CRITICITA RISCONTRATE SUL PROGRAMMA DI RECUPERO URBANO MAGLIANA (Art. 11 legge 493/93) - XV MUNICIPIO IN RELAZIONE AI SEGUENTI INTERVENTI:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CRITICITA RISCONTRATE SUL PROGRAMMA DI RECUPERO URBANO MAGLIANA (Art. 11 legge 493/93) - XV MUNICIPIO IN RELAZIONE AI SEGUENTI INTERVENTI:"

Transcript

1 CRITICITA RISCONTRATE SUL PROGRAMMA DI RECUPERO URBANO MAGLIANA (Art. 11 legge 493/93) - XV MUNICIPIO IN RELAZIONE AI SEGUENTI INTERVENTI: interventi privati 16 Nuova costruzione di due edifici residenziali su Viale Prospero Colonna 1D - Realizzazione di un complesso edilizio formato da edifici residenziali ed edifici terziari presso via Cruciani 17 - Ristrutturazione ed ampliamento di un edificio non residenziale a Via dei Grottoni interventi pubblici Op. 8 Prolungamento di Viale Prospero Colonna Fino a Via Cruciani Op. 9 Realizzazione nuova viabilità carrabile compreso sottopasso tra ferrovia e Via della Magliana GIUGNO 2008

2 INDICE 1. PREMESSA AREA OGGETTO DI INDAGINE INQUADRAMENTO DELL AMBITO INQUADRAMENTO GEOLOGICO REDATTO DAL COMUNE DI ROMA Descrizione geologica dell area Descrizione idrogeologica dell area Caratteri geomorfologici dell area Elementi geomorfologici che possono destare preoccupazione Cavità sotterranee Stabilità CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE OPPORTUNITA DELL UTILIZZO DELL AREA A VERDE PUBBLICO...25 ALLEGATI GRAFICI - Inquadramento area di studio - Documentazione fotografica - reperti archeologici - Documentazione fotografica - rinvenimento sorgenti - Stralcio carta geologica del comune di Roma - Stralcio carta idrogeologica del comune di Roma - Stralcio carta ubicazione sondaggi del comune di Roma - Stralcio carta delle cavità sotterranee del comune di Roma

3 1. PREMESSA Con il presente documento si vogliono analizzare le caratteristiche ambientali e territoriali di un area del XV Municipio che rientra nel Programma di recupero Urbano della Magliana (Art. 11 legge 493/93). Il P.R.U. Magliana investe un ambito Stretto fra il Tevere e i binari della ferrovia regionale che collega Orte all'aeroporto di Fiumicino. Gli interventi del programma si articolano lungo due assi: l'asse del verde, che dal parco di Villa Bonelli, attraverso via Pescaglia e via Cutigliano arriva a i giardini di via Castiglion Fibocchi e di qui al nuovo Parco Fluviale del Tevere; l'asse dei servizi e delle nuove funzioni, che collega il quartiere all'università Roma Tre di Valco San Paolo con un uovo ponte pedonale e attraversa il quartiere passando per il mercato pubblico di via Lari fino ad allacciarsi alla zona di via Greve dove prenderà vita un polo di attività commerciali, culturali e ricettive. Il sistema della viabilità interna e di collegamento con la città verrà riorganizzato potenziando e completando l'attuale sistema di attraversamento della linea ferroviaria e la risistemazione e il completamento importante nodo viario tra via Isacco Newton, il ponte della Magliana, l'autostrada Roma Fiumicino, via della Magliana e via della Magliana Nuova. I confini di intervento vengono individuati a nord con il quartiere Marconi oltre piazza Meucci, ad est con il fiume Tevere, a sud con la zona artigianale e produttiva presente oltre l autostrada per l aeroporto di Fiumicino e ad ovest con il quartiere Portuense situato sulle colline prospicienti la linea ferroviaria FM1.

4 Il P.R.U. è formato da: 21 proposte private d intervento n.24 Opere Pubbliche.

5

6 2. AREA OGGETTO DI INDAGINE All interno di tutte queste proposte si colloca l area oggetto di questa analisi e che si riporta di seguito, e che racchiude l AMBITO Grottoni P. Colonna Cruciani : Gli interventi privati sono: 16 Nuova costruzione di due edifici residenziali su Viale Prospero Colonna 1D - Realizzazione di un complesso edilizio formato da edifici residenziali ed edifici terziari presso via ruciali 17 - Ristrutturazione ed ampliamento di un edificio non residenziale a Via dei ruciali Gli interventi pubblici sono: Op. 8 Prolungamento di Viale Prospero Colonna Fino a Via ruciali Op. 9 Realizzazione nuova viabilità carrabile compreso sottopasso tra ferrovia e Via della Magliana

7 Nell ALLEGATO A - Indice Programma Magliana si dice chiaramente come questi specifici interventi hanno reso necessario delle varianti di destinazione urbanistica e di indici di fabbricabilità territoriale. Per esempio: - per l intervento privato 16 da zona N a zona E2 - per intervento privato n.17 l indice di fabbricabilità è passato da2,5 mc/mq a 4,04 mc/mq - per intervento privato 1D, si passa da zona M3 e zona N a zona M2 e zona E2 A seguito dell adozione del PROGRAMMA da parte del Consiglio Comunale nel 2001 sono state approvate le varianti agli strumenti urbanistici generali. Gli Articoli 11, risalgono ad una Legge del 1993 e nascono con obiettivi di coinvolgere i Privati nella riqualificazione di ambiti che non erano stati prestabiliti all interno dell area vasta Magliana e Corviali- Trullo. Si rammenta che nel 1997 si approvò la variante di PRG Piano delle Certezze e in quella occasione venne recepita una proposta per la soppressione della previsione del Piano del 62 che tracciava il proseguimento di Viale Prospero Colonna, in viadotto, con quadrifoglio su via della Magliana e nuovo ponte sul Tevere verso Valco S.Paolo per le motivazioni seguenti: - rilevanza storico-monumentale, ambientale e paesistica dell area in cui ricadeva l opera di viadotto con la presenza della chiesa medioevale di S. Passera; - pericolosità dell opera per la vivibilità del Quartiere essendo ricca di servizi quali chiesa, mercato, negozi, scuole e una strada tipo via dei Colli Portuensi sarebbe stata pericolosa anche per l attraversamento; - aumento dell inquinamento da rumore e atmosferico. Infatti i Comune di Roma con il PRG di marzo 2003 nella Tavola degli Scenari dei municipi C14 di cui si riporta uno stralcio cartografico non evidenzia tutti gli interventi in seguito contenuti nel PRU Magliana e inseriti nel frattempo in Sistemi e Regole. Tavola degli Scenari dei municipi C14

8 Legenda degli interventi

9 PRG Sistemi e regole 3.0 adottato con del. C.C. n.33 del 19/20 marzo 2003

10 3. INQUADRAMENTO DELL AMBITO L area che si vuole indagare è quella posta tra Viale Prospero Colonna, Via Alberto Mancini, Via dei Grottoni e Via Cruciani.

11 Presenta un dislivello tra V. P. Colonna e V. Grottoni di circa 100 metri e verso Via Cruciani è perimetrata dalla linea ferroviaria. L area è sempre stata destinata verde pubblico e, come si può osservare dalla foto aerea, lo è ancora attualmente. Non si è mai costruito perché l area è geologicamente instabile e pertanto il Piano Regolatore Generale precedente gli aveva dato la destinazione parco pubblico attrezzato. Su Via della Magliana si trova la chiesetta di Santa Passera testimonianza della zona portuale di Santa Passera che si estendeva in età Romana e pre-romana sino all'odierna Via Dei Grottoni. Qui si possono riscontrare le grotte (da cui Via Dei Grottoni) che venivano utilizzate anche come cimiteri ( vedasi i reperti ritrovati che rappresentano chiaramente una camera funeraria) Si riporta la documentazione fotografica elaborata dai residenti in quest area, durante degli scavi effettuati in modo molto particolare vista l assenza di pubblicità dei sondaggi stessi. Come si vede le foto evidenziano le criticità ambientali che ostacolano in modo pesante ogni tipo di intervento su questa zona che non a caso è rimasta così dagli anni 50. Oltre alle immagini ci sono degli altri fatti oggettivi tutti insistenti su vie ed edifici che verrebbero direttamente coinvolti dagli interventi PRU,come : - l irrimediabilità alla voragine di Via Giannetto Valli chiusa al traffico da anni - I lavori di consolidamento e di attività di monitoraggio sugli edifici Enasarco tra via Valli e Prospero Colonna, andati avanti per anni - I lavori di rinforzo statici per alcuni complessi residenziali di Via Mancini tutt ora in corso - I continui interventi da parte dell ACEA e dell Italgas per riparazioni alle infrastrutture (acquedotto, fognature, metanodotti) legati all instabilità della zona - Il distacco dei muri perimetrali solidali alla strada da vari complessi residenziali di Viale Prospero Colonna, testimonianza del precario equilibrio idrogeologico dell area Di seguito si riportano i dati del Comune di Roma stesso che conosce le peculiarità geologiche di questa area, gli studi condotti dalla provincia e dall Università a testimonianza della reali problematiche statico-geologiche dovute alle formazioni sulle quali poggiano le fondamenta delle palazzine di tutta la zona. Alla fine si riportano le considerazioni conclusive sullo stato dell area.

