura operativa: 24 V AC/12 V DC : da -30 C a +50 C*4 PoE (IEEE802.3af) : da -10 C a +50 C Temperatura stoccaggio: Da -20 C a +60 C Ingress Protection: IP66 Anti-manomissione: IK10 Norme sicurezza UL2044, FCC 15B Class A, IC Class A, IEC , EN55022(A)+EN55024+EN , VCCI Class A, C-Tick Class A Sistema operativo Microsoft Windows XP, Windows Vista (32 bit), Windows 7 (32 bit) Processore Intel Core2 Duo 2 GHz o superiore Memoria 1 GB o superiore art. 5 SPECIFICHE FUNZIONALI INFRASTRUTTURA RETE Di seguito si riportano le caratteristiche tecniche e funzionali minime richieste per gli apparati costituenti l infrastruttura comunicazione (apparati rao wireless hiperlan). APPARATI INFRASTRUTTURA DI RETE WIRELESS L impresa aggiucataria dovrà realizzare l infrastruttura rete wireless, incluso il servizio videosorveglianza. L infrastruttura rete dovrà consentire il trasporto dei flussi video generati nei punti terminazione elencati nella Tabella 1 - Elenco dei siti interessati dal sistema videosorveglianza garantendo la banda necessaria alla fruizione del servizio. Le forniture degli apparati e sistemi dovranno essere comprensive ogni componente accessorio necessario alla loro completa funzionalità. Tutti gli apparati e sistemi dovranno essere conformi alle vigenti normative in materia sicurezza elettrica, elettrostatica, elettromagnetica ed ergonomica del lavoro, dovranno rispettare gli standard CEE sull immunità da emissione elettromagnetica con rispetto delle norme EN ; EN ; EN ; EN ; EN ; 10

12 EN50371 e dovranno possedere la certificazione CE e RoSH. La certificazione attestante la conformità, suincata, degli apparati dovrà essere allegata alla documentazione tecnica ciascun componente, costituendo parte inspensabile per le verifiche conformità, collaudo ed accettazione degli apparati e dei sistemi forniti. Tutti gli apparati e i sistemi dovranno essere corredati dalla manualistica per l utente e scheda tecnica su supporto cartaceo e, ove sponibile, informatico. L aggiucatario dovrà fornire al committente tutto il software gestione e configurazione dei vari apparati, comprensivo CD-ROM e licenza d uso, convalidando in tal modo l originalità degli stessi. Gli apparati rao dovranno rispettare la normativa nazionale ed europea in materia emissioni raoelettriche. L infrastruttura wireless realizzata deve essere in grado : Permettere l accesso ad ogni telecamera (visualizzare in retta gruppi telecamere contemporaneamente) da qualunque postazione collegata per via IP alla rete realizzata; Permettere l accesso alle singole telecamere guardando i video alla massima risoluzione possibile, in modo da garantire la migliore definizione delle immagini visualizzate; Inviare flussi video ad un centro controllo, secondo una definizione settabile dall utente ed eventualmente registrarli (compatibilmente con i limiti banda); Consentire l espansione futura della rete aggiungendo ulteriori no appositamente accessoriati CPE. A tale scopo sia BaseStation che CPE dovranno consentire connessione tipo Point-To-multiPoint (Pt-mPt). La rete comunicazione dovrà essere composta da un punto accesso Centro Stella da installarsi sul tetto dell eficio sede del Comando della Polizia Municipale sito in via Gen. Ciancio. Ogni punto osservazione dovrà essere accessoriato unità rao con una o più antenne outdoor a seconda se risulta necessario il rilancio della rete wireless. L apparato rao installato sul punto osservazione permetterà la trasmissione del segnale video su rete Wireless verso il punto accesso dorsale più prossimo. Come specificato dal progetto esecutivo, gli apparati (rao+antenne) dovranno essere preferibilmente installati: sui pali pubblica illuminazione ad una altezza dal suolo consona alla comunicazione tra gli apparati rao; su efici proprietà comunale per cui non risultano necessarie ulteriori autorizzazioni. Dovranno essere realizzati inoltre dei collegamenti punto-punto backbone ad elevate performance per il collegamento delle quattro zone da monitorare (nord, sud, centro storico e centro urbano) con il centro stella. Dovranno essere installati: n.11 Point to Point Bridge: ponte rao ad elevate performance per connessione punto-punto tra le varie aree in standard hiperlan e con tecnologia mimo(multiple Input Multiple Output); 11

