REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA"

Transcript

1 REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA PROCEDURA DI ASSISTENZA PROTESICA Decreto Ministeriale 332/99

2 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE RIFERIMENTI NORMATIVI E DOCUMENTALI ABBREVIAZIONI E DEFINIZIONI RESPONSABILITA Direttore Responsabile Del Distretto Medico Medicina Generale Accettazione UOAR Medico Specialista Competente per menomazione/prescrittore Unita di Valutazione del Bisogno Riabilitativo Ufficio Protesi Ditta Fornitrice Responsabile UOAR Coordinatore d Area MODALITA OPERATIVE Procedura per ausili Elenco 1(Decreto n 332 del 27/08/1999) Procedura per Ausili Elenco 2 e Collaudo GESTIONE DELLE NON CONFORMITA Rilevazione e Segnalazione delle Non Conformità Gestione delle Non Conformità All atto della prescrizione da parte del Medico Specialista Ambulatoriale o Prescrittore All atto della consegna All atto del collaudo A consegna e collaudo avvenuto VALUTAZIONE E TRATTAMENTO DELLE NON CONFORMITA DISPOSIZIONI INERENTI L EROGAZIONE DI PRODOTTI NON RICOMPRESI NEL NOMENCLATORE TARIFFARIO DM 332/ Articolo 2 D.M. 332/ Articolo 1 comma 6 del D.M.332/ CONCLUSIONI ALLEGATI

3 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura attiene all iter prescrittivo autorizzativo per la fornitura di presidi, ortesi ed ausili di competenza delle cinque Unità Operative di Riabilitazione della ASL Ce/1 dislocate presso i Distretti 25, 27, 28, 30, 33. E rivolta ai Direttori Responsabili dei Distretti, agli Operatori della Riabilitazione, ai Medici di Medicina Generale, ai Soggetti Erogatori di dispositivi. Definisce l iter erogativo dei dispositivi riportati nell elenco del Nomenclatore Tariffario delle Protesi ( DM 332/99). 2. RIFERIMENTI NORMATIVI E DOCUMENTALI Decreto legislativo 24/2/97 n 46 Attuazione della direttiva 93/42/CEE concernente i dispositivi medici Decreto n 332 del 27/08/1999 Regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica erogabili nell ambito del Servizio sanitario nazionale: modalità di erogazione e tariffe. DGRC n 315 dell 1/2/00: Disposizioni attuative dell Art.8 comma 1 DM Sanità 332/99. D.G.R.C. n 5742 del 28/11/ 2000 Assistenza Protesica D.M. Sanità 332/99-art.8 comma 2 Direttive alle AA.SS.LL. DM 31 Maggio 2001 n 321 : Modifica del regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica erogabili nell ambito del SSN Nota del settore interventi a favore di fasce socio-sanitarie particolarmente deboli del Deliberazione n.658 del 24/09/2004 ASL CE/1 Area Assistenza Riabilitativa. Individuazione Medici Prescrittori. DGRC n 2326 del 18/12/2004 Circolare Regionale 2578 del 28/01/2005 Assistenza protesica DGRC n 5742: direttiva regionale ex Art.8 comma 2 DMS 332/99. 3

4 Nota prot. n del 15/03/2005 a firma del Direttore Generale Attivazione Registri. Nota del settore interventi a favore di fasce socio-sanitarie particolarmente deboli del Nota DG 3866 del 14/02/2006 Disposizioni inerenti l erogazione di prodotti non ricompresi nel NT DM 332/99. Circolare Area di Coordinamento Ass. Sanitaria Regionale Prot. N del 21/03/ ABBREVIAZIONI E DEFINIZIONI Unità Operativa Assistenza Riabilitativa: Coordinatore d Area: Unità Operativa: Direttore Responsabile del Distretto Sanitario Responsabile di Unità Operativa Riabilitativa: Medico Specialista Competente per menomazione: Unità di Valutazione dei Bisogni Riabilitativi: Utente: Non Conformità: Medico Medicina Generale: Modello Protesi: UOAR CoAr U.O DRD RUOAR MSC UVBR Ut. NC MMG MP 4. RESPONSABILITA 4.1 Direttore Responsabile Del Distretto E responsabile : del budget relativo all Area di Riabilitazione; della gestione delle procedure per l inappropriatezza prescrittiva del MMG/PLS; MSC/Prescrittore ;della UVBR. Gestione delle NC dei dispositivi protesici. Il DRD, potrà avvalersi della collaborazione del Coordinatore d Area della Riabilitazione per la risoluzione delle inappropriatezze e Non Conformità. 4

5 4.2 Medico Medicina Generale Provvede alla corretta richiesta di visita specialistica presso l UOAR per ausili dettagliando la patologia dell assistito. Fare anche riferimento a quanto riportato al punto 6.1 della procedura delle visite domiciliari in Riabilitazione 4.3 Accettazione UOAR Prenota direttamente le visite domiciliari e riceve dal CUP distrettuale le prenotazioni delle visite ambulatoriali. Riceve la proposta compilata dal MSC, verificando che sia completa soprattutto dei codici ISO. Verifica che il fascicolo personale sia completo di documentazione Fare riferimento anche a quanto riportato nella procedura funzionamento UVBR, procedura visite domiciliari. 4.4 Medico Specialista Competente per menomazione/prescrittore Il MSC/Prescrittore ha la responsabilità di effettuare una corretta valutazione clinico - riabilitativa provvedendo alla compilazione: in caso di visita ambulatoriale del modello di proposta MD RI BC in caso di visita domiciliare del modello di proposta MD RI DO in entrambi i casi redige il modello MP comprendente : - diagnosi circostanziata - programma terapeutico di utilizzo - descrizione dettagliata dell ausilio e degli eventuali aggiuntivi completa di codice ISO - apposizione di data, timbro e firma esegue collaudo dell ausilio Ha inoltre la responsabilità della compilazione della scheda delle NC. Fare riferimento anche a quanto riportato ai punti 6.4,6.5 della procedura delle visite domiciliari in Riabilitazione. 4.5 Unita di Valutazione del Bisogno Riabilitativo La UVBR : verifica lo stato di avente diritto dell assistito; effettua valutazione clinica completa, individuando il dispositivo nell ambito di uno specifico programma terapeutico di utilizzo; verifica la corrispondenza tra la prescrizione medica ed i dispositivi codificati nel nomenclatore; 5

6 controlla i tempi minimi di rinnovo dell ausilio per le prescrizioni successive alla prima; Fare riferimento anche a quanto riportato nella procedura del Funzionamento UVBR. 4.6 Ufficio Protesi In caso di richiesta di presidi dell elenco 1 (D.M. 332/99) consegna il modello MP all Ut. (o delegato) previa apposizione di data, firma ed estremi di documento di riconoscimento in corso di validità su apposito registro. Riacquisisce il modello MP completo del preventivo della ditta ortopedica, procedendone a verifica. In caso di presidi dell elenco 2 e 3 provvede a comunicare alla ditta vincitrice della gara aziendale gli estremi dell Ut. ed il presidio da fornire. Compila la parte del modello MP relativa all Autorizzazione, appone numero di protocollo e lo consegna al Resp. UOAR. Compila il registro collaudi, specificando gli eventuali collaudi non favorevoli. Riporta sul Registro delle anomalie Dispositivi Elenco 2 e 3 le eventuali anomalie riscontrate, verificatesi su parti o componenti dei dispositivi compresi negli Elenchi 2 e 3 del NT, nel periodo di vigenza della garanzia. 4.7 Ditta Fornitrice La Ditta fornitrice ha gli obblighi dettagliati in appendice, in particolare: se ha aderito alle Condizioni aggiuntive di erogazione, è tenuta a rispettare quanto dettagliato nell Allegato A della DGRC n 315 /2000. Rispettare i tempi massimi di consegna/fornitura. Comunicare la data di consegna dell ausilio alla UOAR entro tre giorni lavorativi. Reperire in UOAR il modello MP recante il collaudo effettuato da allegare alla fattura trasmessa alla ASL ai fini del pagamento. 4.8 Responsabile UOAR Autorizza l erogazione degli ausili Dirime le NC Segnala il collaudo negativo al Resp. Ufficio Liquidazione Assistenza Protesica. Controlla l applicazione della presente procedura nel rispetto della propria autonomia dirigenziale. 6