12 4. INQUADRAMENTO GEOLOGICO REDATTO DAL COMUNE DI ROMA Si riportano gli studi condotti dal Comune di Roma che nella Relazione geologico - tecnica G9 hanno esposto le analisi e le valutazioni al fine di fornire gli elementi generali sul suolo e sul sottosuolo del territorio comunale. Per molte aree le caratteristiche del territorio impongono un impegno maggiore che vada al di là delle disposizioni di legge e che permetta di affrontare in maniera efficace le problematiche locali. Dalle descrizioni geologiche e geomorfologiche del XV Municipio di seguito riportate si sottolinea come,le stesse considerazioni conclusive del Comune di Roma fanno emergere notevoli criticità ai fini urbanistici sull area in oggetto. 4.1 Descrizione geologica dell area La morfologia si presenta prevalentemente pianeggiante rientrando in toto nella valle e nella Piana del Tevere. Nell area affiorano o sono presenti nel sottosuolo terreni connessi alla storia geologica recentissima del territorio romano quando, al termine dell ultimo glaciale, la risalita del livello marino ha provocato il colmamento della valle e la modellazione della linea di costa tuttora in evoluzione. Si tratta, prevalentemente di alternanze di terreni sabbiosi e limoargillosi di origine alluvionale, contenenti orizzonti di argille onelli e, più raramente, livelli ghiaiosi. Lo spessore della serie alluvionale è dell ordine delle varie decine di metri con aumento dai bordi della Valle al centro e da monte verso valle. Si passa da pochi metri lungo i margini della valle del Tevere a circa 80 m ai limiti occidentali della città fino a circa m in prossimità del mare. I terreni alluvionali hanno per lo più caratteristiche tecniche scadenti (pessime in corrispondenza dei livelli torbosi), sovente ulteriormente peggiorate dalla presenza della falda subaffiorante o comunque a piccola profondità. I modesti rilievi, presenti ai bordi dell area, sono costituiti da orizzonti sedimentari di origine continentale antica, contenenti sabbie, ghiaie ed argille, talora sormontati da orizzonti, per lo più di modesto spessore, di vulcaniti connesse in sinistra Tevere all attività vulcanica dei Colli Albani e in destra prevalentemente a quella degli apparati Sabatini. Si riporta in allegato uno stralcio della Carta geologica redatta dall Università Roma Tre per il Comune di Roma del 2005, dove si evidenziano le formazioni come da tabella che segue:

13 L area in esame ricade nelle Alluvioni recenti. Anche per questa porzione di territorio nello studio condotto da Ventriglia sono state riunite tutte le informazioni dei sondaggi, degli esami dei fronti di sbancamento, delle indagini geologiche. Nella Parte II relativa ai SONDAGGI E SEZIONI STRATIGRAFICHE nel foglio 5 (Settori Ottavia, Tomba di Nerone, Casalotti, Roma N O, La Massimina, Casal Lumbroso, Roma S O, Ponte Galeria, EUR) si ubicano i sondaggi presenti nell area che in parte si riportano ad evidenziazione della presenza accertata di cavità, di antiche cava di ghiaia e di livelli di falda a diverse profondità H 10/1 a Largo S. Silvia. Pozzo da 52 m. s.l.m.; prof. 20 m. Stratigrafia 0-4 terreno di riporto; 4-15 limo argilloso, addensato (qt); 5-20 sabbia limosa, avana, giallastra (qt). H 10/1 b Piazza A. Lorenzini. Pozzo da 52 m. s.l.m.; prof. 20 m. Stratigrafia 0-3 terreno di riporto; 3-5 limo argilloso, giallognolo marrone, con frammenti calcarei (qt); 5-20 sabbia fine, limosa, debolmente argillosa, giallo avana (qt). H 10/2 Via dei onelli: presso la ferrovia Roma-Civitavecchia. Note In uno scavo per fondazioni, al di sotto di una banco di ghiaia (qt), circa alla quota di 25 m. s.l.m., è stata incontrata argilla grigio azzurra a strati sottili con intercalazioni regolari di sabbia giallastra. In base allo studio micropaleontologico tali argille sarebbero riferibili al Pliocene Medio Superiore. H 10/4 Via G. Sirtori.

14 Pozzo da 52 m. s.l.m.; prof. 20 m. Stratigrafia 0-6 terreno di riporto; 6-8 cavità; 8-17 limo argilloso (qt); sabbia fine, deb. Argillosa, gialla (qt). H 10/5 a Presso via A. Mancini. Pozzo da 39 m. s.l.m.; prof. 15 m. Stratigrafia 0-4 argilla e sabbia (qt); 4-8 sabbia ed argilla azzurra, compatta (qt); 8-15 ghiaia (qt). Note È accertata la presenza di gallerie scavate nella ghiaia. H 10/6 Via dei Grottoni: tra via della Magliana e la ferrovia. Pozzo da 17 m. s.l.m.; prof. 27 m. Stratigrafia 0-22 argilla verdastra (qa); ghiaia sede di una falda acquifera (qa). H 10/7 Via del Casaletto: nei pressi di via Portuense. Pozzo da 40 m. s.l.m.; prof. 14 m. Stratigrafia 0-6 sabbia argillosa, gialla (qt); 6-12 sabbia gialla (qt); argilla azzurra con lenti di ghiaia (qt); Note A 12 m. di profondità è stata incontrata una piccola falda acquifera. Falda acquifera Livello statico: 28 m. s.l.m. H 10/8 Via Portuense: angolo via L. Kossuth. Pozzo da 52 m. s.l.m.; prof. 18 m. Stratigrafia 0-3 tufo incoerente (Sl3); 3-15 sabbia argillosa; argilla azzurra. Note È segnalata la presenza di una galleria al contatto tra il tufo e la sabbia gialla. H 10/9 a Piazza A. Lorenzini: angolo via L. Angeloni. Pozzo da 45 m. s.l.m.; prof. 11 m. Stratigrafia 0-7 argilla verde giallastra, con venature e strati intercalati sabbiosi (qt); 7-9 argilla giallastra, sabbiosa (qt); 9-11 argilla grigio azzurrastra, compatta (qt). Note È stata incontrata una modesta falda acquifera a circa 7 m. di profondità. Falda acquifera Livello statico: 45 m. s.l.m. H 10/12 b Via A. Matricardi: angolo via dell Imbrecciato. Note Nella zona è segnalata la presenza di gallerie e camere sotterranee di una probabile antica cava di tufo. H 10/13 Via V. Statella Pozzo da 38 m. s.l.m.; prof. 20 m.