13 n.4 Base Station: apparato a 1, 2 o 3 rao inpendenti configurabili via software in modalità master o slave, in standard hiperlan; n.17 CPE: apparato con antenna wireless integrata, con rao configurabile via software in modalità master o slave, in standard hiperlan. POINT TO POINT BRIDGE Gli apparati rao backbone dovranno essere conformi allo standard hiperlan/2 a 5 Ghz con funzionalità MiMo (Multiple Input- Multiple Output). Per rispettare i limiti massimi potenza EIRP (modulo rao+antenna) previsti dalle normative ETSI dovrà essere possibile settare i livelli potenza del trasmettitore attraverso la configurazione software dell apparato. CARATTERISTICHE MINIME BACKBONE 2Tx2R MiMo (Multi Input Multiple Output) HiperLan Standard Rao Module IEEE802.11a/h/n standard compliant Data Rate fino a 300Mbps Antenna decata a doppia polarizzazione H10 xv10 ) Dynamic Frequency Selection (DFS) e Transmission Power Control (TPC) Modalità operativa Access Point WDS o Station WDS selezionabile via software Software integrato Site Survey e Antenna Alignement Software Watchdog, Auto Adjusting for Slottime, ACK Timeout, CTS Timeout, Sicurezza WEP / WPA / WPA2 / IEEE802.11i Web Server/HTTP Management, Telnet/Secure Shell (SSH) SNMP v2c Management, Syslog Viewer Alimentazione meante POE (Power over Ethernet) SPECIFICHE BASE STATION Le Base Station costituenti la dorsale raccolta ed inoltro dei flussi video/dati dovranno essere espanbili fino a 3 moduli rao inpendenti ognuna dei quali configurabile come Master o Slave rettamente via software. Ogni modulo rao configurato come Master consentirà l associazione fino a 15 moduli Slave contemporaneamente rendendo quin l apparato in grado gestire fino ad una massimo 45 punti visione stinti. L elevata scalabilità costituita dalla presenza più rao 12

14 altamente configurabili conferirà alla infrastruttura wireless la possibilità moficare la sua topologia in funzione future esigenze senza la necessità installare nuovi apparati ma semplicemente riconfigurando quelli già presenti. Le caratteristiche principali delle Base Station sono qui seguito riportate: CARATTERISTICHE MINIME BASE STATION PUNTO-MULTIPUNTO WiFi and HiperLan Standard Rao Module Multistandard (2.4GHz e 5.4GHz) IEEE802.11a/b/ g/h compliant Modulo rao fino a 24 dbm (251mW) Robusto housing metallico IP67 Connettori N standard (Femmina) LED per segnalare il Power On Reset Magnetico Dynamic Frequency Selection (DFS) e Transmission Power Control (TPC) Data Rate fino a 54Mbps (108Mbps in modalità Turbo) Modalità operativa Master o Slave selezionabile via software Software integrato Site Survey e Antenna Alignement Throughput Test, Software Watchdog, Rao Tuning, Diagnostic Tool, Syslog Viewer Sicurezza WPA / WPA2 / IEEE802.11i Management: SNMP v1, v2c, v3 Read Only Agent Web Server/HTTPS Management, Upload e Download del File Configurazione Protezione Ethernet integrata per filtrare possibili sovratensioni e cariche elettrostatiche sul cavo LAN/PoE Alimentazione meante PoE (Power over Ethernet) SPECIFICHE CPE Ogni punto visone non rettamente posizionato in prossimità una BaseStation verrà dotato un apparato rao client CPE con antenna raofrequenza integrata e le cui caratteristiche principali sono quelle riportate seguito: CARATTERISTICHE MINIME CPE HiperLan Standard Rao Module IEEE802.11a/h standard compliant Modulo rao fino a 23 dbm (200mW) 13

