A 16/06/03 Prima emissione URT DRT PRS SSA Cod. Id. I/SIC046C/REL/B003

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A 16/06/03 Prima emissione URT DRT PRS SSA Cod. Id. I/SIC046C/REL/B003"

Transcript

1

2 A 16/06/03 Prima emissione URT DRT PRS SSA Cod. Id. I/SIC046C/REL/B003 Sostituisce il: Sostituito da:

3 SOMMARIO 1 PREMESSA RIFERIMENTI NORMATIVI SPAZI APERTI ESTERNI SPAZI APERTI PEDONABILI PARCHEGGI SPAZI INTERNI PERCORSI E CORRIDOI PIANO TERRA PT (Q. 2,10) PIANO PRIMO P1 (Q. + 1,43) PIANO SECONDO P2 (Q. + 5,72) PIANO TERZO P3 (Q. + 9,44) SERVIZI IGIENICI PIANO TERRA PT (Q. 2,10) PIANO PRIMO P1 (Q. + 1,43) PIANO SECONDO P2 (Q. + 5,72) PIANO TERZO P3 (Q. + 9,44) PORTE SCALE, RAMPE E ASCENSORI SEGNALETICA RACCORDI CON LA NORMATIVA ANTINCENDIO SCHEMI PERCORSI ACCESSIBILI P02_0_E_D_A_CB_003_0.doc pagina 1 di 14

4 1 Premessa La presente relazione costituisce integrazione alla Relazione generale del progetto Definitivo e descrive qui di seguito gli accorgimenti adottati al fine di rendere conforme l intervento progettato alle norme per l eliminazione delle barriere architettoniche individuate dal Decreto del Presidente della Repubblica del 24/07/1996 n 503 e dal D.M. 236/1989. Si precisa che le opere in oggetto riguardano interventi di adeguamento di una struttura esistente per l uso in fase olimpica quale struttura a servizio delle manifestazioni sportive (gare) e, successivamente, quale centro di allenamento sportivo-ricettivo delle Federazioni Nazionali ed Internazionali. Tale struttura era precedentemente destinata a colonia estiva per i figli dei dipendenti della Società ITALSIDER. Si tratta di un edificio realizzato nell anno 1950 e pertanto privo di accorgimenti specifici per il superamento delle barriere architettoniche. In generale però la sua organizzazione interna e la dimensione dei percorsi, considerato che era utilizzato da bambini, hanno caratteristiche principali che in qualche modo sono conformi alla normativa di riferimento. Il progetto prevede pertanto una generale riconsiderazione della problematica proponendo soluzioni specifiche a seconda delle diverse destinazioni d uso degli spazi ai vari livelli. Si precisa infine che la struttura, al termine delle Olimpiadi Torino 2006, ospiterà (il mese successivo) le Paraolimpiadi e pertanto dovrà essere completamente accessibile in ogni suo punto. Il progetto, coerentemente con tale destinazione, pone come priorità l accessibilità di tutti gli spazi per persone disabili o comunque con una capacità motoria ridotta. P02_0_E_D_A_CB_003_0.doc pagina 2 di 14

5 2 Riferimenti normativi Il progetto trova riferimento nelle disposizioni legislative nazionali, di seguito elencate, recanti norme per l eliminazione delle barriere architettoniche nei luoghi di interesse pubblico. Si precisa che le disposizioni regionali sono state superate dal più recente provvedimento ministeriale (D.P.R. 503/1996) che peraltro abroga il D.P.R. 384/1978 ed estende la validità del D.M. 14/06/1989 n 236 dai soli edifici privati e di edilizia residenziale alle strutture pubbliche. Decreto Ministero dei Lavori Pubblici 14 giugno 1989, n Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l accessibilità, l adattabilità e la visibilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica sovvenzionata e agevolata, ai fini del superamento e dell eliminazione delle barriere architettoniche. Decreto Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici. Limitatamente agli aspetti di nostro interesse il D.P.R- 503/96 fa esplicito riferimento al D.M. 236/89 nei seguenti articoli dei Titoli II e III: Art. 7 - Scale e rampe Art. 8 - Servizi igienici pubblici Art Struttura edilizia in generale Art Modalità di misura Art Unità ambientali e loro componenti Art Segnaletica Art Raccordi con la normativa antincendio P02_0_E_D_A_CB_003_0.doc pagina 3 di 14

6 3 Spazi aperti esterni L edificio è accessibile sia carrabilmente che pedonalmente. - carrabilmente (ed anche pedonalmente) tramite la strada che collega l impianto a Cesana Torinese. - pedonalmente attraverso la stessa strada che termina nel parcheggio di pertinenza del complesso. Le aree che fronteggiano l ingresso al Piano Primo P1 e l ingresso al Piano terra PT seminterrato si possono considerare pianeggianti avendo pendenze mai superiori all 8%. L accessibilità agli spazi aperti da parte di persone disabili é sempre garantita. L utilizzazione diretta delle aree a parcheggio é anch essa sempre garantita. Si ricorda che durante le attività sportive legate alle Olimpiadi l ingresso per i disabili è previsto attraverso un servizio navetta che permette a questa categoria di pubblico l accesso alle tribune. Il motivo riguarda la distanza che intercorre tra l impianto ed i parcheggi per il pubblico previsti per l evento. 3.1 Spazi aperti pedonabili D.P.R. 24/07/96 n 503 art.4 - D.Lgs. 14/06/89 n 236 punto /4.2.2/8.2.1/8.2.2 Anche se gli spazi esterni in cui si interviene con il cambio delle pavimentazioni sono molto ridotti il progetto differenzia, per quanto possibile, in base alla pavimentazione le aree ad uso esclusivo pedonale da quelle carrabili di servizio e a parcheggio. In ogni caso il principio che uniforma l uso degli spazi aperti pedonali é quello di avere un piano unico di calpestio non interrotto da gradini e sempre di pendenza non superiore all 8%. Si prevede di evidenziare uno specifico percorso, attrezzato con una rampa (pendenza 8%), destinato alle persone disabili solo all ingresso dell edificio, lato nord, in quanto è necessario superare un dislivello di circa 75 cm.. tra il parcheggio e la piattaforma dell ingresso principale. Tutte le griglie dei pozzetti di raccolta delle acque meteoriche avranno maglie non attraversabili da una sfera di diametro di 2 cm. 3.2 Parcheggi D.P.R. 24/07/96 n 503 art.10 - D.Lgs. 14/06/89 n 236 punti 4.2.3/8.2.3 La dislocazione dei parcheggi è prevista in spazi gradinati, leggermente ruotati tra di loro per meglio seguire le linee orografiche del terreno. Le aree parcheggio individuate nella fase Olimpica vengono solo parzialmente utilizzate per la fase Post-Olimpica. Anche le aree parcheggio possono essere considerate pianeggianti, con pendenze inferiori all 8%, e con tutte le griglie dei pozzetti di raccolta delle acque P02_0_E_D_A_CB_003_0.doc pagina 4 di 14