7 4.9 Coordinatore d Area Ha la responsabilità di verificare l uniformità dell applicazione della presente procedura presso le varie UU.OO.A.R. Contribuisce a dirimere le NC, collaborando con il DRD. Acquisisce dalle UUOOAR report delle anomalie riscontrate, verificatesi su parti o componenti dei dispositivi di cui all Elenco 2 e 3 nel periodo di vigenza della garanzia, per la trasmissione al Direttore Generale che dovrà comunicarle al Settore Regionale competente. 5 MODALITA OPERATIVE Il MSC/Prescrittore visita l Ut. su richiesta del MMG, compila il modello MP e la proposta su MD RI BC se ambulatoriale e MD RI DO se domiciliare. Consegna in accettazione i modelli compilati in ogni loro parte. L accettazione provvede ad inserire la proposta nel Fascicolo Personale dell Ut ed invia il tutto in UVBR. La UVBR provvede alla verifica della documentazione; valuta l appropriatezza prescrittiva; se esprime parere favorevole alla concessione dei dispositivi prescritti, lo Specialista Prescrittore Competente per Menomazione appone timbro e firma sul Modello MP; invia la documentazione prodotta all Ufficio Protesi della UOAR. 5.1 Procedura per ausili Elenco 1(Decreto n 332 de l 27/08/1999) L Ufficio Protesi consegna all Ut. o suo delegato il Modello MP previa apposizione di data e firma per ritiro sull apposito registro; copia rimane nel fascicolo personale. Viene rilasciata altresì informativa sulla obbligatorietà del collaudo del dispositivo con apposita modulistica sulla quale l Ut. o delegato appone data e firma per presa visione. Tale modulistica viene inserita nel fascicolo personale dell Ut. L Ut. presenta il modello MP alla Ditta, da lui scelta, presente nell Elenco Regionale delle Aziende autorizzate alla fornitura di dispositivi esposto e fatto visionare dalla UOAR. La Ditta provvede a compilare la parte destra del modello relativa al preventivo, allegando la Scheda Progetto, se la Ditta ha aderito alle condizioni aggiuntive di erogazione. Se la scheda progetto presenta variazioni rispetto all ausilio prescritto, essa sarà risottoposta al MSC/Prescrittore che decide se apportare le modifiche proposte. La procedura riparte dall UVBR. L Ut. riporta il modello MP all Ufficio Protesi dell UOAR. 7

8 Quest ultimo, previa verifica del preventivo, protocolla il modello MP e lo invia al R.UOAR. che appone firma autorizzativa, rinviandolo al Settore Protesi. Il modello MP viene ritirato dall Ut. L Ut. riporta alla ditta il modello MP autorizzato. La ditta, entro i termini di legge, consegnerà il dispositivo richiesto. All atto della consegna la ditta provvederà a far apporre sul modello MP firma per ricevuta nell apposito riquadro da parte dell Ut. o suo delegato. La ditta entro tre giorni lavorativi comunicherà all UOAR l avvenuta consegna e reperirà in UOAR copia del MP con l avvenuto collaudo, da allegare alla fattura trasmessa alla ASL ai fini della Liquidazione. Per le Ditte fuori regione è prevista spedizione postale. 5.2 Procedura per Ausili Elenco 2 e 3 Qualora trattasi di ausili elenco 2 e 3 del nomenclatore tariffario gli stessi, autorizzati dal Resp.UOAR, vengono forniti dalle ditte aggiudicatarie di procedura pubblica di acquisto della ASL CE. 5.3 Collaudo Il collaudo rappresenta la messa in servizio del dispositivo ed è obbligatorio anche dopo ogni riparazione. Va annotato su apposito registro L Ut. si reca all UOAR con il modello MP e l ausilio per effettuare, entro 15 giorni, il collaudo dal MSC che ha effettuato la proposta o dal Prescrittore UVBR. Il MSC/Prescrittore valuta la corrispondenza tra il dispositivo richiesto e quello erogato. Se il collaudo è positivo, appone sul MP la propria firma, data e timbro per collaudo favorevole. L Ufficio Protesi lo protocolla sul registro dei collaudi dove vengono riportati gli estremi della messa in servizio del dispositivo. Lo stesso protocollo viene riportato sul modello MP accanto alla data del collaudo. La presenza di protocollo specifico per il collaudo sarà titolo valido per la liquidazione Se il collaudo è negativo viene seguita la procedura delle N.C. Un foglio del MP va alla ditta per la liquidazione, l altro viene inserito nel fascicolo personale. Se L Ut. è impossibilitato a recarsi presso l ambulatorio UOAR per il collaudo, questo sarà effettuato a domicilio previa richiesta su modulistica interna del Resp. UOAR. 8

9 6 GESTIONE DELLE NON CONFORMITA 6.1 Rilevazione e Segnalazione delle Non Conformità La NC di un dispositivo deve essere segnalata immediatamente al Resp. UOAR, in particolare se risulta avere rilevanza per la qualità del servizio fornito, procedendo alla sua gestione come precisato ai paragrafi seguenti. Il Resp.UOAR ha la facoltà, a seconda della gravità della situazione riscontrata, di notificare l evento al DRD. La NC deve essere segnalata utilizzando la prima parte della Scheda di non conformità (Allegato1). 6.2 Gestione delle Non Conformità La NC può essere rilevata in diverse fasi : All atto della prescrizione da parte del Medico Specialista Ambulatoriale o Prescrittore La non conformità prescrittiva si può verificare ad esempio per: Mancata corrispondenza tra ausilio e codice ISO Ausilio non attinente al Programma Terapeutico di utilizzo o addirittura controindicato All atto della consegna La Ditta non ha rispettato i tempi massimi di consegna / fornitura : vengono applicate penalità contestualmente definite All atto del collaudo L Ut. non effettua il collaudo. L Ut. si presenta al collaudo dopo che sono già trascorsi i venti giorni dalla data della consegna (il collaudo va fatto dallo Specialista Ambulatoriale o Prescrittore obbligatoriamente entro i quindici giorni successivi alla consegna dell ausilio od ortesi [art. 4 comma 10 DM 332/99] In questi casi possono essere previste sanzioni per l Ut. Collaudo non favorevole. Lo Specialista che effettua il collaudo può riscontrare, le seguenti anomalie : - Assenza marchio CE (tutti i dispositivi forniti devono essere contrassegnati con il marchio CE; la marcatura di conformità ha un solo grafismo, apposto sul prodotto stesso. Tale grafismo compare inoltre sull imballaggio e/o sui documenti di accompagnamento; il 9