15 Antenna integrata a 5GHz (18dBi, H34.8 x E30.2 ) Dynamic Frequency Selection (DFS) e Transmission Power Control (TPC) Data Rate fino a 54Mbps Modalità operativa Master o Slave selezionabile via software Software integrato Site Survey e Antenna Alignement Throughput Test, Software Watchdog, Rao Tuning, Diagnostic Tool, Syslog Viewer Sicurezza WPA / WPA2 / IEEE802.11i Management: SNMP v1, v2c, v3 Read Only Agent Web Server/HTTPS Management, Upload e Download del File Configurazione Alimentazione meante PoE (Power over Ethernet) art. 6 SPECIFICHE FUNZIONALI CENTRALE OPERATIVA La Centrale Operativa è il luogo fisico, sicuro e non accessibile se non a personale autorizzato, dove è presente la postazione monitoraggio per la gestione e registrazione delle immagini e dove sono centralizzate tutte le segnalazioni video e dati. Sarà ubicata presso il Comando della Polizia Municipale in via Gen. Ciancio, in un locale idoneo che conterrà sia la sala elaborazione dati (sala ED) che la sala controllo (sala CM). SALA ED La sala ED andrà ad ospitare un armao rack per alloggiamento apparati registrazione e ffusione registrazioni DVR, apparati rete, patch panel, multi presa, nel quale andranno allocati: n. 2 processori Intel Xeon E5606 (4 core, 2,13 GHz, 8 MB cache L3, 80W), n. 2 x 4GB PC R (RDIMM), n.1 Scheda server Gigabit multifunzione, n.2 Unità sco rigido (3,5") da 2TB 3G 7200 rpm; n.1 storage comprensivo n.1 NETWORK ATTACHED STORAGE CONNETTIVITÀ, Numero porte LAN : 4, 10 / 100 / 1000, n. 2 porte USB: 2; STORAGE: HDD, Numero Bay Totali: 12, Numero Dischi Inclusi:1, Gb; PROTOCOLLI: Cifs, SMB, AFP, NFS, Http, Https, FTP, Rsync, Iscsi; LIVELLI RAID: RAID 0 (Striping), Raid 5, Raid 6; SATA, FAT32/NTFS/EXT2/EXT3, Supporto RAID, IPv4/IPv6 n.1 armao a parete per server rack, n.1 gruppo continuità 1750w. La base station posta sul tetto dell efico sarà collegata con il sistema raccolta dati posto all interno nel vano tecnico 14

16 meante un collegamento dati su cavo UTP cat6. Il sistema raccolta posto in un un armao rack è collegato meante switch alla rete LAN dell eficio. Questo permette, qualora autorizzato, trasferire i flussi video sia all interno della rete locale del comune che all esterno dell eficio meante collegamento ADSL ivi in essere. CARATTERISTICHE TECNICHE MINIME STORAGE La registrazione dei flussi video tutte le telecamere verranno depositate su apposito Storage NAS con capacità da 24TB con i seguenti requisiti minimi: Connettività Numero porte lan 4 Connettori porte lan RJ45 Velocità lan 10 / 100 / 1000 Mb Porte usb Sì Numero porte usb 2 Porta console Sì Conformità lan IEEE 802.3, 802.3u, 802.3ab, 802.3ae Storage Protocollo storage CIFS / SMB / AFP / NFS / HTTP / HTTPS / FTP / RSYNC / ISCSI Unità memoria HDD Numero bay totali 12 Numero schi inclusi 12 Capacità totale storage schi inclusi 24 TB Protocolli Cifs Sì Smb Sì Afp Sì Nfs Sì Http Sì Https Sì Ftp Sì Ftps No Rsync Sì Iscsi Sì Livelli raid Raid 0 (striping) Sì Raid 1 (mirroring) Sì Raid 5 Sì Raid 6 Sì Jbod No Altri livelli raid X-Raid2 dual parity Caratteristiche tecniche Posizionamento Professional Bus per hard sk SATA Tipo file systems FAT32/NTFS/EXT2/EXT3 Supporto raid Sì 15