15 Stratigrafia 0-3 terreno di riporto; 3-5 limo sabbioso (qt); 5-6 cavità; 6-12 limo sabbioso, scuro (qt); limo argilloso, grigio scuro (qt). H 10/16 Via G. Valli: presso via P. Colonna. Pozzo da 40 m. s.l.m.; prof. 20 m. Stratigrafia 0-6 terreno di riporto; 6-12 limo sabbioso, marrone, avana (qt); sabbia fine, limosa, marrone scuro (qt). H 10/17 a Via V. Statella. Pozzo da 38 m. s.l.m.; prof. 20 m. Stratigrafia 0-3 terreno di riporto; 3-6 limo argilloso, grigiastro (qt); 6-7 cavità; 7-10 limo argilloso, grigiastro (qt); sabbia fine, limosa, debolmente argillosa, marrone (qt); limo argilloso (qt). H 10/19 Via G. Valli: angolo vicolo di Vigna Rosati. Note Nella zona esisteva un antica cava di ghiaia i cui lavori si svolgevano in sotterraneo. H 10/21 Via dell Imbrecciato: angolo via Santorre di Santarosa. Pozzo da 55 m. s.l.m.; prof. 20 m. Stratigrafia 0-3 terreno vegetale e terreno di riporto e forse un livello di tufo (Sl3); 3-5 sabbia gialla con un livello di tartaro ; 5-14 argilla gialla; alternanza di strati di argilla e sabbia. Note A 12 m. di profondità è stata raggiunta una piccola falda acquifera. Falda acquifera Livello statico: 36 m. s.l.m. H 10/24 Via Portuense: angolo via del Trullo. Pozzo da 22 m. s.l.m.; prof. 22 m. Stratigrafia 0-16 argilla limosa (qa); ghiaia, sede di una modesta falda acquifera (qt). H 10/25 Via P. Baffi. Pozzo da 32 m. s.l.m.; prof. 20 m. Stratigrafia 0-2 terreno di riporto; 2-9 sabbia limoso argillosa, avana (qt); 9-12 limo sabbioso, argilloso (qt); ghiaia con sabbia (qt). H 10/29 Via della Magliana Nuova: angolo con via di Villa onelli. Pozzo da 13 m. s.l.m.; prof. 15 m. Stratigrafia 0-6 limo argilloso sabbioso (qa); 6-7 limo sabbioso, grigio scuro (qa); 7-12 argilla limosa, grigio scura (qa);

16 12-14 argilla grigio scura, con abbondanti resti vegetali (qa) limo argilloso, scuro (qa). Note A m. 14 di profondità è stata incontrata una falda acquifera. Falda acquifera Livello statico: -3 m. s.l.m. 4.2 Descrizione idrogeologica dell area Per l aspetto idrogeologico, come dagli studi effettuati da Funiciello & Giordano nel 2005, dalla carta idrogeologica redatta dal Ventriglia e dalla carta stessa del VX Municipio G9.3.10, la superficie della zona è dominata da terreni permeabili per porosità da poco a mediamente permeabili. L'aspetto idrogeologico è da tenere in considerazione soprattutto nel caso di opere che comportano un drenaggio della falda esistente. I corsi d acqua maggiori sono il Fosso di Galeria ad ovest ed il Fosso della Magliana più ad est, ambedue affluenti del Tevere. Questi hanno una direzione prevalente N-S e ricevono gli apporti di numerosi fossi di direzione, grosso modo, NE-SO che, con le loro incisioni abbastanza profonde danno all intera area un aspetto caratteristico con rilevi allineati, lunghi e stretti. I principali tributari del Fosso di Galeria sono, da nord a sud: Fosso di Campo, Fosso di Pantano del grano, Fosso di S. Maria Nuova. I principali affluenti del Fosso della Magliana sono: Fosso di Marmo Nuovo, Fosso di Mimmoli, Fosso di Montespaccato, Fosso di Acquafredda, Fosso di Bravetta. Il Fosso Galeria è considerato dall Autorità di bacino ad alto rischio idraulico, specialmente nella parte terminale del suo corso. Questa zona si caratterizza per la presenza di una serie sedimentaria sabbio-ghiaiosa sottoposta ad una successione vulcanica piroclastica ricollegabile al vulcanismo sabatino. 4.3 Caratteri geomorfologici dell area La morfologia del territorio comunale di Roma è stata influenzata in maniera diretta sia dalle vicissitudini geologiche del Pleistocene che dai corsi d acqua, primo tra tutti il Tevere, che con l incessante attività erosiva, di trasporto e deposito, hanno modellato i rilievi e agito sulle valli e sulle pianure, modificandole continuamente. Le caratteristiche morfologiche del territorio comunale di Roma sono, nel loro insieme, abbastanza uniformi. Nell area romana è presente in maniera pressoché continua una copertura di terreni di origine vulcanica che ha coperto, e spesso mascherato, i preesistenti terreni sedimentari. Su questa copertura, con l erosione e il successivo colmamento delle valli, eventi legati all ultimo glaciale,

17 verificatosi in un arco di tempo tra i e i anni or sono, si è impostato un sistema idrografico molto ben sviluppato il cui asse drenante principale è il Tevere con i suoi affluenti. La morfologia, relativamente giovane, risente, soprattutto nella porzione occidentale del territorio, della presenza dei terreni vulcanici a tetto, terreni generalmente lapidei, o comunque coesivi, ricoprenti terreni a bassa coesione e facilmente erodibili. Ciò caratterizza gran parte dei rilievi che mostrano abbastanza spesso cigli di scarpata netti con pareti a pendenza elevata. La presenza di ottimi materiali da costruzione (tufi, pozzolana, lave, sabbia, ghiaia e argilla) e la presenza di Roma e di altri centri abitati importanti hanno favorito lo svilupparsi di una intensa attività di escavo. Tale attività ha notevolmente alterato settori importanti del territorio, particolarmente negli immediati dintorni della città di Roma, ma anche attorno ai centri abitati minori. La serie sabbiosa e ghiaiosa è stata sin dall antichità oggetto di escavo per la produzione di inerti. Le vecchie cave, ormai esaurite, sono spesso ricolmate, però solo parzialmente, con materiali inerti e con i derivati dello scavo della scoperta delle vecchie e nuove attività di scavo. Poiché si tratta di riporti di età molto recente fino all attuale, l assestamento per consolidamento dei terreni si presenta lento e costante nel tempo. In caso di carichi concentrati, anche modesti, la consolidazione si accentua con cedimenti per lo più disuniformi in ragione delle caratteristiche disomogenee del terreno di colmata. Infine, al contatto tra le aree oggetto di scavo e quelle ricolmate si potranno avere salti morfologici importanti, qualche rara volta nascosti sotto la coltre dei riporti. Attorno al centro storico di Roma, ma anche intorno a centri periferici del Comune, in epoca antica sono stati scavati ambienti e lungo cunicoli a scopo culturale. La gran parte di questi è stata esplorata, ma ancora oggi si rinvengono ambienti ipogei mai segnalati. L escavazione si è sviluppata spesso in sotterraneo con la creazione di gallerie alte e ramificate anche su più livelli. La ricostruzione topografica di tale rete di cunicoli e gallerie è impossibile. Esistono parziali rilievi per le aree di recente urbanizzazione e per alcune aree del centro storico. Per il resto, l individuazione delle zone ove possono essere presenti gallerie non può che essere delegata alla geologia e alla geomorfologia. Lungo le valli, ove le pozzolane e il tufo litoide erano ricoperti da coltri di spessori importanti di terreni di scarso interesse, l escavazione avveniva in galleria. Se in tali aree vi sono indicazioni della presenza di ipogei è possibile, se non probabile, che esistano gallerie che possono estendersi per molti chilometri. Le cave a cielo aperto sono spesso ricolmate con materiali di riporto di varia natura a volte con caratteristiche tecniche pessime che a contatto con le pareti dei fronti di scavo e possono determinare cedimenti differenziali.

18 Talora, negli anni passati, sembra che si sia verificato il caso che per il ritombamento abbiano usato anche rifiuti, sia inerti che RSU. Poiché si tratta di riporti molto recenti, l assestamento per compattamento dei terreni, anche senza carichi, si presenta lento e costante nel tempo. In caso di carichi concentrati, anche modesti, la velocità di compattazione aumenta, ma cresce per lo più in modo disuniforme in ragione delle caratteristiche disuniformi del terreno di colmata. Al termine di questo recupero ambientale si hanno delle aree, più basse rispetto al rilievo originale, costituite da terreni molto comprimibili e con caratteristiche tecniche spesso molto scadenti e soggette a frane e scoscendimenti Su queste aree i rischi di dissesti e cedimenti sono molto alti. 4.4 Elementi geomorfologici che possono destare preoccupazione In termini generali i principali elementi geomorfologici messi in luce che possono destare preoccupazione ai fini urbanistici vengono appresso descritti Cavità sotterranee Il sottosuolo del territorio romano è interessato da numerosissime cavità sotterranee di varia origine e dalle diverse funzioni (cave, catacombe e, soprattutto nella porzione della città storica, cunicoli idraulici, ipogei ed altro). Gli studi e gli scavi archeologici condotti sulla città storica e le opere infrastrutturali e di urbanizzazione della nuova città hanno portato alla scoperta ed alla delimitazione, in alcuni casi esatta ed in altri ipotizzata, di cavità, che possono essere sia puntuali, come singoli o luoghi di culto, che ramificate e dicotomizzate in una rete ben sviluppata ad occupare una vasta area, come reti fognarie, catacombe o cave. Le volte di queste cavità per cause naturali, e ancora di più se sollecitate, possono crollare provocando dei risentimenti e danni anche notevoli sulla superficie. Lo studio condotto da Ventriglia per l Ammnistrazione Provinciale di Roma ha permesso di censire numerose aree dove sono state segnalate cavità sotterranee come si evidenzia nello stralcio riportato, mostrando a ridosso di Viale Prospero Colonna perimetrazioni relative a Zone nelle quali è molto probabile l esistenza di cavità sotterranee nelle rocce sedimentarie. Infatti sono abbondanti le segnalazioni di cavità sotterranee con estensione direttamente accertata e di gruppi di cavità tra loro ricollegabili.

19 Di seguito si riporta parte del cap da CAVITA SOTTERRANEE Ugo Ventriglia Geologia del territorio del Comune di Roma Provincia di Roma CAVE SOTTERRANEE NELLE VULCANITI Le pozzolane ed i tufi per le loro buone qualità sin dall antichità sono stati coltivati con cave non solo a cielo aperto, ma anche in sotterraneo. Si sono così venute a creare o delle grandi camere sotterranee, comunicanti fra loro, il cui tetto è sostenuto soltanto da pilastri disposti, in genere, senza alcuna regola od una fitta rete di gallerie disposte in modo da realizzare maglie nella maggior parte dei casi irregolari. Per la notevole potenza delle singole formazioni ed anche perchè vi erano più litotipi utilizzabili, si riscontrano oggi più ordini sovrapposti di gallerie e, per la maggior parte dei casi, non vi è corrispondenza in verticale fra i pilastri dei diversi livelli. Le estrazioni delle piroclastiti con cave in sotterraneo sono state spinte in profondità il più possibile secondo le condizioni locali. In alcuni casi esse hanno raggiunto la falda acquifera che ha impedito il loro ulteriore approfondimento. Non è possibile fornire le esatte ubicazioni, estensioni, profondità ed altezze di tutte le cavità esistenti nelle vulcaniti nel sottosuolo del Comune di Roma e non soltanto perchè sono numerosissime, ma soprattutto sia perchè nel corso dei tempi si è perduto il ricordo della loro esistenza e sia perchè in molte cave franamenti e zone pericolanti ne hanno reso impossibile il rilevamento. Si può fornire soltanto un elenco delle zone particolarmente interessate dalla presenza di tali cavità sotterranee; soltanto in alcuni casi si possono fornire più dettagliate indicazioni sulla base di quanto acquisito con sondaggi, indagini geofisiche di superficie, rilevamenti topografici di vuoti accessibili, ecc. Nell elenco dei sondaggi e sezioni stratigrafiche sono indicati tutti i punti nei quali è stata riscontrata, con sondaggi, indagini geofisiche e rilevamenti diretti, la presenza di cavità sotterranee, ma è ovvio che in altri punti ne possono esistere altre che attualmente non è stato possibile accertare. Da quanto finora acquisito risulta comunque che in tutta la zona interessata dai tufi e dalle pozzolane dovute all attività del vulcano Laziale e dove questi prodotti hanno sufficienti spessori è stata accertata la presenza di vecchie lavorazioni in sotterraneo e che quindi in tutta la zona e non soltanto nei punti esplorati è probabile o molto probabile la presenza di cavità sotterranee. Per la zona più settentrionale del territorio del Comune di Roma, ove sono presenti i prodotti dell attività dei vulcani sabatini, mentre ove assumono importanza la pozzolana nera ed il tufo grigio granulare litoide esistono ancora vuoti in forma di gallerie piuttosto ristrette, ove invece prevale il tufo stratificato di Sacrofano (Sl3) ed il tufo stratificato varicolore de La Storta (Sg1) i vuoti o mancano del tutto o si riducono a cunicoli la cui funzione è stata, probabilmente, quella di drenaggi d acqua. SI riporta la pianta delle Cavità sotterranee presso la via Portuense nel comprensorio di via Vigna Pia, nella zona tra via di Vigna Pia e la ferrovia. Coltivazione eseguita con il sistema dei pilastri abbandonati corti.

20 Al paragrafo ZONA PORTUENSE riporta: In via G. Valli, viale P. Colonna e vicolo di Vigna Rosati, ai piedi del rilievo di quota 60 m. s.l.m., è stata accertata la presenza di gallerie di un antica cava di ghiaia (qt) i cui lavori si svolgevano esclusivamente in sotterraneo. Altre cavità sono collegate alla presenza di Catacombe Nel XV municipio sono stati censiti due casi di dissesto. Inoltre sull area è stata svolta una relazione mappa di rischio geotecnica Università Roma Tre - ingegneria per la protezione del territorio dai rischi naturali docente dott. Guido Giordano, in cui è stato valutato il rischio geotecnico sul XV e sul XVI municipio identificate nella carta geologica di Funiciello & Giordano del 2005 dalla zona CTR Anche questo lavoro, porta alle conclusione che l area è a rischio geotecnico avvalorando ulteriormente le criticità che andiamo denunciando circa le problematiche di cedimento delle fondazioni e della presenza di cavità sotterranee.

21 4.4.2 Stabilità Gli unici piccoli eventi franosi conosciuti sono ubicati all interno della città (Monteverde, Viale Tiziano, Campidoglio). Fattori di instabilità sono attribuibili alla presenza di numerosi cigli di scarpate, sia di origine naturale che antropica, che, ancorché si presentino attualmente in equilibrio, potrebbero, se sottoposti a sollecitazioni, presentare dei problemi di rischio. Nella carta geomorfologia in prossimità di V. Prospero Colonna si segnala la presenza di uni ciglio di scarpata. Si allegano gli elaborati grafici: stralcio della CARTA GEOMORFOLOGIA - XV Municipio G del PRG di Roma Dipartimento alle Politiche della Programmazione e Pianificazione del Territorio Stralcio CARTA GEOLOGICA del Comune di Roma a cura di Renato Funiciello e Guido Giordano Università Roma TRE del 2005 stralcio della CARTA IDROGEOLOGICA - XV Municipio G del PRG di Roma Dipartimento alle Politiche della Programmazione e Pianificazione del Territorio stralcio della CARTA DELLE CAVITA SOTTERRANEE dell Amministrazione Provinciale Ugo Ventriglia stralcio della CARTA UBICAZIONE SONDAGGI E DELLE SEZIONI STRATIGRAFICHE dell Amministrazione Provinciale Ugo Ventriglia

22 5. CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE Da quanto sopra esposto, nell area di studio vi è la presenza di condizioni e situazioni sfavorevoli che rendono inopportuna qualunque ipotesi di edificabilità e che comunque impongono l esecuzione di studi di gran dettaglio, dovuti a: presenza di cigli di scarpata e/o di versanti a scarsa stabilità potenziale, presenza di terreni a scarse o pessime caratteristiche tecniche, eventualmente peggiorate dalla presenza di una falda idrica subaffiorante, contatti stratigrafici tra terreni a litologia e caratteristiche differenti, presenza di accumuli di terreni di riporto, possibilità di incontrare cavità sotterranee, ecc.. Pertanto per tali criticità eventuali interventi progettuali o infrastrutturali andrebbero ad aggravare il problema del pericolo e del rischio preesistente sull'area soprattutto nell interazioni con le cavità. Problemi che per essere studiati richiedono indagini ed interventi molto impegnativi ed onerosi sotto l'aspetto economico con la necessità dell'intervento e il coordinamento e responsabilità dell'autorità pubblica dato l'impegno finanziario legato agli accertamenti di dettaglio, a più precise valutazioni del rischio e alla scelta degli interventi di consolidamento più idonei. Le conseguenze di crolli sotterranei dovuti a variazioni dello stato tensionale sono spesso oggetto di notizie di cronaca. I volumi vuoti sono generati o da improvvisi crolli verificatisi durante le fasi di scavo o dall azione erosiva dell acqua. Uno degli elementi messi in luce con gli studi di carattere geomorfologico è la presenza di cigli di scarpata. Salti morfologici che possono rivelarsi potenzialmente instabili specialmente se gravati dal carico di eventuali manufatti. Le indicazioni fornite dal presente studio, tenuto conto della scala di indagine, sono puramente di carattere generale e dovranno essere validate, laddove necessario, da accurati studi di verifica di stabilità dei versanti condotti attraverso indagini specifiche di tipo geologico, geognostico e geotecnico. All interno del territorio esistono aree con terreni di scarse o pessime caratteristiche tecniche riconducibili, soprattutto, ai depositi costieri ed alle alluvioni. In linea di massima su tali terreni sono da evitare fondazioni dirette così come i movimenti terra di una certa importanza che saranno subordinati all esecuzione di accurati studi preliminari. A riguardo anche Ventriglia nel capitolo II in I problemi geotecnici nello sviluppo urbano nell ambito del comune di Roma, fornisce indicazioni sulle caratteristiche fisico meccaniche dei terreni ed in merito alla formazione dei depositi alluvionali sulla quale è ubicata l area in esame, riporta: ALLUVIONI COME TERRENI DA FONDAZIONE Per quanto riguarda le alluvioni come terreno da fondazione può senz altro affermarsi che esso è il peggiore fra quelli esistenti nell ambito della città di Roma.

INDICE CARATTERISTICHE GENERALI DELLO STUDIO 2. Premessa 2. Ubicazione dell area 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO, GEOMORFOLOGICO E IDROGEOLOGICO 3

INDICE CARATTERISTICHE GENERALI DELLO STUDIO 2. Premessa 2. Ubicazione dell area 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO, GEOMORFOLOGICO E IDROGEOLOGICO 3 INDICE CARATTERISTICHE GENERALI DELLO STUDIO 2 Premessa 2 Ubicazione dell area 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO, GEOMORFOLOGICO E IDROGEOLOGICO 3 Caratteristiche geomorfologiche e geologiche 3 Caratteristiche

Dettagli

Terme, con delibera della G.M. N 133 del 26 febbraio 2002, per la redazione della

Terme, con delibera della G.M. N 133 del 26 febbraio 2002, per la redazione della INTEGRAZIONE ALLE INDAGINI GEOGNOSTICHE E RIVISITAZIONE DEL MODELLO GEOLOGIGICO RELATIVAMENTE ALL URBANIZZAZIONE DEL PIP COMMERCIALE 1 LOTTO FUNZIONALE I sottoscritti geologi Anna Garippa e Gianluca Tullio,

Dettagli

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE INDICE 1. PREMESSA E SCOPO DEL LAVORO... 2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO GEOMORFOLOGICO... 3 3. INQUADRAMENTO IDROGEOLOGICO ED IDROLOGICO... 4 4. CLASSIFICAZIONE SISMICA... 5 4.1 OPCM 20 marzo 2003... 5 4.2

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il territorio comunale di Capestrano è compreso, dal punto di vista cartografico, nel Foglio della Carta Geologica di Italia n. 146 Sulmona scala 1 : 100.000 e nel Foglio della

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata a nord degli abitati di Porotto e Cassana, nel Comune di Ferrara, confina a nord

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...2 2 IL NUOVO EDIFICIO DEL POLO TECNOLOGICO INTEGRATO...2 3 L ORGANISMO STRUTTURALE ED I CRITERI DI PROGETTO...2 4 LE PROBLEMATICHE GEOTECNICHE...3 4.1 Inquadramento geologico...3

Dettagli

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING...

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING... DIMENSIONAMENTO DI UN INTERVENTO DI DEWATERING CON RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ A cura di Giovanni Formentin, Loris Colombo, Vincenzo Francani Giovanni.Formenti@tethys-geco.it, Loris.colombo@polimi.it,

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Edilprogress Via Locatelli 21 24050 Cividate al Piano (BG) PROVINCIA DI BERGAMO Comune di Cividate al Piano SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Data emissione

Dettagli

Il crollo di Afragola causato da un cedimento strutturale. Ma che cosa ha provocato il cedimento?

Il crollo di Afragola causato da un cedimento strutturale. Ma che cosa ha provocato il cedimento? Il crollo di Afragola causato da un cedimento strutturale. Ma che cosa ha provocato il cedimento? L edificio crollato verso le 1,30 del 31 luglio scorso in Via Calvanese di Afragola ha evidenziato la precarietà

Dettagli

REGIONE VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CONCORDIA SAGITTARIA

REGIONE VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CONCORDIA SAGITTARIA Dott. Geol. ALESSANDRO VIDALI INDAGINI GEOLOGICO-GEOTECNICHE Via Roma, 20 30027 San Donà di Piave 0421-51616 335-8336809 FAX 0421-51616 E-mail ak.vidali@aliceposta.it C.F. VDL LSN 59P15 F130X P.I. 02793580271

Dettagli

1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI

1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI 1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI Le opere oggetto della presente relazione si riferiscono alla realizzazione di un edificio per n. 4 alloggi, da realizzarsi a Copertino (LE), in Via Pirro

Dettagli

Principali tipologie di terreno

Principali tipologie di terreno Principali tipologie di terreno Terreni derivati da rocce sedimentarie (NON COESIVI): Sabbie Ghiaie Terreni derivati da rocce scistose (COESIVI): Argille Limi Terreni di derivazione organica: Torbe Terreno

Dettagli

DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI)

DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI) DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI) VERIFICHE GEOLOGICHE E IDROGEOLOGICHE A SUPPORTO DELLARICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE EX ART. 208 D.LGS. 152/06 SEDE:

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

VARIANTE STRUTTURALE 03/09

VARIANTE STRUTTURALE 03/09 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI MONTANERA PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE STRUTTURALE 03/09 (ai sensi art. 1 L.R. 1/07) RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA SULLE AREE DII NUOVA ESPANSIIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

1.04 FONDAZIONI ETEROGENEE STABILITÀ DELLE FONDAZIONI. Descrizione sommaria dell opera

1.04 FONDAZIONI ETEROGENEE STABILITÀ DELLE FONDAZIONI. Descrizione sommaria dell opera FONDAZIONI ETEROGENEE 1.04 Edificio uso magazzino costituito da un mantello cilindrico periferico in calcestruzzo armato precompresso e da un silo centrale. Fondazioni del mantello mediante pali e con

Dettagli

SCHEDA DI FATTIBILITA IDRAULICA, GEOMORFOLOGICA E SISMICA Identificativo schede tecniche D1 Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento

SCHEDA DI FATTIBILITA IDRAULICA, GEOMORFOLOGICA E SISMICA Identificativo schede tecniche D1 Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento Identificativo schede tecniche D1 Ubicazione Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento territoriale da P.S. Ambito agrario storico Geologia e litologia Terreni lapidei : Gabbri Aree di bordo valle

Dettagli

1) non deve portare a rottura il terreno sottostante. 2) non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi

1) non deve portare a rottura il terreno sottostante. 2) non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi SICUREZZA e FUNZIONALITÀ delle strutture in elevazione (edificio in c.a., rilevato, etc.) sono garantite anche da alcuni requisiti che il SISTEMA FONDALE deve rispettare. In particolare il carico trasmesso

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2 LIVELLO

VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2 LIVELLO Allegato B COMUNE DI SARNICO PROVINCIA DI BERGAMO STUDIO GEOLOGICO DEL TERRITORIO COMUNALE REVISIONE ED ADEGUAMENTO AI SENSI DELLA L.R. 12/05 VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2

Dettagli

FOGLIO 6. Settori Roma NO, Roma NE, La Rustica, Roma SO, Roma SE, Torrenova, EUR, L Annunziatella, Morena. Roma NE. Roma SE. l Annunziatella Morena

FOGLIO 6. Settori Roma NO, Roma NE, La Rustica, Roma SO, Roma SE, Torrenova, EUR, L Annunziatella, Morena. Roma NE. Roma SE. l Annunziatella Morena FOGLIO 6 Settori Roma NO, Roma NE, La Rustica, Roma SO, Roma SE, Torrenova, EUR, L Annunziatella, Morena 12 13 14 15 16 E e La Rustica E e F Roma NO Roma NE F f f G Roma SO Roma SE Torre nova G g g H h

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

ALLEGATO I Flussi documentali

ALLEGATO I Flussi documentali ALLEGATI 1 ALLEGATO I Flussi documentali INTERVENTI SOGGETTI A PERMESSO A COSTRUIRE e DICHIARAZIONE DI VINCOLO IDROGEOLOGICO La Richiesta di Permesso a costruire all Edilizia Privata munita di ricevuta

Dettagli

Mitigazione del rischio frana

Mitigazione del rischio frana Mitigazione del rischio frana Interventi sul versante. Il percorso del progetto Relazione geologica Analisi e descrizione del fenomeno di instabilità Studio delle cause e del meccanismo franoso Relazione

Dettagli

Indice. Premessa 11. 1.10.2 Permeabilità 37. 1.10.3 Trasmissività 40 1.11 La circolazione idrica nelle rocce 46 1.11.1 Gli acquiferi 48.

Indice. Premessa 11. 1.10.2 Permeabilità 37. 1.10.3 Trasmissività 40 1.11 La circolazione idrica nelle rocce 46 1.11.1 Gli acquiferi 48. Indice Indice Indice Premessa 11 1 Le acque sotterranee 13 1.1 Principali caratteristiche delle acque sotterranee 13 1.2 La circolazione idrica nelle terre sciolte 14 1.2.1 Gli acquiferi 14 1.2.2 Classificazione

Dettagli

ALL. A AFFIDAMENTO DEI RILIEVI TOPOGRAFICI DI UN AREA COMPRESA NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI ROMA CAPITOLATO TECNICO

ALL. A AFFIDAMENTO DEI RILIEVI TOPOGRAFICI DI UN AREA COMPRESA NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI ROMA CAPITOLATO TECNICO ALL. A AFFIDAMENTO DEI RILIEVI TOPOGRAFICI DI UN AREA COMPRESA NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI ROMA CAPITOLATO TECNICO Indice 1 PREMESSA... 3 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO TECNICO... 3 3 OGGETTO DELL AFFIDAMENTO...

Dettagli

1.1 Zona geotecnica 1: piano generale terrazzato della pianura

1.1 Zona geotecnica 1: piano generale terrazzato della pianura Comune di Cigole PROVINCIA DI BRESCIA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO NORME GEOLOGICHE 1 Caratterizzazione geotecnica del territorio All'interno del territorio comunale, possono essere distinte 3 diverse

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico / COMMITTENTE: Comune di VARENNA Provincia di Lecco PROGETTO: Costruzione di una nuova rotatoria all intersezione di viale Polvani con la strada provinciale 72 in comune di Varenna Progetto definitivo

Dettagli

APPENDICE A SCHEDE DI FATTIBILITA

APPENDICE A SCHEDE DI FATTIBILITA APPENDICE A Pagina 1 di 29 1 Capoluogo, via degli Imberti Tavola in scala 1:2.000 1 AT1 Area di trasformazione per nuova edificazione ad uso residenziale. calcareniti; suoli di copertura derivati dal disfacimento

Dettagli

0.00 m. 1,75 m. ghiaiosa); γ 3 = 14,5 kn/m 3 c = 0 kpa ϕ = 35. 10.00 m. 21.75 m

0.00 m. 1,75 m. ghiaiosa); γ 3 = 14,5 kn/m 3 c = 0 kpa ϕ = 35. 10.00 m. 21.75 m ESERCITAZIONE n. 5 Carico limite di un palo trivellato Si calcoli, con le formule statiche, il carico limite di un palo trivellato del diametro di 0,4 m e della lunghezza di 11 m, realizzato in un sito

Dettagli

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO 165 Introduzione Rispetto alle prove eseguite in laboratorio, quelle in sito presentano sia dei vantaggi che degli svantaggi. 1. Tra i vantaggi delle prove in sito di può dire che queste sono più rapide

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA STRADA PROVINCIALE N 115 TRONCO: Cimitero di Igliano in località Cornati CONSOLIDAMENTO FRANA PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 1) PREMESSA 2) INTERVENTI PROPOSTI 3) CENNI DI GEOLOGIA 4)

Dettagli

Relazione geotecnica A-06

Relazione geotecnica A-06 Relazione geotecnica A-06 Elaborato A-06.doc Settembre 2009 1 Emissione Ing. Cosimo Convertino Ing. Nicola Mori Ing. Remo Chiarini INDICE 1. Introduzione... 3 2. Inquadramento generale dell area di intervento...

Dettagli

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI... RELAZIONE GEOLOGICA E GEOMROFOLOGICA SOMMARIO 1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...8 5. CONCLUSIONI...11

Dettagli

QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione

QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione La società si impegna a fare uso riservato di queste notizie ed informazioni. E importante rispondere a tutte le domande

Dettagli

strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato

strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato 1. PREMESSA In seguito alle forti piogge verificatesi negli ultimi due inverni un tratto di circa 30 m della strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato

Dettagli

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l..

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l.. SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO ART S.r.l.. 1 Generalità... 1 2 Carichi massimi sui pali... 3 2.1 Pile... 3 2.2 Spalle...

Dettagli

QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE

QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE Questionario per l assicurazione tutti i rischi della costruzione di opere civili (C.A.R.) E per l'assicurazione DECENNALE POSTUMA danni diretti all

Dettagli

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni LABORATORIO DI COSTRUZIONI DELL ARCHITETTURA II MODULO DI GEOTECNICA E FONDAZIONI Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Dipartimento di Ingegneria Strutturale

Dettagli

Integrazione a seguito di parere espresso dalla Provincia di Milano in data 17/3/2008 (Atti n. 64984/5.2/2003/10848)

Integrazione a seguito di parere espresso dalla Provincia di Milano in data 17/3/2008 (Atti n. 64984/5.2/2003/10848) COMUNE DI BARLASSINA Provincia di MILANO COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO AI SENSI DELLA L.R. 12/2005 E SECONDO I CRITERI DELLA D.G.R. n. 8/1566/05 Integrazione

Dettagli

Le strutture di FONDAZIONE

Le strutture di FONDAZIONE Le strutture di FONDAZIONE Laboratorio di Tecnologia dell Architettura Prof.ssa Paola Gallo A.A. 2012-2013 Strutture di fondazione Le fondazioni sono elementi strutturali che trasferiscono i carichi delle

Dettagli

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BORGOMASINO Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario Giugno 2012 dott. geol. Mirco Rosso

Dettagli

QUESTIONARIO - CAR E DECENNALE POSTUMA Danni Diretti all immobile

QUESTIONARIO - CAR E DECENNALE POSTUMA Danni Diretti all immobile QUESTIONARIO - CAR E DECENNALE POSTUMA Danni Diretti all immobile La Società si impegna a fare uso riservato di queste notizie ed informazioni. E importante: - RISPONDERE a tutte le domande contenute nelle

Dettagli

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA Oggetto: Progetto per la coltivazione di una cava di calcare nel Comune di. San Calogero loc. San Pietro COMMITTENTE Edil Sibio di Sibio Cosma Damiano Relazione Tecnica

Dettagli

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO STUDIO DI GEOLOGIA ASSOCIATO -------------------------------------------------------------------------------------- oggetto: relazione geologico-tecnica per il progetto di consolidamento della Rupe di

Dettagli

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità.

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità. Sono 236 i comuni marchigiani a rischio frane o alluvioni, ossia il 99% del totale. Il nostro territorio è talmente fragile che bastano ormai semplici temporali, per quanto intensi, per provocare, nel

Dettagli

UNIVERSITÀ DI FIRENZE TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI

UNIVERSITÀ DI FIRENZE TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI UNIVERSITÀ DI FIRENZE TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI Corso di Geotecnica II Anno Accademico 2003-2004 ALTERNATIVE PROGETTUALI Nella progettazione o nella verifica di un opera (fondazione, rilevato,

Dettagli

Parcheggi interrati. e contesto geologico. suolo & sottosuolo. Le problematiche urbane

Parcheggi interrati. e contesto geologico. suolo & sottosuolo. Le problematiche urbane Le problematiche urbane Parcheggi interrati e contesto geologico Giuseppe Gisotti, Liborio Rivera* Le problematiche legate alla costruzione di parcheggi sotterranei e alle relative modificazioni della

Dettagli

PROVINCIA DI PERUGIA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA

PROVINCIA DI PERUGIA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA Dott. Geol. Antonio Forini Dott. Geol. Sara Serena Fabris Dott. Geol. Carlo Ricci PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI BASTIA UMBRA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA PIANO

Dettagli

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Applicazione dell art. 14.1 del Testo Coordinato delle Norme di PSC-POC-RUE RAPPORTO PRELIMINARE (ART. 12 D.LGS. N. 152/2006

Dettagli

INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 "VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO"

INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 "VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO" LAVORI: Intervento n. 36: adeguamento idraulico attraversamenti Rio Galli, copertura ial km 0+000, ponticello

Dettagli

TREVI PER L EDILIZIA PRIVATA Dal mondo, al vostro mondo.

TREVI PER L EDILIZIA PRIVATA Dal mondo, al vostro mondo. TREVI PER L EDILIZIA PRIVATA Dal mondo, al vostro mondo. UNA STORIA COMINCIATAIL GRUPPO 50 ANNI FA Da oltre 50 anni, il GRUPPO TREVI è universalmente riconosciuto leader di riferimento nel settore dell

Dettagli

PROGETTO DI CANTIERIZZAZIONE

PROGETTO DI CANTIERIZZAZIONE 1 EMPOLI PIANO DI RECUPERO EX VETRERIA BETTI PROGETTO DI CANTIERIZZAZIONE Introduzione: L area interessata dal Piano di Recupero, di proprietà della ditta IMMARTIN s.r.l., coincide con l immobile conosciuto

Dettagli

RELAZIONE INTEGRATIVA

RELAZIONE INTEGRATIVA COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) INDAGINE GEOLOGICO TECNICA DI SUPPORTO ALLA VARIANTE DEL PORTO TURISTICO DI TALAMONE (D.P.G.R.T. N 26/R/2007) RELAZIONE INTEGRATIVA Consulenti: Dr. Geol. STEFANO

Dettagli

02 - Indagine geologica e idraulica

02 - Indagine geologica e idraulica Rotatoria sulla SR435 Lucchese all intersezione con via Falciano nel Comune di Buggiano Progetto definitivo Relazione geologica ed idraulica 02 - Indagine geologica e idraulica CARATTERIZZAZIONE GEOLOGICA

Dettagli

PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO

PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO R. Pucinotti, C. Siciliano Dipartimento di Meccanica e Materiali Facoltà di Ingegneria -Università degli Studi Mediterranea di

Dettagli

Sub ambito di Trasformazione 02 SN1

Sub ambito di Trasformazione 02 SN1 Var. 24 Var. 58 Var.168 D.D. 53 Scheda norma D/1 Ex scalo merci V.le Fratti (Tav. P.R.G.23) Sub ambito di Trasformazione 02 SN1 PARTE I STATO DI FATTO 1. DESCRIZIONI DELLE CONDIZIONI ATTUALI DELL AREA

Dettagli

QUESTIONARIO PER L ASSICURAZIONE TUTTI I RISCHI DELLA COSTRUZIONE (CONTRACTORS ALL RISKS) E POSTUMA DECENNALE DI OPERE CIVILI PARTE I - GENERALITA

QUESTIONARIO PER L ASSICURAZIONE TUTTI I RISCHI DELLA COSTRUZIONE (CONTRACTORS ALL RISKS) E POSTUMA DECENNALE DI OPERE CIVILI PARTE I - GENERALITA Helvetia Compagnia Svizzerad Assicurazioni SA Rappresentanza Generale e Direzione per l Italia 20139 Milano, Via G.B. Cassinis, 21 Metro 3 - Staz. Porto di Mare Tel. 5351.1 (20 linee), Telefax 5520360

Dettagli

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER:

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER: Legge Forestale della Toscana n. 39/2/R del 5/9/2001 - Regolamento di La L.R.T. n.1/2003, di modifica ed integrazione della L.R.T.39/2000 Legge forestale della Toscana ha attribuito ai Comuni il rilascio

Dettagli

Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone

Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone INDAGINI GEOLOGICHE INTEGRATIVE A cura di Diego TALOZZI Geologo e Ingegnere libero professionista. Gennaio 2009 1 INDAGINI

Dettagli

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale CORSO DI LAUREA QUINQUENNALE a.a. 2012/13 MATERIALI PER L'ARCHITETTURA Prof. Alberto De Capua Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale

Dettagli

Il Consolidamento è la tecnica ingegneristica finalizzata alla stabilizzazione e rinforzo dei terreni e delle fondazioni delle strutture.

Il Consolidamento è la tecnica ingegneristica finalizzata alla stabilizzazione e rinforzo dei terreni e delle fondazioni delle strutture. CONSOLIDAMENTI Il Consolidamento è la tecnica ingegneristica finalizzata alla stabilizzazione e rinforzo dei terreni e delle fondazioni delle strutture. Essa non può prescindere dai risultati di un accurata

Dettagli

Relazione geologica ed indagine geotecnica

Relazione geologica ed indagine geotecnica COLLEGAMENTO CICLABILE TRA I COMUNI DI MARACALAGONIS SINNAI E SETTIMO SAN PIETRO PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO Relazione geologica ed indagine geotecnica Indice 1 Premessa... 3 2 Inquadramento geografico...

Dettagli

PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26

PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PARERE ESPRESSO DAL GENIO CIVILE DI VENEZIA CON NOTA PROT. N. 279721/46.10 DEL 23 APRILE 2004. VARIANTE n. 23 Il Comune

Dettagli

Ing. Enzo LA MURA Via Ing. G. Messina n. 6-84012 Angri (SA) E-mail: enzolamura@libero.it

Ing. Enzo LA MURA Via Ing. G. Messina n. 6-84012 Angri (SA) E-mail: enzolamura@libero.it 1. PREMESSA Nelle operazioni di recupero e di manutenzione straordinaria capita sempre più spesso che un edificio abbia problemi di fondazioni tali da rendere necessario un loro consolidamento. Negli ultimi

Dettagli

RELAZIONE GEOTECNICA SULLE FONDAZIONI

RELAZIONE GEOTECNICA SULLE FONDAZIONI PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI REALIZZAZIONE DI UN BOCCIODROMO RELAZIONE GEOTECNICA RELAZIONE GEOTECNICA SULLE FONDAZIONI Sommario GENERALITÀ... 3 1 DESCRIZIONE DELL AREA... 4 2 DESCRIZIONE DELL OPERA E

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail. Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA PER IL PROGETTO DI RICOSTRUZIONE DEL TEATRO A. GALLI Relazione Illustrativa Progetto di ricostruzione Teatro A. Galli- pag. 1/9 RELAZIONE ILLUSTRATIVA PROGETTO DI RICOSTRUZIONE DEL

Dettagli

RELAZIONE. AOB2 srl Via XXV aprile n. 18 25038 Rovato (Bs)

RELAZIONE. AOB2 srl Via XXV aprile n. 18 25038 Rovato (Bs) AOB2 srl Via XXV aprile n. 18 2508 Rovato (Bs) Cedimenti differenziali e fessurazioni vasca di ossidazione linea 2 ed annesso magazzino Depuratore comunale acque reflue di Chiari (Bs) INDAGINE GEOLOGICA

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010 DIRETTIVE PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE, GEOTECNICHE E SISMICHE AI SENSI DELLE NTC, D.M. 14.01.2008, E DELLA NORMATIVA NAZIONALE E PROVINCIALE COLLEGATA DOCUMENTO DI SINTESI Trento, Bolzano,

Dettagli

QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE

QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE Questionario per l assicurazione tutti i rischi della costruzione di opere civili (C.A.R.) E per l'assicurazione DECENNALE POSTUMA danni diretti all

Dettagli

COMUNE DI VIGGIANO. (Provincia di Potenza)

COMUNE DI VIGGIANO. (Provincia di Potenza) COMUNE DI VIGGIANO (Provincia di Potenza) PALESTRA COMUNALE PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GEOTECNICA E SULLE FONDAZIONI 1 RELAZIONE GEOTECNICA E SULLE FONDAZIONI Dalla relazione geologica redatta dallo