7 meteoriche avranno maglie non attraversabili da una sfera di diametro di 2 cm. In fase Olimpica sono previsti 163 posti auto integrati dall area navette per disabili ed in fase post- Olimpica 77 posti auto. Nelle due fasi sono previsti 6 posti auto dedicati ai disabili superiori alla richiesta di un posto ogni 50 parcheggi. In dettaglio: Parcheggio area Media 1 Confinante con il lato nord dell edificio ex-colonia, rappresenta un ampliamento del piazzale asfaltato esistente per una superficie totale di mq circa. In fase olimpica il parcheggio è destinato ai media ed ai servizi tecnici e di sicurezza (Vv.F., ambulanze, ecc.). In dettaglio sono previsti 49 parcheggi auto e 12 posti per mezzi di grandi dimensioni. In questa area, a ridosso dell edificio, sono previsti 6 parcheggio ad uso esclusivo per disabili direttamente collegati all edificio dalla rampa inclinata. Ciascun posto auto ha dimensioni in larghezza non inferiore a ml 3,20 e sarà opportunamente segnalato. In fase post-olimpica l area è destinata a parcheggio del centro turistico sportivo che da solo soddisfa il fabbisogno minimo determinato dalla legge 122/88 (2720 mq. contro 2415 mq. richiesti). In totale sono previsti 87 parcheggi di cui rimangono invariati numero e posizione dei parcheggi per disabili. Parcheggio area Media 2 Confinante a valle con il parcheggio Media 1, per una superficie totale di mq. 620, integra il fabbisogno di parcheggi destinati ai media. In fase Olimpica sono previsti 28 posti auto mentre in fase post-olimpica l area potrà essere mantenuto e destinato all integrazione posti auto. Parcheggio area Vip e Officials L area ha una superficie di 500 mq. ed in fase Olimpica prevede la localizzazione di 22 posti auto destinati a Vip e Officials. In fase post-olimpica l area verrà rinverdita e non utilizzata come parcheggio. Parcheggio area Atleti L area ha una superficie di 10 mq. ed in fase Olimpica prevede la localizzazione di 64 posti auto destinati ad Atleti e la famiglia Olimpica. L area assume notevole importanza nella gestione dell evento sportivo in quanto destinata alla localizzazione della racchetta di sbarco/imbarco delle navette riservate alle utenze disabili. In fase post-olimpica l area verrà rinverdita e non utilizzata come parcheggio. P02_0_E_D_A_CB_003_0.doc pagina 5 di 14

8 4 Spazi interni L organizzazione degli spazi interni é stata studiata al fine di consentire un agevole fruizione di tutti i locali ed un facile deflusso verso i percorsi di esodo dall edificio. Si ricorda che il progetto prevede due differenti fasi di esecuzione corrispondenti a due differenti usi previsti per l edificio. Nella Fase Olimpica l edificio prevede un utilizzo prevalentemente legato alle attività delle gare di Biathlon mentre nella successiva fase post-olimpica l edificio avrà un utilizzo riconducibile a centro polifunzionale sportivo-ricettivo. Malgrado queste differenze il progetto dell edificio non prevede modifiche relative alla eliminazione di eventuali barriere architettoniche. In particolare: 4.1 Percorsi e Corridoi D.Lgs. 14/06/89 n 236 punto e In generale il sistema di percorsi orizzontale esistente è stato conservato nel progetto: i corridoi hanno larghezza minima di m. 1,80 ed hanno andamento continuo con variazioni di direzione che saranno ben evidenziate. Si è previsto, coerentemente con la normativa di prevenzione incendi, che gli stessi siano liberi da ostacoli ed in particolare, quindi, che le porte aprano o verso l esterno dei locali o, in alcuni casi, verso l interno in quanto direttamente collegati con l esterno e che comunque non costituiscano ostacolo. Al piano P2 i percorsi distributivi interni hanno larghezza minima di m. 1,50 e rispondono a suddetti criteri di progetto. Anche il sistema di percorsi verticale verrà largamente potenziato prevedendo due nuovi impianti ascensori ciascuno dei quali adatto al trasporto di due persone disabili. 4.2 Piano Terra PT (Q. 2,10) PERCORSI L accesso al piano dell edificio è garantita dall ampio percorso esterno che circonda l edificio collegato direttamente al parcheggio dalla rampa carrabile inclinata (pendenza inferiore all 8%) localizzata a Nord-ovest dell edificio. In particolare il progetto garantisce: - la completa accessibilità del piano ed ai gruppi di servizi igienici per disabili previsti nelle due differenti fasi di progetto. P02_0_E_D_A_CB_003_0.doc pagina 6 di 14

9 - la completa accessibilità alle vie di fuga ed ai quattro compartimenti antincendio. 4.3 Piano Primo P1 (Q. + 1,43) PERCORSI Accessibilità al piano principale dell edificio è garantita direttamente dal parcheggio antistante l ingresso in cui è collocata la reception. L accessibilità al piano è garantita anche dai piani PT, P2 e P3 attraverso due nuovi ascensori, oltre che dalle scale dislocate sull asse centrale dell edificio. Il Piano è suddiviso in due comparti antincendio. Sono previsti due filtri areati di separazione dei comparti e due luoghi statici sicuri localizzati all innesto delle nuove scale di sicurezza. 4.4 Piano Secondo P2 (Q. + 5,72) PERCORSI L accessibilità al piano è garantita anche dai piani PT, P1 e P3 attraverso i due ascensori, oltre che dalle scale dislocate sull asse centrale dell edificio. Il Piano è suddiviso in due comparti antincendio. 4.5 Piano Terzo P3 (Q. + 9,44) PERCORSI L accessibilità al piano è garantita anche dai piani PT, P1 e P2 attraverso i due ascensori, oltre che dalle scale dislocate sull asse centrale dell edificio. Il Piano ha un unico compartimento antincendio. P02_0_E_D_A_CB_003_0.doc pagina 7 di 14

10 5 Servizi igienici D.P.R. 24/07/96 n 503 art.8 - D.Lgs. 14/06/89 n 236 punto e In generale il progetto prevede la dotazione di servizi igienici per disabili ad ogni livello per ogni gruppo di servizi sia ad uso del personale che ad uso del pubblico. In particolare si prevede: 5.1 Piano Terra PT (Q. 2,10) In fase Olimpica è prevista la realizzazione di N 22 servizi igienici pubblici tutti dimensionati (due lati di cm. ) e realizzati per accogliere persone disabili. In fase post-olimpica parte dei servizi realizzati verranno mantenuti e parte demoliti per fare spazio alle stanze del centro sportivo. In totale sono previsti N 28 servizi igienici ognuno a servizio delle camere e realizzati come quelli della fase precedente. Nella fase post-olimpica, a causa della nuova destinazione funzionale è prevista una restrizione del numero dei bagni accessibili in quanto è prevista la possibilità di collocare, attraverso la predisposizione impiantistica, il bidet. In questo caso non verrà più garantita l accessibilità ai disabili in tutti i servizi igienici ma ne verrà comunque garantito il numero necessario. 5.2 Piano Primo P1 (Q. + 1,43) Sia in fase Olimpica che in fase post-olimpica i servizi igienici del piano sono destinati ad uso pubblico ed accessibili a tutti gli utenti, dislocati al centro dell edificio e sono accorpati in due differenti blocchi. I servizi tutti dimensionati (due lati di cm. ) e realizzati per accogliere persone disabili saranno divisi per sesso ad accorpati a due per un totale di N Piano Secondo P2 (Q. + 5,72) Il progetto non prevede differenziazioni tra le due fasi, esclusa la costruzione di quattro bagni. In dettaglio sono previsti N 34 bagni per la fase Olimpica e N 38 bagni per la fase post-olimpica. Anche a questo piano tutti i bagni sono dimensionati (due lati di cm. ) e realizzati per accogliere persone disabili. Nella fase post-olimpica, a causa della nuova destinazione funzionale è prevista una restrizione del numero dei bagni accessibili in quanto è prevista la possibilità di collocare, attraverso la predisposizione impiantistica, il bidet. In questo caso non verrà più garantita l accessibilità ai disabili in tutti i servizi igienici ma ne verrà comunque garantito il numero necessario. P02_0_E_D_A_CB_003_0.doc pagina 8 di 14

11 5.4 Piano Terzo P3 (Q. + 9,44) Il progetto non prevede differenziazioni tra le due fasi e in dettaglio è previsto N 1 dimensionato (due lati di cm. ) e realizzato per accogliere persone disabili. P02_0_E_D_A_CB_003_0.doc pagina 9 di 14

12 6 Porte D.Lgs. 14/06/89 n 236 punto e PORTE INTERNE Tutte le porte interne hanno dimensione in larghezza superiore a ml 0,85. Tutte le porte attestate su percorsi interni di distribuzione e/o esodo sono prevalentemente costituite da porte tagliafuoco dotate di maniglioni antipanico e saranno dotate di specchiatura vetrata e/o normalmente aperte. P02_0_E_D_A_CB_003_0.doc pagina 10 di 14