17 Livelli raid RAID 0/1/5/6 Memoria flash 64 Mb Memoria dram Mb Supporto ip IPv4/IPv6 Caratteristiche fisiche Formato chassis Rack Colore chassis Nero Led Display e Led Monitoraggio Altezza massima 89 mm Larghezza massima 437 mm Profontà massima 650 mm Peso gr Alimentazione Power supply AC/DC Power supply tensione 100/240 V Power supply frequenza 50/60 Hz Power supply potenza assorbita W Porta rps (redundant power supply) No Alimentatore ridondato No Conformità Dichiarazione conformità EN :2001+A1:2004 EN 55022:1994 w/a1:1995, A2:1997 EN 55024:1998 w/a1:2001 and A2:2003 SALA CM Gli apparati hardware e software utilizzati dovranno consentire la gestione del sistema secondo il paragma client-server, per cui deve essere possibile la gestione delle telecamere da tutte le postazioni, munite dei necessari moduli software, che si trovano in connettività IP con la sala apparati. In particolare tre postazioni complete gestione e visualizzazione dell impianto videosorveglianza dovranno essere installate presso i locali inviduati precedentemente. Le postazioni visualizzazione e controllo del sistema videosorveglianza dovranno presentare le seguenti caratteristiche: n. 3 Monitor LCD 40 pollici interno con staffa da muro, n. 3 Workstation con processore Intel, 4GB Ram (con n. 2 schi da 80 GB per sco e n. 1 scheda video decata, sistema operativo windows 7) n. 2 UPS gruppi continuità; n. 3 Joystick professionale per un accurato controllo pan/tilt/zoom e telecamere rete. Si tratta un joystick a tre assi con X / Y posizionamento e manopola per lo zoom e 6 pulsanti. CARATTERISTICHE TECNICHE MINIME JOYSTICK Alimentazione: Tramite interfaccia USB. 16

18 Involucro: ABS policarbonato. Temperatura esercizio: Da 0 C a 60 C. Interfaccia: compatibile USB 1.1/2.0. Approvazioni: EN 55022: Classe B; EN 55024; EN ;FCC Parte 15 sezione b; Classe B (CISPR 22) C-Tick; VCCI;ICES-003; IP20. Requisiti sistema: Windows 7, Vista, XP, 2000, 2003 Server,Porta USB 2.0. Funzionalità Joystick: a tre assi con effetto Hall, X/Y per rotazione e inclinazione, Z manopola per lo zoom. Movimentazione: delimitatore quadrato,rotazione/inclinazione (XY): +/- 15,Zoom (Z): +/- 25 PIATTAFORMA SOFTWARE DI VIDEOSORVEGLIANZA Il software videocontrollo deve essere una piattaforma WEB BASED, e deve girare su sistemi operativi open source, nell ottica dell economicità della soluzione non deve comportare l acquisto licenze sistemi operativi necessari per l esercizio della piattaforma. I sistemi operativi necessari per l esercizio del sistema videocontrollo deve basarsi su sistemi operativi open source tipo Linux, al fine non solo garantire al sistema maggior affidabilità e sicurezza, ma anche nell ottica della economicità evitare acquisire/acquistare licenze per sistemi operativi. L'accesso e la fruizione del sistema, non deve richiedere l installazione client decati ma impiegando un comune browser utilizzando l'infrastruttura intranet/internet su protocollo http/https, questa scelta risponde ad esigenze economicità e interoperabilità consentendo poter fruire del sistema da una qualsiasi postazione in grado raggiungere il server gestione dell impianto videocontrollo. La piattaforma non deve presentare limitazioni in termini numero utenze che possono accedere al sistema. Ogni elemento del sistema deve essere progettato per eseguire operazioni specifiche in piena sincronia e collaborazione, e la stribuzione del carico lavoro. Il software deve consentire la scalabilità orizzontale e verticale del sistema a caldo senza richiedere fermi macchina o acquisto licenze software terze parti. La piattaforma videocontrollo deve essere intesa come sistema e deve avere a sposizione un meccanismo sofisticato autoagnosi in grado monitorare lo stato funzionamento non solo dei server gestione, delle telecamere ma anche della rete. Attraverso queste funzioni il sistema, deve controllare non solo che le telecamere siano operative, ma anche i server gestione e gli apparti rete che ne fanno parte. Il software deve essere in grado gestire tutte le apparecchiature che comporranno l impianto videocontrollo ed avere un registro eventi che consenta all amministratore sistema poter monitorare, lo stato del sistema e ricevere allarmi via mail o sms non solo in caso fault del sistema ma anche comportamenti anomali come il carico lavoro, un apposita sezione del software deve avere un registra relativo a tutti gli 17