Dettagli

Crolla un edificio a Napoli. Anche l'amministratore dello stabile e' indagato per disastro colposo di Angelo Pesce e Ivan Meo

Crolla un edificio a Napoli. Anche l'amministratore dello stabile e' indagato per disastro colposo di Angelo Pesce e Ivan Meo Crolla un edificio a Napoli. Anche l'amministratore dello stabile e' indagato per disastro colposo di Angelo Pesce e Ivan Meo CondominioWeb.com Cronaca di un disastro annunciato L ultimo episodio si è

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS COMUNE DI VILLASPECIOSA PIANO DI PROTEZIONE CIVILE DOSSIER RISCHIO IDROGEOLOGICO IL TECNICO COLLABORATORI IL COMMITTENTE Ottobre 2011 DOTT. ING. DANIELA

Dettagli

Quadri fessurativi in situazioni particolari

Quadri fessurativi in situazioni particolari Seminario di Aggiornamento Professionale DIAGNOSI E MONITORAGGIO DEI DISSESTI DEGLI EDIFICI Matera 3 ottobre 2009 Quadri fessurativi in situazioni particolari Prof. Ing. Geol. Vincenzo Simeone Professore

Dettagli

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997)

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) R e g i o n e L o m b a r d i a Provincia di Milano COMUNE DI NERVIANO Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) Marzo 2003 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER LE N.T.A. Studio Associato di

Dettagli

Relazione Tecnica: allegato A

Relazione Tecnica: allegato A COMUNE DI BELLINZAGO LOMBARDO Regione Lombardia Provincia di Milano Relazione Tecnica: allegato A RELAZIONE GEOLOGICA e GEOTECNICA IL SINDACO IL SEGRETARIO IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO COMUNE DI BELLINZAGO

Dettagli

Prof. Stefano Lonati 23/09/2013. Tipologie. Prof. Stefano Lonati. Prof. Stefano Lonati LE FONDAZIONI

Prof. Stefano Lonati 23/09/2013. Tipologie. Prof. Stefano Lonati. Prof. Stefano Lonati LE FONDAZIONI 23/09/2013 Tipologie LE FONDAZIONI? 1 23/09/2013 FUNZIONE DELLE FONDAZIONI Le strutture portanti di fondazione costituiscono l elemento di trasmissione al terreno dei carichi agenti sull edificio. Il sedime

Dettagli

Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche. Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche

Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche. Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche Brescia, Brescia, 28 28 Marzo Marzo 2009 2009 Dott. Ing. A. Sanzeni alex.sanzeni@ing.unibs.it

Dettagli

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO 4 RISCHIO IDROGEOLOGICO Premessa Il rischio è dovuto all interazione di una somma di elementi diversi ed è conseguenza di fenomeni associati all assetto geologico, idrogeologico-idraulico e situazioni

Dettagli

RELAZIONE MAPPA DI RISCHIO GEOTECNICO Comune di Roma Zona CTR 374100

RELAZIONE MAPPA DI RISCHIO GEOTECNICO Comune di Roma Zona CTR 374100 Oggetto Corso Docente RELAZIONE MAPPA DI RISCHIO GEOTECNICO Comune di Roma Zona CTR 374100 GEOLOGIA AMBIENTALE E DEI MATERIALI Ingegneria per la protezione del territorio dai rischi naturali Dott. Guido

Dettagli

Zona Elementare 1891 area 03 Stra.llo Fossa Burracchione Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC

Zona Elementare 1891 area 03 Stra.llo Fossa Burracchione Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Zona Elementare 1891 area 03 Stra.llo Fossa Burracchione Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Applicazione dell art. 14.1 del Testo Coordinato delle Norme di PSC-POC-RUE RAPPORTO PRELIMINARE (ART.

Dettagli

Inquadramento geografico e geologico

Inquadramento geografico e geologico RELAZIONE Premessa Nell ambito del progetto di rinaturazione e ripascimento di un tratto di costa compreso tra La Maddalena Spiaggia e Cala d Orri, lungo il litorale di Capoterra (Ca), è stata eseguita

Dettagli

COMUNE DI OLBIA INTRODUZIONE INQUADRAMENTO GEOTENICO PROGETTO DI MONITORAGGIO DELLA STABILITA DEI VERSANTI DELLA DISCARICA

COMUNE DI OLBIA INTRODUZIONE INQUADRAMENTO GEOTENICO PROGETTO DI MONITORAGGIO DELLA STABILITA DEI VERSANTI DELLA DISCARICA COMUNE DI OLBIA PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO RETE DII MONIITORAGGIIO PER LA STABIILIITA DELLA DIISCARIICA DII SPIIRIITO SANTO IIN OLBIIA 2 COMUNE DI OLBIA RETE DI MONITORAGGIO PER LA STABILITA DELLA DISCARICA

Dettagli

Questionario CAR e Decennale Postuma Edilizia Civile

Questionario CAR e Decennale Postuma Edilizia Civile Questionario CAR e Decennale Postuma Edilizia Civile SOMMARIO La Società si impegna a fare uso riservato di queste notizie ed informazioni PARTE I - GENERALITÀ... PARTE II - DATI TECNICI...3 PARTE III

Dettagli

Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino

Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino PROGETTO PER IL CONCORSO PER IL CENTRO DIREZIONALE DI TORINO 1 Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino B63f/1 Terzo premio Operazione 70-1970 L area destinata dal P.R.G. di Torino

Dettagli

Le opere di sostegno dei fronti di scavo

Le opere di sostegno dei fronti di scavo a cura dello Studio Associato Pilati Le opere di sostegno dei fronti di scavo Inauguriamo una collaborazione editoriale con lo Studio Associato Pilati di Costabissara (Vi). Al centro degli interventi,

Dettagli

Prescrizioni delle NTC (2008)

Prescrizioni delle NTC (2008) La progettazione di fondazioni di edifici in terreni ad alta instabilità Prescrizioni delle NTC (2008) Stefano Aversa Università degli studi di Napoli Parthenope Associazione Geotecnica Italiana Bologna

Dettagli

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI CANEVINO ADEGUAMENTO DELLO STUDIO GEOLOGICO, IDROGEOLOGICO E SISMICO AI SENSI DELLA D.G.R. N. 8/1566 E DELLA D.G.R. N. 8/7374 CRITERI ED INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO Università degli Studi di Roma La Sapienza Prima Facoltà di Architettura L.Quaroni C.d.L. Specialistica Architettura Restauro dell Architettura A.A. 2006/2007 CORSO DI COMPORTAMENTO DEI MATERIALI MURARI

Dettagli

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati.

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati. 7. Pali UNITÀ I pali sono elementi strutturali utilizzati nelle opere di fondazione, nelle opere di contenimento della terra e dell acqua, negli interventi di miglioramento della stabilità dei pendii e

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI Il sottoscritto: Arch. Riccardo Palestra Iscritto all'albo Professionale: Ordine degli Architetti con il n 444 della Provincia di Terni

Dettagli

Dott. Geologo Antonio Santaguida Tel. 3474865331 Via Dante Alighieri 36/e, 89900 Vibo Valentia

Dott. Geologo Antonio Santaguida Tel. 3474865331 Via Dante Alighieri 36/e, 89900 Vibo Valentia INDICE 1. PREMESSA pag. 2 2. AGGIORNAMENTO DELLA CARTA DEI VINCOLI GENERATORI DI RISCHIO pag. 3 2.1 rischio idrogeologico pag. 5 3 CARTA DI SINTESI FINALIZZATA ALL EDIFICABILITA pag. 7 1 1. PREMESSA Per

Dettagli

INDAGINI GEOLOGICO-IDROGEOLOGICHE

INDAGINI GEOLOGICO-IDROGEOLOGICHE REGIONE VENETO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI SALGAREDA INDAGINI GEOLOGICO-IDROGEOLOGICHE relative al progetto impianto recupero inerti Proprietà: Adria Recuperi S.r.l. Cividale del Friuli, /0/ Dott. Davide

Dettagli

Nuovo impianto fognario. Modifica impianto esistente

Nuovo impianto fognario. Modifica impianto esistente RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE DI ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 03-04-2006, e successive modifiche ed integrazioni. Immobile sito nella frazione

Dettagli