13 7 Scale, rampe e ascensori D.P.R. 24/07/96 n 503 art.7 - D.Lgs. 14/06/89 n 236 punto / e / SCALE L edificio é dotato al suo interno di quattro corpi scala di cui due esistenti che vengono conservati nelle loro condizioni attuali e non sottoposti ad interventi di modifica se non esclusivamente per quanto riguarda le sole dimensioni dei filtri freddi e delle compartimentazioni. I corpi scala sono così distinti: - Scala principale di collegamento interno tra il piano terra PT e il piano primo P1 (nuova costruzione); - Scala principale di collegamento interno tra il piano primo P1 e il piano secondo P2 (nuova costruzione); - Scala di collegamento interno tra il piano terra PT e il piano primo P1; - Scala di collegamento interno tra il piano secondo P2 e il piano terzo P3; Tutte le scale sono dotate di rampe a gradini con andamento regolare ed hanno pedate antisdrucciolo. E sempre presente il corrimano e la dimensione in larghezza non é mai inferiore a ml 1,20. RAMPE All interno della struttura non sono presenti rampe. Al Piano primo P1 sono presenti N 8 rampe esterne che collegano il piano al circostante pianoro inerbito. La pendenza di queste rampe esistenti e di circa 12,5% e nel progetto vengono mantenute ed utilizzate come vie di fuga all aperto in caso di incendio. ASCENSORI Nell edificio sono presenti n 2 ascensori. I due nuovi ascensori sono dotati di porte ad apertura automatica ed hanno dimensioni e caratteristiche per essere idonei all uso di due persone disabili (cabina di dimensioni 1,10 x 2,00 m.). In particolare gli ascensori sono dotati di dimensioni superiori alle minime previste al punto del Decreto n 236 nel caso di adeguamento di edifici esistenti sia per quanto riguarda le dimensioni minime che per quanto riguarda la luce netta delle porte (sempre > di 0,80 m.) e la piattaforma minima di distribuzione. P02_0_E_D_A_CB_003_0.doc pagina 11 di 14

14 8 Segnaletica D.P.R. 24/07/96 n 503 art.17 - D.Lgs. 14/06/89 n 236 punto In tutti gli spazi interni sarà collocata un adeguata segnaletica atta ad individuare le attività principali svolte ai vari livelli ed i percorsi necessari a raggiungere ciascun locale e le vie di esodo. P02_0_E_D_A_CB_003_0.doc pagina 12 di 14

15 9 Raccordi con la normativa antincendio Le soluzioni progettuali adottate al fine di rendere la struttura conforme alle disposizioni legislative in materia di prevenzione incendi sono riportate in dettaglio nella relazione PO2_E_D_V_CB_002_0 e negli elaborati grafici ad essa allegati cui si rimanda per un maggior dettaglio. In particolare al fine di contenere i rischi connessi all emergenza dovuta ad incendio nei confronti di persone con ridotta o impedita capacità motoria, le soluzioni progettuali adottate si possono così riassumere: - tutti i livelli dell edificio sono suddivisi in compartimenti antincendio di ridotte dimensioni, in genere corrispondenti a singole aree funzionali; - per tutti i livelli, ove ciò è possibile compatibilmente con le caratteristiche distributive e strutturali dell edificio esistente, sono previste vie di esodo verso l esterno o verso luoghi sicuri statici raggiungibili dall esterno dai mezzi di soccorso. In particolare al piano secondo P2 sono localizzati Nà2 luoghi statici sicuri direttamente accessibili dal vano freddo che separa l edificio dalle scale di sicurezza esterne. Questi spazi, di dimensioni 3x4 m., sono ricavati nei cavedii interni e sono a cielo aperto; - le aree per le quali è previsto il maggiore affollamento nonché la presenza di utenti esterni sono tutte dotate di uscite che immettono su spazio esterno direttamente; P02_0_E_D_A_CB_003_0.doc pagina 13 di 14

16 10 Schemi percorsi accessibili Per una più facile verifica dell accessibilità dell edificio si rimanda agli elaborati grafici di Progetto Definitivo che riportano, anche nella simbologia, i riferimenti necessari. Si allegano comunque, qui di seguito, gli schemi dei percorsi idonei a persone disabili. I Progettisti P02_0_E_D_A_CB_003_0.doc pagina 14 di 14

17 limite interrato limite piano secondo limite piano secondo PT-O-1 PT-O-2 PT-O-3 PT-O-4 PT-O-5 PT-O-6 PT-O-7 PT-O-8 PT-O-9 PT-O-10 PT-O-11 PT-O-12 PT-O-13 PT-O-14 PT-O-15 PT-O-16 PT-O-17 PT-O-18 PT-O-19 PT-O-20 PT-O-21 PT-O-22 PT-O-23 PT-O-24 PT-O-25 PT-O-26 PT-O-27 PT-O-28 PT-O-29 PT-O-30 PT-O-31 PT-O-32 PT-O-33 PT-O-34 PT-O-35 PT-O-36 PT-O-37 PT-O-38 PT-O-63 PT-O-40 PT-O-41 PT-O-42 PT-O-43 PT-O-44 PT-O-45 PT-O-46 PT-O-47 PT-O-48 PT-O-49 PT-O-50 PT-O-51 PT-O-52 PT-O-53 PT-O-54 PT-O-55 PT-O-56 PT-O-57 PT-O-58 PT-O-59 PT-O-60 PT-O-61 PT-O-62 PT-O-63 PT-O-64 PT-O-65 PT-O-66 PT-O-67 PT-O-68 PT-O-69 PT-O-70 PT-O-71 PT-O-72 PT-O-73 PT-O-74 PT-O-75 PT-O-76 PT-O-77 PT-O-78 PT-O-79 PT-O-80 PT-O-81 PT-O-82 PT-O-83 PT-O-84 PT-O-85 PT-O-86 PT-O-87 PT-O-88 PT-O-89 PT-O- PT-O-91 PT-O-92 PT-O-93 PT-O-94 PT-O-95 PT-O-96 PT-O-97 PT-O-98 PT-O-99 PT-O-100 PT-O-101 PT-O-102 PT-O-103 PT-O-104 PT-O-105 PT-O-106 PT-O-107 PT-O-108 PT-O-109 PT-O-110 PT-O-111 PT-O-112 PT-O-113 PT-O-114 PT-O-115 PT-O-116 PT-O-117 PT-O-118 PT-O-39 RAMPA A B Scarpa erbosa ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE PERIODO OLIMPICO - PIANTA PIANO TERRA PT SCALA 1:200

18 limite piano secondo limite piano secondo PT-PO-1 PT-PO-2 PT-PO-3 PT-PO-4 PT-PO-5 PT-PO-6 PT-PO-7 PT-PO-8 PT-PO-9 PT-PO-10 PT-PO-11 PT-PO-12 PT-PO-13 PT-PO-14 PT-PO-15 PT-PO-16 PT-PO-17 PT-PO-18 PT-PO-19 PT-PO-20 PT-PO-21 PT-PO-22 PT-PO-23 PT-PO-24 PT-PO-25 PT-PO-26 PT-PO-27 PT-PO-28 PT-PO-29 PT-PO-30 PT-PO-31 PT-PO-32 PT-PO-33 PT-PO-34 PT-PO-35 PT-PO-36 PT-PO-37 PT-PO-38 PT-PO-39 PT-PO-40 PT-PO-41 PT-PO-42 PT-PO-43 PT-PO-44 PT-PO-45 PT-PO-46 PT-PO-47 PT-PO-48 PT-PO-49 PT-PO-50 PT-PO-51 PT-PO-52 PT-PO-53 PT-PO-54 PT-PO-55 PT-PO-56 PT-PO-57 PT-PO-58 PT-PO-59 PT-PO-60 PT-PO-61 PT-PO-62 PT-PO-63 PT-PO-64 PT-PO-65 PT-PO-66 PT-PO-67 PT-PO-68 PT-PO-69 PT-PO-70 PT-PO-71 PT-PO-72 PT-PO-73 PT-PO-74 PT-PO-75 PT-PO-76 PT-PO-77 PT-PO-78 PT-PO-79 PT-PO-80 PT-PO-81 PT-PO-82 PT-PO-83 PT-PO-84 PT-PO-85 PT-PO-86 PT-PO-87 PT-PO-88 PT-PO-89 PT-PO- PT-PO-92 PT-PO-93 PT-PO-91 PT-PO-94 PT-PO-95 PT-PO-96 PT-PO-97 PT-PO-98 PT-PO-99 A B RAMPA Scarpa erbosa ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE PERIODO POST-OLIMPICO - PIANTA PIANO TERRA PT SCALA 1:200