19 eventi che interessano il sistema esportabile in formato csv. Il sistema deve consentire visualizzare a video lo stato delle telecamere consentendo riconoscerne rapidamente attraverso appositi simboli o colori incativi. Il software videocontrollo deve essere modulare e consentire attivare funzioni analisi dell immagine come per esempio il motion detection, nella visualizzazione live delle telecamere su cui è attiva la funzione analisi video e deve essere possibile visualizzare a video la generazione un allarme. SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE L amministratore del sistema deve avere la possibilità definire e segnare pannelli visualizzazione associandovi verse telecamere e flussi video con un minimo un flusso video sino al massimo sessantaquattro flussi video per ogni pannello visualizzazione live. Deve essere possibile scriminare l accesso ai flussi video in base ad utenti, gruppi utenti e inrizzo ip. GESTIONE E PROFILAZIONE DEGLI UTENTI Il sistema deve rispondere ai requisiti minimi impartiti dal D.lgs 196/03 in materia conservazione e trattamento dei dati personali. Le politiche gestione degli utenti devono prevedere che al primo accesso al sistema ogni utente, sia invitato a moficare la propria password. Per ogni utente deve essere possibile definire e fferenziare le aree accesso sponibili, meante l'associazione ad uno o più gruppi, ed abilitare uno o più inrizzi IP da cui l'utente può effettuare l'accesso al sistema, mantenendo un elevato grado sicurezza sulla tracciabilità degli accessi stessi. Il software non solo deve gestire e monitorare gli utenti in maniera granulare stinguendo ruoli e funzioni che possono essere associati a verse classi utenti, caratteristica minima del sistema autenticazione deve essere l accesso tramite validazione username e password, ma deve anche garantire la tracciabilità degli utenti. Un sistema è considerato sicuro quando garantisce il controllo degli accessi e assicura la tracciabilità delle operazioni effettuate. La gestione un sistema controllo che tenga traccia chi ha effettuato l accesso, del momento in cui è avvenuto l accesso e cosa è stato fatto nel periodo connessione è un elemento essenziale delle politiche sicurezza. La sicurezza del software videocontrollo deve essere realizzata a livello architetturale ovvero inrizzata globalmente, per tutta l applicazione, considerando la stessa come un elemento estraneo all interno del sistema. Il meccanismo accesso al sistema deve sfruttare, un meccanismo tripla A : Authentication (autenticazione) - Gli utenti e gli amministratori devono mostrare che sono chi cono essere. L'autenticazione può essere stabilita tramite combinazioni username e password, domande personali (sfida), token cards, e altri meto. Authorization (autorizzazione) - Dopo che l'utente è stato autenticato, i servizi autorizzazione inviduano le risorse a cui l'utente può accedere e quali operazioni l'utente è autorizzato a svolgere. 18