10 marchio deve essere apposto in maniera visibile, leggibile, indelebile per cui non sono ammessi autoadesivi). - Mancata corrispondenza delle caratteristiche tecniche del dispositivo con quelle indicate nel nomenclatore tariffario - Mancata corrispondenza del presidio fornito con quello prescritto Il fornitore è tenuto ad apportare le opportune variazioni o sostituire il dispositivo con altro rispondente alla prescrizione A consegna e collaudo avvenuto o Le anomalie riscontrate, verificatesi su parti o componenti dei dispositivi ricompresi nell Elenco 2 e 3 nel periodo di vigenza della garanzia vanno annotate sul Registro delle anomalie dispositivi Elenco 2 e 3 e segnalate al Coordinatore d Area per la trasmissione al Direttore Generale della ASL. o L Ut. si rende conto che l impiego del presidio concesso è impossibile presso il proprio domicilio per incompatibilità con le caratteristiche architettoniche dell abitazione; le caratteristiche del dispositivo erogato sono ritenute inidonee dall Ut. e la rilevazione è scaturita da uso prolungato. Acquisizione dell ausilio da parte della UOAR per assegnazione ad altro Ut. 7 VALUTAZIONE E TRATTAMENTO DELLE NON CONFORMITA La risoluzione della NC avrà un primo livello rappresentato dal Resp.UOAR; nei casi di più difficile risoluzione ci sarà un secondo livello rappresentato dal DRD che valuterà la NC avvalendosi della collaborazione del CoAr. Se la procedura di prescrizione e fornitura è ritenuta appropriata e rispondente alla necessità dell Ut., ogni variazione sarà a carico dello stesso. Nel caso invece di NC prescrittiva ne viene fatta comunicazione alle competenti commissioni disciplinari con eventuale addebito del costo al MSC/Prescrittore. 10

11 8 DISPOSIZIONI INERENTI L EROGAZIONE DI PRODOTTI NON RICOMPRESI NEL NOMENCLATORE TARIFFARIO DM 332/ Articolo 2 D.M. 332/99 Nel caso in cui l Ut. necessiti di un dispositivo non incluso nel Nomenclatore Tariffario ma riconducibile per omogeneità funzionale ad analogo presidio presente nel NT, sarà cura del MSC/Prescrittore redigere dettagliata relazione. Sulla scorta di questa l UVBR esprime parere sull appropriatezza prescrittiva. Il Resp.UOAR, ricevuta la documentazione, autorizza la fornitura. L ASL corrisponde al fornitore la tariffa applicata per il dispositivo incluso nel N.T. riconducibile a quello erogato. Il costo eccedente è a carico dell assistito. 8.2 Articolo 1 comma 6 del D.M.332/99 Nel caso in cui l Ut. sia affetto da gravissime disabilità per cui sia necessaria la fornitura di ausili non inclusi nè riconducibili ai dispositivi elencati nel Nomenclatore Tariffario ma erogabili ai sensi di Legge n 833/78 si attiva la seguente procedura Il Resp. UOAR invia al DRD la documentazione di seguito specificata: Relazione dettagliata, redatta dal medico specialista dell UOAR che ha sottoposto a visita il paziente, atta a motivare la necessità dello specifico prodotto. Eventuale documentazione di struttura pubblica esibita dall Ut. Parere della UVBR sull appropriatezza prescrittiva. Il DRD, invierà alla Direzione Sanitaria Aziendale tutta la suddetta documentazione per l autorizzazione, previa verifica che il costo rientri nel budget assegnato all UOAR distrettuale. La documentazione, dopo l autorizzazione, viene rinviata alla UOAR richiedente. 9 CONCLUSIONI L Azienda chiede a tutti gli operatori coinvolti di collaborare fattivamente per garantire un assistenza protesica appropriata e sollecita in risposta al bisogno riabilitativo degli assistiti. Il Servizio Sviluppo Aziendale e Miglioramento dei Percorsi, unitamente all Area di Coordinamento, sarà sempre disponibile per la risoluzione delle criticità che potranno insorgere ed essere punto di riferimento per incontri di approfondimento e miglioramento. 11

12 10 ALLEGATI Allegato1 Flow chart erogazione prodotti compresi negli elenchi 1, 2 e 3 del Decreto 332/99 Allegato 2 Informativa all Ut. per il collaudo Allegato 3 Appendice 1 12

13 FLOW CHART Erogazione Assistenza Protesica Il MMG, richiede visita specialistica UOAR per ausili dettagliando la patologia L Ufficio protesi consegna all Ut. (o delegato) il modello MP previa apposizione di data e firma, L Ut. (o delegato) si reca presso una ditta ortopedica di sua fiducia Visita ambulatoriale Visita domiciliare La ditta ortopedica riempie la parte del modello MP relativa al preventivo di quanto prescritto. L Ut. (o delegato) si reca presso il CUP distrettuale di residenza e prenota una visita di riabilitazione. Il Cup comunica data e ora della stessa. Il Medico specialista competente per menomazione visita il paziente e compila il modello MP e mod proposta Il delegato prenota la visita L Ut. (o delegato) riporta il modello MP presso l ufficio protesi dell UOAR L Ufficio protesi protocolla il mod. MP e, dopo verifica, lo sottopone al Responsabile UOAR che ne controlla la correttezza ed appone la firma autorizzativa Il modello MP viene riconsegnato all Ut.che si reca presso la ditta prescelta. La Commissione UVBR verifica l appropriatezza della prescrizione alla luce del progetto riabilitativo Dispositivo dell allegato 2 e 3 Dispositivo dell allegato 1 Alla consegna del dispositivo riempie la parte del modello MP Ricevuta di consegna apponendo data, firma ed estremi di un documento di riconoscimento. L Ufficio Protesi dell UOAR provvede a comunicare via fax l ordine alla ditta vincitrice di gara. La stessa provvede a consegnare il dispositivo prescritto. La ditta comunica entro tre giorni all UOAR competente l avvenuta consegna del dispositivo. L UOAR invita entro 15 giorni il paziente a d effettuare il collaudo. Qualora l assistito non si presenti al collaudo senza giustificato motivo incorre nelle sanzioni fissate dalla regione. 13

14 REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, CASERTA Informativa all Utente per il collaudo UOAR Al Sig E Fatto obbligo alla SV di presentarsi presso la UOAR per collaudo dell ausilio ricevuto ENTRO E NON OLTRE 15 giorni dalla consegna dello stesso. Se il presidio non viene collaudato entro tali termini, Ella incorrerà nelle sanzioni fissate della Regione (DM 332/99). Per ricevuta Data Il Responsabile dell UOAR 14