19 ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE PERIODO POST-OLIMPICO - PIANTA PIANO TERRA PT DETTAGLIO SPAZIO DI MANOVRA - SCALA 1:50

20 filo piano superiore P1-O-2 P1-O-3 P1-O-1 P1-O-9 P1-O-7 SCARPA ERBOSA P1-O-21 P1-O-20 P1-O-15 P1-O-16 P1-O-13 P1-O-11 P1-O-10 P1-O-8 P1-O-6 P1-O-5 P1-O-4 P1-O-17 P1-O-19 P1-O-14 P1-O-12 P1-O-22 P1-O-18 P1-O-23 P1-O-23 P1-O-23 P1-O-23 P1-O-22 P1-O-22 PT-O-52 P1-O-23 P1-O-24 P1-O-25 P1-O-30 P1-O-26 P1-O-27 P1-O-28 P1-O-29 P1-O P1-O-33 P1-O-22 P1-O-35 P1-O-36 P1-O-37 limite vani tecnici interrati limite area parcheggio Pendenza 12.8 % Pendenza 12.8 % Pendenza 12.8 % Pendenza 12.8 % PRESS CAFE' PHOTO WORK AREA INTERVIEW ROOM RECEPTION SCARPA ERBOSA DOPPIA ALTEZZA SU AREA SPONSOR limite vani tecnici interrati limite area parcheggio P1-O P1-O-34 AREA ATLETI LOUNGE PRESS WORK AREA PRESS WORK AREA Pendenza 12.5 % Pendenza 12.5 % Pendenza 12.5 % Pendenza 12.5 % filo piano superiore ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE PERIODO OLIMPICO - PIANTA PIANO PRIMO P1 SCALA 1:200

21 filo piano superiore P1-PO-1 P1-PO-2 P1-PO-3 P1-PO-6 P1-PO-11 P1-PO-4 P1-PO-5 P1-PO P1-PO-13 P1-PO-9 P1-PO-8 P1-PO-10 P1-PO-12 P1-PO-14 P1-PO-15 P1-PO-16 P1-PO-16 P1-PO-16 P1-PO-16 P1-PO-15 PT-PO-47 P1-PO-15 SCARPA ERBOSA P1-PO-16 P1-PO-20 P1-PO-24 P1-PO-17 P1-PO-18 P1-PO-19 P1-PO-21 P1-PO-22 P1-PO P1-PO-25 P1-PO-27 P1-PO-26 P1-PO-15 P1-PO-28 P1-PO-29 P1-PO-30 limite vani tecnici interrati limite area parcheggio Pendenza 12.8 % Pendenza 12.8 % Pendenza 12.8 % Pendenza 12.8 % BAR - CAFE' AREA ATLETI AREA ATLETI RECEPTION DOPPIA ALTEZZA SU AREA ATLETI limite vani tecnici interrati limite area parcheggio 70 RISTORANTE RISTORANTE SALA CONFERENZE Pendenza 12.5 % Pendenza 12.5 % Pendenza 12.5 % Pendenza 12.5 % filo piano superiore ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE PERIODO POST-OLIMPICO - PIANTA PIANO PRIMO P1 SCALA 1:200

22 P2-O-1 P2-O-2 P2-O-3 P2-O-4 P2-O-5 P2-O-6 P2-O-7 P2-O-8 P2-O-9 P2-O-10 P2-O-11 P2-O-12 P2-O-13 P2-O-14 P2-O-15 P2-O-16 P2-O-17 P2-O-18 P2-O-19 P2-O-20 P2-O-21 P2-O-22 P2-O-23 P2-O-24 P2-O-25 P2-O-26 P2-O-27 P2-O-28 P2-O-29 P2-O-30 P2-O-31 P2-O-32 P2-O-33 P2-O-34 P2-O-35 P2-O-36 P2-O-37 P2-O-38 P2-O-39 P2-O-40 P2-O-41 P2-O-42 P2-O-43 P2-O-44 P2-O-45 P2-O-46 P2-O-47 P2-O-48 P2-O-49 P2-O-50 P2-O-51 P2-O-52 P2-O-53 P2-O-54 P2-O-55 P2-O-56 P2-O-57 P2-O-58 P2-O-59 P2-O-60 P2-O-61 P2-O-62 P2-O-63 P2-O-64 P2-O-65 P2-O-66 P2-O-67 P2-O-68 P2-O-69 P2-O-70 P2-O-71 P2-O-72 P2-O-73 P2-O-74 P2-O-75 P2-O-76 P2-O-77 P2-O-78 P2-O-79 P2-O-80 P2-O-81 P2-O-82 P2-O-83 P2-O-84 P2-O-85 P2-O-86 P2-O-87 P2-O-88 P2-O-89 P2-O- P2-O-91 P2-O-92 P2-O-93 P2-O-94 P2-O-95 P2-O-96 P2-O-97 P2-O-98 P2-O-99 P2-O-100 P2-O-42 P2-O-42 P2-O-42 P2-O-47 P2-O-47 P2-O-47 P1-PO-16 ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE PERIODO OLIMPICO - PIANTA PIANO SECONDO P2 SCALA 1:200

23 P1-PO-16 P2-PO-1 P2-PO-2 P2-PO-3 P2-PO-4 P2-PO-5 P2-PO-6 P2-PO-7 P2-PO-8 P2-PO-9 P2-PO-10 P2-PO-11 P2-PO-12 P2-PO-13 P2-PO-14 P2-PO-15 P2-PO-16 P2-PO-17 P2-PO-18 P2-PO-19 P2-PO-20 P2-PO-21 P2-PO-22 P2-PO-23 P2-PO-24 P2-PO-25 P2-PO-26 P2-PO-27 P2-PO-28 P2-PO-29 P2-PO-30 P2-PO-31 P2-PO-32 P2-PO-33 P2-PO-34 P2-PO-35 P2-PO-36 P2-PO-37 P2-PO-38 P2-PO-39 P2-PO-40 P2-PO-41 P2-PO-42 P2-PO-43 P2-PO-44 P2-PO-45 P2-PO-46 P2-PO-47 P2-PO-48 P2-PO-49 P2-PO-50 P2-PO-51 P2-PO-52 P2-PO-53 P2-PO-54 P2-PO-55 P2-PO-56 P2-PO-57 P2-PO-58 P2-PO-59 P2-PO-60 P2-PO-61 P2-PO-62 P2-PO-63 P2-PO-64 P2-PO-65 P2-PO-66 P2-PO-67 P2-PO-68 P2-PO-69 P2-PO-70 P2-PO-71 P2-PO-72 P2-PO-73 P2-PO-74 P2-PO-75 P2-PO-76 P2-PO-77 P2-PO-78 P2-PO-79 P2-PO-80 P2-PO-81 P2-PO-82 P2-PO-83 P2-PO-84 P2-PO-85 P2-PO-86 P2-PO-87 P2-PO-88 P2-PO-89 P2-PO- P2-PO-91 P2-PO-92 P2-PO-93 P2-PO-94 P2-PO-95 P2-PO-96 P2-PO-97 P2-PO-98 P2-PO-99 P2-PO-100 P2-PO-101 P2-PO-106 P2-PO-103 P2-PO-104 P2-PO-105 P2-PO-106 P2-PO-50 P2-PO-50 P2-PO-50 P2-PO-55 P2-PO-55 P2-PO-55 AREA RECEPTION PIANO TERRA P2-PO-102 ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE PERIODO POST-OLIMPICO - PIANTA PIANO SECONDO P2 SCALA 1:200

24 3 1 ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE PERIODO POST-OLIMPICO - PIANTA PIANO SECONDO P2 DETTAGLIO SPAZIO DI MANOVRA - SCALA 1:50

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 AZV_A1_A3_9.004 INDICE - PREMESSA - TIPOLOGIA DELL INTERVENTO - RIFERIMENTI NORMATIVI -