20 Accounting and auting (tracciabilità) le azioni eseguite dagli utenti Vengono registrate: sono memorizzate a quali risorse si è potuto accedere con le eventuali mofiche apportate e la quantità tempo trascorsa sul sistema. AMMINISTRAZIONE DEL SISTEMA Il software deve consentire gestire i seguenti parametri: Configurazione sistema Periodo temporale mantenimento delle registrazioni Spazio sco da associare a tutte le telecamere Gestione delle singole Telecamere Nomenclatura delle telecamere Configurazione inrizzi IP - Parametro per connettersi alla telecamera Nomenclatura deve essere possibile attribuire dei nomi comuni ad ogni telecamera o gruppo telecamere (es.: Telecamere Negozio oppure Telecamera Entrata Posteriore). Per ogni telecamera si inserisce un nome che, in maniera univoca, identifica una zona d'interesse. Si possono associare più telecamere ad un gruppo identificativo. Configurazione storage archiviazione riferimento Associazione del flusso video ad un videorecorder Configurazione funzione analisi dell immagine tipo motion detection Configurazione del buffer per la gestione delle registrazioni su allarme Configurazione uno storage backup - Associazione del flusso video ad un videorecorder backup Configurazione qualità flusso video - Parametri per controllare il rapporto qualità video e l'occupazione sco/banda. Abilitazione Utenti parametri generali Periodo valità dell account per accedere al sistema Durata della password Gestione e configurazione dei pannelli visualizzazione live Gestione una mappa sinottica Configurazione/abilitazione del sistema notifica Gestione una mappa statica o interfacciata a un gis esterno tipo google maps garantire l accesso al coce sorgente del software videocontrollo non soltanto attraverso api ed Sdk GESTIONE DEI PANNELLI DI VISUALIZZAZIONE Il sistema deve consentire poter gestire un numero illimitato pannelli visualizzazione fferenziati per telecamere ed 19

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Telecamere di rete AXIS Q1765-LE Telecamere ricche di funzionalità integrate, in formato bullet e pronte per l'utilizzo in ambienti esterni

Telecamere di rete AXIS Q1765-LE Telecamere ricche di funzionalità integrate, in formato bullet e pronte per l'utilizzo in ambienti esterni Scheda tecnica Telecamere di rete AXIS Q1765-LE Telecamere ricche di funzionalità integrate, in formato bullet e pronte per l'utilizzo in ambienti esterni > Zoom 18x e messa a fuoco automatica > OptimizedIR

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Guida tecnica alla tecnologia video di rete.

Guida tecnica alla tecnologia video di rete. Guida tecnica alla tecnologia video di rete. Tecnologie e fattori da valutare per sviluppare con successo applicazioni di sorveglianza E di monitoraggio remoto basate su IP. 2 Guida tecnica di Axis alla

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Caratteristiche. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4" e software di editing Vegas. www.pro.sony.

Caratteristiche. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4 e software di editing Vegas. www.pro.sony. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4" e software di editing Vegas Pro* Operazioni versatili per registrazioni Full HD 3D e 2D professionali HXR-NX3D1E è un camcorder professionale

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS www.gmshopping.it TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS MANUALE UTENTE Questo documento è di proprietà di Ciro Fusco ( Cfu 2010 ) e protetto dalle leggi italiane sul diritto d autore (L. 633 del 22/04/1941

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

L Azienda non è mai stata cosi vicina.

L Azienda non è mai stata cosi vicina. L Azienda non è mai stata cosi vicina. AlfaGestMed è il risultato di un processo di analisi e di sviluppo di un sistema nato per diventare il punto di incontro tra l Azienda e il Medico Competente, in

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

spessore m n elem. U.M. peso quantità / U.M. importo Operario qualificato h 5 24,72 123,6 Operario comune h 5 22,32 111,6

spessore m n elem. U.M. peso quantità / U.M. importo Operario qualificato h 5 24,72 123,6 Operario comune h 5 22,32 111,6 Analisi N 1-Speed Doe FullHD (1920x1080), zoo ottico 30x, 5 pollici installazione di tipo pendant da esterno IP66, sensore CMOS 1/2.8 Progressive Scan di tipo Day&Night con filtro IR eccanico, WDR digitale,