15 Appendice 1 Principali obblighi delle Ditte fornitrici di Dispositivi Rispettare i tempi massimi di consegna /fornitura: per le forniture urgenti autorizzate in favore degli assistiti ricoverati, i fornitori devono garantire tempi di consegna inferiori ai suddetti tempi massimi. Tutti i dispositivi forniti devono essere contrassegnati con il marchio CE; la marcatura di conformità ha un solo grafismo, apposto sul prodotto stesso. Tale grafismo compare inoltre sull imballaggio e/o sui documenti di accompagnamento; il marchio deve essere apposto in maniera visibile, leggibile, indelebile per cui non sono ammessi autoadesivi. Il fabbricante di dispositivi è tenuto a corredare i prodotti delle istruzioni previste dalla normativa vigente. Il fornitore è tenuto ad istruire il paziente e/o chi lo assiste sull uso e manutenzione del dispositivo erogato, anche a mezzo di indicazioni scritte. I dispositivi su misura dell elenco 1 devono riportare un numero di matricola da cui si rilevi anche il mese e l anno dell autorizzazione, impresso in modo visibile ed indelebile in un punto non asportabile. Acquisizione al momento della consegna del dispositivo, di dichiarazione di ricevuta su modello MP da parte dell assistito o delegato. Comunicazione della data di consegna o spedizione del dispositivo entro il termine di tre giorni lavorativi alla ASL che ha rilasciato la prescrizione I fornitori sono tenuti a garantire la perfetta funzionalità dei dispositivi per il periodo successivo alla consegna e comunque non inferiore al termine di garanzia. Il fornitore deve garantire le variazioni o la sostituzione dell ausilio qualora all atto del collaudo non risulti rispondente alla prescrizione. Deve intervenire sulla riparazione di parti mobili o fisse mediante sostituzione e/o riparazione allegando certificazione di conformità e mantenendo i termini di garanzia sull ausilio riparato in particolare modo sugli ausili acquisiti in proprietà e concessi in comodato ogni qual volta cambia il destinatario. Rispettare i tempi di riparazione dei presidi; ove possibile fornire temporaneamente un presidio sostitutivo a quello in riparazione. Istituzione di scheda di controllo e revisione periodica del presidio fornito a tempi determinati di : 6 mesi, 12 mesi, 24 mesi. SI RIPORTANO ALCUNI DEGLI OBBLIGHI DELLE DITTE FORNITRICI DEI DISPOSITIVI DI CUI ALL ELENCO 1 CHE ACCETTANO LE CONDIZIONI AGGIUNTIVE DI EROGAZIONE I Fornitori dei Dispositivi Protesici devono : Consegnare la scheda progetto che contiene o accompagna il preventivo contenente gli elementi identificativi: 1. del soggetto erogatore 2. dell Ente che ha emesso l autorizzazione 15

16 3. della prescrizione 4. lo sviluppo secondo i codici del Nomenclatore ed i relativi importi 5. la descrizione del dispositivo tecnico 6. le eventuali osservazioni del tecnico competente 7. redazione della scheda progetto a domicilio per cittadini non deambulanti su prescrizione ASL Nel caso di forniture per le quali si ricorre alla procedura della riconducibilità occorre indicare la quota di maggior costo, rispetto alla tariffa, posta a carico dell assistito. Nel caso di fornitura delle protesi acustiche tali adempimenti verranno assolti dalla scheda Fornitura-Consegna. Utilizzo di componenti con marcatura CE per la realizzazione dei dispositivi o utilizzo di materiali con caratteristiche e prestazioni conformi alle norme armonizzate applicabili. Registrazione, su idoneo supporto, delle eventuali anomalie verificatesi su parti, componenti o materiali nel periodo di vigilanza della garanzia del dispositivo. Riduzione percentuale del 20% dei tempi di consegna dei presidi, a far data dall avvenuto ricevimento dell autorizzazione da parte del Soggetto erogatore, rispetto a quanto indicato nel Nomenclatore. Riduzione percentuale del 40% dei tempi di riparazione dei presidi, rispetto ai tempi indicati nel Nomenclatore, con la fornitura temporanea, quanto possibile, di presidio sostitutivo di quello in riparazione. Aumento del 20% della durata della garanzia, rispetto ai tempi indicati nel Nomenclatore, di tutti i presidi forniti dall Azienda. Addestramento all uso anche a domicilio quando necessario, (cittadini non deambulanti o ausili il cui uso può essere difficoltoso in casa), su prescrizione della ASL. Istituzione di scheda di controllo e revisione periodica del presidio fornito a tempi determinati di : 1 mese ; 6 mesi ; 12 mesi ; 18 mesi n; 24 mesi( fino a sei mesi per i presidi concedibili annualmenti, 12 mesi, per quelli concedibili ogni anno e mezzo, 18 mesi per quelli concedibili ogni 2 anni, 24 mesi per tempi di rinnovo più lunghi). La revisione e il controllo, nonché la manutenzione e le riparazioni non previste dal nomenclatore, sono gratuite La ditta è tenuta ad addestrare l Ut. all uso degli ausili anche a domicilio quando è necessario. 16

Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità

Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità S.It.I. Milano 8 febbraio 2012 Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità 16-02-2012 1 Nomenclatore Tariffario delle Protesi DECRETO MINISTERIALE n. 332. 27 agosto

Dettagli

DM 332/1999 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE

DM 332/1999 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE NOMENCLATORE TARIFFARIO DM 332/1999 Il Nomenclatore Tariffario è l'elenco delle Protesi e degli Ausili Tecnici (Dispositivi) diretti al recupero funzionale e sociale dei soggetti affetti da minorazioni

Dettagli

Procedura per la gestione delle prestazioni aziendali delle attività FKT minimali Tipologia A DGRC 377/98

Procedura per la gestione delle prestazioni aziendali delle attività FKT minimali Tipologia A DGRC 377/98 REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Procedura per la gestione delle prestazioni aziendali delle attività FKT minimali Tipologia A DGRC 377/98 1 Indice 1. Scopo e campi di applicazione...

Dettagli

Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica

Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica Allegato 4 Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica Premessa Il documento fornisce le indicazioni operative all utilizzo

Dettagli

Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso

Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso Principi generali di erogazione delle prestazioni di assistenza

Dettagli

Prestazioni di assistenza protesica ed integrativa. Modalità di erogazione

Prestazioni di assistenza protesica ed integrativa. Modalità di erogazione 1 di 18 Prestazioni di assistenza protesica ed integrativa. Modalità di Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo Via G. Cusmano, 24 90141 PAGINA 1 2 di 18 REDAZIONE E PROPOSTA Struttura di appartenenza

Dettagli

PROCEDURA PER L EROGAZIONE DEI PRESIDI ELENCO 1 e 2 DEL NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI (DM 332/99)

PROCEDURA PER L EROGAZIONE DEI PRESIDI ELENCO 1 e 2 DEL NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI (DM 332/99) DELLE PROTESI (DM 332/99) PROCEDURA PER L EROGAZIONE DEI PRESIDI ELENCO 1 e 2 DEL NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI (DM 332/99) Lista di Distribuzione Operatori Amministrativi Unità Operative Ass.

Dettagli

La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico?

La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico? Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Milano Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS Polo tecnologico Milano La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico?

Dettagli

L'assistenza integrativa e protesica nei soggetti in età geriatrica non autosufficienti

L'assistenza integrativa e protesica nei soggetti in età geriatrica non autosufficienti REGIONE PIEMONTE ASL NO SEDE LEGALE: VIA DEI MILLE 2-28100 NOVARA P.IVA 01522670031 L'assistenza integrativa e protesica nei soggetti in età geriatrica non autosufficienti dott. Lorenzo Brusa Novara 17

Dettagli

Regione del Veneto AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA

Regione del Veneto AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA Regione del Veneto AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA Accordo Contrattuale ex art. 17 l.r. 16.8.2002, n. 22 ed art. 8 quinquies d.lgs. 30.12.1992, n. 502 tra L Azienda Ulss e gli erogatori privati accreditati

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO Direzione Generale per i Rapporti con l Unione Europea e per i Rapporti Internazionali DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n.

Dettagli

Modalità operative per le attività di informazione scientifica sul farmaco. Art. 48 commi 21, 22, 23, 24 della L. 24.11.2003 n. 326.

Modalità operative per le attività di informazione scientifica sul farmaco. Art. 48 commi 21, 22, 23, 24 della L. 24.11.2003 n. 326. giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Modalità operative per le attività di informazione scientifica sul farmaco. Art. 48 commi 21, 22, 23, 24 la L. 24.11.2003 n. 326. PUBBLICITÀ PRESSO I MEDICI,

Dettagli

PROCEDURA APPLICATIVA. Rev. DESCRIZIONE MODIFICA DATA

PROCEDURA APPLICATIVA. Rev. DESCRIZIONE MODIFICA DATA pag. 1 di 18 DESCRIZIONE DELLE MODIFICHE: Rev. DESCRIZIONE MODIFICA DATA 1 Eliminate linee guida plantari e sostituite con Indirizzi per la prescrizione di ausili per la mobilita personale, scarpe e plantari

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 28 DEL 26 GIUGNO 2006

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 28 DEL 26 GIUGNO 2006 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 6 giugno 2006 - Deliberazione N. 737 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza Sanitaria - Regolamentazione farmaci di fascia H: modalita di prescrizione

Dettagli

Servizio Accertamenti a Tutela della Fede Pubblica CCIAA Milano

Servizio Accertamenti a Tutela della Fede Pubblica CCIAA Milano Pubblica CCIAA Milano La competenza Le funzioni di autorità di vigilanza per il controllo della conformità dei giocattoli alle disposizioni del presente decreto legislativo sono svolte dal Ministero dello

Dettagli

DOMANDA. Tel./Cell/Fax: Indirizzo mail:

DOMANDA. Tel./Cell/Fax: Indirizzo mail: DOMANDA BANDO Legge regionale 23/99 art. 4, commi 4 e 5 EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA O AL SINGOLO SOGGETTO DISABILE PER L ACQUISTO DI STRUMENTI TECNOLOGICAMENTE AVANZATI

Dettagli

Appropriatezza prescrittiva nell Assistenza Integrativa e Protesica INVALIDITA CIVILE: perché e quali vantaggi Dott. Lorenzo Brusa Dott.ssa Laura Signorotti CHI E L INVALIDO CIVILE Si considerano mutilati

Dettagli

Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono

Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono obbligatori: -cognome, nome dell assistito o iniziali, dove prescritto

Dettagli

ITER PRESCRITTIVO ED AUTORIZZATIVO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA AI MINORI DI ANNI 18

ITER PRESCRITTIVO ED AUTORIZZATIVO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA AI MINORI DI ANNI 18 ITER PRESCRITTIVO ED AUTORIZZATIVO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA AI MINORI DI ANNI 18 Dott. Leonardo Bonafede Medico del distretto Fossano-Savigliano NORME DI RIFERIMENTO NORMATIVA

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 02/04/2013 Dr.ssa G. Saporetti Sig.ra Pallone Dr.ssa G. Saporetti Dr.ssa L. Di Palo Dr. M. Agnello

Dettagli

SERVIZIO DI FISIOTERAPIA

SERVIZIO DI FISIOTERAPIA Data 01/01/2014 Pagina 1 di 7 INDICE 1. OBIETTIVO... 2 2. ATTIVITA FISIOTERAPICA GENERALE... 2 2.1 PERSONALE COINVOLTO E RESPONSABILITÀ... 2 2.2 MODULISTICA... 3 2.3 STRUMENTI... 3 2.4 FREQUENZA... 3 MODALITÀ

Dettagli

PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO

PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO Gestione del processo di approvvigionamento Pag. 1 di 7 PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO n ediz. Data Descrizione Firma preparazione Firma approvazione DIR Firma verifica RGQ 00 01/09/02

Dettagli

ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITA S.O.I. S.r.l. con socio unico REGOLAMENTO CERSOI

ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITA S.O.I. S.r.l. con socio unico REGOLAMENTO CERSOI REGOLAMENTO CERSOI per la Certificazione delle strutture di medicina e chirurgia oculistica secondo le norme ISO 9001/2008 I N D I C E Articolo 1) - Oggetto Articolo 2) - Condizioni generali Articolo 3)

Dettagli

AUTORIZZAZIONE PIANI TERAPEUTICI, NUTRIZIONE ENTERO/PARENTERALE E PRESIDI PER PAZIENTI ONCOLOGICI TERMINALI

AUTORIZZAZIONE PIANI TERAPEUTICI, NUTRIZIONE ENTERO/PARENTERALE E PRESIDI PER PAZIENTI ONCOLOGICI TERMINALI AUTORIZZAZIONE PIANI TERAPEUTICI, NUTRIZIONE ENTERO/PARENTERALE E PRESIDI PER PAZIENTI ONCOLOGICI TERMINALI Tipologia del procedimento TERMINE PER LA CONCLUSIONE RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO UNITA' ORGANIZZATIVA

Dettagli

MA UALE DELLE PROCEDURE ALIMENTI

MA UALE DELLE PROCEDURE ALIMENTI PROCEDURA EROGAZIONE SENZA GLUTINE A PAZIENTI AFFETTI DA MORBO CELIACO REDATTO Dipartimento del Farmaco Dott.ssa Alessandra Mingarelli Farmacisti Dott. D. Carletti Dott.ssa L.Arenare CONDIVISO Dipartimento

Dettagli

SEZIONE E CONTRATTO DI CONTO DEPOSITO

SEZIONE E CONTRATTO DI CONTO DEPOSITO SEZIONE E CONTRATTO DI CONTO DEPOSITO Procedura aperta per la Fornitura di materiali per Osteosintesi - Distretto Collo/Femore occorrenti alle AA.SS.LL., EE.OO. e I.R.CC.S. della Regione Liguria N. gara

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Il presidente del Consorzio di Rosa Marina

Il presidente del Consorzio di Rosa Marina Avviso pubblico per la formazione di una short list di medici disponibili a svolgere attività di ambulatorio e primo soccorso presso il punto di assistenza medica del Consorzio di Rosa Marina- Ostuni Il

Dettagli

C O M U N E D I I T T I R E D D U Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO TRASPORTO STRUTTURE SANITARIE E OSPEDALIERE

C O M U N E D I I T T I R E D D U Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO TRASPORTO STRUTTURE SANITARIE E OSPEDALIERE C O M U N E D I I T T I R E D D U Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO TRASPORTO STRUTTURE SANITARIE E OSPEDALIERE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 15 DEL 10 marzo 2011

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

nominativo del responsabile scientifico da cui dipende l ISF; attività svolta sulla base di un rapporto di lavoro univoco e a tempo pieno.

nominativo del responsabile scientifico da cui dipende l ISF; attività svolta sulla base di un rapporto di lavoro univoco e a tempo pieno. Allegato alla Delib.G.R. n. 37/34 DEL 30.7.2009 Indirizzi e direttive sull attività di informazione medico - scientifica sul farmaco ai sensi dell art. 48 commi 21, 22, 23, 24 della L. 24.11.2003 n. 326.

Dettagli

PROCEDURA SGQ. PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami

PROCEDURA SGQ. PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami PROCEDURA SGQ PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RIFERIMENTI...2 3.1

Dettagli

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo

Dettagli

Dati identificativi del familiare richiedente (se diverso)

Dati identificativi del familiare richiedente (se diverso) Domanda per il contributo alle famiglie di persone con disabilità o al singolo soggetto disabile per l acquisto di strumenti tecnologicamente avanzati L.R. 23/99 - ANNO 2011 (Decreto n. 9815 del 25.10.2011)

Dettagli

MOBILITA SANITARIA IN AMBITO COMUNITARIO

MOBILITA SANITARIA IN AMBITO COMUNITARIO MOBILITA SANITARIA IN AMBITO COMUNITARIO Decreto Legislativo di recepimento della Direttiva 2011/24/UE Dipartimento della Programmazione e del Servizio Sanitario Nazionale Direzione Generale della Programmazione

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 749 del 26-10-2015 O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 749 del 26-10-2015 O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 749 del 26-10-2015 O G G E T T O Istituzione Commissione per la valutazione della richiesta di farmaci non erogabili

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI C I T T A D I F E R M O Via Mazzini, 4 63900 Fermo Tel. 0734.2841 Fax 0734.224170 Codice fiscale e partita iva 00334990447 - Sito web: www.comune.fermo.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI,

Dettagli

Medici e Pediatri di Famiglia

Medici e Pediatri di Famiglia Medici e Pediatri di Famiglia L assistenza del medico e del pediatra di famiglia Il Medico di Medicina Generale (MMG) ed il Pediatra di Famiglia (PdF) sono le figure di riferimento per ogni problema che

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

PROCEDURA DELLA QUALITÀ

PROCEDURA DELLA QUALITÀ Pagina 1 di 8 PROCEDURA DELLA QUALITÀ GESTIONE DEL PRODOTTO NON CONFORME INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. PROCEDURE E ISTRUZIONI OPERATIVE COLLEGATE 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 4. MODALITA

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

RINNOVO CONSIGLIO CAMERALE 2015-2020

RINNOVO CONSIGLIO CAMERALE 2015-2020 RINNOVO CONSIGLIO CAMERALE 2015-2020 ISTRUZIONI OPERATIVE PER LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI E ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI Sono ammessi alla procedura, ai fini dell assegnazione dei due seggi del Consigli

Dettagli

NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI ELENCO N. 1. Nomenclatore tariffario delle prestazioni sanitarie protesiche

NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI ELENCO N. 1. Nomenclatore tariffario delle prestazioni sanitarie protesiche ALLEGATO 1 NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI ELENCO N. 1 Nomenclatore tariffario delle prestazioni sanitarie protesiche LA DESCRIZIONE DEGLI AUSILI TECNICI PER PERSONE DISABILI E LE NORME TECNICHE

Dettagli

documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ;

documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ; documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ; g) al paragrafo 3.1. Alimentazione del Sistema informativo, la tabella 2: alimentazione

Dettagli

Direttiva CEE 29 giugno 1995, n. 16 RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI RELATIVE AGLI ASCENSORI

Direttiva CEE 29 giugno 1995, n. 16 RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI RELATIVE AGLI ASCENSORI Direttiva CEE 29 giugno 1995, n. 16 RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI RELATIVE AGLI ASCENSORI CAPITOLO I Campo di applicazione - Commercializzazione e libera circolazione Art. 1-1. La

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

COMUNE DI AREZZO DIREZIONE SERVIZI FINANZIARI SERVIZIO GARE E PATRIMONIO DISCIPLINARE DI GARA

COMUNE DI AREZZO DIREZIONE SERVIZI FINANZIARI SERVIZIO GARE E PATRIMONIO DISCIPLINARE DI GARA COMUNE DI AREZZO DIREZIONE SERVIZI FINANZIARI SERVIZIO GARE E PATRIMONIO DISCIPLINARE DI GARA PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE 1 In esecuzione della deliberazione di Consiglio

Dettagli

INDICE 1. SCOPO 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3 3. DEFINIZIONI 3 4. MODALITÀ OPERATIVE 3 5. SICUREZZA MAGAZZINO 6 6. RESPONSABILITÀ 7 7.

INDICE 1. SCOPO 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3 3. DEFINIZIONI 3 4. MODALITÀ OPERATIVE 3 5. SICUREZZA MAGAZZINO 6 6. RESPONSABILITÀ 7 7. Foglio 2 di 8 INDICE 1. SCOPO 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3 3. DEFINIZIONI 3 3.1. Abbreviazioni 3 4. MODALITÀ OPERATIVE 3 4.1. Controlli in ingresso 3 4.2. Gestione del magazzino e delle aree di stoccaggio

Dettagli

> Ai Direttori Generali delle Aziende UU.SS.LL. della Regione Sardegna LORO SEDI

> Ai Direttori Generali delle Aziende UU.SS.LL. della Regione Sardegna LORO SEDI Prot. n. 16531/3 Cagliari, 4 Maggio 2006 > Ai Direttori Generali delle Aziende UU.SS.LL. della Regione Sardegna LORO SEDI Oggetto: Linee di indirizzo regionali sull applicazione del DM 332/99 in materia

Dettagli

Progetto E-Inclusion. Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie. Disciplinare di rendicontazione

Progetto E-Inclusion. Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie. Disciplinare di rendicontazione Progetto E-Inclusion Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie Disciplinare di rendicontazione (Premessa) A seguito della pubblicazione dell Avviso per la presentazione di progetti e modalità

Dettagli

timbro protocollo parte da compilarsi esclusivamente a cura del Comune da produrre in triplice copia con firme in originale

timbro protocollo parte da compilarsi esclusivamente a cura del Comune da produrre in triplice copia con firme in originale timbro protocollo responsabile del procedimento data ricezione prot. gen. n. del prot. SUAP n parte da compilarsi esclusivamente a cura del Comune data da produrre in triplice copia con firme in originale

Dettagli

2. L invalidità Importi e Tabelle

2. L invalidità Importi e Tabelle 2. L invalidità Importi e Tabelle Il sistema della sicurezza sociale Nel nostro Paese, per accedere alla rete di servizi, provvidenze, agevolazioni previste a favore dei cittadini che presentano minorazioni

Dettagli

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI ISTRUZIONE OPERATIVA N 1/2005 PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI RATIFICATO DALLA COMMISSIONE AZIENDALE PER LA SORVEGLIANZA E IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FORNITURA DI PROTESI E AUSILI

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FORNITURA DI PROTESI E AUSILI REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FORNITURA DI PROTESI E AUSILI Il presente regolamento, condiviso con l UOC Anziani ed A.D.I. è parte integrante delle Linee Guida per l Assistenza Protesica, e la modulistica

Dettagli

INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI E SENSIBILI CON DOSSIER SANITARIO ELETTRONICO (DSE) E/O CON FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO (FSE)

INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI E SENSIBILI CON DOSSIER SANITARIO ELETTRONICO (DSE) E/O CON FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO (FSE) Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI E SENSIBILI CON DOSSIER SANITARIO ELETTRONICO (DSE) E/O CON FASCICOLO SANITARIO

Dettagli

DIPARTIMENTO ASSISTENZA SOCIO-SANITARIA INTEGRATA SERVIZIO DISABILITA, EMARGINAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE

DIPARTIMENTO ASSISTENZA SOCIO-SANITARIA INTEGRATA SERVIZIO DISABILITA, EMARGINAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE DIPARTIMENTO ASSISTENZA SOCIO-SANITARIA INTEGRATA SERVIZIO DISABILITA, EMARGINAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE (L.R. 23/99 - ART. 4, COMMI 4 E 5) CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITÀ O AL SOGGETTO

Dettagli

ASSISTENZA PROTESICA

ASSISTENZA PROTESICA Aventi diritto alle prestazioni ANFFAS Brescia Onlus ASSISTENZA PROTESICA 1) invalidi civili (con valutazione superiore al 33%), di guerra, per servizio, ciechi e sordomuti 2) minori di anni 18 che necessitano

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 830 del 13-11-2014 O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 830 del 13-11-2014 O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 830 del 13-11-2014 O G G E T T O Ripristino igienico e manutentivo dei montascale (CIG 59882815CE) Proponente: Coordinamento

Dettagli

Le Note AIFA sono strumenti di indirizzo volti a definire gli ambiti di rimborsabilità, senza interferire con la libertà di prescrizione.

Le Note AIFA sono strumenti di indirizzo volti a definire gli ambiti di rimborsabilità, senza interferire con la libertà di prescrizione. LA GESTIONE NORMATIVA DEI MEDICINALI 21 parte 1 Ai sensi della Legge n. 149/2005, il farmacista al quale venga presentata una ricetta medica che contenga la prescrizione di un farmaco di classe c) soggetto

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale di Brindisi

Azienda Sanitaria Locale di Brindisi Azienda Sanitaria Locale di Brindisi Regolamento per l accettazione di donazioni e per l acquisizione dei beni in comodato d uso gratuito e in prova/visione. SOMMARIO Titolo I Disposizioni generali Art.

Dettagli

AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI

AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI La conoscenza di quelli che sono i diritti di chi è affetto da una disabilità, permette ai familiari di compiere i giusti passi per agevolare il reinserimento

Dettagli

Allegato B Alla c.a. Ufficio Assistenza Protesica ASL

Allegato B Alla c.a. Ufficio Assistenza Protesica ASL Allegato B Alla c.a. Ufficio Assistenza Protesica ASL RICHIESTA DI CONTRIBUTO PER L ACQUISTO DI SISTEMI TECNOLOGICAMENTE AVANZATI RIVOLTI ALL AUTONOMIA E ALL INTEGRAZIONE ANNO 2007 Il/la sottoscritto/a

Dettagli

Liceo Scientifico e Linguistico Orazio Tedone Via Alessandro Volta, 13

Liceo Scientifico e Linguistico Orazio Tedone Via Alessandro Volta, 13 Liceo Scientifico e Linguistico Orazio Tedone Via Alessandro Volta, 13 70037 RUVO DI PUGLIA (BA) C.F. 80017660723 Codice M.I.U.R. BAPS09000R Tel./Fax: 080/3601414-080/3601415 e.mail: baps09000r@istruzione.it

Dettagli

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità.

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità. 3614 quantità o la giacenza di magazzino oltre la quale si rende necessario ordinare le voci di interesse. La definizione di entrambi i parametri dovrà essere curata da farmacisti che integreranno nelle

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERCORSO DI ADATTAMENTO E FORNITURA DELLE PROTESI ACUSTICHE PER LE AZIENDE AUDIOPROTESICHE CONVENZIONATE CON L ASL DI MILANO

REGOLAMENTO DEL PERCORSO DI ADATTAMENTO E FORNITURA DELLE PROTESI ACUSTICHE PER LE AZIENDE AUDIOPROTESICHE CONVENZIONATE CON L ASL DI MILANO Dipartimento SSB - Cure Primarie SC Assistenza Protesica, Integrativa e Medicina Complementare SS Protesica Maggiore REGOLAMENTO DEL PERCORSO DI ADATTAMENTO E FORNITURA DELLE PROTESI ACUSTICHE PER LE AZIENDE

Dettagli

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 A seguito delle numerose domande inerenti al Patentino dei Frigoristi, giunte in redazione nei giorni scorsi, riportiamo le FAQ (domande

Dettagli

Convegno internazionale: "Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: sfide e opportunità" - Bologna 16 Dicembre 2010

Convegno internazionale: Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: sfide e opportunità - Bologna 16 Dicembre 2010 15/12/2010 Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: quali sfide e quali opportunità? Fra LEA e «Piano di Indirizzo per la Riabilitazione»: come si modifica la prescrizione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012

Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012 Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012 A.G.C. 20 Assistenza Sanitaria Settore 3 Interventi a favore di fasce socio-sanitarie particolarmente 'deboli' Oggetto dell'atto: "ADOZIONE DELLA SCHEDA

Dettagli

SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE

SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE 1. SCOPO La presente procedura descrive le fasi del processo per la concessione

Dettagli

CONTRATTO ESTIMATORIO

CONTRATTO ESTIMATORIO CONTRATTO ESTIMATORIO PREMESSO CHE la società con offerta in data accettava le condizioni indicate dall'asl2 Savonese nel Capitolato Speciale/lettera invito in data prot. ; con provvedimento n del alla

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE Art. 1 - Finalità Il Comune di San Giovanni Lupatoto, in un ottica di politica sociale finalizzata al miglioramento della vita dei cittadini che

Dettagli

ASSISTENZA PROTESICA

ASSISTENZA PROTESICA Trieste, 11 giugno 2005 Aspetti medico-legali nella gestione dei pazienti con Sclerosi Multipla ASSISTENZA PROTESICA Dott.ssa Viviana VARONE ASS n. 5 Bassa Friulana Dipartimento di Prevenzione SOGGETTI

Dettagli

Gestione informatizzata dei dispositivi medici dei pazienti domiciliarizzati. Processi e criticità. A cura di Ing. Tommaso Sabbatini Massimo Ferraris

Gestione informatizzata dei dispositivi medici dei pazienti domiciliarizzati. Processi e criticità. A cura di Ing. Tommaso Sabbatini Massimo Ferraris Gestione informatizzata dei dispositivi medici dei pazienti domiciliarizzati. Processi e criticità A cura di Ing. Tommaso Sabbatini Massimo Ferraris DISPOSITIVO MEDICO qualunque strumento, apparecchio,

Dettagli

SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA

SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA Certificazioni di invalidità civile e handicap La certificazione di invalidità civile e la certificazione di handicap non sono la stessa cosa e danno diritto a benefici

Dettagli

CITTÀ DI CLUSONE. Provincia di Bergamo. Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve

CITTÀ DI CLUSONE. Provincia di Bergamo. Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve CITTÀ DI CLUSONE Provincia di Bergamo Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve CRITERI PER L EROGAZIONE DEL VOUCHER SOCIO-EDUCATIVO ED ASSISTENZIALE PER L ACQUISTO DI PRESTAZIONI

Dettagli

COMUNE DI CASPERIA R E G O L A M E N T O SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI CASPERIA R E G O L A M E N T O SERVIZIO MENSA SCOLASTICA COMUNE DI CASPERIA R E G O L A M E N T O SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Approvato con delibera Consiglio comunale n.36 del 29/09/2009 così come modificato con deliberazione di C.C. n.48 del 29/09/2014 SOMMARIO

Dettagli

PRESIDI, PROTESI, ORTESI E AUSILI

PRESIDI, PROTESI, ORTESI E AUSILI REGIONE ABRUZZO Azienda Sanitaria Locale di Teramo DIPARTIMENTO ASSISTENZA SANITARIA TERRITORIALE Direttore: Dott. Valerio F. Profeta SERVIZIO TERRITORIALE DI RIABILITAZIONE Dirigente Responsabile: Dott.sa

Dettagli

TRASPORTO SANITARIO ORDINARIO

TRASPORTO SANITARIO ORDINARIO TRASPORTO SANITARIO ORDINARIO Cosa è Il Trasporto Sanitario ORDINARIO è definibile come un servizio che la Regione Toscana assicura, con oneri a carico del Servizio Sanitario Regionale, ai propri assistiti,

Dettagli

Il DIPARTIMENTO RISORSE FINANZIARIE ED ECONOMICHE UFFICIO PROVVEDITORATO. Determinazione n. 106 del 03/02/2015

Il DIPARTIMENTO RISORSE FINANZIARIE ED ECONOMICHE UFFICIO PROVVEDITORATO. Determinazione n. 106 del 03/02/2015 Il DIPARTIMENTO RISORSE FINANZIARIE ED ECONOMICHE UFFICIO PROVVEDITORATO Determinazione n. 106 del 03/02/2015 Oggetto: ACQUISTO MATERIALE TIPOGRAFICO '' DIVORZIO BREVE- SEPARAZIONI CONSENSUALI'' PER IL

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI DEL LAVORO REGOLAMENTO PER LA TRATTAZIONE DEI RICORSI PROPOSTI AL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Approvato con delibera n. 83 del 22 febbraio

Dettagli

COMUNE DI CARGEGHE Provincia di Sassari

COMUNE DI CARGEGHE Provincia di Sassari COMUNE DI CARGEGHE Provincia di Sassari VIA BRIGATA SASSARI N^ 1-07030 CARGEGHE Tel. 079 3440112 Fax 079 345001 UFFICIO TECNICO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI IDONEITA DELL ALLOGGIO (Allegato

Dettagli

COMUNE DI CANTAGALLO Provincia di Prato REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO D IDONEITA DELL ALLOGGIO

COMUNE DI CANTAGALLO Provincia di Prato REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO D IDONEITA DELL ALLOGGIO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO D IDONEITA DELL ALLOGGIO INDICE Articolo 1 Ambito d applicazione Articolo 2 Soggetto avente titolo alla presentazione della richiesta Articolo 3 - Presentazione

Dettagli

PROCEDIMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DISPOSIZIONI GENERALI

PROCEDIMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DISPOSIZIONI GENERALI Allegato B PROCEDIMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DISPOSIZIONI GENERALI 1. FINALITA Il presente documento definisce, ai sensi degli articoli 8 bis e 8 quater, del decreto legislativo

Dettagli

COMUNE DI TEULADA Provincia di Cagliari SETTORE SERVIZI SOCIALI

COMUNE DI TEULADA Provincia di Cagliari SETTORE SERVIZI SOCIALI COMUNE DI TEULADA Provincia di Cagliari C.A.P. 09019 070/9270029 - Fax 070/9270049 SETTORE SERVIZI SOCIALI AVVISO PUBBLICO BANDO PER LA VERIFICA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE PER L AFFIDAMENTO IN APPALTO

Dettagli

FAQ. Le domande più frequenti... sugli ascensori

FAQ. Le domande più frequenti... sugli ascensori FAQ Le domande più frequenti... sugli ascensori 1. Cosa devono appurare le verifiche periodiche? Le verifiche periodiche sono dirette ad accertare se le parti dalle quali dipende la sicurezza di esercizio

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali IL MINISTRO VISTO l articolo 9 del decreto legislativo 30 dicembre 1992 n. 502, e successive modifiche e integrazioni, il quale prevede la costituzione

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE

REGOLAMENTO PARTICOLARE associazione italiana per la sicurezza della circolazione REGOLAMENTO PARTICOLARE per il rilascio della certificazione di conformità (Marchio CE) per i prodotti da costruzione (Direttiva del Consiglio

Dettagli

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI Pagina:1 di 6 MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI INDICE 1. INTRODUZIONE...1 2. ATTIVITÀ PRELIMINARI ALL INIZIO DELLE VERIFICHE...2 3. PIANO OPERATIVO DELLE ATTIVITÀ...2

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n. 42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n. 42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640 AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n. 42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640 TRASMESSA PER L ESECUZIONE A: Deliberazione del Direttore Generale N. 379 del 11/06/2010 UOC SERVIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE DEGLI IMPIANTI DI MESSA A TERRA

REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE DEGLI IMPIANTI DI MESSA A TERRA REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE DEGLI IMPIANTI DI MESSA A TERRA 1. Scopo e campo di applicazione Questa sezione definisce il regolamento adottato dalla OMNIA s.r.l. per le verifiche degli impianti di messa

Dettagli

Appropriatezza prescrittiva: Protesi ed ausili

Appropriatezza prescrittiva: Protesi ed ausili «Ripartiamo dal territorio 2015 Lavori in corso» Appropriatezza prescrittiva: Protesi ed ausili Dott. Giuseppe Coluzzi Azienda ASL LATINA DISTRETTO 2 ASSISTENZA RIABILITATIVA SONO UTILIZZATI, A SECONDA

Dettagli

LINEE GUIDA DELLE PROCEDURE DISCIPLINARI

LINEE GUIDA DELLE PROCEDURE DISCIPLINARI LINEE GUIDA DELLE PROCEDURE DISCIPLINARI (Consiglio di Disciplina Nazionale) Approvato dal Consiglio Nazionale con Delibera del 18 giugno 2015 1 Art.1 Quadro normativo di riferimento 1. Art. 8 del D.P.R.

Dettagli

COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias)

COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias) COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias) BANDO PUBBLICO PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI CONTRASTO DELLE POVERTA - Linea di intervento 3 - CONCESSIONE DI SUSSIDI PER LO SVOLGIMENTO

Dettagli

REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA PROCEDURA EROGAZIONE VISITE DOMICILIARI IN RIABILITAZIONE

REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA PROCEDURA EROGAZIONE VISITE DOMICILIARI IN RIABILITAZIONE REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA PROCEDURA EROGAZIONE VISITE DOMICILIARI IN RIABILITAZIONE 1 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2.DESTINATARI... 3 3. RIFERIMENTI NORMATIVI...

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 398 del 31/07/2012

Delibera della Giunta Regionale n. 398 del 31/07/2012 Delibera della Giunta Regionale n. 398 del 31/07/2012 A.G.C. 19 Piano Sanitario regionale e rapporti con le UU.SS.LL. Settore 1 Programmazione Oggetto dell'atto: NOMINA DEL DIRETTORE GENERALE DELLA AZIENDA

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L ACCESSO ALL ASSEGNO DI CURA DI CUI ALLA LEGGE PROVINCIALE N. 15/2012

DISPOSIZIONI PER L ACCESSO ALL ASSEGNO DI CURA DI CUI ALLA LEGGE PROVINCIALE N. 15/2012 Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER L ACCESSO ALL ASSEGNO DI CURA DI CUI ALLA LEGGE PROVINCIALE N. 15/2012 INDICE: 1. FINALITA. 2. SOGGETTI AVENTI DIRITTO. 3. PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA.

Dettagli

INTRODUZIONE AL MANUALE DELLA QUALITA

INTRODUZIONE AL MANUALE DELLA QUALITA INTRODUZIONE AL MANUALE DELLA QUALITA Elaborazione Verifica Approvazione Il Responsabile Qualità Il Rappresentante della Direzione Il Dirigente Scolastico (.. ) (. ) ( ) Data Data Data Rev Causale (emis./revis.)

Dettagli