Dettagli

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili. COMMITTENTE: Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.it PROGETTO: ELABORAZIONE DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. 338 OGGETTO TITOLO

Dettagli

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 -

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 - INDICE 1. PREMESSA - 3-2. CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96, RICHIESTA DALLA A.S.L./NA 1, DIPARTIMENTO PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA, IN SEDE DI CONFERENZA DEI SERVIZI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini RELAZIONE TECNICA Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini della legge 13/89 per l eliminazione delle barriere architettoniche. Premessa: Ai fini

Dettagli

Oggetto: Relazione tecnica ex art. 10 punto 10,2 D.M. 236/89, allegata al P.L. via della Resistenza a Molinetto di MAZZANO Comune di Mazzano (Bs)

Oggetto: Relazione tecnica ex art. 10 punto 10,2 D.M. 236/89, allegata al P.L. via della Resistenza a Molinetto di MAZZANO Comune di Mazzano (Bs) Mazzano (Bs) li, 27 febbraio 2012 Al Signor Sindaco del Comune di Mazzano (Bs) Oggetto: Relazione tecnica ex art. 10 punto 10,2 D.M. 236/89, allegata al P.L. via della Resistenza a Molinetto di MAZZANO

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA

COMUNE DI SENIGALLIA COMUNE DI SENIGALLIA PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI EDIFICI RESIDENZIALI NEL COMPARTO 17R DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE SITO IN CESANO DI SENIGALLIA DITTA: EDRA IMMOBILIARE S.r.l. Via Cimabue, n 7 - SENIGALLIA

Dettagli

COMUNE DI SESTRI LEVANTE

COMUNE DI SESTRI LEVANTE Elaborato E2 COMUNE DI SESTRI LEVANTE Località San Bartolomeo della Ginestra Zona di P.U.C.: AC(B3) E1 (TPA) territorio di presidio ambientale agricolo Istanza Permesso di Costruire in variante al P.U.C.

Dettagli

COMPARTO UNITARIO ST2_P14 Via IV Novembre RELAZIONE SUL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (DPR 24.07.1996 N. 503)

COMPARTO UNITARIO ST2_P14 Via IV Novembre RELAZIONE SUL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (DPR 24.07.1996 N. 503) PIANO DI LOTTIZZAZIONE DELLA ZONA C1 - RESIDENZIALE DI ESPANSIONE COMPARTO UNITARIO ST2_P14 Via IV Novembre RELAZIONE SUL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (DPR 24.07.1996 N. 503) Il progetto

Dettagli

INDICE 1.RIFERIMENTI NORMATIVI 2 2.SCELTE PROGETTUALI 2 3.SISTEMAZIONI ESTERNE 3. MASSIMO LEGGERI Ordine Ingegneri Roma n. 22424.

INDICE 1.RIFERIMENTI NORMATIVI 2 2.SCELTE PROGETTUALI 2 3.SISTEMAZIONI ESTERNE 3. MASSIMO LEGGERI Ordine Ingegneri Roma n. 22424. INDICE 1.RIFERIMENTI NORMATIVI 2 2.SCELTE PROGETTUALI 2 3.SISTEMAZIONI ESTERNE 3 Pagina 1 di 4 1.RIFERIMENTI NORMATIVI I criteri seguiti nella progettazione ai fini di garantire l accessibilità all intera

Dettagli

Al Signor Sindaco del Comune di Prato. Al Comune di Prato Servizio Istanze Edilizie Via Arcivescovo Martini n.61 Prato

Al Signor Sindaco del Comune di Prato. Al Comune di Prato Servizio Istanze Edilizie Via Arcivescovo Martini n.61 Prato Studio Tecnico Ing. MASSIMO CECCARINI Cod. Fisc. CCC MSM 56H14 G999V Part. I.V.A. 00036530970 Viale V. Veneto, 13 59100 PRATO Tel. e Fax 0574 29062 / 607600 Prato, li 27/12/10. e-mail: studiomcmp@conmet.it

Dettagli

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

DOTT. ING. ALESSANDRO ZITO

DOTT. ING. ALESSANDRO ZITO PREMESSA La presente relazione è stata predisposta secondo quanto esplicitamente indicato, per la redazione del Progetto Esecutivo, dall art. 35. Relazioni specialistiche del D.P.R. 5 ottobre 2010, n.

Dettagli

COMUNE DI QUARTU SANT ELENA SETTORE LAVORI PUBBLICI PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI QUARTU SANT ELENA SETTORE LAVORI PUBBLICI PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI QUARTU SANT ELENA SETTORE LAVORI PUBBLICI PROVINCIA DI CAGLIARI STRUTTURA SOCIALIZZAZIONE PRIMA INFANZIA VIA BOITO RECUPERO EX ASILO NIDO PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO RELAZIONE ACCESSIBILITA

Dettagli

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali Barriere Architettoniche - Barriere Culturali PROGETTARE, COSTRUIRE, ABITARE CON QUALITÀ COLLEGAMENTI ORIZZONTALI COLLEGAMENTI VERTICALI Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma 30 Gennaio 2008 Parma Seminario

Dettagli

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 AL G. NDACO DEL COMUNE DI SABBIO CHIESE (BS) D.P.R. 380/01 art. 77 e succ. VERIFICA DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 Allegata al progetto di Sportello Unico Attività Produttive da realizzarsi nel Comune

Dettagli

COMUNE DI ANDORA REGIONE LIGURIA PROVINCIA SAVONA

COMUNE DI ANDORA REGIONE LIGURIA PROVINCIA SAVONA COMUNE DI ANDORA REGIONE LIGURIA PROVINCIA SAVONA PERMESSO DI COSTRUIRE in parziale Sanatoria ed in Variante al P.d.C. n. 759/7 del 06/08/2010 EDIFICI A1 e A2 del P.U.O. PROGETTO PER NUOVE RESIDENZE IN

Dettagli

Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e

Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e 1 2 Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici; infatti sono stati eliminati tutti

Dettagli

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA Complesso di proprietà di Pentagramma Romagna Spa in via XX Settembre n.38 e Corso Mazzini n.41, sito nel Comune di Cervia (RA). OPERE DI RESTAURO

Dettagli

Comune di Camposampiero (PD)

Comune di Camposampiero (PD) Comune di Camposampiero (PD) Piano Urbanistico Attuativo VANDURA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA ALLE NORME PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PREMESSA L intervento in oggetto prevede la realizzazione

Dettagli

attività sociali per gli abitanti della zona.

attività sociali per gli abitanti della zona. L area ove è ubicato l immobile è individuata dal Piano Regolatore Generale del Comune di Firenze quale Zona G sottozona G1: aree destinate ad attrezzature sportive, esistenti. I lavori in oggetto riguardano

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Permesso di costruire Centro-Video-Gioco-Sport FABBRICATO: COMMERCIALE-DIREZIONALE RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Il fabbricato oggetto dell attuale presentazione per il rilascio del permesso

Dettagli

LAVORI PER L INSTALLAZIONE DI UN NUOVO ASCENSORE SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA BAODO

LAVORI PER L INSTALLAZIONE DI UN NUOVO ASCENSORE SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA BAODO progetto committente LAVORI PER L INSTALLAZIONE DI UN NUOVO ASCENSORE SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA BAODO COMUNE DI CELLE LIGURE Via Boagno 11-17015 Celle Ligure (SV) TEL. +39 019 826985 FAX +39 SAVONA

Dettagli

LABORATORIO DELL ACQUA A CAMUGNANO

LABORATORIO DELL ACQUA A CAMUGNANO Parco Laghi di Suviana e Brasimone INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ MUSEO DEL BOSCO DI PORANCETO Il Museo è situato in località Poranceto nel comune di Cumugnano ed è ospitato all interno di un unico edificio

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Il sottoscritto.progettista delle opere suddette, nato

Dettagli

Centro-Video-Gioco-Sport. RELAZIONE TECNICA DI VARIANTE al P.d.C n.118 del 19/09/2007

Centro-Video-Gioco-Sport. RELAZIONE TECNICA DI VARIANTE al P.d.C n.118 del 19/09/2007 Centro-Video-Gioco-Sport FABBRICATI: MULTISALA FITNESS OGGETTO: RELAZIONE TECNICA DI VARIANTE al P.d.C n.118 del 19/09/2007 INQUADRAMENTO GENERALE I fabbricati oggetto dell attuale presentazione di variante

Dettagli

VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO ATTUATTIVO EX D3/1 ORA PUA 38 PER MODIFICA ALLA DESTINAZIONE D USO

VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO ATTUATTIVO EX D3/1 ORA PUA 38 PER MODIFICA ALLA DESTINAZIONE D USO COMUNE DI PONZANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO ATTUATTIVO EX D3/1 ORA PUA 38 PER MODIFICA ALLA DESTINAZIONE D USO ALLEGATO F RELAZIONE ILLUSTRATIVA AI SENSI DEL D.P.R.

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE ALBERGHIERE LIVELLO BRONZO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: CRITERIO DA RISPETTARE STRUTTURA ESTERNA DEVE ESSERE PRESENTE UN PARCHEGGIO PRIVATO.

Dettagli

ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA -

ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA - ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA - ai sensi del comma 4 dell art. 77 del D.P.R. 380/01 come modificato dal D.lgs 301/02, L. 13/1989 e D.M.

Dettagli

1992 DM 26/08/92 Norme di prevenzione incendi per l edilizia scolastica Legge 11/01/96 n. 23 Norme per l edilizia scolastica

1992 DM 26/08/92 Norme di prevenzione incendi per l edilizia scolastica Legge 11/01/96 n. 23 Norme per l edilizia scolastica 1. Premessa La presente relazione è parte integrante del progetto preliminare dei Lavori di adeguamento per la divisione del plesso scolastico di via Segni in due parti: scuola per l'infanzia al piano

Dettagli

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_.

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_. GianRenato Piolo Architetto Oggetto_ Variante alla P.E. n. 2012/0533 ai sensi della L.R. 14/2009 e ss.mm.ii. e delle Norme Tecniche del Piano degli Interventi 2008/C per l'attuazione dei Comparti n.1,

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. PIANO ATTUATIVO COMUNALE DI INIZIATIVA PRIVATA B/RU n.22 DI VIA CHIOGGIA - VIALE VENEZIA

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. PIANO ATTUATIVO COMUNALE DI INIZIATIVA PRIVATA B/RU n.22 DI VIA CHIOGGIA - VIALE VENEZIA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE PIANO ATTUATIVO COMUNALE DI INIZIATIVA PRIVATA B/RU n.22 DI VIA CHIOGGIA - VIALE VENEZIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA INERENTE

Dettagli

TavBa. Provincia Regionale di Ragusa. Aggiornato ai sensi dei disposti del comma A dell'art.10 della L.R. 12.07.2011 n.12

TavBa. Provincia Regionale di Ragusa. Aggiornato ai sensi dei disposti del comma A dell'art.10 della L.R. 12.07.2011 n.12 Provincia Regionale di Ragusa Lavori di "Adeguamento alle norme di sicurezza e prevenzione incendi immobili scolastici nella zona di Ragusa, Comiso e Vittoria. Completamento 2.000.000" - Progetto Esecutivo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E.

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RIFERIMENTO: Richiesta di integrazione P.G. n 119428 del 29/09/2009 OGGETTO: Piano Attuativo

Dettagli

Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali

Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali REQUISITI BASE Gli obblighi di norma si riducono a poche prescrizioni che sinteticamente sono: C D A Il lavabo deve essere di tipo a mensola,

Dettagli

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli.

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli. Report sugli adempimenti normativi riguardanti l abbattimento delle barriere architettoniche con particolare attenzione a quelle che impediscono l orientamento, la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti

Dettagli

ESEMPIO PER LA RESIDENZA

ESEMPIO PER LA RESIDENZA COMUNE DI BOLZANO GEMEINDE BOZEN ESEMPIO PER LA RESIDENZA PRESENTAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI E PUBBLICI A COMPLETAMENTO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE TECNICA DI ACCESSIBILITA

RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE TECNICA DI ACCESSIBILITA Progetto di trasformazione ex Cinema Fox in Centro Culturale Comunale CENTRO CIVICO CINE FOX RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE

Dettagli

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili In presenza di disabili quali ulteriori avvertenze si debbono adottare riguardo la sicurezza antincendio? Il Ministero dell Interno

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE ALBERGHIERE LIVELLO ARGENTO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: STRUTTURA ESTERNA CRITERIO DA RISPETTARE DEVE ESSERE UN PARCHEGGIO PRIVATO.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE ABITAZIONI PERMANENTI URBANE C RESIDENZE COLLETTIVE: residence,

Dettagli

Oggetto: Relazione tecnica di conformità alla L.S. n 13/89, D.M. n 236/89 e DGRV 509/ 10. Disposizioni per favorire il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici. Proprietà/Locatore

Dettagli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI SCHEMI E POSSIBILI SOLUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DELLO SPAZIO COMMERCIALE SCHEMA FUNZIONALE INDICATIVO E DIMENSIONAMENTO ARREDI PER LA ZONA RECEPTION DIMENSIONAMENTO DI

Dettagli

Presidio ospedaliero Santi Cosma e Damiano di Pescia

Presidio ospedaliero Santi Cosma e Damiano di Pescia AZIENDA USL 3 PISTOIA ZONA DISTRETTO VALDINIEVOLE Presidio ospedaliero Santi Cosma e Damiano di Pescia ADEGUAMENTO E RIORGANIZZAZIONE PER LIVELLI DI ASSISTENZA DEL PRESIDIO LAVORI DI SPOSTAMENTO DEL PRONTO

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ PUNTO INFORMATIVO E FORESTERIA DI S. ANTONIO MAVIGNOLA

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ PUNTO INFORMATIVO E FORESTERIA DI S. ANTONIO MAVIGNOLA Parco Adamello Brenta INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ PUNTO INFORMATIVO E FORESTERIA DI S. ANTONIO MAVIGNOLA La struttura è costituita da un unico edificio di quattro piani, in cui sono collocate sia le attività

Dettagli

Ai sensi della normativa citata per tale intervento è richiesto il soddisfacimento dei seguenti livelli di qualità:

Ai sensi della normativa citata per tale intervento è richiesto il soddisfacimento dei seguenti livelli di qualità: PREMESSA La presente relazione tecnica è redatta in ottemperanza alle prescrizioni contenute nel D.P.R. 24 luglio 1996, n. 503 Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO

COMUNE DI SANSEPOLCRO TAVOLA: 9 COMUNE DI SANSEPOLCRO OGGETTO: PIANO DI RECUPERO Edificio Via N. Aggiunti n. 90 TITOLO TAVOLA: ASSEVERAZIONE L. 13/89 COMMITTENTE: FINTRUCKS S.p.a Ing. Bacchi Camillo PROGETTISTA: Dott. ENRICO

Dettagli

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO Pagina 1 di 5 ALLEGATO H Il Datore di Lavoro Il R.S.P.P: visto l R.L.S. Prof.ssa Margherita Ventura Geom. Gabriele Sbaragli Ins. Nadia Capezzali Pagina 2 di 5 In via generale per tutti i plessi scolastici.

Dettagli

IMPIANTI SPORTIVI D.M. 18 Marzo 1996

IMPIANTI SPORTIVI D.M. 18 Marzo 1996 IMPIANTI SPORTIVI D.M. 18 Marzo 1996 NORME DI PREVENZIONE INCENDI MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile COMANDO PROVINCIALE LATINA comando.latina@vigilfuoco.it

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E ATTESTAZIONE DI CONFORMITA' relative alle prescrizioni della L. 9/1/1989 n.13 e D.M. 14.06.1989 n.236.

RELAZIONE TECNICA E ATTESTAZIONE DI CONFORMITA' relative alle prescrizioni della L. 9/1/1989 n.13 e D.M. 14.06.1989 n.236. RELAZIONE TECNICA E ATTESTAZIONE DI CONFORMITA' relative alle prescrizioni della L. 9/1/1989 n.13 e D.M. 14.06.1989 n.236. "Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità

Dettagli

DOTT. ING. ALESSANDRO ZITO

DOTT. ING. ALESSANDRO ZITO PREMESSA La presente relazione è stata predisposta secondo quanto esplicitamente indicato, per la redazione del Progetto Esecutivo, dall art. 35. Relazioni specialistiche del D.P.R. 5 ottobre 2010, n.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI...6 NORME DI RIFERIMENTO...7 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 7 NORME RELATIVE

Dettagli

COMUNE DI CARASCO Provincia di Genova ALLEGATO E RELAZIONE TECNICA LEGGE 13/89

COMUNE DI CARASCO Provincia di Genova ALLEGATO E RELAZIONE TECNICA LEGGE 13/89 . COMUNE DI CARASCO Provincia di Genova ALLEGATO E RELAZIONE TECNICA LEGGE 13/89 oggetto : relazione tecnica ai sensi della Legge 13/89 allegata alla richiesta di permesso di costruire diretto convenzionato

Dettagli

CENTRO VISITE SILVANO MASSOLO AD AISONE

CENTRO VISITE SILVANO MASSOLO AD AISONE Parco Alpi Marittime INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO VISITE DI VERNANTE Il Centro visite è ubicato al piano terra di un edificio posto al centro dell abitato di Vernante in Valle Vermegnana. La struttura

Dettagli

Impianti elettrici e abbattimento delle barriere architettoniche (seconda parte)

Impianti elettrici e abbattimento delle barriere architettoniche (seconda parte) Pubblicato il: 04/01/2005 Aggiornato al: 18/01/2005 (seconda parte) di Gianluigi Saveri Relativamente all impianto elettrico devono essere rimosse tutte quelle barriere che non permettono o che in qualunque

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE PUBBLICI ESERCIZI E RISTORANTI LIVELLO BRONZO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: CRITERIO DA RISPETTARE STRUTTURA ESTERNA BAR E RISTORANTI

Dettagli

COMUNE DI AVETRANA (Provincia di Taranto)

COMUNE DI AVETRANA (Provincia di Taranto) COMUNE DI AVETRANA (Provincia di Taranto) RELAZIONE TECNICA E ATTESTAZIONE DI CONFORMITA' relative alle prescrizioni della L. 9/1/1989 n.13 e D.M. 14.06.1989 n.236. " Prescrizioni tecniche necessarie a

Dettagli

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4.

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4. 1. NOTA GENERALE AL PROGETTO PRELIMINARE Sulla base di quanto stabilito dall Amministrazione Comunale, il presente progetto verrà realizzato per lotti distinti e secondo tempistiche differenti. La prima

Dettagli

G04_REL_LEGGE13_89_DM_236_89

G04_REL_LEGGE13_89_DM_236_89 Progettisti: Resp. del progetto - Prog. arch. e coordinam. Von Gerkan, Marg und Partner - gmp GmbH Arch. Volkwin Marg Progettazione strutture Werner Sobek Stuttgart GmbH e Co. Ing. Michael Duder Progettazione

Dettagli

COMUNE DI CANTU. Regolamento finalizzato all incentivazione economica degli interventi di abbattimento delle barriere architettoniche

COMUNE DI CANTU. Regolamento finalizzato all incentivazione economica degli interventi di abbattimento delle barriere architettoniche COMUNE DI CANTU Regolamento finalizzato all incentivazione economica degli interventi di abbattimento delle barriere architettoniche dicembre 2015 REGOLAMENTO FINALIZZATO ALL INCENTIVAZIONE ECONOMICA DEGLI

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE PUBBLICI ESERCIZI E RISTORANTI LIVELLO ARGENTO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: STRUTTURA ESTERNA BAR E RISTORANTE CRITERIO DA RISPETTARE

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E CENTRO DI SOGGIORNO DI PRA CATINAT (EDIFICIO E. AGNELLI)

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E CENTRO DI SOGGIORNO DI PRA CATINAT (EDIFICIO E. AGNELLI) Parco Orsiera Rocciavrè e riserve di Chianocco e Foresto INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E CENTRO DI SOGGIORNO DI PRA CATINAT (EDIFICIO E. AGNELLI) La struttura, immersa in boschi

Dettagli

Ristrutturazione del campo da rugby Luciano Denti Ipotesi di fattibilità

Ristrutturazione del campo da rugby Luciano Denti Ipotesi di fattibilità SERVIZIO DECENTRAMENTO U.O. Circoscrizione Est Centro Civico: via Alcide de Gasperi, 67 59100 Prato Tel 0574.52701 Fax 0574.183.7305 circoscrizione.est@comune.prato.it Posta certificata: comune.prato@postacert.toscana.it

Dettagli

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2013-2014 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa DPR 151/2011 Regolamento

Dettagli

Eliminazione barriere architettoniche

Eliminazione barriere architettoniche Indice Riferimenti normativi... 3 Percorsi... 4 Pavimentazioni... 4 Aree a parcheggi... 5 Dichiarazione di conformità alla normativa in materia di accessibilità e superamento delle barriere architettoniche...

Dettagli

Fanno parte della presente famiglia, i seguenti requisiti: SICUREZZA CONTRO LE CADUTE E RESISTENZA AD URTI E SFONDAMENTO SICUREZZA DEGLI IMPIANTI

Fanno parte della presente famiglia, i seguenti requisiti: SICUREZZA CONTRO LE CADUTE E RESISTENZA AD URTI E SFONDAMENTO SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ALLEGATO A 1 FAMIGLIA 4 SICUREZZA NELL IMPIEGO AGGIORNATO AL : 20121999 PAG.: 11 PROPOSIZIONE ESIGENZIALE (SECONDO LA DIRETTIVA 89106 CEE) L opera deve essere concepita e costruita in modo che la sua utilizzazione

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ AREA DIDATTICA E PERCORSO PER DISABILI MOTORI DI RONSINAGGIO

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ AREA DIDATTICA E PERCORSO PER DISABILI MOTORI DI RONSINAGGIO Parco Rocchetta Tanaro INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ AREA DIDATTICA E PERCORSO PER DISABILI MOTORI DI RONSINAGGIO L area didattica, spesso utilizzata per l attività di educazione ambientale con le scuole,

Dettagli

IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE. Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1

IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE. Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1 IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1 Invecchiare è l unico modo per non morire giovani Woody Allen Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 2 Un po di

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Ufficio Anagrafe Riglione Il tecnico

Dettagli

Impianti elettrici e barriere architettoniche (Scheda)

Impianti elettrici e barriere architettoniche (Scheda) Principali norme di riferimento: Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua ; Guida CEI 64-50 Guida

Dettagli

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica.

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica. RELAZIONE TECNICA Nel corso dei diversi sopralluoghi tecnici effettuati si sono riscontrate innumerevoli problematiche legate allo stato di conservazione degli edifici nel loro complesso e in particolar

Dettagli

Realizzare l adattabilità

Realizzare l adattabilità PROGETTARE UNA CITTA OSPITALE Ciclo di incontri sulla progettazione accessibile Realizzare l adattabilità Bergamo, 24 settembre 2015 ADATTABILITA 1. Definizioni, riferimenti normativi 2. Come si progetta

Dettagli

Tipologie edilizie e costi

Tipologie edilizie e costi Parcheggi 8-10-2007 11:46 Pagina 18 o- o PROGETTARE TECNOLOGIA Progetto Realizzazione Gestione 18 Tipologie edilizie e costi Parcheggi: quanto costa realizzarli Quanto costa realizzare un parcheggio fuori

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO EDUCAZIONE AMBIENTALE A PALAZZO DI ACCETTURA

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO EDUCAZIONE AMBIENTALE A PALAZZO DI ACCETTURA Parco Gallipoli Cognato e Piccole Dolomiti Lucane INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO EDUCAZIONE AMBIENTALE A PALAZZO DI ACCETTURA Le attività del Centro sono distribuite in due edifici diversi, distanti

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE ESERCIZI COMMERCIALI Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: STRUTTURA ESTERNA CRITERIO DA RISPETTARE IN PRESENZA DI PARCHEGGIO PRIVATO, E PRESENTE

Dettagli

ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE

ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE I tecnici: Ing. Marco Galperti Geom. Fabio Drufovka PREMESSE Obiettivo dei decreti (D.P.R.) n. 384/78 e 236/89 il cui campo di azione nonché le indicazioni

Dettagli

1) E previsto un trasferimento adattato per il trasporto dei clienti con mobilità ridotta? SI NO A richiesta a

1) E previsto un trasferimento adattato per il trasporto dei clienti con mobilità ridotta? SI NO A richiesta a NOME STRUTTURA Hotel Domina Cassia LOCALITA Roma TELEFONO 0039 063035931 E-MAIL romacassia@domina.it DATA 11/02/2006 RESPONSABILE STRUTTURA SITO WEB www.dominaromacassia.com RILEVATORE Passetto L. LA STRUTTURA

Dettagli

* * * * * Pratica VV.F. 4996

* * * * * Pratica VV.F. 4996 Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena ******** ADEGUAMENTO ANTINCENDIO AL PROGETTO GUIDA DEGLI ATRI E DEI VANI SCALA DEL POLICLINICO DI MODENA RELAZIONE TECNICA * * * * * Pratica VV.F. 4996 L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Sede di Milano Palazzo Lombardia

Sede di Milano Palazzo Lombardia Informazioni sui rischi specifici esistenti, sulle misure di prevenzione e protezione e di emergenza adottate presso: Sede di Milano 1. ATTIVITA PRESENTI NELLA SEDE è un grande complesso edilizio pubblico

Dettagli

PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Regione Toscana - Provincia di Livorno PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Scheda n. 51 Data rilievo : 15/03/2005 Foglio n. 1 di 4 ACCESSIBILITA' DEI PERCORSI - STATO ATTUALE: Via L. Sturzo

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22

ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22 TESTO COMPARATO Prescrizioni Tecniche atte a garantire la fruizione degli edifici residenziali privati, degli

Dettagli

COMUNE DI COPERTINO PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI COPERTINO PROVINCIA DI LECCE REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ASSSETTO DEL TERRITORIO SETTORE EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA COMUNE DI COPERTINO PROVINCIA DI LECCE REALIZZAZIONE FABBRICATO EDILIZIA SPERIMENTALE IN ZONA GELSI FSC FONDO PER

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ Parco della Maremma CENTRO VISITE ALBERESE Il Centro ubicato in frazione Alberese a Grosseto, si articola su due piani e dispone di due ingressi. Dall ingresso principale è possibile

Dettagli

BARRIERE ARCHITETTONICHE

BARRIERE ARCHITETTONICHE Comune di Castel San Pietro Terme Piazza XX Settembre, 3 40024 Castel San Pietro Terme (BO) rea Servizi al Territorio SPORTELLO UNICO PER L EDILIZI BRRIERE RCHITETTONICHE 1 DICHIRZIONE DI CONFORMIT I SENSI

Dettagli

Documento integrativo in risposta alla lettera Prot. n. 0035330 del 21-10-2013 recante oggetto: PRATICA N. 74057

Documento integrativo in risposta alla lettera Prot. n. 0035330 del 21-10-2013 recante oggetto: PRATICA N. 74057 Documento integrativo in risposta alla lettera Prot. n. 0035330 del 21-10-2013 recante oggetto: FONDAZIONE CLINICAL INDUSTRIAL RESEARCH PARK Fabbricato ad uso uffici e laboratori di ricerca, in comune

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI... 6 NORME DI RIFERIMENTO... 8 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 8 NORME RELATIVE

Dettagli

NUOVA PISCINA OLIMPICA COPERTA

NUOVA PISCINA OLIMPICA COPERTA Comune di Piacenza UNITÀ DI PROGETTO GRANDI PROGETTI NUOVA PISCINA OLIMPICA COPERTA RELAZIONE DESCRITTIVA Piacenza, luglio 2010 IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO (arch. Taziano Giannessi) Unità di

Dettagli

PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195

PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195 PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195 UFFICIO TECNICO SETTORE DELL EDILIZIA Via Bella Rocca, 7-26100 CREMONA - tel. 4061 - fax n 0372/406474 e-mail: edilizia@provincia.cremona.it ITIS G. GALILEI CREMA.

Dettagli

LA COMPARTIMENTAZIONE LE DISTANZE DI SICUREZZA

LA COMPARTIMENTAZIONE LE DISTANZE DI SICUREZZA Ordine degli Ingegneri della provincia di Taranto Corso di specializzazione in prevenzione incendi ai sensi della Legge 818/1984 e del D.M. 25/3/1985 MODULO C Tecnologie dei materiali e delle strutture

Dettagli

CULTURA PER TUTTI. Considerare le esigenze delle persone con disabilità nei piani di sicurezza degli eventi pubblici

CULTURA PER TUTTI. Considerare le esigenze delle persone con disabilità nei piani di sicurezza degli eventi pubblici CULTURA PER TUTTI Considerare le esigenze delle persone con disabilità nei piani di sicurezza degli eventi pubblici Palazzo Vignola Todi (35 vittime) La Fenice Petruzzelli Duomo e Palazzo Reale Castello

Dettagli

Criteri di valutazione completi utilizzati per la valutazione delle strutture presenti sul sito di "Alto Adige per tutti" - www.altoadigepertutti.

Criteri di valutazione completi utilizzati per la valutazione delle strutture presenti sul sito di Alto Adige per tutti - www.altoadigepertutti. Criteri di valutazione completi utilizzati per la valutazione delle strutture presenti sul sito di "Alto Adige per tutti" - www.altoadigepertutti.it eccellente asfalto, cemento distanza dall'ingresso

Dettagli

Relazione paesaggistica

Relazione paesaggistica COMUNE DI PISA PIANO DI RECUPERO COLONIA GOFFREDO NANNINI CALAMBRONE VIA DEL CASONE Relazione paesaggistica Richiedente: Società Immobiliare FAB srl p.zza D Azeglio, 39 Firenze 1. Tipologia di intervento

Dettagli

Sicurezza e Accessibilità. Ing. Luigi Ferraiuolo Corpo Nazionale Vigili del Fuoco www.vigilfuoco.it

Sicurezza e Accessibilità. Ing. Luigi Ferraiuolo Corpo Nazionale Vigili del Fuoco www.vigilfuoco.it Sicurezza e Accessibilità Ing. Luigi Ferraiuolo Corpo Nazionale Vigili del Fuoco www.vigilfuoco.it Accessibilità Sicurezza? Sicurezza e Accessibilità Ferraiuolo 2/22 SICUREZZA ANTINCENDIO La sicurezza

Dettagli

oggetto: Adeguamenti strutturali e manutentivi relativi all applicazione della normativa di igiene e sicurezza sul lavoro

oggetto: Adeguamenti strutturali e manutentivi relativi all applicazione della normativa di igiene e sicurezza sul lavoro (Carta intestata dell Istituzione Scolastica) Al Provincia/ Comune/ Municipio ) (il destinatario deve essere il soggetto tenuto alla fornitura e manutenzione dell immobile)... data... oggetto: Adeguamenti

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO DOCUMENTAZIONE DELLE IMBARCAZIONI DELLE ACQUE INTERNE

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO DOCUMENTAZIONE DELLE IMBARCAZIONI DELLE ACQUE INTERNE Parco del Lago Trasimeno INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO DOCUMENTAZIONE DELLE IMBARCAZIONI DELLE ACQUE INTERNE Il Museo, ubicato a Passignano sul Trasimeno, è costituito da due ambienti espositivi distribuiti

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE

INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE BIGLIETTERIA DELLA COMPAGNIA DI NAVIGAZIONE NOTE RIASSUNTIVE MEZZI DI COLLEGAMENTO Mezzi di

Dettagli

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 1 Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 DEFINIZIONE Luoghi destinati a ospitare posti di lavoro, ubicati all interno dell azienda o dell unità produttiva, nonché ogni altro luogo di pertinenza dell'azienda

Dettagli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. distribuzione dei tavoli e dei percorsi all interno della biblioteca o della mediateca

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. distribuzione dei tavoli e dei percorsi all interno della biblioteca o della mediateca ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI distribuzione dei tavoli e dei percorsi all interno della biblioteca o della mediateca dimensionamento tavoli per lettura/consultazione testi e ricerca per biblioteca o

Dettagli