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA Dell Smart-UPS 100 000 VA 0 V Protezione interattiva avanzata dell'alimentazione per server e apparecchiature di rete Affidabile. Razionale. Efficiente. Gestibile. Dell Smart-UPS, è l'ups progettato da

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Easy-TO è il software professionale per il Tour Operator moderno. Progettato e distribuito in Italia e all estero da Travel Software srl (Milano), un partner

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Profilo Commerciale Collabor@

Profilo Commerciale Collabor@ Profilo Commerciale Collabor@ 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E REQUISITI Collabor@ è un servizio di web conferenza basato sulla piattaforma Cisco WebEx, che consente di organizzare e svolgere riunioni web,

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

AVCP Generatore di XML

AVCP Generatore di XML AVCP Generatore di XML Perché è necessario... 2 Come Funziona... 3 Appalto... 3 Indice... 5 Anagrafiche... 6 Lotto... 7 Partecipanti... 9 Partecipante in Solitario (Partecipante)... 9 Partecipante in Raggruppamento...

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad Attraverso questo applicativo è possibile visualizzare tutti gli ingressi del DVR attraverso il cellulare. Per poter visionare le immagini

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

ADS-2100e Scanner desktop ad alta velocità per l'ufficio

ADS-2100e Scanner desktop ad alta velocità per l'ufficio ADS-2100e Scanner desktop ad alta Alimentatore automatico documenti da 50 fogli Alta qualità di scansione Velocità di scansione 24 ppm automatica fronte-retro Caratteristiche: Alta qualità Lo scanner ad

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II. 1.Modalità pagamento pasti

CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II. 1.Modalità pagamento pasti CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II 1.Modalità pagamento pasti Pagina Introduzione 2 Pre-pagato con tessera scalare 3 1.1 Componenti del sistema 4 1.2 Come funziona 5 1.3 Fasi del servizio 6 - L iscrizione

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi rapporti tecnici 2008 Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi Giuseppe Anania Sezione provinciale Bologna Campi elettromagnetici INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. LO STANDARD

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1 Manuale utente Indice Avvisi di Sicurezza... 2 1 Introduzione... 3 2 Caratteristiche Generali... 3 3 Ricevimento e Collocazione... 4

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Telecamera IP Wireless/Wired. Manuale d uso

Telecamera IP Wireless/Wired. Manuale d uso Telecamera IP Wireless/Wired VISIONE NOTTURNA & ROTAZIONE PAN/TILT DA REMOTO Manuale d uso Contenuto 1 BENVENUTO...-1-1.1 Caratteristiche...-1-1.2 Lista prodotti...-2-1.3 Presentazione prodotto...-2-1.3.1

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

E-VISION Tempo. Timer luci a microprocessore. Manuale d uso e installazione

E-VISION Tempo. Timer luci a microprocessore. Manuale d uso e installazione E-VISION Tempo Timer luci a microprocessore Manuale d uso e installazione ELOS E-VISION - Tempo Controllo Luci Acquario a Microprocessore. 1. Semplice da programmare 2. Gestisce sia lampade a led sia lampade

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA.

SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA. APICE s.r.l. SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA. Descrizione del sistema Luglio 2006 SISTEMA DI CONTROLLO

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Questa nota di applicazione descrive come installare e impostare la comunicazione tra l'inverter e il server di monitoraggio SolarEdge. Questo documento

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

ReadyNAS per reti domestiche

ReadyNAS per reti domestiche ReadyNAS per reti domestiche Manuale del software Modelli: Serie Ultra (2, 4, 6) Serie Ultra Plus (2, 4, 6) Pro Pioneer NVX Pioneer 350 East Plumeria Drive San Jose, CA 95134 USA Dicembre 2010 202-10764-01

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web Attenzione!! Rif. Rev. 2.2 www.cws32.it Questa presentazione non sostituisce il manuale operativo del prodotto, in quanto

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli